Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Langages, politique, histoire. Avec Jean-Claude Zancarini

 | 
Romain Descendre
, 
Jean-Louis Fournel

Première partie. Florence : la politique nouvelle XVe-XVIe siècles

Contro il fiorentino e in particolare contro Machiavelli e Guicciardini

Mario Pozzi

Texte intégral

1La questione della lingua esplode in opere a stampa nel 1524 con la pubblicazione dell’Epistola de le lettere nuovamente aggiunte di Giovan Giorgio Trissino, che anticipa di un anno l’uscita del Libro de natura de Amore di Mario Equicola e delle risolutive Prose della volgar lingua di Pietro Bembo: scoppia cioè quando ormai i giochi erano stati fatti. Equicola nega recisamente ogni qualità al fiorentino, ma il suo libro appartiene decisamente al passato. Gli altri, quasi tutti, accettano il fiorentino trecentesco: apparentemente, perché Trissino – come vedremo – ha idee d’altro tipo e un personaggio autorevole come Castiglione accetta sì che il testo del Cortegiano venga adeguato alla grammatica bembiana ma nella dedica non lesina le critiche a Boccaccio e in genere al fiorentino. Si direbbe che proprio l’adesione alle tesi bembiane provochi una sorta di fuoco di sbarramento nei confronti del fiorentino, affinché nessuno creda che l’accettazione delle tre auctoritates fiorentine comporti l’accettazione della lingua parlata a Firenze.

  • 1  Sono parole di Gaspare Visconti nella lettera a Leonardo Aristeo del 1o giugno 1498. Cfr. C. Dioni (...)

2Queste contestazioni non stupiscono sia perché il rifiuto del fiorentino vivo è chiarissimo nelle Prose, in cui si afferma che forse a scrivere bene fiorentino è meglio non essere nato fiorentino e non si lesinano critiche a certi aspetti del Decameron, sia ancor più perché nella situazione politica del tempo non era possibile che una singola parlata fosse preferita a tutte le altre presenti in Italia. Il fiorentino scritto subì molte critiche e pure questo era abbastanza prevedibile dal momento che ai più sembrava « pedestro vagabondo » e tale da necessitare di essere ridotto « a qualche men licenzioso ordine »1. Non era facile trovarne le regole perché apparentemente non ne rispettava alcuna. La strada fu presto indicata dalle Regole grammaticali della volgar lingua di Giovan Francesco Fortunio (1516): non una lingua viva, ma una lingua fondata su Petrarca, Boccaccio e Dante. Scelta che, in maniera ben più articolata e con una grammatica di notevole spessore, compì infine Bembo nelle Prose.

  • 2  Il Castellano, in Discussioni linguistiche del Cinquecento, a cura di M. Pozzi, Torino, Utet, 1988 (...)
  • 3  Ivi, pp. 148-150.

3Quanto a Trissino non proponeva una lingua diversa da quella di Petrarca e di Dante, ma voleva che fosse chiamata italiana e non ammetteva che i fiorentini l’imparassero dalle balie o dai genitori. Nel 1530 rincarò la dose con il Castellano. Egli era convinto che la lingua volgare fosse costituita da parole comuni a ogni parte d’Italia. Nel Castellano protagonista e portavoce delle idee dell’autore è Giovanni Rucellai: il compito di combattere le tesi filofiorentine è dunque affidato a un autorevole fiorentino. Secondo lui la lingua italiana esisteva già, almeno nelle scritture, prima di Dante. Ragionando secondo la logica aristotelica, affermava che la lingua è toscana o fiorentina come specie, non come genere; il genere è italiano, in quanto più generale e comprensivo. Dante, Petrarca e Boccaccio non sono i primi scrittori italiani; ben prima vennero i siciliani e molti altri: i tre grandi assomigliano a questi più di quelli che hanno « scritto in fiorentin puro, come il Burchiello, Battista Alberti, Matteo Franco, Luigi Pulci » e altri che utilizzando il fiorentino puro si sono fermati alla “specie”, cioè hanno usato una lingua troppo provinciale. E viene indicato quanto è inaccettabile nel fiorentino. Parole come testé, costì, costinci, cotesto, guata, allotta, suto (« che sono nostri proprii fiorentini »)2 non si debbono usare se si vuol pervenire all’italiano come “genere”, cioè all’italiano che esiste anche fuori di Firenze. La condanna viene pronunciata dal Dante del De vulgari eloquentia, di cui Rucellai legge i passi più sgraditi ai fiorentini, con la condanna del loro brutto parlare. E non è vero che la lingua di Dante e di Petrarca non sono intese fuori di Toscana: « Anzi più vi dirò, ch’el Petrarca meglio s’intende in Lombardia che in Fiorenza; e di Lombardia […] vennero ne la nostra età le prime osservazioni e le prime regole de la lingua di lui. » E cita Giovanni Aurelio Augurello, Bembo, Trifon Gabriele, Fortunio, Nicolò Delfin, Fracastoro (che, però, in volgare scrisse quasi solamente delle lettere), Giulio Camillo e Sannazaro. I loro componimenti in verso di gran lunga avanzano quelli dei fiorentini « per usarsi da loro una lingua eletta, illustre e cortigiana. Ma noi, che semo de la pura fiorentina contenti, non possemo a la loro vagheza aggiungere; e tra i nostri quelli che sono più da la patria lingua partiti e a quella di Dante e del Petrarca accostati, hanno avuto miglior stilo ». E cita Girolamo Benivieni, Luigi Alamanni, Francesco Guidetti, Zanobi Buondelmonte e Cosimino Rucellai, « il quale (se dal cielo aveva più longa vita) sarebbe stato a tutta Toscana chiarissimo esempio a quanto gli aricordi [ammaestramenti] del Trissino e la lingua che nominiamo illustre l’avesseno alzato »3.

4Dietro all’atteggiamento di Trissino stavano però questioni importanti. Il suo modello “italiano” prescindeva dalle concrete culture regionali, conformemente alle aspirazioni di un gentiluomo vicentino insofferente della Dominante e incline ad appoggiarsi ai poteri universalistici dell’Impero e del Papato: un’utopia, certo, ma tale da affascinare anche l’aristocrazia fiorentina, che cercava una sua strada fra le opposte tirannie dei Medici e del “popolo”. La sua era innanzi tutto (in senso lato, s’intende) una proposta politica, donde l’ampiezza apparentemente ingiustificata della disputa, iniziata subito dopo la pubblicazione dell’Epistola con una prontezza che fa pensare a precedenti discussioni orali.

  • 4  Dialogo della volgar lingua, in Discussioni linguistiche del Cinquecento, cit., pp. 50-51. Questo (...)

5Le manifestazioni di antifiorentinismo sono in parte reazioni italiane a rischi possibili, non interventi per frenare la presunzione fiorentina. Fenomeni di affettazione fiorentina indubbiamente ci furono, ma si trattò probabilmente di bembiani troppo entusiasti come quelli che a Roma, dove c’era un pontefice fiorentino, irritarono – per quanto si legge nel Dialogo della volgar lingua di Pierio Valeriano4 – Antonio Marostica:

non si può più vivere, dapoiché son usciti fuora certi soventi, certi eglino, certi uopi, certi chenti e simili strani galavroni [calabroni]; non posso passeggiar per Parione che vengono questi giovanotti dottarelli, barbette recitanti, e stanno ascoltando quel che ragioniamo insieme, e ci puntano negli accenti, nelle parole e nelle figure del dire, che non sono toscane, senza una compassion al mondo, ridendosi di noi, che, se ben avemo messo la barba bianca negli studi, non sapemo quello che mai non ci sognassemo d’imparare.

  • 5  Questo è il titolo apposto all’operetta da Paolo Trovato (Padova, Antenore, 1982).

6La cosa curiosa è, dunque, che tutto o quasi avvenisse lontano da Firenze, che, com’è noto, prima e allora era angustiata dalla gravissima crisi politica che di fatto non consentì ai suoi studiosi di intervenire nel dibattito. Fa eccezione l’importante replica di Martelli all’epistola di Trissino, che in certi punti collima con il Discorso intorno alla nostra lingua di Machiavelli, che però allora non fu pubblicato5.

  • 6  Ragionamento sopra le difficoltà del mettere in regole la nostra lingua, in G. B. Gelli, Dialoghi, (...)
  • 7  Trissino, come si è visto, elogia anche Zanobi Buondelmonte, uno dei giovani “scolari” di Machiave (...)
  • 8  E rimando alla citata edizione curata da P. Trovato.
  • 9  Per una storia della lingua italiana, in Geografia e storia della letteratura italiana, Torino, Ei (...)

7Gelli nel Ragionamento sopra le difficoltà del mettere in regole la nostra lingua scrive che, attorno al 1514, i letterati che frequentavano gli Orti Oricellari discussero con Trissino se il De vulgari eloquentia era o non era opera di Dante6. Ma se anche il ricordo di Gelli è inesatto, nei giardini di Palazzo Rucellai molti erano i seguaci di Trissino, tanto più che lo era il principale personaggio di quella illustre famiglia, Giovanni Rucellai, e certamente inclini alle sue tesi erano il padrone di casa Cosimino Rucellai, Luigi Alamanni e Francesco Guidetti, che imitavano Petrarca allontanandosi dalla tradizione di Firenze, e disprezzavano il fiorentino vivo: non per caso sono elogiati da Trissino nel Castellano7. Insomma con o senza Trissino negli Orti Oricellari non si poté non parlare della riscoperta del De vulgari eloquantia e del suo contenuto. Il cenacolo degli Orti ormai si era disperso, ma molti erano i giovani che pensavano a soluzioni italiane. Machiavelli, che di quei giovani in un certo senso era stato maestro, non poteva non intervenire: lo fece abbozzando un Discorso, che non si curò di pubblicare, probabilmente perché – se come pare fu scritto nel 1524 – il dibattito si era allargato troppo perché potesse ancora interessargli intervenire. Ma non intendo ritornare su questo scritto, sul quale esiste ormai un’amplissima letteratura8; voglio solamente ribadire che Machiavelli vi mostra una straordinaria competenza nell’intendere il discorso trissiniano e le sue conseguenze (che non erano state ancora esplicitate nel Castellano) e una notevole capacità di analizzare la propria lingua, con osservazioni talora acutissime e non solo sulla commedia (Dionisotti ebbe a scrivere che il passo sui limiti del teatro di Ariosto « vale per sé solo una storia del teatro italiano »)9. Se era poco attento alle questioni grammaticali, ben più lo era alle questioni letterarie e all’affermarsi in Italia di scrittori non toscani, a cominciare dall’amato Ariosto. Era certo un’autorità a Firenze, non solo come storico e politico ma anche come letterato, e non poteva non difendersi da una concezione che negava a Firenze il primato della lingua. A differenza di Trissino e di Bembo, aveva piena fiducia nella tradizione letteraria di Firenze, l’unica su cui potesse fondarsi una letteratura italiana davvero vitale.

8La cultura fiorentina allora mostrava tutto il suo ritardo rispetto a un dibattito che in Italia durava da molti anni. I problemi politici giustificano in parte questo silenzio quasi generale e così il trasferimento di fatto dei fiorentini a Roma durante i due papati medicei. Solo una reazione a stampa, quella di Ludovico Martelli, dopo l’Epistola, niente dopo le Prose, niente dopo il Castellano. In questa situazione di crisi la figura di Machiavelli sembra grandeggiare come modello anche letterario.

  • 10  G. Muzio, Varchina, in Battaglie per difesa dell’italica lingua, a cura di R. Sodano, Torino, RES, (...)
  • 11  La Varchina è infatti databile al 1572 secondo quanto risulta dai dati interni che ci fornisce: cf (...)

9Una conferma di quest’impressione ci viene da uno dei più aspri avversari del fiorentino, Girolamo Muzio, dal quale veniamo a sapere che Gabriello Cesano e Bartolomeo Cavalcanti sostennero che Machiavelli era un maestro di lingua migliore di Boccaccio. Nel cap. XVIII della Varchina afferma che questo avvenne 36 anni prima in Ferrara, alla tavola del Duca Ercole, provocando la sua immediata replica nella lettera ai due toscani10. Questo passo consente di datare la lettera al 1536, quando Muzio era effettivamente al servizio del duca Ercole II11.

  • 12  Il Cesano fu pubblicato – contro la volontà dell’autore – per la prima volta nel 1555. L’opera per (...)
  • 13  Lettere edite e inedite a cura di C. Roaf, Bologna, Commissione per i testi di lingua, 1967, p. xv (...)
  • 14  Machiavelli, Lettere, legazioni e commissarie, cit., pp. 441-442.
  • 15  Specialmente nella Concione al Senato veneto, « un’orazione che, per lo stile e la logica serrata (...)
  • 16  Machiavelli e il Giovio, in Machiavellerie, Torino, Einaudi, 1980, p. 423, n. 24.

10Se la data è corretta, la lettera appare sorprendente per tutti i protagonisti: il pisano Cesano e il fiorentino Cavalcanti che con tanta decisione sostengono il primato di Machiavelli, e Muzio che si oppone con energia ma senza gran sfoggio di argomentazioni. Forse l’interesse per le questioni linguistiche in lui non era ancora forte, tanto che qualche anno dopo scrisse la lettera a Renato Trivulzio per meglio chiarire il suo pensiero. Cesano è noto sopra tutto perché nel dialogo che porta il suo nome sostiene la tesi toscana di Tolomei e appare abbastanza strano che qui sostenga il fiorentino vivo di Machiavelli. Ma il dialogo era allora inedito12 e gli scarsi documenti pervenutici non fanno pensare né a un suo amore per Machiavelli né a un suo interesse per questioni linguistiche. L’unico che verosimilmente potesse sostenere il primato di Machiavelli era Cavalcanti, non solo perché di Firenze, ma proprio perché fu un convinto sostenitore del pensiero del già segretario fiorentino. Lo conobbe negli Orti Oricellari e ne nacque un rapporto affettuoso. Si scrissero varie lettere, ma ce ne sono rimaste solamente due per parte. Sono quelle che aprono l’edizione curata da Christina Roaf e paiono rivolte « con affetto tenero e filiale a “suo come padre onorando” », come si legge nell’Introduzione di questa edizione13. La prima lettera conservataci di Cavalcanti (11 agosto 1526) sembra confermarlo: Bartolomeo si scusa di non aver scritto « così spesso, come voi forse aresti desiderato e come io certamente arei voluto ». Temeva che le sue lettere non fossero arrivate a destinazione, ma saputo che erano arrivate « non mi sono potuto tenere, quantunque materia mi manchi, che io non parli per lettere alquanto con voi, la presenza e i ragionamenti del quale, come suavissimi e prudentissimi, ogni giorno più desidero […] io desidero sommamente le vostre lettere e che appresso di me sono in luogo di oracoli »14. Il tono della corrispondenza indica la grande ammirazione e il sincero affetto che Cavalcanti nutriva per il suo “oracolo”: è un’ammirazione che durò tutta la vita e di cui si vedono le tracce nello stile e nel contenuto di alcune delle orazioni politiche15. Dionisotti gli attribuisce « il merito di avere largamente attinto alle Istorie fiorentine per l’esemplificazione della sua Retorica (1559), che non è piccolo merito in opera di quel tipo, ma senza che ivi sia mai esplicitamente nominato l’ormai vitando autore delle Istorie »16.

  • 17  Può essere una reticenza prudente, come quella di Paolo Giovio che – scrive Dionisotti (Machiavell (...)

11Ma Machiavelli, maestro di vita politica e di capacità di interpretare i fatti, era anche un maestro di stile? Questo non ce lo dice17. Comunque, dopo la fine di ogni speranza di ristabilire la repubblica a Firenze, sul finire del 1537 si recò a Ferrara al servizio di Ercole II, in tempo per pronunciare il giudizio citato. Non intendo mettere in dubbio quanto Muzio racconta, ma mi resta un forte sospetto che abbia forzato quello che aveva sentito per sfogare i suoi cattivi umori verso un Machiavelli che a quella data anche fuori Firenze aveva degli importanti estimatori.

  • 18  G. Muzio, Lettere, cit., pp. 239-240.

12I due avevano innanzi tutto sostenuto che « lo stilo del Macchiavelli è senza comparazione più bello di quello del Boccaccio conciosiacosa che, avendo il Boccaccio scritto novelle in istilo, come egli dice, umilissimo e rimesso, quella maniera di dire per iscrivere novelle è conveniente, ma ad altra scrittura uomo non se ne può servire ». E avevano aggiunto che Boccaccio « non ebbe giudicio nelle cose sue », perché credeva che il Filocolo fosse superiore al Decameron18. Muzio pertanto – piuttosto che mostrare i vizi di Machiavelli – espone le virtù di Boccaccio, rispondendo punto per punto. La sua fedeltà a Boccaccio è tale che giunge a sostenere che non c’è alcuno che « in questa lingua scriva in prosa con alcuna lode che da altro volgare scrittore che da lui abbia apparato a scrivere », fino ad affermare:

io ho pure alcuna volta fatto pruova di scrivere alcuna cosa: ho scritto di molte e di varie lettere; ho scritto in suggetto di duello; ho scritto alcuna cosa morale; e a materie di più degnità sono ancora trapassato. Né ho io alcuna cosa scritto con alcuna diligenza, che io scritta non l’abbia in quella lingua che dalle novelle del Boccaccio ho apparata; né infino ad ora mi pento di averla apparata tale. (Ivi, p. 240)

13Su Machiavelli invece la condanna è sommaria. Scrive che dei suoi libri ebbe casualmente occasione di leggere poche righe, che gli bastarono per notarne lo stile e la lingua e subito metterli

da parte come quegli da’ quali io non pensava di poter raccogliere cosa di tanta utilità di quanto danno potrebbe essere stato quel suo dire alle mie scritture; né dapoi mi è mai venuta voluntà di tornargli a vedere, anzi più me ne ha tenuto lontano l’avere io udito dire che ne’ libri di lui niuna pietà, niuna umanità, niuna religione vi si trova; ma che sono tutti pieni di ammaestramenti di crudeltà, di tirannia e di infidelità. (Ivi, p. 243)

14Avendo sentito proporlo come auctoritas, « ho voluto far pruova se col condimento del giudicio vostro io ne potessi sentire alcun dilettevole sapore, e a leggerne alcune poche carte mi sono condutto ». Il risultato è stato ovviamente negativo:

Io non so trovar nelle parole di lui cosa che comportabile mi paia in iscrittore che voglia con lode alcuna cosa scrivere. Se riguardo alla forma del dire, non so come dir si possa più bassamente. Se cerco degli ornamenti, non ne trovo niuno, anzi mi pare egli esser tutto secco e digiuno di ogni leggiadria. Poi nella lingua egli è tale che, oltra l’usar molte parole latine, là dove non men belle ne averebbe avute delle volgari, e nella variazione e nella proprietà de’ verbi egli è tutto cieco; usa male i nomi e peggio i pronomi; non sa ben collocare né articoli né adverbii, e in somma tanto sa delle osservazioni della lingua quanto chi non ne sa niente. (pp. 243-244)

15Non è una cattiva descrizione: basta considerare positivo quanto qui viene considerato negativo per apprezzare la novità della scrittura di Machiavelli.

16Il resto della lettera apparentemente si allontana da Machiavelli per sostenere che un non toscano ha il diritto di ragionare di scrittori toscani. O meglio, il legame c’è ed è molto forte: Machiavelli rappresenta l’esempio più cospicuo dei vizi dei fiorentini quanto alla lingua:

Essi si credono che ella sia tutta loro, si gloriano di averla dal nascimento e si danno a vedere di averla bevuta insieme col latte dalle materne poppe. Né vogliono che ella sotto altre leggi o sotto altri ordini si ristringa; anzi dicono che male fanno coloro che vogliono dar regole alle lingue mentre che elle sono in corso. (Ivi, p. 244)

17Effettivamente questa era, grosso modo, l’opinione di Machiavelli, il suo modo di scrivere discende direttamente dalla convinzione di possedere un’ottima lingua. Muzio ribatte:

a me pare che nella Toscana sia avvenuto quello che suole avvenire in que’ paesi dove nascono i vini più preziosi, che, i mercatanti forestieri i migliori comperando, quelli se ne portano, lasciando a’ paesani i men buoni. Così, dico, è a quella regione avvenuto, ché gli studiosi della toscana lingua dalle altre parti di Italia ad apprender quella concorrono in maniera che essi con tanta leggiadria la recano nelle loro scritture, che tosto tosto potremo dire che la feccia di questo buon vino alla Toscana sia rimasa. (p. 244)

18Donde la conclusione che gli italiani « dagli scrittori le parole prendendo, doveranno più puramente scrivere che que’ toscani i quali della lingua del popolo sono contenti » (p. 245). Egli vuole una lingua “regolata”, cioè rigidamente codificata una volta per sempre come il latino. Il risultato – secondo Muzio – è che

se voi con la analogia vorrete esaminar gli scritti del Macchiavelli e di chiunque senza osservazione stende in carte i suoi concetti, quegli troverete non pur non leggiadri, non fioriti e non limati, ma ancora non puri, non netti e non toscani. (p. 247)

19La discussione è dunque impostata sul raffronto tra la lingua viva e necessariamente municipale e variabile, e la lingua scritta, letteraria, atta a essere definita in una grammatica immutabile.

  • 19  C. Lenzoni, In difesa della lingua fiorentina e di Dante, in Discussioni linguistiche, cit., pp. 3 (...)

20Quando poi la cultura fiorentina si risveglia e iniziano le prese di posizione contro la dottrina di Bembo, predicata a Firenze da Benedetto Varchi, chi viene ricordato per aver subito denunciato ciò che in essa a un fiorentino pareva inaccettabile? Naturalmente Machiavelli, di cui Carlo Lenzoni nella Difesa riferisce quanto l’ex segretario fiorentino, quando le Prose erano ancora fresche di stampa, avrebbe detto a un certo messer Maffío sostenendo l’assurdità di voler dettare le regole di una lingua che non è la propria19. È possibile che Lenzoni attribuisca questa presa di posizione a Machiavelli perché era allora il solo che avesse un prestigio tale da potersi opporre a Bembo. La replica infatti è semplicistica e non tiene conto degli argomenti bembiani. Ma è anche possibile che Machiavelli, al quale non si può certo attribuire la lettura delle Prose, reagisse davvero in quel modo, incapace com’era di pensare a una lingua immobile nei secoli come il latino.

21A partire dagli anni Quaranta la cultura fiorentina è di nuovo vivace e combattiva. Uno dei prodotti migliori fu certamente l’Ercolano di Varchi (1560), contro il quale Muzio scagliò la Varchina. Ora Muzio è piuttosto isolato nel suo culto del Decameron, che nelle tipografie vacillava sempre più. La sua ostilità per il fiorentino restava però intatta.

  • 20  Su questa singolare dottrina, si veda C. Marazzini, Storia e coscienza della lingua in Italia dall (...)

22Come ho già osservato, Muzio esplicitò pienamente il suo pensiero sulla lingua italiana nella lettera a Renato Trivulzio. Tutto il suo ragionamento si fonda su una convinzione che a noi oggi può apparire strampalata. Il volgare è nato dalla corruzione del latino causata dalle invasioni barbariche e dunque nelle regioni in cui queste furono più frequenti e durature; perciò non a Firenze o a Roma dove queste furono scarse20. Non recepisce in nessun modo l’idea che i volgari italiani derivino anche e sopra tutto dalla trasformazione del latino. La nuova lingua dunque secondo lui si formò lontano dalla Toscana, là dove i Longobardi dominarono per più di duecento anni, « principalmente di qua dal fiume Po […] e che, di luogo in luogo stendendosi, ella si sia per tutta Italia ampliata ». Ammette però che ai toscani sia « venuta fatta una mescolanza tale quale ella si vede più che altrove bella e leggiadra », per cui in Toscana la lingua ha ricevuto l’ornamento, ma non la nascita. Ma non crede che

  • 21  G. Muzio, Lettere, cit., pp. 255-256.

ella abbia da loro ogni ornamento avuto, ché, se bene è vero che Dante, il Petrarca e il Boccaccio sono stati i principali lumi di lei, a me pare che ogni suo lume si sarebbe spento se degli altri uomini non si fossero posti a darle splendore e a destare i Toscani, i quali sonnacchiosi e oziosi si erano posti quasi per covare il morto cenere di lei, pur persuadendosi di bere questa lingua insieme col latte delle balie; e che altri che essi non ne potessero avere cognizione.21

23Un’altra convinzione basilare di Muzio – accordandosi in questo con il Dante del De vulgari eloquentia e con il Bembo – è che la lingua non s’impara dalle balie ma dai libri. Ed è su questo punto che nella Varchina attacca Machiavelli, ora accompagnato da Guicciardini, assunti come exempla del mal uso della lingua dei fiorentini: ne tratta infatti nel cap. VIII Del poco studio che mettono gli uomini per iscrivere in questa lingua, che riprende e svolge quanto già detto nella lettera a Cesano e Cavalcanti, ristampata al primo posto nelle Battaglie per difesa dell’italica lingua. La tesi è la solita, quasi ossessiva: « Nelle altrui lingue siamo scrupolosi, nella nostra siamo sì negligenti che senza regola e senza osservazione alcuna ci lasciamo uscir dalle penne tutto quello che ci viene in bocca; e pur che altri vada in istampa, e possa esser letto dal vulgo, gli par di meritar corona. » Tutte le arti s’imparano, tranne due « nobilissime le quali si sanno senza da altrui averle mai apprese: l’esser capitano di arme e lo scrivere ». Ma questo vale non solo per i fiorentini o i toscani ma per gli italiani tutti.

  • 22  G. Muzio, Battaglie per difesa dell’italica lingua, cit., p. 68.
  • 23  Cfr. M. Sarnelli, Tappe della fortuna del Guicciardini fra Cinque e Seicento, nel volume di autori (...)
  • 24  Cfr. Cicerone, De oratore, 2. 15 (62-63): « Nam quis nescit primam esse historiae legem, ne quid f (...)

24I due fiorentini vengono citati per le loro storie. Li dice « uomini prudenti, e che di molte cose hanno avuta cognizione, e di governi di stati e di cose publiche; e atti per altro a metter in luce i loro concetti, se quelli avessero spiegati semplicemente, e con leggiadria di lingua gli avessero saputo vestire »22. Ammette dunque due qualità veramente importanti per uno storico23. Ma segue una durissima condanna per aver violato le fondamentali norme della storia sancite da Cicerone24:

l’interesse, l’affezione e l’odio della parte contraria fanno dir delle cose diversamente da quello che elle sono state fatte, tacerne molte mal fatte dagli amici e ben fatte da’ nimici, dar mala interpretazione e biasimo dove altri merita lode: fingon le orazioni in onore o in vituperio di chi lor pare, facendo eziandio che le persone da se medesime si disonorino; fanno i discorsi risolvendo il tutto in favore della parte dove inchinano. E se per avventura essi trovansi avere avuto parte nelle cose di cui ragionano, tutto quello che felicemente è succeduto, secondo il loro parere è stato eseguito; e quante cose hanno avuto mal fine, in quel modo se ne sono andate per non si essere eseguito il loro consiglio. Poi guardisi chi loro ha fatto offesa o scorno: che prendendo essi dello scrivere la impresa si trovano aver la vendetta in mano.

25Sono cattivi storici ma anche cattivi scrittori, « che a me non sembra che chiamar si possa scrittore chi non sa scrivere; né mai dirò che sappia scrivere chi non possede la lingua nella quale scrivendo egli spera di dover onor conseguire ».

26Di Machiavelli ha già scritto (invero senza esempi linguistici), le censure ora si rivolgono a Guicciardini. I nipoti lo scusano perché non fece in tempo a rivedere le sue opere, ma Muzio pensa che

  • 25  G. Muzio, Battaglie per difesa dell’italica lingua, cit., p. 69.

non sarebbe mai stato uomo da riducerle in buona lingua, perciò che non avendo data opera a regola né ad osservazioni di quella, come dottore che usato era a parlar latinamente, secondo il costume de’ dottori, stimava che fosse bella cosa empier le sue prose di parole che avessero del latino: sì che oltra i vizii della lingua che a lui col Macchiavelli sono communi, esso ancor maggiormente peccò in questa parte che io dico.25

27Qui Muzio sbaglia mostrando davvero di aver letto poco Machiavelli e non molto Guicciardini, che il problema della lingua se lo pose e si allontanò dalla parlata materna, andando persino a leggere le Prose bembiane: non era uno che scrivesse come parlava. Muzio lo biasima come Machiavelli per i latinismi, senza accorgersi che si trattava di fatti ben diversi. A questa data tra l’altro editori e lettori preferivano i latinismi ai boccaccismi, che ormai parevano segno di affettazione. Ruscelli, per esempio, come molti altri, riteneva che qualunque parola latina si potesse fare italiana. A noi la Storia d’Italia potrebbe sembrare il più splendido e riuscito prodotto della tradizione bembiana, per l’ampiezza del periodare, i moltissimi incisi, la forte subordinazione, i parallelismi, l’eleganza in genere della scrittura, la gravità, l’aggettivazione, ecc. Muzio, pedante ma acuto (e certo indifferente alla potenza espressiva di quella prosa) invece vi vede disordine dove noi vediamo strette connessioni e scarsa attenzione dove noi scorgiamo un dettato austero e sorvegliato. Questo perché – a differenza degli altri antifiorentini – vuol essere fedele non solo a una costruzione rigidamente regolata ma a un lessico che si serva di latinismi solo in caso di necessità. Non so se se ne rende conto, ma quelli che censura sono quasi tutti latinismi già entrati in qualche modo nell’uso fiorentino e dunque il nostro stupore di vederlo accoppiato al ben diverso Machiavelli fra i fiorentini che non osservano le buone regole, forse non ha ragion d’essere. Dei latinismi fa un bell’elenco in ordine alfabetico, in cui a prima vista si osserva che si tratta di parole facilmente assimilabili e in parte già assimilate o in via di assimilazione. Ecco come un campione quelli della lettera a:

abiezione, abolir, accerrimo, accelerare, accomodar per “prestare”, accumulare, aderire, adito, affinità, afilato, agilità, agitazion, aggiudicare, altercazione, ammesso, annuo, antimuro, angusto, angustiar, angustissimo luogo, annesso, applauso, appropinquarsi, arrogare, ascrivere, asserire; e usa aspettare per quello che dicono i Latini spectat ad me, in questa lingua appartiene o tocca a me. Dice assente e assentato, assiduamente, assueto, assuefatto, assurdamente, assumer titoli, attinente, attonito, attrito, aversare, avido, avidissimo, avidità. (Ivi, pp. 69-70)

28La conferma che Muzio colpisce questi vocaboli perché latinismi presenti nel fiorentino la si incontra subito dopo:

Mi risponderà alcuno che in Fiorenza delle cotali parole ne sono in uso. E io risponderò che adunque il Boccaccio, che altramente scrisse, non scrisse in volgar fiorentino; oltra che le più di quelle che dette ho non sono in uso, né pur intese dal popolo fiorentino: e di tutte queste che ho recitate sono securo che rare sono quelle che si trovino appresso buono scrittore, massimamente di prosa.

29Lo critica poi perché i modi « dello scrivere e le costruzioni sono di lui proprie e non di altro scrittore » (Ivi, pp. 71-72).

30Passa quindi a biasimare i fiorentini e qui, se non sbaglio, sopra tutto Gelli secondo cui « mentre la lingua è in corso non si ha da ristringere in tante regole e in tante osservazioni ». Al contrario dei latini

noi chiudiamo gli occhi e turiamo le orecchie a tante macchie e a chi ci vuol mettere in su la diritta via! Sallo Dio che se io avessi trovato alcune poche cose, o leggiere, in un così gran volume non ne averei fatto parola; ma trovandomi tanta novità di voci, di elocuzioni e di composizioni e di improprietà di dire, non mi sono potuto contenere che a beneficio degli studiosi della lingua non sia uscito a liberamente doverne ragionare. Loderò io sempre chi giudiciosamente si assecurerà di usar qualche parola tirata dal latino, la quale non perciò sia diforme e tanto diversa dalla favella d’Italia che a quel suono la orecchia incontanente si abbia da risentire: sì come è stata quella che pur dianzi ho detta io, elocuzione, la quale se ben dal vulgo o dalle femine non è intesa, non importa nulla, che né la cosa che si tratta è intesa da loro, e chi intende la materia, intende la parola. (Ivi, p. 73)

31Sono tornato su questi scritti di Muzio non per valutarli perché – sopra tutto all’altezza della Varchina – egli è fuori dal tempo e il suo oltranzistico culto del Decameron non aveva più corso. A me premeva invece mostrare che – pur criticatissimi – Machiavelli e Guicciardini furono considerati anche dai contemporanei i massimi exempla della letteratura fiorentina. Il secondo stranamente resta appaiato al primo, anche se aveva con molto scrupolo cercato di sfiorentinizzarsi. Ma i suoi latinismi a Muzio non sembravano diversi da quelli dell’amico suo: tutti macchiati da un uso solamente fiorentino. E questo potrebbe essere uno stimolo per nuovi studi sulla lingua di Guicciardini.

Notes

1  Sono parole di Gaspare Visconti nella lettera a Leonardo Aristeo del 1o giugno 1498. Cfr. C. Dionisotti, Gli umanisti e il volgare fra Quattro e Cinquecento, a cura di V. Fera, Milano, 5 Continents, 2003, pp. 49-50.

2  Il Castellano, in Discussioni linguistiche del Cinquecento, a cura di M. Pozzi, Torino, Utet, 1988, p. 134.

3  Ivi, pp. 148-150.

4  Dialogo della volgar lingua, in Discussioni linguistiche del Cinquecento, cit., pp. 50-51. Questo dialogo rimase per allora inedito, ma è databile forse al 1527, ovviamente prima del sacco di Roma.

5  Questo è il titolo apposto all’operetta da Paolo Trovato (Padova, Antenore, 1982).

6  Ragionamento sopra le difficoltà del mettere in regole la nostra lingua, in G. B. Gelli, Dialoghi, a cura di R. Tissoni, Bari, Laterza, 1967, p. 307.

7  Trissino, come si è visto, elogia anche Zanobi Buondelmonte, uno dei giovani “scolari” di Machiavelli, che ebbe una breve ma intensa attività politica. Non mi risultano suoi componimenti letterari, ma non doveva essere del tutto d’accordo con il modo di scrivere di Machiavelli se la Vita di Castruccio Castracani (la quale, pure giudicava « cosa buona et ben detta »), gli dispiaceva in « certi luoghi i quali, se bene stanno bene, si potrebbono non di meno migliorare; come è quella parte ultima de’ ditterii e de’ tratti ingegnosi e acuti detti del detto Castrucci ». Di altre annotazioni, sopra tutto « circa alle parole » si riprometteva di « parlare a boca » (Machiavelli, Opere, II, Lettere, legazioni e commissarie, a cura di C. Vivanti, Torino, Einaudi, 1999, p. 366, lettera del 6 settembre 1520).

8  E rimando alla citata edizione curata da P. Trovato.

9  Per una storia della lingua italiana, in Geografia e storia della letteratura italiana, Torino, Einaudi, 1967, p. 101. La considerazione di Machiavelli spiega infatti perché con quella lingua paludata che stava affermandosi in Italia non fosse possibile che la commedia raggiungesse risultati importanti.

10  G. Muzio, Varchina, in Battaglie per difesa dell’italica lingua, a cura di R. Sodano, Torino, RES, 1994, pp. 111-112.

11  La Varchina è infatti databile al 1572 secondo quanto risulta dai dati interni che ci fornisce: cfr. G. Muzio, Lettere, edizione e commento a cura di A. M. Negri, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2000, p. 237, n. 4.

12  Il Cesano fu pubblicato – contro la volontà dell’autore – per la prima volta nel 1555. L’opera però circolava manoscritta e fu letta dal Muzio, a cui Renato Trivulzio (morto nel 1545) l’aveva inviata perché gli dicesse cosa ne pensava. Ne nacque la lettera di Muzio (probabilmente del 1541).

13  Lettere edite e inedite a cura di C. Roaf, Bologna, Commissione per i testi di lingua, 1967, p. xvii.

14  Machiavelli, Lettere, legazioni e commissarie, cit., pp. 441-442.

15  Specialmente nella Concione al Senato veneto, « un’orazione che, per lo stile e la logica serrata degli argomenti, ricorda sotto certi aspetti ». Machiavelli (C. Roaf, cit., p. xxxv).

16  Machiavelli e il Giovio, in Machiavellerie, Torino, Einaudi, 1980, p. 423, n. 24.

17  Può essere una reticenza prudente, come quella di Paolo Giovio che – scrive Dionisotti (Machiavellerie, cit., p. 423) – sembra non voler prendere partito: « Ma dal contesto risulta chiaro che nel moderno e attico Machiavelli egli riconosceva un più congeniale maestro che non fosse l’antico e asiatico Boccaccio. »

18  G. Muzio, Lettere, cit., pp. 239-240.

19  C. Lenzoni, In difesa della lingua fiorentina e di Dante, in Discussioni linguistiche, cit., pp. 369-371.

20  Su questa singolare dottrina, si veda C. Marazzini, Storia e coscienza della lingua in Italia dall’umanesimo al romanticismo, Torino, Rosenberg & Sellier, 1989, pp. 29-34.

21  G. Muzio, Lettere, cit., pp. 255-256.

22  G. Muzio, Battaglie per difesa dell’italica lingua, cit., p. 68.

23  Cfr. M. Sarnelli, Tappe della fortuna del Guicciardini fra Cinque e Seicento, nel volume di autori vari La “Storia d’Italia” di Guicciardini e la sua fortuna (Milano, Cisalpino, 2012, pp. 426-432).

24  Cfr. Cicerone, De oratore, 2. 15 (62-63): « Nam quis nescit primam esse historiae legem, ne quid falsi dicere audeat? Deinde ne quid veri non audeat? Ne quae suspicio gratiae sit in scribendo? Ne qua simultatis? »

25  G. Muzio, Battaglie per difesa dell’italica lingua, cit., p. 69.

Auteur

Università di Torino

© ENS Éditions, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540