Version classiqueVersion mobile

Leggere Fichte. Volume III

 | 
Alessandro Bertinetto

Il «fatto della ragione» nella Dottrina della scienza 1804-II (lez. 27-28) con riferimento alla corrispondente dottrina di Kant

Marco Ivaldo

Résumé

In this paper I try to reconstruct the theory of the «fact of reason» developed in the last two lectures (27 and 28) of the Doctrine of Science 1804 (second exposition).
This famous exposition of the Doctrine of Science interprets the «fact of reason», that Kant presents in the «Critique of practical Reason», as the act of the reason itself («factum fiens»). This action of reason is both practical and theoretical; it is the formative principle of the whole phenomenon of the Absolute.

Note de l’auteur

Questo studio si inserisce in un piano di ricerca sostenuto dalla Alexander von Humboldt-Stiftung (Bonn), che ringrazio.

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L’ouvrage pourra également être acheté sur les sites des libraires partenaires, aux formats PDF et ePub, si l’éditeur a fait le choix de cette diffusion commerciale. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont proposés sur cette page.

Extrait du texte

1 – Il kantiano fatto della ragione

Nelle riflessioni che seguono vorrei ricostruire alcuni passaggi di quella che designo la teoria del «fatto della ragione» elaborata nelle ultime due lezioni (n. 27 e 28) della Dottrina della scienza 1804 (seconda esposizione), teoria attraverso la cui esecuzione Fichte ritiene di aver portato a compimento la «dottrina della ragione» annunciata e sviluppata in questa celebre esposizione della dottrina della scienza.

È opportuno inizialmente riprendere memoria del pensiero di Kant sul fatto della ragione1. È ben nota la fondamentale affermazione kantiana, che la coscienza della legge morale costituisce il fatto della ragione. La Critica della ragione pratica muove su questo punto dalla Fondazione della metafisica dei costumi e si propone di giustificare – come diversi interpreti hanno messo in luce2 - ciò che qui era ancora non spiegato e dichiarato non spiegabile, ossia che vi è una ragione pratica pura. La posizione di Kant è anticipata nel suo nuc...

© EuroPhilosophie Éditions, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search