Version classiqueVersion mobile

Il digitale e la scuola italiana

 | 
Marco Dominici

Considerazioni finali

Texte intégral

1Stiamo vivendo indubbiamente un periodo di grande discontinuità: prima Internet e poi l’evoluzione che ha avuto il web negli ultimi anni hanno portato uno sconquasso nel sistema dell’informazione, dei media e della cosiddetta “macchina culturale” (cinema, musica, editoria) di portata veramente epocale. Per quanto riguarda l’editoria, ha ragione chi (come Gino Roncaglia nel suo La quarta rivoluzione) paragona questa fase a quella che è seguita all’avvento dei caratteri mobili di Gutenberg, quando gli amanuensi non potevano credere che un prodotto di qualità inferiore e fatto in modo più rozzo potesse davvero avere il sopravvento sui loro meravigliosi codici miniati. Ci troviamo di fronte allo stesso indignato stupore di quei monaci e alla loro sdegnosa incredulità. La storia dovrebbe insegnarci a non fare anche il loro stesso errore e soprattutto a non ampliarne la portata escludendo da questo processo di trasformazione la scuola, come fosse un’oasi da salvaguardare in mezzo al vortice caotico del digitale.

2La scuola è parte integrante della società e non può ignorare i nuovi strumenti del sapere, dell’informazione e della conoscenza usati dalla società stessa. Inoltre, si trova di fronte a una svolta decisiva dal punto di vista metodologico e pedagogico, dal momento che è anche e proprio grazie a questi strumenti che le generazioni a venire potranno informarsi e formarsi in maniera differente: con altri ritmi, altre dinamiche, altre gerarchie cognitive.

3Si tratta di un contesto molto fluido, in continuo divenire, con meccanismi che però appaiono sfuggenti, fluidi essi stessi, mai definiti e definitivi. È impensabile che l’intera classe docente possa entrare e abitare un simile spazio senza un iniziale disagio e adottare in modo compatto, da un anno scolastico a un altro, nuove strategie didattiche dettate da logiche e metodologie spesso tutte ancora da verificare.

4La tesi di fondo supportata da questo saggio è che sia necessaria una fase di decompressione, in cui i nuovi paradigmi vengano assorbiti e metabolizzati; un periodo di pedagogia e didattica ibrida in cui si trovi un’osmosi tra apprendimento nel mondo degli atomi e le forme di conoscenza promosse dal mondo dei bit. Del resto, una società essa stessa ibrida non può ricevere un’educazione e una formazione che sia troppo connotata in senso passatista né eccessivamente e astrattamente ipertecnologico.

5L’editoria può in questo senso fornire al mondo della scuola nuove idee e proposte innovative per un uso efficace dei nuovi strumenti a disposizione e fungere in un certo senso da traino (come del resto ha spesso fatto) verso un nuovo modo di creare e promuovere la conoscenza, per poterla utilizzare in contesti diversi in modo flessibile. A patto però che l’editoria stessa superi il trauma causato da questo stesso cambio di paradigma e si reinventi, trovando forme nuove e nuove modalità di gestione di materiali, risorse e servizi che si integrino con le logiche del digitale.

6Non è solo una sfida industriale, ma soprattutto culturale e sociale, che tutti noi siamo chiamati a raccogliere.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search