Version classiqueVersion mobile

La lettura digitale e il web

 | 
eFFe

Parte I – Libro digitale vs. libro cartaceo

2. Chi sono e cosa vogliono i lettori digitali?

Marta Manfioletti

Texte intégral

Uno spettro si aggira per l’Italia: lo spettro del lettore. Ridotto all’impalpabile ruolo di spettro da un’industria editoriale che, se lo prende in considerazione, è solo per profilarne i comportamenti d’acquisto, il lettore italiano è giudicato alla stregua di minus habens privo di senso estetico e capacità critica.

Da Il Libretto Rosa di Finzioni

1In un mondo perfetto, il lettore dovrebbe essere il punto di riferimento per tutti quelli che lavorano alla filiera editoriale: autori, editori, tipografi, distributori dovrebbero tutti lavorare avendo in mente che il prodotto che stanno curando finirà nella mani di un lettore, giudice della qualità del prodotto stesso.

2Purtroppo non è così. A ben guardare il lettore è invece quasi un filosofi-co accidente della filiera e il suo giudizio è spesso trascurabile.

3Fortunatamente questa condizione di minorità sta cambiando, e chi prima non aveva nessuna voce in capitolo, chi prima era niente più che uno spettro, adesso può cominciare ad acquisire un corpo e una voce fatti di bit. Il web è un potentissimo strumento di diffusione e i lettori, pienamente consapevoli di questo, stanno trovando molte strade per far valere la propria opinione.

4Questo mio intervento vuole quindi essere un piccolo megafono aggiuntivo che possa portare la voce dei lettori al cospetto di un più ampio pubblico. I lettori che parleranno all’interno di questo contributo sono un sottoinsieme dell’intera comunità, sono infatti i cosiddetti lettori digitali, quelli che leggono, con più o meno convinzione, non solo i libri di carta, ma anche gli ebook.

Il questionario

5Per far parlare i lettori ho giudicato utile redigere un questionario e sottoporlo alla Rete: ho quindi pensato a sedici domande abbastanza generiche alle quali si potesse rispondere in meno di cinque minuti; per diffonderle ho utilizzato un servizio gratuito disponibile online1 che permette di costruire sondaggi e ho cominciato a far girare il link. In meno di ventiquattro ore avevano già compilato il questionario più di cento persone e dopo cinque giorni ho chiuso il sondaggio con 288 risposte totali.

Un campione 2.0

6Gli strumenti che sono stati utilizzati per pubblicizzare il questionario sono stati fondamentalmente quattro: il mio blog personale, Twitter, Facebook e aNobii. Probabilmente qualcuno avrà segnalato il questionario via mail, ma credo si possa considerare un dato trascurabile.

7All’interno del mio blog ho pubblicato un breve post in cui spiegavo che avrei partecipato a Librinnovando con un intervento dedicato ai lettori e illustravo l’obiettivo del sondaggio; questo post è stato retwittato 50 volte ed è stato condiviso 43 volte su Facebook, inoltre ho segnalato il post su quattro diversi gruppi aNobii dedicati agli ebook e alla lettura digitale, sperando di destare l’interesse degli iscritti: in meno di una settimana il questionario è stato compilato da 288 persone.

8Se già il lettore digitale è per definizione una figura interessata all’innovazione e alla tecnologia, il nostro campione è costituito dai lettori più consapevoli, è in sostanza un campione 2.0. È importante considerare il tipo di campione utilizzato per meglio interpretare i risultati che emergono dal sondaggio: da un lato possiamo considerare le risposte ottenute come un punto di vista informato e all’avanguardia, d’altro canto dobbiamo ricordarci che l’universo dei lettori, anche se digitali, non è composto solo da forti utilizzatori di social network, pertanto è doveroso tenere sempre presente che i risultati che verranno qui presentati rispecchiano le abitudini e i desideri solo di una ben delimitata porzione di lettori.

Le domande

9Il questionario si apre con la richiesta di indicare la propria fascia di età di appartenenza e continua con le seguenti domande:

  1. Hai mai letto un ebook?

  2. Quanti ebook hai letto finora?

  3. Possiedi un e-reader? Se sì, quale?

  4. Hai mai comprato un ebook? Se sì, quanti ne hai acquistati fino a oggi?

  5. Hai mai comprato un ebook protetto da DRM?

  6. Hai mai scaricato un ebook piratato?

  7. In quale store preferisci comprare ebook?

  8. In base a cosa scegli lo store dove acquistare ebook?

  9. Secondo te quanto dovrebbe costare un ebook?

  10. Secondo te quanto dovrebbe costare un e-reader?

  11. Come giudichi la tua soddisfazione rispetto ai seguenti aspetti? (costo ebook e e-reader, offerta titoli, store, accuratezza ebook, schede descrittive)

  12. Esprimere il proprio interesse (annotare, sottolineare, condividere, contattare l’autore, collegarsi al web, prestito, contenuti multimediali).

  13. Quale genere letterario leggi di preferenza in ebook?

  14. In quale lingua leggi solitamente gli ebook?

10Infine, il questionario si chiude con uno spazio in cui i lettori sono invitati a esprimere desideri e aspettative rispetto alla situazione attuale dell’editoria digitale.

Lamentele

11Nonostante si richiedesse esplicitamente di illustrare quali fossero i desideri e gli auspici per il futuro, la maggior parte dei lettori che ha risposto al questionario non ha avanzato proposte, ma ha sottolineato gli aspetti negativi della situazione presente. Ne deriva dunque che la maggior parte dei lettori digitali vive una situazione di forte scontento che non permette di pensare a migliorie future fino a quando non si siano risolti i problemi esistenti. In questa sezione tenterò di illustrare alcune delle problematiche che sembrano interessare maggiormente i lettori, cercando, per quanto possibile, di fornire anche alcune soluzioni.

Il prezzo dell’ebook

I prezzi degli ebook sono troppo alti. Gli ebook non hanno costi di produzione quindi dovrebbero costare pochissimo. È inammissibile spendere così tanti soldi per un semplice file che pesa pochi kilobyte.

Queste sono solo alcune delle affermazioni che in quasi ogni intervento sottolineano e ribadiscono l’inadeguatezza del prezzo degli ebook. La questione del prezzo, infatti, è con tutta certezza l’aspetto che maggiormente infiamma la platea dei lettori. Analizzando l’esito delle risposte date alla domanda 10, ovvero “Secondo te quanto dovrebbe costare un ebook?”, si evince che la media dei prezzi attuali è molto lontana dalle aspettative e dai desideri dei lettori, per i quali gli ebook dovrebbero costare meno di cinque euro (quasi il 43% la pensa così).

Tavola 1. due terzi degli intervistati vorrebbero degli ebook con un prezzo al di sotto dei 5 euro.

Tavola 1. due terzi degli intervistati vorrebbero degli ebook con un prezzo al di sotto dei 5 euro.

12Tuttavia, per dovere di chiarezza, mi preme definire in maniera circostanziata quali siano gli effettivi costi di produzione e gestione di un ebook, in modo da poter affrontare questa dibattutissima questione con piena consapevolezza.

13È certamente vero che produrre un ebook comporta costi di gran lunga inferiori alla produzione cartacea, tuttavia si cade in errore se si pensa che la versione elettronica di un libro possa essere confezionata e commercializzata a costo nullo. Vediamo in dettaglio quali sono i costi che incidono direttamente sul portafoglio dell’editore.

  • Innanzitutto l’IVA. È cosa nota che gli ebook non sono assimilati ai libri cartacei per quanto riguarda l’imposta sul valore aggiunto: mentre i libri tradizionali sono tassati al 4%, le edizioni digitali prevedono il 21% di aliquota. Ciò significa che un quinto del prezzo di copertina di qualsiasi edizione digitale deve essere sistematicamente devoluto allo Stato.

  • Bisogna poi contare che nel momento in cui una casa editrice decide di produrre una linea di ebook deve anche pensare a come questi verranno poi distribuiti. Proprio come avviene per il cartaceo, bisogna rivolgersi alla distribuzione anche per il digitale. Forse per il fatto che i file di piccole dimensioni sono facilmente trasferibili non viene mai in mente che sia necessaria una piattaforma che ne gestisca il mantenimento e la diffusione, eppure è proprio così. Edigita o BookRepublic, ad esempio, sono piattaforme distributive il cui compito è quello di distribuire i singoli ebook ai vari store online che si occuperanno poi della commercializzazione. Il servizio offerto da queste piattaforme ha chiaramente un costo.

  • A seguire viene quindi la percentuale che l’editore dovrà cedere ai vari store che gestiscono la vendita diretta. La quota varia a seconda degli accordi, ma spesso può arrivare ad essere piuttosto elevata, come avviene ad esempio nel caso dell’Apple Store che richiede il 30%. Questo genere di spese potrebbero essere annullate se le varie case editrici vendessero i propri ebook direttamente dal proprio sito, tuttavia questo significherebbe privarsi di distribuzione e diffusione, elementi fondamentali per il successo di un libro.

  • Da aggiungere poi ai costi sopra elencati c’è il prezzo del vituperato DRM, nel caso in cui una casa editrice ne faccia uso. L’Adobe DRM è un sistema protettivo proprietario e che in quanto tale comporta un costo. L’editore deve infatti acquistare il DRM da Adobe per applicarlo a ogni copia venduta ed ogni singola copia venduta possiede un proprio DRM originale.

14Ma la voce di spesa più importante, e soprattutto quella che i lettori dovrebbero avere più a cuore perché riguarda la qualità formale del libro digitale, è la conversione in formato epub. Si tratta, infatti, di un file che deve essere costruito utilizzando architetture precise e uno specifico linguaggio (XML). Per poter produrre un file epub è dunque necessaria una figura professionale in grado di farlo, e come si può ben immaginare, questa figura professionale specializzata dovrà percepire uno stipendio, o quanto meno un compenso. La casa editrice deve quindi decidere se investire nell’assunzione di personale competente che andrà pagato ogni mese, o se demandare la produzione a fornitori esterni i quali, a seconda della complessità del libro, applicano delle tariffe (la quotazione per la conversione di un libro normale, senza note né immagini, si aggira intorno ai 30 centesimi a pagina cartacea), in ogni caso, quale che sia la scelta dell’editore, la creazione del formato epub possiede un vero e proprio costo di produzione. A tutti questi costi poi si deve aggiungere l’ovvia percentuale all’autore.

15Risulta quindi che la questione del prezzo degli ebook non è poi così semplice e scontata, e soprattutto è evidente come non sia affatto vero che “un ebook non costa niente” e che una volta che si ha in mano il libro cartaceo non ci siano altri costi relativi alla copia digitale.

16È pur sempre vero però che la produzione digitale di un libro non ha paragoni con i costi che si devono sostenere per la pubblicazione e la distribuzione di un libro cartaceo, e questo implica che per avere un effettivo ritorno economico si possono vendere molte meno copie. A partire da questa constatazione si potrebbe auspicare un abbassamento dei prezzi in un’ottica di maggiori vendite che farebbero rientrare più in fretta i costi di produzione.

17Siamo quindi al cane che si morde la coda: i prezzi sono alti perché non si vende abbastanza e non si vende abbastanza perché i prezzi sono alti. Nel prossimo paragrafo si proverà a dare una risposta a questo problema coniugandolo con un’altra problematica molto sentita da tutti i lettori digitali.

DRM

  • 2  In questa sede quando si parla di DRM si intende l’Adobe DRM.

18Un altro chiodo fisso dei lettori è l’odio per il DRM2. Il DRM è in sostanza un dispositivo diabolico atto a creare infiniti problemi a chi acquista legalmente i libri e nessun problema a chi invece è in grado di piratarli. Per darne una definizione più neutrale riporto ciò che scrive Wikipedia nella pagina dedicata:

Con Digital Rights Management (DRM), il cui significato letterale è gestione dei diritti digitali, si intendono i sistemi tecnologici mediante i quali i titolari di diritto d’autore (e dei cosiddetti diritti connessi) possono esercitare ed amministrare tali diritti nell’ambiente digitale, grazie alla possibilità di rendere protette, identificabili e tracciabili le opere di cui sono autori.

19Il dato interessante che emerge dalle risposte del questionario riguardo alla tematica concernente il DRM è quello che si ricava dal confronto delle domande 3, 5, 6 e 7.

20Il 37% dei rispondenti ha letto più di 20 ebook, ma la percentuale di quelli che ne hanno effettivamente comprati più di 20 è meno della metà, pari cioè al 15%. Se più della metà delle persone che hanno letto più di venti libri non ne ha comprati altrettanti, significa ovviamente che se li è procurati al di fuori dei canali ufficiali di acquisto, e il dato è confermato dalla domanda 7, in cui quasi il 48% afferma di scaricare spesso libri illegalmente e il 13% ammette di averlo fatto almeno una volta.

Figura 2. Circa la metà dei lettori interpellati ha ammesso di scaricare spesso ebook piratati.

Figura 2. Circa la metà dei lettori interpellati ha ammesso di scaricare spesso ebook piratati.

21Questo significa che scaricare libri illegalmente è molto facile e che il DRM non rappresenta un ostacolo alla pirateria. Come se ciò non bastasse, dal questionario emerge il dato che anche chi compra legalmente libri spesso evita di acquistare quelli protetti da DRM: risulta infatti dalla domanda 5 che 189 persone hanno comprato almeno un ebook, tuttavia, nella domanda 6, 126 persone, sarebbe a dire quasi il 58%, dichiarano di non aver mai comprato un ebook protetto da DRM.

22Ritengo che questo dato sia molto forte e dovrebbe essere preso in seria considerazione dalla case editrici che si domandano come fare per incrementare le vendite di ebook. Tornando quindi alla tematica relativa all’abbassamento dei prezzi, una delle soluzioni possibili per applicare una buona riduzione sarebbe eliminare il DRM dal momento che implicherebbe una sicura crescita delle vendite, testimoniata anche da molte risposte dirette (domanda 16) in cui si afferma che se scomparisse il DRM si sarebbe disposti a comprare più libri, forti anche del diritto di poter fruire dei propri acquisti tramite qualsiasi dispositivo.

Ampiezza del catalogo

23È curioso constatare, leggendo le opinioni di chi ha risposto al questionario, come ci si possa lamentare dello stesso problema per motivazioni diametralmente opposte. Ciò su cui tutti sono d’accordo è che la disponibilità di titoli in ebook è davvero troppo limitata, in quale senso ampliarla invece sembra essere un argomento controverso.

24Secondo alcuni l’offerta delle novità è scadente e le case editrici dovrebbero provvedere a rendere disponibili tutte le nuove uscite anche in ebook; secondo la fazione opposta l’offerta andrebbe ampliata includendo tutto il catalogo dall’anno di fondazione della casa editrice a oggi.

25Per quanto riguarda il fare uscire contemporaneamente cartaceo e ebook sembrerebbe una linea pienamente applicabile dalle case editrici, che si spera accolgano sempre più numerose questo invito. In merito alla pubblicazione delle backlist la situazione risulta invece più problematica. I problemi più grossi sono da ascrivere a tre categorie: la reperibilità e lo stato dei materiali e la situazione dei diritti editoriali.

26Cominciando da quest’ultima bisogna chiarire che per pubblicare un ebook è necessario che l’autore del testo abbia espressamente concesso all’editore lo sfruttamento dei diritti anche per il formato digitale. Questo serve innanzitutto per definire le royalties che l’autore prenderà sulle vendite del digitale, condizioni che possono distaccarsi anche di molto dagli accordi relativi al cartaceo. Senza un regolare contratto, una casa editrice non può pubblicare la versione ebook di nessuna opera, anche se ne detiene i diritti per il cartaceo.

27Bisogna poi considerare che per produrre una copia digitale di un libro è necessario che siano presenti determinati materiali che permettano la conversione. L’evenienza più felice è quella in cui si possiede il Pdf di stampa, tuttavia non sempre si gode di tale fortuna. Le soluzioni alternative sono ad esempio quella di ricorrere a una lettura OCR del testo, ovvero a un riconoscimento ottico dei caratteri, una procedura molto costosa e che necessita un grosso lavoro di correzione dal momento che la lettura non è sempre massimamente accurata. Come si intuisce l’applicazione di simili metodi rappresenta una grossa spesa per le case editrici sia in termini pecuniari che di tempo.

28Una speranza in questa direzione però ci è data dal progetto Google Books. Google infatti ha richiesto a tutte le case editrici italiane di fornire tutti i loro cataloghi affinché possano essere indicizzati e disponibili. Quest’azione non è imminente, ma certamente può far ben sperare tutta la porzione di lettori che attendono la disponibilità dei titoli fuori catalogo.

La qualità e il rispetto del lettore

29Un’altra grande tematica che compare in quasi tutte le risposte dirette date da chi ha compilato il questionario è quella relativa alla qualità formale dei libri digitali. In molti lamentano formattazioni da brivido e rispetto quasi nullo delle norme tipografiche, elementi che invece costituiscono l’imprescindibile sostrato di un qualsiasi volume cartaceo. Questa, oltre che essere una questione di rispetto nei confronti del lettore a cui sarebbe dovuta un’edizione curata nella sostanza e nella forma, si potrebbe trasformare, soprattutto per le case editrici, in una questione economica.

30Come più di qualcuno fa notare, non si trova alcun vantaggio nell’acquistare una copia originale a discapito della versione piratata. Spesso, infatti, gli ebook che si trovano tramite canali non ufficiali sono formalmente migliori degli ebook in commercio, questo perché non di rado chi si prende l’onere di caricare copie piratate affinché possano essere fruite dal più ampio pubblico possibile è spesso un vero amante dei libri, e con una certa frequenza capita che proprio gli stessi pirati rimaneggino i file per migliorarne la forma.

31Oltre a far fare una pessima figura alle case editrici, questi episodi dovrebbero motivare ulteriormente a dedicare maggiore attenzione alla correttezza delle versioni digitali. Chi ama i libri, infatti, apprezza certamente il contenuto, ma dedica molta attenzione anche all’aspetto formale e intestazioni inesistenti o paragrafi scombinati hanno innervosito più di qualcuno tra coloro che invece hanno avuto la pazienza di rispondere al questionario.

32Altre questioni che fanno sempre riferimento al rispetto del lettore sono quelle che riguardano la trasparenza nelle schede descrittive degli ebook. Un lettore di libri cartacei è abituato a scegliere i propri acquisti in libreria, toccando con mano le copie e sfogliando fisicamente le pagine. Chi compra un ebook invece non è aiutato da nessun tipo di esperienza sensoriale, ma può affidarsi solamente alle schede e ai sommari forniti dagli store online. Per questa ragione è necessario riporre estrema cura nel particolareggiare i dettagli di un ebook a partire dai metadati fino ad arrivare all’abstract del libro. Emerge dai contributi dei lettori che più di qualcuno, scoraggiato dalle poche informazioni, abbia in effetti desistito dall’acquisto.

33A questo proposito, per migliorare la trasparenza e allo stesso tempo per aiutare le decisioni degli acquirenti di ebook, io e tutti i lettori che hanno contribuito avanziamo due proposte. La prima è quella di fornire sempre la possibilità di scaricare un estratto del libro: Amazon e Apple adottano già questo servizio che sarebbe doveroso estendere a tutte le librerie online. In secondo luogo sarebbe corretto fornire il maggior numero di specifiche relative ai dettagli descrittivi, primo tra tutti il numero delle pagine o comunque l’indicazione della lunghezza del libro (anche in location o in numero di parole).

Inaspettatamente

Mimesi tra cartaceo e digitale

34Ciò che non mi aspettavo, e che invece appare chiarissimo dalle risposte dei lettori è che attualmente quello che si ricerca non è affatto la novità o l’innovazione che può essere data da contenuti multimediali o funzioni ascritte agli enhanced book, ma è invece la più aderente corrispondenza tra digitale e cartaceo.

35In pochissimi nelle risposte dirette esprimono interesse per nuove funzionalità, e anche quando vengono poste domande dirette (vedi domanda 13) non si raccolgono dati particolarmente significativi per quanto riguarda questo aspetto. Quello che invece i lettori richiedono sono caratteristiche che definiscono eminentemente il cartaceo come ad esempio la possibilità di prestare le copie o la disponibilità di ebook in biblioteca.

Generi letterari

36Un altro risultato interessante è quello dato dalle risposte alla domanda 14 (“Quale genere letterario leggi di preferenza in ebook?”). Le risposte si distribuiscono in questa maniera:

  • Classici 23,20%

  • Nuove uscite 20,53%

  • Saggistica 19,12%

  • Gialli 14,89%

  • Fantasy 11,29%

  • Storie brevi 7,68%

  • Romanzi rosa 3,29%

37Quello che stupisce della distribuzione appena illustrata è la quota riservata ai romanzi rosa e alle storie brevi: all’interno del mercato americano uno dei generi più frequentati in assoluto è il genere harmony, complici senza dubbio i prezzi stracciati di moltissimi titoli della categoria. Nel nostro questionario solo 21 persone hanno segnalato il genere rosa come genere abituale. Un altro aspetto peculiare è la percentuale riservata alla lettura di storie brevi. Spesso si sente dire che con l’ebook si assisterà con tutta probabilità alla rinascita dei racconti brevi che possono essere letti in poco tempo. A quanto pare però il pubblico non risulta particolarmente attratto da questo tipo di testi e preferisce invece letture più estese e tradizionali.

Conclusione

38Il dato che però mi preme maggiormente di sottolineare è un aspetto che permea trasversalmente tutto il questionario, dalla domanda tre fino all’ultima in cui si richiede un contributo personale.

39Quello che emerge dall’intero questionario è che la lettura digitale piace: chi comincia a leggere un ebook, con tutta probabilità, continuerà a leggerne molti altri. Quasi il 38% ha risposto di aver letto più di venti ebook e un altro 20% ne ha comunque letti tra i 10 e i 20.

40È un dato che fa ben sperare e che dimostra come il tanto incensato odore della carta possa venire facilmente dimenticato o almeno accantonato, sostituito dalla leggerezza e dalla molteplicità.

41In molti hanno ammesso che da quando hanno cominciato a leggere in digitale leggono di più: più spesso e più a lungo. L’e-reader può essere portato ovunque con facilità e questo permette di sfruttare ogni momento libero per leggere qualche pagina. Non è forse questo un ottimo incentivo alla promozione della lettura?

Notes

1http://www.kwiksurveys.com/

2  In questa sede quando si parla di DRM si intende l’Adobe DRM.

Table des illustrations

Titre Tavola 1. due terzi degli intervistati vorrebbero degli ebook con un prezzo al di sotto dei 5 euro.
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/1026/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 248k
Titre Figura 2. Circa la metà dei lettori interpellati ha ammesso di scaricare spesso ebook piratati.
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/1026/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 125k

Auteur

Marta Manfioletti è laureata in Lettere e in Linguistica, sebbene abbia scritto una tesi di informatica. Attualmente collabora con Marsilio Editori per la sezione ebook. eletteratura.wordpress.com

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search