Version classiqueVersion mobile

Il digitale e la scuola italiana

 | 
Marco Dominici

Il testo digitale e il ruolo degli editori

Texte intégral

1In questo scenario, gli editori si muovono un po’ come banchi di pesci sorpresi da uno squalo tigre: dove scappa uno vanno anche gli altri, ma ciò non significa che essi sappiano coordinarsi e sostenersi, o che condividano le nuove idee mettendo da parte le rivalità.

2La digitalizzazione rappresenta l’ultimo passaggio di un’evoluzione del testo che dalle antiche tavolette d’argilla è arrivata sino alla produzione di massa di volumi a stampa. La novità è che per la prima volta contenuto e contenitore, testo e supporto, si separano e assumono ognuno forme proprie e proprie traiettorie. Alla smaterializzazione del contenuto è corrisposta di conseguenza una destrutturazione del processo di produzione: la pubblicazione, la diffusione di un testo, il testo stesso, tutto è diventato in un certo senso “liquido”, meno controllabile – e quindi temibile, soprattutto per gli interessi coinvolti. E altrettanto temibile è anche la rotazione di un asse culturale che da verticale e verticistico, di natura erogativa, diventa ora più orizzontale e privilegia lo scambio e la disintermediazione, che rende chiunque creatore, produttore e distributore (in una parola: editore) di contenuti.

3Si è già visto nei capitoli precedenti con quali difficoltà ma anche con quali nuove linfe endogene il mondo della didattica stia metabolizzando questo processo. Si è anche accennato ai nuovi modelli dove la didattica diventa editoria e viceversa (Didasfera, OilProject, le OER già realizzate da alcuni insegnanti sparsi nel territorio): è inevitabile quindi che questo processo produca un impatto contundente con l’editoria scolastica, che aveva sempre considerato il libro di testo come un totem incrollabile, mentre ora è in evidente sofferenza nel capire come gestire al meglio e far proprio questo spostamento di prospettiva e questo nuovo modello di produzione culturale.

4Il cammino degli editori specializzati verso la didattica digitale sembra finora aver percorso due fasi: la prima è consistita in una semplice mimesi del cartaceo, con la realizzazione di testi in formato pdf scaricabili dai siti delle case editrici; successivamente si è passati ad una maggiore articolazione dei contenuti, forniti in modalità interattiva a volte all’intero di ambienti di apprendimento appositamente costruiti per gli insegnanti che adottano i libri di testo. Ma si tratta di ambienti di apprendimento che, per quanto talvolta ben fatti, si caratterizzano come sistemi chiusi, cioè accessibili solo a chi ha adottato i libri dell’editore proprietario della piattaforma. Dal momento che è molto difficile che all’interno di una classe vengano adottati in tutte le materie libri di testo dello stesso editore, risulta perlomeno poco pratico che uno studente debba utilizzare un diverso CMS (Content Management System, come si chiamano questi tecnicamente tali ambienti) per ogni materia di studio.

#CMS: CONTENT MANAGEMENT SYSTEM

Un CMS (Content Management System) è un software che permette di gestire contenuti di siti web (e quindi anche piattaforme online); è caratterizzato da un’interfaccia particolarmente semplice che rende il sistema utilizzabile anche da parte di una persona che non abbia conoscenze o competenze tecniche specifiche di programmazione web.

Per approfondire, puoi leggere la definizione di Wikipedia:

http://it.wikipedia.org/​wiki/​Content_Management_System

5È opportuno che si passi ora ad una terza fase (già in nuce), in cui il volume cartaceo venga accompagnato da altri tipi di materiali ricreati e reinventati per renderli adatti ai nuovi supporti e alla nuova fruizione degli stessi.

6C’è già chi ha parlato di morte del libro di testo, inteso come riferimento autoriale monodirezionale, poco flessibile e non adatto alle nuove dinamiche del sapere; altri sono più prudenti e auspicano una gradualità in questo passaggio e una convivenza di testi tradizionali e nuove risorse del sapere in equilibrio tra granularità e modularità (a tale proposito, mi permetto di rinviare a un eBook a cui ho collaborato37); i testi tradizionali, portatori sani – verrebbe da dire – di un’autorialità e una validazione che non può essere sottovalutata e rigettata con una scrollata di spalle, devono però allo stesso tempo essere integrati, accompagnati e riletti alla luce del nuovo modo di creare conoscenza.

7Infine, una terza posizione individua un nuovo modello di business in cui l’editore non sia piu o non sia solo un fornitore di prodotti, ma anche di servizi; un editore attento ai nuovi scenari di self-publishing e OER, che si ponga come mediatore tra autori e lettori/utenti in spazi virtuali adeguatamente organizzati e funzionali allo scopo. Tutto è ancora necessariamente nebuloso, da studiare, verificare, realizzare ed eventualmente smontare per poi rimontare in modo differente; tanti sono anche gli interrogativi sulla sostenibilita di un simile modello di business, che se da una parte tende a distaccarsi dai sistemi attualmente in atto, dall’altra entra in un roveto di questioni spinosissime: chi realizza i contenuti, come e da chi sarà pagato? È concretamente verosimile un mondo di contenuti in copyleft o con licenze Creative Commons? Chi garantisce, infine, la validita dei contenuti?

8Siamo in ogni caso di fronte a una trasformazione notevole che necessita di un nuovo modo di interpretare ed elaborare contenuti e contenitori: gli uni dovranno essere differenti, provenienti da media diversi e condivisi in modalità diverse (sincrona/asincrona, collaborativa-creativa, orizzontale/verticale); gli altri dovranno avere come caratteristica principale la scalabilità: l’editore deve quindi ridefinire il suo ruolo non tanto in senso “digitale”, quanto piuttosto come un produttore (e gestore, coordinatore, organizzatore) di contenuti scalabili per vari supporti – compreso quello cartaceo – e usufruibili in diverse modalità. È naturale che anche le politiche di prezzo saranno da ripensare in maniera radicale, così come le questioni relative al diritto d’autore.

#SCALABILITÁ

Si dice scalabile un prodotto hardware o software capace di crescere (o decrescere) a seconda delle circostanze, delle necessità e delle disponibilità di un sistema. Caratteristica principale di un prodotto scalabile è la modularità.

Applicato all’editoria didattica, questo concetto si estende anche alla capacità di elaborare materiali che non solo siano flessibili, ma soprattutto veicolati con la stessa efficacia in qualunque formato e attraverso qualunque medium. La modularità in questo caso consiste nella possibilità di scomporre i contenuti in unità autonome articolabili e aggregabili a seconda dei ritmi e degli stili di apprendimento, quindi fortemente personalizzabili.

Per una definizione precisa di scalabilità puoi consultare il Dizionario Informatico38.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search