Version classiqueVersion mobile

La lettura digitale e il web

 | 
eFFe

Appendici

A – Capitolo 6: le risposte degli scrittori

Texte intégral

Fabio Geda

1. Leggi ebook? Sei in possesso di un ebook reader? Se sì, da quanto tempo?

Non posseggo un e-reader. Ho un iPad con cui leggo le riviste e i quotidiani e Pdf di lavoro. Ma non libri che potrei leggere su carta.

3. Se non sei lettore di ebook: potresti spiegarmi perché? Cosa non ti convince? Quali sono le tue perplessità al riguardo?

Non ho perplessità. Semplicemente sono affezionato alla carta, da un punto di vista materico, olfattivo, tattile.

4. In che modo la possibilità di pubblicare un ebook influisce sul tuo lavoro? La tua scrittura cambia o può cambiare se diretta a un pubblico di lettori digitali?

Non ho mai pubblicato ebook e non ho mai scritto pensando a un supporto particolare.

5. Pubblicheresti un tuo romanzo con un editore esclusivamente digitale?

No. Per adesso no. In futuro si vedrà.

7. Secondo te, in base a quali criteri si stabilisce il prezzo “giusto” per un ebook?

Non so quali possano i criteri. Posso dire che io, per un ebook, spenderei 4, forse 5 euro, non di più. Ma è un dato puramente personale, di percezione mia del rapporto tra oggetto acquistato e denaro.

8. Come te lo immagini il futuro dell’editoria digitale in Italia? E di quella tradizionale?

Il grande salto ci sarà quando i bambini saranno nativi digitali, ossia saranno andati a scuola dalla prima elementare con un e-reader con tutti i libri caricati sopra (e questo accadrà, un giorno). Allora, loro che non avranno mai visto la carta, potranno fare senza. Per il resto, fino a lì, ci sarà una coesistenza, credo, per quanto riguarda la narrativa soprattutto, abbastanza duratura nel lungo periodo.

Remo Bassini

1. Leggi ebook? Sei in possesso di un ebook reader? Se sì, da quanto tempo?

No, finché potrò leggerò libri pubblicati solo su carta.

3. Se non sei lettore di ebook: potresti spiegarmi perché? Cosa non ti convince? Quali sono le tue perplessità al riguardo?

Sono nato nostalgico, poi preferisco la carta alla plastica, preferisco le penne stilo alle penne usa e getta. A volte sogno di vivere in un bosco senza cellulare né pc. Oddio, la posta elettronica è una grande comodità, ma mica sempre: per esempio, quando è la vigilia di Natale, e rispondo a tutti coloro che mi fanno gli auguri, mi domando: Ma che male ho fatto?

5. Pubblicheresti un tuo romanzo con un editore esclusivamente digitale?

Ho detto di no una volta, ed era una proposta economicamente valida. In futuro non so, mai dire mai, insomma, ma se lo farò lo farò perché mi sarà preclusa l’opzione carta. Che avrà la precedenza, anche se verrà fatta da piccolissimi editori che mi daranno poco o niente.

8. Come te lo immagini il futuro dell’editoria digitale in Italia? E di quella tradizionale?

Non mi pongo (troppo) il problema.

Tommaso Pincio

1. Leggi ebook? Sei in possesso di un ebook reader? Se sì, da quanto tempo?

Non ho mai letto un ebook.

2. Se sei lettore di ebook: puoi raccontarmi quali sono secondo te i punti di forza e gli svantaggi di questo tipo di formato?

Non so perché.

3. Se non sei lettore di ebook: potresti spiegarmi perché? Cosa non ti convince? Quali sono le tue perplessità al riguardo?

Non ho nessuna preclusione, dico soltanto che non ne ho mai letti né medito di comprarmi un e-reader o un tablet.

4. In che modo la possibilità di pubblicare un ebook influisce sul tuo lavoro? La tua scrittura cambia o può cambiare se diretta a un pubblico di lettori digitali?

Il futuro dell’editoria mi sta a cuore fintanto che significa salvaguardia della letteratura e siccome questa salvaguardia mi pare sempre più spesso sacrificata sull’altare del best-seller, poco mi importa del futuro, cartaceo o digitale che sia.

Andrea Tarabbia

1. Leggi ebook? Sei in possesso di un ebook reader? Se sì, da quanto tempo?

No, non possiedo un e-reader. Prima o poi lo comprerò, ma al momento non è in cima alla lista degli acquisti.

2. Se sei lettore di ebook: puoi raccontarmi quali sono secondo te i punti di forza e gli svantaggi di questo tipo di formato?

Vedi punto1

3. Se non sei lettore di ebook: potresti spiegarmi perché? Cosa non ti convince? Quali sono le tue perplessità al riguardo?

Diciamo che non sono ancora entrato nell’ottica. Non mi convince l’idea di abbandonare la carta, di non avere la pagina “doppia” – ossia non mi sento ancora pronto a trattare come un libro qualcosa che sta in una tavoletta, che ha i tasti, e che nel caso di e-reader non “puri” come l’iPad, ha troppe funzioni e troppe potenziali distrazioni. Insomma, non riesco a capire come si possa leggere, su un e-reader, qualcosa di più lungo di un articolo.

4. In che modo la possibilità di pubblicare un ebook influisce sul tuo lavoro? La tua scrittura cambia o può cambiare se diretta a un pubblico di lettori digitali?

Copio in parte una risposta che ho dato in un’intervista a Finzioni: “Io amo la carta, ma non sono un conservatore: nella primavera scorsa ho pure pubblicato un ebook con il Saggiatore. Non so se gli ebook saranno una rivoluzione (tra l’altro non sopporto il ritornello: con gli ebook si risparmia un sacco di spazio in casa. Eh, per metterci cosa?), di sicuro però è lì che finiremo, volenti o nolenti. Credo che finiremo per leggere i libri come scarichiamo Mp3, ossia che al mercato della letteratura succederà quello che è accaduto alla musica, con la differenza che, magari non in Italia, gli editori lo stanno capendo per tempo e si stanno attrezzando. Forse, per necessità di brevità, torneremo a leggere più racconti (come se fossero singoli), e persino la poesia avrà un colpo di coda. Il problema, come al solito, non è il supporto, ma la qualità: e nessuno, credo, è disposto a sostenere che nell’iPod la musica si ascolta meglio che nell’hi-fi.” qualcuno mi ha detto che, in USA, le cose con l’ebook funzionano così: visto che lì gli ebook costano poco, la gente ne scarica 5 alla volta. Di tutti e 5 legge le prime 20-30 pagine e poi va in libreria a comprare quello dei 5 che gli è piaciuto di più. Insomma l’ebook funziona come spot, ma poi si comprano il libro “vero”. Questa cosa è curiosa e mi dà da pensare: immmagina che uno compri in ebook i Lavoratori del mare di Hugo, che comincia con 50 e rotte pagine in cui si descrive l’attività erosiva del mare sugli scogli, il tempo atmosferico ecc. sono pagine bellissime, ma quanti lettori, superata quella soglia, si butterebbero in libreria a comprarlo? Insomma non vorrei che il nuovo supporto ci costringesse a cambiare un po’ il nostro modo di scrivere, a essere subito “fighi”.

5. Pubblicheresti un tuo romanzo con un editore esclusivamente digitale?

Finirà così, come dicevo. Ho già fatto un saggetto che è uscito solo in ebook: si chiama La patria non esiste, è uscito col Saggiatore. Al momento, comunque, uno scrive per scrivere, senza pensare al supporto su cui verrà pubblicato il suo libro. In futuro sarà tutto da vedere, ma adesso mi pare che alla rivoluzione vera e propria non siano pronti nemmeno gli editori, figuriamoci gli autori…

6. Sei a favore o contrario a “lucchetti digitali” come i DRM, che, se da una parte pongono un ostacolo alla pirateria, dall’altro rallentano la diffusione della lettura in digitale?

Non ne so quasi niente, confesso, per cui non azzarderei una risposta. Mi pare di aver capito che possano funzionare come delle tutele per i diritti d’autore. E io sono favorevole al diritto d’autore… Sul fatto che rallentino la diffusione non saprei davvero cosa dire, perché non sono informato.

7. Secondo te, in base a quali criteri si stabilisce il prezzo “giusto” per un ebook?

Beh, è indubbio che a un editore l’ebook costi molto meno rispetto a un libro di carta. Non conosco le percentuali, ma non c’è la stampa, non ci sono i colori della copertina, non c’è il trasporto, la spedizione… credo siano o debbano essere questi i fattori sui quali decidere il prezzo.

8. Come te lo immagini il futuro dell’editoria digitale in Italia? E di quella tradizionale?

In parte credo di aver risposto nella domanda 4. Probabilmente – ma è una questione di decenni – il libro di carta diventerà un oggetto di antiquariato, un po’ come il vinile. Però mi sembra strano che un popolo di non-lettori corra a comprarsi non solo un libro (digitale) ma addirittura un supporto su cui poterlo leggere. Mi sembra una cosa che richiede uno sforzo enorme, e una spesa, e un livello di informazione/consapevolezza che, come popolo di lettori, non abbiamo. Non voglio sembrare pessimista, ma, visto l’andazzo delle vendite in libreria, mi sembra più facile che la gente smetta di leggere.

Claudia Durastanti

1. Leggi ebook? Sei in possesso di un ebook reader? Se sì, da quanto tempo?

Leggo frequentemente ebook da un paio di anni, da quando ho comprato un Kindle.

2. Se sei lettore di ebook: puoi raccontarmi quali sono secondo te i punti di forza e gli svantaggi di questo tipo di formato?

Sembra banale, ma la portabilità del supporto e la sua capacità di archiviazione di un numero consistente di testi contribuisce a fare la differenza, soprattutto se hai una routine quotidiana abbastanza dinamica o sei abituato a viaggiare. Il Kindle poi è pensato per rimandare alla classica pagina scritta, richiede lo stesso tipo di illuminazione di un cartaceo, altrimenti diventa illegibile, quindi il contrasto non è così netto. Lo svantaggio, al di là del rapporto ridotto con il paratesto e tutte le convenzioni che ci hanno fatto affezionare ai libri, è fondamentalmente quello delle note a margine o degli appunti: lo trovo ancora macchinoso.

4. In che modo la possibilità di pubblicare un ebook influisce sul tuo lavoro? La tua scrittura cambia o può cambiare se diretta a un pubblico di lettori digitali?

Sono diversi anni che enti come la ELO (Electronic Literature Foundation) e l’Institute for the Future of the Book indagano sul campo le possibilità di una letteratura elettronica di qualità che sfrutti a pieno le caratteristiche dei nuovi supporti, ma è ancora un fenomeno di nicchia. Credo che per la maggior parte degli scrittori l’ebook sia solo un mezzo per vendere di più in un altro modo, (ammesso che questo avvenga). Esclusa l’attività di una piccola enclave di autori postmoderni e sperimentali, non prevedo grossi stravolgimenti in termini di scrittura. Cambia il nostro modo di leggerla, piuttosto. Adesso ci rivolgiamo ancora a un pubblico alfabetizzato in modo tradizionale, bisogna riparlarne tra una decina di anni, quando la fascia principale dei lettori sarà costituita da screenagers.

5. Pubblicheresti un tuo romanzo con un editore esclusivamente digitale?

Dipende da quello che l’editore digitale ti offre e dalla compatibilità con le tue intenzioni: se si tratta di un romanzo classico, non vedo perché preferirlo a un editore che opera su carta. Se si tratta invece di una raccolta di racconti, da pubblicare in maniera seriale stile feuilleton ottocentesco, ci si può pensare.

6. Sei a favore o contrario a “lucchetti digitali” come i DRM, che, se da una parte pongono un ostacolo alla pirateria, dall’altro rallentano la diffusione della lettura in digitale?

è una questione delicata, dal punto di vista di un autore. In quanto lettore, che ha spesso approfittato della libera circolazione dei contenuti in rete, quella dei lucchetti è una tendenza che ho la forte tentazione di ostacolare: il guadagno dal mercato digiitale è ancora talmente esiguo, almeno in Italia, che abbassare determinate soglie può essere una chiave per rendere l’ebook più familiare al pubblico. È un rischio, ma non mi pare che attualmente ci sia molto da perdere.

7. Secondo te, in base a quali criteri si stabilisce il prezzo “giusto” per un ebook?

è una combinazione di vari fattori: a livello ideale, abbattutto il costo assurdo della carta, i prezzi dovrebbero diventare competitivi, ma c’è una tendenza a fare gruppo e a definire un costo medio oltre il quale non si può scendere. Il che non sarebbe un problema, se il ricavo fosse distribuito in maniera più equa tra editore e autore, ma non è sempre così. Mi pare che, esclusi alcuni editori, in Italia ci sia una grossa confusione in merito al mercato degli ebook, e le politiche sui prezzi – che sono ancora troppo alti – riflettono questa confusione. Non faccio previsioni apocalittiche, l’editoria digitale è destinata a convivere con quella tradizionale e andrà incontro a una fase propulsiva solo quando i testi riusciranno a circolare in maniera più agile tra i vari supporti (qualsiasi innovazione conosce una fase “illegale” iniziale che ne incentiva la diffusione). Il vantaggio dell’editoria digitale è che riesce ad attenuare l’impatto di uno degli aspetti deteriori dell’editoria cartacea attuale: quello della crescita irrazionale, con l’immissione di centinaia di prodotti che non verranno mai letti da nessuno nel mercato, una situazione che va a discapito di chi i libri li fa, li legge e li scrive.

Francesca Genti

1. Leggi ebook? Sei in possesso di un ebook reader? Se sì, da quanto tempo?

Non leggo ebook, non sono in possesso di ebook reader.

3. Se non sei lettore di ebook: potresti spiegarmi perché? Cosa non ti convince? Quali sono le tue perplessità al riguardo?

Niente che non mi convinca: pura pigrizia e zero voglia di investire i miei soldi in un ebook reader.

4. In che modo la possibilità di pubblicare un ebook influisce sul tuo lavoro? La tua scrittura cambia o può cambiare se diretta a un pubblico di lettori digitali?

Faccio parte di un bel progetto di ebook che si chiama “abbonamento allo scrittore” per la casa editrice Quintadicopertina. La possibilità di pubblicare ebook influisce nel mio lavoro in quanto posso sperimentare un interessante interpolazione tra la scrittura e altri media: foto, disegni, musica. Con i lettori digitali o lo stesso contatto che ho con quelli di carta, mi scrivono email, mi cercano su Facebook, i più audaci mi chiamano sul telefono fisso (sono l’unica Francesca Genti di Milano).

5. Pubblicheresti un tuo romanzo con un editore esclusivamente digitale?

Perché no.

6. Sei a favore o contrario a “lucchetti digitali” come i DRM, che, se da una parte pongono un ostacolo alla pirateria, dall’altro rallentano la diffusione della lettura in digitale?

Non so cosa siano, ma istintivamente mi schiero contro i lucchetti.

7. Secondo te, in base a quali criteri si stabilisce il prezzo “giusto” per un ebook?

Non so.

8. Come te lo immagini il futuro dell’editoria digitale in Italia? E di quella tradizionale?

Non so.

Marco Candida

1. Leggi ebook? Sei in possesso di un ebook reader? Se sì, da quanto tempo?

La mia fidanzata è in possesso di un Kindle da un paio di mesi. Dentro ci sono una ventina di romanzi. Ci sono anche un paio di guide turistiche – Italia e Budapest. Elizabeth è americana e qui in Italia viaggiamo parecchio. Il Kindle di Elizabeth ha la forma di un libro, con la copertina rosa. Ha un aspetto molto femminile. Mi sembra miracoloso potersi portare nella borsa venti romanzi dentro un aggeggio che peserà meno di cinque chilogrammi.

2. Se sei lettore di ebook: puoi raccontarmi quali sono secondo te i punti di forza e gli svantaggi di questo tipo di formato?

I vantaggi sono che un ebook posso portarlo con me molto più facilmente se possiedo un Kindle. Mentre leggo un libro e sento di annoiarmi, posso passare alla lettura di un altro libro. Elizabeth e io siamo stati al Palio di Asti e abbiamo potuto orientarci con le cartine dentro la guida turistica nel suo ebook reader. La mappa elettronica è più agevole di una mappa di carta. Puoi zoomare ad esempio sulla via che ti interessa, vederci più chiaro. Poi ci sono liste di monumenti da visitare, ma anche di ristoranti, negozi. È molto utile. Non vedo grossi svantaggi. Però ce ne sono alcuni, perlopiù di carattere nostalgico. Prima di tutto il contatto fisico con la carta – anche se sempre più spesso mentre accarezzo un foglio di carta mi vengono in mente gli alberi che si sono sacrificati solo per farmi trascorrere qualche ora di svago in treno o alla toilette. Ma anche, ad esempio, la presenza delle copertine. Io sono un appassionato lettore di gialli, thriller e le copertine hanno sempre giocato un ruolo fondamentale per farmi immergere nella storia narrata. Sono quasi tentato di dire che sono ancora più importanti della storia stessa. Poi confesso che quando la storia che leggo mi prende, quasi da arrivare a sentire l’acquolina in bocca (ho imparato a leggere a stomaco vuoto; è molto meglio, ogni emozione durante la lettura si moltiplica), spesso annuso l’odore della carta e dell’inchiostro. Solo un piccolo vezzo. Però con gli ebook dovrò rinunciarci. In effetti leggere sul Kindle è più moderno ma toglie solennità all’atto della lettura. Certo, i libri trattengono anche un sacco di polvere. Le case senza libri dal supporto tradizionale intorno sarebbero molto più pulite.

3. Se non sei lettore di ebook: potresti spiegarmi perché? Cosa non ti convince? Quali sono le tue perplessità al riguardo?

Mi convince per il fatto che, come ho già scritto, si possono risparmiare spazi nella borsa da viaggio. Si possono anche risparmiare alberi. Ad esempio in casa non servono più metri e metri di scaffalature di legno per ospitare la polpa di cellulosa con cui è fatta la carta. Ci sarà molto più spazio non solo nella sacca da viaggio ma anche in casa. Certo, non ci sarà più il piacere di mettere ordine nella quantità di libri sparpagliati negli angoli della propria stanza. Tutti i libri di King in questo armadietto qui. La sezione filosofica nello scaffale in alto. I libri gialli nella cassone su in soffitta. Piaceri di questo genere. E poi salterà anche il momento della riscoperta di un libro che si era dimenticato da anni – magari un Salgari o libretto di fantascienza che si era letto anni e anni prima e chi si era creduto perso e ormai introvabile. I libri come oggetti incorporano tutto un vissuto, ci si potrebbe, volendo, raccontare una storia. A loro si collega un’esperienza. Ad esempio a pagina 78 della mia edizione di un romanzo di Ken Follett che si chiama Notte sull’acqua c’è un anello marrone scuro in basso a destra. A pagina 281 dello stesso libro c’è uno sbaffo verdastro di senape. Tutto questo con gli ebook non sarà più possibile. Non si potranno più prestare i libri e dover telefonare per riaverli indietro dopo che non ritornano indietro. E si dovrà trovare un altro stratagemma per avere una scusa buona in modo da poter rivedere la persona che ci fa battere il cuore – almeno che non gli si voglia prestare un Motorola Playbooks tutto intero o forse inviargli un ebook per email.

4. In che modo la possibilità di pubblicare un ebook influisce sul tuo lavoro? La tua scrittura cambia o può cambiare se diretta a un pubblico di lettori digitali?

Pesandoci bene potrebbe cambiare. L’esperienza di Internet che sto avendo mi sta cambiando enormemente come fruitore di prodotti artistici. Da un anno negli Stati Uniti uso Netflix per guardare film. Su Netflix ci sono tutti i film che vuoi. Clicchi e guardi un film. Se ti annoi, puoi interrompere il film e passare a un altro film. Sono io a scegliere. A volte mi scopro a passare due ore solo per trovare il film che voglio realmente vedere. Scopro di vedere spesso film che mai nella vita mi verrebbe in mente di vedere. Film strani. Di serie Z. Oppure film con storie bizzarrissime. Oppure film mielosissimi. Di solito imposto la ricerca per attore o per regista. Spesso mi costruisco delle prospettive personali. Altrimenti divento matto. Perdo troppo tempo. La stessa cosa con Youtube. Se voglio sentirmi una musica precisa allora tutto bene. Ma se ho voglia ad esempio di qualcosa di indefinito di country o di flamenco, la ricerca che devo fare è infinita. Ascolto trenta secondi di un brano e se non mi acchiappa subito lo salto e vado al prossimo. Di solito poi la ricerca approda a quello che stavo esattamente cercando – e trovo chicche su chicche, una marea di canzoni che mai nella vita avrei ascoltato, anche di autori semisconosciuti, bellissime. Su Internet si è per davvero tutti uguali, e un po’ di rivincita c’è per tutti gli artisti. Ora, venendo, ai libri, sapendo tutto questo, probabilmente scriverei i miei romanzi in modo diverso. Secondo me così come un ebook grazie al Kindle diventa per così dire ancora più tascabile del tascabile tradizionale, la stessa cosa avviene anche con i contenuti. Un tascabile è un libro che ti prende subito (anche i grandi classici ti prendono subito, sono dotati di grande leggibilità, sono interessantissimi, se non altro perché sprendibili durante una conversazione: “Ho letto Delitto e castigo”, “Sto leggendo L’uomo invisibile…”, “Sono sotto con la lettura di Swift e devo dire che…”), e ancora di più, secondo me, dovrà afferrarti un ebook. Ce ne saranno a tonnellate sulla rete. Parleranno del tuo stesso argomento, le trame si assomiglieranno. Dovranno essere scritti in modo da prendere il lettore e tenerlo con sé sempre. Io penso che in futuro di molti libri si leggeranno solo dei pezzi, si interromperanno per passare ad altro o perché nel frattempo si è stati catturati da altro. La lotta sarà più aspra, le armi che lo scrittore dovrà utilizzare dovranno essere più affilate.

5. Pubblicheresti un tuo romanzo con un editore esclusivamente digitale?

Sì.

6. Sei a favore o contrario a “lucchetti digitali” come i DRM, che, se da una parte pongono un ostacolo alla pirateria, dall’altro rallentano la diffusione della lettura in digitale?

Io non scrivo per guadagnare soldi – e modestamente parlando sono anche molto bravo in questo.

7. Secondo te, in base a quali criteri si stabilisce il prezzo “giusto” per un ebook?

Se dovessi stabilire un prezzo “giusto” il mio criterio sarebbe questo: tenere alto il prezzo di libri importanti e basso il prezzo di libri d’evasione, intrattenimento che si pongono subito solamente come storie per passare qualche ora. Nella postmodernità questa distinzione si è molto complicata, tuttavia. Ci sono libri che si presentano come libri da quattro soldi e quasi quasi vogliono essere considerati libri da quattro soldi (per arrivare a più lettori possibili e per non spaventare nessuno; per non essere snob, presuntuosi, essere amichevoli) e invece non lo sono. Io ad esempio i miei libri cerco sempre di vestirli come libri da quattro soldi – copertine colorate, quarte accattivanti. Però se qualcuno mi dice che scrivo libri da quattro soldi, ecco che subito mi offendo.

8. Come te lo immagini il futuro dell’editoria digitale in Italia? E di quella tradizionale?

Dipenderà dagli ebook reader. Se questo nuovo supporto sfonda, sarà la fine di tutto. Se la possibilità di portarsi in borsa una biblioteca d’Alessandria portatile tutto sommato non interesserà a nessuno e invece prevarrà il desiderio di sottolineare i libri, farci orecchie, scriverci annotazioni a penna, annusarli come faccio io, cullarli mentre si è finito un capitolo che ci ha totalmente avvinto, allora il futuro dell’editoria tradizionale sarà salvo.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search