Version classiqueVersion mobile

Il digitale e la scuola italiana

 | 
Marco Dominici

Le premesse del digitale

Texte intégral

1In una delle sue opere più note, La nascita della società in rete (2008, pp. 74-77), il sociologo catalano Manuel Castells individua le cinque caratteristiche che costituiscono la base materiale della network society:

  1. Lo sviluppo delle ICT fa sì che siano queste ad agire sull’informazione e non viceversa, come accaduto nelle rivoluzioni tecnologiche del passato.

  2. La diffusione pervasiva degli effetti delle nuove tecnologie sia sul piano collettivo che su quello individuale.

  3. La logica di rete: come mai in precedenza, il nuovo medium tecnologico è ubiquo, la sua erogazione non è unidirezionale ma diffusa, condivisa, la modalità di fruizione non è più passiva ma interattiva e aperta.

  4. La flessibilità, ovvero la capacità di riconfigurarsi, adattandosi ai continui cambiamenti della realtà e della società.

  5. La convergenza di altre tecnologie in un sistema integrato. I nuovi sistemi informativi hanno integrato e inglobato le tecnologie precedenti rendendole meno definite e definibili ma allo stesso tempo funzionali alle esigenze della società connessa.

2Gli effetti di quella che lui definisce una vera e propria rivoluzione sono quotidianamente sotto i nostri occhi: la smaterializzazione dei contenuti, la loro accessibilità e il fatto di poter essere creati, condivisi e riutilizzati (ed eventualmente modificati) continuamente. Basti pensare ai blog oppure ai wikis (tra tutti Wikipedia) per comprendere la portata veramente rivoluzionaria degli strumenti che il web offre e che scardinano completamente un ordine costituito e graniticamente solido fino a pochi anni fa. Ma si trattava di ordine basato solo sugli atomi, non sui bit. L’equivoco di fondo quando si leggono o si ascoltano opinioni contrarie o restìe al digitale è che si ignora, o si fa finta di ignorare, che viviamo in una quotidianità profondamente ibrida, dove la nostra identità on-line non è separata da quella fatta di atomi, né l’una determina l’altra; al contrario esse si strutturano vicendevolmente secondo dinamiche che dipendono in buona misura dall’uso che facciamo degli strumenti tecnologici. Secondo Castells “la tecnologia è la società: essa non determina, ma incarna la società, la quale a sua volta non determina l’innovazione tecnologica, ma la usa”. (2008, p. 5).

3La smaterializzazione dei contenuti, in particolare, vanifica l’assioma costitutivo dell’informazione e soprattutto della sua trasmissione: solo chi aveva i mezzi e le capacità finanziarie di supportare una produzione materiale di contenuti informativi aveva le chiavi della sua manipolazione e li poteva gestire a suo piacimento. Ora la produzione non presuppone più una logistica, una rete distributiva fisica né tantomeno pachidermici macchinari di riproduzione: basta cliccare su un tasto e il tuo contenuto è già a portata di tutti, in tutto il mondo.

4Da questa rivoluzione informatica ed informativa che Castells descrive così bene discende la forma del web come lo conosciamo oggi, ossia principalmente caratterizzato da:

  • Partecipazione dell’utente

  • Apertura

  • Effetto rete

5La partecipazione degli utenti trova la sua espressione più compiuta nella possibilità loro offerta di produrre essi stessi i contenuti che andranno poi a consumare: il cosiddetto UGC (User Generated Content) altro non è che la mole di materiali, testi, immagini, video che gli utilizzatori del web mettono a disposizione affinché vengano non solo fruiti ma soprattutto commentati, riutilizzati ed eventualmente integrati e modificati. Nel caso della didattica si va da semplici blog (di insegnanti o di scuole) a piattaforme di apprendimento aperte fino a tutto il proliferare di quelle che con un altro acronimo inglese vengono chiamate OER (Risorse Didattiche Aperte) in pratica attività didattiche aperte e condivise.

#OPEN EDUCATIONAL RESOURCES

Si considerano risorse didattiche:

• Contenuti: corsi completi, moduli, unità didattiche, collezioni e pubblicazioni.

• Strumenti: software per la creazione, la distribuzione, l’utilizzo e il miglioramento di contenuti didattici aperti, incluse le comunità di apprendimento online.

• Risorse per l’operatività: licenze per la proprietà intellettuale per la promozione dell’editoria aperta di materiali, principi di progettazione e localizzazione dei contenuti.
Perché una risorsa didattica possa considerarsi “aperta” deve avere 5 caratteristiche (in inglese le 5 “r”: retain, reuse, revise, remix, redistribute), ovvero permettere all’utente di:

scaricare, archiviare e possedere il contenuto messo a disposizione;

riutilizzare il materiale senza modificarlo;

modificare il materiale, adattandolo alle proprie esigenze;

combinarlo con altri contenuti per creare nuovo materiale didattico;

condividerlo con altri utenti nella sua forma originaria o modificata, o combinata.

Puoi trovare un’ottima definizione di OER e alcuni link utili in queste pagine:

http://www.sparc.arl.org/​issues/​oer

http://www.oercommons.org

Negli ultimi anni la pratica di creare, mettere in rete e condividere materiali didattici aperti ha avuto una notevole accelerazione e anche in Italia sono attive realtà importanti come Oil Project3, da cui è nata Alexandria4, un vero e proprio ambiente di apprendimento basato esclusivamente su risorse educative aperte.

6Siamo al cospetto di contenuti perlopiù aperti, ma se per i blog o le risorse didattiche si preferisce la semplice condivisione, l’orizzontalità e l’apertura più estreme si manifestano per esempio in progetti come Wikipedia, che ha determinato un vero e proprio sisma nella nozione di enciclopedia così come era prima intesa, nonché sull’idea di conoscenza come processo condiviso (questo al netto dei distinguo e dei dubbi di molti sull’ autorevolezza delle fonti e la competenza degli estensori). Non a caso l’utilizzo di wikis nella didattica è una risorsa a cui già gli insegnanti ricorrono da tempo e senza troppi problemi di competenza tecnica5.

7Apertura e partecipazione hanno come logica conseguenza il cosiddetto “effetto rete”, che ha portato alla ridefinizione della nozione di “autorialità”: si pensi per esempio alle #folksonomie, che polverizzano la gerarchia implicita di ogni ordinamento autorale e fanno emergere dalla collaborazione una conoscenza condivisa e accessibile.

#FOLKSONOMIA

La paternità del termine folksonomia si attribuisce all’architetto dell’informazione Thomas Vander Wal, e la data di nascita si situa nel 2004. Si tratta di un neologismo composto dai termini folk (di radice germanica, indica popolo, gruppo, moltitudine) e dall’abbreviazione di tassonomia; di conseguenza denota un ordinamento realizzato da un gruppo di persone.

In sostanza una folksonomia è un’operazione di classificazione collaborativa o social tagging che riguarda contenuti e informazioni digitali come testi, immagini e siti web.

Per approfondire puoi leggere:

Matteo Vergani (2011, pp.115-139), Folksonomy nel Web, tra utopia e realtà.

e visitare questo sito

http://vanderwal.net/​folksonomy.html

8Le principali conseguenze di questa rivoluzione tecnologica sono due: la prima è che con il web 2.0 si assiste alla deflagrazione del fenomeno di #disintermediazione, che ha scosso dalle fondamenta tutto il sistema di produzione di contenuti, editoria compresa; la seconda, più specificamente didattica, è che il processo di apprendimento si configura sempre più come un’attività sociale e condivisa.

#DISINTERMEDIAZIONE

Si parla di disintermediazione quando non c’è più necessità di un intermediario tra un autore e il suo pubblico: questo accade in ogni ambito, dal marketing, dove si parla di prosumer, al giornalismo e in generale ai mass media, per i quali Michele Mezza coniò il termine di “spettautore” nel suo libro Media senza mediatori (2002); infine nell’ambito più specificamente librario e culturale si parla di “screttore”, termine del sociologo Derrick De Kerckhove per definire questa entità di lettore-scrittore potenzialmente sempre attivo in entrambi i ruoli.

Per approfondire puoi leggere:

Mezza, Michele. Sono le news, bellezza! Vincitori e vinti nella guerra della velocità digitale. Roma, Donzelli, 2011

Maistrello, Sergio. Giornalismo e nuovi media, Milano, Apogeo, 2010 e Io editore, tu rete. Grammatica essenziale per chi produce contenuti, Milano, Apogeo, 2011

De Kerckhove, Derrick. La mente accresciuta. Milano, 40K, 2011

9Oggi sappiamo, grazie alle scienze cognitive e alle neuroscienze, che mente, corpo e ambiente sono strettamente interconnessi e non separabili. A loro volta, gli oggetti che fanno parte dell’ambiente giocano un ruolo importante nel nostro processo cognitivo; ora questi strumenti stanno cambiando: dalla tv siamo passati al web, dalla connessione fissa siamo passati a quella in mobilità. Siamo arrivati in quella che Derrick De Kerckhove (2011) definisce la “terza fase dell’elettricità”: nella prima l’elettricità era energia, nella seconda si fa informazione (i media), nell’attuale l’elettricità è wireless e si fa azione cognitiva. Nelle dinamiche della trasmissione della conoscenza, dalla memorizzazione siamo passati all’interazione, dalla trasmissione verticale alla condivisione orizzontale. E se è vero – come sostiene il padre del concetto di ubiquitous computing Mark Weiser – che “le tecnologie più profonde sono quelle che scompaiono, assorbite completamente nel tessuto della nostra quotidianità tanto da non distinguerle più da essa”, dovremo allora prepararci a non considerare più le tecnologie mobili (smartphone, tablet) semplici gadgets, ma piuttosto ad accompagnarne l’integrazione nel nostro ambiente, considerandole parte di esso. A maggior ragione quando esse diventano il fulcro intorno a cui si articolano le pratiche educative della cosiddetta “scuola 2.0”.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search