Version classiqueVersion mobile

La lettura digitale e il web

 | 
eFFe

Parte II – L'Editoria digitale e la rete

5. Diritto ed ebook: perché sbagliando si deve imparare

Marco Giacomello

Texte intégral

La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie

J .M. Keynes

1Il mondo dell’editoria sta attraversando in questi anni il cambiamento più rilevante dall’invenzione della stampa a caratteri mobili di Johann Gutenberg (XV secolo). L’avvento del digitale anche in questo settore – considerato intoccabile sino a pochi anni fa – sta rivoluzionando logiche, classificazioni e certezze comuni.

2Le modifiche non riguardano solo la tecnica di riproduzione, ma anche le strutture e le forme del supporto con il quale il lettore fruisce delle informazioni. Internet e le tecnologie dell’informazione hanno così mutato il ruolo che gli attori tradizionali si erano conquistati nel mercato delle informazioni e oggi, chi legge, guarda o ascolta entra in concorrenza con l’autore o l’intermediario creando nuove espressioni culturali in quella che viene definita remix culture. I singoli individui, da meri fruitori passivi, sono diventati attivi creatori di nuova cultura e conoscenza.

3Il fenomeno dei libri digitali, sorto negli Stati Uniti nella seconda metà degli anni ’90 del secolo scorso, è giunto in Italia solo da pochi anni e le relative quote di mercato (rispetto al tradizionale libro cartaceo) sono ancora molto limitate.

4L’analisi delle società dove il fenomeno ebook si è già sedimentato, hanno però dimostrato come le possibilità offerte dagli ebook siano enormi e in grado di modificare abitudini, modelli consolidati e convinzioni del mercato editoriale.

5Il mondo del diritto, completamente travolto da queste novità, sta cercando rifugio in categorie dogmatiche e forme di tutela create per il mondo cartaceo off-line, senza tener conto che queste non sono sempre adattabili tout court al fine di disciplinare fenomeni diversi.

6Si deve dunque considerare che è necessario ripartire da zero utilizzando nuove basi e nuove visioni, partendo da concetti come quelli di dematerializzazione e di destatualizzazione delle opere.

7La cornice giuridica italiana non fa purtroppo eccezione e si dimostra inadeguata e non al passo con i tempi. L’articolato di norme che regola il diritto d’autore nostrano, e di conseguenza anche i contratti editoriali, risale al 1941 (l. 22 aprile 1941, n. 633).

8La prima risposta del mondo del diritto alla richiesta degli editori/autori di una disciplina del fenomeno dei libri digitali è stata quella di tentare mere trasposizioni del classico contratto di edizione – disciplinato dagli artt. 118 ss. della l. n. 633/1941 e avente a oggetto il trasferimento all’editore del diritto di “pubblicare per le stampe” – al nuovo mondo digitale.

9L’effetto è stato, ed è attualmente, disastroso per vari motivi – i due “prodotti” (libro cartaceo ed ebook) hanno caratteristiche ontologiche e giuridiche diverse, e cercare di “adattare” un contratto di edizione per le stampe alla pubblicazione di un ebook, vincolandosi alla disciplina all’uopo prevista dalla legge sul diritto d’autore del 1941, è operazione senza senso e giuridicamente pericolosa:

  1. in primis perché l’ebook viene ad esistenza in modo differente dal libro cartaceo – cambiano alcuni dei soggetti della filiera produttiva (addetti all’editing digitale, personale specializzato nella conversione del testo nel formato digitale) e distributiva (piattaforme di distribuzione digitali, piattaforme di auto-pubblicazione) – si trasformano e si modificano costi, processi, prospettive e tempi. Cambia inoltre il concetto di promozione e di marketing dei libri digitali che possono essere condivisi in maniera eguale tra editore e autore, modificando responsabilità e tutele che il diritto d’autore classico pone nei confronti di chi pubblica un libro cartaceo;

  2. in secondo luogo perché contratti editoriali per la pubblicazione di ebook mutuati sic et simpliciter dalle logiche che vigono nel mondo della carta possono portare a nullità dello stesso contratto.

10Si pensi infatti all’art. 122 della l. n. 633/1941 il quale prevede che:

il contratto di edizione a termine conferisce all’editore il diritto di eseguire quel numero di edizioni che stima necessario durante il termine, che non può eccedere venti anni, e per il numero minimo di esemplari per edizione, che deve essere indicato nel contratto, a pena di nullità dello stesso.

11Questa norma prevede che ogni contratto di edizione debba contenere al suo interno una clausola che indichi in maniera specifica il “numero minimo di copie” che dovranno essere stampate a pena di nullità dell’intero contratto di edizione, norma oggettivamente inapplicabile al mondo dei libri digitali, dove nulla viene stampato e tutto rimane in formato digitale.

12Altro esempio calzante è dato dall’inapplicabilità del principio di esaurimento del diritto di distribuzione (previsto dall’art. 17 della legge sul diritto d’autore n. 633/1941) ai libri digitali, in quanto lo stesso non si applica in caso di:

messa a disposizione del pubblico di opere in modo che ciascuno possa avervi accesso dal luogo e nel momento scelti individualmente, anche nel caso in cui sia consentita la realizzazione di copie dell’opera.

13Clausole di analoga natura sono inapplicabili all’intero mondo dell’editoria digitale e il diritto non può che prenderne atto, ripensando la struttura dei contratti tipici dedicati a questo settore dell’industriale culturale.

14Si pensi inoltre alla diversità strutturale connessa all’ideazione, creazione, conversione, pubblicazione e distribuzione di un libro digitale rispetto al suo corrispettivo cartaceo:

  • geolocalizzazione delle vendite,

  • diverso formato elettronico di vendita,

  • possibilità di auto-pubblicazione diretta da parte degli autori (c.d. self publishing),

  • conversione del file digitale,

  • integrazione del libro digitale con link, musica e video (possibilità questa prevista dal nuovo formato epub 3 o HTML 5),

  • enhanced books (i c.d. libri arricchiti),

  • applicazioni create appositamente per un singolo libro e rilasciate per particolari device di lettura (Kindle, iPad, Galaxy ecc.),

  • stampa in modalità print-on-demand (POD),

  • noleggio o prestito degli ebook,

  • esperienze di social reading.

15Tutte queste funzioni permesse dai libri digitali necessitano di regole precise e nuove, le quali devono essere redatte sfruttando una visione lungimirante e attenta ai segnali che la società fornisce.

16È chiaro come, in un momento di transizione come quello attuale tra carta e digitale, il modello precedente e quello che segue si sovrappongono, facendo sì che non sia chiara la direzione da seguire, anche e soprattutto nel mondo del diritto positivo e della contrattualistica.

17È forse banale da affermare, ma in questo momento nel mondo dell’editoria si deve discutere non solo del “contenuto” dei libri ma anche del “contenitore”, cioè lo strumento attraverso il quale si fruisce del libro digitale e il contorno di regole che lo circonda.

18Tutto ciò deve portare a concessioni, innovazioni e discipline chiare, considerando come nell’era che stiamo vivendo l’informazione non è più posseduta materialmente, ma è un qualcosa di diverso e di astratto, riproponibile tra l’altro attraverso nuove forme dotate di autonomia propria.

19I libri digitali diventano inoltre parte del corpus di conoscenza umana, in quanto venendo indicizzati dai motori di ricerca e di conseguenza replicati centinaia, migliaia o milioni di volte – diventano fruibili da chiunque, ovunque e per sempre (profilo che il diritto positivo e i contratti attuali spesso trascurano).

20Indicizzazione in rete che permette, tramite il meccanismo dei tag e meta tag, una ricerca sui titoli esistenti a livello mondiale (si veda ad es. Google Books, immenso archivio di titoli con la possibilità di visionare inoltre anteprime o parti del contenuto), e una possibile fruizione diretta di testi alle volte introvabili o stampati in numero talmente ridotto da poter essere distribuiti solamente in poche librerie (si veda ad esempio le licenze Creative Commons e la conseguente possibilità di condivisione del libro nel suo complesso).

21Si consideri inoltre come i bassi costi della distribuzione in rete e la facilità della comunicazione on-line, permettano a chiunque di pubblicare un testo – individui talvolta animati da motivazioni non solo pecuniarie ma di pura condivisione e diffusione della conoscenza.

22In questi casi debbono entrare in gioco set di licenze (come quelle Creative Commons) che permettano di diffondere i propri scritti mantenendo un livello di controllo e di tutela variabile a seconda dei desideri dell’autore/editore.

23Ulteriore errore che il mondo editoriale sta commettendo in questi anni è quello del modo attraverso il quale sta affrontando il passaggio dall’analogico al digitale. L’esperienza della musica e degli Mp3 non sembra aver insegnato nulla a multinazionali e grandi lobbies di editori.

24L’approccio conservativo/protettivo messo in pratica dalle grandi major che, con la diffusione della musica digitale e il relativo terrore di perdere il controllo su ciò che veniva venduto e scambiato, avevano cercato di chiudere e proteggere totalmente ciò che vendevano attraverso le misure di protezione tecnologica (previste dall’art. 102-quater della legge sul diritto d’autore), si è dimostrato in larga misura fallimentare.

25In particolare, l’utilizzo di lucchetti digitali (DRM), ha portato alla nascita e allo sviluppo del fenomeno della pirateria informatica e allo scambio illegale attraverso i circuiti di file sharing della musica digitale (si legga a tale proposito il capitolo 2).

26Il sistema dei DRM permette un controllo di tipo accentrato, totale, relativo alla singola parola – suono – immagine (anche se mancanti del connotato della originalità), presumibilmente senza scadenza e rivolto a una serie non determinata di soggetti – creando così una sorta di proprietà assoluta sull’informazione.

27L’effetto di tutto ciò è stato quello di causare enormi difficoltà all’industria della musica, senza ottenere il benché minimo beneficio: oggi quasi tutti scaricano la musica in formato Mp3 dal web senza pagarla (senza addentrarsi poi nel campo della pirateria cinematografica), con la conseguenza che il diritto d’autore viene palesemente e continuamente violato.

28Tra le possibili soluzioni v’è oggi quella costituita da meccanismi di protezione dei file di tipo “social DRM”, ovvero una forma “leggera” di protezione realizzata includendo all’interno dei file stessi informazioni sull’acquirente (es. nome e indirizzo mail), così da poter risalire allo stesso nel caso in cui il libro venga immesso in reti di file sharing o lo stesso venga fatto oggetto di un uso illecito.

29Questo tipo di “social DRM” non limita dunque l’utilizzo del file in alcun modo (così da non sacrificare le eccezioni e limitazioni che la legge sul diritto d’autore prevede a favore degli utenti per uso personale o per finalità di interesse pubblico), ma ne permette una fruibilità completa agendo al contempo come deterrente contro il file sharing illegale e contro la pirateria.

30Dall’analisi di ciò che è accaduto in passato si possono trarre alcuni conclusioni:

  1. punire gli intermediari (provider, produttori di software p2p) risolve solo parzialmente il problema, come insegna il caso Grokster, dove i giudici americani hanno cercato di creare in capo al produttore di tecnologie abilitanti alla copia una sorta di responsabilità sussidiaria secondo i tradizionali canoni americani della vicarious liability; perseguire invece tutti gli utenti finali che piratano file rimane attualmente impossibile;

  2. la digitalizzazione delle opere ha causato la de-materializzazione delle stesse, facendo sì che la distinzione tra originale e copia perdesse di significato e mutando di conseguenza gli “oggetti” da tutelare;

  3. chiudere il dato digitale mediante forti misure di protezione tecnologica porta solo l’aumento della pirateria informatica e alla diffusione di un sistema sociale “condiviso dai più” di violazione perpetua dei diritti d’autore.

31“Nel 2010 i dati su pirateria e download illegali di libri digitali mostravano come la richiesta di ebook sui siti di condivisione on-line e p2p” riguardavano circa 3 milioni di utenti al giorno con un trend in crescita vertiginosa1. Per capire cosa e come viene scaricato dalla rete, due studentesse dell’Università Cattolica di Milano hanno recentemente realizzato – per il Centro di ricerca europeo Libro Editoria Biblioteca2 – una ricerca dal titolo Ebook e pirateria: reperibilità dei best-seller italiani.

32Dall’analisi dei risultati ottenuti si è potuto vedere come:

  • circa il 45,7% dei titoli in classifica è disponibile in versione piratata on-line;

  • il software di file sharing più utilizzato dai lettori per scaricare ebook piratati è eMule con circa il 72,4% del traffico registrato;

  • l’8,2% dei lettori pirata utilizza software che sfruttano la tecnologia torrent;

  • circa l’87,5% dei titoli piratati è disponibile in versione ePub;

  • fra i titoli più piratati troviamo Il cimitero di Praga di Umberto Eco e Appunti di un venditore di donne di Giorgio Faletti.

33Altri dati interessanti e recentissimi sulla pirateria degli ebook, sono quelli forniti dalla ricerca The State of Online Book Piracy Q2 20113.

34Nel 2011 c’è stato un fondamentale passaggio nell’utilizzo delle diverse piattaforme che permettono lo scaricamento dei file digitali: oggi a farla da padrone, e a soppiantare i vari torrent o eMule, sono i c.d. Cyberlocker Services anche conosciuti come servizi di file hosting (si faccia riferimento ai vari MegaUpload, DropBox, HotFile, RapidShare, MediaFire, MegaVideo).

35Oggi esiste quindi una rete di pagine web che rimanda a siti contenenti ebook piratati, con un crescita globale stimata attorno al 25% ogni sei mesi.

36È questo un chiaro segnale per editori, autori e operatori del mondo del diritto che la strada intrapresa non è quella giusta: serve un diritto digitale reale, creato partendo dalle esigenze diverse del mondo digitale e che riesca a leggere il contesto in prospettiva anticipando il cambiamento, senza arrivare sempre troppo tardi e in maniera inadeguata.

Auteur

Marco Giacomello: Legal trainee presso lo studio legale MPS di Bologna dal 2011. Si occupa di diritto civile, contrattualistica a oggetto informatico e diritto della proprietà intellettuale, con particolare riferimento al settore dell’editoria digitale. Laureato in Giurisprudenza all’Università di Trento con una tesi comparatistica in materia di copyright e privacy. Blogger appassionato, è ideatore e curatore di numerosi siti e forum Internet dedicati al fenomeno degli eBooks e dell’editoria digitale (kindleitalia.com, nonsoloebook.com) nonché autore di post su copyright e privacy sul web per il network download blog.it www.marcogiacomello.com

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search