Version classiqueVersion mobile

Il digitale e la scuola italiana

 | 
Marco Dominici

Le piattaforme della didattica digitale in Italia

Texte intégral

1Giunti a questo punto, non resta che vedere in che modo le case editrici che si occupano di scolastica stanno interpretando questa delicatissima fase di passaggio, allo scopo di mostrare quanto sia frammentato il quadro dell’innovazione didattica in Italia. La rassegna che segue ha uno scopo prettamente informativo e non valutativo, compito questo che spetterà eventualmente ai docenti e agli studenti che utilizzeranno gli strumenti, i materiali e i servizi messi a disposizione dagli editori.

Mystudio39 – Gruppo RCS

2RCS ha ultimamente intrapreso con decisione un percorso innovativo: Aula Digitale ne rappresenta un primo esito concreto, a cui ha fatto seguito Mystudio, un ambiente di apprendimento collaborativo integrato costituito da un insieme di contenuti, materiali e servizi, come OpenBook , il libro di testo digitale interattivo; ExtraKit, l’espansione digitale del libro; DigiTest, una piattaforma per la creazione di test; Mosaico, un motore di ricerca semantica per la scuola. Inoltre Mystudio mette a disposizione una serie di strumenti e servizi per una didattica collaborativa, questo soprattutto grazie a strumenti come Blog, ePub Maker (per la creazione di ebook personalizzati) e ClassBox, per la condivisione di materiali in cloud.

Eugenio40 - tutor di italiano - Loescher

3EUGENIO è uno dei programmi più interessanti nel contesto didattico italiano: lo studente è guidato nell’analisi e nella comprensione del testo in maniera efficace, con l’ausilio di materiale espressamente creato per l’ambiente digitale. Per ora il solo gruppo editoriale che ne fa uso è quello Zanichelli.

Gruppo Zanichelli

4A proposito di Zanichelli, il gruppo editoriale bolognese è piuttosto attivo nel campo digitale: da una parte infatti il suo portale myZanichelli.it41 contiene le risorse online che integrano i libri di testo; dall’altra è stato anche realizzato un progetto correlato al portale, ZTE42 (Zanichelli Test), un sistema di esercizi interattivi che offre all’insegnante la possibilità di creare classi virtuali e gestirle attraverso un registro elettronico.

Il Capitello

5Gran parte dei materiali digitali proposti dal gruppo editoriale il Capitello sono visualizzabili e scaricabili solo previa registrazione come docente. Oltre ai materiali integrativi e a risorse specifiche per gli insegnanti, il sito offre una sorta di videotutorial43 in tre sezioni che presenta le risorse didattiche multimediali del software per LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) realizzato dall’editore.

Imparo sul web44 - Loescher, D’Anna, Cambridge e Helbling Languages

6Imparosulweb è una piattaforma pensata per accogliere i contenuti digitali integrativi dei libri misti pubblicati da diverse Case editrici (Loescher, D’Anna, Cambridge e Helbling Languages).

LibroPiùWeb45 - Mondadori Scuola, Mursia Scuola, Le Monnier

7Anche Libropiùweb si configura come un ambiente di apprendimento il cui centro è costituito dal ME Book, cioè l’estensione digitale del libro di testo arricchito con multimedia, approfondimenti, learning objects, risorse e percorsi all’insegna dell’interattività e della condivisione. Per videotutorial esplicativi nonché webinar di formazione per insegnanti sulle potenzialità didattiche dell’ambiente Libro+Web si può visitare il relativo canale YouTube46.

8Edumond Le Monnier ha elaborato una serie di materiali pensati specificamente per i bambini:

12Rino (diminuitivo di Computerino) aiuta i piccoli studenti ad approfondire ed esercitare varie materie, dalla storia all’informatica. Si tratta di animazioni interattive che è possibile eventualmente usare anche in classe con la LIM.

Pearson Digital System - Pearson, Archimede, B. Mondadori, Paravia

13Anche Pearson Digital System parte dall’Interactive Tablet Edition del libro cartaceo adottato per immettere l’utente in un sistema integrato di prodotti e servizi in cui il materiale è declinato in varie modalità, per LIM e piattaforma e-learning (l’ambiente Pearson MyLab50, un ambiente di apprendimento online che contiene più di 5000 attività articolate in percorsi differenziati). Per quanto riguarda il digitale, Pearson organizza attività di formazione per gli insegnanti il cui calendario è reso noto in una sezione specifica del sito.

Scuola.com51 - CEDAM SCUOLA-DEAGOSTINI· GARZANTI SCUOLA

14Anche in questo caso, un ambiente di apprendimento multipiattaforma basato sul cloud, con risorse sincronizzabili, attività interattive, contenuti da condividere. Da notare che i libri digitali di Cedam Scuola, di Loescher e Zanichelli (insieme a Lattes, Cambridge University Press e Trevisini Editore) sono disponibili nella piattaforma bsmart52, che tra le altre cose permette agli studenti di personalizzare i contenuti dei libri condividendo le annotazioni con i compagni e aggiungendo contenuti elaborati individualmente o in gruppo.

Edizioni Principato53

15Ogni materia prevede contenuti online che integrano quello cartacei. I materiali sono utilizzabili anche attraverso la LIM. Più interessante l’ambiente di apprendimento sotto il marchio “Le libellule”, che attraverso una piattaforma Moodle, fornisce per ogni materia percorsi didattici interattivi.

Laterza54

16Anche Laterza ha approntato la sua Aula Digitale: una piattaforma di apprendimento che permette di accedere e utilizzare i contenuti digitali dello stesso editore, caricare e condividere materiali autoprodotti, interagire con il gruppo classe e tutta una serie di funzionalità tipiche di questo tipo di piattaforme, tra cui la creazione di test interattivi, monitoraggio e tracciamento del percorso di apprendimento di ogni studente. Non ultimo, per gli insegnanti c’è la possibilità di formazione digitale in modalità e-learning. Un servizio esclusivo di Laterza è invece la possibilità offerta a insegnanti e studenti di accedere alla biblioteca digitale dell’editore e creare la propria biblioteca di classe.

SEItraining - SEI55

17SEItraining è un ambiente didattico dove l’insegnante può creare un registro di classe e creare prove e test personalizzati, tracciando il percorso di apprendimento di ogni studente.

Avagliano iSchool56 - Avagliano editore

18Il progetto consiste in un ambiente di apprendimento integrato e multipiattaforma in cui i contenuti didattici possono essere esportati e condivisi tra studenti e docente via web (accedendo alla propria scrivania virtuale da scuola o da casa, in modalità “cloud computing”).

19L’editore ha realizzato pacchetti didattici per tutte le materie della scuola primaria e secondaria: learning object, ambienti 3D, elementi multimediali e l’opportunità di integrare, modificare o creare nuovi percorsi didattici.

#IL CASO DI GIUNTI

Quella di Dino Baldi, responsabile del dipartimento digitale di Giunti Scuola, è la voce di un insider dell’editoria scolastica ma anche di un intellettuale che in alcune occasioni pubbliche ha espresso diverse considerazioni molto condivisibili. Ho chiesto a Baldi di fare il punto su tre questioni centrali: il ruolo degli editori, l’impatto delle tecnologia sulla didattica e le Open Educational Resources.

Il ruolo degli editori

Il digitale scolastico è ancora vicino all’anno zero e gli editori riflettono molto da vicino la realtà della scuola: sarebbe sbagliato allora confondere questa scuola e questi editori con quello che potrebbero diventare se fossero messi in grado di fare una scelta. Per questo, al di là di strategie a medio e lungo termine, sono sempre più in sintonia con chi prima di tutto mette l’accento sulle condizioni di contesto: finché non ci sarà un’infrastruttura di rete, strumenti adeguati, insegnanti formati al nuovo e una legislazione stabile e poco invasiva, il resto sono parole al vento, operazioni di marketing e nei casi migliori belle sperimentazioni e tanto lavoro dietro le quinte (ad esempio, per gli editori, sulla filiera produttiva, sulle piattaforme, sui formati).

L’impatto delle tecnologie nella didattica

La conseguenza più interessante dell’ingresso delle tecnologie in classe è il fatto che costringono la scuola a farsi delle domande esistenziali, e non necessariamente legate alle tecnologie. La scuola ha bisogno di ridiscutere e ridefinire il proprio rapporto con il mondo esterno, in senso attivo e consapevole e non unicamente difensivo o di resa: per questo “esame di coscienza”, per il superamento dell’autoreferenzialità, non c’è niente di più dirompente di una connessione internet attiva in classe. Inoltre, le strutture: ha ancora senso che sia l’aula il luogo deputato per un tipo di didattica che, al di là degli slogan, rischia di essere ancor meno interattiva e più vecchia di quella tradizionale? Allargando il campo, quale deve essere il rapporto fra le tecnologie dentro e fuori la classe, tra devices di gruppo e devices individuali come il tablet? A questo proposito ritengo che il BYOD (Bring Your Own Device) rappresenta non solo una delle poche strade praticabili, ma forse anche la più corretta sul piano del metodo e dei principi.

Per ultimo, in merito ai formati mi sembra importante la timida comparsa, fra le proposte adozionali, del cosiddetto “libro liquido”, ovvero il libro tradizionale proposto in versione html: un primo importante passo verso l’emancipazione, anche psicologica, dal libro a struttura fissa, perpetuato, in digitale, dal pdf.

OER e contenuti didattici aperti e condivisi: una minaccia o una risorsa per l’editore?

Gli editori scolastici che considerano una minaccia i contenuti aperti e gratuiti e i contenuti prodotti dal basso dagli insegnanti, a mio parere sbagliano due volte: sul piano culturale (della percezione del proprio ruolo e valore) e sul piano delle strategie di sviluppo dell’offerta. Io credo che la battaglia interessante non sia quella in difesa di posizioni acquisite, ma della qualità; e non la qualità editoriale garantita astrattamente dalla filiera di produzione o da validazioni implicite, ma quella guadagnata sul campo. È ancora presto forse per capire come i percorsi prodotti dall’editore possano relazionarsi in maniera virtuosa, sul piano della didattica, del mercato e delle tecnologie, con contenuti “altri”, ma un editore che non si stia preparando attivamente a scenari diversi, misti, a mio parere rischia molto. C’è un’eccessiva abitudine a pensare al prodotto scolastico secondo categorie tradizionali che ancora sono valide, ma che temo lo saranno sempre meno in futuro.

Intel® Education57

20A chiudere questa rassegna, non può mancare un accenno alll’attività di Intel, che non è certo un editore ma che in Italia, attraverso Intel Education, la sua divisione specifica dedicata alla scuola, ha voluto assumere il non facile ruolo di agire come trait d’union tra i vari soggetti interessati: Ministero, scuole (intese come dirigenti scolastici, insegnanti, studenti), editori e le grandi aziende dell’ICT (tra cui Acer, Asus, Dell, HP, Toshiba, Lenovo) che propongono soluzioni tecnologiche alle scuole.

21Si tratta di soggetti che troppo spesso faticano a comunicare e interagire, ma che solo attraverso un confronto reciproco, aperto e continuo possono mettere su un tavolo comune idee, progetti, risorse e proposte da valutare, considerare, selezionare.

22A questo scopo, Intel ha individuato e qualificato alcuni rivenditori del proprio canale per poter offrire alle scuole una consulenza ad ampio spettro ed indipendente dalla scelta del singolo dispositivo; i rivenditori hanno a disposizione anche uno strumento (ESB-Education Solution Builder) online per strutturare la raccolta delle esigenze del singolo istituto/comprensorio in modo da venire incontro in maniera più mirata possibile alle necessità sia in termini di risorse tecnologiche sia di disponibilità di spesa di ogni scuola.

23Fin dai primi anni del 2000 Intel è inoltre impegnata nella formazione del corpo docente sulle nuove tecnologie e sui nuovi modelli di didattica partecipativa con l’obiettivo di accelerarne il progresso di digitalizzazione grazie all’introduzione di nuovi modelli di didattica innovativa.

24I programmi Intel Education nel settore scolastico sono quindi finalizzati a innovare sia gli ambienti di apprendimento sia i contenuti didattici attraverso interventi concreti a favore dell’uso integrato della tecnologia per stimolare maggiormente le capacità di problem solving, il pensiero critico e la collaborazione tra gli studenti.

25Sin dal settembre 2009 (e rinnovato nel 2013) è attivo un Protocollo di Intesa triennale tra Intel e il MIUR che ha come scopo la promozione e il rafforzamento di una cultura digitale nella didattica, con iniziative per l’individuazione di soluzioni a supporto dei processi di innovazione pedagogico-didattica e sperimentazioni finalizzate a modificare gli ambienti di apprendimento.

26In particolare, gli impegni assunti da Intel Education nell’ambito del protocollo hanno individuato alcune grandi aeree di intervento:

  1. iniziative per ridurre il digital divide nelle scuole e innovare sia gli ambienti sia i contenuti didattici;

  2. supporto alla creazione di contenuti didattici digitali;

  3. formazione degli insegnanti all’uso delle nuove tecnologie;

27All’interno di questo protocollo, Intel Education ha collaborato anche con Indire, (Istituto nazionale di Documentazione Innovazione e Ricerca Educativa) nell’ambito di ArdesiaTech, un progetto di ricerca all’interno dell’istituto comprensivo di Montelupo Fiorentino (FI): si tratta della sperimentazione di un setting tecnologico orientato alla didattica per valutare l’evoluzione dei meccanismi di interazione in classe e gli effetti positivi dell’impiego della tecnologia in ambito scolastico.

 

28Recentemente è stato infine presentato anche un nuovo intervento di formazione che ha coinvolto direttamente Intel e 15 scuole primarie umbre, grazie alla collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale della Regione Umbria e dell’Università degli Studi di Perugia. L’iniziativa si propone di incidere e di innovare l’esperienza didattica sia per gli alunni sia per gli insegnanti. Grazie al pieno supporto delle famiglie e sotto il coordinamento degli esperti dell’Università, l’iniziativa sta ottenendo risultati interessanti, facilitando l’utilizzo di modelli didattici meno tradizionali, come la già menzionata “flipped classroom”. Alle quindici scuole aderenti sono stati forniti dispositivi studiati apposta per studenti giovanissimi, leggeri ma soprattutto resistenti all’urto e ai liquidi.

29La conclusione che si può trarre da questa rapida (e necessariamente incompleta) carrellata è che la maggior parte degli editori ha investito e continua a investire capitali e risorse per la creazione di ambienti di apprendimento e materiali didattici spesso anche pregevoli e che sicuramente meriterebbero una ribalta e una valorizzazione maggiore. Perché quindi l’alzata di scudi della categoria così ben rappresentata dalle rimostranze58 dell’AIE (Associazione Italiana Editori) già contro le decisioni del Decreto Profumo?

30Bisogna ricordare che l’editoria scolastica è, prima di tutto, un business. Un business che permette a otto-nove editori di fatturare circa il 70% degli oltre 800 milioni di euro all’anno (secondo i dati AIE del 2012) che i libri scolastici – cartacei, bisogna sottolinearlo – garantiscono. Se sono stati fatti notevoli investimenti nel digitale, la cosa è stata resa possibile proprio grazie a questi ricavi a cui gli editori non intendono rinunciare.

31Ma la questione, quando si parla di editoria scolastica, è piuttosto complessa perché gli editori agiscono all’interno di un sistema che comprende anche la scuola (che significa insegnanti, dirigenti, genitori, studenti), il Ministero e le interrelazioni fra questi tre soggetti. Siamo qui di fronte a un cortocircuito, dal momento che da una parte il Ministero non è in grado di dare continuità e coerenza ai suoi interventi (che i continui tagli al settore rendono comunque poco credibili); d’altra parte puntare sul digitale senza accompagnarlo a un intervento sul piano didattico e metodologico rende ulteriormente difficile l’accettazione da parte dei docenti di strumenti, piattaforme e materiali digitali quasi imposti dall’alto e senza un’adeguata formazione o una cornice pedagogica in cui inserirli.

32In questo quadro, è lecito interrogarsi sul ruolo – verrebbe da dire sulla “missione” – dell’editoria scolastica: attivo agente di cambiamento delle politiche educative e dei modelli didattici o soggetto passivo che aspetta che il cambiamento arrivi per altre vie e in altri modi (dal Ministero, dal mercato dei dispositivi, dalle politiche commerciali di grandi player internazionali)? Gli investimenti finora fatti sono spesso considerevoli, ma rischiano di essere altrettanto vani, se l’editoria rimane l’unico ingranaggio che viene messo in azione.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search