Version classiqueVersion mobile

Correspondances de femmes et diplomatie

 | 
Isabella Lazzarini
, 
José Manuel Nieto Soria
, 
Patricia Rochwert-Zuili

Isabella di Chiaromonte, regina di Napoli: esercizio del potere e diplomazia durante la Guerra di successione (1458-1465)

Valentina Prisco

Texte intégral

1Parlare di Mezzogiorno tardomedievale vuol dire inevitabilmente parlare di regalità, in quello che appare un connubio semanticamente indissolubile.

  • 1 Sul dibattito storiografico in questione, vedi Andrea Gamberini e Isabella Lazzarini (ed.), Lo Stat (...)

2Si tratta di due categorie che hanno subito il peso di una, spesso tralatizia, storiografia che tendeva ad ingabbiarle all’interno di confini istituzionali, politici e culturali molto rigidi –e non di rado idealizzati. Paradigmi e categorie consolidate che sono state messe in discussione dalla recente medievistica1: negli ultimi quarant’anni, infatti, dalle pagine di ormai non pochi studi, condotti alla luce di un concetto di politica più inclusivo, aperto a un maggiore ventaglio di modelli e protagonisti, sta lentamente prendendo forma una fisionomia del Mezzogiorno –e della società rinascimentale nel suo complesso– molto più articolata.

  • 2 Si rimanda alla storiografia anglosassone e spagnola e ai relativi lavori sulla Queenship e Reginal (...)

3Da realtà «immobile» e unitaria a vivace laboratorio di sperimentazione, il Mezzogiorno aragonese, come universo politico, concedeva non poco spazio all’azione di governo delle regine, le quali partecipavano a pieno titolo al funzionamento della macchina politica monarchica e contribuivano a determinarne la costruzione ideologica2. L’attenzione al rapporto tra donna e potere si colloca, del resto, al crocevia di una serie di ricerche relativamente recenti di notevole interesse, come il rapporto tra potere e scrittura.

  • 3 Isabella di Chiaromonte, figlia di Tristano Chiaramonte, conte di Copertino, poi investito del tito (...)
  • 4 Archivio di Stato di Milano, Fondo Sforzesco, Potenze Estere (d’ora in avanti, ASM, SPE), Napoli. A (...)
  • 5 Una tipologia di documentazione che rientra nel fenomeno di «accelerazione straordinaria della prod (...)
  • 6 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 5 novembre 1455, ASM, SPE, Napoli, 195, 71. Pari (...)

4Ponendosi in questa prospettiva storiografica, la ricerca qui proposta mira a evidenziare il ruolo diplomatico svolto da Isabella di Chiaromonte, prima duchessa di Calabria e poi regina di Napoli3. Un ruolo che percorreva canali e si avvaleva di strumenti diversi ma che rendeva esplicita la sua natura di azione politica nell’emblematico quanto delicato momento della Guerra di successione (1458-1465). In un contesto di crisi – dove la legittimità e la stabilità della monarchia erano fortemente compromesse – sarà indagato pertanto il contributo della regina, ovvero i modi e gli obiettivi che guidavano la sua azione diplomatica. Quest’ultima campeggia nella corrispondenza epistolare superstite tra Isabella di Chiaromonte e la corte sforzesca4 – una fonte importantissima, forse l’unica, che ci restituisce la voce e il protagonismo della regina all’interno della vita governativa del regno. Si tratta di un corpus di missive, conservato presso l’Archivio di Stato di Milano, che Isabella di Chiaromonte indirizzava alla corte milanese, nella persona del duca Francesco Sforza e della duchessa Bianca Maria. Copre l’arco cronologico che va dal 1455 al 1465 e comprende anche due lettere destinate a Federico da Montefeltro5. Un’attività, quella scrittoria e, di riflesso, diplomatico-politica, che non era straordinaria ma ordinaria: attraverso di esse, Isabella veicolava una serie di informazioni che abbracciavano gli aspetti più svariati dello stare al governo – lettere di cordialità, raccomandazioni, aggiornamenti sugli sviluppi politici e militari del Regno, comunicazioni personali quali la sua malattia, informazioni sulla nascita dei figli. In una missiva che la allora duchessa di Calabria scriveva al duca di Milano per informarlo della buona salute dei membri della famiglia reale, si scusava perché la lettera non era autografa: «et si la presente non è scripta de nostra manu, ve pregamo non lo imputati ad nuy per pigriza, ma ala nostra convalescenza»6.

  • 7 Isabella di Chiaromonre a Francesco Sforza, Napoli 25 maggio 1462, ASM, SPE, Napoli, 208, 38; Isabe (...)
  • 8 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 30 giugno1458, in DS, I, p. 665.

5Degne di nota sono due missive con le quali ella notificava al duca e alla duchessa di Milano che nulla di nuovo era accaduto all’interno della capitale regia7. Dunque, la pratica scrittoria della moglie del re era una prassi, convenevole sì al suo status di regina e agli obblighi diplomatici che si confacevano a una donna del suo rango. Attività che rispondeva al canonico debito informativo, rispecchiando un tipico costume delle corti rinascimentali che era dovere sociale, forma e codice di comunicazione: «per farve noticia delle cose ad nui occurrenti dallo canto da cqua, como debita cosa hè»8, sentenzierà Isabella. Ma era anche, e soprattutto, volta alla costruzione e al mantenimento di rapporti e di alleanze politiche: tradiva dunque una strategia dinastica. Basti pensare che le missive, prodotto della cancelleria aragonese, avevano come mittente la regina di Napoli che, durante la Guerra di successione nelle vesti di luogotenente del regno, rappresentava la monarchia.

6Si trattava di veri e propri carteggi politici, che consentono di indagare non solo la funzione diplomatica ma parimenti la natura di un’azione che è politica (asserzione che ci consente di evidenziare un altro punto fermo della società quattrocentesca: la lettera come strumento di governo, nelle mani di re, principi, signori, ma anche di regine, principesse, duchesse, e così via).

  • 9 Renato d’Angiò, (1408-1480) figlio di Luigi II e di Iolanda d’Aragona, duca di Lorena, re di Napoli (...)
  • 10 Sulla Guerra di successione, vedi: Giovanni PONTANO, De bello Neapolitano et de Sermone, Neapoli ex (...)
  • 11 Giovanni d’Angiò (1424-1470), figlio di Renato. Governatore di Genova a partire dal 1458. Jacques B (...)
  • 12 Il re aveva messo a disposizione di Giovanni d’Angiò galee e 55.000 lire tornesi. Emilio NUNZIANTE,(...)
  • 13 Il cronista Notar Giacomo, nel narrare lo sbarco in Terra di Lavoro nel 1459 dell’Angioino, non a c (...)
  • 14 Giovanni II d’Aragona († 1479), terzogenito di Ferdinando di Antequera e fratello di Alfonso V. Gli (...)

7Due elementi peculiari della corrispondenza qui presa in esame –l’aspetto diplomatico-politico e il suo uso funzionale– che emergono con forza «inevitabilmente» nel contesto di una forte crisi quale la guerra tra Ferrante d’Aragona e Renato d’Angiò9, pretendente al trono napoletano10. Quest’ultimo affidava la spedizione militare al figlio Giovanni d’Angiò duca di Lorena11, detentore nominale del titolo ducale in Calabria. Egli ebbe dalla sua l’appoggio, soprattutto militare, di Carlo VII12, di Genova e l’alleanza di potenti baroni del regno13, primo fra tutti Giovanni Antonio del Balzo Orsini, principe di Taranto e vertice della feudalità regnicola, nonché parente del re perché zio di Isabella di Chiaromonte. Ferrante poteva contare invece sull’appoggio, ancorché più politico che fattuale, di Giovanni d’Aragona14, e sull’intesa con il nuovo pontefice Pio II e con il duca di Milano, Francesco Sforza.

  • 15 Francesco SENATORE, Parlamento e luogotenenza generale. Il regno di Napoli nella Corona d’Aragona, (...)
  • 16 Il privilegio di luogotenente generale in presenza era, secondo la tradizione aragonese, affidato a (...)
  • 17 Ferrante d’Aragona a Isabella di Chiaromonte, Accampamento presso Barletta 24 agosto 1461, ASM, SPE (...)
  • 18 Ferrante d’Aragona a Isabella di Chiaromonte, Accampamento presso Barletta 24 agosto 1461, ASM, SPE (...)

8Il re, allontanatosi da Napoli nel 1459 –è in assoluto il periodo più lungo di assenza della capitale– per fronteggiare l’Angioino, nominava luogotenente generale il figlio Alfonso duca di Calabria. Molto verosimilmente per la tenera età del giovane –all’epoca aveva appena 11 anni–, gli affiancava Isabella che, di fatto, deteneva il governo della città, coadiuvata da un apposito Consiglio15. L’ufficio di luogotenenza fu svolto in absentia16 e consentiva alla regina di occuparsi dei diversi aspetti della gestione di uno stato. Un’ampia parte della corrispondenza intercorsa tra Isabella e il duca Sforza rispecchia l’andamento della Guerra di successione. Per menzionare un dato quantitativo: su 112 lettere, 45 riguardano notizie militari. Il dato, apparentemente sorprendente per un epistolario femminile, non lo è in quanto rifletteva un ruolo istituzionale e governativo ben preciso, la luogotenenza, appunto –ricordiamo che il corpus documentario abbraccia cronologicamente (1455-1465) l’intero conflitto tra aragonesi e angioini. Di qui, l’incremento della pratica scrittoria della regina, che non faceva altro che riflettere l’esercizio di un’autorità. Un debito comunicativo a cui rispondeva lo stesso re che, impegnato a combattere l’Angioino, informava la moglie dei più importanti sviluppi militari della campagna, in alcuni casi con evidente dovizia di particolari17. Diversi sono i riferimenti ad altre missive vergate per la moglie e in un caso Ferrante enunciava fuor di metafora che «de quello sequirà, serite avisata de continuo»18. Elementi che avallano l’idea, ipotizzabile anche solo per il ruolo che veniva a rivestire Isabella, di una fitta corrispondenza tra il re e la regina, dove trovava spazio il debito informativo e la necessità comunicativa tra re, lontano da Napoli, e reggente.

9Torniamo al carteggio di Isabella. Dalla corrispondenza con lo Sforza, principale alleato (aspetto non secondario, filtro fondamentale attraverso cui leggere le notizie veicolate dalla regina), affiorano i principali aspetti concernenti una guerra: successi del re, spostamenti dei nemici e degli alleati; tradimenti subiti; opere di fortificazione (la difesa della città era una prerogativa del ruolo di luogotenente); emergeva, poi, il consueto problema dell’approvvigionamento di grano e quello della carenza di denaro. Un’altra notevole difficoltà che si presentava, sempre più pressante, era il pagamento dei soldati che, nelle missive di Isabella, dobbiamo constatare non emerge in modo prepotente (rispetto magari ad altri carteggi che potremmo definire familiari): si trattava di problemi di ordine interno, che non trovavano spazio in una corrispondenza diplomatica con una corte esterna, per giunta, indirizzata al principale alleato del re, al quale, verosimilmente, la regina voleva trasmettere un’immagine rassicurante delle cose del regno. Su questo aspetto ci soffermeremo più avanti.

  • 19 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 30 ottobre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 130-131, (...)
  • 20 Lo scontro scoppiò apertamente nel novembre del 1459, quando, fiancheggiato da una potente flotta g (...)
  • 21 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 27 giugno 1463, ASM, SPE, Napoli, 210, 80.
  • 22 Oltre alle missive già citate, il 29 giugno del 1461, il duca informava la regina dell’arrivo a Gen (...)

10Ciò che emerge dalla corrispondenza è un capillare e costante dialogo tra la regina e lo Sforza, il quale veniva informato in modo dettagliato di tutte le fasi del conflitto: da un primo respingimento della flotta angioina approdata a Baia e a Ischia nell’ottobre del 145919 allo sbarco di Giovanni d’Angiò nel novembre del 145920, dalla cacciata della flotta nemica ad opera del Villamarino, conte di Capaccio e Grande Ammiraglio del Regno, (in questo caso la narrazione è davvero molto particolareggiata)21 ai continui ragguagli sugli spostamenti dell’esercito regio. Ugualmente, la regina sarà costantemente aggiornata dal duca di Milano sui movimenti dei nemici22.

  • 23 Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte, Mantova 28 settembre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 56.
  • 24 Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte, Cremona 4 ottobre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 64.
  • 25 Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte, Cremona 15 ottobre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 99.

11In assenza del re, che si trovava in Calabria, Francesco Sforza si rivolgeva a Isabella, che diventava la principale referente con cui parlare di delicate questioni di strategia difensiva militare. Preoccupato per il possibile attacco dell’armata genovese, lo Sforza scriverà alla regina consigliandole di affrettarsi quanto prima a provvedere la città di Napoli di un’adeguata difesa23, in particolar modo d’armare tutte le galee presenti nella capitale cosicché, unendosi alla flotta del Villamarino, sarebbero state in grado di fronteggiare efficacemente il nemico24. Il 15 ottobre del 1459, egli notificava alla moglie di Ferrante l’avvenuta partenza del duca di Lorena da Genova «con la dicta armata cioe con XVIII galee et tre fuste» affinché ella «possa fare le provisione ove et come farà expediente»25. Isabella, nel rispondere al duca dell’arrivo della flotta nemica, mostrava sin da subito il carattere fermo e risoluto di un’abile regina, alimentando una precisa, e probabilmente studiata, immagine della stessa:

  • 26 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 20 ottobre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 109, in (...)

L’armata de nostri inimici è juncta a la insula de Ponsa con XVIIII galee et quactro fuste, dela quale per le vostre littere semo avisata, et multo pocho la tememo, considerati li boni preparatorii che havemo facti in questa cità et per tucte le terre de la marina26.

12La regina, che rappresentava la monarchia, non mostrava timore della venuta dei nemici perché, preventivamente, e ottemperando in modo prudente ai suoi doveri di reggente, aveva provvisto il regno di una solida difesa. Stesso tono tranquillizzante caratterizza una missiva di Isabella datata 30 ottobre 1459 con la quale comunicava al duca l’approdo dei nemici a Baia e a Ischia e la conseguente impresa vincente da lei organizzata:

  • 27 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 30 ottobre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 130-131, (...)

supravendo certi cavalli mandati per nuy dala nocte studiose con alcuni fanti et homini altri de la dicta terra, trovando questoro in terra, li ruppero et ammaczarone una flocta, et fererone et pigliaro assai. Postea die XXVIII° sequenti andaro a Iscla, X migla da longa da Puczolo et, in quella medesma manera sciscero in terra […] in tantum che se fa estima hanno perduti fin al presente più che IIc homini; siché per nuy da cqua quanto toccha ali homini del’armata ne facimo poco estima et speramo con lo aiutorio de nostro signore Dio rendere cossì bon cunto dele terre de tucte queste marine a la maiestà de re, che non solamente terre ma etiamdio homini non timemo perdere27.

13La strategia diplomatica della regina era chiaramente modulata sulle esigenze della realtà. Così, in seguito alla disfatta di Sarno il 7 luglio del 1460, il tono rassicurante della comunicazione cedeva il posto a quello dell’esortazione, quando il 25 agosto Isabella scriveva allo Sforza per sollecitare aiuti:

  • 28 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 25 luglio 1460, ASM, SPE, Napoli, 203, 10. Del r (...)

ve pregamo et stringemo affectuasissimamente quanto potemo vogliati scrivere per modo al signor misser Alecsandro et alo dicto conte che, lassando omne altra impresa, se vengano ad mettere insiemi con la maiestà de re, perché como è forte in campo dove è la persona sua omne cosà vincerà; et speramo in nostro signore Dio che questa perdita che è stata li serà admajstramento per lo avenire. Videmo bene che questo stato tucto pende in vuj, tanto per quello che potite fare per vuj medesmo quanto etiam per quello che potite adoperare con la sanctità de nostro signore el papa, et non dubitamo che in omne eventu farite omne cosa possibile in nostro favore at aiuto, come de continuo non cessati fare28.

  • 29 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 21 agosto 1461, ASM, SPE, Napoli, 207, 245.

14E ancora, quando nell’agosto del ’61 le forze nemiche accerchiarono il re in Puglia che aspettava invano l’arrivo di Alessandro Sforza, Isabella comunicò lo stato delle cose al duca «perché sapemo che potite et volite providerece»29.

  • 30 Isabella di Chiaromonte a Federico da Montefeltro, Napoli 2 luglio 1460, ASM, SPE, Napoli, 203, 78.
  • 31 Francesco STORTI, «La comunicazione diplomatica nelle stanze segrete di Ferrante D’Aragona (1458-14 (...)

15L’azione diplomatica della regina non era indirizzata esclusivamente allo Sforza: nel momento più critico della guerra contro gli angioini, quando le cose sembrarono vacillare sotto gli attacchi nemici, Isabella non esitava a implorare Federico da Montefeltro («ve pregamo, esortiamo, restringiamo et sollecitiamo quanto più affettuosamente et strecta potemo et sapemo») di raggiungere l’esercito del marito, «perché essendo unito questo esercito con la maestà sua non è dubbio seria assai più forte degli inimici et per conseguenza non seria da dubitare della optata vittoria», lasciando trapelare un sentimento di viva preoccupazione: «stando le cose nostre in li termini che so al presente, la vostra venuta secondo lo comune iudizio de tutti quanti semo da cqua non porria essere più […] necessaria che è»30. La missiva ci rimanda lo stato d’animo di una regina che coglieva perfettamente la rovina verso cui sembrava si dirigesse il proprio regno. Al di là della difficile quanto complicata questione dei sentimenti (è plausibile che la regina fosse emotivamente sopraffatta in seguito ad una pesante sconfitta subita dall’esercito regio ma perché comunicarlo al Montefeltro?), sembra che, all’interno di uno spazio solo apparentemente spontaneo, ella si fosse servita di quello che potremmo definire «artificio di franchezza»31: con intenti pratici e finalizzati ad un tempestivo aiuto del condottiero, la regina palesava, senza edulcorazioni, una situazione di estremo pericolo e necessità, al pari del sentimento di apprensione che la spingeva a chiedere, supplicando, l’aiuto degli alleati, attraverso una comunicazione che doveva risultare ad ogni costo efficace.

  • 32 Va tuttavia ribadito che fare una storia dei sentimenti attraverso questa tipologia di carteggi è m (...)

16L’eccezionalità del documento all’interno del carteggio risiede nel fatto che è l’unico che permetterebbe, con tutte le dovute cautele, di aprire una finestra sul mondo interiore dei sentimenti. Ed è un’eccezione che non sorprende, se si tiene conto della natura della corrispondenza, a differenza di altri carteggi che potremmo definire «familiari»32. Il velo della diplomazia difficilmente veniva squarciato dall’emotività, dagli affetti, dai pensieri, dalle sensazioni della regina perché le missive che ella scriveva al duca non rispondevano esclusivamente alla funzione informativa ma si configuravano come veri e propri strumenti diplomatici: Isabella, attraverso di esse, intendeva veicolare un’immagine tranquillizzante del regno sorretto e tenuto saldo da un re forte e giusto. In tale ottica vanno letti gli enfatici enunciati sulle vittorie riportate dall’esercito regio o il ritorno alla fedeltà aragonese di baroni ribellatisi. Così, per citare alcuni esempi, in seguito agli ultimi successi di Ferrante in Puglia, Isabella rassicurava il duca, il quale

  • 33 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 5 settembre 1462, ASM. SPE, Napoli, 209, 70.

stia con iocundità et letitia che li successi della maestà del re vanno tanto prosperi, per gratia de nostro signore Dio et de vostra excellentia che non se porria meglio per lo presente, poiché in brevissimi dì, secondi sentimenti che havimo, speramo significare ad vostra excellentia cose che seranno conclusione et fine alle turbatione de questo regno nostro et impositione de tranquillità et pace in quello33.

  • 34 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 9 settembre 1462, ASM, SPE, Napoli, 209, 100.

17Ugualmente, nel notificare allo Sforza il ritorno alla fedeltà aragonese del duca di Melfi e del conte di Ariano, la regina sottolineava che «le cose della maestà del re per gratia de nostro signore Dio et de vostra signoria omne dì vanno tanto prospere et [f]ecunde che meglio non se porriano fare»34.

  • 35 Durante l’intero conflitto intestino, ad eccezion fatta per la sconfitta di Sarno, Ferrante riuscì (...)

18Le nubi che offuscavano il regno erano ormai lontane e quando fu chiaro a tutti che la guerra stava volgendo al termine e a favore del re di Napoli, nel narrare gli scontri tra la flotta angioina e quella aragonese35, Isabella offriva al duca un’immagine di forza dell’armata regnicola, presentando infine l’immagine di Giovanni d’Angiò che è costretto a lasciare il campo «con poca reputazione»

  • 36 Isabella di Chiaromonte a Federico da Montefeltro, Napoli 14 aprile 1464, ASM, SPE, Napoli, 212, 28

La maestà del re già ha spaczate tucte sue gente darme et è de hora in hora per andare in campo per exequire sue felici progressi, de quello sequirà sarete continuo avisato. Questi dì passati la armata de nostri inimici attivo qua ad Iscla dove fine al presente dì ha [di]morato, non ha però alcuna cosa possutone nocere perché la nostra armata sempre è stata afronte de quella tirandose l’una ad l’altra de multi culpi de bombarda, mo se ne è andato via collo ducha Giovanni con pocha reputazione36.

19Il nemico, impossibilitato a danneggiare l’armata regia che non ha mai lasciato il campo rispondendo ai colpi angioini, non può fare altro che arrendersi e abbandonare il campo, umiliato.

  • 37 Conte di Collesano, marchese di Crotone, conte di Catanzaro e di Belcastro, principe di Santa Sever (...)

20Nella stessa ottica propagandistica, va letta la notizia della cattura di traditori. Nell’ottobre del 1459, la regina notificava al duca di Milano l’arresto del ribelle Antonio Centelles37 e l’assedio di Crotone:

  • 38 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 20 ottobre 1459, in DS, II, p. 392.

Significandove che la maiestà de re, non potendo più comportare li mali modi del marchese de Cutrone, et essendo certissimo de la sua prava intentione, la quale monstrava per effecto, lo ha pigliato con tucti li homini de capo soi, intra li quali è don Jaimo suo frate, et al presente lo tene presone alo castello de Martorano, et hale tolto tucto lo stato suo, che non le resta altro al’havere che Cutrone, dove al presente sta ad campo, et speramo prestissimo lo haverà, dove ce sta la persona dela marchesa; et jà ha posta tucta quella provincia in quiete et tranquillità, et de continente se ne tornarà da queste bande38.

  • 39 Marino Marzano, principe di Rossano, duca di Squillace, conte di Montalto. Sposò Eleonora, la figli (...)

21Il re, a cui spetta il raggiungimento della giustizia volta alla salvaguardia del benessere del regno, non poteva più tollerare le malvagie intenzioni del Centelles, il quale fu arrestato e privato della sua terra, Crotone. Ferrante, dunque, «poneva tucta quella provincia in quiete et tranquillità». Parimenti, nella narrazione del tradimento del principe di Rossano39 l’accento è posto sulla figura autorevole e potente del re, imbattibile in guerra. La decisione di aprire le porte al nemico da parte di Marino Marzano viene presentato da Isabella come un errore di valutazione dello stesso, che aveva sottovalutato la potenza del re Ferrante e del cui gesto sicuramente pagherà le conseguenze:

  • 40 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 24 ottobre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 162, in (...)

Regina Sicilie, Hierusalem et Hungarie. Illustrissime princeps affinis noster carissime. Semo certa la maiestà del re ve avisa de tucte le occurentie da cqua, nientemeno, et per fare nostro debito et perché ne pare condecente, ve significamo como, da po’ iuncta l’armata dele galee deli inimici in questi nostri mari, so’ iuncte doe nave con certi cavalli et victuaglie per le dicte galee, le quale ià se ne forano tornate la via de Genova per fame nanti la venuta de le dicte nave, si non che lo nostro caro parente lo principe de Rossano le ha dato ricepto et victuaglie, che da sé medesma non ha may meso piede in terra che non ce habia lassato del sangue, et credemo che lo dicto principe non haveria tentato may tale errore si havesse pensato che la maiestà de re cossì de subito le fosse stato adosso et, con lo aiuto del nostro signore Dio, lo errore che ha ipso facto li retornarà sopre la testa sua, perché heri iunse cqua la maiestà de re et allogiao ad Sancto Antonio de fore Napoli per intrare hoge cum triumpho dintro la citate, et subito exirà in campo contra lo dicto principe, et non dubitate che dal canto nostro se farà et se usarà omne diligentia et p[o]ssibilitàper vincere40.

22Nella missiva in cui la regina raccontava della resa di Giovanni Cossa, angioino, e del castello di Troia, Ferrante è esibito come esempio di clemenza:

  • 41 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 25 agosto 1462, ASM, SPE, Napoli, 209, 42, in DS(...)

Serenissime ac illustrissime princeps et domine affinis et tanquam pater nobis carissime. Po’ la rotta che habero inimici, la quale è stata più grande che non havemo scripto ad vostra signoria, la maiestà de re have havuta Troia, quale havuta, el terzo dì Joan Cossa se rendì insiemi con lo castello de Troia che era in suo potere, lo quale essendo conducto in presentia del signore re, havendose primo recomandato ad sua maiestà dixe queste parole ad sua maiestà: «Serenissimo principe, la forza, potentia et victoria de vostra maiestà me hanno conducto al conspecto de vostra signoria, la quale suplico per clementia et benignità sua se digne concedere che lo resto de mia vita possa fare honoratamente, como convene ad gentilomo et per lo passato ho facto». La maiestà del re li respose che quanto ipso sa sensa lo havesse servito, et che lo simile intende fare sua maiestà et che multe volte li homini fanno designi ad uno fine et escono el contrario però quando la forza et potentia vince uno homo, quillo è exscusato ad Dio et al mundo41.

23Ferrante si presentava qui non solo come esempio concreto di re giusto e benevolo ma rievocava il padre Alfonso come modello virtuoso: la clemenza, dunque, come virtù di sangue, che apparteneva e contrassegnava la dinastia reale. Un’immagine che si manifestava anche all’esterno, poiché, affermava Ferrante, il Cossa chiedeva clemenza al re conscio di beneficiarne dato che «ipso devea sapere che era figlio dela maiestà del re Alfonso, el quale volse usare tanta clementia verso luy».

24Sulla medesima ideologia propagandistica monarchica di un potere che necessitava di essere visto in tutta la sua magnificenza all’esterno, si inseriva a pieno titolo la percezione di Isabella come luogotenente generale del regno, dunque al capo del governo, anche al di fuori del regno. Francesco Sforza, in una missiva indirizzata alla moglie del re, venuto a conoscenza degli ultimi successi regi, affermava:

  • 42 Francesco Sforza a Isabella di Chiaromonte, Milano 10 luglio 1460, ASM, SPE, Napoli, 203, 136.

Per lettere quale ne ha scritte la maiestà del signore re, vostro consorte, et Antonio da Trezo, nostro secretario, siamo avisati de li felici progressi de sua serenità contro suoy inimici et de l’armata inimica quale non ha facto danno ad le cose vostre; et item de le cose che tuttavia crescono in favore et reputatione de la prelibata maiestà, del che havemo preso et prendiamo quello medesimo conforto et piacere che siamo certi habiano le maiestà vostra, et così con esse ne rallegramo quanto più possiamo; intendiamo etiamdio con quanta solicitudine et prudentia et virtute la maiestà vostra attende ad la cura et guerno ad quella vostra cità de Napoli42.

25Parallelamente, Isabella manteneva un circuito comunicativo aperto anche con la duchessa di Milano, modulato su un diverso registro: lettere di credenza, di raccomandazioni, cordialità, comunicazione di buona salute. Merita menzione una missiva redatta nel giugno del 1462 con la quale la regina, informando Bianca Maria in modo succinto degli ultimi accadimenti calabresi, poneva l’accento sulla vittoria del re nei confronti dei ribelli, capitanati dal Centelles:

  • 43 Isabella di Chiaromonte a Bianca Maria Sforza, Napoli 20 giugno 1462, ASM, SPE, Napoli, 208, 93.

Serenissima ac illustrissima princeps et domina affinis et tanquam soror carissima. Per lettera dell’illustrissimo signore duca vostro consorte vostra signoria anchora intenderà la reductione novamente sequita del marchese de Crotone con lo conte de Nicastro de che speramo sequirà bonissimo fructo de questa reductione, et ali X del presente alzano le bandiere della maestà del re, la quale de maytina con lo nome de dio se avia per andare et venire con lo illustre signore messer Alessandro per succurrere quelle terre de quella provincia de puglia, la quale so state multo oppresse per nostri inimici43.

26Dopo aver recuperato la Calabria, riportando alla causa aragonese il marchese di Crotone e il conte di Nicastro, il re è pronto a partire per la campagna pugliese.

27Proviamo a tracciare le conclusioni. Cosa ci restituisce la corrispondenza diplomatica presa in esame? Quali gli obiettivi e le strategie diplomatiche?

28Innanzitutto il carteggio riflette la luogotenenza di Isabella e la gestione di uno stato. All’interno di esso, un ruolo diplomatico, di mediazione; questo, passando attraverso il debito comunicativo con la principale corte alleata, si fa strategia politica. La regina, in una situazione di estrema crisi, spinta dalla necessità di mantenere saldo il legame con la corte di Milano (da cui provenivano importanti aiuti militari che si riveleranno poi fondamentali per la vittoria finale –Alessandro Sforza era al comando di una corposissima compagine militare) veicolava un’immagine di forza della monarchia napoletana.

29L’azione diplomatica della regina si esplicitava in vari modi e su vari piani: attraverso l’uso di diverse tonalità di dialogo –Isabella conosce e declina tutti i cliché formali, modula gli accenti della comunicazione– mostrava una spiccata capacità diplomatica operata per rendere i collegati sempre più partecipi alla causa aragonese.

30Al di là dell’apparente spontaneità, le lettere di Isabella, firmate da Bernando Lopez, segretario della regina, riflettono una relazione politica e vanno contestualizzate all’interno di un progetto dinastico, che comprende anche la parte maschile. Non va dimenticato che, parallelamente al dialogo con lo Sforza, Isabella era in costante contatto con il marito, in un reciproco e totale scambio di informazioni. Mentre il re combatteva la guerra sul campo, attraverso un’azione coordinata di governo, la regina percorre con consapevolezza il canale diplomatico.

31L’analisi del carteggio ci consente di illuminare, dunque, un livello altro, che si identifica con una precisa strategia diplomatica e monarchica: essa andava nella direzione di una ricerca di consenso e di legittimazione, edificata su un discorso propagandistico di una monarchia forte.

32Lo studio della funzione diplomatica, della mediazione, come categoria di azione politica, consente di evidenziare una partecipazione attiva delle donne alle cose di governo, in un’ottica storiografica che considera l’azione politica femminile, nelle sue diverse forme e declinazioni, inserita nel processo di costruzione, organizzazione e gestione del potere.

33Nella fattispecie, attraverso gli obiettivi e le strategie diplomatiche nelle corrispondenze femminili è possibile isolare i ruoli e le funzioni delle regine e illuminare –in un’ottica di costruzione della regalità in relazione a tutti i membri della famiglia– la struttura, ideologica e non, della monarchia, in questo caso aragonese, così come i meccanismi di esercizio del potere.

Notes

1 Sul dibattito storiografico in questione, vedi Andrea Gamberini e Isabella Lazzarini (ed.), Lo Stato del Rinascimento in Italia, Roma: Viella, 2014.

2 Si rimanda alla storiografia anglosassone e spagnola e ai relativi lavori sulla Queenship e Reginalidad. Vedi, Theresa EARENFIGHT (ed.), Queenship and Political Power in Medieval and Early Modern Spain, Usa: Routledge, 2006; Nuria SILLERAS FERNÁNDEZ, «Queenship en la Corona de Aragón en la baja Edad Media: Estudio y propuesta terminológica», La Corónica. A Journal of Medieval Hispanic Languages, Literatures & Cultures, 32 (1), 2003, p. 119-133; Elena WOODACRE (ed.), Queenship in the Mediterranean. Negotiating the Role of the Queen in the Medieval and Early Modern Eras, Nueva York: Palgrave Macmillan US 2013; Mª del Carmen GARCÍA HERRERO, «Los varones jóvenes en la correspondencia de María de Castilla, reina de Aragón», Edad Media. Revista de Historia, 13, 2012, p. 241-267; Diana PELAZ FLORES e Mª Isabel DEL VAL VALDIVIESO, «La Historia de las Mujeres en el siglo XXI a través del estudio de la Reginalidad medieval», Revista de Historiografía, 22, 2015, p. 101-127.

3 Isabella di Chiaromonte, figlia di Tristano Chiaramonte, conte di Copertino, poi investito del titolo di principe di Taranto, e di Caterina del Balzo Orsini. Sposò nel 1445 Ferrante I, figlio del re Alfonso I, destinato a succedergli nel 1458. Fu, quindi, duchessa di Calabria dal 1455 al 1458 e poi regina di Napoli fino al marzo del 1465, anno della sua morte. Vedi Irma SCHIAPPOLI, Isabella di Chiaromonte regina di Napoli, Firenze: Bibliopolis, 1941; Claudia CORFIATI, Isabella di Chiaromonte: ritratto di una regina, in: Elisabetta MENETTI e Carlo VAROTTI (ed.), La letteratura e la storia, Atti del IX Congresso dell’ADI (Rimini, 21 -24 settembre 2005), Bologna: Gedit, 2007, p. 415- 422; Id., Il Principe e la regina. Storie e letteratura nel Mezzogiorno Aragonese, Firenze: Olschki, 2009; Pasquale CORSI e Maria GRECO (ed.), Isabella Chiaromonte di Copertino regina di Napoli, Galatina: Edizioni Panico, 2017.

4 Archivio di Stato di Milano, Fondo Sforzesco, Potenze Estere (d’ora in avanti, ASM, SPE), Napoli. Alcune delle lettere menzionate sono edite in Francesco SENATORE (ed.), Dispacci sforzeschi da Napoli, vol. I (1442-2 luglio 1458), Salerno: Carlone, 1997; Francesco STORTI (ed.), Dispacci sforzeschi da Napoli, vol. IV (1 gennaio-26 dicembre 1461), Salerno: Carlone, 1998. Va sottolineato che tale corpus documentario è l’unico esistente redatto da Isabella di Chiaromonte, per le note ed infauste vicende che colpirono l’Archivio di Stato di Napoli durante la Seconda Guerra Mondiale.

5 Una tipologia di documentazione che rientra nel fenomeno di «accelerazione straordinaria della produzione epistolare per scopi pratici» (Francesco SENATORE, «Ai confini del “mundo de carta”. Origine e diffusione della lettera cancelleresca italiana (XIII-XVI secolo)», Reti Medievali Rivista, 10 (1) p. 5). È ormai storiograficamente consolidata l’idea del secondo Quattrocento come età della comunicazione epistolare. Su tale tema, oltre ai testi già citati, si rimanda agli studi di Isabella Lazzarini e di Francesco Senatore. In particolare, vedi Francesco SENATORE, «Uno mundo de carta». Forme e strutture della diplomazia sforzesca, Napoli: Liguori, 1998; Francesco MONTUORI e Francesco SENATORE, Lettere autografe di Ferrante d’Aragona, in: Anna Maria COMPAGNA, Alfonsina DE BENEDETTO, Nuria PUIGDEVALL I BALAFUY (dirs.), Momenti di cultura catalana in un millennio, Atti del VII Convegno dell’AISC, Napoli, 22-24 maggio 2000, Napoli: Liguori 2003, I, p. 367-388; Isabella LAZZARINI, Il gesto diplomatico fra comunicazione politica, grammatica delle emozioni, linguaggio delle scritture (Italia, XV secolo), in: Monica SALVADORI e Monica BAGGIO (dirs.), Gesto-immagine tra antico e moderno. Riflessioni sulla comunicazione non-verbale, Atti della giornata di studio (Isernia, 21 aprile 2007), Roma: Quasar, 2009, p. 75-93; Id., Communication and Conflict. Italian diplomacy in the early Renaissance, 1350-1520, Oxford: Oxford University Press, 2015; Id., «Lettere, minute, registri: pratiche della scrittura diplomatica nell’Italia tardomedievale tra storia e paleografia», Quaderni storici, 152 (2016), p. 449-470; Nadia COVINI, Bruno FIGLIUOLO, Isabella LAZZARINI, Francesco SENATORE, Pratiche e norme di comportamento nella diplomazia italiana. I carteggi di Napoli, Firenze, Milano, Mantova e Ferrara tra fine XIV e fine XV secolo, in: Stefano ANDRETTA, Stéphane PÉQUIGNOT, Jean-Claude WAQUET (dirs.), Les écrits relatifs à l’ambassadeur et à l’art de négocier du Moyen Age au début du XIXe siècle, Roma: École française de Rome, 2015, p. 113-161. Per quanto riguarda l’epistolarità al femminile –fonte complessa, indefinito spazio che riesce a contenere parimenti aspetti di storia politica-diplomatica, sociale, familiare e così via e che rispondeva a funzioni diverse– senza pretesa di esaustività, si rimanda ai lavori più recenti: Maria Nadia COVINI, «Tra cure domestiche, sentimenti e politica. La corrispondenza di Bianca Maria Visconti duchessa di Milano (1450-1468)», Reti medievali, 10, 2009; Enrica GUERRA, Il carteggio tra Beatrice d’Aragona e gli estensi (1476-1508), Roma: Aracne, 2010; Christina ANTENHOFER, Alex BEHNE, Daniela FERRARI, Jürgen HEROLD, Peter RÜCKERT (dirs.) Barbara Gonzaga: Die Briefe - Le lettere (1455-1508), Cambridge: Cambridge University Press, 2018; Matteo BASORA, Tra le carte della Marchesa. Inventario delle lettere di Isabella d'Este, con un'analisi testuale e sintattica, Tesi di dottorato, Università degli studi di Macerata, dipartimento di Studi Umanistici, 2017; Isabella LAZZARINI, Epistolarità dinastica e autografia femminile: la corrispondenza delle principesse di Casa Gonzaga (fine XIV-primo XVI secolo) in: Chiara CONTINISIO e Raffaele TAMALIO (dirs.), Donne Gongaza a Corte. Reti istituzionali, pratiche culturali e affari di governo, Roma: Bulzoni, 2018, p. 49-62. In tale direzione si inserisce il progetto MISSIVA – Lettres de femmes dans l’Europe médiévale, di cui questo lavoro fa parte, coordinato da Jean-Pierre Jardin, Patricia Rochwert-Zuili e Hélène Thieulin-Pardo, frutto di una riflessione sulla tralatizia indifferenza storiografica verso i documenti redatti da donne in epoca medievale.

6 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 5 novembre 1455, ASM, SPE, Napoli, 195, 71. Parimenti, le regine della dinastia Trastamara (tanto di Castilla come d’Aragona) si scusavano quando non potevano scrivere di propria mano. Vedi Mª del Carmen GARCÍA HERRERO e Diana PELAZ FLORES, La política femínea de la casa Trastamara a mediados del siglo XV. De la amistad íntima a la colaboración diplomática, in: Mario LAFUENTE e Concepción VILLANUEVA (dirs.), Los agentes del Estado. Poderes públicos y dominación social en Aragón (siglos XIV-XVI), Madrid: Sílex ediciones, 2019, p. 427-456.

7 Isabella di Chiaromonre a Francesco Sforza, Napoli 25 maggio 1462, ASM, SPE, Napoli, 208, 38; Isabella d’Aragona a Bianca Maria Sforza, Napoli 8 agosto 1462, ASM, SPE, Napoli, 209, 201.

8 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 30 giugno1458, in DS, I, p. 665.

9 Renato d’Angiò, (1408-1480) figlio di Luigi II e di Iolanda d’Aragona, duca di Lorena, re di Napoli. Alla morte del fratello maggiore, Luigi III, Renato assunse i diritti sul regno di Napoli oltre alla contea di Provenza e all'Angiò. Per diverse vicissitudini legate a problemi in Borgogna, egli poté solo a partire dal 1437 tentare di impadronirsi del regno. Né derivò uno scontro con Alfonso d’Aragona, il quale, dopo svariate fasi, ebbe la meglio e Renato fu costretto a tornare in Francia. Vedi, Biographie universelle ancienne et moderne, XXXVII, Parigi 1874, p. 339-347.

10 Sulla Guerra di successione, vedi: Giovanni PONTANO, De bello Neapolitano et de Sermone, Neapoli ex officina Sigismundi Mayr M.D.VIIII; Emilio NUNZIANTE, «I primi anni di Ferdinando d’Aragona e l’invasione di Giovanni d’Angiò», Archivio storico per le province napoletane, 17, 1892; Ernesto PONTIERI, La Calabria a metà del secolo XV e la rivolta di Antonio Centelles, Napoli, 1963; Francesco SENATORE, «Il principato di Salerno durante la guerra dei baroni (1460-1463). Dai carteggi diplomatici al De bello Neapolitano», Rassegna Storica Salernitana, 11 (2), 1994, p. 29-114; Giuliana VITALE, «Le rivolte di Giovanni Caracciolo, duca di Melfi, e di Giacomo Caracciolo, conte di Avellino, contro Ferrante I d’Aragona», Archivio storico per le province napoletane, 5 (6), 1966-1967, p. 7-73; Francesco SENATORE e Francesco STORTI, Spazi e tempi della guerra nel Mezzogiorno aragonese: l'itinerario militare di re Ferrante, 1458-1465, Salerno: Carlone editore, 2002; Marialuisa SQUITIERI, La battaglia di Sarno, 7 luglio 1460, in: Francesco SENATORE e Francesco STORTI (dirs.), Poteri, relazioni, guerra nel regno di Ferrante d’Aragona, Napoli: ClioPress, 2011, p. 15-40; Guido CAPPELLI, La sconfitta di Sarno nel pensiero politico aragonese, in: Giancarlo ABBAMONTE, Joana BARRETO, Teresa D’URSO, Alessandra PETRICCIOLI SAGGESE (dirs.), La battaglia nel Rinascimento meridionale. Moduli narrativi tra parole e immagini, Roma: Viella, 2011; Armando MIRANDA, Una «nuova vecchia» battaglia: Troia, 18 agosto 1462. Ricostruzione e analisi dell’evento militare, in: La battaglia nel Rinascimento, op. cit., p. 203-222.

11 Giovanni d’Angiò (1424-1470), figlio di Renato. Governatore di Genova a partire dal 1458. Jacques BÉNET, Jean D’Anjou: duc de Calabre et de Lorraine, 1426-1470, Nancy: Société Thierry Alix, 1997.

12 Il re aveva messo a disposizione di Giovanni d’Angiò galee e 55.000 lire tornesi. Emilio NUNZIANTE, op. cit., p. 371.

13 Il cronista Notar Giacomo, nel narrare lo sbarco in Terra di Lavoro nel 1459 dell’Angioino, non a caso, parla di «chiamata» da parte dell’alta feudalità regnicola: «In loquale anno il predicto duca Ioanne como ad Locumtenente de re Ranere et patre dedicto duca venne del mese de novembro inlo regno alla chiamata delli baruni con vinte galee et certe fuste quale arrivata fe voltare piu segnuri». (Notar Giacomo, Cronica di Napoli, Napoli: dalla Stamperia reale, 1845).

14 Giovanni II d’Aragona († 1479), terzogenito di Ferdinando di Antequera e fratello di Alfonso V. Gli successe nel 1458 al trono iberico e siciliano.

15 Francesco SENATORE, Parlamento e luogotenenza generale. Il regno di Napoli nella Corona d’Aragona, in: José Ángel SESMA MUÑOZ (ed.), La Corona de Aragón en el centro de su Historia 1208-1458. La Monarquía aragonesa y los reinos de la Corona, Zaragoza: Universidad de Zaragoza, 2010, p. 461-467. Sull’istituto della luogotenenza all’interno della Corona d’Aragona, oltre i testi già citati, vedi Jesús LALINDE ABADÍA, «Virreyes y lugartenientes medievales en la Corona de Aragón», Cuadernos de Historia de España, 31-32, 1960, p. 97-172; Id., La gobernación general en la corona de Aragón, Zaragoza: Institución “Fernándo el Católico”, 1963; Id., Los parlamentos y demás instituciones representativas, in: La Corona e il Mediterraneo: aspetti e problemi comuni, da Alfonso il Magnanimo a Ferdinando il Cattolico (1416-1416), Atti del IX Congresso di storia della Corona d'Aragona, Napoli: Società Storia Patria Napoli, 1978, I, p. 103-179; sulla luogotenenza al femminile, vedi Absent Kings: Queens as Political Partners in yhe Medieval Crown of Aragon in Theresa EARENFIGHT, op. cit.

16 Il privilegio di luogotenente generale in presenza era, secondo la tradizione aragonese, affidato al primogenito, dunque ad Alfonso.

17 Ferrante d’Aragona a Isabella di Chiaromonte, Accampamento presso Barletta 24 agosto 1461, ASM, SPE, Napoli, 207, s.n. Sicuramente esisteva un carteggio che la donna intratteneva con il marito, quando egli era lontano da Napoli. Lo deduciamo dalle poche missive superstiti che Ferrante scriveva alla moglie, dove viene esplicitamente fatto riferimento ad altre scritte ed a noi non pervenute. Si tratta di documenti appartenenti allo stesso fondo dell’Archivio di Milano (Fondo Sforzesco, Potenze Estere, Napoli) e in parte pubblicate anche in Armand Adolphe MESSER, Le Codice Aragonese: Étude générale, publication du manuscrit de Paris: Contribution à l’Histoire des Aragonais de Naples, Paris: H. Champion, 1912.

18 Ferrante d’Aragona a Isabella di Chiaromonte, Accampamento presso Barletta 24 agosto 1461, ASM, SPE, Napoli, 207, s.n

19 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 30 ottobre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 130-131, in DS, II, p. 395.

20 Lo scontro scoppiò apertamente nel novembre del 1459, quando, fiancheggiato da una potente flotta genovese e forte del sostegno militare di Giacomo Piccinino, «lo fillolo del duca Rayneri intrò in foce de Castello ad mare de Voltorno et smontò in terra el dicto figliolo del duca Rayneri cum circha due millia persone et congonsese col principe de Rossano et collo duca de Sora ad un casale nominato di Manchi socto la roccha de Montragoni» ([Anonimo a un ecclesiastico], San Germano 18 novembre 1459, in DS, II, p. 403-405)

21 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 27 giugno 1463, ASM, SPE, Napoli, 210, 80.

22 Oltre alle missive già citate, il 29 giugno del 1461, il duca informava la regina dell’arrivo a Genova della flotta di Renato d’Angiò al fine di soccorrere le truppe francesi (Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte, Milano 29 giugno 1461, ASM, SPE, Napoli, 206, 15); il 17 luglio dava notizia dell’avvicinamento dei francesi a Genova e del loro imminente attacco (Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte, Milano 17 luglio 1461, ASM, SPE, Napoli, 206, 61-61); il giorno seguente la informava sulla sconfitta dei francesi a Genova (Francesco Sforza a Ferrante d’Aragona, Isabella di Chiaromonte e A. Da Trezzo, Milano 18 luglio 1461, ASM, SPE, Napoli, 206, 78); il 4 settembre la ragguagliava sulla partenza di Scorinzi da Genova con 7 galee, chiedendo di provvedere, mentre Alessandro Sforza si dirige verso la Puglia (Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte, Milano 4 settembre 1641, ASM, SPE, Napoli, 207, 53); il 12 settembre dava ulteriori notizie sulle galee provenzali e sui successi ottenuti in Puglia, dove erano giunti Scanderberg e Alessandro Sforza (Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte, Milano 12 settembre 1461, ASM, SPE, Napoli, 207, 82-83); l’11 settembre del 1462 annunciava la venuta nel regno di Bernardo Villamarino con 7 navi (Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte, Milano 11 settembre 1462, ASM, SPE, Napoli, 209, 108); il 30 dicembre del 1462 informava la regina e Alessandro Sforza della sospensione delle licenze ai Sanseverino per non insospettire il papa (Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte e Alessandro Sforza, Milano 30 dicembre 1462, ASM, SPE, Napoli, 209, 140).

23 Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte, Mantova 28 settembre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 56.

24 Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte, Cremona 4 ottobre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 64.

25 Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte, Cremona 15 ottobre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 99.

26 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 20 ottobre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 109, in DS, II, p. 392.

27 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 30 ottobre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 130-131, in DS, II, p. 395.

28 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 25 luglio 1460, ASM, SPE, Napoli, 203, 10. Del resto, poco prima, nel giugno del 1460, lo stesso duca di Milano, chiaramente preoccupato per i recenti sviluppi militari, con l’arrivo della flotta angioina a Genova, scriveva alla donna che «non cessaramo de novo confortarla et exortarla ad provedere con ogni diligentia et ogni sforzo» (Francesco Sforza ad Isabella di Chiaromonte, Milano 2 giugno 1460, ASM, SPE, Napoli, 203, 121).

29 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 21 agosto 1461, ASM, SPE, Napoli, 207, 245.

30 Isabella di Chiaromonte a Federico da Montefeltro, Napoli 2 luglio 1460, ASM, SPE, Napoli, 203, 78.

31 Francesco STORTI, «La comunicazione diplomatica nelle stanze segrete di Ferrante D’Aragona (1458-1494): setting analitico o «artificio di franchezza», Studi Storici, 1, 2020, p. 71-101.

32 Va tuttavia ribadito che fare una storia dei sentimenti attraverso questa tipologia di carteggi è molto complicato: se è innegabile una maggiore capacità espressiva, è anche vero che i formulari cancellereschi imbrigliano tale aspetto. La lettera diplomatica non è mai completamente spontanea, libera dai condizionamenti del modello cancelleresco così come delle gerarchie politiche che esprime formalmente. Si rimandi agli studi di Isabella Lazzarini e di Francesco Senatore, già citati.

33 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 5 settembre 1462, ASM. SPE, Napoli, 209, 70.

34 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 9 settembre 1462, ASM, SPE, Napoli, 209, 100.

35 Durante l’intero conflitto intestino, ad eccezion fatta per la sconfitta di Sarno, Ferrante riuscì a mantenere una supremazia militare che lo portò alla vittoria decisiva il 18 agosto del 1462, a Troia (Diomede Carafa a Francesco Sforza, Campo presso Orsara 18 agosto 1462; Roberto Sanseverino a Francesco Sforza, Campo presso Orsara 18 agosto 1462; A. da Pesaro a Francesco Sforza, Campo presso Orsara 18 agosto 1462; Alessandro Sforza a Francesco Sforza, Campo presso Orsara 18 agosto 1462; Ferrante d’Aragona a Francesco Sforza, Campo presso Orsara 19 agosto 1462; in DS, V, p. 194-195). Dopodiché si verificò un lento disfacimento delle forze angioine: perso l’appoggio dei principali alleati e di Genova, passata intanto sotto la supremazia sforzesca, l’Angioino si ritirò a Ischia, dove fu definitivamente sconfitto nel 1465, per poi abbandonare l’Italia.

36 Isabella di Chiaromonte a Federico da Montefeltro, Napoli 14 aprile 1464, ASM, SPE, Napoli, 212, 28.

37 Conte di Collesano, marchese di Crotone, conte di Catanzaro e di Belcastro, principe di Santa Severina. Perse la benevolenza del re Alfonso per avergli disobbedito. Alla morte del re, cercò, con il principe di Taranto, di assicurare la successione reale al principe di Viana. Luigi VOLPICELLLA, Note biografiche, in Regis Ferdinandi primi instructionum liber, Napoli, Stab. Tip. Luigi Pierro & figlio, 1916, p. 315-318.

38 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 20 ottobre 1459, in DS, II, p. 392.

39 Marino Marzano, principe di Rossano, duca di Squillace, conte di Montalto. Sposò Eleonora, la figlia naturale di Alfonso il Magnanimo. Vedi Luigi VOLPICELLLA, op. cit., p. 359-363.

40 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 24 ottobre 1459, ASM, SPE, Napoli, 201, 162, in DS, II, p. 413.

41 Isabella di Chiaromonte a Francesco Sforza, Napoli 25 agosto 1462, ASM, SPE, Napoli, 209, 42, in DS, V, p. 202.

42 Francesco Sforza a Isabella di Chiaromonte, Milano 10 luglio 1460, ASM, SPE, Napoli, 203, 136.

43 Isabella di Chiaromonte a Bianca Maria Sforza, Napoli 20 giugno 1462, ASM, SPE, Napoli, 208, 93.

Auteur

Università di Napoli Federico II

© e-Spania Books, 2021

Licence OpenEdition Books

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search