Version classiqueVersion mobile

Il digitale e la scuola italiana

 | 
Marco Dominici

Il digitale nella didattica

Texte intégral

1È inevitabile infatti che le trasformazioni a cui si è brevemente accennato abbiano una loro ricaduta ben precisa nel contesto didattico – un ambiente, è bene ribadirlo, tutt’altro che separato dalla realtà: se fuori dall’edificio scolastico l’asse culturale si inclina in maniera così sensibile, è impensabile, nonché malsano, che la scuola, il luogo per eccellenza dove si elabora la conoscenza e la cultura delle nuove generazioni, rimanga impermeabile a un cambio di paradigma di questa portata.

2Per dirla con le parole del sociologo Miguel Angel Escotet6: “Rinunciare all’uso della tecnologia nel sistema educativo avrebbe senso in una società che rinuncia completamente alla tecnologia in ogni altro settore, dato che il sistema educativo è un mezzo per preparare l’inserimento nella vita sociale”.

  • 7 http://blog.clerestorylearning.com/2012/01/31/what-should-we-be-teaching/il [link non disponibile 1 (...)

3Una considerazione a proposito di “inserimento”: la scuola che ho frequentato io, negli anni Settanta e Ottanta, aveva dei modelli pedagogico-didattici utili ad affrontare un mondo che aveva un numero limitato e comunque noto di sbocchi professionali: c’era l’avvocato, il manovale, il medico, l’ingegnere e via dicendo. Tutto era ben pianificato, e l’ingranaggio scolastico era una parte centrale di questo grande schema; la lezione verticale, il libro di testo, l’interrogazione, i compiti a casa, la valutazione finale: modalità e strumenti funzionali a quel disegno sociale. Il problema è che, come ha ben scritto Kevin Washburn “ciò che abbiamo insegnato e come lo abbiamo insegnato non ha più rilevanza nel mondo di oggi”.7

4Il metodo didattico prevalente adottato nelle scuole di oggi (non solo quelle italiane) si basa sull’immagine di un mondo in cui c’era scarsità di informazioni e le fonti del sapere erano preziose perché difficili da trovare e da raggiungere. Una delle caratteristiche principali della rivoluzione tecnologica in corso è proprio il capovolgimento del rapporto tra scarsità e abbondanza: l’informazione è diventata flusso continuo, le fonti simultanee, sempre nuove, continuamente da verificare. C’è quindi bisogno di un apprendimento (e un insegnamento) meno statico e meno verticale, più flessibile; che favorisca il cosiddetto problem solving (la soluzione dei problemi, ma direi meglio: l’attitudine a trovare continue soluzioni a nuovi problemi) attuato in modalità cooperativa, non individuale, dato che viviamo in una società iperconnessa dove la condivisione - peraltro tendenza vecchia come l’uomo, che la tecnologia sta esaltando - non è un vezzo, ma un dato di fatto.

PERCHÉ MAI ABBIAMO
#BISOGNO DI SCUOLE?

Un breve ma efficace manifesto delle idee sopra accennate è l’ebook Why Schools? di Will Richardson (uno dei primi saggi brevi in digitale pubblicati dalla stessa Amazon con il nome di “Kindle Singles” e realizzati in collaborazione con TED). Il titolo del saggio di Richardson è da intendersi non in senso “eversivo”, ovvero “Perché mai abbiamo bisogno di scuole”, ma al contrario come un manifesto dell’istruzione scolastica nell’era del web 2.0, la quale, sottolinea più volte Richardson, non può e non deve rimanere ciò che è stata fino ad oggi: “dobbiamo smettere di pensare all’istruzione come qualcosa che è erogato, ma invece vederla come qualcosa che creiamo per noi stessi”. Nel breve ma incisivo testo Richardson parla anche della cosiddetta “alfabetizzazione del XXI secolo” che la scuola ha il compito di promuovere: un’alfabetizzazione costituita da elementi non immediatamente e quantitativamente misurabili, almeno secondo il metro di valutazione attuale: “La valutazione deve concentrarsi non tanto su quanto lo studente sa, ma piuttosto su cosa può fare con ciò che sa”. Un testo con cui si può essere più o meno d’accordo, ma che pone comunque molte questioni rilevanti e inderogabili a cui tutti gli educatori sono tenuti a rispondere, e al più presto.

5C’è insomma bisogno di un apprendimento che non sia semplicemente e soltanto un accumulo più o meno erudito di nozioni, fine a se stesso, ma un procedimento sempre utile da attivare ogni qual volta sia necessario; del resto gli adulti stessi stanno già vivendo quella necessità di aggiornamento continuo (in inglese si parla di lifelong learning) rispetto alle innovazioni che modificano e determinano non solo la nostra vita professionale, ma la nostra stessa quotidianità. Se la scuola vuole veramente preparare gli studenti a sbocchi professionali futuri, ignorando ovviamente quali essi siano, deve prima di tutto fornire loro gli strumenti per continuare al meglio questo processo in modo da crearsi il cosiddetto Personal Learning Network, in pratica le coordinate cognitive di riferimento per essere sempre in grado di trovare ciò che serve sapere in modo rapido ed efficace. In tutto ciò, il libro resterà con tutta probabilità ancora a lungo uno di questi strumenti da utilizzare. Ma non più l’unico, non più lo Strumento per definizione.

6Ecco la vera rivoluzione copernicana che la scuola deve metabolizzare: non solo e non tanto lo spostamento di baricentro dell’insegnante, il quale già da tempo ha compreso di non essere più l’unica fonte di sapere. L’ulteriore (e consequenziale) cambio di prospettiva è quello che vede il libro non più come protagonista principale del lavoro didattico, ma uno dei tanti coprotagonisti della nuova narrazione multimodale (prima ancora che multimediale). In parole povere, la riflessione che sarebbe auspicabile da parte degli insegnanti e da cui partire sarebbe: ora che non ho solo il libro di testo cartaceo, qual è il modo migliore per insegnare un certo argomento? La tecnologia, il web, le potenzialità del digitale, dove e come potrebbero rendere migliore l’apprendimento dei miei studenti? Non si tratta quindi di una contrapposizione tra libro cartaceo o digitale, bensì di riorganizzazione dei contenuti in funzione di un ripensamento generale della funzione e delle finalità della scuola.

7I nostri figli e gli attuali studenti vivono, e vivranno sempre più, in simbiosi con le tecnologie che li inseriscono a loro volta all’interno di un flusso costante di informazioni e in una rete complessa di connessioni. Se, riprendendo le parole di Escotet8, compito della scuola è preparare l’inserimento degli studenti nella vita sociale, la scuola deve giocoforza attrezzarsi di conseguenza: ciò non significa abbracciare necessariamente – e acriticamente – le tecnologie, bensì aiutare i giovani ad utilizzarle in maniera sostenibile, efficace, fruttuosa.

8Oggi più che mai gli studenti hanno più possibilità e più stimoli per apprendere al di fuori dell’aula; soprattutto, è la prima volta che viene data a chiunque l’opportunità di partecipare attivamente alla creazione del sapere. Questo è un vantaggio ma allo stesso tempo un rischio ed è proprio in questa intersezione che dovrebbe operare l’intervento formativo: rendere la tecnologia una risorsa e non una calamità, cercando di valorizzarne i vantaggi e arginarne i rischi.

9Se, invece, come vorrebbero alcuni, lasciamo che la scuola rimanga un’oasi fuori dalla frenesia digitale che conduce facilmente al sovraccarico informativo e se continuiamo a vedere tablet e affini come ordigni da non toccare o al massimo come giocattoli, lasceremo allora i ragazzi alla mercé dei loro dispositivi, con tutta la loro potenzialità distraente. E giustificare questa scelta con il fatto che “i ragazzi sanno usare i dispositivi meglio di noi”, significa confondere un qualcosa di innato con qualcosa che invece deve essere acquisito: uno degli scopi della scuola dovrebbe diventare il saper condurre i ragazzi da una confidenza tecnologica a una consapevolezza tecnologica, che presuppone la capacità di selezionare e filtrare le fonti informative ormai incessanti per darne, oltre che un’interpretazione, una narrazione personale; per capire e analizzare le nuove dinamiche dei tempi e dominarle, invece che esserne travolti.

10Si tratta, in definitiva, di colmare non un digital divide, bensì un digital use divide, laddove la tecnologia è vista da molti ancora come intrattenimento piuttosto che uno strumento di apprendimento. La domanda da fare è quindi quella che ha posto molto opportunamente un’insegnante9 ai genitori dei propri studenti: “volete che i vostri figli si avvicinino in modo corretto e consapevole alle tecnologie?”. Si tratta di un’operazione tanto più necessaria quanto più i dispositivi digitali rappresentano uno dei maggiori strumenti di (in)formazione anche al di fuori dell’aula scolastica.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search