Version classiqueVersion mobile

Di donne e cavallier

 | 
Cristina Zampese

«Donno Hippolyto da Este». Il vero volto del dedicatario del «Furioso»

Marco Dorigatti

Texte intégral

18 ottobre 1503, diciottesima domenica dopo Pentecoste, regnante papa Pio III: Ippolito d’Este, dopo un solenne rito che lo ha consacrato vescovo di Ferrara, emerge dalla cattedrale di San Giorgio tra il plauso della folla. Tra i presenti vi è anche Ludovico Ariosto, forse entrato al suo servizio soltanto da poco, che osserva incuriosito tutta la scena. Il carme latino che ne nascerà fissa l’immagine del prelato come in un’istantanea:

  • 1 In Hippolytum Estensem Episcopum Ferrariae, in Ariosto OM (Segre): 94. “Ferrara, incitata dal fest (...)

Excita festivo populi Ferraria plausu,
protulit ex adytis ora verenda sacris:
utque sua Hippolytum prospexit templa tuentem,
– O claros, inquit, gens mea nacta duces!
Quis patre invicto gerit Hercule fortius arma?
Mystica quis casto castius Hippolyto?1

2L’uomo che viene incontro al giubilo della folla è stranamente giovane; nato nel 1479, ha appena 24 anni, quattro e mezzo meno di Ludovico. Ma il tratto che lo distingue e che colpisce Ariosto in particolar modo è un altro: un attributo marziale (le arma, la fierezza con cui le porta), che in lui coesiste con quello religioso (i mystica, la perizia con cui maneggia gli oggetti del culto sacro): ma mentre quest’ultimo denota una professione (per quanto assai redditizia), il primo rappresenta un’inclinazione naturale, una passione che non lo lascerà mai. Quanto alla sede vescovile che gli è appena stata assegnata, essa viene ad aggiungersi ad una lunga lista di cariche ecclesiastiche iniziata quando aveva soli tre anni, e che a questa data già lo vedeva, per limitarsi alle principali, arcivescovo di Eger (Agria), in Ungheria (1496), e di Milano (1498), vescovo commendatario di Capua (1502), nonché cardinale (1493).

  • 2 Su quest’opera si veda Pavan 2009, e sulla redazione manoscritta Pesenti Villa 1915.

3È la prima immagine di Ippolito d’Este che Ludovico Ariosto consegna alla poesia proprio nel momento in cui i loro destini stanno per unirsi. Un’immagine in cui le armi e la prestanza fisica che le sottintende e che si manifesta come fierezza (elementi spesso notati anche da altri osservatori) danno all’uomo ritratto la sembianza di un principe cavaliere, anticipando la figura che più tardi comparirà nel poema. Essa si condensa nel paragone con Ercole, che non si spiega soltanto con l’allusione, peraltro ovvia, al nome del padre (Ercole I, appunto), ma che mette in rilievo ancora una volta la valenza fisica, facendo passare in secondo piano gli attributi spirituali, i quali, se non mancano, non riescono certo a imporsi all’attenzione dell’osservatore con la stessa forza. Tale rappresentazione, del resto, non è senza precedenti: così o in modo del tutto simile Ippolito era apparso in un poema di Ercole Strozzi, la Venatio, narrazione in esametri latini della battuta di caccia che Carlo VIII avrebbe bandito a Lione nell’estate del 1494 (composta prima del 1500, ma stampata postuma nel 1513, in un’edizione aldina recante una versione ampliata rispetto a quella manoscritta).2 Qui – presenti tra i cacciatori l’Ariosto e, nell’aldina, anche Bembo e Tebaldeo –, Ippolito dà prova di sé in quella che si può definire la sua passione suprema, cimentandosi in una ἀριστεία, o impresa (in questo caso venatoria), che, manco a dirlo, eccelle su quelle di tutti gli altri:

  • 3 Herculis Strozæ Titi filii Venatio ad divam Lucretiam Borgiam Ferrariæ ducem, in Strozzi 1513: c. (...)

Dux erat Hippolytus, pulchro satus Hercule, pulcher
Hippolytus, quem fata vocant, cui Iuppiter olim
pontificale decus, Romanamque annuit arcem.
Non hic purpurei manifestus honore galeri,
sed sagulo in iridi cunctis incognitus ibat.3

  • 4 Pavan 2009: 128.

4Pur essendo un prelato, Ippolito non partecipa alla caccia in abito cardinalizio, perché ingombrante, ma anche in omaggio al suo spirito laico, che lo porta ad emulare i guerrieri antichi di cui ha tanto letto nei libri; veste quindi un sagulum, «una sorta di mantello colorato che gli autori classici tradizionalmente attribuivano ai barbari».4 Ciò non toglie che già qui sia detto figlio di Ercole, con la solita ambivalenza tra il semidio greco e il genitore paterno. Di certo le sue qualità fisiche e morali ne fanno un eroe predestinato ad un grande futuro; a tal punto che Giove ha già deciso di assegnare a lui il soglio pontificio (pontificale decus).

  • 5 Cf. Menegatti 2014b.

5Egli è detto inoltre pulcher Hippolytus, con allusione ad una qualità estetica confermata anche da altre fonti, benché i suoi lineamenti, la sua espressione – vale a dire il suo vero volto – abbiano eluso il comprensibile desiderio dei moderni di poterlo constatare coi loro occhi, mancando un’effigie che lo raffiguri in modo attendibile. Ma la sorte ha voluto che nel 2012 sia tornato alla luce, a Vienna, dopo che se ne erano perse le tracce, un dipinto che ci restituisce l’immagine di Ippolito come doveva apparire all’altezza del 1507-1508, indubitabile in forza della presenza, sul retro della tavola, dello stemma cardinalizio che ne comprova l’identità.5 Osservando il dipinto, quella che ci viene incontro è un’immagine sorprendente [fig. 1]. Un volto latteo (tipico di un frequentatore della notte) emerge dal fondo scuro della tela e fissa intensamente l’osservatore che sta dall’altra parte della tavola; ma qui conviene cedere la parola a Marialucia Menegatti:

  • 6 Ibidem.

6Ippolito riserva, almeno in gioventù, una dedizione maniacale al proprio aspetto. Le sue curatissime “manine” piacciono moltissimo alle disinvolte damigelle estensi, la lunga capigliatura gli attira i rimbrotti di Giulio II che gli intima di accorciare la “zazzarina”, poco confacente a un cardinale, e di smettere di “far tanto la nympha”.6

Fig. 1. BARTOLOMEO VENETO (attribuito a), Ritratto di Ippolito d’Este (ca. 1507-1508), olio su tavola, 60,5 × 48,5 cm, Vienna, Dorotheum, presso cui il dipinto fu battuto all’asta il 17 ottobre 2012

Fig. 1. BARTOLOMEO VENETO (attribuito a), Ritratto di Ippolito d’Este (ca. 1507-1508), olio su tavola, 60,5 × 48,5 cm, Vienna, Dorotheum, presso cui il dipinto fu battuto all’asta il 17 ottobre 2012

7Tale ritratto, attribuito a Bartolomeo Veneto, è tanto più accattivante in quanto trova corrispondenza quasi perfetta con quello ecfrastico che accoglie il lettore dell’Orlando furioso, basti pensare all’abito cardinalizio e alla caratteristica berretta rosso porpora che riesce a contenere a mala pena l’esuberante chioma; sennonché l’Ariosto va oltre la percezione visiva e coglie anche la levatura del personaggio che ci sta di fronte:

  • 7 Le sigle elencate qui di seguito designano le edizioni originali dell’Orlando furioso: A = Ferrara (...)

Quel ch’in pontificale habito imprime
del purpureo capèl la sacra chioma
è il liberal, magnanimo, sublime,
gran Cardinal dela Chiesa di Roma
Hippolyto, ch’a prose, a versi, a rime
darà materia eterna in ogni idioma,
alla cui bella etade era più giusto
che nascesse Maron, che sotto Augusto.
OF III 56 A7

  • 8 Ballarin 2010.

8La ricomparsa del dipinto congiunta alla certezza del soggetto raffigurato ha permesso di pervenire ad un ulteriore accertamento, dal punto di visto artistico anche più rilevante. Si tratta del Ritratto di giovane di Raffaello conservato a Budapest e in precedenza ritenuto effigie del giovane Pietro Bembo, il quale però – secondo Alessandro Ballarin, cui si deve una più fondata attribuzione8 – altro non sarebbe che un Ritratto del cardinale Ippolito d’Este [fig. 2], che lo coglie in un periodo antecedente (ca. 1504-1505) rispetto all’altro dipinto, più o meno come doveva presentarsi all’Ariosto nel momento in cui entrava al suo servizio, che coincide anche con l’impressione in lui suscitata dalla visione di Ippolito all’uscita dalla cattedrale in seguito all’investitura vescovile del 1503. Un principe con un debole per la moda, sicuro di sé.

9Sennonché, questo temperamento languido e un po’ effeminato che traspare dall’arte coeva non è il solo tratto significativo di Ippolito. Occorre infatti tener conto di un altro lato del suo carattere che in certo modo lo completa fornendoci un ritratto più realistico, come già osservava a suo tempo Giuseppe Antonelli:

  • 9 Cf. Monferrato de’ Calcagnini 1843: 40.

Il nostro cardinale amava grandemente lo studio, e Celio Calcagnini ci racconta a questo proposito, che Ippolito passava studiando la maggior parte della notte, e che per qualunque affare importante e pressante che avesse, non ommetteva mai di leggere un qualche libro; ed aggiunge, che ne’ suoi viaggi sempre seco trasportava buon numero di volumi.9

10Né si trattava di letture unicamente ricreative:

  • 10 Ibidem. Quanto all’elogio funebre di Alessandro Guarini (1486-1556), si veda Guarini 1520.

Era Ippolito di vivace e penetrante ingegno, coltivò le matematiche e singolarmente la geometria, l’aritmetica e la prospettiva, secondoché scrissero il ricordato Calcagnini nell’elogio funebre che recitò nelle di lui sontuose esequie fatte nella nostra cattedrale, e nell’altro che nelle Settime replicò Alessandro Guarini.10

  • 11 Catalano 1930-1931: I, 184.

11Alla lista di interessi occorre aggiungere perlomeno quello per l’astronomia (testimoniato ancora una volta da Calcagnini) nonché quello per la musica (fu grande collezionista di strumenti musicali e cultore di musica sacra). Quanto alla letteratura, osservava Catalano che: «Chi nutriva la mente con la lettura dei classici latini e degli autori volgari più reputati, non poteva essere né indotto né poco amante delle lettere. La scarsezza di cultura del cardinale Ippolito è una leggenda della quale è doveroso far giustizia».11 Del resto nessuno allora, e tanto meno l’Ariosto, lo mise mai in dubbio.

Fig. 2. Raffaello Sanzio, Ritratto del cardinale Ippolito d’Este (ca. 1504-1505), olio su tavola, 54 x 39 cm, Budapest, Szépművpszeti Múzeum

Fig. 2. Raffaello Sanzio, Ritratto del cardinale Ippolito d’Este (ca. 1504-1505), olio su tavola, 54 x 39 cm, Budapest, Szépművpszeti Múzeum
  • 12 Tissoni Benvenuti 2004: 17.
  • 13 Ibi: 16.

12Tra le sue mansioni vi è la gestione del potere, che esercita con consumata perizia (giusto quanto si legge nel poema) in diarchia col fratello duca, non esitando a subentrargli alla guida dello stato nei momenti di sua assenza. Ultima nella scala di valori, invece, forse proprio la religione, nonostante che ad essa fossero legati gli ingenti proventi che ne ingrossavano lo sterminato patrimonio, cosa che in fondo non stupisce in una personalità che pare predisposta più per le cose laiche, e in particolare le discipline umanistiche, che quelle spirituali. «L’eredità culturale di Ercole I – scrive Tissoni Benvenuti – sembra essere assunta almeno in parte da Ippolito, per volontà dello stesso Alfonso»,12 il quale, come si sa, ha una scarsa propensione per le arti che non siano la pittura, l’architettura, l’urbanistica, o quelle marziali. Nei due fratelli al vertice del potere si prospetta insomma una «netta divisione di sfere d’influenza rappresentata dalle due divinità che proteggono gli Estensi: Minerva per il cardinale Ippolito e Marte per Alfonso».13 La dea che protegge il cardinale è dunque anche quella che, significativamente, sovrintende alle attività artistiche.

  • 14 Panizzi 1830-1834: VI, xi, su cui si veda anche Dorigatti 2011: 8-9.

13È questa l’immagine del cardinale che presiede alla nascita e alla composizione dell’Orlando furioso. Un’immagine fortemente giovanile di un prelato dandy, con le «manine» affusolate (esibite in primo piano nel dipinto di Budapest), dedito alle attività ginniche e sportive come pure culturali e scientifiche, che la storiografia moderna ha cercato di sminuire se non addirittura di sradicare dal testo ariostesco. Basti per tutti il giudizio di Panizzi, secondo cui «IPPOLITO was a haughty, cruel, and grasping prelate, who, with an immense fortune, never did any thing for the good of mankind»,14 per non dire per l’autore del Furioso. Né si tarda a comprendere la ragione. Ippolito fu vittima di una damnatio memoriae perpetrata dallo stesso Ariosto nelle Satire postume al poema (la prima in special modo), sintomo di un profondo malaise che però – e qui sta il punto cruciale, non ancora recepito dalla critica – insorge e si palesa soltanto attorno il 1515, allorché il rapporto tra i due effettivamente comincia a deteriorarsi, giungendo ad una vera e propria rottura nell’ottobre del 1517, in seguito al rifiuto del poeta di seguire il cardinale in Ungheria. Se così, pare incongruo o quantomeno anacronistico leggere (sulla scia dei biografi cinquecenteschi, responsabili di un malinteso secolare) il poema alla luce di questa frattura, che non si manifesta che tardivamente, nelle fasi conclusive della composizione. La verità, che si è fatta strada a fatica e solo tardivamente, è che il Furioso come vedrà la luce nel 1516 fu forgiato non nonostante, ma grazie all’ambiente del cardinale estense. Un milieu del tutto particolare, che a ragione si può definire la corte di Ippolito I.

  • 15 Secondo Menegatti 2016: 37, Ippolito avrebbe conosciuto Raffaello «forse a Urbino o a Firenze».
  • 16 Cf. Óváry 1889: 399 ss.

14A Ferrara, la familia di Ippolito rappresenta un cenacolo come pure un punto di ritrovo per i cultori delle arti più svariate. Qui Antonio Tebaldeo, di ritorno da Mantova nel 1500, era diventato dapprima suo segretario e poi di Lucrezia Borgia. Come si sa, il Tebaldeo era amico di Raffaello che lo raffigurerà nel Parnaso (1510-11) in una delle quattro stanze vaticane. Fu lui dunque il tramite tra il pittore e il cardinale? Occorre chiederselo perché quest’ultimo fu di fatto l’unico estense che riuscì a strappare un proprio ritratto a Raffaello, pittore che, come è noto, non concedeva facilmente le proprie prestazioni artistiche.15 Grazie all’interessamento del Tebaldeo e alla raccomandazione di Isabella, entra nella corte di Ippolito anche un altro personaggio di spicco: Ludovico da Bagno, a cui l’Ariosto si legherà di tenera amicizia. Nel 1506 sarà lui ad assumere il ruolo di segretario del cardinale che più tardi, nel 1517, seguirà in Ungheria. Da lì ci farà sapere, tra le varie cose, che sua Eminenza avrebbe ucciso senza aiuto alcuno una grande orsa,16 cosa che non avrebbe stupito i suoi concittadini o lo stesso Ariosto, che già lo aveva così raffigurato: «hor li orsi affronta su li alpini sassi, / hor e’ cingiali in valle ima e palustre» (XL 63,3-4 AB; XLVI 91 C).

  • 17 Così anche Everson 2011: 154.

15Altra figura che gravita nell’orbita di Ippolito e ben nota all’Ariosto, che la ricorderà nel Furioso (XL 7,1-4 A; manca BC), è Mario Equicola, che nel 1508 diventerà precettore di Isabella, conservando però contatti con l’ambiente estense del cardinale, presso il quale pare avesse depositato, nel 1503, il manoscritto del Libro de natura de amore. Pure presente in questi anni nella medesima cerchia è un letterato di tutt’altro genere, di cui poco si è parlato. Più che di un letterato si tratta di un cantastorie, Francesco Cieco da Ferrara, che passò gli ultimi anni di vita fino alla sua morte, avvenuta tra la fine del 1505 e l’inizio del 1506, ospite del cardinale Ippolito a Ferrara, proveniente anche lui da Mantova. Dalla prefazione di Eliseo Conosciuti alla sua opera, il Mambriano pubblicato postumo nel 1509, si evince che, se la morte non glielo avesse impedito, il Cieco avrebbe voluto dedicare il Libro d’arme e d’amore al cardinale, anticipando, cioè, quanto farà l’Ariosto di lì a pochi anni. Benché il Conosciuti non lo dica esplicitamente, sorge il sospetto che fosse stato proprio lui, il cardinale, a patrocinare la pubblicazione e a sostenerne le spese;17 lo suggerisce tra l’altro anche la scelta non casuale dell’officina tipografica, ossia di quella cartolibreria Mazocco (la stessa che poi stamperà il Furioso) legata alla corte estense da un rapporto privilegiato (grazie anche ad una personalità come quella di Lodovico Bonaccioli, finanziatore e nel contempo medico di corte). La presenza del Cieco nell’entourage del cardinale prova che il poema cavalleresco non veniva certo disprezzato in quell’ambiente, nemmeno nella sua variante più popolaresca, e che l’Ariosto, pur non nominando mai il Cieco, deve aver fatto tesoro delle sue recite (forse alla presenza del cardinale, giusto come sarà nella fiction del Furioso).

  • 18 Sulla conversione di Ercole Strozzi al volgare si veda Vagni 2011, che ne ripropone in veste criti (...)

16Né si potrà passare sotto silenzio, al polo opposto dello spettro letterario, la presenza di due figure quali gli Strozii poetæ, pater et filius, come recita il titolo di un opuscolo che raccoglie gran parte delle loro opere, particolarmente il figlio Ercole, pressoché coetaneo dell’Ariosto (era nato un anno prima, nel 1473) e discepolo egli pure di Luca Ripa, che nella sua breve vita, tragicamente stroncata nel 1508, si dimostrò nei suoi confronti una sorta di ‘primo amico’. Fu lui a lasciarci nella Venatio, come abbiamo visto, la prima immagine pubblica tanto del giovanissimo Ippolito quanto (sia pure di sfuggita) di Ludovico, in occasione di una caccia (che è anche un genere letterario) che già li presenta assieme. Ciò che più colpisce nella parabola dello Strozzi è la conversione alla poesia volgare, in lui che nella poesia latina sapeva volare così in alto (sebbene ciò non comportasse, nel suo caso, l’abbandono della lingua che gli era più congeniale).18 Il suo esempio ebbe certo peso sull’Ariosto nel momento in cui stava per imbarcarsi in un ambizioso progetto di poesia volgare, dove non mancherà di lasciare un segno che è anche un omaggio ad un amico come pure ad una stagione, magari passata ma sentita come ancora viva (cfr. XXXVIII 80 A; 83 B; XLII C).

  • 19 Cf. D’Ascia 2010.
  • 20 Si tratta della lirica intitolata In detractorem e che inizia «Tun bone vir laceras Areosti nobile (...)

17Ma la figura senz’altro più rappresentativa della corte di Ippolito e allo stesso tempo quella a lui più vicina (infatti erano coetanei, nati entrambi nel 1479) è Celio Calcagnini, attivo nell’amministrazione estense già da tempo per poi diventare, dal 1510, suo familiare e confidente, accompagnandolo nelle sue peregrinazioni (in Italia come in Europa) fino alla sua morte. Con la sua cultura enciclopedica («El dotto Celio Calcagnini» lo dirà l’Ariosto, XXXVIII 87,5 A; 90,5 B; XLII C), capace come nessun’altra di spaziare dalle arti umanistiche alle scienze naturali senza alcuna soluzione di continuità non trascurando nemmeno la letteratura cavalleresca (presente nella sua biblioteca personale),19 egli è anche l’esponente più autorevole di quella cerchia (pur non avendo dato nulla alle stampe in vita) e una personalità assai benevola nei confronti dell’Ariosto, di cui non esita a difendere l’opera poetica (verosimilmente latina, seppure non specificata) dalle critiche di un ignoto denigratore.20

  • 21 Si veda la lettera di Isabella d’Este ad Ippolito, 3 febbraio 1507, in Catalano 1930-1931: II, 78- (...)
  • 22 Archivio di Stato di Modena, Cancelleria estense, busta 4. La lettera, datata Firenze 18 settembre (...)

18La corte di Ippolito non è però un ambiente chiuso, ma un polo di attrazione che si avverte anche da lontano, facendo sì che siano tanti gli intellettuali, i musicisti, gli artisti che si rivolgono a lui nel corso degli anni. Nel settembre 1507 gli giunse una lettera, unica pervenutaci, da parte di Leonardo da Vinci, la quale ci fa conoscere un nuovo risvolto del suo carattere ovvero un’altra passione. Il periodo è quello in cui si immagina ambientata l’Equitatio di Calcagnini che presenta un Ariosto alle prese con un componimento cavalleresco, del quale poco prima, agli ultimi di gennaio, aveva letto uno stralcio a Isabella d’Este.21 A quel tempo Ippolito risiedeva a Milano e Leonardo, che certamente già lo conosceva (benché non sia possibile precisare da quando), si rivolgeva a lui in quanto arcivescovo di quella città per una questione che gli stava molto a cuore, come si premurava di spiegare: «pochi giorni sono ch’io venni da Milano, & trovando che uno mio fratello maggiore non mi vuole servare uno <te>stamento, facto da 3 anni in qua che è morto nostro padre, ancor che la ragione sia per me, nondimeno per non mancare a me medesimo in una cosa che io stimo assai, non ho voluto omettere di richiedere la R.ma S. V. di una lettera commendatizia & di favore».22 In pratica Leonardo invocava il suo sostegno in una controversia coi suoi fratellastri (nove in totale) che lo volevano escludere dall’eredità del padre, Ser Piero, morto intestato nel 1504; a ingarbugliare ulteriormente la questione era poi intervenuta, due anni dopo, la disputa per l’eredità dello zio Francesco. La causa giudiziaria che ne era nata, che si trascinava ormai da tempo e che aveva visto Leonardo scomodare, tra gli altri, anche il re di Francia (Luigi XII), era giunta nella fase conclusiva presso la Signoria di Firenze, da dove aveva pensato bene di scrivere al cardinale per sollecitare ulteriore pressione.

19Non si conosce il responso di Ippolito; ma poiché l’esito della pratica legale fu favorevole a Leonardo che si vide riconosciuti i suoi diritti, v’è ragione di credere che Ippolito gli concedesse il suo appoggio. Anzi, è probabile che questi lo abbia favorito già da prima, e che Leonardo, in segno di gratitudine, gli abbia fatto un dono consono ai suoi gusti raffinati.

  • 23 Cf. Equicola 1507.
  • 24 «Hippolytus Estensis cardinalis memorandam sententiam ingeniosis patere voluit et ut omnium oculi (...)

20Per capire quale, occorre risalire nel tempo fino al febbraio di quell’anno (1507) allorché, a Napoli, veniva stampato un dialogo di Mario Equicola (che abbiamo già incontrato) intitolato De opportunitate,23scritto nel periodo in cui gravitava nell’orbita del cardinale, pur essendo dedicato (forse di proposito, onde allontanare il sospetto che fosse stato da questi commissionato) al filosofo partenopeo Agostino Nifo. Il titolo allude all’argomento principale trattato nel libro, vale a dire un’impresa di Ippolito intesa come emblema allusivo alla sua abilità di cogliere le occasioni al momento più propizio e fare tutte le cose a tempo. Come spiega Cesare Mauro, uno dei quattro interlocutori del dialogo, il cardinale desiderava che la massima racchiusa nell’impresa fosse evidente agli uomini di ingegno ma che nel contempo sapesse trasmettere a tutti un piacere visivo.24 Ecco in che cosa consiste l’impresa:

  • 25 “Si tratta di un falcone, appartenente alla famiglia degli uccelli rapaci […]. In italiano oggi lo (...)

Ex accipitrum genere falco est […]. Italico sermone nunc «falcon» dicimus. Ore gestat rostroque tenet partem illam horologii tinnuli quasi libramentum, que ponderibus librata et continuo motu circunducta rotulas dentatas ita concitat pari intervallo, ut horae mallei ictu ad tintinabulum nuntientur. Partem illam tempus dicimus, cum per ipsam horas cognoscamus partes temporis. Reddit ergo nobis Italice «falcon tempo» non dictione modo aut syllaba, sed ne littera quidem abundanti.25

  • 26 Cf. Schirg 2015: 141. È significativo che riportando quell’impresa Giovio riesca a darne una versi (...)

21L’impresa aveva quindi un correlativo figurativo: un uccello rapace, nella fattispecie un falcone, che tiene nel becco una parte costitutiva dell’orologio, una sorta di bilanciere nel gergo specialistico detta tempo. Come osserva Bernhard Schirg, essa si distacca dalla maggior parte delle imprese che saranno prese in esame nel noto trattato di Paolo Giovio in quanto il suo funzionamento non è quello dell’allegoria, bensì del rebus: «Its figurative parts refer to Italian words, whose individual phonetic values (falcon + tempo) are homophones to its maxim».26

22Una tale impresa si addiceva alla persona del cardinale Ippolito in più di un modo, a cominciare dalla componente venatoria, lui che era fanatico della caccia col falcone, di cui possedeva una vasta collezione, con esemplari fatti espressamente venire dalla Russia. Per non dire del richiamo alle scienze naturali, dalla meccanica all’orologeria e, indirettamente, all’astronomia, che tanto lo appassionavano. Il meccanismo a rebus che vi stava alla base, inoltre, dava rilievo all’elemento razionalistico tipico di un cultore delle scienze. Sennonché l’impresa rivela anche lo stretto legame esistente tra Ippolito e l’ambiente umanistico, Equicola non essendo che uno degli intellettuali di spicco di cui il cardinale si circondava in quel giro d’anni. Vari riferimenti, di natura tra l’esoterico e l’erudito, alle antichità caldee e egiziane sparsi nel dialogo richiamano altrettanti passi della coeva Equitatio di Calcagnini come pure il carme ariostesco De laudibus Sophiae ad Herculem Ferrariae ducem II, i quali difficilmente si potrebbero spiegare se non avendo origine in un medesimo ambiente culturale.

  • 27 Codice Forster II-1, c. 63r, Londra, Victoria and Albert Museum. Riproduzione in Schirg 2015: 143.
  • 28 Ibi: 143-144.

23Appurato questo, sorge la domanda: chi fu l’inventore dell’impresa? cosa che Mario Equicola non dice, pur lasciando intendere come il suo destinatario, cioè Ippolito, se ne interessasse attivamente. La risposta è emersa solo di recente grazie a Schirg, il quale ha fatto notare una sorprendente analogia tra l’impresa descritta dall’Equicola nel De opportunitate e un disegno di Leonardo presente nel codice Forster, oggi al Victoria and Albert Museum di Londra.27 Esso mostra «a bird holding an s-shaped object in its beak, together with an accompanying text (in mirror writing) reading “falcon tempo” – precisely the maxim which Equicola’s character Cesare Mauro decoded from the imagery of Ippolito’s impresa».28 Che si tratti proprio di un’impresa e non d’altro, lo conferma il fatto che compare appena sotto un altro disegno, che Leonardo descrive come «albero tagliato che rimette [scil. germoglio]», a cui segue il motto «anchora spero»: chiaramente un’impresa. Leonardo si rivela pertanto l’artefice dell’impresa falcon-tempo con la quale ripagava il cardinale per il favore che questi gli aveva concesso, benché non sia possibile fissarne la data e neppure dire se fosse stata concepita espressamente per Ippolito oppure per un destinatario non ancora specificato. Quel che è certo è che essa rispecchia un aspetto caratteristico di Ippolito, proclamando il suo proposito di dominare il tempo (nientemeno), di stringerlo forte e non lasciarselo scappare via.

  • 29 «Me ne sono alegrato, ché oltra l’util pu<blico la mia Musa ha>verà historia da dipingere nel padiglione del mio <Ruggiero a nova la>ude de </Ruggiero></blico> (...)

24Egli aveva certo compreso l’importanza della tempestività, della quale avrebbe dato un saggio memorabile in un’impresa (stavolta militare) svoltasi di lì a due anni, ovvero la battaglia della Polesella (22 dicembre 1509), che lo avrebbe catapultato in primo piano – lui solo, assente il fratello – nella difesa dello stato estense contro l’incursione della flotta veneziana. In uno scontro in cui, giusto il motto che aveva fatto suo proprio, tutto si gioca sul fattore tempo: Ippolito, infatti, esperto conoscitore del Po e delle sue piene, aveva aspettato che il livello delle acque continuasse a salire per poi, a notte fonda, cogliendo l’istante preciso, impartire all’esercito ferrarese l’ordine che avrebbe fatto scattare l’annientamento dell’armata veneta. Era proprio il fatto di cui il poeta al suo servizio, cioè Ariosto, aveva bisogno per calare Ippolito nei panni dell’eroe, un eroe la cui sapiente tempestività aveva salvato la patria. E glielo comunicava subito, non appena appresa la notizia della vittoria a Roma, dove si trovava in missione diplomatica, il 25 dicembre;29 in una missiva che, tra i documenti superstiti, è la sola che lasci intuire la stretta intesa esistente tra i due. Essa presuppone che Ippolito sia al corrente della composizione che sta impegnando il suo famiglio: in particolare egli deve sapere (visto che qui vi si allude) che nella parte finale del poema è previsto un padiglione (che è quello di Melissa, OF XL 49-71 A) trapunto di episodi tratti dalla storia recente, ai quali si è appena aggiunto quello che darà a Ippolito la gloria maggiore: tanto gli era valsa la fedeltà alla propria impresa (quella escogitata da Leonardo).

  • 30 Tra le eccezioni maggiormente significative l’ottava XL 64 AB, abolita in C, e l’ottava XL 71 A, a (...)

25Resta che l’Ariosto non ha soltanto dedicato il poema al cardinale Ippolito; lo ha posto al suo centro. Principe regnante, signore per antonomasia, interlocutore del poeta narratore, tacito garante delle sue affermazioni, egli è anche un personaggio – nella realtà come pure nella sua trasposizione letteraria – che all’occorrenza non esita a vestire le armi e a scendere in campo come fa un vero cavaliere. A tutto ciò occorre aggiungere un’ulteriore funzione svolta da Ippolito: il fatto, che si ricava proprio dalla lettera del 1509, di aver seguito da vicino la gestazione dell’opera ariostesca (pur essendo difficile dire se, o in che misura, vi possa anche aver contribuito). L’Ariosto, insomma, ha assegnato a lui un ruolo che va ben oltre quello che si suole designare come dedicatario (che nel Cinquecento spesso non è altro che un nome aggiunto a posteriori e di fatto intercambiabile); al punto che Ippolito è diventato un elemento intrinseco all’opera e non più amovibile senza grave detrimento di essa (come si dovrà accorgere anche l’Ariosto, che in seguito non toccherà pressoché nulla di quanto concerne il cardinale).30

  • 31 «li quindici anni che in servirlo ho spesi»: Satire, I 236; testo secondo Ariosto Satire (Segre).

26Il rapporto tra Ariosto e Ippolito, ossia la vera natura di quel sodalizio durato «quindici anni»,31 rappresenta un caso non ancora accertato e nel contempo scarsamente indagato dalla critica che, assecondando una lunga tradizione, ha preferito vederlo attraverso il prisma delle Satire anziché alla luce della lettera del 1509. Vi è tuttavia un documento che a questo scopo non è stato ancora interpellato, il quale può servire a chiarire proprio questo punto controverso. Lo dobbiamo ad un increscioso incidente capitato al poeta.

27Il 30 ottobre 1514 il cardinale Ippolito, che in quel periodo risiedeva a Ferrara, partì alla volta di Roma con l’Ariosto al suo seguito.

  • 32 Cf. Catalano 1930-1931: I, 368-369.

28Sennonché, giunto alla gola del Furlo appena dopo Urbino, lungo il tracciato originario della via Flaminia nel tratto in cui questa costeggia il fiume Candigliano, il poeta fu colto da un grave malore che lo costrinse a fermarsi qualche giorno a Fossombrone per rimettersi in forze; poi fece ritorno a Ferrara, riuscendo soltanto successivamente a raggiungere il suo signore a Roma.32 La sosta forzata a Fossombrone gli ispirò un capitolo (X), composto (a quanto pare) con la febbre alta, in un momento in cui disperava addirittura della guarigione. Di qui la franchezza con cui l’ammalato si rivolge al suo signore:

  • 33 Ariosto OM (Segre): 185-188.

Del bel numero vostro avrete un manco,
signor: ché qui rest’io dove Apenino
d’alta percossa aperto mostra il fianco
[…]
Tiemmi la febre, e più ch’ella m’annoi,
m’arde e strugge il pensar che, l’importuna,
quel che devea far prima ha fatto poi.
Ché, s’ero per restar privo de l’una
mia luce, almen non devea l’altra tòrmi
la sempre avara a’ miei desir Fortuna.
[…]
Io so ben quanto mal mi si convegna
dir, signor mio, che fra sì lieta schiera
io mal contento sol drieto vi vegna.
Ma mi fido ch’a voi, che de la fiera
punta d’Amor chiara noticia avete,
debbia la colpa mia parer ligiera.
Vostre imprese così tutte sian liete,
come è ben ver ch’ella talor v’ha punto,
né sano forse ancora oggi ne sète.
Capitoli, X, vv. 1-3333

  • 34 «Ve ne andrete senza di me, o Messalla, sulle onde dell’Egeo, e volesse il cielo che tu e il tuo s (...)
  • 35 Canzoni, I, in Ariosto OM (Segre): 109-114.
  • 36 Ariosto OM (Fatini): 354.
  • 37 Alle pene amorose di Ippolito pare riferirsi anche un altro capitolo (XIV, cf. Ariosto OM (Segre): (...)

29Pur improntato ad un fatto vero, il capitolo riprende, anche nel dettato poetico, un’elegia di Tibullo, evidente fin dalla movenza iniziale: «Ibitis Aegaeas sine me, Messalla, per undas, / o utinam memores ipse cohorsque mei. / Me tenet ignotis aegrum Phaeacia terris, / abstineas avidas, Mors, modo, nigra, manus» (I 3, vv. 1-4).34 Anche al poeta latino, infatti, mentre accompagnava il proprio mecenate, Messalla, in Siria per assumere la carica di governatore, accadde di ammalarsi e doversi fermare sull’isola di Corcira (odierna Corfù), in timore per la propria vita e addolorato di aver lasciato Delia, la donna amata, sola a Roma. Stupisce pertanto che, parimenti malato, l’Ariosto si preoccupi anzitutto del cardinale, rammaricandosi di non poterlo accompagnare oltre e far parte della sua «lieta schiera». Né desta meno stupore un altro fatto: il cardinale e la donna amata (conosciuta, stando alla canzone I,35 a Firenze poco più di un anno prima) rappresentano, a suo dire, nientemeno che i due fari, anzi le due “luci” della sua vita, che pertanto vengono a porsi sullo stesso piano nella scala di valori affettivi del poeta («Ché, s’ero per restar privo de l’una / mia luce [scil. Alessandra], almen non devea l’altra [Ippolito] tòrmi / la sempre avara a’ miei desir Fortuna», vv. 13-15). Vale la pena ribadire che l’Ariosto non era in alcun modo tenuto a scrivere questo componimento che appartiene di diritto alla sfera privata e personale del poeta; per cui non c’è motivo di dubitare delle opinioni che vi sono espresse. Riguardo al fatto ch’egli definisca il cardinale «luce» della propria vita, Giuseppe Fatini ebbe a commentare, nascondendo a fatica il proprio disagio, che «è un complimento cui fa contrasto quanto leggemmo nelle Satire e che si può solo in parte giustificare col fatto che la poesia è diretta all’Estense, del quale forse l’Ariosto non era ancora così malcontento come avverrà più tardi».36 Fatini, cioè, si trovò a dover constatare che l’immagine del cardinale quale emerge dal capitolo non è affatto compatibile con quella fornita dalle Satire, appartenente del resto ad altra epoca. Che il rapporto tra Ippolito e Ludovico fosse assai diverso a questa data e improntato, se non proprio ad amicizia (impedita dal divario sociale), almeno ad un senso di cordialità e stima reciproca, è provato anche da un altro particolare: il poeta considera il cardinale un compagno di pena: intendasi amorosa. Nel momento in cui Ludovico si duole della lontananza della propria donna, gli viene spontaneo ricordare che anche Ippolito è stato ferito da una «punta d’Amor» che lo ha reso, lui pure, malato in lenta convalescenza («come è ben ver ch’ella talor v’ha punto, / né sano forse ancora oggi ne sète», vv. 32-33).37

30Un tale accenno lascia trasparire una certa intesa tra i due. Per comprenderne appieno la rilevanza, vale la pena porre questi versi in relazione a quelli di un altro capitolo (XIX), in cui il poeta esplicita la propria filosofia amorosa:

  • 38 Ariosto OM (Segre): 209.

Piaccia a cui piace, e chi lodar vuol lodi,
e chiami vita libera e sicura
trovarsi fuor de li amorosi nodi;
ch’io per me stimo chiuso in sepoltura
ogni spirto ch’alberghi in petto dove
non stilli Amor la sua vivace cura.
Capitoli, XIX, vv. 1-638

  • 39 Testo conforme a Boiardo (Tissoni Benvenuti–Montagnani).

31Il fatto che Ippolito porti anch’egli dentro di sé una ferita amorosa non è privo di conseguenze: non solo lo accomuna al poeta, ma viene ad aggiungere un tratto essenziale alla sua immagine rendendolo principe cavaliere nell’accezione data dal Boiardo, secondo cui «ogni cavalier ch’è sanza amore / se in vista è vivo, vivo è sanza core!» (Inam., I xviii 46,7-8).39 La militanza nella sfera amorosa, inoltre, rende Ippolito degno erede del suo avo, Ruggiero; senza questo attributo non potrebbe, propriamente, presiedere ad un’opera quale l’Orlando furioso, incentrata su una tale tematica. Nella parte finale del capitolo X da cui siamo partiti, il poeta, che si considera in fin di vita e teme il peggio, rivolge a Ippolito una preghiera che colloca la stesura del componimento al culmine della malattia: «signor, per grazia estrema vi dimando / che non vogliate da la patria cara / che sempre stian le mie reliquie in bando» (vv. 88-90), non potendo egli, ancor che morto, «da la sua bella donna viver longe» (v. 97).

  • 40 Cf. Dorigatti 2011: 41-42.

32È evidente come ad una data bassa quale è il 1514 il dialogo tra Ippolito e il suo famiglio si mantenesse ancora aperto, con dei toni finanche confidenziali, tali da far pensare ad una comunanza di interessi. Ma tutto questo stava per cambiare. Col 1515, quell’intesa durata tanti anni si incrinava irreparabilmente lasciando delle tracce perfino nel Furioso, come si rileva seguendo lo svolgersi della composizione, ancora in pieno fermento.40 La comparsa sull’orizzonte politico di Francesco I di Francia – re cavalleresco circondato da una fama proprio nel campo della liberalità (la cui mancanza è alla radice della delusione subita dal poeta) – fa sì che questi prenda il posto un tempo occupato dal principe estense, anche se l’autore si guarda bene dall’intaccare o smantellare quanto già costruito a suo favore.

33Ecco perché quando finalmente appare a stampa, il 22 aprile 1516, il poema ariostesco reca al suo interno l’immagine, viva e palpabile, del principe dedicatario; nessun’altra presenza, nemmeno quella di Francesco I, si protende da un capo all’altro dell’opera come la sua, diventando un filo conduttore. E a colpire è proprio il costante dialogo che il poeta-cantore intrattiene con un interlocutore silenzioso ma sempre presente, partecipe di quanto si svolge dentro la favola come pure nella sua affabulazione, ovvero nella recita a viva voce fatta dal narratore davanti ad un pubblico di ascoltatori. L’appello rivolto al proprio signore, che occupa il posto d’onore nella sala in cui si svolge la recita, può cadere in qualsiasi giacitura ritmica del verso, da quella iniziale («Signor, non voglio che vi paia strano», I 20,1; ecc.) a quella di 4ª, la più comune («E fu, signor, la sua resposta vera», XII 33,5; ecc.), a quella, più inarcata, di 6ª («Non crediate, signor, che perhò stia», IX 61,1; ecc.). Può assumere la forma signor mio («C’habbiate, signor mio, già inteso estimo», X 53,1; ecc.), o la sua inversione («che questa parte al mio signor si debbe», III 1,7). Ma conosce anche un tipo di apostrofe più alto e solenne («Piacciavi, generosa Herculea prole», I 3,1; «Magnanimo signor, ogni vostro atto / ho sempre con ragion laudato et laudo», XVI 1,1-2; «magnanimo figliuol d’Hercole invitto», XXXVI 1,4). Non di rado il narratore lo chiama a far da testimone di eventi in cui figura in veste di protagonista («Come vincer si de’, ne dimostraste», XIII 2,7; «quel dì, signor, che la famiglia inanti / vostra mandaste là, dove ritratti […]», XXX 5,5-6; ecc.). Lo scopo per cui il poeta si rivolge al proprio signore può essere semplicemente dichiarativo, rendendolo così rappresentante dell’intero uditorio («Signor, non voglio che vi paia strano», II 20,1; «Signor, è tempo di ridursi hormai», XIII 10,1; «Hor sappiate, signor, ch’el Re gagliardo», XXV 53,6; ecc.). Talvolta, il signore pare confondersi con la voce stessa del poeta («sì che i’ penso, signor, e temo forte»; ecc.); oppure serve a risvegliare la memoria degli ascoltatori («Non so, signor, se più vi ricordiate», XIII 20,1; «Era (se vi ricorda, signor) quella», XXVII 43,5; «come havete, signor, di sopra udito», XXIX 29,8; ecc.). Talaltra, si carica di un significato ironico, come ad esempio quando la menzione di signore, un alto prelato della Chiesa, viene a cadere di seguito all’interiezione per dio, che l’autore scrive spesso e volentieri anche con la minuscola («Ma lasciamo, per dio, signor, hormai / di parlar d’ira et ragionar di morte»). Infine, se non si tratta di svista del compositore, bisogna prendere atto che in un caso del tutto eccezionale l’autore si rivolge a lui col plurale («Signori [AB; Signor XXIV 4,1 C], in l’altro canto io vi dicea», XXII 4,1).

34Ma il Furioso del 1516 andava anche oltre questo gioco dialogico e presentava ai lettori una serie di scene tratte dalla vita del cardinale, tra le quali spicca quella dedicata all’infanzia e all’educazione del giovane Ippolito. Essa figura nel padiglione ricamato da Cassandra che Melissa trasporta da Bisanzio a Parigi alla vigilia delle nozze di Ruggiero e Bradamante (XL 49-70 AB; XLVI 76-97 C); padiglione a cui – come si ricorderà – Ariosto alludeva già nel 1509, rivelandolo così un disegno antico, forse coevo alla nascita dell’opera e forse concordato con lo stesso interessato. L’educazione del principe estense si svolge su due versanti distinti ma complementari, attinenti l’uno alle attività ginniche e marziali, e l’altro al sapere filosofico e artistico. Per l’autore si tratta – è appena il caso di avvertire – di una prova di poesia (ecfrastica) non indifferente, per quanto spesso screditata dal lettore moderno, prevenuto nei confronti del personaggio al suo centro. Ecco la prima parte:

Qua con molt’arte e con più forza lotta,
e con robusti gioveni s’afferra:
par ch’abbattuti già n’habbia una frotta,
e s’apparecchi a poner l’altri in terra.
Là par ch’egli habbia più d’un’hasta rotta,
armato in simulacro d’aspra guerra,
a piè e a cavallo, con ogni arma destro,
di tutti li altri e principe e maestro.
OF XL 64 AB, manca C

  • 41 Stimato 2009: 221. Sull’infanzia e l’educazione di Ippolito d’Este si veda inoltre Guerra 2011a e (...)
  • 42 Sulle ragioni della sua soppressione, che ha dato luogo a opinioni divergenti, cf. almeno Bigi, ch (...)

35«Attraverso la caccia e la lotta corpo a corpo, dunque l’attività ginnica – commenta Gerarda Stimato –, il cardinale è dipinto nell’atto di compiere imprese del tutto simili a quelle degli eroi del poema, ed in particolar modo a quelle del suo avo: Ruggiero».41 Ed effettivamente, benché simulato, quello adombrato nella seconda metà dell’ottava si rivela uno scontro tra armati (sia che si tratti di giostra o di duello) inteso a rafforzare le credenziali cavalleresche del giovane principe sulle quali, come abbiamo visto, il poeta insiste a più riprese (l’ottava sarà poi soppressa nella redazione C, ma significativamente non in B, pur essendo a quella data già morto il cardinale).42 La seconda parte della paideia principesca, legata alla prima dal correlativo altrove, ci trasporta in un mondo dal fascino misterioso, come potrebbe apparire agli occhi di un fanciullo:

Altrove di philosophi et poeti
si vede in mezo una honorata squadra:
quel gli dipinge il corso de’ pianeti,
questo la terra, quel il ciel gli squadra;
questo meste elegie, quel versi lieti,
quel canta heroici, o qualche oda liggiadra.
Musici ascolta, et varii suoni altrove;
né senza summa gratia un passo muove.
OF XL 65 AB; XLVI92 C

36L’astronomia (dietro cui si intravede l’astrologia), la geografia, la poesia nei suoi diversi generi (dalle umili «elegie» alle odi fino ai componimenti «heroici»), la musica (tanto vocale quanto strumentale): sono interessi ai quali Ippolito resterà fedele per tutta la vita (notevole il ruolo della letteratura, spesso negato o sminuito), e sono ovviamente interessi veri, storicamente documentati. Già nella sua infanzia, come sarà poi nell’età adulta, Ippolito appare circondato da maestri nelle varie discipline, di cui altrove il poeta non manca di ricordare Tommaso Fusco, responsabile della parte propriamente umanistica («Fusco gli è appresso, che li occulti sensi / chiari gli expone de l’antiche charte», XL 61,3-4 AB; XLVI 89 C). Il miracolo della poesia ariostesca consiste nell’aver creato un’immagine idealizzante senza però tradire il dato reale.

  • 43 «Non sono del tutto chiare le ragioni che spinsero l’E. a tornare in Ungheria nel 1517. Si può pen (...)

37Ma è come se a un certo punto, prima ancora della pubblicazione dell’opera, la bacchetta magica, capace di animare brani come questo, si fosse spezzata, lasciando nel poeta un senso di amarezza e di risentimento verso una figura un tempo riverita. Ciò nonostante, il poeta rimase al suo servizio fino al tardo 1517 allorché, richiesto dal cardinale di accompagnarlo in Ungheria,43 l’Ariosto oppose un rifiuto rispettoso ma fermo. E da quel momento le loro strade si separarono. Il cardinale lasciò Ferrara diretto alla propria sede vescovile di Eger (Agria) il 24 ottobre: lo seguirono Celio Calcagnini, Ludovico da Bagno, Alessandro Ariosto, Guido Postumo nonché il musicista Adrian Willaert; mentre Andrea Marone, desideroso di partire, si vide rifiutato.

38Il dissidio fu motivo di delusione per Ippolito (che evidentemente teneva alla presenza dell’Ariosto), ma più profondamente segnò Ludovico (che oltretutto si trovava disoccupato). Il cui rammarico, che veniva a sommarsi ad un malessere che si portava dentro ormai da tempo, non tarderà a sfociare nella satira I, forse scritta prima ancora della partenza del cardinale. Qui il poeta, quasi rivolgendosi ad un tribunale immaginario, appare intento a fare un bilancio degli anni spesi alle dipendenze del prelato:

  • 44 Testo conforme ad Ariosto Satire (Segre).

Apollo, tua mercé, tua mercé,
santo collegio de le Muse, io non possiedo
tanto per voi, ch’io possa farmi un manto.
– Oh! il signor t’ha dato– – io ve ’l conciedo,
tanto che fatto m’ho più d’un mantello;
ma che m’abbia per voi dato non credo.
Satire, I 88-9344

39Un velo di pessimismo è calato sugli occhi dell’Ariosto (lo si avverte tra le righe), ma il suo ragionamento è lucido: è vero che il cardinale lo ha ricompensato per quanto egli ha fatto, mostrando perfino una certa generosità (ragion per cui, a rigore, non può dirsi ingrato); ma non ha fatto niente, anzi è rimasto indifferente di fronte all’opera che l’Ariosto ha composto con tanta fatica proprio in suo onore; dove la mancanza di riconoscimento si rivela più dolorosa della mancanza di ricompensa.

S’io l’ho con laude ne’ miei versi messo,
dice ch’io l’ho fatto a piacere e in ocio;
più grato fòra essergli stato appresso.
Satire, I 106-108

40Se così, sorprende che il cardinale possa essere stato tanto miope da non comprendere che il poema ariostesco svolgeva oltretutto una funzione politica favorevole alla causa ferrarese come pure alla dinastia estense, per non dire alla sua persona. Tanto più che di lì a poco Alfonso, in questo più lungimirante, non esiterà a impadronirsi della costruzione ariostesca trasformando, per mano di Dosso Dossi, la maga Melissa in dea protettrice delle sorti del casato. L’incapacità di Ippolito di apprezzare nella giusta misura un’opera a suo dire nemmeno richiesta starebbe, secondo Ludovico, alla radice del divario insanabile sorto tra i due, la ragione che lo spinse a fare il proposito di non volerlo mai più vedere:

E questo fu cagion ch’io me ritenni
di non gli comparire inanzi mai,
dal dì che indarno ad escusar mi venni.
Satire, I 136-138

  • 45 Tiraboschi 1777: 35.

41In Ungheria, dove mancava dal 1513, Ippolito svolse un’intensa attività politica come pure di rappresentanza, non dimenticando però gli interessi che gli erano più cari, specialmente quelli scientifici. Merita ricordare a questo proposito, nel 1518, l’incontro, tramite il Calcagnini, con Jacob Ziegler, matematico, astronomo e cartografo bavarese, a cui Ippolito avrebbe desiderato affidare la cattedra di matematica allo Studio ferrarese, in quel momento vacante. Per il suo interessamento nei confronti di Ziegler, con cui restò in contatto fino alla morte, e per «per quell’amore che aveva per tutti i dotti», il Tiraboschi non esiterà a definire Ippolito «uno de’ più splendidi protettor delle Scienze».45 Nello stesso anno egli presenziò alle sontuose nozze della cugina Bona Sforza con Sigismondo Jagellone, re di Polonia, svoltesi a Cracovia il 18 aprile. Nel 1519, in seguito alla morte dell’imperatore Massimiliano (12 gennaio), appoggiò la candidatura di Carlo d’Asburgo (il futuro Carlo V) e a questo scopo incaricò Calcagnini di rappresentarlo alla Dieta imperiale di Francoforte (28 giugno), con ciò mettendo fine alla lunga alleanza estense con la Francia.

  • 46 Lettera a Mario Equicola, Ferrara, 15 ottobre 1519, in Ariosto Lettere (Stella): 172-173.

42Sono anni in cui, a Ferrara, l’Ariosto pensa di fare «un poco di giunta» al suo Furioso, come confiderà a Mario Equicola.46 Di questo lavoro di ampliamento resta un lungo frammento noto come Cinque canti, in cui è dato rimarcare una vistosa stranezza. Nell’ottava designata β, che fa da ponte tra il punto d’aggancio con B (ossia XL 45) e la parte nuovamente aggiunta, il poeta, alludendo all’odio e all’invidia che stanno per ripiombare la Francia nel pericolo, così scrive:

  • 47 Ariosto CC (Caretti). L’ottava citata sopra compare nell’editio princeps M (Venezia, Aldo Manuzio, (...)

Ma prima che di questo altro vi dica,
siate, signor, contento ch’io vi mene
(che ben vi menerò senza fatica)
là dove il Gange ha le dorate arene;
Cinque canti, I β, 1-4747

  • 48 Ariosto CC (Caretti): nota al luogo citato.

43Con ciò il poeta-narratore si rivolgeva ancora una volta – l’ultima – al proprio signore dall’interno di un’opera cavalleresca, malgrado che, nella vita, se ne fosse ormai distaccato. A questo proposito Caretti osserva che Ippolito «era dunque ancora vivo quando l’Ariosto iniziò i Cinque canti»;48 il che fa sì che anche i Cinque canti gli siano implicitamente dedicati, se è vero che essi erano destinati a confluire nell’Orlando furioso. L’autore viene a trovarsi nei panni di Ruggiero allorché decide abbandonare il vecchio signore (Agramante) per passare a quello nuovo (Carlo), non trovando però il modo di farlo senza perdere l’onore (è curioso inoltre che nella stanza si parli di un poeta che si offre di accompagnare il proprio signore in un lungo viaggio…). Questa menzione isolata e senza alcun seguito ha il sapore di un ulteriore commiato.

  • 49 Monferrato de’ Calcagnini 1843: 28.
  • 50 Menegatti 2014a: 862.
  • 51 Cf. Ariosto OM (Segre): 98-99.

44Dopo essersi trattenuto in Ungheria due anni e mezzo, nella primavera del 1520 il cardinale Ippolito si apprestò a rientrare a Ferrara (dove tra l’altro l’anno prima, il 24 giugno, era morta Lucrezia, sua cognata). A riportarlo in patria era una ragione pressante: gli era giunta notizia che il fratello Alfonso era oppresso da una grave malattia, tanto che si temeva per la sua vita e quindi anche per le sorti del ducato. Partito da Buda il 27 febbraio, Ippolito arrivò, secondo il suo biografo più antico,49 il lunedì santo (2 aprile), fermandosi però in San Giorgio fuori le mura per poi fare un ingresso trionfale in città la domenica di Pasqua (8 aprile). «Da Roma, nelle stesse ore – fa notare Marialucia Menegatti –, giunse notizia dell’inaspettata morte di Raffaello, deceduto il venerdì santo fra la costernazione dell’intera corte pontificia, lasciando inevasa la commissione del dipinto destinata al camerino del duca».50 Anche Ariosto restò colpito dalla scomparsa del pittore a cui soltanto un mese prima (6 marzo) aveva affidato l’allestimento scenografico dei Suppositi rappresentati a Roma, e a lui dedicò l’elegia De Raphaele Urbinate (LXI).51 Ma una volta tornato e ripresi i contatti col luogo (e in particolare l’amministrazione dei vasti beni ecclesiastici), per il cardinale le cose cominciarono a cambiare, ovvero a invertirsi: Alfonso che fin lì stava molto male cominciò a migliorare, e Ippolito che prima stava bene cominciò a sentirsi male, come se un filo misterioso legasse i destini dei due fratelli. Col passar dei mesi le condizioni di Ippolito deteriorarono sempre di più, impensierendo non poco lo stesso Alfonso. Ma qui conviene cedere la parola all’antico biografo:

  • 52 Monferrato de’ Calcagnini 1843: 29-31.

Il duca gli diede per alloggiamento Castel Nuovo su il Po, dove stava pure così mal disposto sino al venerdì mattina, ultimo d’agosto, che si levò dal letto molto di buona voglia, rallegrandosi con ognuno dicendo, che si sentiva meglio, che avesse fatto dopo che era in Ferrara. E dimandato al Piscalco che cosa vi fosse di pesce, perché non voleva mangiar carne, gli fece vedere delle orate venute la notte da Comacchio, e delli pescetti vivi presi allora in Po, che sì gli piacquero, che non volle, ancorché il giovine astante per medico lo dissuadesse, mangiar carne. Si pose a tavola, e volle di quelli pesci e della Vernaccia; gli venne poi anche voglia di gambari, e ne volle arrostiti sulle bragie, e ne mangiò con licenza di maestro Lodovico Bonacciolo suo medico; e questo mangiar fece per bever meglio, come fece; ma poi nel digerire verso sera cominciò a travagliare, e la notte la febbre l’assalì in modo, che il sabato [1º settembre] stava molto male, e il duca fece chiamare a collegio tutti i primarii medici, e alla presenza avendo l’eccellente Manardo sentito il polso del cardinale, lo trovò molto gravato, e riferì il tutto alli altri medici, quali conchiusero di dargli una medicina alle sette ore, se però la febbre non fosse aumentata; ed in quell’ora settima lo trovarono in termine, che non gli si poteva dar medicina; e fatte altre previsioni per vacuarlo, furono fatte fuor di tempo, e niente giovarono. A tal che la domenica notte venendo al lunedì terzo di settembre rese l’anima al suo Creatore, di età di anni 41 e mesi cinque e mezzo, che in tale età egli stesso aveva più volte pronosticato dover morire.52

  • 53 Lettera a Mario Equicola, Ferrara, 8 novembre 1520, in Ariosto Lettere (Stella): 177.

45Una scorpacciata di pesce (a base di orate di Comacchio, pesciolini del Po, gamberetti alla brace) ben annaffiata con la vernaccia ma tutto sommato eccessiva: questa la causa apparente della morte prematura di Ippolito; e basterebbe soltanto la predilezione per questo particolare vino (bianco tipico della Toscana) a iscriverlo in un circolo che vanta, tra i suoi ascendenti letterari, papa Martino IV (altro prelato, e forse non è un caso), che nel Purgatorio dantesco «purga per digiuno / l’anguille di Bolsena e la vernaccia» (vv. 23-24), per non dire di altri estimatori in Boccaccio, Sacchetti o nello stesso Ariosto, nella cui satira II Moschino e fra Gualengo, noti beoni, «metton carestia ne la vernaccia» (v. 65), trangugiandone una tale quantità, cioè, da renderla introvabile. Con la morte di Ippolito veniva a mancare il dedicatario dell’Orlando furioso proprio nel momento in cui le copie della prima edizione stavano per esaurirsi, come lo stesso Ariosto farà sapere all’Equicola nel novembre 1520.53

46Con ciò giungeva a termine il lungo rapporto intercorso tra il cardinale e l’Ariosto, o così sembrava, perché questa storia ha un epilogo. Di fatto, il poeta non restò indifferente di fronte alla scomparsa di Ippolito come non lo fu per Raffaello, e a colpirlo fu la singolarità di quella morte per certi versi perfino ironica, tanto che vi dedicò un’elegia latina (LXII) che contiene il suo giudizio finale sul principe estense. La presenza di Alfonso nel titolo (Ad Alphonsum Ferrariae ducem III) non è casuale. Ad accendere la fantasia del poeta, infatti, sono i due fratelli regnanti, Alfonso e Ippolito, e i loro rispettivi destini, che paiono variare l’uno (x) in funzione dell’altro (y) istituendo un rapporto diretto. Di qui il richiamo ad un precedente mitologico: la coppia di fratelli gemelli Castore e Polluce, detti anche Dioscuri, che parteciparono assieme a molte imprese, tra cui la spedizione degli Argonauti. Sennonché, durante una terribile battaglia Castore rimase ferito a morte. A questo proposito è da sapere che i due fratelli, pur essendo gemelli, non erano in tutto uguali: entrambi erano figli di Leda, regina di Sparta; ma mentre il padre di Castore era Tindaro, marito di Leda, il padre di Polluce era invece Zeus, che aveva sedotto la donna sotto forma di cigno la stessa notte in cui aveva concepito l’altro figlio. Di conseguenza Castore era mortale e Polluce immortale; ragion per cui quest’ultimo, disperato per la morte del fratello, implorò Zeus di far morire anche lui oppure concedere l’immortalità anche a Castore. Zeus acconsentì ad un compromesso: se Polluce avesse rinunciato a metà della propria immortalità, egli avrebbe accordato l’altra metà a Castore, permettendo ai due fratelli di stare insieme per sempre, trascorrendo a turno parte del tempo agli Inferi e parte con gli dèi sul monte Olimpo. È questo il motivo ispiratore dell’elegia ariostesca, che funge da falsariga al dramma che affligge i due principi estensi:

  • 54 Ad Alphonsum Ferrariae ducem III, in Ariosto OM (Segre): 100. “Credendo che il fratello suo langui (...)

Cum desperata fratrem languere salute
et nulla redimi posse putaret ope,
dîs vovet Hippolytus, Getico dum currit ab orbe,
Manibus ipse suum, vivat ut ille, caput.
Vota deos faciles habuere: Alphonsus ab Orco
eripitur, fratris fratre obeunte vices.
Morte tua, Pollux, redimis si Castora, munus
accepturus idem das, nec obis, sed abis;
quod dedit hic, nunquam accipiet, nec lusus inani
spe reditus avidi limina Ditis adit.54

  • 55 Aiuta a chiarire la natura del luogo raffigurato un passo del Boiardo: «L’anima del tuo patre [Agr (...)

47Il voto di Ippolito viene dunque esaudito dagli dèi Mani, permettendogli di riscattare con la propria vita quella del fratello, sia pure ad un prezzo senza paragone più caro di quello pagato da Polluce. Pertanto sua Eminenza, il «gran Cardinal dela Chiesa di Roma», deve rassegnarsi a scendere nell’Averno, governato da Dite, ossia in un oltretomba nemmeno cristiano bensì pagano (consono allo spirito dell’elegia), non diversamente dall’«alma sdegnosa» di Rodomonte, parimenti precipitata «alle squallide ripe d’Acheronte» (da identificarsi anch’esso con un luogo della topografia pagana anziché dantesca).55 Questo ci fa capire l’entità del dono fatto al fratello: per lui il cardinale non aveva sacrificato soltanto la vita terrena ma anche la vita eterna, indice di un amore fraterno a dir poco sconfinato. Ma la cosa che non può fare a meno di sorprendere è che, già molto prima, l’Ariosto aveva così raffigurato i due fratelli nell’Orlando furioso, presentandoli come dei novelli Castore e Polluce pronti a salvarsi a vicenda anche a prezzo della morte. È nel canto III che, senza volerlo, l’Ariosto faceva quella che a posteriori appare come una profezia. Lì, accennando agli obblighi che i futuri cittadini ferraresi avranno nei confronti del duca Ercole, il poeta aveva affermato che ciò che importa di quest’ultimo non è tanto la sua opera agraria, urbanistica o difensiva,

quanto che darà lor l’inclyta prole,
el giusto Alphonso e Hippolyto benigno,
che seran quai l’antiqua fama suole
narrar de’ figli del Tindareo cigno,
ch’alternamente si privan del sole
per trar l’un l’altro de l’aer maligno:
serà ciascuno d’essi e pronto e forte
l’altro salvar con sua perpetua morte.
OF III 50 ABC

48Il circolo si è dunque chiuso e la ‘profezia’ avverata. Dopo aver svolto il ruolo di dedicatario dell’Orlando furioso, dopo esser stato ripudiato nelle Satire e riabilitato (sia pur brevemente) nei Cinque canti, l’immagine del cardinale Ippolito che da ultimo si fa strada nella mente di Ludovico Ariosto, che lo aveva accompagnato per un lungo tratto della sua esistenza, è quella di un principe regnante che, salvando la vita al fratello, si era dimostrato ancora una volta salvatore della patria: si tratti pure di un tributo non esente da ironia.

Bibliographie

Letteratura primaria

Ariosto CC (Caretti) = Ludovico Ariosto, Cinque canti, a c. di Lanfranco Caretti, Torino, Einaudi, 1977.

Ariosto Lettere (Stella) = Ludovico Ariosto, Lettere, a c. di Angelo Stella, in Id., Tutte le opere, vol. III. Satire, Erbolato, Lettere, Milano, Mondadori, 1984.

Ariosto OF (Bigi) = Ludovico Ariosto, Orlando furioso, commento di Emilio Bigi, a c. di Cristina Zampese, Milano, Rizzoli, 2012.

Ariosto OF (Debenedetti–Segre) = Ludovico Ariosto, Orlando furioso secondo l’edizione del 1532, con le varianti delle edizioni del 1516 e del 1521, a c. di Santorre Debenedetti, Cesare Segre, Bologna, Commissione per i testi di lingua, 1960.

Ariosto OF (Dorigatti) = Ludovico Ariosto, Orlando furioso secondo la princeps del 1516, ed. critica a c. di Marco Dorigatti, con la collaborazione di Gerarda Stimato, Firenze, Olschki, 2006.

Ariosto OF (Segre) = Ludovico Ariosto, Orlando furioso, a c. di Cesare Segre, in Tutte le opere di Ludovico Ariosto, Milano, Mondadori, 1964, vol. I.

Ariosto OM (Fatini) = Ludovico Ariosto, Opere minori, scelte e commentate da Giuseppe Fatini, Firenze, Sansoni, 1915.

Ariosto OM (Segre) = Ludovico Ariosto, Opere minori, a c. di Cesare Segre, Milano-Napoli, Ricciardi, 1954.

Ariosto Satire (Segre) = Ludovico Ariosto, Satire, ed. critica e commentata a c. di Cesare Segre, Torino, Einaudi, 1987.

Boiardo (Tissoni Benvenuti–Montagnani) = Matteo Maria Boiardo, L’inamoramento de Orlando, ed. critica a c. di Antonia Tissoni Benvenuti e Cristina Montagnani, introduzione e commento di Antonia Tissoni Benvenuti, Milano - Napoli, Ricciardi, 1999, 2 voll.

Equicola 1507 = Mario Equicola, De opportunitate, Napoli, Ioannes Antonius de Caneto, 1507.

Giovio 1555 = Paolo Giovio, Dialogo delle imprese militari et amorose, Roma, appresso Antonio Barre, 1555.

Guarini 1520 = Alexandri Guarini Ferrariensis Funebris oratio in reveren. et illustriss. dominum D. Hippolytum Estensem […] in cathedrali templo habita. 4. Idus Septembres 1520, Ferrara, Lorenzo de Rossi?, ca. 1520.

Pigna 1553 = Io. Baptistae Pignae Carminum lib. quatuor, ad Alphonsum Ferrariae Principem. His adiunximus Caelii Calcagnini Carm. lib. III. Ludovici Areosti Carm. lib. II, Venezia, Valgrisi, 1553.

Strozzi 1513 = Strozii poetæ, pater et filius, s.l., s.d. [ma Venezia, Aldo Manuzio, 1513].

Letteratura secondaria

Ballarin 2010 = Alessandro Ballarin, Nota sul Cardinale di Raffaello a Budapest. “Ippolito fa la ninfa”, in Leonardo a Milano. Problemi di leonardismo milanese tra Quattrocento e Cinquecento. Giovanni Antonio Boltraffio prima della pala Casio, con la collaborazione di Marialucia Menegatti e Barbara Maria Savy, Verona, Aurora, 2010, vol. II: 990-1000.

Byatt 1993 = Lucy Byatt, voce Este, Ippolito d’, in Dizionario biografico degli italiani, vol. XLIII, Roma, Istituto della enciclopedia italiana, 1993: 361–367.

Casadei 1988 = Alberto Casadei, La strategia delle varianti. Le correzioni storiche del terzo «Furioso», Lucca, Maria Pacini Fazzi, 1988.

Catalano 1930-1931 = Michele Catalano, Vita di Ludovico Ariosto ricostruita su nuovi documenti, Genève, Olschki, 1930-1931, 2 voll.

D’Ascia 2010 = Luca D’Ascia, Erasmismo e cultura scientifica nella biblioteca di Celio Calcagnini, in Francesca Maria Crasta (a c. di), Biblioteche filosofiche private in età moderna e contemporanea. Atti del convegno (Cagliari, 21-23 aprile 2009), Firenze, Le Lettere, 2010: 23-33.

Dorigatti 2011 = Marco Dorigatti, Il manoscritto dell’«Orlando furioso» (1505–1515), in Gianni Venturi (a c. di), L’uno e l’altro Ariosto: in Corte e nelle Delizie, Firenze, Olschki, 2011: 1-44.

Dorigatti 2018 = Marco Dorigatti, Il presente della poesia. L’«Orlando furioso» nel 1516, in Nel segno del «Furioso». L’incantato cosmo di Ludovico Ariosto e la cultura del suo tempo. Atti del convegno (Ferrara, 13-15 ottobre 2016), «Schifanoia» 54-55 (2018): 13-26.

Everson 2011 = Jane E. Everson, Il Mambriano di Francesco Cieco da Ferrara fra tradizione cavalleresca e mondo estense, in Gianni Venturi (a c. di), L’uno e l’altro Ariosto in Corte e nelle Delizie, Firenze, Olschki, 2011: 153-173.

Guerra 2011a = Enrica Guerra, I carteggi nella ricostruzione dell’infanzia di Ippolito I d’Este, «Schifanoia» 40-41 (2011): 157-163.

Guerra 2011b = Enrica Guerra, L’educazione militare del cardinale Ippolito I d’Este, in Formare alle professioni. La cultura militare tra passato e presente, a c. di Monica Ferrari e Filippo Ledda, Milano, Franco Angeli, 2011, pp. 101–115.

Menegatti 2014a = Marialucia Menegatti, Cronistoria biografica di Alfonso I d’Este, in Vincenzo Farinella, Alfonso d’Este. Le immagini e il potere: da Ercole de’ Roberti a Michelangelo, con la Cronistoria biografica di Alfonso I d’Este di Marialucia Menegatti e il Pulcher visus di Scipione Balbo a c. di Giorgio Bacci, Milano, Officina Libraria, 2014.

Menegatti 2014b = Marialucia Menegatti, Ippolito d’Este e il ritratto di Raffaello a Budapest, in Storiedellarte. Un blog di storici dell’arte, 20 marzo 2014 (http://storiedellarte.com/2014/03/ippolito-deste-e-il-ritratto-di-raffa–ello-a-budapest.html) [link non disponibile : 31/12/2019].

Menegatti 2016 = Marialucia Menegatti, Ippolito d’Este, dedicatario della prima edizione del «Furioso», in Marina Cogotti, Vincenzo Farinella, Monica Preti (a c. di), I voli dell’Ariosto. L’«Orlando furioso» e le arti, Milano, Officina Libraria, 2016: 27-39.

Monferrato de’ Calcagnini 1843 = [Giovanni Girolamo Monferrato de’ Calcagnini], Vita del Cardinale Ippolito I. d’Este scritta da un anonimo, con annotazioni [a c. di Giuseppe Antonelli], Milano, coi tipi di Paolo Ripamonti Carpano, 1843.

Óváry 1889 = Leopold Óváry, A Modenai és Mantuai Levéltári Kutatésokrol [Delle ricerche negli Archivi di Modena e Mantova], «Századok» 23 (1889): 392–402.

Panizzi 1830-1834 = «Orlando Innamorato» di Bojardo, «Orlando Furioso» di Ariosto, with an essay on the romantic narrative poetry of the Italians; memoirs and notes by Antonio Panizzi, London, William Pickering, 1830-1834, 9 voll.

Pavan 2009 = Alberto Pavan, Scene di caccia per Lucrezia Borgia. Introduzione alla Venatio di Ercole Strozzi, «Schifanoia» 36-37 (2009): 115-142.

Pavlova 2013 = Maria Pavlova, Rodomonte e Ruggiero. Una questione d’onore, «Rassegna europea di letteratura italiana» 42 (2013): 135-177.

Pesenti Villa 1915 = Maria Pesenti Villa, La «Venatio» di Ercole Strozzi nell’autografo ferrarese, «Memorie del Regio Istituto Lombardo di scienze ed arti. Classe di lettere» 23, 3 (1915): 87-124.

Schirg 2015 = Bernhard Schirg, Decoding da Vinci’s «Impresa». Leonardo’s Gift to Ippolito d’Este and Mario Equicola’s «De Opportunitate» (1507), «Journal of the Warburg and Courtauld Institutes» 78 (2015): 135-155.

Stimato 2009 = Gerarda Stimato, Il ritratto di «Hippolyto da Este» nel primo «Furioso»: un’ecfrasi problematica, in Gli dèi a corte. Letteratura e immagini nella Ferrara estense, a c. di Gianni Venturi e Francesca Cappelletti, Firenze, Olschki, 2009: 209-225.

Tiraboschi 1777 = Girolamo Tiraboschi, Storia della letteratura italiana, tomo VII, dall’anno MD all’anno MDC, parte prima, Modena, Presso la Società Tipografica, 1777.

Tissoni Benvenuti 2004 = Antonia Tissoni Benvenuti, Alfonso I e i letterati del suo tempo, in Gianni Venturi (a c. di), L’età di Alfonso I e la pittura del Dosso. Atti del convegno internazionale di studi (Ferrara, Palazzina di Marfisa d’Este, 9-12 dicembre 1998), Ferrara, Istituto di Studi Rinascimentali –Modena, Panini, 2004: 15-27.

Vagni 2011 = Giacomo Vagni, Su un sonetto di Ercole Strozzi già attribuito a Baldassar Castiglione, «Aevum» 85, 3 (2011): 751-775.

Notes

1 In Hippolytum Estensem Episcopum Ferrariae, in Ariosto OM (Segre): 94. “Ferrara, incitata dal festivo plauso del popolo, trasse fuori dai sacri penetrali il volto venerabile: e quando scorse Ippolito prender cura ai suoi templi: – O duci illustri – esclamò – che ha avuto la gente mia! Chi porta le armi con maggior fierezza d’Ercole, padre invitto? E chi gli oggetti sacri con maggiore purezza del puro Ippolito?” (A Ippolito da Este, vescovo di Ferrara, ibi: 95). L’elogio di Ippolito riprende espressioni già impiegate dall’Ariosto per il duca Ercole I: «iusta quis invicto sumet te fortius arma, / qui tot parta refers propria virtute trophaea?» [“chi impugnerà le giuste armi più fieramente di te, invitto, che tanti trofei arrechi, conquistati dal tuo valore?”] (De laudibus Sophiae ad Herculem Ferrariae ducem II, ibi: 52-53).

2 Su quest’opera si veda Pavan 2009, e sulla redazione manoscritta Pesenti Villa 1915.

3 Herculis Strozæ Titi filii Venatio ad divam Lucretiam Borgiam Ferrariæ ducem, in Strozzi 1513: c. 15r.

4 Pavan 2009: 128.

5 Cf. Menegatti 2014b.

6 Ibidem.

7 Le sigle elencate qui di seguito designano le edizioni originali dell’Orlando furioso: A = Ferrara, per Giovanni Mazocco dal Bondeno, 1516; B = Ferrara, per Giovanni Battista da la Pigna milanese, 1521; C = Ferrara, per Francesco Rosso da Valenza, 1532. Il testo di riferimento è conforme alle seguenti edizioni: A = Ariosto OF (Dorigatti); B = Ariosto OF (Debenedetti–Segre); C = Ariosto OF (Segre). Gli ultimi due versi dell’ottava citata sopra saranno rifatti diversamente in C («la cui fiorita età vuol il ciel iusto / ch’abbia un Maron, come un altro ebbe Augusto»); in cui, se l’Ariosto non alluse a se stesso, al Marone dell’epoca augustea sembrerebbe subentrare quello ben più modesto, dell’epoca attuale, ossia Andrea Marone, un improvvisatore alla corte di Ippolito, invocato a scopo tra l’ironico e il derisorio, ma certo mettendo il primitivo elogio sotto il segno dell’ambiguità.

8 Ballarin 2010.

9 Cf. Monferrato de’ Calcagnini 1843: 40.

10 Ibidem. Quanto all’elogio funebre di Alessandro Guarini (1486-1556), si veda Guarini 1520.

11 Catalano 1930-1931: I, 184.

12 Tissoni Benvenuti 2004: 17.

13 Ibi: 16.

14 Panizzi 1830-1834: VI, xi, su cui si veda anche Dorigatti 2011: 8-9.

15 Secondo Menegatti 2016: 37, Ippolito avrebbe conosciuto Raffaello «forse a Urbino o a Firenze».

16 Cf. Óváry 1889: 399 ss.

17 Così anche Everson 2011: 154.

18 Sulla conversione di Ercole Strozzi al volgare si veda Vagni 2011, che ne ripropone in veste critica quasi l’intera produzione.

19 Cf. D’Ascia 2010.

20 Si tratta della lirica intitolata In detractorem e che inizia «Tun bone vir laceras Areosti nobile carmen?»: cf. Pigna 1553: 200. Per l’altra opera di Calcagnini in cui si nomina l’Ariosto, ossia l’Equitatio (1507), si rimanda a Dorigatti 2018: 19-22.

21 Si veda la lettera di Isabella d’Este ad Ippolito, 3 febbraio 1507, in Catalano 1930-1931: II, 78-79.

22 Archivio di Stato di Modena, Cancelleria estense, busta 4. La lettera, datata Firenze 18 settembre 1507, non è autografa; forse fu stilata da Agostino Vespucci, ufficiale della Cancelleria fiorentina.

23 Cf. Equicola 1507.

24 «Hippolytus Estensis cardinalis memorandam sententiam ingeniosis patere voluit et ut omnium oculi voluptate afficerentur []» (ibi: cc. B ir-iv).

25 “Si tratta di un falcone, appartenente alla famiglia degli uccelli rapaci […]. In italiano oggi lo chiamiamo falcon. Il falcone porta in bocca e tiene nel becco quella parte di un orologio a suoneria che è simile ad un bilanciere (libramentum) il quale, tenuto in equilibrio da pesi e in moto circolare continuo, trasmette un intervallo costante alle ruote dentate in modo tale che ciascuna ora possa essere annunciata da un martello che colpisce il campanello. Designiamo questa parte tempus, perché grazie ad essa riconosciamo le ore come singole unità temporali. Di conseguenza, l’impresa ci rende la massima italiana falcon tempo [intendasi fal con tempo] senza ricorrere non soltanto a mezzi del linguaggio o a una singola sillaba, ma nemmeno a una lettera che sia di troppo” (ibidem).

26 Cf. Schirg 2015: 141. È significativo che riportando quell’impresa Giovio riesca a darne una versione soltanto approssimativa: cf. Giovio 1555: 119.

27 Codice Forster II-1, c. 63r, Londra, Victoria and Albert Museum. Riproduzione in Schirg 2015: 143.

28 Ibi: 143-144.

29 «Me ne sono alegrato, ché oltra l’util pu<blico la mia Musa ha>verà historia da dipingere nel padiglione del mio <Ruggiero a nova la>ude de V. S.» (al cardinale Ippolito d’Este, 25 dicembre 1509, in Ariosto Lettere (Stella): 139, su cui v. anche Dorigatti 2011: 13-14).

30 Tra le eccezioni maggiormente significative l’ottava XL 64 AB, abolita in C, e l’ottava XL 71 A, abolita in BC, su cui v. Dorigatti 2011: 27-28; e cf. infra, p. 36.

31 «li quindici anni che in servirlo ho spesi»: Satire, I 236; testo secondo Ariosto Satire (Segre).

32 Cf. Catalano 1930-1931: I, 368-369.

33 Ariosto OM (Segre): 185-188.

34 «Ve ne andrete senza di me, o Messalla, sulle onde dell’Egeo, e volesse il cielo che tu e il tuo seguito conservaste memoria di me! La Feacia mi trattiene malato in terre ignote: ti supplico, nera Morte, allontana le tue avide mani». E si veda anche il seguito («non hic mihi mater / quae legat in maestos ossa perusta sinus, / non soror, Assyrios cineri quae dedat odores / et fleat effusis ante sepulcra comis» [“qui non c’è mia madre, che mesta nel grembo raccolga le ossa bruciate, né mia sorella, che sulle ceneri sparga profumi di Siria e con i capelli sciolti pianga alle mie esequie”], vv. 5-8), anch’esso ripreso dall’Ariosto più oltre: «Ché, se qui moro, non ho chi mi pianga: / qui sorelle non ho, non ho qui matre / che sopra il corpo gridi e ’l capel franga» (Capitoli, X, vv. 61-63). Ringrazio Giada Guassardo per aver richiamato la mia attenzione su questo precedente.

35 Canzoni, I, in Ariosto OM (Segre): 109-114.

36 Ariosto OM (Fatini): 354.

37 Alle pene amorose di Ippolito pare riferirsi anche un altro capitolo (XIV, cf. Ariosto OM (Segre): 198-200), forse espressamente composto per lui; il quale illustra un motto del cardinale che sarà anch’esso dichiarato dal Giovio: «& oltra à quel Falcone portò anchora per impresa amorosa un Camelo inginocchiato carico d’una soma, con un motto che diceva, NON SUEFRO MAS DE LO QUE PUEDO, volendo dire alla Dama sua, non mi date più gravezza di tormento di quel che posso sopportare, essendo la natura del Camelo che spontaneamente s’inchina à terra per lassarsi caricare, & quando si sente addosso peso à bastanza col levarsi significa non poterne sopportare più» (Giovio 1555: 119).

38 Ariosto OM (Segre): 209.

39 Testo conforme a Boiardo (Tissoni Benvenuti–Montagnani).

40 Cf. Dorigatti 2011: 41-42.

41 Stimato 2009: 221. Sull’infanzia e l’educazione di Ippolito d’Este si veda inoltre Guerra 2011a e Guerra 2011b.

42 Sulle ragioni della sua soppressione, che ha dato luogo a opinioni divergenti, cf. almeno Bigi, che parla di particolari «che potevano sembrare troppo coloriti e realistici» (Ariosto OF (Bigi): n. a XLVI 91,7), e Casadei, secondo cui il cardinale veniva ritratto «in un atteggiamento certo avvertito come non conveniente» (Casadei 1988: 75).

43 «Non sono del tutto chiare le ragioni che spinsero l’E. a tornare in Ungheria nel 1517. Si può pensare che, dopo la morte di re Ladislao nel 1516 e la successione al trono del suo giovane figlio, l’E. si preoccupasse di conservare la sede di Eger di fronte alla potenza crescente dei magnati» (Byatt 1993: 365). Secondo Menegatti, invece, Ippolito avrebbe chiesto «a Leone X il permesso di recarsi in Ungheria, adducendo come pretesti del viaggio la lunga assenza dalla propria sede vescovile e la partecipazione in veste di rappresentante della famiglia estense alle nozze della cugina Bona Sforza con Sigismondo Jagellone, re di Polonia. […] La notizia della partenza di Ippolito fu confermata ufficialmente solo il 9 settembre» (Menegatti 2016: 33).

44 Testo conforme ad Ariosto Satire (Segre).

45 Tiraboschi 1777: 35.

46 Lettera a Mario Equicola, Ferrara, 15 ottobre 1519, in Ariosto Lettere (Stella): 172-173.

47 Ariosto CC (Caretti). L’ottava citata sopra compare nell’editio princeps M (Venezia, Aldo Manuzio, 1545), ma non è riportata da G, la seconda stampa del frammento (Venezia, Giolito, 1548).

48 Ariosto CC (Caretti): nota al luogo citato.

49 Monferrato de’ Calcagnini 1843: 28.

50 Menegatti 2014a: 862.

51 Cf. Ariosto OM (Segre): 98-99.

52 Monferrato de’ Calcagnini 1843: 29-31.

53 Lettera a Mario Equicola, Ferrara, 8 novembre 1520, in Ariosto Lettere (Stella): 177.

54 Ad Alphonsum Ferrariae ducem III, in Ariosto OM (Segre): 100. “Credendo che il fratello suo languisse senza speranza di salvezza, e che non potesse esser salvato in alcun modo, Ippolito offrì in voto agli dèi Mani, mentre accorreva dalle terre getiche, la propria vita, pur che quegli potesse sopravvivere. Questo voto trovò gli dèi propizi: Alfonso è strappato dall’Averno, mentre il fratello incontra la morte che attendeva suo fratello. Se colla morte, o Polluce, tu riscatti il tuo Castore, tu fai lo stesso dono che poi riceverai; né tu muori, ma parti; ma ciò che costui diede, mai riavrà, né illuso da una vana speranza di ritorno giunge alla soglia dell’avido Dite” (Ad Alfonso III duca di Ferrara, ibi: 101).

55 Aiuta a chiarire la natura del luogo raffigurato un passo del Boiardo: «L’anima del tuo patre [Agricane] è maledetta: / non pò el mal fiume alo Inferno passare, / perché scordata s’è la sua vendetta» (Inam., III i 8,3-5). Sulla questione si veda inoltre Pavlova 2013: 175.

Table des illustrations

Titre Fig. 1. BARTOLOMEO VENETO (attribuito a), Ritratto di Ippolito d’Este (ca. 1507-1508), olio su tavola, 60,5 × 48,5 cm, Vienna, Dorotheum, presso cui il dipinto fu battuto all’asta il 17 ottobre 2012
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/10059/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 162k
Titre Fig. 2. Raffaello Sanzio, Ritratto del cardinale Ippolito d’Este (ca. 1504-1505), olio su tavola, 54 x 39 cm, Budapest, Szépművpszeti Múzeum
URL http://books.openedition.org/ledizioni/docannexe/image/10059/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 349k

Auteur

University of Oxford

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search