Version classiqueVersion mobile

Droits antiromains xvie-xxie siècles

 | 
Sylvio De Franceschi
, 
Bernard Hours

Le traité inédit Della povertà religiosa (1759) : L’antiromanisme universitaire turinois selon Angelo Paolo Carena et son maître Carlo Sebastiano Berardi

Alberto Lupano

Texte intégral

  • 1 Carena nacque da nobile famiglia a Carmagnola il 6 marzo 1740, morì a Torino il 16 ottobre 1769. Su (...)
  • 2 Mario Viora, Le Costituzioni piemontesi (Leggi e Costituzioni di S. M. il Re di Sardegna) 1723-1729 (...)

1 Angelo Angelo Paolo Carena1 si può definire un caratteristico esempio di intellettuale inserito nella cultura sabauda del xviii secolo. È noto che il prudente riformismo dei re di Sardegna, Vittorio Amedeo II e Carlo Emanuele III, ambiva, nel segno dell’assolutismo, a migliorare la legislazione2 e di conseguenza a rendere più efficienti sia la pubblica amministrazione sia la società.

  • 3 Per tutti cf. Donatella Balani, Toghe di Stato. La Facoltà giuridica dell’Università di Torino e le (...)

2La Facoltà di giurisprudenza torinese, rinnovata da Vittorio Amedeo II, divenne il centro di formazione delle élites dirigenti dello Stato. Chi voleva fare carriera, non soltanto nel foro ma anche nella pubblica amministrazione, nelle segreterie, in certe cariche di corte, doveva necessariamente seguire gli studi giuridici3. Dunque a Torino frequentavano la Facoltà legale i futuri avvocati, magistrati, alti funzionari degli Stati sabaudi, ma pure coloro che seguivano la carriera ecclesiastica, i futuri vescovi piemontesi, savoiardi, nizzardi, nominati dal sovrano in base ai privilegi dell’indulto concesso da papa Niccolò V al duca di Savoia.

  • 4 La Camera dei conti effettuava il controllo contabile su tutta l’amministrazione sabauda con giuris (...)

3 Angelo Paolo Carena seguì il percorso tradizionale di chi aspira ad entrare al servizio dello Stato. Effettuati i primi studi nelle scuole pubbliche, nel 1762 si laureò in utroque iure all’università di Torino; divenne avvocato senza però esercitare la professione a causa della salute precaria. Per un lungo periodo svolse pure le mansioni di aiutante volontario presso il procuratore generale della Camera dei conti4 di Torino nella speranza di essere poi designato tra i sostituti dello stesso ufficio. Lavorò invano poiché la nomina non gli giunse mai.

  • 5 Li elenca e li descrive Claretta, Memorie, op. cit., p. 134-198. Di Carena sono edite le seguenti o (...)

4Si dedicò con passione alle ricerche storiche. Studiò e scrisse intensamente. Quando morì a ventinove anni lasciò quarantotto lavori per lo più manoscritti5.

  • 6 Dizionario storico geografico statistico commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna, t. I-X (...)

5È importante osservare che i progetti di alcune opere storiche di Carena sono stati realizzati successivamente da altri studiosi seguendo in buona parte l’impostazione del giovane storico. Ad esempio Carena aveva concepito l’idea di un Dictionnaire géographique des États sardes che è il modello del celebre dizionario compilato da Goffredo Casalis6.

  • 7 I due primi secoli della Accademia delle scienze di Torino. Realtà accademica piemontese dal Settec (...)
  • 8 Luigi Cibrario, Storia della Monarchia di Savoia, t. I, Torino, Fontana, 1840, Prefazione, p. XXI.

6L’avvocato Carena ha dei meriti culturali non comuni. È tra i primi soci ammessi nella Société Royale, trasformatasi poi nella Reale Accademia delle scienze di Torino7. Viene considerato uno dei fondatori della storiografia piemontese secondo il metodo di Lodovico Antonio Muratori. Luigi Cibrario, il maggiore storico sabaudo del xix secolo, definisce Carena «la mente più vasta che si fosse mai consacrata agli studi storici in piemonte »8.

  • 9 Nel 1759 Carena era ancora studente dell’Università di Torino. È probabile che allora abbia avviato (...)

7Carena è stato soprattutto un giurista. Proprio con sensibilità da uomo di leggi compose due testi dedicati al diritto canonico: il trattato Della povertà religiosa, datato al 17599, e il Ragionamento intorno ai patrimoni ecclesiastici ed ai doveri degli ecclesiastici nel servizio della Chiesa, senza data ma presumibilmente risalente al periodo compreso tra 1760-1766. Entrambe le opere, in particolare la seconda, a causa dei contenuti, sembrano in qualche modo ricollegabili al lavoro volontario svolto dall’autore presso la Camera dei conti, sede in cui uno Stato giurisdizionalista come era quello sabaudo poteva eventualmente prendere in considerazione anche le ricchezze del clero e il loro concreto utilizzo.

  • 10 Claretta, Memorie, op. cit., p. 198, lo definisce introvabile nel 1862. Nella Biblioteca Nazionale (...)
  • 11 Sacrosanctum Concilium Tridentinum, Bassani, Apud J. Antonium Remondinum, 1743, sessio XXI, de refo (...)
  • 12 Cf. Alberto Lupano, «Alla Chiesa non meno, che alla repubblica vantaggiosi. Tra giurisdizionalismo (...)

8Il Ragionamento10 tratta dell’eccessivo numero di sacerdoti del clero secolare, ordinati in base al titulus patrimonii e privi di uno specifico ministero pastorale nelle diocesi. L’autore formula delle tesi comuni ai giurisdizionalisti coevi, per cui auspica la riforma del sistema delle ordinazioni, una riforma impostata sull’autentica tradizione disciplinare della Chiesa antica, espressa dal canone sesto del concilio di Calcedonia, confermata dal Tridentino11. In conclusione, Carena insiste affinché sia rispettata la natura ministeriale dell’ordinazione, connessa al servizio pastorale nella diocesi12.

  • 13 Cf. Peyron, Codices, op. cit., p. 28; ibid., p. 503, Codex DCCXLIII. O.VII. I: il codice è descritt (...)

9Invece il trattato Della povertà religiosa si interessa del clero regolare in ben altri termini ed è circolato manoscritto destando l’interesse degli studiosi e degli ordini religiosi direttamente coinvolti dalla trattazione. È rimasto inedito a causa dei contenuti eterodossi e della polemica anticuriale di cui è impregnato. Si tratta di caratteri facilmente individuabili che avrebbero provocato le censure ecclesiastiche e la messa all’Indice dei libri proibiti. Tuttavia i due esemplari Della povertà religiosa rimasti a disposizione degli studiosi sono andati distrutti nel 1904 dall’incendio della Biblioteca Nazionale Universitaria torinese13.

  • 14 Il Ragionamento, in 8°, è piuttosto breve, si compone di c. 18 numerate. Della povertà religiosa, i (...)

10I testi, apografi, sia del Ragionamento, sia Della povertà religiosa, sono stati ritrovati entrambi alcuni anni or sono in una biblioteca privata romana14. Studiando la seconda opera, si comprende che è collegata al pensiero di Carlo Sebastiano Berardi, il maggiore canonista torinese del Settecento.

  • 15 Cf. Zeger Bernard Van espen, Ius ecclesiasticum universum, Opera [omnia], t. I-VI, Sumptibus Societ (...)
  • 16 In generale sul giurisdizionalismo nell’Italia d’antico regime cf. l’opera fondamentale di Arturo C (...)

11Va premesso che i professori di diritto canonico dell’Università piemontese nel XVIII secolo esprimevano la politica ecclesiastica imposta dalla corte subalpina. Professavano il giurisdizionalismo di Stato, di carattere pratico e opportunistico, fornendo un’interpretazione del diritto canonico contraria alla tradizione ortodossa romana. Essi spiegavano il Corpus iuris canonici non col tradizionale metodo esegetico, ma con metodo storico-sistematico, facendo rientrare nelle lezioni anche elementi di diritto patrio, nozioni politiche e filosofiche di tendenza anticurialista. Così limitavano l’azione della Chiesa soltanto al campo spirituale, la assoggettavano sotto molti aspetti al potere assoluto dei sovrani. L’autore più ammirato e seguito nei territori sabaudi era il grande canonista Zeger Bernard Van Espen15. Il giurisdizionalismo16 della dinastia sabauda traeva ispirazione da molti modelli europei: dal gallicanesimo, dal regalismo spagnolo, specie dopo che i Savoia ottennero la corona prima di Sicilia, poi di Sardegna, dal giuseppinismo asburgico, dall’esempio della Repubblica di Venezia, del Granducato di Toscana, da certi elementi del giansenismo politico.

  • 17 Cf. Jemolo, Scrittori, op. cit., p. 202-204.

12È su questo sfondo culturale che va collocato il trattato Della povertà religiosa scritto dal giovane Angelo Paolo, verosimilmente sotto la guida di Carlo Sebastiano Berardi. Inoltre si sa che i giurisdizionalisti criticavano i religiosi per tante ragioni, antiche e moderne. Principalmente perché i religiosi sostenevano intensamente tutte le tradizionali prerogative propugnate della Sede apostolica anche in campo temporale, difendevano le dottrine curialiste e, infine, alcuni ordini di regolari possedevano grandi patrimoni17.

  • 18 Il trattato si divide in due Parti, precedute da una Prefazione la quale comprende i paragrafi priv (...)
  • 19 In generale sulla disciplina canonica della povertà dei religiosi e sul loro eventuale peculio cf. (...)
  • 20 Cornelii Benincasii, Tractatus de paupertate ac eius privilegiis, Perusiae, ex typis Andreae Brixia (...)
  • 21 Collet, Traité des devoirs, op. cit. L’autore fu teologo e prete della Missione (Ternay, 1693- 1770 (...)
  • 22 Jacques Thorrentier, Dissertation sur la pauvreté religieuse, Paris, Babuty, 1727; l’autore dichiar (...)
  • 23 Cf. Van espen, Dissertatio canonica de peculiaritate in religione et simonia circa ingressum religi (...)

13Della povertà religiosa18 di Carena è un’opera singolare che si occupa del voto di povertà19 dei religiosi. Ma il titolo del trattato si può prestare a qualche equivoco. Va premesso subito che non è un saggio destinato ad analizzare gli effetti puramente giuridici del voto di povertà dei regolari secondo il diritto canonico. Dunque non è riconducibile per esempio alla corrente culturale a cui appartiene il trattato del giurista Cornelio Benincasa, il quale nel xvi secolo ha composto la più celebre monografia dedicata all’analisi generale e particolare della condizione di povertà nel diritto comune20. Il saggio del giovane studioso torinese non è nemmeno accostabile a lavori come quello di Pierre Collet21 che espone i doveri giuridici e morali connessi ai voti dei regolari. Né può essere assimilato al libro dell’oratoriano Jacques Thorrentier22, salvo che per il titolo quasi analogo. Thorrentier compie un’analisi canonistica, dedicata a verificare l’incongruità della prassi applicata durante la prima metà del xviii secolo nella predisposizione di rendite o pensioni da parte dei novizi a favore delle rispettive comunità religiose di appartenenza23. Thorrentier contesta in modo settoriale un aspetto dell’applicazione della povertà religiosa; il suo lavoro potrebbe presentare alcuni echi giurisdizionalisti e di moralismo giansenista, suggestionati in qualche misura dalla dottrina di Van Espen – per altro mai citato espressamente da Thorrentier –, ma sull’argomento egli non manifesta le idee estreme espresse invece da Carena. Si può congetturare che l’avvocato piemontese abbia conosciuto il libro dell’oratoriano francese e ne abbia magari tratto qualche spunto ideale di metodo; tuttavia Carena, di solito assai rigoroso nel richiamare le fonti, specialmente quelle favorevoli alle proprie tesi, non cita mai Thorrentier all’interno del trattato.

14Il giovane giurista torinese si colloca ben oltre le posizioni di qualunque altro scrittore contemporaneo. Infatti egli sostiene nel suo trattato una tesi radicale: la povertà religiosa che si applica nel xviii secolo è soltanto un’espressione formalistica del voto di povertà, quasi un elemento retorico fine a se stesso. Non è più accettabile. Inoltre l’autore ritiene che proprio il suo saggio individui la vera disciplina evangelica e patristica del regime di povertà religiosa. Va premesso che l’opera è scritta in una prosa di stile semplice e austero, senza alcuna concessione al gusto letterario settecentesco.

15Fin dalla premessa, Carena, sulle modalità coeve di attuazione del voto di povertà dei religiosi, dichiara:

  • 24 Carena, Della povertà, op. cit., Prefazione, c. 9v.-10r.

Ora noi ci proponiamo di far vedere quanto tal condotta sia contraria allo spirito della Chiesa negli insegnamenti ed esempio dei santi padri ed alle istituzioni, e regole dei fondatori dai quali fu sempre considerata come ella è la povertà in comune, ed in particolare essenziale alla vita religiosa, e quanti mali sino ai nostri tempi abbia cagionata l’abbondanza dei beni temporali a tutti gli ordini monastici, e ai regolari, ed a tutte le congregazioni clericali, i quali contro lo spirito di povertà, ed una saggia amministrazione si procurano ricchezze, non tendendo questo alla conservazione, ed ingrandimento, ma alla rilassazione, e rovina di tutte le comunità religiose24.

  • 25 «Fu sempre massima costante della Chiesa, che i beni a lei donati comuni sono d’essa, e dei poveri, (...)

16L’idea principale di Carena è che il voto di povertà dei religiosi va interpretato esclusivamente in rapporto alla funzione centrale di soccorrere gli indigenti. I quali debbono essere vestiti e alimentati in due modi: attraverso i patrimoni che già possiedono gli ordini regolari; attraverso i beni di proprietà personale a cui i religiosi rinunciano, in tale caso anche privilegiando i parenti poveri dei religiosi stessi25.

  • 26 Carena, Della povertà, op. cit., Prefazione, c. 4r.-9r. e passim.
  • 27 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 1, c. 9v.-19r.

17In sostanza l’autore fornisce un’interpretazione tendenzialmente sociale del voto di povertà riferito al concetto di carità. Si basa innanzitutto sugli esempi del cristianesimo primitivo e sulla dottrina dei padri della Chiesa26, i quali, votati alla santificazione delle anime, consideravano il voto di povertà intrinsecamente connesso alla vita religiosa e, di conseguenza, individuavano nell’abbondanza dei beni temporali il vero ostacolo alla perfezione cristiana27.

  • 28 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 4, c. 27-31v.
  • 29 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 5, c. 34v.-49r. Cf. l’identico pensiero di Van espe (...)
  • 30 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 5, c. 45v.

18Fedele al suo intento concettuale di parte, Carena sostiene e ripete che l’accumulo di patrimoni nelle mani dei regolari è l’unica causa della loro decadenza28. Espone il declino dei principali ordini e loda gli interventi dei sovrani, da Carlo Magno a Carlo V, per limitare l’accrescimento dei beni nelle mani dei religiosi29. Nemmeno gli ordini mendicanti sfuggono alla censura del giovane autore. E, tra gli abusi indotti dalla «mendicità» di certi regolari, insiste su un tema caro ai giansenisti, cioè «sulle vili compiacenze a cui ella induce verso dei ricchi, ed anche di quelli i cui beni non sono di buon acquisto; visite attive, e passive, adulazioni, conversazioni di novelle, od altre materie di mondo, e la peggiore di tutte le compiacenze, che è la facilità delle assoluzioni, ed il rilassamento della morale cristiana »30.

  • 31 Carena, Della povertà, op. cit., Parte seconda, § 1, c. 49v.

19Nel trattato non si spiegano chiaramente le altre cause di declino della vita religiosa, cause ben conosciute, tra cui la principale era da individuarsi nella riduzione in commenda di numerose comunità monastiche alla fine del medioevo. Quando si parla della corruzione morale, della scarsa osservanza della disciplina regolare, dei disordini nella condotta dei religiosi, questi aspetti sono sempre considerati, nella riflessione di Carena, come le inevitabili conseguenze del mancato rispetto del voto di povertà che trasforma i religiosi in soggetti di pessimi costumi, avidi di denaro e di potere, captatori di eredità, desiderosi di una vita comoda e poco spirituale. Così agendo, i religiosi contravvengono alle regole dei loro fondatori, i quali raccomandarono sempre di non accettare donazioni di beni temporali31.

  • 32 Jemolo, Scrittori, op. cit., p. 182-200.
  • 33 Carena, Della povertà, op. cit., Prefazione, c. 4r.; Parte prima, § 5, c. 33v.-34r. È implicita in (...)

20Mentre i giurisdizionalisti, riconoscendo in generale certe piaghe ricorrenti nel clero regolare, proponevano riforme di tanti aspetti della vita dei religiosi32, Carena addebita ogni male soltanto alle eccessive ricchezze e vuole intervenire soprattutto su questo elemento. Egli ribadisce sempre il rifiuto dell’accumulo di patrimoni che secondo lui favoriscono una politica di potenza diretta solo a inorgoglire i monaci, ad attirare nuove vocazioni, a segnare un riflesso tutto temporale della dignità monastica che dovrebbe esprimersi ben altrimenti33.

  • 34 Carena, Della povertà, op. cit., Parte seconda, § 1, c. 50v.
  • 35 Ibid. Cf. Jemolo, Scrittori, op. cit., p. 204.
  • 36 «Il concilio Calcedonese riconosce la potestà del vescovo su tutti i beni della sua diocesi per dis (...)

21Una volta ridimensionati i patrimoni dei religiosi, tutto si risolverebbe al meglio. In tale prospettiva Carena ammette che i fedeli facciano donazioni minime agli ordini e congregazioni per mantenere un numero ridotto e mai eccessivo di regolari sotto la condizione che questi si impegnino ad assistere i costantemente poveri34. Inoltre Carena giustifica l’intervento dello Stato e delle diocesi in occasione della fondazione di nuove case religiose, anche di ordini antichi, secondo la tipica mentalità degli autori giurisdizionalisti: le novelle fondazioni debbono sempre essere subordinate al consenso dei sovrani, dell’ordinario e dei fedeli del luogo35. Proprio i vescovi dovrebbero sovrintendere in ogni circostanza ai patrimoni dei regolari seguendo la prassi della Chiesa primitiva36.

  • 37 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 3, c. 24r.-25r. Il riferimento è a sanctus Ambrosiu (...)
  • 38 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 1, c. 24r. É implicito il riferimento a Blaise Pasc (...)
  • 39 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 1, c. 25r.

22Quanto agli acquisti patrimoniali, Carena, citando gli esempi forniti dai santi fondatori antichi, San Benedetto, san Pacomio, e moderni, tra i quali sant’Ignazio di Loyola e san Filippo Neri, raccomanda ai regolari di non ricercare mai eredità o donazioni. Poi Carena deplora che ordini e congregazioni impieghino i loro capitali nella costruzione di grandi conventi, o di chiese fastose, oppure di complessi apparati per le feste liturgiche. Pur ammettendo in linea teorica il principio del doveroso decoro dei templi, tuttavia invita ad adottare «quella moderazione, che raccomanda sant’Ambrogio che nulla si tralasci negli edifizii di necessario, e nulla si faccia di superfluo »37. Inoltre rammenta che «ciò che Dio più ama, è il cuore dell’uomo, ed il vero onore, che se li rende colla santità della vita, e colla purezza del cuore, e che sieno in lui vestiti, ed alimentati i poveri »38. Né manca un riferimento al famoso esempio di sant’Ambrogio il quale in tempi calamitosi non esitò ad alienare i beni delle chiese e perfino i vasi sacri per soccorrere i poveri39.

  • 40 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 2, c. 23r.
  • 41 Blaise Pascal, Provinciales, Œuvres complètes, op. cit., Paris, Gallimard, Bibliothèque de la Pléia (...)

23Carena, seguendo antichi pregiudizi anticuriali, non risparmia accuse dirette nemmeno alla Santa Sede. La rimprovera di accumulare in Roma grandi entrate ma di avere trascurato il dovere di provvedere ai poveri come al tempo delle «grandi distribuzioni di elemosine di san Leone Magno, di san Gregorio Magno, e tanti altri santi pontefici, dei proventi di grandi patrimonii, che la Chiesa romana possedeva in tante provincie»: «La Chiesa romana in luogo di attirare a sé le ricchezze del mondo cristiano, allora era come l’erario di tutti i poveri fedeli40.» Le accuse peggiori, aspre e violente, le rivolge però alla Compagnia di Gesù, vista come la vedevano i giansenisti di tutt’Europa, dalle Provinciales41 di Pascal in avanti, causa di orrori morali senza fine. Carena sostiene che, sul voto di povertà, i gesuiti violano le loro costituzioni e il modello di vita di sant’Ignazio, vanno a caccia di eredità, praticano la mercatura vietata dal diritto canonico; infine il nostro giovane avvocato, fautore dell’assolutismo dei sovrani, attraverso allusioni nemmeno troppo velate, rievoca tutti gli aspetti più vistosi della polemica antigesuitica settecentesca: la questione dei riti cinesi, le «persecuzioni» degli ignaziani contro i giansenisti, il probabilismo, le collusioni politiche dei gesuiti, il dub bio sulla loro tendenza a sostenere il regicidio, i loro progetti di dominio anche temporale:

  • 42 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 5, c. 47v. 48r.

Come si potranno conciliare colla professione d’una tal povertà le immense ricchezze acquistate dalla Compagnia con maniere però indecenti alla vita religiosa, o sospette? Se avvi esempio di terribili effetti cagionati da esse nelle religioni, egli è certamente quello che abbiamo davanti agli occhi. Se vediamo una religione [la Compagnia di Gesù] istituita, ed approvata con grandi speranze di vantaggio spirituale alla Chiesa di Dio per la conversione dei popoli, e per l’edificazione dei fedeli, essere finalmente caduta in sì orribili eccessi contro Dio, contro la Chiesa, e i suoi ministri, e contro i principi; e la cagione evidentissima si è la cupidigia dei beni temporali, per cui si osò collegare la santa fede con le superstizioni degli infedeli, e di permettere, che si adorasse il Dio vivente colle fatture delle anime, e dell’immaginazione delle genti; per cui facendosi servire la religione ai fini umani si penetrò nelle corti dei principi, e là si presero le maniere, e l’abito dei grandi, e si sbrigarono le loro dignità. Qui si adularono le loro passioni, e per una moderata passione tanto più perniciosa, quanto più coperta, si pretese di regolare, e rivolgere a talento lo spirito, ed il cuor loro in persecuzione, esilio, prigionia ed sterminio dei ministri di Dio, e di persone dabbene, e dotte, le quali soffrir non potevano, che s’introducesse una falsa morale, che santificava le più orribili passioni; per cui si attentò sulla sacra maestà dei principi, che vegliando alla felicità dei loro popoli comportare non potevano, né dovevano, che si attentasse sul loro governo, si sottraessero i popoli alla loro legittima dominazione, si fondasse, con inaudito esempio, da una congregazione di voluntarii poveri una dispotica monarchia; e si rendesse esausto il patrimonio pubblico, e dei privati con un immenso, e sordido commercio42.

  • 43 Cf. Adriano Prosperi, Intellettuali e Chiesa all’inizio dell’età moderna, in Storia d’Italia.
    Annali(...)

24A scopo comparativo, si può osservare che uno scrittore anticurialista come Paolo Sarpi si scagliava contro i gesuiti e il loro sistema di teologia morale, ma almeno ne ammirava l’accortezza politica e le capacità didattiche43.

  • 44 Anzi riserva pesanti giudizi sugli studi dei regolari: «Finalmente quando furono istituiti i mendic (...)

25Tra l’altro l’avvocato Carena non tratta mai della spiritualità dei regolari, dei mistici. Né accenna alle benemerenze dei religiosi nella conservazione della cultura classica, nella fondazione di biblioteche44 e collezioni naturalistiche, nella committenza di opere artistiche e architettoniche, importanti persino sia nella catechesi dei fedeli sia nel progresso della civiltà occidentale. É completamente indifferente a questi argomenti, proponendosi solo l’analisi del voto di povertà e della sua concreta realizzazione.

  • 45 Jemolo, Scrittori, op. cit., p. 181-210.

26Carena ha degli obiettivi ambiziosi però non dice sempre cose originali. Raccoglie spunti polemici antichi e nuovi, di contestatori e riformatori di vario genere: da Wyclif, a Lutero, a Erasmo da Rotterdam, fino a un insigne canonista del valore di Zeger Bernard Van Espen. L’argomento del voto di povertà dei religiosi era dibattuto anche nelle opere di scrittori italiani molto diffusi e letti durante il xviii secolo i quali miravano a ridimensionare le ricchezze dei regolari45.

  • 46 Cf. Van espen, Dissertatio canonica, op. cit.
  • 47 Cf. i venti tomi della Histoire ecclésiastique, più sedici tomi di aggiunte, Claude Fleury, Histoir (...)
  • 48 Cf. i due tomi di Louis Thomassin, Ancienne et nouvelle discipline de l’Église touchant les bénéfic (...)
  • 49 Cf. Mémoires pour servir à l’Histoire ecclésiastique des six premiers siècles, t. I-XII, Paris, che (...)
  • 50 Cf. Pietro Stella, Giurisdizionalismo e giansenismo all’Università di Torino nel secolo xviii, Tori (...)
  • 51 A Torino, Francesco Antonio Chionio, docente di Decretali predecessore di Berardi, citava sovente n (...)
  • 52 Vittorio Alfieri, Vita scritta da esso, Opere, a cura di Francesco Maggini, t. II, Milano, Rizzoli, (...)

27Le fonti a cui attinge Carena sono di due generi: fonti giuridiche, soprattutto di canonisti, in particolare Van Espen46, e fonti storiche. La maggior parte di queste ultime sono desunte dalla Histoire ecclésiastique di Claude Fleury47, tradizionalmente considerato vicino al giansenismo. Usa anche l’Ancienne et nouvelle discipline de l’Eglise di Louis Thomassin48 e il testo di Louis-Sébastien Le Nain de Tillemont49. Del resto Carena è animato da una sincera sensibilità cristiana, di inclinazione rigorista e giansenista, molto diffusa tra tanti intellettuali piemontesi50 del Settecento e non solo. L’opera di Fleury rientrava nella cultura contemporanea e la leggevano volentieri gli intellettuali, pure i canonisti51, pure i giovani studenti della Reale accademia di Torino, secondo la testimonianza personale di Vittorio Alfieri52.

  • 53 Su Berardi cf. il giudizio assai positivo di Von Schulte, Die Geschchte, op. cit., III, p. 524; Lou (...)
  • 54 Cf. Alberto Lupano, «Baudisson, Innocenzo Maurizio», Dizionario biografico dei giuristi italiani, o (...)
  • 55 Innocentii Mauritii Baudisson, [lettera dedicatoria al principe di Piemonte Vittorio Amedeo di Savo (...)

28Carena è però interessante grazie al metodo adottato nel redigere il suo saggio. Perché, come s’è già detto, si collega ai canonisti torinesi, specialmente a Carlo Sebastiano Berardi53. Il giovane autore organizza il discorso sulla sua visione della povertà religiosa nel senso storico-giuridico caratteristico del suo docente. Carena ufficialmente compose il suo trattato nel 1759, quando, appena diciannovenne si trovava iscritto al secondo anno di giurisprudenza e doveva frequentare, dopo quello di istituzioni del diritto canonico, il corso di Decretali svolto dal professore Berardi. Un illustre allievo di questi, il docente di istituzioni canoniche Innocenzo Maurizio Baudisson54, rammenta che il maestro era solito istruire gli studenti più promettenti rivelando loro elementi riservati della scienza canonistica che non poteva esporre pubblicamente55. Verosimilmente è accaduto lo stesso col giovane Carena. In questo modo Carena, nel suo manoscritto, potrebbe avere espresso in buona parte idee che il maestro non avrebbe potuto spiegare apertamente. L’allievo deve avere seguito il metodo del suo principale insegnante accademico e perciò ha impostato la trattazione analiticamente su due elementi fondamentali: la storia ecclesiale e il diritto canonico. Inoltre, attraverso un severo esame della realtà storica e giuridica, Carena ha espresso sempre l’aspirazione all’ideale semplicità evangelica della Chiesa primitiva.

29Fondandosi sull’esame della storia, Carena ricostruisce l’origine e lo sviluppo delle comunità religiose dall’età apostolica fino al Settecento. Il diritto canonico gli serve a studiare la legittimità e la disciplina del voto di povertà dei religiosi e le sue conseguenze pratiche, intese come spogliazione totale di ogni bene a favore esclusivo dei poveri, non a favore dei singoli ordini o congregazioni di appartenenza dei religiosi, come avveniva a quel tempo, secondo certe norme generali o secondo le particolari costituzioni dei vari ordini. Attraverso questi percorsi il giovane autore arriva a sostenere la tesi già ricordata più volte: che finora si è sbagliato tutto nell’applicazione del voto di povertà.

  • 56 Cf. Lupano, «Berardi», op. cit., t. I, p. 223-225.
  • 57 Caroli Sebastiani Berardi, Gratiani canones genuini ab apocryphis discreti […], t. I-IV, Augustae T (...)
  • 58 T. I-IV, Taurini, ex Typographia regia, 766-1767.
  • 59 Alphons Van Hove, Prolegomena ad Codicem iuris canonici, Mechliniae-Romae, H. Dessain, 1945, p. 549 (...)

30Si deve osservare che il diritto canonico invocato da Carena è un diritto inteso in senso settoriale e secondo i parametri interpretativi di Berardi56. Per rendere l’idea delle dottrine del canonista torinese va ricordato che egli, sotto il profilo strettamente scientifico, fu studioso di grande valore per avere composto l’opera di revisione del Decretum Gratiani più avanzata al suo tempo57. Inoltre scrisse i celebri Commentaria in ius ecclesiasticum unversum58. Ma fu anche indipendente nei giudizi al punto che Alphons Van Hove lo colloca accanto a Paolo Sarpi e Marco Antonio de Dominis59.

  • 60 Cf. il pensiero assai simile di Van espen, Dissertatio canonica, op. cit., Opera [omnia], op. cit., (...)
  • 61 Tutte queste dottrine di Berardi sono esposte nell’opera Idea del governo ecclesiastico, pubblicata (...)

31In genere, Berardi, similmente ad altri giurisdizionalisti ed agli altri canonisti torinesi, limita molto l’autorità pontificia (sia in senso giurisdizionale sia in senso del magistero), in particolare nei responsi, destinati a rimanere segreti, redatti su richiesta della corte torinese. Per lui, la volontà del papa non può mai esprimere tutto il diritto canonico. La vera norma canonica secondo Berardi va ricavata dalla tradizione della Chiesa, dal confronto tra le opere dei padri della Chiesa, dalle fonti più antiche, dai primi sinodi, dagli esempi dell’età apostolica. Riconosce obbligatorie le «norme ecclesiali fondamentali», quelle più antiche, contenenti, a suo giudizio, il vero diritto canonico. Berardi rifiuta in linea di principio l’apparato curiale romano come fonte di produzione ordinaria di norme giuridiche vincolanti, specialmente quando la curia dispone in senso divergente dalle norme ecclesiali fondamentali. Ammette l’infallibilità del concilio ecumenico. Critica i religiosi, il loro atteggiamento di zelante sostegno all’autorità pontificia all’interno degli Stati. Accusa di simonia la pratica delle doti monastiche e altre forme di esazione all’ingresso in religione60, esazioni introdotte dalla prassi ma smentite dalle fonti ecclesiali più antiche61.

  • 62 Carena, Della povertà, op. cit., Parte seconda, 2 §, c. 57r.-58r. Invero per la curia romana e gli (...)
  • 63 Carena, Della povertà, op. cit., Parte seconda, 2 §, c. 59v. Cf. Van espen, Dissertatio canonica op (...)

32Si tratta di atteggiamenti culturali in buona parte presenti nell’opera di Carena, dove lo spirito e l’impostazione tecnica di Berardi si fanno sentire. Carena in certi atteggiamenti di critica sembra superare il maestro nella forza polemica. Il giovane studioso, oltre che con le doti monastiche e le tasse di monacazione62, considerati modi illeciti di acquistare beni da parte dei religiosi, se la prende anche con diversi abusi, comprese «le vanità mondane degli abbigliamenti delle donzelle, quando vengono ammesse al noviziato, il permettere, che si facciano pasti, ed altre gozzoviglie nell’ingresso al noviziato, ed alla professione »63.

33Berardi deve avere seguito da vicino la redazione del saggio del suo giovane discepolo soprattutto nella rigorosa e difficile selezione delle fonti canonistiche coerenti col metodo dei canonisti torinesi e con l’argomento della povertà religiosa, inteso secondo la sensibilità dello stesso Berardi. Il giovane allievo di suo ci ha messo l’entusiasmo del ricercatore, le suggestioni del giansenismo, assieme a un antigesuitismo molto vivace.

  • 64 Sul voto di povertà cf. Sacrosanctum Concilium Tridentinum, op. cit., sessio XXV, de reformatione, (...)
  • 65 Si vedano le tradizionali fonti del canone 582 del Codex iuris canonici piano-benedettino: c. II, C (...)

34Per dare un’idea corretta dell’atteggiamento di Carena, va detto che egli sul voto di povertà dei regolari considera le disposizioni dei decreti conciliari, compresi i tridentini64, obbliganti di per sé, senza considerare che nel diritto canonico tradizionale, per antica dottrina, anche in forza dei principi generali del diritto canonico, il voto di povertà doveva essere realizzato in modo sempre compatibile colla dignità umana e col diritto naturale65. Inoltre, per applicare in senso canonicamente corretto il decreto tridentino sulla povertà religiosa esistevano tante fonti normative successive: le risoluzioni e decisioni della congregazione del concilio; della congregazione dei vescovi e regolari, della Rota romana, oltre, s’intende, le costituzioni dei sommi pontefici.

  • 66 Carena, Della povertà religiosa, op. cit., Parte prima, § 5, c. 44r.-44v.
  • 67 Ad esempio, a proposito dei minori osservanti Carena afferma, adottando l’identico tono di insoffer (...)

35Carena non considera simili fonti. Tra l’altro è notevole che si esprima in modo sprezzante sulla potestà pontificia di mutare o mitigare gli effetti del voto di povertà dei religiosi, di concedere le dispense, di accordare le commutazioni di certe forme di esso, degli altri possibili interventi in materia della suprema Sede apostolica66. Infatti, Carena, sull’applicazione del voto di povertà religiosa, pretende il rispetto integrale dell’impostazione che di esso hanno dato i padri della Chiesa, citati senza risparmio, ed esige il rispetto di tutte le regole stabilite dai vari fondatori di ordini e congregazioni, senza accomodamenti di sorta67. Ed anche queste posizioni intransigenti vanno inquadrate alla luce della dottrina di Berardi secondo la quale i provvedimenti pontifici che si sono evocati sono dei «privilegi» contrari alle leggi fondamentali della Chiesa, allo spirito dei soliti santi padri.

  • 68 Cf. l’ultima e nuova edizione del volume di Manlio Bellomo, L’Europa del diritto comune.
    La memoria (...)
  • 69 Leggi e Costituzioni di Sua Maestà. Loix et Constitutions de Sa Majesté, Torino, Appresso Gio. Batt (...)

36Si tratta di una posizione radicale che non tiene conto nemmeno della dottrina prodotta dai giuristi del diritto comune68, canonisti compresi. È noto che la dottrina contribuiva alla razionalizzazione e alla spiegazione delle tradizionali fonti normative del Corpus iuris civilis e del Corpus iuris canonici, attraverso la communis opinio. Anche qui siamo di fronte a una presa di posizione caratteristica che si collega anche al magistero di Berardi, studioso che non cita mai opinioni dottrinali nelle lezioni o nelle sue opere. Ma è atteggiamento che si connette anche alla politica legislativa dello Stato sabaudo. Infatti le Regie Costituzioni di re Vittorio Amedeo II del 1729 stabilirono il divieto, per giudici e avvocati, di citare nelle sedi forensi «l’opinione de’ dottori», ovvero la tradizionale communis opinio69. La Facoltà giuridica torinese cercò di adeguare l’insegnamento a questo precetto. Vi si adattò tanto più un canonista come Berardi, saldo nei suoi principi, insensibile alla retorica, e soprattutto alla dottrina altrui, a ciò che non fosse puro diritto ecclesiale come lo intendeva lui.

  • 70 In Italia era consuetudine che, al momento dell’ingresso nell’ordine, i religiosi rinunciassero anc (...)
  • 71 «Il concilio Cabilonense secondo dell’anno 813, condanna a penitenza canonica tutti quelli, che han (...)

37Ancora un’osservazione. Carena svolge le sue argomentazioni non soltanto sul piano strettamente ecclesiale e religioso. Talvolta allarga il suo discorso con intenti fortemente politici e giurisdizionalisti. Ad esempio, considerando che i religiosi al momento della professione solenne, col voto di povertà rinunciano ai loro beni, in genere a favore del proprio ordine70, circostanza che aumenta il patrimonio regolare attraverso tasse di monacazione e vitalizi, Carena richiama l’attenzione sull’eventuale intervento legislativo dei principi europei. Egli si augura de iure condendo che tutti i sovrani applichino finalmente una sorta di «morte civile» del religioso per consentire ai parenti del professo di ereditarne i beni affinché questi non vadano ad arricchire la comunità religiosa, beninteso se essa ha la capacità di possedere71.

  • 72 Massimo d’Azeglio, I miei ricordi, Torino, Einaudi, 1971, cap. 9, p. 93. Si noti la terminologia mi (...)
  • 73 Vincenzo Gioberti, Il gesuita moderno, t. V, Torino, Fontana, 1848, cap. XX, p. 389-406. Cf. ancora (...)

38 Si è già detto perché il saggio di Carena non è stato pubblicato. Tuttavia è circolato tra gli intellettuali e col tempo ha contribuito a produrre qualche effetto. Nei circoli intellettuali torinesi, negli ambienti vicini alla corte, il giurisdizionalismo sabaudo era elemento «d’ufficio», diffuso e dominante, rappresentava un «valore aggiunto» a cui si doveva aderire per risultare graditi e per fare carriera. Opere come Della povertà religiosa di Carena in qualche maniera fiancheggiavano e aiutavano la politica ecclesiastica dello Stato. Si arrivava così al risultato di favorire un certo orientamento, tutto antiromano e anticuriale, circolante in tanti strati della popolazione: nelle caserme, tra i piccoli impiegati, perfino nel basso clero e tra molti prelati laureati in utroque iure o in teologia all’Università di Torino, e ancora nell’opinione pubblica delle élites, dei notabili, dei ceti dirigenti. Tale orientamento viene efficacemente descritto nel periodo della Restaurazione da Massimo d’Azeglio, protagonista indiscusso della politica subalpina: «In Casa Savoia era tradizionale il rispetto al papa, quanto la fermezza nel tenere in riga la Corte romana72.» E se si legge Il gesuita moderno di Vincenzo Gioberti, l’opera che rappresenta la massima espressione dell’antigesuitismo sia nel liberalismo subalpino sia nel Risorgimento italiano, ci si rende conto che sulla povertà dei religiosi si trovano espressioni che non sempre risultano i soliti luoghi comuni sul tema ma che sembrano echeggiare il testo del nostro giovane avvocato73.

  • 74 Nel Regno di Sardegna si pensi alle Leggi Siccardi di abolizione del diritto d’asilo, del foro eccl (...)

39Il saggio di Carena rimane una interessante testimonianza del suo tempo, della mentalità sia della Facoltà giuridica torinese, sia dei circoli culturali subalpini. Una mentalità che, riguardo ai religiosi, come è facilmente intuibile, ha prodotto effetti74 non soltanto nella teoria ma anche nella prassi fino al Risorgimento.

Notes

1 Carena nacque da nobile famiglia a Carmagnola il 6 marzo 1740, morì a Torino il 16 ottobre 1769. Sulla biografia, cf. Gaudenzio Claretta, Memorie storiche intorno alla vita e agli studii di Gian Tommaso Terraneo, di Angelo Paolo Carena e di Giuseppe Vernazza con documenti, Torino, Eredi Botta, 1862, p. 131-198; Angela Dillon Bussi, «Carena, Angelo Paolo Francesco», Dizionario biografico degli Italiani, t. XX, Roma, Istituto dell’Enciclopedia italiana, 1977, p. 67-70.

2 Mario Viora, Le Costituzioni piemontesi (Leggi e Costituzioni di S. M. il Re di Sardegna) 1723-1729-1770), Torino, Bocca, 1928; rist. anast. Torino, Società Reale Mutua, 1986.

3 Per tutti cf. Donatella Balani, Toghe di Stato. La Facoltà giuridica dell’Università di Torino e le professioni nel Piemonte del Settecento, Torino, Deputazione Subalpina di storia patria, 1996.

4 La Camera dei conti effettuava il controllo contabile su tutta l’amministrazione sabauda con giurisdizione sulla materia fiscale e patrimoniale, perciò interinava i provvedimenti sovrani in materia economica. Cf. Carlo Dionisotti, Storia della magistratura piemontese, t. I, Torino, Roux e Favale, 1881, p. 84 s., 160 s.

5 Li elenca e li descrive Claretta, Memorie, op. cit., p. 134-198. Di Carena sono edite le seguenti opere: «Observations sur le cours du Po», Mélanges de philosophie et de matématique de la Société Royale, t. II, à Turin, de l’Imprimérie Royale 1762, p. 24-41; Osservazioni sopra l’età di Omero e di Esiodo, in Carlo Denina, Saggio sopra la letteratura italiana, Torino-Lucca, s. n., 1762; «Considerazioni sopra una nuova divisione delle provincie e diocesi», Miscellanea di storia italiana a cura di Emanuele Bollati, t. XVII, 1878, p. 595-670. Cf. Giampaolo Fassino, I confini religiosi del Piemonte napoleonico. La riforma delle diocesi subalpine dall’annessione alla Francia alla Restaurazione (1802-1817), tesi di Dottorato di ricerca, ciclo XXIV, Università di Udine, a. a. 2012-2013, relatori i professori Gian Paolo Gori, Flavio Rurale, p. 46-60.

6 Dizionario storico geografico statistico commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna, t. I-XXVIII, Torino 1833-1856.

7 I due primi secoli della Accademia delle scienze di Torino. Realtà accademica piemontese dal Settecento allo Stato unitario, Torino, Accademia delle scienze, 1985.

8 Luigi Cibrario, Storia della Monarchia di Savoia, t. I, Torino, Fontana, 1840, Prefazione, p. XXI.

9 Nel 1759 Carena era ancora studente dell’Università di Torino. È probabile che allora abbia avviato e compiuto la redazione del trattato, magari poi ripreso successivamente e rifinito dopo la laurea. Lo farebbero supporre alcuni rilievi condotti dall’autore secondo il ragionamento caratteristico dell’attività forense.

10 Claretta, Memorie, op. cit., p. 198, lo definisce introvabile nel 1862. Nella Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino ne esisteva un esemplare, catalogato di autore anonimo, sotto il seguente titolo: Delle ordinazioni a titolo mero di patrimonio. Infatti la trascrizione dell’incipit di tale manoscritto è identica all’incipit del Ragionamento di Carena, dunque verosimilmente si può congetturare che si tratti dello stesso lavoro, intitolato però in modo differente: cf. Bernardini Peyron, Codices italici manu exarati qui in Bibliotheca Taurinensis Athenaei ante diem XXVI ianuarii MCMIV asservabantur, Taurini, Apud Carolum Clausen, 1904, p. 28, Codex XXXII. n. I.32. In questo stesso codice era contenuta una copia del trattato Della povertà religiosa di Carena: Codex XXXII. n. II.32. Il codice, composto dalle due opere citate rilegate insieme, è descritto così: «Chartaceus, saec. XVIII, constat foliis 46, in fol.».

11 Sacrosanctum Concilium Tridentinum, Bassani, Apud J. Antonium Remondinum, 1743, sessio XXI, de reformatione, cap. 2, p. 147-148.

12 Cf. Alberto Lupano, «Alla Chiesa non meno, che alla repubblica vantaggiosi. Tra giurisdizionalismo sabaudo e curialismo romano: il saggio inedito di Angelo Paolo Carena sul clero secolare», Savoie, Bonnes nouvelles. Studi storici nel 600° anniversario del Ducato di Savoia, in corso di stampa.

13 Cf. Peyron, Codices, op. cit., p. 28; ibid., p. 503, Codex DCCXLIII. O.VII. I: il codice è descritto così: «chartaceus, saeculi XVIII, constat foliis scriptis 59 in 4°. Ex bibliotheca Balbo». Si tratta dell’autografo dell’opera di Carena, già del Collegio dei nobili di Torino, della Compagnia di Gesù, poi acquisito dal conte Cesare Balbo, scrittore e politico di primo piano nella Restaurazione e nel Risorgimento; liberale moderato, fu chiamato da Carlo Alberto a presiedere il primo ministero costituzionale del Piemonte dopo la promulgazione dello Statuto.

14 Il Ragionamento, in 8°, è piuttosto breve, si compone di c. 18 numerate. Della povertà religiosa, in 8°, è invece più corposo ed è formato da c. 64 numerate. D’ora in avanti nelle citazioni si farà riferimento a questo esemplare Della povertà religiosa. Ringrazio i proprietari della loro nobile sensibilità intellettuale e della generosa disponibilità nel consentirmi le ricerche e lo studio dei manoscritti. Sento ancora il dovere di elevare un pensiero riconoscente alla pia memoria di Alfons Maria Stickler, insigne canonista e storico del diritto canonico.

15 Cf. Zeger Bernard Van espen, Ius ecclesiasticum universum, Opera [omnia], t. I-VI, Sumptibus Societatis, Lovanii 1732. Su Van Espen cf. Johann Friedrich Von Schulte, Die Geschchte der Quellen und Literatur des Canonischen Rechts von Gratian bis auf die gegenwart, t. III, Stuttgart, Ferdinand Enke, , 1880, p. 705-707; Gustave Leclerc, Zeger-Bernard Van Espen (1646-1728) et l’autorité ecclésiastique, Roma, Libreria Ateneo Salesiano, 1964; «Zeger Bernard Van Espen (1646-1728). 300 years Ius ecclesiasticum universum», Tijdschrift voor rechtsgeschiedenis, 69, 2001. Per le aspirazioni di Van Espen, tra l’altro accusato di giansenismo, ad una riforma ecclesiastica impostata secondo la più autentica tradizione della Chiesa antica cf. Orazio Condorelli, «Esercizio del ministero e vincolo gerarchico nella storia del diritto della Chiesa», L’istituto dell’incardinazione. Natura e prospettive, a cura di Luis Navarro, Milano, Giuffré, 2006.

16 In generale sul giurisdizionalismo nell’Italia d’antico regime cf. l’opera fondamentale di Arturo Carlo Jemolo, Stato e Chiesa negli scrittori politici italiani del Seicento e del Settecento, Torino, Bocca, 1914; Carlo Fantappiè, Riforme ricciane e resistenze sociali, Bologna, Il Mulino, 1986; La prassi del giurisdizionalismo negli Stati italiani. Premesse, ricerche, discussioni, a cura di Daniele Edigati, Lorenzo Tanzini, Ariccia, Aracne, 2015. Per il Piemonte cf. da ultimo Alberto Lupano, Verso il giurisdizionalismo. Il trattato De regimine Ecclesiae di Francesco Antonio Chionio nella cultura canonistica torinese del Settecento, Torino, Deputazione subalpina di storia patria, 2001.

17 Cf. Jemolo, Scrittori, op. cit., p. 202-204.

18 Il trattato si divide in due Parti, precedute da una Prefazione la quale comprende i paragrafi privi di numerazione intitolati: Propagazione della vita monastica; Rilassazione; Scopo e divisione della dissertazione. La Parte prima si suddivide in cinque paragrafi numerati: § 1. Sentimenti dei santi padri intorno ai beni temporali donati alla Chiesa, ed alle comunità religiose; § 2. Vero uso dei beni ecclesiastici; § 3. Magnificenza, ricchezze, ornamenti dei templi; § 4. Cupidigia delle ricchezze; § 5. Effetti dell’abbondanza dei beni temporali nelle comunità religiose. La Parte seconda è divisa in tre paragrafi numerati: § 1. Delle maniere d’acquistare; § 2. Doti, ed altre esazioni. Maniera illecita d’acquistare; § 3. Compre, ed altri contratti, negoziazione eccetera.

19 In generale sulla disciplina canonica della povertà dei religiosi e sul loro eventuale peculio cf. le varie fattispecie esposte in Lucii Ferraris, «Regulares», [Prompta] Bibliotheca canonica […] editio novissima expurgata et novis additamentis locupletata t. VI, Romae, ex Typographia Polyglotta, 1890, art. I, n. 15, 20, 38, 65-66, p. 586-591; «Moniales», [Prompta] Bibliotheca, op. cit., t. V., Romae, ex Typographia Polyglotta, 1889, art. II, n. 19-55, p. 601-604; Pierre Collet, Traité des devoirs de la vie religieuse, t. I-II, Lyon, Chez Jean-Marie Bruyset, 1765, sul voto di povertà in particolare cf. t. I, p. 140 ss.; Jean Gaudemet, Église et Cité. Histoire du droit canonique., Paris, Montechrestien, 1998, p. 101-103, p. 550-555.

20 Cornelii Benincasii, Tractatus de paupertate ac eius privilegiis, Perusiae, ex typis Andreae Brixiani, 1562. Benincasa, detto degli Ansidei, insegnò «ragion civile» e diritto canonico all’Università di Perugia; qui morì nel 1603: cf. Giovanni Battista Vermiglioli, Biografia degli scrittori perugini, t. II, Parte seconda, Perugia, Tipografia di Francesco Baduel, 1829, p. 212. Sull’importanza del trattato cf. ad esempio Christopher F. Black, Italian Confraternities in the Sixteenth Century, Cambridge, Cambridge University Press, 2003, p. 148-149.

21 Collet, Traité des devoirs, op. cit. L’autore fu teologo e prete della Missione (Ternay, 1693- 1770). Cf. «Collet (Pierre)», Nouveau Dictionnaire historique, t. III, Caen, G. Le Roy, Lyon, Bruyset, 1789, p. 13-14.

22 Jacques Thorrentier, Dissertation sur la pauvreté religieuse, Paris, Babuty, 1727; l’autore dichiara fin dall’inizio di volere rimanere nella più leale ortodossia; nell’opera è citato il canonista di curia Prospero Fagnano e alla fine della dissertazione si trova l’esposizione di alcune fattispecie dubbie sull’interpretazione del voto di povertà, seguite dalla «résolution» del caso. Sull’autore cf. «Thorentier (Jacques)», Nouveau Dictionnaire historique, op. cit., t. IX, p. 115.

23 Cf. Van espen, Dissertatio canonica de peculiaritate in religione et simonia circa ingressum religionis, Ius ecclesiasticum universum, Opera [omnia] op. cit., t. IV, Pars quarta, cap. IV.

24 Carena, Della povertà, op. cit., Prefazione, c. 9v.-10r.

25 «Fu sempre massima costante della Chiesa, che i beni a lei donati comuni sono d’essa, e dei poveri, o che i ministri ecclesiastici non debbono ritrarne più del necessario, giusta la dottrina dell’apostolo, e giammai pensare d’essere stati preposti ad amministrare tali beni per convertirne i proventi in loro uso. Ben sapendo essa, che tali beni sono voti di fedeli, la soddisfazione di peccati, ed il patrimonio dei poveri, inculca ai suoi ministri, che arrogandosi più del necessario, e defraudando i poveri della loro parte si caricano dei peccati dei fedeli di cui ricevono le oblazioni, che ogni pastore deve riguardare il vantaggio del gregge a lui commesso altrimenti egli diventa un mercenario, o ladro, ogni governo avendo per mira il vantaggio di coloro, che sono governati, e non il solo di colui, che governa». Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 2, c. 19r.

26 Carena, Della povertà, op. cit., Prefazione, c. 4r.-9r. e passim.

27 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 1, c. 9v.-19r.

28 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 4, c. 27-31v.

29 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 5, c. 34v.-49r. Cf. l’identico pensiero di Van espen, Dissertatio canonica, op. cit., Opera [omnia], op. cit., IV, Pars quarta, Pars I, tit. 37, cap. I, n. 8; tit. 24, cap. 3.

30 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 5, c. 45v.

31 Carena, Della povertà, op. cit., Parte seconda, § 1, c. 49v.

32 Jemolo, Scrittori, op. cit., p. 182-200.

33 Carena, Della povertà, op. cit., Prefazione, c. 4r.; Parte prima, § 5, c. 33v.-34r. È implicita in tale atteggiamento la lotta contro la manomorta, cavallo di battaglia di tanti sovrani giurisdizionalisti.

34 Carena, Della povertà, op. cit., Parte seconda, § 1, c. 50v.

35 Ibid. Cf. Jemolo, Scrittori, op. cit., p. 204.

36 «Il concilio Calcedonese riconosce la potestà del vescovo su tutti i beni della sua diocesi per distribuirli ai poveri, ed anche su quelli dei monasteri, vacante la sede abbaziale precisamente perché sono beni dei poveri, in nome dei quali egli deve custodirli, e ad essi dispensarli. Infatti, che questa sia una legge comune ai beni delle comunità religiose egualmente, che agli altri beni ecclesiastici, lo dimostra la natura stessa dei beni loro donati, che furono sempre considerati della Chiesa, come benefizii. Epperciò obbligate sono le comunità religiose a distribuire anche esse ai poveri quanto eccede il necessario». Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 2, c. 20r.-20v.

37 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 3, c. 24r.-25r. Il riferimento è a sanctus Ambrosius, De officiis ministrorum libri tres, in Patrologiae latinae Cursus Completus, curante J. P. Migne, t. XVI, Parisiis, Apud Editorem, 1850, lib. II, cap. XXVIII, n. 136-138.

38 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 1, c. 24r. É implicito il riferimento a Blaise Pascal: cf. Pensées, Œuvres complètes, éd. Michel Le Guern, Paris, Gallimard, Bibliothèque de la Pléiade t. II, 2000, § 2.

39 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 1, c. 25r.

40 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 2, c. 23r.

41 Blaise Pascal, Provinciales, Œuvres complètes, op. cit., Paris, Gallimard, Bibliothèque de la Pléiade, t. I, 1998.

42 Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 5, c. 47v. 48r.

43 Cf. Adriano Prosperi, Intellettuali e Chiesa all’inizio dell’età moderna, in Storia d’Italia.
Annali, a cura di Corrado Vivanti, Intellettuali e potere, t. 4, Torino, Einaudi, 1981, p. 159-252. Sul pensiero di Sarpi cf. la messa a punto di Sylvio De Franceschi, «Paolo Sarpi e Fulgenzio Micanzio. L’extrémisme catholique antiromain du début du xviie siècle», Antiromanisme doctrinal et romanité ecclésiale dans le catholicisme posttridentin (xvie-xxe siècles), Textes réunis par Sylvio De Franceschi, Chrétiens et Sociétés, Documents et mémoires, 7, Lyon, 2008, p. 45-71.

44 Anzi riserva pesanti giudizi sugli studi dei regolari: «Finalmente quando furono istituiti i mendicanti cadde l’ordine monastico in un grande avvilimento. Non erano più i monaci venerabili come gli antichi loro padri per la frugalità, e per il disinteresse; il che viene purtroppo indicato dalle cronache monastiche, le quali non sono ripiene, che d’acquisti, compre, donazioni e privilegi. La maggior parte d’essi, che avevano preteso di sostituire al lavoro delle mani, fra d’essi molto languivano, o erano dalla cupidigia rivolti allo studio delle leggi, e della medicina; generalmente diminuì la loro potenza, e ricchezze, per la malvagità degli abbati, e degli amministratori». Carena, Della povertà, op. cit., Parte prima, § 4, c. 43v.

45 Jemolo, Scrittori, op. cit., p. 181-210.

46 Cf. Van espen, Dissertatio canonica, op. cit.

47 Cf. i venti tomi della Histoire ecclésiastique, più sedici tomi di aggiunte, Claude Fleury, Histoire ecclésiastique pour servir de continuation à celle de Monsieur l’Abbé Fleury par J. C. Faber et Gouyet, Paris, Emery, Sangrain, Pierre Martin, 1724-1751. Su Fleury si veda il giudizio di Von Schulte, Die Geschichte, op. cit., III, p. 628-629; Bernard Hours, «Claude Fleury et le pouvoir romain: l’Histoire ecclésiastique», Histoires antiromaines Textes réunis par Sylvio De Franceschi, Chrétiens et Sociétés, Documents et mémoires, 15, Lyon, 2011, p. 63-86; id., «Fausse primauté du pape et vraie constitution de l’Église: la première querelle de l’Histoire ecclésiastique (1726-1737)», Histoires antiromaines II, Textes réunis par Franz-Xaver Bischof et Sylvio De Franceschi, Chrétiens et Sociétés, Documents et mémoires, 23, Lyon, 2014, p. 123-156.

48 Cf. i due tomi di Louis Thomassin, Ancienne et nouvelle discipline de l’Église touchant les bénéfices et les bénéficiers, Paris, François Muguet, 1678-1679.

49 Cf. Mémoires pour servir à l’Histoire ecclésiastique des six premiers siècles, t. I-XII, Paris, chez Charles Robustel 1701-1712.

50 Cf. Pietro Stella, Giurisdizionalismo e giansenismo all’Università di Torino nel secolo xviii, Torino, SEI, 1958; id., Il giansenismo in Italia: collezione di documenti, I/I Piemonte, Zürich, Pas Verlag, 1966; op. cit., I/II Piemonte, Zürich, Pas Verlag, 1970; op. cit., I/III Piemonte, Zürich, Pas Verlag, 1974.

51 A Torino, Francesco Antonio Chionio, docente di Decretali predecessore di Berardi, citava sovente nelle lezioni sia Van Espen sia Fleury: cf. Lupano, Verso il giurisdizionalismo, op. cit., p. 231.

52 Vittorio Alfieri, Vita scritta da esso, Opere, a cura di Francesco Maggini, t. II, Milano, Rizzoli, 1940, Epoca seconda, cap. VII.

53 Su Berardi cf. il giudizio assai positivo di Von Schulte, Die Geschchte, op. cit., III, p. 524; Louis carret, «Berardi, Charles Sebastien», Dictionnaire de droit canonique, t. II, Paris, Letouzey et Ané, 1937, col. 776; Alphons Maria Stickler, Historia iuris canonici latini. Institutiones academicae. I. Historia fontium, Augustae Taurinorum, Apud Librariam Pontificii Athenaei Salesiani, 1950, p. 213; Francesco Margiotta Broglio, «Berardi, Carlo Sebastiano», Dizionario biografico degli Italiani, t. VII, Roma, Istituto dell’Enciclopedia italiana, 1979, p. 750-755; da ultimo cf. Alberto Lupano, «Berardi, Carlo Sebastiano», Dizionario biografico dei giuristi italiani (xii-xx secolo), diretto da Italo Birocchi, Ennio Cortese, Antonello Mattone, Marco Nicola Miletti, t. I, Bologna, Il Mulino, 2013, p. 223-225.

54 Cf. Alberto Lupano, «Baudisson, Innocenzo Maurizio», Dizionario biografico dei giuristi italiani, op. cit., t. I, p. 198-199.

55 Innocentii Mauritii Baudisson, [lettera dedicatoria al principe di Piemonte Vittorio Amedeo di Savoia], in Caroli Sebastiani Berardi, Iuris ecclesiastici Institutiones, t. I, Augustae Taurinorum, s. n., 1769, p. VI.

56 Cf. Lupano, «Berardi», op. cit., t. I, p. 223-225.

57 Caroli Sebastiani Berardi, Gratiani canones genuini ab apocryphis discreti […], t. I-IV, Augustae Taurinorum, ex Typographia regia, 1752-1757.

58 T. I-IV, Taurini, ex Typographia regia, 766-1767.

59 Alphons Van Hove, Prolegomena ad Codicem iuris canonici, Mechliniae-Romae, H. Dessain, 1945, p. 549. Si veda altresì Carret, Berardi, op. cit., col. 776, che, con la caratteristica prudenza precedente il Concilio Vaticano II, definisce Berardi «esprit profond et hardi, très critique […] doit être consulté avec précaution».

60 Cf. il pensiero assai simile di Van espen, Dissertatio canonica, op. cit., Opera [omnia], op. cit., IV, Pars quarta, Pars I, cap. IV.

61 Tutte queste dottrine di Berardi sono esposte nell’opera Idea del governo ecclesiastico, pubblicata soltanto nel 1963: Idea del governo ecclesiastico, a cura di Arnaldo Bertola e Luigi Firpo, Torino, Giappichelli, 1963.

62 Carena, Della povertà, op. cit., Parte seconda, 2 §, c. 57r.-58r. Invero per la curia romana e gli autori curialisti la questione sulla loro liceità si considerava risolta dopo due pronunce della congregazione del Concilio, del 18 settembre 1683 e 14 aprile 1725, in cui simili esazioni erano dichiarate immuni da simonia. Cf. Jemolo, op. cit., p. 205, che ricorda pure la posizione favorevole a doti e tasse di monacazione di Prospero Lambertini: in proposito cf. De Synodo dioecesana, Benedicti XIV Opera [omnia], t. XI, Prati, in Typographia Aldina, 1844, lib. XI, cap. VI, n. I-VII, p. 409-412.

63 Carena, Della povertà, op. cit., Parte seconda, 2 §, c. 59v. Cf. Van espen, Dissertatio canonica op. cit., l. cit. Anche Prospero Lambertini, sebbene con maggiore cautela, non approva i festeggiamenti eccessivi «quae cum magno familiarum impendio alicubi fieri solent in monalium ingressu et professione» in quanto «omne profanum luxum dedecere spirituales nuptias». De Synodo dioecesana, op. cit., lib. XI, cap. VI, n. VII, p. 412.

64 Sul voto di povertà cf. Sacrosanctum Concilium Tridentinum, op. cit., sessio XXV, de reformatione, decretum de regolaribus et monialibus, cap. II-III, p. 237-238.

65 Si vedano le tradizionali fonti del canone 582 del Codex iuris canonici piano-benedettino: c. II, C. XII, q. I; c. I, C. XVIII, q. I; c. 6, X, III, 35; Clem. V, II. Cf. Franz Xaver Wernz, Ius Decretalium, t. II, Romae, ex Typographia Polyglotta, 1899, col. 752; cf. anche Servus Goyeneche, «De votis simplicibus in fontibus et doctrina in ordine ad statum religiosum», Acta Congressus iuridici internationalis, t. IV, Romae, s. n., 1937, p. 303.

66 Carena, Della povertà religiosa, op. cit., Parte prima, § 5, c. 44r.-44v.

67 Ad esempio, a proposito dei minori osservanti Carena afferma, adottando l’identico tono di insofferenza usato in simili commenti da Berardi: «San Francesco ordinò il lavoro ai suoi discepoli loro non permettendo di mendicare, che in estrema necessità, ma appena quattro anni dopo la sua morte ottennero una bolla di Gregorio IX, che dichiarava non essere obbligati ad osservare il di lui testamento, e spiegava la regola in diversi articoli. E sotto il pretesto di varie altre dichiarazioni, che ottennero in appresso, grandemente si rilassarono.» Ibid. Carena qui richiama la bolla Quo elongati del 1230 e si esprime quasi come un fautore della corrente francescana degli spirituali che, è ben noto, volevano la più stretta applicazione della povertà.

68 Cf. l’ultima e nuova edizione del volume di Manlio Bellomo, L’Europa del diritto comune.
La memoria e la storia, Leonforte, Euno Edizioni, 2016; Paolo Grossi, L’ordine giuridico medievale, Roma, Bari, Laterza, 2014, 7 ed.; Antonio Padoa Schioppa, Storia del diritto in Europa. Dal medioevo all’età contemporanea, Bologna, Il Mulino, 2008.

69 Leggi e Costituzioni di Sua Maestà. Loix et Constitutions de Sa Majesté, Torino, Appresso Gio. Battista Chais, 1729, lib. III, tit. XXII, n. 9, p. 382. Cf. Viora, Le Costituzioni, op. cit., p. 216-225; Adriano Cavanna, Storia del diritto moderno in Europa. I. Le fonti e il pensiero giuridico, Milano, Giuffré, 1982, p. 152-166; p. 238-249.

70 In Italia era consuetudine che, al momento dell’ingresso nell’ordine, i religiosi rinunciassero anche ai beni provenienti da successioni future: cfr. una messa a punto della questione in Philippe-Antoine Merlin, Rinunzia ad una successione futura, in Dizionario universale ossia repertorio ragionato di giurisprudenza, versione italiana, t. XIII, Venezia, presso Giuseppe Antonelli, 1842, § VI, p. 531-547.

71 «Il concilio Cabilonense secondo dell’anno 813, condanna a penitenza canonica tutti quelli, che hanno convenuto, ed indotto alcuno ad entrare in religione per averne le sostanze e gli obbligano a restituirle agli eredi. Ora per togliere ogni strada a questo abuso e perché contro ogni equità vengono soventi da una comunità ricca esclusi parenti poveri dall’eredità del professo, o dall’eredità in cui succede la comunità per via della persona religiosa, sarebbe ottima cosa, il considerare come morto colui, che entra in religione, e permettere ai parenti il succedere; cioè il ristabilire il diritto, che s’osservava prima di Giustiniano. Molte importanti ragioni possono muovere a ristabilirlo. Quando Giustiniano promulgò la sua legge, osservavano i monaci una grandissima moderazione, ed erano piuttosto degni d’essere sollevati nella povertà estrema, che professavano; ciò, che loro era superfluo il distribuivano ai poveri. Di più io osservo, che san Gregorio Magno aveva per massima di proibire s’accettassero dalla Chiesa quei legati, che permetteva il diritto civile ai testatori di fare cose altrui, con obbligo all’erede di comperarle, e di darle al legatario. Egli non voleva nemmeno, che dalla Chiesa s’accettasse ciò, che un testatore spontaneamente avesse lasciato per la sua sepoltura, se ciò avesse tolto qualche cosa del necessario alla di lui famiglia. Soventi le comunità monastiche si spoliarono volontariamente del loro diritto di succedere per li abusi, che ne succedevano; e questa successione ab intestato sembra ancora più conveniente, che la rinuncia la quale è ancora soggetta a collazioni, e induzioni. Fra molte nazioni, o per consuetudine, o per legge espressa sono le comunità religiose incapaci di succedere per via del religioso, o di ricevere da esso le facoltà. Nella Francia prima per consuetudine universale, e poi da regi editti vennero esclusi. Una tal consuetudine è stata ricevuta nelle Fiandre.» Carena, Della povertà, op. cit., Parte seconda, § 1, c. 56v.-57v.

72 Massimo d’Azeglio, I miei ricordi, Torino, Einaudi, 1971, cap. 9, p. 93. Si noti la terminologia militaresca «tenere in riga», come se la curia romana non fosse nient’altro che una fila di soldati da mantenere al proprio posto. «Corte di Roma» era locuzione usuale in Piemonte ed altrove, veniva però adottata con intenzione non troppo rispettosa: equivaleva a definire la Sede apostolica come un apparato di corte alla stregua di tutti gli altri. Infine va precisato che l’espressione «Casa Savoia» nel contesto e nell’accezione corrente stava a identificare non soltanto la dinastia regnante ma pure il governo e lo Stato sabaudo.

73 Vincenzo Gioberti, Il gesuita moderno, t. V, Torino, Fontana, 1848, cap. XX, p. 389-406. Cf. ancora t. III, cap. VIII, n. 1, p. 122-128; ibid., n. 7, p. 167-185.

74 Nel Regno di Sardegna si pensi alle Leggi Siccardi di abolizione del diritto d’asilo, del foro ecclesiastico, e di limitazione degli acquisti degli enti ecclesiastici (legge 9 aprile 1850 n. 1013; legge 5 giugno 1850 n. 1037); alla Legge Rattazzi del 1855 di soppressione di ordini e congregazioni religiose non socialmente utili e di incameramento dei beni dei regolari per lo sgravio dell’enorme debito pubblico causato dalle guerre all’Austria (legge 29 maggio 1855 n. 878); alle altre Leggi Rattazzi del 1866-1867 sull’Asse ecclesiastico, con soppressione di tutte le corporazioni religiose nel Regno d’Italia (legge 7 luglio 1866 n. 3036; legge 15 agosto 1867 n. 3848). Si tratta di una vasta opera legislativa anticlericale realizzata invocando il laicismo liberale e la tradizione giurisdizionalista, affermando il diritto dello Stato di disciplinare la materia ecclesiastica, anche la più delicata, in via unilaterale e autoritativa.

Auteur

Université de Turin

© LARHRA, 2017

Licence OpenEdition Books

Acheter

Volume papier

decitre.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search