Version classiqueVersion mobile

La varietas à la Renaissance

 | 
Dominique de Courcelles

Varietas e variatio. Un percorso tra lettere, narratio e altre invenzioni, passando per Poggio e i libri di Lázaro

Giuseppe Grilli

Texte intégral

  • 1 Cito da Baltasar Garcián, Agudeza y arte de ingenio, ed. di Evaristo Correa Calderón, Clásicos Cas (...)
  • 2 Il motivo soggiace latente nell’interessante articolo di Patrizia Campana, «Et per tal variar natu (...)

1Nella maggiore sintesi del legado della letteratura aurea, intesa come espressione filosofica di una cultura ricca e complessa, Gracián, nell’Agudeza LV, enumera « Hόmero con sus Epopeyas, Esopo con sus Fábulas, Séneca con sus Sentencias, Ovidio con sus Metamorfosis, Juvenal con sus Sátiras, Pitágoras con sus Enigmas, Luciano con sus Diálogos, Alciato con sus Emblemas, Erasmo con sus Refranes, el Bocalino con sus Alegorías y el príncipe don Juan Manuel con sus Cuentos », conferendo con questo excursus tra autori, generi, tradizioni letterarie e linguistiche, una dignitá normativa ad una varietas senza confini. Ad essa, tuttavia, ritene di poter assegnare « un mismo blanco de la filosófica verdad ». Il tratto comune che il grande gesuita riconosce a fondamento di una così estesa varietà di discorso è infatti nel principio per cui « La semejanza es el fundamento de toda la invención fingida, y la traslación de lo mentido a lo verdadero es el alma desta agudeza »1. Su questo aspetto della varietas, il suo rapporto con la verdad, concentrera l’intento di questa relazione2.

2Naturalmente tutto era cominciato con l’idea base del Rinascimento di introduire, protetta con il modulo della imitatio, la novedad, meccanismo attraverso il quale la proliferazione dei contenuti puó determinarsi quasi senza limiti. Grazie alla prospettiva storica guadagnata (l’Agudeza y arte de ingenio è del 1642) con cui osserva l’eredità moderna della rinascita delle culture classiche, Gradan puó affermare che in realtà proprio l’immissione di nuove tematiche ha reso operativi e produttivi i meccanismi formali dell’imitazione. Perché, come è owio, e abbastanza esplicito nell’argomentazione, più che a modelli formali o generici, l’interesse in lui è rivolto ai contenuti o esempi che le diverse opere adducono.

  • 3 Non mancano saggi panoramici su questa materia, cfr. ad esempio, Víctor Infantes, De Officinas y P (...)
  • 4 Per l’impatto di Textor, cfr. Aurora Egido, Lope de Vega, Raviso Textor y la creación del mundo co (...)
  • 5 Cito l’ed. Venetiis, 1598. Ne era ben consapevole l’editore che intitola la prima sezione del libr (...)
  • 6 Per un esempio di trasposizione, cfr. il saggio di José Miguel Oltra, La miscelánea en «Deleitar a (...)
  • 7 Bruno Damiani, Canciones y romances en la Pícara Justina, in Enrique Rodríguez Cepeda (ed.), Actas (...)
  • 8 Cfr. Carlos García Gual, Sobre la versión española de El Asno de oro por Diego López de Cortegana,(...)

3Evidentemente il dotto gesuita non lavorava di fantasia. Basta un’occhiata al prologo e al prefatio di uno dei libri de varietate rerum più letti nell’Europa tardocinquecentesca3, la Officina di Ravisius Textor4, per avere un’idea di un’accumulazione quasi senza discernimento : l’elenco scorre tra una secuela di nomi e di scuole filosofiche e l’esibizione è palese sin dal paratesto5. Gli effetti di ciò non tardano a manifestarsi nella letteratura di creazione decisamente impegnata in una renovatio tematica e concettuale di cui forse il maggior apporto è rappresentato probabilmente dal libro de entretenimiento6. Già il licenciado López de Ubeda nella Pícara Justina (1604), e più esattamente nel prólogo, come ricorda Damiani7, avea redatto un elenco di precedenti sintomaticamente ricettivo della varietas come unico punto di inflessione unificante del discorso generico : tra queste opere infatti sono incluse, e singolarmente accomunate, il Lazarillo e la Silva di Pedro Mexía, assieme ad altri testi8. « Justina — egli soggiunge — fue mujer de raro ingenio, feliz memoria, amorosa y risueña, de buen cuerpo, talle y brio, ojos zarcos, pelinegra, nariz aguileña y color moreno. De conversación suave, única en dar apodos ; fue dada a leer libros de romance, con ocasión de unos que acaso hubo su padre de un huésped humanista que, pasando por su mesón, dejó libros, humanidad y pellejo ; y así no hay enredo en Celestina, chistes en Momo, simplezas en Lázaro, elegancias en Guevara, chistes en Eufrosina, enredos en Patrañuelo, cuentos en Asno de oro y, generalmente, no hay cosa buena en romancero, comedia ni poeta español cuya nota aquí no tenga, cuya quinta esencia no saque. La suma de estos tomos, léala el lector en una copiosa tabla… ».

  • 9 Nei Clásicos Planeta, Barcelona, 1985.
  • 10 La cui origine generica la storiografia fa risalire al Lucanor (e al Calila per la fissazione dell (...)
  • 11 Cfr. per questo Giuseppe Grilli, Il barocco colpisce ancora (capitolo di un libro in preparazione)
  • 12 Cito dall’ed. fac-simile della princeps (Lione 1543) a cura di Eugenio Canone e Germana Ernst, Ist (...)
  • 13 Cfr. per questo l’ed. Rico del Lazarillo (Letras Hispánicas, Cátedra, Madrid, 1998), p. 124.
  • 14 Cfr. Eugenio Asensio, Itinerario del entremés, Gredos, Madrid, 1971. Donald McGrady, Otra vez las (...)
  • 15 Consolación Baranda, nell’introducción alla sua ed. di Feliciano de Silva, Segunda Celestina, Letr (...)
  • 16 Mi riferisco qui ai saggi raccolti nel suo Problemas del «Lazarillo», Cátedra, Madrid, 1988 (in pa (...)

4D’altra parte Antonio Prieto nella premessa alla sua edizione del Criticón di Gradan9 segnala il Lazarillo, prototipo di quel romanzo picaresco di cui La Pícara Justina vuol essere estensione e completamento, come intercalare10 in una sequenza variegata di titoli. In generale è stata modernamente ripresa dalla critica la notazione sulla natura composita, tendenzialmente miscellanea, del Lazarillo11 (1554) ; questo aspetto del protoromanzo moderno implica il riuso di materiali diversi e a volte eterogenei come strutture portanti del discorso e della stessa narratio : in tal senso persino il marco del testo (il famoso menage à trois) puo essere riferito al genere di esemplificazioni inglobate nei Paradossi di Ortensio Lando, come quello intitolato Non essere cosa detestabile ne odiosa la moglie disonesta12. Si tratta di un modello al quale, una volta istallato nella tradizione ispanica, possiamo collegare opere diverse, dal celebre Elogio de los cuernos di Hurtado de Mendoza13 fino all’Entremés de Diego Moreno di Quevedo14. Al fondo c’é una tematica determinata, sviluppatasi a partire dal ritrovamento da parte di Lerdo Landriani dei Paradoxa di Cicerone. La contaminazione di motivi popolari e strutture e pensieri scaturiti dalla ricoperta dei classici era d’altronde abituale costume degli umanisti e abbondantemente attestata nel genere letterario da essi frecuentato con dedizione : l’epistola15. La differenza (o novedad) consiste, come ha detto Rico16, nel fatto che Lázaro esplica il paradosso raccontando il suo « caso » dal principio, collegando la sua preistoria alla condizione presente. In questa direzione si puo precisare che il protagonista con il suo racconto fa della autobiografía il teorema giuridico che annulla l’accusa, un’accusa che, ritradotta in termini di filiazione letteraria, viene ad escludere per il suo libro l’attribuzione di essere una versione, tra le tante, del sufrido. Dunque il (nuovo) paradosso consiste nel fatto che l’imitatio di uno schema dato gli ha permesso di sowertirlo. L’aver scelto un’idea della lingua (la novela è una poderosa scelta linguistica innanzi tutto) come lingua d’uso valdesiana, e non come lingua d’arte nebrijense, permette infatti all’io escribiente di distanziarsi dal modulo ripetitivo senza venir meno alla regola d’oro deU’imitazione rinascimentale. Egli l’applica con lo strumento perfettamente compatibile della variatio infatti. E grazie alla variatio che l’Anonimo dispone di uno spazio per la varietas. Il Lazarillo non nasce infatti come una versione del libro miscellaneo con il proposito di divulgare, rimaneggiare o romancear una porzione più o meno estesa della tradizione classica o neoclassica, includendovi la raccolta o catalogazione dei materiali folclorici, operazione cara a tanti umanisti suoi colleghi, severi dottori o entusiasti appassionati : basti pensare a personaggi come Fautore del Viaje de Turquía, peraltro altrettanto poco propensi, come l’anonimo estensore della biografía di Lázaro, ad apporre la propria firma in calce all’opera. Il fine ed il mezzo sono altri : sostanzialmente il riuso di materiali diversi all’interno di un disegno omogeneo e compatto.

  • 17 R. del Arco y Garay, La dueña en la literatura española, in «Revista de Literatura», III (1953), p (...)
  • 18 L’introduzione alla traduzione spagnola a cura di Antonio Gallego Morell e Juan M. Carrasco (Letra (...)
  • 19 Cfr. M. Bataillon, Varia lección de clásicos españoles, Credos, Madrid, 1964, p. 79: «¿Quién sabe (...)
  • 20 Come è noto questa della continuación e del finale è la questione di fondo del passaggio dalla ver (...)
  • 21 Cfr. al riguardo i celebri saggi di Claudio Guillen sul Lazarillo e la picaresca, nonché sull’epis (...)

5Una conferma indiretta di questo tratto della costruzione dell’io narrante può venire dal confronto con un’opera coetanea che si colloca per cronología e statuto generico in una posizione parallela a quella del Lazarillo : mi riferisco a Menina e moça (1554, data della prima edizione a Ferrara). In questo strano romanzo le alternanze della prima persona narrante, duplicata in una voce giovane di doncella e un’altra matura di dueña17, sono strumento e occasione di variazioni tematiche che vanno dalla cavalleresca alla pastorale, cioè investono gli universi narrativi privilegian del cinquecento18. D’altronde, come ha rilevato Bataillon, il nome del suo autore potrebbe non essere che uno pseudonimo, una maschera dietro la quale cercare Fidentità di un personaggio noto della comunità dei marranos portoghesi trasferitisi in Italia, mentre, su di un altro piano del discorso, il suo finale aperto o inconcluso potrebbe ben essere un’espediente19. Un espediente non troppo lontano da quello che l’Anonimo del Lazarillo adotta per lasciare aperta a possibili continuazioni una storia che, per la stessa dimensione autobiografica, difficilmente potrebbe trovare un punto finale20. Non a caso un possibile antecedente della picaresca, come lo Spill di Roig, che si apre anch’esso con un allontanamento da casa, si propone come testamento di un narratore vecchissimo. Cervantes, come è arcinoto, nel celebre episodio de los galeotes censura il raccontoresoconto delle vite picaresche proprio per il loro (oltretutto palese) caractere di impostura21.

  • 22 De «Celestinas»: problemas metodológicos, en «Celestinesca», 16,ii (1992), p. 3-32.
  • 23 Ho presente l’ed. in Letras Hispánicas, a cura di Pedro M. Piñero, Cátedra, Madrid, 1992.
  • 24 Trascurando pero che non possiamo parlare di romanzo picaresco se non a partire dal Guzmán (1599), (...)
  • 25 Innanzi tutto va ricordato il Liber facetiarum di Luis de Pinedo composto tra il 1550 e il 1560 (c (...)

6Consolación Baranda22 adduce il caso del Lazarillo de los atunes (1555)23 come primo esempio di continuación che, nella ricerca di un aggancio con la classicità, abbandona il genere picaresco a favore di una incursione nel romanzo di trasformazione24. In altra direzione Antonio Prieto in un saggio del 1984 citava in più occasioni il Liber facetiarum di Poggio — un bell’esempio di fortuna di un libro scaturito dalla nuova cultura umanistica o neoclassica — che vede disseminato nella produzione spagnola25. Proverò ad analizzare in quale direzione queste due linee di ricerca interferiscano con il nostro tema.

  • 26 Scrive nella lettera a Christofer Fischer del 1505. «Pogius, rabula adeo indoctus ut etiam si vaca (...)
  • 27 Si veda P. Castelli, Un toscano del ’400. Poggio Bracciolini (1380-1458), Terranuova Bracciolini, (...)
  • 28 Cfr. E. Sanchez García, Introducción alla sua ed. di Miguel de Salinas, Rethórica en lengua castel (...)
  • 29 Cfr. Eugenio Asensio, Ciceronianos contra erasmistas en España. Dos momentos / 1528-1560), in «Rev (...)

7Rispetto al controverso ruolo di Poggio nel definire il legado umanistico va ricordato il giudizio severissimo di Erasmo nei suoi confronti, reprimenda emessa ad illustrazione di un umanesimo che si compiace di abborracciate passioni e simpatie miscellanee, di sintesi ed epitomi: si pensi alle traduzioni « abbreviate » (ne è esempio il tentativo poggiano di riduzione latina di Senofonte), di un umanesimo intriso di propensioni lascive piuttosto che di duro rigore filologico-scientifico26. Certo le sue Epistolae scritte in toni vivaci ben si prestano a severi giudizi (ma Erasmo amerà lui stesso l’arguzia dello stile vivace e salace), cosi infarcite come sono di racconti che esaltano il libero amore e i piaceri del corpo (si pensi alla sezione dedicata ai bagni). Ma anche scritti seri come i quattro libri De varietate fortunae, redatti tra il 1431 e il ’48, sono soggetti ad una sorte ambigua. Vengono ben presto presi ad esempio di varietas e dal IV libro viene estratta quell’India recondita che finì persino nelle Navigazioni e viaggi del Ramusio e in version i portoghesi. D’altronde anche il suo racconto-ritratto di Tamerlano si iscrive in un precoce interesse divulgativo del meraviglioso e dell’esotico destinato a maggiori sviluppi nella Silva di Mexía27. Niente di strano, almeno dal punto di vista di una varietà di interessi : Poggio resta il modello per chi intende respingere la deriva accademicista dell’umanesimo e si appella ai valori del dialogo. Per altri versi, e in tal senso è celebre la sua ostilità con Giorgio da Trebisonda, cui non mancarono estimatori iberici sulla scia di Erasmo28, il suo poteva apparire affanno dilettantistico o desiderio di divulgazione. Naturalmente non è possibile dimenticare la sua « novità » di rinvenitore del De rerum natura di Lucrezio, di trascrittore dell’Institutio oratoria di Quintiliano, un’auctoritas che i nuovi grammatici contrappongono alla sua libertas improvvisatrice29.

  • 30 Piñero nell’introduzione alla sua ed. cit. dell’opera parla di scrittura a vuelo de pluma per gius (...)
  • 31 Introducción, cit., p. 66. Non condivido la conclusione del saggio di Augusto Guarino, Narrativa d (...)
  • 32 Si pensi, ad esempio, al Diálogo entre Adulación y la Verdad (1545) di Cristóbal de Castillejo.
  • 33 Josep M. Solé-Solà, Villalón y los orígenes de la picaresca, in Criado de Val, La picaresca. Oríge (...)
  • 34 In effetti il sistema di rinvii e di corrispondenze è ancora più esteso ed intrigante; come ricord (...)
  • 35 Cfr. Segunda Parte, ed. cit., p. 231: «Como yo me perdí de los míos, hallé la Verdad (…). Contóme (...)
  • 36 Il resoconto della pesca, a cui Lázaro-atún resiste eroicamente senza abbandonare mai la spada o d (...)

8In questo contesto assume un ruolo di una qualche importanza anche il Lazarillo de los atunes, owero quell’anonima continuazione di Amberes del 1555 prima ricordata. Se va rilevata la deriva del testo verso la novela de transformación sulla scia della moda umanistica30, non va dimenticato il suo apporto nell’interpretazione del Lazarillo del 1554. La continuazione pone di fatto l’accento ed enfatizza il tratto fondante del suo antecedente : l’istanza della narratividad contenuta nella deviazione dal modello della epistula exculpatoria : nel dire « se le escriba y relate el caso muy por extenso » si sono gettate le basi per una affermazione non ritrattabile. E in questo senso si realizza l’operazione di trasformazione (o amplificatio) del modello : la trasformazione di Lázaro-atún non è dunque solo quella del calco lucianesco o apuleiano, ma l’assunzione della varietas a indice della scelta di continuare/ampliare l’autobiografia. L’estensione del racconto, come è noto, viene condotta a partire dal motivo del cuento folklorico del vino, di cui Lazaro è pregonero ; il suo trasformarsi da banditore in consumatore è l’espediente che nella continuazione lo salva dal naufragio della nave e getta le premesse della discesa nel regno di Plutone attraverso un percorso o viaggio marino. Risulta, invece, poco condivisibile il giudizio di Piñero che vede nella continuazione una regressione a « cauces narrativos de la novela, al roman, al modo de los libros de caballería »31. Se è vero che le awenture tonnesche sono, o possono leggersi, come una satira o parodia della cavalleria, il carattere primordiale di esse è di costituire una delle possibili variazioni che il lettore semicolto si aspetta da chi è invece in grado di accedere direttamente ai testi classici. E soltanto in questo quadro che si intende la centralità della inventio o temática atunesca e il suo inserimento in un contesto che presuppone o promette ulteriori esemplificazioni nelle direzioni della variatio. E di ció si dà subito un saggio con il tratadillo della verdad, un motivo tanto nella linea dell’orizzonte d’attesa del pubblico del tempo32 da coincidere con un’analoga prospezione contenuta nel Crótalon come la critica ha costantemente messo in rilievo33, anche se il libro di Villalón presenta tutt’altri scopi e diversità di interpretazione34. Ma quel che qui vorrei sottolineare è un aspetto della composizione : l’incontro di Lazaro con la verdad per un verso costituisce occasione per un richiamo alla natura e al fine ultimo del suo scrivere che consiste nella stesura di precisa e dettagliata relación a « Vuestra Merced »35, per l’altra è premessa, nella dispositio della narratio, di quella straordinaria ecatombe di tonni descritta nel capitolo XVI, che precede ed è premessa della riconversione di Lázaro in uomo36. Dunque il pur brevissimo capitolo della Verdad è centrale nella determinazione di tutto il percorso di ida y vuelta di Lázaro.

  • 37 Cfr. E. Mattioli, Luciano e l’Umanesimo, Napoli, 1980.
  • 38 Il rapporto tra Poggio e Villalón è già stato stabilito da Margherita Monreale in un articolo gius (...)
  • 39 Ulteriore interessante incrocio è quello su cui ha puntato Eugenio Mele, Lope de Vega, Merlin Coca (...)
  • 40 Ed. cit., p. 6.

9Rispetto alla presenza del tema in Villalón, sappiamo che il Cmtalon si pone nella scia del ritrovamento di Luciano di cui si permea e informa una importante sezione deU’umanesimo europeo37. In proposito non si dimentichi il molo di Poggio38 — a dispetto del giudizio di Erasmo e della rigida adesione erasmista dell’autore del Crótalon — proprio nella riuscita versione dell’Asinus lucianesco39, mentre lo stesso non esita nell’esordio del De varietate ad appellarsi all’auctoritas di Luciano40.

  • 41 Una possibile versione spagnola di Jeronimo de Mondragón, Censura de la locura humana y excelencia (...)

10D’altra parte Erasmo (e nella scia erasmiana la critica suole collocare sia il libro di Lázaro del’54, come la sua continuación de’55), nell’Elogium moriae aveva manifestato il suo antimilitarismo radicale indicando nei milites e nella guerra il luogo dei controvalori41. Nella guerra infatti non ritroviamo uomini capaci di pensiero o di saggezza, ma il frutto eccelso e prediletto della follia che può menar vanto di esserne massima ispiratrice e vindice :

11« Ut ne dicam interim, nullum egregium facinus adiri nisi meo impulsu, nullas egregias artes nisi me autore fuisse repertas. An non omnium laudatorum facinorum seges ac fons est bellum ? (…).

  • 42 Erasmo da Rotterdam, Elogium moriae/Elogio della follia, B.U.R., Milano, 1997. (1a 1989).

12Sed consilum, inquiunt, in bellis plurimum habet momenti. Equidem fateor in duce, verum id quidem militare, non philosophicum; alioqui parasitis, lenonibus, latronibus, sicariis, agricolis, stupidis, oberatis et huismodis mortalium fece res tam preclara geritur, non philosophis lucernariis »42.

  • 43 Cfr. Noël Salomon, Recherches sur le thème paysan dans la « comedia » ai temps de Lope de Vega, In (...)
  • 44 Valencia, 1568 (en casa de loan Mey). In particolare cfr. i precetti di p. 111-12 su corne vertere(...)
  • 45 Mi riferisco alle interpretazioni sociologiche, che non sottoscrivo, della serie celestinesca come (...)
  • 46 Owiamente il pubblico dell’epoca poteva identificare con maggior facilita del nostro attuale la zo (...)
  • 47 Ma un primo adattamento tedesco del Guzmán è già del 1615 e la versione del Lazarillo del ’17, que (...)
  • 48 Cfr. Giuseppe Grilli, El niño y el tema del aseo del cuerpo a principios del XVII (Paris III-Sorbo (...)

13L’enumeratio dei personaggi che interpretano la supposta e malintesa virtus cavalleresca dei bellatores è curiosamente indicativa di quasi tutti i tratti che saranno del picaro letterario non appena Alemán avrà formalizzato la sua esistenza (e consistenza), ma che sono già efficacemente rappresentati nel Lazarillo. Persino quegli agricolae che sembrerebbero stonare, al cospetto di parassiti, ladri e lenoni, soprattutto grazie alla connotazione positiva del villano che ne offrira la cultura aurea, che lo rappresenta sovente honrado labrador e cristiano viejo43, assumono un precisa identificazione se interpretate più correttamente, e nel rispetto della cronología, alla luce del Estudioso de aldea di Lorenzo Palmireno44, ove il rustico campagnolo è piuttosto il giovane da raddrizzare, mal inurbato, come il Sosia della Celestina, dunque perfettamente in linea con gli attributi dei suoi simili e compagnoni, apicarados e mal acculturati, che, a partire dal Lazarillo, popoleranno le serie parallele della letteratura de marginados o de pobres45. Per altro verso le controvirtù del passo erasmiano trovano nel suo saggio sulla pace un argomentata e diffusa elaborazione che forse è da tener in conto anche per l’interpretazione del romanzo picaresco nella sua fase finale. L’abilità strategica e il valore militare di Lázaro nella sua awentura marina sono, dunque, da intendere come un tratto intenzionale ed un’applicazione non innocente dell’idea di varietas. Appropiandosi di un segmento della tradizione classica — il racconto di trasformazione — l’Anonimo continuatore di Amberes 1555, elabora una prima evoluzione del destino esemplare del protagonista in una chiave che assegna al protopicaro Lázaro quei valori tipici del bellicismo cinquecentesco stigmatizzati da Erasmo. L’orrore della guerra invero nel Lazarillo de los atunes è esemplificata in un’allegoria che, in virtù del ruolo centrale svolto nel libro dalla imitatio, può risultare ancora giocosa, secondo il precetto del delectare prodesse. Tuttavia la strage dei tonni, diretti ad una pratica pacifica come il desovar, con la sua ambientazione nell’almadraba46, getta un ponte verso una più precisa localizzazione storico-geografica di picaros e apicarados dell’Andalucia come ci attesta la novella cervantina de La ilustre fregona. D’altra parte la ricollocazione del discorso sugli effetti del bellicismo nel contesto della cultura europea, si pensi all’assai più tardo Simplicissimus di Grimmelshausen (1668)47, assumera nel tempo connotati grotteschi per indicare carneficine assai più realisticamente umane48.

  • 49 Come è noto, e sulla scia della tradizione umanistico-lucinaesca, e specificatamente al Crótalon, (...)
  • 50 La varietà delle cose si rivela cosí strumento efficace di messa in discussione di solidità e soli (...)

14Se il punto di partenza è stato quello della lunga durata della moda della varietas, vorrei concludere ricordando come in una intersezione di quella moda, superficiale come tutte le mode, tra miriadi di terni e motivi, si insinui, nel dibattito tra verdad e mentira49, motivato dalla amplitudo che la proliferazione tematica induce, l’elogium paris. Esso si manifesta in Erasmo in una chiave non soltanto genericamente antibellicista ma anche fortemente anticavalleresca, come uno dei contenuti nuovi più nobili, ma anche più duraturi, messi in circolazione dalla cultura degli umanisti50. E nella letteratura spagnola del cinquecento non si tarda a far posto a questa istanza condivisa sicuramente in determinati circoli intellettuali, anche se essa viene consegnata alla divulgazione sotto la cappa protettiva dell’anonimato.

Notes

1 Cito da Baltasar Garcián, Agudeza y arte de ingenio, ed. di Evaristo Correa Calderón, Clásicos Castalia, Madrid, 1969, v. II, p. 197. Al motivo della verdad y mentira Gracián aveva già rivolto la sua attenzione (Agudeza XXVIII, ed. cit., p. 12-15) elogiando l’allegoria che ne offre Mateo Alemán nel Guzmán (cfr. più avanti la nota 49). Anticipando la conclusione, segnalo che Gracián in questa agudeza offre del passo di Alemán un’interpretazione «politica» collocandola a ridosso di una considerazione suile «cuatro naciones de España» (p. 12).

2 Il motivo soggiace latente nell’interessante articolo di Patrizia Campana, «Et per tal variar natura è bella»: apuntes sobre la variatio en el Quijote, in «Cervantes». Bulletin of the Cervantes Society of America, XVII, 1 (1997), p. 109-21 che parte dalla moda del sonetto di Serafino Aquilano per centrare il discorso sul Quijote. Un discorso, quello cervantino, in cui anche in questa occasione fa capolino la presa di distanza critica rispetto alla cultura dominante.

3 Non mancano saggi panoramici su questa materia, cfr. ad esempio, Víctor Infantes, De Officinas y Poliantheas: Los diccionarios secretos del Siglo de Oro, in Homenaje a Eugenio Asensio, Credos, Madrid, 1988, p. 243-57.

4 Per l’impatto di Textor, cfr. Aurora Egido, Lope de Vega, Raviso Textor y la creación del mundo como obra de arte, in Homenaje a Eugenio Asensio, cit., p. 171-84.

5 Cito l’ed. Venetiis, 1598. Ne era ben consapevole l’editore che intitola la prima sezione del libro Non vulgaris eruditionis epistolae, dopo aver sciorinato un exemplum di pseudocultura sotto la rubrica Loca diversis rebus carentia. Naturalmente tutto era cominciato con il De duplici copia verborum ac rerum comentarii duo (Luguduni 1553) di Erasmo in cui facendo riferimento a Quintiliano si riaffermava il principio della variatio come imprescindibile nell’arte suoasoria e in generale nell’organizzazione del discorso.

6 Per un esempio di trasposizione, cfr. il saggio di José Miguel Oltra, La miscelánea en «Deleitar aprovechando». Reflejo de una coyuntrura tirsiana, «Criticón» 30 (1985), p. 127-50.

7 Bruno Damiani, Canciones y romances en la Pícara Justina, in Enrique Rodríguez Cepeda (ed.), Actas del Congreso Romancero-Cancionero Ucla 1984, Porrua, Madrid, 1990, t. II, p. 343-49.

8 Cfr. Carlos García Gual, Sobre la versión española de El Asno de oro por Diego López de Cortegana, in «Homenaje al profesor Antonio Vilanova», Univerdidad, Barcelona, 1989, v. I, p. 297-308; lo studioso a p. 304, nota 15, sottolinea la valutazione di contenuto — «cuentos» — per individuare il libro di Apuleio all’interno di una enumeratio variegata ed estesa. Va notato che nell’elenco compaiono due volte chistes (per definire Momo ed Eufrosina) ed enredos (per Celestina e Patrañuelo). Il rapporto tra Apuleyo e il Lazarillo era già ben messo in evidenza dal saggio di Antonio Vilanova, «Un episodio del Lazarillo» y el «Asno de Oro» de Aluleyo, in «1616» Anuario de la sciedad Española de Literatura General y Comparada, 1978, p. 189-197. La Silva è di facile accesso nell’ed. in due vv. a cura di Antonio Castro in Letras Hispánicas (Cátedra, Madrid, 1989-90). Per la Pícara Justina, in rapporto al nostro tema, cfr. Honorio Cortes, Algunas reminiscendas de Apuleyo en la literatura española, in «Revista de Filología Española» XXII (1035); Bruno Damiani, Las fuentes de la Pícara Justina, «Thesaurus», XXXVI (1981), p. 43-70; Paloma López de Tamargo, Cuadros y recuadros del discurso picaresco: el caso de la Pícara Justina, in «Actas del VIII Congreso de la A.I.H. Brown University 1983». Direttamenete López de Úbeda nel suo libro cita la Pícara Justina al principio del num. II del libro I (ed. A. Rey Hazas, v. I, ed. Nac., Madrid, 1977, p. 151).

9 Nei Clásicos Planeta, Barcelona, 1985.

10 La cui origine generica la storiografia fa risalire al Lucanor (e al Calila per la fissazione dell’io narrante testimoniale). In proposito si veda innanzi tutto José F. Montesinos, Gradan o la picaresca pura, in Id., Ensayos y estudios de literatura española, Revista de Occidente, Madrid, 1970, p. 141-58.

11 Cfr. per questo Giuseppe Grilli, Il barocco colpisce ancora (capitolo di un libro in preparazione).

12 Cito dall’ed. fac-simile della princeps (Lione 1543) a cura di Eugenio Canone e Germana Ernst, Istituti Editoriali Poligrafía Internazionali, Pisa-Roma, 1999. Si tratta del paradosso XI; va detto che benché non manchino anche in questo esempio riferimenti vari all’antichità greco-romana in tradizioni coite, o apocrife e leggendarie, né siano assenti forzature verbali, la conclusione è piuttosto moderata e non veramente conforme allo spirito ribelle e radicale del saggio: l’ambito privato dell’esempio addotto infatti spinge il Lando piuttosto che all’elogio della disonestà femminile — come accade per altre sue proposizioni paradossali — alla pazienza e tolleranza maschile délia volubilità muliere. Segnalo comunque il passo scurrile, come dimostrativo della pregnanza umanistica anche di questo capitolo, ispirato per il resto, e per la tesi generale, all’assoluzione cristiana (evangelica) dell’adultera: «…ma dimmi un poco per cortesía tu, che tanto ti lagni che la donna tua faccia altrui copia di se stessa, & hai riposto l’honore & la reputatione nelle gambe d’vna femminuccia, parendoti che l’havere vn paio di corna sul capo sia più grave peso che l’haverci il monte di Etna o di Vesuuio? credi forse che dall’altrui fallo nascere si possa infamia? Confesso bene te ne possino ageuolmente nascere fastidi, danni & cordogli, si come anchora dell’altrui virtù te ne può venire allegrezza, ma non già gloria alcuna.» (ed. cit., p. 92-93).

13 Cfr. per questo l’ed. Rico del Lazarillo (Letras Hispánicas, Cátedra, Madrid, 1998), p. 124.

14 Cfr. Eugenio Asensio, Itinerario del entremés, Gredos, Madrid, 1971. Donald McGrady, Otra vez las fuentes de «El curioso impertinente», in Hommage à Robert Jammes (anejos de Criticón), P.U.M., Toulouse, v. II, 1994, p. 767-72, ricorda il collegamento tra Ariosto e Villalón (El Crótalon). Se la tesi di McGrady sulla influenza di una novella di Gentile Sermini (o Scipione Bargagli) sul Curioso impertinente non è qui rilevante, importa notare il possibile collegamento con il ragionamento paradossale della prova della fedeltá muliere.

15 Consolación Baranda, nell’introducción alla sua ed. di Feliciano de Silva, Segunda Celestina, Letras Hispánicas, Cátedra, Madrid, 1988, p. 37, scrive: «Las comedias humanísticas, escritas en prosa latina solían comenzar por una epístola, convención que recogerá Rojas en La Celestina, pero su estructura e intenciones son distintas de las de la Segunda Celestina». Precisa poi a p. 62: «Pero a veces la multiplicación de elementos no es una simple amplificación. Si tomamos como ejemplo el jardín de la protagonista, Poliandria, veremos que su contenido se delimita de forma más precisa que en el caso del jardín de Melibea: se alude a variedades concretas de árboles; se mencionan granados e higueras, que en las tradiciones clásicas tenían una clara conotación sexual. Esta elección no es fortuita. No estamos ante un esfuerzo del continuador por concretar el marco espacial dentro de las pautas del modelo: está cambiando esas pautas».

16 Mi riferisco qui ai saggi raccolti nel suo Problemas del «Lazarillo», Cátedra, Madrid, 1988 (in particolare il saggio Nuevos apuntes sobre la carta de Lázaro) piuttosto che al suo peraltro sempre imprescindibile La novela picaresca y el punto de vista, Seix Barrai, 1989 (1a 1969).

17 R. del Arco y Garay, La dueña en la literatura española, in «Revista de Literatura», III (1953), p. 293-344.

18 L’introduzione alla traduzione spagnola a cura di Antonio Gallego Morell e Juan M. Carrasco (Letras Universales, Cátedra, Madrid, 1992) nell’offrire una sintesi della bibliografía sull’opera insiste sull’aspetto di novità del diario femminile proposto da Ribeiro, ma anche sulla sua interferenza con modelli preesistenti, in particolare la novela sentimental, la caballeresca, ecc.: si potrebbe affermare che anche in questo caso, come nel Lazarillo, è l’assunzione del racconto da parte della prima persona narrante la garanzia della dispersione delle singole sezioni del racconto in incursioni o riscritture di modalità generiche diverse. Miguel Angel Tejeiro Fuentes, La novela bizantina española. Apuntes para una revisión del género, Universidad de Exemadura, Cáceres, 1988, stabilisce una correlazione tra Menina e moça, Clareo y Florisea ed anche Proceso de cartas de amores, il romanzo epistolare (Venezia 1553) attribuito a Juan de Segura.

19 Cfr. M. Bataillon, Varia lección de clásicos españoles, Credos, Madrid, 1964, p. 79: «¿Quién sabe dónde se oculta, dentro de este mundo en movimiento, el poeta que firma Benerdim Ribeiro? Para buscarlo sin limitaciones de anteojeras sería necesario, vuelvo a insistir en ello, hacer tabla rasa de toda su leyenda. Habría incluso que dudar de que hubiera muerto antes de este año de 1554, en que Abraham Usque publicó sus obras. Pues el inacabamiento de Menina e moça, razón que hizo creer que la publicación fue postuma, ¿ no sería una originalidad estructural más (que el autor nos hace presentir desde las primeras páginas), una manera elegante de poner deliberatamente fin a un gran esfuezo literario que apenas podía ya prolongarse sin caer en la vulgaridad novelesca?».

20 Come è noto questa della continuación e del finale è la questione di fondo del passaggio dalla verdad alla mentira nella formazione del discorso nella narrazione picaresca, messo precocemente in evidenza da Cervantes nell’episodio dell’incontro di Don Quijote con i galeotti e con Ginés de Passamonte (cfr. Ann E. Wiltrout, Ginés de Pasamonte: The «picaro» and his art, in «Anales Cervantinos», XVII [1978], p. 37-42). Per l’ulteriore aggiornamento bibliográfico sulla questione, cfr. l’ed. Rico nella Biblioteca Clásica (Instituto Cervantes-Editorial Crítica, Barcelona, 1998). Dal punto di vista qui prescelto si tratterebbe, dunque, se si accetta l’impostazione critica cervantina, di un percorso opposto a quello che Gracián attribuisce alla tradizione letteraria: se la variedad trova il suo punto di unificazione discorsiva nella verdad, il racconto, l’autobiografia, del picaro per Cervantes è un esempio di sowertimento della recta ratio del discorso. L’interferenza generica (cavalleria/picaresca) risulta infatti decisiva per la determinazione del discorso cervantino, ma come avverte E. C. Riley in un artricolo per tanti versi interessato al tema della varietas (Romance, the Picaresque and «Don Quijote 1», in Studies in Honor of Bruce W. Wardropper, Juan de la Cuesta, Newark, 1989, p. 237-48) senza perdere di vista mai il modello prioritario e ad esso collegando le incursioni diverse: «Cervantes attempted generic combinations with the picaresque and modifications of the genre unheard of since the Baldo and the segond Lazarillo and a lo more successful than either» (p. 241).

21 Cfr. al riguardo i celebri saggi di Claudio Guillen sul Lazarillo e la picaresca, nonché sull’episodio di Ginés raccolti nel libro El primer siglo de oro, Crítica, Barcelona, 1988, ancora del tutto valido ed attuale; altre indicazioni nel commento all’ed. diretta da Francisco Rico del Quijote nella Biblioteca Clásica, cit.).

22 De «Celestinas»: problemas metodológicos, en «Celestinesca», 16,ii (1992), p. 3-32.

23 Ho presente l’ed. in Letras Hispánicas, a cura di Pedro M. Piñero, Cátedra, Madrid, 1992.

24 Trascurando pero che non possiamo parlare di romanzo picaresco se non a partire dal Guzmán (1599), come ha ben messo in evidenza, definitivamente, Claudio Guillén (cfr. le argomentazioni presentí negli studi già cit. raccolti nel suo El primer siglo de oro), ma si veda, in una direzione leggermente diversa, Howard Mancing, El diálogo del Capón y la tradición picaresca, in «Actas del VI Congreso Internacional de Hispanistas», University Press, Toronto, 1980, p. 494-497. Due gli aspetti salienti dell’opera qui segnalati: la contaminatio delle due tradizioni, celestinesca e dei lazarillos, ma anche la presenza delle vidas de soldado che con la picaresca hanno un tenue, ma stabile rapporto; si tratta in particolare del personaggio di Velasquillo: «Nacido en Orán, hijo de un soldado español, viene a España donde sirve a varios amos, entre los cuales se destaca un cura capón. Velasquillo cuenta varios episodios folklóricos y cómicos que ha visto o que le han pasado en el servicio de éste. Más tarde aprende a cantar y se hace seise en Toledo donde le dificulta la vida un colega capón. Después de escaparse de Toledo, Velasquillo ayuda al capitán a recuperar su dinero y sigue su camino, desapareciendo de la obra». (p. 494). La natura dialogística in effetti sorregge la presenza di notevoli influenze letterarie etereogenee. Citando Asensio (Dos obras dialogadas con influencias del Lazarillo de Tormes: Coloquios de Collazos y anónimo Diálogo del Capón, en «Cuadernos Hispanoamericanos», 94, n. 280-82 [1973], p. 385-98), Mancing, art. cit., p. 495, afferma: «Además de la fuerte presencia de Lazarillo de Tormes y La Celestina hay referencias y alusiones a los libros de caballerías (El Caballero de la cruzy Amadís), a personajes caballerescos españoles, italianos y franceses (el Cid, Rodamante, Mandricardo, Roldán, Reinaldos), a la poesía popular (Velasquillo canta una delicosas coplas satíricas contra un capón), a Erasmo (a quien alaba), y a Juan de Timoneda)». L’ed. moderna del Diálogo intitulado El Capón è stata curata da Víctor Infantes e Marcial Rubio (Visor libros, Madrid, 1993). A proposito dei Colloquios, cfr. il saggio di Manuel Ferrer Chivite, Baltasar de Collazos y el protopicarismo de sus Coloquios (Colloquio), «Actas del XII Congreso Internacional de Hispanistas. Birmingham 21-26 agosto 1995)», University of Birmingham, 1998, tomo II, p. 202-213 (ovviamente con il termine di protopicarismo si allude alla novela anteriore al Guzmán).

25 Innanzi tutto va ricordato il Liber facetiarum di Luis de Pinedo composto tra il 1550 e il 1560 (cfr. la nota di F. Rico nella sua ed. cit. del Lazarillo in Letras Hispánicas, p. 164). Importante per un quadro d’insieme è la Nota sobre la permeabilidad del diálogo renacentista di Antonio Prieto (in Estudios sobre el Siglo de Oro. Homenaje al profesor Francisco Yndurain, Editora Nacional, Madrid, 1984, p. 365-81) che da un immagine di gran varietà di genere sia sul piano formale che dei contenuti.

26 Scrive nella lettera a Christofer Fischer del 1505. «Pogius, rabula adeo indoctus ut etiam si vacaret oscoenitate, tamen indignus esset qui legeretur, adeo autem obscoenus ut etiam si doctissimus fuisset, tam esset a bonis viris reiiciendus» (cit. in Poggio Bracciolini, Liber facetiarum/Facezie, B.U.R., Milano, 1997 (1a 1989).

27 Si veda P. Castelli, Un toscano del ’400. Poggio Bracciolini (1380-1458), Terranuova Bracciolini, 1980. Cfr. anche, per la versione di Mexía, Encarnación Sánchez García, «Saber a vulto lo que pasó». El Gran Tamerlán de Pero Mexía, in «Oriente Moderno» n.s. XV (1996), p. 265-82. Il De varietate tratta del Tamerlano nell’ultima parte del primo libro. L’assunzione di Poggio nel calderone dei libri miscellanei fu in realtà sancito dal suo primo editore Georgius (Parigi 1723) proprio nella premessa che questi appose al liber IV.

28 Cfr. E. Sanchez García, Introducción alla sua ed. di Miguel de Salinas, Rethórica en lengua castellana, L’Orientale editrice, Napoli, I.U.O., 1999, in cui si mette in risalto come Salinas saccheggi abbondantemente dal suo Opus asolutissimum.

29 Cfr. Eugenio Asensio, Ciceronianos contra erasmistas en España. Dos momentos / 1528-1560), in «Revue de Littérature Comparée», 1978, p. 139-41.

30 Piñero nell’introduzione alla sua ed. cit. dell’opera parla di scrittura a vuelo de pluma per giustificare la superficialità dell’impegno umanistico dell’autore ritenendo il romanzetto sia piuttosto espressione di questa escritura apresurada che non di un proposito meditato e fondato su più solide basi.

31 Introducción, cit., p. 66. Non condivido la conclusione del saggio di Augusto Guarino, Narrativa di trasformazione e trasformazioni narrative: «La segunda parte de Lazarillo de Tormes», «Quaderni del Dipartimento di Linguistica dell’Università della Calabria» 9 (1993), p. 65-85 che indica Topera come estensione all’estamento nobiliare della critica sociale (antiborghese?) presente nel modello.

32 Si pensi, ad esempio, al Diálogo entre Adulación y la Verdad (1545) di Cristóbal de Castillejo.

33 Josep M. Solé-Solà, Villalón y los orígenes de la picaresca, in Criado de Val, La picaresca. Orígenes, textos y estructuras, Fundación Universitaria Española, Madrid, 1979, p. 317-325, insiste nei punti di contatto tra il Lazarillo del 1555 (segunda parte) e il Crótalon con Tintenzione di attribuire entrambi a Villalón; la sua interpretazione si fonda sulla idea che in entrambe le opere Tintenzione consiste nella critica sociale e che esse ricorrono «al recurso lucianesco de las transformaciones para dar paso a la sátira» (p. 317). Più circostanziato è il collegamento che stabilisce Pedro Piñero, Lázaro cortesano (Segunda Parte de Lazarillo, Amberes, 1555, capítulos XIII-XIV), in «Bultetin Hispanique» XIIC (1990), p. 591-607, con la mediazione di Luciano a proposito dell’ufficio del cortigiano; ovviamente la Segunda Parte riprende il motivo presente nel libro del ’54 nell’episodio o tratado dell’ escudero nel punto in cui si ironizza sulla mala sorte di non trovare un nobile abbanstanza grande da lasciarsi gabbare senza batter ciglio e, magari, senza awedersene (che è poi il modello satirizzato, con tutr’altro scopo, da Lope nel finale de El perro del hortelano).

34 In effetti il sistema di rinvii e di corrispondenze è ancora più esteso ed intrigante; come ricorda Marcel Bataillon, Varia lección de clásicos españoles, cit., p. 75-6, il tema era già stato ripreso oltre che nel Lazarillo de los atunes del ’55 nella Historia de los amores de Clareo y Florisea y de los trabajos de Isea (1552) di Nuñez de Reinoso (libro che a sua volta mantiene una stretta relazione con Menina e moça di Bernardim Ribeiro). In realtà nell’episodio di Reinoso il regno sottomarino della continuazione del Lazarillo è un convento — vi è destinata l’eroina Isea — con cui si trasfigura la società spagnola dell’esclusione basata sui capitolati della limpieza de sangre in cui «era menester traer mil ducados de dote, y ser de don y de buen linaje». Cfr. Eugenio Asensio, Alonso Nuñez de Reinoso «Gitano peregrino» y su Egloga «Baltea», in Studia Hispánica in honorem R. Lapesa, Gredos, Madrid, 1972, p. 119-36. Sul problema dell’ exclusion cfr. Augustin Redondo (ed.), Les problèmes d’exclusion en Espagne (XVIe siècles), Publications de la Sorbonne, Paris, 1983.

35 Cfr. Segunda Parte, ed. cit., p. 231: «Como yo me perdí de los míos, hallé la Verdad (…). Contóme cosas maravillosas que había pasado con todos géneros de gentes, lo cual, si a Vuestra Merced hubiesse de escrebir, sería largo y fuera de lo que toca a mis trabajos. Cuando sea Vuestra Merced servido, si quisiere, le enviaré la relación de lo que con ella passé. Vuelto a mi rey, le conté lo que con la Verdad había passado». Passaggio questo da cui si evince la duplicazione della funzione di relatore che Lázaro si è assunto a partire dalla duplicazione della propria natura, ora per metà pesce e per metà uomo.

36 Il resoconto della pesca, a cui Lázaro-atún resiste eroicamente senza abbandonare mai la spada o darsi alla fuga — anzi proprio questo suo indomito animo lo portera ad essere catturato, premessa per la sua riconversione in uomo — ricorda in molti aspetti quello della grande battaglia tra tonni del capitolo IX conclusasi con una gran moría e fuga di tonni awersari. Dal punto di vista prescelto è interessante anche la conclusione del capitolo con una valutazione retorico-morale dell’evento: «Allí el buen Licio, haciendo maravillas con su espada y persona, mostraba a los enemigos la mala voluntad que en ellos había conocido, matando y deribando a diestro y siniestro cuantos ante sí hallaba; mas a esta hora ellos iban tan maltrechos y desbaratados, que ninguno dellos entendía sino en huir y esconderse y meterse por aquellas casas sin hacer defensa alguna, más de las que las flacas ovejas suelen hacer a los bravos y cerniceros lobos» (ed. cit., p. 193). Al riguardo cfr. più innanzi la nota 43.

37 Cfr. E. Mattioli, Luciano e l’Umanesimo, Napoli, 1980.

38 Il rapporto tra Poggio e Villalón è già stato stabilito da Margherita Monreale in un articolo giustamente famoso: Luciano y las invectivas antiescolasticas, in «Bulletin Hispanique» LIV (1952), in cui riporta (p. 380) quel passo dello Scholastico in cui Poggio è citato, proprio per il Liber facetiarum, come autore (e auctoritas) sentenzioso insieme a Plutarco e Macrobio. In generale ancora imprescindibile è Marcel Bataillon, Héritage classique et culture crétienne à travers «El Scholastico» de Villalón, in A. Redondo (ed.), L’humanisme dans les lettres espagnoles. Colloque de Tours 1976, Vrin, Paris, 1979, p. 15-29.

39 Ulteriore interessante incrocio è quello su cui ha puntato Eugenio Mele, Lope de Vega, Merlin Cocai e Luciano, «Giornale Storico della Letteratura Italiana» CXII (1938), p. 323-28.

40 Ed. cit., p. 6.

41 Una possibile versione spagnola di Jeronimo de Mondragón, Censura de la locura humana y excelencias della, ed. A. Vilanova, Selecciones bibliófilas, Barcelona, 1953. Si veda il libro collettaneo Visages de la folie (1500-1650), Études réunies et présentées par Augustin Redondo et André Rochon, Publications de la Sorbonne, Paris, 1981.

42 Erasmo da Rotterdam, Elogium moriae/Elogio della follia, B.U.R., Milano, 1997. (1a 1989).

43 Cfr. Noël Salomon, Recherches sur le thème paysan dans la « comedia » ai temps de Lope de Vega, Institut d’Études Hibériques, Bordeaux, 1965. Ma serve ancor più al nostro discorso Marcel Bataillon, El villano en su rincón, in Id., Varia lección de clásicos españoles, cit., p. 329-72.

44 Valencia, 1568 (en casa de loan Mey). In particolare cfr. i precetti di p. 111-12 su corne vertere le espressioni volgari valenciane («que Barbaros y grosseros vsan», p. 111) in latino. Su Palmireno, cfr. André Gallego, Los apuntes bibiograficos en la obra de Juan Lorenzo Palmireno, in Hommage à Robert Jammes, II, Anejos de Criticón, Toulouse, 1994, p. 221-33. Gallego a p. 226 e ss. mette in evidenza come il Palmireno dell’Estudioso de aldea si ponga il problema della ignoranza in materia storico-geografica dei suoi allievi contadini e faccia incetta di miscellanee e libri di viaggi per completame il dirozzamento; cfr.anche certe notazioni in margine al saggio di Brigitte Lépinette, Les sources européennes d’une oeuvre lexicographique à visée didactique: El «Vocabulario del humanista» de L. Palmireno (1969, Valecnia), in A. Ferrando i A. Hauf, Miscel.lània Joan Fuster, v. II, P.A.M., Barcelona, 1990, 59-86.

45 Mi riferisco alle interpretazioni sociologiche, che non sottoscrivo, della serie celestinesca come di quella picaresca: sia quelle dotate di maggior fondamento, come il classico libro di Juan Antonio Maravall, La Literatura picaresca desde la historia social Taurus, Madrid, 1986, che quelle più scopertamente effimere ed ideologiche, di cui è esempio Juan Carlos Rodríguez, Literatura del pobre, Comares, Granada, 1994.

46 Owiamente il pubblico dell’epoca poteva identificare con maggior facilita del nostro attuale la zona di pesca del tonno con quella della concentrazione di picarismo, come attesta La ilustre fregona (si vedano i rinvii bibliografía contenuti nell’annotazione all’ed. di Rodríguez Marín, poi riprese nelle più recenti curate da Avalle-Arce [Clásicos Castalia] e Herry Sieber [Letras Hispánicas]).

47 Ma un primo adattamento tedesco del Guzmán è già del 1615 e la versione del Lazarillo del ’17, quella della Justina del 1620, ecc. Cfr. il volume a cura di I. M. Battafarono e P. Taravacci, Il picaro nella cultura europea, Reverdito editore, 1989, con alcuni interessanti contributi su questi aspetti di riuso della picaresca nella letteratura tedesca della prima metà (e oltre) del seicento.

48 Cfr. Giuseppe Grilli, El niño y el tema del aseo del cuerpo a principios del XVII (Paris III-Sorbonne Nouvelle), in A. Redondo (ed.), La formation de l’enfant en Espagne aux XVIe et XVIIe siècles, Paris, Publications de la Sorbonne Nouvelle, 1996, p. 379-403. Le moltitudini di etnie — che è nuovo caso di varietas — costituiscono non secondario ingrediente di peripezie profondamente radicate nell’Europa che vive e sopravvive in un conflittualità bellica ininterrotta, dalle campagne d’Italia a quelle delle Fiandre, per sfociare con il XVII secolo nella Guerra dei Trent’Anni che sancisce la fine dell’egemonia spagnola in Europa. L’episodio del combattimento di Don Quijote con le greggi puô tuttavia costituire una prima messa in scena di queste tematiche. Cfr. al riguardo il capitolo Los rebaños de ovejas (1,18) del libro di Augustin Redondo, Otra manera de leer el Quijote; Castalia, Madrid, 1997, p. 341-46; in particolare mi giova il riferimento alle fiestas toledane del 1555 per l’ambientazione carnevalesca del militarismo e della sua messa in berlina. Il Lazarillo tonno sognava nel cap. XIV si far pervenire il suo bottino marino a Toledo, provocando l’ilarità del re dei tonni «que me veía holgar y revolcar sobre aquellos doblones» (ed. cit., p. 229).

49 Come è noto, e sulla scia della tradizione umanistico-lucinaesca, e specificatamente al Crótalon, il dibattito tra verdad y mentira trova un suo spazio nel capitolo VII del Libro Tercero del Guzmán de Alfarache (ed. José María Mico in Letras Hispánicas, Cátedra, Madrid, 1994, v. I, p. 431-35).

50 La varietà delle cose si rivela cosí strumento efficace di messa in discussione di solidità e solidarietà estamentales; perché con la messa in crisi dei bellatores non puô che riduscutersi anche la compattezza ed omogeneità del gruppo degli oratores.

© Publications de l’École nationale des chartes, 2001

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Cette publication numérique est issue d’un traitement automatique par reconnaissance optique de caractères.
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search