Version classiqueVersion mobile

Di donne e cavallier

 | 
Cristina Zampese

Ariosto e Bembo all’altezza del primo «Furioso»

Claudio Vela

Texte intégral

  • 1 Ariosto (Stella): 457.
  • 2 Ci si riferisce ad Ariosto (Matarrese-Praloran), da cui saranno tratte tutte le citazioni della pr (...)

1Pare davvero emblematico che in un convegno dedicato al primo Furioso sia stato previsto e richiesto e presentato – collocandolo in apertura – un intervento su Ariosto e Bembo. Inevitabile il collegamento con la relazione che inaugurava (di fatto, e così negli Atti conseguenti) il convegno di Gargnano del 2000 sulle Prose della volgar lingua: un contributo di Cesare Segre intitolato, seccamente, Bembo e Ariosto (Segre 2000). Oggi, trattandosi di convegno ariostesco, la coppia si presenta a ordine inverso, Ariosto-Bembo: ma sempre questo nodo si è chiamati a sciogliere, o più modestamente a descrivere, come se fosse ineludibile, un passaggio obbligato. Però con una differenza non secondaria: armati del senno di poi, com’è inevitabile, è sempre stato quello che succede dopo la princeps del poema a focalizzare l’attenzione degli studiosi. Quando Segre proprio nell’esordio del suo contributo scrive di «autori che riescono a esercitare una straordinaria opera di modellizzazione sulla letteratura cui appartengono», e affianca ai soli Orazio per la letteratura latina e a Boileau per la francese il nome di Bembo per quella italiana, è ovvio che si riferisca – tanto più parlando, subito dopo, di «azione legislativa» (e giustamente specificando «soprattutto nell’ambito linguistico») – al Bembo “descrittivo–normativo” delle Prose (Segre 2000: 1). Per argomentare però, nelle pagine successive, sulla sostanziale autonomia di Ariosto, disposto sì a seguire le indicazioni delle Prose, ma selettivamente, perché, come già aveva indicato il basilare contributo di Angelo Stella per il convegno ariostesco del 1974, «Le scelte del Furioso concordano generalmente con quella che sarà l’evoluzione della lingua italiana, anticipando spesso l’uso e la norma delle Prose» (Stella 1976: 50), e più oltre propone «la priorità dell’Ariosto in alcune opzioni» (ibi: 59). Sta di fatto che basta accostare i due nomi perché subito scatti l’interruttore linguistico, tale è stata ed è la forza delle Prose della volgar lingua nella loro “opera di modellizzazione” direi automatica sul nostro discorso storico-letterario. Certo, ha contribuito l’Ariosto stesso, con la famosa lettera al Bembo del 23 febbraio 1531. Così nota che mi piace ricitarne qui il passo centrale: «Io sono per finir di rivedere il mio Furioso; poi verrò a Padova per conferire con V. Sig.ria, et imparare da lei quello che per me non sono atto a conoscere».1 E ancora di più, satira VI a parte, con la menzione speciale del Bembo nel Furioso del ’32. Così se dalle “quisquilie grammaticali ariostesche” di Santorre Debenedetti, passando per gli studi di Segre, Dionisotti, Stella, Boco e Vitale, felicemente approdiamo ora al freschissimo commento Matarrese-Praloran della princeps, vediamo che lo spoglio della presenza del Bembo nel commento a piè di pagina riporta quei fatti linguistici che interverranno tra A(B) e C certamente per adeguamento alle indicazioni delle Prose: il sistematico tosto per presto avverbio, l’articolo lo per il davanti a s-implicata, ne la per in la, eccetera.2

  • 3 Cf. il cappello di Donnini al sonetto in Bembo (Donnini): 288. L’incipit nella princeps del 1530 e (...)
  • 4 Cf. Zanato 2006 (: 403): «L’avvio originario, Dirò la grave e perigliosa guerra, mostra ancor più (...)
  • 5 Cf. Gnocchi 1999: 283-287 (e 289 per il carme Ad Petrum Bembum).
  • 6 Cf. Zampese 2012: 102-103.
  • 7 Per i rapporti ferraresi di Bembo cf. Zanato 2006: 346-362 (passim).

2Questo è ciò che succede dopo. Ma nel 1516 il conto del dare e dell’avere tra il quarantaseienne Bembo e il quarantaduenne Ariosto (uomini fatti, nel pieno della loro maturità) si basava su tutt’altri presupposti, su altri debiti o crediti che quelli linguistici, per stare alla metafora finanziaria. In realtà era già un rapporto a senso unico, non pacifico però. Non è rintracciabile alcuna influenza ariostesca nel Bembo di allora, e ben poco in seguito, e quel poco sta ovviamente nelle Rime: pare certa ormai la precedenza del bellissimo sonetto Chiuso era il sol da un tenebroso velo rispetto a quello del Bembo, non noto prima del 1530, Fiume, onde armato il mio buon vicin bebbe, difficilmente indipendente da quello dell’Ariosto;3 e una sorta di ricordo dell’Ariosto può essere considerato, come segnala Zanato, l’incipit del sonetto poi proemiale Dirò la grave e perigliosa guerra (così nella versione manoscritta probabilmente del 1529), ma sarà un caso che già nella prima stampa, l’anno successivo, il verso sarà modificato in Piansi e cantai la perigliosa guerra, e dal ’35 nel definitivo Piansi e cantai lo strazio e l’aspra guerra?4 Mentre nell’altra direzione, dal Bembo all’Ariosto, le cose sono un po’ più complesse, e direi interessanti. Lasciamo stare i rispettivi carmi latini giovanili, di ispirazione properziana, dove pure è l’Ariosto col suo Ad Petrum Bembum a “rispondere” al Bembo. Più notevole il fatto che del sonetto dell’Ariosto Se senza fin son le cagion ch’io v’ami è stata dimostrata (da Alessandro Gnocchi) la pertinenza a uno scambio di sonetti con Niccolò Tiepolo e Vincenzo Querini (una sorta di tenzone sviluppata nell’àmbito di quella “compagnia degli amici” che nei primissimi anni del Cinquecento riuniva Bembo e alcuni suoi amici veneziani in uno speciale cenacolo letterario di cui Bembo era già il punto di riferimento), tutti ruotanti intorno a una fortunatissima coppia di sonetti bembiani, Crin d’oro crespo e d’aura tersa e pura e Moderati desiri, immenso ardore. Essendo entrambi i sonetti del 1503 e legati alla fase biografica bembesca dell’amore per Lucrezia Borgia, fresca sposa di Alfonso d’Este, la loro pertinenza ferrarese balza in primo piano e giustifica il coinvolgimento dell’Ariosto: che probabilmente il coinvolgimento non fosse richiesto (Ariosto non faceva parte della “compagnia degli amici”) non importa: importa che l’Ariosto si fosse scelto, a quella data, quell’interlocutore, il Tiepolo, e per proprietà transitiva attraverso lui gli altri che in quella metaforica arena, dominata dal Bembo, erano scesi.5 L’episodio è significativo dunque, ma da non sopravvalutare. Non perché non fosse importante il Bembo rimatore volgare e poeta latino (Cristina Zampese ha segnalato qualche altro debito ariostesco nei confronti del Bembo latino),6 ma perché di lì a poco, nel 1505, l’apparizione pubblica degli Asolani in magnifica stampa aldina, con un certo numero di esemplari muniti di preliminare lettera di dedica a Lucrezia Borgia, avrebbe sancito con ben altro peso l’importanza anche “ferrarese” del loro autore: che oltretutto nel primo lustro del secolo a Ferrara era stato di casa, soprattutto ospite di Ercole Strozzi (ma già, come è ben noto, nel 1497-98, alla scuola del Leoniceno).7

  • 8 Cf. in particolare Dorigatti 2011.
  • 9 Cf. Ariosto (Matarrese-Praloran): 179, 764, 796, 1042. D’altro canto Gnocchi 1999: 291-293 ha dimo (...)
  • 10 Cf. ibi: 731.
  • 11 Bembo (Dilemmi): 120.
  • 12 Ariosto (Matarrese-Praloran): 731.
  • 13 Cf. testo di C XXIV 1, 7-8 e relativo apparato di A e B in Ariosto (Debenedetti-Segre): 794.
  • 14 Cf. l’ampia descrizione del codice in Bembo (Gnocchi): XXIII-XXIV.
  • 15 Ariosto (Stella): 159.
  • 16 Le diverse redazioni delle stanze 46 e 48 si leggono in Bembo (Gnocchi): 98–99 e 102-103, da cui s (...)
  • 17 Per il manoscritto Marciano nella tradizione delle rime di Bembo cf. Bembo (Donnini): 553-554 (des (...)

3Spostiamoci al Furioso del ’16: questa la data della pubblicazione, ma il poema era “in cottura” almeno da un decennio, come Dorigatti ci ha bene insegnato.8 Avrebbe potuto un Ariosto, autore di un poema che si sarebbe aperto col verso Di donne e cavallier li antiqui amori, e dove l’amore e i suoi fenomeni hanno gran parte, ignorare un trattato in prosa e versi volgari che dei moderni amori si occupava, di un autore già di rilievo anche a Ferrara, e inoltre ben noto a lui personalmente? Domanda retorica, risposta scontata. E infatti se dalle note a piè di pagina passiamo alle estese e importanti schede finali che corredano ogni canto del poema nella recentissima edizione Matarrese-Praloran, riscontriamo una presenza degli Asolani, limitata certo ma non effimera, per i canti VI, XXII, XXIII, XXX.9 L’esistenza stessa di questo commento, che riassume e assume entro di sé i risultati degli studi precedenti (importante in particolare quanto agli Asolani il contributo di Tissoni Benvenuti 2016 per il canto VI), ha facilitato il mio resoconto quanto a questo argomento, anzi lo ha reso superfluo. Basterà dire, in estrema sintesi, che su alcuni aspetti della fenomenologia dell’amore per come sono registrati nel poema, gli Asolani sono stati attivi: ad es. nel c. VI per il significato allegorico dell’isola di Morgana, Alcina e Logistilla, fondato sull’etica amorosa dell’opera di Bembo, che insegna «a imparare a distinguere tra i diversi tipi di amore» (Tissoni Benvenuti 2016: 228); e negli altri si trovano riferimenti sia al côté di Perottino, se così posso chiamarlo, che a quelli di Gismondo e di Lavinello. Segni di una lettura attenta, di una assunzione della materia del trattato come ingrediente di un discorso sull’amore che urgeva anche all’Ariosto, ma senza docile consenso. Su un punto specifico infatti, nel quale inoltre gli Asolani si incrociano con le Rime, vorrei soffermarmi, proprio perché mi sembra che metta in evidenza questo rapporto “non pacifico”. L’unico riscontro diretto che si segnala nei commenti, compreso quest’ultimo, tra Asolani e Furioso riguarda A XXII 1, 7-8 (XXIV in C).10 Nel l. I XXXIII del trattato d’amore, che riprendo dalla princeps aldina del 1505 nell’edizione critica di Dilemmi del 1991, i vv. 51-52, a suggello della quarta stanza della canzone Lasso, ch’i’ fuggo e per fuggir non scampo (una delle rime, entro la finzione dialogica, di competenza del “doloroso” Perottino), leggono «E ’n tanto mi riscuoto et veggio expresso / Che per cercar altrui perdo me stesso».11 E Ariosto, a proposito di Orlando novellamente impazzito, ecco che nell’ottava di esordio del c. XXII (dunque dalla sua diretta voce di autore-narratore, come ben sottolinea il commento: «Proemio che al solito volge in considerazione generale il caso particolare, la pazzia di Orlando»),12 ecco che nell’ottava di esordio si ricorda di questo passo asolano, però in un modo “caratteristico”. Questo il contesto allargato, vv. 3-8: «che non è in somma Amor se non insania, / a giudicio de’ savi universale; / e se ben come Orlando ognun non smania, / suo furor mostra a qualche altro segnale: / e quale è di pazzia segno più espresso / che, per cercar altrui, perder se stesso?». Identica la posizione finale (là di strofa, qui di ottava), identiche le parole in rima, talmente “copiato” l’ultimo verso (con l’unica variante del passaggio dall’“io”, dunque «perdo me stesso», al generale «perder se stesso»), da rendere esplicito (un esplicito comunque ammiccante, naturalmente, in filigrana) che qui Ariosto ha anche di mira l’amore doloroso di Perottino del libro I, appunto, degli Asolani: anche Perottino, coi suoi lamenti d’amore, è “pazzo”: non è lui stesso a confessare di perdere se stesso nel cercare altrui? Non credo di sovrainterpretare, visto che proprio l’Ariosto sentì l’opportunità di diluire il prelievo, così diretto e birichino nel ’16 (e conservato nel ’21), variando nel ’32 l’ultimo verso in «che, per altri voler, perder se stesso».13 Ma questa eco degli Asolani non è forse sufficiente a esaurire il passo ariostesco, e neppure a dare pieno conto della leggera variante del ’32. Del Bembo infatti vanno prese in considerazione anche le Stanze, quelle 50 ottave composte e recitate “per giuoco” da Bembo e Ottaviano Fregoso nel febbraio 1507 alla corte di Urbino davanti alla duchessa Elisabetta Gonzaga. Giungono a stampa ben dopo il primo Furioso, in appendice a un’edizione degli Asolani del 1522 non controllata dall’autore. Ma prima avevano conosciuto una notevole e diffusa tradizione manoscritta, documentata e ricostruita da Gnocchi nella sua edizione del 2003: è giunto fino a noi ad es. anche il ben noto ms. ora I 408 dell’Ariostea di Ferrara, allestito/posseduto in ambiente ferrarese di inizio secolo.14 Per dire che è ben possibile la conoscenza delle Stanze del Bembo da parte dell’Ariosto anche prima del loro approdo alle stampe: tanto più che l’Ottaviano Fregoso “coautore” e recitatore delle Stanze a Urbino nel 1507 è lo stesso personaggio a cui Ariosto indirizza la notissima lettera del 27 febbraio 1516 a proposito dell’imminente stampa del poema, in cui si certifica della loro frequentazione «nel tempo che in Urbino et in Roma la vidi».15 Comunque sia, troviamo nelle stanze 46 e 48 una memoria interna bembiana, che definirei però “rovesciata”. Così recita l’ottava nella prima redazione (quella che poteva essere nota all’Ariosto), deprecando l’eventuale indifferenza verso Amore nelle donne (si noti): «Non sa che cosa è ben quella, di cui / fiamma d’Amor nessun pensiero accende, / né seco dice mai: qual son, qual fui? / né giova al mondo, et se medesma offende; / né si tien cara, né vuol darsi a lui, / che già molt’anni sol un giorno attende; / né sa, con l’alma ne la fronte expressa, / gir cercando altri e ritrovar se stessa» (verso finale che nelle stampe d’autore, dal 1530 in poi, diventa esattamente «altrui cercar e ritrovar se stessa»): un bel colpo all’amore perottinesco, quello di chi “per cercare altrui perde se stesso”. Tanto più che, dopo l’intermedio della stanza 47, esattamente nell’incipit così riprende il tema la stanza 48: «Così voi vi trovate, altri cercando / et trovando vi fate alme et felici» (proprio perché, argomentava la 47 sulla base del mito platonico, da sole siete imperfette e solo l’unione amorosa vi potrà completare): notevole vittoria di Gismondo su Perottino, qui tutta in funzione dell’esortazione cortigiana all’amore che caratterizza le Stanze, ma passibile, per es. in Ariosto, di autonoma ripresa.16 Ma non basta, perché su questo concetto il Bembo era recidivo. Nella prima raccolta di rime per Elisabetta Gonzaga, rimasta manoscritta (è l’attuale Marciano It. IX 143), ma i cui testi a Urbino, e anche fuori da Urbino, dovevano essere noti almeno in parte (lo dimostra la tradizione manoscritta delle singole rime), Bembo aveva inserito anche un capitolo in terza rima, Dolce mal, dolce guerra e dolce inganno, al quale poi non aveva dato ospitalità ufficiale nelle sue Rime a stampa, per il metro e per il carattere troppo cortigiano e datato del testo, un tormentone sulla dolce amarezza di amore con continua ripetizione anaforica di “dolce” (33 occorrenze del lemma in 40 versi). Questi la terzina e il verso finali: «Dolce non esser mai beato a pieno / né del tutto infelice, et dolce spesso / sentirsi inanzi tempo venir meno, / et per cercar altrui perder se stesso». Una vera citazione interna, collocata nella posizione rilevatissima della chiusa, come a riassunto globale di tutta la fenomenologia della dolcezza d’Amore, e a smentire, solidalmente con l’invito all’amore delle grosso modo coeve Stanze, il lamento di Perottino: proprio nel perdersi cercando l’altro consiste la piena dolcezza dell’amore. Questo verso finale del capitolo del Bembo (senz’altro precedente al 1512, come dimostra la sua stessa presenza nel Marciano),17 incrociato con quel verso delle Stanze nel comune superamento dell’impostazione perottinesca della prima apparizione del concetto negli Asolani, è secondo me la fonte diretta del passo ariostesco, come dimostra ad abundantiam la ripresa letterale, non a caso variata nel ’32: et per cercar altrui perder se stesso Bembo; che, per cercar altrui, perder se stesso? Ariosto.

  • 18 La compresenza di omaggio e parodia (verso Petrarca) nel poema ariostesco è l’argomento, fin dal t (...)
  • 19 Per l’invio in lettura dei primi due libri delle Prose della volgar lingua agli amici veneziani cf (...)
  • 20 Cf. Trovato 1994: 85-90 (entro il paragrafo La prosa dell’«Arcadia» e degli «Asolani» dai manoscri (...)

4Altro che dolcezza! contesta qui l’Ariosto: questo perder se stesso per cercar altrui (e si sottintende “invano”) è follia (follia sì: però, a «giudicio de’ savi universale», restrizione non da poco…). Sottile è l’Ariosto, e forse anche un po’ malizioso. Se tra i suoi modi di rapporto con gli autori è ben presente, oltre all’omaggio, la parodia, forse applicare questa modalità proprio al Bembo, sia pure in un unico luogo del poema (ma è un passo centrale, e in bella evidenza), non sarà stata una mossa particolarmente gradita all’“omaggiato”, si può immaginare.18 A Prose della volgar lingua di là da venire (solo alcuni amici veneziani avevano avuto in visione un manoscritto dei soli primi due libri, mandati loro dal Bembo nel 1512, però uno di questi amici era Gian Francesco Valerio, che l’Ariosto già nel ’16 nomina tre volte nel poema…), è dunque questo Bembo asolano e cortigiano a essere attivo, limitatamente, sull’Ariosto.19 Limitatamente e non linguisticamente. Quanto alla lingua, anche gli Asolani del 1505 non presentavano, soprattutto nella prosa è vero, quella superficie apparentemente inscalfibile che risulta così compatta negli Asolani del ’30. È stata documentata, in particolare da Paolo Trovato, la quantità di fenomeni non petrarcheschi/boccacciani che sarebbero poi stati modificati ma che intanto circolarono liberamente per un quarto di secolo.20 All’altezza del ’16 non era la lingua in questione, ancora (mi pare emblematico che la grammatica del Fortunio esca nel settembre del’16, successiva di pochi mesi, ma comunque successiva, al Furioso). E gli Asolani a stampa e quelle rime e carmi del Bembo accessibili facilmente in circolazione manoscritta (tra cui senz’altro le Stanze urbinati del 1507 e altri frutti poetici di quel periodo, oltre che della precedente stagione ferrarese) non per la lingua poterono raggiungere e interessare l’Ariosto.

  • 21 La formula è nel titolo di Zanette 1960. Su questo aspetto cf. inoltre Catalano 1930-1931, vol. I: (...)
  • 22 Traggo il testo di Cassio da Narni da Casadei 1988: 162.
  • 23 La lettera di dedica (peraltro non presente in tutti gli esemplari della princeps) in Bembo (Dilem (...)
  • 24 I versi da cui sono tratte le citazioni, oltre a quello già indicato con Bembo e Sadoleto, sono, n (...)
  • 25 Il nostro senno di poi, unito ai plurisecolari rivolgimenti ideologici e estetici, seria questi no (...)
  • 26 La lettura «cane» invece della tradizionale «cazzo» è ripristinata, dopo una fuggevole apparizione (...)

5Da qui si fa un altro passo verso un’altra probabile causa dei “silenzi del Bembo”, come icasticamente è stata definita la sintesi dei suoi rapporti con l’Ariosto.21 Basta tentare di immedesimarsi in Bembo lettore del primo Furioso. Sorvoliamo sulla proposta letteraria tutt’altra da quella che Bembo propugnava, per non dire incompatibile. Questa era una riserva generale, insuperabile se non sminuendo il valore e la portata dell’operazione ariostesca (cosa che Bembo farà). Ma c’erano i particolari, come quella “ripresa contraria” citata prima. O il trattamento a lui Bembo riservato nel poema. Sembra quasi un risarcimento che nel 1521 il bizzarro Cassio da Narni nel suo poema La morte del Danese riservi un’ottava intera al Bembo, la 125 del l. II, c. IV (contro un verso e mezzo, da notare le proporzioni, a Pulci e Sannazaro insieme, liquidati in tutto e per tutto con «o dotta copia»): «Ivi era quel poeta excelso Bembo, / c’ha tanto nome e de più forsi è degno», perfino con esplicita menzione degli Asolani: «un libro da lui fato tenea in grembo / una dona formosa et d’alto ingegno. / Costei coperta d’amoroso nembo / diceva: “Quivi li Asolani io tegno”, / parendo ad ella che l’opera detta / l’havessi al mondo a molta gloria eretta».22 Non escluderei che quell’accenno a una sottovalutazione del Bembo (degno di avere “più nome” di quanto ne abbia effettivamente) possa riferirsi a come il Bembo era stato “ospitato” dall’Ariosto nel suo poema. Perché, chiedo scusa se ripeto cose notissime, è un fatto che il Bembo nel primo Furioso è presente solo in XXXVIII 83, 8, in condominio col Sadoleto: «Avea la prima [la statua di Elisabetta Gonzaga] a piè del sacro lembo / Iacobo Sadoleto e Pietro Bembo». Siamo nel bellissimo palazzo sulle rive del Po dove Rinaldo dovrebbe sottoporsi alla prova del «nappo» che rivela l’infedeltà della donna amata (ma Rinaldo giustamente si rifiuterà). Nel palazzo si ammirano statue di donne illustri e famose del tempo dell’Ariosto, ognuna con ai piedi due poeti “cantori” della donna rappresentata, dotati di scritto encomiastico. Ecco che nel 1516, ancora viva Lucrezia Borgia duchessa a Ferrara (morirà nel ’19), le tocca la prima statua della serie: e «Li dui che voluto han sopra sé tuorre / tanto eccellente et onorata soma / nomava il scritto: Antonio Tebaldeo / et Ercol Strozza, un Lino et uno Orfeo» (XXXVIII 80, 5-8). La situazione per un lettore informato del 1516 riportava a un passato recente, non all’attualità del presente, cioè proclamava dei valori visti a distanza: perché Tebaldeo dal 1513 si trovava a Roma e lo Strozzi era morto assassinato, per noi misteriosamente, già nel 1508. Di fatto Tebaldeo e lo Strozzi erano stati davvero tra i migliori cantori di Lucrezia, ma non meno di loro lo erano stati proprio il Bembo (nel periodo precedente al trasferimento alla corte urbinate) e anche Niccolò da Correggio, che Ariosto preferisce però collegare, in coppia col ferrarese Timoteo Bendedei, a Beatrice d’Este (moglie di Ludovico il Moro, e già morta nel 1497). C’era in questa scelta una coerenza con ciò che lo stesso Bembo aveva scritto e messo a stampa nella lettera di dedica a Lucrezia (datata 1° agosto 1504) dei suoi primi Asolani, dove unici direttamente ricordati risultano «gli miei molto et da me amati et dal mondo honorati, et di Vostra Signoria domestici et famigliari, messer Hercole Strozza et messer Antonio Tebaldeo».23 Sarà stata anche l’autorità di quella rilevata citazione bembesca di Tebaldeo e Strozzi a confermarli nel poema in quel ruolo di “poeti borgiani”. Ripercorriamo velocemente le coppie di poeti che stanno ai piedi delle otto statue nel loro ordine di apparizione: dopo la Borgia, con Tebaldeo e Strozza (paragonati addirittura ai mitici Lino e Orfeo); seguono: Isabella d’Este, con gli «ugualmente [...] detti» Gian Iacobi, Calandra e Bardelone; Elisabetta Gonzaga, cantata da Iacobo Sadoleto e Pietro Bembo (di nuovo nomi completi, e che occupano tutto il verso finale dell’ottava 83); Eleonora Gonzaga, con Uno elegante Castiglione e un culto Muzio Aurelio (Giovanni Muzzarelli); Lucrezia (d’Este) Bentivoglio, con un Camil (il Paleotti, a cui sono dedicati 3 versi) e Guido Postumo (cui è praticamente dedicata tutta l’ottava 86); Diana d’Este, con Celio Calcagnin (4 versi) e Marco Cavallo (4 versi); Beatrice d’Este, con Un signor di Coregio e Timoteo, l’onor de Bendedei (6 versi insieme); ultima, innominata, la Benucci, con un solo cantore, pure innominato, cioè l’Ariosto.24 Insomma, escludendo quest’ultima molto ariostesca trouvaille, 14 poeti per 7 donne: quasi tutti lodati, attraverso pur convenzionali iperboli encomiastiche, più diffusamente di Sadoleto e Bembo (nell’ordine), seccamente nominati e punto.25 E siccome è regola della princeps che i qui menzionati non ritornino nella rassegna del canto finale di coloro che accolgono il poeta “giunto in porto” (regola non più valida nel ’32), ecco che del Bembo non resterà altra traccia che questa. Il che spiega come nel ’32 (non ancora, significativamente, nel ’21) la regola venga infranta – oltre che cursoriamente per lo Strozzi (ricompreso nel «duo Strozzi, il padre e ’l figlio», di XXXVII 8, 2, canto aggiunto in C), e più incisivamente per Castiglione (dal semplice «elegante» si propaggina all’indietro qui la famosa definizione «c’è chi, qual lui / vediamo, ha tali i cortigian formati»; ma anche questo, come i due precedenti, non compare nella rassegna finale “del porto” ma in questa particolare aggiunta del c. XXXVII) – venga infranta dunque proprio per Bembo: prima e di nuovo come cantore di donne moderne, anch’egli “recuperato” allo stesso modo dello Strozzi e del Castiglione, nella già citata ottava del c. XXXVII; ma poi e soprattutto con l’inserzione di una nuova apposita ottava (la 15 del finale c. XLVI, corrispondente al c. XL della princeps), coi famosi 4 versi (1-4) sempre citati, di riconoscimento del magistero bembesco: «… là veggo Pietro / Bembo, che ’l puro e dolce idioma nostro, / levato fuor del volgare uso tetro; / quale esser dee, ci ha col suo esempio mostro». Tante grazie, verrebbe da dire: non solo nel ’25 erano uscite le Prose della volgar lingua, ma nel ’30, due anni prima del poema definitivo, Bembo aveva dato alle stampe, oltre alle opere latine, sia le Rime che gli Asolani rivisti: il suo esempio era ormai imprescindibile in quanto ora finalmente e facilmente disponibile nell’opera volgare in poesia e in prosa, oltre che nel trattato. Si capisce che il Furioso del ’32 potesse e dovesse ospitare il Bembo del ’25 e del ’30, che certo così poteva convivere, sovrastandolo ampiamente, col Bembo urbinate che solo occupa il Furioso del ’16. Nel quale è per noi evidente, ma non dubito lo fosse anche per lui Bembo, lo squilibrio che lo penalizzava, già in qualche misura rispetto agli altri tredici nominati nel suo contesto, ma più clamorosamente poi nei confronti del Sannazaro, al quale nella rassegna finale veniva dato un rilievo tutto particolare, ben sei versi dell’ottava 9: e su questo così paradigmatico passaggio Sannazaro-Bembo non mi pare un caso che si apra l’introduzione della Matarrese al suo commento (in Ariosto, Matarrese-Praloran: XIII-XIV). Un’ottava che converrà rileggere dall’inizio, visto che nei primi due versi si nomina, insieme al Pio, quel Giovanfrancesco Pico della Mirandola col quale Bembo era fresco di polemica (1512-1513) per il famoso scambio di lettere sull’imitazione che li aveva visti su posizioni opposte: ed ecco che qui lui e il Pio sono glorificati come sublimi e sopraumani ingegni: «Veggio sublimi e sopraumani ingegni / di sangue e d’amor giunti, il Pico e il Pio. / Colui che con lor viene, e da’ più degni / ha tanto onor, mai più non conobbi io; / ma, se me ne fur dati veri segni, / è l’uom che di veder tanto disio, / Iacopo Sanazar, che alle Camene / lasciar fa i monti et abitar l’arene» (XL 9). Versi immutati nel ’32 (a parte qualche intervento linguistico), ma almeno là bilanciati dai versi “bembeschi”, che fra l’altro li precedono di due ottave. Non trascurerei questo aspetto per così dire comparativo, col suo probabile effetto spiacevole su chi si avviava invece a diventare una autorità indiscussa nel campo della cultura letteraria del tempo. Non si trovava sullo stesso piano del povero Machiavelli, che dovette lamentarsi con l’Alamanni, in un passo oggi famoso di una lettera del dicembre 1517, per essere stato «lasciato indietro come un cane» (questa la più recente lettura) quando l’Ariosto aveva pur «ricordato tanti poeti» nella sua opera.26 Bembo non era stato lasciato indietro, ma la compagnia col Sadoleto, entrambi presentati come cantori di Elisabetta Gonzaga, lo inchiodava solo ed esclusivamente alla sua immagine, ormai non più attuale e insomma riduttiva, di cortigiano urbinate.

  • 27 Cf. ora l’edizione del dialogo in Bembo (Marchesi).
  • 28 Ariosto (Dorigatti): XLVII.
  • 29 Ibi: XLVIII. Le suppliche restanti sono leggibili in Ariosto (Stella): 157-158 (al doge di Venezia (...)
  • 30 Ariosto (Dorigatti): XLIX.
  • 31 Ibi: XLVII, n. 16 per i dati bibliografici (sulla base dell’osservazione di Zanato 2006: 419 sarà (...)
  • 32 La satira (di cui si riportano parte del v. 5 e il v. 5-6) in Ariosto (Segre): 54-61 (testo) e 101 (...)

6Perché nel servizio gonzaghesco urbinate Ariosto accompagnasse il Bembo col Sadoleto è stato spiegato con la presenza del Sadoleto tra gli interlocutori del dialogo bembesco De Urbini ducibus.27 Nel quale però il Sadoleto viene quasi rampognato per non essere stato a Urbino e non aver conosciuto e conseguentemente cantato le straordinarie virtù della Gonzaga. O qualcosa ci sfugge o l’Ariosto ha equivocato, magari volutamente visto che il verso non fu mai modificato. O forse si trattava di una forzatura che permettesse di tenere uniti i due amici che nel frattempo e da poco, primavera 1513, erano stati nominati segretari ai brevi (cioè alla redazione delle lettere latine) dal neoeletto papa Leone X (e su questa doppia nomina Bembo volle chiudere la narrazione delle sue Historiae Venetae), e come tali avrebbero avuto a che fare col poema. Alla luce di quel verso sembra infatti molto curioso che i nomi di Bembo e Sadoleto ricompaiano entrambi appaiati a proposito del privilegio papale richiesto dall’Ariosto per il poema. Dorigatti ha pubblicato, dal Vat. lat. 3364, c. 219, l’autografo bembiano del privilegio papale per il poema (20 giugno 1515), puntando in particolare l’attenzione sulla variante militum in luogo di equitum della stampa.28 Questo il testo autografo per il passo che interessa (del resto ben noto), che definisce il poema: «cum libros vernaculo sermone et carmine de gestis errantium, quos appellant, militum ludicro more, longo tamen studio et multorum annorum cura vigiliisque confeceris». Si trattava, come sottolinea Dorigatti, di un documento “evasivo” (non veniva indicato il titolo dell’opera, non si sancivano pene per i trasgressori). Nota Dorigatti: «L’evasività del Bembo è difficilmente spiegabile proprio perché l’Ariosto, da buon postulante, onde facilitare il compito del redattore del privilegio, aveva l’accortezza di suggerire egli stesso, nelle sue richieste, le clausole principali che sperava di trovare nel documento. La richiesta inoltrata al Bembo, come pure al Sadoleto, è andata purtroppo perduta, ma lo si deduce dalle suppliche restanti».29 Fatto sta che il poema uscì col privilegio papale firmato dal Sadoleto e un testo diverso da quello del Bembo anche nel passo in questione: «cum libros vernaculo sermone et carmine quos Orlandi furiosi titulo inscripsisti, ludicro more, longo tamen studio et cogitatione, multisque vigiliis confeceris». Conclude lo stesso Dorigatti, dopo aver dato conto del problema cronologico posto dalla datazione del privilegio (27 marzo 1516, a poema quasi finito di stampare), probabilmente da spiegare con la decisione di rimandare la stampa del quaderno a all’ultimo momento per aspettare l’arrivo del nuovo privilegio: «Quel che rimane incerto nel nostro caso è in che momento l’Ariosto abbia valutato improponibile il privilegio bembiano e necessaria la sostituzione con altro che offrisse miglior garanzia all’opera che si accingeva a pubblicare, se cioè ne fosse consapevole fin dall’inizio, potendo così pianificare di conseguenza l’ordine dei fogli, o se invece se ne fosse reso conto solo a stampa già avviata».30 Comunque siano andate le cose, è inevitabile per noi osservare che: 1) Bembo non corrispose alla volontà di Ariosto e fornì un privilegio insoddisfacente e perfino “opaco” rispetto alla definizione dell’opera e della materia (Zanato 2006: 419 parla senza tanti complimenti di «velenosa perifrasi»); 2) il Bembo fu “bypassato” come temo si direbbe oggi, e il privilegio, in forma diversa, e soddisfacente per il suo autore, fu stampato a firma di Jacopo Sadoleto; 3) come se nulla fosse, raccogliendo in volume autonomo nel 1536 (Ariosto era morto nel ’33) i brevi latini da lui redatti per papa Leone X, Bembo non si peritò di pubblicare il breve del privilegio per il poema, ora pubblicamente reiterando il “cattivo servizio” al poeta. Il testo infatti non segue quello del Sadoleto, ovviamente, ma riprende quello autografo del Bembo con la significativa sostituzione di «equitum» a «militum»: «cum libros vernaculo sermone et carmine de gestis errantium, quos appellant, equitum ludicro more, longo tamen studio et multorum annorum cura vigiliisque confeceris».31 Il Furioso veleggiava verso il suo straordinario e meritato successo, Bembo vi era stato omaggiato con versi scolpiti che ne riconoscevano la suprema autorità sull’uso del volgare, gli era stata dedicata una satira con inflessioni giustificatorie e di captatio (e lì il verso «… alcuna cura / per l’amicizia nostra vorrei darti» parlava chiaro), Ariosto gli aveva manifestato l’intenzione di andare appositamente a Padova ad audiendum verbum in vista dell’edizione del ’32, aveva affidato a lui la ricerca di un maestro per l’educazione greca del figlio Virginio:32 non era servito a niente, se la redazione di un breve che si sarebbe potuto agevolmente omettere viene al contrario rivendicata: lui Bembo era l’autore, e quello ne era il vero testo, riduttivo. Non doveva proprio piacergli, il Furioso, pervicacemente. Come frutto splendido (è indubbio che Bembo ne capisse il valore) di una linea letteraria avversa, certo, e che pertanto nell’eccellenza stessa di una simile prova trovava una giustificazione intrinseca. Del Mambriano di Francesco Cieco da Ferrara o della continuazione dell’Innamoramento di Niccolò degli Agostini, come poi di La morte del Danese del già citato Cassio da Narni e degli altri prodotti mediocri o minimi della letteratura cavalleresca Bembo poteva sbarazzarsi con una alzata di spalle. Del Furioso di Ariosto, uno col quale aveva condiviso negli anni ferraresi l’ambiente culturale e sociale, e che aveva le carte in regola, insieme a tanti altri ma non ultimo, come poeta latino e anche volgare, era evidente a prima lettura che non ci si poteva sbarazzare così facilmente.

  • 33 Citazioni da Ariosto (Stella): 157.
  • 34 Cf. in particolare Dorigatti 2016a (ripreso in Dorigatti 2016b).
  • 35 Un poema estense è intitolato giustamente il paragrafo iniziale dell’Introduzione al commento di A (...)
  • 36 Già in III, 46 troviamo la prima allusione antiveneziana, per il “premio” dato a Ercole I con l’in (...)
  • 37 Cf. Bembo (Donnini): 57-59 (testo), 1092-1093 (apparato).
  • 38 Fulmineamente sintetico, come sempre, il giudizio di Dionisotti 1961 (: 91): «Uscendo in istampa n (...)
  • 39 L’orazione, Proposta di M. Pietro Bembo al Prencipe M. Leonardo Loredano et alla Signoria di Vineg (...)
  • 40 La battaglia è rievocata nella princeps dell’Orlando furioso in III 57, 5-8, XIII 2, XXXIII 2, 5-8 (...)

7Ma forse c’era anche dell’altro, come vorrei provare a ipotizzare avviandomi verso la conclusione. L’autore stesso spiegava che la sua opera era impostata ludicro more, d’accordo (nella richiesta di privilegio al Doge di Venezia l’Ariosto parla di opera composta «per spasso e recreatione» dei lettori, e che in essa «si tratta di cose piacevoli e delectabeli de arme e de amore» e che vuole «ponerla in luce per solaço e piacere di qualunche vorà e che se delecterà de legerla»).33 Di fatto il lettore attento si trovava davanti, soprattutto negli esordi (ma non solo), una “materia storica”, di storia contemporanea per di più, che non era giocosa né trattata giocosamente: semmai, encomiasticamente; ma, lodi a parte, era affrontata con intenzioni serie, non per burla. E all’altezza del ’16 anche il primo Furioso rifletteva e diffondeva la tradizionale alleanza francese degli Este, che continuava ben salda, mai messa in dubbio (sarà il Furioso del ’32, come è stato ormai bene illustrato, a dover giocare di equilibrio, nell’Italia di Carlo V, dopo Pavia e il sacco di Roma).34 Questa prospettiva pienamente estense35 confortata, provvisoriamente, dal successo (le famose artiglierie di Alfonso d’Este erano state decisive a favorire la vittoria francese a Ravenna nel 1512 per es.), mi par bene che non potesse piacere al Bembo: ludicro more i cavalieri (ma nel breve aveva scritto, forse volutamente equivocando, “soldati”) potevano anche andare errando nello spazio favoloso della finzione, ma succedeva che qui l’autore ricorrentemente uscisse da quello spazio e in modo esplicito presentasse orientamenti e giudizi politici su fatti appena trascorsi e ancora brucianti, traguardati da un punto di vista obbligato per un nobile ferrarese legato strettamente alla sorte degli Este (“obbligato”, peraltro, solo dal momento in cui Ariosto decise che anche questi fatti politici dovevano aver parte nel testo). Il tutto esposto con una posizione che noi diremmo “ariostesca”, cioè non faziosa, non settaria, non fanatica: però precisa, filofrancese e antiveneziana e non filopapale. Gli Este, in particolare Alfonso e anche e più Ippolito, ne uscivano esaltati nelle loro azioni, anche belliche, contro i Veneziani.36 Bembo aveva scritto a suo tempo un sonetto, Grave, saggio, cortese, alto signore (in prima redazione Santo, saggio, cortese, almo signore) che avrebbe poi raccolto e sempre mantenuto nelle stampe delle sue Rime dal 1530 in poi, di esaltazione encomiastica di un Este, Ercole d’Este, duca di Ferrara (morto il 25 gennaio 1505, terminus ante quem del sonetto).37 Quella era la Ferrara del Bembo, la Ferrara di Ercole Strozzi e di Lucrezia Borgia, andata sposa al figlio di Ercole, Alfonso, e omaggiata, lei non lui, come il Bembo “cortigiano” sapeva e poteva fare a quei tempi, un decennio avanti. Così la datazione alta del sonetto lo rende significativo anche del silenzio che seguirà. Ora infatti la Ferrara di Alfonso era costante oggetto delle mire di Leone X, del papa alla cui corte e servizio Bembo si trovava dal 1513, un papa la cui politica era sempre tendenzialmente antifrancese e certamente antiestense.38 Non che Bembo dovesse condividere in tutto questa politica, ma non poteva tenersi fuori da ogni coinvolgimento. Era una politica conseguente, come tutto in quegli anni, alle “guerre d’Italia”, che per forza di cose implicava anche il confronto con l’antica patria del Bembo, Venezia: che lui aveva lasciato definitivamente, quanto a ogni dovere e ambizione politica, nel 1506 per la corte di Urbino e poi per Roma, ma comunque era sempre incombente per uno che per nascita patrizio veneziano rimaneva. Venezia e la Francia avevano fatto cortocircuito ai danni di Bembo nel dicembre 1514: quando, poco più di un anno prima della pubblicazione del Furioso (e pochi mesi prima della redazione bembiana del privilegio poi non messo in opera), era stato mandato da Leone X in missione speciale antifrancese a Venezia per convincere la Signoria a recedere dall’alleanza con la Francia. Accolto col sospetto riservato a uno dei tuoi che ti ricompare come messaggero di un’altra parte con una proposta sgradita (se non traditore, quasi), ne era tornato “con le pive nel sacco”: missione fallita. Conosciamo l’orazione tenuta dal Bembo in quell’occasione, e ci restano pure accorate e puntigliose lettere di autogiustificazione e di rivendicazione del suo operato appena successive, al papa e al Bibbiena.39 Con questi precedenti è probabile che il primo Furioso agli occhi di Bembo dovesse risultare sgradevole anche per questo aspetto. Boiardo, che godeva di un’altra situazione sociale e scriveva in un’altra situazione storica, aveva taciuto, ultima tragica ottava a parte. Mentre ecco che Ariosto dava voce, pubblicamente, alla “parte degli Este”. Non era un problema di lingua e stile se non di riflesso (quello stile garantiva una vasta udienza, non solo estense, non particolarmente ostacolata da quella lingua già nell’assetto del ’16), ma esattamente di contenuto politico. Perché qui non si trattava di Boccaccio o di Dante, che avevano scritto due secoli prima opere dal cui contenuto si poteva prescindere (come di lì a poco avrebbero spiegato le Prose), ma appunto di fatti storici appena trascorsi e ancora in atto nelle loro conseguenze e che nelle loro potenzialità di evoluzione gettavano ombre sul futuro. Non mi sembra un caso che della battaglia della Polesella del dicembre 1509, che aveva visto la sconfitta veneziana a opera soprattutto di Ippolito d’Este e dunque permaneva così centrale nelle rievocazioni storiche del Furioso (il necessario encomio nei confronti di Ippolito non comportava di per sé la menzione del fatto d’arme per ben cinque volte), ci si sbarazzi invece in poche righe nella tardissima storia veneziana redatta dal Bembo negli anni Quaranta, latina e poi autovolgarizzata, e pubblicata postuma.40 Ormai era storia remota, perfino ininfluente rispetto a quello che era successo dopo in Italia, ma per Venezia restava un episodio coerente, e di ulteriore sconfitta subìta da parte degli Este, nel quadro dell’annus horribilis 1509 segnato dalla rotta di Agnadello e dal ridimensionamento definitivo delle ambizioni veneziane sull’Italia settentrionale. Bembo magari stava ormai super partes, ma certo non era la stessa parte dell’Ariosto e del suo poema nel ’16.

8Più in generale, oltre alla politica in quei decenni molte cose erano cambiate. Ancora nel ’16 l’Ariosto poteva considerare il Bembo come uno tra i pochi di cui era giusto tenere conto. Nel ’32 non più, la sua preminenza in fatto di volgare era tale da obbligarlo a dargli un assoluto rilievo. Bembo invece poteva permettersi tanto nel ’16 quanto in seguito, anche dopo il Furioso definitivo (molto diverso politicamente) e la morte di Ariosto, di ignorarlo di fatto, anzi di sminuirlo. Chissà se sospettava che la forza leggiadra dell’opera sarebbe stata tale da rovesciare le carte, meritatamente, presso i posteri. Così oggi gli studiosi di Ariosto danno la giusta parte anche al Bembo, ma è l’Ariosto che comunemente si continua, con felicità, a leggere: soave vendetta.

Bibliographie

Bibliografia primaria

Ariosto Lettere (Stella) = Ludovico Ariosto, Lettere, a c. di Angelo Stella, in Tutte le opere, vol. III. Satire, Erbolato, Lettere, Milano, Mondadori, 1984.

Ariosto OF (Debenedetti–Segre) = Ludovico Ariosto, Orlando furioso secondo l’edizione del 1532, con le varianti delle edizioni del 1516 e del 1521, a c. di Santorre Debenedetti, Cesare Segre, Bologna, Commissione per i testi di lingua, 1960.

Ariosto OF (Dorigatti) = Ludovico Ariosto, Orlando furioso secondo la princeps del 1516, ed. critica a c. di Marco Dorigatti, con la collaborazione di Gerarda Stimato, Firenze, Olschki, 2006.

Ariosto OF (Matarrese–Praloran) = Ludovico Ariosto, Orlando furioso secondo l’editio princeps del 1516, a c. di Tina Matarrese e Marco Praloran, Torino, Einaudi, 2016.

Ariosto Satire (Segre) = Ludovico Ariosto, Satire, ed. critica e commentata a c. di Cesare Segre, Torino, Einaudi, 1987.

Bembo (Dilemmi) = Pietro Bembo, Gli Asolani, edizione critica a c. di Giorgio Dilemmi, Firenze, Accademia della Crusca, 1991.

Bembo (Donnini) = Pietro Bembo, Le Rime, a c. di Andrea Donnini, Roma, Salerno, 2008.

Bembo (Gnocchi) = Pietro Bembo, Stanze, edizione critica a c. di Alessandro Gnocchi, Firenze, Società Editrice Fiorentina, 2003.

Bembo (Marchesi) = Pietro Bembo, I Duchi di Urbino. De urbini Ducibus liber, edizione critica, traduzione e commento a c. di Valentina Marchesi, Bologna, Emil di Odoya, 2010.

Bembo (Marti) = Pietro Bembo, Opere in volgare, a c. di Mario Marti, Firenze, Sansoni, 1961.

Bembo (Travi) = Pietro Bembo, Lettere, ed. critica a c. di Ernesto Travi, vol. II (1508-1528), Bologna, Commissione per i Testi di lingua, 1990.

Bembo (Ulery) = Pietro Bembo, History of Venice, ed. and transl. by Robert W. Ulery Jr., Cambridge (Mass.) – London, The I Tatti Renaissance Library – Harvard University Press, 2009, 3 voll.

Bembo (Vela) = Pietro Bembo, Prose della volgar lingua. L’editio princeps del 1525 riscontrata con l’autografo Vaticano latino 3210, ed. critica a c. di Claudio Vela, Bologna, CLUEB, 2001.

Bibliografia secondaria

Boco 1997-2005 = Maria Augusta Boco, Varianti fonomorfologiche del «Furioso», Perugia, Guerra, I vol. 1997, II vol. 2001, III vol. 2005.

Cabani 1990 = Maria Cristina Cabani, Fra omaggio e parodia. Petrarca e petrarchismo nel «Furioso», Pisa, Nistri-Lischi, 1990.

Cabani 2000 = Maria Cristina Cabani, Le «Rime» e il «Furioso», in Claudia Berra (a c. di), Fra Satire e Rime ariostesche. Atti del Convegno, Gargnano del Garda, 14-16 ottobre 1999, Milano, Cisalpino. Istituto Editoriale Universitario – Monduzzi, 2000: 393-427.

Casadei 1988 = Alberto Casadei, La strategia delle varianti. Le correzioni storiche del terzo «Furioso», Lucca, Pacini Fazzi, 1988.

Catalano 1930-1931 = Michele Catalano, Vita di Ludovico Ariosto ricostruita su nuovi documenti, Genève, Olschki, 1930-1931, 2 voll.

Debenedetti 1930 = Santorre Debenedetti, Quisquilie grammaticali ariostesche (1930), in Id., Studi filologici, con una nota di Cesare Segre, Milano, Franco Angeli, 1986: 211-216.

Debenedetti 1933 = Santorre Debenedetti, Per la data di un «baratto» ariostesco (1933), in Id., Studi filologici, con una nota di Cesare Segre, Milano, Franco Angeli, 1986: 217-221.

Dionisotti 1935 = Carlo Dionisotti, Notizie ariostesche (1935), in Id., Scritti di storia della letteratura italiana. I. 1935-1962, a c. di Tania Basile, Vincenzo Fera, Susanna Villari, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2008: 1-5.

Dionisotti 1961 = Carlo Dionisotti, Appunti sui «Cinque canti» e sugli studi ariosteschi (1961), in Id., Boiardo e altri studi cavallereschi, a c. di Giuseppe Anceschi e Antonia Tissoni Benvenuti, Novara, Interlinea, 2003: 81-93.

Dorigatti 2011 = Marco Dorigatti, Il manoscritto dell’«Orlando furioso» (1505–1515), in Gianni Venturi (a c. di), L’uno e l’altro Ariosto: in Corte e nelle Delizie. Atti del convegno, Ferrara, 12-15 dicembre 2007, Firenze, Olschki, 2011: 1-44.

Dorigatti 2016a = Marco Dorigatti, Ludovico Ariosto e il suo tempo, da Alfonso I a Carlo V, in Marina Cogotti, Vincenzo Farinella, Monica Preti (a c. di), I voli dell’Ariosto. L’«Orlando furioso» e le arti, Catalogo della mostra, Villa d’Este a Tivoli, 15 giugno – 30 ottobre 2016, Milano, Officina Libraria, 2016: 17-25.

Dorigatti 2016b = Marco Dorigatti, Ludovico Ariosto, il poema e la storia, in Guido Beltramini, Adolfo Tura (a c. di), Orlando furioso 500 anni. Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi. Catalogo della mostra, Ferrara 24 settembre 2016 – 8 gennaio 2017, Ferrara, Fondazione Ferrara arte, 2016: 332-339.

Gnocchi 1999 = Alessandro Gnocchi, Tommaso Giustinian, Ludovico Ariosto e la Compagnia degli Amici, «SFI», 57 (1999): 277-293.

Scianatico 2005 = Giovanna Scianatico, Le «moderne cose». Storia contemporanea nel «Furioso», in Tina Matarrese, Cristina Montagnani (a c. di), Il Principe e la storia. Atti del Convegno, Scandiano 18-20 settembre 2003, Novara, Interlinea, 2005: 223-238.

Segre 1976 = Cesare Segre, Storia testuale e linguistica delle «Satire» (1976), in Id., Ecdotica e comparatistica romanze, Milano-Napoli, Ricciardi, 1998: 147-161.

Segre 2000 = Cesare Segre, Bembo e Ariosto, in Silvia Morgana, Mario Piotti, Massimo Prada (a c. di) «Prose della volgar lingua» di Pietro Bembo. Atti del Convegno, Gargnano del Garda, 4-7 ottobre 2000, Milano, Cisalpino. Istituto Editoriale Universitario – Monduzzi, 2000 [ma 2001]: 1-7.

Stella 1976 = Angelo Stella, Note sull’evoluzione linguistica dell’Ariosto, in Cesare Segre (a c. di) Ludovico Ariosto: lingua, stile e tradizione. Atti del Congresso organizzato dai comuni di Reggio Emilia e Ferrara, 12-16 ottobre 1974, Milano, Feltrinelli, 1976: 49-64 (corrisponde a Stella 1999).

Stella 1999 = Angelo Stella, Note sull’evoluzione linguistica del «Furioso», in Id., Il piano di Lucia. Manzoni e altre voci lombarde, Firenze, Cesati, 1999: 21-34.

Tissoni Benvenuti 2016 = Antonia Tissoni Benvenuti, Canto VI, in Gabriele Bucchi, Franco Tomasi (a c. di), Lettura dell’«Orlando furioso», vol I, Firenze, Edizioni del Galluzzo, 2016: 215-234.

Trovato 1994 = Paolo Trovato, Il primo Cinquecento, Bologna, il Mulino, 1994 («Storia della lingua italiana», a c. di Francesco Bruni).

Tura 2016 = Adolfo Tura, scheda Niccolò Machiavelli, Lettera a Lodovico Alamanni, 17 dicembre 1517, in Guido Beltramini, Adolfo Tura (a c. di), Orlando furioso 500 anni. Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi. Catalogo della mostra, Ferrara 24 settembre 2016 – 8 gennaio 2017, Ferrara, Fondazione Ferrara arte, 2016: 178-179.

Vitale 2012 = Maurizio Vitale, Lingua padana e koinè cortigiana nella prima edizione dell’«Orlando furioso», Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 2012.

Zampese 2012 = Cristina Zampese, Presenze intertestuali nelle «Rime» di Ariosto, in Ead., Tevere e Arno. Studi sulla lirica del Cinquecento, Milano, Franco Angeli, 2012.

Zanato 2006 = Tiziano Zanato, Pietro Bembo, in Giovanni Da Pozzo (a c. di), Storia letteraria d’Italia. Il Cinquecento, t. I. La dinamica del rinnovamento (1494–1533), Padova, Piccin Nuova Libraria –Vallardi, 2006: 335-344.

Zanette 1960 = Emilio Zanette, I silenzi di Pietro Bembo, «Nuova Antologia», 95 (1960): 305-322.

Notes

1 Ariosto (Stella): 457.

2 Ci si riferisce ad Ariosto (Matarrese-Praloran), da cui saranno tratte tutte le citazioni della princeps del 1516. Le citazioni dalle edizioni del 1521 e del 1532 saranno dall’edizione Ariosto (Debenedetti-Segre) per la comodità di riscontro dell’apparato. Gli studi allusi sono quelli di Debenedetti 1930, Debenedetti 1933, Dionisotti 1935, Dionisotti 1961, Segre 1976, Stella 1976, Segre 2000, Boco 1997-2005, Vitale 2012. Naturalmente con A, B e C si intendono rispettivamente le edizioni del Furioso del 1516, 1521 e 1532.

3 Cf. il cappello di Donnini al sonetto in Bembo (Donnini): 288. L’incipit nella princeps del 1530 era Fiume, del qual armato Antenor bebbe, e passa a quello definitivo a partire dall’edizione del 1535.

4 Cf. Zanato 2006 (: 403): «L’avvio originario, Dirò la grave e perigliosa guerra, mostra ancor più della versione successiva […] l’impronta epica che B[embo] intendeva dare al sonetto, dati il Dirò e la dittologia grave e perigliosa, ambedue ritrovabili nell’Orlando furioso». Il riferimento a «Dirò»ea«grave e perigliosa» è rispettivamente a OF I 2, 1 (già nel 1516, e compare in questo luogo nella prima occorrenza, ma è attacco comunissimo, con 43 attestazioni nel ’16 e nel ’21 e 51 nel ’32), e XXXIX 148, 6 («grave percossa et perigliosa», nel ’21, mantenuto in XLIII 151, 6 del ’32). Per la documentazione delle varianti dell’incipit del sonetto cf. l’apparato di Bembo (Donnini): 1065.

5 Cf. Gnocchi 1999: 283-287 (e 289 per il carme Ad Petrum Bembum).

6 Cf. Zampese 2012: 102-103.

7 Per i rapporti ferraresi di Bembo cf. Zanato 2006: 346-362 (passim).

8 Cf. in particolare Dorigatti 2011.

9 Cf. Ariosto (Matarrese-Praloran): 179, 764, 796, 1042. D’altro canto Gnocchi 1999: 291-293 ha dimostrato la presenza attiva degli Asolani (ancora manoscritti) già nello scambio di sonetti, compreso quello ariostesco, appena citato.

10 Cf. ibi: 731.

11 Bembo (Dilemmi): 120.

12 Ariosto (Matarrese-Praloran): 731.

13 Cf. testo di C XXIV 1, 7-8 e relativo apparato di A e B in Ariosto (Debenedetti-Segre): 794.

14 Cf. l’ampia descrizione del codice in Bembo (Gnocchi): XXIII-XXIV.

15 Ariosto (Stella): 159.

16 Le diverse redazioni delle stanze 46 e 48 si leggono in Bembo (Gnocchi): 98–99 e 102-103, da cui sono tratte le citazioni (miei i corsivi).

17 Per il manoscritto Marciano nella tradizione delle rime di Bembo cf. Bembo (Donnini): 553-554 (descrizione), 760-772 (discussione); per il capitolo in terza rima ibi: 435-438 (testo), 1244-1246 (apparato).

18 La compresenza di omaggio e parodia (verso Petrarca) nel poema ariostesco è l’argomento, fin dal titolo, di Cabani 1990. E cf., per la verifica di questo atteggiamento anche nelle Rime, il passo di Cabani 2000: 403: «L’uso parodico di Petrarca e del petrarchismo costituisce in effetti un altro punto di contatto fra le Rime e il Furioso. Pur adeguandosi alla tradizione lirica petrarchista, Ariosto sperimenta nelle Rime forme di parodia impiegate regolarmente anche nel poema».

19 Per l’invio in lettura dei primi due libri delle Prose della volgar lingua agli amici veneziani cf. Bembo (Vela): XVIII-XIX.

20 Cf. Trovato 1994: 85-90 (entro il paragrafo La prosa dell’«Arcadia» e degli «Asolani» dai manoscritti alle prime stampe) e 265-274 (paragrafo Dall’«editio princeps» degli «Asolani» del Bembo (Venezia, Aldo, 1505)).

21 La formula è nel titolo di Zanette 1960. Su questo aspetto cf. inoltre Catalano 1930-1931, vol. I: 142-143, Dionisotti 1935: 3-4, Gnocchi 1999: 289-291.

22 Traggo il testo di Cassio da Narni da Casadei 1988: 162.

23 La lettera di dedica (peraltro non presente in tutti gli esemplari della princeps) in Bembo (Dilemmi), 77-78: 77.

24 I versi da cui sono tratte le citazioni, oltre a quello già indicato con Bembo e Sadoleto, sono, nella princeps, XXXVIII 82, 3-4 (Calandra e Bardellone); 84, 1-2 (Castiglione e Muzzarelli); 85, 6 (Paleotti); 86, 7 (Postumo); 87, 5 (Calcagnini); 88, 1 (Cavallo); 89, 3 e 5 (Correggio e Bendedei); 90, 3 («una gran donna», la Benucci): miei i corsivi.

25 Il nostro senno di poi, unito ai plurisecolari rivolgimenti ideologici e estetici, seria questi nomi in una gerarchia: basti dire, sintomaticamente, che Gian Giacomo Calandra e Gian Giacomo Bardellone non hanno trovato riparo neppure nel Dizionario Biografico degli Italiani: mentre per l’Ariosto doveva trattarsi di un catalogo di contemporanei più o meno a pari merito.

26 La lettura «cane» invece della tradizionale «cazzo» è ripristinata, dopo una fuggevole apparizione in un’edizione delle Lettere familiari di Machiavelli del 1883, da Tura 2016 : 178 (a 179 una riproduzione fotografica della lettera).

27 Cf. ora l’edizione del dialogo in Bembo (Marchesi).

28 Ariosto (Dorigatti): XLVII.

29 Ibi: XLVIII. Le suppliche restanti sono leggibili in Ariosto (Stella): 157-158 (al doge di Venezia) e 159-160 (al doge di Genova).

30 Ariosto (Dorigatti): XLIX.

31 Ibi: XLVII, n. 16 per i dati bibliografici (sulla base dell’osservazione di Zanato 2006: 419 sarà da correggere in 1536 la data proposta «[1535]»).

32 La satira (di cui si riportano parte del v. 5 e il v. 5-6) in Ariosto (Segre): 54-61 (testo) e 101-106 (commento). La lettera al Bembo del 22 febbraio 1531 con cui gli annuncia il desiderio di «conferire» con lui per «imparare da lei quello che per me non sono atto a conoscere» in Ariosto (Stella): 457.

33 Citazioni da Ariosto (Stella): 157.

34 Cf. in particolare Dorigatti 2016a (ripreso in Dorigatti 2016b).

35 Un poema estense è intitolato giustamente il paragrafo iniziale dell’Introduzione al commento di Ariosto (Matarrese-Praloran): XIII-XIX.

36 Già in III, 46 troviamo la prima allusione antiveneziana, per il “premio” dato a Ercole I con l’invasione del territorio estense fino al Barco nel 1492, quando invece proprio lui aveva in passato combattuto per Venezia; che poco oltre (49 1-2) sarà definita con l’immagine degli «artigli de l’audace / aligero Leon», mentre in 52, 4 si ritorna sulle «veneziane squadre» nemiche di Alfonso I.

37 Cf. Bembo (Donnini): 57-59 (testo), 1092-1093 (apparato).

38 Fulmineamente sintetico, come sempre, il giudizio di Dionisotti 1961 (: 91): «Uscendo in istampa nel 1516, all’indomani del trionfo di Francesco I e dell’accordo di Bologna fra re e papa, il Furioso uscì, per un poeta come Ariosto, al segno di una grande aspettazione. Perché Ariosto era poeta estense, e il trionfo della Francia e il rovesciamento della politica di Giulio II significavano per lui il successo della politica dei suoi signori. Di più egli aveva personali rapporti con la cerchia medicea e non poteva che sperare personali vantaggi da un papa mediceo riconciliato con gli Estensi. Fu, come si sa, un’aspettazione delusa: in Italia, a Ferrara e a Roma. E delusa subito, in quello stesso anno 1516, con l’aggressione medicea su Urbino e via via con la mancata restituzione agli Estensi di Modena e Reggio, con la crescente minaccia su Ferrara, con la incapacità della Francia di andar oltre alla vittoria del 1515, con la graduale ripresa e il consolidamento delle forze avverse fino alla disfatta della Francia e dei suoi alleati nel 1521».

39 L’orazione, Proposta di M. Pietro Bembo al Prencipe M. Leonardo Loredano et alla Signoria di Vinegia per nome di Papa Leon Decimo, in Bembo (Marti): 593-615. Le lettere a Leone X, in particolare quelle dell’11, 15, 18 e 19 dicembre 1514, in Bembo (Travi): 91-92, 94, 95-98; quelle al Bibbiena, dell’11 e 23 dicembre 1514 (indirizzate anche a Giulio de’ Medici) e del 1° gennaio 1515, ibi: 93, 99, 100-101.

40 La battaglia è rievocata nella princeps dell’Orlando furioso in III 57, 5-8, XIII 2, XXXIII 2, 5-8, XXXVI 1-5 (addirittura cinque ottave), XL 70. Su questa replicata presenza si sofferma Scianatico 2005: 229. Il reticente resoconto delle Historiae Venetae del Bembo si può leggere ora nell’edizione inglese, con testo latino a fronte, in Bembo (Ulery), vol. 3: 70-73 (per la versione italiana cf. Della Istoria Viniziana di M. Pietro Bembo, Milano, Dalla Società Tipografica de’ Classici Italiani, 1809, vol. II: 200).

Auteur

Università di Pavia

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search