Version classiqueVersion mobile

La lettura digitale e il web

 | 
eFFe

Parte I – Libro digitale vs. libro cartaceo

1. L’ebook non puzza. Cosa cambia nella lettura digitale

eFFe

Texte intégral

1Il titolo di questo capitolo è volutamente provocatorio: da quando l’editoria digitale è sbarcata in Italia, nell’estate del 2010, si sente sempre più spesso affermare che il difetto imperdonabile degli ebook è che essi non hanno l’odore della carta, di cui, pare, orde di lettori non riescano a fare a meno. Verrebbe da rispondere, a costoro, di non comprare libri se è l’odore della cellulosa che cercano, ma carta da parati.

2Eppure, dietro a questa critica si cela una serie di questioni la cui importanza non può essere sbrigativamente elusa con una battuta. L’esperienza della lettura alla quale siamo stati abituati sinora non può prescindere dall’aspetto materico dell’oggetto-libro: dalle concrete modalità tipografiche all’ordinamento dei libri all’interno delle biblioteche, passando per i problemi di spazio che essi generano nella case dei lettori forti e per le diverse modalità di lettura di questi, la fisicità del libro rappresenta un importante fattore della sua circolazione.

3L’editoria digitale scardina però, dalla definizione concettuale di libro, il suo elemento materico, o più precisamente il suo tratto fisico (peso, volume, dimensione): l’ebook è impalpabile, ma non immateriale, perché lo si può vedere e talvolta persino ascoltare. Gino Roncaglia, nel suo La quarta rivoluzione, si chiede giustamente che cosa sia, oggi, un libro – ossia quali siano gli elementi che ne costituiscano il concetto – date le innovazioni occorse nell’editoria grazie alle tecnologie digitali. A differenza di un volume di carta, allora, un ebook non implica l’uso del tatto e dell’olfatto, e quindi, ribaltando la logica di quel pregiudizio diffuso che citavo poc’anzi, non è sbagliato affermare che esso non puzza.

4Questo ribaltamento logico serve a uno scopo preciso: offrire una prospettiva diversa all’analisi dei mutamenti che l’esperienza di lettura sta attraversando a causa della diffusione dei libri elettronici. Un’analisi, per aspirare a un grado almeno sufficiente di oggettività, deve prima liberarsi dei pregiudizi e dei preconcetti, per poi affrontare in maniera aperta e serena i suoi materiali di studio. Inoltre, come vedremo in conclusione, un simile ribaltamento di prospettiva può allo stesso tempo fornire spunti e stimoli per un ripensamento più complessivo dell’industria editoriale.

Il rapporto con il libro

5Se muta l’oggetto libro, muta di conseguenza il rapporto che i lettori intrattengono con esso. Proviamo a metterci nei panni di un lettore tipo, che sia il divoratore di gialli o di romanzi di fantascienza o il manager che legge molto per lavoro, la casalinga appassionata di romanzi rosa o il lavoratore pendolare che passa tanto tempo sui treni. E chiediamoci che cosa succede se gli mettiamo in mano un e-reader.

6A mio modo di vedere, sono quattro gli ambiti in cui l’esperienza di lettura digitale diverge da quella tradizionale. Vediamoli uno per uno.

1. L’accessibilità

7Nonostante una serie di esperimenti1 che cercano di consentire l’acquisto di ebook all’interno delle librerie tradizionali, questo avviene ancora prevalentemente on-line. Ciò significa, semplicemente, che per poter entrare in possesso di un ebook dobbiamo essere dotati di una connessione a Internet. Si desume quindi che il primo problema a cui mettere mano sarebbe quello di definire in maniera misurabile le possibilità di accesso alla Rete delle persone. Ma questo compito travalica lo spazio limitato di queste pagine. Qui mi limito a osservare che, come tendenza generale, la facoltà di accedere alla Rete è percepita sempre di più come un diritto fondamentale, tanto che si suggerisce di sancirlo attraverso la sua inclusione nel novero delle norme costituzionali2. E anche a guardarsi intorno, sembra confermata l’osservazione di Derrick de Kerchhove:

  • 3Derrick de Kerckhove, The Augmented Mind, 40k, Kindle Edition, Milano 2010, locations 74-76.

Siamo in linea continuamente e più che mai, in connessione sempre più prossima a un numero crescente di persone e servizi. La tecnologia del linguaggio oggi dominante, di più profonda penetrazione in tutte le culture, persino nelle più povere, è il telefono cellulare. Sempre più persone portano in tasca sofisticate interfacce per un nuovo livello di cognizione connettiva3.

8Computer, portatili, tablet e soprattutto telefoni cellulari; casa, ufficio, scuola, luoghi di svago; informazioni, ricerche, acquisti. Molta parte della nostra esistenza si sviluppa in Rete, tanto che non c’è più soluzione di continuità tra il cosiddetto mondo on-line e quello off-line: la Rete non è solo uno strumento ma un luogo che abitiamo e in cui espletiamo una serie di attività attraverso specifici strumenti.

9Quest’accessibilità virtualmente infinita come influisce sulla produzione e sulla distribuzione di libri digitali? Oggi, produrre un libro digitale significa, nove volte su dieci, digitalizzare un testo preesistente, già stampato su carta: la sterminata Biblioteca Universale, dispersa nel tempo e nello spazio, può, grazie alla digitalizzazione, essere consultata. Pensiamo all’enorme lavoro che sta facendo Google Books o istituzioni del calibro della Biblioteca Nazionale Francese, oppure a progetti come quello della National Digital Library suggerito da Robert Darnton4.

10Tutto questo significa che, in potenza, un lettore potrà avere accesso in maniera rapida e semplice a un catalogo virtualmente infinito di testi digitali. E si capisce come una possibilità del genere possa rappresentare un’ineguagliabile occasione di apprendimento per il singolo e uno strumento di enorme valore per chi fa ricerca: trovare, alla distanza di pochi click, testi ormai irreperibili nelle librerie o nelle biblioteche, oppure consultare saggi e articoli di riviste estere senza spostarsi dalla propria scrivania sono due tra i molti e innegabili vantaggi della digitalizzazione.

11Non vorrei tuttavia sembrare affetto da un eccesso di ottimismo. Uno scenario come quello appena descritto solleva grossi problemi, di natura sia tecnologica che, soprattutto, morale e politica. Chi controllerebbe la Biblioteca Universale? Chi deciderebbe i criteri di accesso? Chi ne sopporterebbe i costi di gestione? Queste e molte altre questioni vanno scandagliate e risolte prima di poter parlare di un sapere alla portata di tutti. Non deve sfuggire, del resto, il rapporto strettissimo che esiste tra sapere e potere.

12Tuttavia la sempre maggiore connessione degli uomini tra loro e tra uomini e oggetti (già da tempo, in effetti, si parla di Internet of things) offre al lettore una consapevolezza più profonda e dal potenziale esplosivo: knowledge is out there. E non solo la conoscenza, ma anche l’entertainment, per chi leggesse solo per puro godimento.

13Le piattaforme di distribuzione libraria poi, svolgono un ruolo fondamentale per quanto riguarda la diffusione dei libri digitali: quando riescono a offrire un’esperienza d’acquisto semplificata al massimo (fino al buy-in-one-click di Amazon) stimolano quella che gli esperti di marketing chiamano l’impulso all’acquisto – in una libreria on-line i libri sono come le caramelle poste al lato della cassa nei bar: se l’occhio cade sul titolo o sulla copertina, il lettore faticherà a non aggiungerlo al suo carrello. In questo favorito, evidentemente, da prezzi inferiori rispetto al cartaceo e dalla rapidità dell’acquisto.

2. La reperibilità

14La conseguenza principale dell’avere facilmente a disposizione un catalogo pressoché infinito di libri in formato digitale solleva un problema di non poco conto, per il quale gli editori e le librerie on-line hanno proposto una serie di soluzioni, continuando a sperimentare nuove modalità: il problema della reperibilità dei testi. Tale questione si traduce in una domanda fondamentale: come dare visibilità a un libro affinché il lettore venga a sapere della sua esistenza?

15Non si tratta di un problema nuovo, in realtà: nell’editoria tradizionale, la distribuzione e le tecniche di promozione di un libro erano (e sono ancora oggi) due fattori fondamentali per la sua diffusione. Un libro esposto in vetrina, magari nelle vetrine di una catena di librerie presente in tutta la penisola, ha decisamente più probabilità di essere conosciuto – e quindi, potenzialmente, acquistato – da parte dei lettori, rispetto a un titolo che subito scompare tra gli scaffali. A ciò si aggiunge il necessario turnover di libri negli spazi promozionali, soprattutto se consideriamo un mercato editoriale come quello italiano, inondato da circa 60.000 nuovi titoli all’anno.

16Nelle librerie on-line la situazione è diversa. I best-seller trovano ovviamente ampio spazio, così come le ultime uscite e i classici. Ma a comporre la geografia promozionale di uno store ci pensano algoritmi complessi che incrociano una moltitudine di variabili: dai gusti manifestati dai lettori attraverso appositi strumenti (i bottoni “mi piace”, per esempio) ai loro precedenti acquisti, dalle parole più spesso utilizzate nei motori di ricerca fino a, ovviamente, gli accordi commerciali con gli editori. In uno spazio che può ospitare un numero di titoli infinitamente superiore alla più grande delle librerie tradizionali, la questione della visibilità sullo scaffale cessa di esistere, perché tutto è disponibile sempre. Le parole d’ordine per il mercato degli ebook, allora, sono findability e matchmaking: come permettere al lettore di trovare quello che cerca e possibilmente quello che potrebbe davvero interessargli?

  • 5  Per queste considerazioni si veda Eli Parisier, The Filter Bubble: What the Internet Is Hiding fro (...)

17La novità, in questo caso, è rappresentata dalla profilazione degli utenti, la cui web history è accuratamente registrata e analizzata. Se a molti – e non a torto – questa può sembrare una forma subdola per limitare l’universo di possibilità che la navigazione in Rete offre a una specie di gabbia dorata5 (dove giganti come Google, Facebook, Apple e Amazon fanno la parte del domatore), d’altro canto i gusti e le scelte dei lettori diventano un criterio che orienta le strategie commerciali come non era mai accaduto prima. Nasce così quell’ecosistema del lettore di cui si parla nel capitolo 3.

18In concreto, tutte quelle attività che i lettori svolgono on-line intorno ai libri – dallo scrivere recensioni al condividere opinioni sui social network, fino alla più improvvisa serendipità – acquisiscono un’importanza centrale per il mercato del libro (e alcuni dei successivi capitoli ne danno una chiara dimostrazione), tanto da suscitare il famelico interesse di editori e rivenditori. I quali – con lentezza, con ritrosia, o talvolta con un entusiasmo a dir poco sospetto – si precipitano a rafforzare i legami con la propria comunità di lettori/utenti, tentando di ampliarne sempre più i confini.

19La conseguenza di questo rinnovato interesse per il fino ad allora negletto mondo dei lettori consiste, a mio modo di vedere, in un duplice processo, i cui due percorsi sono indissolubilmente legati: da una parte si assiste a una proceduralizzazione di pratiche che fino a quel momento erano state il frutto spontaneo delle passioni e degli interessi dei lettori (il caso di Critica Letteraria, discusso più avanti, ne è un lampante esempio); dall’altra si sperimentano nuovi modelli di intermediazione culturale, in cui soggetti con una legittimazione e una professionalità diverse da quelle tradizionali occupano – e con maggiore efficacia – il posto che era stato dei critici letterari e dei recensori di professione.

3. La portabilità

20Che la discussione su come gli ebook e il loro relativo mercato possano integrarsi all’interno del mercato del libro cartaceo sia falsata dai pregiudizi intorno all’odore della carta lo dimostra il fatto che un criterio di distinzione ben più pregnante viene spesso sottaciuto se non misteriosamente ignorato: la portabilità.

  • 6Marc Augé, Nonluoghi. Introduzione a un’antropologia della surmodernità, Elèuthera, Milano 2009.
  • 7http://www.instapaper.com.

21Ed è presto detto: in un qualsiasi e-reader trovano spazio migliaia di ebook. Il lettore forte, che ha la casa invasa da centinaia e centinaia di parallelepipedi di carta, intuisce immediatamente la portata della svolta che un e-reader può imprimere alla sua vita. Soprattutto in una fase storico-sociale dove la mobilità è un tratto determinante: si viaggia per lavoro o per svago fino a raggiungere mete molto lontane; si cambia spesso casa, se non città o addirittura nazione; più comunemente, si passa molto tempo improduttivo in quelli che Marc Augé chiamerebbe nonluoghi6: stazioni ferroviarie, aeroporti, centri commerciali, mezzi pubblici. In tutti questi spostamenti e/o queste soste forzate, i libri sono sempre stati compagni affidabili. E se non ci sono i libri, ci sono le riviste e i giornali, o ci sono comunque delle letture che è utile o necessario fare: documenti di lavoro, testi di studio, materiale pescato dalla Rete grazie a degli strumenti come Instapaper7, che consente di archiviare articoli e post per poi leggerli successivamente e con comodità sul proprio e-reader. Essere in grado di portarsi dietro ovunque ci si trovi, in pochissime centinaia di grammi, con un ingombro minimo, una vasta gamma di testi, rappresenta la prima e principale caratteristica della lettura digitale.

  • 8  Su questo argomento si veda l’ottimo intervento di Marco Carrara su Baionette Librarie: http://goo (...)

22Ma la portabilità si declina anche nella possibilità di poter leggere lo stesso ebook su dispositivi diversi. E magari di sincronizzare l’avanzamento della lettura: cominciare un libro la mattina sul computer dell’ufficio e riaprirlo la sera con l’e-reader trovandolo esattamente dove lo si aveva lasciato. Per fare tutto ciò, tuttavia, è necessario basarsi su formati aperti, come l’epub, e non formati proprietari, che hanno il grande difetto di aumentare la concentrazione nel mercato degli ebook8.

4. L’interazione con il testo

23Come dimostra il capitolo dedicato alle modalità di recensione di un ebook, la lettura su un dispositivo ad hoc permette un’interazione con il testo che apre nuove possibilità al lettore. Con gli scritti, per passione o per lavoro, ci si confronta: in un libro il testo non si limita certo a giacere inerte sulla carta, ma coinvolge spesso il lettore in un dialogo serrato.

24La strumentazione di cui è generalmente dotato un e-reader permette a questo dialogo di approfondirsi, di articolarsi lungo sentieri prima impraticabili, e così facendo di arricchire l’esperienza di lettura. Vediamo qualche esempio.

  • Gli e-reader sono generalmente forniti (o possono essere facilmente dotati) di dizionari interattivi, sia monolingue che bilingue, che si attivano quando una parola viene selezionata sullo schermo. Questa funzione permette non solo di verificare voci il cui significato ci è ignoto, ma anche, nel caso di ebook scritti in una lingua straniera, di poter utilizzare un indispensabile strumento di apprendimento. Molti lettori, per esempio, perfezionano il loro inglese leggendo ebook in tale idioma e servendosi del dizionario per fissare nuovi termini.

  • È quasi sempre possibile poter sottolineare o evidenziare parti di testo, e inoltre inserire dei veri e propri segnalibri, proprio come si farebbe con un libro di carta. Tuttavia negli e-reader le sottolineature e i segnalibri vengono memorizzati e disposti in sequenza cronologica, così che il lettore possa ripercorrere quando necessario quel dialogo che ha intrattenuto col testo nella prima lettura. In alcuni dispositivi, poi, sottolineature e segnalibri possono essere esportati in un file di testo: questo è particolarmente comodo per chi deve scrivere testi contenenti citazioni di opere altrui: studenti, saggisti, giornalisti, docenti e così via. Invece che ricopiare lentamente le citazioni, queste si trovano già pronte nel file di testo, da cui si possono agevolmente copiare e incollare.

  • Quella che è forse la funzione più importante degli e-reader, tuttavia, è la possibilità di effettuare ricerche nel testo attraverso parole chiave. L’importanza filologica di quest’operazione è spiegata nel capitolo 4; in questa sede basti sottolineare come ciò consenta di sperimentare letture alternative di un medesimo testo, seguendo, invece che il normale corso di lettura, un nostro personalissimo percorso di ricerca.

L’esperienza di lettura

25Accessibilità, reperibilità, portabilità e interazione con il testo: all’interno di questi quattro ambiti cambia il rapporto che i lettori intrattengono con il libro – questo, se da una parte perde di materialità, dall’altra acquista in interattività. Di conseguenza, è all’interno di queste dimensioni che bisogna indagare i mutamenti dell’esperienza di lettura, e chiedersi: cosa succede quando un lettore sa che può facilmente accedere a un catalogo e/o libreria on-line, trovarvi praticamente qualsiasi cosa cerchi, acquistarlo con un click e portarlo con sé ovunque, e infine leggerlo su uno schermo a inchiostro elettronico che permette funzioni di grande praticità? Di nuovo, seguiamo la quadripartizione proposta e vediamo cosa accade.

1. La lettura si fa “orizzontale”

26Leggendo le testimonianze in Rete di coloro che hanno compiuto il grande salto alla lettura digitale, un dato comune emerge dai loro racconti: essi acquistano più libri e leggono di più. E il dato è confermato anche da ricerche autorevoli9. La facilità con cui, attraverso molteplici dispositivi (smartphone, e-reader, tablet ecc.), è possibile acquistare ebook a prezzi decisamente più bassi del corrispettivo cartaceo, fa sì che il lettore forte esiti molto di meno ad accaparrarsi titoli sui quali, in una libreria tradizionale, sarebbe rimasto dubbioso. La lettura può in tal modo spaziare a seconda degli interessi o dell’umore del momento: si può leggere per lavoro un saggio piuttosto denso per poi passare, in un momento di relax, alle “pagine” di un romanzo d’intrattenimento.

27Ecco che cosa intendo quando affermo che la lettura si fa orizzontale: essa non affronta più (o non più come prima) i testi dall’inizio alla fine, secondo un corso predeterminato, ma comincia a spaziare, a “saltellare” tra testi di natura anche molto diversa. Allargandosi il panorama della disponibilità grazie al digitale, abbassandosi i costi, si ampliano le possibilità di esplorazione dei cataloghi di libri in commercio.

28E di questo i rivenditori e gli editori più astuti sono consapevoli, tanto da alimentare una sorta di bulimia del lettore con continue offerte ed iniziative: dai bookpack di BookRepublic ai Kindle Deals di Amazon, dagli sconti su percorsi di lettura tematici alle anteprime delle novità in uscita.

29L’altro lato della medaglia, tuttavia, è di natura epistemologica: la capacità di attenzione e di concentrazione del lettore medio si riduce. E l’editoria più flessibile vi si adatta, offrendo testi più brevi, in narrativa come in saggistica: ritornano in auge i racconti, le novelettes, i saggi brevi o essays. Che questo sia un bene o un male è una questione di prospettiva: in ogni caso è un dato di fatto con cui bisogna fare i conti.

2. La lettura si fa sociale

30C’è un aspetto della lettura digitale che non mi sembra sia stato sufficientemente messo in rilievo: la decisione di acquistare un ebook avviene, come detto più sopra, on-line, mentre si sfogliano i cataloghi delle librerie in Rete, mentre si discute su un blog o un social network o per serendipità. Si scopre un titolo, se ne ricerca una sinossi, una o più recensioni, possibilmente un’anteprima, e si procede poi all’acquisto. Terminata la lettura, si ritorna in Rete e si scambiano opinioni con altri lettori, si va sul sito dell’autore (ove esiste) a commentare, si producono giudizi sintetici (i rating con le stelline, per esempio) o recensioni articolate.

31In altre parole, la lettura comincia on-line prima dell’acquisto e continua on-line dopo la fine dell’ebook. L’esperienza di lettura, cioè, si allarga, si estende, e nel farlo coinvolge altri lettori.

32Le questioni di findability e matchmaking, allora, e più in generale la reperibilità di un titolo, trovano nelle comunità di lettori non solo il loro obiettivo, ma anche (una parte del) la loro soluzione. Non è un caso che editori e rivenditori stiano moltiplicando le occasioni e le modalità per “fare comunità”, per consentire ai discorsi intorno ai libri di crescere ed espandersi. Dagli ormai consolidati aNobii e Goodreads (si legga a tal proposito il capitolo 8) ai nuovi social network come Bookliners10 o come il neonato Zazie11, è un proliferare di luoghi dove i lettori appassionati possono condividere interessi, idee e discorsi intorno al mondo variegato dei libri.

3. La lettura si fa ubiqua

33Gli studi citati e le testimonianze raccolte in Rete dimostrano che non solo si legge di più, ma soprattutto si legge in luoghi e/o spazi prima poco frequentati. La facilità con cui non solo si può trasportare un’intera biblioteca ma anche arricchirla con nuovi e immediati acquisti rende la lettura un’attività molto più attraente rispetto al passato e a confronto con altri usi del proprio tempo.

34A questa considerazione bisogna tuttavia premettere, seppur in forma breve e non approfondita, una riflessione. Oggi la maggior parte delle cose che leggiamo, le leggiamo in ogni caso su uno schermo, e non su carta. Se guardiamo alla giornata tipo di un adulto, possiamo facilmente immaginare le tante occasioni in cui egli assorbe informazioni tramite uno schermo: dai computer negli uffici agli apparati televisivi di casa, dai display nei supermercati ai messaggi sui telefoni cellulari. La novità introdotta dagli e-reader (e mi riferisco soprattutto a quelli che utilizzano schermi a inchiostro elettronico, non retroilluminati) non è poi così “nuova”: ciò che essi fanno non è altro che veicolare nuovi contenuti (i libri) su un monitor (particolarmente comodo), ma non inventano certo la lettura su schermo.

35Dunque, chi continua a sostenere di non poter prescindere dall’odore della carta, non la sta raccontando tutta: siamo di fronte a un tipico esempio di effetto sineddoche applicato alle pratiche di lettura, una riduzione arbitraria e falsante delle tante modalità in cui, oggi, si esperisce la lettura stessa. L’odore della carta evoca un intero set (nel senso cinematografico) di coordinate immaginarie, un vero e proprio corredo scenografico: una poltrona, una scrivania con la sua lampada, degli scaffali, un caminetto; oppure una camera da letto o ancora gli spazi austeri e lignei di un’antica biblioteca. Chi si ostina, di conseguenza, a ribadire la falsa dicotomia tra lettura digitale e lettura “tradizionale” – senza comprendere che le due esperienze possono perfettamente coesistere fianco a fianco – non fa altro che, volutamente o inconsapevolmente, scambiare la parte per il tutto. E contro la chiusura prodotta da questo genere di retorica le tecnologie della lettura digitale offrono invece al lettore un’apertura di conoscenze e possibilità.

4. La lettura si fa ipertestuale

36Abituati come siamo a leggere da siti Internet, la nozione di ipertesto, e le relative pratiche di lettura, ci sono ormai familiari: cliccare su dei link, aprire nuove finestre, saltare da una pagina all’altra, interrompere per leggere altro o per fare una ricerca, sono tutti comportamenti a cui siamo abituati.

37Gli ebook, soprattutto quelli di ultima generazione (per non parlare poi degli enhanced ebooks), consentono di “uscire” momentaneamente dal testo e, connettendosi alla Rete, di fare ricerche o approfondimenti. Oppure, più semplicemente, la lettura di un particolare brano può richiamare alla mente, secondo nessi più o meno logici, parti di altri libri, e avendoli immediatamente a disposizione sul proprio dispositivo, il lettore può costruire il suo originalissimo percorso di lettura. Le funzioni d’interazione con il testo esposte più sopra (l’uso di dizionari, le sottolineature e i segnalibri, i campi di ricerca) aprono al lettore imprevisti quanto interessanti scenari di studio, approfondimento, esplorazione.

38Da registrare, tuttavia, la necessità di rinunciare, o per lo meno di rivoluzionare, tecniche di lettura radicate da tempo: per esempio, data la possibilità che i formati digitali offrono di alterare l’impaginazione del testo a seconda dei gusti personali, si perde completamente il concetto di pagina. Si perde cioè uno strumento classico di orientamento nel testo, sostituito da quello di location. Allo stesso tempo viene limitata la possibilità della memoria visiva – essendo tutti gli ebook visualizzati più o meno nello stesso modo –, compensata, tuttavia, dalle funzioni di ricerca e segnalibro. Si tratta di cambiamenti che a primo acchito possono sembrare sconfortanti, ma a fronte dei vantaggi che la lettura digitale offre, essi rappresentano un prezzo da pagare tutto sommato modesto. E se è vero che le vecchie abitudini sono dure a morire, è anche vero che quelle nuove sono veloci a radicarsi.

Considerazioni finali

39Dal punto di vista del lettore, la lettura digitale presenta più vantaggi che svantaggi: accessibilità a cataloghi sterminati, prezzi contenuti, portabilità, interattività, possibilità di condivisione. Caratteristiche, queste, che in sé non minano ne pregiudicano certo la lettura su supporti cartacei, ma al contrario la integrano, a beneficio della promozione della lettura.

40Da un punto di vista più generale, tuttavia, le tecnologie digitali prestate all’editoria sono ancora in una fase embrionale – soprattutto in Italia – e gli scenari futuri dell’industria editoriale sono difficili a tratteggiarsi. Troppi falsi profeti, poi, inquinano la diffusione della cultura digitale. Tutto ciò che mi sento in grado di affermare è che il rapporto tra produzione e diffusione culturale da un lato e tecnologie digitali dall’altro è particolarmente delicato, e va presidiato per evitare concentrazioni di potere decisamente dannose. Gli ebook, come i libri di carta, sono veicoli di formazione e arricchimento, e il loro mercato deve rimanere libero da oligopoli o peggio ancora monopoli.

41Affermare che “l’ebook non puzza” significa allora, in conclusione, spostare l’accento sul valore dell’editoria digitale come pratica di liberazione, piuttosto che come nuovo territorio del colonialismo industriale. Una pratica di liberazione portata avanti da una comunità aperta e includente di lettori, autori ed editori.

Notes

1  Si veda quello che sta cercando di fare in Italia Simplicissimus con UltimaBooksPro (http://www.ultimabooks.it/pro) oppure quanto accade in Giappone con i distributori automatici di ebook (Finzioni Magazine: http://goo.gl/C00cf).

2  Vedi Linkontro: http://www.linkontronielsen.it/.

3Derrick de Kerckhove, The Augmented Mind, 40k, Kindle Edition, Milano 2010, locations 74-76.

4  “The New York Review of Books”: http://goo.gl/JYFoC

5  Per queste considerazioni si veda Eli Parisier, The Filter Bubble: What the Internet Is Hiding from You, Penguin Press HC, 2011.

6Marc Augé, Nonluoghi. Introduzione a un’antropologia della surmodernità, Elèuthera, Milano 2009.

7http://www.instapaper.com.

8  Su questo argomento si veda l’ottimo intervento di Marco Carrara su Baionette Librarie: http://goo.gl/T6Jwh.

9  “Wall Street Journal”: http://goo.gl/HI319.

10http://www.bookliners.com.

11http://www.zazie.it.

Auteur

eFFe è stato caporedattore della sezione News di Finzionimagazine.it, e ideatore della nuova sezione “Finzioni Digitali”. Laureato in Scienze Politiche all’Università di Firenze, ha svolto un Master in Antropologia in Messico e ho conseguito un dottorato in Scienze Politiche presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Ha lavorato come consulente pubblicitario, editor, ghost-writer, e attualmente insegna Politica Comparata e New Media and Politics alla Florida State University di Firenze. Si occupa, come consulente aziendale, di etnografia digitale. Lettore bulimico di saggistica, ha cominciato a interessarsi all’editoria digitale nell’autunno del 2010, pubblicando su Finzioni una delle prime guide al mondo dell’ebook in Italiano, di cui quest’anno uscirà una versione aggiornata e ampliata. about.me/abcdeeffe

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search