Version classiqueVersion mobile

La lettura digitale e il web

 | 
eFFe

Introduzione

eFFe

Texte intégral

1Questo libro ha una storia singolare.

2Prima dell’estate ho ricevuto un invito a partecipare a Librinnovando, il convegno che ogni anno fa il punto sul futuro dell’editoria; lo stesso invito fu spedito a diversi altri book blogger: noi tutti, nelle intenzioni degli organizzatori, avremmo dovuto formare un tavolo autonomo e indipendente di discussione. Si approntarono molto presto degli strumenti per coordinare il lavoro di tutti e per scambiarsi pareri, idee, suggerimenti.

3Lo scambio epistolare che ne derivò, che vedeva coinvolte una decina di persone, fece immediatamente capire quanto importante fosse che, invece di tante voci isolate, dal tavolo dei book blogger emergesse una voce comune, a rappresentare un modo particolare di parlare di libri e letture: competente, diretto, includente, a stretto contatto con i lettori. L’idea di raccogliere gli interventi di tutti i partecipanti in un testo coerente e articolato è stata la logica conseguenza del desiderio – un desiderio accolto con entusiasmo dalla casa editrice Ledizioni – di far sentire la propria voce.

4Una voce che – va detto in maniera chiara – oggi rappresenta una delle modalità più efficaci per fare informazione, divulgazione, approfondimento, non solo sul mondo dei libri, ma su tutte le manifestazioni della cultura contemporanea. I blogger che mettono a disposizione le proprie capacità – spesso assai più qualificate di chi detiene posizioni di potere nel mondo della comunicazione – per la diffusione di contenuti culturali incarnano un nuovo concetto di autorialità, nella misura in cui il riconoscimento delle loro competenze non viene più dall’alto, da una qualche istituzione, né tantomeno da alcun comitato, bensì proviene dal basso: essa è il frutto del dialogo a più voci che il singolo blogger intrattiene, attraverso la Rete e i suoi strumenti, con i suoi lettori. La capacità di parlare in maniera chiara, precisa, informata e – perché no – attraente, è il criterio con cui si misura l’efficacia e la pregnanza della comunicazione di ogni singolo blogger.

5Quelli che si sono riuniti intorno a questo libro hanno accettato una sfida di non poco conto: indagare i mutamenti che l’industria editoriale sta vivendo a causa dell’evoluzione tecnologica a partire da quell’osservatorio particolare che è la Rete. I saggi che qui si presentano derivano dalle sensibilità dei rispettivi autori, ma condividono tutti una prospettiva comune: sul fronte dell’editoria digitale esistono molti pregiudizi e poca informazione. È partendo da questa considerazione che si strutturano i due nuclei tematici intorno ai quali si articolano i vari capitoli.

6In primo luogo, si cerca di fare chiarezza sul rapporto che esiste tra la lettura di un libro cartaceo e quella di un ebook, su come muti la fruizione di un testo e su come si stia sviluppando un vero e proprio ecosistema di lettori, in cui i rapporti tra questi, da un lato, e autori ed editori, dall’altro, assumono nuove forme. La lettura digitale, con le sue possibilità di diffusione e socializzazione, rimette il lettore al centro dell’universo editoriale: egli diventa più consapevole di sé, più esigente, più critico e meno restio a intavolare un dialogo tra pari con gli scrittori e le case editrici. I capitoli 2 e 4 raccontano chi sono i lettori digitali, cosa vogliono, e come si rapportano criticamente ai libri e a chi li produce.

7In questo rinnovato scenario, la stessa editoria si trova costretta, volente o nolente, a evolversi. Le inerzie, le inefficienze, le bolle di privilegio che caratterizzano alcuni esponenti dell’industria editoriale vengono passate a un minuzioso vaglio dallo stesso sviluppo della Rete, e la morale che ne deriva è semplice: il successo di una casa editrice dipende, ceteris paribus, dalla sua capacità di comprendere la Rete e sapervisi adattare.

8Nella seconda parte del libro cinque saggi si concentrano su una serie di tematiche di grande rilevanza per chi i libri li scrive e li pubblica: che rapporto hanno gli scrittori con gli ebook? Quale cornice giuridica è più adatta ad accogliere i mutamenti (sostanziali e commerciali) che il digitale apporta all’editoria? Qual è l’uso che gli editori fanno della Rete, e in particolare dei social network?

9Gli autori dei saggi che seguono uniscono alla passione per i libri una profonda conoscenza del web, dei suoi strumenti, dei suoi linguaggi. Essi hanno investito entusiasmo e competenza nella progettazione di questo libro, offrendo analisi dettagliate e una visione articolata e critica dei problemi e dei temi che trattano. Questo, lo si vedrà subito, è un libro a più voci; allo stesso tempo, è un lavoro collettivo. Il suo scopo è offrire materiali e spunti per una riflessione sul futuro dell’editoria: un futuro che non siamo in grado di prevedere, ma che possiamo, con uno sforzo di apertura e inclusione, cominciare a costruire insieme. Lettori, autori, editori.

10Firenze, novembre 2011

Auteur

eFFe è stato caporedattore della sezione News di Finzionimagazine.it, e ideatore della nuova sezione “Finzioni Digitali”. Laureato in Scienze Politiche all’Università di Firenze, ha svolto un Master in Antropologia in Messico e ho conseguito un dottorato in Scienze Politiche presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Ha lavorato come consulente pubblicitario, editor, ghost-writer, e attualmente insegna Politica Comparata e New Media and Politics alla Florida State University di Firenze. Si occupa, come consulente aziendale, di etnografia digitale. Lettore bulimico di saggistica, ha cominciato a interessarsi all’editoria digitale nell’autunno del 2010, pubblicando su Finzioni una delle prime guide al mondo dell’ebook in Italiano, di cui quest’anno uscirà una versione aggiornata e ampliata. about.me/abcdeeffe

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search