Version classiqueVersion mobile

La lettura digitale e il web

 | 
eFFe

Prefazione

Luca Conti

Texte intégral

1L’ebook ti cambia la vita, soprattutto se sei un lettore forte. Può sembrare enfatico, ma è la verità, sperimentata su me stesso ma verificata anche sui mercati dove si legge di più, a partire da Stati Uniti e Regno Unito. Il futuro del libro e dell’editoria proiettato sul digitale è quindi incoraggiante e positivo, purché non ci si arrocchi in difesa o si tenti di frenare un fenomeno ormai inarrestabile. Per il lettore aperto a nuove opportunità i vantaggi sono notevoli e la malinconia per la carta passa in fretta.

2Uomini d’affari sempre in viaggio, casalinghe che sognano storie d’amore, pendolari, lettori da comodino, vacanzieri con l’amore per la lettura: le categorie di lettori che già hanno sposato l’ebook con soddisfazione sono tante, tante quanto i benefici. Chi è passato al digitale, lo dicono Amazon e Nielsen, legge di più e con più soddisfazione di chi non si è ancora fatto sedurre dall’ebook, per timore del nuovo o per abitudini consolidate che cambieranno molto rapidamente.

3Chi ha già fatto il salto – insieme a chi lo farà presto tentato da nuovi e-read-er a meno di cento euro, perfetti per un regalo non solo natalizio – sa bene come un ebook costa meno della versione cartacea, si può comprare e leggere a librerie chiuse in pochi minuti in qualsiasi parte del mondo ci si trovi, si porta con sé insieme ai propri titoli preferiti senza pesare un grammo in più e abilita un nuovo modo di leggere, il social reading, più coinvolgente e in linea con le tendenze del social web.

4Resistere è vano, meglio imbracciare la rivoluzione il prima possibile, per non attendere oltre e godere di tutti i benefici, lasciando alla carta i libri belli da vedere e da sfogliare.

5In tempo di crisi, leggere in digitale è un passatempo economico, coinvolgente e utile ad aprire nuove prospettive, per capire meglio la situazione che stiamo vivendo e attrezzarsi a cambiare in un mondo che evolve sempre più rapidamente. La cultura non è mai stata così a buon mercato, tanto che un progetto americano, World Reader1, porta l’educazione a livelli mai visti prima in Africa, grazie alla lettura di testi in inglese spediti in tempo reale sui Kindle di decine di bambini e ragazzi in sperduti villaggi del Kenya.

6Dopo due anni interi di sperimentazione attiva – non parlo mai per sentito dire, ma cerco sempre di sperimentare nuove tecnologie in prima persona – posso dire senza timore che non posso più viaggiare senza il mio e-reader, un Kindle 3 per la precisione. Dalla toccata e fuga in giornata in treno, al viaggio all’estero per lavoro, alla vacanza sotto l’ombrellone, senza i miei ebook mi sentirei perso. Niente più peso superfluo, ampia varietà dalla quale scegliere in base all’umore o agli spunti del momento, condivisione immediata su Twitter e su Facebook dei passaggi più illuminanti appena letti e l’opportunità di poter aggiungere nuovi titoli, comprati e pronti da leggere nel giro di un minuto. Va da sé che ogni momento in cui generalmente si perde tempo – la fila alla posta per quel dannato bollettino da pagare, l’attesa del mezzo pubblico, l’apertura dell’imbarco in aeroporto, la fila alla cassa per la spesa – diventa un momento per immergersi nelle proprie storie preferite.

7Quello che ho raccontato non è un sogno ma realtà quotidiana per decine di milioni di lettori nel mondo e presto milioni di lettori anche in Italia. Lo sappiamo, l’italiano medio non brilla né per cultura – poco più del 10% legge almeno un libro al mese – né per familiarità con la tecnologia. Ciò nonostante è interesse in primis degli editori, reinventarsi e allargare la platea dei lettori, facendo leva sul cambiamento. Qualcuno lo ha capito e ne trae già ampi benefici, altri lo stanno scoprendo solo ora, ma non è mai troppo tardi.

8Da Natale 2011, quando sotto l’albero raddoppieranno in una sola notte i lettori di ebook, la domanda di libri digitali innescherà un circolo virtuoso già visto altrove. Più fame di ebook, più titoli in catalogo, più fatturato digitale, più soddisfazione e più lettori forti pronti a saltare il fosso, aggiungendo nuove abitudini a quelle del passato. Meglio attrezzarsi fin da ora quindi, perché attendere?

9Gli autori di questo volume affrontano il tema della lettura digitale da diversi punti di vista, evidenziando questioni da affrontare e opportunità ancora da cogliere. Domande aperte, come quelle sul nuovo rapporto tra autori ed editori, tra chi si pubblica da solo a chi deve aggiornare i contratti sui diritti digitali.

10Altro capitolo stuzzicante è l’integrazione della lettura con i social network, tra creature che si trasformano, come aNobii, destinato a diventare una libreria digitale, e nuove applicazioni. Un ecosistema in continuo mutamento, da seguire con attenzione e curiosità, soprattutto per gli effetti indiretti sul modo di conversare intorno al contenuto di un libro.

11Tra un anno, ne sono certo, chi leggerà questa prefazione sorriderà divertito su come molte considerazioni siano diventate banali, scontate, quasi ovvie. Tra un anno avremo con ogni probabilità una disponibilità di titoli, una quantità di librerie online e una disponibilità e varietà di e-reader tali da modificare per sempre le abitudini di gran parte di chi ama leggere sul serio.

12Da lettore e da autore non posso non compiacermene. Da osservatore interno del mondo dell’editoria italiana, spero questa sia la scossa per stimolare l’industria del libro ad adattarsi e trasformarsi, al servizio della cultura e del lettore. L’alternativa è una sola: estinzione, lenta e dolorosa.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search