Premessa

Stéphane Bourdin et Alessandro Pagliara

Enzo Lippolis in memoriam

1Escono dopo un tempo più lungo di quello che avevamo programmato gli atti del convegno internazionale Dalle terre pontine all’Africa romana: Marie-René de La Blanchère, archeologo, epigrafista, orientalista, celebratosi tra il 3 e 4 giugno 2016 a San Felice Circeo (LT). Quelle due intense e ariose giornate furono rese possibili dalla sinergia tra l’amministrazione comunale di San Felice Circeo, l’École française de Rome, The British School at Rome, Sapienza Università di Roma e l’Università degli Studi della Tuscia.

2Gli incontri tra le istituzioni – si sa – sono conseguenza degli incontri tra le persone che le istituzioni pro tempore guidano: così è stato anche per il nostro seminario nel segno di La Blanchère. A quanti allora amministravano il Comune di San Felice Circeo – al Sindaco, dott. Gianni Petrucci; al vice Sindaco e assessore con delega alla cultura e al turismo, dott. Eugenio Saputo; al delegato per il centro storico, dott. Franco Domenichelli – vogliamo significare il nostro ringraziamento per aver creduto in questo progetto scientifico e averlo reso possibile, fornendo ai convenuti una ospitalità «d’altri tempi» (come più d’uno ebbe a osservare).

3Il convegno di cui presentiamo gli atti fu, invero, il momento più alto di un biennio particolarmente felice per il fiorire degli studi storici in area pontina: tra le iniziative che in quel periodo portarono – con un grande successo di pubblico anche non specialistico – alla organizzazione di un numero considerevole di eventi ispirati alla storia e alla cultura del territorio del Circeo, piace ricordare le due edizioni de Il salotto di Circe (a cura di A. Pagliara) e la mostra dedicata al restauro della celebre testa c.d. di Circe conservata presso il Museo Nazionale Romano (inv. nr. 108914) e ancora esposta, su prestito di quella istituzione, presso la sala «La porta del Parco» nel centro storico di San Felice.

4Nel licenziare questo lavoro collettivo, che ripercorre i molteplici aspetti della figura e degli interessi scientifici di Marie-René de La Blanchère, sentiamo di mettere come il suggello a un tempo che sembra più lungo di quello effettivamente trascorso dall’inizio del giugno 2016. E ciò si deve anche e soprattutto al vuoto che ha lasciato il collega Enzo Lippolis, prematuramente scomparso la notte del 3 marzo 2018, all’apice della sua brillante carriera di studioso del mondo antico e di uomo delle istituzioni universitarie: alla memoria di Enzo, che con noi questo convegno aveva voluto, gli atti sono devotamente intitolati.

Auteurs

Stéphane Bourdin

Université Lumière Lyon 2-UMR 5189 HiSoMa, stephane.bourdin@univ-lyon2.fr

Alessandro Pagliara

Università degli Studi di Parma, alessandro.pagliara@unipr.it