Version classiqueVersion mobile

Il digitale e la scuola italiana

 | 
Marco Dominici

Didattica ibrida, modelli teorici, applicazioni pratiche

Texte intégral

1Si parla molto in questi ultimi tempi di didattica e digitale non solo nelle piazze virtuali del web, ma anche nel corso di occasioni più o meno istituzionali in cui si incontrano (e non di rado si scontrano) editori e insegnanti, esperti del digitale e neofiti, entusiasti e diffidenti. Se da una parte l’interesse è molto maggiore di un tempo e le pratiche virtuose in continua crescita, bisogna però riconoscere che si tratta ancora di eccellenze piuttosto isolate, possibili in scuole dove i dirigenti si sono dimostrati particolarmente attenti e hanno avuto la voglia e il coraggio di intraprendere una strada nuova. La questione ora è far diventare queste best practices delle pratiche replicabili e integrate in un (eco)sistema didattico quanto più possibile coerente e strutturato.

2D’altra parte, credo non sia errato dire che ci troviamo ancora nella parte alta della curva di interesse per l’integrazione delle tecnologie digitali nella didattica tramite i tablet, le piattaforme di apprendimento e le sempre più numerose app dedicate all’educational. Passata questa fase, è lecito prevedere un progressivo assestamento degli equilibri e una riflessione meno emotiva e più matura sulla questione: l’auspicio è che il punto di partenza di tale riflessione sia la constatazione che le tecnologie digitali modificano il modo in cui troviamo ed elaboriamo le informazioni e obbligano alla convivenza di strumenti, contenuti e formati. Anche per l’educatore più ostile alla tecnologia in aula sarà sempre più difficile ignorare questa presenza: al contrario, ogni insegnante è chiamato a un ripensamento metodologico che tenga conto delle nuove dinamiche (im)poste dal digitale.

3Questa fase di convivenza potrebbe ben ispirarsi al modello della cosiddetta #didattica ibrida, un tipo di didattica che coniughi l’apprendimento che avviene in uno spazio fisico con quello che avviene in un ambiente connesso, operando una sintesi dinamica che non privilegi né l’uno né l’altro, ma utilizzi al meglio spazi, strumenti e ambienti a seconda delle circostanze e delle esigenze del momento.

#DIDATTICA IBRIDA

Uno dei principi della pedagogia ibrida consiste nel riconoscimento che ogni apprendimento è di per sé ibrido, in quanto avviene sia in spazi digitali sia analogici. Ma soprattutto l’apprendimento è distinto dalla scolarizzazione: il primo è un processo cognitivo innato, la seconda è una pratica istituzionale relativamente recente. L’uno non richiede necessariamente l’altra, tanto più quando essa avviene in maniera erogativa, in spazi pensati per lezioni frontali in cui lo studente non ha alcuna parte attiva al processo di apprendimento.

Secondo gli assertori della pedagogia ibrida, la scuola è un sistema inserito all’interno di un sistema più vasto che fornisce diversi tipi e gradi di conoscenza attraverso diversi tipi di media: televisione, radio, musica, cinema, Internet: in questo contesto, il web sta acquisendo un peso progressivamente maggiore nelle nostre vite, in quanto elemento sempre più quotidiano. La scuola non può ignorare tutto questo e la pedagogia ibrida, in quanto approccio metodologico, intende far interagire reale e virtuale operando una sintesi che privilegi e valorizzi i vantaggi e le opportunità che offrono i media digitali e li inserisca nel processo di apprendimento. Il tutto in spazi che siano luoghi progettati ad hoc e capaci di favorire motivazione, apprendimento in rete, riflessione critica ed elaborazione interpersonale di stimoli e idee provenienti non solo dalla classe, ma soprattutto fuori di essa, dalla Rete e dal vissuto di ogni studente.

Per conoscere in modo più approfondito i principi della pedagogia ibrida, puoi visitare il sito http://www.hybridpedagogy.com/​

4È bene però non confondere il concetto di didattica ibrida con quello di blended learning, che indica la pratica di un insegnamento misto sia in presenza che a distanza. Se quindi il blended learning è una pratica, la didattica ibrida invece è un approccio metodologico che prende in considerazione una serie di processi e di pratiche.

5A guardare attentamente l’architettura concettuale su cui si fonda la pedagogia ibrida, si ricava l’impressione che essa rappresenti il giusto contrappeso sia alla stagnazione analogica auspicata da alcuni sia all’integralismo digitale di altri. Questo approccio metodologico non rinnega affatto, per esempio, né il libro cartaceo né addirittura l’insegnamento anche frontale, inserendo ambedue all’interno delle opzioni da vagliare quando ci si trova in classe.

6Il libro di testo cartaceo è, sotto questo punto di vista, un contenitore come tanti altri, magari ottimale per uno specifico tipo di contenuto; ciò non toglie che lo si possa integrare, arricchire, approfondire con l’utilizzo di altri contenuti che troviamo in altri contenitori. Da parte sua, il contenuto digitale è facilmente aggiornato e aggiornabile, è flessibile e manipolabile. Naturalmente è necessario imparare a manipolarlo, nel senso più vasto del termine: dalla produzione alla verifica e alla comprensione critica. Sono queste le vere competenze indispensabili per il futuro.

7Arriviamo qui a un’ulteriore, ma non meno importante, questione di natura teorica. Uno dei timori di chi non accetta di rimettere in discussione il suo ruolo e soprattutto i suoi metodi deriva probabilmente dal fatto che, in un contesto così inedito, manchino quelli che fino ad oggi erano stati i punti di riferimento teorici e pedagogici. In parole povere: la pedagogia e la didattica tradizionale hanno dei modelli già elaborati, mentre nel digitale la teoria la si deve creare, o nel migliore dei casi riformulare. Questo non è esattamente vero, perché esistono già alcune elaborazioni teoriche che, pescando tra riferimenti sociologici e modelli pedagogici, illustrano come alcune caratteristiche delle tecnologie digitali – quelle che stimolano la cooperazione e la collaborazione – favoriscano un apprendimento come processo “sociale”, frutto della comunicazione interpersonale, e una conoscenza come costruzione attiva del soggetto (Fiorentino e Bruni, 2014, pp. 16-17). Questo approccio costruttivista trova il suo principale portavoce nel matematico e pedagogista Seymour Papert, molto attento al rapporto tra educazione e tecnologie, secondo il quale l’apprendimento si costruisce sempre per modelli mentali, ma risulta molto più efficace se l’apprendente è coinvolto in prima persona nella costruzione di un prodotto significativo.

  • 22 http://edwebs1.education.illinois.edu/online/general/NewDirections_OnlineStrat.pdf [link non dispon (...)

8In questa sede vorrei però soffermarmi su un’elaborazione22 che opera una sintesi e una combinazione di tre approcci teorici diversi:

  • la teoria comportamentista, che include elementi molto importanti come il cosiddetto rinforzo positivo e la ripetizione: secondo il comportamentismo, infatti, l’apprendimento avviene attraverso un sistema di stimolo e risposta per cui la tendenza a imitare un modello viene incoraggiata da un rinforzo (o feedback) positivo. Quindi modelli e rinforzi possono agire non solo a incentivare certe risposte, ma anche a inibirle.

  • La teoria cognitivista, che privilegia l’aspetto multisensoriale, quindi la percezione della realtà come un qualcosa di dinamico o recepito dal punto di vista non soltanto mentale: l’individuo riceve e ricava nuove informazioni e attua delle vere e proprie strategie cognitive, ampliandole o modificandole in base alle proprie motivazioni, ai propri bisogni e alla propria cultura. Dal punto di vista didattico, la teoria cognitivista risulta importante per incoraggiare lo studente alla riflessione, valorizzare le esperienze personali e ricorrere ad attività pratiche.

  • La teoria sociale, che estrae e sviluppa elementi quali le interazioni di gruppo, la valutazione tra pari, il feedback personalizzato. Se le prime sono fondamentali nell’ambito di tale teoria, il ricorso alla valutazione tra pari risulta importante per mettere gli studenti veramente al centro del processo di apprendimento e dare loro un ruolo troppo spesso riservato all’insegnante: quello della correzione, a sua volta troppo spesso sanzionatoria e troppo raramente spunto per una riflessione sull’errore. Infine, il feedback personalizzato è necessario per non omologare tutti gli studenti su uno stesso criterio valutativo e correttivo.

9Su questa base sono stati individuati sette principi generali adatti ad un ambiente di apprendimento:

  • rivolgersi alle differenze individuali

  • motivazione

  • evitare il sovraccarico di informazioni

  • creare contesti realistici

  • incoraggiare l’interazione

  • fornire attività pronte da eseguire

  • incoraggiare la riflessione

10Al contempo, per ogni punto appena esposto, sono anche contemplati interventi specifici. Nell’ambito per esempio delle differenze individuali, si propone l’adozione di tecniche e strategie come per esempio fornire il materiale in differenti formati: testo, videolezioni, file audio, in modo che ogni studente possa scegliere il materiale a seconda del proprio stile di apprendimento. È importante anche incoraggiare un’interazione attiva e collaborativa sia sincrona che asincrona. Nel primo caso si intende un’interazione in tempo reale, come accade per esempio nelle chat o su alcuni social network. Un tipo di interazione asincrona invece è quella dei forum, ma anche spesso di Facebook, in cui si risponde a un post in tempi diversi e non ci si aspetta dai partecipanti alla discussione una replica immediata. Un’altra strategia raccomandata è fornire molteplici vie di accesso al materiale, affinché questo possa essere affrontato da prospettive diverse, secondo le competenze e le esigenze di ogni singolo studente.

11Se consideriamo tutto questo alla luce delle competenze digitali di cui si è parlato in precedenza, possiamo ben immaginare un ambiente di apprendimento che, anche non facendo un uso programmatico delle tecnologie, possa però fornire allo studente dei buoni parametri e delle buone strategie affinché questi, una volta terminata la fase della scolarizzazione, possa fare un utilizzo intelligente ed efficace dei dispositivi che si troverà in mano. Questo perché durante il percorso di apprendimento ha lavorato all’interno di logiche e dinamiche che ritroverà nelle sue interazioni con gli altri nelle situazioni della vita e nei contesti lavorativi della network society.

12Uno degli esempi pratici che si sta diffondendo molto è quello della #flipped classroom, la “classe capovolta”: una modalità d’insegnamento secondo la quale la singola lezione non viene spiegata in classe ma assegnata a casa e discussa successivamente in classe.

#FLIPPED CLASSROOM

Capovolgere la classe significa spostare la lezione dalla classe al lavoro a casa: agli studenti viene dato il materiale della lezione da analizzare a casa per farsene un’opinione propria, raccogliere le impressioni e gli eventuali dubbi e domande; in classe, poi, gli studenti si scambiano le loro opinioni e queste serviranno poi da punto di partenza per l’insegnante nell’esporre e sintetizzare l’argomento colto però dal punto di vista dei suoi studenti.

Il “capovolgimento” può essere fatto con o senza ausilio della tecnologia (il materiale può essere sia un capitolo di un libro sia un video su Youtube, o un sito web, se non un materiale appositamente creato dall’insegnante), così come l’interazione tra insegnante e studenti può avvenire di persona o per mezzo di un blog o un wiki.

È interessante segnalare che di recente è stato istituito il primo corso MIUR di Flipped Classrom23.

Sono state anche rivolte osservazioni critiche al modello della flipped classroom: vedi per esempio l’articolo di Gianni Marconato Perché la flipped classroom è una pratica didattica debole? e il sopra citato libro di Dianora Bardi La classe scomposta (pagg. 18-19).

Infine, è stato elaborato da Pier Cesare Rivoltella un nuovo modello metodologico per la gestione della stessa flipped classroom: si tratta degli EAS, Episodi di Apprendimento Situato.

Per approfondire l’argomento, puoi leggere:

Maglioni M., Biscaro F.: La classe capovolta. Innovare la didattica con il flipped classroom, Trento, Erickson, 2014

Rivoltella, P.C. (a cura di): Fare didattica con gli EAS, Brescia, Editrice La Scuola, 2014

13Un modello di applicazione pratica di queste nuove tendenze è rappresentato dai cosiddetti LMS e MOOC, due acronimi (Learning Management System e Massive Online Open Courses) dietro cui si nascondono due tipi di ambienti digitali che stanno godendo di una diffusione e di una fortuna sempre maggiori: utilizzano materiali flessibili, articolabili in più soluzioni e il processo di apprendimento dello studente viene tracciato e monitorato per individualizzare gli interventi e proporre contenuti didattici adatti ad ognuno. I primi a comparire sono stati i LMS di Blackboard24, Canvas25 e Knewton26, fino ad un paio d’anni fa all’avanguardia tra le piattaforme educational on-line; più di recente sono stati affiancati dai MOOC e dai video della Khan Academy.

14La Khan Academy27 è stata fondata nel 1998 da Salman A. Khan, un insegnante di matematica a cui venne in mente di creare un sito per aiutare il nipote assente da scuola e inserire un video su YouTube in cui gli spiegava un argomento della materia. Il video fu apprezzato, e non solo dal nipote di Salman, tanto da divenire virale. Ad oggi il sito contiene circa 4000 video visti da oltre 200 milioni di utenti: lo scopo è quello di offrire materiale didattico supplementare e in una modalità diversa rispetto a quello tradizionale.

15Per quanto riguarda invece I MOOCs, tre sono i principali players attivi: Udacity, Coursera e edX. Udacity28 è una piattaforma per l’erogazione di contenuti e materiali didattici fondata da alcuni ricercatori e professori dell’università di Stanford. Ad oggi 1.600.000 studenti usufruiscono liberamente dei corsi tenuti da docenti universitari e consistenti in brevi video corredati da quiz ed esercitazioni. Volendo, alla fine del corso lo studente può ricevere un certificato che attesti il completamento del ciclo di studi in una materia specifica. Coursera29 è stata lanciata poco dopo Udacity e offre corsi di più di cento università tra cui le celebri Stanford e Princeton, nonché facoltà di altri paesi come Scozia, India, Canada, Australia e Svizzera; per l’Italia sono presenti l’Università Bocconi di Milano e la Sapienza di Roma. Come Udacity, si tratta di lezioni via video ed esercizi interattivi, quiz e test di rinforzo, nonché attività tra pari e forum di discussione. Coursera ha attualmente oltre 7 milioni di studenti in tutto il mondo e, accanto ai corsi gratuiti, prevede un servizio premium a pagamento. Infine edX30: nato come costola del progetto MITx31 (cioè l’idea di far seguire alcuni corsi del famoso Massachusetts Institute of Technology via web), comprende ora una serie di prestigiosi atenei americani, che in questa piattaforma di apprendimento si chiamano HarvardX, BerkeleyX e via dicendo, per un totale di oltre 2 milioni di studenti in 176 corsi online; attualmente i corsi e i certificati di frequenza sono gratuiti ma non è detto che lo restino in futuro. Più di recente la Harvard Business School ha lanciato la propria iniziativa di formazione on-line, chiamata HBX32. In Europa è stato inaugurato un portale di #MOOC, l’OpenupEd33, e in Italia diverse università, tra cui il Politecnico di Torino e la Guglielmo Marconi34, hanno attivato corsi di questo tipo, mentre l’università Federico II di Napoli è tra i partner promotori di EMMA35, la piattaforma che aggrega i Mooc europei; EMMA è un progetto pilota di 30 mesi lanciato alla fine del 2014 e finanziato dall’Unione Europea a cui stanno partecipando docenti italiani delle università di Trento, di Urbino e di Parma.

IL DIBATTITO SUI MOOC

Da alcuni anni i più attenti analisti e i più celebri commentatori statunitensi prendono in qualche modo posizione sul ruolo che i MOOC potrebbero avere nell’ammodernamento dell’istruzione universitaria. Con un paradosso solo apparente, il fenomeno dei MOOC riguarda l’intero pianeta (o per lo meno quella parte di esso dotata di un computer e una connessione telefonica), sia per le istituzioni coinvolte sia per il pubblico che richiamano, tuttavia il dibattito avviene quasi esclusivamente negli Stati Uniti. Bisogna ricordarsene, nella misura in cui le valutazioni di un segno o dell’altro muovono a partire da un funzionamento del sistema universitario alquanto diverso da quello italiano, in particolare nella sua dimensione finanziaria: è risaputo infatti che gli atenei americani funzionano secondo i principi dell’economia di mercato, in virtù dei quali gli studenti sono considerati dei clienti e la conoscenza un bene in vendita.

Il lungo dibattito ha riguardato diversi aspetti: la sostenibilità finanziaria, il funzionamento tecnologico, la ristrutturazione dei contenuti, la mutazione del modello pedagogico. Il quadro ideologico di riferimento, tuttavia, non è mai stato messo in discussione, tant’è che la maggior parte degli interventi si concentra sugli aspetti economici e sulla comparazione tra un business model consolidato (eppure fragile se si considera che il debito36 accumulato dagli studenti americani per le rette universitarie ammonta a 1200 miliardi di dollari, il 90% del quale è finanziato dal Tesoro) e uno tutto da inventare.

Tra i primi, forti sostenitori della carica innovativa dei corsi on-line di massa, si annoverano Clay Shirky, studioso dei nuovi media, e soprattutto Clayton Christensen, considerato un vero e proprio guru dell’innovazione (sua l’espressione disruptive innovation), sebbene il primo sembri avere uno sguardo meno entusiasta del secondo. Tra coloro i quali guardano i MOOC con più scetticismo vi sono delle vere e proprie star accademiche come Michael Porter, noto studioso di strategia manageriale, ma soprattutto un vasto sottobosco di docenti degli atenei meno prestigiosi e più piccoli, timorosi di perdere studenti (e dunque il lavoro) a causa di un’offerta formativa economicamente imbattibile e caratterizzata da grossi nomi – vere e proprie celebrità – del mondo accademico.

Per approfondire puoi leggere

http://www.shirky.com/​weblog/​2012/​11/​napster-udacity-and-the-academy/​

http://poetsandquants.com/​2014/​06/​03/​why-clayton-christensen-is-wrong-and-michael-porter-is-right/​

http://blogs.hbr.org/​2014/​06/​moocs-wont-replace-business-schools-theyll-diversify-them/​

16La strada verso la definizione di un modello pedagogico radicalmente innovativo è ancora tutta da percorrere, ma non potrebbe essere diversamente: siamo ancora agli albori di una rivoluzione che ha già determinato mutamenti di enorme portata, se comparati al quieto vivere che si godeva dal 1455, quando Gutenberg stampò la prima Bibbia. Viviamo ancora la fase embrionale di questa trasformazione e si stanno vagliando tutte le possibili opzioni per comprendere la rotta migliore da intraprendere. Ma forse una rotta precisa non esiste, perché non solo il mare su cui ci spostiamo è in tempesta, ma anche gli approdi cambiano, e quello che fino a poco fa appariva un porto sicuro è presto diventato uno scalo abbandonato dove arrivano ormai solo le navi alla deriva: un esempio a riguardo potrebbe essere la storia del CD-ROM, considerato all’inizio la frontiera più evoluta ed efficace per un modo di apprendere dinamico, interattivo e multimediale ma che presto si è rivelata una secca in cui sono restati insabbiati moltissimi progetti e prodotti editoriali.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search