Version classiqueVersion mobile

Saberes, cultura y mecenazgo en la correspondencia de las mujeres medievales

 | 
Ángela Muñoz Fernández
, 
Hélène Thieulin-Pardo

Saberes, negocios e intercambios político-culturales y familiares

Donne tra Comune e Regnum. Lettere femminili dal carteggio Acciaiuoli della Medicea-Laurenziana di Firenze

Valentina Cardella et Francesco Paolo Tocco

Texte intégral

Attestazioni “femminili” da un fondo epistolare “maschile”

  • 1 Per un catalogo ragionato e per dei regesti sommari di tutte le epistole conservate nel fondo Ashbu (...)

1Le poche decine di lettere di donne del carteggio Acciaiuoli della Biblioteca Medicea Laurenziana1 costituiscono i resti di una dimensione epistolare verosimilmente più intensa, estesa e coerente di quanto si possa in prima istanza supporre. La scarsezza delle epistole conservate potrebbe in prima istanza suggerire una frettolosa svalutazione della capacità di mettere sulla carta volontà e saperi da parte delle scriventi, e indurre a una percezione sottostimata del loro peso nel contesto di un articolato lignaggio che, nel volgere di un secolo, si estese dalla Firenze comunale al regno angioino di Sicilia e, soprattutto, al complesso mondo delle signorie latine di Grecia.

  • 2 I mittenti complessivi del carteggio assommano a 346, tra cui 19 donne. I riceventi sono 71, tra cu (...)
  • 3 Luisa MIGLIO, Governare l’alfabeto. Donne, scrittura e libri nel Medioevo, Roma: Viella, 2008.
  • 4 Ivi, p. 59: «Per diventare una buona massaia la fanciulla imparerà a cucire, ricamare, cucinare, te (...)

2Se, infatti, si confrontano l’indice dei mittenti e quello dei destinatari dell’inventario si nota una significativa sfasatura tra l’esiguità percentuale di lettere con mittenti donne (circa il 5%) e la più consistente presenza (10%) di destinatarie2. Questo secondo dato fa pensare che il peso specifico delle donne degli Acciaiuoli in seno al lignaggio e alle famiglie ad esso imparentate, o a vario titolo connesse, non fosse poi così marginale, mentre il primo rimanda alla dibattuta questione delle abilità scrittorie femminili, risolto in chiave sostanzialmente negativa da Luisa Miglio3: a Firenze le donne imparavano adeguatamente a leggere, ma non altrettanto a scrivere, in una condizione di subordinazione tecnica, e dunque di potere, nei confronti degli uomini4.

  • 5 Questo contributo nasce dalla collaborazione di entrambi gli autori, ma i primi due paragrafi vanno (...)

3Vedremo più avanti se, e quanto, tali considerazioni possano estendersi a tutte le donne degli Acciaiuoli, degli scritti di alcune delle quali la Miglio si è ampiamente occupata. Dopo aver menzionato le scriventi, proveremo a comprendere se costituivano una fragile categoria banalmente segnata dall’identità di genere o se invece sia possibile riscontrare più articolate abilità e competenze. Vedremo anche se col volgere delle generazioni –che nel nostro caso sono tre, andando dalla metà del XIV secolo al primo trentennio del XV– si sia verificata qualche evoluzione di abilità, saperi e ruoli trasmessi dalle epistole. Infine, tenteremo un’operazione più delicata e problematica, che ha spinto all’incontro di competenze storiche e psicolinguistiche5: ricostruire, nei pochi casi che ce lo consentiranno, tratti della personalità e della psicologia delle scriventi.

  • 6 Per una biografia aggiornata del personaggio cf. Francesco Paolo TOCCO, Niccolò Acciaiuoli. Vita e (...)
  • 7 Su Jacopo e Angelo Acciaiuoli cf. Ivi, ad indicem, soprattuto alle p. 286-291, con ulteriori indica (...)

4Prima, però, accenniamo all’uomo da cui si è sviluppato il corpus della Medicea Laurenziana: Niccolò Acciaiuoli, membro di una potente famiglia dell’élite commerciale e bancaria fiorentina, nato nel 1310 e inviato a Napoli poco più che ventenne per dirigere la filiale familiare del banco. Assecondando aspirazioni trascendenti la pur prestigiosa attività mercantile e finanziaria, Niccolò intraprese una prepotente ed invidiata ascesa alle massime cariche del regno angioino, culminata nel 1348 con la nomina da parte di Giovanna I a Gran Siniscalco, carica mantenuta fino alla morte, nel 1365. In questo ventennio, come riconobbe la stessa sovrana, Acciaiuoli fu l’artifex della politica angioina6, per la cui gestione tesseva una fitta trama epistolare in cui spiccano alcuni referenti fiorentini, soprattutto i cugini Iacopo di Donato Acciaiuoli, morto nel 1356, e Angelo di Monte Acciaiuoli, domenicano, vescovo di Firenze dal 1342 al 1355 e poi di Montecassino fino alla morte, avvenuta nel 1357, nonché Gran Cancelliere del regno angioino dal 13497.

  • 8 Su Lapa e Andrea, nota anche come Andreina o Andreola, cf. F. P. TOCCO, Niccolò Acciaiuoli, ad indi (...)
  • 9 Sulle caratteristiche della scrittura delle due sorelle e la relativa bibliografia cf. Marco CURSI, (...)

5Compongono questa trama iniziale anche tre donne: la moglie del Gran Siniscalco, Margherita Spini, che però nell’epistolario figura in posizione del tutto marginale, e le due sorelle, famose, e non sempre in chiave positiva, grazie alla penna di Giovanni Boccaccio: Lapa, la maggiore, e Andrea, o Andreina o Andreuola, la minore8. Entrambe hanno lasciato tracce epistolari, anche autografe, soprattutto Lapa, sulla quale ci soffermeremo più a lungo9.

  • 10 Su Manente cf. F. P. TOCCO, Niccolò Acciaiuoli, p. 284-85 e 292-93. Sui Buondelmonti in generale cf (...)

6Con alcune delle figlie di Iacopo di Donato Acciaiuoli, sposato con Bartolomea Ricasoli, e di Lapa, moglie di Manente Buondelmonti10, passiamo alla seconda generazione di scriventi, coniugate con nobili angioini, feudatari nel Mezzogiorno o in Grecia. Sono Sigismonda Acciaiuoli, detta Sismonda, figlia di Iacopo andata in sposa a Matteo d’Ascoli, nonché Giovanna e Maddalena Buondelmonti, figlie di Lapa, mogli rispettivamente di Antonello Ruffo, conte di Catanzaro e Leonardo I Tocco, Duca di Leucadia e Conte di Cefalonia. A loro accostiamo, ma solo perché della medesima generazione, una nobildonna regnicola, Mattea Castaldo, moglie del quarto e ultimo figlio di Niccolò Acciaiuoli, Lorenzo.

  • 11 Su questo importante personaggio politico della Firenze di fine Trecento si veda almeno quanto ripo (...)

7Per focalizzare le scriventi della terza generazione va ricordato uno dei molti figli di Iacopo Acciaiuoli, Donato11, che in seconde nozze avrebbe sposato Checca de’ Giacomini, autrice di alcune epistole particolarmente interessanti. Un figlio di Checca, Neri II, sposò poi Lena di Palla Strozzi, sulla quale torneremo, mentre un figlio naturale di Donato, Franco, sposò Margherita Malpigli, di cui nel fondo resta una sola epistola, ma degna della massima attenzione.

8Per esigenze di completezza ricordiamo infine Maria di Piero de’ Pazzi, moglie di Donato II Acciaiuoli, figlio di Lena e Neri II, nonché Laodomia Acciaiuoli, forse sposata a Pierfrancesco de’ Medici il Vecchio. Con loro si passa ad una quarta generazione della quale restano solo tracce molto labili con cui si spegne ciò che resta dell’attività epistolare femminile del fondo.

Le sorelle Acciaiuoli

  • 12 F. P. TOCCO, Niccolò Acciaiuoli, p. 283: «molto simile a Niccolò per carattere e attitudini organiz (...)
  • 13 Andrea si trasferì in giovane età nel Regnum, dove sposò un figlio naturale di re Roberto, Carlo II (...)

9E veniamo a Lapa e Andrea sulle quali, come si è accennato, non difetta la bibliografia che, concordemente, identifica in Lapa l’alter ego femminile di Niccolò12 e in Andrea il “pegno” con cui il fratello iniziò un’accorta e felice politica matrimoniale13 che gli consentì di imparentare suoi congiunti all’alta nobiltà regnicola e a creare quel lignaggio ibrido tosco-napoletano, che si esprimerà ai massimi livelli in Grecia.

  • 14 Un ulteriore contributo sulla scrittura delle due sorelle in M. CURSI, «Gli Acciaiuoli e Giovanni B (...)

10Tanto per Lapa quanto per Andrea prenderemo in considerazione esclusivamente le epistole conservate alla Laurenziana, pur considerando ulteriori elementi di contestualizzazione forniti da altre lettere ivi custodite, non scritte da loro, né a loro indirizzate, nonché da altre tipologie di fonti14.

11Sulla scrittura di Lapa molto ha scritto Luisa Miglio non potendo esimersi dallo sconfinare in ambiti ulteriori su cui attentamente riflettere:

  • 15 L. MIGLIO, Governare l’alfabeto, p. 67.

[…] Lapa si presenta nel carteggio di famiglia solo con poche righe di scrittura. Sono, in un caso, parole concise, vergate di sua mano in fondo a una lettera, a suo nome ma non autografa, da cui forse è presuntuoso dedurre la competenza grafica di chi le tracciò; ma bastano, per lo meno, a suggerire un rapporto con la scrittura impacciato e faticoso, una capacità acquisita ma non coltivata. […]. Ma l’analisi formale sembra superflua quando, come in questo caso, le parole sono vanificate dall’evidenza di un confronto: quello con la minuscola armoniosa, accurata, sciolta, di chi si sostituì a Lapa nel vergare il testo della lettera. Una distanza stellare separa le due manifestazioni: armonia, scioltezza, eleganza sono parole che non entrano nel vocabolario grafico di Lapa, ma sarebbe ingiusto schiacciare quei segni inabili sotto il peso di un confronto improponibile. Per l’anonimo scrivente delegato la scrittura era un diritto, per Lapa, forse, una conquista.15

12È proprio su questa incerta conquista che dovremo soffermarci, valutando il contenuto delle lettere scritte da Lapa e di quelle a lei indirizzate. Riteniamo, infatti, che per Lapa, come pure per Andrea, la gestione a pieno titolo delle relazioni sociali, economiche e politiche, in piena equiparazione con i contemporanei di genere maschile fosse un diritto o, se si preferisce, un privilegio riconosciuto, che poteva contemplare anche l’attività epistolare.

13La Miglio prosegue comparando la formazione scrittoria delle due sorelle Acciaiuoli con quella di Niccolò e aprendosi ad alcune concessioni:

  • 16 Ivi, p. 68.

Dubito che Acciaiolo Acciaioli, mercante abile e accorto che si muoveva tra Firenze e Napoli, abbia concesso a Lapa –e alla sorella Andreina– lo stesso trattamento scolastico riservato al figlio Nicola avviato alla scuola di Giovanni Mazzuoli da Strada; forse anche loro erano destinate, come le fiorentine descritte dal contemporaneo Boccaccio, a trascorrere il “tempo nel piccolo circuito delle loro camere racchiuse,” ma ambedue riuscirono ad evadere da quel recinto angusto. Per strade diverse, però, che incrociarono in modi diversi scrittura e cultura scritta.16

  • 17 Ivi, p. 69.
  • 18 Cf. F. P. TOCCO, «Tracce della politica fondiaria di Niccolò Acciaiuoli nel Principato Citra», in: (...)

14Lapa «investita dal fratello Nicola di compiti maschili»17, fu quasi costretta a stringere tra le dita la penna anche se, aggiungiamo noi, nessuno le impediva di dettare le proprie lettere mentre rappresentava a pieno titolo il Gran Siniscalco, stipulando in sua assenza contratti come quelli relativi all’affitto di alcune terre vicino Sarno, in cui veniva esplicitamente definita «eiusdem domini procuratris et negociorum gestrix ac gubernatris casalis eiusdem et aliarum terrarum ipsius domini parcium Principatus Citra.»18 Contratti che rispecchiavano le volontà del fratello ma erano elaborati dalla sorella, con competenza di forme e contenuti. Non stupisce, quindi, che Niccolò potesse scriverle in questi termini:

  • 19 Molte lettere conservate alla Medicea, Laurenziana sono state trascritte nelle appendici documentar (...)

Io torno con grossi debiti […] et inperò se tu ami mio onore e mia consolazione, fa’ che io trovi denari assai, specialmente esatta la moneta integra deli frutti e rendita mia di quest’anno passato, e la colletta di nuovo imposita, et io sacerò bene quanto debbe montare […].19

  • 20 Giovanni BOCCACCIO, «Buccolicum carmen», in: Aldo Francesco MASSÈRA (ed.), G. BOCCACCIO, Opere lati (...)

15La competenza economica di Lapa risulta poi esaltata in transazioni non del tutto limpide, come quelle che traspaiono almeno da una delle sue epistole, che passeremo ad analizzare non prima di aver ricordato che Boccaccio, con l’acidità di chi non era stato gratificato come sperava dal Gran Siniscalco, nell’VIII egloga del suo Buccolicon Liber rappresentava un’avara e rapace Lupisca, dietro la quale deve ravvisarsi Lapa20. In un’epistola inviata al cugino Iacopo di Donato a Firenze il 5 settembre di un anno compreso tra il 1352 e il 1355 –mentre Niccolò, assente nel momento in cui la lettera è redatta, era nel pieno della carriera– Lapa scrive che il fratello vuole aiutare un parente fiorentino in difficoltà, e lo comunica con padronanza delle articolate modalità operative:

  • 21 Ashb., 1, 64. Parzialmente trascritta e analizzata in L. MIGLIO, Governare l’alfabeto, p. 67-69.

Lo gran siniscalco […] vuole fare questa cortesia a Dardo per amore del padre suo, che elli vuole che se ne comperi uno podere che dica la carta nello suo monasterio, siché la proprietade sia solamente del monasterio. Della rendita esso vuole fare questa largheza, che Dardo l’abbi in sua vita. Lo modo di questo fare più acconciamente saprai trovare tu. E a detto vuole esso che stia, o di darlo a ficto a Dardo o come vuogli, pure che lla intentione di messere sia compiuta in quello modo che tu puoi avere compreso.21

  • 22 Laura DE ANGELIS, «“Refugio e forteza”: la certosa degli Acciaiuoli», in: A. ANDREINI et alii, Nicc (...)

16Il problema sottinteso, al quale Lapa opportunamente allude senza sbilanciarsi, mostrando un livello di competenza e consapevolezza comunicativa adeguato a un testo che poteva anche finire in mani sbagliate, è che il Comune non doveva poter tassare il podere oggetto della donazione, nel solco della strategia inaugurata da Niccolò che riuscì a salvare il proprio patrimonio immobiliare e fondiario dalle richieste dei creditori del fallimento del banco di cui era uno dei massimi rappresentanti e dalle successive tassazioni del Comune donandolo alla certosa di San Lorenzo, da lui provvidenzialmente fondata pochissimi anni prima del fallimento, avvenuto nel 1343, pur continuando a mantenere in qualche modo la gestione economica di questi beni22.

17Lapa, peraltro, aggiunge una duplice raccomandazione, prima facendo scrivere «al parere mio Dardo a assai bisogno, e messere in questo modo lo sovviene volentieri», e in chiusura, per maggior sicurezza, aggiungendo di proprio pugno, a certificare in maniera autonoma la sua funzione specifica di mediatrice, le seguente frase: «Io ti priegho che quelo che mastro Zanobi ti scrive che enne sia solecito e che Dardo ti sia rachomandato.»

  • 23 Su questo letterato amico di Niccolò Acciaiuoli e la relativa bibliografia aggiornata, cf. Marco BA (...)
  • 24 L. MIGLIO, Governare l’alfabeto, p. 67.

18Il mastro Zanobi era un intellettuale fiorentino di un certo peso, Zanobi da Strada23, figlio di quel Giovanni Mazzuoli da Strada, che aveva insegnato a leggere e scrivere a Niccolò e, forse, non si sa fino a che punto, a Lapa e Andrea. Probabilmente oltre il punto minimo supposto dalla Miglio. Se, infatti, si confronta la scrittura di Niccolò con quella di Lapa, non sarà difficile constatare come, al di là delle incontestabili difficoltà della sorella, quello che secondo la Miglio è un elemento negativo della competenza scrittoria di Lapa, ovvero la mancanza di legature tra le lettere24, si può riscontrare anche nel ductus di Niccolò.

  • 25 Ashb., 1, 63. Edita in É. LÉONARD, Histoire de Jeanne, p. 637-38.
  • 26 PJ, 3, 10.

19L’altra lettera scritta dalla sorella del Gran Siniscalco, datata 13 luglio 1359, è indirizzata al nipote Giovanni di Iacopo Acciaiuoli, che di lì a poco sarebbe stato nominato vescovo di Patrasso25. È scritta in latino, dunque costituisce una traduzione delle parole di Lapa, ancora una volta interprete ed esecutrice della volontà fraterna in una vicenda di politica matrimoniale, pur senza omettere ulteriori raccomandazioni personali: «vos precor actente ut cum omni studio et sollicitudine vestras interponendo partes operamini quod parentela predicta fiat.» In chiusura compare una notazione scritta in un latino solecistico: «Dominus Nerius, Donatus et Sismunda gracia Dei bene valemus.» Neri, Donato e Sismonda, sono tre nipoti del Gran Siniscalco, figli del cugino Iacopo di Donato, che crescevano alla corte di Niccolò, sotto le cure della zia Lapa, in un meditato e consapevole progetto di formazione nobiliare dei migliori tra i nipoti, in cui anche Andrea, contessa di Monteodorisio, svolgeva il suo ruolo, come si può desumere da un passo di una lettera del politico: «O avuto placiere assai deli filii di Jacopo venuti a Napoli. Vollio que la fenmina sia in loco della contessa di Montedorisi [e] lo masculo mi sia mandato»26.

20Un progetto che avrebbe sviluppato intraprendenza e autonomia tanto nei due maschi quanto nella femmina, Sismonda, che così, con divertito orgoglio Zanobi da Strada descriveva ai genitori:

  • 27 Ashb., 2, 501.

A madama Bartolomea direte che la Sismonda è fatta sì napoletana che ella non la intenderebbe. Ella fa la guerra meco perché io dico che le pare essere troppo bella con queste robe del vaio. […] Forse che le fanciulle et ogni gente et donne et tutti andremo in gualdana?27

21Le competenze di Lapa si dispiegheranno ulteriormente dopo la morte di Niccolò, quando diventerà punto di riferimento assoluto per gli Acciaiuoli tra Regnum e Firenze, fino all’ultimo giorno della sua vita (conclusasi con molta probabilità nel 1384) come risulta con evidenza dalle lettere superstiti a lei indirizzate, che, in un gioco di sponda, informano anche sulle competenze che la sorella del Gran Siniscalco possedeva e trasmetteva ai congiunti.

  • 28 Ashb. 2, 173; 2, 137; 2, 83; 2, 427; 2, 280; 2, 214.

22Dalle undici epistole del fondo di cui è destinataria28, probabili relitti di una produzione che dovette essere molto più estesa, traspare costantemente il ruolo di dispensatrice di suggerimenti e protezione assunto da Lapa e, in primo luogo, di nume tutelare dei molteplici membri della famiglia dispersi tra Regnum e Grecia.

  • 29 In I. G. RAO, op. cit., l’epistola è datata al 1361, ma una serie di elementi interni al testo ci s (...)

23Molto interessante, in tal senso, la lettera inviata a Lapa da Filippo de’ Bardi, probabilmente nel 137629. Lo scrivente, infatti, un referente fiorentino ben inserito nell’ambiente regnicolo, passa in rassegna le nuove famiglie in cui nipoti e figlie di Lapa si sono inserite, a partire da quella di cui fa parte la figlia Maddalena, sposa di Leonardo I Tocco, del quale racconta l’eccezionale accoglienza riservatagli a Nocera dalla regina Giovanna:

  • 30 Chiaro indizio di un’attività epistolare costante.
  • 31 Ashb., 2, 173.

Voglio bene che sacciate che madama la reina non come duca o Conte ricevette monsignore, ma come fosse stato stretto di suo sangue, tanto honorevolemente e gratiosamente e dimesticamente lo ricolse, vogliendo che isso con tutti suoi cavalieri e gentili homeni nell chastello di Nociera infino ala porta de la gran sala dove issa era andasse a chavallo. […] E credo in breve tempo udirete bone novelle d’isso. In Cefalonia dicea che andrebe a Roma. Non so se llo farà, ma ogni cosa che averà o dilibera inscriverò ispesso. Credo che verrò a vedervi innanzi che monsignore torni in Romania. Pregovi quanto posso che quando scrivete a monsignore30 mi racomandiate allui, acciò che isso più volentieri mi procuri alcuna cosa alla Morea, bene che isso m’ave ditto di farlo ma colla vostra racomandigia ne farà di più.31

24E più avanti, dopo aver riferito sullo stato di Maddalena, aggiunge particolari relativi all’altra figlia di Lapa, Giovanna, sposata con il Conte di Catanzaro, Antonello Ruffo, e poi a tutti gli Acciaiuoli del Regnum:

  • 32 Ibidem.

Madama la duchessa e tutte le sue figlie stanno bene, e tosto se piacie a Dio n’avremo uno maschio, e dio ne consoli essa e monsignore e tutti. Essa ista bene che non vi poria scrivere il quanto, ed è più donna che altra di suo paese. Simile iudico di Madama di Catanzano che ista bene con tutti figli, e llo conte si passava mo assai bene. Madama di Catanzano mi fece assai festa, e donomi uno puletro dela sua raza. Idio la magnifichi e conservi nella sua grazia. Messer Antonio Characcioli ista bene, e a questi giorni passa in Calavra in sulla galea di monsignore che ritorna in Cefalonia. Madama Maria e tutti suoi figli stano bene, e simile lo gran siniscalco e li frati e lli figli, e tutti.32

  • 33 Su questo rapporto cf. F. RUSSO, Santa Brigida nella leggenda e nella storia, Lanciano: Carabba, 19 (...)

25Per Lapa resta un ultimo elemento da sottolineare: l’intensa religiosità, caratterizzata dal rapporto devozionale e di conoscenza diretta con Santa Brigida di Svezia33 che potrebbe essere richiamato da un’allusione poco chiara alle “donne di Norrohet” contenuta in un’epistola inviata alla madre da Giovanna, la contessa di Catanzaro, parte di un periodo attestante come Lapa probabilmente si dedicasse alla cura religiosa dei congiunti e scrivesse su tali argomenti anche lettere di cui è rimasto solo questo labile indizio:

  • 34 Ashb., 2, 214.

Regraciavi […] la mogliere di Garziballu et voi de l’Agnus Dei li quali mi mandastivo cum missere Marchuziu, et sonu multu reallegrata de la grande condiccione et miraculose operaccionni de le donne di Norrohet, quale voi scriveti, licet io de credeva sempremai molto più. Et volessi idio che io potessi conversare sempre su lloro. Et pregovi che se voi scriveti ad ipsi che me recommendiati a lloro et alle oracioni sue.34

  • 35 Sulla recente scoperta di due lettere autografe di Andrea Acciaiuoli cf. M. CURSI, Gli Acciaiuoli, (...)

26Ci siamo dilungati su Lapa, mentre ad Andrea, della quale recentemente sono state scoperte due lettere autografe35, basterà fare un breve cenno, indicativo di quanto aderisse ai valori regnicoli e li ostentasse, anche con durezza, davanti ai parenti fiorentini.

  • 36 Ashb., 2, 51, 28 aprile 1388, Morrone. Per la bibliografia su questa famosa lettera cf. L. MIGLIO, (...)

27Andrea è famosa per un passo ampiamente studiato in cui dichiara di aver sottratto furtivamente dei sonetti giovanili del secondo marito, inviandoli al cugino Donato Acciaiuoli per rivederli formalmente, perché «[…] credimus fore male scriptas; nam scriptores harum parcium in lingua nostra non bene scribunt.»36 Ma se da queste parole traspare tutto l’orgoglio della cultura fiorentina di provenienza, nella medesima lettera è attestata la convinta adesione di Andrea ai valori e agli stili di vita nobiliari regnicoli, rinfacciati con durezza al cugino per lamentarsi del fallimento delle trattative matrimoniali tra sua figlia Francischella e il fiorentino Antonio Alberti, arenatesi molto probabilmente per le eccessive richieste dotali:

  • 37 Ashb., 2, 51.

[…] nuncium dicti domini Antonii per eum pridie missum clarum dedissemus responsum super eius postulacione stolida et superba pro quo signanter ecce ad vos mittimus Martellinum ut vobis pateat nos nullo modo parentelam ipsam velle firmare. Nam filie comitum per magnates huius Regni non sic de facili renunciantur sicut per florentinos vos. Itaque in hoc meliorem et honorificentiorem vobis modum illic eligatis et clare notum vobis sit quod tantam indignationem dominus vir noster, nos et dicta Francischella in puplico testimonio de tam turpi refutacione quod debito tempore ante etatem ipsa Francischella in puplico testimonio proclamavit ac expresse refutavit velle in virum dominum Antonium supradictum et debitus factus est inde processus iuxta consilium sapientis. Sic quod amodo pro honore vestro Florencie illum modum quem videbitis teneatis, nam hic modus tenebitur qui honorificus nobis erit.37

  • 38 Cf. Ashb., 2, 55; 2, 50; 2, 52; 2, 53; 2, 54; 2, 51; 2, 49.

28Tutte le lettere superstiti di Andrea della Laurenziana sono incentrate su questa fallita vicenda matrimoniale, dalle prime fiduciose aperture fino alla durissima conclusione: era dunque la madre, con esplicita delega del marito, il conte Bartolomeo d’Altavilla, a condurre le trattative38.

Le altre due generazioni: società e psicologie a confronto

  • 39 Pubblicato in Jean-Alexandre C. BUCHON, Nouvelles recherches historiques sur la Principauté françai (...)
  • 40 Su Neri I Acciaiuoli cf. Dizionario Biografico degli Italiani, I, 1960 Roma.

29Con questa miscela di orgoglio letterario fiorentino e di consapevolezza di status napoletana, un prodotto socio-culturale tanto ibrido quanto solido, ci volgiamo alla seconda generazione, con le epistole di Sismonda, tra le più originali di quelle femminili del fondo. Di Sismonda quasi non abbiamo notizie, per cui bisognerà cercare di contestualizzarne la figura con i pochi elementi storici a nostra disposizione. Esiste però un atto che ce la mostra ormai matura, forse vedova, dal quale è immediatamente possibile desumere elementi significativi della sua capacità di gestire il potere. Un documento che la mostra calata nel ruolo di punto di riferimento delle trame familiari che era stato di Lapa, ma con una connotazione nettamente più marcata e politica che va oltre il già fondamentale ruolo di depositaria ufficiale di una volontà maschile. È il testamento redatto dal cugino Neri39, che sappiamo essere cresciuto con lei nel Regnum sotto lo sguardo benevolo e interessato di Niccolò Acciaiuoli. Siamo nel settembre del 1394 e Neri, dopo travagliate vicissitudini, è duca di Atene, avendo coronato il sogno di creare una vasta signoria in Grecia, ampliamento considerevole della realtà già abbozzata dal Gran Siniscalco che, ricordiamolo, aveva deciso di adottarlo, intuendone potenzialità politiche e militari40.

  • 41 Ashb., 1, 170; 1, 171; 1, 172.
  • 42 Ashb., 1, 18.

30In questo testamento Sismonda figura - assieme alla nipote Francesca, figlia appunto di Neri –quale esecutrice testamentaria del fratello, in un ruolo che, se non può ravvisarsi come inusuale nel mondo dell’Oriente mediterraneo cristiano del tempo, risulta inusuale rispetto al contesto fiorentino. Né si tratta di una pura concessione formale, della ricerca di una persona di famiglia, una sorella, comunque fidata, sebbene donna. Se, infatti, si leggono le tre lettere superstiti scritte da Sismonda41 al fratello Donato di Iacopo, ormai diventato uno dei personaggi più influenti della Firenze di fine Trecento, e quella a lei inviata nel 1417 dal cugino Benedetto Acciaiuoli, terzogenito del Gran Siniscalco e conte di Ascoli42, emerge la figura di una donna dalle molteplici competenze, non solo politiche, peraltro potenziate dalla necessità di agire in un contesto turbolento come quello delle penisole italiana ed ellenica tra fine XIV e inizio XV secolo.

  • 43 Sulla comunicazione epistolare in Morea nel periodo che stiamo considerando e sul ruolo svolto dall (...)
  • 44 Ashb., 1, 170, Corinto 20 febbraio 1393.

31Prima di tutto, però, osserveremo come Sismonda si muova tra Firenze, Regnum e Grecia43, gestendo, come Lapa, le vicende patrimoniali fiorentine: una costante nel contenuto epistolare della maggioranza delle scriventi considerate, e certamente delle più importanti. Sismonda, però, non è semplicemente il braccio destro di Neri, ma una sua controparte paritaria, come si può desumere da questo brano: «Sopra dell’altre cose che voi ci comettesti, ispesse volte n’abbiamo parlato co llui strettamente sopra tutte le parti, come c’informasti.»44 O, ancora di più, da un passo molto articolato di un’altra lettera:

  • 45 Ashb., 1, 171, Corinto, 20 ottobre 1394.

Rispondovi a quello mi pare di bisogno. Inprima nello fatto del cardinale. Assai semo contenti […] il sancto padre gl’a conceduto del fatto di Patrasso. Dio sia quello che glene lasci possedere in pace con consolatione dell’anima e del corpo, di lui et di tucti l’altri suoi. Messer Neri credo che vi scriva sì a monsignore lo cardinale, et sì a voi, quello che lli pare che ssia da ffare intorno a queste materie. Pure nientemeno mo ve ne scrivo quello che è il parere e lla vogla sua, il quale a me non pare che si deggia passare, perché a llui sta ciò che ssi può fare intorno al bisogno di questo fatto, perch’esso è di buono animo et animosamente ne parla di volere atendere a quello che ssia chomune del cardinale et di tucti.45

  • 46 Ibidem

32Sismonda poi, mentre si adopera per confermare e rinforzare le trame di Neri, non manca di esprimere il suo parere personale su più vicende riguardanti congiunti fiorentini, spesso con giudizi abbastanza netti, mostrando una forte personalità, come quando, trattando di «quello di castello Fiorentino» dice «et parmi che faccia conto a quello che a llui è di bisogno, et grande presunzione mi pare fosse la sua adelgitie46», o ancora quando scrive:

  • 47 Ibid.

De’ fatti di Bernardo ne commissi pure a Donato, […] e se Donato gli […] potrà parlare bene. Se none, ordinai co llui che lli scrivessete, et siate certo ch’io non ci lasserò che fare. Messer Neri non è per impacciarsene, come che voi mi scrivete, e sse sentite per lettere di Bernardo, quando voi sapete le ragioni, trovarete che ‘l difetto è di Bernardo, e grande.47

33Poco dopo, continuando di proprio pugno, come tiene a sottolineare, entra nel merito di contrasti familiari con valutazioni etiche che indirettamente illuminano la sua personalità responsabile e critica verso frivoli contenziosi:

  • 48 Ibid.

Dele discordie di madonna e dela sirochia di Biliocto mi duole per bene et per honore de l’una parte e dell'altra, e considero a ppiù cose che spesso intervengono per poca cagione. Io, per me, dico che quelo che no sapessivo medicare voy e coteste donne mancho sapre’ medicar io. Ma tanto dico che sse esse avessono delle ficte al core che agio io e degli altri che sono al mondo non anderiano diricte alle frasche, ma atenderiano a ffare l’ubidente de l’ordine loro. Dio dia loro senno che faciano l’ufitio, perché e le sono poste. Di madonna credo che mmi sarà poca fatica a medicare, perché sana, ubidente e passerà delle cose che ssi possono passare con onore per mancho male e mancho schandalo. Soscrita mano propia.48

  • 49 Ibid.
  • 50 Ibid.

34Il riferimento alle fitte al cuore ci consente di evidenziare un’altra caratteristica di Sismonda che la distingue dalle donne di cui abbiamo parlato finora: la capacità di introspezione. Sismonda non di rado è portata, pur con poche parole, a tratteggiare gli stati emotivi delle persone vicine e lontane, come quando scrive «credo che madompna Francescha aggia avuto grande maninconia nell’animo suo, e io le n’aggio avuto grande compassione»49, o quando dice della duchessa di Cefalonia: «essa n’aveva l’animo molto alterato.»50 Non sono annotazioni marginali, se Sismonda sceglie deliberatamente di inserirle in lettere dedicate a questioni apparentemente più importanti di carattere politico e strategico.

35Chiudiamo con la parte iniziale dell’epistola che il cugino Benedetto Acciaiuoli scrisse a Sismonda nel 1417, in cui si tratta sicuramente di vicende dotali. Ciò che conta per noi sono le attestazioni di profonda stima, a conferma di quanto si è finora sostenuto sulla personalità di questa donna:

  • 51 Ashb., 1, 18, Napoli 21 settembre 1417.

Magnifica et honorabile soro, commo per altre littere ve aio scripto, et cussì per questa ve replico, Iacop venne ad me con vostre lictere, portando vostre istromenti de vostre dote, le quali io recepetti con amore et con caritate, commo ad homo che so pronto et disposto ad cosa che sia vostro bene, sì per respecto de lo parentato che con vuy aio, sì che per respecto de la raysone che vuy avite, sì per respecto de la caritate che vuy me mostrastivo et amore quando fuy ad Firenze. Et siate certa che io ze opereraio et faraio con la maiestà de madamma quanto me serrà possibile in onne vestro bene, stato et honore, e commo le cose sequiteranno ve aviserò.51

  • 52 Le epistole di Maddalena in Ashb., 2, 321; 2, 322; l’unica di Giovanna in Ashb. 2, 214.

36Per esigenze editoriali siamo costretti a tralasciare l’analisi delle lettere di Maddalena e Giovanna, le due figlie di Lapa assurte al rango nobiliare coetanee di Sismonda che ci mostrerebbero competenze e consapevolezze equiparabili a quelle della loro congiunta, sebbene, in tono minore52.

37Ci avviamo dunque alla terza generazione con gli scritti di due donne molto diverse tra loro, Checca de’ Giacomini, seconda moglie di Donato di Iacopo, e Lena, moglie di un figlio di Checca, Neri II. Sebbene si tratti di due caratteri significativamente diversi, noteremo, però, che quanto trapela dalle loro epistole è espressione di valori comuni, quelli delle élites fiorentine degli inizi del Quattrocento, in cui il ruolo della donna è significativamente più compresso e sottomesso di quello delle aristocratiche angioine.

  • 53 Checca, diminuitivo di Francesca, nelle lettere si firma sempre “la Fecha”, e questo ha indotto alc (...)
  • 54 Da: «Notizie di alcune illustri donne del secolo XV scritte da Vespasiano Bisticci», in Archivio st (...)
  • 55 Ashb., 1, 3, 12 febbraio 1423.
  • 56 Ashb., 1, 72, Stip, 29 gennaio 1424.

38Per comprendere quale fosse il ruolo matronale di Checca53, di cui Vespasiano da Bisticci così scriveva: «bellissima […] di mirabili costumi; continentissima di vita e di costumi […] Tutto si fe’ col senno e colla bontà di questa donna; e per suo mezzo si conservò la casa sua, che ebbe molti ostacoli»54, impiegheremo un passo di una sua parente, e precisamente di Margherita Malpigli, moglie di un figlio naturale di Donato di Iacopo, Franco, al quale Neri I aveva lasciato in eredità i beni più prestigiosi di Grecia e che col tempo sarebbe riuscito a riconquistare il ducato di Atene, perduto dagli Acciaiuoli. Una donna che sembra godere anch’essa di un certo spessore, se Antonio Acciaiuoli in una sua lettera sente l’esigenza di raccontarle in dettaglio la situazione politica complessiva, da Gaeta a Forlì ad Imola55. Nell’unica sua lettera superstite, Margherita scrive a Neri II da Stip, in Macedonia, dove cerca di assicurare ai suoi figli i beni che altri parenti vorrebbero loro sottrarre, e così allude alla madre del destinatario: «S’io possa niuna chosa che tti sia in piacere, fa’ quella ragione di me che tu faresti di madonna Fecha, bench’io non sia da tanta.»56

  • 57 L. MIGLIO, Governare l’alfabeto, p. 72, scrive: «Feca era, lo si intuisce dalle sue lettere, donna (...)

39Checca era una donna forte e intelligente, lo constatiamo dalle sue lettere57, tutte integralmente autografe, vergate in una grafia sofferta, anzi come ha scritto la Miglio,

  • 58 L. MIGLIO, Governare l’alfabeto, p. 72.

elementare […] e anche assai povera, scarna, ridotta all’essenziale; il suo patrimonio grafico, verosimilmente acquisito fuori dai canali istituzionali per via imitativa, si limita ai singoli segni alfabetici ma ignora totalmente ogni elemento accessorio della scrittura. […].58

40Siamo però di fronte a una donna perfettamente capace di amministrare i beni familiari, anche in maniera minuta, e per certi versi pedante, come dimostrano più passi delle sue lettere al figlio Neri II:

  • 59 Ashb., 1, 53, 1424.

Sapi che Davanzato cho[n] mia lice[n]zia a venduto i grano e pagato achuna parate di debito e ora vendono pure cho[n] mia lice[n]zia i vino. Dissi a Guido Donati, che fa li fati di meserre Palla isieme cho Davanzato, facesero vendere i grano e vino, e sapi che grano valle da dieci alli udici soldi, e l vino valle pocho; le biade e ogni chosa o detto che facino vendere, salvo che l’olio e llini, cho tuto che bisonnio ci sarebe d’asai danari. Leragioni dele etrate dele posisione di Monte Gufonni cioè delle richo[l]te che a preso Nani non o potuto rive[n]dere, ragione perché mipartì da Fireze a tredici di setebre per chagione della moria che v’era, e anchora no v’e ristata; e vendedo ch’io non era i lluogo ch’io posa farre ne dire que che ti bisognia a rrive[n]dere que che vi s’e richo[l]to apregai Guido detto che mandasi per Nani dilo vino e facesisi mostare tute le richo[l]te che i deto Nani aveva prese, ne poso sapere chome s’abino fato.59

  • 60 Ashb., 1, 56, Arezzo, 8 luglio 1424.

41O ancora: «Delle presta[n]ze se n’è pagate unna grande quantità, di poi che tu ti partisti di qua. Penssa i debito che c’è.»60

  • 61 Ruggero ROMANO e Alberto TENENTI (eds.), Leon Battista ALBERTI, I libri della famiglia, Torino: Ein (...)

42Checca è ampiamente dotata di prudenza, dote rara tra le donne secondo Leon Battista Alberti61. Lo dimostra quest’altro passo in cui un Gaspare di Pasquino di San Gimignano le chiede di indurre il latore della missiva a non contravvenire al volere del mittente, senza però fargli capire che la richiesta proviene da lui:

  • 62 Ashb., 2, 273, San Gimignano 22 giugno 1423.

io prego la vostra Beningnità che vi sia di piacere farci scrivere una lettera a tutti ene noi non mostrando che da me aviate auto lettera, ma chon quel modo che parrà alla prudentia vostra giuvandoci che noi nol doviamo mutare, e rendomi conto che arà multo di giovare. Non mi distendo in troppe parole perché socreto [scil. so’ certo] avete melglo intesomi ch’io nol so dire e ancho che se a bocca vi dirà, sichè di questo io faccio fine.62

43Ma, a differenza delle Acciaiuoli aristocratiche del regno e di Grecia, Checca invoca in ogni lettera la presenza di Neri II, il capofamiglia, come se da sola non potesse governare l’azienda familiare:

  • 63 Ashb., 1, 53.

Priegote che torni a rivedere ongni tua chosa, che bisogno ce n’a.63

  • 64 Ashb., 1, 55.

O saputo novelle di te e ancho per una tua lettera fata a di primo d’aprile, della quachosa ebi chonsollazione di sapere che eri sanno. Ma tu debi pensare che io e la tua famillia siamo in grande amaritudine sendo istato già è tredici messi sanza te e anchora no sapiamo chome sarà presta la tua tornata. […] Tu faresti grade benne a tornare tosto a rrivedere le chose tue, e no le lasciare tanto tempo sanza te.64

  • 65 Ashb., 1, 56.

Ora per questa ti dirò pocho, perché ispero per la grazia di Dio tu farai quello che fia da fare, cioè di tornare a rivedere la tua donna e tue filliuole e lla tua robiciuola che menoma forte. Vollia idio che per l’avenire ella crescha.65

44La necessità della presenza maschile diventa poi ossessivamente imprescindibile in Lena, la moglie di Neri II che invoca ripetutamente e in maniera lamentosa la presenza del marito:

  • 66 Ashb., 1, 318, 14 giugno 1423.

Ora ti dicho no sarò mai lieta, si che tu no tornerai che mai no ci è deti[?] che mi parese più malagevole lo stare sanza te chome mi pare. Io ti precho che tu ci iscriva se tu chredi andare al Sipolgro. Che se tu vi vai, io mi dispererò avere a stare tanto sanza te, siche richordati di me.66

  • 67 Ashb., 2, 319.

Tu dì che no chredi andare al Sipolcro. Sarene molto lieta. Io te ne precho, che no so mai vedere chome io potesi ristare tanto sanza te, che u mese che tue andasti e parmi c’a un ano. Io ti precho che tu ti ingegni di stare sano, e che tue mantencha la promesa.67

  • 68 Ashb., 2, 320.

Io ti priecho che tue t’i[n]giegni di tornare s’el più tosto che tu puoi, che ogni dì mi pare un nano, che quandio no ti vedo tornare i chasa né lla mantina né lla sera né gnuonora, penssando quant’io o a stare ch’io no ti vecha mi vie’ voglia di disperarrami. Doi mese, Neri mio, chom’io potrò io mai tanto istare ch’io no ti vecha Io ti priecho che tu torni tosto.68

  • 69 Ibidem

45Siamo davanti a un atteggiamento di totale sottomissione alla figura maschile, una sottomissione che spinge Lena a scrivere: «Tue mi dicevi pure ch’io ti sgrivesi, sì ch’io ti scrivo lo meglo che so, siche no ti far befe di me.»69 Una frase che suscita stupore se si pensa che Lena era figlia di Palla Strozzi, un intellettuale raffinatissimo. O meglio, che ci conferma quanto Luisa Miglio ha sostenuto per le donne fiorentine, capaci di leggere, ma non di scrivere, perché così volevano i padri. In un mondo in cui la subordinazione è palesemente introiettata dalle donne stesse, che riconoscono l’inferiorità della loro condizione.

46Non è un caso, allora, che Lena scriverà parole struggenti al marito, parole che aprono squarci di introspezione psicologica, quando scoprirà, un attimo dopo il parto, che il figlio tanto atteso è una bambina:

  • 70 Ashb., 2, 318.

Io non o bisogno di nulla, e sto bene, seno ch’io vorei avere fachto il fancullo maschio, che quando ele disono el’è femina, mi venne dolore dela morte, che se fuse stato maschio no m’arei dato la metà mie pena di te. […] Perch’io abi fachta la fa[n]giulla femina no mi dime[n]tichare.70

  • 71 Ashb., 2, 319.

El’è bene più bella della Marcherita, e para bio[n]da, ma voleva esere maschio.71

  • 72 Su questo importante personaggio cf. il Dizionario Biografico degli Italiani, I, 1960, ad vocem.

47Siamo davanti a una donna la cui unica vera realizzazione della vita è garantire un figlio maschio al marito. E che questa fosse la massima aspirazione di Lena lo possiamo anche desumere de quando finalmente partorì due maschi, Pietro e soprattutto Donato, che vide la luce nei giorni in cui il padre moriva nemmeno trentenne a Roma. Lena per Donato avrebbe trovato i migliori maestri e dedicandoglisi interamente, fino a consentirgli di divenire un intellettuale di primo piano della Firenze medicea72.

Considerazioni conclusive

48Fa una certa impressione constatare come l’abilità scrittoria di donne tra loro contemporanee, provenienti da una stessa famiglia, o comunque da un medesimo ambiente, sembrasse dipendere in buona misura dal contesto socio-politico in cui si trovarono a vivere. Un’abilità in evidente relazione con le opportunità e gli spazi di espressione delle innegabili qualità umane di ciascuna di loro. Mentre a Firenze e dintorni Checca e Lena potevano esprimersi unicamente attraverso la cura dei figli o dei loro beni o dei consorti, nei medesimi anni Sismonda e Margherita incarnavano valori e strategie politiche di significativa emancipazione, sviluppando quanto già in misura minore e con margini di ambiguità era toccato in sorte a Lapa e a sua sorella Andrea. Solo verso la fine del XV secolo le fiorentine avrebbero iniziato a scrivere con più abilità e costanza –come Luisa Miglio ha sottolineato nel caso di Lucrezia Tornabuoni– gradatamente uscendo dal recinto casalingo –da loro già egregiamente governato, come ci ha mostrato Checca– per impegnarsi anche in ruoli politici, avviandosi verso una tipologia femminile elitaria di età moderna ampiamente studiata.

  • 73 I. LAZZARINI, «Epistolarità dinastica e autografia femminile: la corrispondenza delle principesse d (...)
  • 74 Per bibliografia e osservazioni aggiornate sull’argomento cf. I. LAZZARINI, «Diventare donne: rifle (...)

49Tutto ciò in perfetta coerenza con quanto ci è stato mostrato, ad esempio, da Isabella Lazzarini nel caso dei Gonzaga73: fu proprio tra le famiglie dei più o meno recenti lignaggi italiani di metà Trecento che le donne avrebbero iniziato a scrivere, intraprendendo una strada di riconosciuta e spesso apprezzata e richiesta autonomia. E se i domini degli Acciaiuoli di Grecia ebbero breve vita, fagocitati dalla potenza ottomana, lo stesso non può dirsi per lo status delle loro rappresentanti di Atene e di Morea. Un modello precoce per l’Italia erede delle esperienze comunali, sbocciato alla corte napoletana di Niccolò Acciaiuoli e poi fiorito con notevole sincretismo in quell’Oriente mediterraneo in cui i più utopistici sogni di gloria cavalleresca del Gran Siniscalco e dei suoi eredi sarebbero diventati realtà. Un modello capace di generare una più ampia via di riconoscimento del ruolo della donna che, innestandosi anche su esempi forniti dell’aristocrazia europea dei secoli passati, avrebbe offerto a una più vasta platea femminile nuovi spazi di espressione di sé, dai più intimi ai più socialmente e politicamente evidenti74.

Notes

1 Per un catalogo ragionato e per dei regesti sommari di tutte le epistole conservate nel fondo Ashburnham 1860, custodite e già schematicamente catalogate presso la Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, ove il carteggio è stato depositato il 4 dicembre 1884, cf. Ida Giovanna RAO (ed.), Il carteggio Acciaioli della Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, Roma: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Libreria dello Stato, 1996. Le lettere verranno sempre citate con la numerazione del fondo Ashburnham 1860.

2 I mittenti complessivi del carteggio assommano a 346, tra cui 19 donne. I riceventi sono 71, tra cui 7 donne.

3 Luisa MIGLIO, Governare l’alfabeto. Donne, scrittura e libri nel Medioevo, Roma: Viella, 2008.

4 Ivi, p. 59: «Per diventare una buona massaia la fanciulla imparerà a cucire, ricamare, cucinare, tessere, filare ma solo raramente a leggere e quasi mai a scrivere; se infatti la capacità di leggere –in volgare, naturalmente– poteva, nell’ottica di un padre borghese tutta volta al profitto e al guadagno, rientrare nella sfera dell’“utile”, non altrettanto avveniva per la scrittura. […] Si trattava insomma non di far acquisire alla giovane donna un valore culturale autonomo, quanto piuttosto un investimento produttivo la cui pericolosità […] si annullava nella pratica di una vita tutta condotta tra le mura di casa…». Si rimanda alla bibliografia contenuta nel volume per una ricapitolazione storiografica essenziale sull’argomento. Per ciò che riguarda un’aggiornata messa a punto degli studi di epistolografia cf. Isabella LAZZARINI, «Introduzione», in: ead. (ed.), «I confini della lettera. Pratiche epistolari e reti di comunicazione nell’Italia tardomedievale», Atti del Convegno, reti medievali, rivista [Issn 1593-2214 (http://fermi.univr.it/rm/rivista/)]10, 2009 (http://fermi.univr.it/rm/rivista/2009.htm), p. 35-45, con una ricca bibliografia in nota alle p. 36-38.

5 Questo contributo nasce dalla collaborazione di entrambi gli autori, ma i primi due paragrafi vanno riferiti prevalentemente a Francesco Paolo Tocco, e il terzo è da ascrivere prevalentemente a Valentina Cardella. Le brevi conclusioni riassumono il lavoro comune e debbono paritariamente attribuirsi ad entrambi gli autori.

6 Per una biografia aggiornata del personaggio cf. Francesco Paolo TOCCO, Niccolò Acciaiuoli. Vita e politica in Italia alla metà del XIV secolo, Roma: Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 2001.

7 Su Jacopo e Angelo Acciaiuoli cf. Ivi, ad indicem, soprattuto alle p. 286-291, con ulteriori indicazioni bibliografiche in nota, nonché le voci relative ai personaggi del Dizionario Biografico degli Italiani.

8 Su Lapa e Andrea, nota anche come Andreina o Andreola, cf. F. P. TOCCO, Niccolò Acciaiuoli, ad indicem, e soprattutto le p. 283-286, con le relative ulteriori indicazioni bibliografiche in nota. Su Andrea si veda anche L. MIGLIO, «Andrea (Andreina, Andreuola) Acciaiuoli», in: Giovanna MURANO (ed.), Autographa II. 1. Donne, sante e madonne (da Matilde di Canossa a Artemisia Gentileschi), Imola: Editrice La Mandragora, 2018, p. 33-35.

9 Sulle caratteristiche della scrittura delle due sorelle e la relativa bibliografia cf. Marco CURSI, «Nicola, Lapa, Andreina: gli Acciaiuoli tra Petrarca e Boccaccio», in: Échanges épistolaires autour de Pétrarque et Boccace, Centre d’Études Supérieures de la Renaissance (Tours, 6-7 juin 2019), in corso di stampa.

10 Su Manente cf. F. P. TOCCO, Niccolò Acciaiuoli, p. 284-85 e 292-93. Sui Buondelmonti in generale cf. Pompeo LITTA, Famiglie celebri italiane, vol. I, Milano-Torino 1847-99, ad vocem; utile anche Roberto BIZZOCCHI, «La dissoluzione di un clan familiare: I Buondelmonti di Firenze nei secoli XV e XVI», Archivio Storico Italiano, 140, 1982, p. 3-46.

11 Su questo importante personaggio politico della Firenze di fine Trecento si veda almeno quanto riportato sul Dizionario Biografico degli Italiani.

12 F. P. TOCCO, Niccolò Acciaiuoli, p. 283: «molto simile a Niccolò per carattere e attitudini organizzative, fu […] costante interprete di bisogni e voleri del fratello […]»

13 Andrea si trasferì in giovane età nel Regnum, dove sposò un figlio naturale di re Roberto, Carlo II d’Artus, conte di Monteoderisio, morto nel 1347. Dopo una prolungata vedovanza, sposò Bartolomeo di Capua, Conte d’Altavilla.

14 Un ulteriore contributo sulla scrittura delle due sorelle in M. CURSI, «Gli Acciaiuoli e Giovanni Boccaccio: libri, lettere, scritture», in: Alessandro ANDREINI, Susanna BARSELLA, Elsa FILOSA, John HOUSTON e Sergio TOGNETTI (eds.) Niccolò Acciaiuoli, Boccaccio e la Certosa del Galluzzo. Politica, religione ed economia nell’Italia del Trecento, Roma: Viella,2020, p. 167-189.

15 L. MIGLIO, Governare l’alfabeto, p. 67.

16 Ivi, p. 68.

17 Ivi, p. 69.

18 Cf. F. P. TOCCO, «Tracce della politica fondiaria di Niccolò Acciaiuoli nel Principato Citra», in: Rivista di Storia dell’Agricoltura, 44 (1), 2004, p. 57-86, p. 75, 79, 83. La formula è contenuta in tre atti di locazione di terreni nei pressi di Nocera conservati presso l’Archivio di Stato di Firenze (da ora ASF), Certosa, 28 ottobre 1358 (due atti) e 15 ottobre 1359.

19 Molte lettere conservate alla Medicea, Laurenziana sono state trascritte nelle appendici documentarie di Émile G. LÉONARD, Histoire de Jeanne Ière Reine de Naples, comtesse de Provence (1343-1382), 3 tomi, Monaco: imprimerie de Monaco; Paris: librairie A. Picard, 1932-1936. Le epistole ivi trascritte e qui citate saranno dunque indicate con la sigla PJ (Piéces Justificatives) seguita dal numero del tomo, da quello del documento e dall’eventuale datazione topica e cronica. L’epistola citata è in: PJ, 3, 54, Calanna, 8 settembre 1357.

20 Giovanni BOCCACCIO, «Buccolicum carmen», in: Aldo Francesco MASSÈRA (ed.), G. BOCCACCIO, Opere latine minori. Buccolicum carmen, carmina et epistolarium quae supersunt, scripta breviora, Bari: Laterza, 1928, p. 36-37: «Hec siliquas porcis et gramina subtrahit agnis, / emungit miseras turpi squalore iuvencas / ac matrum parvos subducit ab ubere natos, / terque die pecudes premit et ter vellere nudat, / si possit, tristique levem consistere lunam / carmine compellit celo, et sibi fascinat edos. / Nec vacat hec somno; virides ambire per agros / nocte etiam videas, et magnos vertice Gauri / enumerare greges. Quid multa? Hec omnia radit. / […] Fur Midas igitur, mechus scelerumque satelles! / O facinus! Meretrix anus est et avara Lupisca!»

21 Ashb., 1, 64. Parzialmente trascritta e analizzata in L. MIGLIO, Governare l’alfabeto, p. 67-69.

22 Laura DE ANGELIS, «“Refugio e forteza”: la certosa degli Acciaiuoli», in: A. ANDREINI et alii, Niccolò Acciaiuoli, Boccaccio, p. 109-128.

23 Su questo letterato amico di Niccolò Acciaiuoli e la relativa bibliografia aggiornata, cf. Marco BAGLIO, «“Avidulus glorie”. Zanobi da Strada tra Boccaccio e Petrarca», in: Italia Medioevale e Umanistica, 54, 2 (III), 2013, p. 343-95.

24 L. MIGLIO, Governare l’alfabeto, p. 67.

25 Ashb., 1, 63. Edita in É. LÉONARD, Histoire de Jeanne, p. 637-38.

26 PJ, 3, 10.

27 Ashb., 2, 501.

28 Ashb. 2, 173; 2, 137; 2, 83; 2, 427; 2, 280; 2, 214.

29 In I. G. RAO, op. cit., l’epistola è datata al 1361, ma una serie di elementi interni al testo ci spinge a propendere per il 1376.

30 Chiaro indizio di un’attività epistolare costante.

31 Ashb., 2, 173.

32 Ibidem.

33 Su questo rapporto cf. F. RUSSO, Santa Brigida nella leggenda e nella storia, Lanciano: Carabba, 1913.

34 Ashb., 2, 214.

35 Sulla recente scoperta di due lettere autografe di Andrea Acciaiuoli cf. M. CURSI, Gli Acciaiuoli, p. 185.

36 Ashb., 2, 51, 28 aprile 1388, Morrone. Per la bibliografia su questa famosa lettera cf. L. MIGLIO, Andrea (Andreina, Andreuola) Acciaiuoli, p. 35 e M. CURSI, Gli Acciaiuoli, p. 186.

37 Ashb., 2, 51.

38 Cf. Ashb., 2, 55; 2, 50; 2, 52; 2, 53; 2, 54; 2, 51; 2, 49.

39 Pubblicato in Jean-Alexandre C. BUCHON, Nouvelles recherches historiques sur la Principauté française de Moreé, vol. 2, Diplomes relatifs aux hautes baronnies franques extraits des archives et bibliotheques de Toscane, Naples, Sicile, Malte, Courfou: seconde epoque, affaiblissement et decadence, de l'an 1333 a l'an 1470, Paris: Librairie de J. Renouard et C.ie, 1843, doc. 48, p. 254-261.

40 Su Neri I Acciaiuoli cf. Dizionario Biografico degli Italiani, I, 1960 Roma.

41 Ashb., 1, 170; 1, 171; 1, 172.

42 Ashb., 1, 18.

43 Sulla comunicazione epistolare in Morea nel periodo che stiamo considerando e sul ruolo svolto dalle donne degli Acciaiuoli in tale contesto cf. Isabelle ORTEGA, «Les relations épistolaires au sein des lignages nobiliaires: comment user de la plume pour consolider son pouvoir en Morée au Moyen Âge», in: Bernadette CABOURET (ed.), La communication littéraire et ses outils: écrits publics, écrits privés, Paris: Éditions du Comité des travaux historiques et scientifiques, 2018, p. 123-139.

44 Ashb., 1, 170, Corinto 20 febbraio 1393.

45 Ashb., 1, 171, Corinto, 20 ottobre 1394.

46 Ibidem

47 Ibid.

48 Ibid.

49 Ibid.

50 Ibid.

51 Ashb., 1, 18, Napoli 21 settembre 1417.

52 Le epistole di Maddalena in Ashb., 2, 321; 2, 322; l’unica di Giovanna in Ashb. 2, 214.

53 Checca, diminuitivo di Francesca, nelle lettere si firma sempre “la Fecha”, e questo ha indotto alcuni studiosi a nominarla Fecha, Fecca o Feca o, addirittura leggendo “T” invece di “F”, Tecca; ma la pretesa “F” non è altro che la resa grafica da parte della scrivente della fortissima aspirazione della “C” tra la vocale dell’articolo e quella successiva, tipica del vernacolo fiorentino.

54 Da: «Notizie di alcune illustri donne del secolo XV scritte da Vespasiano Bisticci», in Archivio storico italiano ossia raccolta di opere e documenti finora inediti o divenuti rarissimi riguardanti la storia d’Italia, tomo 4, Firenze: Pietro Viesseux editore, 1843, p. 447.

55 Ashb., 1, 3, 12 febbraio 1423.

56 Ashb., 1, 72, Stip, 29 gennaio 1424.

57 L. MIGLIO, Governare l’alfabeto, p. 72, scrive: «Feca era, lo si intuisce dalle sue lettere, donna sveglia, volitiva, curiosa di tutto quanto le avveniva intorno anche al di fuori del piccolo ambito domestico, tanto da mescolare alle più scontate informazioni sui piccoli avvenimenti quotidiani notizie di guerre e campagne militari, capace di surrogare con la volontà l’educazione negatale.» Le epistole superstiti di Checca in Ashb., 1, 54; 1, 53; 1, 55; 1, 56.

58 L. MIGLIO, Governare l’alfabeto, p. 72.

59 Ashb., 1, 53, 1424.

60 Ashb., 1, 56, Arezzo, 8 luglio 1424.

61 Ruggero ROMANO e Alberto TENENTI (eds.), Leon Battista ALBERTI, I libri della famiglia, Torino: Einaudi, 1994, 3, p. 439 – 40.

62 Ashb., 2, 273, San Gimignano 22 giugno 1423.

63 Ashb., 1, 53.

64 Ashb., 1, 55.

65 Ashb., 1, 56.

66 Ashb., 1, 318, 14 giugno 1423.

67 Ashb., 2, 319.

68 Ashb., 2, 320.

69 Ibidem

70 Ashb., 2, 318.

71 Ashb., 2, 319.

72 Su questo importante personaggio cf. il Dizionario Biografico degli Italiani, I, 1960, ad vocem.

73 I. LAZZARINI, «Epistolarità dinastica e autografia femminile: la corrispondenza delle principesse di casa Gonzaga (fine XIV-primo XVI secolo)», in: Chiara CONTINISIO, Raffaele TAMALIO (eds.), Donne Gonzaga a corte. Reti istituzionali, pratiche culturali e affari di governo, Atti del convegno internazionale, Mantova, 21-24 settembre 2016, Roma: Bulzoni, 2018, p. 49-62.

74 Per bibliografia e osservazioni aggiornate sull’argomento cf. I. LAZZARINI, «Diventare donne: riflessi e motivi dell’educazione femminile nei carteggi delle corti italiane del Quattrocento» in: Jean-Pierre JARDIN, José Manuel NIETO SORIA, Patricia ROCHWERT-ZUILI, Hélène THIEULIN-PARDO, (coords.), Cartas de Mujeres en la Europa Medieval. España, Francia, Italia, Portugal (siglos XI-XV), Madrid: La Ergástula, 2018, p. 247-261.

Auteurs

Università degli Studi di Messina
Università degli Studi di Messina

© e-Spania Books, 2021

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search