Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Les officiers et la chose publique dans les territoires angevins (xiiie-xve siècle) : vers une culture politique ?

 | 
Thierry Pécout

Une culture de l’administration

Pratiche di tradizione angioina nell’Italia meridionale: dal prelievo diretto alla tassazione negoziata (sec. XIV-XV)

Serena Morelli

Résumé

Il saggio affronta la problematica della fiscalità diretta nell’Italia meridionale continentale durante la seconda età angioina. Utilizzando alcuni frammenti d’inchieste ordinate da Alfonso d’Aragona al suo arrivo nel Regno, vengono analizzate in retrospettiva le trasformazioni amministrative cui fu soggetto il sistema di prelievo a partire dalla seconda metà del XIV secolo fino alla fine della monarchia angioina. Il sistema organizzato da Carlo I intorno ad un complesso ordine di scritture, che faceva perno sull’attività degli ufficiali delle provincie, subì alcune trasformazioni alla metà del Trecento che riflettevano il mutato equilibrio politico e sociale in un Regno sconvolto dalle guerre di successione e devastato dalla peste. Attraverso la pratica della negoziazione con la corte, le articolate società politiche, che si rafforzarono in un periodo di profonda debolezza della corona, finirono con il condizionare l’organizzazione del prelievo tanto quanto il sistema di scritture, mentre le politiche di accentramento delle funzioni finanziarie e fiscali a corte con il rafforzamento degli organismi della Camera della Sommaria e della scrivania di razione favorivano lo scompaginamento del sistema territoriale pensato da Carlo I e la nascita di nuove figure amministrative addette al prelievo.

Il est ici question de la fiscalité directe en Italie du sud, de la mort du roi Robert jusqu’à la fin de la monarchie angevine. En utilisant quelques fragments d’enquêtes ordonnées par le roi Alphonse d’Aragon à son arrivée dans le Royaume, on retrouve rétrospectivement les changements administratifs survenus dans le système de prélèvement fiscal, entre le milieu du XIVe siècle et la fin du royaume angevin. L’organisation voulue par Charles Ier comprenait un ordre complexe des écritures. Elle était gérée par les officiers des provinces du Royaume. Elle a été peu à peu démantelée lorsque les guerres dynastiques et la peste ont modifié l’équilibre social et politique. À partir du milieu du XIVe siècle, les sociétés politiques qui s’étaient renforcées sur le territoire ont mis en place des pratiques de la négociation avec la cour favorisant des changements dans l’organisation du prélèvement autant que dans le système des écritures. En même temps, les politiques de centralisation financière, avec la croissance de la Chambre de la Sommaria à Naples, favorisaient la naissance de nouvelles figures administratives et la fin du système territorial pensé par Charles Ier.

Texte intégral

  • 1 Sulle intricate vicende di quel periodo, accanto al classico G. Galasso, Il regno di Napoli. Il Me (...)
  • 2 Archivio di Stato di Napoli [d’ora in avanti ASNa], Diversi della sommaria, I numerazione, n. 166, (...)

1Gli ultimi 50 anni del regno angioino sono tra i meno studiati per la storia dell’Italia meridionale. Tra le cause c’è da annoverare senz’altro la penuria di una documentazione che, falcidiata per l’intero Regno, si fa sempre più rarefatta a partire dalla seconda metà del Trecento, quando le fonti superstiti smettono di fatto di mostrare che il sistema ideato da Carlo I, sulla scia della continuità con quanto tracciato da Federico II, era ancora in piedi1. Tre frammenti d’inchieste, risalenti agli esordi del regno di Alfonso il Magnanimo, mi hanno dato l’opportunità di affrontare in chiave retrospettiva un percorso di ricerca che si presenta molto lacunoso in merito all’organizzazione del territorio nell’ultima fase del regno angioino, fino a quando Giovanna II, com’è noto, attraverso un’intricata serie di decisioni e repentini colpi di scena, lasciò il regno ad Alfonso d’Aragona, scelto come legittimo erede ed in contrasto con il cugino di Giovanna, Luigi III2.

2Il faldone delle tre inchieste si presenta ricco di informazioni di varia natura e ho ritenuto opportuno, in questo intervento, partire da una veloce descrizione del materiale archivistico in questione ed evidenziare alcuni aspetti relativi al sistema di controllo dei diritti di natura regia messo in piedi da Alfonso con l’obiettivo, che affronterò nella seconda parte di questo intervento, di riesaminare alcuni snodi inerenti la fisionomia del prelievo che, a partire dalla seconda metà del secolo precedente, portarono alle riforme alfonsine in materia di fiscalità.


  • 3 P. Gentile, La politica interna cit., p. 14 s.
  • 4 Fonti aragonesi. Testi e documenti di storia napoletana pubblicati dall’Accademia pontaniana, v. 4 (...)
  • 5 ASNa, Diversi della sommaria, I numerazione, n. 166, c. 1-12.
  • 6 Ivi, cc. 13-17. Sull’attività del Seripando v. I registri “privilegiorum” di Alfonso il Magnanimo (...)
  • 7 Fonti aragonesi, v. 4 cit., p. 11, 24, 27, 51, 65, 108: era dottore in utroque e uno dei presiden (...)
  • 8 ASNa, Diversi della sommaria, I numerazione, n. 166, cc. 20-35.

3Dopo sette anni di lotta contro gli angioini, all’indomani del notissimo parlamento del 1443, nel quale venne varata la riforma del focatico, il sovrano aragonese avviò una serie di indagini volte a conoscere capacità contributive e distribuzioni di poteri sul territorio. Alfonso inviò commissari con pieni poteri nelle provincie del Regno per imporre le imposte sui fuochi e, di fronte alle numerose difficoltà nelle quali incorsero gli ufficiali, ordinò già dal 2 gennaio del 1444 alcune indagini per esigere gli arretrati e raccogliere le informazioni necessarie all’organizzazione di una grande inchiesta generale3. Studiata all’inizio del XX secolo da Pietro Gentile, la documentazione delle inchieste è stata falcidiata, insieme a buona parte delle fonti relative al periodo aragonese. Oggi ne rimangono alcuni frammenti, conservati nella sezione Museo dell’Archivio di Stato di Napoli e pubblicati dagli archivisti napoletani nel IV volume delle Fonti aragonesi4. Queste di cui si dà cenno qui sono state ritrovate in un altro fondo archivistico e non mi sembra siano edite. Si tratta di tre fascicoli costituiti da: un’inchiesta sulle collette e altri diritti spettanti alla corte tempori obitus quondam domine regine Johanne secunde et per totum annum quinte indictionis nuper elapsum5; un’inchiesta condotta da Angelo Seripando di Napoli e Michele Tobia catalano, regi commissari addetti al controllo dei denari provenienti dai fuochi6; l’inchiesta condotta dall’erario utriusque doctor dominus Franciscus Paganus de Civitaducali regie Camere Summarie confidentes7 [] scripta ac annotata per me Petrillum Rippam de Neapoli per regiam Camera Summarie notai credencerii ordinatum in dicta commissionem et inquisitionum particulariter et distincta et primo contra Antonium Gaczulli de Valencia olim regium commissarium ac erarium in dicta provincia8.

  • 9 Ivi, c. 4v. A Penne camerarius iudex et consilium dicte universitatis convenerunt coram dicto comm (...)
  • 10 Ivi, c. 9; a Petrella i massari del conte, portano come prova un privilegio nullo sigillo roborato (...)
  • 11 Il fascicolo si chiude infine con l’elenco delle entrate e delle uscite e l’indicazione dei salari (...)

4Procedendo con ordine, nel primo fascicolo si racconta dei risultati relativi a indagini su questioni fiscali per beni feudali, l’adoa e le collette; il percorso dell’ufficiale si snoda lungo le vie dell’Abruzzo per verificare gli avvenuti pagamenti. La lista è lunga e significativa, dalle contee di Tagliacozzo e Alba, alle terre del conte di Celano, e le città di Sulmona, Rocca de Casale, Aquila, Cittaducale, Cittareale, Penne. Ovunque si devono acquisire i quaderni dei conti dei massari, le apodisse e le lettere che attestino eventuali privilegi, o i capitoli della città, come a Penne dove il camerario, il giudice ed il consiglio cittadino presentano anche i quaderni che recano i nomi dei feudi tenuti 9. In alcuni casi è necessario controllare le apodisse attestanti i pagamenti effettuati agli erari della provincia negli anni precedenti10. Il percorso del commissario è volto all’acquisizione di tutte le informazioni sui diritti della corona pro feudalibus: l’adoha, il relevio e le collette11.

  • 12 Ivi, c. 13.

5Ad altri due commissari è affidata invece l’inchiesta, trascritta dalla stessa mano che ha redatto il terzo fascicolo, sui contributi fiscali dei fuochi in Abruzzo Ultra12. I commissari incaricati sono Angelo Seripando di Napoli e Michaele Tobia, catalano. Anche loro si recano in terre feudali e demaniali e indagano sulla grassa (c. 16), sulla gabella pedagii sui passigerii in Aquila e Monteregale; sui diritti della corona su chiese e cappelle, in particolare nella diocesi marsicana e nella contea di Alba (c. 17).

  • 13 Sul Gazul, tesoriere secreto e commissario regio in Abruzzo nel 1443, 1446, 1453, 1467, 1469, 1470 (...)
  • 14 Tra le pubblicazioni di questa tipologia documentaria: I fascicoli della Cancelleria angioina rico (...)

6La terza inchiesta, che si trova nel quarto fascicolo del nostro faldone (c. 20), è volta a verificare l’operato di Antonio Cagul (Cazul, Caczul), uno degli uomini più fidati e più presenti in Abruzzo durante il regno di Alfonso il Magnanimo13. Sulla falsariga del sistema messo in piedi sia in Provenza che nel Mezzogiorno dai primi sovrani angioini, il commissario si reca così nelle terre sottoposte a controllo e chiede le apodisse di tutto ciò che è stato versato all’erario della provincia e, in alcuni casi, ai suoi predecessori, in merito a funzioni fiscali su beni feudali e burgensatici14.


7Gli stralci di queste inchieste consentono di radiografare lo stato delle periferie all’indomani della fine della dinastia angioina e di riflettere su come si erano andati stratificando alcuni aspetti dell’organizzazione della fiscalità.

  • 15 Sull’introduzione, sembrerebbe saltuaria, dell’erario a fianco del giustiziere già nel XIII secolo (...)

8La prima questione che salta agli occhi è infatti quella della nomenclatura. I protagonisti delle tre inchieste sono: i commissari, inquirenti nel sistema delle inchieste; gli erari della provincia ai quali negli anni precedenti erano state versate le imposte; i massari ed i capitani cittadini; gli utriusque doctores della Camera della Sommaria. Sono nomi che evidenziano una realtà decisamente mutata rispetto a quella disegnata dai primi sovrani angioini: commissari ed erari svolgono infatti funzioni che originariamente erano dei giustizieri, i quali sembrano esautorati sia nelle questioni fiscali sui beni feudali e burgensatici, sia nelle funzioni inquirenti relative ai diritti della corona15.

9Se guardiamo in retrospettiva il sistema organizzato da Carlo I, non sono poche le novità che si incontrano. Come è noto, il sovrano, ereditando un’organizzazione sbozzata da Federico II, già nei primi anni del suo governo si preoccupò di mettere in piedi un attento sistema di controllo delle periferie nel quale le inchieste di accertamento di fuochi e diritti e la raccolta dei denari della sovvenzione generale erano due dei compiti affidati ai giustizieri. Gli imponibili venivano stabiliti a corte, dopo un attento vaglio dei risultati prodotti dalle inchieste e delle grazie e dei privilegi di cui, attraverso suppliche e contrattazioni, le università del Regno potevano usufruire.

  • 16 Pragmaticae edicta decreta interdicta regiaeque sanctiones regni neapolitani, Dominicus Alfenus Va (...)
  • 17 Ritus Regiae Camerae Summariae Regni Neapolis, nunc primum in lucem editi, cum lectura, seu declar (...)
  • 18 RCA, v. 31…cit., p. 111.

10In sostanza la nomenclatura dell’ufficialità presente nelle inchieste di inizio Quattrocento lascia intuire che il sistema pensato da Carlo è, a quest’altezza cronologica, del tutto tramontato a dispetto della pretesa continuità amministrativa della quale ci informa la trattatistica16. In realtà la presenza degli erari di provincia sembra essere lo sviluppo di un cambiamento avviato con evidenza già all'inizio del secolo precedente e predisposto in funzione dell’accentramento dei poteri fiscali a Napoli in maniera sempre più accentuata17. Essa è infatti ricollegabile a quella figura voluta inquirende conservande [] et erogande pecunie, che, almeno a partire dal primo Trecento faceva parte della corte, o meglio dell’ufficio del camerario ed era quindi un maestro di razione18.

  • 19 In ottemperanza alla Costituzioni di Melfi, ancora in un mandato del 1384, trascritto nel Codice d (...)

11Se però si seguono le esigue tracce documentarie superstiti, l’orizzonte della pratica amministrativa si mostra piuttosto problematico e contraddittorio e cercare uno sviluppo teleologico nella formazione di assetti amministrativi sempre più centralizzati è, per il XIV secolo, un’operazione pericolosa e destinata a sicuro insuccesso. Quello che nei mandati si evidenzia con chiarezza è soprattutto un affastellarsi, apparentemente confuso, di novità che sfuggono a qualsiasi tentativo di classificazione e gerarchizzazione cronologica dei cambiamenti19.

  • 20 Il tema è stato declinato dalla storiografia più recente per buona parte degli organismi politico- (...)
  • 21 É.-G. Léonard, Histoire de Jeanne Ire, reine de Naples comtesse de Provence (1343-1382), I-III, Mo (...)

12Da questo punto di vista le profonde trasformazioni che investirono la società regnicola alla metà del Trecento consentono di comprendere alcuni aspetti del mutamento amministrativo. Anche nel Regno, come in molti organismi dell’Occidente medievale, si diffusero due spinte di segno diverso: una maggiore centralizzazione di organismi burocratici e lo sviluppo di spazi di giurisdizione autonoma, cittadina e signorile20. Entrambe le tendenze furono favorite dagli eventi che investirono l’Italia meridionale alla metà del secolo, quando, dopo l’assassinio di Andrea d’Ungheria, gli ungheresi invasero il Regno provocando uno scossone politico nel già instabile governo di Giovanna I e, soprattutto, accrescendo il bisogno finanziario di una corona già alle prese con la guerra contro la Sicilia e con il censo da versare alla Chiesa21.

13Le testimonianze riportate dal Léonard e tratte anche dal carteggio che Ludovico e Giovanna tennero con l’Acciaiuoli sono, da questo punto di vista, estremamente esemplificative. La ricerca affannosa di denaro da richiedere alla popolazione è infatti uno dei motivi ricorrenti e più urgenti per i sovrani e l’Acciaiuoli, ottimista, nel 1356 raccontava a sua volta ad Americo Cavalcanti che:

  • 22 22 febbraio 1356: lettera di Nicola Acciaiuoli ad Americo Calvancanti, in É.-G. Léonard, Histoire (...)

[…] Io procuro que tanta moneta si exiga per questa concordia que suficia a pagare ancora lo censo, e solo Barletta e Bari con Bitonto faccio pagare trenta milia fiorini d’auro di bona voluntate. E se lo re fara così per lo altre reame come noi di qua faremo solo in Terra di Bari e in Terra d’Otranto, noi pagheremo compagnie e ciensi e poteremo passare potentemente in questa estate in Sicilia […]22.

14Ma nel 1356 la quantità di richieste, in forma di collette, donativi e altro era talmente aumentata che li stessi sovrani si rendevano conto che la popolazione, tutta, anche la parte più benestante, si era ridotta in povertà:

  • 23 Ivi, p. 592-596: 20 marzo 1356 Luigi e Giovanna comunicano a Nicola Acciaiuoli il contenuto della (...)

[…] intellecto et attento tenore cuiusdam cedule nobis misse secundum quam dicuntur exigi in partibus Terre Idronti duplicata collecta atque residua ab anno prime indictionis nuper elapse usque nunc, necnon nova vectigalia super animalibus grossis et minutis ac super segetibus, et insuper mutuum a divitibus et a baronibus adoha annorum octave et presentis none indictionis et a prelatis decime duplicate, visum est quod tot exactionum pluralitas simul et semel non possunt nec debeant bono modo concurrere propter intolerabilia onera et dampna preterita et angustias varias et diversas in quibus deficere noscuntur homines, non solum pauperes et communis condicionis, sed eciam alii qui consueverunt divites appellari […]23.

15E per questo essi diedero ordine di esigere solo il denaro per pagare la Grande Compagnia, ingaggiata per la difesa del Regno ed il cui saldo non poteva più essere procastinato:

  • 24 Ibid.

sed creditur sufficere exactio taxe exigi provise racione contentacionis Societatis eiusdem, pro presenti suspensa exactione interim alterius fiscalis pecunie cuiuscumque, sicut nos fecimus in partibus istis ad celerius habendam taxam prefatam, ut medio tempore respirent fideles et fiant ad solvendum quicquid debent aliud promptiores24.

16Questo bisogno di denaro, che venne parzialmente risolto, come è noto, anche con alcune scelte politiche come le trattative di pace con la Sicilia e la vendita di Avignone, sembra essere il motivo conduttore di alcuni cambiamenti avvenuti nel campo dell’amministrazione fiscale per tutto lo scorcio del XIV secolo.

  • 25 Codice diplomatico salernitano del secolo XIV… cit., 1, doc LXXXVII p. 251-252, 27 luglio 1384.
  • 26 Ivi, 1, p. 245-248 doc LXXXV, Napoli 3 giugno 1384; doc LXXXVI, p. 249- 250, 21 giugno 1384; doc L (...)

17Nel Codice diplomatico salernitano si legge del notaio Cicco de Civitella che fu inviato in qualità di erario, dalla regina Margherita, in Principato a riscuotere con urgenza denari provenienti da ogni tipo di tassazione, necessari per pagare armigeri; di tutto il suo operato la regina chiese a Cicco di redigere quaderni da inviare in Sommaria a Napoli e di restare alle dipendenze del giustiziere per quanto atteneva alle spese necessarie. Cicco, nel mandato del 27 luglio, viene indicato anche come commissario per la esazione del sussidio che doveva pagare la città di Salerno25. Dopo di lui fu inviato, con la stessa funzione, Guglielmo Scotto; qualche anno più tardi, nel 1391, Ladislao impiegò Petruccio Ruggi26.

  • 27 Tra le numerose testimonianze dell’attività degli erari, V. Vitale, Trani dagli angioini agli spag (...)
  • 28 Codice diplomatico salernitano del XIV secolo… cit., p. 293.

18La presenza di queste figure, attestate anche altrove in qualità di erari o tesorieri nelle provincie nell’ultimo ventennio del Trecento, ed inviate con funzioni di cassieri per i diritti e le funzioni fiscali della Corona, lascia ipotizzare importanti riforme nella gestione del denaro delle periferie e rinvia all’ingente sviluppo della Camera della Sommaria e dell’ufficio di razione lungo un percorso che possiamo far risalire, come si è visto, almeno alla fine del Duecento27. Esse sono ancora da collocare però in un ambito di interventi straordinari, necessari per coprire le rilevanti e straordinarie spese militari pro defensione fidelium nostrorum dicte provincie ac exterminio nostrorum emulorum et rebellium 28.

  • 29 Il 24 maggio 1410 il sovrano riduce a 800 ducati annui le collette di Trani, gravata fino ad allor (...)

19Si tratta peraltro di cambiamenti tutt’altro che definitivi: la cresciuta richiesta di balzelli e contributi di natura differente favorì, infatti, il proliferare di una serie, almeno in apparenza caotica, di figure, dai nomi distinti, tutti afferenti però all’amministrazione finanziaria del centro. Esattori, collettori, erari, commissari, percettori erano inviati nelle periferie a riscuotere diritti non sempre legati alla tassazione ordinaria, straordinaria ma regolare e annuale, come era quella di fatto organizzata dai primi sovrani angioini, che a poco alla volta cedette per lasciare il posto ad altri schemi amministrativi in maniera probabilmente non sempre e non del tutto predisposta da una progettualità di governo29. Ci può chiedere a cosa servissero tutti questi ufficiali dai nomi diversi e se c’era effettivamente una mansione standardizzata e codificata per ognuno di questi nomi. Ma, senza andare alla ricerca di un ordine amministrativo, è proprio la straordinaria varietà di titoli che colpisce e lascia intuire una pratica di governo in costante trasformazione e dettata soprattutto da contingenze politiche ed economiche.

  • 30 Codice diplomatico sulmonese… cit., doc CLXXXIII p. 238-239 25 ottobre 1384.

20Così, in un mandato riportato dal Faraglia si legge che a Sulmona nel 1384 la regina Margherita invitava il vicegerente in Abruzzo ed il suo erario a non intralciare i pagamenti delle collette che i sulmonesi dovevano riservare al capitano a guerra in quelle zone e all’erario di questi: i cittadini si rifiutavano di pagare al vicegerente seu erario tecum olim deputato residuum pecunie generalis collecte […] perché era stato deciso in Consiglio che tota predicta pecunia collecte subsidii et adohamentum recolligatur et recolligi debeat per Honofrium de Aversa erarium penes virum nobilem dominicum de Ruffaldis de Senis, generalem capitaneum ad guerram dicte utriusque aprutine provincie per nostram curiam deputatum […]30. Alla fine del secolo la destinazione del ricavato delle imposte dirette cambiava a seconda delle circostanze e dei bisogni ed il vecchio impianto svevo-angioino appariva profondamente stravolto, collassato il sistema che faceva perno intorno ai giustizieri.

  • 31 Il libro rosso della città di Monopoli… cit. doc XXIX, 16 maggio 1415, p. 98- 100: Giovanna II dim (...)

21D’altro canto, in uno degli atti più significativi, a mio avviso, nel 1415 la stessa regina Giovanna II, in un mandato di conferma di sgravi fiscali per l’università di Trani, sentì il bisogno di rivolgersi a tutta una serie di ufficiali dai titoli differenti, quocumque nomine nuncupatis officiaque fungentibus ubilibet constitutis et presertim in dicta provincia terre Bari et prefata civitate Monopolis []31.

22C’è in sostanza una triplice contraddizione che evidenzia l’impossibilità di trovare una linearità nel processo di formazione delle strutture amministrative relative alla fiscalità: la tendenza a inviare un erario da Napoli, presente a più riprese nei mandati dei sovrani; la conservazione di un istituto la cui debolezza stava proprio nella sua plenipotenziarità; il proliferare di una serie confusa e poco definita di agenti delle imposte, inviati a titolo diverso nelle provincie, che dà l’impressione di una scarsa programmazione della risistemazione da dare all’organizzazione del prelievo diretto, tutta improntata invece, come si è detto, sull’emergenza e sulle contingenze.

23Se dall’osservazione degli assetti amministrativi ci si sposta ad analizzare i contenuti dei mandati di natura fiscale e l’aspetto delle scritture, si comprende quanto le trasformazioni che investirono la società regnicola dalla fine del Trecento riuscirono ad incidere sui cambiamenti messi in atto nella gestione delle periferie da parte dei sovrani e dei loro ufficiali.

24Il bisogno di denaro, la pletora di ufficiali, un certo ipertrofismo burocratico ed il potenziamento di pratiche e apparati amministrativi incontrarono, nel territorio delle provincie, signorie feudali e università che si rafforzarono profondamente durante la fase di incertezza e di disordini che attraversò il Regno dopo la morte di Roberto d’Angiò e che presero il sopravvento, vanificando di fatto il progetto dei primi sovrani angioini.

  • 32 Sulle trasformazioni che intercorsero nelle università nel Mezzogiorno nelle relazioni con la coro (...)

25Sotto il profilo della fiscalità, nelle università accanto all’affermazione di sistemi di accertamento della ricchezza cittadina, sempre più sofisticati, che consentissero di ripartire la somma iuxta facultate, si incrementò soprattutto la politica assidua e pervicace delle contrattazioni con la corte, alla ricerca di sgravi e privilegi; una politica che mostra la vitalità delle università regnicole e che finì con il minare lo stesso sistema messo in piedi da Carlo I, e con il modificare profondamente sia la quota degli imponibili cittadini, sia l’organizzazione del sistema di scritture32.

  • 33 Si vedano, a titolo esemplificativo, i documenti pubblicati nel Codice diplomatico barlettano, a c (...)

26La seconda metà del Trecento e la prima del Quattrocento hanno lasciato una documentazione ricchissima di grazie e concessioni da parte di Giovanna I, Ladislao, e Giovanna II. Gli esempi sono numerosi e sebbene si dia in questa sede un’occhiata necessariamente rapsodica, mi sembra che essi consentano di poter affermare che il fenomeno prese piede in maniera tanto consistente che permise alle comunità di rimodellare gli schemi politici e le tracce amministrative imposte dall’alto. È soprattutto con l’invasione degli ungheresi che la popolazione, impoverita dalla guerra e dalla peste, chiese con sempre maggiore insistenza sgravi fiscali33.

  • 34 M. Ginatempo, L. Sandri, L’ Italia delle città. Il popolamento urbano tra Medioevo e Rinascimento (...)
  • 35 Codice diplomatico sulmonese… cit., doc CLXVII p. 212-213, 4 marzo 1354.
  • 36 Il libro rosso… cit.; p. 47-48, doc XVII, 13 agosto 1399; p. 53-55, doc XX, 30 luglio 1403; p. 84- (...)

27Di solito le suppliche erano motivate da due ordini prevalenti di ragioni: la devastazione e la rovina che terre e paesi avevano subito durante le guerre tra angioini e durazzeschi ed eventi climatici, nubifragi, terremoti catastrofici a causa dei quali le comunità si erano trovate impoverite e costrette a spese ingenti per la riparazione dei danni. Falcidiate anche dalla peste, che in alcune zone portò alla perdita del 40 % della popolazione, le università ottenevano riduzioni delle collette che andavano registrate a corte, nella Camera della Sommaria e in cancelleria, affinché chi fosse stato inviato nelle provincie a riscuotere denaro fosse avvertito dei privilegi concessi34. A Sulmona nel 1354 Ludovico e Giovanna, poiché i cittadini erano gravati sia ex invalentia terremotus, tam ex mortalitate preteriti temporis imminente, tam etiam ex subsequto fremitu guerre predicte […], concessero che il denaro dei proventi del capitano servisse a pagare gli stipendi per lui, i notai ed i giudici della città35. A Monopoli il libro rosso della città registra i numerosi sgravi elargiti dai sovrani Carlo III, Margherita, Ladislao, Giovanna II e dal duca Renato perché i cittadini erano exaustos (nel 1413) e il peso delle funzioni fiscali insopportabile e poi, nel 1424 per i danni subiti ex preteritarum et penes recentium guerrarum turbinibus collapsum […] propterque sunt pristinis facultatibus et focularibus diminuti; e, ancora, per le ingenti spese affrontate dalla curia in solucionem stipendiorum prefatarum nostrarum armigerarum gentium […] pro conservatione et defensione status nostri et rei publice regni nostri […]36.

  • 37 V. Vitale, Trani dagli angioini agli spagnuoli… cit. doc. 3 p. 628, 11 dicembre 1395: […] attenden (...)

28A Trani nel 1410 si ridusse il carico fiscale perché damna varia per eos passa pro regis fraterna fidelitate servanda, propter que dicta universitas et homines facti erant impotentes et debiles ad fiscalia onera persolvenda […]37.

  • 38 Si vedano a riguardo le suggestive proposte di F. Titone, Introduction. The Concept of Disciplined (...)

29Gli elenchi sono lunghi e numerosi, in tutte le provincie del Regno vi sono università che attraverso contrattazioni avvenute a corte per sindicos, erano riuscite ad ottenere sgravi fiscali. E la pratica, non poteva non riflettersi sul sistema di scritture, quello delle cedole della sovvenzione generale, pensato da Carlo I e utilizzato con regolarità almeno fino al 1348. In sostanza a me sembra che il processo di legittimazione degli sgravi richiesti attraverso le suppliche e le contrattazioni con la corte finì con il ridefinire le politiche fiscali della monarchia e lo stesso assetto delle scritture fiscali38.

  • 39 Il libro rosso… cit., p. 98-100, doc XXIX, 16 maggio 1415: de summa generalis subventionis seu col (...)
  • 40 La questione della ripartizione interna del carico imposto esula da questo intervento ma, ancora u (...)

30È interessante da questo punto di vista che Giovanna, a proposito delle riduzioni di collette per l’università di Monopoli, senta la necessità di chiudere un lungo elenco di tassazioni specificando: […] cuiscumque vocabuli appellatione distinte, per ipsos universitatem et homines […] debitarum et debendarum […]. La riduzione dell’imposta da pagare riguardava quindi il carico complessivo, che, a qualsiasi titolo, veniva imposto all’università 39. Sono indicazioni che si trovano anche altrove e che lasciano ipotizzare, almeno per i centri “graziati”, che l’insieme magmatico delle imposte veniva ridotto, a prescindere dal nome che veniva dato, sovvenzione, colletta, etc., ad un solo carico. In sostanza le università si mettevano al riparo dal rischio, sempre presente, di nuove richieste di esborsi, e contribuivano così a rendere in qualche maniera vano quell’esubero di ufficiali, erari o razionali della Sommaria che venivano inviati da Napoli 40.

  • 41 V. Vitale, Trani…, doc. VII, 23 luglio 1419, p. 637.

31È probabilmente per questa ragione che la frequente pratica della negoziazione e la concessione degli sgravi fiscali finivano con il modificare l’assetto formale delle scritture fiscali. Per le riduzioni concesse all’università di Trani si ordina che gli ufficiali corrigantur et corrigi debeant in quaternionibus seu registris et cedulariis nostre Camere et archivi nostri Neapolis et ex ipsis demi pro ipsorum universitatis et hominum certitudine et cautela […] in modo da rendere edotto chiunque venisse mandato, a qualsiasi titolo, a fare la raccolta di denaro 41;

  • 42 Ivi p. 639: registrata in cancelleria protonotarii, de mandato reginali thesaurario referente e iv (...)

[…] et nihilominus prefati magistri rationales thesaurarii archivarii et actorum magistri dictas remissas et redductas quatitates collectarum predictarum in prefatis quaternionibus seu registris et cedulariis dicte nostre camere et archivi predicti emendent demant et corrigant prout eorum intererit pro cautela universitatis et hominum predictorum 42.

  • 43 S. Morelli, Produzione di scritture per il prelievo diretto nel regno angioino, in Archivio storic (...)
  • 44 B. Capasso, Inventario cronologico-sistematico dei registri angioini conservati nell’Archivio di S (...)
  • 45 Colpiscono le considerazioni di A. Cutolo, Re Ladislao d’Angiò Durazzo… cit., p. 149-180, secondo (...)

32Da questo punto di vista, le cedole di tassazione del 1320, emanate durante il regno di Roberto, sembrano essere l’apogeo di una parabola che sotto il profilo fiscale concluse il percorso nel giro dei decenni successivi. Non mi soffermo sul complesso sistema di scritture, sul quale ho avuto modo di scrivere di recente 43. Qui ricordo, solo per funzionalità espositiva, che esso sembra interrompersi dopo il 1348, per lasciare spazio ad una maggiore “personalizzazione” del sistema nel quale i risultati delle contrattazioni avvenute e degli sgravi ottenuti venivano registrati nelle cedole di tassazione come pro memoria per gli esattori che si recavano nelle provincie a riscuotere le imposte. Nei mandati d’inizio Quattrocento si insiste sulla periodicità annuale del prelievo attraverso le cedole, anche se, almeno fino ad oggi, non mi sembra che sia possibile trovarne testimonianza44. Ma, aldilà dell’effettiva capacità di redazione delle cedole e di riscossione del denaro, quello che interessa notare in questa sede è che sotto il profilo della pratica, ancora una volta, siamo di fronte ad una riforma silenziosa dei sovrani angioini: lasciato in piedi formalmente il vecchio istituto di giustizierato, svuotato di alcuni dei principali compiti per i quali era stato creato, i sovrani mandarono nelle provincie altre figure in qualità di loro rappresentanti, ma anche con funzioni di cassieri, per così dire, o di tesorieri, come vengono chiamati, che sono di fatto ufficiali provenienti dai settori dell’amministrazione finanziaria centrale45. E contestualmente si sviluppano altre forme di imposizione delle tasse e si arricchiscono le cedole di tassazione di elenchi lunghi di sgravi e di privilegi.

  • 46 F. Calasso, La legislazione statutaria… cit. Si vedano le numerose concessioni in RCA… cit. passim(...)
  • 47 Per il Quattrocento meridionale la pratica delle suppliche è stata studiata recentemente da F. Sen (...)

33La “decadenza” di un istituto, la mancanza di vitalità o, meglio, la funzionalità di un settore consentono così di comprendere come cambiavano gli equilibri politici del Mezzogiorno. Ma avventurarsi lungo la strada delle interpretazioni è sempre rischioso in un contesto documentario così deprivato e falcidiato come quello dell’Italia meridionale angioina. Possiamo dire che alla fine del Trecento consapevolezza e forza politica delle università erano cresciute in un contesto demografico e sociale che, invece, era fortemente deprivato? O non è forse la documentazione residua che, per una casualità selettiva, mostra con evidenza un fenomeno che in realtà era già ampiamente diffuso durante i governi dei primi angioini46? Sono questioni che restano a mio avviso in sospeso, anche se la crescita sociale, politica e burocratica della capitale e di alcune università resta un fenomeno indiscutibile. E altrettanto, mi sembra, lo sia il fatto che le università utilizzarono in maniera strumentale le difficoltà politiche di sovrani in cerca di legittimazione, sfruttando pratiche già in uso da tempo47.

  • 48 N.F. Faraglia, Storia della regina Giovanna II d’Angiò, Lanciano, 1908, p. 147-148. A Pietro Baril (...)
  • 49 Ivi, p. 343.

34D’Altronde i racconti delle decisioni di Giovanna che il 9 settembre 1419 chiese una quinta contribuzione in collette sono un ulteriore evidenza di quanto il sistema che faceva perno sui giustizieri fosse saltato. Le lettere della sovrana, motivate dal bisogno di denaro per pagare il censo alla chiesa e altro, e dalla legittimità che la corona aveva di chiedere imposte in caso di necessità, sono inviate a Nicola di Somma, commissario per la Terra di Lavoro ed il Molise, e ai commissari delle altre provincie. Pochi mesi prima, il 16 maggio, Pietro Barile è nominato commissario per la raccolta delle sovvenzioni dovute dai baroni d’Abruzzo, e Marino Pascarello detto Casocavalo è inviato con lo stesso fine come commissario in Terra di Lavoro48. Ma al bisogno di denaro e all’invio nelle provincie di esattori a vario titolo, faceva da contraltare, alla ricerca di consenso, il sempre crescente numero di condoni concessi dalla regina mentre la guerra e la necessità di pagare le truppe assoldate mobilitavano altre figure, quelle dei capitani a guerra, che avevano acquisito importanza crescente nel corso del Trecento49.

  • 50 N. F. Faraglia, Storia della regina Giovanna II… cit., p. 352.

35E proprio per l’assedio di Castelnuovo, i documenti riportati dal Faraglia mostrano quanto il mondo ordinato pensato da Carlo I fosse ormai un lontano ricordo. La sesta colletta bandita per il 1428 fu talmente esosa che la popolazione di rifiutò di pagarla. In Abruzzo Matteo Sardi di Pisa, inviato all’uopo, rilevò che non erano state versate neanche le due collette precedenti e gli abruzzesi, con il sostegno di Jacopo Caldora, si rifiutarono di pagare. La questione si risolse con un accordo tra il Caldora e la sovrana, che concesse i due terzi del ricavato al condottiero che avrebbe così stipendiato le sue genti d’arme. L’altro terzo sarebbe invece stato inviato a corte. L’assedio a Castelnuovo non si pose, Alfonso d’Aragona fu lasciato in pace, la regina introitò il denaro necessario, il Caldora fu messo a tacere, le genti d’Abruzzo pagarono il dovuto50: sembra evidente quanto i rapporti di forze alla fine del regno di Giovanna fossero ormai cambiati.

  • 51 La bibliografia sulla pratica delle inchieste è enorme, mi limito qui a ricordare per l’Italia mer (...)
  • 52 ASNa, Sommaria diversi… cit., c. 13-20.
  • 53 Ivi, c. 13; la produzione storiografica sulle città abruzzesi nel tardo medioevo è molto nutrita, (...)
  • 54 ASNA, Sommaria diversi…cit., c. 16; sulla conservazione delle scritture nelle università del Mezzo (...)
  • 55 L’Abruzzo è stato di recente oggetto di studi anche per quanto concerne il complesso panorama sign (...)

36E anche da questo punto di vista gli spezzoni d’inchieste presentate in apertura ci consentono di riflettere su quanto era accaduto negli equilibri di potere nelle province del Regno. In sostanza nel faldone le pratiche di tradizioni angioine nascondono una realtà che è cambiata sotto svariati punti di vista51. Accanto ad una presenza catalana che era la cifra del nuovo governo aragonese, accanto a nuovi attori amministrativi inviati nelle provincie, è, soprattutto, cambiata la geografia dei poteri: gli ufficiali indagano a Sulmona, Penne, Aquila, nella contea di Tagliacozzo, nella contea di Celano, nella contea di Alba e nelle terre e nei castelli di ciascun distretto; ovunque ricevono quaderni dei conti dei massari, apodisse e lettere che attestino eventuali privilegi, e ancora i capitoli delle città con quaderni che recano i nomi dei feudi tenuti. In alcune università si ispezionano i catasti, in altre si confrontano le scritture conservate nelle casse cittadine e attestanti i privilegi, nelle contee si verificano diritti, adoha, e sgravi per le collette. A Tagliacozzo, il capitano Santonino de Trani ed i massari, raccontano, dopo il giuramento, quod cum prefati Angelus et Michiel commissarii accessissent ad dicta terram Tagliacotii pro computandas dictis foculariis requiserunt dictos testes […] e dissero che li avrebbero trattati bene como havimo facto ali aquilani de lo quali avimo avuti 80 ducati. E quello che farete voi faranno anche le altre terre de intorno ma i massari ricordano, carte alla mano (e lettere depositate nella Camera della Sommaria): nuy avimo contato so li capituli che cza mandati mess. Francisco, il quale ha mostrato che da Tagliacozzo non si doveva niente52. In Montereale, si procede, visiis catastis dicte terre et dato sacramento certis hominibus de dicta terra […], anche a Cittaducale e l’Aquila vengono ispezionati i catasti, e quelli dei castelli vicini e della provincia di Penne53; per l’inchiesta sulla grassa di Abruzzo i commissari ricordano la necessità di guardare il contenuto delle casse delle città di Sulmona e de civitate Theatini, con i loro quaderni, in modo da controllare i bilanci, ma a Sulmona i commissari sono costretti a rinunciare al controllo delle entrate e uscite dei passagerii quia nequimus aprire cassiam propter absenciam erarii et credencerii eorum54. Ecco, per concludere, se dai risultati di questi frammenti d’inchieste viene fuori la difficoltà di individuare una linea comune nel sistema di prelievo anche solo all’interno di una singola provincia, mi sembra che salti anche agli occhi un mondo fatto di soggetti politici articolati e consapevoli55.


  • 56 Molto studiati gli aspetti dell’organizzazione finanziaria del regno aragonese, si vedano in parti (...)

37Siamo, è vero, alla metà del Quattrocento: sono passati quasi due secoli dall’impianto solido e razionale messo in piedi da Carlo I. Eppure se si considerano gli spazi di contrattazione, i privilegi, le richieste di sgravi, e quanto visto più sopra, tutto sembra essere stato avviato nei decenni precedenti l’arrivo di Alfonso56.

  • 57 Dell’articolata stratificazione di poteri sul territorio del Regno, che non trovò spazio di rappre (...)

38È forse anche per questo che il sovrano, a ridosso del celeberrimo parlamento del 1443 che segnò il varo dell’importante riforma fiscale, avviò la revisione totale dei fuochi e nel contempo ordinò una serie di inchieste volte a chiarire privilegi, diritti e doveri della popolazione in un sistema collassato, che aveva profondamente stravolto anche la geografia dei prelievi oltre che quella dei poteri57.

39Non vennero abolite però le collette che continuarono a gravare periodicamente sulla popolazione e costituiscono insieme all’adoha l’aspetto più evidente delle origini feudali della tassazione diretta e, ancora alla metà del Quattrocento, esse trovavano nella consuetudine la fonte di una legittimazione che né il sistema della subventio voluto da Carlo I, né il focatico alfonsino eliminarono.

Notes

1 Sulle intricate vicende di quel periodo, accanto al classico G. Galasso, Il regno di Napoli. Il Mezzogiorno angioino e aragonese (1266-1494), Torino, 1992, si vedano anche C. Minieri Riccio, Alcuni fatti di Alfonso d’Aragona dal 15 aprile 1437 al 31 maggio 1458, in Archivio storico per le province napoletane, VI (1881), p. 1-36; 231-258; 411-461; A. Cutolo, Re Ladislao d'Angiò Durazzo, Napoli, 1969; A. Cutolo, Giovanna II: la tempestosa vita di una regina di Napoli, Novara, 1968; É.-G. Léonard, Gli Angioini di Napoli, Varese, 1967; G. Peyronnet, I Durazzo e Renato d'Angiò, in Storia di Napoli, III, Cava dei Tirreni, 1969, p. 337-358.

2 Archivio di Stato di Napoli [d’ora in avanti ASNa], Diversi della sommaria, I numerazione, n. 166, c.9-36v.; dell’incartamento, di difficile datazione, dò una descrizione più analitica in Spigolature aragonesi. Le inchieste “pro obitum Iohanne” nel fondo della Regia Camera della Sommaria all’Archivio di Stato di Napoli, in Archivio storico per le province napoletane, CXXXVII (2019), p. 421-425; sulle inchieste avviate da Alfonso a ridosso del Parlamento del 1443 v. P. Gentile, La politica interna di Alfonso V d’Aragona nel Regno di Napoli dal 1443 al 1450, Montecassino, 1909; per la politica aragonese nelle periferie del Regno v. A. Ryder, The kingdom of Naples under Alfonso the Magnanimous, Oxford, 1976, p. 316-364; per la Sicilia, a titolo comparativo v. il saggio di S.R. Epstein, Governo centrale e comunità del demanio nella Sicilia tardo-medievale: le fonti capitolari, in La Corona d’Aragona in Italia, XVI congresso della corona d’Aragona (Sassari-Alghero, 19-24 maggio 1990), Roma, 1990, II, p. 383-415.

3 P. Gentile, La politica interna cit., p. 14 s.

4 Fonti aragonesi. Testi e documenti di storia napoletana pubblicati dall’Accademia pontaniana, v. 4, Napoli, 1964, i frammenti, pubblicati da Catello Salvati, contengono sia alcune ricevute di pagamenti effettuati nelle indizioni precedenti ed inviate ai commissari in Abruzzo come prova, sia alcuni stralci delle inchieste avviate da Alfonso. Gli anni relativi agli stralci pubblicati sono 1444-1445; 1452; 1458-1459. Nel volume sono trascritte le istruzioni ai commissari ad inquirendum de exactione collectarum et aliarum fiscalium functionum, 1445: ivi, p. 25-27 ed il mandato (ivi, p. 27-29) per Francesco de Pagano che il 30 settembre 1445 viene inviato ad indagare in commissarios et erarios terrarum provincie Calabrie ultra, su colte et li diricti o fiscali functioni tanto ordinarie quanto extraordinarie fino ad hora in diversi tempi imposte, maxime per lo diricto de adoha et cossi delle colte ordinarie che tanto correvano quanto ancora per le colte et ademande de la pace o taxa de Antonio Caldola.

5 ASNa, Diversi della sommaria, I numerazione, n. 166, c. 1-12.

6 Ivi, cc. 13-17. Sull’attività del Seripando v. I registri “privilegiorum” di Alfonso il Magnanimo della serie “Neapolis” dell’Archivio della corona d’Aragona, C.L. Rodriguez e S. Palmieri (a cura di), Napoli, 2018, p. 307: il 5 aprile 1446 Angelo Seripando, nobile e familiare, viene nominato razionale della Camera della Sommaria all’udienza delle razioni degli ufficiali del Regno”; v. anche, p. 22, 41, 52, 56 dove è inviato come commissario in Principato ultra.

7 Fonti aragonesi, v. 4 cit., p. 11, 24, 27, 51, 65, 108: era dottore in utroque e uno dei presidenti della regia Camera della Sommaria; indagò sui commissari ed erari di Calabria ultra nel 1445, fu commissario in Capitanata e Terra di Bari nel 1449, capitano e maestro dei passi, commissario in Abruzzo nel 1459; v. anche I registri “privilegiorum”… cit., p. 334: Francesco de Paganis ricevette insieme al fratello Battista de Paganis, consigliere regio, una provvigione annua di 20 ducati da esigere sugli introiti fiscali di Cittaducale.

8 ASNa, Diversi della sommaria, I numerazione, n. 166, cc. 20-35.

9 Ivi, c. 4v. A Penne camerarius iudex et consilium dicte universitatis convenerunt coram dicto commissario et presentaverunt duo folia cartarum in quorum uno erant annotata omnia feuda que tenent per dictam universitatem [] et in alio erant annotatis omnes solutiones per eos facte in toto predicto tempori tam erariis et aliis personis [].

10 Ivi, c. 9; a Petrella i massari del conte, portano come prova un privilegio nullo sigillo roborato e sottoscritto e dichiarano di non dover nulla a dispetto di quanto si evince invece dal computo dei due ufficiali. Si indaga a partire dalla seconda indizione.

11 Il fascicolo si chiude infine con l’elenco delle entrate e delle uscite e l’indicazione dei salari: 210 ducati per tre mesi e mezzo di lavoro, alla ragione di due ducati per giorno per il commissario e 4 tarì al giorno per il credencerio che riceve 84 ducati per lo stesso tempo del commissario. Totale di uscite: 304 ducati (ASNA, Diversi della sommaria, I numerazione… cit., c. 10-12).

12 Ivi, c. 13.

13 Sul Gazul, tesoriere secreto e commissario regio in Abruzzo nel 1443, 1446, 1453, 1467, 1469, 1470, 1474, v. la voce su Antonio Gazo, L. Volpicella, Regis Ferdinandi primi instructionum libri, Napoli, 1916, p. 339-340, da non confondere con l’omonimo attivo durante il regno di Ferrante. V. anche B. Mazzoleni (a cura di), Fonti aragonesi, v. XI, Napoli, 1981, p. 3 e p. 150 (1468) Antonio Gazul regio tesorerio de Apruzo per la prima et secunda paga dela adoha imposta lo presente anno prime indictionis taxato secundo lo cedulario mandato per la magnifica Camera della Sommaria duc. XII de carlini; I registri “privilegiorum” … cit., p.110, 50, 157, 158, 279, 317; Fonti aragonensi, v. IVcit., p. 2 (regio tesoriere e commissario dei due Abruzzi, 1444), 6, 9 (1444 presenta il quaderno della raccolta che ha fatto su tutti i pendenti, collette e diritti fiscali), 10, 16, 17, 67.

14 Tra le pubblicazioni di questa tipologia documentaria: I fascicoli della Cancelleria angioina ricostruiti dagli archivisti napoletani, 3 voll., Testi e documenti di storia napoletana pubblicati dall’Accademia pontaniana, III serie, Napoli, 1995-2008 (in particolare i volumi 2 e 3), per la Provenza: Th. Pécout (a cura di), L’enquête générale de Charles II en Provence (1297-1299), Parigi, 2018: è l’ultimo di una serie di volumi pubblicati dall’equipe di lavoro coordinata da Thierry Pécout che ha studiato, ricostruito e pubblicato i registri dell’inchiesta condotta da Lopardo da Foligno in Provenza tra il 1331 e il 1334.

15 Sull’introduzione, sembrerebbe saltuaria, dell’erario a fianco del giustiziere già nel XIII secolo mi permetto di rinviare a S. Morelli, Per conservare la pace. I giustizieri nel regno di Sicilia da Carlo I a Carlo II d’Angiò, Napoli, 2012. Si tratta di una figura amministrativa che trova spazio anche nel formularium conservato alla Biblioteca Vaticana e pubblicato nel volume 31 dei registri ricostruiti della cancelleria angioina: I registri della cancelleria angioina ricostruiti dagli archivisti napoletani [d’ora in avanti RCA]. Testi e documenti di storia napoletana serie 1, Accademia Pontaniana, Napoli, 1949-2000, v. 31, Napoli, 1980, p. 111; v. anche G. M. Monti, Il Formulario angioino dell’Archivio Vaticano e i suoi documenti di diritto privato e processuale, in Dal Duecento al Settecento, Napoli, 1925.

16 Pragmaticae edicta decreta interdicta regiaeque sanctiones regni neapolitani, Dominicus Alfenus Varius recensuit; t. 1-4, Napoli, Sumptibus Antonii Cervonii, 1772, II, tit. CXXIX, De iuribus et exactionibus fiscalibus et numeratione foculariorm Regni facienda, p.407-418; sulle problematiche più generali v. S. Morelli Considerazioni sui giustizierati nel regno di Napoli. Tra continuità angioina e riforme aragonesi, in G. D’Agostino, G. Buffardi (a cura di), La Corona d’Aragona ai tempi di Alfonso il Magnanimo. I modelli politico-istituzionali. La circolazione degli uomini, delle idee, delle merci. Gli influssi sulla società e sul costume. Celebrazioni alfonsine, Atti del XVI Congresso Internazionale di Storia della Corona d’Aragona, Napoli-Caserta-Ischia 18-24 settembre 1997, 2 vol., Napoli, 2000, I, p. 535-544.

17 Ritus Regiae Camerae Summariae Regni Neapolis, nunc primum in lucem editi, cum lectura, seu declarationibus Goffridi de Gaeta […], cum additionibus C.N. Pisani, additis ad Ritus ipsos notis incerti authoris, Neapoli, 1689. N. Toppi, De Origine omnium tribunalium nunc in Castro Capuano fidelissimae civitatis Neapolis existentium, Napoli, 1655, 1659; L. Bianchini, Storia delle finanze del regno delle due Sicilie, a cura di L. de Rosa, Napoli, 1971.

18 RCA, v. 31…cit., p. 111.

19 In ottemperanza alla Costituzioni di Melfi, ancora in un mandato del 1384, trascritto nel Codice diplomatico salernitano del secolo XIV, 2 vol., a cura di C. Carucci, Salerno, 1, doc. LXXXVIII p. 252-258, 12 agosto, la regina Margherita nomina giustiziere Matteo de Marra (che è anche stratigoto di Salerno e capitano a guerra) e gli ricorda che tra le varie sue funzioni c’è anche quella di raccogliere le imposte.

20 Il tema è stato declinato dalla storiografia più recente per buona parte degli organismi politico-istituzionali dell’Occidente medievale; per uno sguardo generale si veda G. Castelnuovo, G.M. Varanini, Processi di costruzione statale in Europa, in Storia medievale, Roma, 2000, p. 585-616.

21 É.-G. Léonard, Histoire de Jeanne Ire, reine de Naples comtesse de Provence (1343-1382), I-III, Monaco-Parigi, 1932, t. III, p. 160 s.

22 22 febbraio 1356: lettera di Nicola Acciaiuoli ad Americo Calvancanti, in É.-G. Léonard, Histoire de Jeanne Ire… cit., III, p. 574-576; 25 febbraio 1356, Luigi di Taranto e la regina Giovanna scrivono a Nicola Acciaiuoli e a proposito del sussidio generale: […] ordinavimus commissarios nostros nobiles et potentes in unaquaque provincia cum erario apud singulos eorumdem, et cras commissiones mittentur ad ipsos cum expressione intencionis nostre, quanta fieri potest, quod intendatur per eos sollicite die noctuque, sicut in unaquaque provincia spectaverit ad singulos, circa recollectionem et habitacionem infallibiliter taxe contingentis unamquamque provinciam, que ad summam generalis subventionis ascendit, nulli, eciam filio nostro, si haberemus illum, quomodolibet deferendo, in ivi, p. 575-578; v.anche ivi, p. 581-584: 1 marzo 1356, lettera di Luigi di Taranto e della regina Giovanna a Roberto di Taranto; ivi, p. 591: 16 marzo 1356, lettera di Luigi di Taranto e della regina Giovanna a Nicola Acciaiuoli sulla necessità di pagare il censo alla Chiesa.

23 Ivi, p. 592-596: 20 marzo 1356 Luigi e Giovanna comunicano a Nicola Acciaiuoli il contenuto della lettera che hanno spedito a Roberto di Taranto su varie questioni tra le quali c’è quella del denaro che serve per pagare la Grande Compagnia.

24 Ibid.

25 Codice diplomatico salernitano del secolo XIV… cit., 1, doc LXXXVII p. 251-252, 27 luglio 1384.

26 Ivi, 1, p. 245-248 doc LXXXV, Napoli 3 giugno 1384; doc LXXXVI, p. 249- 250, 21 giugno 1384; doc LXXXVII, p. 251-252, 27 luglio 1384.

27 Tra le numerose testimonianze dell’attività degli erari, V. Vitale, Trani dagli angioini agli spagnuoli, Bari, 1912, doc. 3 p. 628, 11 dicembre 1395 (4a indizione ): Ladislao chiede che i Tranesi paghino le collette a Matheo Cicalensi de Neapoli erario deputato per maiestatem nostram in provincia Terre Bari pro presenti anno….et aliis erariis dicte provincie successive futuris…consentendo loro la rateizzazione mensile; e ancora: Il libro rosso della città di Monopoli, a cura di F. Muciaccia, Bari, 1906, doc X, p. 29-31, 2 dicembre 1381, per l’università di Monopoli Carlo III di Durazzo dà notizia dello sgravio della metà della somma richiesta per la colletta, già concesso da Ottone di Brunswick, justiciariis dicte provincie seu erariis secum deputatis per curiam; ivi, p. 389-90, pergamena n. VIII del 22 dicembre [1416 o 31] l’erario della provincia Luca de Marco riceve l’invito da parte di Giovanna II a non esigere, anticipatamente, la riscossione delle collette dagli abitanti.

28 Codice diplomatico salernitano del XIV secolo… cit., p. 293.

29 Il 24 maggio 1410 il sovrano riduce a 800 ducati annui le collette di Trani, gravata fino ad allora di 1000 ducati e ne dà notizia […] magnifico camerario regni Sicilie eiusque locatenentibus vicegerentibus justiciariis capitaneis thesaurariis erariis commissariis magistris camere exactoribus, perceptoribus et recollectoribus pecunie generalium suvencionem collectarum subsidiorum onerum munerum donorum taxarum mutuorum impositionum et quarumlibet aliarum fiscalium funcionum quocumque nomine nuncupatis ac ufficio et jurisdictione fungentibus ad quos infrascripta spectent et spectabunt eorumque locatenentibus videlicet et presertim in provincia Terre Bari ac civitate Trani constitutis presentis et futuris […], in V. Vitale, Trani dagli Angioini…cit., doc V, p. 631-633.

30 Codice diplomatico sulmonese… cit., doc CLXXXIII p. 238-239 25 ottobre 1384.

31 Il libro rosso della città di Monopoli… cit. doc XXIX, 16 maggio 1415, p. 98- 100: Giovanna II diminuisce la somma richiesta per la colletta dell’università di Monopoli, già precedentemente ridotta.

32 Sulle trasformazioni che intercorsero nelle università nel Mezzogiorno nelle relazioni con la corona resta un punto di riferimento: F. Calasso, La legislazione statutaria dell’Italia meridionale, Roma, 1929. Più complesso è invece accertare, per il momento, cosa avvenne nell’ambito dei complessi sistemi signorili che si andarono creando e radicando con il volgere del secolo e che scompaginarono la trama amministrativa dei giustizierati, come ha dimostrato da tempo Sylvie Pollastri; sulla relazione tra feudalità e corona si rinvia al volume S. Pollastri, Le lignage et le fief. L'affirmation du milieu comtal et la construction des États féodaux sous les Angevins de Naples (1265-1435), Parigi, 2011 e alla ricca edizione di fonti: Ead. Les Gaetani de Fondi. Recueil d’actes. 1174-1623, Roma, 1998.

33 Si vedano, a titolo esemplificativo, i documenti pubblicati nel Codice diplomatico barlettano, a cura di S. Santeramo, v. 3, Barletta, 1957, p. 17, 1369, la chiesa di S. Maria Maggiore in Barletta riceve uno sgravio dall’Arcivescovo propter guerras et alias pestilentias que fuerunt in Regno in tantum diminuta, quod […]onus dicte solutionis non posset congrue supportare [...]; p. 140-141, 7 febbraio 1384: cessione di una terra da parte di una donna caduta in miseria propter guerrarum presentia turbata tempora, penuriamque victualium que est in hiis Apulie partibus; p. 205-206, 24 ottobre 1389: due donne vendono 5 vigne propter guerrarum turbata tempora ad nimiam paupertatem devenisse in tantum quod , teste Deo, famis crudelitate depereunt et vitam nequeunt ducere inhumanis.

34 M. Ginatempo, L. Sandri, L’ Italia delle città. Il popolamento urbano tra Medioevo e Rinascimento (secoli XIII-XVI), Firenze, 1990, p. 11-57 e 153-171, e G. Galasso, Il regno di Napoli… cit.

35 Codice diplomatico sulmonese… cit., doc CLXVII p. 212-213, 4 marzo 1354.

36 Il libro rosso… cit.; p. 47-48, doc XVII, 13 agosto 1399; p. 53-55, doc XX, 30 luglio 1403; p. 84-86 doc XXIV 25 agosto 1412; p. 89-89-93, doc XXVI, 20 febbraio 1413: gli abitanti exaustos fore opibus et facultatibus pristinis, quod premens ipsos fiscalium funcionum sarcina insupportabilis redditum prorsus eis […]; p. 94-96 doc XXVII 29 settembre 1414; p. 98-100, doc XXIX 16 maggio 1415; p. 106-109, doc XXXII, 1 settembre 1419; p. 127-130, doc. XXXV, 27 ottobre 1424: […] ex preteritarum et penes recentium guerrarum turbinibus collapsum […] dampna varia, realia et personalia […] propterque sunt pristinis facultatibus et focularibus diminuti; nec non et considerantes quod universitas et homines ipsi habentes respectum ad necessitates et expensas nostre curie quas […] et subire nos oportet et signanter in solucionem stipendiorum prefatarum nostrarum armigerarum gentium ad nostra obsequia et stipendia pro conservatione et defensione status nostri et rei publice regni nostri utiliter militancium, exolverunt nobis ducatos auri mille […]; p. 145-147, doc XXXIX, 1 ottobre 1438; p. 147-150, doc XL 1 ottobre 1438; p. 153-156, doc XLII 1 gennaio 1443 Alfonso d’Aragona riduce la colletta generale ad oncie 20 in perpetuo; ivi, p. 400-401, 7 novembre 1420 e p. 411- 412, 1 novembre 1425.

37 V. Vitale, Trani dagli angioini agli spagnuoli… cit. doc. 3 p. 628, 11 dicembre 1395: […] attendentes fidelitatis constantiam universitatis et hominum prefate civitatis Trani nostrorum fidelium dilectorum eisdem universitati et hominibus de summa generalis subventionis seu collecte in qua taxantur in ducatis mille….remisimus gratiose usque ad nostrum beneplacitum; ivi, doc 5, p. 631-633, 24 marzo 1410: lo sgravio è dovuto alla fedeltà della città e concerne la sovvenzione generale seu collectam; ivi, p. 635-640, doc 7, 23 luglio 1419; ivi, p. 642-649, doc.9, 1 marzo 1423, p. 642: delle spese si sa […] sicut […] per inspectione cuiusdam quinterni expensarum per iamdictos universitatem et homines in ipsius castri obsidione factarum quem vir nobilis Maffias de Sifola de Trano, fidelis noster dilectus dictorum universitatis et hominum sindicus, per eos propter ea ad presenciam et curiam nostram missus in eadem nostra curia produxit per calculum de nostro mandato exinde factum plenarie et certitudinaliter constat nobis che hanno speso 24 mila ducati d’oro!; ivi, p. 657-659, doc XII, 9 gennaio 1443.

38 Si vedano a riguardo le suggestive proposte di F. Titone, Introduction. The Concept of Disciplined Dissent and its Deployment: a Methodology, in F. Titone (a cura di), Disciplined Dissent Strategies of Non-Confrontational Protest in Europe from the Twelfth to the Early Sixteenth Century, Roma, 2017, p. 7-22, si tratta di un’elaborazione metodologica e interpretativa che declina alcuni aspetti degli studi politico istituzionali più avvertiti a cogliere le articolate ed intricate relazioni tra centri e periferie, come, ad esempio, i lavori di A. Gamberini, La legittimità contesa: costruzione statale e culture politiche (Lombardia, secoli 12.-15.), Roma, 2016 e di M. Della Misericordia, Divenire comunità. Comuni rurali, poteri locali, identità sociali e territoriali in Valtellina e nella montagna lombarda nel tardo medioevo, Milano, 2006.

39 Il libro rosso… cit., p. 98-100, doc XXIX, 16 maggio 1415: de summa generalis subventionis seu collecte, que esse ponitur, unciarum centum octo et tarenorum decem, nec non subsidii, taxte, doni, oneris, muneris fiscalis funcionis et cuiuslibet alterius collecte ordinarie vel extraordinarie, cuiscumque vocabuli appellatione distinte, per ipsos universitatem et homines annis et vicibus singulis nostre curie debitarum et debendarum […].

40 La questione della ripartizione interna del carico imposto esula da questo intervento ma, ancora una voltacamere, la documentazione di Monopoli apre uno squarcio su quanto accadeva in alcune università. Nella facoltosa università pugliese la cittadinanza ricorse al prestito di mercanti locali e stranieri per pagare le collette, prestito che poi a più riprese si dovette restituire in varie maniere: Il libro rosso… cit., pergamene, p. 378-384, 392-399, 402-410. Siamo di fronte ad un altro importante aspetto dell’organizzazione delle università, alle prese con gli apprezzi cittadini, spesso avversati, e con la necessaria ripartizione interna dei carichi fiscali; a titolo esemplificativo: Codice diplomatico sulmonese…cit., doc CXLVIII p. 187-188, 14 novembre 1345, la regina Giovanna I ordina al giustiziere che non molesti i sulmonesi per il pagamento della pena non renovati apprecii.

41 V. Vitale, Trani…, doc. VII, 23 luglio 1419, p. 637.

42 Ivi p. 639: registrata in cancelleria protonotarii, de mandato reginali thesaurario referente e ivi,

p. 640: Nec contrarium faciatis sicut habetis gratiam nostras caram. Cedula generalium subvencionum et collectarum que annis singulis a curia nostra emanat et quibuscumque commissionibus ordinationibus litteris et mandatis facientibus in adversum non obstantibus quoquomodo… presentata in reginali archivio Neapoli die XXVIIII mensis iulii duodecime indictionis et correpta ibidem. Presentata in Camera Summariae die XXVII iulii XII indictionis ac correpta est in cedulariis collectarum sistentibus in Summaria.

43 S. Morelli, Produzione di scritture per il prelievo diretto nel regno angioino, in Archivio storico per le province napoletane, CXXXIV (2016), p. 1-12.

44 B. Capasso, Inventario cronologico-sistematico dei registri angioini conservati nell’Archivio di Stato di Napoli, Tipografia di R. Rinaldi e G. Sellitto, Napoli, 1894, nel quale non si trovano indicazioni sulle cedule subventionis generalis al tempo di Ladislao. Sui problemi inerenti alla scomparsa di alcuni registri angioini già prima del 1943 e sulle cedole di riscossione che sono sopravvissute nel fondo Rogadeo e relative all’adoha si veda A. Kiesewetter, La cedola per la riscossione dell’adohamentum (adoa) nelle province del Regno nel 1378 (ex Archivio di Stato di Napoli, Registro angioino 373, cc. 65r-102v), in S  Morelli (a cura di), Periferie finanziarie angioine, Roma, 2018, URL: http://books.openedition.org/efr/3535

45 Colpiscono le considerazioni di A. Cutolo, Re Ladislao d’Angiò Durazzo… cit., p. 149-180, secondo il quale alla fine del Trecento l’organizzazione delle periferie differiva di poco da quella svevo-angioina del XIII secolo ed i giustizieri erano ancora coloro che “per delegazione del fisco” vigilavano sulla riscossione delle imposte dirette e straordinarie.

46 F. Calasso, La legislazione statutaria… cit. Si vedano le numerose concessioni in RCA… cit. passim, e A. Cutolo, Il regno di Sicilia negli ultimi anni… cit., doc. XCIV, p. 188 il 27 aprile 1309, Carlo II ordina ai giustizieri di Terra di Lavoro e di Molise presenti e futuri di alleviare le prestazioni di Alife che versa in misere condizioni.

47 Per il Quattrocento meridionale la pratica delle suppliche è stata studiata recentemente da F. Senatore, Forme testuali del potere nel Regno di Napoli: i modelli di scrittura, le suppliche (secoli XV-XVI), in I. Lazzarini, A. Miranda, F. Senatore (a cura di), Istituzioni, scritture, contabilità. Il caso molisano nell’Italia tardomedievale, Roma, 2017, p. 113-146; relativamente all’area pugliese si vedano gli studi di Anna Airò, tra i quali A. Airò, L’architettura istituzionale e territoriale del regno di Napoli nello specchio degli atti linguistici di un privilegio sovrano (XV secolo), in A. Gamberini, G. Petralia (a cura di), Linguaggi politici nell’Italia del Rinascimento. Atti del convegno Pisa, 9-11 novembre 2006, Roma, 2007, p. 139-167 e Ead., “Et signanter omne cabella et dacii sono dela detta università” istituzioni, ambiente, politiche fiscali di una “località centrale”: Manfredonia nel sistema territoriale di Capitanata tra XIII e XVI secolo, in R. Licinio (a cura di), Storia di Manfredonia, I, Il Medioevo, Bari, 2008, p. 165-214.

48 N.F. Faraglia, Storia della regina Giovanna II d’Angiò, Lanciano, 1908, p. 147-148. A Pietro Barile si chiede si esigere le sovvenzioni dal conte di Carrara, conte di Celano, duca d’Atri, conte di Loreto, conte d’Alvito, conte di Popoli, conte di S. Valentino, conte di Montorio, conte di Tagliacozzo, conte di Popleto, Giacomo di Sangro, Giovanni Orsini, Antonio di Sangro, il conte di Monte Oderisio, Ottaviano Accrociamuro, Aquila; a Marino Pascarella, in Terra d Lavoro si chiede di riscuotere dall’Abate di Montecassino, Paolo di Celano, Berardo di Celano, Cristoforo Caetani, duca di Sessa, Antonello della Ratta, conte di Cerreto, Corrado di Monteaguto, Angelo di S. Angelo, Antonello di Eboli, conte di Altavilla, Francesco Pandone.

49 Ivi, p. 343.

50 N. F. Faraglia, Storia della regina Giovanna II… cit., p. 352.

51 La bibliografia sulla pratica delle inchieste è enorme, mi limito qui a ricordare per l’Italia meridionale l’articolo che ha aperto gli studi: J.-P. Boyer, Construire l’État en Provence. Les « enquêtes administratives » (mi-XIIIe-mi-XIVe siècle), in B. Demotz (a cura di), Des principautés aux régions dans l’espace européen, Actes du colloque de Lyon (mars 1994), Lyon, 1997, p. 1-26 ed uno dei volumi più recenti Th. Pécout (a cura di), Quand gouverner s’est enquêter. Les pratique politiques de l’enquête princière (Occident, XIIIe-XIVe siècles), Actes du colloque international d’Aix-en-Provence et Marseille (19-21 mars 2009), Parigi, 2010.

52 ASNa, Sommaria diversi… cit., c. 13-20.

53 Ivi, c. 13; la produzione storiografica sulle città abruzzesi nel tardo medioevo è molto nutrita, v. P. Terenzi, L’Aquila nel Regno. I rapporti politici fra città e monarchia nel Mezzogiorno tardomedievale, Bologna 2015, in particolare: cap. I, p. 1-63 e relativa bibliografia; alcuni esempi del rilievo dato dalle comunità abruzzesi alla produzione e conservazione di scritture sono in: F. Mottola, Le cancellerie delle universitates meridionali. Gli esempi di Penne e di Sulmona (sec. XV-XVI), Lavello, 2005; C. Vultaggio (a cura di), Civitas Penne. La città medievale, Roma, 2015; P. Terenzi, Scritture di confine. Verbali e registri consiliarii nelle città dell’Abruzzo settentrionale (secolo XIV-XV), in Istituzioni, scritture, contabilità… cit., p. 193-216.

54 ASNA, Sommaria diversi…cit., c. 16; sulla conservazione delle scritture nelle università del Mezzogiorno v. F. Senatore, Cerimonie regie e cerimonie civiche a Capua (secoli XV-XVI), in G. Petti Balbi e G. Vitolo (a cura di), Linguaggi politici e pratiche del potere. Genova e il Regno di Napoli nel Tardo Medioevo, Centro interuniversitario per la storia delle città campane, Salerno, 2007, p. 101-206.

55 L’Abruzzo è stato di recente oggetto di studi anche per quanto concerne il complesso panorama signorile, v. L. Iannacci, Documentazione pubblica e scritture private nella formazione e gestione di un patrimonio feudale. Il caso degli Orsini conti di Manoppello (XIV secolo-metà XV secolo), in Istituzioni, scritture, contabilità… cit., p. 61-82 e, sul patrimonio territoriale dei Caldora e le sue vicende quattrocentesche, A. Miranda, Dissoluzione e redistribuzione di un grande patrimonio feudale: il territorio dei Caldora, in Poteri, relazioni, guerra nel regno di Ferrante d’Aragona. Studi sulle corrispondenze diplomatiche, Napoli, 2011, p. 67-142.

56 Molto studiati gli aspetti dell’organizzazione finanziaria del regno aragonese, si vedano in particolare B. Barone, Le cedole di tesoreria dell’archivio di stato di Napoli dall’anno 1460 al 1504, in Archivio storico per le province napoletane, IX-X (1884-1885); E. Russo, Politiche aragonesi nel Regno di Napoli: i conti della tesoreria generale di Alfonso V d’Aragona, in Istituzioni, scritture, contabilità… cit., p. 147-164; R. Moscati, Nella burocrazia centrale di Alfonso d’Aragona: le cariche generali, in Miscellanea in onore di Roberto Cessi, Roma, 1958, I, p. 365-377; M. Del Treppo, Un ritrovato libro del Percettore generale del regno di Napoli, in P. Corrao, E. I. Mineo (a cura di), Dentro e fuori la Sicilia, Roma, 2009, p. 295-318.

57 Dell’articolata stratificazione di poteri sul territorio del Regno, che non trovò spazio di rappresentanza nel parlamento del 1443 parla F. Senatore, Parlamento e luogotenenza generale. Il regno di Napoli nella Corona d’Aragona, in La Corona de Aragón en el centro de su Historia 1208-1458. La Monarquía aragonesa y los reinos de la Corona. Grupo de Investigaciòn de excelencia C.E.M.A., Gobierno de Aragón (Spagna), Saragozza, p. 435-478; sui parlamenti alfonsini v. anche P. Gentile, Finanze e parlamenti del regno di Napoli dal 1450 al 1457, in Archivio storico per le province napoletane, XXXVIII, 1913, p. 185-231.

© Publications de l’École française de Rome, 2020

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter