Version classiqueVersion mobile

Histoires antiromaines II

 | 
Franz Xaver Bischof
, 
Sylvio De Franceschi

Una Spagna pontificia

La Historia pontifical y católica e lapolitica culturale della Monarchia spagnolanell’età della Controriformai

Paolo Broggio

Texte intégral

  • i Ringrazio per l’attenta e generosa lettura critica di questo articolo Maria Antonietta Visceglia e (...)
  • 1 Wolfgang Reinhard, Papal Power and Family Strategy in the Sixteenth and Seventeenth Centuries, in P (...)
  • 2 Maria Antonietta Visceglia, Roma e la Monarchia Cattolica nell’età dell’egemonia spagnola in Italia (...)

1La recente storiografia sulla Curia romana e sui rapporti ispano-pontifici ha rivolto una particolare attenzione agli aspetti legati alle dinamiche di corte, alla formazione di fazioni curiali e nobiliari caratterizzate da meccanismi di aggregazione e di disaggregazione trasversali e non lineari, alle alleanze matrimoniali in ambito nobiliare, profondamente dipendenti, queste ultime, dalle politiche di alienazione feudale nel Mezzogiorno spagnolo. L’introduzione della categoria della “micropolitica”, metodologicamente messa a punto da Wolfgang Reinhard in un saggio di una ventina di anni fa, ha così segnato in maniera indelebile gli studi storia politica dedicati alla Curia romana e alla politica internazionale del Papato1. È stata Maria Antonietta Visceglia, ancora più recentemente, a mettere però in guardia da un uso eccessivo di tale categoria, il cui rischio insito è quello di appiattire tutte le dinamiche politiche sul funzionamento delle reti di relazioni personali, ai legami clientelari e alle lotte fazionarie, ricordando quanto sia altrettanto necessario «vedere come questi condizionamenti “micropolitici” si intrecciarono a scelte istituzionali e di politica ecclesiale in cui a prevalere fu l’esigenza di rafforzare l’universalismo della chiesa romana »2.

  • 3 Cf. The Languages of Political Society. Western Europe, 14th-17th Centuries, edd. Andrea Gamberini, (...)
  • 4 Maria Antonietta Visceglia, Riti di corte e simboli della regalità. I regni d’Europa e del Mediterr (...)
  • 5 Cf. G. Palumbo, Le porte della storia. L’età moderna attraverso antiporte e frontespizi figurati, R (...)
  • 6 Cf. Franco Motta, Bellarmino. Una teologia politica della Controriforma, Brescia, Morcelliana, 2004 (...)
  • 7 Cf. Fernando Negredo del Cerro, Teoría política y discurso eclesiástico. Una visión desde la pastor (...)
  • 8 Fernando R. de la Flor, «Las esferas del poder: emblemática y nueva ética cortesana entre 1599 y 16 (...)
  • 9 Con riferimento al Papato e alla prospettiva mondiale della sua politica, almeno a partire dal pont (...)

2Le scelte di politica culturale adottate dalle monarchie europee in età confessionale rappresentano un ulteriore tassello da prendere in seria considerazione nell’analisi dei fenomeni politici nella misura in cui esse risultano in vario modo dipendenti dalla costruzione di ideologie del potere che producono a loro volta una serie di pratiche discorsive, di semantiche e di linguaggi politici la cui importanza è stata viepiù posta in luce dalla storiografia3. In questo confronto tra distinti e concorrenti universalismi il Papato e la Monarchia cattolica hanno impiegato strategie complesse e molteplici che spaziavano dalla ritualità e dalla cerimonialità pubblica4 ai programmi iconografici5, fino ad arrivare al campo più propriamente intellettuale: pensiero politico, teologia6, predicazione e discorso ecclesiastico7, emblematica8, morale, storiografia9.

  • 10 Juan Luis Castellano, La monarchia spagnola come paradigma di una monarchia confessionale, in «Dime (...)
  • 11 Cf. Paolo Broggio, La teologia e la politica. Controversie dottrinali, Curia romana e Monarchia spa (...)
  • 12 Cf. Alain Tallon, Conscience nationale et sentiment religieux en France au xvie siècle, Paris, PUF, (...)

3Se nel tardo Cinquecento il Papato aveva già pienamente posto le basi, fattuali e ideali, per un vasto e coerente programma politico nel quale Roma si autoconcepiva, e si poneva nei fatti, come centro di negoziazioni diplomatiche internazionali e di irradiazione di una politica religiosa su scala globale che prescindesse il più possibile dai diritti di Patronato, la Monarchia spagnola degli Asburgo non poteva certamente permettersi di rimanere indietro su questo terreno. È vero che, come ha scritto Juan Luis Castellano, «la confessionalizzazione della monarchia comporta inevitabilmente l’alleanza tra Chiesa e Stato», e che in base a tale alleanza il re «si obbliga a venerare Dio, sottostare all’autorità del Pontefice romano e difendere, se necessario con le armi, la Chiesa nel suo insieme »10, ma la devozione della Spagna degli Asburgo al Papato è solo una faccia della medaglia. Come ho cercato di mostrare in altre sedi11, dietro tale ostentata obbedienza si celava un cosciente tentativo della Monarchia di “messa sotto tutela” del Papato romano: all’affermazione di una legittima autonomia della Spagna da Roma in campo religioso si accompagnò, tra la fine del Cinquecento e la prima metà del secolo successivo, persino la rivendicazione di un proprio ruolo guida nel quadro di un cattolicesimo europeo che, segnato dal consolidamento delle moderne monarchie assolute, sembrava andare nella direzione di una federazione di chiese nazionali che poco erano disposte a concedere al centralismo romano, e non unicamente nel campo giurisdizionale12.

  • 13 Cf. in generale Eduard Fueter, Storia della storiografia moderna, 2 vol., Milano, Ricciardi, 1946; (...)

4La storiografia fu un terreno importante nel quale le principali monarchie europee della prima età moderna si cimentarono nello sforzo di costruire una visione coerente del passato che fungesse da supporto alla giustificazione e alla celebrazione del potere costituito. L’avvento dell’Umanesimo e del Rinascimento segnarono una svolta indelebile in tal senso: se nel Medioevo il fine della storia era quello di rendere intellegibile la realtà umana alla luce della Rivelazione e di celebrare il provvidenziale inserimento della Chiesa nella storia umana verso un fine precostituito, l’Umanesimo – con il suo recupero della storiografia classica – pose al centro dell’indagine l’uomo nella sua capacità di muoversi nella storia, un’indagine che avrebbe dovuto necessariamente basarsi sul principio di veridicità e sul metodo critico. Strettamente associata alla retorica, la storia – animata da un intento fortemente etico – divenne il fondamentale sostegno ad un’azione dell’uomo nel mondo volta alla sua trasformazione. Il legame tra storia, etica e politica non può apparire più evidente13.

  • 14 Marco Pellegrini, La storia della Chiesa nella prospettiva degli umanisti (secc. XV-XVI), in Venti (...)
  • 15 Ibid., p. 121.
  • 16 Cf. Massimo Miglio, «Tradizione storiografica e cultura umanistica nel “Liber de vita Christi ac om (...)
  • 17 Sulle vicende cinquecentesche dell’opera di Platina, cf. Stefan Bauer, «“Platina non vitas sed viti (...)

5La cultura ecclesiastica accettò la sfida proveniente dalla storiografia umanistica, inglobando la svolta metodologica ed ermeneutica proposta da un Coluccio Salutati o da un Guarino Veronese e piegandola ai propri scopi. La Chiesa come istituzione venne in tal modo pienamente inserita nella storia umana; come ha scritto Marco Pellegrini, «a seguito di un passo simile, un’eventuale pretesa da parte della Chiesa di essere fuori dalle leggi del tempo e del divenire sarebbe risultata infondata. Dunque è possibile sottrarre alla metafisica anche la storia della Chiesa, dopo avere de-teologizzato la storia del mondo? È possibile inquadrare la Chiesa in una prospettiva non più astorica, trionfale, apodittica, ma storica e quindi drammatica, accidentata, esposta a successi e fallimenti e sottoponibile – ecco il punto saliente – all’esame critico individuale? »14. Conseguenza della svolta fu l’abbandono della compilazione del Liber pontificalis e l’avvio di una stagione dominata dalla biografia pontificia: al centro della narrazione c’erano singoli papi trattati come personaggi storici di cui narrare le gesta. Si tratta di un genere destinato a vita breve, soprattutto perché le biografie non offrivano l’organicità di una vera e propria storia della Chiesa. Il francescano conventuale Sisto IV, in occasione del Giubileo del 1475, incaricò Bartolomeo Sacchi, detto il Platina, di ridare avvio alla stesura del Liber pontificalis e allo stesso autore, futuro Prefetto della Biblioteca Vaticana, fu commissionata la composizione del Liber de vita Christi ac omnium pontificum, il prodotto più maturo dell’Umanesimo curiale, in cui si presentava «il passato della Chiesa come un campo aperto alla revisione di false credenze, leggende, miti e luoghi comuni »15, si ritraevano impietosamente i pontefici come uomini dotati di debolezze e limiti mentre spariva quasi del tutto la dimensione ecclesiologica e teologica della storia dell’istituzione petrina16. Fu proprio questo aspetto a rendere le Vitae del Platina del tutto inservibili all’indomani della rottura protestante, visto il pericoloso uso che di esse poteva esser fatto da parte dei nemici della Chiesa17.

6A partire dalla metà del Cinquecento una nuova stagione della storiografia ecclesiastica prese pertanto avvio: intellettuali ed ecclesiastici come Carlo Sigonio, Onofrio Panvinio, fino ad arrivare a Cesare Baronio e ai suoi monumentali Annales ecclesiastici, posero al centro dell’attenzione, in un’ottica di scontro confessionale acuto e secondo una prospettiva marcatamente apologetica, non più le vite dei papi bensì l’istituzione ecclesiastica e la sua tradizione, affermando l’interdipendenza tra Rivelazione divina e autorità papale, puntando l’attenzione nei confronti dell’ecclesiologia e della teologia della storia, senza rinunciare all’adozione di un metodo filologico ispirato da un principio di ricerca della verità e di onestà intellettuale che molto doveva alla storiografia umanistica.

  • 18 John Bale, Acta Romanorum Pontificum, a dispersione discipulorum Christi, usque ad tempora Pauli qu (...)

7Ma se, nella seconda metà del Cinquecento, una storia dei papi e della Chiesa cattolica arrivava ad essere progettata e pubblicata non a Roma, negli ambienti curiali, e neanche in un paese protestante “nemico”, così come era accaduto nella Germania luterana con i Centuriatori di Magdeburgo o nell’Inghilterra elisabettiana con l’opera di John Bale18, bensì nella cattolicissima Spagna degli Asburgo, quali potevano essere le conseguenze sul piano dei contenuti e delle prospettive di indagine adottate? E quale la reazione da parte delle istituzioni investite del compito di vigilare sull’ortodossia delle opere a stampa pubblicate e circolanti nei paesi cattolici?

  • 19 Cf. Richard L. Kagan, Clío and the Crown: writing history in Habsurg Spain, in Spain, Europe and th (...)
  • 20 Cf. Richard L. Kagan, Clio and the Crown, op. cit., p. 185-186.
  • 21 Baltasar Cuart Monet, «Traducciones, reacciones y correcciones. La peripecia de Paolo Giovio en Esp (...)

8Già agli inizi del suo regno Carlo V aveva accarezzato l’idea di commissionare una storia generale della Monarchia secondo un taglio di “cronaca imperiale” che ben rispondeva ai suoi disegni politici. La scelta ricadde inizialmente su Florián de Ocampo, uno degli allievi dell’umanista Antonio de Nebrija, ma il risultato fu più che deludente, visto che alla fine egli fu in grado di produrre un’opera che giungeva solo fino al III secolo avanti Cristo19. Filippo II nominò a sua volta dei cronisti regi: Juan Páez de Castro, Ambrosio de Morales, Esteban de Garibay, Antonio de Herrera y Tordesillas (nominato Cronista mayor de las Indias e di Castiglia nel 1596), che si andavano ad aggiungere a Juan Ginés de Sepúlveda († 1573), nominato dal padre nel 1536 ; Filippo III si affidò all’opera del benedettino Prudencio de Sandoval e a quella di Pedro de Valencia, nominato cronista generale con l’appoggio del Valido, il Duca di Lerma; ma fu proprio nel corso del regno di Filippo III (nel 1601 venne data alle stampe l’edizione in castigliano) che la Historia general de España di Juan de Mariana assurse a riferimento incontestato della storiografia spagnola, e lo sarebbe rimasto almeno fino a tutto il XVIII secolo. Nello stesso 1601 fu pubblicata la prima parte della Historia general del mundo di Antonio de Herrera, prodotto della combattiva e pragmatica concezione della storia che gli era propria: la storia come narrazione semplice e priva di orpelli retorici dei fatti storici che si ponesse innanzitutto come guida dell’azione di un principe; una ricostruzione tutt’altro che neutra che avrebbe dovuto contenere analisi e giudizi precisi da cui chi governa uno stato può trarre utili indicazioni e consigli20. Si tratta di uno sviluppo significativo della produzione storiografica nella Monarchia spagnola che si verificò proprio negli ultimi anni del XVI secolo e nei primi del secolo successivo; ancora alla metà del Cinquecento netta, infatti, era stata in Spagna la percezione che ci fosse un deficit di opere di storia e anche, se non soprattutto, di “storia contemporanea”, motivo per il quale il pubblico colto della penisola dovette fare ricorso ad opere di autori stranieri, come ad esempio Paolo Giovio21.

  • 22 Emilio García Lozano, Gonzalo de Illescas : historiador y cronista de Indias, in Actas del II Congr (...)
  • 23 Cf. ad esempio Carlos Alberto González Sánchez, Los mundos del libro. Medios de difusión de la cult (...)
  • 24 Cf. Ludwig Pfandl, Gonzalo de Illescas und die älteste spanische Papstgeschichte, in Gesammelte Auf (...)

9Fu proprio in questo clima che si concepì e si diede esecuzione ad una storia del Papato, la Historia pontifical y católica, pubblicata per la prima volta a Dueñas nel 1565 dallo storiografo e abate spagnolo Gonzalo de Illescas, e che negli ampliamenti successivi, redatti da altri autori, tutti ecclesiastici, sarebbe arrivata ad intitolarsi Historia pontifical, general y católica, dove ciascuno di questi aggettivi, specie nella loro precisa scansione, assume valenze ben precise, come mi riprometto di mostrare. Vero e proprio best seller della sua epoca (si contano circa 85 edizioni tra il 1565 e il 1652), fonte di ispirazione per una serie nutrita di autori del XVII secolo22 e diffusa in tutte le terre della Monarchia spagnola23, l’opera si presenta a prima vista come una storia dei papi e del papato, ma ad una lettura attenta dei volumi appare in tutta in chiarezza che ci troviamo di fronte a qualcosa di qualitativamente diverso. La prima parte, che contempla il periodo compreso tra Gesù Cristo (e non S. Pietro, scelta gravida di implicazioni ecclesiologiche e politiche) e il pontificato di Benedetto XI († 1304), è composta da cinque libri; fu stampata a Dueñas, nella provincia di Palencia (non lontano da Valladolid) nel 1565, e poi di nuovo a Salamanca nel 1569. Ne è autore, appunto, Gonzalo de Illescas, nato proprio a Dueñas nel 1521. Le notizie sulla sua vita non sono molto abbondanti; le cronache riportano che nel biennio 1550-1552 Illescas viaggiò tra Venezia, Roma e – forse – la Francia al seguito del suo protettore, Don Alonso de Aragón, figlio dell’omonimo Alonso, figlio illegittimo di Ferdinando il Cattolico che era stato arcivescovo di Saragozza. A partire dal 1553, anno in cui iniziò a scrivere la sua opera, lo troviamo a Dueñas, la sua città natale, nella quale godeva di un beneficio ecclesiastico, che si andava ad aggiungere a quello derivante dal titolo di abate della collegiata di San Frontís di Zamora. Si era formato inizialmente a Dueñas, compagno di studi di Francisco de Estrada, uno dei primi gesuiti spagnoli, e successivamente passò all’Università di Salamanca, dove sembra abbia conseguito il dottorato in teologia24.

  • 25 Cf. Massimo Firpo, « Politica imperiale e vita religiosa in Italia nell’età di Carlo V », in Id., « (...)

10Nel prologo al lettore Illescas illustra con estrema chiarezza la natura, la portata e le finalità della sua opera. Il clima politico e culturale è necessariamente quello della svolta della politica religiosa filippina25, contrassegnata da una costante preoccupazione nei confronti dell’eresia e, in maniera specifica, della minaccia luterana, materializzazione nel tempo presente della sempiterna piaga dell’eterodossia e monito delle sue disastrose conseguenze per la sopravvivenza dell’unica vera Chiesa:

  • 26 Historia pontifical y Cathólica, en la qual se contienen las vidas y hechos notables de todos los S (...)

para que se entienda el estado universal, que hasta oy en diversos tiempos ha tenido la Religion Christiana, pondré por extenso todas las persecuciones y trabajos que los Sanctos Padres de la primitiva Iglesia padecieron: no mas de por hazer entender al mundo qual era el verdadero camino del cielo, y por dar luz a los hombres, y sacarlos de la ceguedad, y error con que adoravan al Demonio, ofreciendo profanos y abominables sacrificios a los Dioses falsos, y hechos de piedra. Escriviré también muy en particular, todos los peli gros, y tribulaciones, en que se ha visto nuestra sancta ley: las heregias, y falsas opiniones que en ella los ministros del Demonio sembraron, como zizaña, entre la buena simiente de la palabra de Dios. Y luego veremos la forma y remedio que en la Sancta Iglesia Cathólica se ha tenido, para extirpar los errores, y la falsa doctrina: hasta sacarnos en limpio todos lo que somos obligados a creer, y obrar. Como quiera que para conseguir la salud eterna, son menester fe, y obras, y lo uno sin lo otro no basta, ni nos puede dar perfecta vida26.

11L’opera si indirizza al « christiano español », per fare in modo che per la prima volta – a detta dell’autore – abbia modo di conoscere la storia dei progressi della religione cattolica in tutto il mondo conosciuto, nonché «las vidas, y hechos notables de todos los Summos Pontífices y Papas de Roma», i quali, senza tema di smentita, «son la cabeça, principal miembro deste cuerpo mýstico de la Iglesia militante nuestra madre». Un’opera assolutamente necessaria, ci ricorda Illescas, in quanto

  • 27 Ibid., miei corsivi.

en ningún lugar se hallará ansí junto (si no me engaño) ni en Romance, ni en Latín, ni en otra lengua vulgar. Porque puesto que Platina, y otros algunos authores Latinos, tomaron principal cuydado de escrivir las vidas de los Pontífices, aquellos no juntaron con las vidas la Historia Cathólica del estado de la Religión Christiana; y por el contrario, los que escrivieron Historia Ecclesiástica, como son Eusebio, Socrates, Sozomeno, Theodorito, y otros algunos, no llegaron con ella de quinientos años adelante; ni hazen relación muy particular de lo que toca a los Pontífices. De manera, que (si bien se mira) esta será obra nueva; y por consiguiente no dexará de dar algun buen gusto, a los que dessean saber cosas importantes, para satisfazer a la natural inclinación, que (como dixe) todos tenemos de saber lo que nuestros passados hizieron. [...] verá aquí el Christiano lector, pintada su ley, dentro de los fundamentos, y conoscerá fácilmente, quan ciegos van y quan desatinados los desventurados hereges de nuestros tiempos, en querer negar tan desvergonzadamente la obediencia y superiodidad al Romano Pontífice, a quien tantos y tan poderosos Príncipes se subgetaron27.

12La prospettiva politica sottesa alla Historia pontifical y católica e la sua collocazione storiografica non potevano essere meglio esplicitate dall’autore. È il mondo protestante e la sua propaganda religiosa e culturale a stare al centro dell’attenzione di Illescas. L’eresia luterana e il conseguente scisma rendevano necessaria una riconsiderazione globale della storia della Chiesa che rispondesse adeguatamente alle ricostruzioni di parte protestante; per fare ciò l’abate di Dueñas sceglieva una metodologia di indagine mediana tra la rievocazione delle gesta dei pontefici, secondo lo stile che si era imposto nella Curia romana attorno alla metà del XV secolo, e le storie ecclesiastiche del tardo-antico, che non dicevano quasi nulla dei papi ed erano altresì inservibili per chi voleva conoscere la successiva storia della Chiesa.

  • 28 Ecclesiastica Historia, integram Ecclesiae Christi ideam, quantum ad Locum, Propagationem, Persecut (...)
  • 29 Cf. Mario Turchetti, Concordia o tolleranza? François Bauduin (1520-1573) e i “Moyenneurs”, Milano, (...)

13Sulla base della semplice constatazione delle date di pubblicazione l’opera di Illescas potrebbe essere considerata una precoce risposta di parte cattolica ai primi volumi delle Centurie di Magdeburgo, dati alle stampe a Basilea nel 155928. Ma, come dicevamo poc’anzi, sembra che l’abate di Dueñas fosse già al lavoro per confezionare il primo volume della Historia nel 1553 ; l’anno successivo Mattia Flacio Illirico si sarebbe indirizzato ad una serie di amici e studiosi di tutta Europa (tra cui i francesi Charles Du Moulin e François Bauduin29) per ottenere informazioni su testi e documenti utili per la preparazione di una rivoluzionaria storia della Chiesa, dalle origini all’età contemporanea. Si tratta, in effetti, di una significativa coincidenza temporale che non ci permette però di ipotizzare un rapporto di interdipendenza tra le due iniziative editoriali. In ogni caso l’opera di Illescas – pressoché ignorata dalla storiografia ecclesiastica otto-novecentesca e anche dalla storia della storiografia spagnola più aggiornata – possiede la particolarità di essere una risposta “non romana” alla sfida lanciata dai protestanti sul terreno storiografico e anche – aspetto ancora più interessante – di prescindere quasi del tutto dagli stili adottati dalle precedenti storie ecclesiastiche e dei papi concepite in ambiente curiale. Vediamo perché.

14La prima parte della Historia pontifical y católica è suddivisa in sei libri, ognuno corrispondente a ciò che Illescas chiama le sei “età” della religione cristiana: la prima infanzia, l’infanzia, l’adolescenza, la maturità ( «virilidad»), la vecchiaia e la vecchiaia estrema (la «edad decrépita»). La prima infanzia della Chiesa, periodo compreso tra la fondazione cristica e il pontificato di Silvestro I († 335), è caratterizzata dall’innocenza e dalla semplicità, propria dei neonati nella culla, ma anche dalla clandestinità provocata dalle persecuzioni; nel periodo dell’infanzia, da Silvestro I a papa Felice III († 492), i pontefici acquisirono autorevolezza, potere e beni temporali, elementi che permisero alla Chiesa di uscire allo scoperto, di predicare in pubblico e di gettare le basi del proprio sviluppo futuro. Come accade agli esseri umani nel corso dell’adolescenza, la Chiesa in questo periodo divenne pian piano più forte, soprattutto nella sfera temporale, facendosi in tal modo conoscere a tutte le genti dell’emisfero. La costituzione del Patrimonium Sancti Petri come premessa alla formazione dello Stato ecclesiastico sembra assumere, per Illescas, una connotazione positiva per gli interessi della Chiesa di Roma: «Los Príncipes temporales començaron a temer el Papa, y él (con justa razón) se osó poner con ellos en competencia, sobre la exempción y libertad Ecclesiástica». Tale fase durò fino al pontificato di Gregorio Magno († 604), momento a partire dal quale la Chiesa entrò pienamente nell’età adulta, caratterizzata da una piena preminenza sul piano temporale, visto che gli imperatori «no usavan del Señorío y Sceptro sin el consentimiento y confirmación de la Sede Apostólica». Tutto ciò fino al pontificato di Silvestro II († 1003), quando prese avvio un periodo in cui, se il potere temporale dei papi continuò a crescere, la carità dei cristiani e il fervore della devozione iniziarono a intiepidirsi, e «al Pontífice Romano se le osaron desmandar y atrever muchos de los Príncipes del siglo, y aun asta los mesmos ciudadanos de Roma». È l’eccesso di potere temporale dei pontefici (la «demasiada potencia en lo temporal») la causa non solo della crisi morale e spirituale dei cristiani ma anche, secondo Illescas, dei fallimenti della Chiesa negli affari mondani. La sesta e ultima fase è inaugurata dal pontificato di Clemente V (1305-1314), il papa dello spostamento della Santa Sede in Francia; in questo periodo, annuncia l’autore,

  • 30 Historia pontifical y Cathólica, op. cit., prólogo.

veremos muchas y muy perniciosas heregías y scismas que se han sembrado en ella, por industria del Demonio y de sus ministros, y duran hasta oy. Lo qual ansí junto, es indicio manifiesto, de que no tenemos muy lexos el último día del juýzio, y que el mundo se quiere acabar. Y que (como dize S. Pablo) nosotros somos aquellos, en quien han venido los fines de los siglos. De manera que con razón se puede llamar esta la Edad Decrépita y postrera de la Iglesia militante, pues (según nuestra fe) ella, y este mundo, se han de venir a fenecer, y acabar juntos, para passar desta Iglesia, a la triumphante, y celestial Hierusalém, y a la santa congregación de los hijos de Dios30.

  • 31 Con riferimento alle opere seicentesche di Agostino Mascardi, Pietro Sforza Pallavicini e Virgilio (...)
  • 32 Massimo Firpo, «Il sacco di Roma del 1527 tra profezia, propaganda politica e riforma religiosa», i (...)
  • 33 Sulla propaganda religiosa nel Cinquecento, cf. Delio Cantimori, Aspetti della propaganda religiosa (...)
  • 34 Emilio García Lozano, Gonzalo de Illescas, op. cit., p. 457.

15Una prospettiva robustamente profetica e, ancor di più, millenaristica è alla base della composizione di quest’opera. Non vi si celebrano i fasti di una Chiesa lanciata, grazie alla Monarchia spagnola, verso i trionfi della propagazione della fede, come accade in altre ricostruzioni storiche della Controriforma matura e come sarà per gli autori successivi della stessa Historia pontifical31. Vi si descrive piuttosto la parabola discendente di una Chiesa assillata dalla crisi spirituale del tardo Medioevo e sconvolta dall’evento cataclismatico dello scisma cinquecentesco, chiaro segno di una fine dei tempi imminente. Da questo punto di vista non mi sembra fuori luogo ravvisare, nella tessitura della Historia di Illescas, anche se solo sullo sfondo e secondo una modulazione violentemente antiluterana e meno marcatamente anti-romana, echi di un profetismo di marca prettamente iberica che aveva segnato la stagione del regno di Carlo V e che ebbe come evento centrale il Sacco di Roma del 1527, matrice di un atteggiamento che così bene si riflette nelle pagine del Diálogo de las cosas ocurridas en Roma di Alfonso de Valdés32. Se l’intento apologetico del papato romano è indubitabile, dalla ricostruzione delle prime eresie fino al colpo di grazia della rottura luterana, passando per i burrascosi rapporti con gli imperatori, è pur vero che nell’opera di Illescas lo shock dello scisma presente sembra abbattersi su un corpo ecclesiale già profondamente debilitato. L’eresiarca Lutero non viene visto come un inviato di Dio con il compito di punire Roma per le sue malefatte (e non poteva essere altrimenti a queste alture dello sviluppo della politica spagnola sotto Filippo II), ma di certo la prospettiva che si dischiude dinanzi al lettore è quella di una Chiesa nel pieno del proprio potere ma non certo della propria vitalità virile, che viene colpita a morte da un cancro causato in buona misura da una crisi spirituale e delle pratiche religiose che si era impossessata dei popoli cristiani già prima delle gesta dell’agostiniano tedesco33. Nelle dense pagine della Historia il sottinteso risulta oltremodo chiaro: la Chiesa abbisogna di una riforma, e non è infatti un caso che, in un saggio non recente, a Illescas vengano attribuite non meglio precisate “tendenze erasmiane”, quanto meno negli anni della gioventù34.

  • 35 Segunda parte de la Historia pontifical y católica en la qual se prosegue las vidas y hechos de Cle (...)

16Tale fil rouge ideale tiene perfettamente uniti insieme i primi cinque libri della Historia, che danno corpo alla prima parte, al sesto, contenente i pontificati romani da Clemente V fino a Pio V Ghislieri, nel cui prologo Illescas riafferma la validità della sua scelta di paragonare il periodo da lui descritto alla vecchiaia della Chiesa; un periodo in cui il potere aumenta ma, insieme al potere, aumentano anche le «enfermedades» e gli episodi di disobbedienza al capo della Chiesa stessa, esattamente come accade agli uomini anziani. Dopo il grande scisma d’Occidente, che si concluse solo con il Concilio di Costanza, si aprì una fase in cui «la codicia y ambición» entrarono definitivamente «hasta lo íntimo de los coraçones de los Christianos, por averse en ellos enfriado mucho aquel antiguo hervor que solían tener »35. La stessa vicenda di Cola di Rienzo (1313-1354) viene presentata così come Illescas ritiene sia stata percepita dagli osservatori dell’epoca, ovvero un segno della Provvidenza divina. Una volta restaurato il comune e preso il potere, il tribuno romano « començó a exercitar su officio, con tanta prudencia y justicia, quanto humanamente se podía dessear : deshaziendo agravios, castigando los delitos públicos, y assegurando los caminos, ordenando todas las cosas tan a gusto, y contentamiento de todos, que en pocos días ya Roma parecía otra». Dopo anni di feroci lotte tra papi e baroni, in cui a dominare erano state l’arbitrio, la violenza e la sopraffazione, finalmente un’autorità in grado di garantire giustizia e pace sociale prende il sopravvento e pone le basi per un ritorno alla grandezza perduta della città di Roma:

  • 36 Ibid., p. 17. Cf. Debora Vaccari, «Alcuni aspetti della storia di Cola di Rienzo nella dilogia del (...)

Y fue tan extraño el temor, y autoridad que vino a cobrar, que todos le adoraban, y acataban como a cosa caýda del cielo. [...] Engendrose luego en los corazones de todos, una universal persuasión, de que Nicolao Laurencio [Cola di Rienzo] había de reducir el mundo todo a otro nuevo ser, y que debía de venir del cielo para que reformase el mundo en tan corrompidos estragados tiempos36.

  • 37 «Hoc autem scito, quod in no vissimis diebus instabunt tem pora periculosa. Erunt enim homines seip (...)
  • 38 Alfonso de Valdés, Diálogo de las cosas ocurridas en Roma, introducción, edición y notas de José F. (...)
  • 39 Cf. Marcel Bataillon, Érasme et l’Espagne, préface de Jean-Claude Margolin, Genève, Droz, 1998 (pri (...)
  • 40 Felipe de Meneses, Luz del alma cristiana, op. cit., p. 368.
  • 41 Segunda parte de la Historia pontifical y católica, op. cit., prefación.

17Assunta una tale prospettiva di lungo periodo, Lutero non può che apparire al nostro autore come la concretizzazione della profezia contenuta nel terzo capitolo della seconda lettera di S. Paolo a Timoteo37, come Illescas stesso afferma nel prologo al lettore. Ma per sfuggire alla catastrofe una via di fuga esiste, e non si trova affatto a Roma. Bisogna allora ripartire dall’unico angoletto dell’Europa rimasto immune dal contagio ereticale, un « rincón » che però, in quegli anni, si stava provvidenzialmente e mirabilmente estendendo ad ovest grazie alle conquiste oltremare. È estremamente interessante notare come Illescas riprenda alla lettera un tema e un’espressione che avevano avuto vasta fortuna nella pubblicistica spagnola del tempo, dal già citato Diálogo di Alfonso de Valdés, che fa riferimento ad una Cristianità relegata ad un «rinconcillo del mundo »38, fino ad arrivare al catechismo del domenicano Felipe de Meneses, Luz del alma cristiana, dato alle stampe a Valladolid nel 1554 e considerato da Marcel Bataillon, al pari delle Doctrinas di Constantino Ponce de la Fuente e Domingo de Valtanás, come uno degli esempi classici dell’erasmismo spagnolo del XVI secolo39, in cui si tratteggia l’efficace immagine di un cattolicesimo agonizzante che, per salvarsi, avrebbe dovuto rigenerarsi nel «rincón de España» e, in ultima analisi, nelle sue estreme propaggini occidentali. Ecco un altro tema molto caro al profetismo spagnolo del tempo: il trasferimento della Chiesa nel Nuovo Mondo. Meneses paragona la Chiesa alla donna del dodicesimo capitolo dell’Apocalisse, minacciata da un mostro, simboleggiante l’eresia luterana: «Esta mujer, esta Iglesia ya vemos que ha llegado hasta la mar, y aunque no se ha pasado allende hasta agora; pero vemos que Dios en aquel desierto de las Indias […] le edifica casa a gran priesa »40. Illescas gli fa eco in maniera pressoché speculare. Negli ultimi anni, argomenta l’abate, catastrofica è stata la riduzione del numero dei cattolici; si è ridotto a tal punto «que somos tornados (como dizen) a los días en que nacimos», ma non «en la inocencia y simplicidad, sino en que a penas ay oy tantos Christianos bautizados como avía en los primeros años desta santa Iglesia »41. In Asia, che a detta dei cartografi corrisponde alla metà del mondo, sono tutti infedeli ad eccezione degli sparuti avamposti portoghesi, in Africa i cattolici quasi non ci sono, ad eccezione degli etiopi convertiti dal Prete Gianni, e nella vecchia Europa tante, troppe regioni sono andate perdute: Tracia, Grecia, Scizia, gran parte dell’Ungheria, senza contare tutte quelle passate alla Riforma. La Spagna avrebbe fatto la stessa fine «si oy ha veynte y tres años no se descubrieran las conjuraciones diabólicas de Caçalla y Constantino, y sus sequaces»; María de Cazalla e Constantino Ponce de la Fuente, qui individuati come gli eresiarchi spagnoli, furono scovati e processati grazie al santo zelo dei sovrani e dell’Inquisizione, e dunque

  • 42 Ibid., mio corsivo.

de veras podemos ya dezir, que tenemos arrinconada en esta última parte del mundo a nuestra Santa Religión Christiana. Supliquemos a su divina Magestad, no permita que de aquí se nos passe a otra parte, ni que se anegue con las aguas deste terrible diluvio esta nuestra muy Católica Provincia de España: pues ella es oy, la que vive en limpia Fe de nuestro Señor Iesu Christo. De suerte, que el poderosíssimo y muy Católico Rey Don Philipe, mejor que nunca, se puede llamar Rey Christiano, y de Christianos. Verdad es, que la pérdida y diminución dela Christiandad se ha restaurado mucho de ochenta años a esta parte, con las anchissimas Provincias que nuestros Españoles han descubierto y convertido en el Occidente y Medio día, adonde ay por la bondad de Dios, infinitíssimo número de Christianos, rezién venidos al rebaño del Señor: y cada día vienen otros de nuevo, dexando de su voluntad, la Idolatría, y otros vicios abominables42.

18L’andamento ciclico della vita della Chiesa, da tempo entrata – secondo Illescas – nell’età decrepita, sembra dunque tendere verso una prossima rinascita, una vera e propria rigenerazione, resa possibile non tanto da risorse endogene alla Curia o all’episcopato (la stessa convocazione del Concilio di Trento è tutto ricompresa nell’età che si sta descrivendo e viene ascritta in larga misura all’iniziativa di Carlo V) bensì dall’espandersi trionfale del cattolicesimo senza macchia della Monarchia spagnola che, dopo aver sconfitto vecchi e nuovi nemici interni, era destinato a raggiungere le più remote parti del globo.

  • 43 Archivo Historico Nacional, Inq., leg. 3189, n. 20, citato da Virgilio Pinto Crespo, Inquisición y (...)
  • 44 Cf. Luisa Cuesta Gutiérrez, La imprenta en Salamanca: avance al estudio de la tipografía salmantina (...)

19Le prime due parti della Historia pontifical y católica non passarono indenni dall’attenta analisi testuale condotta dai tribunali della fede. La prima (1565) e la seconda edizione (1569) della prima parte furono entrambe proibite dall’Inquisizione romana e anche dal Sant’Uffizio spagnolo. In Spagna l’Inquisizione aveva perfino tentato di bloccarne la stampa preventivamente. Il 1° febbraio 1568 il commissario del Sant’Uffizio Francisco Sancho, su mandato del Consiglio dell’Inquisizione, si recò presso la casa dello stampatore Andrea de Portonariis a Salamanca; dopo avergli chiesto sotto giuramento se effettivamente stava lavorando il volume della Historia di Gonzalo de Illescas, il commissario «mandó al dicho Andrea de Portonaris que cese la dicha impresión e no prosiga, ni pase adelante hasta tanto que no otra cosa le sea mandado, so pena de cincuenta mil maravedíes […]». Lo stampatore non mancò di difendersi, affermando che tutto ciò che aveva mandato ai torchi fino a quel momento lo aveva fatto «por virtud de una licencia del Real Consejo de S.M. […] por la cual constará haberse hecho las diligencias acerca de la dicha impresión, que S.M. por su real pragmática manda »43. Lo stampatore salmantino dichiarò di rimettersi senza discussioni all’ordine del Sant’Uffizio, ma morì proprio quell’anno e l’opera di Illescas venne data comunque alle stampe, sempre i tipi di Portonariis ma dal figlio Domingo, l’anno successivo44. Due le ipotesi che si possono formulare a tale riguardo: 1) i metodi di controllo preventivo erano piuttosto inefficaci; 2) si potrebbe supporre che in seguito alla visita di Sancho giunse alla stamperia il via libera del Consejo. Ciò che si evince con una certa sicurezza è che, anche se fosse vera quest’ultima ipotesi, l’apparato censorio mostrò qualche significativa incertezza, visto che anche l’edizione del 1569 fu soggetta a espurgazioni. La versione espurgata della prima parte venne infatti data alle stampe nella stessa città nel 1573 insieme con la seconda parte, contenente il sesto libro, che invece non incontrò problemi con le Inquisizioni.

  • 45 Cf. Política militar de Príncipes, a la Cathólica Magestad del Rey Don Carlos II, nuestro Señor, en (...)
  • 46 Per le edizioni della Historia cf. José Simón Díaz, Bibliografía de la literatura hispánica, 2ª ed. (...)

20L’Indice tridentino, nella sua edizione di Anversa del 1570, che recepiva anche l’Indice dell’Inquisitore Valdés del 1559, conteneva la seguente notazione: la «Historia pontifical de Gonzalo de Illescas. Que esta Historia no se imprima ni admita en estos estados ». La proibizione si riferiva alla prima edizione, quella di Dueñas del 1565. A causa di tale inclusione nell’Indice romano le copie della prima parte della Historia vennero requisite in Spagna e per tale ragione l’autore fu spinto a purgare l’opera e a ordinare una nuova edizione, aumentata del sesto libro, che fu data alle stampe a Salamanca nel 1573. L’indice romano del 1590 (il cosiddetto Indice sistino) allude all’opera di Illescas in questo modo: «Historia Pontificalis Gonsalvis de Illescas, ante annum 1573 edita»: si proibivano in tal modo tutte le edizioni precedenti a quella di Salamanca del 1573, la circolazione della quale era pertanto permessa. Bisognerà aspettare l’indice di Alessandro VII del 1667 per trovare la Historia pontifical di nuovo all’Indice; questa volta si trattava però non della prima parte, scritta da Illescas, ma dell’edizione del 1630 della quinta parte, opera del carmelitano Marcos de Guadalajara y Xavier. Dopo Gonzalo de Illescas, infatti, l’opera fu portata avanti da Luis de Bavia (terza e quarta parte), che dalla morte di Pio V (1572) estese la narrazione fino alla morte di Clemente VIII (1605); Marcos de Guadalajara rivide la parte quarta scritta da Bavia, corrispondente al pontificato di Clemente VIII, dandola alle stampe nel 1612, e compose altresì la parte quinta (pontificati di Paolo V e Gregorio XV), stampata per la prima volta nel 1629. L’ultimo atto della Historia è la pubblicazione, nel 1678, della sesta parte, ad opera di un quarto autore, Juan Baños de Velasco y Acevedo (1615-1682), cronista regio e genealogista, esponente di spicco del neo-stoicismo spagnolo del Seicento45, che illustra le vicende del pontificato di Urbano VIII Barberini46.

  • 47 Cf. Miguel de la Pinta Llorente, La Inquisición española y los problemas de la cultura y de la into (...)

21Il primo indice spagnolo a contenere la proibizione dell’opera di Illescas fu quello dell’Inquisitore Quiroga, del 1583. La proibizione è ricalcata su quella romana: vennero messe all’Indice le edizioni della prima parte della Historia precedenti a quella del 1573. Tale proibizione rimase inalterata negli Indici di Bernardo de Sandoval y Rojas (1612), di Antonio Zapata (1632) e di Antonio de Sotomayor (1640)47. In quest’ultimo Indice l’Inquisizione aggiunse l’espurgazione di un intero capitolo della prima parte nelle edizioni di Madrid del 1613 e di Barcellona del 1622, che nei precedenti Indici era passato inosservato. Si tratta del capitolo XXXV del IV libro della prima parte, che tratta la vicenda della papessa Giovanna. Illescas, nel narrare questa leggendaria vicenda, aveva usato mille cautele per non cadere nell’irriverenza, pericolo sempre in agguato quando si affrontano temi così spinosi, ma evidentemente non erano state sufficienti. Illescas, infatti, dopo essersi dichiarato scettico circa la veridicità della leggenda ( « téngolo por cosa de risa, y por tal lo cuento »), si poneva ciò nonostante l’interrogativo circa l’eventuale efficacia dei sacramenti e degli atti sacerdotali esercitati, e anche la questione della necessità o meno di considerare la papessa nel computo dei papi. Illescas risulta contradditorio, perché se da un lato affermava che la storia della papessa avrebbe dovuto essere considerata una pura leggenda, arrivava a considerare i due anni e un mese del suo presunto pontificato come periodo di sede vacante. E anche le sue disquisizioni sulla sedia stercoraria non dovettero passare inosservate ai censori spagnoli, preoccupati di espungere i passaggi che avrebbero potuto essere avvertiti a Roma come irrispettosi. A partire dall’Indice di Sandoval y Rojas del 1612 furono proibite anche le parti terza e quarta della Historia, quelle cioè redatte da Luis de Bavia.

22Da quanto finora argomentato si evince che le uniche due parti a non aver avuto problemi con le Inquisizioni, spagnola e romana, furono la seconda e la sesta e ultima. Ma, come è noto, le vicende della censura ecclesiastica non si esauriscono nell’inserimento delle opere a stampa negli indici ufficiali dei libri proibiti. Di grande interesse risultano a tale proposito le censure alla seconda parte dell’opera redatta da Gonzalo de Illescas che ebbe però la sorte di non finire mai all’Indice, né a Roma né in Spagna. Essa fu oggetto di un’attenta opera di controllo preventivo da parte dell’Inquisizione spagnola, e ciò è da considerarsi naturale, visto che fu data alle stampe congiuntamente alla versione espurgata della prima parte sulla base dei rilievi censori che colpirono le prime due edizioni. Enrique Gacto ha messo in evidenza il carattere eminentemente politico delle osservazioni stilate dai censori spagnoli chiamati a pronunciarsi sull’ortodossia dell’opera. Le censure spagnole non colpirono infatti proposizioni riguardanti questioni di carattere religioso-dottrinale o specifiche ricostruzioni della storia della Chiesa e del Papato, bensì taluni passaggi riguardanti la situazione politica dell’Europa del tempo. La maggior parte dei problemi sollevati dai consultori riguarda infatti l’Inghilterra dello scismatico Enrico VIII e della figlia Elisabetta I, laddove si mette in evidenza la pericolosità di talune affermazioni in quella particolare congiuntura politica, particolarmente dure nei confronti della regina e di suo padre a causa del ripudio di Caterina d’Aragona: tali giudizi, formulati – a detta dei censori – in maniera troppo severa, erano potenzialmente in grado di offendere la sensibilità del popolo inglese. Enrique Gacto scrive a tale proposito:

  • 48 Enrique Gacto, « Censura política e Inquisición. La Historia pontifical de Gonzalo de Illescas », R (...)

[…] lo que ahora se censura no es materia de historia eclesiástica, sino la descripción o la valoración de situaciones políticas contemporáneas al autor, al hilo de las cuales resulta enjuiciada la conducta de los más egregios personajes coetáneos, que fueron protagonistas de la historia europea. En una palabra, la segunda parte de la Historia pontifical se censura, precisamente, porque ha dejado de ser historia para convertirse en una crónica de su tiempo48.

  • 49 Cf. Alain Milhou, Colón y su mentalidad mesiánica en el ambiente franciscanista español, Valladolid(...)

23Vorrei trarre spunto dal giusto commento di Enrique Gacto per intraprendere, nello stesso solco tracciato dallo studioso spagnolo, una riflessione critica generale della Historia pontifical y católica. Se la prima parte è, nella forma e nella sostanza, una storia del papato romano ripercorsa attraverso le vite dei pontefici, non senza significativi riferimenti alle vicende passate dei regni iberici e al loro ruolo nella storia della Chiesa, a partire dalla seconda, man mano cioè che la ricostruzione si avvicina alla contemporaneità di Illescas e degli autori a lui successivi, il racconto delle vicende politiche generali prende decisamente il sopravvento su quelle ecclesiastiche e sulle vite dei papi. Da una parte pesava sulla prima parte una chiara esigenza editoriale, in quanto condensare la vita di ben 195 pontefici nello spazio di un solo volume toglieva necessariamente spazio a qualsiasi altra ricostruzione di carattere politico; dall’altra mi sembra sia però riscontrabile una precisa e cosciente evoluzione negli obiettivi e negli intenti di questa originale iniziativa nel campo della storiografia spagnola del Secolo d’Oro. Man mano che ci si avvicina alla contemporaneità la lettura della storia europea e mondiale si fa sempre più nazionalistica e ispano-centrica, come appare chiaramente già dalla trattazione che Illescas fa della scoperta e conquista del Nuovo Mondo, laddove Cristoforo Colombo viene ritratto come un grigio, vorace e tutto sommato inesperto avventuriero, interessato unicamente al proprio vantaggio materiale e spogliato della visione profetica e messianica dei suoi ultimi scritti49, mentre le gesta di Hernán Cortés e di Francisco Pizarro diventano, per l’abate di Dueñas, l’exemplum in grado di dimostrare lo straordinario coraggio e valore di spagnoli appena usciti dalla Reconquista e dunque capaci di diffondere il Cristianesimo in tutte le parti del globo. Sotto la penna di Illescas è soprattutto Cortés a trasformarsi in un vero e proprio eroe del Rinascimento, un uomo capace di «cosas inauditas», che «convirtió infinidad de infinidades de idólatras», superiore persino a tutti i grandi capi militari del passato:

  • 50 Segunda parte de la Historia Pontifical y Católica, op. cit., f. 159v, miei corsivi.

Si yo no me engaño, no tienen los Griegos para qué hazer mucho caudal de Alexandro, ni los Romanos de su Camilo, ni de Fabricio, Coriolano, ni Julio César, no los Egypcios de Sesortris; porque todos juntos con grandes exércitos, no hizieron tanto como este nuestro español, con quinientos y cincuenta compañeros españoles50.

  • 51 Illescas poté raccogliere notizie sulla Scoperta non solo grazie ad una nutrita serie di fonti scri (...)
  • 52 Cf. Francesca Cantù, Monarchia cattolica e governo vicereale tra diritto, politica e teologia moral (...)

24A completare il quadro arriva poi – secondo un procedimento contrastivo tipico delle polemiche confessionali di quegli anni – un minuzioso parallelo tra Hernán Cortés e Martin Lutero, accomunati da una serie di date chiave ma destinati l’uno a conquistare moltitudini di esseri umani al Cristianesimo, l’altro a corrompere il genuino messaggio evangelico e a distruggere la Chiesa e il mondo51. La Conquista del Nuovo Mondo nel suo complesso appare come un’impresa esclusivamente spagnola, e non solo dal punto di vista militare: pochi e scarni sono i riferimenti al ruolo dei pontefici, così come del tutto sotto silenzio sono fatte passare le bolle alessandrine come fonte legittima del dominio spagnolo nelle Indie, quando invece sarà attraverso la loro “riscoperta” seicentesca – si veda su tutti il caso di Juan de Solórzano Pereira – che i giuristi e i polemisti spagnoli rivendicheranno l’ampiezza dei titoli di possesso della Spagna sul Nuovo Mondo52.

  • 53 Su questi aspetti, cf. Elena Valeri, «Italia dilacerata». Girolamo Borgia nella cultura storica del (...)

25Nel passaggio alla terza parte della Historia, scritta da Luis de Bavia, il cambiamento di prospettiva, già percepibile in nuce nelle pagine di Illescas, si fa ancora più evidente, conseguenza diretta di un clima culturale e religioso nettamente mutato rispetto al passato. Se con Illescas, come si è visto, ancora possiamo apprezzare una messe notevole di riferimenti alla storiografia classica ed echi di motivi cari alla pubblicistica filo imperiale del periodo delle Guerre d’Italia53, con la terza e quarta parte della Historia il cappellano della Capilla Real di Granada redige, in ben due volumi, la storia di soli tre pontificati importanti (Gregorio XIII, Sisto V e Clemente VIII), molto vicini all’autore da un punto di vista temporale, nella quale l’unica prospettiva percepibile è quella della Controriforma militante iberica. Secondo tale lettura il pontefice assurge, in maniera solo apparentemente paradossale, a incontrastato dominus orbis ed è proprio nel suo cono d’ombra che il re di Spagna trova una sua – senza dubbio profittevole – collocazione:

  • 54 Tercera parte de la Historia Pontifical y Católica, compuesta y ordenada por el Doctor Luys de Bavi (...)

[…] siendo el Romano Pontífice cabeça de la Iglesia Católica, cuya jurisdicción espiritual no tiene diferentes límites, que el universo orbe, tanto donde se sigue y professa la Fé y dotrina del Evangelio, quanto donde no se admite ni professa, pudiéndola tener en esto, quando se recibiere la Fé Católica, como actualmente la tiene en aquello, siendo la puerta por donde todas las naciones del mundo, que se huvieran de reduzir, o venir de nuevo, han de entrar, todo quanto notable sucede dentro destos estendidos límites y términos, con justa razón (por la dicha) se ha de escrivir en el Pontificado, de quien en aquella sazón preside en la Iglesia Católica Romana, cabeça della, y Vicario de Christo en la tierra, y vedadero sucessor de San Pedro. Aviendo muy pocas cosas, en que, o por juez, o por árbitro, no deva y pueda meter la mano54.

  • 55 Ibid.
  • 56 Quarta parte de la Historia pontifical y Católica compuesta y ordenada por el Doctor Luis de Bavia, (...)

26È nel quadro della esaltazione dell’universalità della potestas papale (poco importa se diretta o indiretta), un tratto tipico di questa fase della storia del pensiero – politico, giuridico e teologico – espresso dalla Monarchia spagnola, che quella che risulta essere apparentemente una storia del papato romano può trasformarsi in una storia generale dell’Europa secondo una prospettiva rigidamente confessionale e ispano-centrica, se non smaccatamente nazionalistica; un’Europa provvidenzialmente guidata dalla cattolicissima Spagna, che ha svolto indefettibilmente nei secoli il proprio ruolo di Defensor Ecclesiae e che si trova a dover combattere contro gli eretici, contro il Turco, contro gli idolatri ma anche contro gli infidi nemici interni, moriscos e giudaizzanti. Un racconto, quello di Bavia, che nel seguire le vicende della Monarchia cattolica nel suo slancio oltremare, si allarga fino a concepirsi come storia contemporanea dell’orbe cattolico, dell’intero globo terracqueo: «Historia es de nuestros tiempos – aggiunge Bavia – obra peligrosa, yo lo confiesso, pero assí tendrá más testigos de su verdad, que es la vida de la historia, sin la qual queda hecha un miserable cadáver »55. Solo un sottinteso ideologico di questo genere poteva permettere all’autore di concepire una storia dei papi che nei fatti era una storia politica generale dell’Europa confessionalmente divisa. «Es el pontífice Vicario de Christo en la tierra, cabeça de la Yglesia y en esta orden Príncipe superior a todos los del mundo», avrebbe ribadito Luis de Bavia in apertura del primo capitolo della quarta parte della Historia56.

27A dare subito la misura della vocazione globale della terza parte della Historia pontifical y católica è la Tabla de los Reynos, y tierras, de las quales se trata en este libro, posta all’inizio del volume, vero e proprio indice tematico, suddiviso per pontificati, di tutte le regioni della terra toccate dalla trattazione, dai regni europei fino a quelli africani, mediorientali e orientali. La biografia di ciascun papa, che rimane il criterio ordinatore dell’opera, come lo era stato per le prime due parti, occupa solo il primo capitolo delle sezioni dedicate ai diversi pontificati, una sorta di pretesto che permette all’autore di concentrarsi su ciò che più lo interessa: le principali vicende politiche europee, anche nelle loro proiezioni extraeuropee. Dalle guerre di religione in Francia alla complicata situazione delle Fiandre, dalle vicende politiche italiane e tedesche ai rapporti tra il regno di Polonia e il principato di Moscovia, dall’unione delle corone spagnola e portoghese fino alle vicende inglesi e ai progressi dell’evangelizzazione in Cina, Giappone e India, il papato appare non come un attore tra i tanti della politica internazionale ma il centro ideale ed ideologico, anche quando rimane sullo sfondo della narrazione, di un combattivo progetto di dominio del cattolicesimo sul mondo intero la cui esecuzione spettava alla Monarchia spagnola degli Asburgo.

  • 57 «Item retulit Quinta Parte de la Historia Pontifical por fray Marco de Guadalaxara. EEm.mi mandarun (...)
  • 58 «De la Historia pontifical y cath.a por fray Marco de Guadalajara die X xbris 1631 audita q.ae […] (...)

28Il disegno sotteso alla terza e quarta parte della Historia rimane pressoché intatto nelle successive formulazioni, concepite dal carmelitano scalzo Marcos de Guadalajara y Xavier. Interessante notare che sarà la quinta parte dell’opera a suscitare le perplessità della censura romana. Il 10 dicembre 1631, nella Feria IV, i cardinali della Congregazione dell’Indice decisero di sottoporre l’opera all’attenzione di alcuni censori e di rimandare la discussione sull’argomento alla riunione successiva57. Il 23 agosto 1634 arrivò il decreto di proibizione donec corrigatur58, ma bisognerà aspettare un quarantennio per trovare la quinta parte della Historia inclusa in un Indice dei libri proibiti, per la precisione quello di Alessandro VII Chigi (1667).

  • 59 Cf. Paolo Broggio, «Teologia “romana” e universalismo papale: la conquista spirituale del mondo (se (...)
  • 60 Cf. Giuseppe Piras, La Congregazione e il Collegio di Propaganda Fide di J.B. Vives, G. Leonardi e (...)
  • 61 Sulla storia della missione in Congo, cf. Missión evangélica al Reyno del Congo por la Seráfica Rel (...)
  • 62 Quinta parte de la Historia pontifical y católica, dirigida al Ilustrísimo y Reverendíssimo Señor D (...)

29Purtroppo le censure romane della quinta parte della Historia di Guadalajara eseguite negli anni 1631-1634 non sembra si siano conservate e risulta pertanto piuttosto difficile, se non impossibile, comprendere le reali motivazioni delle perplessità romane. Possiamo solo affidarci a delle congetture derivanti da una valutazione storico-critica del contenuto dell’opera. Il volume abbraccia il periodo di due soli pontificati (fatta eccezione per il brevissimo interludio del pontificato di Leone XI, di soli 27 giorni), quelli di Paolo V Borghese e di Gregorio XV Ludovisi, ma la materia non è più organizzata per pontificati bensì secondo uno schema annalistico. Rispetto alle parti precedenti la sensazione di trovarci di fronte ad una storia politica generale dell’orbe cattolico si amplifica. Le vicende di carattere religioso o dottrinale sono pressoché assenti, fatta eccezione per un fugace riferimento alle opere pie intraprese da Paolo V o per le descrizioni delle celebrazioni delle canonizzazioni di S. Carlo Borromeo o dei santi spagnoli (Teresa d’Avila, Ignazio di Loyola, Isidoro Agricola, Francesco Saverio). Le stesse vicende della dilatazione del Cristianesimo nelle lontane terre d’oltremare, via via scoperte e conquistate, non sono narrate secondo una prospettiva romana, come sarebbe lecito attendersi da una storia del papato, bensì dalla prospettiva di ordini religiosi impegnati sul campo (i cui membri erano spesso vittime di martirî), che agivano per lo più su iniziativa, o per conto, del re di Spagna59. È il caso della progettata missione dei frati cappuccini in Congo originata da una richiesta del prelato spagnolo Juan Bautista Vives, protonotario apostolico e uno dei precursori della Congregazione de Propaganda Fide60, rivolta al Capitolo Generale dell’ordine che si stava svolgendo a Roma nel 1618 : il Cardinale spagnolo de Trejo – annota minuziosamente Guadalajara – rispose immediatamente all’appello di Vives raccomandandosi di scegliere, per quella missione, esclusivamente cappuccini spagnoli61. La missione non sarebbe mai stata portata a compimento, «por dos grandes encuentros que tuvo. El primero fue la muerte del Rey Católico Felipe Tercero, que sucedió luego inmediatamente, después de aver mandado dar los despachos necessarios para ella, y con la muerte cessó esta missión, y por otros accidentes »62.

  • 63 Cf. Paolo Broggio, La teologia e la politica, op. cit.
  • 64 Quarta parte de la Historia pontifical y católica, op. cit., «libro tercero del año 1607».

30Le questioni squisitamente religiose, come si diceva, sono pressoché assenti. Per l’anno 1607, ad esempio, nessuna menzione è fatta della decisione di Paolo V di porre fine alla controversia de auxiliis divinae gratiae, la cui soluzione pure aveva richiesto la creazione di numerose commissioni cardinalizie, aveva impegnato fino allo stremo delle forze il predecessore del pontefice, Clemente VIII Aldobrandini, e aveva anche visto il coinvolgimento politico di Filippo II e di Filippo III63. Altre questioni interessano l’autore, come le vicende dell’Interdetto veneziano, in cui il papato appare senz’altro come protagonista della narrazione, ma lo stesso non si può dire delle altre vicende riportate per quello stesso anno, rispetto alle quali Roma resta pallidamente sullo sfondo: i Paesi Bassi alla vigilia della tregua dei dodici anni, la nascita del Duca di Orléans e gli inizi dell’espansione coloniale francese in Canada, la nascita del principe di Transilvania e la rottura della pace in Ungheria, le diete di Bratislava, di Cassovia (Košice) e di Vienna, le inquietudini in Svevia e in Slesia, le tensioni tra Polonia, Svezia e Moscovia, fino alle vittorie dei portoghesi in Asia nel loro confronto con la potenza olandese64.

  • 65 Cf. Marcos de Guadalajara y Xavier, Memorable expulsión y iustíssimo destierro de los Moriscos de E (...)

31Marcos de Guadalajara y Xavier non è del resto solo l’autore quinta parte della Historia pontifical. Il carmelitano fa infatti parte di quella schiera di storiografi, tutti appartenenti ad ordini religiosi, a cui negli anni drammatici dell’espulsione dei moriscos di Spagna fu dato il compito di giustificare ideologicamente l’operato di Filippo III d’Asburgo. Ed è proprio alle vicende dell’espulsione dei moriscos che Guadalajara dà, come è naturale, significativo spazio nella Historia pontifical, avvertendo da subito il lettore della dipendenza di quel capitolo specifico dalle altre sue opere sull’argomento65. Tutta la trattazione è un apologia della decisione di Filippo III di espellere i moriscos dai territori della Monarchia. Gli argomenti utilizzati sono ampiamente noti: i moriscos sono inaffidabili; i sovrani e i vescovi di Spagna hanno fatto di tutto per educare cristianamente la popolazione morisca dopo i battesimi forzati (considerati validi a tutti gli effetti) ma la loro pertinacia nel non voler abbandonare usi, costumi e credenze religiose musulmane è stata invincibile; i moriscos si sono a più riprese ribellati con le armi contro le autorità spagnole, e per di più sono in continua comunicazione con i turchi del Nord Africa, nonché con i nemici francesi, per organizzare una rovinosa ribellione generale congiuntamente ad un attacco dei nemici esterni. L’espulsione è presentata quindi come una decisione ineluttabile e necessaria per la sicurezza della Monarchia spagnola e per l’integrità della fede dei suoi abitanti.

  • 66 A proposito dell’opera di Fonseca, pubblicata prima in italiano e solo l’anno successivo in spagnol (...)
  • 67 Cf. Richard L. Kagan, Clio and the Crown, op. cit., p. 187.

32L’espulsione dei moriscos rappresentò un capitolo di fondamentale importanza del processo di costruzione della Monarchia confessionale degli Asburgo di Spagna e anche dei rapporti tra Madrid e Roma. Sebbene fosse chiaro alla Spagna che la soluzione al problema morisco non poteva prescindere da Roma, e sebbene negli anni precedenti alla misura dell’espulsione numerosi agenti della Monarchia spagnola a Roma, sia conversionisti che espulsionisti, abbiano cercato di creare in Curia un clima favorevole rispetto alla propria posizione, è pur vero la Santa Sede non si espresse mai esplicitamente circa l’opportunità di una misura così drastica, né arrivò mai da parte sua un segnale di approvazione o di censura a espulsione già avvenuta. Il clan dei Lemos a Roma – come ha dimostrato Maria Antonietta Visceglia – si adoperò di gran lena per convincere Paolo V a sostenere la necessità dell’espulsione, ma ciò che è certo è che nella Città Eterna godevano di molto credito anche i pareri di quei personaggi – come il gesuita Ignacio de las Casas – che auspicavano il proseguimento delle campagne di evangelizzazione e di assimilazione della minoranza di origine musulmana. Roma smentì sempre (e categoricamente) tutti i successivi tentativi spagnoli di affermare che l’espulsione era stata compiuta con il beneplacito di Roma, come fece ad esempio il cardinale Giangarzia Millini nell’agosto del 1611 a proposito della pubblicazione a Roma, per i torchi di Zanetti, della traduzione in italiano dell’opera del domenicano Damián Fonseca, Del giusto discacciamento dei Moreschi da Spagna66. E persino un cronista ufficiale della Monarchia come Antonio de Herrera y Tordesillas non lesinò critiche nei confronti di una misura giudicata come eccessivamente crudele67.

  • 68 Cf. Antonio Feros, El Duque de Lerma. Realeza y privanza en la España de Felipe III, Madrid, Marcia (...)
  • 69 Per ciò che attiene l’espulsione dei moriscos si veda la recente, importante monografia di Grace Ma (...)

33Antonio Feros ha avanzato l’ipotesi secondo la quale, di fronte all’impossibilità concreta di proseguire la guerra contro i Paesi Bassi ribelli e di fronte al profilarsi della eventualità di una tregua con gli eretici protestanti, Filippo III e il suo Valido furono costretti a cercare per la Monarchia una identità diversa da quella tradizionale di paladina del cattolicesimo nel Nord Europa. Tale nuova identità fu la difesa del cattolicesimo di fronte alla minaccia dell’avanzata turca, che trovò compiuta espressione in una rinnovata attenzione nei confronti del settore meridionale del continente, il settore mediterraneo, e anche nei confronti della presunta minaccia musulmana presente all’interno degli stessi regni della Monarchia68. Io mi sentirei di estendere l’interpretazione data da Feros, in quanto tale nuova identità si costruì anche attraverso un ampliamento del concetto di eresia che passava a sua volta per un’amplificazione politica e retorica del concetto di ortodossia. Una ortodossia religiosa e dottrinale che si sottometteva alla Ragion di Stato e che la Monarchia cattolica si assunse il compito/diritto di difendere. In questo modo Filippo III cercò di andare oltre la tradizionale politica di scontro con i protestanti del Nord Europa, ma non semplicemente cambiando quadrante geo-politico di intervento. Il sovrano asburgico mise al centro della propria azione di governo la questione della lotta contro l’eresia intesa nel modo più amplio e onnicomprensivo possibile, corollario della chiara e tracotante autopercezione del proprio ruolo predominante nel contesto delle nazioni cattoliche europee, che così nitidamente si riflette nella pubblicistica del periodo69. I rapporti con Roma non poterono non soffrire qualche patimento da questo nuovo corso della politica spagnola.

  • 70 Cf. Rafael Benítez Sánchez Blanco, Heroicas decisiones: la monarquía católica y los moriscos valenc (...)
  • 71 Ibid., p. 430.
  • 72 Cf. Paolo Broggio, Las órdenes religiosas y la expulsión de los moriscos entre controversias doctri (...)

34In questo progetto politico-religioso un ruolo fondamentale lo ebbe il Valido, il Duca di Lerma, in stretta connessione con colui che, a partire dal 1608, divenne il confessore del sovrano, il domenicano Luis de Aliaga e, per quanto concerne le trattative con Roma, con il Conte di Castro. Tale assonanza di carattere politico, almeno per ciò che riguarda questo preciso campo d’azione, è del resto confermata dal fatto che Lerma, per dare il via libera definitivo al progetto di espulsione dei moriscos, dovette attendere la morte del precedente confessore regio, il domenicano Jerónimo Javierre, sostenitore della necessità di avviare una nuova e più profonda campagna di evangelizzazione dei cristianos nuevos di orgine musulmana70. L’espulsione dei moriscos non fu semplicemente il prodotto politicamente contingente della disastrosa situazione militare dei Paesi Bassi, nel contesto della quale i moriscos servirono da capro espiatorio71. Essa si colloca all’inizio di una nuova strategia d’azione politica del Duca di Lerma, che proseguì del resto negli anni successivi; una politica favorita anche dalla morte di regina Margherita d’Austria nel 1611, che era stata a capo della fazione a lui opposta, un evento che indebolì la posizione dei gesuiti a Corte72.

  • 73 Cf. Paolo Broggio, Teologia, ordini religiosi e rapporti politici, op. cit.
  • 74 Officium nocturnum atque diurnum pro gratiarum actione de expulsione et relegatione Tartareae sobol (...)
  • 75 Sui sentimenti popolari anti moriscos, cf. Pascual Boronat y Barrachina, Los moriscos españoles y s (...)
  • 76 Biblioteca Nacional de Madrid, Mss. 10651.

35L’ideologia di un cattolicesimo spagnolo senza macchia, spagnolo prima ancora che romano, si costruiva anche attraverso ripetute prese di posizione su questioni di carattere dottrinale, come sarebbe stato nel caso della definizione dogmatica dell’Immacolata Concezione. Tale disegno politico aveva bisogno di fomentare una viva ed esuberante devozione popolare e anche di individuare dei nemici da combattere. Un devozionalismo che fu in grado di procurare più di una inquietudine alla Santa Sede73. Non a caso tutte le cronache dell’espulsione pullulano di riferimenti, retoricamente costruiti, ad un presunto sentimento popolare antimorisco largamente diffuso nel popolo spagnolo, un sentimento che si esprimeva anche attraverso ferventi processioni ed uffici divini scritti ad hoc, come ad esempio quello dell’arcivescovo di Granada Pedro González de Mendoza, composto nel 161474. Ma nella letteratura prodotta in quegli anni è possibile trovare significativi riferimenti a leggende e profezie popolari sull’espulsione dei moriscos, una questione che Marcos de Guadalajara sviluppa nella sua opera Prodición y destierro de los moriscos de Castilla75. La Memorable expulsión de los moriscos de España dovette invece avere una notevole fortuna nei territori spagnoli negli anni successivi, tanto che alla fine del XVIII secolo il missionario cappuccino Fidel de Segovia ritenne opportuno copiarlo integralmente, salvo inserire il proprio nome e non quello di Guadalajara come autore dell’opera76.

36La Historia pontifical y católica, come ho cercato di mostrare fin qui, possiede un impianto ideologico piuttosto pronunciato che risultò problematico per ben due apparati censori, quello spagnolo e quello romano. Non saranno certamente stati gli stessi passaggi e gli stessi sottintesi a destare il sospetto dei guardiani della fede a Roma e a Madrid. A proposito delle censure spagnole alla seconda parte della Historia Enrique Gacto scrive:

  • 77 Enrique Gacto, Censura política e Inquisición, op. cit., p. 33.

[…] los excesos que los censores inquisitoriales reprocharon a Illescas tienen todos su origen en el propósito del escritor de defender a ultranza los valores del catolicismo frente al cisma anglicano. […] Nos enfrentamos así a la paradoja de que la Inquisición condena los escritos de Illescas por defender fervorosamente los valores que la propia Inquisición estaba encargada de defender. O dicho en términos castizos, pocas veces tan apropiados, a Illescas se le condena por ser más papista que el Papa77.

37L’ultima affermazione dello studioso spagnolo si adatta alla perfezione all’intera Historia pontifical. Anzi, potremmo dire che nel passaggio dai volumi scritti da Illescas a quelli di Bavia e di Guadalajara tale chiave di lettura diventi ancora più calzante. Ad un’analisi attenta dell’opera appare chiaro come la Historia di Guadalajara stia tutta all’interno di un progetto politico-culturale che la Monarchia spagnola aveva promosso sin dagli ultimi anni del regno di Filippo II e, soprattutto (e con grande vigore), con l’arrivo al trono del figlio, Filippo III. È in questo periodo che la Monarchia spagnola diventa a tutti gli effetti una monarchia “cattolica”. Ferdinando d’Aragona e Isabella di Castiglia erano i “re cattolici”, ma la Monarchia cominciò a dirsi cattolica nel momento stesso in cui la potenza politico-economico-militare della Spagna cominciò a flettere, specie per ciò che riguarda il braccio di ferro con l’Europa del Nord (Inghilterra, Paesi Bassi, la stessa Francia). La religione divenne pienamente, ancora di più di quanto non era accaduto in passato, l’arma ideologica al servizio della Monarchia, che si presentava come la vera e unica guida del mondo cattolico: al servizio di Roma e del papa, ma anche a prescindere da Roma e dal papa.

38La Historia pontifical y católica è lo specchio di questa impostazione ideologica. È una storia della Chiesa in cui i papi non sono i veri protagonisti, in cui le dinamiche politiche europee sovrastano grandemente la storia ecclesiastica in senso stretto. Lo schema mediante il quale la storia europea e mondiale viene letta è fondamentalmente binario: un’Europa cattolica, il cui centro sta idealmente a Roma ma il cui motore operativo è costituito dalla potenza politica e militare della Monarchia spagnola, che affronta e – provvidenzialmente – sconfigge le potenze del male, le monarchie protestanti. L’incipit della quinta parte della Historia è fortemente evocativo al riguardo. Tracciando un sintetico quadro della situazione politica europea al momento della morte di Clemente VIII, Guadalajara scrive:

  • 78 Quinta parte de la Historia pontifical, op. cit., p. 1, miei corsivi.

La Monarquía de la Iglesia quedava acrecentada con nuevas conversiones de gentes, que dexando la falsedad de las idolatrías y errores, vinieron a obedecerla; y su dominio temporal dilatado, con el nuevo de Ferrara; viose rica de palmas, y de coronas, con los muchos Mártires, y Confessores, que ganaron el cielo con su sangre y penitencias, y cercada de infinitos sabios, que con las armas de su saber y dotrina aumentaron el crédito de la Iglesia in tierras de Hereges, y Gentiles. La Monarquía Católica de España, por la piedad y singular Religión de su ínclito y felicíssimo Rey don Felipe Tercero. Gozava alegre del govierno suave de sus leyes, y de infinitas vitorias, que sus Capitanes ganaron, invocando la fortuna de su nombre, en las tre partes del Orbe, y en el nuevo descubierto; haziendo callar con ellas en mar y tierra, la presunción de todos sus enemigos. La Corona christianíssima de Francia, por la incomparable prudencia de su famoso Rey Enrico el Grande, se veía descansar del importuno ruído de las armas, y obedecidas la razón y leyes, y el culto divino, por su industria, acrecentado y mejorado en todo. El Imperio de Alemania con su Emperador Rodolfo, gozava de la obediencia que le prestavan los suyos, y Polonia de la misma manera. Las coronas de Inglaterra, Dinamarca y Suecia, como Reyes sin religión y costumbres, vivía temerosas de las armas de los Príncipes Católicos; como el gran Señor de los Turcos, que en este tiempo se vio muchas vezes desvaratado de los alfanges Persianos, y eclipsada su luna en los mares de la Europa. […] En tal disposición estava el mundo, quando el Sacro Colegio de los Cardenales se juntó en Cónclave, para dar sucessor a Clemente, y el Pastor, que pedían la Magestad, y Religión desta Silla, y el bien universal de la Iglesia78.

39Si noti la fondamentale differenza nell’indicazione dei ruoli, in rapporto alla posizione preminente della Chiesa di Roma, rispettivamente della Monarchia di Spagna e della Monarchia di Francia: se nel primo caso (primo anche come posizione nella elencazione) è la « piedad y singular religión » di Filippo III, nel secondo è la “prudenza” – dote tutta politica – dell’ex apostata e ora riconciliato (ma contro il parere di Filippo II) Enrico IV di Navarra. La Historia è l’espressione di un antiromanismo molto ben dissimulato: la ricostruzione storica non mette mai apertamente in discussione il pontefice e le sue prerogative, ma nell’esaltarne il ruolo e il potere universale, paradossalmente, ne prescinde. Poteva una siffatta storia dei papi e della Chiesa incontrare il favore della Santa Sede? Evidentemente no.

  • 79 Penso soprattutto ai lavori di Gigliola Fragnito sulla proibizione dei volgarizzamenti biblici e su (...)

40Ci troviamo allora di fronte ad un doppio paradosso. Se l’Inquisizione spagnola censurò quei passaggi della Historia in cui l’autore appariva come “più papista del papa”, probabilmente fu proprio questa stessa impressione di fondo che destò le preoccupazioni di Roma. Restano tutte da analizzare nel dettaglio, nella misura in cui la documentazione lo renderà possibile, le dinamiche interne alle istituzioni censorie relativamente alle proibizioni e alle espurgazioni della Historia. Non è da escludere che una sensibile divergenza di vedute, alla stregua di quanto è stato recentemente messo in luce sui contrastati rapporti tra papato e Inquisizione romana per ciò che attiene alla censura libraria79, abbia potuto svilupparsi tra Filippo III e l’Inquisizione spagnola. Magnificare la potestas papale rispetto ai principi secolari al fine di rafforzare, come in un processo di conduzione termica, la primazia della Monarchia spagnola sul piano simbolico e nel campo della politica internazionale rappresentava un’operazione intellettualmente spericolata a cui l’Inquisizione spagnola potrebbe aver avuto più di un problema ad aderire.

Notes

1 Wolfgang Reinhard, Papal Power and Family Strategy in the Sixteenth and Seventeenth Centuries, in Princes, Patronage and the Nobility. The Court at the Beginning of the Modern Age, c. 1450-1650, edd. Ronald G. Asch, Adolf M. Birke, London-Oxford, German Historical Institute-Oxford University Press, 1991, p. 329-356.

2 Maria Antonietta Visceglia, Roma e la Monarchia Cattolica nell’età dell’egemonia spagnola in Italia: un bilancio storiografico, in Roma y España. Un crisol de la cultura europea en la edad moderna, ed. Carlos José Hernando Sánchez, vol. I, Madrid, Sociedad Estatal para la Acción Cultural Exterior, 2007, p. 72.

3 Cf. The Languages of Political Society. Western Europe, 14th-17th Centuries, edd. Andrea Gamberini, Jean-Philippe Genet, Andrea Zorzi, Roma, Viella, 2011 ; I linguaggi politici nell’Italia del Rinascimento, a cura di Andrea Gamberini, Giuseppe Petralia, Roma, Viella, 2007 ; I linguaggi del potere nell’età barocca, a cura di Francesca Cantù, 2 vol., Roma, Viella, 2009.

4 Maria Antonietta Visceglia, Riti di corte e simboli della regalità. I regni d’Europa e del Mediterraneo dal Medioevo all’Età moderna, Roma, Salerno Editrice, 2009; Ead, La città rituale. Roma e le sue cerimonie in Età moderna, Roma, Viella, 2002. Per la Spagna, cf. Maria José Del Río Barredo, Madrid, Urbs Regia. La capital ceremonial de la Monarquía Católica, prólogo de Peter Burke, Madrid, Marcial Pons, 2000 ; J.J. García Bernal, El fasto público en la España de los Austrias, Sevilla, Universidad de Sevilla Secretariado Publicaciones, 2006.

5 Cf. G. Palumbo, Le porte della storia. L’età moderna attraverso antiporte e frontespizi figurati, Roma, Viella, 2012, in particolare p. 295-394.

6 Cf. Franco Motta, Bellarmino. Una teologia politica della Controriforma, Brescia, Morcelliana, 2004 ; Sylvio Hermann De Franceschi, La crise théologicopolitique: antiromanisme doctrinal, pouvoir pastoral et raison du prince: le Saint-Siège face au prisme français (1607-1627), Rome, École française de Rome, 2009; Id., Raison d’État et raison d’Église. La France et l’Interdit vénitien (1606-1607): aspects diplomatiques et doctrinaux, Paris, Honoré Champion, 2009.

7 Cf. Fernando Negredo del Cerro, Teoría política y discurso eclesiástico. Una visión desde la pastoral barroca, in De Re Publica Hispaniae. Una vindicación de la cultura política en los reinos ibericos en la primera modernidad, edd. Francisco José Aranda Pérez, José Damião Rodrigues, Madrid, Sílex, 2008, p. 265-290.

8 Fernando R. de la Flor, «Las esferas del poder: emblemática y nueva ética cortesana entre 1599 y 1610 », in De Re Publica Hispaniae, op. cit., p. 321-347.

9 Con riferimento al Papato e alla prospettiva mondiale della sua politica, almeno a partire dal pontificato di Gregorio XIII Boncompagni, Visceglia scrive: «This was the international policy of a militant and combative Papacy which did not rule out waging wars either through direct intervention in indirectly through economic and diplomatic support, which weakened its adversaries by using censorship and the Inquisition, and which did not hesitate to resort to secret operations and plots. However, such a Papacy likewise projected itself over vast horizons, an unthinkable and impracticable feat without the deployment of cultural strategies as well», Maria Antonietta Visceglia, The International Policy of the Papacy: Critical Approaches to the Concept of Universalism and Italianità, Peace and War, in Papato e politica internazionale nella prima età moderna, a cura di Ead., Roma, Viella, 2013, p. 49.

10 Juan Luis Castellano, La monarchia spagnola come paradigma di una monarchia confessionale, in «Dimensioni e problemi della ricerca storica», 172, 2008, p. 175-176.

11 Cf. Paolo Broggio, La teologia e la politica. Controversie dottrinali, Curia romana e Monarchia spagnola tra Cinque e Seicento, “Biblioteca della Rivista di Storia e Letteratura Religiosa”, Studi – XXII, Firenze, Leo S. Olschki, 2009; Id., Teologia, ordini religiosi e rapporti politici: la questione dell’Immacolata Concezione di Maria tra Roma e Madrid, in Hispania Sacra, LV/Extra I (enero-junio 2013), p. 255-281 ; Id., Più papisti del papa. Le definizioni dogmatiche e lo spettro dello scisma nei rapporti ispano-pontifici (1594-1625), in Réflexions sur le schisme moderne: usages et critères, edd. Aurélien Girard, Benoît Schmitz, numero monografico di Mélanges de l’École française de Rome, Italie et Méditerranée, di prossima pubblicazione.

12 Cf. Alain Tallon, Conscience nationale et sentiment religieux en France au xvie siècle, Paris, PUF, 2002 ; Le sentiment national dans l’Europe méridionale aux xvie et xviie siècles (France, Espagne, Italie), études réunies et présentées par Id., Madrid, Casa de Velázquez, 2007. Sulla censura romana delle opere giuridiche spagnole, intrise di teorie giurisdizionaliste, si veda Rodolfo Savelli, Censori e giuristi. Storie di libri, di idee e di costumi (secoli XVI-XVII), Milano, Giuffrè, 2011, p. 182-230.

13 Cf. in generale Eduard Fueter, Storia della storiografia moderna, 2 vol., Milano, Ricciardi, 1946; Eric Cochrane, Historians and historiography in the Italian Renaissance, Chicago-London, University of Chicago Press, 1981; Eugenio Garin, La storia nel pensiero del Rinascimento, in Id., Medioevo e Rinascimento, Roma-Bari, Laterza, 1954.

14 Marco Pellegrini, La storia della Chiesa nella prospettiva degli umanisti (secc. XV-XVI), in Venti secoli di storiografia ecclesiastica. Bilancio e prospettive. Atti del XII Convegno Internazionale della Facoltà di Teologia “La storia della Chiesa nella storia”, Roma, 13-14 marzo 2008, a cura di Luis Martínez Ferrer, Roma, Edusc, 2010, p. 100-101.

15 Ibid., p. 121.

16 Cf. Massimo Miglio, «Tradizione storiografica e cultura umanistica nel “Liber de vita Christi ac omnium pontificum”», in Bartolomeo Sacchi detto il Platina (Piadena 1421- Roma 1481). Atti del Convegno internazionale di studi per il V centenario (Cremona, 14-15 novembre 1981), a cura di Augusto Campana, Paola Medioli Masotti, Padova, Antenore, 1986, p. 63-89.

17 Sulle vicende cinquecentesche dell’opera di Platina, cf. Stefan Bauer, «“Platina non vitas sed vitia scripsit”: le censure sulle Vite dei Papi», in “Nunc alia tempora, alii mores”. Storici e storia in età postridentina, a cura di Massimo Firpo, Firenze, Leo S. Olschki, 2005, p. 279-289; Id., The censorship and fortuna of Platina’s Lives od the Popes in the sixteenth century, Turnhout, Brepols, 2006.

18 John Bale, Acta Romanorum Pontificum, a dispersione discipulorum Christi, usque ad tempora Pauli quarti, qui nunc in Ecclesia tyrannizat…, s.l. [Francoforte sul Meno], 1560. Su questo autore e la sua opera, cf. Jesse W. Harris, John Bale : a Study in the Minor Literature of the Reformation, Urbana, University of Illinois Press, 1940. Sul giudizio che Bale esprime su Gregorio Magno, cf. Giuseppe Antonio Guazzelli, I “Dialogi” di Gregorio Magno nel XVI secolo nella lettura di Protestanti e Cattolici, «Studi e Materiali di Storia delle Religioni», 78/1, 2012, p. 155-182.

19 Cf. Richard L. Kagan, Clío and the Crown: writing history in Habsurg Spain, in Spain, Europe and the Atlantic World. Essays in honour of John H. Elliott, edd. Id., Geoffrey Parker, Cambridge, Cambridge University Press, 1995, p. 73-99; si veda ora, più ampiamente, Id., Clio and the Crown. The Politics of History in Medieval and Early Modern Spain, Baltimore, The Johns Hopkins University Press, 2009. Sulla storiografia spagnola dei secoli XVI e XVII cf. Alfredo Alvar Ezquerra, Sobre la historiografía castellana en tiempos de Felipe II, « Torre de los lujanes », 32, 1996, p. 89-106 ; Id, La historia y los historiadores y el Rey en la España del Humanismo, in Imágenes históricas de Felipe II, ed. Id., Madrid, Centro de Estudios Cervantinos, 2000, p. 217-252 ; Luis Cepeda Adán, El barroco español y el cultivo de la historia, in Historia de España, dir. Ramón Menéndez Pidál, vol. XXVI, Madrid, Espasa-Calpe, 1986, p. 525-623. Si veda anche, più in generale, Fernando J. Bouza Álvarez, Papeles y opinión. Políticas de publicación en el siglo de oro, Madrid, CSIC, 2008 ; Id., Para no olvidar y para hacerlo. La conservación de la memoria a comienzos de la edad moderna, in A história. Entre memoria e invenção, ed. Pedro Cardim, Lisboa, Publicações Europa-América, 1998, p. 129-172.

20 Cf. Richard L. Kagan, Clio and the Crown, op. cit., p. 185-186.

21 Baltasar Cuart Monet, «Traducciones, reacciones y correcciones. La peripecia de Paolo Giovio en España, in Spagna e Italia» in Età moderna: storiografie a confronto, a cura di Francisco Chacón, Maria Antonietta Visceglia, Giovanni Murgia, Gianfranco Tore, Roma, Viella, 2009, p. 223-251.

22 Emilio García Lozano, Gonzalo de Illescas : historiador y cronista de Indias, in Actas del II Congreso de historia de Palencia, vol. IV, Palencia, Diputacion de Palencia, 1990, p. 453-473. García Lozano ha rintracciato usi, più o meno estesi ed espliciti, della Historia di Illescas in Martín Carrillo (Anales y memorias cronológicas), Bartolomé Leandro de Argensola (Anales de la Corona de Aragón), Jerónimo de Mendieta (Historia eclesiástica indiana), Prudencio de Sandoval (Historia de la vida y hechos del Emperador Carlos V, in cui interi passaggi dell’opera di Illescas sono letteralmente copiati senza citare la fonte), Diego de Aynsa, il licenciado Melchor de Ávalos (Dos cartas el Rey contra los Moros de las Filipinas), fino ad arrivare all’ottocentesca Historia de los heterodoxos españoles di Marcelino Menéndez Pelayo.

23 Cf. ad esempio Carlos Alberto González Sánchez, Los mundos del libro. Medios de difusión de la cultura occidental en las Indias en los siglos XVI y XVII, Sevilla, Universidad de Sevilla-Diputación de Sevilla, 1999, p. 183. Cf. anche José Torre Revello, El libro, la imprenta y el periodismo en América durante la dominación española, México, Universidad Nacional Autónoma de México, 1991, p. 230. Teodoro Hampe Martínez afferma che «la Historia pontifical y Católica del clérigo Gonzalo de Illescas […] fue seguramente la obra más consultada en el Virreinato en materia de historia eclesiástica», Teodoro Hampe Martínez, El eco de los ingenios : literatura española del Siglo de Oro en las bibliotecas y librerías del Perú colonial, in Discurso colonial hspanoamericano, ed. Sonia Rose de Fuggle, numero monografico di Foro Hispánico, 4, 1992, p. 94.

24 Cf. Ludwig Pfandl, Gonzalo de Illescas und die älteste spanische Papstgeschichte, in Gesammelte Aufsätze zur Kulturgeschichte Spaniens, edd. Heinrich Finke, Konrad Beyerle, Georg Schreiber, Münster in Westfalen, Verlag der Aschendorffschen Verlagsbuchhandlung, 1931, p. 21-54; Quintín Aldea Vaquero, Illescas, Gonzalo de, in Diccionario de historia eclesiástica de España, edd. Id., Tomás Marín Martinez, José Vives Gatell, vol. II, Madrid, CSIC-Instituto Enrique Flores, 1972, p. 1190-1191. Si veda anche Cf. Antonio Roldán Pérez, Gonzalo de Illescas y la Historia Pontifical, in Estudios Literarios dedicados al profesor Mariano Baquero Goyanes, Murcia, Sucesores de Nogués, 1974, p. 587-638.

25 Cf. Massimo Firpo, « Politica imperiale e vita religiosa in Italia nell’età di Carlo V », in Id., «Disputar di cose pertinente alla fede». Studi sulla vita religiosa del Cinquecento italiano, Milano, Unicopli, 2003, p. 159-174.

26 Historia pontifical y Cathólica, en la qual se contienen las vidas y hechos notables de todos los Summos Pontífices Romanos, con el discurso de la Predicación Apostólica. Y el estado de la Yglesia Christiana Militante: dende que Christo nuestro Señor nasció hasta nuestros tiempos. Con una breve recapitulación de las cosas de España. Y las descendencia de los Reyes della. Dende Halarico Primero, hasta D. Phelippe Segundo nuestro Señor. Compuesta y ordenada por el Doctor Gonçalo de Yllescas, Abbad de Sant Frontes y Beneficiado de Dueñas. Dirigida a los muy Ilustres SS. Diputados del Reino de Aragón, Barcelona, en casa de Jayme Cendrad, 1589, «Prólogo y argumento, al Christiano lector».

27 Ibid., miei corsivi.

28 Ecclesiastica Historia, integram Ecclesiae Christi ideam, quantum ad Locum, Propagationem, Persecutionem, Tranquillitatem, Doctrinam, Haereses, Ceremonias, Gubernationem, Schismata, Synodos, Personas, Miracula, Martyria, Religiones extra Ecclesiam, & statum Imperii politicum attinet, secundum singulas Centurias, perspicuo ordine complectens: singulari diligentia & fide ex vetustissimis & optimis historicis, patribus, & aliis scriptoribus congesta: Per aliquot studiosos & pios viros in urbe Magdeburgicâ, Basileae, Johannes Oporinus, 1559.

29 Cf. Mario Turchetti, Concordia o tolleranza? François Bauduin (1520-1573) e i “Moyenneurs”, Milano, Franco Angeli, 1984, p. 150.

30 Historia pontifical y Cathólica, op. cit., prólogo.

31 Con riferimento alle opere seicentesche di Agostino Mascardi, Pietro Sforza Pallavicini e Virgilio Malvezzi, Alberto Asor Rosa scrive: «L’incontro tra cultura umanistica e spiritualità controriformistica, in particolare nella versione gesuitica, costituisce, come sappiamo, uno dei nodi fondamentali dello sviluppo culturale di questo secolo. Nel caso della storiografia tale incontro era facilitato e sollecitato anzitutto dal posto che nella tradizione stilistica della prosa rinascimentale occupavano gli scrittori di storia […]. Vi influiva poi il concetto della storia come magistra vitae […]. Ancora una volta dunque, come già abbiamo visto a proposito della “ragion di Stato” e della politica, la nozione di storia fondamentalmente prammatica, lasciata in eredità da Guicciardini e dagli altri scrittori del Cinquecento, poteva essere assimilata senza sforzo eccessivo e lasciata alla base del metodo investigativo: salvo il fatto che poi l’analisi delle forze terrene veniva puntualmente ricondotta, almeno nei suoi nodi fondamentali, alla riflessione compunta sulla superiore volontà divina che muove tutte le cose, e, più concretamente, al rispetto del posto preminente occupato sulla terra dai rappresentanti della divinità, la Chiesa di Roma e i suoi sacerdoti», Alberto Asor Rosa, La cultura della Controriforma, Roma-Bari, Laterza, 1989, p. 126-127.

32 Massimo Firpo, «Il sacco di Roma del 1527 tra profezia, propaganda politica e riforma religiosa», in Id., Dal sacco di Roma all’Inquisizione. Studi su Juan de Valdés e la Riforma italiana, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 1998, p. 49-60.

33 Sulla propaganda religiosa nel Cinquecento, cf. Delio Cantimori, Aspetti della propaganda religiosa nell’Europa del Cinquecento, in Id., Umanesimo e religione nel Rinascimento, Torino, Einaudi, 1975, p. 164-181. Sulla propaganda asburgica si veda Adriano Prosperi, Un’Europa dal volto umano: aspetti della propaganda asburgica del ‘500, in «Critica Storica», 26, 1991, p. 335-352, ripubblicato in Id. America e apocalisse e altri saggi, Pisa-Roma, Istituti Poligrafici Intrnazionali, 1999, p. 127-152 ; Francesca Cantù, Profezia o disegno politico? La circolazione di alcuni testi sull’Europa (1535-1542), in L’Italia di Carlo V. Guerra, religione e politica nel primo Cinquecento, edd. Ead, Maria Antonietta Visceglia, Roma, Viella, 2003, p. 41-61. Sulla Spagna si veda il fondamentale lavoro di Marcel Bataillon, Érasme et l’Espagne. Recherches sur l’histoire spirituelle du xvie siècle, Genève, Droz, 1937. Sulla predicazione apocalittica tra Quattro e Cinquecento e sul profetismo antiluterano in area italiana cf. Ottavia Niccoli, Profeti e popolo nell’Italia del Rinascimento, Roma-Bari, Laterza, 1987, p. 123-183.

34 Emilio García Lozano, Gonzalo de Illescas, op. cit., p. 457.

35 Segunda parte de la Historia pontifical y católica en la qual se prosegue las vidas y hechos de Clemente Quinto, y de los demás Pontífices sus predecessores, hasta Pío quinto, y Gregorio Décimo Tercio. Contiénese ansi mismo la recapitulación de las cosas y Reyes de España. Con una más particular relación, de las esclarecidas hazañas de los Reyes Católicos, y del invictíssimo César Carlos Quinto Máximo, y del Sereníssimo y muy Católico Rey Don Philipe segundo. Compuesta y ordenada por el Dotor Gonçalo de Illescas, Abad de San Frontes, y Beneficiado de Dueñas..., Barcelona, por Sebastián de Cormellas, 1622, «Prefación y argumento sobre el último libro de la Historia pontifical y cathólica».

36 Ibid., p. 17. Cf. Debora Vaccari, «Alcuni aspetti della storia di Cola di Rienzo nella dilogia del licenciado Juan Grajal (La próspera y adversa fortuna del Caballero del Espíritu Santo, 1612)», «Artifara», 11, 2011 p. 7-27 (http://www.ojs.unito.it/index.php/artifara). Sulla vicenda di Cola di Rienzo nel contesto dello sviluppo del comune e della «schiacciante egemonia» dei baroni romani si veda ora l’importante affresco offertoci da Jean-Claude Maire Vigueur, L’altra Roma. Una storia dei romani all’epoca dei comuni (secoli XII-XIV), Torino, Einaudi, 2010, passim ma in part. p. 278-296.

37 «Hoc autem scito, quod in no vissimis diebus instabunt tem pora periculosa. Erunt enim homines seipsos amantes, cupidi, elati, superbi, blasphemi, parentibus inoboedientes, ingrati, scelesti, sine affectione, sine foedere, criminatores, incontinentes, immites, sine benignitate, proditores, protervi, tumidi, voluptatum amatores magis quam Dei, habentes speciem quidem pietatis, virtutem autem eius abnegantes; et hos devita. Ex his enim sunt, qui penetrant domos et captivas ducunt mulierculas oneratas peccatis, quae ducuntur variis concupiscentiis, semper discentes et numquam ad scientiam veritatis pervenire valentes. Quemadmodum autem Iannes et Iambres restiterunt Moysi, ita et hi resistunt veritati, homines corrupti mente, reprobi circa fidem; sed ultra non proficient, insipientia enim eorum manifesta erit omnibus, sicut et illorum fuit. Tu autem assecutus es meam doctrinam, institutionem, propositum, fidem, longanimitatem, dilectionem, patientiam, persecutiones, passiones, qualia mihi facta sunt Antiochiae, Iconii, Lystris, quales persecutiones sustinui ; et ex omnibus me eripuit Dominus. Et omnes, qui volunt pie vivere in Christo Iesu, persecutionem patientur; mali autem homines et seductores proficient in peius, in errorem mittentes et errantes. Tu vero permane in his, quae didicisti et credita sunt tibi, sciens a quibus didiceris, et quia ab infantia Sacras Litteras nosti, quae te possunt instruere ad salutem per fidem, quae est in Christo Iesu. Omnis Scriptura divinitus inspirata est et utilis ad docendum, ad arguendum, ad corrigendum, ad erudiendum in iustitia, ut perfectus sit homo Dei, ad omne opus bonum instructus».

38 Alfonso de Valdés, Diálogo de las cosas ocurridas en Roma, introducción, edición y notas de José F. Montesinos, Madrid, Espasa-Calpe, 1956, p. 22, citato in Adriano Prosperi, America e Apocalisse. Note sulla “conquista spirituale” del Nuovo Mondo, in “Critica Storica”, XIII, 1976, p. 1-67, ora in Id., America e Apocalisse e altri saggi, Istituti editoriali e poligrafici internazionali, Pisa-Roma 1999, p. 15-63 America e Apocalisse, citazione alla p. 42.

39 Cf. Marcel Bataillon, Érasme et l’Espagne, préface de Jean-Claude Margolin, Genève, Droz, 1998 (prima edizione 1937), p. 584.

40 Felipe de Meneses, Luz del alma cristiana, op. cit., p. 368.

41 Segunda parte de la Historia pontifical y católica, op. cit., prefación.

42 Ibid., mio corsivo.

43 Archivo Historico Nacional, Inq., leg. 3189, n. 20, citato da Virgilio Pinto Crespo, Inquisición y control ideológico en la España del siglo XVI, Madrid, Taurus Ediciones, 1983, p. 92.

44 Cf. Luisa Cuesta Gutiérrez, La imprenta en Salamanca: avance al estudio de la tipografía salmantina (1480-1944), Salamanca, Universidad de Salamanca, 1960.

45 Cf. Política militar de Príncipes, a la Cathólica Magestad del Rey Don Carlos II, nuestro Señor, en mano del Duque de Ossuna, y de Uzeda, & c. Gentilhombre de Cámara del Rey N.S. de su Consejo de Estado, y Cavallerizo mayor de la Reyna nuestra señora Reynante, por Don Juan Baños de Velasco, Chronista General destos Reynos de Castilla, y León, Madrid, por Francisco Sanz, 1680.

46 Per le edizioni della Historia cf. José Simón Díaz, Bibliografía de la literatura hispánica, 2ª ed., Madrid, C.S.I.C., (1960-1984), vol. XII, p. 100-107.

47 Cf. Miguel de la Pinta Llorente, La Inquisición española y los problemas de la cultura y de la intolerancia, vol. I, Madrid, Cultura Hispánica, 1953, p. 106-109.

48 Enrique Gacto, « Censura política e Inquisición. La Historia pontifical de Gonzalo de Illescas », Revista de la Inquisición, 2, 1992, p. 32. Dello stesso parere Virgilio Pinto Crespo (Inquisición y control ideológico, op. cit., p. 190-191).

49 Cf. Alain Milhou, Colón y su mentalidad mesiánica en el ambiente franciscanista español, Valladolid, Casa Museo de Colón, 1983.

50 Segunda parte de la Historia Pontifical y Católica, op. cit., f. 159v, miei corsivi.

51 Illescas poté raccogliere notizie sulla Scoperta non solo grazie ad una nutrita serie di fonti scritte ma anche attraverso le testimonianze dirette del frate agostiniano Alonso de la Vera Cruz, dell’Oidor del Perù Diego de Cepeda e da Pedro de la Gasca, che fu vescovo di Palencia dal 1551 al 1561. Cf. Emilio García Lozano, Gonzalo de Illescas, op. cit., p. 467- 468.

52 Cf. Francesca Cantù, Monarchia cattolica e governo vicereale tra diritto, politica e teologia morale: da Juan de Solórzano Pereira (e le sue fonti italiane) a Diego de Avendaño, in Las cortes virreinales de la Monarquía española : América e Italia, ed. Ead, Roma, Viella, 2008, p. 557-597.

53 Su questi aspetti, cf. Elena Valeri, «Italia dilacerata». Girolamo Borgia nella cultura storica del Rinascimento, Milano, Franco Angeli, 2007.

54 Tercera parte de la Historia Pontifical y Católica, compuesta y ordenada por el Doctor Luys de Bavia, Capellán del Rey nuestro señor, en su Real Capilla de Granada. Dirigida a Don Christoval Gómez de Sandoval y Rojas, Duque de Cea, Gentilhombre de la Cámara de su Magestad, & c. Contiene esta tercera parte de la Historia Pontifical, las cosas más notables sucedidas en el mundo desde el año de mil y quinientos y setenta y dos, hasta el de mil y quinientos y noventa y uno, Barcelona, por Sebastián de Cormellas, al Call, y a su costa, 1621, «Prólogo al lector».

55 Ibid.

56 Quarta parte de la Historia pontifical y Católica compuesta y ordenada por el Doctor Luis de Bavia, Capellán del Rey nuestro Señor, en su Real Capilla de Granada. Contiene esta quarta parte de la Historia Pontifical, todo lo sucedido en el mundo, desde el año de mil y quinientos y noventa y uno, hasta el de mil y seiscientos y cinco, Barcelona, Sebastián de Cormellas, 1631, p. 1.

57 «Item retulit Quinta Parte de la Historia Pontifical por fray Marco de Guadalaxara. EEm.mi mandarunt […] referri in alia Congregatione», Archivio della Congregazione per la Dottrina della Fede (ACDF), Index, Diari, vol. IV, f. 26r.

58 «De la Historia pontifical y cath.a por fray Marco de Guadalajara die X xbris 1631 audita q.ae […] omittis 2a in actis tom 4° fol 49. Prohibeatur in decreto Congregationis Indicis sub die 23 Aug. 1634 », ACDF, Index, Serie XI, p. 1049. Cf. José Martínez de Bujanda, Index librorum prohibitorum 1600-1966, Médiaspaul-Droz, Montréal-Genève, 2002, p. 411.

59 Cf. Paolo Broggio, «Teologia “romana” e universalismo papale: la conquista spirituale del mondo (secoli XVI-XVII)», in Papato e politica internazionale nella prima età moderna, a cura di Maria Antonietta Visceglia, Roma, Viella, 2013, p. 441-477.

60 Cf. Giuseppe Piras, La Congregazione e il Collegio di Propaganda Fide di J.B. Vives, G. Leonardi e M. de Funes, Roma, Università Gregoriana Editrice, 1976.

61 Sulla storia della missione in Congo, cf. Missión evangélica al Reyno del Congo por la Seráfica Religión de los Capuchinos. Dedícala al Rey Nuestro Señor, que Dios guarde, Don Ioseph Pellicer de Tovar, Señor de la Casa de Pellicer y de Ossau, Cronista Mayor de su Magestad, i de su Consejo, Madrid, por Domingo García y Morrás, 1649.

62 Quinta parte de la Historia pontifical y católica, dirigida al Ilustrísimo y Reverendíssimo Señor Don Diego de Arze Reynoso, Obispo de Plasencia, Inquisidor General en todos los Reynos, y Señoríos de Su Magestad, y de su Consejo. Gabriel de León D.C. Por FRay Marcos de Guadalajara y Xavier, de la orden de Nuestra Señora del Carmen, de la Observancia de la Provincia de Aragón, Madrid, por Melchor Sánchez, 1652, p. 477.

63 Cf. Paolo Broggio, La teologia e la politica, op. cit.

64 Quarta parte de la Historia pontifical y católica, op. cit., «libro tercero del año 1607».

65 Cf. Marcos de Guadalajara y Xavier, Memorable expulsión y iustíssimo destierro de los Moriscos de España, Pamplona, Nicolás de Assiayn, 1613 ; Id., Prodición y destierro de los moriscos de Castilla hasta el Valle de Ricote, Pamplona, Nicolás de Assiayn, 1614.

66 A proposito dell’opera di Fonseca, pubblicata prima in italiano e solo l’anno successivo in spagnolo, Millini scriveva che si sarebbe dovuto espungere il passo in cui si racconta «che detta espulsione sia stata fatta con autorità e consenso di Sua Santità poiché non le fu comunicato né detto cosa alcuna se non doppo il fatto», cit. in Maria Antonietta Visceglia, Roma papale e Spagna. Diplomatici, nobili e religiosi tra due corti, Roma, Bulzoni, 2010, p. 241. Sulla questione generale cf. Stefania Pastore, Roma y la expulsión de los moriscos, in Los moriscos: expulsión y diáspora. Una perspectiva internacional, edición a cargo de Mercedes García Arenal, Gerard Wiegers, Universitat de València, Universidad de Granada, Universidad de Zaragoza, Valencia-Granada-Zaragoza, “Biblioteca de Estudios Moriscos” 9, 2013, p. 127-149.

67 Cf. Richard L. Kagan, Clio and the Crown, op. cit., p. 187.

68 Cf. Antonio Feros, El Duque de Lerma. Realeza y privanza en la España de Felipe III, Madrid, Marcial Pons, 2002, p. 354 ss.

69 Per ciò che attiene l’espulsione dei moriscos si veda la recente, importante monografia di Grace Magnier, Pedro de Valencia and the Catholic Apologists of the Expulsion of the Moriscos. Visions of Christianity and Kingship, Boston Leide, Brill, 2010, in particolare i capitoli I ( “Spain’s perception of its own Predominant Role in Christendom in the Early Seventeenth Century”) e II ( “Santiago and Spain’s perceived Pre-eminence among Christian Nations”).

70 Cf. Rafael Benítez Sánchez Blanco, Heroicas decisiones: la monarquía católica y los moriscos valencianos, Valencia, Institució Alfons el Magnánim, 2002, p. 325-352.

71 Ibid., p. 430.

72 Cf. Paolo Broggio, Las órdenes religiosas y la expulsión de los moriscos entre controversias doctrinales y relaciones hispano-pontificias, in Los moriscos: expulsión y diáspora, op. cit., p. 149-171.

73 Cf. Paolo Broggio, Teologia, ordini religiosi e rapporti politici, op. cit.

74 Officium nocturnum atque diurnum pro gratiarum actione de expulsione et relegatione Tartareae sobolis sarracenorum, ab Ill.mo et Rev.mo D. Fr. Pedro González de Mendoza Archiepiscopo Granatensi, piae devotioni Philippii Tertii Hispaniarum et Indiarum Regis Catolici, pubblicato in Ciríaco Morón, Una visión inédita de la expulsión de los moriscos, «Salmanticensis», t. VI, 1959, p. 483-502.

75 Sui sentimenti popolari anti moriscos, cf. Pascual Boronat y Barrachina, Los moriscos españoles y su expulsión. Estudio histórico-crítico, vol. II, Valencia, F. Vives y Moras, 1901, p. 377 ss. e 390 ss.

76 Biblioteca Nacional de Madrid, Mss. 10651.

77 Enrique Gacto, Censura política e Inquisición, op. cit., p. 33.

78 Quinta parte de la Historia pontifical, op. cit., p. 1, miei corsivi.

79 Penso soprattutto ai lavori di Gigliola Fragnito sulla proibizione dei volgarizzamenti biblici e sulle vicende della sospensione dell’Indice sisto-clementino ai tempi del Cardinale Giulio Antonio Santori : Gigliola Fragnito, Proibito capire. La Chiesa e il volgare nella prima età moderna, Bologna, Il Mulino, 2005.

Notes de fin

i Ringrazio per l’attenta e generosa lettura critica di questo articolo Maria Antonietta Visceglia e Carlos Alberto González Sánchez.

© LARHRA, 2014

Licence OpenEdition Books

Acheter

Volume papier

decitre.framazon.fr
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search