Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Périphéries financières angevines. Institutions et pratiques de l’administration de territoires composites (XIIIe-XVe siècle)

 | 
Serena Morelli

Politiques économiques

Tra comune e camera regia : la gestione delle finanze a Roma e nel Lazio

Maria Teresa Caciorgna

Résumé

I caratteri della dominazione angioina a Roma e nei comuni del Lazio hanno determinato un sistema di rapporti peculiari rispetto alle forme di intervento regio nelle finanze dei comuni piemontesi e toscani. L’intervento si propone di rispondere ad alcuni interrogativi non affrontati per la situazione romana : fino a qual punto il comune romano, durante i senatorati di Carlo I d’Angiò e di Roberto d’Angiò, ha mantenuto l’autonomia finanziaria ; se le entrate comunali bastavano alle spese per un apparato amministrativo dilatato ; se il controllo della produzione e dell’esportazione di grano fu efficace con l’istituzione dei grascieri nell’approvvigionamento di Roma. Tra i comuni del Lazio, su Rieti (1327-1331) e su Terracina (1307-1334), connotati da una posizione geo-politica particolare, la dominazione è stata effettiva nel periodo di Roberto d’Angiò, sporadici e in funzione della città di Roma gli interventi sui comuni durante il periodo di Carlo I – ordine di abolire la dogana del sale a Terracina, approvvigionamento di cereali dai comuni del distretto-. La documentazione di Terracina consente di delineare i caratteri del controllo angioino, mentre per Rieti la mancanza di fonti limita la possibilità dell’indagine.

Les caractères de la domination angevine à Rome et dans les communes du Latium ont déterminé un système de rapports tout à fait particuliers en regard des formes d'intervention royale dans les finances des communes piémontaises et toscanes. Cette intervention se propose de répondre à certaines interrogations non abordées par la situation romaine : jusqu'à quel point la commune de Rome, durant les sénats de Charles Ier d'Anjou et de Robert d'Anjou, a maintenu l'autonomie financière ; si les recettes communales ont suffi aux dépenses pour un appareil administratif élargi ; si le contrôle de la production et de l'exportation de blé fut efficace avec l'institution des officiers « grascieri » pour l'approvisionnement de Rome. Parmi les communes du Latium, sur Rieti (1327-1331) et sur Terracina (1307-1334), caractérisées par une position géopolitique particulière, la domination a été effective durant la période de Robert d'Anjou, sous Charles Ier les interventions sur les communes ont été sporadiques et en fonction de la ville de Rome – ordre d'abolir la douane du sel à Terracina, approvisionnement de céréales par les communes de la circonscription-. La documentation de Terracina permet de définir les caractères du contrôle angevin, tandis pour Rieti le manque de sources limite les possibilités de la recherche.

Texte intégral

Mercanti e finanziatori

  • 1 Carlo d’Angiò tenne la carica di senatore dal 1263 al 1284, ma vi furono due importanti interruzio (...)
  • 2 Il periodo di senatorato di Roberto dal 1313 al 1337 fu interrotto per due anni circa a causa dell (...)

1Tra le esperienze di governo degli Angiò a Roma indubbiamente quella di Carlo d’Angiò, per circa venti anni anche se con due cesure importanti1, presenta dei caratteri peculiari, non omologabili alle pressoché coeve forme di governo messe in atto in Piemonte e in Toscana. Quanto a Roberto, senatore di Roma2 ma anche signore dei comuni di Terracina e di Rieti, declinò l’esercizio del potere adattandolo alle diverse situazioni e il suo periodo non può essere semplicemente considerato la continuazione delle forme di governo messe in atto dal primo angioino.

  • 3 Tra la vasta e articolata bibliografia sul periodo e su Carlo d’Angiò in relazione al governo di R (...)
  • 4 J.-C. Maire Vigueur, Flussi, circuiti, profili, in Id. (a cura di), I podestà dell’Italia comunale (...)

2Il dibattito storiografico sulla presenza angioina ha insistito sugli aspetti politico-istituzionali, rilevando il condizionamento delle relazioni con i pontefici nel favorire l’avvento angioino nel Meridione d’Italia in funzione antisveva e ritenendo il governo sulla città di Roma un passaggio indispensabile per l’attuazione e il conseguimento degli intenti che accomunavano il conte di Provenza e la Sede pontificia3 ; non si trattava solo di liquidare la dinastia sveva bensì di compattare in un unico fronte le istanze che connotavano le realtà locali italiane4.

  • 5 P. Merati, Fra donazione e trattatoTipologie documentarie, modalità espressive e forme autentica (...)
  • 6 Per la documentazione relativa a Roma è molto utile l’opera di A. De Boüard, Le régime politique… (...)

3Le relazioni tra il conte di Provenza prima e re di Napoli poi e la città di Roma si distinguono dalle altre esperienze nelle città italiane per alcuni elementi rilevanti come l’assenza di atti di dedizione o di patti tra Carlo I e la città di Roma, sulla base dei quali sono scanditi i rapporti tra Carlo I e le città dell’Italia centro settentrionale. Siamo quindi nella condizione più sfavorevole per valutare se la politica finanziaria e le pratiche fiscali di Carlo I, poi quelle di Roberto d’Angiò, avessero rispettato le clausole e gli accordi stabiliti al momento della stipulazione dei patti come risulta per i comuni settentrionali5. Lo studio delle finanze angioine a Roma, inoltre, è condizionato da un duplice ostacolo : in primo luogo dalla perdita della gran parte dell’archivio del comune romano che impedisce la ricostruzione del funzionamento degli uffici del comune e che ha portato a liquidare con un giudizio complessivamente negativo sia la politica finanziaria sia quella fiscale del re. In secondo luogo la distruzione dei registri angioini, alla cui ricostruzione si lavora grazie alle trascrizioni, ai regesti, alle note di studiosi che hanno avuto il merito di restituirci tanta parte del materiale documentario perduto6, ma che non ha ancora visto editi i registri degli anni di Roberto.

  • 7 L’efficace espressione è di Patrizia Mainoni, in P. Mainoni, Il governo del reFinanza e fiscalit (...)
  • 8 Sulla personalità e la vicenda di Carlo d’Angiò, v. P. Herde, Carlo I, Angiò (d’), in DBI, 20, Rom (...)
  • 9 Il computo dei mercanti è stato effettuato sui RCA, I, p.10-13, 121-123, 161-170; III, 108; VIII (...)

4L’andamento delle finanze di Carlo d’Angiò era subordinato alla costante penuria di denaro soprattutto per sovvenzionare la guerra, una « guerra vorace »7 che assorbiva una quantità enorme di denaro reperito attraverso trasferimenti di capitali dall’Angiò e dalla Provenza, da mutui, da prestiti richiesti a mercanti e operatori finanziari di Roma e di città italiane e del Regno, nonché dalle elargizioni che i pontefici di origine francese non fecero mancare al re-senatore8. Se l’ammontare dei prestiti e delle donazioni sfugge ad una quantificazione che si avvicini all’entità reale, il gran numero di apodixe rilasciate in seguito alla restituzione dei prestiti e le lettere de salva conducto accordate a mercatores-prestatori testimoniano, forse solo in parte, il movimento di operazioni finanziarie intraprese dal conte di Provenza. Le richieste di prestiti del primo Angioino furono accolte con favore dai mercatores romani, che agivano in gruppi familiari o tra loro associati, infatti ad un computo, certamente per difetto, ne risultano ben più di cento9.

  • 10 Sui numerosi mercatores che avevano prestato denaro alla Chiesa romana per sostenere l’affare del (...)
  • 11 M. Vendittelli, Il « commercio del denaro »… cit. 

5Un buon numero dei finanziatori apparteneva alla variegata compagine di mercatores Romanae curiae sequentes attivi da tempo nelle piazze commerciali dell’Occidente e che operavano, oltre che per la curia romana, per vescovi e arcivescovi, principi e sovrani europei10. I mercanti romani avevano una larga disponibilità di liquidità per la loro attività di collettori delle decime e considerando il folto numero che ha partecipato all’erogazione di mutui, che avevano come ricaduta oltre alla restituzione e agli interessi, altri compensi, nonché l’aumento del prestigio nella società cittadina, possiamo ben dire che l’essere entrati nell’ambito dei fideles regis, considerati nostri mutuatores, ha rappresentato l’occasione di essere coinvolti in una grande avventura sovra cittadina e internazionale, in un momento nel quale si profilavano mutamenti di notevole portata nella società romana e nella loro stessa attività11. Alla metà del ‘200, i mercatores romani erano incalzati dagli operatori finanziari di altre città italiane, in particolare toscani, che si avviavano ad esercitare quella funzione di collettori delle decime che i romani avevano mantenuto in forma privilegiata da più di un secolo. Il declino era quindi avviato, nondimeno sembra di poter dire che il lungo periodo di Carlo I d’Angiò come senatore di Roma ha costituito una vantaggiosa opportunità per un gruppo sociale desideroso di rinsaldare la posizione nel settore creditizio ormai in bilico. Non va, inoltre, trascurato il fatto che l’entrata nella rete di fedeltà della casa di Angiò apriva nuovi spazi economici e funzionariali.

  • 12 Les registres de Clément IV (1265-1268)… cit., p. 117, n. 411. 
  • 13 Anche per i due finanziatori più fedeli come Paolo Signorili e Bartolomeo Crescentii sono registra (...)
  • 14 I salvacondotti a commerciare nella vasta dominazione angioina concessi a più di 200 mercanti si p (...)
  • 15 Sulle relazioni con le compagnie finanziarie fiorentine, v. la relazione di Alma Poloni in questi (...)
  • 16 Per la campagna dell’autunno 1272 contro il comune di Piacenza, il re inviò come capitano Giovanni (...)

6Le restituzioni di mutui e prestiti iniziano nel 1268, quando la situazione politica di Carlo d’Angiò è definita in forme a lui favorevoli : le vittorie su Manfredi e su Corradino di Svevia hanno consolidato le sue posizioni sul Regno meridionale ed aveva ottenuto il secondo mandato come senatore12. Le apodisse rimaste, come già detto, non testimoniano il totale dei prestiti13, invece le numerose concessioni di salvacondotti per commerciare liberamente nella vasta dominazione angioina permettono di avere un quadro meglio definito di quanti, mercanti e prestatori, erano entrati in rapporti finanziari con il sovrano14. Il ricorso a mutui con mercanti romani non è limitato al primo periodo (1263-1266), ma continua nel corso degli anni Settanta e ancora nei primi anni ‘Ottanta del ‘Duecento, sebbene la bilancia del volume di prestiti pendesse allora a favore delle compagnie mercantili toscane15, ma le spese per il governo di Roma, il trasferimento di fondi ad ufficiali di stanza in altre città e tanti altri motivi mantenevano il canale romano sempre attivo16.

  • 17 Su Giacomo Cantelmi, primo vicario-senatore di Roma, v. M. Hayez, Cantelmi, Giacomo, in DBI, 18, R (...)
  • 18 RCA, IV, p. 45, 141, 143 ; VII, p. 188. 
  • 19 Carlo scelse Paolo Signorili e magister Petrus de Nangis come procuratori per chiedere al comune r (...)
  • 20 RCA, VI, p. 305. 
  • 21 RCA, XII, p. 13. Sul prolungato servizio di prestatori degli esponenti del gruppo famigliare dei d (...)
  • 22 RCA, VIII, p. 107. 

7I prestatori, più fedeli, dichiarati anche familiares regis, erano compensati con l’assegnazione di castelli del Regno : Paolo Signorili e Bartolomeo de Crescentio, che erano stati il sostegno finanziario del primo vicario a Roma, Giacomo Cantelmi, ben prima dell’arrivo di Carlo I17, ricevettero ciascuno un castello, in Abruzzo e nel Molise18. Se Paolo Signorili restò un referente per affari finanziari e diplomatici di assoluta fiducia per il sovrano-senatore19, Bartolomeo Crescentii diventò un ufficiale del re, venne nominato capitano della città di Aquila20, successivamente ricoprì altri incarichi al servizio regio. Aiuti finanziari al vicario angioino, Bertrando del Balzo, erano stati concessi da Leonardo de Turri e dai suoi figli e nipoti, garantiti da iocalia (cioè due corone d’oro ed altri oggetti preziosi), che il re si affrettò a richiedere dopo l’estinzione del debito nel 1270-7121, verso altri prestatori fungevano da mallevadori i fidati ufficiali del re22.

Organizzazione : la Camera Urbis e gli ufficiali finanziari

  • 23 L’ufficiale preposto alla gestione delle finanze del comune di Roma era il vestararius, termine ut (...)
  • 24 Il quadro completo degli ufficiali a Roma e degli addetti alla Camera Urbis è conosciuto solo per (...)
  • 25 Disposizioni in merito alla tenuta dei registri contabili, in RCA, XXVIII, p. 207, A. De Boüard, (...)

8La nomina da parte del sovrano del camerario, un termine nuovo rispetto a vestararius del periodo precedente, probabilmente avvenne insieme a quella del vicario durante il primo mandato, ma soltanto nei primi anni del secondo senatorato, in concomitanza con la riorganizzazione degli apparati capitolini in campo amministrativo e giudiziario, si arriva ad una prima strutturazione della Camera Urbis23, termine che troviamo utilizzato nel 1272. Per tutto il decennio 1268-1278 lo stesso tesoriere o camerario, Ugo di Besançon, mantenne la carica, da lui dipendevano un giudice, due notai, alcuni scrivani per le apodixe, un advocatus fisci24. La sorveglianza sui registri di entrata e uscita era attentamente regolata : spettava al tesoriere tenere due registri distinti, una copia dei quali era inviata alla Camera del Regno25. La stretta relazione tra la Camera Regni e la Camera Urbis, se in primo luogo era determinata dall’accentramento che caratterizza la politica angioina, era giustificata dal costante bisogno di sopperire ai deficit finanziari, ai quali si faceva fronte con operazioni intrecciate tra le due Camere e trasferimenti di liquidità dall’una all’altra.

  • 26 Con la bolla Fundamenta, Niccolò III intendeva riformare il senato e principalmente la carica di s (...)

9Nel terzo mandato, l’avvicendamento dei tesorieri è conseguente alla riforma di Niccolò III, che, tra l’altro, aveva disposto la durata annuale delle cariche comunali26. I tesorieri, due francesi e un italiano, si trovarono a scontare il diffuso malcontento a Roma e nel distretto, con esplosioni di insurrezioni ripetute, esaltate dopo gli avvenimenti del Vespro.

  • 27 Sul controllo delle torri funzionali al sistema difensivo della città, RCA, XIX, p. 152 ; E. Dupré (...)
  • 28 La riforma aveva interessato anche i giudici e i notai : i giudici 8 (dei quali 2 romani e 6 fores (...)
  • 29 Nel seguito del vicario, quindi nella familia, erano compresi dei milites e scutuferis a carico de (...)
  • 30 V. in proposito l’atto di nomina di Guillaume L’Etendard : RCA, XXV, p. 3-5, nomina di Filippo de (...)
  • 31 RCA, XI, p. 251-252. 
  • 32 Per la cura dei soldati feriti furono assunti dei medici. Nel 1281 fu nominato magister Franciscus (...)

10Le spese per il governo di Roma erano aumentate per un apparato burocratico e militare molto dilatato, che in linea di principio era a carico del comune di Roma. Già dal primo senatorato sono attestate nuove figure nel personale capitolino, un maresciallo, i « turrieri », un corpo di polizia urbana addetto alla vigilanza di un certo numero di fortezze, torri e capisaldi requisiti dal senatore che costituivano una rete di sicurezza27. Inizialmente il numero stabilito era di 30 ma aumentarono fino a 50, anche giudici e notai avevano subito un ampliamento ed erano distinti tra romani e forestieri28, trombettieri, ostiari, scrivani delle apodixe, il vicario e la sua familia29. Il quadro complessivo del personale e la distribuzione dei salari è testimoniato solo per gli ultimi tre anni (1281-1283), quando l’assettamentum era completato da un medico, un custode del leone30. Per la difesa e il mantenimento dell’ordine in città, talora non bastavano maresciallo, « turrieri » e le milizie al seguito del vicario31 e perciò il gruppo dei soldati era ingrossato da contingenti provenienti da altre città durante i tumulti che si verificarono a più riprese (1268, 1276, 1282-1283), con una decisa lievitazione negli ultimi anni, perciò le spese militari variarono per l’oscillazione del personale32.

  • 33 Lo ius cribellatorum dovrebbe essere un’imposta sul macinato ed è elencato con le altre imposte fi (...)
  • 34 L’elenco completo delle uscite e delle spese è riportato nelle nomine dei vicari e camerari della (...)

11Il sistema fiscale romano non prevedeva imposte dirette, ma solo indirette e non vi furono innovazioni in questo campo nel periodo angioino. Le entrate erano costituite dai proventi delle dogane del sale, dogana o ius statere, dei pesi e delle misure, dello ius cribellatorum33, della dogana di Ripa romea e della dogana piccola di Sant’Eustachio, cui andavano aggiunte le multe per reati giudiziari. I proventi più consistenti erano dati dai redditi dei castelli sotto il dominio di Roma, Barbarano, Rispampani, Montecelio, Monterosi, Vitorchiano, dal censo di Tivoli e dal censo degli Ebrei34.

  • 35 Il recupero di Sutri a spese di Pietro di Vico era avvenuto ad opera del Cantelmi, che fu per ques (...)
  • 36 Sul sequimentum al comune di Roma, E. Dupré Theseider, Roma dal comune… cit., p. 234-243 ; per la (...)
  • 37 Sull’organizzazione delle province pontificie, v. S. Carocci, Vassalli del papa. Potere pontificio(...)
  • 38 Sul distretto : E. Dupré Theseider, Roma dal comune di popolo… cit., p. 238-240 ; v. anche M. T. C (...)
  • 39 Come ha mostrato Rinaldo Comba, il monopolio del sale ebbe un ruolo privilegiato tra gli obiettivi (...)
  • 40 C. Carbonetti Vendittelli, La curia dei priores et consiliarii campi salini a Roma agli inizi del (...)
  • 41 Nel linguaggio delle imposte fiscali il termine più corrente a Roma è quello di dohana, in uso già (...)
  • 42 Le saline di Ostia e gli altri impianti salinari erano in mano per lo più ad enti ecclesiastici, B (...)
  • 43 Les registres de Clément IV… cit., p. 412, n. 1247. 
  • 44 Clemente IV si era lamentato con il vicario Bonifacio di Gualberto che aveva imposto ai Setini e a (...)
  • 45 ASV, Reg. 42, n. 105 (difesa del comune di Velletri), n. 111 (agli uomini di Sabina), n. 152, 153 (...)

12Quanto all’ampliamento del gettito delle entrate del comune di Roma, l’azione dei vicari di Carlo d’Angiò non si discosta da quella di Brancaleone degli Andalò : espansione nel distretto con la conquista o riconquista di castelli (Sutri, Rispampani, Civitavecchia)35, raggiungimento del monopolio nella vendita del sale, pressione sui comuni considerati del distretto di conformarsi al sequimentum, cioè una serie di imposizioni che andavano dal fornire un certo numero di armati, accettare i pesi e le misure di Roma, adire al tribunale capitolino, partecipare alle feste e alle cerimonie di Roma inviando doni e giovani ludentes36. Il pontefice Clemente IV protestò per queste richieste perché lesive dei diritti dei comuni ma in effetti sminuivano il potere degli istituti preposti alle province pontificie, con ripercussioni sul sistema di governo delle terre della Chiesa che stentava ad assumere una configurazione definita37. Era un conflitto di competenze tra il comune di Roma e la Sede pontificia, che si è riproposto con molti senatori e che ha rappresentato un ostacolo all’autonoma affermazione del comune romano soprattutto nell’area del distretto38. La vendita del sale in regime di monopolio è un obiettivo perseguito in maniera sistematica39. A Roma la produzione e commercializzazione del sale era controllata dai salinarii, riuniti in un’associazione corporativa40, e gestita tramite l’affitto della dohana salis, cioè il mercato del sale in regime di monopolio41. Già Brancaleone degli Andalò, animato dallo stesso obiettivo, aveva requisito le saline di Ostia e richiesto al comune di Terracina la soppressione della dogana del sale42 ; Giacomo Cantelmi seguì la stessa strada e prese di mira le dogane del sale (dohana salis) di Terracina e di Corneto e ne ordinò la distruzione43. La difesa del pontefice dei due comuni agli estremi dell’area distrettuale o di influenza di Roma preservò i diritti già consolidati nella gestione di una dogana tanto redditizia per le casse dei comuni. L’opposizione per interessi divergenti tra Papato e comune di Roma, e quindi re e suoi vicari, ha numerosi esempi durante tutto il periodo angioino ; per restare al senatorato di Carlo I, Gregorio X difese i comuni della Marittima ai quali il vicario-senatore aveva imposto il sequimentum con i consueti obblighi verso la città dominante44. Dopo la parentesi di Niccolò III, anche Martino IV, che aveva affidato a Carlo I il senatorato e lasciato margini ampi di autonomia e discrezionalità nel governo di Roma, si oppose a più riprese alle richieste di sudditanza che i vicari angioini avevano rivolto al comune di Velletri, a quello di Corneto, a Lariano, ai Comuni della Sabina. I vicari angioini, seguendo un uso consolidato, adottavano il sistema di far ricadere sui comuni del distretto le spese per il controllo del territorio, nella forma di pagamento per la scorta operariorum, per la vigilanza delle strade della Sabina, per i messi del comune45.

  • 46 Carlo I d’Angiò, nel periodo del suo senatorato, aveva battuto monete di diverso peso e valore (gr (...)
  • 47 A. Theiner, Codex diplomaticus dominii temporalis SSedis, 3 vol., Roma, 1861, I, n. 395, p. 248- (...)

13Anche se si può osservare in molti campi un divario tra le petizioni di principio della Chiesa o del comune di Roma e l’effettivo riconoscimento dei diritti accordati all’uno o all’altro, la conflittualità tra Papato e comune derivava dal fatto che i due poteri insistevano su aree coincidenti che sottoponevano i comuni a richieste e contribuzioni di analogo tenore. Il divieto di battere un nuovo tipo di moneta che lo stesso pontefice Martino IV oppose al vicario regio Filippo di Lavene s’inserisce nella stessa dinamica tra pretese papali ed effettiva capacità di disporre di diritti in un campo particolare quale la monetazione46. La presa di posizione di Martino IV va ricondotta ai mutamenti intervenuti nelle relazioni tra comune e Papato con il pontificato di Niccolò III e l’ampia discrezionalità che i romani avevano accordato al pontefice quando gli erano stati concessi i poteri di governo sulla città, trasmessi poi al sovrano47.

  • 48 Purtroppo la redazione statutaria è andata perduta, ma tra le ricevute emesse dal camerario è comp (...)
  • 49 RCA, VIII, p. 243, v. anche supra nota 21. 
  • 50 Petrus de Papia, iuris peritus civis romanus è raccomandato per il ruolo di advocatus in Urbe fisc (...)
  • 51 Il re-senatore si dichiarava disposto alla concessione se non vi fossero stati impedimenti, RCA, V (...)
  • 52 V. Cameli, M. Vendittelli, Ancora una testimonianza… cit., p. 14. 
  • 53 L’ordine di recupero è indirizzato al vicario e al camerario, ma il sovrano, il 2 giugno 1272, dis (...)
  • 54 A Isnardo Ugolini, che era stato vicario regio a Firenze e non aveva ricevuto il salario, fu dato (...)
  • 55 Nel 1278 Matteo Orsini richiese in pagamento del salario di podestà i proventi del giustizierato d (...)
  • 56 RCA, XXVII, p. 138, 284, 293, 303, 369, 395, 425 ; sull’operato di questo vicario di Carlo I, v. N (...)

14Nel secondo senatorato, nell’ambito delle riforme amministrative, vi era stata la revisione degli statuti, nei quali forse era compresa la gestione accentrata delle entrate del comune e la dipendenza del tesoriere dal re48. Si trattava in effetti dell’incameramento delle entrate fiscali di Roma, che era avvenuto in un momento di vacanza papale e utilizzato con moderazione dal sovrano che giustificava l’uso dei proventi comunali per le esigenze e i bisogni della Città più raramente delle casse regie. Di fatto l’accensione di mutui con relativi interessi comportava l’uso delle entrate del comune di Roma a garanzia di prestiti o scomputo di interessi. Sia la riscossione di gabelle, sia il godimento di redditi di castelli del comune erano date in concessione e godute fino alla restituzione del debito49. E’ impossibile, dallo stato delle fonti, stabilire se tale impiego fosse precedente agli anni dell’angioino e si trattasse di un uso risalente, di fatto, dagli anni 1270- 1271, il problema delle entrate del comune fu affrontato e, con il compito di individuare attraverso una ricognizione i diritti del comune, fu assunto tra il personale capitolino un advocatus fisci (1270), che restò ai servizi del comune per diversi anni50. Da allora alcuni elementi lasciano ipotizzare una più attenta valutazione dei beni del comune : come la sostituzione richiesta ad Angelo Malabranca del possesso del castello di Rocca Romana presso Monterosi, di diretto dominio del comune, con il diritto di riscossione di alcune gabelle comunali, sui pesi e le misure (lo ius statere Urbis), forse in considerazione del valore simbolico del possesso del castello piuttosto che una maggiore redditività51. Leonardo de Turri associato a Angelo Burdonis, tra i più attivi prestatori di Carlo I, riscuoteva i cespiti della dogana del sale, ma nel giro di un mese, dopo che era avvenuta la restituzione del prestito, la dogana era tornata nella disponibilità del Campidoglio52. Bonifacio di Cinzio e i suoi nipoti furono sollecitati a restituire il castrum di Barbarano ad commune spectans, che avevano in pegno, non appena era stato saldato il debito53. La concessione di castelli del comune romano si ripete sotto la forma di riscossione dei proventi tanto per pegni e interessi, quanto per soddisfare i salari di fedeli angioini ufficiali in altre città54 oppure che avevano operato a Roma55. Soltanto nell’ultima fase del terzo periodo senatoriale, quando era vicario il Dragoni, dopo l’esperienza di Philippe de Lavene e di Guillelme l’Etendard, Carlo d’Angiò concesse un’amnistia per le pene comminate per violazioni sull’invio della grascia richiesta ai comuni del distretto, inoltre ai castellani di Civitavecchia e Rispampani vietò la riscossione dei diritti dei castelli di modo che se ne giovassero i Romani. Forse era un modo per dimostrare a questi ultimi la propria disponibilità a restituire al comune l'autonomia fiscale56.

Approvvigionamenti a Roma e sistema dei rifornimenti

  • 57 S. Carocci, M. Vendittelli, Società ed economia (1050-1420) in A. Vauchez (a cura di) Roma medieva (...)

15L’approvvigionamento della popolazione costituiva per qualsiasi governo il banco di prova della sua tenuta, a maggior ragione per la città di Roma, dove il sistema della produzione agricola era condizionato da diversi fattori : concentrazione dei patrimoni nelle mani dell’aristocrazia, che godeva anche dei possedimenti ecclesiastici in uso privilegiato e perciò controllava i rifornimenti alimentari della città57. L’ampliamento del raggio dei rifornimenti richiedeva anzitutto l’espansione dello spazio controllato dalla città, il distretto. Non è un fenomeno nuovo, ma nei secoli XII e XIII l’espansione del comune nel distretto è intrapresa da chiunque si trovasse al Campidoglio e anche quella che portava i suoi frutti. La vita cittadina ne traeva vantaggi con la possibilità di approvvigionamento in un mercato più ampio che serviva a contrastare le carenze e i rincari che in tutte le città medievali connotavano il mercato del grano.

  • 58 Il trasferimento degli approvvigionamenti della corte è inviato a Roma oppure a Viterbo, dove si t (...)
  • 59 RCA, VI, p. 234 ; VIII, p. 23 ; XVI, p. 165. 
  • 60 Anzi il grano venduto andava annotato su due registri, uno dei quali andava spedito alla Regia curi (...)
  • 61 Il sale era importato anche dalla Provenza e, nel 1276, il re incaricò dell’invio a Roma di una qu (...)
  • 62 A. Vitale, Storia diplomatica… cit., p. 174-175. 
  • 63 RCA, XIII, p. 130. 
  • 64 Gli atti perduti, p. 138, n. 1057. 
  • 65 C. Carbonetti Vendittelli, Le scritture del comune di Roma nei secoli XII e XIII, in Roma e il suo (...)

16Carlo I, da buon amministratore, metteva a frutto tutte le opportunità offerte dall’abbondanza di beni di prima necessità. Attento a non gravare sulle riserve alimentari dei romani in previsione dei soggiorni a Roma o a Viterbo, il re-senatore faceva portare cereali, vino, generi alimentari, cioè il vettovagliamento della corte58. Era preoccupato di urtare i Romani e giustificava la richiesta di rifornimenti alimentari con la sua posizione di senatore59 ; nondimeno, da accorto gestore dei beni, il re ordinava la vendita al miglior offerente delle scorte avanzate, cercando di trarne il massimo profitto60. L’attenzione alle esigenze della popolazione romana, unita al bisogno di accrescere le casse regie, ha favorito a più riprese l’importazione a Roma di vettovaglie che venivano esitate sul mercato romano attraverso mercanti fedeli. Dalla vendita di sale61, cereali62, animali da macello, maiali e castrati63, il re traeva un duplice vantaggio : la riscossione delle tasse sull’esportazione dal Regno o dalla Provenza e i ricavi della vendita, che venivano annotati su registri in duplice copia, di cui una era tenuta dal camerario e l’altra dal vicario64. Il sistema di registrazione portò ad una vasta e tipologicamente varia produzione di documenti65, molti, purtroppo, definitivamente perduti. Anche le importazioni a Roma sono uno dei mezzi seguiti in quella affannosa ricerca di denaro che sperimentava tutte le forme possibili di entrate, e confermano un contesto finanziario complesso sul piano organizzativo con elementi di improvvisazione per fronteggiare le ingenti spese militari.

  • 66 Secondo un sistema già presente, come per il controllo delle strade dell’interno, il comune di Rom (...)
  • 67 Mi sembra di poter assegnare l’istituzione di questa magistratura in concomitanza con la notevole (...)
  • 68 L. Palermo, Mercati del grano… cit., p. 104-105. L’invio di grascia a Roma era un onere obbligato (...)
  • 69 P. Supino (a cura di), La « Margarita Cornetana »… cit., n. 1, 190, 241 ; v. anche L. Palermo, Mer (...)

17Di conseguenza divenne centrale il controllo della produzione granaria soprattutto nel settore nord-ovest della regione laziale, dove il terreno fertile per la cerealicoltura si accompagnava alla disponibilità di approdi ben attrezzati per inviare il grano verso Roma. Corneto, che aveva come riferimento un’area a forte vocazione agricola, in particolare granaria, era entrata nel distretto di Roma al tempo di Castellano degli Andalò con l’obbligo di esitare sulla piazza romana la produzione in granaglie, ma aveva mantenuto rapporti commerciali con Pisa e Genova, dove i mercanti riuscivano a spuntare prezzi maggiori rispetto a quelli calmierati di Roma. Durante il senatorato di Carlo d’Angiò era stato affrontato in maniera sistematica il rifornimento di cereali con la creazione di un sistema organizzato che prevedeva il controllo del litorale tirrenico, in particolare nella zona di Corneto (oggi Tarquinia) per evitare l’esportazione clandestina del grano, senza rispettare il diritto di prelazione dei romani e senza il pagamento delle relative imposte. Furono istituiti i grascieri, funzionari ad custodiendam et restringendam grassiam, cioè essi dovevano reperire le derrate e convogliarle a Roma. I grascierii erano nominati da Roma, ma i loro stipendi erano a carico delle comunità locali – motivo per il quale non se ne hanno testimonianze nei registri angioini-66. Dotati di ampi margini di discrezionalità, accompagnati da soci e famuli, i grascieri, perlustravano la lunga costa tirrenica da Terracina a Montalto, suddivisa in due tronconi da Ostia verso Montalto e l’altro da Ostia a Terracina, ed esercitavano il loro ufficio con energia nei confronti dei produttori e degli stessi comuni in quanto, essendo in molti casi appaltatori della « grascia », erano interessati a trarre i maggiori profitti possibili. Mi sembra di poter ritenere che l’istituzione risalisse agli anni 1272-127367, durante il secondo mandato di senatore di Roma di re Carlo d’Angiò, quando, come abbiamo visto, furono realizzate importanti riforme amministrative e gli apparati burocratici capitolini assunsero nuove vesti e funzioni. L’istituto dei grascieri attraversa tutte le fasi del tempestoso ‘Trecento, sostenuto dalla primaria necessità di garantire i rifornimenti della città, convogliati soprattutto via mare a Roma68, e di contrastare il libero commercio dei singoli centri. Il comune di Corneto fu oggetto di condanne per il mancato invio di grascia a Roma e per aver negato ai grascieri l’uso di barche adatte al trasporto delle derrate, con una cadenza pressoché annuale69. I grascieri sono personaggi noti, mercanti come Giovanni e Leonardo Stinco, Giovanni di Margarito, nell’ambito della società romana, per lo più ricevono tredici-quattordici fiorini annui ma essi, in molti casi, cumulano insieme la funzione di castellani, e talora di giustizieri, riuscendo a realizzare proficui guadagni.

18Se il periodo di Carlo d’Angiò si caratterizza per l’approssimazione nell’affannosa ricerca di cespiti finanziari e l’alta esposizione verso i finanzieri, nondimeno la riorganizzazione degli apparati amministrativi e degli uffici finanziari, la nomina di castellani e giustizieri nelle province, la creazione di sottoprovince e le novità introdotte nel controllo delle esportazioni con l’istituzione dei grascieri propone per la città di Roma un sistema di governo che combinava forme già sperimentate nei domini provenzali con quelle messe in atto nei comuni dell’Italia settentrionale e in particolare del Piemonte.

Roberto d’Angiò a Roma

  • 70 Sullo strapotere dei baroni romani il rinvio d’obbligo è a S. Carocci, Baroni di Roma… cit. e a J. (...)
  • 71 I. Lori Sanfilippo, La Roma dei RomaniArti, mestieri e professioni nella Roma del Trecento, Roma (...)
  • 72 Sulla situazione economica di Roma nella prima metà del Trecento, S. Carocci, M. Vendittelli, Soci (...)
  • 73 Sugli avvicendamenti di senatori forestieri e prevalenza di baroni romani eletti o riconosciuti da (...)
  • 74 La ricostruzione dei registri arriva agli anni 1293-1295, volume L. 

19Il periodo di Roberto d’Angiò si caratterizza, secondo un giudizio consolidato, per una minore incisività nel governo della città di Roma, compreso il settore delle finanze. Le trasformazioni in seno ai ceti dirigenti e alla società romana, nei più di trent’anni che passano tra le due esperienze (1284-1313), avevano rafforzato i baroni romani che attraverso l’esercizio delle cariche municipali ormai controllavano del tutto l’amministrazione capitolina. Il loro potere era incrementato dalla rete di castelli nella regione romana e favorito dalla protezione di papi e di cardinali di famiglia, soprattutto per quelle famiglie che contavano un cardinale alla curia avignonese, nonché dai legami vassallatici instaurati con gli Angioini già dal periodo di Carlo I70. Ma anche altre componenti del mondo del lavoro (agricoltura, allevamento, mercati) si proponevano quali attori sulla scena politica, riuscendo talora a indirizzare le scelte dei senatori e dei vicari71. Perciò l’azione di Roberto dovette misurarsi con un contesto politico condizionato dalla tracotante presenza baronale, da interventi esterni, soprattutto del papa e degli imperatori72. La lista dei vicari senatori del periodo comprende singoli vicari forestieri e coppie di vicari-senatori formate da esponenti della nobiltà, che riuscirono a imporsi e furono riconosciuti e confermati dal re. L’avvicendamento dei vicari senatori tra esponenti del baronato romano e ufficiali fidati non è casuale bensì appare strettamente connesso a momenti di maggiore incisività nel governo della città e dall’esigenza di riaffermare l’autorità regia73, pertanto è possibile intravvedere difformi modi di gestione del governo cittadino tra i diversi senatorati. I senatori-vicari fideles regis, nominati in genere per un anno, in seguito per sei mesi, impressero una decisa accelerazione alle attività di governo, con la revisione e la conferma degli statuti delle arti di Roma, con l’esercizio della giustizia capitolina, dedicando attenzione al funzionamento dello Studium Urbis, alla difesa militare della Città e al controllo del distretto. Per la prima metà del ‘Trecento, si deve ancor di più lamentare la perdita dell’archivio del comune capitolino e dei registri angioini74 che impedisce l’adeguata ricostruzione delle misure adottate in campo finanziario e fiscale.

  • 75 Sebbene il ripiegamento dell’attività finanziaria dei mercanti romani datasse alla seconda metà de (...)
  • 76 Per gli Statuti dei mercanti, I. Sanfilippo, La Roma dei romani… cit., p. 75
  • 77 Per gli Statuti dei merciai, Ibid., p. 78-80.
  • 78 Gli Statuta et ordinamenta artis pannorum lane, sono databili al 1321, Ibid., p. 150-151. 
  • 79 I. Ait, Roma tra il fiume e il mare : porto e navigazione nel bassomedioevo, in Archivio della soc (...)
  • 80 La Torre delle Milizie fu ceduta dai Caetani in cambio di alcune terre e castelli nel Regno, E. Du (...)
  • 81 A Roma arrivarono rifornimenti alimentari nel 1325, nel 1327, nel 1333, Archivio di Stato di Napol (...)
  • 82 La rivolta contro Guglielmo di Eboli (nominato vicario nell’ottobre 1328 e costretto a fuggire nel (...)

20La categoria dei mercanti romani continuava ad avere forza propulsiva per la capacità di mantenere agenti nella curia di Avignone dove ottenevano commesse75 e di riorganizzare la dispersa legislazione statutaria con l’aggiunta di nuove rubriche fino a formare un corpo organico di Statuti (1317)76 ; ad esempio i merciai riuscirono a organizzarsi in forma autonoma rispetto all’arte dei mercanti e formulavano propri statuti77, qualche anno dopo fu la volta dei lanaioli (1321)78. Nel sistema di vigilanza e delle attività portuali furono istituite nuove figure come i riparii, funzionari addetti al controllo dei porti di Ripa e di Ripetta, dei quali non è noto l’anno di istituzione, ma risultano attivi nel 131979. Nel campo della difesa militare, il re rafforzò il sistema con l’acquisizione della Torre delle Milizie80 e inviò a più riprese contingenti militari a Roma ; per combattere i periodi di instabilità rinnovati dalla presenza imperiale, fu aumentato il numero dei turrerii, impiegati sia in città sia nel distretto. L’approvvigionamento dei romani non era trascurato, in quanto l’invio di cereali e beni di prima necessità a Roma (grano, vino), sempre assediata dallo spettro della carestia, avvenne in più momenti in forma di elargizioni alla popolazione romana81, che non valsero però a risparmiare che Guglielmo da Eboli, a Roma come capitano delle truppe e facente funzione di vicario, fosse costretto ad allontanarsi dalla città82.

  • 83 Nel 1315 il re sollecitava il suo vicario Gerardo de Spinulis de Ianua a nominare Iohannes Iacobin (...)
  • 84 La Camera Urbis, retta da due camerarii, disponeva di due notai e 4 scrittori, come risulta dalla (...)
  • 85 Il vicario aveva a sua disposizione cento cavalieri come risulta nel 1313, ma il loro numero aumen (...)

21L’apparato capitolino, ampliato agli inizi del Trecento, nel periodo di Roberto si accresce : è raddoppiato il numero dei camerari, per lo più romani, dei marescialli (da due a quattro), ma soprattutto i milites al seguito dei vicari-senatori arrivano a un centinaio e sono diverse centinaia in periodi particolari ; invece il corpo dei notai e dei giudici sembra stabile, ma la loro scelta dipende dai vicari, anche se il re sollecita la nomina di persone fedeli83, appare decaduta la distinzione tra forestieri e romani instaurata con il primo Angioino84. Il re, pur senza correre ai ripari, era preoccupato per la lievitazione delle milizie di Roma più che del personale degli apparati capitolini85. Del resto i tumulti in città e il compattamento delle forze guelfe, in funzione antighibellina e anti imperiale, richiedevano interventi massicci di milizie.

  • 86 Sulla composizione del collegio che doveva scegliere i maestri dello Studium, D. Internullo, Ai ma (...)
  • 87 Nel 1319 il vicario regio, Giovanni di Alcheruccio di Bobone, si rivolgeva al comune di Todi chied (...)
  • 88 De Lellis, Notamenta IV, bis III, f.521, anche in A. De Boüard, Le régime politique… cit., p. 198 (...)
  • 89 Per la prima metà del Trecento, non ci sono attestazioni sull’insegnamento della medicina a Roma, (...)

22La predilezione di Roberto d’Angiò per la cultura ebbe buon gioco a Roma dove la gestione dello Studium Urbis e il pagamento dei professori era a carico del comune capitolino. La scelta dei professori spettava ad una commissione composta dagli esponenti della romana fraternitas e dagli ufficiali del comune86. Nel 1319, il vicario regio Giovanni di Alcheruzio di Bobone indirizzò una lettera al comune di Todi nella quale richiedeva come maestro in diritto civile a Roma il tudertino Francesco di Rainalduccio87, successivamente nel 1334 re Roberto raccomandò la nomina di Pietro de Polimarcio ossia Pietro di Bomarzo, quale iuris civilis professori facultas docendi et legendi in iure civili in Studio romano88. Non sono attestate nomine di fisici, cioè maestri in medicina, ma nell’elenco del personale capitolino che doveva essere pagato dai due camerari nel 1334 sono compresi sia i maestri di diritto sia i fisici89. L’atto è importante in quanto conferma il funzionamento dello Studium anche per gli studi di medicina, che non appare attestato da altre fonti.

  • 90 Sui mutamenti delle competenze di rettori e tesorieri nelle province dello Stato della Chiesa, A.  (...)

23Per la città di Roma non risultano imposte dirette, bensì indirette e modellate su quelle riscosse cinquant’anni prima. La Camera Urbis gestisce le finanze del comune, non vi sono riserve di proventi per il re, nelle nomine dei vicari-senatori il re dà disposizioni in merito alle entrate e alle uscite del comune, negli ultimi anni appare una più netta divisione di compiti tra vicari e camerari. Ai primi spetta l’esercizio della giustizia, il controllo del distretto mentre i camerari amministrano completamente il settore delle finanze. La separazione dei compiti tra le due figure di ufficiali sembra uniformata a quanto avviene negli uffici delle province pontificie, in cui la funzione dei tesorieri è sempre più rivolta al controllo dell’attività finanziaria dei rettori90.

  • 91 Nel 1316 i due senatori, Stefano Conti e Riccardo Orsini, d’accordo con i tesorieri, impegnavano p (...)
  • 92 Il re Roberto conferma, su richiesta di Giovanni XXII, a Giovanni Capocci il castello di Monticell (...)
  • 93 Nel frattempo, il comune di Roma aveva ampliato il numero dei comuni soggetti, Tuscania, Velletri (...)
  • 94 M. Antonelli, Una relazione del vicario del Patrimonio a Giovanni XXII in Avignone, in Archivio de (...)
  • 95 La situazione comincia a cambiare e si vede il diverso peso che rivestono le imposte sui comuni de (...)

24Gli sbilanci nel « budget » capitolino dovevano essere frequenti e le soluzioni adottate dai vicari senatori (sia baroni-romani, sia fideles regis) consistevano nella richiesta dell’anticipo dei censi (in primo luogo quello di Tivoli), nella vendita di scorte di sale custodite nei magazzini del comune91, e nell’affidamento a tempo di castelli del comune romano come scomputo di salari92. Per l’aumento del gettito delle entrate, oltre a controlli più serrati sulle dogane, i vicari-senatori imponevano in maniera sistematica e strategica la pressione sul distretto93. Le cavalcate espansive furono intraprese da diversi vicari senatori ma certamente Guglielmo Scarrerio è ricordato per la sua tenacia nel percorrere i comuni e castelli del distretto, in particolare nella provincia di Collina, con sortite puntuali e cadenzate secondo i ritmi stagionali, con imposizioni onerose sulle comunità soggette, come l’obbligo di mantenere un corpo di stipendiati ad custodiam stratarum et grassie in cambio le comunità sarebbero state esentate dagli altri tributi che già pagavano al comune di Roma (imposte per i turrieri, i grascierii, i marescialli, e l’emptio salis)94. Si trattava dell’appesantimento di un sistema contributivo a carico delle località e dei comuni del distretto, sul quale il comune romano aveva da tempo, per non dire da secoli, costruito il sistema delle entrate cittadine95.

  • 96 Per quanto preciso l’elenco dei salari e la relativa copertura finanziaria, il totale dei compensi (...)
  • 97 A. Vitale, Storia diplomatica… cit., p. 243-247. 

25Solo la lettera di nomina dei camerari del 1334, Pietro Vaiano e Tancredi magistri Accursini, presenta l’apparato capitolino al gran completo con i compensi per ogni categoria di personale calcolati sulle entrate del comune di Roma. Il documento elenca i dati rilevati dal registro degli ufficiali iniziando dalle cariche principali (vicari–senatori, marescialli) secondo un tariffario prestabilito, di ciascuna voce viene indicata la copertura finanziaria in base alle voci di entrate del comune96. Il livello dei salari, come le entrate, sono gli stessi del periodo di Carlo I, con l’aggiunta di voci nuove di bilancio come quella dei maestri dello Studium, del sindaco divenuto un ufficio perpetuum ed altri97. La moltiplicazione del personale negli uffici e le voci nuove di bilancio comportano dei deficit ai quali si faceva fronte con il sistema della vendita a tempo dei beni del comune. Nel 1334, il re, che aveva da poco ottenuto il rinnovo della carica senatoria dal pontefice con i titoli di matrice popolare connessi, indirizzava ai camerari la lettera con un dispositivo dal quale risulta un computo preciso delle entrate e delle uscite del comune di Roma, rivelando la regolare tenuta dei registri della Camera Urbis, che allora era del tutto svincolata dal controllo della Camera del Regno.

26La rilettura della gestione del governo di Roma e del settore finanziario di re Roberto lascia intravvedere una cura per aspetti poco considerati della sua azione, come la sollecitazione a chiudere i processi giudiziari pendenti, il controllo del territorio e dell’area del distretto, il funzionamento dello Studium Urbis, l’attenzione ai problemi annonari dei romani. Il giudizio complessivamente negativo della gestione del comune romano che accompagna il sovrano andrebbe ridimensionato alla luce degli intralci al suo operato, come visto, causati dagli interventi imperiali, dai baroni nonché dalla Sede pontificia, che, benché lontana, era pressante attraverso rettori provinciali diretti in maniera sistematica dal pontefice Giovanni XXII.

Rieti e Terracina

  • 98 M. T. Caciorgna, Ufficiali forestieri nel Lazio, in I podestà dell’Italia comunale… cit., p. 815-8 (...)
  • 99 Per la situazione di Rieti sempre utili M. Michaeli, Memorie istoriche della città di Rieti e dei (...)
  • 100 Nel 1321, Roberto d’Angiò si rivolgeva ad Abamonte de Lectis, capitano regio a Rieti, sollecitando (...)
  • 101 Non disponiamo di un elenco completo dei podestà di nomina regia, che iniziano già negli anni 1308 (...)
  • 102 Archivio comunale di Rieti, A VIII, Fasc. A, 8. 
  • 103 Ibid., VIII, Fasc. A 9. 
  • 104 Per diverse cedole di pagamento v. M. Giovannelli (a cura di), Archivio storico del comune di Riet (...)
  • 105 G. Coniglio, Angiò, Carlo detto l’Illustre, in DBI, 3, Roma, 1961, p. 263-265. 

27L’influenza angioina nel Lazio, piuttosto limitata con i primi sovrani angioini, si concretizzò, nel periodo di Roberto d’Angiò, nella nomina dei podestà in diversi comuni98 ma di vera e propria dominazione si può parlare solo per Rieti e Terracina, le due città situate ai confini con il Regno da parte opposta, l’una nel settore nord-est l’altra a sud-ovest. Si tratta di due realtà politiche affatto diverse : Rieti, caratterizzata da un notevole sviluppo delle istituzioni comunali, era una città di frontiera che costituiva il confine tra Regno e Stato della Chiesa e fu un baluardo da difendere dal sopravvento delle fazioni di parte ghibellina aiutate dalle forze di città della vicina Umbria e del Lazio. Fu al centro di iniziative militari tra guelfi e ghibellini, con fortuna alterna tra i due partiti, fino al prevalere della parte guelfa. Da parte angioina venne completato il riassetto territoriale del confine settentrionale con l’edificazione di castelli in posizione strategica, dapprima Città Ducale fondata nel 1309 da Carlo II, e più tardi Città Reale nel 1329 da parte di Roberto d’Angiò, anche i ghibellini, sia reatini sia dei luoghi vicini, puntellavano il confine spoletino con l’edificazione della rocca di Arrone e la ricostruzione di Miranda99. Imposta da ragioni politiche e per tutelare i confini, della presenza angioina riusciamo a ricostruire meglio le azioni militari che le forme di governo attuate nella città. Carlo duca di Calabria cominciò a intervenire nella nomina dei podestà dagli anni 1308-1309, e, dopo la parentesi ghibellina di Sciarra Colonna (anno 1313), ne ebbe la signoria per 10 anni : una signoria della quale sfuggono i caratteri, non essendo stati conservati i patti e neppure è possibile valutare l’attività di governo, ma all’ambito reatino il re Roberto d’Angiò si rivolgeva anche per incrementare il bacino di reclutamento di ufficiali e funzionari fidati100. I podestà di nomina regia101 furono solerti nel controllo delle finanze del comune e, agendo in sintonia con il camerario che, secondo l’uso consolidato, continuò ad essere un monaco del monastero di San Pastore, vigilarono sugli affitti e sugli appalti dei beni comuni, sia terre lavorative sia mulini (mulini delle Marmore)102. Fu redatto un circostanziato inventario103 delle terre comuni e ne furono privati quanti, soprattutto milites cittadini, se ne erano appropriati, per le terre recuperate furono stipulati nuovi contratti, i cui canoni andavano a comporre le entrate comunali. Non risultano prelievi e nuove imposte finalizzate al rifornimento delle casse regie e non sappiamo se il contingente di armati di stanza a Rieti fosse a carico del comune, come avveniva in altre città e a Terracina ; l’unico tributo a carico dei reatini era pagato alla Camera Apostolica, un tributo stabilito già all’inizio del Duecento104. Il quadro dell’intervento angioino nelle finanze a Rieti è, a dir poco, nebuloso e, purtroppo, non può essere colmato dallo Statuto che Carlo duca di Calabria aveva rinnovato nel 1323105.

  • 106 Per la documentazione comunale di Terracina e le condizioni del comune durante il periodo angioino (...)
  • 107 Per l’elenco dei podestà angioini a Terracina, v. M. T. Caciorgna, Una città di frontiera… cit., p (...)
  • 108 Non è rimasta la redazione completa degli statuti ma soltanto la copia di una lunga rubrica copiat (...)
  • 109 Ciascuna guarnigione era composta di 20 soldati sotto la guida di un comestabilis balisteriorum, I (...)
  • 110 Biblioteca Apostolica Vaticana, Pergamene di Terracina, Cart. I, perg. 28. 

28La documentazione di Terracina permette di avere un quadro meglio definito del periodo di Roberto d’Angiò. Anche Terracina è una città di frontiera, ambita dai baroni romani (Annibaldi e Caetani), e da vicini potenti come i da Ceccano, ed aveva un ceto dirigente diviso, incapace di respingere gli interventi degli uni e degli altri, e intorno al 1307 preferì affidarsi alla « protezione » del re di Napoli, che in effetti vi esercitò il dominio fino al 1334-35 circa106. La scelta dei podestà era affidata alla regia maestà e furono nominati quali podestà-vicari fedeli angioini, dei quali spicca l’eterogeneità sotto il profilo sociale, in quanto in maggioranza provenivano dalle province del Regno e avevano carriere svolte negli organismi amministrativi, giudiziari e centrali del Regno ; vi furono però anche esponenti delle aristocrazie dell’Italia comunale che rientravano nel circuito guelfo e che avevano ricoperto incarichi in altri comuni entrati nell’orbita angioina oppure che facevano parte a pieno titolo dell’ufficialità angioina del Regno107. Il programma di assicurare il bonus status alla città, ricorrente nel linguaggio delle lettere del re o di suo figlio Carlo, fu perseguito sia nelle questioni con i vicini, soprattutto per dirimere controversie in merito ai confini, risolte con l’intervento di autorevoli giudici della Magna Curia, sia sul piano istituzionale. Nel 1315, con la redazione di nuovi statuti che rinnovavano la normativa sulle importazioni e le esportazioni, sulla messa in valore dei beni comuni, era anche previsto il sindacato degli ufficiali e l’istituzione dei XXIV boni homines, una magistratura a carattere popolare che restò in vigore per lungo tempo108. Nei settori della difesa e delle finanze vi fu un accentramento decisamente marcato. Anzitutto il sistema di difesa della città fu rafforzato con presidi militari nelle due fortezze di Ferrone (a nord della città) e di Pisco Montano (a sud)109. Quanto alle finanze, un primo cambiamento sta nella nomina del camerarius, carica in precedenza tenuta da esponenti dell’aristocrazia cittadina, fu affidata ad un frate francescano ; fu anche rivisto il sistema di affitto dei beni comunali, che insieme ai proventi delle dogane (sale, acciaio, ferro, legname), dei pedaggi, dei diritti di piazza formavano le entrate del comune che forse non coprivano le spese in uscita molto accresciute in quanto erano compresi gli stipendi delle milizie di stanza a Terracina, l’allargato apparato amministrativo del comune ed anche gli affitti delle case ubi habitabat gens regia. I beni comuni, terre lavorative, selve, peschiere, erano dati in affitto per uno o più anni da parte del sindacus communis. Un deciso aumento del gettito c’era stato riguardo alle dogane, ai canoni degli affitti e alle multe per i danni dati, come si deduce dallo statutum approvato nel parlamento del 1334, alla fine del dominio angioino. In esso era previsto oltre alla libera scelta del podestà, che non doveva essere suddito dei potenti, il ripristino delle condizioni precedenti nelle imposte sulle dogane e nelle multe, cioè prima dell’avvento angioino110.

  • 111 Un quadro completo dei rapporti con i comuni piemontesi in R. Comba (dir.), Gli Angiò… cit., in pa (...)

29Date le peculiarità delle due città, confine e frontiera con il Regno, l’influenza di Roberto d’Angiò e dei suoi ufficiali riguardo agli aspetti finanziari fu subordinata alle enormi spese per la difesa, alle quali contribuivano le entrate delle città. Il periodo più lungo e stabile, a Terracina, del dominio di Roberto d’Angiò lascia intravedere una migliore organizzazione amministrativa e nei rapporti con i poteri vicini, e una razionalizzazione del sistema impositivo, anche se il gettito fiscale accresciuto creò scontento nella popolazione che insorse contro il vicario angioino e decretò in effetti la fine dell’esperienza. Per la città di Rieti, invece, il periodo complessivo di controllo angioino fu abbastanza lungo (1309-1335), ma fu intervallato da durature interruzioni per il sopravvento delle fazioni ghibelline, tanto che non appare aver dato luogo a trasformazioni nel campo delle istituzioni. Non risultano innovazioni in campo fiscale, forse a causa anche della dispersione della documentazione, che invece hanno connotato la dominazione angioina nei comuni dell’Italia settentrionale111.

Notes

1 Carlo d’Angiò tenne la carica di senatore dal 1263 al 1284, ma vi furono due importanti interruzioni determinate da ragioni oggettive : la prima fu dovuta all’accordo stabilito con il pontefice Urbano IV, secondo il quale avrebbe lasciato il senatorato di Roma dopo la conquista del Regno (1263-1266) ; richiamato in Campidoglio, la durata della carica di senatore era stabilita in dieci anni che il pontefice Niccolò III s’impegnò a rispettare per restituire ai romani l’ufficio di senatore (1268-1278) ; dopo la morte di papa Orsini, il successore Martino IV, ottenne la nomina a senatore dal popolo romano e la concesse di nuovo all’angioino, che la tenne neppure per tre anni (1281-1284), M.T. Caciorgna, L’influenza angioina in Italia : gli ufficiali nominati a Roma e nel Lazio, in MEFRM, 107-1, 1995, p. 173-206. 

2 Il periodo di senatorato di Roberto dal 1313 al 1337 fu interrotto per due anni circa a causa dell’intervento di Ludovico il Bavaro a Roma che aveva ottenuto la carica di senatore. Quindi si trattò di un periodo complessivo di 21 anni (1313-1326 e 1328- 1337). 

3 Tra la vasta e articolata bibliografia sul periodo e su Carlo d’Angiò in relazione al governo di Roma sono essenziali il volume di A. De Boüard, Le régime politique et les institutions de Rome au Moyen Âge, Paris, 1920 (BEFAR, 118), che enfatizza il ruolo di Carlo I d’Angiò come organizzatore dell’amministrazione del comune romano, e quello di E. Dupré Theseider, Roma dal comune di popolo alla signoria pontificia (1252-1377), Bologna, 1952 (Storia di Roma, 11), che, in una stagione storiografica del tutto rinnovata, attenta alle conquiste delle istituzioni comunali della seconda metà del Duecento, sottolinea il forte accentramento nella gestione politica del comune di Roma (p. 234-240).

4 J.-C. Maire Vigueur, Flussi, circuiti, profili, in Id. (a cura di), I podestà dell’Italia comunale, Parte I, Reclutamento e circolazione degli ufficiali forestieri (fine XII sec.- metà XIV sec.), Roma, 2000 (Collection de l'École française de Rome, 268 ; Nuovi studi storici, 51), p. 897-1099. 

5 P. Merati, Fra donazione e trattatoTipologie documentarie, modalità espressive e forme autenticatorie delle sottomissioni a Carlo d’Angiò dei comuni dell’Italia centro-settentrionale, in R. Comba (a cura di), Gli Angiò nell’Italia nord-occidentale (1259-1382), Milano, 2006, p. 333-362.

6 Per la documentazione relativa a Roma è molto utile l’opera di A. De Boüard, Le régime politique… cit., che aveva potuto consultare l’archivio angioino e ha allegato in appendice al suo studio molti atti, inoltre A. Vitale, Storia diplomatica de’ senatori di Roma, Roma, 1791. Sui problemi della ricostruzione dei registri : S. Palmieri, L’archivio della Regia ZeccaFormazione, perdite documentarie e ricostruzione, in L'État angevinPouvoir, culture et société entre XIIIe et XIVe siècle. Actes du colloque international (Rome-Naples, 7-11 novembre 1995), Roma, 1998 (Collection de l'École française de Rome, 245), p. 417-445.

7 L’efficace espressione è di Patrizia Mainoni, in P. Mainoni, Il governo del reFinanza e fiscalità nelle città angioine (Piemonte e Lombardia al tempo di Carlo I d’Angiò), in Gli Angiò… cit., p. 103-138 (in particolare p. 106). 

8 Sulla personalità e la vicenda di Carlo d’Angiò, v. P. Herde, Carlo I, Angiò (d’), in DBI, 20, Roma, 1977, p. 199-226 ; sulle sovvenzioni al re da parte pontificia, v. Les registres de Clément IV (1265-1268) ed. E. Jordan, Parigi, 1893, n. 970, 1783. Su questo aspetto, cfr. E. Dupré Theseider, Roma dal comune di popolo… cit., p. 128-131. 

9 Il computo dei mercanti è stato effettuato sui RCA, I, p.10-13, 121-123, 161-170; III, 108; VIII e XIII passim. Molti dei gruppi famigliari romani operavano consorziati, o uniti in società, che, come ha chiarito Marco Vendittelli, non erano società stabili ma stipulate per determinati affari, e « in alcun modo possono richiamare le prime compagnie bancarie che di lì ad alcuni decenni si affermeranno in Italia, ma venivano strette caso per caso solamente per intraprendere alcune operazioni finanziarie, particolarmente gravose o rischiose », M. Vendittelli, Il « commercio del denaro » e il credito a Roma tra XII e XIII secolo. Crescita e declino dei mercatores romani (in corso di stampa). Lo stesso autore ha dedicato ai mercanti romani diversi studi che gettano finalmente luce sulla componente trainante della società romana duecentesca : M. Vendittelli, Mercanti romani del primo Duecento in Urbe potentes, in E. Hubert (a cura di), Roma nei secoli XIII e XIVCinque saggi, Roma, 1993, p. 87-134 ; Id., In partibus Anglie. Cittadini romani alla corte inglese nel DuecentoLa vicenda di Pietro Saraceno, Roma, 2001 ; M. Cameli, M. Vendittelli, Ancora una testimonianza sull’attività dei mercatores romaniUn documento del vescovo di Ascoli del 1233, in Archivio della Società romana di storia patria, 129, 2006, p. 33-62. 

10 Sui numerosi mercatores che avevano prestato denaro alla Chiesa romana per sostenere l’affare del Regno di Sicilia, F. Schneider, Zur älteren päpstlichen Finanzgeschichte, in Quellen und Forschungen aus italienischen Archiven und Bibliotheken, 9, 1906, p. 151-188. 

11 M. Vendittelli, Il « commercio del denaro »… cit. 

12 Les registres de Clément IV (1265-1268)… cit., p. 117, n. 411. 

13 Anche per i due finanziatori più fedeli come Paolo Signorili e Bartolomeo Crescentii sono registrati solo una parte dei prestiti erogati, RCA, II, p. 228-230. I prestatori che possiamo chiamare di lungo corso sono anche i più in vista tra i mercanti romani, Paolo Signorili, Bartolomeo de Crescentii, Leonardo de Turre e Pietro Stefani. 

14 I salvacondotti a commerciare nella vasta dominazione angioina concessi a più di 200 mercanti si possono ricostruire dai RCA, I, p. 141-142, 162-163, e passim ; X, p. 108 ; v. anche G. Del Giudice, Codice diplomatico del regno di Carlo I e II d’Angiò dal 1265 al 1309, I, Napoli, 1869, passim

15 Sulle relazioni con le compagnie finanziarie fiorentine, v. la relazione di Alma Poloni in questi stessi atti. 

16 Per la campagna dell’autunno 1272 contro il comune di Piacenza, il re inviò come capitano Giovanni Mansella di Salerno con duecento stipendiati a cavallo, a spese del camerario di Roma, chiedendo che se fosse stato necessario reperire il denaro si doveva accendere un mutuo, RCA, IX, p. 112-113. Per il trasferimento di capitali ordinato al camerario di Roma, v. anche RCA, II, p. 75. 

17 Su Giacomo Cantelmi, primo vicario-senatore di Roma, v. M. Hayez, Cantelmi, Giacomo, in DBI, 18, Roma, 1975, p. 264-266. Per le condizioni del Cantelmi durante il suo primo mandato e per le preoccupazioni del pontefice sulla riuscita del senatorato angioino, v. Les registres de Clément IV… cit., p. 390, n. 1121, e una disperata lettera dello stesso Cantelmi che invoca l’arrivo di Carlo a Roma in quanto l’unico sostegno finanziario nella città di Roma erano Bartolomeo de Crescentio e Paolo Signorili, v. S. Carocci, Baroni di Roma. Dominazioni signorili e lignaggi aristocratici nel Duecento e nel Trecento, Roma, 1993, p. 41. 

18 RCA, IV, p. 45, 141, 143 ; VII, p. 188. 

19 Carlo scelse Paolo Signorili e magister Petrus de Nangis come procuratori per chiedere al comune romano il sale e gli altri beni che aveva lasciato a Roma alla fine del primo periodo (la lettera è del 17 dicembre 1266, G. Del Giudice, Codice diplomatico I… cit., p. 238-239), in seguito il Signorili ebbe l’incarico di trattare per il re affari a Troyes. 

20 RCA, VI, p. 305. 

21 RCA, XII, p. 13. Sul prolungato servizio di prestatori degli esponenti del gruppo famigliare dei de Turre, v. M. Cameli e M. Vendittelli, Ancora una testimonianza… cit., p. 12-13 e la documentazione ivi citata. 

22 RCA, VIII, p. 107. 

23 L’ufficiale preposto alla gestione delle finanze del comune di Roma era il vestararius, termine utilizzato nella cancelleria pontifica e nei comuni del Lazio meridionale prima dell’avvento angioino. Oltre alla sostituzione di vestararius con camerarius o tesaurarius, comincia a comparire negli atti Camera Urbis per indicare l’ufficio finanziario. La Camera Urbis sarebbe stata perciò organizzata nei primi anni del secondo senatorato, forse nel 1272, con una struttura analoga alla Camera Regni, detta anche Camera regis, alla quale era sottoposta. Sulla gestione finanziaria e fiscale una regolamentazione per la Camera Regni risale al 1272, sulla quale v. S. Morelli, Per conservare la paceI giustizieri del Regno di Sicilia da Carlo I a Carlo II d’Angiò, Napoli, 2012, p. 122-130. Sugli uffici del comune di Roma nel periodo precedente, v. F. Bartoloni, Per la storia del senato romano nei secoli XII e XIII, in Bullettino dell’Istituto storico italiano per il Medioevo, 60, 1946, p. 1-108. 

24 Il quadro completo degli ufficiali a Roma e degli addetti alla Camera Urbis è conosciuto solo per il terzo periodo, nondimeno la nomina di giudici, notai e scrivani si ritrova in molto atti del decennio 1268-1278. Sulla nomina di un advocatus fisci nostri et Urbis, RCA, VI, p. 306 ; e A. De Boüard, Le régime politique… cit., p. 172 e s. ; ma v. più avanti. 

25 Disposizioni in merito alla tenuta dei registri contabili, in RCA, XXVIII, p. 207, A. De Boüard, Le régime politique… cit., p. 290-292. Il registro del maresciallo Raimondo Corvo è copiato nel registro del camerario del Regno Pietro Farinelli, che aveva una lunga esperienza nella gestione delle finanze essendo stato camerario della Chiesa romana, passò poi alla Camera del Regno quando Carlo d’Angiò l’aveva riorganizzata. Sul sistema delle finanze romane, A. De Boüard, Le régime politique… cit., p. 36-37. Sulla camera Apostolica, A. Paravicini Bagliani, Il trono di PietroL’universalità del papato da Alessandro III a Bonifacio VIII, Roma, 1996, p. 71-73. 

26 Con la bolla Fundamenta, Niccolò III intendeva riformare il senato e principalmente la carica di senatore che doveva durare solo un anno e non essere ricoperta da stranieri. Nella nomina del vicario, nella persona del re questa clausola non venne rispettata, mentre valse per i vicari del re (Philippe de Lavene, Guillaume l’Etendard, di nuovo Philippe de Lavene, Goffredo Dragone), e i camerari (Guilleume de Gaubertan seguito per breve tempo da Guicchonus de Bardi di Firenze, Ansaldo Lavandario di Piacenza). I due camerari di origine italiana provenivano da città e da famiglie che avevano intensi rapporti finanziari con il re. Guglielmo de Gaubertan era un chierico come già Ugo de Besançon. 

27 Sul controllo delle torri funzionali al sistema difensivo della città, RCA, XIX, p. 152 ; E. Dupré Theseider, Roma dal comune… cit., p. 250-51. 

28 La riforma aveva interessato anche i giudici e i notai : i giudici 8 (dei quali 2 romani e 6 forestieri), i notai 12 (romani 4, forestieri 8), v. M. T. Caciorgna, L’influenza angioina in Italia… cit., p. 194. Miglioramenti al collegio dei giudici venne apportato nel 1276 con la distinzione dei giudici addetti alle cause civili e a quelle criminali, RCA, XIII, p. 164 ; E. Dupré Theseider, Roma dal comune… cit., p. 238-240.

29 Nel seguito del vicario, quindi nella familia, erano compresi dei milites e scutuferis a carico della Camera Urbis, ma talora gli stipendi erano assicurati dalla Camera Regni, RCA, XX, p. 71. Le preoccupazioni del re erano rivolte anche al vestiario e in più occasioni sollecitò il camerario a procurare vesti adeguate agli ufficiali (RCA, IX, p. 124-125), era stato anche assunto un sutor

30 V. in proposito l’atto di nomina di Guillaume L’Etendard : RCA, XXV, p. 3-5, nomina di Filippo de Lavene, Ibid., p. 114-115, per la nomina di Ansaldo Lavandario, uno dei tre camerari che si avvicendarono alla giuda della Camera Urbis, v. RCA, XXVI, p. 25, p. 117-118 ; A. De Boüard, Le régime politique…cit., p. 290-293. 

31 RCA, XI, p. 251-252. 

32 Per la cura dei soldati feriti furono assunti dei medici. Nel 1281 fu nominato magister Franciscus de Taurasio cirurgicus : Gli atti perduti della cancelleria angioina transuntati da Carlo De Lellis, ed R. Filangieri, Napoli, 1943, I, n. 1333, p. 178. 

33 Lo ius cribellatorum dovrebbe essere un’imposta sul macinato ed è elencato con le altre imposte fiscali nel 1283, RCA, XXV, 4.

34 L’elenco completo delle uscite e delle spese è riportato nelle nomine dei vicari e camerari della nota precedente. Sui rapporti tra ebrei romani e comune di Roma, E. Rodocanachi, Le Saint-Siège et les juifs, le ghetto à Rome, Paris, 1891, riedizione, Forni, Bologna, 1972.

35 Il recupero di Sutri a spese di Pietro di Vico era avvenuto ad opera del Cantelmi, che fu per questo lodato dal pontefice (Les registres de Clément IV, I, p. 358, n. 932) ; nel recupero non sono previsti censi come era stato pattuito con il comune di Tivoli ; su Rispampani e su Barbarano il comune di Roma aveva il dominio diretto. Civitavecchia rientrava nell’ambito della dominazione dei di Vico, sui quali v. A. Berardozzi, I Prefetti, Una dinastia signorile tra impero e papato (secoli XII-XV), Roma, 2013, p. 90-95. 

36 Sul sequimentum al comune di Roma, E. Dupré Theseider, Roma dal comune… cit., p. 234-243 ; per la documentazione e l’espansione nel distretto v. M. T. Caciorgna, Il districtus Urbis : aspetti e problemi sulla formazione e sull’amministrazione, in P. Delogu e A. Esposito (a cura di), Sulle orme di Jean Coste, Roma, 2009, p. 85-110. 

37 Sull’organizzazione delle province pontificie, v. S. Carocci, Vassalli del papa. Potere pontificio, città, vassalli nello Stato della Chiesa, Roma, 2008, p. 8-10 ; M. T. Caciorgna, La politica di Innocenzo III nel Lazio in A. Sommerleckner (a cura di), Innocenzo III, Urbs et Orbs, Atti del Congresso Internazionale, Roma 9-15 settembre 1998, I, Roma, 2003 (Nuovi studi storici, 55), p. 798-803 ; Ead., Il papa « sovrano » . Lo Stato della Chiesa e il suo governo (fino al ritorno da Avignone), in L. Vaccaro (a cura di) Storia religiosa dell’Italia, 2 vol., Milano, 2016, I, p. 201-227. 

38 Sul distretto : E. Dupré Theseider, Roma dal comune di popolo… cit., p. 238-240 ; v. anche M. T. Caciorgna, Il districtus Urbis… cit., p. 108-110. 

39 Come ha mostrato Rinaldo Comba, il monopolio del sale ebbe un ruolo privilegiato tra gli obiettivi strategici di affermazione di Carlo d’Angiò che aveva raggiunto il controllo sia della produzione sia della commercializzazione per la Provenza e i territori piemontesi, R. Comba, Le premesse economiche e politiche della prima espansione angioina, in R. Comba (a cura di), Gli Angiò… cit., p. 15-28. 

40 C. Carbonetti Vendittelli, La curia dei priores et consiliarii campi salini a Roma agli inizi del Duecento, in A. Mazzon (a cura di), Scritti per Isa. Raccolta di studi offerti a Isa Lori Sanfilippo, Roma, 2008 (Nuovi studi storici, 76), p. 115-141. 

41 Nel linguaggio delle imposte fiscali il termine più corrente a Roma è quello di dohana, in uso già nella prima metà del secolo XIII, e che come iustitiarius potrebbe essere stato ispirato dagli istituti del Regno normanno. In alternativa a dohana troviamo anche ius, come il citato ius statere, cioè un diritto « sovrano » esercitato dal comune di Roma. Per una trattazione esaustiva dei termini fiscali, v. P. Mainoni, GabellePercorsi fiscali tra Regno e Italia comunale (secoli XII-XIII), in P. Grillo (a cura di), Signorie italiane e modelli monarchiciSecoli XIII-XIV, Roma, 2013, p. 45-76. Sulla diffusione di iustitiarius a Roma alla fine del XII secolo, v. M. T. Caciorgna, Il districtus urbis… cit., p. 105. 

42 Le saline di Ostia e gli altri impianti salinari erano in mano per lo più ad enti ecclesiastici, Brancaleone degli Andalò aveva recuperato al Campidoglio i campi salini della Chiesa Ostiense, che in seguito Carlo d’Angiò per intervento di Clemente IV aveva restituito ai possessori, Les registres de Clément IV… cit., p. 339, n. 862 ; sulla dogana del sale di Terracina e i tentativi di Brancaleone, M. T. Caciorgna, Una città di frontieraTerracina nei secoli XI-XIV, Roma, 2008, p. 100-105.

43 Les registres de Clément IV… cit., p. 412, n. 1247. 

44 Clemente IV si era lamentato con il vicario Bonifacio di Gualberto che aveva imposto ai Setini e agli Alatrini di adire il tribunale capitolino, Le pergamene di Sezze (1181-1347), ed. M. T. Caciorgna, 2 vol., Roma, 1989 (Codice diplomatico di Roma e della regione romana, 5) I, n. 16, p. 45-47 ; in seguito Gregorio X rimproverò Ruggero di Sanseverino che aveva ordinato alle comunità di Terracina, Priverno e Sezze di rispettare le richieste di Roma in merito al sequimentum : Le pergamene di Sezze… cit., n. 20, 21, 22, p. 58-66. 

45 ASV, Reg. 42, n. 105 (difesa del comune di Velletri), n. 111 (agli uomini di Sabina), n. 152, 153 (Corneto), 296, Lariano 398 Lariano, v. anche la recente edizione G. Rudolf e T. Frenz, Das Kammerregister Papst Martins IV, Città del Vaticano, 2007 (Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatica e Archivistica). 

46 Carlo I d’Angiò, nel periodo del suo senatorato, aveva battuto monete di diverso peso e valore (grossi, mezzi grossi e nuovi grossi che le fonti chiamano romaninus o rinforciatus con la legenda Carolus rex senator urbis), anche per il periodo dell’ultimo senatorato sono rimaste monete che portano la legenda Karolus spqr e Roma r(ex) vicarius. Sulla monetazione di Carlo I v. da ultimo, L. Travaini, Le aquile e i gigli, la scale e gli scudi. I segni del potere signorile sulle monete italiane tra Due e Trecento, in Signorie italiane e modelli monarchici… cit., p. 235-260. Sulla questione del diritto di battere moneta a Roma, S. Carocci, Pontificia o papale ? Note sulla monetazione romana (fine XII-metà XIV secolo, in A. Mazzon (a cura di), Scritti per Isa… cit., p. 157-172 (in particolare p. 169). 

47 A. Theiner, Codex diplomaticus dominii temporalis SSedis, 3 vol., Roma, 1861, I, n. 395, p. 248-250. 

48 Purtroppo la redazione statutaria è andata perduta, ma tra le ricevute emesse dal camerario è compreso un mandato di pagamento al sindaco Macario tam per statuta Urbis quam per privilegia Romani populi et consilii generalis et specialis, G.M. Monti, Codice diplomatico… cit., II, p. 189 ; RCA, III, p. 231. Non è possibile ricostruire quindi il dettato delle rubriche, ma Nicola III, il 26 settembre 1278, consigliava al senatore Matteo Orsini, succeduto al vicario regio, di rispettare l’operato del camerario anche per i proventi del comune di Roma secondo quanto stabilito in statutis novis, v. Les registres de Nicolas III, ed. J. Gay, 1898, n. 128, p. 42. 

49 RCA, VIII, p. 243, v. anche supra nota 21. 

50 Petrus de Papia, iuris peritus civis romanus è raccomandato per il ruolo di advocatus in Urbe fisci nostri ac communis, RCA, VI, p. 306. 

51 Il re-senatore si dichiarava disposto alla concessione se non vi fossero stati impedimenti, RCA, VI, p. 285.

52 V. Cameli, M. Vendittelli, Ancora una testimonianza… cit., p. 14. 

53 L’ordine di recupero è indirizzato al vicario e al camerario, ma il sovrano, il 2 giugno 1272, disponeva il pieno recupero del castrum essendo stato pagato il debito, RCA, VIII, p. 243. 

54 A Isnardo Ugolini, che era stato vicario regio a Firenze e non aveva ricevuto il salario, fu dato in concessione il castello di Rispampani (RCA, VI, p. 219), qualche anno dopo (1276) lo stesso castello fu dato in custodia a Stefano Taloni (RCA, XIII, p. 175 ; XVI, p. 164). 

55 Nel 1278 Matteo Orsini richiese in pagamento del salario di podestà i proventi del giustizierato di Camporotondo e Massa insieme ai diritti della dogana e del porto di Montalto, E. Dupré Theseider, Roma dal comune… cit., p. 240. 

56 RCA, XXVII, p. 138, 284, 293, 303, 369, 395, 425 ; sull’operato di questo vicario di Carlo I, v. N. Kamp, Dragoni Goffredo, in DBI, 41, Roma, 1992, p. 677-680.

57 S. Carocci, M. Vendittelli, Società ed economia (1050-1420) in A. Vauchez (a cura di) Roma medievale, Roma-Bari, 2001, p. 71-116, in particolare p. 99-108 ; J.-C. Maire Vigueur, L’altra RomaUna storia dei romani all’epoca dei comuni (secoli XII-XIV), Torino 2011, (trad. italiana di L’autre Rome. Une histoire des Romains à l’époque des communes (XIIe-XIVe siècle), Paris, 2010), p. 211-214. 

58 Il trasferimento degli approvvigionamenti della corte è inviato a Roma oppure a Viterbo, dove si trovava la curia pontificia durante i conclavi e dove si tratteneva a lungo il re con il suo seguito, v. RCA, XIII, p. 130 ; XV, p. 3 ; XIX, p. 154. Nelle lettere si specificava anche che da ogni tumino di frumento dovevano essere fatti pani ben cotti in numero di 30 del peso di 10 once (Gli atti perduti… cit., p. 178, n. 1328). 

59 RCA, VI, p. 234 ; VIII, p. 23 ; XVI, p. 165. 

60 Anzi il grano venduto andava annotato su due registri, uno dei quali andava spedito alla Regia curia l’altro tenuto a Roma, RCA, XIX, p. 149 ; Gli atti perduti, p. 138 n. 139. 

61 Il sale era importato anche dalla Provenza e, nel 1276, il re incaricò dell’invio a Roma di una quantità di seimila once, A. De Boüard, Le régime politique… cit., p. 230-231. 

62 A. Vitale, Storia diplomatica… cit., p. 174-175. 

63 RCA, XIII, p. 130. 

64 Gli atti perduti, p. 138, n. 1057. 

65 C. Carbonetti Vendittelli, Le scritture del comune di Roma nei secoli XII e XIII, in Roma e il suo territorio nel medioevo. Le fonti scritte fra tradizione e innovazione, Atti del Convegno internazionale di studio dell’Associazione italiana dei Paleografi e Diplomatisti, Roma, 25-29 ottobre 2012, Spoleto, 2015, p. 293-342 (in particolare 304-306). 

66 Secondo un sistema già presente, come per il controllo delle strade dell’interno, il comune di Roma faceva ricadere sui comuni del distretto, il peso dei carichi degli ufficiali preposti al controllo del distretto. 

67 Mi sembra di poter assegnare l’istituzione di questa magistratura in concomitanza con la notevole riorganizzazione degli apparati del comune capitolino. La prova che i grascieri operassero già nel 1273-74 è data dal nome del vicario-senatore che risulta aver inflitto per primo condanne ai cornetani, Nicolò de Riso in carica nel 1274. La data si discosta da quella proposta da Luciano Palermo (L. Palermo, Mercati del grano a Roma tra Medioevo e Rinascimento. I. Il mercato distrettuale del grano in età comunale, Roma, 1990, p. 103-104), che l’aveva dedotta dall’anno dell’assoluzione del comune di Corneto del 23 gennaio 1283 ; data che si riferiva a diffide imposte proprio da Nicoloso de Riso in quanto il comune di Corneto non aveva provveduto al pagamento dei grascieri e per altri atti di insubordinazione commessi sotto lo stesso vicario (P. Supino [dir..], La « Margarita Cornetana », Roma, 1969, n. 1, p. 51). Nel 1283, in seguito ai Vespri, quando il governo angioino su Roma volgeva ormai al termine, il comune di Roma, retto ancora dal vicario angioino, rese esecutive le condanne pronunciate circa dieci anni prima. 

68 L. Palermo, Mercati del grano… cit., p. 104-105. L’invio di grascia a Roma era un onere obbligato anche per i comuni dell’interno, ai quali si comminavano pene per aver esportato grani e cereali senza il pagamento dell’imposta, e in taluni casi i comuni ottennero esenzioni dal pagamento. Nel 1284, Bernardo giudice del comune di Viterbo per il podestà Annibaldo Annibaldi a richiesta del castellano e podestà di Bagnaia dichiara esenti i cittadini di Bagnaia dalla gabella del pedaggio per l’esportazione delle grascie (Archivio comunale di Bagnaia, 1052, anno 1284 (4107). 

69 P. Supino (a cura di), La « Margarita Cornetana »… cit., n. 1, 190, 241 ; v. anche L. Palermo, Mercati del grano… cit., p. 110-116. 

70 Sullo strapotere dei baroni romani il rinvio d’obbligo è a S. Carocci, Baroni di Roma… cit. e a J.-C. Maire Vigueur, L’altra Roma,… cit., p. 200-258. 

71 I. Lori Sanfilippo, La Roma dei RomaniArti, mestieri e professioni nella Roma del Trecento, Roma, 2001 (Nuovi studi storici, 57). 

72 Sulla situazione economica di Roma nella prima metà del Trecento, S. Carocci, M. Vendittelli, Società ed economia (1050-1420)… cit., p. 99-108 ; L. Palermo, Sviluppo economico e società preindustrialiCicli, strutture e congiunture in Europa dal medioevo alla prima età moderna, Roma, 1997, p. 287-340 ; J.-C. Maire Vigueur, L’altra Roma… cit., p. 296- 303. 

73 Sugli avvicendamenti di senatori forestieri e prevalenza di baroni romani eletti o riconosciuti da Roberto d’Angiò o da suo figlio Carlo d’Angiò fino al 1328, M.T. Caciorgna, L’influenza angioina… cit., p. 190-191, alle p. 202-206 elenco aggiornato dei vicari-senatori ; v. anche E. Dupré Theseider, Roma dal comune… cit., p. 430-431. 

74 La ricostruzione dei registri arriva agli anni 1293-1295, volume L. 

75 Sebbene il ripiegamento dell’attività finanziaria dei mercanti romani datasse alla seconda metà del XIII secolo, alcune compagnie finanziarie erano accreditate presso la curia avignonese e ad esse il pontefice Giovanni XXII affidò il trasferimento delle somme per il restauro della chiesa di San Pietro in Vaticano, di San Paolo e forse anche di San Lorenzo fuori le mura, E. Dupré Theseider, Roma dal comune… cit., p. 441-442 ; I. Ait, Roma : una città in crescita tra strutture feudali e dinamiche di mercato, in Le città del Mediterraneo all’apogeo dello sviluppo medioevale : aspetti economici e sociali. Atti del XVIII Convegno Internazionale di Studi del Centro Italiano di Studi di Storia e d'Arte, Pistoia 18-21 maggio 2001, Pistoia, 2003, p. 273-323. 

76 Per gli Statuti dei mercanti, I. Sanfilippo, La Roma dei romani… cit., p. 75

77 Per gli Statuti dei merciai, Ibid., p. 78-80.

78 Gli Statuta et ordinamenta artis pannorum lane, sono databili al 1321, Ibid., p. 150-151. 

79 I. Ait, Roma tra il fiume e il mare : porto e navigazione nel bassomedioevo, in Archivio della società romana di storia patria, 127, 2004, p. 77-110, p. 105.

80 La Torre delle Milizie fu ceduta dai Caetani in cambio di alcune terre e castelli nel Regno, E. Dupré-Theseider, Roma dal comune… cit., p. 440-442 ; v. anche Anonimo Romano, Cronica, ed. G. Porta, Milano, 1979. 

81 A Roma arrivarono rifornimenti alimentari nel 1325, nel 1327, nel 1333, Archivio di Stato di Napoli, Carlo De Lellis, Notamenta, IV, III, f. 47, 1130, e forse in altri momenti ma non vi sono testimonianze. 

82 La rivolta contro Guglielmo di Eboli (nominato vicario nell’ottobre 1328 e costretto a fuggire nel gennaio 1329) era stata fomentata dagli esponenti della nobiltà romana, ed infatti dopo di lui sono eletti dal popolo sindaci Stefano Colonna e Poncello Orsini, confermati dal re per un semestre, secondo l’uso ormai consolidato. Essi misero a disposizione della popolazione romana le scorte di cereali stipate nei loro magazzini che calmarono il clima generale della città (E. Dupré Theseider, Roma dal comune… cit., p. 488-489). 

83 Nel 1315 il re sollecitava il suo vicario Gerardo de Spinulis de Ianua a nominare Iohannes Iacobini de Urbe unum ex notariis in causis maleficiorum, nel 1318, nominava uno dei due camerari nella persona di Giovanni di Nocera come camerario, A. Vitale, Storia diplomatica… cit., p. 221, 223. 

84 La Camera Urbis, retta da due camerarii, disponeva di due notai e 4 scrittori, come risulta dalla nomina di Pietro Bajano iuris peritus e Tancredi magistri Accursii, A. Vitale, Storia diplomatica… cit., p. 243-247. 

85 Il vicario aveva a sua disposizione cento cavalieri come risulta nel 1313, ma il loro numero aumentò vistosamente : ben ottocento furono al seguito di Gugliemo da Eboli. Già nel 1326, il re era preoccupato per l’aumento dei funzionari a Roma e raccomandava la sostituzione o il rinnovo badando però a mantenere lo stesso numero, A. De Boüard, Le régime politique… cit., p. 138-139. 

86 Sulla composizione del collegio che doveva scegliere i maestri dello Studium, D. Internullo, Ai margini dei giganti. La vita intellettuale dei romani nel XIV secolo (1305-1367 ca), Roma, 2016, p. 48-50. 

87 Nel 1319 il vicario regio, Giovanni di Alcheruccio di Bobone, si rivolgeva al comune di Todi chiedendo l’invio a Roma di Francesco di Rainalduccio pro doctore ordinario in iure civile ; Isa Sanfilippo, La Roma dei romani… cit., p. 468, ha notato che nello stesso anno la Fraternitas Romana aveva chiamato come lettore delle Decretali il canonico di San Crisogono, ci sarebbe quindi una distinzione, e che spettasse al comune la nomina nell’ambito del diritto civile e per il diritto canonico alla Romana Fraternitas

88 De Lellis, Notamenta IV, bis III, f.521, anche in A. De Boüard, Le régime politique… cit., p. 198. 

89 Per la prima metà del Trecento, non ci sono attestazioni sull’insegnamento della medicina a Roma, quindi l’ordine ai camerari del 1334 di pagare lo stipendio ai maestri in civili et fisici dello Studium colma una lacuna. L’insegnamento della medicina a Roma potrebbe essere stato introdotto o favorito dal re che aveva promosso gli studi di medicina a Napoli, v. ora, A. Robert, Médecine et théologie à la cour des Angevins de Naples, in J. Chandelier e A. Robert (dir), Frontières des savoirs en Italie à l’époque des premières universités (XIIIe-XVe siècle), Rome, 2015 (Collection de l’École française de Rome, 505), p. 295-349, in part. p. 311-324 (Robert d’Anjou et la médecine à Naples). 

90 Sui mutamenti delle competenze di rettori e tesorieri nelle province dello Stato della Chiesa, A. Jamme, De la banque à la Chambre ? Les mutations d’une culture comptable dans les provinces de l’État pontifical (1270-1430), in A. Jamme, O. Poncet (a cura di), Offices et papauté (XIVe-XVIIe siècle)Charges, hommes, destines, Rome, 2005 (Collection de l’École Française de Rome, 334) pp. 97-251 e M. T. Caciorgna, Il papa « sovrano »... cit., p. 218-219. 

91 Nel 1316 i due senatori, Stefano Conti e Riccardo Orsini, d’accordo con i tesorieri, impegnavano parte del censo di Tivoli, successivamente nel 1318 il vicario Nicola de Jamvilla procedeva alla vendita di scorte di sale per pagare il proprio salario e quello di alcuni ufficiali. I due atti sono editi da A. De Boüard, Le régime politique… cit., Appendice n. XV e XVII, p. 300-303 e 304-306. 

92 Il re Roberto conferma, su richiesta di Giovanni XXII, a Giovanni Capocci il castello di Monticelli (Montecelio) che aveva acquistato per cinque anni, Ibid., Appendice, doc. XXIX, p. 322-333. 

93 Nel frattempo, il comune di Roma aveva ampliato il numero dei comuni soggetti, Tuscania, Velletri e Amelia in Sabina, ma non sembra che tra le condizioni imposte si prevedessero censi in denaro come per il comune di Tivoli. 

94 M. Antonelli, Una relazione del vicario del Patrimonio a Giovanni XXII in Avignone, in Archivio della società romana di storia patria, 18, 1895, p. 466-467. In questi primi anni del Trecento, i processi contro Corneto per l’esportazione clandestina di grano, come si evince da P. Supino (a cura di), La « Margarita Cornetana »… cit., sono molto diminuiti. Sulla turbolenza nel distretto nel periodo di Roberto, v. E. Dupré Theseider, Roma dal comune… cit., p. 449-451 ; v. anche A. Jamme, Conscience et gestion de la crise dans le Patromoine de Saint Pierre, in MEFRM, 117-1, 2005, p. 353-406. 

95 La situazione comincia a cambiare e si vede il diverso peso che rivestono le imposte sui comuni del distretto, ad esempio l’emptio salis, che aveva costituito un elemento della strategia di affermazione nel secolo precedente, ora può essere commutata, con una imposta complessiva. Non sappiamo se si arrivò all’applicazione di queste modifiche in quanto con i regimi successivi, dal 1360, l’acquisto del sale era divenuta un’imposta che gravava su tutti i comuni e castelli del distretto e calcolata in base alla popolazione esistente, M. T. Caciorgna, Il districtus Urbis… cit., p. 108-110. 

96 Per quanto preciso l’elenco dei salari e la relativa copertura finanziaria, il totale dei compensi eccede il gettito delle entrate e risulterebbe uno sbilancio che forse andava colmato con entrate aggiuntive non specificate. 

97 A. Vitale, Storia diplomatica… cit., p. 243-247. 

98 M. T. Caciorgna, Ufficiali forestieri nel Lazio, in I podestà dell’Italia comunale… cit., p. 815-845 ; R. Caggese, Roberto d’Angiò e i suoi tempi, I, Firenze, 1922, p. 62-67, 101-104, 130-145 ; II, Firenze, 1930, p. 348, 368. 

99 Per la situazione di Rieti sempre utili M. Michaeli, Memorie istoriche della città di Rieti e dei paesi circostanti dall’origine all’anno 1560, Bologna, 1968 (ristampa), III, p. 62-80 e R. Caggese, Roberto d’Angiò e i suoi tempi… cit., I, p. 62-67, 101-104, 130-145 ; II, p. 65- 68, 107 e s., 348, 368. 

100 Nel 1321, Roberto d’Angiò si rivolgeva ad Abamonte de Lectis, capitano regio a Rieti, sollecitando la segnalazione di persone alle quali affidare incarichi podestarili e altri ruoli e funzioni (Archivio di Stato di Rieti, Pergamene, Perg. L/105/199). Sui reatini entrati nel giro degli ufficiali angioini, v. M. T. Caciorgna, Ufficiali forestieri… cit., p. 840-844. 

101 Non disponiamo di un elenco completo dei podestà di nomina regia, che iniziano già negli anni 1308-1309 e seppure con interruzioni arrivano fino agli anni 1334-1335, Ibid., p. 834-845. 

102 Archivio comunale di Rieti, A VIII, Fasc. A, 8. 

103 Ibid., VIII, Fasc. A 9. 

104 Per diverse cedole di pagamento v. M. Giovannelli (a cura di), Archivio storico del comune di RietiInventario, Ministero per i beni e le attività culturali, Roma, 2010, p. 23, 24. 

105 G. Coniglio, Angiò, Carlo detto l’Illustre, in DBI, 3, Roma, 1961, p. 263-265. 

106 Per la documentazione comunale di Terracina e le condizioni del comune durante il periodo angioino, v. M. T. Caciorgna, Una città di frontiera… cit., p. 311-333, in particolare p. 316-319 sulle espressioni usate per indicare le relazioni con il comune e la Sede Apotolica (sub dominio et protectione, subpositio regali Excellentia). 

107 Per l’elenco dei podestà angioini a Terracina, v. M. T. Caciorgna, Una città di frontiera… cit., p. 353-354. 

108 Non è rimasta la redazione completa degli statuti ma soltanto la copia di una lunga rubrica copiata nel 1319 ; dal 1317 è attestata la magistratura dei boni homines che affiancava i consigli generale e speciale, Ibid., p. 318-321

109 Ciascuna guarnigione era composta di 20 soldati sotto la guida di un comestabilis balisteriorum, Ibid., p. 321-322. 

110 Biblioteca Apostolica Vaticana, Pergamene di Terracina, Cart. I, perg. 28. 

111 Un quadro completo dei rapporti con i comuni piemontesi in R. Comba (dir.), Gli Angiò… cit., in particolare i saggi di P. Grillo, Un dominio multiformeI comuni dell’Italia nord-occidentale soggetti a Carlo d’Angiò, p. 31-102 ; P. Mainoni, Il governo del re… cit., p. 103-138 ; R. Rao, Dal comune alla coronaL’evoluzione dei beni comunali durante le dominazioni angioine nel Piemonte sud-occidentale, p. 138-160. 

Auteur

Università di Roma 3, mtcaciorgna@gmail.com

© Publications de l’École française de Rome, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Volume papier

amazon.fr