Version classiqueVersion mobile

Saberes, cultura y mecenazgo en la correspondencia de las mujeres medievales

 | 
Ángela Muñoz Fernández
, 
Hélène Thieulin-Pardo

Cartas religiosas: saberes, politica y reforma

Supplicat Sanctitati Vestre devota filia vestra: petizioni di regine, nobili e badesse alla metà del Trecento

Isabella Aurora

Note de l’auteur

Questo lavoro fa parte del progetto di ricerca coordinato Las mujeres de las Monarquías Ibéricas: Paradigmas institucionales, agencias políticas y modelos culturales, subproyecto, Reinas e infantas de las monarquías ibéricas: espacios religiosos, modelos de representación y escrituras, ca. 1252-1504 (ref. PGC2018-099205-B-C21, Ministerio de Ciencia, Innovación y Universidades/AEI/FEDER 2019-2021).

Texte intégral

  • 1 Heinrich DENIFLE, La désolation des églises, monastères, hôpitaux en France vers le milieu du XVe s (...)

1Le suppliche presentate ai pontefici da laici, ecclesiastici, religiosi e dalle universitates costituiscono una fonte unica per la ricchezza delle notizie in esse contenute, come mostrò già nel lontano 1897 Heinrich Denifle che nel suo studio dedicato alla storia della chiesa francese alla metà del XV secolo attinse copiosamente a tale documentazione1.

  • 2 Bruno KATTERBACH, Inventario dei registri delle suppliche, Città del Vaticano: Biblioteca Apostolic (...)

2Dalle suppliche emerge infatti una messe di informazioni in materia beneficiaria e graziosa e in piccola parte, almeno per i tempi più antichi, anche giudiziaria2; esse riguardano la concessione di benefici, esclusi i maggiori, di grazie aspettative, di indulgenze, assoluzioni, licenze a contrarre matrimonio nei gradi proibiti e altro ancora, nonché la richiesta di nomina di giudici delegati. Tale fonte storica si presenta determinante per la conoscenza del papato, del funzionamento della curia, della politica beneficiale e delle modalità in cui si esercitava e manifestava l’autorità dei papi.

  • 3 Nel delicato rapporto tra plenitudo potestatis del pontefice e legge, il papa poteva derogare a que (...)
  • 4 Per una riflessione intorno al binomio supplica-grazia nella prima metà del XIV secolo come strumen (...)

3La petizione e la conseguente lettera pontificia prodotta in risposta, costituiscono infatti un efficace strumento di governo, in quanto permettono l’esercizio del potere attraverso il conferimento di grazie, sottolineando in tal modo l’autorità decisionale assoluta di chi governa3 e al contempo l’accettazione della condizione di dipendenza del beneficiato che impetra grazie, favori o l’avvio di un procedimento giudiziario in virtù della discrezionalità e benignità di colui che detiene il potere4.

  • 5 Si veda a titolo di esempio Maurice PROU, «Suppliques et bulle du XIIe siècle», in: Mélanges offert (...)
  • 6 Si vedano per esempio: F. BARTOLONI, art. cit., p. 21-94, che pubblica documenti provenienti per la (...)
  • 7 Numerose le edizioni; un elenco di quelle più antiche è in B. KATTERBACH, Inventario dei registri d (...)
  • 8 Heinrich FINKE, Acta Aragonensia. Quellen zur deutschen, italienischen, französischen, spanischen z (...)
  • 9 Ursmer BERLIÈRE, «Épaves d’archives pontificales du XIVe siècle. Le Ms. 775 de Reims», Revue Bénédi (...)
  • 10 Émile-A. VAN MOÉ, «Suppliques originales adressées à Jean XXII, Clément VI et Innocent VI», Bibliot (...)
  • 11 Tullia GASPARRINI LEPORACE, «Una supplica originale per fiat del papa Giovanni XXII», Bullettino de (...)
  • 12 Giovanni MUZZIOLI, Rotulo originale di suppliche per fiat di Benedetto XIII antipapa, Roma, 1947.
  • 13 Pierre GASNAULT, «Quatre suppliques inédites adressées à Jean XXII», Bullettino dell’“Archivio Pale (...)
  • 14 G. BATTELLI, «Una supplica e una minuta…», p. 33-50; Marie-Hyacinthe LAURENT, «Trois noveaux rôles (...)
  • 15 Alain DE BOÜARD, Manuel de diplomatique française et pontificale, II, Paris: Éditions Auguste Picar (...)
  • 16 H. FINKE, Acta Aragonensia…, p. XXVII-XXX; G. BATTELLI, «Suppliche al papa di Giacomo II…», p. 3-24 (...)

4Le suppliche originali del periodo più antico sono in numero esiguo5, poche sono anche quelle del Duecento6. Si dispone inoltre di un numero maggiore di petizioni databili tra i pontificati di Clemente V e Gregorio XI7, come, tra le altre, il più antico rotolo di suppliche presentato da Giacomo II re d’Aragona8. Talvolta esse sono recuperate dalle legature di manoscritti, come è accaduto nel codice 775 della biblioteca Capitolare di Reims9, o nel manoscritto 4121 del fondo latino della Biblioteca Nazionale di Parigi10, oppure rinvenute in raccolte miscellanee, quale la supplica inoltrata a Giovanni XXII ritrovata in un codice marciano11, o acquistate sul mercato antiquario12. Originali sono conservati presso grandi istituti di concentrazione documentaria quali, per fare solo alcuni esempi, l’Archivio Vaticano13, la Biblioteca Vaticana14, la Biblioteca Nazionale di Parigi15 e l’Archivio della Corona d’Aragona16.

  • 17 B. KATTERBACH (ed.), Inventario dei registri delle suppliche..., p. 3-4.
  • 18 Probabilmente durante il pontificato di Giovanni XXII le suppliche furono registrate in appositi re (...)

5A partire dal pontificato di Clemente VI sono disponibili i Registra Supplicationum conservati nell’Archivio Vaticano17; essi iniziano dal 1342 e si intensificano poi a partire dal 1410, tuttavia già con il pontificato di Giovanni XXII le fonti indicano la presenza di una qualche forma di registrazione, mentre fu probabilmente Benedetto XII a introdurre dei registri dedicati alla registrazione delle suppliche18.

  • 19 Il progetto, compiutosi negli anni tra il 1979 e il 1985, ha dato origine alla banca dati: Suppliqu (...)
  • 20 William Henry BLISS (ed.), Calendar of entries in the Papal Registers relating to Great Britain and (...)
  • 21 Ursmer BERLIÈRE, Suppliques de Clément VI (1342-1352), Rome-Bruxelles-Paris, Bretschneider-Dewit-Ch (...)
  • 22 Calendar of Scottish supplications to Rome, 1-6, Edinburgh: Scottish History Society, 1934-2017.
  • 23 Per il Portogallo: António DOMINGUES DE SOUSA COSTA, Monumenta Portugaliae Vaticana, I: Súplicas do (...)
  • 24 Gli studi segnalati sono stati scelti in quanto offrono l’edizione sistematica di suppliche per pon (...)
  • 25 Tullia GASPARRINI LEPORACE (ed.), Le suppliche di Clemente VI, I, Roma: Istituto Storico Italiano p (...)

6Benché i registri siano stati utilizzati in diversi settori di indagine della ricerca storica, solo quelli compilati durante il pontificato di Urbano V sono stati oggetto di uno spoglio sistematico in un progetto curato da Anne-Marie Hayez e dall’École française de Rome che ha prodotto una grande banca dati19. Alcune edizioni sono state invece approntate solo in relazione a specifiche aree geografiche e ad alcuni pontificati a cominciare dai lavori di William Henry Bliss relativo alla Gran Bretagna e all’Irlanda20, di Ursmer Berlière concernenti le antiche diocesi del Belgio21, e alla Scozia, di cui sono state censite le suppliche del XV secolo22. Iniziative editoriali si annoverano per il Portogallo e per la Germania23, per ricordare solo alcune24. Per l’Italia sono state edite le suppliche relative al primo anno di pontificato di Clemente VI da Tullia Gasparrini Leporace, mentre in tempi più recenti, sono apparse edizioni relative a petizioni del XV e XVI secolo25.

  • 26 A partire dalle edizioni riguardanti singoli pontificati (Monumenta Hispaniae Vaticana, Sección Reg (...)
  • 27 Demetrio MANSILLA REOYO, «La documetación española del Archivo del “Castel S. Angelo” (395-1498)», (...)
  • 28 Si rimanda, a solo titolo di esempio, ai lavori di Jorge Díaz Ibáñez incentrati sulle suppliche di (...)
  • 29 José GOÑI GAZTAMBIDE, «Tres rótulos de la Universidad de Salamanca de 1381, 1389 y 1393», Anthologi (...)
  • 30 José RIUS SERRA, «Rótulos presentados a Benedicto XIII», Analecta Sacra Tarraconensia, 23 (75-81), (...)

7Anche la Spagna soffre di una penuria di edizioni riguardanti le suppliche copiate nei registri papali, al contrario invece di quanto accade per le lettere pontificie ampiamente pubblicate per il XIII e il XIV secolo26, alle quali si aggiunge una copiosa serie di studi che ha vagliato ed enucleato la documentazione pontificia conservata in Archivio Vaticano, a cominciare dal lavoro di Demetrio Mansilla sulla documentazione spagnola di Castel Sant’Angelo del lontano 195827. Al contrario per i registri delle suppliche, benché essi siano stati utilizzati in parecchi studi28, le edizioni sono esigue, tranne alcuni sporadici casi che hanno portato alla pubblicazione di rotoli, come quelli inviati dalle università29 o dai sovrani30.

  • 31 Alcune suppliche furono approvate solo con il Fiat, altre invece fanno seguire al verbo formule div (...)
  • 32 Pierre Roger eletto al soglio pontificio il 7 novembre 1342. Sulla formazione, cultura e politica d (...)
  • 33 Sulla composizione dei rotoli di suppliche si veda Anne-Marie HAYEZ, «Les demandes de bénéfices…», (...)
  • 34 Vedi supra nota 29.
  • 35 G. BATTELLI, «“Gratiae rotulares” originali…», p. 61.

8Le suppliche qui esaminate sono il frutto di un primo spoglio su alcuni Registra Supplicationum compilati durante il pontificato di Clemente VI; esse sono state tutte lette di fronte al pontefice e da lui stesso approvate con la formula Fiat R31, dove la lettera alfabetica indica l’iniziale del cognome del pontefice32. Per quanto riguarda la forma documentaria si tratta principalmente di suppliche composte da una sola petizione, in cui spesso sono argomentate con dovizia di particolari le motivazioni responsabili della richiesta della grazia, altre invece sono organizzate in una sequela di diverse richieste trascritte di seguito sostituendo Item con il consueto Supplicat. In questo caso si tratta di rotoli la cui presentazione era prerogativa di cardinali, vescovi, sovrani, altre autorità minori e delle universitates che imploravano grazie per se stessi e per i loro familiari e protetti33. Tale modalità è attestata con molta frequenza nei registri, in quanto il rotolo, favorendo il moltiplicarsi delle concessioni, divenne una prassi comune e spesso abusata, in specie nella cancelleria di Benedetto XIII, poiché serviva a procurarsi o a premiare sostenitori. Si pensi al rotolo presentato dall’università di Salamanca a Clemente VII contenete più di trecento petizioni34: una ‘vera distribuzione di borse di studio’, come commentò a riguardo Giulio Battelli35.

Regine, principesse e consorti

  • 36 Sul ruolo effettivo delle donne nella vita politica e nel governo del regno sia a fianco del consor (...)

9Sovrane e consorti si rivolgevano al pontefice per questioni politiche, soprattutto, ma non solo, nei momenti in cui, rimaste vedove, dovevano tutelare gli affari di stato e i loro personali diritti36, in specie quando si cercava l’appoggio del pontefice per sostenere i propri figli o si rendeva necessario ottenere il consenso papale in favore di alleanze matrimoniali determinanti per la promozione in potere e ricchezza della famiglia.

  • 37 María Jesús FUENTE PÉREZ, «Tres Violantes: las mujeres de una familia en el poder a lo largo del si (...)
  • 38 Salvador CLARAMUNT, «La nobleza en Cataluña durante el reinado de Jaime I», in: Esteban SARASA (cor (...)
  • 39 Tilmann SCHMIDT, Roser SABANÉS I FERNANDEZ (eds.), Butllari de Catalunya: documents pontificis orig (...)

10Il 5 marzo 1251 Innocenzo IV rispondeva a una istanza inoltrata da Violante d’Ungheria regina d’Aragona37, la quale lo aveva supplicato di intervenire in favore di suo figlio Pietro in relazione alla divisione del regno stabilita da Giacomo I. Dopo la conquista del regno di Valencia, egli aveva deciso di assegnare l’appena acquisito Regno ad Alfonso, suo primogenito e figlio della prima moglie Eleonora di Castiglia, e non a Pietro, al quale sarebbe dovuto spettare, nonostante l’omaggio presentatogli dalla città e dai nobili38. Il papa però, poiché tra il sovrano e Alfonso si erano create in quel tempo gravi tensioni e controversie, come sottolinea esplicitamente nella lettera clausa inviata alla regina, informa Violante della sua decisione di astenersi dall’intervenire, fino a quando la situazione non si fosse chiarita, e invitò la stessa Violante a desistere da qualsiasi azione39.

  • 40 Horst ENZENSBERGER, «Caterina di Valois, imperatrice titolare di Costantinopoli», Dizionario Biogra (...)
  • 41 Mario GAGLIONE, Converà ti que aptengas la flor. Profili di sovrani angioini, da Carlo I a Renato ( (...)
  • 42 Émile-G. LÉONARD, Histoire de Jeanne Ire reine de Naples comtesse de Provence (1342-1382). La jeune (...)
  • 43 Ibid., II, p. 430, n. XXIX (18 marzo 1346). Andrea fu assassinato nella notte del 18 settembre 1345 (...)

11Similmente l’agguerrita e astuta Caterina di Valois40, vedova di Filippo d’Angiò titolare del principato di Taranto, ricercò il sostegno di Giovanni XXII per la candidatura dei propri figli a consorti di Giovanna e Maria, nipoti ed eredi di Roberto d’Angiò41. Da un’urgenza simile presero forma le missive inviate a Clemente VI da Elisabetta regina d’Ungheria nel 1343, nel tentativo di convincere il pontefice della necessità di incoronare re suo figlio Andrea, marito di Giovanna I ma solamente principe consorte, insieme a quelle spedite l’anno successivo in cui emergono le sue lamentele per la non avvenuta associazione di Andrea al governo del Regno e le preoccupazioni, profetiche potremmo dire, di possibili congiure contro di lui42. La stessa Elisabetta, dopo la morte del figlio, supplicò il papa di non concedere la dispensa per il secondo matrimonio della regina43.

  • 44 Il pontefice nominò legato nel Regno il cardinale di S. Martino ai Monti Aimeric de Châtelus. Sulla (...)
  • 45 É.-G. LÉONARD, Histoire de Jeanne Ire, I, p. 545, II, p. 396-398, n. III,

12Giovanna I intrattenne una fittissima corrispondenza con Clemente VI su molti e diversi argomenti. In qualità di sovrana comunicò al pontefice di non accettare di buon grado l’intervento di un legato nell’amministrazione del Regno a causa della sua giovane età44; ugualmente implorò il pontefice di non concederle la dispensa per il matrimonio con Roberto di Taranto, che pur ella ufficialmente gli aveva chiesto, dietro però pressioni dell’Angioino45.

  • 46 Francesco CERASOLI, «Clemente VI e Giovanna I di Napoli. Documenti inediti dell’Archivio Vaticano», (...)
  • 47 Ibid., p. 467, n. CXXXII, p. 669-670, n. CXLIII, p. 676, n. CLI.
  • 48 Guillaume de Rosières (de Roseriis), in precedenza arcivescovo di Trani e poi di Brindisi, benedett (...)
  • 49 A Matteo da Gragnano, come ben notava Léonard, Giovanna I affidò incarichi di natura confidenziale, (...)
  • 50 F. CERASOLI, «Clemente VI…», p. 468-469, n. 134.

13Spesso il pontefice preferiva non affidare la sua risposta all’inchiostro, ma spedire alla regina una lettera credenziale in cui le rendeva noti i nomi degli uomini inviati presso di lei al fine di riferirle in modo riservato il suo pensiero, come accadde nel gennaio 1347 quando il papa e la regina si confrontarono sulla questione del matrimonio con Luigi di Taranto46. L’emissario del papa presso Giovanna fu, in quello come in altri casi47, il benedettino e canonista Guglielmo de Rosières, vescovo di Cassino, nunzio e collettore pontificio nel regno di Napoli nel 134348. Una situazione similare si verificò poco tempo dopo, il 23 febbraio 1347, poiché Giovanna inviò una lettera al pontefice per informarlo di alcune novità relative al suo matrimonio. Purtroppo quanto la regina scrisse e ciò che il pontefice rispose rimangono consegnati all’oblio, poiché Clemente VI decise di inviarle una missiva in cui le rendeva noto di aver discusso la questione con Matteo da Gragnano, tesoriere di Provenza e confidente di Giovanna49, e di aver risposto ai suoi quesiti come il medesimo Matteo pro parte nostra referat viva voce50.

  • 51 Giacomo arcivescovo di Taranto (1349-1379) in precedenza di Corinto (1340-1349). Sulla biblioteca d (...)
  • 52 Giovanni da Penne fu uno stimato medico di corte, definito da Domenico da Gravina in arte phisica p (...)
  • 53 Giovanni Barrili è attestato altre volte in qualità di ambasciatore della regina presso il pontefic (...)
  • 54 F. CERASOLI, «Clemente VI…», p. 691-692, n. CLXXII. Probabilmente la materia di discussione riguard (...)
  • 55 Giovanna I il 5 settembre 1343 elesse il siniscalco di Provenza Ugo del Balzo, il conte di Ariano G (...)
  • 56 Ibid., p. 407-408, n. VII.

14La regina stessa in alcuni casi decideva di non scrivere al pontefice, ma di inviare il suo senescalco o il tesoriere, oppure, come avvenne il 10 febbraio 1349, una delegazione composta da Giacomo arcivescovo di Taranto51, Giovanni da Penne, rettore della chiesa di S. Girolamo di Pescara, magister in medicina52, e dal nobile miles Giovanni Barrili di Napoli53. Siamo a conoscenza di ciò attraverso la missiva inviata dal papa alla sovrana per rassicurarla di aver ricevuto e ascoltato i suoi ambasciatori: sulla materia trattata però è mantenuto il riserbo54. Le lettere pontificie e i documenti di Giovanna I infatti rendono noti i nomi di fedeli e familiari designati di volta in volta in qualità di procuratori per trattare direttamente in suo nome con il pontefice e il collegio cardinalizio ad petendum et postulandum suppliciter, come avvenne per la delegazione inviata in curia allo scopo di dissuadere Clemente VI a inviare nel regno meridionale un legato55; nonché talvolta di coloro che fungevano da latori per recapitare in curia le missive, quali Vanus Ruphi cursor reginae56.

  • 57 Benoît GRÉVIN, Rhétorique du pouvoir médiéval. Les lettres de Pierre de la Vigne et la formation du (...)

15Il ricorso alla comunicazione orale nei negozi diplomatici era prassi comune. Gli inviati scelti per riferire oralmente messaggi di natura confidenziale, come d’altronde appare da questi pochi esempi, erano uomini di alto profilo culturale, colti diplomatici esperti di retorica come Giovanni Barrili, canonisti quale Gugliemo de Rosières, in grado di esporre i messaggi loro affidati con un linguaggio adeguato agli usi della curia romana, istruiti nelle regole della retorica e nelle tecniche dell’oratoria, abili nell’argomentare avendo il papa per interlocutore, capaci di utilizzare al meglio le loro competenze e abilità linguistiche per la buona riuscita del negoziato57.

  • 58 Archivio Apostolico Vaticano (d’ora in poi AAP), Reg. Suppl. 7, fol. 104rº. Si tratta con ogni prob (...)

16La giovane sovrana chiedeva spesso al pontefice la concessione di canonicati e prebende per ecclesiastici a lei vicini, e supplicava per materie più prettamente religiose. Il 14 dicembre 1344 inviò a Clemente VI una supplica in forma di rotolo in cui si sommano istanze di diversa natura: chiese di poter ricevere dal suo confessore l’assoluzione plenaria in articulo mortis, disporre di un altare portatile, entrare nella clausura di qualunque monastero femminile per assistere alla messa e alla celebrazione dell’ufficio insieme al suo confessore e ad altri tre religiosi, ottenere l’indulgenza a quanti avessero pregato per la sua salute e incolumità e la possibilità per se stessa e i suoi familiari di assistere alla celebrazione della messa, in luogo congruo e amministrata da parte di un cappellano idoneo, durante i periodi di interdetto. Inoltre volle intercedere per i suoi cappellani e chierici presenti e futuri: ottenne pertanto dal pontefice la concessione per essi di poter usufruire dei proventi dei loro benefici senza l’obbligo della residenza, e il tabellionato per il suo scriptor et familiaris Butio de Guastarymonis, chierico della diocesi di Chieti58.

  • 59 Come si evince dalle lettere di risposta del pontefice in data 15 gennaio 1346 e 7 febbraio 1347 ed (...)

17La regina però indirizzò al pontefice anche missive su argomenti spiccatamente personali: durante la gravidanza scrisse a Clemente VI intorno al battesimo, al nome da dare all’erede, all’educazione che il nascituro avrebbe dovuto ricevere59.

  • 60 Aveva ricevuto il vescovato di Telese il 24 settembre 1345; Eugène DÉPREZ, Jean GLÉNISSON, Guillaum (...)
  • 61 AAV, Reg. Suppl. 13, fol. 88vº. La lettera di grazia Personam tuam nobis per Matteo vescovo di Tele (...)

18Il suo noto e documentato patronato per l’ordine dei Minori, come per le Clarisse, è evidente in una supplica in favore del frate Matteo de Aquaputida, suo confessore. Matteo compare nel 1343 nell’elenco dei cappellani maggiori della regina Sancia e nel 1345, per i suoi meriti, era stato promosso al vescovato di Telese60. Giovanna supplicò il 22 febbraio 1347 il pontefice di concedere a Matteo la licentia testandi sui beni mobili di pertinenza della sua amministrazione, nonostante egli appartenesse all’ordine dei Minori, e di dispensarlo dal giuramento, da lui fatto al momento della sua promozione, di visitare i limina apostolorum61.

  • 62 Sancia ottenne più volte dispense pontificie che le conferivano il permesso di entrata, visita e so (...)
  • 63 Notizie sui due monasteri, il primo di Clarisse, il secondo istituito per accogliere le repentitae (...)
  • 64 Documento del 25 marzo 1324, cf. Bullarium Franciscanum studio et labore Joannis Hyacinti SBARALEAE (...)
  • 65 La medesima Sancia aveva chiesto e ottenuto da Giovanni XXII con la lettera Intenta caritatis del 1 (...)
  • 66 Le lettere emanate dalla cancelleria di Clemente VI per il monastero napoletano sono edite in: ibid(...)

19Anche Sancia, moglie del re Roberto d’Angiò, aveva inoltrato numerose petizioni a Clemente VI. Presentò una supplica in forma di rotolo, approvata il 26 luglio 1343, contenente sette richieste di diverso genere che per il loro tenore potrebbero essere suddivise idealmente in due registri. Nel primo la regina chiese, a motivo della sua infermità, di potere entrare nel monastero napoletano del Corpus Christi dell’ordine di S. Chiara con alcuni uomini preposti al trasporto della sua lettiga62, la facoltà per il guardiano del suddetto cenobio, del monastero di Clarisse di S. Croce e di quello S. Maria Maddalena63 di poter assolvere le monache nei casi riservati. Pregò inoltre il papa di aumentare il numero dei confessori nel monastero del Corpus Christi rispetto a quanto già concesso da Giovanni XXII64 a causa del grande numero di monache ivi dimoranti. La regina supplicò in aggiunta un intervento pontificio atto a ricomporre scandalum et turbatio creatisi nel medesimo cenobio riguardo alla differenza tra le moniales laice e le moniales litterate, poiché le prime, credendosi pari alle altre, servitia debita et consueta non contempnunt; pertanto fu stabilito che le seconde non dovessero portare il velo nero, né essere consacrate65. Tali richieste sono note in quanto la supplica, approvata dal papa in tutte le sue parti, diede origine alle relative concessioni66.

  • 67 AAP, Reg. Suppl. 4, fol. 129rº.

20Le istanze però proseguono. Sancia intercesse per ottenere grazie e privilegi in favore di persone del suo séguito: la revoca delle sentenze contro Raimondo de Palatio, laico di Barcellona, il quale nella guerra angioino-aragonese per il governo della Sicilia era stato stipendiarius in negotiis armorum di Federico III d’Aragona e di suo figlio Pietro; e l’assegnazione al chierico Buccio de Guasto, suo familiare, della riserva di un beneficio spettante alla collazione dell’arcivescovo di Napoli nonostante egli godesse già di molti altri67.

  • 68 Intorno al ruolo di Sancia di Maiorca all’interno della corte napoletana, ai suoi spazi di azione p (...)
  • 69 Con la lettera solenne Speciosus forma del 26 febbraio 1321 Giovanni XXII approvava le Ordinationes(...)
  • 70 Con riferimento alle posizioni delle correnti micheliste e agli Spirituali e sul ruolo avuto dai so (...)

21Le concessioni impetrate da Sancia a Clemente VI in relazione al patronato esercitato sui monasteri napoletani da lei fondati sono in buona parte conosciute, così come i privilegi ottenuti da Giovanni XXII e Benedetto XII, in quanto i relativi rescritti pontifici sono editi da Luke Wadding e da Giacinto Sbaraglia. La peculiare predilezione della regina per l’ordo Sanctae Clarae è stata negli ultimi tempi ampiamente studiata, così come lo stretto rapporto tra la monarchia angioina e i frati minori, rinsaldatosi proprio durante il regno di Roberto e Sancia68. Per quanto riguarda il cenobio del Corpus Christi, sua prima fondazione napoletana, la regina non si limitò a dotare cospicuamente il monastero e a impetrare grazie e privilegi dai pontefici, ma intervenne decisamente anche nell’assetto normativo. Regolamentò infatti nelle Ordinationes gli aspetti della vita comunitaria e scelse quale regola per le monache, avendone conferma pontificia, il testo legislativo formulato da Innocenzo IV il 6 agosto 124769. Tale preferenza fu il prodotto del suo inserirsi nel dibattito contemporaneo alimentato da diverse correnti di pensiero presenti all’interno dell’ordine dei Minori e insieme conferma di come ella “stesse maturando una sua interpretazione del minoritismo delle origini” e trasformando il monastero femminile in punto d’incontro di gruppi di diversificata osservanza, animati talvolta da ideali radicali o eversivi70.

  • 71 La personalità di Eleonora e la determinatezza del suo carattere le permisero di partecipare attiva (...)
  • 72 T. SCHMIDT, R. SABANÉS i FERNANDEZ (eds.), Butllari de Catalunya…, II, p. 1468-1471, n. 1059-1063.

22Un’altra supplica in forma di rotolo fu quella inviata da Eleonora d’Aragona71, moglie di Pietro IV il Cerimonioso, e approvata il 5 novembre 1349, benché a certe richieste della sovrana furono applicate alcune restrizioni. Il pontefice le accordò infatti il privilegio di celebrare la messa dell’aurora, quando gli affari lo necessitavano, ma ordinò di utilizzare la licenza con molta parsimonia; le conferì la facoltà di eleggere un confessore personale, di poter disporre di un altare portatile, concesse l’indulgenza di cento giorni a quanti avrebbero ascoltato la predicazione della parola divina durante le messe solenni alle quali partecipa la sovrana e la dispensa dall’astinenza dalle carni a causa della sua fragile natura ma, precisò, a discrezione del confessore e dietro parere del medico. La supplica produsse cinque lettere di grazia emesse nella medesima data, conservate nell’archivio della Corona d’Aragona e recentemente edite da Tilmann Schmidt e Roser Sabanés i Fernandez72.

  • 73 Su di lei, figlia del re di Castiglia Ferdinando IV, si veda Alejandra RECUERO LISTA, «Doña Leonor: (...)
  • 74 AAV, Reg. Suppl. 4, fol. 143vº.

23Un’altra Eleonora73, moglie del defunto re Alfonso IV d’Aragona, presentò istanza a Clemente VI per ottenere grazie e benefici in favore di ecclesiastici del suo seguito, secondo una consuetudine comune, numerosi infatti sono gli esempi del genere a nome di donne con poteri di governo o appartenenti a famiglie nobiliari. Ella chiese al pontefice il permesso per i religiosi e i secolari della sua cappella di amministrare liberamente i sacramenti alla sua familia e la grazia di poter estendere ad altri sei chierici la licenza, concessa già da Benedetto XII, di usufruire dei frutti dei benefici senza l’obbligo di residenza. Il papa autorizzò il 10 agosto 1343 entrambe le petizioni, benché pose una limitazione di tempo a sei anni per la seconda74.

  • 75 Sul cardinale Guillaume de la Jugée si veda R. LÜTZELSCHWAB, Flectat cardinales ad velle suum…, p.  (...)
  • 76 AAV, Reg. Suppl. 4, fol. 66vº.

24Le regine talvolta non accettavano un diniego e tornavano quindi a insistere con il pontefice quando non ottenevano quanto desiderato. La medesima Eleonora, per esempio, aveva chiesto a Benedetto XII di provvedere di un beneficio nella diocesi di León, appena si fosse reso vacante, il suo cappellano Giovanni di Martino e aveva ottenuto per lui l’arcidiaconato di Cella, ma la provvisione non sortì alcun effetto in quanto il beneficio fu poi assegnato a Guillelmus Iudicis, diacono cardinale di S. Maria in Cosmedin e nipote di Clemente VI75, per cui «gratia ipsius Iohannis predicta redditur inutilis et inanis». Eleonora pertanto inviò un’ulteriore supplica a Clemente VI mettendolo al corrente di quanto accaduto e chiese nuovamente per Giovanni un beneficio nella chiesa di León, concesso il 30 maggio 134476.

25Molto frequenti nelle suppliche formulate da donne sono le richieste per scegliere un confessore, per la concessione di un altare portatile, per la dispensa a celebrare anche in tempo di interdetto.

  • 77 Matilde era figlia di Enrico, terzo conte di Lancaster, a sua volta nipote di Enrico III d’Inghilte (...)
  • 78 AAP, Reg. Suppl. 5, fol. 191, edita in W. H. BLISS (ed.), Calendar of entries in the Papal Register (...)

26Si incontrano talvolta anche istanze per poter commutare il pellegrinaggio in luoghi santi in opere di carità, come quella inoltrata da Matilde di Lancaster, contessa di Ulster77, la quale chiese al papa di assolverla dal voto di visitare Santiago de Compostela. Clemente VI il 31 agosto 1343 accolse la dispensa a fronte di un impegno da adempiere scegliendo tra diverse condizioni da lui stesso proposte: entro un anno avrebbe dovuto fondare in Inghilterra una cappella del valore di otto marchi in onore di S. Giacomo, oppure inviare sussidi per i cristiani in lotta contro i Turchi per un totale pari alla spesa da sostenere per il pellegrinaggio, o ancora elargire duecento fiorini al nunzio papale in Inghilterra da destinare alla spedizione contro i Turchi78.

  • 79 Matilde chiese tale grazia per il magister Robert de Walkinton, per Geoffrey de Stiuecle, per sir R (...)
  • 80 Il 26 agosto 1343 morì il cancelliere Robert Parving e l’incarico fu conferito a Robert Sadington c (...)
  • 81 Pe le modalità dell’esame e le posizioni assunte dai pontefici della seconda metà del Trecento si r (...)
  • 82 Il 30 gennaio 1344 Clemente VI lo inviò come nunzio in Inghilterra, Scozia, Gallia e Spagna (E. DÉP (...)

27Le richieste di Matilde tuttavia proseguirono e, tra le altre, ella si espose a impetrare una vera e propria raccomandazione: chiese infatti che i benefici concessi ad alcuni ecclesiastici suoi parenti79 potessero essere conferiti senza l’esame previsto o, in alternativa, che l’esame fosse affidato a Raimondo Pelegrini, canonico di Londra, e al cancelliere di Londra80. Si trattava di una richiesta importante dal momento che i candidati dovevano superare un esame atto a verificare la loro idoneità a ricevere il beneficio: si vagliavano le loro capacità oratorie e di canto, la conoscenza del latino e della liturgia, e si prendevano in considerazione la loro integrità di vita e il carattere81. Raimondo Pelegrini era uomo noto nell’ambiente di corte inglese, e al contempo aveva svolto la mansione di collettore della camera apostolica oltre ad avere ricevuto da Clemente VI delicati incarichi diplomatici in Inghilterra, Scozia e Irlanda82; i candidati pertanto avrebbero senza difficoltà superato l’esame per ottenere il beneficio.

Non solo patronato religioso

  • 83 AAV, Reg. Suppl. 5, fol. 68rº.
  • 84 A Neuilly-Saint-Front esiste ancora la cappella fatta erigere da Giovanna, insieme a un ospedale co (...)

28La protezione religiosa delle regine in questo tempo non si rivolse esclusivamente al sostegno dei nuovi ordini mendicanti. Giovanna d’Évreux, regina consorte di Carlo IV di Francia, inoltrò una supplica in cui rendeva noto a Clemente VI l’esistenza di una località, nei pressi del castello di Neuilly, dove esisteva una pietra sulla quale s. Frontone aveva celebrato i divini uffici e dove si trovava un’anfora che, si diceva, era stata inviata da Dio con il vino per la celebrazione eucaristica. Mise inoltre al corrente il papa della notevole affluenza di fedeli in quel luogo ritenuto sacro e lo informò di aver fondato una cappella in onore del santo e di volerla dotare con beni propri. Dopo la narrazione degli antefatti Giovanna annunciò il suo desiderio di incentivare tale devozione e di conseguenza impetrò l’indulgenza per coloro che avrebbero visitato la cappella in cinque festività della Vergine. Supplicò inoltre affinché nel piccolo priorato, ubicato nelle vicinanze e dipendente dall’abbazia di Saint Jean des Vignes, nel quale dimorava un solo monaco, ne fosse mandato un altro in modo tale da rendere possibile la celebrazione di tre messe a settimana. A lui sarebbero state devolute le trenta libbre costituite annualmente come dotazione della cappella e la metà delle offerte elargite dai fedeli83. Il papa il 19 novembre 1343 accolse la supplica con una riserva: la terza parte delle oblazioni dei fedeli doveva essere devoluta al rettore della chiesa parrocchiale nel cui territorio rientrava la cappella di S. Frontone84.

  • 85 W. H. BLISS (ed.), Petitions to the pope…, I, p. 122.
  • 86 Trevor H. ASTON, Rosamond FAITH, «The endowments of the university and colleges to circa 1348», in: (...)
  • 87 Alan B. COBBAN, The Medieval English Universities: Oxford and Cambridge to c. 1500, Cambridge: Scol (...)

29Il patronato di donne di alto lignaggio non si esaurì nella fondazione di monasteri, conventi e cappelle e nel sostegno del monachesimo di antica tradizione come dei nuovi ordini Mendicanti, ma si allargò alla sfera culturale. Il 29 novembre 1346 la regina consorte Filippa di Hainault, moglie di Edoardo III d’Inghilterra, inoltrò supplica a Clemente VI per il Queen’s College di Oxford, chiedendo la collazione della chiesa parrocchiale di Newbold Pacy nella diocesi di Worcester, un beneficio il cui valore non superava i tredici marchi annui85. Il pontefice acconsentì a condizione di devolvere un adeguato risarcimento all’ordinario locale e all’arcidiacono. La notizia in sé è conosciuta e la chiesa di Newbold Pacy rientra tra le chiese in prossimità di Oxford e i numerosi beni che il collegio ottenne in quegli anni proprio per intermediazione di Filippa86, la quale nella petizione inviata al pontefice si definisce fondatrice del collegio con l’aiuto del suo cappellano Robert de Englesfield, mentre fu lo stesso Robert a chiedere licenza di fondare il collegio da lui poi dedicato alla regina87.

  • 88 Nella cospicua bibliografia rimando a Ester BALASCH, Francesca ESPAÑOL (dirs.), Elisenda de Montcad (...)
  • 89 Sul monastero de Pedralbes, appartenente all’ordine delle Clarisse e fondato nel 1326 per volontà d (...)
  • 90 AAV, Reg. Suppl. 13, fol. 75vº.
  • 91 AAV, Reg. Vat. 176, f. 247, ep. 623.

30Dalle missive si evince anche un altro genere di patronato, che si potrebbe definire affettivo, come fu quello di Elisenda di Montcada, moglie di Giacomo II e regina d’Aragona88. In una lunga petizione contente richieste di vario genere, ella supplicò il pontefice di concedere la licenza di entrare nella clausura interna del monastero di S. Maria de Pedralbes89, per meglio assistere le monache nei loro affari, a Ferrarius Payroni, canonico di Barcellona e procuratore del cenobio fin dalla sua fondazione, del quale la regina enumera le qualità e la competenza nella gestione economica dei beni monastici, la devozione incondizionata al servizio delle monache e la fiducia in lui riposta dall’intera comunità90. Elisenda non racconta altro, ma qualcuno, di certo il procuratore reginale alla curia pontificia, chiarì meglio al papa il perché di una tale richiesta, come sappiamo dalla lettera Devotionis tue sinceritas emessa il 15 febbraio 1347, anch’essa inedita: Ferrarius era vecchio e malandato, abitava a Barcellona e doveva fare quindi molta strada in quanto il monastero era lontano dalla città quasi una lega91.

Suppliche in forma di lettera

  • 92 Le altre tipologie di suppliche erano sprovviste di data al momento della loro presentazione al pon (...)
  • 93 Louis CAROLUS-BARRÉ, «Suppliques exceptionnellement présentées en forme de lettres et enregistrées (...)
  • 94 Non si ha certezza sulla data di fondazione del monastero il cui più antico documento risale al 25 (...)
  • 95 AAP, Reg. Suppl. 1, fol. 49rº; L. CAROLUS-BARRÉ, «Suppliques exceptionnellement présentées…», p. 60 (...)

31Le suppliche potevano essere costituite da una richiesta individuale oppure riunire elenchi più o meno consistenti di istanze organizzate in un rotolo, o potevano anche presentarsi in forma di lettera, benché questa tipologia sia attestata in numero esiguo, poiché la sua formulazione non rispettava le regole di cancelleria. Si tratta di una forma documentaria particolare in quanto la petizione era redatta in prima persona dal richiedente, recava l’indirizzo e le formule di saluto, inoltre era conclusa con l’annuncio di un segno di convalida, il sigillo, e presentava la formula di datazione apposta dal mittente indicante il luogo e gli estremi cronologici della spedizione92. Gli originali, sia pure documentati, sono rari, come limitate sono le testimonianze nei registri delle suppliche, infatti nel primo registro del pontificato di Clemente VI si trovano solo sedici petizioni presentate in questa forma documentaria e una sola inoltrata da una comunità femminile93. Si tratta della lettera inviata dalla badessa e dal convento sororum minoretarum monialium inclusarum ordinis S. Damiani di Cahors94, le quali chiesero l’8 luglio 1343 la concessione di un’indulgenza finalizzata a provvedere al loro sostentamento e a terminare i lavori del chiostro95.

  • 96 Il monastero S. Petri de Monachabus ha origini incerte che vengono fatte risalire all’epoca longoba (...)
  • 97 F. BARTOLONI, «Suppliche pontificie…», p. 51-55, n. 1-2.
  • 98 Il commune servitium costituiva una tassa da versare alla Camera apostolica in occasione della prov (...)

32Una supplica in forma di lettera fu spedita anche dal monastero di S. Pietro delle Monache di Benevento96. Esse a seguito della morte di Agnese deliberarono, riunite in capitolo, di eleggere la nuova badessa per viam compromissi, affidando l’incarico di procedere alla scelta alla monaca Agata. Di conseguenza chiesero il 3 marzo 1282 a Martino IV di confermare l’elezione di Giovanna da Campolattaro a badessa97. Si tratta di una testimonianza importante in quanto è una delle poche suppliche in forma di lettera tramandate in originale, dotata quindi di datazione, sottoscrizioni, e in origine anche del sigillo, ora perduto. Il documento tuttavia è singolare anche perché il supporto pergamenaceo accoglie due petizioni. Sul verso infatti Francesco, canonico e procuratore delle monache, vergò la sua personale supplica al pontefice pregandolo di voler provvedere alla consacrazione della badessa eletta e sottolineando l’esiguità dei mezzi economici del monastero. In altre parole chiese, secondo un frasario comune e conosciuto in curia e in cancelleria, che il cenobio venisse esentato dal commune servitium, cioè dal versamento della somma dovuta per il conferimento di un beneficio98.

Vedove ardimentose

33Nello spoglio di alcuni Registra Supplicationum si è incontrato un elevato numero di suppliche inviate da donne che, se considerate nella totalità di quelle registrate, rappresentano pur sempre una percentuale minore, ma non trascurabile e l’universo femminile che emerge è composto da regine, nobildonne, badesse, monache ma anche da persone di condizione sociale meno elevata.

  • 99 AAV, Reg. Aven. 74, fol. 83rº.
  • 100 AAV, Reg. Suppl. 4, fol. 92rº, edita in U. BERLIÈRE, Suppliques de Clément VI…, I, p. 90-91, n. 412
  • 101 Nella molteplicità degli studi che dagli anni Settanta del Novecento si sono susseguiti affrontando (...)

34Interessante appare il testo della supplica di Beatrix Lapietine della diocesi di Tournay, vedova di Jean le Comble99, la quale si definisce pauper mulier de tertio ordinis beati Francisci. Ella sottolinea di non essere professa, di vivere insieme ad altre donne che non dispongono di un monastero, non cantano la liturgia delle ore, “sed solum et simpliciter virtutum altissimo deserviunt mendicando”100, asserzione che lascia intravedere a metà Trecento un movimento di donne non inquadrate in alcun ordine, che vivevano raminghe di mendicità, ispirandosi senza alcun principio normativo agli ideali pauperistici di Francesco d’Assisi101.

  • 102 Giovanni XXII fece costruire a Pont-de-Sorgues il palazzo dei papi con annessa zecca; Valérie THEIS (...)
  • 103 Si tratterebbe dell’ospedale di Nostra Signora di Oudenaarde (Onze-Lieve-Vrouwehospitaal). Ringrazi (...)

35Beatrice aveva inoltrato una prima supplica al pontefice all’inizio dell’anno appena trascorso, senza ricevere alcuna risposta, una seconda da Pont-de-Sorgues102 quando, durante le sue peregrinazioni, aveva trovato ricovero presso l’hospitale pauperum sorto accanto all’abbadia femminile di Maegdendaele, dell’ordine cistercense, a Oudenaarde nella Fiandra orientale103. Beatrice non racconta cosa aveva chiesto nelle due suppliche precedenti, probabilmente la seconda volta aveva domandato il permesso di rimanere presso l’ospedale, come possiamo dedurre dalla risposta del pontefice: “querat in aliquo loco religionis sue, et dicta religio sit pauper mendicans”.

36La supplica, la terza in ordine di tempo, è densa di informazioni, non solo perché narra quanto accaduto in passato, offrendoci particolari in altro modo destinati all’oblio, ma anche in quanto Beatrice non risparmia le sue considerazioni in merito alla vicenda. Informa infatti il papa della sua fragilità, dell’età avanzata e di non avere più nulla per sostentarsi, poiché si trova da nove mesi in curia ad Avignone nell’attesa di ricevere una risposta e ha speso tutto ciò di cui disponeva, e implora quindi il papa di concederle finalmente la grazia richiesta, cioè di poter vivere presso l’hospitale pauperum delle monache cistercensi.

  • 104 Era quanto stabilito nella costituzione Pater familias del 16 novembre 1331; Michael TANGL, Die Päp (...)

37Clemente VI si mostrò quindi benevolo e il 9 luglio 1343 non solo accettò la richiesta, ma fece segnare accanto all’approvazione della supplica la nota Gratis pro Deo. La specifica, che si sarebbe tramutata in un preciso ordine per i funzionari di cancelleria, era riservata solitamente agli indigenti, ai chierici poveri e agli ordini Mendicanti. La locuzione Gratis pro Deo tuttavia non sempre garantiva una esenzione totale dalle tasse che era necessario versare per la scrittura, la confezione e la spedizione di una lettera pontificia, ma spesso solo da una parte di esse. D’altronde le considerazioni avanzate da Beatrice confermano come, al di là delle tasse obbligatorie per la produzione di una lettera di cancelleria, era necessaria una serie di spese extra e di mance per rendere più veloce l’iter di confezione del documento pontificio; una pratica questa talmente dilagante da aver fatto intervenire già Giovanni XXII con una specifica costituzione a riguardo104.

  • 105 L’Opus pontis Rodani gestiva l’ospedale di S. Benedetto e possedeva due cappelle, un cimitero e mol (...)
  • 106 Léon H. LABANDE, Le Palais de Papes et les Monuments d’Avignon au XIVe siècle, Marseille: F. Detail (...)
  • 107 Bernard SOURNIA, Jean-Louis VAYSSETTES, Villeneuve-lès-Avignon. Histoire artistique et monumentale (...)
  • 108 La chiesa di Saint Étienne de Dun-le-Roi, attualmente chiesa di Saint Étienne de Dun-sur-Auron. Jea (...)
  • 109 Germain BUTAUD, «Définition, prélèvement et gestion de la dîme en Provence orientale à la fin du Mo (...)

38Se si procede in un itinerario virtuale tra le residenze papali nel comitato Venassino o, meglio, si passa da una riva all’altra del Rodano, seguendo il progetto del nuovo cantiere edilizio voluto proprio da Clemente VI, s’incontra la supplica di Iohanna Sicardi, vedova di Giovanni de Vineis portarius et custos della porta regia ubicata all’inizio del ponte di Avignone. Il ponte, che collegava le due sponde del Rodano, ha una storia risalente al XII secolo, come anche l’opera del ponte, formata da una comunità istituita per conservarlo integro ed efficiente, la quale si adoperava anche per l’assistenza a poveri e viaggiatori105. Esso, presidiato su entrambe le rive, risultava determinante per la difesa della città, infatti i pontefici avignonesi e in modo particolare lo stesso Clemente VI finanziarono ampiamente la fabbrica del ponte, un cantiere permanente tra XIV e XV secolo106. La supplica però ci porta sull’altra riva del fiume a Villeneuve-lès-Avignon. Lì, a baluardo del ponte, era stata eretta da Filippo il Bello una torre107, facente parte in origine di una cortina muraria che racchiudeva diversi edifici: si trattava di una piccola fortezza molto frequentata nel periodo del papato avignonese per la grande affluenza di cardinali, ecclesiastici, alti funzionari, nobili che si recavano sull’altra sponda del Rodano, dove molti cardinali avevano la loro residenza. Giovanna, approfittando della villeggiatura del pontefice a Villeneuve, gli chiese una grazia aspettativa per un beneficio ecclesiastico spettante per collazione al vescovo di Le Mans in favore del fratello Ugo Sicardi, suddiacono di Vienne, già detentore di una cappellania nella collegiata di S. Stefano de Duno Regis nella diocesi di Bourges108 dal reddito talmente modesto da non essere neppure soggetto alla tassazione delle decime109.

  • 110 AAV, Reg. Suppl. 4, fol. 92rº.
  • 111 Sul cardinale si veda Bernard GUILLEMAIN, La cour pontificale d’Avignon (1309-1376). Étude d’une so (...)
  • 112 Bernhard SCHIMMELPFENNIG, «Papal Coronation in Avignon», in: János M. BAK (dir.), Coronations. Medi (...)
  • 113 La domus di Napoleone Orsini, insieme a una serie di proprietà annesse, fu venduta dagli eredi del (...)

39La supplica è interessante in quanto Giovanna, vedova del portiere della fortezza sul ponte, prima di esporre la sua richiesta, raccontò al pontefice un antefatto ritenuto forse di utilità per indirizzare il papa a prendere in considerazione la sua petizione e approvarla. Così, come avrebbe agito qualcuno in cerca di favori, ricordò a Clemente VI come il marito si era prodigato nell’accogliere i familiari e il seguito del papa all’epoca della incoronazione e nei tempi successivi nell’hospitium bone memorie domini Neapoleonis cardinalis110. L’hospitium era il palazzo del cardinale Napoleone Orsini111, costruito a nord della torre nelle sue immediate vicinanze, che evidentemente all’epoca della consacrazione di Clemente VI, avvenuta il 19 maggio 1342 nel convento dei Predicatori di Avignone112, fu utilizzato per ospitare la familia di Pierre Roger113.

  • 114 Clemente VI non approvò la supplica nella sua interezza. Giovanna infatti aveva richiesto l’inserzi (...)

40Il pontefice il 15 luglio 1343 esaudì Giovanna e concesse la grazia aspettativa, ma con una riserva: il beneficio avrebbe dovuto fruttare un reddito inferiore a quanto lei nella supplica aveva richiesto per il fratello114.

Badesse: i dubbi del pontefice

  • 115 Isabella de Cardona fu badessa dal 1329 al 1362; su di lei Maria Filomena PIMENTEL DE CARVALHO ANDR (...)
  • 116 Il cenobio fu fondato negli anni Ottanta del Duecento dalla nobildonna Mor Dias, per esso di veda i (...)
  • 117 AAV, Reg. Suppl. 31, fol. 175rº; A. DOMINGUES DE SOUSA COSTA, Monumenta Portugaliae Vaticana…, I, p (...)

41Il papa sembra concedere generalmente quanto implorato, tuttavia talvolta sente la necessità di procedere ad accurate indagini prima di approvare la richiesta. Ciò accadde a seguito della petizione inoltrata da Isabella de Cardona, figlia del barone Raimondo e nipote di Pietro III re d’Aragona, la quale aveva scritto a Innocenzo VI in qualità di badessa del monastero di S. Chiara115 ubicato fuori le mura di Coimbra116. La nobildonna, poiché era debilitata e inferma a tal punto da non riuscire più a sostenere gli oneri derivanti dal governo del monastero, chiese di essere dispensata dalla cura e amministrazione del cenobio e, insieme a due consorelle, da ogni ufficio e lavoro e dall’obbligo di recarsi nel coro per la liturgia delle ore. Il pontefice fece annotare in calce alla supplica: “Non videtur nobis quod sine alia informatione debeamus facere omnia ista, sed cardinalis de Gordonio qui sciat statuta et conditiones ordinis, informet se et referat nobis”117.

  • 118 Fu eletto ministro d’Aquitania nel 1342 e fu ministro generale dal 1348 al 1357, cf. Quinziano MÜLL (...)
  • 119 Le Costituzioni, dette Farineriane, furono approvate nel Capitolo generale di Assisi del 1354; cf. (...)

42Innocenzo VI sembrò dubitare della veridicità delle motivazioni a sostegno della richiesta avanzata, ma soprattutto sentì la necessità di un conforto sulla questione per quanto concerneva il diritto canonico. Il cardinale de Gordonio infatti non è altri che il francescano Guillaume Farinier, ministro provinciale dell’Aquitania, in seguito nominato cardinale dallo stesso Innocenzo VI e generale dell’ordine, inviato nel 1357 in Spagna come legato a latere118. A lui, cui si deve il rifacimento delle Costituzioni che presero il suo nome119, fu indirizzata il 2 giugno 1358 la richiesta pontificia di vagliare sotto il profilo canonico i desiderata della badessa.

  • 120 Geralda de Navailles fu moglie di Roger Bernat IV visconte di Castellbò, e madre di Matteo I de Foi (...)
  • 121 La supplica inoltrata dalle monache si inseriva all’interno di un notevole dissidio tra il cenobio (...)
  • 122 T. SCHMIDT, R. SABANÉS I FERNÁNDEZ, Butllari de Catalunya…, III, p. 1726-1728, n. 1196.

43Una situazione analoga si verificò a seguito della petizione inoltrata a Clemente VII da parte delle Benedettine di S. Cecilia d’Elins in diocesi di Urgell. Il rescritto pontificio accoglie la supplica e copia con dovizia dal testo della petizione, in cui si racconta della località isolata dove sorge il monastero, di un periodo di decadenza morale (scandala) vissuto dalla comunità ormai trascorso, ma che non si esclude possa verificarsi nuovamente, della difficoltà di trovare monache disposte a vivere in quel luogo e dell’impossibilità di celebrare il divino ufficio in maniera adeguata. Per tali ragioni le monache chiesero di cambiare sede e trasferirsi a Castellbò dove la viscontessa Geralda de Navailles120 intendeva costruire un nuovo monastero con la chiesa, le campane, il cimitero e le officine121. Il pontefice tuttavia necessitò di conferme e il 13 dicembre 1388 dette mandato all’abate del cenobio di S. Maria de Gerri de la Sal, nella medesima diocesi, di verificare le condizioni di vita delle monache, prima di accordare il cambiamento di sede, e si raccomandò di adoperarsi affinché l’antico monastero non fosse, in seguito all’abbandono, destinato a uso profano122.

Procuratori, emissari e intercessori

44Interessante e per molti aspetti rivelatore delle relazioni intercorrenti tra le regine, l’aristocrazia nobiliare e feudale femminile, le badesse con il papato è lo studio sui procuratori residenti in curia e su quelli inviati per inoltrare le suppliche e assicurarsi che esse venissero accettate e dessero origine alla redazione di una lettera pontificia. L’attività dei procuratori di curia si svolgeva nelle corti dell’audientia nelle quali essi difendevano gli interessi dei loro patrocinati, li rappresentavano nelle cause d’appello e impedivano la spedizione di rescritti che potessero danneggiare i loro clienti, mettendo a frutto in tal modo la loro formazione giuridica e offrendo prova della loro acribia oratoria. Individuare pertanto tali procuratori e seguirne l’attività permette di far emergere i legami tra i supplicanti e la curia ed evidenziare la rete delle conoscenze e clientele. Disporre dei documenti pontifici in originale, le cui note di cancelleria permettono di ricostruire tali relazioni, facilita questo tipo di analisi.

  • 123 Sui monasteri di Clarisse rappresentati in curia da Bonaspes rimando a Isabella AURORA, «Documenti (...)
  • 124 Numerosi gli studi sui procuratori di curia, indagati anche in rapporto alle singole entità politic (...)

45Il monastero femminile di S. Engracia di Pamplona, per fare un esempio, si rivolse a un esperto procuratore di curia Bonaspes de Assisio, così come altre delle più antiche fondazioni damianite spagnole. Egli rappresentò in curia gli interessi dei monasteri di S. Chiara di Barcellona, di Salamanca, di S. Maria di Alcocer, in diocesi di Cuenca, di Tudela. A lui si affidarono altri cenobi di Damianite ubicati in diverse località, quali il protomonastero di Assisi, le monache di S. Cecilia in Pfullingen, nella diocesi di Costanza, di S. Francesco di Mantova, dei SS. Cosma e Damiano di Roma123. Bonaspes, abile procuratore, curò gli interessi delle comunità femminili sorte sulla scia della predicazione francescana, ma non lavorò esclusivamente per esse. Faceva parte infatti di un gruppo di procuratori provenienti da Assisi molto attivi e influenti in curia i quali avevano creato una specie di consorzio al quale il supplicante ricorreva per disporre di un esperto rappresentante in curia; essi infatti prestavano la loro opera in cambio di denaro per altre famiglie religiose e per uomini di un certo prestigio124.

  • 125 Per il procuratore Simon de Villaregia si vedano le indicazioni fornite in Bernard BARBICHE, «La pa (...)

46A un procuratore di professione si affidò anche Caterina di Courtenay, moglie di Carlo di Valois e imperatrice titolare di Costantinopoli. La sua scelta cadde nel 1301 su Simon de Villeroy, un uomo con un giro d’affari considerevole, agente in curia per dodici anni e la cui clientela spaziava dai cardinali Jean Cholet e Jean Lemoine, alle abbazie parigine di Saint-Victor e di Saint-Denis, a quella di Saint-Riquier, oltre allo stesso Carlo di Valois125.

47Dalle suppliche giunteci in copia è comunque possibile dedurre notizie sugli uomini di fiducia ai quali erano consegnate le lettere da presentare al pontefice. Solitamente la scelta cadeva su personalità appartenenti alle alte gerarchie ecclesiastiche oppure in stretta connessione con la curia papale, spesso con una solida preparazione giuridica.

  • 126 T. SCHMIDT, R. SABANÉS I FERNÁNDEZ, Butllari de Catalunya…, I, p. 389-390, n. 320.
  • 127 Il suo nome si deduce dalla lettera Credite nobis del 14 febbraio 1245, a lui inviata; Élie BERGER (...)
  • 128 José TRENCHS ODENA, «La cancilleria de Jaime I: cancilleres y escribanos», in: Palaeographica Diplo (...)

48Violante d’Ungheria regina d’Aragona per far giungere a Innocenzo IV agli inizi del 1251 una supplica in materia riservata, quale la divisione delle terre regie tra i figli di Giacomo I, si affidò all’arcidiacono di Barcellona126, quindi a Guillelmus de Montcada, nipote del sovrano e futuro vescovo di Lérida127, nonché cancelliere regio128.

  • 129 F. CERASOLI, «Clemente VI…», p. 688-689, n. 168; E. DÉPREZ, J. GLÉNISSON, G. MOLLAT (eds.), Clément (...)
  • 130 Lettera Attendentes quam del 16 febbraio 1351; cf. E. DÉPREZ, J. GLÉNISSON, G. MOLLAT (eds.), Cléme (...)
  • 131 Gottfried OPITZ, «Die Sekretäre Franciscus de Sancto Maximo und Johannes de Sancto Martino. Bemerku (...)
  • 132 Con Benedetto XII ai segretari fu affidata la mansione di occuparsi della elaborazione delle letter (...)

49Come sappiamo dalla lettera di risposta inviatale dal papa il 17 ottobre 1348 Giovanna I affidò le missive da consegnare al pontefice al magister Francesco de Sancto Maximo, arcidiacono di Benevento129, più volte emissario di fiducia della regina e del consorte Luigi presso Clemente VI, abile nel trattare gli affari regi attenta sollicitudine130, ma al contempo fine conoscitore dei meccanismi della curia e della camera in quanto notaio papale e in seguito segretario131, uomo vicino al pontefice nelle cui mani, proprio per le sue mansioni, poteva far giungere direttamente le lettere affidategli dai sovrani, oltre che scrivere per mandato pontificio le risposte132.

Osservazioni in margine

  • 133 Nathalie GOROCHOV, «Le recours aux intercesseurs: l’exemple des universitaires parisiens en quête d (...)

50L’esame delle suppliche raccolte, volutamente diversificate tra loro, è funzionale a mostrare il potenziale insito in tale fonte storica per seguire i pensieri, i desideri, le tensioni e le azioni dell’universo femminile. Esse si prestano a ricostruire il patronato nei confronti di istituzioni ecclesiastiche e religiose, a meglio definire le relazioni con i nuovi ordini mendicanti, oppure ad avere contezza della protezione di donne di alto lignaggio nei confronti di uomini di religione e di cultura. Forniscono anche una quantità notevole di informazioni atte a ricomporre la rete delle persone che ruotavano intorno alle donne, a ricostruire i loro rapporti affettivi e, nel caso di regine e aristocratiche, soprattutto clientelari, poiché esse intercedevano spesso per canonicati, prebende, priorati in favore di ecclesiastici e religiosi a loro vicini, e chiedevano dispense matrimoniali, consensi, favori, cariche all’interno dell’amministrazione pontificia per i loro accoliti laici. Le suppliche infatti restituiscono notizie e dati sulle persone, sulle istituzioni, sugli antefatti e sulle motivazioni spesso omessi nella lettera pontificia prodotta in risposta. Le personalità influenti avevano l’abitudine di inoltrare le richieste per conto dei loro protetti, tuttavia i loro nomi non erano registrati nelle lettere pontificie, fatta eccezione per cardinali, sovrani, regine, facendo così cadere un anello importante nella mediazione tra supplicante e pontefice. Le petizioni invece rendendo noti i nomi di quanti intercedevano presso il pontefice consentono di delineare vincoli di natura personale, politica e diplomatica tra essi e i loro favoriti interessati a ricevere la grazia133.

  • 134 Gabriella ZARRI, «Introduzione», in: ead. (dir.), Per lettera. La scrittura epistolare femminile tr (...)
  • 135 La cancelleria pontificia mise a punto nel XIII e XIV secolo un linguaggio retorico per la corrispo (...)
  • 136 B. GRÉVIN, «Les mystères rhétoriques de l’État Médiéval. L’écriture du pouvoir en Europe occidental (...)
  • 137 G. ZARRI, «Introduzione…», p. XVIII-XIX.

51Tale forma documentaria che possiamo far rientrare nel genere epistolare, contribuisce dunque, grazie alle parti narrative, molto spesso accurate e ricche di notizie, a delineare le modalità con cui i singoli individui definiscono e rappresentano il mondo in cui vivono e caricano di significati personali e, quindi, differenti la percezione che hanno di esso134. Perché la supplica in fondo, osservando i modelli retorici del genere epistolare codificato dall’ars dictaminis ed essendo redatta nel rispetto di formulari e di consuetudini stilistiche necessari affinché essa fosse accolta in cancelleria135 e funzionali a una ‘rhétorique de la persuasion’136, rimane, per usare una locuzione mutuata da Gabriella Zarri, un “luogo comunicativo”, che attraverso i nomi di supplicante e destinatario e la presenza di elementi deittici permette di ricomporre le maglie di relazioni instauratesi all’interno e all’esterno delle corti regie, ducali, signorili, dei conventi e dei monasteri137, confermando una costante osmosi tra pubblico e privato. Sono tessuti narrativi che non hanno solo e squisitamente per oggetto questioni spirituali o religiose, ma vertono spesso sul campo politico, amministrativo, istituzionale e normativo.

  • 138 Luisa MIGLIO, «Scrivere al femminile», in: ead., Governare l’alfabeto. Donne, scrittura e libri nel (...)
  • 139 Attilio BARTOLI LANGELI, «La scrittura come luogo delle differenze», in: Marina CAFFIERO, Manola Id (...)
  • 140 D’altro canto sono documentate donne che utilizzano la scrittura in campo epistolare e letterario, (...)
  • 141 Il costume della scrittura delegata per donne che comunque disponevano di una discreta sia pure imm (...)
  • 142 Armando PETRUCCI, «Scrivere per gli altri», Scrittura e civiltà, 13, 1989, p. 475-487; id., Scriver (...)
  • 143 P. Zutshi, «Petitions to the Pope …», p. 82-98.

52Sarebbe complicato per tali documenti parlare di autografia, per l’Italia d’altronde sporadica e tardiva, come hanno dimostrato i numerosi studi di Luisa Miglio dedicati ai modi e metodi dello scrivere al femminile, dai quali emerge ancora a metà Quattrocento, pur nella diversità delle fonti pervenuteci, dell’arco cronologico e della classe sociale d’appartenenza, un alfabetismo ridotto, un mondo di donne che certo scrivono, ma scrivono poco e senza padroneggiare completamente il sistema di segni e norme grafiche138. Per la poca familiarità con la scrittura molte di esse, gravate dalla “sindrome” –come la definisce Attilio Bartoli Langeli139– di non essere adeguatamente istruite nell’arte dello scrivere e di realizzare quindi segni maldestri in una prosa scorretta140, preferirono dettare le loro lettere e, se appartenenti a famiglie detentrici di potere o comunque a livelli medio-alti della società, affidarsi a scriventi, funzionari, precettori o familiares più esperti141. Esse quindi demandarono la corrispondenza di maggiore importanza a delegati qualificati, forse per rispetto verso i destinatari o per una migliore comprensione dei testi trasmessi142; ciò vale maggiormente per la stesura delle suppliche, affidata a uomini di curia quali procuratori, segretari, scriptores e abbreviatores143.

  • 144 Riprendo il titolo del libro già citato di Luisa Miglio, al quale rimando per le riflessioni sulla (...)
  • 145 Come accadeva per le lettere papali, anche le suppliche dovevano essere conformi a precisi modelli (...)
  • 146 A Carcassonne esisteva una casa di repentitae forse istituita all’inizio del XIV secolo, cf. Claude (...)
  • 147 Il beghinaggio di S. Agnese a Saint-Trond fu fondato nel 1258. Su di esso si veda François STRAVEN (...)
  • 148 La supplica producendo il conferimento di una grazia o di un privilegio per il destinatario, attiva (...)
  • 149 Le diverse modalità di presentazione delle petizioni in curia, la pratica della raccomandazione e d (...)

53Pertanto al di là di itinerari travagliati e faticosi che portarono nelle varie parti d’Europa e in tempi diversi l’universo femminile a ‘governare l’alfabeto’144, questa particolare forma di missive, le suppliche, le quali furono certamente strutturate e vergate da scriventi delegati145, conserva e trasmette la volontà di donne, siano esse regine, nobili, badesse, siano esse persone provenienti da strati diversi e talvolta minori della società, come le sorores repentite di Carcassonne146 o le beghine di S. Agnese di Saint-Trond nella diocesi di Liegi147, di istituire una comunicazione diretta e immediata con l’autorità pontificia. Il ricorso alla supplica e pertanto l’utilizzo consapevole di uno strumento che implicava da parte dell’istituzione alla quale era diretta una deroga alla norma148, quindi una concessione particolare e individuale (o collettiva) di privilegi, di eccezioni, di conferme, di dispense e di dilazioni, permette di delineare meglio i ritratti di donne, famose o anonime, dando voce, pur nell’assenza di autografia, alle tensioni politiche, alle preoccupazioni familiari e successorie, all’impegno caritativo, alle scelte religiose e devozionali da una prospettiva personale, nonché di evidenziare l’ordito di relazioni e clientele suggellate con altre donne e uomini, laici e religiosi, in favore dei quali esse intervennero presso il pontefice149.

Notes

1 Heinrich DENIFLE, La désolation des églises, monastères, hôpitaux en France vers le milieu du XVe siècle, I, Macon: Protat frères, 1897.

2 Bruno KATTERBACH, Inventario dei registri delle suppliche, Città del Vaticano: Biblioteca Apostolica Vaticana, 1932, p. VII-VIII; Pierre GASNAULT, «Suppliques en matière de justice au XIVe siècle», Bibliothèque de l’École des chartes, 115, 1957, p. 43-57; Franco BARTOLONI, «Suppliche pontificie dei secoli XIII e XIV», Bullettino dell’Istituto storico italiano per il Medio Evo, 67, 1955, p. 1-187: p. 29, n. 1, p. 43-46, n. 1, p. 142-143, n. 1, p. 164-166, n. 19, p. 169-170, n. 2.

3 Nel delicato rapporto tra plenitudo potestatis del pontefice e legge, il papa poteva derogare a quest’ultima, come a disposizioni prese in documenti inviati in precedenza, attraverso la clausola non obstante e si tutelava rispetto alla fraudolenza dell’impetrante con la locuzione si ita est, alle quali si fa spesso ricorso nei rescritti pontifici. Si veda Othmar HAGENEDER, «Die Rechtskraft spätmittelalterlicher Papst- und Herrscherurkunden “ex certa scientia”, “non obstantibus” und “propter importunitatem petentium”», in: Peter HERDE, Hermann JAKOBS (dir.), Papsturkunde und europäisches Urkundenwesen. Studien zu ihrer formalen und rechtlichen Kohärenz vom 11. bis 15. Jahrhundert, Köln-Weimar-Wien: Böhlau, 1999, p. 401-429; Patrick ZUTSHI, «Petitioners, popes, proctors: the development of curial institutions, c. 1150-1250», in: Giancarlo ANDENNA (dir.), Pensiero e sperimentazioni istituzionali nella 'Societas Christiana' (1046-1250), Milano: Vita e pensiero, 2007, p. 265-293: 286-288, con rimando alla bibliografia precedente.

4 Per una riflessione intorno al binomio supplica-grazia nella prima metà del XIV secolo come strumento di governo, sia pure applicata al governo signorile si a rimanda Massimo VALLERANI, «La pauvreté et la citoyenneté dans les suppliques du XIVe siècle», in: Simona CERRUTI - Massimo VALLERANI (dirs.), Supplique. Lois et cas dans la normativité de l’époque moderne, L’atelier du Centre de recherches historiques, 13, 2015, online all’indirizzo: https://journals.openedition.org/acrh/6547. Si veda sui rapporti di potere tra governante e governati in relazione alle suppliche della prima età moderna Cecilia NUBOLA, «La “via supplicationis” negli stati italiani della prima età moderna (secoli XV-XVIII)», in: Cecila NUBOLA – Andreas WÜRGLER (dirs.), Suppliche e «gravamina». Politica, amministrazione, giustizia in Europa (secoli XIV-XVIII), Bologna: Il mulino, 2002, p. 21-47.

5 Si veda a titolo di esempio Maurice PROU, «Suppliques et bulle du XIIe siècle», in: Mélanges offerts à Émile Chatelain, Paris: Librairie ancienne Honoré Champion, 1910, p. 614-621; Paul F. KEHR, Papsturkunden in Spanien. Vorarbeiten zur Hispania Pontificia, II.: Navarra und Aragon, Berlin: Weidmannsche Buchhandlung, 1928, p. 57; Hans GOETTING, «Die Gandersheimer Originalsupplik an Papst Paschalis II. als Quelle für eine unbekannte Legation Hildebrands nach Sachsen», Niedersächsisches Jahrbuch für Landesgeschichte, 21, 1949, p. 93-122; Walter HOLTZMANN, «Eine Appelation des Klosters Tremiti an Alexander III.», Bullettino dell’Istituto storico italiano per il Medio Evo e Archivio Muratoriano, 66, 1954, p. 21-39.

6 Si vedano per esempio: F. BARTOLONI, art. cit., p. 21-94, che pubblica documenti provenienti per la maggior parte dal monastero di Sassovivo in Umbria; Giulio BATTELLI, «Una supplica e una minuta di Niccolò III», Quellen und Forschungen aus italienischen Archiven und Bibliotheken, 32, 1942, p. 33-50. Altre suppliche del XIII secolo sono citate in Ursmer BERLIÈRE, Suppliques de Clément VI (1342-1352), Rome: Institut historique belge,1906, p. XII-XIV.

7 Numerose le edizioni; un elenco di quelle più antiche è in B. KATTERBACH, Inventario dei registri delle suppliche…, p. VIII-X. Si veda anche Giulio BATTELLI, «Una supplica originale “per fiat” di Urbano V. Contributo alla storia della Cancelleria pontificia nel sec. XIV», in: Renato PIATTOLI (dir.), Scritti di paleografia e diplomatica in onore di Vincenzo Federici, Firenze: L. S. Olschki, 1944, p. 277-292: 277, nota 4. A esse si aggiunge la bibliografia citata nelle note seguenti che non ha pretese di completezza e da ultimo Harald MÜLLER, Brigide SCHWARZ, «Zwei Originalsuppliken in communi forma pauperum des 14. Jahrhunderts», Archiv für Diplomatik, 51, 2005, p. 285-304.

8 Heinrich FINKE, Acta Aragonensia. Quellen zur deutschen, italienischen, französischen, spanischen zur Kirchen- und Kulturgeschichte aus der diplomatischen Korrespondenz Jaymes II. (1291-1327), III, Berlin-Leipzig: Walther Rothschild, 1922, p. XXVII-XXVIII; riedito in Giulio BATTELLI, «Suppliche al papa di Giacomo II, re di Maiorca e di Giacomo II, re di Aragona», Anuario de estudios medievales, 31 (1), 2001, p. 3-24: 9-14. Ma si veda anche il rotolo del 1307 conservato nell’Archivio Storico Nazionale di Madrid edito in Peter A. LINHEAN, Patrick N. R. ZUTSHI, «Fiat A. The Earliest Known Roll of Petitions Signed by the Pope (1307)», The English Historical Review, 122/408, 2007, p. 998-1015.

9 Ursmer BERLIÈRE, «Épaves d’archives pontificales du XIVe siècle. Le Ms. 775 de Reims», Revue Bénédictine, 24, 1907, p. 456-478; 25, 1908, p. 19-47.

10 Émile-A. VAN MOÉ, «Suppliques originales adressées à Jean XXII, Clément VI et Innocent VI», Bibliothèque de l’École des Chartes, 92, 1931, p. 253-276.

11 Tullia GASPARRINI LEPORACE, «Una supplica originale per fiat del papa Giovanni XXII», Bullettino dell’Istituto Storico italiano per il Medio Evo e Archivio muratoriano, 75, 1963, p. 247-257.

12 Giovanni MUZZIOLI, Rotulo originale di suppliche per fiat di Benedetto XIII antipapa, Roma, 1947.

13 Pierre GASNAULT, «Quatre suppliques inédites adressées à Jean XXII», Bullettino dell’“Archivio Paleografico Italiano”, nuova serie, II-III, 1956-1957, parte I, p. 317-323; Angelo MERCATI, «Documenti dall’Archivio Segreto Vaticano», in: Miscellanea Pio Paschini. Studi di storia ecclesiastica, Romae: Facultas theologica Pontificii athenaei Lateranensis, 1949, II, p. 5-14; id., «Suppliques en matière de justice …»; Giulio BATTELLI, «"Gratiae rotulares" originali di Benedetto XIII antipapa», in: Erwin GATZ (dir.), Römische Kurie, Kirchliche Finanzen, Vatikanisches Archiv. Studien zu Ehren von Hermann Hoberg, I, Roma: Università Gregoriana Editrice, 1979, p. 57-64.

14 G. BATTELLI, «Una supplica e una minuta…», p. 33-50; Marie-Hyacinthe LAURENT, «Trois noveaux rôles de suppliques «per fiat» présentés a des papes du XIVe siècle (Vat. lat. 14400)», Mélanges d’archéologie et d’histoire, 66, 1954, p. 219-239.

15 Alain DE BOÜARD, Manuel de diplomatique française et pontificale, II, Paris: Éditions Auguste Picard, 1929, p. 68, nota 2, con riferimento ad altre edizioni di suppliche. Su un voluminoso rotolo conservato nell’Archivio Nazionale di Parigi si veda Charles VULLIEZ, «Un rotolus original de la Nation Picarde de l’Université de Paris au temps du pape Jean XXIII», in: Hélène MILLET (dir.), Suppliques et requêtes. Le gouvernement par la grâce en Occident (XIIe-XVe siècle), Rome: École française de Rome, 2003, p. 165-173.

16 H. FINKE, Acta Aragonensia…, p. XXVII-XXX; G. BATTELLI, «Suppliche al papa di Giacomo II…», p. 3-24.

17 B. KATTERBACH (ed.), Inventario dei registri delle suppliche..., p. 3-4.

18 Probabilmente durante il pontificato di Giovanni XXII le suppliche furono registrate in appositi registri tenuti dai notai papali, mentre con Benedetto XII e al più tardi con Clemente VI, in seguito a una maggiore burocratizzazione della curia, si sentì la necessità di un maggiore controllo sull’assegnazione di benefici e grazie, di conseguenza furono introdotti registri ufficiali compilati da specifici funzionari; cf. Patrick ZUTSHI, «The origins of the registration of petitions in the papal chancery in the first half of the Fourteenth century», in: H. MILLET (dir.), Suppliques et requêtes…, p. 177-191.

19 Il progetto, compiutosi negli anni tra il 1979 e il 1985, ha dato origine alla banca dati: Suppliques présentées au pape Urbain V. Si veda sul progetto Anne-Marie HAYEZ, «Les demandes de bénéfices présentées à Urbain V. Une approche géographico-politique», in: H. MILLET (dir.), Suppliques et requêtes…, p. 120-150.

20 William Henry BLISS (ed.), Calendar of entries in the Papal Registers relating to Great Britain and Ireland. Petitions to the pope, I: 1342-1419, London: Her Majesty’s Stationery Office, 1896.

21 Ursmer BERLIÈRE, Suppliques de Clément VI (1342-1352), Rome-Bruxelles-Paris, Bretschneider-Dewit-Champion, 1906; id., Suppliques d’Innocent VI (1352-1362), Rome-Bruxelles-Paris: Bretschneider-Dewit-Champion, 1911; Alphonse FIERENS, Suppliques d’Urbain V (1362-1370), Rome-Bruxelles-Paris, Bretschneider-Dewit-Champion, 1914.

22 Calendar of Scottish supplications to Rome, 1-6, Edinburgh: Scottish History Society, 1934-2017.

23 Per il Portogallo: António DOMINGUES DE SOUSA COSTA, Monumenta Portugaliae Vaticana, I: Súplicas dos pontificados de Clemente VI, Inocêncio VI e Urbano V, Roma-Porto: Livraria Editorial Franciscana, 1968; II: Súplicas dos pontificados dos papas de Avinhão Clemente VII e Bento XIII e do papa de Roma Bonifácio IX, Braga-Porto: Editorial Franciscana, 1970; III/2: Súplicas do pontificado de Marthino V (anos 1-7), Braga: Editorial Franciscana, 1982; IV: Súplicas do pontificado de Marthino V (anos 8 a 14), Braga-Porto: Editorial Franciscana, 1970. Per la Germania riferimenti ai Registra Supplicationum si trovano nel Repertorium Germanicum; si rimanda a Stefan BRÜDERMANN, «Il «Repertorium Germanicum»: origine, situazione, metodi», Annali dell’Istituto storico italo-germanico in Trento, 28, 2002, p. 345-351.

24 Gli studi segnalati sono stati scelti in quanto offrono l’edizione sistematica di suppliche per pontificati o per aree geografiche e pertanto non hanno alcuna pretesa di completezza, poiché numerose sono le edizioni e gli studi relativi e gruppi di minore entità o a singole suppliche. Una bibliografia accurata delle edizioni è in B. KATTERBACH, Inventario dei registri delle suppliche…, p. VIII-X, e più di recente, in: Olivier PONCET, Les entreprises éditoriales liées aux Archives du Saint-Siège. Histoire et bibliographie (1880-2000), Rome: École française de Rome, 2003, p. 27-100.

25 Tullia GASPARRINI LEPORACE (ed.), Le suppliche di Clemente VI, I, Roma: Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, 1948; Barbara NOGARA, Dino PUNCUH, Antonietta RONCALLO (eds.), Le suppliche di Martino V relative alla Liguria, I, Genova: Società ligure di storia patria, 1973, Barbara NOGARA, Dino PUNCUH, Antonietta RONCALLO (eds.), Diocesi di Genova, Genova: Società ligure di storia patria, 1973; II, Dino PUNCH (ed.), Diocesi di Ponente, Genova: Società ligure di storia patria, 1977; Elisabetta CANOBBIO, Beatrice DEL BO (eds.), «Beatissime pater». Documenti relativi alle diocesi del ducato di Milano. I “Registra supplicationum” di Pio II (1458-1464), Milano: Unicopli, 2007; Cecilia NUBOLA, Cristina BELLONI (eds.), Suppliche al pontefice. Diocesi di Trento (1513-1565), Bologna: Il mulino, 2007.

26 A partire dalle edizioni riguardanti singoli pontificati (Monumenta Hispaniae Vaticana, Sección Registros, 7 volumi, Roma: Instituto Español de Estudios Eclesiásticos, 1955-1987), ai lavori sui alcuni pontificati curati da Santiago Domínguez Sánchez per documenti referenti alla diocesi di León (con riferimento ai volumi della serie Monumenta Hispaniae Pontificia e a Santiago Domínguez Sánchez, Documentos de Clemente V (1305-1314) referentes a España. León: Universidad de León, 2014), al lavoro di Ovidio CUELLA ESTEBAN, Bulario Aragonés de Benedicto XIII, 3 voll., Zaragoza: Institucíon “Fernando el Católico”, 2003-2009.

27 Demetrio MANSILLA REOYO, «La documetación española del Archivo del “Castel S. Angelo” (395-1498)», Anthologica Annua, 6, 1958, p. 287-448. A essi si aggiungono i numerosi lavori di Saturnino Ruiz de Loizaga inerenti in modo particolare le comunità dei Paesi Baschi, la Castiglia e La Rioja (un elenco di gran parte delle pubblicazioni si legge in Saturnino RUIZ DE LOIZAGA, «Documentos pontificios referentes al País Vasco (Siglos XIII-XV)», Anthologica Annua, 55-56, 2008-2009, p. 955-1064: 956, nota 1), e il lavoro sostenuto dalla Fondazione Botín sulla documentazione vaticana della Cantabria (Valeria BEOLCHINI, Marta PAVÓN, José Ángel GARCÍA DE CORTÁZAR (eds.), Documentación Medieval referente a Cantabria en el Archivo Secreto Vaticano (1209-1484), Santander: Fundación “Marcelino Botín”, 2011). Per una visione d’insieme delle inizative editoriali spagnole legate ai documenti conservati nell’Archivio Apostolico Vaticano si rimanda a Fernando de LASALA, «Fondos documentales españoles en el Archivo Vaticano», Archivum Historiae Pontificiae, 43, 2005, p. 299-316.

28 Si rimanda, a solo titolo di esempio, ai lavori di Jorge Díaz Ibáñez incentrati sulle suppliche di Urbano V; cf. Jorge DÍAZ IBÁÑEZ, «Pedro I, Urbano V y las súplicas beneficiales», in: Carlos Manuel REGLERO DE LA FUENTE (dir.), Poder y sociedad en la Baja Edad Media Hispánica. Estudios en homenaje al profesor Luis Vicente Díaz Martín, Valladolid: Universidad de Valladolid, 2002, p. 111-132; id., «La Iglesia de Castilla y León y el papado de Aviñón. Súplicas beneficiales, prosopografía y clientelismo eclesiástico en época de Urbano V», in: Juan José SÁNCHEZ BADIOLA, El Reino de León en la Edad Media, X, Léon: Centro de Estudios e Investigación “San Isidoro”, 2003, p. 469-715; id. «La provisión pontificia de beneficios eclesiásticos en el reino de Castilla durante el período aviñonés. Estado de la investigacíon», Lusitania Sacra, 22, 2010, p. 63-84.

29 José GOÑI GAZTAMBIDE, «Tres rótulos de la Universidad de Salamanca de 1381, 1389 y 1393», Anthologica Annua, 11, 1963, p. 227-338; id., «Un rótulo de la Universidad de Salamanca de 1392», Anthologica Annua, 12, 1964, p. 283-292; José RIUS SERRA, «Estudiants espanyols a Avinyó al segle XIV», Analecta Sacra Tarraconensia, 10, 1934, p. 87-122; id., «Los rótulos de la Universidad de Valladolid», Analecta Sacra Tarraconensia, 16, 1943, p. 87-134.

30 José RIUS SERRA, «Rótulos presentados a Benedicto XIII», Analecta Sacra Tarraconensia, 23 (75-81), 1950; id., «Un rótulo de Castilla de 1391», Hispania Sacra, 3, 1950, p. 383-392 (benché non si tratti di vere e proprie edizioni). Si veda anche supra nota 8.

31 Alcune suppliche furono approvate solo con il Fiat, altre invece fanno seguire al verbo formule diversamente articolate a secondo di quanto il papa disponeva a riguardo, dei termini o delle riserve con cui accoglieva ciò che veniva richiesto; cf. Patrick ZUTSHI, «Petitions to the Pope in the Fourteenth century», in: W. Mark Ormrod, Gwilym Dodd, Anthony Musson (dirs.), Medieval petitions, grace and grievance, Woodbridge Suffolk: York Medieval Press, 2009, p. 82-98: 93-94.

32 Pierre Roger eletto al soglio pontificio il 7 novembre 1342. Sulla formazione, cultura e politica di Clemente VI si veda il recente lavoro di Étienne ANHEIM, Clément VI au travail. Lire, écrire, prêcher au XIVe siècle, Paris: Éditions de la Sorbonne, 2014. Sulla presentazione delle suppliche e la formazione della lettera pontificia in risposta a esse rimando a Anne-Marie HAYEZ, Janine MATHIEU, Marie-France YVAN, «De la supplique à la lettre: le parcours des grâces en cour de Rome sous Urbain V (1362-1366)», in: Aux origines de l’État moderne. Le fonctionnement administratif de la papauté d’Avignon. Actes de la table ronde oragnisée par l’École française de Rome avec le concours du CNRS, du Conseil général de Vaucluse et de l’Université d’Avignon (Avignon, 23-24 janvier 1988), Rome: École française de Rome, 1990, p. 171-205; P. ZUTSHI, «The origins of the registration…», p. 177-191.

33 Sulla composizione dei rotoli di suppliche si veda Anne-Marie HAYEZ, «Les demandes de bénéfices…», p. 144-146.

34 Vedi supra nota 29.

35 G. BATTELLI, «“Gratiae rotulares” originali…», p. 61.

36 Sul ruolo effettivo delle donne nella vita politica e nel governo del regno sia a fianco del consorte, sia in nuove forme e ambiti di azione del potere, si rimanda per le sinergie all’interno della corte napoletana di età angioina, con ampi riferimenti alla bibliografia precedente, a Cristina ANDENNA, «Consorti, collaboratrici e vicarie. Il ruolo delle regine nelle questioni amministrative e politiche del Regno», in: Thierry PÉCOUT (dir.), Les officiers et la chose publique dans le territoires angevins (XIIIe-XIVe siècle): vers une culture politique?, Rome: École française de Rome, 2020, online all’indirizzo http://books.openedition.org/efr/7508; per la Spagna si veda Nikolas JASPERT, «Indirekte und direkte Macht iberischer Königinnen im Mittelalter. ‘Reginale’ Herrschaft, Verwaltung und Frömmigkeit», in: Claudia ZEY (dir.), Mächtige Frauen? Königinnen und Fürstinnen im europäischen Mittelalter (11.-14. Jahrhundert), Ostfildern: Thorbecke, 2015, p. 73-130.

37 María Jesús FUENTE PÉREZ, «Tres Violantes: las mujeres de una familia en el poder a lo largo del siglo XIII», Anuario de Estudios Medievales, 46 (1), 2016, p. 137-165.

38 Salvador CLARAMUNT, «La nobleza en Cataluña durante el reinado de Jaime I», in: Esteban SARASA (cor.), La sociedad en Aragón y Cataluña en el reinado de Jaime I (1213-1276), Zaragoza: Institución «Fernando el Católico» (C.S.I.C), 2009, p. 219-229: 227, José V. CABEZUELO PLIEGO, «El gobierno de Valencia después de la conquista, 1239-1276», in: María Teresa FERRER I MALLOL (coord.), Jaume I. Commemoració del VIII centenari del naixement de Jaume I, I: El poder reial i les institucions. La politica internacional. La familia reial i la politica successòria. La figura de Jaume I. El món cultural i artístic, Barcelona: Institut d’Estudis Catalans, 2011, p. 143-161: 153.

39 Tilmann SCHMIDT, Roser SABANÉS I FERNANDEZ (eds.), Butllari de Catalunya: documents pontificis originals conservats als arxius de Catalunya (1198-1417), Barcelona: Fundació Noguera, 2016, I, p. 389-390, n. 320.

40 Horst ENZENSBERGER, «Caterina di Valois, imperatrice titolare di Costantinopoli», Dizionario Biografico degli Italiani, 22, Roma: Treccani, 1979, p. 379-381; Andreas KIESEWETTER, «I principi di Taranto e la Grecia (1294-1373/83)», Archivio Storico Pugliese, 54, 2001, p. 53-100.

41 Mario GAGLIONE, Converà ti que aptengas la flor. Profili di sovrani angioini, da Carlo I a Renato (1266-1442), Milano: Lampi di stampa, 2009, p. 208.

42 Émile-G. LÉONARD, Histoire de Jeanne Ire reine de Naples comtesse de Provence (1342-1382). La jeunesse de la reine Jeanne, Monaco-Paris: Imprimerie de Monaco- Librairie Auguste Picard, 1932, II, p. 409-410, n. IX.

43 Ibid., II, p. 430, n. XXIX (18 marzo 1346). Andrea fu assassinato nella notte del 18 settembre 1345; cf. ibid., I, p. 471-473.

44 Il pontefice nominò legato nel Regno il cardinale di S. Martino ai Monti Aimeric de Châtelus. Sulla legazia napoletana e sulla opposizione della regina e della corte alle decisioni del pontefice si veda ibid., I, p. 292-304, 352-421; Ralf LÜTZELSCHWAB, Flectat cardinales ad velle suum? Clemens VI. und sein Kardinalskolleg. Ein Beitrag zur kurialen Politik in der Mitte des 14. Jahrhunderts, München: Oldenbourg, 2007, p. 244-261.

45 É.-G. LÉONARD, Histoire de Jeanne Ire, I, p. 545, II, p. 396-398, n. III,

46 Francesco CERASOLI, «Clemente VI e Giovanna I di Napoli. Documenti inediti dell’Archivio Vaticano», Archivio Storico per le Province Napoletane, XXI, 1896, p. 3-41, 227-264, 427-475, 667-707: 467, n. CXXXII.

47 Ibid., p. 467, n. CXXXII, p. 669-670, n. CXLIII, p. 676, n. CLI.

48 Guillaume de Rosières (de Roseriis), in precedenza arcivescovo di Trani e poi di Brindisi, benedettino, canonista, fu collettore del papa, e come tale fu incaricato, in base allo ius spolii esercitato dai papi di Avignone, di inventariare i beni del francescano Guglielmo Isnardi arcivescovo di Brindisi e in seguito di Benevento (Isabelle HEULLANT-DONAT, «Les livres dans les dépouilles des prélats d’Italie du Sud au XIVe siècle», in: Jean-Michel MATZ, Marie-Madeleine De CEVINS (dirs.), Formation intellectuelle et culture du clergé dans les territoires angevins (milieu du XIIIe-fin du XVe siècle), Roma: École française de Rome, 2005, p. 139-159: 144). Sull’arcivescovo si rimanda a Nicolas LAURENT-BONNNE, «Notes sur deux canonistes méridionaux du XIVe siècle: Guillaume de Rosières et Aymeric de Montal», Bibliothèque de l’École des Chartes, 171, 2013, p. 365-382.

49 A Matteo da Gragnano, come ben notava Léonard, Giovanna I affidò incarichi di natura confidenziale, come quello di parlare con il pontefice intorno al suo matrimonio, e notizie sulle quali doveva essere mantenuto il segreto, come si comprende dalla missiva spedita dal pontefice il 4 gennaio 1344 (F. CERASOLI, «Clemente VI…», p. 28-29, n. XXVIII). Si veda E. LÉONARD, Histoire de Jeanne Ire, ad indicem. Matteo in qualità di tesoriere fu incaricato anche di versare alla camera apostolica il censo annuo dovuto dalla regina negli anni 1322-1347, cf. Ludwig MOLHER, Die Einnahmen der Apostolischen Kammer unter Klemens VI., Paderborn: F. Schöningh, 1931, p. 13 (dove il nome è corrotto in Macherius de Grouindano), 17, 19, 22-23, 26.

50 F. CERASOLI, «Clemente VI…», p. 468-469, n. 134.

51 Giacomo arcivescovo di Taranto (1349-1379) in precedenza di Corinto (1340-1349). Sulla biblioteca dell’arcivescovo Giacomo si veda I. HEULLANT-DONAT, «Les livres dans les dépouilles…», p. 152.

52 Giovanni da Penne fu uno stimato medico di corte, definito da Domenico da Gravina in arte phisica philosophus. In un privilegio del 28 agosto 1345 porta il titolo di familiare e medico della regina e di Agnese duchessa di Durazzo; cf. É.-G. LÉONARD, Histoire de Jeanne Ire…, I, p. 437, 439, II, p. 206; Niccolò TOPPI, Biblioteca napoletana et apparato a gli huomini illustri in lettere di Napoli e del regno, delle famiglie, terre, città, e religioni, che sono nello stesso regno. Dalle loro origini, per tutto l'anno 1678, Napoli: Antonio Bulifon all'insegna della Sirena, 1678, p. 121.

53 Giovanni Barrili è attestato altre volte in qualità di ambasciatore della regina presso il pontefice (F. CERASOLI, «Clemente VI…», p. 669, n. 142). Egli, uomo di considerevole cultura e amico del Petrarca, era stato uno dei più fedeli funzionari di re Roberto, che gli affidò alte cariche nell’amministrazione del regno oltre a delicate missioni diplomatiche e politiche. Nel 1349 Giovanni Barrili si trovava ad Avignone in quanto nell’estate del 1348 Giovanna I lo aveva nominato siniscalco di Provenza, ma per forti contrasti con il destituito Raymond d’Agoult, suo predecessore, e con alcuni partiti provenzali, risiedette per tutto il tempo ad Avignone. Romolo CAGGESE, Roberto d’Angio e i suoi tempi, Firenze: R. Bemporad & figlio, 1922, I, p. 669, II, p. 273, 302, 374, 383, 387-388; É.-G. LÉONARD, «Un ami de Pétrarque, sénéchal de Provence: Giovanni Barrili», Études italiennes, 9, 1927, p. 109-142; id., Histoire de Jeanne Ire, ad indicem; Ingeborg WALTER, «Barrili, Giovanni», Dizionario Biografico degli Italiani, 6, Roma: Treccani, 1964, p. 529-530; Samantha KELLY, The new Solomon. Robert of Naples (1309-1343) and Fourteenth-Century Kingship, Leiden-Boston: Brill, 2003, ad indicem; Steven BAKER, Political Petrarchism: the rethorical fashioning of community in early Modern Italy, tesi di dottorato, Columbia University 2013, p. 96-98.

54 F. CERASOLI, «Clemente VI…», p. 691-692, n. CLXXII. Probabilmente la materia di discussione riguardò la questione ungherese.

55 Giovanna I il 5 settembre 1343 elesse il siniscalco di Provenza Ugo del Balzo, il conte di Ariano Guillaume de Sabran, il conte di Mileto e maresciallo del regno Ruggero Sanseverino, il reggente della corte della Vicaria Pierre de Cadenet, il giureconsulto Nicola de Aquila, i maestri razionali Guglielmo da Gioia e Jean de Revest, suoi procuratores et nuncios speciales per trattare la questione in curia. Cf. É.-G. LÉONARD, Histoire de Jeanne Ire, II, p. 396-398, n. III. Agli stessi aveva demandato l’1 dicembre 1343, e poi di nuovo il 24 gennaio 1344, l’incarico di continuare ad operare presso il papa per convincerlo a non permettere che suo marito fosse associato al governo del regno; inserendo nelle lettere a loro dirette la supplica da lei inviata al pontefice a riguardo; ibid., p. 407-408, n. VII; p. 410-411, n. X.

56 Ibid., p. 407-408, n. VII.

57 Benoît GRÉVIN, Rhétorique du pouvoir médiéval. Les lettres de Pierre de la Vigne et la formation du langage politique Européen (XIIIe-XVe siècle), Roma: École française de Rome, 2008, p. 316-318 si sofferma sull’ars aregandi, l’abilità cioè di utilizzare la retorica nelle comunicazioni orali durante gli incontri di natura diplomatica e politica.

58 Archivio Apostolico Vaticano (d’ora in poi AAP), Reg. Suppl. 7, fol. 104rº. Si tratta con ogni probabilità del medesimo chierico menzionato in una supplica della regina Sancia, si veda infra nota 67.

59 Come si evince dalle lettere di risposta del pontefice in data 15 gennaio 1346 e 7 febbraio 1347 edite in F. CERASOLI, «Clemente VI…», p. 429-430, n. LXXXVI-LXXXVII. Sui rapporti tra la sovrana angioina e Clemente VI si veda É.-G. LÉONARD, Histoire de Jeanne Ire; Joëlle ROLLO-KOSTER, Avignon and its Papacy, 1309-1417, Popes, Institutions and Society, Lanham-Boulder-New York-London: Rowman & Littlefield, 2015, p. 75-77.

60 Aveva ricevuto il vescovato di Telese il 24 settembre 1345; Eugène DÉPREZ, Jean GLÉNISSON, Guillaume MOLLAT (eds.), Clément VI (1342-1352). Lettres closes, patentes et curiales se rapportant à la France publiées ou analysées d’après les registres du Vatican, II, Paris: École française de Rome, 1958, p. 98, n. 776. Giovanna I elargì beni ai familiari di Matteo Guiliand o Matteo de Aquaputida. Cf. Raimondo GUARINI, «Alcuni monumenti antichi», Atti dell’Accademia Pontaniana, 1, 1832, p. 25-73:45-46. Su di lui, si veda anche Sigismondo DA VENEZIA, Biografia serafica degli uomini illustri che fiorirono nel francescano istituto, Venezia: Tipografia di G. B. Merlo, 1846, p. 150.

61 AAV, Reg. Suppl. 13, fol. 88vº. La lettera di grazia Personam tuam nobis per Matteo vescovo di Telese, emessa a seguito della supplica, si legge in AAV, Reg. Vat. 176, fol. 185vº.

62 Sancia ottenne più volte dispense pontificie che le conferivano il permesso di entrata, visita e soggiorno nei monasteri di Clarisse napoletani da lei fondati, secondo una consuetudine molto comune al tempo; Cristina ANDENNA «“Francescanesimo di corte” e santità francescana a corte. L’esempio di due regine angioine fra XIII e XIV secolo», in: G. ANDENNA, L. GAFFURI, E. FILIPPINI (dirs.), Monasticum Regnum. Religione e politica nelle pratiche di governo tra Medioevo ed Età Moderna, Berlin: LIT, 2015, p. 139-180: 157-158.

63 Notizie sui due monasteri, il primo di Clarisse, il secondo istituito per accogliere le repentitae sono in Rosalba DI MEGLIO, Ordini mendicanti, monarchia e dinamiche politico-sociali nella Napoli dei secoli XIII-XV, Raleigh: Aonia edizioni, 2013, p. 63-67.

64 Documento del 25 marzo 1324, cf. Bullarium Franciscanum studio et labore Joannis Hyacinti SBARALEAE, V, Romae: Typis S. Congregationis de propaganda fide, 1898, p. 261, n. 526; Guillaume MOLLAT (ed.), Jean XXII (1316-1334). Lettres communes analysées d’après les registres dits d’Avignon et du Vatican, V, Paris: École française de Rome, 1907, p. 96, n. 19196,

65 La medesima Sancia aveva chiesto e ottenuto da Giovanni XXII con la lettera Intenta caritatis del 1 luglio 1325 di equiparare le servientes alle moniales e di permettere quindi anche alle prime di portare il velo nero e di avere diritto di voto nel capitolo, al fine di sanare qualsiasi disparità; cf. Bullarium Franciscanum…, V, p. 288-289, n. 581.

66 Le lettere emanate dalla cancelleria di Clemente VI per il monastero napoletano sono edite in: ibid., Konrad EUBEL (ed.), VI, Romae: Typis S. Congregationis de propaganda fide, 1802, p. 129, n. 215-217, p. 130, n. 218.

67 AAP, Reg. Suppl. 4, fol. 129rº.

68 Intorno al ruolo di Sancia di Maiorca all’interno della corte napoletana, ai suoi spazi di azione politica e al patronato religioso esercitato soprattutto nei confronti di Minori e Clarisse molti studi sono apparsi negli ultimi anni; rinvio oltre a quelli citati nelle note precedenti e seguenti a Mario GAGLIONE, «Sancia d’Aragona-Majorca. Da regina di Sicilia e Gerusalemme a monaca di Santa Croce», Archivio per la storia delle donne, 1, 2004, p. 27-54; id., «Sancia d’Aragona-Maiorca tra impegno di governo e “attivismo” francescano», Studi storici. Rivista trimestrale dell’Istituto Gramsci, 49, 2008, p. 931-984; Núria JORNET-BENITO, «Sança of Majorca, queen of Naples: monastic foundation within a project of genealogical awareness and franciscan spirituality», in: Blaca GARÍ (dir.), Women’s networks of spiritual promotion in the peninsular kingdoms (13th-16th centuries), Roma: Viella, 2013, p. 129146; Jean-Paul BOYER, «Sancia par la grâce de Dieu reine de Jérusalem et de Sicile», Mélanges de l’École française de Rome. Moyen Âge, 129 (2), 2017, p. 301-334.

69 Con la lettera solenne Speciosus forma del 26 febbraio 1321 Giovanni XXII approvava le Ordinationes stabilite dalla regina per il monastero napoletano (G. MOLLAT (ed.), Jean XXII (1316-1334). Lettres communes…, III, Paris: École française de Rome, 1905, p. 250, n. 13030; Luke WADDING, Annales minorum, VI, Ad Claras Aquas: Tipografia Barbera, 1931, p. 631-646). Una disamina minuziosa del testo delle Ordinationes e delle sue successive integrazioni si trova in Mario GAGLIONE, «Francescanesimo femminile a Napoli: dagli statuti per il monastero di S. Chiara (1321) all’adozione della prima regola per Santa Croce di Palazzo», Frate Francesco. Rivista di cultura francescana, 79, 2013, p. 29-95: 38-72. Per la regola adottata si rimanda a Cristina ANDENNA, «Secundum regulam datam sororibus ordinis Sancti Damiani. Sancia e Aquilina: due esperimenti di ritorno alle origini alla corte di Napoli nel XIV secolo», in: Michael ROBSON, Jens RÖHRKASTEN (dirs.), Franciscan organisation in the Mendicant context. Formal and informal structures of the friars’ lives and ministry in the Middle Ages, Berlin: LIT, 2010, p. 139-178: 160-170. I successivi interventi normativi a opera di Benedetto XII sul monantero napoletano e le relazioni con i cenobi provenzali legati a Sancia sono analizzati in ead., «Women at the Angevin Court between Naples and Provence. Sancia of Majorca, Delphine of Puimichel, and the ‘struggle’ for a female franciscan life», in: Nikolas JASPERT, Imke JUST (dirs.), Queens, Princesses and Mendicants. Close Relations in a European Perspective, Wien: LIT, 2019, p. 29-51: 30-47.

70 Con riferimento alle posizioni delle correnti micheliste e agli Spirituali e sul ruolo avuto dai sovrani Roberto e Sancia nel dibattito teologico contemporaneo rimando C. ANDENNA, «“Francescanesimo di corte”…», p. 160-168, da cui è tratta la citazione.

71 La personalità di Eleonora e la determinatezza del suo carattere le permisero di partecipare attivamente accanto al marito nel governo dell’Aragona, e al contempo di esercitare una forte influenza nella corte siciliana. Eleonora, figlia di Pietro II di Sicilia, si spese molto presso la curia pontificia per sostenere le fondazioni dei Minori e delle Clarisse, alcune delle quali da lei stessa finanziate; a riguardo Sebastian ROEBERT, «“Idcirco ad instar illius Zerobabell templum domini rehedifficantis”. La politica monastica di Eleonora di Sicilia», Edad Media. Revista de Historia, 18, 2017, p. 49-74; Lledó RUIZ DOMINGO, «“Del qual tenim loch”. Leonor de Sicilia y el origen de la lugartenencia femenina en la Corona de Aragón», Medievalismo, 27, 2017, p. 303-326.

72 T. SCHMIDT, R. SABANÉS i FERNANDEZ (eds.), Butllari de Catalunya…, II, p. 1468-1471, n. 1059-1063.

73 Su di lei, figlia del re di Castiglia Ferdinando IV, si veda Alejandra RECUERO LISTA, «Doña Leonor: infanta castellana, reina aragonensa y elemento de discordia en las relaciones castellano-aragonesas en la primera mitad del siglo XIV», Estudios Medievales Hispánicos, 2, 2013, p. 221-240.

74 AAV, Reg. Suppl. 4, fol. 143vº.

75 Sul cardinale Guillaume de la Jugée si veda R. LÜTZELSCHWAB, Flectat cardinales ad velle suum…, p. 85-90, 468-469.

76 AAV, Reg. Suppl. 4, fol. 66vº.

77 Matilde era figlia di Enrico, terzo conte di Lancaster, a sua volta nipote di Enrico III d’Inghilterra, e a seguito della morte del marito, William Donn de Burgh conte di Ulster, si trasferì a vivere alla corte di Edoardo III, dove risiedeva al momento dell’invio della supplica (Robin FRAME, «Matilda of Lancaster, countess of Ulster», in: Henry C. G. MATTHEUW, Brian HARRISON (dirs.), Oxford Dictionary of National Biography, 37, Oxford: Oxford University Press, 2004, p. 332-333.

78 AAP, Reg. Suppl. 5, fol. 191, edita in W. H. BLISS (ed.), Calendar of entries in the Papal Registers relating to Great Britain and Ireland. Petitions to the pope…, I, p. 74.

79 Matilde chiese tale grazia per il magister Robert de Walkinton, per Geoffrey de Stiuecle, per sir Robert de Utilicot, sir Robert Spenser of Uttoxhather, sir Geoffrey de Cornezano, John de Sculthorp e Robert Creyk.

80 Il 26 agosto 1343 morì il cancelliere Robert Parving e l’incarico fu conferito a Robert Sadington che lo mantenne fino al 26 ottobre 1345 (John S. ROSKELL, The impeachment of Michael de la Pole, earl of Suffolk in 1386 in the context of the reign of Richard II, Manchester: University Press, 1984, p. 36, nota 1). Entrambi furono nominati in seguito alla decisone di Edoardo III di destinare personale laico alle cariche di cancelliere e tesoriere fino a quel momento appannaggio di ecclesiastici. Su di essi si veda Anthony MUSSON, W. Mark ORMROD, The evolution of English justice. Law, politics and society in the Fourteenth century, London: Macmillan, 1999, p. 34. Suppongo che il cancelliere al quale si riferisce la supplica sia Robert Parving (o Parning); cf. Thomas F. TOUT, Chapters in the administrative history of medieval England, III, Manchester: University Press, 1928, p. 124; Charles L. KINGSFORD, W. M. ORMROD, «Parning, sir Robert», in: H. C. G. MATTHEW, B. HARRISON (dirs.), Oxford Dictionary of National Biography, 42, Oxford: Oxford University Press, 2004, p. 837.

81 Pe le modalità dell’esame e le posizioni assunte dai pontefici della seconda metà del Trecento si rimanda ad Andreas MEYER, «Les «littere in forma pauperum». Aspects socio-historiques des provisions pontificales», in: Aux origines de l’État moderne. Le fonctionnement administratif …, p. 315-327: 318-319; Angela SANT’ANGELO CORDARI, La giurisprudenza della Rota romana nel secolo XIV, Milano: A. Giuffrè, 2001, p. 450-453.

82 Il 30 gennaio 1344 Clemente VI lo inviò come nunzio in Inghilterra, Scozia, Gallia e Spagna (E. DÉPREZ, J. GLÉNISSON, G. MOLLAT (eds.), Clément VI (1342-1352). Lettres closes, patentes et curiales se rapportant à la France…, I, Paris: École française de Rome, 1901, p. 314, n. 638). Per le lettere inviategli da Clemente VI si veda William Henry BLISS, Charles JOHNSON (eds.), Calendar of entries in the papal registers relating Great Britain and Ireland. Papal Letters 1342-1362, III, Her Majesty's Stationery Office, 1897, ad indicem. Altri documenti anche in Calendar of the patent rolls preserved in Public Record Office, Edward III, VI-XI, London: H. M. S. O., 1902-1911, XIII, London 1912, ad indicem; James MILLS (ed.), Account roll of the priory of the Holy Trinity, Dublin 1337-1346, Dublin: Royal society of antiquaries of Ireland, 1891, p. 173. Su di lui: Andrew D. M. BARRELL, The Papacy, Scotland and Northern England, 1342-1378, Cambridge: University Press, 1995, p. 14, William Edward LUNT, Edgar B. GRAVES, Account rendered by Papal Collectors in England, 1317-1378, Philadelphia: The American Philosophical Society, 1968, p. XXXI-XXXII.

83 AAV, Reg. Suppl. 5, fol. 68rº.

84 A Neuilly-Saint-Front esiste ancora la cappella fatta erigere da Giovanna, insieme a un ospedale costruito nel medesimo tempo. Sul mecenatismo di Giovanna: Carla LORD, «Jeanne d’Évreux as a Founder of Chapels. Patronage and Public Piety», in: Cynthia LAWRENCE (dir.), Women and Art in Early Modern Europe. Patrons, Collectors and Connoisseurs, University Park (Pennsylvania): Pennsylvania State University Press, 1997, p. 21-36; Barbara DRAKE BOEHM, «Le mécénat de Jeanne d’Évreux», in: Danielle GABORIT-CHOPIN - François AVRIL (dir.), 1300. L’art au temps de Philippe le Bel. Actes du colloque international, Galeries nationales du Grand Palais, 24 et 25 juin 1998, Paris: École du Louvre, 2001, p. 15-31.

85 W. H. BLISS (ed.), Petitions to the pope…, I, p. 122.

86 Trevor H. ASTON, Rosamond FAITH, «The endowments of the university and colleges to circa 1348», in: Jeremy I. CATTO (ed.), The History of University of Oxford, I: The Early Oxford Schools, Oxford: Clarendon Press, 1984, p. 265-310: 305.

87 Alan B. COBBAN, The Medieval English Universities: Oxford and Cambridge to c. 1500, Cambridge: Scolar Press, 1988, p. 129; id., English university life in Middle Ages, Columbus: Ohio State University Press, 1999, p. 127.

88 Nella cospicua bibliografia rimando a Ester BALASCH, Francesca ESPAÑOL (dirs.), Elisenda de Montcada. Una reina lleidatana i la fundació del Reial Monestir de Pedralbes, Lleida: Amics de la Seu Vella, 1997; Anna CATELLANO I TRESSERRA, «Queen Elisenda de Montcada and the monastery of Pedralbes. A model for Female Spiritual Promotion in the 14th Century», in: Blanca GARÍ (dir.), Women’s Networks …, p. 107-128; Nikolas JASPERT, «Testaments, Burials and Bequests. Tracing the ‘Franciscanism’ of Aragonese Queens and Princesses», in: Nikolas JASPERT, Imke JUST (eds.), Queens, Princesses and Mendicants. Close Relations in a European Perspective, Zürich: LIT, 2019, p. 1-85-134: 96-98.

89 Sul monastero de Pedralbes, appartenente all’ordine delle Clarisse e fondato nel 1326 per volontà della regina Elisenda, rimando, tra diversa bibliografia, a Anna CASTELLANO I TRESSERRA, Pedralbes a l’edat mitjana. Història d’un monestir femení, Barcelona: Publicacions de l’Abadia de Montserrat, 1998, p. 25-41; Cristina SANJUST I LATORRE, L’obra del reial Monestir de Santa Maria de Pedralbes des de la seva fundació fins al segle XVI. Un monestir reial per a l’orde de les Clarisses a Catalunya, tesi di dottorato, Barcelona: Universidad Autónoma de, Barcelona, 2008; Anna CASTELLANO I TRESSERRA, «El projecte fundacional del monestir de Santa Maria de Pedralbes i el palau de la reina Elisenda de Montcada a través de dos inventaris del 1364», in: Blanca GARÍ (dir.), Espacios de espiritualidad femenina en la Europa medieval, Anuario de Estudios Medievales, 44 (1), 2014, p. 103-139.

90 AAV, Reg. Suppl. 13, fol. 75vº.

91 AAV, Reg. Vat. 176, f. 247, ep. 623.

92 Le altre tipologie di suppliche erano sprovviste di data al momento della loro presentazione al pontefice, poiché essa sarebbe stata inserita solo contestualmente all’approvazione e sarebbe divenuta poi la data della lettera pontificia.

93 Louis CAROLUS-BARRÉ, «Suppliques exceptionnellement présentées en forme de lettres et enregistrées avec la date de leur expédition au temps de Clément VI, Innocent VI et Urbain V», Annali della Scuola per Archivisti e bibliotecari, 11, 1971, p. 53-63: 60, n. 4. In tutti i registri del pontefice le suppliche in formato di lettera sono in totale ventiquattro; U. BERLIÈRE, Suppliques de Clément VI…, p. XV.

94 Non si ha certezza sulla data di fondazione del monastero il cui più antico documento risale al 25 agosto 1254; Pierre-Roger GAUSSIN, «Les Communautés féminines dans l’espace Languedocien de la fin du XIe à la fin du XIVe siècle», Cahiers de Fanjeaux, 23, 1988, p. 299-332: 318.

95 AAP, Reg. Suppl. 1, fol. 49rº; L. CAROLUS-BARRÉ, «Suppliques exceptionnellement présentées…», p. 60, n. 4.

96 Il monastero S. Petri de Monachabus ha origini incerte che vengono fatte risalire all’epoca longobarda. Su di esso: Carmelo LEPORE, «Monasticon Beneventanum», Studi beneventani, 6, 1995, p. 25-168: 119-129, n. 21; Salvatore DIGLIO, «Una grande proprietà benedettina nel Sannio: il monastero di S. Pietro delle Monache», in: Filippo BENCARDINO (ed.), Oriente Occidente. Scritti in memoria di Vittorina Langella, Napoli: Istituto universitario orientale, 1993, p. 419-450.

97 F. BARTOLONI, «Suppliche pontificie…», p. 51-55, n. 1-2.

98 Il commune servitium costituiva una tassa da versare alla Camera apostolica in occasione della provvisione di un beneficio maggiore. I titolari si impegnavano a pagare al momento della nomina o della conferma papale una cifra calcolata in base alle capacità contributive del beneficio ricevuto, solitamente un terzo delle entrate lorde annuali; cf. Hermann HOBERG (ed.), Taxae pro communibus servitiis, ex libris obligationum ab anno 1295 usque ad annum 1455 confectis, Città del Vaticano: Biblioteca Apostolica Vaticana, 1949, p. XI-XII. Sull’amministrazione esercitata dalla Camera apostolica, tra la cospicua bibliografia, si rimanda solo a Fausto PIOLA CASELLI, «L’evoluzione della contabilità camerale nel periodo avignonese», in: Aux origines de l’État moderne. Le fonctionnement administratif …, p. 411-437; Stefan WEISS, Rechnungswesen und Buchhaltung des Avignoneser Papsttums (1316-1378). Eine Quellenkunde, Hannover: Hahnsche Buchhandlung, 2003 e più di recente ai saggi di Valérie Theis, Étienne Anheim, Élydia Barret, Philippe Généquand, Armand Jamme raccolti in Les comptabilités pontificales, table ronde, Rome 28 et 29 juin 2003, Mélanges de l’École française de Rome. Moyen Âge, 118 (2), 2006, p. 165-268.

99 AAV, Reg. Aven. 74, fol. 83rº.

100 AAV, Reg. Suppl. 4, fol. 92rº, edita in U. BERLIÈRE, Suppliques de Clément VI…, I, p. 90-91, n. 412.

101 Nella molteplicità degli studi che dagli anni Settanta del Novecento si sono susseguiti affrontando il fenomeno complesso delle eterogenee esperienze religiose femminili nel Medioevo rimando, in relazione al diversificato mondo delle donne religiose sine regula, solo a Kaspar ELM, Vita regularis sine regula. Significato, collocazione giuridica e autocoscienza dello stato semireligioso femminile nel Medioevo, in: Cristina ANDENNA, Gert MELVILLE (dirs.), Regulae – Consuetidines –Statuta. Studi sulle fonti normative degli ordini religiosi nei secoli centrali del Medioevo. Atti del I e II Seminario internazionale di studio del Centro italo-tedesco di storia comparata degli ordini religiosi (Bari-Noci-Lecce, 26-27 ottobre 2002; Castiglione delle Stiviere 23-24 maggio 2003), Münster: LIT, 2005, p. 239-273. Per una riconsiderazione delle linee storiografiche dell’ultimo Novecento si veda Alessandra BARTOLOMEI ROMAGNOLI, «La vita religiosa femminile alla fine del Medioevo: temi e problemi», in: Aleksander HOROWSKI (dir.), Litterae ex quibus nomen Dei componitur. Studi per l’ottantesimo compleanno di Giuseppe Avarucci, Roma: Istituto storico dei Cappuccini, 2016, p. 291-311.

102 Giovanni XXII fece costruire a Pont-de-Sorgues il palazzo dei papi con annessa zecca; Valérie THEIS, «Pratiques artisanales et politique de grands travaux: l’exemple du palais de Pont-de-Sorgues au XIVe siècle», in: Artisans, industrie, nouvelles révolutions du Moyen Âge à nos jours, Cahiers d’histoire et de philosophie des sciences, 52, novembre 2004, p. 307-319. Il palazzo, costruito e decorato con magnificenza, fu concepito, come ha dimostrato la medesima studiosa, soprattutto come un luogo alternativo ad Avignone da cui, nel caso fosse stato necessario, il papa avrebbe potuto governare; ead., Le gouvernement pontifical du Comtat Venaissin, vers 1270 - vers 1350, Roma: École françasie de Rome, 2012, p. 230-242.

103 Si tratterebbe dell’ospedale di Nostra Signora di Oudenaarde (Onze-Lieve-Vrouwehospitaal). Ringrazio Lies Vervaet per l’aiuto fornitomi nella identificazione dell’ospedale. Arnolfo IV signore di Oudenaarde e Pamele donò nel 1233 alle monache cistercensi dell’abbazia di Maegdendale una terra sulla riva orientale dello Schelda, affinché la comunità potesse trasferirsi da Flobecq a causa della poca sicurezza del luogo. Accanto all’abbazia erano ubicate la chiesa e l’ospedale di Nostra Signora di Oudenaarde. Si rimanda a Edmond VAN DER STRAETEN, «Notes chronologiques sur les Communautés religieuses et institutions charitables établies à Audenarde, depuis le XIIe siècle, jusqu’à la fin du XVIIIe», Annales de L’Académie d’Archéologie de Belgique, XIII, 1856, p. 225-252: 235-238; Marcel HOEBEKE, Uit de geschiedenis van het Onze-Lieve-Vrouwehospitaal te Oudenaarde, Oudenaarde: Drukk. De Meester, 1953; Noëlla GHIJS, Mariette MARTENS, Rik CASTELAIN, Geert VAN BOCKSTAELE (dirs.), Het Onze-Lieve-Vrouwehospitaal te Oudenaarde en de Zusters Bernardinnen. Een bijdrage tot de ontsluiting van 800 jaar geschiedenis 1202-2002, Gent: Provinciebestuur Oost-Vlaanderen, 2004; Rayek VEREEKEN, «Oudenaarde en Pamele. De ruimtelijke impact van graven, heren en stedelijke besturen op middeleeuwse stadsvorming in het graafschap Vlaanderen», Handelingen van het Genootschap voor Geschiedenis te Brugge, 156, 2019, p. 263-297: 292-294.

104 Era quanto stabilito nella costituzione Pater familias del 16 novembre 1331; Michael TANGL, Die Päpstlichen Kanzleiordnungen von 1200-1500, Innsbruck: Wagner, 1894, p. 102, paragrafo 120; Andreas MEYER, Päpstliche Kanzleiregeln, Johannes XXII., n. 52, paragrafo 120 all’indirizzo https://www.uni-marburg.de/de/fb06/mag/institut/prof-dr-andreas-meyer/kanzleiregeln. In essa il pontefice aveva tra le altre disposizioni stabilito un massimale per le tasse da versarsi agli abbreviatori per ogni tipologia di lettera di grazia. Nonostante l’intervento legislativo, è interessante notare come, oltre i salari percepiti in maniera stabile dai membri della cancelleria, siano rimasti in uso per alcuni funzionari anche altri generi di retribuzioni in natura o in beni d’uso, cf. Anne-Marie HAYEZ, «La rétribution des officiers et familiers des papes au XIVe siècle», in: Armand JAMME, Olivier PONCET (coords.), Offices, écrit et papauté (XIIIe–XVIIe siècle), Roma: École française de Rome, 2007, p. 427-448. Una consuetudine questa talmente invalsa da essere considerata una normale procedura necessaria soprattutto per accelerare l’iter di confezione e spedizione del documento. A riguardo si veda Brigide SCHWARZ, Die Organisation kurialer Schreiberkollegien von ihrer Entstehung bis zur Mitte des 15. Jahrhunderts, Tübingen: Max Niemeyer, 1972, p. 183-184.

105 L’Opus pontis Rodani gestiva l’ospedale di S. Benedetto e possedeva due cappelle, un cimitero e molti beni. Nel 1321 Giovanni XXII unì le entrate del priorato al capitolo di S. Agricola al quale fu affidato anche il servizio liturgico, pertanto l’opera del ponte si dedicò in maniera specifica all’assistenza. Carlo V donò nel 1308 parte del fiume Rodano e del ponte alla Sede apostolica. Pierre PANSIER, «Histoire de l’ordre des Frères du pont d’Avignon, 1180-1410», Annales d’Avignon et du Comtat Venaissin, VII, 1920-1921, p. 4-74; Alain BRETON, Sylvain GAGNIÈRE, Elisabeth MOGNETTI , Hélène PICHOU, «Saint Bénézet. Dossier publié à l’occasion de l’exposition tenue au Musée du Petit-Palais de novembre 1984 à février 1985», Mémoires de l’Académie de Vaucluse, V, 1984, p. 95-210: 101-103; Daniel LE BLÉVEC, «Saint Bénézet et l’œuvre du pont du Rhône», in: Hervé ALIQUOT- Bernard GUILLEMAIN (dirs.), Avignon au Moyen Âge. Textes et documents, Avignon: Aubanel, 1988, p. 25-27; Daniel LE BLÉVEC, La part du pauvre. L’assistance dans les pays du Bas-Rhône du XIIe siècle au milieu du XVe siècle, Paris: École française de Rome, 2000, I, p. 363-368, 400.

106 Léon H. LABANDE, Le Palais de Papes et les Monuments d’Avignon au XIVe siècle, Marseille: F. Detaille, 1925, p. 151-156; Denis-Marcel MARIÉ, Le pont Saint-Bénézet: étude historique et archéologique d’un ouvrage en partie disparu, 1: Histoires et réalité, Versailles 1953; A. BRETON, S. GAGNIÈRE, E. MOGNETTI, H. PICHOU, «Saint Bénézet. Dossier…», p. 104-111; Philippe WALTER, Saint Bénézet et le pont d’Avignon, in: Danièle JAMES-RAOUL, Claude THOMASSET (dirs.), Les ponts au Moyen Age, Paris: Presses de l’Université de Paris-Sorbonne, 2006, p. 65-76; Simone BALOSSINO, «Le pont d’Avignon: enquêtes archéologique et historique sur les débuts d’un monument énigmatique», Zeitschrift für Architekturgeschichte, 7 (2), 2015, p. 179-212.

107 Bernard SOURNIA, Jean-Louis VAYSSETTES, Villeneuve-lès-Avignon. Histoire artistique et monumentale d’une villégiature pontificale, Paris: Monum, éditions du patrimoine, 2006, p. 43-47; Nicolas FAUCHERRE, Berard SOURNIA, «Rapport d’opérations archéologiques à la tour Philippe le Bel de Villeneuve-lès-Avignon du 7 au 9 décembre 2012 et du 9 au 10 mars 2013», all’indirizzo http://www.pavage.map.archi.fr/Le_Pont_dAvignon/Blog_PAVAGE/Entrees/2013/3/9_Decapage_(2)_au_pied_de_la_tour_files/Rap_2013.pdf

108 La chiesa di Saint Étienne de Dun-le-Roi, attualmente chiesa di Saint Étienne de Dun-sur-Auron. Jean VALLERY-RADOT, «L’église Saint Étienne de Dun-sur-Auron», in: Congrès archéologique de France, XCIII Session tenue a Orléans en 1930, Paris: A. Picard, 1931, p. 462-479.

109 Germain BUTAUD, «Définition, prélèvement et gestion de la dîme en Provence orientale à la fin du Moyen Âge», in: Michel LAUWERS (dir.), La Dîme, l’Église et la société féodale, Turnhout: Brepols, 2012, p. 473-506.

110 AAV, Reg. Suppl. 4, fol. 92rº.

111 Sul cardinale si veda Bernard GUILLEMAIN, La cour pontificale d’Avignon (1309-1376). Étude d’une société, Paris: E. de Boccard, 1962, p. 241-244; Thérèse BOESPFLUG, La Curie au temps de Boniface VIII. Étude prosopographique, Roma: Istituto storico italiano per il Medio Evo, 2005, p. 298-301.

112 Bernhard SCHIMMELPFENNIG, «Papal Coronation in Avignon», in: János M. BAK (dir.), Coronations. Medieval and early Modern Monarchic Ritual, Berkeley–Los Angeles-Oxford : University of California Press, 1990, p. 179-196: 184; Agostino PARAVICINI BAGLIANI, Morte e elezione del papa. Norme, riti e conflitti, Roma: Viella, 2013, p. 152.

113 La domus di Napoleone Orsini, insieme a una serie di proprietà annesse, fu venduta dagli eredi del cardinale il 20 ottobre 1344 a Hugues Roger fratello di Clemente VI (Hervé ALIQUOT, «Achat de la livrée Orsini à Villeneuve par le cardinal Hugues Roger», in: H. ALIQUOT, B. GUILLEMAIN (dirs.), Avignon au Moyen Âge…, p. 111-118). Tuttavia con i lavori ordinati dal pontefice già a partire dal giugno 1342, quindi subito dopo la morte del proprietario avvenuta il 23 marzo 1342, la residenza cardinalizia divenne parte integrante del palazzo di villeggiatura del pontefice; cf. B. SOURNIA, J.-L. VAYSSETTES, Villeneuve-lès-Avignon…, p. 153-162; V. THEIS, Le gouvernement pontifical…, p. 242-247.

114 Clemente VI non approvò la supplica nella sua interezza. Giovanna infatti aveva richiesto l’inserzione nella provvisione pontificia della clausula anteferri che permetteva di avere la precedenza su altri supplicanti in possesso di una simile provvisione, circostanza che risultava fondamentale nelle aspettative di benefici a causa del folto numero di concorrenti. A. AMANIEU, «Anteferri», Dictionnaire de droit canonique, I, Paris, 1935, col. 583-586; G. MOLLAT, «Expectatives», ivi, V, Paris, 1953, col. 679-690: 689-690. Sulla specifica modalità di segnare le suppliche che chiedevano la presenza di tale clausola si veda Emil von OTTENTHAL (ed.), Regulae Cancellariae Apostolicae. Die päpstlichen Kanzleiregeln von Johannes XXII. bis Nicolaus V., Innsbruck: Wagner, 1888, p. 6, n. 20.

115 Isabella de Cardona fu badessa dal 1329 al 1362; su di lei Maria Filomena PIMENTEL DE CARVALHO ANDRADE, In oboedientia sine proprio, et in castitate, sub clausura. A Ordem de Santa Clara em Portugal (sécs XIII-XIV), tesi di dottorato, Lisboa: Universidade Nova de Lisboa, 2011, p. 626-628.

116 Il cenobio fu fondato negli anni Ottanta del Duecento dalla nobildonna Mor Dias, per esso di veda ibid., p. 89-99; ead., «O poder e o privilégio: o convento de Santa Clara de Coimbra em meados do século XIV», in: Amélia AGUIAR ANDRADE, Hermenegildo FERNANDES, João Luís FONTES (coords.), Olhares sobre a História. Estudos oferecidos a Iria Gonçalves, Lisboa: Casa de Cambra, Caleidoscópio, 2009, p. 79-88; ead., «As Clarissas em Portugal Dimensões regionais de uma corrente de espiritualidade europeia (sécs. XIII-XIV)», Discursos. Língua, Cultura e Sociedade, III Série, 1, 1999, p. 109-127: 116-117.

117 AAV, Reg. Suppl. 31, fol. 175rº; A. DOMINGUES DE SOUSA COSTA, Monumenta Portugaliae Vaticana…, I, p. 337-338, n. 142-143.

118 Fu eletto ministro d’Aquitania nel 1342 e fu ministro generale dal 1348 al 1357, cf. Quinziano MÜLLER (ed.), Chronica XXIV generalium ordinis Minorum, Analecta franciscana, III, Ad Claras Aquas: ex typographia Collegii S. Bonaventurae, 1897, p. 537, 544, 706.

119 Le Costituzioni, dette Farineriane, furono approvate nel Capitolo generale di Assisi del 1354; cf. Pietro MARANESI, «Regola e le costituzioni del primo secolo francescano: due testi giuridici per una identità di cammino», in: La Regola dei frati Minori. Atti del XXXVII convegno internazionale, Assisi, 8-10 ottobre 2009, Spoleto: Fondazione Centro italiano di studi sull’alto Medioevo, 2010, p. 269-318: 306-315.

120 Geralda de Navailles fu moglie di Roger Bernat IV visconte di Castellbò, e madre di Matteo I de Foix che sposò Giovanna figlia del re d’Aragona Giovanni I; cf. Joaquín MIRET Y SANS, Investigación histórica sobre el Vizcondado de Catellbó con datos inéditos de los condes de Urgell y de los vizcondes de Ager, Barcelona: J. Puigventós, 1900, p. 243.

121 La supplica inoltrata dalle monache si inseriva all’interno di un notevole dissidio tra il cenobio e il vescovo di Urgell, poiché questi aveva aperto un processo a motivo della decadenza economica e spirituale del monastero femminile allo scopo di incamerarne i beni, mettendo perfino in dubbio l’elezione corretta della badessa. La comunità monastica ricorse quindi all’intervento pontificio. Si veda Climent MIRÓ I TUSET, «El Monestir de Santa Cecília d'Elins durant el segle XIV: la decadència i el seu trasllat a la vila de Castellbò», Interpontes. Annals de l'Institut d'Estudis Comarcals de l'Alt Urgell, 3, 2014, p. 157-180.

122 T. SCHMIDT, R. SABANÉS I FERNÁNDEZ, Butllari de Catalunya…, III, p. 1726-1728, n. 1196.

123 Sui monasteri di Clarisse rappresentati in curia da Bonaspes rimando a Isabella AURORA, «Documenti originali di Clemente IV per le Clarisse di Mantova», Miscellanea Bibliothecae Apostolicae Vaticanae, XX, 2014, p. 7-54: 28-30. Sui curiali provenienti da Assisi cf. Peter HERDE, Beiträge zum päpstlichen Kanzlei- und Urkundenwesen im dreizehnten Jahrhundert, Kallmünz 1967, p. 133-134; Winfried Stelzer, «Beiträge zur Geschichte der Kurienprokuratoren im 13. Jahrhundert», Archivum Historiae Pontificiae, 8, 1970, p. 113-138:129-135; Isabella AURORA, «La Basilicata e la curia pontificia: lo stato delle fonti (secoli XIII-XIV). Documenti pontifici per Potenza, Montepeloso, Acerenza», in: Francesco PANARELLI (dir.), Alle fonti della Basilicata medievale: edizioni, progetti e cantieri, Bari: Mario Adda, 2017, p. 85-136: 114.

124 Numerosi gli studi sui procuratori di curia, indagati anche in rapporto alle singole entità politiche e alle istituzioni religiose medievali di diversi paesi. Per una visione d’insieme rimando a Andreas SOHN, «Les procureurs à la curie romaine. Pour une enquête internationale», Mélanges de l’École française de Rome. Moyen Âge, 114 (1), 2002, p. 371-389. Sull’organizzazione dei procuratori di curia si rimanda solo a W. STELZER, «Beiträge zur Geschichte…», p. 113-138; Peter HERDE, Audientia litterarum contradictarum. Untersuchungen über die päpstlichen Justizbriefe und die päpstliche Delegationsgerichtsbarkeit vom 13. bis zum Beginn des 16. Jahrhunderts, Tübingen: Max Niemeyer, 1970, I, p. 26-34; da ultimo a Pierre-Marie BERTHE, Les procureurs française à la cour pontificale d’Avignon (1309-1376), Paris: École des Chartes, 2014, p. 77-154.

125 Per il procuratore Simon de Villaregia si vedano le indicazioni fornite in Bernard BARBICHE, «La papauté et les abbayes de Sainte-Geneviève et de Saint-Victor de Paris au XIIIe siècle», in: id., Bulla, legatus, nuntius. Études de diplomatique et de diplomatie pontificales (XIIIe-XVIIe siècle), Paris: École des Chartes, 2007, p. 101-123: 123; T. Boespflug, La curie…, p. 413, n. 1056.

126 T. SCHMIDT, R. SABANÉS I FERNÁNDEZ, Butllari de Catalunya…, I, p. 389-390, n. 320.

127 Il suo nome si deduce dalla lettera Credite nobis del 14 febbraio 1245, a lui inviata; Élie BERGER (ed.), Les registres d’Innocent IV publiés ou analysés d’après les manuscrits originaux du Vatican et de la Bibliothèque Nationale, I, Paris: École française de Rome, 1884, p. 164, n. 1026. Guglielmo era stato arcidiacono di Barcellona e godeva di un canonicato nella chiesa di Lérida, in seguito fu eletto vescovo di quest’ultima diocesi. Si veda Peter LINEHAN, The Spanish Church and the papacy in the Thirteenth Century, Cambridge: The University press, 1971, p. 132-133.

128 José TRENCHS ODENA, «La cancilleria de Jaime I: cancilleres y escribanos», in: Palaeographica Diplomatica et Archivistica. Studi in onore di Giulio Battelli, Roma: Edizioni di Storia e Letteratura, 1979, II, p. 97-128: 112.

129 F. CERASOLI, «Clemente VI…», p. 688-689, n. 168; E. DÉPREZ, J. GLÉNISSON, G. MOLLAT (eds.), Clément VI (1342-1352). Lettres closes, patentes et curiales se rapportant à la France…, II, p. 495, n. 3978. Francesco aveva ricevuto l’arcidiaconato nella chiesa di Benevento il 4 settembre 1347, cf. ivi, p. 376, n. 3428. Egli aveva poi ottenuto un canonicato nella chiesa di Cuenca e la tesoreria della chiesa di Siviglia; si veda Eugène DÉPREZ, Guillaume MOLLAT (eds.), Clément VI (1342-1352). Lettres closes, patentes et curiales intéressant les pays autres que la France publiées ou analysées d’après les registres du Vatican, Paris: École française de Rome, 1960, p. 309, n. 2214, p. 342, n. 2436.

130 Lettera Attendentes quam del 16 febbraio 1351; cf. E. DÉPREZ, J. GLÉNISSON, G. MOLLAT (eds.), Clément VI (1342-1352). Lettres closes, patentes et curiales se rapportant à la France..., II, p. 168, n. 4891.

131 Gottfried OPITZ, «Die Sekretäre Franciscus de Sancto Maximo und Johannes de Sancto Martino. Bemerkungen zur Frühzeit des päpstlichen Sekretariats», Quellen und Forschungen aus italienischen Archiven und Bibliotheken, 30, 1940, p. 189-206.

132 Con Benedetto XII ai segretari fu affidata la mansione di occuparsi della elaborazione delle lettere segrete del pontefice le quali seguivano un iter di spedizione differente in quanto passavano per la camera segreta del papa. A tale tipologia documentaria erano consegnate delicate questioni politiche, ma anche ringraziamenti e felicitazioni e talvolta materie riguardanti l’amministrazione del patrimonio. A partire dalla metà del XIV secolo i segretari divennero responsabili delle lettere de curia, cioè di documenti di ordine politico e amministrativo spediti per iniziativa pontificia. A riguardo si veda Pierre GASNAULT, «L’élaboration des lettres secrétes des papes d’Avignon: chambre et chancellerie», in: Aux origines de l’État moderne. Le fonctionnement administratif …, p. 209-222. Sul ruolo dei notai papali nel disbrigo delle suppliche e nella compilazione delle lettere prima della riforma della cancelleria voluta da Giovanni XXII, si rimanda a Patrick ZUTSHI, «The office of notary in the Papal Chancery in the Mid-Fourteenth Century», in: Karl BORCHARDT, Enno BÜNZ (dirs.), Forschungen zur Reichs-, Papst- und Landesgeschichte. Peter Herde zum 65. Geburtstag von Freunden, Schülern und Kollegen dargebracht, Stuttgart: Anton Hiersemann, 1998, II, p. 665-683; id, «The origins of the registation…», p. 177-191. Per il periodo successivo si veda id., «“Inextricabilis curie labyrintus. The Presentation of petitions to the Pope in the Changery and the Penitentiary during the Fourteenth and First Half of the Fifteenth Century», in: Andreas MEYER, Constanze RENDTEL, Maria Elisabeth WITTMER-BUTSCH (dirs.), Päpste, Pilger, Pönitentiarie. Festschrift für Ludwig Schmugge zum 65. Geburtstag, Tübingen: Max Niemeyer, 2004, p. 393-410.

133 Nathalie GOROCHOV, «Le recours aux intercesseurs: l’exemple des universitaires parisiens en quête de bénéfices ecclésiastiques (vers 1340-vers 1420)», in: H. MILLET (dir.), Suppliques et requêtes…, p. 151-164.

134 Gabriella ZARRI, «Introduzione», in: ead. (dir.), Per lettera. La scrittura epistolare femminile tra archivio e tipografia, secoli XV-XVII, Roma: Viella, 1999, p. IX-XXIX: XI-XII.

135 La cancelleria pontificia mise a punto nel XIII e XIV secolo un linguaggio retorico per la corrispondenza diplomatica e amministrativa basandosi sui principi dell’ars dictaminis, e creando uno stile di prosa peculiare della curia romana, sia sul piano tecnico, sia su quello teorico, che prendendo avvio dalla tradizione notarile fu codificato dal cardinale Tommaso di Capua, cancelliere sotto Innocenzo III. Lo stilus Romanae curiae, serie di norme nella forma e nello stile funzionali alla composizione delle lettere, ma anche delle suppliche da presentare al papa, influenzò la corrispondenza diplomatica dei sovrani europei, grazie anche alla circolazione di raccolte epistolari che fungevano da modello. Sul ruolo della cultura notarile nella cancelleria pontificia si veda Geoffrey BARRACLOUGH, Public notaries and the Papal Curia. A Calendar of a Formularium notariorum curie from the Early years of the Fourteenth Century, London: Macmillan, 1934. Sullo stilus Romanae curiae nella ampia bibliografia rimando a B. GRÉVIN, Rhétorique du pouvoir…, p. 138-147, Fulvio DELLE DONNE, «Tommaso di Capua e la cancelleria papale: tra normativa retorica e comunicazione politica», in: Fulvio DELLE DONNE, Francesco SANTI (dirs.), Dall’’ars dictaminis’ al ‘preumanesimo’? Per un profilo letterario del secolo XIII, Firenze: SISMEL Edizioni del Galluzzo, 2013, p. 43-61; Tanja BROSER, «Les règles de l’ars dictaminis à la Curie pontificale durant le XIIIe siècle», in: Benoît GRÉVIN, Anne-Marie TURCAN-VERKERK (dirs.), Le dictamen dans tous ses états. Perspectives de recherche sur la théorie et la pratique de l’ars dictaminis (XIe-XVe siècles), Turnhout: Brepols, 2015, p. 243-256. Sulle raccolte di lettere papali molti gli studi e le edizioni; per una visione d’insieme si rimanda a Matthias THUMSER, «Les grandes collections de lettres de la curie pontificale au XIIIe siècle. Naissance, structure, édition», in: ibid., p. 209-241 e più di recente a id., «Päpstliche Kurie», in: Florian HARTMANN, Benoît GRÉVIN (dirs.), Ars dictaminis. Handbuch der mittelalterlichen Briefstillehre, Stuttgart: Anton Hiersemann, 2019, p. 158-180. Per la diffusione e assimilazione di tale stile nelle corti europee si vedano i saggi raccolti in P. HERDE, H. JAKOBS (ed.), Papsturkunde und europäisches Urkundenwesen…; inoltre F. DELLE DONNNE (ed.), NICOLA DI ROCCA, Epistolae, Firenze: SISMEL Edizioni del Galluzzo, 2003, p. XXIII-XLVIII; María Josefa SANZ FUENTES, «La influencia de la cancillería pontificia en las cancillerías reales castellano-leonesas», in: Santiago DOMÍNGUEZ SÁNCHEZ, Klaus HERBERS (dirs.), Roma y la Península Ibérica en la Alta Edad Media. La construccíon de espacios, normas y redes de relacíon, León: Universidad de León, Göttingen: Akademie der Wissenchaften zu Göttingen, 2009, p. 81-90; Barbara BOMBI, Anglo-Papal Relations in the Early Fourteenth Century. A study in Medieval Diplomacy, Oxford: University Press, 2019, p. 66-75.

136 B. GRÉVIN, «Les mystères rhétoriques de l’État Médiéval. L’écriture du pouvoir en Europe occidentale (XIIIe-XVe siècle)», Annales. Histoire Sciences Sociales, 63 (2), 2008, p. 271-300: 273.

137 G. ZARRI, «Introduzione…», p. XVIII-XIX.

138 Luisa MIGLIO, «Scrivere al femminile», in: ead., Governare l’alfabeto. Donne, scrittura e libri nel Medioevo, premessa di Armando Petrucci, Roma: Viella, 2008, p. 77-102.

139 Attilio BARTOLI LANGELI, «La scrittura come luogo delle differenze», in: Marina CAFFIERO, Manola Ida VENZO (dirs.), Scritture di donne. La memoria restituita. Atti del Convegno, Roma, 23-24 marzo 2004, Roma: Viella, 2007, p. 51-57. Sulla coscienza dell’alterità biologica che secondo il pensiero comune rendeva le donne inadatte alla scrittura si veda L. MIGLIO, «Donne e cultura nel Medioevo», in: ead., Governare l’alfabeto…, p. 23-34.

140 D’altro canto sono documentate donne che utilizzano la scrittura in campo epistolare e letterario, in Toscana soprattutto, come anche in Francia; così come, tralasciando le monache che copiavano libri un po’ ovunque in Europa, sono attestate a Firenze come a Bologna come in Francia copiste laiche, esperte calligrafe, le quali avevano fatto della copia dei libri un lavoro retribuito. La tematica è stata oggetto di interesse e di studi negli ultimi decenni, si rimanda solo a Luisa MIGLIO, «“A mulieribus conscriptos arbitror”: donne e scrittura», in: ead., Governare l’alfabeto…, p. 173-206 e per una visione d’insieme a Catherine GUYON, «Les femmes et l’écrit», in: Christine BOUSQUET-LABOUÉRIE, Antoine DESTEMBERG (dirs.), Écrit, pouvoirs et société en Occident aux XIIe-XIVe siècles (Angleterre, France, Italie, péninsule Ibérique), Paris: Ellipses, 2019, p. 133-144.

141 Il costume della scrittura delegata per donne che comunque disponevano di una discreta sia pure immatura capacità di scrittura è analizzato in L. MIGLIO, «Scrivere al femminile…», p. 87-88; ead., «“Perché ho carestia di chi scriva”. Delegati di scrittura in ambiente mediceo», in ead., Governare l’alfabeto…, p. 133-162. La studiosa, che analizza missive di donne di casa Medici alla metà del Quattrocento, riflette anche sul significato da attribuire a tale dettato, chiedendosi se ci fu una reale partecipazione delle donne alla composizione delle lettere o se esse non abbiano solo suggerito il tema poi elaborato e strutturato da altri.

142 Armando PETRUCCI, «Scrivere per gli altri», Scrittura e civiltà, 13, 1989, p. 475-487; id., Scrivere lettere. Una storia plurimillenaria, Bari: Laterza 2008, p. 60.

143 P. Zutshi, «Petitions to the Pope …», p. 82-98.

144 Riprendo il titolo del libro già citato di Luisa Miglio, al quale rimando per le riflessioni sulla formazione culturale e sulle abilità scrittorie del genere femminile.

145 Come accadeva per le lettere papali, anche le suppliche dovevano essere conformi a precisi modelli stilistici e rispettare un linguaggio molto formale. Circolavano già dai primi del XIII secolo alcuni formulari per la corretta formulazione delle suppliche, quali il Libellus de formis petitionum secundum cursus Romanae curiae del cardinale Guala Bicchieri risalente agli anni 1226-1227, (P. HERDE, Audientia litterarum contradictarum…, I, p. 34-35; il trattato è edito in Rudolf VON HECKEL, «Das päpstiliche und sicilische Registerwesen in vergleichender Darstellung mit besonderer Berücksichtigung der Ursprünge», Archiv für Urkundenforschung, 1, 1908, p. 500-510), e il formulario di Boncompagno da Signa databile tra il 1215 e il 1226 (edito in Geoffrey BARRACLOUGH, «Formulare für Suppliken aus der ersten Hälfte des 13. Jahrhunderts», Archiv für katholisches Kirchenrecht, 115, 1935, p. 435-456). Il mancato rispetto dello stilus curiae portava al rifiuto della supplica. Non sono rari infatti i casi in cui fu necessario riscrivere il testo per modificare correttamente il linguaggio, come testimonia una nota in margine a una supplica del 29 luglio 1343: Cancellata quia inferius est in meliori forma (AAV, Reg, Suppl. 4, fol. 132rº). La scrittura delle suppliche era di pertinenza anche dei procuratori che lavoravano stabilmente presso la curia, professionisti del mestiere esperti conoscitori, tra l’altro, della retorica, del linguaggio e del formulario da usare in tali circostanze. Si rimanda a Barbara BOMBI, «Andrea Sapiti. His Origins and his Register as a Curial Proctor», English Historical Review, 500, 2008, p. 132-148: 143-144.

146 A Carcassonne esisteva una casa di repentitae forse istituita all’inizio del XIV secolo, cf. Claude DE VIC, Joseph VAISSÈTE, Histoire générale de Languedoc, Toulouse: Édmond Privat, 1872, IV, p. 754; Aghate ROBY, La prostitution en Midi toulousain à la fin du Moye Âge (XIIIe–XVIe siècle), tesi di dottorato Université Toulouse-Jean Jaurès, 2016, p. 388. Già dal XIII secolo l’attenzione di molti predicatori si concentrò sul fenomeno della prostituzione, rivolgendosi alla redenzione delle donne e al loro reinserimento nella società. Su tale problema cf. Jacques ROSSIAUD, Amours vénales: la prostitution en Occident (XIIe-XVIe siècles), Paris: Aubier, 2010.

147 Il beghinaggio di S. Agnese a Saint-Trond fu fondato nel 1258. Su di esso si veda François STRAVEN, Notice historique sur le béguinage dit de Sainte-Agnès à Saint-Trond, Saint-Trond: Typographie E. Schoofs-Herman, 1876; Hans GEYBELS, Vulgariter beghinae. Eight Centuries of Beguine History in the Low Countries, Turnhout: Brepols, 2004, p. 151-152; Thomas COOMANS, Anna BERGMANS (dirs.), In zuiverheid leven. Het Sint-Agnesbegijnhof van Sint-Truiden: het hof, de kerk, de muurschilderingen, Brussel: Vlaams Instituut voor het Onroerend Erfgoed, 2008.

148 La supplica producendo il conferimento di una grazia o di un privilegio per il destinatario, attiva un sistema di eccezioni alla regola che servono a “implementare e migliorare il sistema” e appaiono funzionali a un bisogno di “adeguare la norma alla società”, ma al contempo sono espressione della potestas del pontefice, come sottolinea Massimo VALLERANI, «Paradigmi di eccezione nel tardo Medioevo», Storia del pensiero politico, 2, 2012, p. 185-212.

149 Le diverse modalità di presentazione delle petizioni in curia, la pratica della raccomandazione e dell’intercessione, ampiamente attestata nel XIV secolo, e la modalità di amministrazione della grazia, per cui spesso il papa nell’assegnare un beneficio interveniva con una eccezione rispetto al normale regime di collazione, risultano meglio comprensibili alla luce della politica beneficiale dei pontefici; si veda Tilmann SCHMITD, «Benefizialpolitik im Spiegel päpstlicher Supplikenregister von Clemens VI. bis Urban V.», in: Aux origines de l’État moderne. Le fonctionnement administratif…, p. 351-369; J. DÍAZ IBÁÑEZ, «La iglesia de Castilla y León...», p. 469-715; Pascal MONTAUBIN, «L’administration pontificale de la grâce au XIIIe siècle. L’exemple de la politique bénéficiale», in: H. MILLET (dir.), Suppliques et requêtes…, p. 321-342.

Auteur

Biblioteca Apostolica Vaticana / Dipartimento Manoscritti

© e-Spania Books, 2021

Licence OpenEdition Books

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search