Version classiqueVersion mobile

Les cardinaux entre Cour et Curie

 | 
François Jankowiak
, 
Laura Pettinaroli

Conseillers « nés » : L’influence des cardinaux dans le processus décisionnel

Il centro cardinalizio per una strategia vaticana nel governo della Chiesa dopo il 1870

Andrea Ciampani

Résumé

Mentre la fine dello Stato pontificio evidenzia processi di grande respiro, dopo il 1870 si manifesta un dinamismo nuovo nel governo della S. Sede. Ne è protagonista un ampio centro cardinalizio, emerso dopo il Sillabo e affermatosi negli anni Settanta, in grado di attrarre elementi moderati dagli ambienti transigenti o intransigenti. Costituito da più componenti e generazioni, il centro cardinalizio introdusse nella curia romana, tra i pontificati di Pio IX e Leone XIII, una progettualità in grado di riaffermare il rapporto tra ortodossia, morale e politica consentendo una pluralità di condotta pratica dei cattolici nella vita pubblica. Entro tale indirizzo prende forma la strategia vaticana, presto evidente nel caso italiano e belga, per unire nella società moderna i fedeli cattolici e favorire una loro mobilitazione a sostegno delle « esigenze altissime » della S. Sede.

Texte intégral

  • 1  Sul dibattito scientifico recente sul pontificato di Leone XIII : V. Viaene (a cura di), The papac (...)
  • 2  L’avviarsi del movimento di studi in tale direzione in C. M. Fiorentino, La questione romana intor (...)

1Riflettendo sulle dinamiche di lungo periodo che investono la corte e la curia pontificia, la ricerca storica sta esaminando con rinnovata attenzione i processi che spinsero Pio IX a convocare il Concilio Vaticano I e che consentirono alla S. Sede di affrontare le difficoltà connesse alla fine dello Stato pontificio1. Nello stratificarsi di una produzione storiografica attenta ad una « storia incarnata » della Chiesa, grazie ai recenti scavi archivistici è stato possibile arricchire gli scenari interpretativi dell’evoluzione della curia romana individuando il costituirsi al suo interno di un « centro cardinalizio » che, fin dalla metà degli anni Settanta, diede alla S. Sede un maggiore dinamismo nel formulare i propri orientamenti di fronte alla società e agli Stati costituzionali di fine Ottocento2.

  • 3  A. Ciampani, Da Pio IX a Leone XIII : il dibattito nella Curia romana dopo l’unità d’Italia, in A. (...)

2È ormai possibile, infatti, non solo cogliere l’emergere « accanto al pontefice di un gruppo di cardinali che si collocano al centro tra le posizioni puramente “transigenti” o definitivamente “intransigenti” nei confronti dello Stato liberale »3, ma soprattutto percepire la sua effettiva affermazione e la sua capacità attrattiva in Vaticano. Insomma, si può individuare « l’indirizzo vaticano » suscitato dall’insediamento nel collegio cardinalizio di un ampio e articolato « centro » impegnato ad orientare il governo alla Chiesa universale orfano dello Stato temporale, costituendo un lascito rilevante nel protrarsi del confronto tra S. Sede, società civile e potere pubblico.

  • 4  J. Le Goff, Ricerca e insegnamento della storia, Firenze, 1991, p. 31. Sui riflessi di tali approc (...)
  • 5  Una prima sistemazione d’insieme degli orientamenti cardinalizi, condotta alla luce delle fonti al (...)

3Intorno a tali dinamiche, comunque, si addensa un significativo arricchimento interpretativo che sorprende il punto di partenza del mutamento di strategia della curia romana dopo il 1870, rintracciando le origini del fenomeno e superando un approccio storico « soltanto regressivo »4. Nello stesso tempo, un’opportuna opera di contestualizzazione consente di riconsiderare alcuni assunti parziali che hanno spesso preteso di costituire categorie generalizzanti, senza riuscire a trasformare notevoli sforzi di approfondimento su singole personalità o su ristretti ambienti in convincenti letture della storia delle élites cardinalizie. È possibile, infine, riconsiderare forzate caratterizzazioni del collegio cardinalizio che sorgono da semplicistiche attribuzioni oppositive (come ultramontani/ conciliaristi) o falsamente bipolari (come zelanti/ politicanti), il cui calco culturale tratto senza mediazioni dalla polemistica del XIX secolo non ha giovato alla critica indagine storiografica5.

L’avvio di un processo : dove porre le colonne d’Ercole ?

  • 6  Dal 2013 si è costituito un gruppo di lavoro su Il Vaticano I e la modernità sotto la direzione di (...)

4Dopo le vicende del papato nel biennio 1848/1849, che alterarono definitivamente gli equilibri dello Stato pontificio dopo il Congresso di Vienna, i processi di ampio respiro che investirono il confronto tra Chiesa e società moderna costituirono il retroterra politico-culturale che spinse Pio IX e un gruppo di suoi cardinali a chiudere il dibattito sul Syllabus e a preparare il Concilio Vaticano I6.

  • 7  La lettera in V. Viaene, The Roman Question : Catholic Mobilisation and Papal Diplomacy during the (...)
  • 8  F. Jankowiak, La curie romaine de Pie IX à Pie X : le gouvernement central de l’Église et la fin d (...)
  • 9  L. Sandoni, Il Sillabo di Pio IX, Bologna, 2012, p. 47.
  • 10  K. Schatz, Vaticanum I, 1869-1870, 3 v., Monaco-Paderborn, 1992-1994 e R. Aubert, À propos de l’œu (...)

5Uomo esperto nella gestione dello Stato, Giuseppe Berardi (non ancora cardinale) poteva scrivere al coetaneo nunzio Flavio Chigi ancora nell’estate 1864 una considerazione sulla politica vaticana : « Non si ha per certo Governo più condiscendente di quello della Santa Sede. Esso di fatti arriva sempre fin dove può. Giunto però che esso è alle colonne di Ercole si arresta, ed usa allora il suo non mai abbastanza lodevole « non possumus »»7. Non molto tempo dopo, alla vigilia della pubblicazione del Sillabo nel dicembre 1864, nel momento in cui il barnabita Bilio interveniva nell’ultima redazione8, veniva tolta la condanna della proposizione LXXXII : « I presenti moti e sconvolgimenti dell’Italia non hanno alcun carattere religioso, ma solo politico »9. Con questo intervento, certo, si evitava un diretto riferimento allo Stato unitario italiano realizzatosi nel 1861. Nella scelta pontificia si può leggere, tuttavia, anche l’intento di ridimensionare la preminenza che i fattori politici sembravano assumere su quelli religiosi negli eventi che investivano la S. Sede. Era in corso, infatti, un processo di riequilibrio tra il profilo dottrinale del governo della Chiesa e le ragioni della sua forma statuale, rilevabile poco dopo anche nella mancata convocazione delle potenze cattoliche (Francia, Austria, Spagna, Portogallo) ai lavori conciliari e nella marginalità che in essi rivestì il segretario di Stato vaticano rispetto ai cardinali cui erano affidate le congregazioni vaticane della Sacra Penitenzieria, dell’Indice e del Sant’Uffizio10.

  • 11  Ora E. Lamberts, La lotta con il Leviatano : percorsi di un ordine politico conservatore in Europa (...)
  • 12  V. Viaene, Introduction, in V. Viaene (a cura di), The papacy… cit., p. 10-11.
  • 13  Cfr. M. Papenheim, Il pontificato di Pio IX e la mobilitazione dei cattolici in Europa, in A. Ciam (...)
  • 14  Cosi nel documento preparatorio di mons. Czacki alla riunione cardinalizia del 16 agosto 1877, pre (...)
  • 15  V. Viaene, Introduction… cit., p. 10. Cfr. anche P. Pirri (a cura di), Pio IX e Vittorio Emanuele (...)
  • 16  A. Ciampani, Die politische Funktion des Antiklerikalismus und das Öffentliche Engagement der Kath (...)

6La caduta del potere temporale, dopo lo stupore iniziale, con l’appello del papa ai popoli cattolici di fronte a quella che venne considerata come una sorta di apostasia delle potenze europee, condusse la S. Sede ad accentuare quel processo, ponendo la libertà degli « altissimi interessi religiosi » nel cuore della Questione romana. Un movimento che trapela anche dall’intervento del Vaticano tra il 1873 e il 1874 sulle reti europee sorte a sostegno della protesta pontificia per l’occupazione di Roma, indirizzandole a partecipare al dibattito pubblico tramite l’associazione, la stampa e tutti i mezzi legali dei regimi costituzionali11. L’accentuarsi di tale evoluzione pontificia dopo la morte del cardinal Antonelli, nel 1876, dunque, non è riconducibile solo all’utilizzo di « moderni » mezzi di comunicazione12, né soltanto all’esercizio di una cauta azione diplomatica tramite le nunziature o gli episcopati13. Piuttosto, prendeva forma la proposta di un papato come « immenso potere morale »14 che, lungi dal presentare la S. Sede « as a moral great power »15, faceva leva sulla capacità di orientare il comportamento dei credenti di fronte agli straordinari mutamenti che investivano la vita pubblica, individuando nel processo di secolarizzazione il suo grande avversario16. Non veniva accantonata, così, la rivendicazione di una sovranità territoriale, ma la richiesta di una sua legittimistica restaurazione ; la protesta papale si concentrò esplicitamente sull’esigenza di conseguire una piena indipendenza del magistero pontificio. Il rapporto precedente tra le esigenze ecclesiali e quelle politiche si andava modificando a favore delle prime.

  • 17  Così l’introduzione Léon XIII : une vision du monde entre deux siècles, in P. Levillain, J.-M. Tic (...)

7Il passaggio realizzato nel governo della Chiesa dopo il 1870, così, prendeva forma negli articolati dibattiti delle congregazioni vaticane su distinti dossier tramite il convergere di molteplici posizioni in un ampio centro cardinalizio. Talora ricercando adeguate argomentazioni in favore di una prassi di moderazione politica, talora proponendo ai fedeli l’ortodossa condotta morale come riferimento sicuro nella « mutabilità dei tempi », si rese possibile attrarre molteplici esponenti della curia romana in una sorta di « alliance de fermeté doctrinale inébranlable sur les principes […] et de compréhension de son temps qui va au-delà d’une simple habileté diplomatique »17. Collocando, per così dire, le « colonne d’Ercole » sul versante degli « interessi altissimi della religione » era possibile ampliare lo spazio dell’esplorazione socio-politica che si riconosceva all’interno di tale limes.

Componenti e generazioni del centro cardinalizio

  • 18  Tra i più intransigenti erano collocati i cardinali Vannicelli Casoni, Clarelli Parracciani, Cater (...)
  • 19  Considerati più transigenti erano i cardinali Barnabò e Grassellini, Di Pietro e Silvestri, Guidi (...)
  • 20  In questa sede non è possibile presentare un articolato rinvio all’ampia bibliografia in materia : (...)

8Nell’ambito di questi dibattiti vaticani, dunque, si possono individuare tre principali componenti dell’ampio e attrattivo « centro cardinalizio » che sostenne Pio IX e Leone XIII nel passaggio tra i due pontificati, distinguendosi sia dalle frange curiali più « intransigenti »18 sia dalla pattuglia di coloro che venivano considerati « transigenti » per i loro entourages politici19. Al margine di questo centro cardinalizio, si può individuare un gruppo di cardinali che vedeva, accanto ad Antonelli, uomini educati al realismo politico nella condivisione dell’opera di governo dello Stato pontificio, come Mertel, Consolini e Berardi. Più complesso e articolato era un secondo raggruppamento cardinalizio, maggiormente attento alle dinamiche ecclesiali : da un lato, coloro che mostravano caute attenzioni alle proposte transigenti, come nel caso di De Angelis, Bizzarri, De Luca e Barili ; dall’altro coloro che apparivano interessati a una ponderata rielaborazione delle suggestioni intransigenti, come nel caso di Asquini e Simeoni. Esponenti di riferimento di queste due componenti, con i loro confini mobili, furono rispettivamente il vicario di Roma Patrizi e il penitenziere maggiore Panebianco, nonché i più giovani cardinali che subentrarono loro nelle due rilevanti funzioni, Monaco La Valetta e Bilio. Un terzo ambiente, infine, era costituito da figure impegnate ad amalgamare tali mondi : accanto ai cardinali Amat e Riario Sforza, Pecci e Sacconi, emerse il ruolo sempre più rilevante del Franchi. Sarà proprio nel tessuto di relazioni tra Franchi, Bilio e Monaco La Valletta, che si poterono posizionare non solo Czacki, Nina e Lodovico Jacobini, ma anche caratteri assai diversi tra loro come Franzelin, Oreglia e Ledóchowski, per un verso, e Schiaffino, Angelo Jacobini e Domenico Jacobini, per un altro20.

  • 21  Può essere interessante anche notare che tra il 1795 e il 1815 erano nati tutti i cardinali più in (...)
  • 22  Testimone diretto del rapporto tra i due cardinali, « de tempéraments très différents » ma « unis (...)

9Considerando gli esponenti del centro cardinalizio attivi negli anni Settanta, inoltre, appare interessante notare un duplice profilo generazionale (di seguito si indicheranno tra parentesi le date di nascita) : da un lato, coloro che si formarono nella fine del periodo napoleonico e nel riproporsi delle dinamiche di Antico regime ; dall’altro, coloro che vissero ancora ventenni gli anni Quaranta, coinvolti nella visione prospettica suscitata dalle aspettative del decennio21. Tra i primi troviamo, oltre all’intero gruppo dell’Antonelli (1806) e del Mertel (1806), principi della Chiesa scelti ancora da Gregorio XVI come Amat (1796), Patrizi (1798) e Riario Sforza (1810), quest’ultimo cardinale nel gennaio 1846 ad appena 35 anni ; alla stessa generazione appartengono anche cardinali nominati da Pio IX come Panebianco (1808) e lo stesso Gioacchino Pecci (1810). Nel secondo gruppo troviamo i successori del penitenziere maggiore e del vicario di Roma, rispettivamente Bilio (1826) e Monaco La Valletta (1827), così come personalità a loro collegate, quali Ledóchowski (1822) e Oreglia (1828), Angelo Jacobini (1825) e Schiaffino (1829). Anche per il suo profilo biografico, il Franchi (1819) appare una figura cruciale di amalgama nella curia romana, potendosi considerare in un certo senso il più giovane esponente del primo gruppo e il più maturo del secondo (mentre assai più giovane era il suo amico Czacki, nato nel 1834)22.

  • 23  Cfr. G. Martina, Soppressioni, 1866. Italia : soppressioni liberali, in Dizionario degli istituti (...)
  • 24  Ferrieri (1810) e Capalti (1811) divennero cardinali nel 1868. Particolari ragioni diplomatiche fa (...)
  • 25  Per uno sguardo sintetico sui lavori conciliari C. Pioppi, Il concilio Vaticano I (1869-1870), in (...)

10Introducendo nella riflessione, accanto all’elemento generazionale, i tempi di elevazione alla porpora cardinalizia e la celerità con la quale venne concessa dal pontefice, il quadro si fa più mosso e introduce ulteriori indicazioni sull’emersione del centro vaticano a metà degli anni Sessanta e sul periodo del suo costituirsi nella metà degli anni Settanta (dal 1866 al 1877, periodo segnato dal Concilio e dalla Breccia di Porta Pia, si svolsero 9 dei 23 concistori di Pio IX). Le tensioni dei rapporti Stato-Chiesa in Italia tra il 1866 e il 1867, legate alla legge sull’eversione dell’Asse ecclesiastico e alla sua applicazione23, potevano favorire la nomina di qualche cardinale italiano intransigente24 ; meritano attenzione, allora, non solo la nomina nel marzo 1868 di un moderato con esperienze di governo come Berardi (1810), ma l’elevazione al cardinalato di Monaco La Valletta, che allora aveva appena compiuto quarantuno anni. Soprattutto, appare di particolare rilievo la volontà di Pio IX di attribuire la porpora già nel 1866 ad un altro esponenti della seconda generazione del centro cardinalizio, il Bilio, appena quarantenne ! Il convergente consenso tra le generazioni dei rappresentanti i diversi profili di moderazione presente tra i cardinali di curia fu messo alla prova dai lavori conciliari, le cui sessioni furono presiedute dall’anziano De Angelis (1792), dai moderati De Luca (1802) e Bizzarri (1805), elevati alla porpora nel 1863, dall’intransigente Capalti e dal più giovane Bilio, – tra questi due ultimi prestigiosi cardinali, anche perché anche di recente nomina, passavano quindici anni di differenza !25

  • 26  Il documento circa l’esame della questione « se convenga permettere ai cattolici italiani di conco (...)

11Dopo il primo smarrimento seguito all’indomani di Porta Pia, la proposta del centro cardinalizio fu rilanciata con autorevolezza dal Franchi, diventato cardinale nel 1873 ; seguirono le nomine di più anziani esponenti a lui vicini, come Simeoni nel 1875 e Nina nel 1877. Questo movimento si rafforzò con la promozione alla porpora di esponenti della seconda generazione coerenti con la progettualità del Bilio, come il quarantacinquenne Oreglia nel 1873 e il cinquantenne Franzelin nel 1875. Il valore di tale dinamica si manifestò, ad esempio, nella commissione cardinalizia del 30 novembre 1876 che all’unanimità deliberò su tempi e condizioni per superare il non expedit : erano presenti Mertel, Franchi, Bilio, Monaco La Valletta, Franzelin – mons. Nina aveva la funzione di segretario26.

  • 27  Sul venir meno negli anni Settanta di figure di rilievo del decennio precedente cfr. F. Jankowiak, (...)
  • 28  Cfr. quanto riportato nel Diario del cardinal Bilio in A. Ciampani, Un cardinale barnabita… cit., (...)
  • 29  Sul ruolo di Bartolini nel conclave : C. M. Fiorentino, P. Generoso Calenzio e il « Diario del con (...)
  • 30  Ponenza a stampa Sagra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, 1879. Stati Italiani (...)

12Morto Riario Sforza nel 187727, dunque, in vista del conclave molti ambienti cardinalizi si volsero al Franchi e al Bilio. La candidatura del nuovo papa, peraltro, fu tema di una dozzina di particolari congregazioni cardinalizie su di un possibile futuro conclave, tenutesi tra il novembre 1877 e il gennaio 1878, cui parteciparono con Franchi, Nina, Bilio, Monaco, Panebianco, Pecci, Mertel e Czacki (segretario), anche Simeoni e Di Pietro. Come ormai noto, tuttavia, la definitiva scelta di Pecci come eligendo al soglio pontificio fu presa il 12 febbraio 1878 nella riunione a palazzo Falconieri tra Franchi, Bilio, Monaco La Valletta, Manning, Nina e Bartolini28. Ad eccezione di quest’ultimo esponente intransigente29, gli altri cardinali ebbero incarichi di prestigio nel pontificato di Leone XIII : Franchi divenne il suo primo segretario di Stato, seguito alla sua morte – già nel luglio 1878 – dal Nina. Un elemento di continuità con le proposte affacciate sotto Pio IX, del resto, trapela dalla congregazione del S. Uffizio, composta da Nina, Bilio, Monaco La Valletta, Franzelin, assessore Angelo Jacobini, che il 6 ottobre 1878 esaminava la domanda se un cattolico poteva accettare la nomina a senatore del Regno d’Italia : richiamando esplicitamente la deliberazione del 1876, la commissione diede la sua autorizzazione con la formula tollerari posse30.

13In seguito non cessò il reclutamento di ancora più giovani esponenti al centro vaticano, come Lodovico Jacobini (1832) e Czacki, cardinali rispettivamente nel 1880 e nel 1884. Nella prima metà degli anni Ottanta, peraltro, cessò la nomina di porporati quarantenni come nel periodo 1866-1868, promuovendo nel collegio figure di prestigio della prima o della seconda generazione : sintomo del consolidato equilibrio conseguito intorno all’eredità di Franchi e di Bilio. Solo alla fine del decennio riapparve una figura che, per formazione e carriere, sembrò raccoglierne l’eredità : Mariano Rampolla (1843), già educato alla scuola diplomatica del Franchi e segretario degli Affari ecclesiastici straordinari tra il 1880 e il 1882, divenne cardinale nel 1887. Sulla base delle considerazioni fin qui delineate, dunque, può avanzarsi la seguente proposta cronologica : emersi nel processo avviato in Vaticano dopo il 1864, gli orientamenti del centro cardinalizio si proposero nel 1876 e, superata la prova del conclave, si affermarono tra il 1880 e il 1884.

Un dinamico rapporto tra ortodossia, moralità e scelte politiche

14Il convergere di differenti componenti nell’area di governo della curia, sostenuto da più generazioni e raggiunto attraverso distinti percorsi in curia, comportava competizioni e incomprensioni al suo interno ; né mancava anche una continua pressione interessata alla sua disarticolazione dagli ambienti cattolici più retrivi o dai gruppi di pressione liberali. La complessa area di governo vaticano che fu in grado di governare le tensioni centrifughe, comunque, non era soltanto un luogo di composizione di conflitti, tra cardinali transigenti e intransigenti, tra religiosi e politici, o tra altre simili coppie oppositive ; le sue deliberazioni non furono, soprattutto, frutto di un’attitudine pragmatica. Il centro cardinalizio, piuttosto, introdusse nell’indirizzo della S. Sede un quadro concettuale capace di affrontare le problematiche poste dalle trasformazioni dei « tempi moderni », tale da potersi confermare come una tradizionale predisposizione nel secolo seguente. Nel cuore della sua dinamica decisionale erano posti due grandi temi tra loro collegati : la riformulazione del rapporto tra morale e politica (con le sue implicazioni sulla partecipazione dei cattolici alla formazione di poteri costituzionali) ; la centralità delle « esigenze altissime » della S. Sede come elemento di unità di fedeli e gerarchia cattolica nell’articolarsi della vita sociale.

  • 31  G. Martina, Verso il Sillabo. Il parere del barnabita Bilio sul discorso di Montalembert a Malines (...)
  • 32  Ibid., p. 172-173.
  • 33  E. Soderini, Il Belgio, s.d., s.l., in ASV, Instrumenta miscellanea, 8577.
  • 34  Così il Bilio in Appendice all’esame de’ due discepoli recitati a Malines dal conte di Montalember (...)
  • 35  Così ricorderà nel 1887 il Capecelatro riferendosi al 1864, quando padre Lodovico da Casoria propo (...)
  • 36  G. Martina, Verso il Sillabo… cit., p. 179.

15In particolare, la questione del nesso tra ortodossia, moralità e politica si ripropose in Vaticano quando la valutazione dell’intervento di Montalembert al congresso cattolico di Malines passò dall’esame della segreteria di Stato a quello del S. Uffizio. Nel gennaio 1864, inviando un « voto » richiestogli dall’assessore Monaco La Valletta, era stato proprio il Bilio a richiamare l’attenzione in materia31. Infatti, il giovane allievo del Vercellone aveva colto nel discorso del polemista francese sui possibili comportamenti politici dei cattolici il permanere di un interrogativo sul collegamento esistente nel trattare « questione d’ortodossia » e discutere « questione di condotta »32. La problematica fu sottolineata ancora dal Bilio a commento di una successiva memoria in difesa di Montalembert inviata ad Antonelli da Adolphe Dechamps, « ministro di Stato nel Belgio » e leader della Destra parlamentare (comunemente indicata nel Paese come « partito clericale »)33, fratello maggiore del redentorista Victor Auguste Dechamps, poco dopo vescovo a Namur (1865) e Malines (1867). Lungi dal negare la distinzione dei piani d’azione, Bilio criticava l’affermata separazione del ragionamento teologico da quella che si definiva « soltanto una regola di condotta », « come se l’ortodossia non si estendesse altresì alle regole di condotta »34. Per tale via, attraverso una prassi politica diventata valore assoluto, poteva delinearsi un « sistema » in grado di introdurre in via di fatto una modificazione della tradizione e insinuare l’eterodossia nel depositum fidei. Diversamente, mentre « tutto si volea tirare a viva forza nel campo politico »35, era proprio il limite posto alle ragioni politiche contingenti dal legame col bene morale che impostava correttamente la possibile pluralità di opzioni politiche. Solo tramite la riaffermazione di una dottrina ortodossa, infatti, si sarebbe potuto tollerare, per « un grave motivo di necessità o di evidente utilità », un comportamento sociale la cui « intolleranza in quelle speciali congiunture arrecherebbe per ipotesi un danno maggiore »36.

  • 37  Ibid., p. 175.
  • 38  Ibid., p. 177 e 181.
  • 39  L. Sandoni, Il Sillabo… cit., p. 47.
  • 40  A. Ciampani, Cattolicesimo e governo in Belgio tra Otto e Novecento : tra Malines e Roma, in Memor (...)
  • 41  A. Ciampani, Cattolici e liberali… cit., p. 402-416.

16Non si respingeva, dunque, l’eventualità di considerare molteplici opzioni nella condotta politica, ma la modalità di valutarle secondo l’approccio di Dechamps, uno di « que’ zelanti cattolici » che avevano promosso il Congresso di Malines37 : politico e zelante, dunque, ma bisognoso di indirizzo sul piano dottrinale. Così l’ipotesi di una « condanna indiretta » delle opinioni di Montalembert nel 1864, per Bilio non doveva costituire condanna della « Costituzione Belgica e de’ più segnalati scrittori cattolici della nostra età »38. Questa prospettiva aiuta a comprendere il significato dell’esclusione dal Sillabo durante la redazione conclusiva del Bilio (da qualche mese consultore in Vaticano) di una seconda proposizione : « LXXVII. Si deve credere che le richieste e il progresso delle nuove istituzioni che chiamano Costituzionali giovino in generale alla società politica e religiosa »39. L’affermarsi nel corso del tempo dell’impostazione del centro cardinalizio, così, illumina la successiva disponibilità della segreteria di Stato di Leone XIII allo scambio di vedute sollecitato nel 1878 dal governo belga di Frère-Orban, che ottenne dalla S. Sede il riserbo pontificio sulla costituzione del Paese in cambio del mantenimento della legazione presso la corte papale. Nelle stesso tempo rende comprensibili i motivi che condussero, viceversa, la curia romana ad accettare la rottura delle relazioni diplomatiche nel 1880 di fronte all’ulteriore richiesta del leader liberale perché il papa smentisse l’iniziativa episcopale sull’insegnamento religioso nelle scuole in Belgio40. Per le stesse ragioni, infine, la proposta di non procedere pro nunc alla partecipazione cattolica alle elezioni politiche in Italia, sostenuta nel 1880 dal Bilio nella congregazione degli Affari ecclesiastici straordinari facendo leva sul « voto » di mons. Schiaffino, consentì di valutare diversi percorsi politici per risolvere la « questione di Roma » e permettere nel 1883 l’ingresso dei cattolici dell’Unione romana nella giunta liberal-costituzionale della capitale del Regno41.

  • 42  Appendice all’esame de due discepoli… cit., p. 174.

17Il dinamico rapporto tra ortodossia di principi e moralità nel valutare la congiuntura sociale nel quale applicarli, peraltro, conteneva un’evidente implicazione per la vita ecclesiale : evitare una divisione ricorrente tra i cattolici a causa delle possibili opzioni politiche. Già Bilio nel 1864 aveva evidenziato nel testo di Montalembert una seria contraddizione circa l’asserita pluralità della condotta politica : mentre il conte dichiarava di rispettare i cattolici che argomentavano « diversamente da lui », non riconoscendosi il « diritto di condannarli », non esitava poi a tacciarli come « utopisti, illusi […], fanatici di assolutismo e d’intolleranza […], sognatori […], intolleranti »42. La proposta del centro cardinalizio si porrà invece l’obiettivo di mantenere l’unità dei credenti nella dimensione ecclesiale, resa concreta nella fedeltà costante al magistero pontificio e alle sue « altissime esigenze », favorendo l’emulazione in tale direzione e temperando le diatribe che potevano danneggiare la multiforme azione della sua unitaria rappresentazione sociale.

  • 43  A. Ciampani, Il dibattito sulle origini di un partito… cit., p. 93-99 e i documenti pubblicati a p (...)
  • 44  Ibid., p. 122.
  • 45  R. De Cesare, Si anderà a votare ?, in La Rassegna, 24 maggio 1882, ora in Ch. Weber, Quellen und (...)

18Non bisogna trascurare il fatto che sotto tale profilo il pericolo maggiore negli anni Settanta non era costituito dalla propaganda anticlericale, ma dall’aspirazione del movimento liberal conservatore ad attrarre e dirigere l’elettorato cattolico43. Dal 1878 in Italia si propose ai cattolici la formazione di un partito conservatore, in nome di comuni principi di moralità pubblica e di organizzazione sociale, con una più o meno implicita condizione : separare l’azione di « uomini pratici della situazione » dalla protesta pontificia sulla « questione romana »44. Si screditavano, dunque, nell’opinione pubblica italiana quei cardinali che sembravano impedire che « gli interessi religiosi e sociali minacciati » potessero essere meglio tutelati dal potere politico – scriveva Raffaele De Cesare ancora nel 1882 – per la loro « speranza di riprendere il [potere] temporale »45. Si invitavano così cardinali come De Luca, Di Pietro, Mertel e Nina (allora ultrasettantenni !) a manifestare le loro « opinioni » e « tesi », perché « la parte transigente dei cattolici » trovasse il

  • 46  Ibid., p. 304. De Cesare attribuisce a tale gruppo transigente, oltre ai cardinali citati, anche « (...)

cristiano ardimento di distaccarsi da quella parte, che malgrado sia la più numerosa, è la più impura e nefasta, e di affermarsi partito conservatore, […] che accettando di fatto il nuovo ordine di cose, rispetti la Chiesa, e ne curi gli interessi suoi, e cerchi di conciliarsi fin dove è possibile gl’insegnamenti coi principii, gl’interessi e i bisogni della nuova società46.

19Se da un lato questo ambiente liberal-moderato desiderava una partecipazione cattolica nella lotta politica, come avveniva nelle elezioni amministrative a Napoli e Roma nei primi anni di Leone XIII, d’altra parte temeva che la mobilitazione dei cattolici effettuata dalla S. Sede favorisse un processo di « riconciliazione » tra Stato e Chiesa che, sottratto all’affermazione politica della Destra, fosse negoziato dal Vaticano direttamente con i governi al potere, come nel caso della Sinistra « trasformista » di Depretis, facendo valere il consenso politico delle associazioni cattoliche per sostenere gli « interessi altissimi » del pontefice. Il bersaglio polemico liberal-costituzionale, così, non fu principalmente l’acceso ma limitato ambiente intransigente di curia, quanto gli esponenti di un centro cardinalizio capace di rendere possibile tale processo.

  • 47  A. Ciampani, Il dibattito sulle origini… cit., p. 99-104.
  • 48  A. Ciampani, Die politische Funktion des Antiklerikalismus… cit., p. 535-539.

20Negli anni Settanta e Ottanta dell’Ottocento, dunque, la strategia vaticana andava in direzione opposta ad una sorta di « partito d’ordine » che avrebbe indebolito la presenza cattolica nella vita pubblica47. Per evitare l’introduzione di possibili divisioni nella comunità ecclesiale, l’elaborazione vaticana puntava come prima scelta sulla promozione di una testimonianza cattolica individuale o associata che, nelle sue concrete applicazioni alle molteplici congiunture della politica liberal-costituzionale, fosse collegata alla morale delineata dal magistero pontificio. La prospettiva di un « partito » restava una possibile « seconda scelta », sottoposta a particolari condizioni e contesti, per favorire comunque l’unione di clero e fedeli cattolici a sostegno delle « esigenze altissime » della S. Sede. A riportare in primo piano l’ipotesi di un partito dei cattolici sarebbe stato il ripetuto proporsi di un trasversale anticlericalismo politico48.

Un paradigma per l’azione della S. Sede di fronte agli « Stati moderni »

  • 49  Oltre A. Ciampani, Cattolici e liberali… cit., M. Casella, Cattolici a Roma dopo l’unità d’Italia, (...)

21La connessione interna tra le priorità individuate nella curia romana dopo Porta Pia, così, aiuta a comprendere meglio l’evoluzione del movimento cattolico nell’arena socio-politica. Le relazioni tra il centro cardinalizio e il laicato organizzato, a partire dall’esperienza condotta all’ombra di S. Pietro col cattolicesimo romano49, ricercheranno un difficile punto di equilibrio tra esigenze di centralizzazione e di efficacia sociale. La prospettiva vaticana derivava da una complessa visione che vedeva il pontefice in costante rapporto con i popoli cattolici e che implicava, per conseguire gli obiettivi individuati, distinte responsabilità nell’opera di trasformazione socio-politico. Non siamo in presenza, dunque, di un semplice aggiornamento dei mezzi per comunicare un messaggio tradizionale, come si poteva pur interpretare, ma dello sforzo d’implementare coerentemente una innovativa progettualità, con i graduali assestamenti sollecitati dal suo recepimento negli orientamenti popolari.

  • 50  Cfr. F. Jankowiak, La curie romaine… cit., p. 9, 24-25 e 351-352.

22L’emergere di un laicato cattolico organizzato, così, non appare il portato contraddittorio di un cattolicesimo intransigente, che s’impone come forza sociale autonoma da Roma (ora ultramontana, ora quasi eterodossa). Piuttosto, si manifesta come esito della strategia vaticana di rafforzare l’ortodossa dottrina nell’unità dei credenti e, nel contempo, di assicurare una presenza pubblica a sostegno del pontefice con strumenti adeguati a diversi contesti. Alla fine degli anni Sessanta e durante gli anni Settanta (diventato un « governo senza Stato »), la S. Sede iniziava a rappresentarsi come Stato sui generis : pur mantenendo i rapporti con le corti delle potenze, diventava prioritario governare le molteplici tendenze suscitate nel laicato cattolico dalla realtà sociale tramite un legame tra magistero e pluralità delle forme associative50.

  • 51  Ibid., p. 356-357.
  • 52  Così già Aubert ripreso da C. M. Fiorentino, La questione romana… cit., p. 53.
  • 53  L. Sandoni, Il Sillabo… cit., p. 59.
  • 54  R. Mori, La questione romana 1861-1865, Firenze, 1963, p. 337.
  • 55  Proprio la pubblicazione del Sillabo, così, poneva i presupposti « per dar inizio a un tentativo d (...)

23La prospettiva maturata nel centro cardinalizio, peraltro, rinvia alla interpretazione del Sillabo avanzata da mons. Dupanloup, nel gennaio 1865, che ricorreva alla distinzione (e alla dinamica) tra « tesi » e « ipotesi » per superare le polemiche sollevate dalla pubblicazione. La sua proposta, spesso considerato dalla polemica antiromana come una non troppo velata critica al papa (forse a causa della sua successiva posizione anti infallibilista)51, era stata accolta con gratitudine da Pio IX per « calmare la tempesta »52. Adolphe Dechamps vi ricorse per sostenere l’adesione dei cattolici belgi alla costituzione, mostrando di contrapporre condanna pontificia ed accettazione della Chiesa locale53 ; questa strumentale posizione costituiva in effetti un « aggiramento » dell’intento vaticano e dell’impostazione stessa del Dupanloup. Per quest’ultimo il Sillabo era « documento di carattere religioso che aveva formulato le tesi, non l’ipotesi » ; in esso non andava ricercato quanto il papa avversasse il progresso, ma « quanto nel mondo moderno e nella società liberale era contrario alla morale e ai principi cristiani »54. Senza aver riaffermato prima la dottrina ortodossa sul piano dei principi, infatti, un confronto con gli attori della « rivoluzione » avrebbe rafforzato « tendenze cattolico liberali, confortato il sogno un rinnovamento della Chiesa in senso democratico. […] Ora la rivoluzione condannata come tesi, poteva essere tollerata come ipotesi, e se non si intendeva legittimare si sperava almeno battezzare, per trattenerla dalla politica di laicizzazione della società, avviarla al rispetto dei principi cristiani »55.

  • 56  C. M. Fiorentino, La questione romana… cit., p. 54-56.
  • 57  Cfr. P. Prodi, Storia moderna o genesi della modernità ?, Bologna, 2012.
  • 58  Cfr. F. Jankowiak, La curie romaine… cit., p. 407 e F. Traniello, Religione cattolica e Stato nazi (...)

24Grazie al pensiero del Bilio e all’azione del Franchi, quest’approccio si tramutò in una visione di più ampio respiro che il centro cardinalizio introdusse nel cuore stesso del governo della Chiesa, liberando la S. Sede da precedenti vincoli d’Antico regime, senza restare prigioniera di singole congiunture e compromessi diplomatici, secondo uno « sviluppo ecclesiologico » presente nel concilio e affermatosi in occasione del conclave56. È in questo percorso, così, che la curia sembra giungere a prevalere sulla corte nel periodo della « seconda modernità »57. Lo studio di tali dinamiche cardinalizie, comunque, permette di penetrare la superfice di fenomeni che, pur noti, ancora necessitano di adeguate chiavi di lettura. Soprattutto, il riconoscimento del centro cardinalizio e della sua strategia vaticana consente di sorprendere l’avvio del passaggio dal tempo dell’alleanza trono-altare all’epoca dell’alleanza tra la Chiesa e i popoli delle nazioni58.

Notes

1  Sul dibattito scientifico recente sul pontificato di Leone XIII : V. Viaene (a cura di), The papacy and the new world order. Vatican diplomacy, Catholic opinion and international politics at the time of Leo XIII (1878-1903)/La papauté et le nouvel ordre mondial. Diplomatie vaticane, opinion catholique et politique internationale au temps de Léon XIII (1878-1903), Leuven, 2005 ; P. Levillain, J-M. Ticchi (a cura di), Le pontificat de Léon XIII : renaissances du Saint-Siège ?, Roma, 2006 (CEFR, 368).

2  L’avviarsi del movimento di studi in tale direzione in C. M. Fiorentino, La questione romana intorno al 1870. Studi e documenti, Roma, 1997, e in A. Ciampani, Cattolici e liberali durante la trasformazione dei partiti. La questione di Roma tra politica nazionale e progetti vaticani, Roma, 2000 ; un primo orientamento nella vasta problematica degli schieramenti cardinalizi nella curia romana in A. Ciampani, The Roman Curia : Alignments among the Cardinals in the Vatican after the Unification of Italy, in E. Lamberts (a cura di), The Black International 1870-1878. The Holy See and Militant Catholicism in Europe, Bruxelles-Rome, 2002, p. 195-230.

3  A. Ciampani, Da Pio IX a Leone XIII : il dibattito nella Curia romana dopo l’unità d’Italia, in A. Ciampani, C. M. Fiorentino e V. G. Pacifici (a cura di), La moralità dello storico : indagine storica e libertà di ricerca. Saggi in onore di Fausto Fonzi, Soveria Mannelli, 2004, p. 56.

4  J. Le Goff, Ricerca e insegnamento della storia, Firenze, 1991, p. 31. Sui riflessi di tali approcci nella storiografia italiana cfr. A. Ciampani, Il dibattito sulle origini di un partito cattolico in Italia e l’Unione romana, in Archivio della Società romana di Storia Patria, 134, 2011, p. 81-126.

5  Una prima sistemazione d’insieme degli orientamenti cardinalizi, condotta alla luce delle fonti allora disponibili, fu offerta dagli studi di Ch. Weber, in particolare nel volume Kardinäle und Prälaten in den letzen Jahrzehnten des Kirchenstaates, Elite-Rekrutierung, Karriere-Muster, und Soziale Zusammensetzung der Kurialen Führungsschicht zur Zeit Pius‘ IX, 1846-1878, Stoccarda, 1978. Tale strumento di lavoro può essere aggiornato grazie ai successivi scavi archivistici e alla recente riflessione storiografica.

6  Dal 2013 si è costituito un gruppo di lavoro su Il Vaticano I e la modernità sotto la direzione di studiosi del Deutsches Historisches Institut in Rom, della Libera Università Maria Ss. Assunta di Roma, dell’Université Paris-Sud, della Pontificia Università Gregoriana. Sia consentito rinviare sull’argomento al contributo Dal Sillabo al Vaticano I : ripensare il rapporto tra Chiesa, politica e governi costituzionali, presentato al convegno Konzil und Fürst (Vienna 18-21 settembre 2014).

7  La lettera in V. Viaene, The Roman Question : Catholic Mobilisation and Papal Diplomacy during the Pontificate of Pius IX (1846-1878), in E. Lamberts (a cura di), The Black International… cit, p. 163.

8  F. Jankowiak, La curie romaine de Pie IX à Pie X : le gouvernement central de l’Église et la fin des États pontificaux (1846-1914), Roma, 2007, p. 354. La formazione del Bilio in A. Ciampani, Un cardinale barnabita nel governo della Chiesa cattolica durante i primi tempi del Regno d’Italia : Luigi Bilio, in F. Lovison (a cura di), I Barnabiti nel Risorgimento, in Barnabiti studi, 28, 2011, p. 340-352.

9  L. Sandoni, Il Sillabo di Pio IX, Bologna, 2012, p. 47.

10  K. Schatz, Vaticanum I, 1869-1870, 3 v., Monaco-Paderborn, 1992-1994 e R. Aubert, À propos de l’œuvre de Klaus Schatz, Vaticanum I 1869-1870, in Cristianesimo nella Storia, 20, 1999, p. 181 ; vedi anche F. Jankowiak, La curie romaine… cit., p. 381.

11  Ora E. Lamberts, La lotta con il Leviatano : percorsi di un ordine politico conservatore in Europa (1815-1965), Soveria Mannelli, 2016.

12  V. Viaene, Introduction, in V. Viaene (a cura di), The papacy… cit., p. 10-11.

13  Cfr. M. Papenheim, Il pontificato di Pio IX e la mobilitazione dei cattolici in Europa, in A. Ciampani, L. Klinkhammer (a cura di), La ricerca tedesca sul Risorgimento italiano, Roma, 2002, p. 137-146, e F. Jankowiak, La curie romaine… cit., p. 405-408.

14  Cosi nel documento preparatorio di mons. Czacki alla riunione cardinalizia del 16 agosto 1877, presenti Simeoni, Franchi, Bilio, Nina and Monaco, ripreso da V. Viaene già in E. Lamberts (a cura di), The Black International… cit, p. 176 e 241-242.

15  V. Viaene, Introduction… cit., p. 10. Cfr. anche P. Pirri (a cura di), Pio IX e Vittorio Emanuele II dal loro carteggio privato, III, La Questione Romana : dalla Convenzione di settembre alla caduta del potere temporale (1864-1870), Roma, 1961, p. 378.

16  A. Ciampani, Die politische Funktion des Antiklerikalismus und das Öffentliche Engagement der Katholiken im Entstehungprozess des Italienischen Einheitsstaates (1848-1900), in Quellen und Forschungen aus Italienischen Archiven und Bibliotheken, 92, 2012, p. 535-539.

17  Così l’introduzione Léon XIII : une vision du monde entre deux siècles, in P. Levillain, J.-M. Ticchi (a cura di), Le pontificat de Léon XIII… cit., p. 6.

18  Tra i più intransigenti erano collocati i cardinali Vannicelli Casoni, Clarelli Parracciani, Caterini, Quaglia ed i più giovani Pitra, Capalti, Ferrieri, Bartolini e, in un contesto particolare, Bonaparte. A. Ciampani, The Roman Curia… cit., p. 203.

19  Considerati più transigenti erano i cardinali Barnabò e Grassellini, Di Pietro e Silvestri, Guidi e Hohenlohe, anche quest’ultimo con un certo profilo sui generis. Ibid., 204.

20  In questa sede non è possibile presentare un articolato rinvio all’ampia bibliografia in materia : oltre al già citato lavoro di Weber ed alle più recenti opere sulla curia appena ricordate, cfr. le voci dedicate ai cardinali nel DBI.

21  Può essere interessante anche notare che tra il 1795 e il 1815 erano nati tutti i cardinali più intransigenti qui richiamati, compreso il Bartolini (1813), e gran parte di quelli più transigenti, come Di Pietro (1806) e Guidi (1815).

22  Testimone diretto del rapporto tra i due cardinali, « de tempéraments très différents » ma « unis par les liens d’une sincère amitié et par une grande affinité d’idées », fu Domenico Ferrata (nato nel 1847 e cardinale dal 1896) ; cfr. le sue Mémoires, Tome I, Roma, 1920, p. 32.

23  Cfr. G. Martina, Soppressioni, 1866. Italia : soppressioni liberali, in Dizionario degli istituti di perfezione, vol. VIII, Roma, 1988, col. 187, e G. Rocca, Riorganizzazione e sviluppo degli Istituti religiosi in Italia dalla soppressione del 1866 a Pio XII (1939-58), in Problemi di storia della Chiesa, dal Vaticano I al Vaticano II, Roma 1998, p. 239-294.

24  Ferrieri (1810) e Capalti (1811) divennero cardinali nel 1868. Particolari ragioni diplomatiche favorirono la concessione della porpora all’Hohenlohe (1823) nel 1866 e al Bonaparte (1828) nel 1868, l’uno considerato transigente, il secondo intransigente.

25  Per uno sguardo sintetico sui lavori conciliari C. Pioppi, Il concilio Vaticano I (1869-1870), in O. Bucci, P. Piatti (a cura di), Storia dei concili ecumenici : attori, canoni, eredità, Roma, 2014, p. 421-450.

26  Il documento circa l’esame della questione « se convenga permettere ai cattolici italiani di concorrere alle elezioni politiche » in AAEESS, I° periodo, Italia, 1876-1877, pos. 227, fasc. 48. Cfr. A. Ciampani, L’Italie et sa diplomatie dans les rapports avec le Saint-Siège pendant le pontificat de Léon XIII, in V. Viaene (a cura di), The papacy… cit., p. 166-167.

27  Sul venir meno negli anni Settanta di figure di rilievo del decennio precedente cfr. F. Jankowiak, La curie romaine… cit., p. 423.

28  Cfr. quanto riportato nel Diario del cardinal Bilio in A. Ciampani, Un cardinale barnabita… cit., p. 367-368.

29  Sul ruolo di Bartolini nel conclave : C. M. Fiorentino, P. Generoso Calenzio e il « Diario del conclave di Leone XIII », in Archivio della Società Romana di Storia Patria, 118, 1995, p. 187-278.

30  Ponenza a stampa Sagra Congregazione degli Affari Ecclesiastici Straordinari, 1879. Stati Italiani. Elezioni politiche, in AA. EE. SS., II° periodo, Italia, 1878-1882, pos. 335, fasc. 103, p. 46 ; cfr anche A. Ciampani, Da Pio IX a Leone XIII… cit., p. 76.

31  G. Martina, Verso il Sillabo. Il parere del barnabita Bilio sul discorso di Montalembert a Malines nell’agosto 1863, in AHP, 36 (1998), p. 137-181.

32  Ibid., p. 172-173.

33  E. Soderini, Il Belgio, s.d., s.l., in ASV, Instrumenta miscellanea, 8577.

34  Così il Bilio in Appendice all’esame de’ due discepoli recitati a Malines dal conte di Montalembert, pubblicato in G. Martina, Verso il Sillabo… cit., p. 177.

35  Così ricorderà nel 1887 il Capecelatro riferendosi al 1864, quando padre Lodovico da Casoria propose una accademia di cultura a Napoli, con figure del mondo religioso come Bilio e di quello laico come il Persico. A. Ciampani, Un cardinale barnabita… cit., p. 355-356.

36  G. Martina, Verso il Sillabo… cit., p. 179.

37  Ibid., p. 175.

38  Ibid., p. 177 e 181.

39  L. Sandoni, Il Sillabo… cit., p. 47.

40  A. Ciampani, Cattolicesimo e governo in Belgio tra Otto e Novecento : tra Malines e Roma, in Memoria e Ricerca, XI (2003), n. 12, in particolare p. 68-69.

41  A. Ciampani, Cattolici e liberali… cit., p. 402-416.

42  Appendice all’esame de due discepoli… cit., p. 174.

43  A. Ciampani, Il dibattito sulle origini di un partito… cit., p. 93-99 e i documenti pubblicati a p. 115-126.

44  Ibid., p. 122.

45  R. De Cesare, Si anderà a votare ?, in La Rassegna, 24 maggio 1882, ora in Ch. Weber, Quellen und Studien zur Kurie und vatikanischen Politik unter Leo XIII. Mit Berücksichtigung der Beziehungen des Hl. Stuhles zu den Dreibundmächten, Tübingen, 1973, p. 303.

46  Ibid., p. 304. De Cesare attribuisce a tale gruppo transigente, oltre ai cardinali citati, anche « altri egregi prelati » i cui nomi erano omessi, a suo dire, « per non far loro del male ». Si tratta di una fraseologia allusiva che ci avverte a non considerare cronisti neutrali gli scrittori impegnati nella lotta giornalistica in età umbertina, spesso condotta con una spregiudicatezza per fini politici o personali ; cfr. C. M. Fiorentino, Angelo Sommaruga (1857-1941) : un editore milanese tra modernità e scandali, Firenze, 2014.

47  A. Ciampani, Il dibattito sulle origini… cit., p. 99-104.

48  A. Ciampani, Die politische Funktion des Antiklerikalismus… cit., p. 535-539.

49  Oltre A. Ciampani, Cattolici e liberali… cit., M. Casella, Cattolici a Roma dopo l’unità d’Italia, Battipaglia, 2011, e l’ampia bibliografia ivi contenuta.

50  Cfr. F. Jankowiak, La curie romaine… cit., p. 9, 24-25 e 351-352.

51  Ibid., p. 356-357.

52  Così già Aubert ripreso da C. M. Fiorentino, La questione romana… cit., p. 53.

53  L. Sandoni, Il Sillabo… cit., p. 59.

54  R. Mori, La questione romana 1861-1865, Firenze, 1963, p. 337.

55  Proprio la pubblicazione del Sillabo, così, poneva i presupposti « per dar inizio a un tentativo di conciliazione con lo Stato italiano », ibid., p. 338.

56  C. M. Fiorentino, La questione romana… cit., p. 54-56.

57  Cfr. P. Prodi, Storia moderna o genesi della modernità ?, Bologna, 2012.

58  Cfr. F. Jankowiak, La curie romaine… cit., p. 407 e F. Traniello, Religione cattolica e Stato nazionale : dal Risorgimento al secondo dopoguerra, Bologna, 2008.

Auteur

Professeur d’histoire contemporaine à l’Université LUMSA de Rome, chairman du réseau Encounters of European Elites in the 19th Century, coordinateur scientifique des Groupes étrangers de l’Institut pour l’histoire du Risorgimento italien et membre de la direction du projet de recherche Concilio Vaticano I e modernità. Il a récemment dirigé le volume National Identities and Transnational European Élites (avec Rita Tolomeo, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2015).

© Publications de l’École française de Rome, 2017

Licence OpenEdition Books

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search