Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Attraverso le Alpi e lungo il Po : importazione e distribuzione di sigillate galliche nella Cisalpina

 | 
Ada Gabucci

6. L’altra sponda del Po : i centri vicini ad Augusta Taurinorum

Texte intégral

1Sebbene sorgano sulla riva destra del Po e quindi siano amministrativamente compresi nella regio IX, alcuni centri molto vicini a Torino sembrano essere strettamente legati alla colonia transpadana, su cui evidentemente gravitavano per vicinanza e di cui dovevano sfruttare i mercati. In particolare è importante prendere in considerazione la città santuario di Industria (Monteu da Po), strategicamente posta alla confluenza della Dora Baltea nel Po, e Carreum Potentia (Chieri), non solo per la loro importanza, ma anche perché si tratta di siti nei quali molto lavoro è stato portato avanti negli ultimi decenni.

Fig. 46 – La collina di Torino con i centri di Industria (Monteu da Po) e Chieri.

Fig. 46 – La collina di Torino con i centri di Industria (Monteu da Po) e Chieri.

6.1. Industria

  • 1 Bodincus o Bodinkos è il nome con cui i Liguri indicavano il corso del Po : Ligurum quidem lingua (...)
  • 2 In età romana il corso del fiume Po era spostato di circa un chilometro più a sud (Zanda 2011, tav (...)

2La città romana sorge in un momento imprecisato, probabilmente ancora nel corso del I secolo a.C., poco lontano dalla riva destra del Po quasi alla confluenza con la Dora Baltea, vicino al luogo tradizionalmente noto come Bodincomagus ovvero « mercato sul Po »1. È probabile che si trattasse di un insediamento stagionale o comunque periodico in cui si raccoglievano le comunità dei villaggi vicini per gli scambi commerciali e/o per altre attività comunitarie, mentre un centro preromano vero e proprio sorgeva forse sulle alture circostanti. L’insediamento romano viene dotato subito di strutture portuali idonee a farne un centro di commerci regolari lungo il fiume ; un canale di collegamento tra il Po2 e la città serviva come ricovero per le imbarcazioni e anche come luogo di carico e scarico. Grazie alla vicina confluenza con la Dora Baltea, Industria era il cardine nei rapporti mercantili con il Canavese e la Valle d’Aosta. Come tutte le città della zona, anche Industria acquista la cittadinanza latina nell’89 a.C. e quasi certamente con Cesare, nel 49 a.C., quella romana e raggiunge in tal modo un’organizzazione municipale del tutto autonoma.

  • 3 CIL V, 7478, CIL V, 7488 e AE 1994, 638.
  • 4 CIL V, 7472, CIL V, 7485, CIL V, 7486.
  • 5 Sulla nascita della città santuario Emanuela Zanda ha elaborato delle teorie di « astroarcheologia (...)

3Caratteristica peculiare della piccola città è la presenza tra le famiglie più importanti della comunità, già almeno dall’età augustea, degli Avillii3 e dei Lollii4, mercanti noti anche da iscrizioni di Delo come devoti a Iside, fatto che può aver influito sensibilmente sulla rapida trasformazione del centro in una sorta di città-santuario5. La maglia urbana aveva isolati di abitazione di 70 metri per 35/40, con uno spazio centrale più ampio in cui, alla metà del I secolo, viene eretto un tempio dedicato a Iside. Nei primi decenni del secolo seguente, in età adrianea, l’area sacra viene notevolmente ampliata con la costruzione di un grande santuario a emiciclo dedicato a Serapide, a sud al quale passava il decumanus maximus che, uscito dalla città, conduceva al porto fluviale (fig. 47).

Fig. 47 – Industria (Monteu da Po), le strutture in uso nel II secolo.

Fig. 47 – Industria (Monteu da Po), le strutture in uso nel II secolo.
  • 6 Zanda 2011, p. 51. L’ipotesi di una rotta commerciale aperta con il mondo greco attraverso il Po, (...)
  • 7 Giovannella Cresci Marrone ritiene che gli Avillii controllassero le miniere della val di Cogne (C (...)
  • 8 CIL V, 6821.

4Gli Avillii e i Lollii, gentes ben attestate nell’Italia nordorientale (ad Altino e a Padova), grazie ai loro stretti contatti con Delo, dovevano rifornirsi sul mercato greco di manodopera specializzata da impiegare nella lavorazione dei metalli6. La famiglia degli Avillii ha una vocazione commerciale molto forte fin dall’età repubblicana ed è probabile che sia a capo di un’organizzazione in grado di controllare tutto il processo legato alla lavorazione dei metalli, dall’estrazione alla vendita7. La scoperta a Carema, all’imbocco della Val d’Aosta, di un’iscrizione che menziona tre liberti di Sallustio Crispo8, esponente di una gens ben nota per un giacimento detto sallustianus nel territorio dei Ceutrones, è un’altra testimonianza degli interessi che grandi famiglie, probabilmente vicine al principe, riponevano nei territori ricchi di minerali appena sottratti ai Salassi, luoghi in cui era probabilmente facile anche reperire manodopera.

  • 9 CIL V, 6899 ; Cresci Marrone 1993.
  • 10 Qualche decina di anni fa si era fatta strada una suggestiva ipotesi che voleva che i due camminam (...)

5È del 3 a.C. la costruzione, voluta e finanziata da Avillius Caimus patavinus, di un grande ponte sul torrente Grand d’Eyvia a monte di Aymaville in val di Cogne. Il ponte, passato alla tradizione come Pondel, è lungo 60 metri e domina da 65 metri di altezza la piccola vallata che porta al bacino di Cogne. Un’epigrafe ricorda ancora oggi il suo costruttore : Imp(eratore) Caesare Augusto XIII Co(n)s(ulo) desig(nato) / C(aius) Avillius C(ai) f(ilius) Caimus Patavinus / Privatum9. Su un’arcata unica si erge una struttura imponente composta da una galleria coperta sormontata da un passaggio protetto da parapetti, che in origine doveva essere la condotta dell’acqua ; ora, perduta la parte superiore, si cammina sul piano dello speco. Non vi è dubbio che si tratti di un ponte-acquedotto, ma molto discusso è ancora il suo legame con le attività estrattive10.

  • 11 Si estraevano ferro, argento, piombo, oro e rame che venivano poi semilavorati e trasportati fino (...)
  • 12 Alcune iscrizioni trovate a Gressan e a Villeneuve ricordano servi e liberti della famiglia e sono (...)

6Qualunque finalità abbia avuto il ponte, probabilmente era destinato anche a celebrare i fasti del suo costruttore, il quale aveva un evidente particolare interesse a rimarcare la propria presenza in zona. Possiamo immaginare quindi che fosse l’esponente di una famiglia che si era assicurata il controllo delle risorse minerarie della val di Cogne e della val Soana11, servendosi poi della posizione strategica di Industria per il commercio dei metalli grezzi e dei prodotti lavorati12. A Industria l’attività bronzistica (sia piccoli bronzetti votivi che grandi statue e decorazioni) sembra ben avviata già nel corso del I secolo e prosegue senza apparenti flessioni almeno fino alla metà del III. Durante il IV secolo anche la piccola città santuario subisce una brusca contrazione e viene abbandonata nei decenni successivi. In seguito è testimoniata una frequentazione, per lo meno sporadica, in età longobarda e alto medievale.

  • 13 Nelle indagini più recenti sono state riconosciute diverse buche e trincee derivate da queste espl (...)

7L’interesse per il sito di Industria si era acceso già nel corso del XVIII secolo, periodo a cui risalgono i primi rinvenimenti di oggetti preziosi ; l’area è stata da allora e per lungo tempo oggetto di scavi che miravano unicamente al recupero di oggetti di valore13.

  • 14 Zanda 2011.
  • 15 Ci sono anche 588 frammenti di vetro che l’A. inserisce nel gruppo delle ceramiche fini, che arriv (...)
  • 16 Zanda 2011, p. 28.
  • 17 I contesti scavati a Industria hanno restituito sempre nuclei di materiali poco significativi, non (...)

8Il recente volume di Emanuela Zanda, Industria. Città romana sacra a Iside14 fornisce un consuntivo, se pure solo molto generico, delle attestazioni dei diversi materiali nella piccola città santuario : su un totale di 16.463 frammenti ceramici venuti alla luce negli scavi condotti tra il 1983 e il 2001, 4.750 sono ceramiche fini15 e tra questi 2.364 sono sigillate di diverse produzioni, comprese quelle di tarda età imperiale e le imitazioni locali delle sigillate africane16. I frammenti di sigillate di produzione gallica sembrano essere solo 114, tra i quali si contano anche alcuni esemplari marmorizzati. Solo alcuni di essi però sono stati illustrati e presi in considerazione singolarmente nella pubblicazione, poiché la scelta dell’A. è stata quella di utilizzare esclusivamente campionature di reperti come supporto per le considerazioni cronologiche ed economico-sociali all’interno delle diverse fasi di vita17.

9Tra le sigillate galliche illustrate sono evidenti i prodotti centrogallici, presenza che non stupisce affatto, sia per la posizione strategica della città posta sulla riva destra del Po, quasi alla confluenza con la Dora Baltea, sia perché proprio nel II secolo il santuario isiaco si ingrandisce, viene eretto il Serapeion e l’attività dei bronzisti sembra raggiungere il suo apice.

10Per una panoramica più esauriente sarebbe necessario riprendere l’analisi di tutti i frammenti rinvenuti, ma anche solo uno sguardo parziale evidenzia bene l’assenza delle produzioni sudgalliche del periodo 40-80 e una netta prevalenza di importazioni dalla Gallia centrale. Il catalogo che segue è quanto è possibile proporre sulla base del materiale edito disegnato e di qualche frammento inedito.

6.1.1. Catalogo

6.1.1.1. Produzione : Gallia meridionale, La Graufesenque (80-120)

11Numero : 3237 (inv. 78174)
Datation : 60-100
Forma : coppetta
Tipo : Drag. 35 = Ve A1
Descrizione : orlo estroflesso e decorato à la barbotine ; marmorizzata.
Rinvenimento : da strati di II secolo nell’area dell’Iseion.
Bibliografia specifica : Zanda 2011, p. 153, tav. 13.1.


12Numero : 3238 (inv. 76197)
Datazione : 70 - 100
Forma : coppa cilindrica
Tipo : Drag. 30
Descrizione : scena erotica
Punzone : A
Commento : il motivo è attestato anche a Banassac, ma la forma fa propendere (anche se non con certezza) per una produzione di La Graufesenque.
Rinvenimento : da scavi recenti.
Bibliografia specifica : inedito.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. XC A.


6.1.1.2. Produzione : Gallia centrale, Lezoux

13Numero : 3236
Vasaio : Paternus IIa
Datazione : 160 - 170
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : Apollo, Pan
Punzone : 0092, 0709
Commento : per quanto il pezzo sia molto frammentario è tuttavia possibile ipotizzare un’attribuzione alle officine del gruppo di Paternus
Rinvenimento : scavi 1907.
Bibliografia specifica : Zanda 2011, p. 158, fig. 21, 5.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. VI, 92 ; XXXIV, 709 ; Delage 1999, 4, p. 66, 092 ; 78, 709a ; tav. PATERNVS 12.4489 e AF219.


14Numero : 3234 (inv. 49793)
Datazione : 130 - 160
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : Minerva
Punzone :0126
Rinvenimento : da scavi recenti, in strati di IV secolo.
Bibliografia specifica : Zanda 2011, p. 176, fig. 15, 2.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. VIII, 126 ; Rogers 1999, tav. 3, 2 ; 72, 3 ; 117, 56.


15Numero : 3235 (inv. Barocelli 3587)
Vasaio : Quintilianus e/o Laxtucissa ( ?)
Datazione : 140-160
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : la scena è composta da quattro figure centrali, due Satiri e due Ercole (uno perduto) sopra gru volta a destra, intorno alle quali è costruita, entro metope, una figurazione composita che si ripete quattro volte : Cupido sopra tirannicida a sinistra, Bacco con il kantharos sopra cerbiatto in corsa, Cupido a sinistra sotto oca ad ali spiegate (alternativamente a destra e a sinistra) ; motivi non figurati usati come riempitivo : foglia stilizzata e puntale con terminazione centrale tortile.
Punzone : 0191, 0376A, 0450, 0569, 0624, 0779, 1732, 2195A, 2316, 2324, G223, J162
Rinvenimento : scavi 1907.
Commento : la proposta di attribuzione deriva dall’analisi dei punzoni, anche se non conosco nessuna coppa che assommi tutti quelli presenti sull’esemplare di Industria.
Bibliografia specifica : inedito.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. XI, 191; XX, 376A; XXII, 450; XXVII, 569; XXX, 624; XXXVIII, 779; LXXI, 1732; LXXXIV, 2195A; LXXXVI, 2316, 2324; Rogers 1974, G223, J162.


16Numero : 3233 (inv. 51289)
Vasaio : Caletus
Datazione : inizio del III secolo
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : Pan
Punzone : 0717 ( ?)
Commento : si tratta molto probabilmente di un frammento di produzione centrogallica, di cui però sarebbe necessario vedere l’originale. Il candelabro o treppiede potrebbe essere un motivo inedito.
Rinvenimento : da scavi recenti, in strati di IV secolo.
Bibliografia specifica : Zanda 2011, p. 176, fig. 15, 1.


6.2. Carreum Potentia18

6.2.1. Il territorio di Carreum Potentia

  • 19 A Flacco viene attribuita la spinta decisiva per lo stanziamento di coloni nella Liguria interna ( (...)
  • 20 Neppure il rinvenimento a Chieri, peraltro in associazione con materiale del I secolo d.C., di tre (...)
  • 21 È probabile che per tutto il I secolo a.C. poche o nulle siano state le mutazioni urbanistiche e a (...)

17La divisione e l’assegnazione di terre nel chierese risale molto probabilmente agli ultimi decenni del II secolo a.C. e si inserisce nel quadro generale dell’opera di M. Fulvius Flaccus, console nel 125 a.C. e fervente sostenitore delle riforme graccane19. La quasi totale mancanza di testimonianze archeologiche sulla presenza, anche solo nelle campagne, di Romani (o di indigeni romanizzati) prima dell’inoltrato I secolo a.C. si riassume di fatto in poche monete sporadiche, di per sé non utilizzabili come indicatori di una presenza consolidata20. Possiamo quindi immaginare che, alla fine del II secolo a.C., la vita dell’oppidum celto-ligure fosse cambiata ben poco rispetto al periodo precedente, se non per un progressivo aumento della frequentazione, a scopo commerciale, da parte dei nuovi assegnatari che devono averlo lentamente trasformato in forum o conciliabulum. Solo in un secondo momento si è arrivati alla riconversione a vero centro amministrativo come municipium21.

  • 22 In tutti gli edifici si riconoscono modifiche, rifacimenti, ristrutturazioni, ampliamenti e probab (...)

18Le tracce più antiche della città romana, alle pendici del colle di San Giorgio, si mescolano a quelle più recenti dell’abitato indigeno, senza alcuna apparente soluzione di continuità. Gli orientamenti delle strutture romane, ma probabilmente anche di quelle più antiche, sono evidentemente funzionali alle pendenze, così che seguono direzioni leggermente disassate tra loro per meglio sfruttare le linee di deflusso delle acque. Le porzioni di tessuto urbano fino a oggi identificate sono molto frammentarie : una strada larga, compresi i marciapiedi, 45 piedi (poco meno di 13 metri e mezzo), attraversa gli isolati da nord-ovest a sud-est, mentre le vie laterali minori sembrano avere dimensioni variabili, ma comunque sufficienti all’agevole transito contemporaneo di due carri. Le strutture abitative emerse in diversi punti della città, individuate tutte a livello di fondazione o dei primi corsi degli elevati, hanno un periodo di vita che va dalla tarda età repubblicana a tutto il III secolo e forse leggermente oltre22.

  • 23 Si tratta probabilmente del terminale dell’acquedotto che, ancora oggi riconoscibile in alcuni tra (...)

19Il foro e gli altri monumenti pubblici non sono stati ancora identificati, mentre una vasta area porticata con una vasca su un lato era probabilmente connessa alla sistemazione della rete di adduzione idrica urbana realizzata in età flavia23.

  • 24 La necropoli attende ancora l’edizione completa dei corredi ; una panoramica complessiva è in Gabu (...)
  • 25 Gabucci 2010, p. 42.

20Per tutto il I secolo, e forse già a partire dallo scorcio del precedente, l’area destinata alla necropoli cittadina è compresa tra il perimetro urbano, il cardo di strada Fontaneto e, possiamo immaginare, una via che usciva dalla città in direzione nord-ovest, verso Augusta Taurinorum24. Le informazioni sugli spazi destinati ad area funeraria nel periodo successivo si limitano al ritrovamento, in epoche molto diverse, di due sole sepolture, una tomba a camera venuta alla luce nel 1888 e una a cremazione in cassetta laterizia ancora intatta scoperta nel 1997, entrambe subito a oriente del perimetro cittadino25.

  • 26 Diversi scavi anche piuttosto estesi sono stati condotti a Chieri negli ultimi 25 anni, ma sono tu (...)

21Per tutto il centro urbano sono quasi nulle le testimonianze di una occupazione strutturata e stabile posteriore alla crisi del III secolo. È probabile che la città, tra la media e la tarda età imperiale, sia rimasta tagliata fuori dai principali percorsi viari e abbia di conseguenza subito un processo di notevole contrazione. A conferma di questa ipotesi è forse anche l’assenza del nome di Carreum Potentia dal tracciato stradale della Tabula Peutingeriana, dove persiste invece l’indicazione di molti dei centri citati da Plinio. La vita sembra concentrarsi in piccoli insediamenti sparsi nella campagna e probabilmente autosufficienti26.

6.2.2. Un insediamento rustico nella campagna chierese

  • 27 Gabucci 2010, p. 21-22.

22Una interessante scoperta alle porte della città moderna si deve a una iniziativa didattica, avviata tra 1957 e 1958 dagli scout della Compagnia Archeologica Sagittario, che aveva lo scopo di risvegliare nei giovani l’interesse per l’archeologia e la storia locale. I ragazzi coinvolti nel progetto iniziano a lavorare con entusiasmo in un luogo, noto come « campo delle pietre », che era cosparso di frammenti di laterizi e ceramica visibili in seguito alla mietitura. Dopo aver preso accordi con il proprietario e avergli pagato due anni di affitto, gli scout portano avanti uno scavo non controllato, redigendo però un diario, facendo dei sommari rilievi e raccogliendo il materiale. In breve tempo vengono alla luce tre vasche comunicanti, una struttura absidata pavimentata in laterizi e una fossa irregolare ricca di reperti. La mancanza di dati stratigrafici e la parzialità dell’indagine permettono di avanzare solo alcune ipotesi circa l’identificazione delle strutture emerse, che erano probabilmente parte di una villa tardoantica di tipo simile ad altre note in diversi siti piemontesi27.

  • 28 Circa dieci metri quadrati per un profondità di due metri.
  • 29 Anche la ricomposizione della planimetria è difficoltosa e incerta poiché mancano delle misure pre (...)
  • 30 In particolare, un fondo di piatto firmato da C. Murrius (OCK tipo n. 1203.27), un fondo di coppet (...)

23La maggior parte dei reperti e le murature rasate erano poco al di sotto del piano di campagna e si riferiscono solo all’ultima fase di frequentazione del sito, mentre i reperti ceramici, per lo più provenienti dalla grande fossa di scarico28, dovrebbero rispecchiare un’occupazione precedente, probabilmente a carattere rurale. L’abbondante quantità di materiale raccolto dagli scout permette di avanzare qualche ipotesi di carattere cronologico sulla durata della frequentazione del sito, ma la mancanza di una documentazione adeguata non consente di avanzare alcuna proposta realistica di periodizzazione29. La trascurabile percentuale di ceramica a vernice nera (due soli frammenti) e la presenza di sigillata di produzione aretina e padana con forme e marchi di fabbrica databili tutti a partire dalla tarda età augustea suggeriscono di collocare la prima occupazione del sito in un periodo non anteriore ai primi decenni o addirittura alla metà del I secolo d.C.30.

  • 31 Ho ritenuto di poter inserire tra le sigillate galliche dell’edificio rustico anche un piccolo nuc (...)
  • 32 Con questa definizione si intendono le ceramiche a rivestimento argilloso per lo più decorate à la (...)
  • 33 I dati quantitativi dei materiali sono desunti da Vanetti 1987.

24Tra i materiali, evidentemente selezionati già al momento della raccolta, sono stati conservati solamente i frammenti bollati, le ceramiche fini e altri oggetti di interesse intrinseco. Alla fine della campagna di scavo erano stati raccolti 363 frammenti di sigillata, dei quali 191 di TSI e TSNI e 121 di TSG31. Un nucleo interessante e piuttosto consistente di ceramiche a rivestimento argilloso32 tipiche della media età imperiale testimonia una continuità di frequentazione del sito, mentre una moneta di Costantino e una scodella di produzione africana, fabbricata tra IV e V secolo, sembrano indicare il termine ultimo dell’occupazione dell’area33.

6.2.2.1. Alcune note sui materiali

25Tutto il materiale considerato è purtroppo fuori contesto, ma si tratta comunque di un nucleo coerente e unitario, di cui in questa sede si presenta una campionatura. Sarebbe molto interessante poter verificare se la sigillata gallica sia presente e in che quantità (e di quali officine) tra i materiali degli scavi stratigrafici condotti negli ultimi decenni a seguito di interventi edilizi e urbanistici soprattutto nel centro storico.

  • 34 Ho inserito nel gruppo 40-80 anche frammenti forse un po’ più tardi, ma che sono databili comunque (...)

26Contrariamente a quanto si osserva a Industria, dove è attestata quasi esclusivamente sigillata centrogallica, a Carreum prevalgono nettamente i prodotti delle fabbriche meridionali e in particolare quelli di La Graufesenque, tra i quali vi sono anche esemplari forse databili nel periodo 40-8034.

6.2.2.2. Catalogo

6.2.2.2.1. Produzione : Gallia meridionale, La Graufesenque

27Numero : 3183 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 52114)
Datazione : 30 - 70
Forma : piatto
Tipo : Drag. 16
Descrizione : marmorizzata
Bibliografia specifica : Vanetti 1987, tav. XVII, n. 16.
Bibliografia di confronto : Genin 2007, tav. 138, n. 1-2.


28Numero : 3201 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 34078)
Datazione : 70 - 90
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : fascia decorata con animali (leone frammentario a sinistra e orso a destra) e motivi vegetali
Punzone : 1586
Bibliografia specifica : Lucchino 1987, tav. XI, n. 22.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. LXV, 1586 ; Nieto - Puig 2001, p. 62, schema 1.


29Numero : 3206 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 34102)
Datazione : 70 - 90
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : fascia di onde con motivi vegetali e fascia decorata semplice con animali (orso frammentario e lepre verso sinistra) separati da cespugli
Bibliografia specifica : Lucchino 1987, tav. XI, n. 23.
Bibliografia di confronto : Nieto - Puig 2001, p. 65-66, schema 5a/2a ; 372, 441 ; 373, 443 e simili.


30Numero : 3197 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 52113)
Datazione : 70 - 90
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : banda di volute vegetali combinate a punzoni che raffigurano coniglio stante a sinistra e cani in corsa a sinistra e a destra
Commento : lo schema di questa coppa è quello più rappresentato tra gli esemplari del relitto di Cala Culip, con un totale di 128 vasi. La caratteristica di questo schema decorativo è che le volute vegetali venivano disegnate a polvere e poi realizzate con un punzone direttamente sullo stampo. I motivi figurati si differenziano da un vaso all’altro. Nel disegno dello sviluppo la forma della coppa è sbagliata, ma la restituzione dei punzoni è corretta.
Bibliografia specifica : Vanetti 1987, p. 142, tav. XVIII, n. 23
Bibliografia di confronto : Nieto - Puig 2001, p. 67, 5b ; 340, 375.


31Numero : 3199 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 52119+52480)
Datazione : 50 - 100
Forma : coppa cilindrica
Tipo : Drag. 30
Descrizione : felino che sbrana la preda, giocoliere con uccelli e amorino con doppio flauto, Ercole seduto, guerriero con scudo alzato
Punzone : 0209, 0463, 0752B, 0961, 1493
Commento : nel disegno dello sviluppo la forma della coppa è sbagliata, ma la restituzione dei punzoni è corretta.
Bibliografia specifica : Vanetti 1987, p. 142, tav. XVIII, n. 22.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. XII, 209; XXIII, 46; XXXVI, 752B; XLVII, 961.


32Numero : 3186 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 52478)
Datazione : 70 - 120
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : arciere
Punzone : Nieto-Puig Aa.35 (variante di 0267-0268)
Commento : il punzone è presente su alcune coppe del relitto di Cala Culip (terminus ante quem 78-82).
Bibliografia specifica : Vanetti 1987, p. 142, tav. XX, n. 33.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. XIV, 267-268 ; Nieto - Puig 2001, p. 81, Aa.35.


33Numero : 3181 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 34077)
Datazione : 80 - 120
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : banda figurata semplice con leone a destra e cespugli, banda con volute
Punzone : 1397
Bibliografia specifica : Lucchino 1987, tav. X, n. 19.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. XL, 1397 ; Nieto-Puig 2001, p. 65, schema 2 ; 68, schema 6 ; 87, Ba.12-Ba.14.


34Numero : 3194 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 52479)
Datazione : 80 - 120
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : leone che attacca la preda
Punzone : 1489
Bibliografia specifica : Vanetti 1987, tav. XIX, n. 26.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. LXIII, 1489.


35Numero : 3192 (Chieri, Mostra Archeologica)
Datazione : 70 - 90
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : cervide accovacciato
Punzone : 1699
Bibliografia specifica : Vanetti 1987, tav. XIX, n. 28.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. LXX, 1699 ; Nieto - Puig 2001, p. 90, Bb.15.


36Numero : 3207 (inv. 34105)
Datazione : 80 - 120
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : fascia di volute vegetali in mezzo alle quali sono due cervi stanti
Punzone : 1711A, 1748
Bibliografia specifica : Lucchino 1987, tav. X, n. 18.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. LXX, 1711A ; LXXI, 1748.


6.2.2.2.2. Produzione : Gallia meridionale, La Graufesenque o Banassac

37Numero : 3203 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 34096)
Datazione : 90 - 150
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : Diana con arco e lepre, uomo nudo con braccia aperte, Vittoria con corona e ramo di palma, arciere
Punzone : 0104, 0268, 0646, 0814
Commento : tutti i motivi raffigurati su questa coppa sono presenti sia a La Graufesenque che a Banassac. L’ovolo, per quanto non molto ben leggibile, sembra essere il tipo D1 (Hofmann 1988, p. 43-44), anche questo utilizzato in entrambi i centri di produzione almeno fino alla fine del regno di Traiano.
Bibliografia specifica : Lucchino 1987, tav. XI, n. 21.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. VII, 104 ; XIV, 268 ; XXXI, 646 ; XXXIX, 814 ; Hofmann 1988, p. 43-44.


38Numero : 3196 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 52112)
Datazione : 80 - 150
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : satiro con cinghiale nella sinistra, satiro con grappolo d’uva sotto arco vegetale su colonne, croce di Sant’Andrea
Punzone : 0597, 0602
Commento : i motivi decorativi sono noti sia a La Graufesenque che a Banassac. L’ovolo, per quanto non molto ben leggibile, sembra essere il tipo D2 (Hofmann 1988, p. 43-44), anche questo utilizzato almeno fino alla fine del regno di Traiano probabilmente in entrambi i centri di produzione, anche se sono abbastanza rare le testimonianze per La Graufesenque. Nel disegno dello sviluppo la forma della coppa è sbagliata, ma la restituzione dei punzoni è corretta.
Bibliografia specifica : Vanetti 1987, p. 142, tav. XIX, n. 24.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. XXIX, 597 e 602 ; Hofmann 1988, p. 81, 118.


39Numero : 3204 (inv. 34098)
Datazione : 80 - 150
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : uomo nudo a braccia aperte sotto arcata vegetale su colonne
Punzone : 0646
Bibliografia specifica : Lucchino 1987, tav. XII, n. 24.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. XXXI, 646.


40Numero : 3205 (inv. 34100)
Datazione : 80 - 150
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : uomo nudo a braccia aperte sotto arcata vegetale probabilmente su colonne
Punzone : 0646
Bibliografia specifica : Lucchino 1987, tav. XII, n. 26.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. XXXI, 646.


41Numero : 3195 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 52120)
Datazione : 80 - 150
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : uomo nudo a braccia aperte, leone a sinistra
Punzone : 0646, 1454
Commento : il punzone 0646 è molto usato, sia a La Graufesenque che a Banassac. Nel disegno dello sviluppo la forma della coppa è sbagliata, ma la restituzione dei punzoni è corretta.
Bibliografia specifica : Vanetti 1987, tav. XIX, n. 25.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, p. 142, tav. XXXI, 646 ; LXII, 1454.


6.2.2.2.3. Produzione : Gallia meridionale, Banassac

42Numero : 3185 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 52121)
Datazione : 100 - 150
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : Diana con la lepre
Punzone : 0104B
Commento : l’attribuzione a un’officina di Banassac è ipotetica a causa della frammentarietà del pezzo.
Bibliografia specifica : Vanetti 1987, tav. XX, n. 34.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. VII, 104B variante ; Hofmann 1988, tav. 16, 129 e 47, 135.


43Numero : 3182 (inv. 34099)
Datazione : 100 - 150
Forma : coppa emisferica
Tipo : Drag. 37
Descrizione : Mercurio, lepre a destra, oche retrospicienti
Punzone : Hofmann 002
Commento : l’attribuzione del frammento a un’officina di Banassac è ipotetica, ma si basa sia sul panneggio più corto nella mano sinistra di Mercurio che sulla versione stilizzata e tozza delle oche retrospicienti.
Bibliografia specifica : Lucchino 1987, tav. X, n. 20.
Bibliografia di confronto : Oswald 1936-1937, tav. XXVI, 541 ; Hofmann 1988, 151, 289-290 e 151, 301-303.


6.2.2.2.4. Produzione : Gallia centrale, Lezoux

44Numero : 3211 (inv. 52490)
Vasaio : Icttiama (int : ICT[TIA^MA) ?
Datazione : seconda metà II secolo
Forma : tazza troncoconica
Tipo : Bet 36 = Drag. 33
Bibliografia specifica : Vanetti 1987, tav. XVII, n. 19.
Bibliografia di confronto : NOTS 4, p. 259.1a.


45Numero : 3210 (Chieri, Mostra Archeologica, inv. 52485)
Vasaio : non id. (int : illeggibile)
Datazione : 100 - 150
Forma : coppetta
Tipo : Bet 28 = Drag. 27
Descrizione : orlo ingrossato, strozzatura sulla parete e bollo illeggibile su cerchio, secondo uno schema tipico delle officine di Lezoux
Commento : tra i materiali dello stesso contesto sono presenti altre due coppette Drag. 27, ma prive di fondo, per le quali è difficile stabilire la produzione (Vanetti 1987, tav. XVII, n. 20-21).
Bibliografia specifica : Vanetti 1987, tav. XVII, n. 17.

Notes

1 Bodincus o Bodinkos è il nome con cui i Liguri indicavano il corso del Po : Ligurum quidem lingua amnem ipsum Bodincum vocari, quod significet fundo carentem. cui argumento adest oppidum iuxta Industria vetusto nomine Bodincomagum, ubi praecipua altitudo incipit (Plin. NH, III, 122).

2 In età romana il corso del fiume Po era spostato di circa un chilometro più a sud (Zanda 2011, tav. III).

3 CIL V, 7478, CIL V, 7488 e AE 1994, 638.

4 CIL V, 7472, CIL V, 7485, CIL V, 7486.

5 Sulla nascita della città santuario Emanuela Zanda ha elaborato delle teorie di « astroarcheologia » che espone nel suo recente volume (Zanda 2011, p. 54-56 e passim).

6 Zanda 2011, p. 51. L’ipotesi di una rotta commerciale aperta con il mondo greco attraverso il Po, fin dal I secolo d.C., è suggestiva ed è avvalorata dalla presenza, tra Industria e Augusta Taurinorum, di epigrafi in marmo greco e micrasiatico già in questo periodo.

7 Giovannella Cresci Marrone ritiene che gli Avillii controllassero le miniere della val di Cogne (Cresci Marrone 1993).

8 CIL V, 6821.

9 CIL V, 6899 ; Cresci Marrone 1993.

10 Qualche decina di anni fa si era fatta strada una suggestiva ipotesi che voleva che i due camminamenti fossero destinati al transito dei muli nei due sensi di marcia, riservando il cammino più stretto alle bestie scariche. In realtà è un’ipotesi che non è facile sostenere poiché il passaggio coperto è largo solo 110 cm, perché è accertato che nella condotta superiore passava l’acqua e ancora perché non abbiamo idea di quale fosse il grado di sfruttamento dei giacimenti minerari della val di Cogne in età romana. Per ora quindi rimane incerta la funzione di questo ponte-acquedotto che si è pensato anche fosse destinato a fare arrivare l’acqua per l’irrigazione verso una grande villa di cui non è rimasta traccia. La sua portata teorica doveva essere notevole, tra i 150 e i 180 litri al secondo ; teorica perché in realtà i calcoli della portata d’acqua per gli acquedotti si riferiscono alla struttura al momento della costruzione e non tengono conto dei depositi calcarei che riducevano molto rapidamente le dimensioni dello speco fino a limitare il passaggio dell’acqua anche a un quarto di quello iniziale (Gabucci 2010, p. 39-40).

11 Si estraevano ferro, argento, piombo, oro e rame che venivano poi semilavorati e trasportati fino a Eporedia. Da qui proseguivano il loro viaggio lungo la Dora Baltea.

12 Alcune iscrizioni trovate a Gressan e a Villeneuve ricordano servi e liberti della famiglia e sono testimonianza dell’estensione del territorio in qualche modo controllato (Zanda 2011, p. 51, con bibliografia precedente).

13 Nelle indagini più recenti sono state riconosciute diverse buche e trincee derivate da queste esplorazioni non sistematiche che hanno evidentemente recato molto danno alle sequenze stratigrafiche.

14 Zanda 2011.

15 Ci sono anche 588 frammenti di vetro che l’A. inserisce nel gruppo delle ceramiche fini, che arrivano quindi alla cifra di 5.338.

16 Zanda 2011, p. 28.

17 I contesti scavati a Industria hanno restituito sempre nuclei di materiali poco significativi, non solo per i danni prodotti dagli scavi clandestini di cui si è detto sopra, ma anche perché si tratta di terreni arati per centinaia d’anni fino al livello dei pavimenti romani e, in parte, perché non sempre le indagini, se pure in anni recenti, sono state condotte con una strategia di intervento ben chiara e con un metodo di scavo realmente stratigrafico. La scelta, legittima, di pubblicare solo delle campionature di materiali senza esplicitare il criterio di selezione rende impossibile qualsiasi elaborazione successiva che sia diversa dalla mera registrazione della presenza di determinati materiali. Un esempio : in alcune tavole in cui raccoglie « contesti stratigrafici di II secolo » dalle insulae di abitazione, Emanuela Zanda pubblica quella che è probabilmente una coppa Drag. 37 del gruppo di Paternus IIa, databile tra il 160 e il 170 (numero 3236), insieme a una coppa tipo Sarius, di piena età augustea, ad altri frammenti di sigillate di I secolo, a lucerne e ceramiche comuni e a un orlo di piatto in vetro con incisioni a chicchi di riso tipo Limburg 1971/AR 83, forma caratteristica della seconda metà del II e del III secolo (Zanda 2011, p. 158-160, fig. 21-23).

18 Quanto segue è affrontato in maniera molto più esauriente in Gabucci 2010.

19 A Flacco viene attribuita la spinta decisiva per lo stanziamento di coloni nella Liguria interna (l’odierno Piemonte meridionale) e per l’avvio dell’opera di razionalizzazione dei terreni e di costruzione della rete viaria, che ha la sua arteria principale nella via Fulvia la quale, partendo da Dertona (Tortona) collegava diversi insediamenti rurali fino ad Hasta (Asti) e oltre. Circa un secolo più tardi il terminale della via Fulvia sarà Augusta Taurinorum. Si veda Cresci Marrone 2010.

20 Neppure il rinvenimento a Chieri, peraltro in associazione con materiale del I secolo d.C., di tre assi, uno datato al 189-180 a.C. e gli altri due genericamente di II secolo a.C., è indicativa, poiché è accertata per il sito una frequentazione durante l’età del Ferro e le monete potrebbero essere semplicemente frutto dei primi contatti con Roma. Lo scavo in questione è stato pubblicato solo in una relazione preliminare in Zanda et al. 1993.

21 È probabile che per tutto il I secolo a.C. poche o nulle siano state le mutazioni urbanistiche e architettoniche nel centro abitato e che i nuovi assegnatari delle terre, presumibilmente accanto ai vecchi proprietari indigeni, abbiano occupato le campagne con piccolissimi insediamenti, fattorie, cantieri e campi parzialmente coltivati o usati a pascolo : qui contadini/allevatori dovevano essere anche operai e lavorare, oltre che per il sostentamento proprio e delle loro famiglie, anche per portare a compimento il piano di razionalizzazione agraria previsto per il territorio. L’esito della ristrutturazione agraria è ancora oggi riconoscibile nelle tracce di alcuni decumani e alcuni cardini, nel corso di piccoli rii che continuano a seguire l’orientamento della centuriazione romana, in diversi toponimi e in piccoli edifici di culto e piloni votivi ancora oggi esistenti all’incrocio di due assi della centuriazione.

22 In tutti gli edifici si riconoscono modifiche, rifacimenti, ristrutturazioni, ampliamenti e probabilmente anche cambio di destinazione d’uso degli spazi. In diversi punti della città sono stati riconosciuti interventi di bonifica e drenaggio realizzati prevalentemente con banchi di anfore (Quiri 2010, p. 63-64). Degna di particolare attenzione è una piccola struttura, forse un magazzino, subito al di fuori del perimetro cittadino, che conservava ancora, sott’acqua, una pavimentazione in legno (Barello 2010).

23 Si tratta probabilmente del terminale dell’acquedotto che, ancora oggi riconoscibile in alcuni tratti, portava l’acqua in città dalla vicina collina torinese (Gabucci 2010, p. 37-41).

24 La necropoli attende ancora l’edizione completa dei corredi ; una panoramica complessiva è in Gabucci 2010, p. 21-23. La sigillata gallica è totalmente assente dalle 47 tombe con corredo.

25 Gabucci 2010, p. 42.

26 Diversi scavi anche piuttosto estesi sono stati condotti a Chieri negli ultimi 25 anni, ma sono tutti sostanzialmente inediti o solo sommariamente descritti in notizie preliminari e in molti casi il materiale è ancora da lavare. Non ho pertanto potuto prenderli in considerazione nel corso di questa ricerca. Per un elenco e alcune informazioni generali sugli scavi chieresi recenti e meno recenti si veda Lerma - Petitti 2010.

27 Gabucci 2010, p. 21-22.

28 Circa dieci metri quadrati per un profondità di due metri.

29 Anche la ricomposizione della planimetria è difficoltosa e incerta poiché mancano delle misure precise e l’indicazione del nord, cosa che rende impossibile definire l’esatto orientamento delle strutture, anche se si possono supporre in asse con la centuriazione.

30 In particolare, un fondo di piatto firmato da C. Murrius (OCK tipo n. 1203.27), un fondo di coppetta emisferica prodotta da M. Perennius Crescens (OCK 1408.20-21) e un fondo di piatto della fabbrica di L. Mag() Vir () (OCK 1085), in funzione nella pianura padana dalla metà del I secolo fino ai primi decenni del secolo seguente e probabilmente oltre.

31 Ho ritenuto di poter inserire tra le sigillate galliche dell’edificio rustico anche un piccolo nucleo di materiali transalpini giunti nei depositi del Museo di Antichità di Torino negli anni Sessanta, insieme ai reperti della necropoli, con i quali ci deve essere stata qualche confusione che ha portato a una successiva attribuzione a corredi funerari non più ricomponibili (Lucchino 1987, p. 122-126). Si tratta dei numeri 3182, 3201 e 3203-3207.

32 Con questa definizione si intendono le ceramiche a rivestimento argilloso per lo più decorate à la barbotine o a rotella che imitano la CLAIR-B.

33 I dati quantitativi dei materiali sono desunti da Vanetti 1987.

34 Ho inserito nel gruppo 40-80 anche frammenti forse un po’ più tardi, ma che sono databili comunque entro la fine del secolo. Tutti i disegni sono tratti da Lucchino 1987 e Vanetti 1987.

Table des illustrations

Titre Fig. 46 – La collina di Torino con i centri di Industria (Monteu da Po) e Chieri.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 218k
Titre Fig. 47 – Industria (Monteu da Po), le strutture in uso nel II secolo.
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 4,5M
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 99k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 340k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 995k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 214k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 2,2M
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 429k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 260k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-10.jpg
Fichier image/jpeg, 777k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-11.jpg
Fichier image/jpeg, 32k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-12.jpg
Fichier image/jpeg, 1,5M
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-13.jpg
Fichier image/jpeg, 597k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-14.jpg
Fichier image/jpeg, 169k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-15.jpg
Fichier image/jpeg, 736k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-16.jpg
Fichier image/jpeg, 435k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-17.jpg
Fichier image/jpeg, 92k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-18.jpg
Fichier image/jpeg, 689k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-19.jpg
Fichier image/jpeg, 943k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-20.jpg
Fichier image/jpeg, 655k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-21.jpg
Fichier image/jpeg, 161k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-22.jpg
Fichier image/jpeg, 188k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-23.jpg
Fichier image/jpeg, 448k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-24.jpg
Fichier image/jpeg, 309k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-25.jpg
Fichier image/jpeg, 183k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-26.jpg
Fichier image/jpeg, 134k
URL http://books.openedition.org/efr/docannexe/image/3341/img-27.jpg
Fichier image/jpeg, 333k

© Publications de l’École française de Rome, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540