Version classiqueVersion mobile

Il digitale e la scuola italiana

 | 
Marco Dominici

Pro e contro

Texte intégral

1Nel 1809 nelle scuole americane fu utilizzata per la prima volta la lavagna d’ardesia, che si dice fu accolta con sostanziale diffidenza da buona parte degli insegnanti. Si trattava a tutti gli effetti di una innovazione tecnologica, e con una battuta si potrebbe dire che sin da allora l’introduzione della tecnologia nella didattica ha scatenato inizialmente delle reazioni piuttosto ostili.

2Non fa eccezione – per tornare ai giorni nostri – il dibattito che è seguito qualche anno fa al Decreto Istruzione del ministro Maria Chiara Carrozza, la quale proseguiva e completava ciò che aveva iniziato il suo predecessore Francesco Profumo, molto attento in tema di didattica e tecnologie. L’intervento del ministro Profumo si inseriva del resto nel quadro dell’Agenda Digitale Italiana (ADI), istituita per dare vita anche in Italia a quel processo di attuazione dei piani di sviluppo ICT (tecnologie dell’informazione e della comunicazione) nella Pubblica Amministrazione previsti dall’agenda digitale europea.

3Arriviamo all’attuale ministero - nel momento in cui viene pubblicato questo saggio: il ministro Giannini ha varato ed esposto nell’ottobre 2015 il #Piano Nazionale Scuola Digitale, un documento di 138 pagine che affronta, o almeno dichiara di voler affrontare, il rapporto tra innovazione ed esigenze delle didattica.

#PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE

Presentato il 27 ottobre 2015, Il Piano Nazionale Scuola Digitale è un documento redatto dal MIUR in collaborazione con alcuni docenti e dirigenti scolastici, tra cui Dianora Bardi, Laura Biancato, Antonio Fini, Salvatore Giuliano, Elisabetta Nanni.

• In estrema sintesi, i punti essenziali del Piano sono sei:

internet veloce in tutte le classi (per un investimento totale previsto di 89 milioni di euro);

• innovazione permanente per la didattica;

• animatori digitali in ogni scuola (al di là del termine, a dir poco discutibile, è importante capire il ruolo che dovrà avere questa figura)

• realizzazione di ambienti per la didattica digitale integrata (stanziamento previsto: 140 milioni);

• competenze digitali e coding;

• privilegiare la pratica “ognuno con il proprio dispositivo”.

Per approfondire, vai a questi link:

Piano Nazionale Scuola Digitale: http://www.istruzione.it/​scuola_digitale/​index.html

Approfondimento sul tema nel sito che integra il presente saggio: https://medium.com/​il-digitale-e-la-scuola/​il-piano-nazionale-scuola-digitale-per-punti-9593a2aad169#.qgv0e6aa6

4Sin dal decreto Profumo si era assistito ad una dinamica bipolare, che sembrava in un primo tempo potersi attenuare e stabilizzare su una contrapposizione meno netta. Ma dopo il Piano Nazionale Scuola Digitale la dicotomia si è oltremodo rafforzata e le posizioni di nuovo polarizzate nei due fronti contrapposti già individuati da Umberto Eco in tempi non sospetti: gli entusiasti della tecnologia (e dell’innovazione) e i suoi oppositori. Due schieramenti di solito impermeabili alle ragioni dell’altro e che hanno come elemento comune un fondo di manicheismo per cui tertium non datur. Fermi sulle loro barricate, non sanno o più spesso non vogliono individuare una soluzione mediana per cui la tecnologia non escluda l’analogico o per cui nella classe sia possibile introdurre la tecnologia qualora essa faciliti sensibilmente il lavoro dell’insegnante e l’apprendimento dello studente. Tuttavia, è bene precisare che l’opposizione tra gli uni e gli altri è una distinzione principalmente utile a comprendere le costellazioni di interessi e valori che si formano intorno alla riforma della scuola italiana; le posizioni (per lo meno quelle più argomentate e che esulano dai linguaggi partigiani di alcuni media) sono spesso più articolate di quello che la semplice dicotomia lascia intendere. Ricostruire, anche solo per sommi capi, gli orientamenti nel dibattito che da tempo ha luogo tra gli addetti ai lavori, va al di là dei limiti di questo saggio. Bisogna però ricordare sempre che le prese di posizione a favore o contro l’innovazione digitale nella scuola s’inseriscono a loro volta nell’intersezione tra due più ampi discorsi; il primo riguarda le modalità di evoluzione della scuola e dell’insegnamento tout court, mentre il secondo concerne, più in generale, la pervasività delle tecnologie nella nostra vita sociale.

 

5Nel nutrito gruppo dei cosiddetti “apocalittici” si possono annoverare quasi tutti gli editori (particolarmente i grandi gruppi), e per una buona ragione, dato che il mercato dell’editoria scolastica vale più di 650 milioni di euro ed è basato sui libri cartacei. Gli editori sono in compagnia di molti insegnanti e non pochi genitori. La loro ostilità nei confronti dell’introduzione delle tecnologie nella didattica poggia su alcune ben precise argomentazioni, che provo qui a sintetizzare:

  1. la stragrande maggioranza delle scuole non ha strutture tecnologiche adeguate, banda larga in primis: per il cablaggio in fibra degli edifici scolastici sarebbero necessari almeno 3 miliardi di euro1.

  2. La generale impreparazione degli insegnanti di fronte a una novità che mette in discussione l’intero impianto metodologico e pedagogico presuppone un adeguato processo di aggiornamento e di formazione dei docenti stessi.

  3. Ci sono ostacoli concreti che riguardano la tipologia dei dispositivi: ammesso e non concesso che lo strumento principale sarà il tablet, la questione iniziale riguarda la scelta tra sistemi operativi: iOS o Android? Il primo ha dietro il fortissimo brand Apple, una predisposizione quasi nativa per la didattica e un ecosistema in continua evoluzione, ma pur sempre chiuso; il secondo è più economico e forse anche più versatile, ma non può ancora vantare un numero analogo di tool dedicati all’insegnamento e all’apprendimento.

  4. Vi è poi il problema dell’onere di acquisto: lo faranno le scuole o dovranno pensarci le famiglie? E in tal caso, si potrà parlare veramente di risparmio?

  5. Fino a che punto si può garantire la piena e sostenibile funzionalità dei dispositivi? Si sa bene infatti che si tratta di macchine e come tali sono soggette a guasti improvvisi e diventano obsolete a un ritmo molto rapido; che farà uno studente con un dispositivo poco performante alle prese con materiali didattici che non riesce a caricare bene o su cui non può lavorare come altri suoi compagni, magari più abbienti e quindi in possesso degli ultimi modelli?

  6. Esiste una reale problematica legata ai formati: il PDF, che ancora va per la maggiore, è evidentemente insufficiente; l’ePub, nella sua versione finora più evoluta (ePub 3), pur permettendo una compiuta multimedialità non viene ancora supportato da tutti i dispositivi.

  7. Se invece si parla di piattaforme o ambienti di apprendimento in cui lo studente e l’insegnante possano lavorare insieme, scambiandosi file e monitorando il percorso di apprendimento, siamo davanti a un bivio: o sono le scuole stesse a edificare ambienti simili su piattaforme open source (una tra tutte: Moodle) o sono gli editori che fanno uso dei propri materiali rendendo accessibili ambienti e spazi didattici solo a chi ha adottato i loro libri. La domanda a questo punto però è: quante piattaforme e quanti accessi dovrà attivare un insegnante (e di conseguenza i suoi studenti) che ha adottato testi di più editori?

    • 2 A questo riguardo, grazie a Pier Cesare Rivoltella è stato istituito da qualche tempo l’Osservatori (...)

    Non ci sarebbero prove o studi che dimostrino che l’uso delle tecnologie nella didattica porti effettivi vantaggi cognitivi o pedagogici; al contrario, non solo l’esposizione prolungata ad uno schermo retroilluminato è detta essere dannosa per la vista, ma soprattutto l’utilizzo di strumenti come i tablet favorisce la distrazione grazie alla molteplicità di attività che vi si possono svolgere2.

6Sull’altro fronte, quello dei cosiddetti entusiasti, c’è d’altra parte la tendenza a prefigurare un modello educativo ideale basato sull’#integrazione (che non è semplice utilizzo) di quelle tecnologie nella didattica che conducano a un sapere condiviso, co-creato, orizzontale e diffuso, costituito soprattutto da materiali didattici aperti (le cosiddette OER, Open Educational Resources).

UTILIZZO VS INTEGRAZIONE

Sono due accezioni ben diverse dello stesso argomento e quando si parla di tecnologie in classe bisogna necessariamente fare questa distinzione: l’utilizzo è spesso casuale, o improvvisato, mentre l’integrazione è pianificata all’interno di un progetto didattico. Soprattutto, integrazione significa utilizzo della tecnologia per favorire e sviluppare nuovi processi cognitivi e nuove competenze.

Per approfondire, puoi visitare questa pagina:

http://teachbytes.com/​2013/​03/​29/​whats-the-difference-between-using-technology-and-technology-integration/​

7Non è raro in questo fronte di entusiasti sentir parlare senza mezze misure della «morte del libro di testo» e di un modello di insegnamento il quale, per chi ha una concreta esperienza in classe, necessita di determinati presupposti e requisiti tecnici, metodologici, economici e organizzativi che è estremamente difficile far convergere ed attivare; è inoltre fortemente improntato all’individualizzazione dei percorsi per offrire a ogni studente il contenuto didattico più adatto ai suoi bisogni; un modello di apprendimento condiviso che prevede l’incorporamento dei social media e il ricorso a blog e ad ambienti di elaborazione collettiva dei materiali. In un tale percorso di apprendimento il ruolo del docente è piuttosto quello di tutor capace di dare allo studente gli strumenti per forgiarsi una coscienza critica sempre più necessaria in una realtà fluida che manca di punti di riferimento precisi.

8Un simile modello didattico rischia però di essere appannaggio di poche realtà di eccellenza, in un panorama scolastico estremamente diversificato nella penisola italiana, con l’inevitabile conseguenza che molte scuole rischierebbero di restare drammaticamente escluse da questo processo di innovazione e cambiamento.

9È evidente come questi due schieramenti siano in un certo qual modo speculari, ovvero le paure dei primi rappresentano le speranze dei secondi, e viceversa. Per fortuna esiste anche una sorta di terzo polo, costituito da studiosi e insegnanti che stanno sperimentando, prima che asserendo, la possibilità di una via mediana e la stanno verificando sul campo. Ora, per analizzare, comprendere – e, in definitiva, superare – ambedue questi atteggiamenti occorre però ripercorrere, per quanto schematicamente, i passaggi nodali di quella più ampia mutazione epistemologica indotta dall’apparizione delle tecnologie digitali.

Notes

1 http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2013-03-29/scuola-meno-pareti-164245.shtml?uuid=Ab6b9miH

2 A questo riguardo, grazie a Pier Cesare Rivoltella è stato istituito da qualche tempo l’Osservatorio sui media digitali a scuola presso il Cremit dell’Università Cattolica di Milano e proprio recentemente è stato pubblicato il primo risultato di un monitoraggio su 37 scuole coinvolte nel progetto Smart Future di Samsung, che ha portato non solo tablet e tecnologie nelle classi selezionate, ma anche a un processo di formazione degli insegnanti e sensibilizzazione delle famiglie. I dati del primo anno di sperimentazione sono positivi, sia per gli insegnanti che per gli studenti e sarà interessante seguire il progetto anche in futuro, visto che Smart Future si è rafforzato grazie a un protocollo d’intesa con il MIUR e prevede, per il biennio futuro, l’inclusione di 54 classi di scuole primarie e secondarie.

Acheter

Volume papier

amazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search