Version classiqueVersion mobile

Il digitale e la scuola italiana

 | 
Marco Dominici

Le sperimentazioni in Italia

Texte intégral

1Ci sono già sperimentazioni in atto che stanno confermando questi assunti: molto noto, per esempio, è il centro studi Impara digitale10 diretto da Dianora Bardi, che organizza anche convegni e corsi di formazione sull’uso dei #tablet in classe. La professoressa Bardi è da anni un punto di riferimento per quanto riguarda l’introduzione degli iPad in classe per quella che lei stessa ha definito la “didattica nelle tecnologie”.

#TABLET IN CLASSE

Dianora Bardi è stata una pioniera dell’uso degli iPad nella didattica, presto seguita da non poche colleghe e colleghi in molte parti d’Italia e operanti in scuole di ordine e grado differenti. L’uso del tablet sta favorendo lo svilupparsi di una didattica meno erogativa e più condivisa, che utilizza contenuti tratti dal web e dal cartaceo poi rielaborati insieme da docente e studenti.

Per approfondire puoi leggere:

• Bardi, Dianora, Castelli, Caterina, Cusconà, Sebastiana, Mora, Paolo, Morosini Enrico, Rotta, Mario, Testa, Simonetta, Testoni, Carlotta (a cura di). Oltre la carta: in aula con iPad e gli ebook reader. Milano, Nova Multimedia Editore, 2011

• Bardi, Dianora, La classe scomposta, Milano, Nova Multimedia Editore, 2014

• Rotta, Mario, Bini, Michela, Zamperlin, Paola. Insegnare e apprendere con gli ebook. Roma, Garamond, 2010

• Zibordi, Emanuela. Testi scolastici 2.0, una vera e propria guida per realizzare un ebook didattico. Milano, 40K, 2012

2Altri hanno presto seguito il suo esempio o hanno intrapreso strade distinte ma sempre all’insegna di un rinnovamento della didattica con e nelle tecnologie: si veda, su tutti, l’attività dell’ITIS Maiorana di Brindisi, dove è nato il progetto Book in progress11 a cui ha aderito una rete di scuole sparse in tutto il territorio nazionale. Ci sono poi realtà come Oil Project12 o l’ambiente di apprendimento Didasfera13, che seguono un percorso originale con una vocazione tra l’editoriale e il pedagogico-didattico, che unisce la creazione e diffusione di contenuti e materiali didattici con l’attività formativa ed educativa.

3Interessante notare che recentemente sono nate piattaforme digitali destinate da una parte a supportare l’attività didattica degli insegnanti (a parte il colosso Google, che subito si è fatto avanti con Google Classroom14, in Italia giova menzionare almeno SocialClassroom15 o Easy Class16, ispirate chiaramente a modelli d’oltreoceano, tra Edmodo17 e Blackboard18), dall’altra a creare un ambiente ideale per ospitare e gestire le risorse didattiche aperte: di questo infatti vogliono occuparsi impari-scuola.it19 e Alexandria20. La nuova frontiera, da un punto di vista sia didattico che editoriale, potrebbe essere proprio quella dei materiali didattici creati da insegnanti, se consideriamo che a partire dall’anno scolastico 2014/2015 essi possono sostituire i libri testo tradizionali con testi autoprodotti, secondo quanto afferma una circolare21 dell’attuale ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. Se, quando e in che modo il self-publishing potrà essere applicato anche alla didattica è ancora tutto da verificare, ma sicuramente si tratta di una tendenza in atto da osservare da vicino e altrettanto sicuramente costituisce un altro motivo di inquietudine per un mondo editoriale in pieno subbuglio.

4Tra le iniziative più recenti e degne di attenzione apparse nell’anno scolastico 2013-2014, c’è la cosiddetta “ora del codice”, che è parte di un progetto più ampio chiamato Programma il Futuro promosso dal MIUR in collaborazione con il CINI – Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica, con l’obiettivo di fornire alle scuole una serie di strumenti semplici, coinvolgenti e facilmente accessibili per formare gli studenti ai concetti di base dell’informatica.

5Forse pochi lo sanno - e in effetti si stenterebbe a crederlo - ma l’Italia è il secondo Paese europeo più attivo nell’insegnamento del coding agli studenti anche attraverso una rete di volontari presenti nelle scuole, su richiesta: si tratta dei cosiddetti Coderdojo, un movimento nato in Irlanda nel 2011 ma che ha presto conquistato tutto il mondo, Italia compresa. Ma perché insegnare ai ragazzi (si parla anche di bambini) i linguaggi informatici per sviluppare giochi, app o siti web? Tre sono le ragioni principali secondo i fautori del coding:

  • rendere i ragazzi utilizzatori attivi dei nuovi dispositivi digitali, per farli diventare strumenti e soluzioni ai propri bisogni;

  • apprendere una mentalità, un nuovo modo di rapportarsi con i computer e gli strumenti tecnologici (il cosiddetto #pensiero computazionale);

  • capire che la tecnologia può essere utilizzata in maniera intelligente e non soltanto passiva.

6Si tratta, in sostanza, da una parte di creare una didattica anche laboratoriale, molto importante perché in questo modo si impara facendo e collaborando, scambiandosi idee e condividendo le proprie conoscenze per realizzare un progetto concreto; dall’altra, si crea un ponte importante per quel passaggio fondamentale menzionato prima, cioè il traghettare gli studenti da una confidenza a una consapevolezza tecnologica.

#PENSIERO COMPUTAZIONALE

Che cos’è il pensiero computazionale? Qualcuno lo definisce “quel processo mentale che l’individuo mette in atto per fornire ad un altro individuo o a una macchina tutte le istruzioni necessarie affinché questi, eseguendole, sia in grado di portare a termine il compito dato.”

Non si tratta però di abilità specifiche tipiche dei professionisti in ambito informatico, ma di una competenza trasversale, che va oltre l’uso della tecnologia ed è indipendente da essa: si tratta infatti di “far comprendere all’uomo quali sono le reali possibilità di estensione del proprio intelletto attraverso il calcolatore.”

Esercitare il pensiero computazionale significherebbe quindi trovare soluzioni creative ai problemi di ogni giorno e sviluppare un’attitudine mentale utile ad affrontare criticità di ogni tipo.

Per approfondire, puoi leggere:

• Alessandri, G., Didattica e tecnologie. Intersezioni. Complessità, coding, robotica educativa, Roma, Anicia, 2014

http://www.studiaredigitale.it/​pensiero-computazionale/​

http://blog.tecnosistemi.com/​posts/​2015/​aprile-2015/​fenomeno-coderdojo-e-nativi-digitali-ecco-la-palestra-per-i-futuri-sviluppatori/​#.VSzrhdVAlFw.twitter

7C’è, infine, un certo movimento carsico che però recentemente sta emergendo in superfice acquisendo, grazie ai social network, una visibilità che altrimenti sarebbe stato difficile ottenere: è il caso di insegnanti che fanno uso delle tecnologie, o vogliono imparare a farlo e si riuniscono sulle reti sociali dove pongono quesiti e si scambiano consigli, condividono link, esperienze, opinioni sull’uso delle tecnologie nella pratica didattica. Spesso organizzano anche convegni sul tema, tavole rotonde, importanti incontri a cui partecipano esperti del settore. I gruppi ad oggi più numerosi e attivi su Facebook sono:

  • Insegnanti 2.0

  • Il tablet a scuola

  • Docenti virtuali

  • Webscuola

#UNBLOGDICLASSE

Un’insegnante particolarmente attiva e capace di coniugare didattica e web è Elisa Lucchesi, giovane professoressa toscana che ha dato vita a un progetto basato sull’utilizzo di Twitter nella didattica. Tutto comincia nel febbraio 2013, quando Elisa Lucchesi fonda unblogdiclasse, punto di partenza per una serie di iniziative dove si attua una perfetta integrazione di blog e Twitter, come risulta nel progetto #Basia1000, una rilettura del Liber di Catullo in collaborazione con la casa editricer Utet; il progetto ha ottenuto una menzione speciale ai LibrInnovando Awards 2013 come “Miglior progetto web per l’editoria”.

Ma Twitter viene anche utilizzato dagli studenti della professoressa Lucchesi per fare live tweeting di eventi a cui partecipano, come il Festival antropologico “Pistoia - Dialoghi sull’uomo” di cui la professoressa è blogger ufficiale e TW Coordinator.

Da novembre 2013, insieme ai suoi studenti e sempre in collaborazione con Utet, la Professoressa Lucchesi si occupa anche di coordinare #TwitSofia, il primo esperimento di “scrittura filosofica”, per così dire, su Twitter, che ha proposto la rilettura di numerosi classici del pensiero filosofico e, più di recente, del Principe di Machiavelli.

Per approfondire, puoi leggere questa intervista a Elisa Lucchesi:

http://www.criticaletteraria.org/​2013/​09/​Elisa-Lucchesi-scuola-sui-social-network.html

8Questa carrellata di iniziative suggerisce (se non dimostra) almeno tre cose: la prima è quanto sia infondato il timore che il digitale sostituisca l’insegnante in carne e ossa: al contrario, integrando le tecnologie nella didattica il ruolo del docente è quanto mai importante per gestire, coordinare e sovrintendere il lavoro degli studenti. La seconda è che l’insegnamento non viene impoverito dalle tecnologie, le quali invece lo estendono e, fornendogli nuovi strumenti, possono renderlo più efficace. La terza riguarda l’aspetto più specificamente editoriale: se la tendenza all’autoproduzione dei libri di testo dovesse rafforzarsi, l’editore specializzato dovrà riarticolare e ridefinire la propria professione, magari offrendo un supporto tecnico più specializzato all’insegnante/autore.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search