Version classiqueVersion mobile

Il digitale e la scuola italiana

 | 
Marco Dominici

Bibliografia Ragionata

Note de l’éditeur

Attenzione: questo libro non finisce all’ultima pagina! Se vuoi seguire gli aggiornamenti, gli approfondimenti e le integrazioni che l’autore aggiunge continuamente, segui lo spazio digitale su Medium dedicato a Il digitale e la scuola italiana:
https://medium.com/il-digitale-e-la-scuola

Texte intégral

Questo libro e gran parte delle idee in esso esposte sono il risultato di un lavoro di sintesi di numerosi articoli, post e letture da cui ho elaborato alcune riflessioni personali, seguendo in ciò il metodo applicato nel mio blog da oltre cinque anni.

L’argomento trattato è infatti non solo vasto e complesso, ma anche dibattuto e affrontato quasi quotidianamente da pedadoghi, insegnanti, editori, giornalisti, politici.

Risulta quindi difficile, per chi volesse mantenersi aggiornato sulla questione, avere un quadro d’insieme e dei riferimenti stabili, tanto più che le fonti a cui attingere informazioni non sono solo testuali, ma una mole variegata di materiali proviene sempre più dal web: discussioni sui social network, gruppi facebook dedicati all’argomento, videointerviste spesso diffuse solo su Youtube. Più che di una bibliografia, è forse più opportuno definire questa sezione una rassegna - necessariamente incompleta, perché continuamente in fieri - di luoghi di discussione e di spazi digitali in cui è possibile trovare sempre nuove voci, punti di vista, prospettive diverse, opposte, trasversali, anche. Ciò è del resto coerente con la multimodalità e la multicanalità spesso anche invocate nella presente trattazione e in fondo costituisce anche la ragione di questo breve saggio, che vuole essere una sorta di “aggregatore ragionato”, un luogo in cui ritessere le fila e offrire una visione più organica, strutturata e ragionata di una ricchissima mole di lavori e materiali sul tema.

 

Inizierei, per semplice comodità, dai blog e dai siti che offrono sempre spunti e interventi molto interessanti, causa o conseguenza di dibattiti importanti: parlo soprattutto del blog di Mario Rotta (http://www.mariorotta.com/knowledge/), un’autorità nel campo della didattica digitale e autore, insieme Michela Bini e, Paola Zamperlin. di un testo-chiave per la formazione dei docenti: Insegnare e apprendere con gli ebook (Roma, Garamond, 2010).

Un altro blog molto utile è quello di Gianni Marconato (http://www.giannimarconato.it), insegnante molto attivo nel web e che interviene spesso a convegni e tavole rotonde sul tema e altrettanto spesso lascia a disposizione i suoi interventi su Slideshare o altrove.

Per uscire un po’ dalle diatribe italiche, è bene sempre consultare il sito Edudemic (www.edudemic.com), aggiornato quotidianamente (anche più volte al giorno) e che può essere definito veramente un portale della didattica 2.0: articoli, infografiche, interventi sui temi più attuali e anche su quanto ancora non esiste ma potrà esistere in futuro. Forse troppo avvenieristico? No, in un contesto come quello in cui viviamo, in cui ciò che immaginiamo possa essere una pratica del futuro può diventare realtà nel giro di qualche settimana.

Interessante anche il sito Upside Learning (www.upsidelearning.com), una finestra sempre attenta su tutto ciò che è mobile learning, social learning e e-learning nel senso più ampio del termine, con esempi di best practices e non di rado accurate spiegazioni su come si può ottenere un ottimo risultato nel concreto della propria classe.

Se poi ti ha incuriosito il concetto di pedagogia ibrida e vuoi approfondire, puoi andare direttamente al sito http://www.hybridpedagogy.com in cui viene definito molto dettagliatamente in cosa consista questa metodologia e quali ne sono le migliori applicazioni.

Infine, altri siti sempre da tenere d’occhio per quantità ma soprattutto per qualità degli interventi sono: Edtechmagazine (http://www.edtechmagazine.com/higher/), Educators technology (http://www.educatorstechnology.com/), in cui spesso è facile trovare infografiche molto ben fatte e illuminanti, e Learning Solutions Mag (http://www.learningsolutionsmag.com/).

 

Per chi invece frequenta Twitter (a mio modesto parere, sarebbe auspicabile che ogni insegnante avesse un account in questo social), consiglio di seguire gli hashtag #edtech e #edchat, dove sfilano continuamente link ad articoli sull’argomento Education Technology.

 

Se invece proprio non ne vuoi sapere di Twitter ma sei almeno su Facebook, ho imparato io stesso a farne un uso più costruttivo iscrivendomi a gruppi molto fequentati e attivi, come Insegnanti 2.0, Il tablet a scuola, Docenti virtuali e Webscuola. Sono tutti spazi che rivelano quanto sia ormai urgente, importante e coinvolgente la discussione (anche in modo spesso acceso) di un tema comunque ineludibile e inevitabile, qualsiasi sia la propria posizione a riguardo.

 

Infine, i testi (cartacei e non): voglio segnalare qui quelli strettamente indispensabili per cominciare ed eventualmente approfondire l’argomento che sta più a cuore.

Appartiene sicuramente a questa categoria il terzo tomo della trilogia L’età dell’informazione: economia, società, cultura di Manuel Castells: il titolo di questo terzo volulme è La nascita della società in rete (UBE, Torino, 2008): si tratta un testo fondamentale per capire perché, quando e in che modo la rivoluzione tecnologica dell’informazione e della comunicazione ha portato ad un totale stravolgimento dei paradigmi e dei processi non solo della conoscenza, ma anche dell’economia e della società.

Meno ingombrante - e non solo perché è un ebook, ma in quanto saggio breve - è La mente accresciuta del filosofo-sociologo Derrick De Kerchove che segue e approfondisce un filone già individuato da Castells quando afferma che “lo spostamento della nostra visione del mondo dall’individuo alla rete comporta una radicale riconfigurazione della cultura”. La sua visione di una mente accresciuta è sostanzialmente la considerazione della Rete e degli individui in Rete come una mente non collettiva, ma connettiva, cioè una mente singola che viene ampliata e non sommersa dall’interazione con le altre, alle quali si connette senza necessità di vincolarsi.

Per andare verso testi in cui si parla più specificamente di didattica e tecnologie, imprescindibili sono i lavori di Paolo Ferri: dall’ancora per molti aspetti attuale E-learning, didattica, comunicazione e tecnologie digitali (Le Monnier, Firenze, 2005), al discusso Nativi digitali (Bruno Mondadori, Milano, 2011), fino al più recente La Scuola 2.0 Verso una didattica aumentata dalle tecnologie (Spiaggiari Edizioni, Parma, 2013), in cui si parla di una necessaria quanto urgente riprogettazione dell’intero sistema scuola, una scuola “aumentata” dalle tecnologie.

Ferri mette anche in evidenza l’importanza di stabilire, attraverso le nuove tecnologie, una sorta di “nuova alleanza” tra gli stili di apprendimento degli insegnati e le modalità di apprendimento di quelli che lui continua a definire, come Prensky, “nativi digitali”; importante anche la sezione dove si danno indicazioni su come pensare e progettare i nuovi contenuti digitali per la scuola 2.0.

Un altro punto di riferimento è Pier Cesare Rivoltella, che si occupa di tecnologie e comunicazione sin dai primi anni ‘90. Per quanto riguarda specificamente la didattica, da menzionare almeno Media e tecnologie per la didattica (Vita e pensiero, Milano, 2008), che offre ancora spunti e osservazioni attuali, per un ripensamento profondo e una rielaborazione dell’agire didattico in base alle nuove esigenze e alle nuove competenze richieste dall’attuale società dell’informazione.

Un testo che ha fatto molto parlare di sé è quello di Roberto Casati, Contro il colonialismo digitale (Laterza, Bari, 2013), in cui l’autore, da buon conoscitore delle tecnologie qual è, mette in guardia da un eccesso di entusiasmo nei loro confronti e dagli equivoci che possono nascere proprio in un contesto come quello scolastico, in cui il ritardo tecnologico è fisiologico e in cui devono essere messi in ordine le priorità le strategie di adozione e utilizzo delle tecnologie stesse.

Decisamente più convinto della necessità di adottare le tecnologie nella pratica didattica quotidiana è Roberto Maragliano, che nella nuova edizione rivista e ampliata del suo Adottare l’e-learning a scuola accompagna letteralmente per mano l’insegnante scettico (di)mostrandogli la necessità per l’educatore di almeno conoscere la differenza tra modalità lineare di conoscenza e modalità reticolare; sapere che oltre al modello pedagogico T (trasmissivo, frontale, passivo per lo studente) ce n’è anche uno P (che intende le attività di insegnamento e di apprendimento come il prodotto di una costruzione collettiva) e che le tecnologie possono favorire sia l’applicazione di questo modello sia facilitare e rendere meno monotono anche il primo.

A proposito poi di pedagogia, ritengo che qualsiasi insegnante dovrebbe conoscere Sir Ken Robinson, un educatore di livello mondiale che con i suoi libri e i suoi interventi (cinque milioni di visite su Youtube - e senza mostrare gattini, come tiene a dire lui stesso) sta diffondendo ovunque il suo modello pedagogico basato sulla valorizzazione dei talenti di ognuno, sulla demolizione del sistema scolastico così come è ancora concepito e che si basa su criteri ormai desueti per un’educazione più orizzontale, individualizzata, rispettosa dei ritmi e delle strategie di apprendimento dello studente e soprattutto che non privilegi alcuna disciplina a scapito di altre.

Nel corso del presente saggio ho già menzionato due suoi testi disponibili anche in italiano, ma raccomando vivamente di vedere i suoi interventi in occasione di diverse sessioni di TED e soprattutto il video intitolato significativamente “Cambiare i paradigmi dell’educazione”.

Molti altri video li trovi direttamente nel suo sito internet (http://sirkenrobinson.com)

Molto interessante anche l’ebook The Future of Learning Institutions in a Digital Age (MacArthur, MIT, 2009) di Cathy N. Davidson e David Theo Goldberg, sviluppato come una sorta di progetto collettivo in cui insegnanti di tutto il mondo hanno potuto dare il loro apporto con testimonianze, pratiche, opinioni, fino a formare un quadro piuttosto definito e tutt’altro che dispersivo di ciò che è stato ed è ancora il processo di apprendimento (e di insegnamento) e di quello che potrebbe diventare (e in alcune parti il cambiamento è già in corso) anche con l’aiuto delle tecnologie.

Un testo digitale disponibile gratuitamente online è l’open textbbok Teaching in a Digital Age di Tony Bates, un esperto di educazione a distanza che nei dodici capitoli del suo open textbook affronta le due questioni senza dubbio prioritarie in questo ambito: la necessità di cambiamento nel modello educativo e la natura della conoscenza, le sue implicazioni nell’insegnamento e il suo rapporto con le nuove tecnologie. Nel testo si fa anche un’ampia e aggiornata rassegna delle teorie di apprendimento più importanti e che più possono valorizzare l’utilizzo del digitale. A questo proposito, rimane oltremodo attuale il libro di Antonio Calvani e Mario Rotta Comunicazione e apprendimento in Internet. Didattica costruttivista in Rete (Edizioni Erickson, Trento, 1999).

Per chi vuole seguire da vicino Tony Bates, raccomando il suo sito www.tonybates.ca, ricco di riflessioni, link e materiali.

Infine, ma solo per metterlo più in evidenza, concludo questa rassegna con il libro di Gino Roncaglia La quarta rivoluzione (Laterza, Bari, 2011), un testo che con semplicità ed efficacia ripercorre la storia del libro dalla sua comparsa e ci ricorda che esso stesso stesso è una tecnologia, anch’essa ai suoi tempi avversata quasi per le stesse ragioni per cui ora molti sono ostili agli ebook e in generale al nuovo modo di produzione e diffusione dei materiali, didattici e non.

Un vademecum da tenere sempre in considerazione per cercare di capire come l’editoria potrà affrontare questa nuova, grandissima sfida che è allo stesso tempo culturale, industriale ed economica.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search