Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Attraverso le Alpi e lungo il Po : importazione e distribuzione di sigillate galliche nella Cisalpina

 | 
Ada Gabucci

Lista delle illustrazioni e dei crediti fotografici

Texte intégral

Le immagini di tutto quanto è di proprietà di :

  • Musei Reali di Torino
  • Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino
  • Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo
  • Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Milano
  • Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Verona, Vicenza e Rovigo
  • Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia

sono da ritenersi su concessione del MiBACT, non ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.



Fig. 1 – L'allestimento di una campionatura dei materiali delle discariche per la mostra « Archeologia a Torino », Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Foto Mariano Dallago. Su concessione del MiBACT (Musei Reali di Torino). Non ulteriormente riproducibile per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 2 – Diverse versioni dell’ovolo A di Banassac : 1) Tipologia dell’ovolo ; 2) Due diversi esempi ; 3) Disegno di un vaso epigrafico con l’ovolo A della tipologia di Hofmann 1988 ; 4) Frammento di vaso epigrafico da Ivrea ; 5) Disegni di due frammenti di vasi epigrafici diversi ; 6) Frammento di vaso epigrafico da Torino. 1-3, da Hofmann 1988 ; 4-6, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 3 – Il punzone Y nelle diverse versioni e nella realtà di un frammento eporediese. Da Hofmann 1988 ; Rogers 1999 ; Delage 1999 ; Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 4 – Un gruppo di sigillate galliche mescolate, in mezzo alle quali, evidenziati in giallo, sono i tre frammenti che, ricomposti, formano il motivo del punzone Y. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 5 – Firma retrograda e capovolta di Iulius Aplastus (a sinistra) e firma intradecorativa di Cinnamus (a destra), da Torino. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 6 – Esempio di Bet 57 con bollo male impresso. Dalla necropoli di Almese. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 7 – Siti produttori di sigillata in Gallia tra la prima e la media età imperiale. Da La céramique romaine 2010, p. 36.

Fig. 8 – Vaso epigrafico, da Torino, via Basilica. Torino. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 9 – La diffusione finora nota delle sigillate centrogalliche tra il 125 e il 175 : la concentrazione è maggiore nell’area più scura e diminuisce gradatamente verso le aree più chiare. Da La céramique romaine 2010, p. 95.

Fig. 10 – La Cisalpina con l’evidenza del bacino del Po, del tracciato della via Postumia e dei siti in cui è accertata la presenza di sigillata gallica. Shapefile da Geoportale dell’Agenzia interregionale per il fiume Po (www.agenziainterregionalepo.it). Elaborazione A. Gabucci.

Fig. 11 – L’Italia settentrionale con l’evidenza del bacino del Po e del tracciato della via Postumia. Shapefile da Geoportale dell’Agenzia interregionale per il fiume Po (www.agenziainterregionalepo.it). Elaborazione A. Gabucci.

Fig. 12 – La viabilità alpina (in nero), i limiti presunti delle province nella prima età imperiale (in rosso) e le città principali (in blu). Da Via Iulia Augusta 2008, tav. XVI, fig. 79.

Fig. 13 – I centri posti lungo la via del Monginevro e del Moncenisio, sul versante italiano e su quello francese. Elaborazione A. Gabucci.

Fig. 14 – Ivrea, resti della palificata della banchina e delle strutture del ponte sulla Dora dopo l’alluvione del 2000. Su concessione del MiBACT (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino). Non ulteriormente riproducibile per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 15 – Ricomposizione di rilievo con scena di alaggio. Avignon, Musée Calvet, Musée Lapidaire.

Fig. 16 – La strada da Aquileia e Tergeste a Emona nel I secolo. Da Horvat 2008, p. 446, fig. 1.

Fig. 17 – Il sito di Nauportus-Dolge njive, con la grande piazza del mercato, i magazzini e il santuario. Da Horvat 2008, p. 451, fig. 5.

Fig. 18 – Il relitto di Lipe al momento della scoperta, nel 1890. Da Boetto – Rousse 2011, p. 180, fig. 2.

Fig. 19 – Epigrafe di Lucius Tettienus Vitalis. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Foto Giacomo Lovera. Su concessione del MiBACT (Musei Reali di Torino). Non ulteriormente riproducibile per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 20 – Stele funeraria di L. Domitius Virilis. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Foto Giacomo Lovera. Su concessione del MiBACT (Musei Reali di Torino). Non ulteriormente riproducibile per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 21 – La Transpadana occidentale : in rosso le località prese in considerazione in questo capitolo che hanno restituito sigillata gallica e in blu quelle in cui è, fino ad ora, assente. Elaborazione A. Gabucci.

Fig. 22 – A sinistra un esempio delle attestazioni di ceramica fine da mensa in un contesto di metà I – II secolo e a destra, per lo stesso contesto, la ripartizione delle forme di sigillata gallica. Da Framarin – Joris 2006.

Fig. 23 – Frammento di coppa emisferica Drag. 37 di produzione centro gallica. Da Mollo Mezzena 1992. Non in scala.

Fig. 24 – A sinistra, marchio di fabbrica C.NVMISI EPORED a destra, marchio di fabbrica ARRET, dallo scavo dell’ex Hotel La Serra. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 25 – Planimetria della città di Ivrea con la localizzazione delle aree dei rinvenimenti archeologici : 1) Cattedrale ; 2) ex Istituto Cena ; 3) Teatro ; 4) Ponte Vecchio ; 5) Pons Maior e banchina fluviale ; 6) Istituto Bancario San Paolo ; 7) Ex Hotel La Serra ; 8) Giardini Pubblici ; 9) ex Manifattura Rossari&Varzi ; 10) Scuola Massimo d’Azeglio ; 11) Anfiteatro e villa suburbana ; 12) Area di necropoli (fabbrica Olivetti). Elaborazione A. Gabucci.

Fig. 26 – In alto, i resti archeologici nell’area dell’ex Hotel La Serra dopo lo sbancamento, in una rara foto d’epoca e, in basso, la planimetria generale dello scavo ; la linea spessa tratteggiata indica il muro con l’intercapedine. Su concessione del MiBACT (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino), non ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 27 – Planimetria della città di Susa con la localizzazione dei principali monumenti archeologici : 1) Tempio ; 2) Porta Savoia ; 3) heroon di Cozio ; 4) Arco di Augusto ; 5) Acquedotto. Elaborazione A. Gabucci.

Fig. 28 – 1) Mortaio tipo Hermet 23 ; 2) Piatti tipo Drag. 17b con bollo non identificabile ; 3) Coppa emisferica Drag. 37, con Vittoria, Diana sul carro e Diana con la lepre, e sviluppo della sua decorazione. Da Debergh 1978-1979. Non in scala.

Fig. 29 – Frammento di parete di Drag. 37 con marchio di fabbrica del gruppo di Banuus. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 30 – La Val di Susa e le vie per il Monginevro e il Moncenisio.

Fig. 31 – Frammento di piatto con bollo a rosetta, da Rosta. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 32 – Ricostruzione della villa romana di Almese. Da www.comune.almese.to.it/vivere-ad-almese/villa-romana/ ; su concessione del MiBACT (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino). Non ulteriormente riproducibile per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 33 – Dall’alto, piatto tipo Bet 57, piatto tipo Bet 32 =Wa 80 e piatto con piede ad anello, dalla necropoli di Almese. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 34 – Sigillate galliche dalla villa di Caselette : 1) Frammento con marchio Virilis II ; 2) Frammento con marchio non interpretato ; 3) Coppa Drag. 37. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig 35 – Planimetria di Augusta Taurinorum : 1) Edifici produttivi e magazzini dei Vigili del Fuoco ; 2) Edificio pubblico di piazza Emanuele Filiberto ; 3) Case di via Bonelli ; 4) Casa di via Bellezia ; 5) Edifici di via Basilica ; 6) Edificio pubblico di via Garibaldi ; 7) Case di via Garibaldi ; 8) Edificio di via Barbaroux ; 9) Edificio di via San Francesco ; 10) Casa di piazza Castello ; 11) Casa di piazza San Carlo. Elaborazione A. Gabucci. Su concessione del MiBACT (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino). Non ulteriormente riproducibile per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

5.2.1.1. Catalogo : tutte le immagini sono su concessione del MiBACT (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino). Non ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 36 – Alcuni frammenti di sigillate galliche dallo scavo di via Cesare Battisti. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 37 – Coppetta con il marchio di fabbrica di Bassus II dagli scavi del teatro. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 38 – Alcuni frammenti di sigillate galliche dalle domus di via Bonelli e via Bellezia e dalla casa di piazza San Carlo. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 39 – Alcuni frammenti di sigillate galliche dall’edificio di via Barbaroux 32. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 40 – Frammenti di sigillate galliche dalle domus di via Basilica. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 41 – Frammenti di sigillate galliche dall’area del complesso cattedrale, da via Perrone, da via Botero, da via Cappel Verde e da piazza Castello. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 42 – Coppa Ritt. 12 da via Botero e piatto Bet 43 = Curle 23 da piazza Emanuele Filiberto. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino.

Fig. 43 – A sinistra piazza Vittorio Veneto vista da nord-ovest verso sud-est durante i lavori di scavo ; l’horreum è riconoscibile nell’area di destra. A fianco planimetria del magazzino posizionato sulla Carta Tecnica Comunale. Elaborazione A. Gabucci. Su concessione del MiBACT (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino). Non ulteriormente riproducibile per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 44 – Nel grafico a sinistra i rapporti percentuali tra le sigillate di produzione italica, padana e gallica nei materiali dello scavo di piazza Castello ; in quello al centro i rapporti percentuali tra le diverse produzioni dagli strati di accumulo della discarica ; nel grafico a destra l’incidenza delle diverse forme identificate di produzione gallica dagli strati di accumulo della discarica. Elaborazione A. Gabucci.

Fig. 45 – Piatto Drag. 36, coppetta Drag. 35 e coppetta cilindrica Drag. 22 in sigillata marmorizzata, dagli strati di accumulo della discarica. Foto Giacomo Lovera. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Su concessione del MiBACT (Musei Reali di Torino). Non ulteriormente riproducibile per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 46 – La collina di Torino con i centri di Industria (Monteu da Po) e Chieri.

Fig. 47 – Industria (Monteu da Po), le strutture in uso nel II secolo. Da Zanda 2011, tav. XXIII.

Fig. 48 – La regio XI Liguria, con i principali centri della Liguria interna.

Fig. 49 – Campionatura di sigillate galliche da Bene Vagienna. Fotografie non in scala. Da Ratto 2014. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo.

Fig. 50 – Campionatura di sigillate galliche da Alba. Da Volonté 1997.

Fig. 51 – Cesare Di Negro-Carpani, tavola allegata alla relazione dei suoi rinvenimenti. Da Onde nulla si perda 2007, p. 26, fig. 10.

Fig. 52 – Piatto Drag. 18B con la firma di Salvetus dalla necropoli di corso Repubblica. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo

Fig. 53 – L’area archeologica di Libarna e le sponde dello Scrivia.

Fig. 54 – In alto, disegno schematico di coppa Drag. 37, da Acqui Terme (non in scala). Da Museo di Acqui 2002, p. 69, Acqui Terme, Museo Civico. In basso, coppa Drag. 37 da Strevi. Acqui Terme, Museo Civico. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo.

Fig. 55 – Forma urbis di Mediolanum ; Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Milano, www.milanoarcheologia.beniculturali.it.

Fig. 56 – 1. Particolare del bollo centrogallico rinvenuto in piazza Vetra ; 2. la coppa tipo Drag. 30 rinvenuta in via Disciplini. Da Jorio 2004, p. 79 ; 3. il bicchiere tipo Dèch. 72 rinvenuto a Pioltello. Da Simone Zopfi – Bordigone 2009.

Fig. 57 – Pianta di Mediolanum con evidenza dei due siti oggetto di studio. Da Scavi MM3 1991. Rielaborazione grafica di P. Bordigone.

Fig. 58 – I settori indagati del sito dell'Università Cattolica ; ©Archivio Dipartimento di Storia, Archeologia e Storia dell'Arte – sezione Archeologia, Università Cattolica di Milano. Rielaborazione grafica di F. Airoldi.

Fig. 59 – Piante del sito dell'Università Cattolica relative al reticolo stradale e all'abitato (4a) e al sepolcreto tra III e IV secolo (4b) ; ©Archivio Dipartimento di Storia, Archeologia e Storia dell'Arte – sezione Archeologia, Università Cattolica di Milano. Rielaborazione grafica di F. Airoldi.

Fig. 60 – Grafico relativo alle tipi attestati nell'area dell'Università Cattolica.

Fig. 61 – Planimetria generale di piazza del Duomo con indicazione degli interventi di scavo nell’area del complesso episcopale. Da Piazza Duomo prima del Duomo 2009, p. 8.

Fig. 62 – Pianta di Santa Tecla : fase I con evidenza delle tracce di edifici di età romana. Da Piazza Duomo prima del Duomo 2009, p. 26.

Fig. 63 – Grafico relativo ai tipi attestati nell'area del complesso episcopale.

Fig. 64 – I principali centri della Cisalpina centrale e orientale che hanno restituito frammenti di sigillata gallica : 1) Chiavenna ; 2) Como ; 3) Milano ; 4) Pioltello ; 5) Pavia ; 6) Casteggio ; 7) Veleia ; 8) Cremona ; 9) Brescia ; 10) Breno e Cividate Camuno ; 11) Salò ; 12) Calvatone ; 13) Poviglio ; 14) Mirandola ; 15) Sommacampagna ; 16) Verona ; 17) Cologna Veneta ; 18) Este ; 19) Padova ; 20) Altino ; 21) San Vito al Tagliamento ; 22) Concordia Sagittaria ; 23) Isola dei Bioni ; 24) Aquileia ; 25) Punta dei Cocci ; 26) Trieste ; 27) Ljubljana. Elaborazione A. Gabucci.

Fig. 65 – Brescia, scavi del Capitolium : 1-2) Piatti Bet 32 = Wa 79 ; 3) Scodella Bet 263 ; 4) Mortaio Bet 96 ; 5) Coppa Drag. 30 di Doeccus ; 6) Coppa Drag. 37 probabilmente di Doeccus ; 7) Coppa Drag. 37 di Cantomallus. Da Jorio 2002, tav. VI-VII.

Fig. 66 – Salò, necropoli di Lugone, fiasca lenticolare Déch. 63. Gavardo, Civico Museo Archeologico della Valle Sabbia. Da Aeterna domus 1997.

Fig. 67 – Sigillate galliche da Bedriacum al Museo Civico di Cremona. 1-3) Frammenti di produzione sudgallica ; 4) Coppa della fabbrica di Cinnamus a Lezoux ; 5) Frammento di Drag. 37 di provenienza incerta. Fotografie non in scala. Da Corsano 1990, cat. 103-104, 114, 121.

Fig. 68 – Villa della Tesa. Frammenti di olle da cucina di probabile fabbrica subalpina. Da Corti – Tarpini 2012, p. 138-139, fig. 6-7.

Fig. 69 – Verona, sigillate probabilmente galliche da via Cantore 18. Disegno R. Giacometti. Foto A. Gabucci. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Verona, Vicenza e Rovigo.

Fig. 70 – 1) Este, coppa Drag. 37 di produzione centrogallica ; 2-6) Altino, necropoli meridionale dell’Annia, frammenti di coppe di produzione centrogallica, una delle quali attribuibile a Casurius (6) ; 7-10) Iulia Concordia, coppe Drag. 30 e Drag. 37 di produzione centrogallica. Su concessione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Non ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 71 – Campionatura di sigillate galliche da vecchi scavi aquileiesi : 1) piatti Hermet 12c e Ritt. 12 marmorizzati, 2-3) Drag. 29 e Drag. 37 prodotte a La Graufesenque, 4) Drag. 37 prodotta a Banassac, 5) Drag. 37 con firma di Butrio, 6) Drag. 37 con firma di Mapillus, 7) Drag. 37 prodotta a Rheinzabern con firma di Secundinus Avitus. Su concessione del MiBACT (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia). Non ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 72 – Alcuni frammenti di sigillata gallica dalla « Punta dei Cocci ». Rielaborazione da Terre di mare 2008. Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia.

Fig. 73 – Ricostruzione dell’area sacrificale a ridosso delle mura per la « Mostra Archeologia a Torino », Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Su concessione del MiBACT (Musei Reali di Torino). Non ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 74 – Carrù, corredo funerario con anforetta levantina, Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Su concessione del MiBACT (Musei Reali di Torino). Non ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 75 – Anfora Dr. 2/4 con graffito in lettere greche, da Chieri. Chieri, Mostra Archeologica. Immagine non in scala. Da Archeologia a Chieri 2010, p. 62, fig. 57.

Fig. 76 – Particolare di monumento funerario con trasporto fluviale di botti e anfore impagliate. Rheinisches Landesmuseum Trier.

Fig. 77 – 1-2) Bottiglie con bollo Q.DANI/EVHELPISTI, da Almese e da S. Zenone Po ; 3-4) balsamari Is. 82A2 con bollo anepigrafe con motivo fitomorfo e con marchio QDE / LPF, dalla cd. tomba di via del Deposito (Torino). 1, 3 e 4, disegno S. Salines, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino ; 2, disegno E. Reguzzoni, Vigevano, Museo Nazionale della Lomellina. Da Per un corpus dei bolli su vetro 2013, p. 47, fig. 11 ; 48, fig. 12 ; 82, fig. 9.

Fig. 78 – Balsamario a colombina Is. 11 ancora sigillato, da Rovasenda (VC). Musei Reali di Torino, Museo di Antichità ; Su concessione del MiBACT (Musei Reali di Torino). Non ulteriormente riproducibilekm per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 79 – Frammento di mantello di fusione e calco : capigliatura maschile, da Torino. Immagine non in scala. Musei Reali di Torino, Museo di Antichità. Su concessione del MiBACT (Musei Reali di Torino). Non ulteriormente riproducibile per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

Fig. 80 – Olpe con intercapedine, da Ivrea. Ivrea, Museo Civico P.A. Garda. Immagine non in scala. Gabucci – Ratto 2014, p. 114, fig. 130b.

Fig. 81 – Carta di distribuzione delle sigillate di Lezoux (pallini rossi) integrata con i dati della Cisalpina (rombi verdi). I tre rombi rossi indicano siti della Cisalpina in cui era già nota la presenza di sigillata centrogallica. Dal sito del RGZM, elaborazione A. Gabucci.

Fig. 82 – A sinistra la coppa torinese firmata da Meddillus (Musei Reali di Torino, Museo di Antichità) e a destra due particolari della decorazione della coppa olandese (dal database del RGZM).

Fig. 83 – Carta di distribuzione delle sigillate delle fabbriche tarde di La Graufesenque e di Banassac (pallini rossi ; le dimensioni corrispondono a un maggiore o minor numero di attestazioni) integrata con i dati della Cisalpina (rombi verdi). Dal sito del RGZM, elaborazione A. Gabucci.

Fig. 84 – I principali valichi che danno accesso all'Italia nelle Alpi occidentali. Elaborazione A. Gabucci.

Fig. 85 – Tipologia dei mortai prodotti dagli Atisii ad Aoste. Da La céramique romaine 2010, p. 377.

Fig. 86 – Fondi di piatto in TSNI, con graffito QCN, da Tortona. Immagine non in scala. Da Gabucci 1995, tav. VIII, 5-6.

Fig. 87 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac. Da Oswald 1936-1937.

Fig. 88 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac. Da Oswald 1936-1937.

Fig. 89 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac. Da Oswald 1936-1937.

Fig. 90 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac. Da Oswald 1936-1937.

Fig. 91 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac. Da Oswald 1936-1937.

Fig. 92 – Punzoni presenti su prodotti di La Graufesenque e di Banassac. Da Oswald 1936-1937.

Fig. 93 – Punzoni presenti su prodotti di Banassac. Da Hofmann 1988.

Fig. 94 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux. Da Oswald 1936-1937.

Fig. 95 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux. Da Oswald 1936-1937.

Fig. 96 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux. Da Oswald 1936-1937.

Fig. 97 – Punzoni presenti su prodotti di Lezoux. Da Oswald 1936-1937.

Fig. 98 – 1) Drag. 27 ; 2) Drag. 24/25 ; 3) Ritt. 12 ; 4) Ritt. 8 ; 5) Drag. 33 ; 6) Drag. 35/36 ; 7) Curle 11.

Fig. 99 – 1) Hermet 23 ; 2) Drag. 44 ; 3) Drag. 18 ; 4) Drag. 15/17 ; 5) Hermet 12c ; 6) Drag. 4/22. ; 7) Drag. 29 ; 8) Drag. 37 ; 9) Drag. 30 ; 10) Déch. 63.

Fig. 100 – 1) Bet 2 =Drag. 40 ; 2) Bet 14 =Drag. 35 ; 3) Bet 15 =Drag. 36 ; 4) Bet 17 =Drag 42 (similis) ; 5) Bet 24 ; 6) Bet 28 =Drag. 27 ; 7) Bet 31 =Wa 80 ; 8) Bet 32 =Wa 79 ; 9) Oswald LVIII.3 ; 10) Bet 36 =Drag. 33 , 11) Bet 42 ; 12) Bet 43 =Curle 23 ; 13) Bet 45 =Curle 15 ; 14) Bet 55 =Drag18/31 ; 15) Bet 56 =Drag. 31R ; 16) Bet 57 ; 17) Bet 58 =Drag. 18.

Fig. 101 – 1) Bet 73 ; 2) Bet 88 =Drag. 38 ; 3) Bet 89 =Drag. 44 ; 4) Bet 94 =Ritt. 12 ; 5) Bet 95 =Curle 11 ; 6) Bet 96 ; 7) Bet 97 =Curle 21 ; 8) Bet 99 ; 9) Bet 100 =Drag. 45 ; 10) Bet 102 =Déch. 72 ; 11) Bet 103 ; 12) Bet 135 ; 13) Bet 168 ; 14) Bet 170 ; 15) Bet 263 ; 16) Bet 269.


Crediti delle foto presenti nei cataloghi


§ 4.2.2.1. : tutte le immagini provenienti dal Museo Civico P.A. Garda sono su concessione del Comune di Ivrea ; quelle dei frammenti del Museo di Antichità di Torino sono su concessione del MiBACT (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino). Non ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

§ 4.4.2.1., 5.5.3.1 ; 6.2.2.2. : tutte le immagini sono su concessione del MiBACT (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino). Non ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

§ 5.5.1.3., 5.5.2.1., 6.1.1. : tutte le immagini sono su concessione del MiBACT (Musei Reali di Torino e Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Torino). Non ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

§ 7.5.1.1., 7.6.1. : tutte le immagini sono su concessione del MiBACT (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo). Non ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

§ 8.2.1.5., 8.3.1.5. : tutte le immagini sono su concessione del MiBACT (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Milano). Non ulteriormente riproducibili per scopi di lucro ex art. 108 D.Lgs 42/2004.

© Publications de l’École française de Rome, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540