Version classiqueVersion mobile

Le rappresentazioni planimetriche di Villa Adriana tra XVI e XVIII secolo

 | 
Giuseppina Enrica Cinque

Lista delle illustrazioni e delle Tabelle

Texte intégral

Figure in b/n nel testo

1Pianta di Villa Adriana, o «pianta del Centenario», o pianta RiVA, rilievo e restituzione gruppo RiVA Ingegneria, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, coordinatore e responsabile G.E. Cinque, 2006-2012. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . X

2Particolare della ripresa aerea Lamco per RiVA 2006 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XI

Figure in b/n fuori testo

3Fig. 1 – T. Tasso, Rime dedicate a Pirro Ligorio e a Cesare Ligorio; da Baruffaldi 1724. Pirro Ligorio, Ritratto di uomo anziano (autoritratto?), particolare; AST, Raccolta di disegni originali, f. 1.

4Fig. 2 – I minimi resti della memoria continiana sulla muratura nell’area di Palazzo.

5Fig. 3 – Cavaceppi 1772, III, didascalie delle tavole 58 e 59.

6Fig. 4 – Del Re, Ritratto dell’Antichissima città di Tivoli, da Pacifici 1941.

7Fig. 5 – Foresti 1483, ed. Venezia 1492, particolare della pagina nella quale è illustrata Troia; (in basso) Foresti 1508, p. 150, particolare della pagina nella quale è inserita la vignetta affiancata alla descrizione di Tivoli «edificata da Adriano» .

8Fig. 6 – Particolare del disegno (Uffizi, Arch. 1945) attribuito alla cerchia dei Sangallo (seconda metà XIV, seconda metà XV sec.) nel quale appare la dicitura «Tigoli vechio»; da Bartoli 1919, t. CCCLVIII.

9Fig. 7 – Bertelli 1599, f. 94v, Tibur venusta la urbs vulgo Tivoli; nell’incisione, in basso a destra, è rappresentato un abitato che, per posizione, corrisponde al sito di «Tivoli vecchio» .

10Fig. 8 – Braun 1578, III, t. 52, Tiburtum vulgo Tivoli.

11Fig. 9 – L’area tra Tivoli, Ponte Lucano e Villa Adriana, come illustrata nella pianta di Eufrosino della Volpaia (1547); da Ashby 1914.

12Fig. 10 – G.F. Ameti, particolare de Il Lazio con le sue piu cospicue strade antiche e moderne e principali casali, e tenute di esso, Roma, 1693, attraverso la quale è ulteriormente dimostrabile l’inesistenza di nuclei abitati in prossimità di Villa Adriana.

13Fig. 11 – Determinazione della posizione dell’osservatore nella veduta di Bertelli rispetto a Tivoli e Villa Adriana sulla base della foto satellitare (Google Earth).

14Fig. 12a – Confronto tra la veduta di Bertelli e la veduta di Schott 1672, 3, Viaggio da Roma à Napoli, da Napoli à Pozzuolo, & ritorno à Tiuoli, con l’evidenza, nella prima, della posizione dei giardini che appaiono nella seconda.

15Fig. 12b – L’abitato identificabile quale «Tivoli vecchio» come appare in due edizioni della veduta di Schott.

16Fig. 13 – Dettaglio della pergola nel Mosaico del Nilo (Palestrina) e della pergola pertinente uno dei giardini di «Tivoli vecchio» nella veduta di Schott.

17Fig. 14 – Localizzazione della villa Vibiorum, da Lanciani 1899, t. IV.

18Fig. 15 – Confronto tra la pianta «grande» di Ligorio e la pianta di Bufalini, condotto riducendo gli elaborati alla medesima scala e allineandoli, per quanto possibile, rispetto alle posizioni delle emergenze.

19Fig. 16 – Ligorio, Libro, ff. 64v e 65r, prospetto e pianta del Sepolcro dei Plauzi.

20Fig. 17 – G. Stracha, 1657, Veduta della Villa Adriana, BAV, Barb. Lat. 4426, f. 51, cm 26×53.

21Fig. 18 – D. Palmucci, Veduta della Villa di Adriano in Tivoli, 1790 ca.

22Fig. 18b – La veduta di Palmucci come appare in una cartolina postale (ca 1910) fuori misura (13.97×17.78cm).

23Fig. 19 – Dettaglio del testo autografo di Stracha.

24Fig. 20 – Particolare della firma di Stracha in uno dei disegni conservati a Madrid, BNE, DIB/15/16/12, 1000418289.

25Fig. 21 – A. Morelli, Palazzo Cesi a Tivoli, in Gabrieli 1928, t. XXII; (sotto) localizzazione della Domus Caesiae Familiae (n. 7), prossima alla porta S. Croce e localizzazione, approssimata, dell’area del ponte dell’Acquoria, nella pianta di D. Stoopendaal e Pieter Van der AA, Civitatis Tyburis Delineatio, Leida 1704 ±1713.

26Fig. 22 – Dettagli della veduta di Stracha relativi alle tipologie di scrittura.

27Fig. 23 – Particolare della veduta di Stracha nel quale è visibile un insieme della parte scritta, comprese alcune lettere riferibili alla legenda, e un campionario di segni, a matita e a penna, adottati per la stesura grafica.

28Fig. 24 – Confronti tra le lettere della presunta legenda (a sinistra), quelle in corsivo (al centro) e in stampatello (a destra) estrapolate dai testi redatti da Stracha quale corredo della veduta; le lettere riportate nell’ultimo registro in basso sono quelle della legenda che non hanno riscontri nei testi di Stracha.

29Fig. 25 – Veduta della cd Valle di Tempe (Bing Maps) con l’evidenza dei complessi citati nella veduta di Palmucci: 1 – Ninfeo di Tempe; 2 – Grotta con gallerie e impianti idraulici; 3 – Edifici e sostruzioni nel versante Sud-Est.

30Fig. 26 – Individuazione dei complessi e delle aree citate sulla pianta RiVA, aggiornamento 2010. Per la definizione delle aree esterne alla proprietà demaniale, alla pianta è stata aggiunta una porzione dell’ortofoto aerea (Lamco 2006).

31Fig. 27 – Parallelo tra le due vedute condotto scalando le immagini al fine di ottenere la medesima misura degli edifici rappresentati in primo piano.

32Fig. 28 – Prove di restituzione prospettica delle vedute di Stracha e di Palmucci, con la determinazione della posizione attribuita all’osservatore.

33Fig. 29 – Ligorio, particolari delle piante archeologiche di Roma, «piccola» e «grande», relativi ad aree nelle quali sono disegnati edifici con esedre.

34Fig. 30 – L’area della Palestra nelle vedute di Stracha e Palmucci.

35Fig. 31 – Dettaglio della veduta di Palmucci, rielaborata graficamente al fine di evidenziare le sagome.

36Fig. 32 – Elementi egizi di Villa Adriana; (a sinistra) Horus, statua e stucco dipinto, area Palestra; (al centro) disegno di una statua proveniente da Villa Adriana, Cod. Ottob. Lat 3105, da Capriotti Vittozzi 2006, t. 1; (a destra) «Iside in campo rosso», da Memorie per le belle arti, Roma, 1788, IV, p. CI-CXII.

37Fig. 33 – Mariette, Caylus 1757, t. XXVIII: «Copiato da un bellissimo frammento antico trovato nella villa Adriana vicino Tivoli, al presente nel palazzo farnese in Roma», descritto da Bellori 1680, p. 6, «Della Villa Adriana si vidde nel Palazzo Farnese in Roma, un ammirabile ornamento di un fogliame con una maschera e due Putti, una mezza Ninfa et un mezzo cavallo, che escono dal ramo et dalle frondi» .

38Fig. 34 – Copia del disegno di un fregio con toro con coda pisciforme ed erote, Codice Destailleur OZ 111, f. 89, Berlino, Kunstbibliothek; attribuito a Mantegna, Leoncini 1993, p. 133-134, lo vuole parte della decorazione del Teatro Marittimo per la similitudine con disegni raffiguranti porzioni dei fregi di tale complesso. Un fregio simile è descritto da Bellori 1664, p. 64-65, «nelle celebri ruine della villa Hadriana in Tivoli [...] un Tritone che frena un pistrice o bue marino» ed eroti con animali caratterizzati da elementi pisciformi appaiono nel fregio (sotto, in copia) disegnato da Ligorio, Windsor, Royal Library (10377v, v.186, Architettura civile, f. 25v), forse riferito al Ninfeo Sud di Piazza d’Oro.

39Fig. 35 – Verifica tra le proporzioni – larghezza/lunghezza – di Villa Adriana riportate da Ligorio e la veduta di Stracha.

40Fig. 36 – Verifica della posizione dell’osservatore nella veduta di Stracha condotta adottando inizialmente l’asse longitudinale del complesso dell’Edificio con Tre Esedre (a) e, in seguito, gli assi, all’incirca paralleli, del Teatro Greco (c) e del prospetto frontale di Roccabruna (b).

41Fig. 37 – Particolare della veduta di Stracha dalla quale è possibile riscontrare la maniera adottata per il disegno delle alberature e la diffusione degli edifici a pianta centrale.

42Fig. 38 – Particolari della pianta «grande» di Roma di Ligorio nei quali sono presenti zone alberate ed edifici a pianta centrale.

43Fig. 39 – Particolari della veduta di Stracha nei quali compaiono le particolari coperture attribuite agli edifici a torre.

44Fig. 40 – Uso delle coperture «a cartoccio» nella pianta «grande» di Roma di Pirro Ligorio; (al centro in alto) G. Bianchi, disegno di una delle cupole minori di S. Pietro realizzate su progetto di Vignola, da Pistolesi 1829, t. LXXII; (sotto) A. Specchi, inizio XVIII sec., campanile di S. Anna dei Palafrenieri al Vaticano; (a destra in alto) Rossini 1829, t. 6, particolare della «Veduta del Pantheon di Agrippa, oggi chiesa di S. Maria ad Martyres»; (a destra in basso) L. Vanvitelli, inizi XVIII sec., campanile del Santuario di Loreto.

45Fig. 41 – Particolari della veduta di Stracha e della pianta «grande» di Roma di Ligorio nei quali si notano edifici a pianta rettangolare con coperture a botte.

46Fig. 42 – Particolari della veduta di Stracha e della pianta «grande» di Ligorio nei quali si vedono edifici tra loro adiacenti, a pianta rettangolare e con coperture contigue a doppia falda.

47Fig. 43 – Contini 1668, particolare dell’area del Teatro Greco.

48Fig. 44 – Elaborazioni al tratto delle vedute di Stracha e di Palmucci relative al Teatro Greco. Confronti con le Naumachie disegnate da Ligorio e tratte dalla pianta «grande» di Roma, da Panvinio 1600, t. I, ibid., particolare del frontespizio, e da G. Roisecco 1750, «Cerchio o Naumachia di Nerone» .

49Fig. 45 – Parallelo tra le vedute di Palmucci e di Stracha relative alla cavea del Teatro Greco.

50Fig. 46 – Contini 1668, porzione della Valle di Tempe alla quale Contini riferisce l’ippodromo ligoriano.

51Fig. 47 – Ligorio, particolari della pianta «grande» di Roma relativi ai circhi e agli ippodromi.

52Fig. 48 – G. Ferrucci 1588, p. 322, testo e illustrazione della tipologia dell’ippodromo.

53Fig. 49 – Dettagli di strutture rinvenute nelle aree circostanti il Teatro Greco; da Hidalgo 2008, p. 88.

54Fig. 50 – Pianta RiVA 2006 con le indicazioni delle aree di scavo di Hidalgo 2003-2012 e con (grigio scuro) la localizzazione delle strutture desunte mediante analisi da foto aerea; (a lato) particolare della veduta di Stracha, area del Teatro Greco; (sotto) foto aerea del 1961 con l’evidenza delle strutture localizzate sotto l’area attualmente adibita a parcheggio; (a lato) particolare della foto aerea attuale con la sovrapposizione, per quanto possibile, della pianta di Francesco Piranesi 1781.

55Fig. 51 – Dettagli delle vedute di Stracha e di Palmucci relativi all’edificio a pianta rettangolare e alla soluzione di continuità con il Teatro Greco.

56Fig. 52 – Evidenza dell’ippodromo ligoriano nella veduta di Stracha posta in parallelo con la veduta di Palmucci, nella quale l’area è notevolmente modificata.

57Fig. 53 – Contini 1668, particolare del «Teatro» in sponda destra del fosso; (a lato) pianta di Francesco Piranesi, 1781, particolare del medesimo «Teatro», denominato «Teatro Latino», con l’evidenza del reticolo idrico presente nell’area.

58Fig. 54 – Il terzo «Teatro» della Villa che, frutto di un’invenzione di Contini, costituisce uno degli elementi (come l’ippodromo) diffusamente presenti nelle piante di Villa Adriana, come nei casi di: (A) Penna 1831; (B) Canina, 1856; (C) Canina pianta ricostruita; (D) Rossini 1829; (E) Murray, A handbook of Rome and its environs, Londra, 1875; (F) Winnefeld 1895; (G) Boussois 1913; (H) Lanciani 1906; (I) Caliari, Tractatus logico sintattico, Roma 2012 e tutte le sue derivazioni (pe Frisher, Digital Hadrian’s Villa Project – http://vwhl.clas.virginia.edu/​villa, 2013; Bertocci, Parrinello, Un’esperienza di collaborazione scientifica per la documentazione del sito archeologico di Villa Adriana, 2013, p. 48).

59Fig. 55 – Particolare della pianta RiVA – con la posizione del pozzo di acqua sorgiva (ovale nero) – sulla quale è stato inserito il complesso disegnato nella veduta di Stracha e riconoscibile quale ippodromo ligoriano, ruotato assecondando la collimazione con il «Teatro Latino» e con l’identificazione degli elementi costruiti, riconoscibili in Stracha (sotto): (1) Terrazzamento Palestra; (2) Casale; (3) Sala con stucchi egizi; (4) Sostruzioni; (a lato) la medesima operazione eseguita assecondando la collimazione con l’asse del Terrazzamento della Palestra; (sotto) rotazione del particolare della pianta di Stracha secondo l’asse del Terrazzamento della Palestra.

60Fig. 56 – Contini 1668, suddivisione dei proprietari dell’area delle Biblioteche e del Teatro Marittimo.

61Fig. 57 – Particolari delle vedute di Palmucci e di Stracha relativi all’area delle Biblioteche e del Teatro Marittimo.

62Fig. 58 – Pianta dell’area delle Biblioteche e rese volumetriche dei complessi da Sud e da Nord; L. Bonanno, A. Di Cave, M. Pasquale, RiVA 2004; (in alto al centro) il piccolo padiglione triconco, disposto tra i due edifici principali, come documentato, per primo, da Rakob.

63Fig. 59 – Hendrick van Cleef, Villae Hadriani prospectus, in Ruinarum varii prospectus, ruriumq [ue] aliquot delineationes [...], fine XVI, inizio XVII sec, in cui sembra rappresentata, in maniera assai idealizzata, la Biblioteca Greca; (sotto) Canina 1856, IV, t. CLVI, particolare, «Veduta delle reliquie della parte del Palazzo» .

64Fig. 60 – Particolare della veduta di Stracha relativa al «portico di forma ovato» .

65Fig. 61 – Inserimento del modello volumetrico, desunto dal rilievo, nell’immagine fotografica attuale; C. Di Santo, RiVA 2004.

66Fig. 62 – Ligorio, AST, ms. a. III.14, 12, Libro XIIII, f. 227r, «Orneithon’ o’vero Orneithotrophion», e f. 229r, «pianta dell’Ornithon overo Aviario» .

67Fig. 63 – Particolare dell’area del nucleo centrale della Villa nella veduta di Stracha.

68Fig. 64 – Localizzazione dei cd Sepolcri Sereni nella tavoletta IGM e vista dall’alto della situazione attuale (Bing Map). Riscontro del soggetto rappresentato nel Libro, f. 80v, nel cui recto è il disegno planimetrico dell’area di Roccabruna. Il confronto con il disegno della «forma della parte di dietro» del Sepolcro con Cavaliere e Cavallo, contenuto nella parte del Libro dedicata all’illustrazione dei Sepolcri Sereni; tale confronto è pienamente soddisfacente sia quando eseguito per allineamento, sia per sovrapposizione. La piena riconoscibilità tra i due soggetti è confermata non solo in termini formali e dimensionali ma anche per quel che concerne le informazioni alfanumeriche, pertinenti le misure rilevate, che corrispondono persino nelle posizioni.

69Fig. 65 -Le due facce del f. 80 inserito nelle ultime pagine del Libro.

70Fig. 66 – Veduta del fronte Nord-Est di Roccabruna, con le indicazioni dei piani sezionatori adottati da Ligorio per tracciare la planimetria dell’area.

71Fig. 67 – Pianta ligoriana dell’edificio di Roccabruna, come appare dopo aver eliminato le fonti di disturbo (graffi e trasparenze).

72Fig. 68 – Roccabruna: (A) particolare della pianta attuale; (B) particolare della veduta di Stracha; (C) particolare della planimetria di Ligorio; (D) particolare della veduta di Palmucci; (E) piante dei piani a livello terra e livello di coronamento attuale, rilievo RiVA 2006; (F) le stesse piante come appaiono in Winnefeld 1895.

73Fig. 69 – Ligorio, Cod. bodleian, f. 90r, da Ashby 1919, t. X, e sovrapposizione con la pianta ricostruita del livello inferiore di Roccabruna.

74Fig. 70 – Firenze, Uffizi, Gabinetto Disegni e Stampe, Fra Giocondo, particolare del f. 3934.

75Fig. 71 – Dettaglio del tetto, ruotato al fine di apprezzarne le caratteristiche ed elaborato fotograficamente.

76Fig. 72 – Dettaglio della scala nel disegno elaborato fotograficamente per eliminare le interferenze.

77Fig. 73 – Sovrapposizioni tra il disegno di Fra Giocondo (ruotato di 180°) e la pianta ricostruita di Roccabruna. Nella prima prova il disegno è stato rapportato al perimetro esterno di Roccabruna, mentre nella seconda è stato scalato attribuendo la misura di 1.2m al vano scala (misura minima per la larghezza delle due rampe affiancate).

78Fig. 74 – Il disegno ligoriano di Roccabruna nel quale, quando ruotato, si apprezzano le deformazioni grafiche; (a lato) il medesimo disegno, raddrizzato e sovrapposto alla pianta ricostruita, da cui si apprezzano le corrispondenze con l’edificio.

79Fig. 75 – Contini 1688, particolare dell’area di Roccabruna e della relativa legenda.

80Fig. 76 – Contini 1668, particolare dell’edificio di Roccabruna.

81Fig. 77 – Piranesi 1781, particolare dell’area di Roccabruna.

82Fig. 78 – Canina 1856, IV, p. 338, t. CLXV.

83Fig. 79 – Bartolomeo Fonzio, copia di un disegno di Ciriaco d’Ancona, Oxford, Bodleian Library, Codex Ashmolensis, MS. Lat. d.85, con l’evidenza della dicitura che richiama la copia della mole adrianea a Tivoli; (sotto) ipotesi ricostruttiva di Gatteschi, American Academy Rome, Collection Gatteschi, 113.

84Fig. 80 – Stracha, dettaglio del Teatro dell’Accademia con la fonte all’interno e dettaglio della pianta «grande» di Roma di Ligorio nel quale si nota una fontana di simile disegno; (sotto) Stracha, dettaglio dell’area del Teatro dell’Accademia e delle limitrofe sostruzioni; (a lato) parallelo tra il Teatro Greco e il Teatro dell’Accademia; il disegno di quest’ultimo è stato scalato in rapporto alle dimensioni del disegno del Teatro Greco ed è stata cancellata la fonte centrale.

85Fig. 81 – Vista delle sostruzioni dell’Accademia nel tratto interessato dalla presenza di più livelli di calpestio, foto RiVA 2006.

86Fig. 82 – Veduta aerea della valle occidentale nel settore meridionale della Villa, delimitato dalle Sostruzioni dell’Accademia (elaborazione da Bingmaps), la cui altezza è posta in risalto dalle linee bianche.

87Fig. 83 – Veduta di uno dei tratti della via sotterranea, da Ligorio indicata quale «inferi» e oggi nota quale Grande Trapezio; foto RiVA 2006.

88Fig. 84 – Contini 1668; seconda tavola del registro superiore con lo sfondo costituito dalla copertina del volume, da cui è possibile valutare la disposizione tipografica, le fincature e le lettere apposte per la continuità della lettura.

89Fig. 85 – Contini 1668; seconda tavola del registro inferiore.

90Fig. 86 – Analisi dimensionali e rapporti proporzionali tra la pianta di Contini 1668 e le carte, di palmi 20×7 e di palmi 24×8, possedute dai Barberini; dimensione dello spazio grafico di una tavola di Contini e sviluppo dell’intera pianta, costituita da 10 tavole; inserimento della pianta di Contini entro un ovale, «legno tondo», al fine di verificare la dimensione minore da attribuire a un piano espositivo; (sotto) la carta di palmi 20×7 (rettangolo grande) in rapporto alla pianta di Contini (rettangolo piccolo); (in basso) la carta di palmi 24×8 in rapporto alla pianta di Contini.

91Fig. 87 – Controlli dimensionali e proporzionali tra la pianta di Contini, le carte possedute dai Barberini e le vedute di Stracha e Palmucci.

92Fig. 88 – Pianta schematica degli ambienti dislocati nelle ultime elevazioni di Palazzo Barberini, nella pertinenza del cardinale Francesco, con l’ipotesi dell’identificazione del «gazofilacio» e l’inserimento, al suo interno, della sagoma rettangolare di dimensioni pari a quelle della carta di palmi 24×8.

93Fig. 89 – J. Blaeu, Obeliscus olim Veranus, modo Barberinus; quem hac forma primus edidit, interpretatus est, et Francisco Card. Barberino, S.R.E. Vicecancellario, Dicavit consecravit Athanasius Kircherus Soc. Iesv, XLIX, Amsterdam, 1633.

94Fig. 90 – de Peiresc, disegno e trascrizione della lapide di Boristene, il cavallo di Adriano; (a lato) Gassendi 1657, p. 35, particolare nel quale è descritto lo studio che de Peiresc conduce in merito all’epitaffio di Boristene; (sotto) ultima linea dell’epitaffio inciso sulla lastra di marmo conservata nel Museo Calvet di Avignone.

95Fig. 91 – A. Dal Grande, «Strada fuori porta S. Lorenzo [...]», Catasto Alessandrino, 429/3; particolare dell’area tiburtina tra Tivoli e Ponte Lucano nel quale si apprezza la rappresentazione dei resti del sepolcro dei Plauzi e risalta l’assenza di riferimenti a Villa Adriana.

96Fig. 92 – Suares 1655, dettagli della tavola Sciographia Templi Fortunae Prenestinae nei quali si leggono le credenziali del disegnatore, Pietro da Cortona, e dell’incisore, Domenico Castelli; (sotto) Kircher 1670, dettaglio della tavola Sciographia Templi Fortunae Prenestinae nel quale si nota l’assenza di qualsiasi credenziale in merito al disegnatore e all’incisore; (a lato) le tavole del dettaglio del mosaico del Nilo pubblicate da Suares (sopra) e da Kircher (sotto).

97Fig. 93 – Kircher 1665, particolare della tavola Corographia nova Montis Vulturelli relativo l’area (ovale grigio) in cui si trova Villa Adriana; (sotto) Cassio 1756, particolare della t. I, «Corso dell’acque da loro fonti nelli XIV acquidotti procopiani che le scaricavano in Roma», relativo all’area tiburtina; (a lato) Cassio 1755, particolare del f. 87, «quattro acquedotti, che portavano a Roma le remotissime acque» .

98Fig. 94 – Kircher 1671, p. 121.

99Fig. 95 – Kircher 1671, particolare della mappa Territorii Tiburtini Veteris et Novi Descriptio, infra p. 142-143, nella quale è la veduta di Villa Adriana.

100Fig. 96 – Rapporto, a pari scala, tra una pagina di Contini 1668, una di Kircher 1671 e la tavola di Kircher con la mappa di S. Stefano inserita nel fascicolo Totium Plani Villa Adriana declaratio generalis del Latium; (sotto) le due tavole del Latium, con le pertinenti cornici, nelle quali è suddivisa la pianta di Villa Adriana.

101Fig. 97 – Il cd Tempio di Pluto nella pianta di Contini 1668 e (sotto) nella pianta di Kircher 1671, entrambe nelle versioni a tavole separate e riunite.

102Fig. 98 – Confronti e paralleli tra le piante riunite di Contini 1668 (in alto) e di Kircher 1671, riportate alla medesima scala; la seconda è verificata con la porzione di S. Stefano affiancata adottando il medesimo rapporto di stampa e (sotto) riportata alla scala originale.

103Fig. 99 – Confronto dimensionale tra la pagina del volume di Contini 1668 contenente la porzione planimetrica di S. Stefano e la pagina del Latium kircheriano sulla quale è stata sovrapposta la planimetria continiana (in nero).

104Fig. 100 (a-b) – Parallelo tra le medesime aree della Villa, ridotte alla stessa scala, come appaiono nelle piante di Contini 1668 e di Kircher 1671.

105Fig. 101 – Contini 1668, pianta schematica generale (pianta piccola).

106Fig. 102 – Teatro Marittimo; pianta ricostruita, pianta e sezioni verticali e modelli 3D dello stato attuale; RiVA 2006; pianta nel disegno di anonimo, XV sec., Vienna, Albertina, da Egger 1903, p. 74, 301r e la medesima pianta copiata da Ghezzi, BAV, Ott. Lat. 3208, f. 170.

107Fig. 103 – Area Nord-Ovest del Pecile; sovrapposizione della pianta di Francesco Piranesi 1781 con la pianta RiVA (in nero) e localizzazione (ovale bianco) dell’abitazione di Michilli, attualmente adibita a Museo Didattico, e del sito in cui, secondo Piranesi, Michilli ritrova le statue che «sono al Museo del Campidoglio» (circonferenza bianca).

108Fig. 104 – Palazzina Triboletti; rilievo e restituzione, C. Di Santo, RiVA 2004.

109Fig. 105 – Roccheggiani 1804, t. XXXIV, «Fontana domestica trovata a Tivoli frà tanti belli Monumenti della casa Michilli in una Stanza di Bagni» .

110Fig. 106 – Cento Camerelle, area occidentale; (dall’alto in basso a sinistra) modello volumetrico e sezione prospettica; sezioni orizzontali dell’ambiente con vano scala, ultimo e primo livello; veduta dello snodo angolare; vedute dell’interno della latrina e veduta del complesso da Ovest con la circonferenza grigia posta a segnalare la localizzazione della latrina; (a destra) snodo angolare e rilievo della muratura pericolante; sezione orizzontale mista, ultimo livello e latrina; rilievi e modelli A. Ianni, L. Ventura, RiVA 2006-2010.

111Fig. 107 – de Revillas, Petroschi, Diocesis et Agri Tiburtini topographia, Nunc primum trigonometriae delineata et veteribus viis villis ceterisque antiquis monumentis adornata, 1739.

112Fig. 108 – de Revillas, Petroschi, particolare della mappa Aquarum Claudiae Marciae Anionis veteris et Anionis novi Fontes et ductus nunc primum, s.d., ante 1746.

113Fig. 109 – de Revillas, Petroschi, Diocesis et Agri Tiburtini topographia, dettagli riferiti a Villa Adriana, tratti dall’intera pianta e dalla finestra Tiburis Suburbia. Disegno di una bussola adottato per indicare l’orientamento della tavola; dettaglio del cartiglio con i cd «Cioci di Tivoli», come riportato da Sebastiani 1828, cit., p. 145, «statue di granito rosso, d’imitazione Egizia conosciute sotto il nome di Cioci di Tivoli provenienti già dalla villa Adriana, che si vedono di presente nel Museo Pio-Clementino, collocate ad uso di Telamoni a sostenere l’architrave della gran porta del salone a croce Greca» .

114Fig. 110 – Pagine del frontespizio; dettagli della marca calcografica e della legenda del volume del 1751.

115Fig. 111 – Confronti dimensionali tra una tavola di Contini 1668, una tavola di Kircher 1671 e una tavola del 1751.

116Fig. 112 – Confronto tra le piante, riunite e ridotte alla medesima scala grafica, di Contini 1668, di Kircher 1671 e del 1751 dal quale emerge chiaramente il fuori scala dell’area di S. Stefano presente nelle ultime due.

117Fig. 113 – Rapporti geometrico/proporzionali tra le dimensioni delle piante del 1751 (grigio chiaro), di Kircher 1671 (grigio scuro); di Contini 1668 piccola (rettangolo campito), di Contini 1668 (rettangolo perimetrale).

118Fig. 114 – Confronto tra le piante di Contini 1668, di Kircher 1671 e del 1751, pertinenti i simboli dell’orientamento geografico; le barre di riduzione grafica; le aree del Pecile-Serapeo; le aree del Tempio di Pluto-Neviere-Inferi e l’area Casino Fede-Palestra.

119Fig. 115 – Confronto tra la pianta di Kircher 1671 e quella del 1751 relativo al trattamento grafico dell’area circostante l’Edificio con Tre Esedre.

120Fig. 116 – Fig. 116 – Pianta del 1751; evidenza degli espedienti grafici per la simulazione percettiva della corografia; (a destra) area del cd Antinoeion come appare in Kircher, nella pianta del 1751 e nella pianta RiVA 2006.

121Fig. 117 – Pianta del 1751; individuazione delle aree rappresentate con segni che suggeriscono la presenza di piani di campagna alterati.

122Fig. 118 – Il trattamento del suolo nelle piante di Contini 1668, di Kircher 1671 e del 1751.

123Fig. 119 – Abaco dei più comuni segni adottati nelle tre piante di Villa Adriana, riproposti nella medesima scala grafica.

124Fig. 120 – Analisi grafica del simbolo diffuso nella pianta di Kircher 1671; (a destra in alto) simbolo presente nella pianta del 1751 e (sotto) esempi tratti dalle piante di Roma (grande e piccola) di Nolli.

125Fig. 121 – Evidenza della posizione dei simboli grafici di derivazione dalla pianta kircheriana nella pianta del 1751.

126Fig. 122 – Abaco di pittogrammi di alberi rapportati alla medesima scala grafica e tratti da (in alto) Domenico Cigni, Provincia Quitensis Societatis Iesu, (sotto) Nolli, Contini e Kircher, (a sinistra) pianta del 1751.

127Fig. 123 – G. Pannini, prima tavola del Teatro Scenico di Villa Adriana.

128Fig. 124 – Peyre 1765, «Plan dun Batiment qui contien droit les Académie» dal quale emerge chiaramente il ricordo del Giardino-Stadio di Villa Adriana.

129Fig. 125 – (A) Piranesi, Carceri d’Invenzione, 1761, dettaglio della t. V, «Capriccio con altorilievi di leoni»; (B) Bassorilievo a Palazzo Barberini; (B’) Immagine specchiata del bassorilievo; (C) Canina 1856, VI, t. CL, fig. 5, dettaglio del bassorilievo; (D) Bartoli 1704, t. 49, particolare, «Un’altro di Tivoli preso dal disegno di Pietro di Cortona, hà il Leone, che si crede esser quello, che stà à capo le scale [berniniane] del Palazzo Barberino»; (E) Giuliano da Sangallo, Libro di disegni, Barb. Lat. 4424, f. 41r, particolare del sepolcro col leone, da Hülsen 1910; (F) Canina 1856, VI, t. CL; (G) Ligorio, particolare del «Sepulcro di un Leone», Libro, f. 60v.

130Fig. 126 – Francesco Piranesi, dettaglio del trattamento del terreno e del verde tratto da Topografia delle fabbriche scoperte nella Città di Pompei, 1836, t. XXII; (sotto) sintesi di simboli nelle piante di Nolli (a sinistra e al centro) e del 1751 (a destra); (a lato) raffronto tra gli stilemi per il trattamento dei terreni adottati da Nolli (grigio chiaro) e nella pianta del 1751 (grigio intermedio). Simboli simili (in nero) desunti dalla pianta della Certosa, da Piranesi, Antichità, 1761, «Tavola topografica... acquedotti» e dalla pianta del 1781.

131Fig. 127 – Particolari della pianta del 1751 con l’evidenza delle dimensioni decrescenti (dal basso verso l’alto) degli alberi; (sotto) sintesi grafica di raffronto tra i pittogrammi degli alberi tratti dalle piante di Nolli, del 1751, della Certosa e di Francesco Piranesi 1781.

132Fig. 128 – Esempi del trattamento grafico dei terreni nelle planimetrie di Piranesi; particolari tratti da: (in alto a sinistra) Campo Marzio, 1762, t. IV e t. VII; (in alto a destra) Antichità, 1761, v. I, «Pianta di Roma... con i Monumenti antichi e colli Frammenti di marmo della Pianta di Roma antica»; (sotto) Antichità, 1761, «Tavola topografica... acquedotti» .

133Fig. 129 – Dettaglio del cartiglio della pianta del 1751 posto in comparazione con cartigli di Piranesi tratti da: Antichità, v. II, particolari della t. XLIII, «Camera Sepolcrale... Dirimpetto alla chiesa di S. Sebastiano fuori le mura»; Osservazioni di Gio. Battista Piranesi sopra la Lettre di M. Mariette, t. IV, «Essais de differentes Frises... près de Chiusi»; Lapides Capitolini e frontespizio del Campo Marzio.

134Fig. 130 – Analisi calligrafica della pianta del 1751 in comparazione con: (a lato) Piranesi, Antichità, ed. 1756, v. I, t. XXXVIII; (sotto) t. VI, «Indice de’ frammti di marmo della Pianta di Roma Antica», e t. L, «Iscrizioni de’ Soldati pretoriani» . Confronti calligrafici tra il vocabolo «delineata» presente nella pianta del 1751 (in nero) e come desunto dalle tavole piranesiane (in grigio).

135Fig. 131 – Piranesi, particolari di cartigli tratti dal Campo Marzio e dal Lettere di giustificazione a lord Charlemont; da Gavuzzo-Stewart 2014, fig. 9, 10, posti a confronto con la legenda della pianta del 1751.

136Fig. 132 – Particolare della pianta RiVA 2006, con il cerchio grigio per indicare la posizione della firma di Piranesi a Palazzo d’Inverno, la circonferenza nera per indicare la posizione delle firme nell’area di Palazzo e il rettangolo nero per evidenziare la posizione delle firme nel Criptoportico dell’Edificio con Peschiera.

137Fig. 133 – Sezione verticale, trasversale, del Palazzo d’Inverno, con l’indicazione della posizione della firma di Piranesi, rilievo RiVA 2006.

138Fig. 134 – La firma di Piranesi sulla muratura meridionale della scala di collegamento tra il primo e il secondo livello del cd Palazzo d’Inverno; estrapolazione grafica e tentativi di analisi cromatiche svolti al fine di rendere leggibile la data.

139Fig. 135 – Trascrizione della firma di Francesco Piranesi tracciata sulla muratura del Criptoportico dell’Edificio con Peschiera.

140Fig. 136 – Particolare della scritta di Piranesi a Palazzo, evidenziata con rettangolo bianco, e dei resti di quella di Contini, evidenziata con rettangolo grigio.

141Fig. 137 - Posizione del percorso seminterrato nell’area di Palazzo, localizzato sulla pianta RiVA 2006, nel quale si trovano i resti delle testimonianze di Contini e di Piranesi e veduta dell’interno dell’ambiente seminterrato nel quale si trovano le memorie autografe.

142Fig. 138 – Lavagne 1973, p. 199, «Fig. 1 – Le niveau inférieur de la villa républicaine»; (a lato) Lugli 1927, t. II; in entrambe le piante è stata evidenziata la posizione attribuita da ciascun autore al corridoio nel quale si leggono le memorie.

143Fig. 139 – Veduta delle memorie di Piranesi e di Gondoin, per la quale si ringrazia R. Hidalgo.

144Fig. 140 – La memoria di Piranesi con la trascrizione del testo.

145Fig. 141 – Evidenza della data e dei resti di una scritta precedente, parzialmente cancellata.

146Fig. 142 – Piranesi, Taccuino A, c. 75v; da Bevilacqua 2008, II, c. 75v.

147Fig. 143 – Piranesi, Taccuino A, dettaglio delle c. 74v e 71v; da Bevilacqua 2008, II.

148Fig. 144a – Il «Tripode» illustrato da G. Maggi, in G.G. de Rossi 1618 e in Venturini 1685; (sotto) da Penna 1831-1836, IV (1836), t. XLI; da Caylus 1767, 2 (1756), II, pl. LIII e da Gusman 1908, 1, pl.2.

149Fig. 144b – Piranesi Vasi, candelabri, cippi..., II, t. 90, «Altra veduta del Tripode antico di marmo che si conserva nel Museo Capitolino. / Dedicato all’Illmo Cavaliere Edvard Walter...», t. 91, «Tripode di marmo conservato al Museo Capitolino: All Sig.r. Cavaliere Edvard Walter amatore delle Belle Arti. In atto d’ossequio il Cavaliere Gio [vanni] Batt [ist] a Piranesi D. D. D. » .

150Fig. 145 – Piranesi, dettaglio del Taccuino A, c. 69v, e la pianta della Biblioteca Latina come appare nelle piante della Certosa, di Contini 1668 e di Francesco Piranesi 1781.

151Fig. 146 – Biblioteca Latina, pianta e volumetria allo stato del rilevamento; M. Pasquale, RiVA 2006.

152Fig. 147 – Particolari di stucchi negli ambienti al livello terra del Casale della Palestra e nelle strutture prossime.

153Fig. 148 – Particolari di stucchi negli ambienti al livello terra del Casale della Palestra a Villa Adriana.

154Fig. 149 – Piranesi, Trofei di Augusto, 2° ed., ca 1758, Frammenti di fregi, capitelli e vari frammenti ornamentali, con l’evidenza del frammento di stucco di Villa Adriana (ovale bianco).

155Fig. 150 – Piranesi, Taccuino A, c. 65v; da Bevilacqua 2008, 2; rilievo e caratterizzazione dell’abside della Sala dei Filosofi; B. La Manna, RiVA 2012.

156Fig. 151 – Piranesi, Taccuino A, c. 62v, da Bevilacqua 2008, 2; (sotto) eidotipo di rilevamento dell’abside del Ninfeo Sud di Piazza d’Oro; RiVA 2010.

157Fig. 152 – Tentativo di unione di alcune delle tavole di Villa Adriana copiate da P.-A. Pâris, dal quale si evince chiaramente l’impossibilità di ottenere una pianta unica.

158Fig. 153 – Jean-Honoré Fragonard, particolare, Le Temple de la Sibylle à Tivoli, ca 1760, da Rosenberg, Lebrun 2006; Piranesi, Antichità, 1761, «Altra veduta del Tempio della Sibilla in Tivoli»; veduta fotografica del Tempio della Sibilla a Tivoli, ca 1860.

159Fig. 154 – Delorme 1567, L.VII, cap. X, p. 211, particolare, «Architrave composé & trouvé en Adrianopoli, pres de Tivoli»; (a lato) Piranesi, Trofei di Augusto, cfr. Fig. 149, dettaglio del «9. Frammento di un Fregio antico di stucco esistente in una Sala della rinomatissima Villa di Adriano Imperatore a Tivoli. In questo Fregio ancorché di fragile materia, e dopo tanti secoli pure si distingue una somma delicatezza di lavoro»; (sotto), copia del dettaglio di un disegno di un collaboratore di Adam, probabilmente riferito a un fregio di Villa Adriana, tratto dall’originale in The travel drawings of Robert and James Adam, 7, f. 96; (in basso) confronti tra i particolari dell’incisione di Piranesi «Quarta parte di una volta...» stampata nel 1778, e i particolari dei disegni della medesima decorazione attribuiti a Giuseppe Manocchi, 1760-1763, The travel drawings of Robert and James Adam, 26, f. 133, photo: © Sir John Soane’s Museum, London.

160Fig. 155 – Gondoin, Description des École de Médecine, Parigi 1780, pl. 7, «Plan du premier étage»; nella quale, nella parte dedicata all’Anfiteatro, emergono chiari richiami ai resti del cd Tempio di Venere di Villa Adriana; (a lato) disegno ricostruttivo G. Sabelli, RiVA 2010.

161Fig. 156 – Testimonianze di Gondoin a Villa Adriana tracciate sulle murature del percorso nell’area di Palazzo, vano della finestra; (a lato) del Criptoportico dell’Edificio con Peschiera; (sotto) del percorso nell’area di Palazzo; (in basso) trascrizione grafica della testimonianza completa dell’architetto francese.

162Fig. 157 – Pianta della Certosa; dettaglio, ruotato di 90° antiorari, della porzione nella quale si legge «L’anno 1777» .

163Fig. 158 – Scomposizione in fasi diacroniche delle testimonianze piranesiane analizzate in relazione a quelle di Gondoin.

164Fig. 159 – Area del ritrovamento dei capitelli nella pianta di Contini 1668, (19C); la medesima area come appare nella pianta della Certosa, con il rettangolo che evidenzia l’area indicata da Contini; (in basso) particolare della pianta di Francesco Piranesi 1781, che introduce l’immaginario «Tempio di Nettuno» (n. 16) in adiacenza al Teatro Greco.

165Fig. 160 – Paribeni 1922, p. 237, 238, fig. 4-5, disegni di uno dei capitelli e di una delle basi di colonna (ruotato di 180° rispetto alla pubblicazione originale) rinvenuti nel corso degli scavi all’Edificio con Tre Esedre; (a lato in alto) uno dei capitelli da lesena custoditi a Stoccolma, Gustav III Museum of Antiquities, e provenienti dalla collezione Piranesi; (in basso) particolare di uno dei capitelli dell’Edificio con Tre Esedre, tuttora in Villa.

166Fig. 161 – G.B. Piranesi, particolare del capitello con delfini nella tavola di frontespizio del Rovine del Castello dell’Acqua Giulia, 1761, e disegno a sanguigna del capitello con delfini che appare nel Taccuino A, c. 31; (sotto) particolare di uno dei capitelli di età augustea riusati nel Battistero paleocristiano di Santa Maria Maggiore a Nocera Superiore e (a lato) capitello laterano per la cui immagine si ringrazia C. Marquez.

167Fig. 162 – Penna 1831-1836, IV (1836), t. CXIV, capitello con delfini e pigne; (sotto) particolare della pianta della Certosa relativa al capitello.

168Fig. 163 – Dettaglio delle foglie centrali nella decorazione del capitello con delfini dell’Edificio con Tre Esedre; (a lato) Phyllitis scolopendrium, o «lingua di cane»; (sotto) la medesima pianta tratta dalla lapide/cartiglio della pianta del 1751.

169Fig. 164 – Francesco Piranesi, Vasi candelabri cippi..., II, 1790, t. 111, dettaglio della tavola «Tre Frammenti trovati nella Villa Adriana di Tivoli»; (a lato) Penna 1831-1836, IV (1836), particolare della t. CXIV.

170Fig. 165 – F. Piranesi, Ibid., t. 88, dettaglio della «Colonna nel giardino del Sigr Marchese del Bufalo a S. Andrea delle Fratte», in cui risalta una decorazione simile a quella del rocchio di colonna che Gusman 1904, p. 250, fig. 410, (a lato) vede nei depositi di Villa Adriana e che documenta sovrapponendola a un altro rocchio decorato con tralci di vite che, a sua volta, richiama (a destra) le colonne del tempio di Adriano a Cizico, illustrate anche da Ciriaco d’Ancona; da Ashmole 1956, p. 187, p. 189, d-e.

171Fig. 166 – Frammenti marmorei con decorazioni a tralci di vite, conservati nei depositi di Villa Adriana, cortesia C. Marquez.

172Fig. 167 – Schema di lettura dei Cataloghi delle opere di Piranesi proposto da Focillon 1918, p. 9, «A S L, encarté dans les Opère Varie. A, Architetture diverse... – B, Antichità Romane... – C, Archi Trionfali..., Trofei d’Ottaviano Augusto... – D, Carceri d’inventione... – E, Della magnificenza ed architettura de’ Romani. – F, G, Vedute di Roma, numérotées par dizaines (59 pl.). – I, J, K, L en blanc, sans fil. de séparation, dédicace manuscrite en belle ronde Agli Eccellentissimi Sig. Accademici di S. Luca»; (a lato) Piranesi, prima edizione del Catalogo delle opere, 1761 e una edizione immediatamente successiva; in entrambe non appaiono monumenti tiburtini.

173Fig. 168 – Edizioni successive del Catalogo delle opere piranesiane nelle quali si apprezza il progressivo inserimento di vedute tiburtine.

174Fig. 169 – F. Piranesi, Oeuvres, 1794; (a sinistra) raccolta «Vedute di Roma», elenco delle vedute tiburtine e relativo costo unitario, p. 18; (a destra), ibid., p. 18,19, elenco delle vedute di Villa Adriana.

175Fig. 170 – G.B. Piranesi, Tempio di Apollo, 1768; (sotto) G.B. Piranesi, fronte del Serapeo, 1769; (a lato) F. Piranesi, Pretorio, 1774; (sotto) F. Piranesi, Sala dei Filosofi, 1774.

176Fig. 171 – G.B. Piranesi, Frigidarium delle Grandi Terme, da Tubbs 1922, t. 3; (sotto) F. Piranesi, veduta a stampa delle Grandi Terme, 1774; (a lato) (A) punto di vista della veduta disegnata; (B) punto di vista della veduta a stampa.

177Fig. 172 – G.B. Piranesi?, Pecile? Tempe?; da Tubbs 1922, t. V; (sotto) G.B. Piranesi, Pecile, 1770; (a lato) Piranesi, Sala ottagona Piccole Terme, New York, Met. Museum, n. 1994.20; (sotto) F. Piranesi, Sala ottagona Piccole Terme, 1777.

178Fig. 173 – G.B. Piranesi?, interno del Serapeo, Washington, National Gallery, n. 1994.69.1; (a lato) dettaglio delle note scritte nella porzione in alto a destra del disegno, «musaico su tutta / la volta» e, sotto «Calce», redatte con calligrafia che non corrisponde a quella di Giovanni Battista; (sotto, a sin.) F. Piranesi, interno del Serapeo, 1776; (a lato) G.B. Piranesi?, Roccabruna, da Tubbs 1922, t. VII.

179Fig. 174 – G.B. Piranesi? Teatro Marittimo, Oxford, Ashmolean Museum, WA 1944.112; (sotto) G.B. Piranesi? Teatro Marittimo, da Tubbs 1922, t. I; (a lato) G.B. Piranesi? Cento Camerelle, Firenze, Uffizi Gab. Dis. e Stampe, 96006; (sotto) G.B. Piranesi? Caserma dei Vigili, da Tubbs 1922, t. VI.

180Fig. 175 – G.B. Piranesi, Piazza d’Oro, Firenze, Uffizi, Gab. Dis. e Stampe, 96012; (sotto) F. Piranesi, Piazza d’Oro, 1776; (a lato) F. Piranesi, ambiente semi ipogeo tra Hospitalia e Triclinio Imperiale, 1777; (sotto) G.B. Piranesi? Grandi Terme, Firenze, Uffizi, Gab. Dis. e Stampe, 96008.

181Fig. 176 – Dettagli delle credenziali, dei titoli e delle legende delle vedute piranesiane, a stampa, di Villa Adriana.

182Fig. 177 – Trascrizione della lettera scritta il 3 ottobre 1767 da Lord William Hamilton a Piranesi, da Piranesi 1961, p. 36; (sotto) G. Romney, particolare del ritratto di Lord William Hamilton, Washington, National Gallery of Art; (al centro) A. Canova, busto in gesso di Gavin Hamilton, Possagno, Gipsoteca Canoviana; (a destra) S. Tofanelli, ritratto di Gavin Hamilton dipinto nello sfondo del ritratto di Christopher Hewetson, Colonia, Wallraf-Richartz-Museum.

183Fig. 178 – Piranesi, Vasi, candelabri, cippi…, II, t. 59, «Veduta in Prospettiva per angolo di un ant.o Vaso di Marmo con suo Piedestallo, che al presente si vede in Inghilterra nella Villa del Sig. Giovanni Boyd. Fù ritrovato negli scavi fatti nella Villa Adriana l’Anno 1769; (a lato) Penna 1831-1836, IV (1836), t. XCVIII, dettaglio della decorazione; (sotto) Piranesi, Vasi, candelabri, cippi…, II, t. 76, «Parte di una pariete di marmo, ritrovata nella villa Adriana l’anno 1756...» .

184Fig. 179 – Piranesi, Vasi, candelabri, cippi..., 1778, «Candelabro con le grue» (Candelabro Newdigate, F. 623), trovato nel 1769, prima stampa 1774 e «Vaso di Fauni e Baccanti» (F. 639), trovato nel 1771, prima stampa 1775.

185Fig. 180 – Piranesi, Vasi, candelabri, cippi..., 1778, «Vaso di M.r Hamilton» (Vaso Warwick, F. 632), trovato nel 1770, prima stampa 1775, e «Vaso del Cavalier Grenville» (Vaso Buckingam, F. 639), trovato nel 1769, acquistato da Piranesi nel 1774, prima stampa 1775.

186Fig. 181- Ubicazione del Pantanello nelle piante: (dall’alto in basso, da sinistra a destra) della Certosa; di Penna 1831-1836; di Canina; di Salza Prina; tavoletta IGM (rilievo 1931, aggiornamento 1936); aerofotogrammetrico attuale; mappa 144 del Catasto Gregoriano e mappa del Cessato Catasto Rustico; le ultime due sono state sovrapposte al fotogrammetrico attuale e alla pianta RiVA (in bianco) al fine di localizzare le particelle di proprietà De Angelis, in grigio scuro, e quelle di Lolli, in grigio chiaro.

187Fig. 182 – Pomodoro 1599, t. 1, strumenti per il disegno, dettaglio; (sotto) catalogo di vendita della ditta livornese «Micali e Figlio», 1789, nel quale appare la voce «Lapis d’Inghilterra»; la ditta sembra essere stata particolarmente famosa proprio negli anni di cui si tratta, dato che, nella GU del 1784 si legge: «ci troviamo del tutto onorati dall’Augusta presenza di Cesare, del nostro Sovrano, e R. Famiglia... e furono anche al Negozio di Chincaglie di questo Sig. Giacinto Micali, e Figlio, che era soperbamente illuminato, e vi si trattennero qualche tempo»; (a lato) un portalapis settecentesco in legno.

188Fig. 183 – Pianta della Certosa, dettagli di alcune scritte per l’identificazione dell’uso dei suoli.

189Fig. 184 – Pianta della Certosa, Tempio di Venere, in cui si vede chiaramente il foro di compasso.

190Fig. 185 – Pianta della Certosa, analisi grafiche, evidenza delle maglie reticolari, della loro modularità e corrispondenza dei moduli con la barra grafica.

191Fig. 186 – Pianta della Certosa, Teatro Greco, evidenza dei due reticoli e delle grafie a lapis chiaro, scuro e sanguigna.

192Fig. 187 – Pianta della Certosa, aree del cd Grande Trapezio - Tempio di Pluto e dell’inesistente Teatro Latino.

193Fig. 188 – Pianta della Certosa, dettaglio dell’area di S. Stefano, evidenza della posizione degli unici due pittogrammi di alberi e di tipo diverso rispetto al resto dell’elaborato.

194Fig. 189 – Pianta della Certosa, dettagli delle sezioni verticali, o profili, tracciate in sito.

195Fig. 190 – Pianta della Certosa, dettagli di alcune scritte per l’uso dei suoli.

196Fig. 191 – Pianta della Certosa; (A) nota piranesiana apposta in prossimità del lato occidentale del secondo recinto dell’Ippodromo e (B) note visibili nell’area Tempio di Venere – Ninfeo di Tempe scritte in francese, tra le quali si distingue il termine «reservoir» .

197Fig. 192 – Montaggio di immagini e disegni dimostrativi della complessità delle strutture ipogee, e non, dell’area del Ninfeo di Tempe – Tempio di Venere.

198Fig. 193 – Pianta della Certosa, area del Ninfeo di Tempe – Tempio di Venere, evidenza delle lettere alfabetiche leggibili quali «R–B», oppure «B-B», o, ancora, quali possibili varianti dell’acronimo di Piranesi.

199Fig. 194 – Pianta della Certosa, cartiglio e dettaglio.

200Fig. 195 – Pianta della Certosa, dettagli della fascia decorativa; (in alto) porzione destra e (sotto) porzione sinistra.

201Fig. 196 – Dettagli di disegni e incisioni in cui è rappresentato il «Sepolcro dei Plauzi»; (da sinistra a destra, dall’alto in basso) Piranesi, Antichità, III, t. XII, t. XIII; F. Piranesi, Vedute di Roma, t. 116; pianta della Certosa; C. Burgeois, 1804; Rossini 1829; J.-B. Ciceron, ca 1920 e veduta attuale.

202Fig. 197 – Due dei mosaici Marefoschi come appaiono nei biglietti di presentazione del conte Camillo Compagnoni Marefoschi (fratello del cardinale Mario) e della moglie, da Piergallini, Marefoschi, 2011, p. 176- 177; (in basso) i medesimi mosaici proposti da Penna 1831-1836, t. CV e t. CIV; le immagini sono state allineate e rapportate.

203Fig. 198 – Mosaici Marefoschi illustrati da: Penna 1831-1836, (A), IV, t. CVI; (B) t. CVII; (C) t. CII; (D) t. CI; (E) Braun 1844-1849, IV, t. L; (F) Visconti 1782 – 1807, v. 7, t. VII, XLIX; (G - H) Seroux d’Agincourt 1823, IV, p. XIII, 12, 13.

204Fig. 199 – Pianta della Certosa e pianta di Francesco Piranesi (1781), confronto dell’area di Palazzo, le circonferenze inserite nella pianta del 1781 evidenziano i numeri richiamati nella legenda con riferimento agli scavi Marefoschi; (sotto) particolare della pianta di Cabral e Del Re, 1779; pianta RiVA 2006 con la localizzazione delle lettere riportate nella pianta di Cabral e Del Re.

205Fig. 200 (a-b) – La zona oggetto degli scavi del cardinale Marefoschi (evidenziata con ovale) nelle sezioni orizzontali al livello della quota di calpestio della Basilica di Palazzo (a) e al livello di calpestio dei criptoportici di Palazzo (b).

206Fig. 201 – Area Basilica di Palazzo; dettagli delle piante di Contini, della Certosa, di F. Piranesi e RiVA affiancati per localizzare l’ambiente in cui era il mosaico con le quattro maschere; le diagonali sono inserite per apprezzare la geometria degli ambienti ed evidenziare forme quadrate.

207Fig. 202 – Area Palazzo-Hospitalia nelle piante di Contini 1668, della Certosa e di Francesco Piranesi 1781; (sotto) la medesima area nelle piante del 1751 e RiVA (livello coperture e, con fondo grigio, livello calpestio del criptoportico di Palazzo).

208Fig. 203 – Ipotesi delle due fasi costruttive nell’area Nord-Est di Palazzo e negli Hospitalia in relazione al riscontro delle finestre a bocca di lupo e della presenza di una condotta idrica di adduzione al sistema idraulico a monte degli Hospitalia; L. Bonanno per RiVA 1010.

209Fig. 204 – Rilievo di un ambiente del corpo orientale degli Hospitalia e della pertinente porzione dell’impianto idraulico a monte; RiVA 2004.

210Fig. 205 – Determinazione della quota dell’interro prima degli scavi Marefoschi; (1) scala murata nel limite Nord-Est del criptoportico; (2, 4) murature realizzate a chiusura del ninfeo nel braccio Nord; (3) una delle finestre a bocca di lupo, murate dopo la costruzione della condotta idrica; (sotto) sezione verticale del criptoportico; (a lato) dettaglio della pianta della Certosa con evidenza della lettera «D» e della parte tracciata in lapis e obliterata con la sanguigna; il medesimo settore nel dettaglio della pianta di Francesco Piranesi.

211Fig. 206 – Dettagli dell’ambiente centrale, a Sud, degli Hospitalia; rilievo e modelli RiVA 2004-2005.

212Fig. 207 – Hospitalia, dettagli delle decorazioni pavimentali e planimetria con piani sezionatori adottati anche per la fig. 206.

213Fig. 208 – Hospitalia, rilievi delle decorazioni pavimentali; RiVA 2004.

214Fig. 209 – Hospitalia, sezioni, prospetti e modelli volumetrici di rilevamento; aggiornamento RiVA 2008.

215Fig. 210 – Sovrapposizioni della pianta RiVA 2006 (in bianco) e la pianta di Francesco Piranesi 1781 (sopra) e con la pianta della Certosa (sotto), eseguite a partire dalla coincidenza dell’area del Pecile.

216Fig. 211 – Piante della Certosa e di Francesco Piranesi, confronto dell’area Palestra-Teatro Latino.

217Fig. 212 – Dettaglio della mappa territoriale «Topografia antico-moderna dell’agro tiburtino», delineata da «Stefano Cabral, e da Fausto del Re, già Professori di Geometria, 1798» .

218Fig. 213 – Area Ninfei di Tempe; piante della Certosa, di Francesco Piranesi 1781 e porzione pianta RiVA; vedute d’insieme e di dettaglio, piante, sezioni e prospetti del cd Ninfeo repubblicano di Tempe: (1, 3) modelli da restituzione di rilievi; (2) dettaglio della colonna di crollo ed evidenza della cisterna sottostante la vasca; (4) dettaglio fotografico del canale di scarico della vasca; (5) dettaglio dell’interno del canale di scarico; (6) vista interna dello speco.

219Fig. 214 – Sistema ipogeo del Ninfeo di Tempe, condotta idrica principale; sezione verticale in asse, sezione orizzontale, dettagli quotati del pozzetto di caduta (sez. verticale e sez. orizzontale); (sotto) localizzazione delle condotte e dei pozzetti; (a lato) pianta del sistema ed evidenza delle strutture d’accesso; (sotto) dettagli dei resti di decorazioni pittoriche parietali negli ambienti d’accesso; G. Giovannetti, RiVA 2006.

220Fig. 215 – Area Teatro Greco - Casino Fede; confronto tra le piante della Certosa e di Francesco Piranesi 1781.

221Fig. 216- Sovrapposizione della foto aerea con la pianta di Francesco Piranesi 1781 (in bianco) da cui evidenzia la posizione dei due piccoli edifici prossimi all’Ippodromo (ciconferenza bianca) e delle tracce della «casetta della vignarola» (quadrato bianco); dettaglio della pianta di Ristori Gabbrielli nel quale è raffigurata la «Casetta della Vignarola» e dettaglio della pianta del 1781.

222Fig. 217 – Complesso del Teatro Marittimo (con il Ninfeo Nord) nelle piante di Francesco Piranesi 1781 e della Certosa. L’appartenenza del Ninfeo al complesso è ben segnalata nella sola pianta della Certosa, mediante la linea dell’assialità, tracciata a lapis.

223Fig. 218 – Teatro Marittimo; studio dei ponti girevoli, (pianta e sez. verticale), da Ueblacker 1985 e (sotto) da RiVA 2006; (a lato), particolare della veduta di Penna, t. 12, «Interno del Natatorio» con l’evidenza della posizione dei «4 ponticelli, distanti fra loro palmi 110, posti ne’ siti ABCD», già introdotti da F. Piranesi; (sotto) dettagli delle piante di Contini 1668, di Kircher 1671, del 1781 (con l’evidenza della «Essedra con nicchia» nella quale è riferito il ritrovamento del Fauno di rosso antico del Vaticano), e di Penna nella quale si vede l’area attraversata da parte a parte da un viottolo; (a lato) Blondel, piante di rilevamento e di ricostruzione del Teatro Marittimo; (in basso) eidotipi di rilevamento, vedute e proposta ricostruttiva, volumetrica, del Ninfeo e pianta dell’intero complesso, C. Di Santo, RiVA 2010.

224Fig. 219 – Nucleo centrale, confronti tra le piante della Certosa, di Francesco Piranesi, di Penna e RiVA.

225Fig. 220 – Confronto tra le piante Francesco Piranesi e della Certosa.

226Fig. 221 – Pianta ricostruita del livello intermedio, servile, del Palazzo d’Inverno, rilievo S. Proietti, restituzione A. Ianni, RiVA 2006; (sotto) sezione verticale, trasversale, Est-Ovest, del complesso costituito da Criptoportico con Peschiera, Palazzo d’Inverno, Giardino-Stadio, Edificio con Tre Esedre; (a lato) dettagli delle vedute di Penna nelle quali è rappresentato il prospetto del Palazzo d’Inverno.

227Fig. 222 – Sezione assonometrica dell’area Est del Palazzo d’Inverno e del Criptoportico con Peschiera; (a lato) proiezione delle volta del Criptoportico con foto mosaico per la valutazione dei resti intonacati, con tracce di pitture; (sotto) sezione verticale, longitudinale, della cd Peschiera e dettaglio della sezione verticale, trasversale, dell’innesto strutturale tra Palazzo d’Inverno e Criptoportico con Peschiera; (in basso) pianta del primo livello (terra) del Palazzo d’Inverno con la ricostruzione delle regolarità murarie e delle decorazioni pavimentali; veduta interna del secondo livello.

228Fig. 223a – Area Sud-Est del Giardino-Stadio nelle piante di Contini 1668, di Francesco Piranesi 1781 e della Certosa (in quest’ultima sono stati evidenziati il Criptoportico di collegamento al Teatro Marittimo e il percorso a Est del Giardino-Stadio, con la scala a Nord del Palazzo d’Inverno).

229Fig. 223b – Ipotesi ricostruttiva del settore Nord-Est del Giardino-Stadio (sezioni orizzontale, verticale longitudinale e verticale in sito – riquadrata), con l’inserimento del probabile percorso di collegamento tra Palazzo d’Inverno (in grigio i due volumi di completamento dell’edificio, da verificare archeologicamente) e le Terme con Eliocamino (in grigio scuro puntinato).

230Fig. 224 – Percorsi, ipogei e non, nelle aree prossime al Giardino-Stadio; immagini aeree (Bingmaps); (a lato) dettaglio della pianta della Certosa con l’accenno dei segni della scala; (sotto) pianta di Contini 1668 posta in parallelo alla pianta della Certosa; (in basso) pianta di Francesco Piranesi 1781 nella quale sono stati evidenziati percorsi ipogei, molti dei quali inesistenti, desunti dalle piante di derivazione continiana.

231Fig. 225 – Terme con Eliocamino; sezione orizzontale alla quota del livello intermedio del Palazzo d’Inverno e veduta ricostruttiva dell’ambiente (laconicum) a pianta centrale, N. Di Cola, RiVA 2004; (sotto) l’edificio come appare nelle piante della Certosa e di Francesco Piranesi 1781.

232Fig. 226 – Caserma dei Vigili; modelli volumetrici dell’edificio desunti dai rilevamenti; confronti tra le piante di Contini, della Certosa, di Francesco Piranesi e RiVA 2006, per quanto possibile ridotte alla medesima scala.

233Fig. 227 – Caserma dei Vigili, pianta livello terra, rilievo e restituzione E. Lazzeri, RiVA 2006.

234Fig. 228 – Area di Palazzo e del complesso della Sala con Pilastri dorici, confronti tra le piante della Certosa, di Francesco Piranesi 1781 e dettaglio della pianta di Winnefeld 1895; vedute volumetriche del modello di rilevamento della Sala con Pilastri Dorici, E. Lazzeri, RiVA 2010.

235Fig. 229 – Sala dei Pilastri Dorici, confronti tra la pianta di Contini 1668, di Francesco Piranesi (sopra) e della Certosa.

236Fig. 230 – Sala dei Pilastri Dorici, pianta e sezioni caratterizzate; modello volumetrico, rilievo e restituzione E. Lazzeri, RiVA 2007.

237Fig. 231 – Area del Ninfeo di Palazzo; viste del modello volumetrico; particolare di un resto di decorazione pavimentale; (sotto) confronto tra le piante della Certosa, di F. Piranesi 1781, di Penna 1836 e RiVA; (in basso) prospetti Ovest e Nord della struttura con muratura concava; evidenza dei fori di incasso delle travi portanti un solaio (visibili anche nel prospetto Est) e ricostruzione della scala; veduta dei resti della scala e veduta della decorazione pavimentale dell’unico ambiente rimasto dell’ala occidentale del complesso.

238Fig. 232 – Area di Palazzo, resti delle decorazioni pavimentali, loro tipologia e localizzazione.

239Fig. 233 – Area di Palazzo, confronti tra le piante della Certosa e di Francesco Piranesi 1781 (i rettangoli grigi indicano l’area di interesse); (sotto) pianta RiVA; (a lato) ipotesi ricostruttiva degli ambienti.

240Fig. 234 – Area Est di Palazzo, sezione longitudinale con indicazione del piano sezionatore adottato nelle piante della Certosa e del 1781; (a destra) pianta del complesso come desunta dal rilievo RiVA 2008, localizzazione dei percorsi murati (A e B) localizzati nei bracci orientale (A) e settentrionale (B) del Criptoportico; (a lato) pianta di Contini 1668, (sotto) pianta della Certosa e (a lato) pianta di Francesco Piranesi 1781.

241Fig. 235 – Modulo della decorazione del Criptoportico di Palazzo, restituzione grafica e dettagli di rilievo fotografico, RiVA 2008.

242Fig. 236 – Peristilio di Palazzo, piante della Certosa, di Francesco Piranesi 1781, (sotto) di Winnefeld 1895 (t. VIII, IX) e di Lugli 1927; (in basso) vista di una porzione della muratura occidentale; (a lato) pianta RiVA 2006 con le indicazioni, in grigio chiaro, del perimetro della muratura di limite del peristilio secondo Winnefeld e, in grigio scuro, del perimetro definito all’allineamento della muratura in angolo Sud-Ovest. Tutte le piante sono riportate al medesimo rapporto di riduzione; i cerchi e gli ovali indicano dettagli comuni ad almeno due piante; (a destra) schema planimetrico, ricostruttivo, dell’area delle Terme di Palazzo; disegno di Gusman 1908b, fig. 102 della latrina a sette sedute, pianta e modello volumetrico, L. Bonanno, RiVA 2008.

243Fig. 237 – Area di Palazzo, Triclinio con stibadio, confronto tra le piante della Certosa e di Francesco Piranesi; (sotto) prospetto laterale; veduta virtuale e prospetto frontale; rilievo e restituzione A. Di Cave, RiVA 2008.

244Fig. 238 – Area tra Piazza d’Oro e le Grandi Terme nelle piante di Contini, della Certosa e di Francesco Piranesi.

245Fig. 239 – Ambiente rinvenuto dalla SBAL (Adembri) nel corso dell’adeguamento della rete idrica della Villa (2005), rilievo e restituzione F. Baudille, RiVA 2005; (sotto) localizzazione dell’ambiente (in bianco) sulla sovrapposizione della pianta della Certosa e la pianta RiVA 2006.

246Fig. 240 – Area Vestibolo; confronto tra la pianta della Certosa e la pianta di Francesco Piranesi 1781.

247Fig. 241 – Complesso del Vestibolo, pianta di Francesco Piranesi in comparazione con la pianta della Certosa e dettaglio di quest’ultima con la scritta «aperta avanti»; (sotto) il complesso nelle piante di Contini 1688 e del 1751; (sotto) pianta ricostruita del complesso, redatta a partire dai dati di rilevamento in sito e dalle indicazioni trasmesse da Reichard, E. Bernardini per RiVA 2006; (in basso) sovrapposizione tra la pianta ricostruita del Vestibolo (grigio scuro) e la pianta di Francesco Piranesi 1781 con l’evidenza dell’assenza, nella pianta del 1781 della porta (circonferenza a tratteggio) documentata nella pianta della Certosa e tutt’oggi riscontrabile (circonferenza linea nera); (a lato) particolare della veduta di Penna con l’evidenza della condizione di interro dell’area del Vestibolo.

248Fig. 242 – Anello ipogeo del Vestibolo, sezione orizzontale mista, con l’evidenza della posizione dei praefurnia. In chiaro sono le proiezioni del livello superiore rispetto al piano sezionatore, entro la circonferenza nera è segnalata, in grigio scuro, la muratura rinvenuta dalla SBAL (Adembri, scavi F. Bono 2005). Le tre fasi successive di costruzione dell’intero anello ipogeo sono evidenziate con differenti campiture e nelle aree di risulta sono state inserite le immagini dei modelli dello stato attuale e dell’ipotesi ricostruttiva del complesso del Vestibolo.

249Fig. 243 – Interno del primo ambiente del braccio meridionale delle Cento Camerelle; (a lato) dettaglio planimetrico con la posizione delle murature tagliate, rinvenute dalla SBAL, all’interno dell’adiacente ipogeo del Vestibolo; (sotto) sezione verticale del vano di ingresso; (in basso) modello volumetrico con (evidenziato con ovale grigio) l’ingresso all’anello ipogeo del Vestibolo.

250Fig. 244 – Veduta di due bracci dell’anello ipogeo; foto F. Bono, 2005.

251Fig. 245 – Pianta, sezioni verticali, sezione assonometrica e modelli delle Piccole Terme, S. Manoni, RiVA 2006.

252Fig. 246 – Area delle Piccole e Grandi Terme nelle piante della Certosa e di Francesco Piranesi.

253Fig. 247 – Area delle Piccole e Grandi Terme nella pianta RiVA 2006 (sezione a quota +1 m dal calpestio), RiVA 2006.

254Fig. 248 – Vista dall’alto del complesso delle Grandi Terme come proposta da Reichard nel 1933 e come desunta dai rilievi RiVA 2005; (sotto) prospetti del complesso, M. Misuriello, RiVA 2006.

255Fig. 249 – Ipogei a Est delle Grandi Terme nelle piante di Contini, del 1751, della Certosa e di Francesco Piranesi; (sotto) l’area tra le Grandi Terme e il Pretorio nelle medesime piante, poste a confronto con la pianta RiVA 2006.

256Fig. 250 – Sezioni orizzontali del complesso del Pretorio e vista frontale, A. Schiavi, RiVA 2006.

257Fig. 251 – Il Pretorio nelle piante della Certosa e di Francesco Piranesi; (sotto) modelli volumetrici dello stato attuale del complesso e della porzione orientale dell’ultimo livello; (a lato) pianta dell’ultimo livello del complesso sovrapposta alla foto aerea (ca 1960); (sotto) parallelo tra l’esedra dell’ultimo livello di Pretorio e l’esedra dell’area di Palazzo dal quale si osserva il rapporto dimensionale tra le due strutture.

258Fig. 252 – Area tra Serapeo e Cento Camerelle, sezione verticale e planimetria quotata.

259Fig. 253 – Complesso del Museo, veduta del corpo Nord; l’intero complesso come rappresentato nelle piante del 1906, di Ligorio, di Contini 1668, (sotto) della Certosa e di Francesco Piranesi 1781, tutte tra loro rapportate; le circonferenze bianche indicano l’interruzione della muratura, erroneamente localizzata nella pianta della Certosa.

260Fig. 254 – Complesso del Museo, veduta della latrina Sud e sezioni verticali, trasversali, della medesima latrina e del secondo ambiente da Sud.

261Fig. 255 – Braccio meridionale delle Cento Camerelle (sostruzioni Pecile), dettaglio della pianta, sezione verticale e volumetrico assonometrico con l’evidenza dei distanziatori; (a lato) intercapedine con bipedali distanziatori nel complesso del Museo.

262Fig. 256 – Complesso del Museo, prospetto e sezione del braccio Sud; sezioni orizzontali e verticali dell’intero complesso; (a lato) veduta dell’ipogeo dell’Edificio del Museo.

263Fig. 257 - Complesso del Museo, pianta e sezioni del secondo ambiente da Sud del braccio meridionale e analisi degli allineamenti dei fori rilevati; riscontro della presenza di fori allineati nelle murature di uno degli ambienti del braccio Nord adibiti a deposito del Museo.

264Fig. 258 – Roccabruna, piante della Certosa, di F. Piranesi e rilievi RiVA; sezione A-A’ con (segno nero continuo) le tracce dei piani sezionatori adottati nelle piante della Certosa e di F. Piranesi; i numeri (1-5) presenti nei disegni, in sezione orizzontale e verticale, fanno riferimento ai maggiori piani di calpestio della parte meridionale e sono richiamati nello schematico modello volumetrico visto da Sud-Est.

265Fig. 259 – Roccabruna nelle vedute di Penna, di Rossini e (sotto) di Piranesi con (a sinistra) la restituzione prospettica della veduta.

266Fig. 260 – Roccabruna, abaco delle decorazioni pavimentali in mosaico in sito.

267Fig. 261 – Roccabruna, abaco delle decorazioni pavimentali in opus sectile in sito.

268Fig. 262 – Roccabruna, dettaglio dell’area della latrina con le posizioni delle porzioni di mosaico rinvenute; lastrina di portasanta all’interno della latrina e simulazione grafica della localizzazione del mosaico.

269Fig. 263 – Complesso del Serapeo-Canopo, piante di Contini, della Certosa e di Francesco Piranesi.

270Fig. 264 – Complesso Serapeo-Canopo, piante di (a sinistra, dall’alto in basso) Pâris, Combes, Penna, Canina e Winnefeld, rapportate alla medesima scala; (a lato, dall’alto in basso) pianta di Salza Prina Ricotti; pianta delle coperture con la sovrapposizione alla foto aerea 2006 e sezione orizzontale a quota +1.20m dal piano di calpestio (94.3msm), RiVA 2006-2010.

271Fig. 265 – Complesso Serapeo-Canopo, sezioni ricostruttive.

272Fig. 266 – Complesso Serapeo-Canopo, sezione verticale, veduta prospettica, vista aerea durante e al termine degli scavi; archivio palazzo Altemps, fondo Aurigemma.

273Fig. 267 – Serapeo, resti del prospetto principale; resto A in Ganzert e Aurigemma; (sotto) rilievo RiVA 2012; (a lato) modello volumetrico della cupola con acquedotto; (sotto) rilievo del resto B; veduta dei resti, archivio palazzo Altemps, fondo Aurigemma.

274Fig. 268 – Serapeo, funzionalità dell’adduzione idrica nel settore centrale, M. Brun per RiVA 2008; (a lato) Rossini, veduta dell’interno del Serapeo; M. Brega per RiVA 2006, veduta notturna della cupola del Serapeo.

275Fig. 269 – Sezioni orizzontali e verticali del Serapeo con l’ipotesi ricostruttiva del sistema idraulico basata sulle informazioni desunte dai rilevamenti RiVA 2008; vedute della parte superiore con l’evidenza delle cisterne e della canaletta.

276Fig. 270 – Area dell’Accademia e (in basso) del Teatro dell’Accademia nelle piante della Certosa e di Francesco Piranesi.

277Fig. 271 – Area di S. Stefano nelle piante, riportate al medesimo rapporto, di Contini, della Certosa, di Francesco Piranesi, di Kircher e del 1751.

278Fig. 272 – Confronto tra le piante di Contini (1668), Kircher (1671), del 1751 (Piranesi?), della Certosa (1777), di Francesco Piranesi (1781) e di Penna (1836), ridotte alla medesima scala, con l’evidenza degli allineamenti.

279Fig. 273 – Area di Piazza d’Oro nelle piante di Francesco Piranesi, della Certosa, di Contini e del 1751, con l’evidenza, sulla pianta di Francesco Piranesi e su quella della Certosa, delle differenze rispetto agli elaborati precedenti.

280Fig. 274 – Edificio a Sud del Ninfeo meridionale di Piazza d’Oro nelle piante della Certosa, di Francesco Piranesi e di Contini; localizzazione nella foto aerea del 1961.

281Fig. 275 – Localizzazione dell’edificio a Sud del Ninfeo meridionale di Piazza d’Oro, condotta mediante la sovrapposizione tra la pianta della Certosa e la foto aerea Lamco 2006.

282Fig. 276 – Le cd Neviere nelle piante della Certosa; (sotto) di Francesco Piranesi; (a lato) di Penna; (sotto) Penna 1836, II, t. 126, «Celle Vinarie» .

283Fig. 277 - Le due «Piazza d’Oro» nella pianta del 1751 e le pertinenti descrizioni tratte dalla legenda di Contini 1668.

284Fig. 278 – Analisi delle distanze tra i due presumibili luoghi di scavo e le due Piazze d’Oro:

285A = Area Museo didattico – Area Casino Fede.

286B = Area Museo didattico – Area Piazza d’Oro (attuale).

287C = Area Antinoeion – Area Piazza d’Oro (attuale).

288D = Area Antinoeion – Area Casino Fede.

289Fig. 279 – Il «Tempio di Marte» nelle piante della Certosa, di Francesco Piranesi nella pianta RiVA 2006.

290Fig. 280 – Particolare della foto aerea 1961 e (sotto) sovrapposizione della pianta del «Tempio di Marte» di Francesco Piranesi e la pianta dell’Antinoeion di Salza Prina.

291Fig. 281 – Le basi a pianta triangolare, delle quali una è documentata anche da Bonanni 1709, p. 4, 5 (estratti), t. I (particolare), come si vedono nelle illustrazioni di de Montfaucon, 1719 – 1724, II, pl. L; Penna 1831- 1836, IV, t. CXXXV; Zanetti 1743, II, t. 33; Zannoni 1817, t. 29,30 , oltreché nell’immagine fotografica, Cifani 2014, p. 82; occorre segnalare che due disegni di Ghezzi, raffiguranti soggetti assai simili sono al British Museum, Prints & Drawings, n. 1859,0806.293 e 1859,0806.29.

292Fig. 282 – Triclinio imperiale, pianta, prospetti interni, vista volumetrica e spaccato assonometrico dell’ambiente semi ipogeo; volumetria del complesso unito al Padiglione di Tempe, RiVA 2004.

293Fig. 283 – Piante del Padiglione di Tempe allo stato attuale e pianta ricostruita del primo livello, L. D’Aguanno, RiVA 2004.

294Fig. 284 – Biblioteca Latina, Edificio con latrina doppia imperiale, Triclinio Imperiale con ambiente semi-ipogeo, Padiglione di Tempe Hospitalia e la parte Nord-orientale di Palazzo nelle piante di Francesco Piranesi e della Certosa.

295Fig. 285 – Pianta, sezione verticale, localizzazione, vista volumetrica e vedute dell’ambiente con latrina doppia nell’area della Biblioteca Latina, M. Pasquale, RiVA 2005.

296Fig. 286 – Piranesi, Vasi, candelabri, cippi..., t. 31 e 32.

Figure a colori fuori testo

297Tav. 1 – Tentativo di sovrapposizione tra la pianta di Contini e quella di Kircher (in rosso).

298Tav. 2 – Individuazione, sulla base cartografica della mappa Cessato Catasto Rustico, 326, Tivoli, V, Villa Adriana, e sulla pianta RiVA 2006, delle indicazioni riportate nella pianta di Ristori Gabbrielli.

299Tav. 3 – Particolari inediti di stucchi nell’area della Palestra.

300Tav. 4 – Pianta della Certosa con l’evidenza della posizione della data, 1777.

301Tav. 5 – Tentativo di simulazione ricostruttiva della decorazione pavimentale della basilica di Palazzo e dell’ambiente antistante; ipotesi formulata a partire dalla pianta di Francesco Piranesi e supportata dall’analisi dei resti in sito.

302Tav. 6 – Piante della Certosa e di Francesco Piranesi 1781, confronto relativo ai percorsi ipogei e all’edificio a Ovest del Tempio di Venere.

303Tav. 7 – Caserma dei Vigili, ipotesi ricostruttive dell’edificio con riferimento alla determinazione delle coperture e delle scale; (a lato) definizione della quota dell’interro all’epoca della redazione della pianta preparatoria. Evidenza delle finestre chiuse con campiture successive nella pianta di Francesco Piranesi. Risultati indagini georadar (Diagnosis s.r.l. per RiVA 2003) e archeologiche (SBAL – B. Adembri, F. Bono, 2004); ipotesi funzionalità idraulica.

304Tav. 8 – Criptoportico Repubblicano di Palazzo, veduta del modulo restante (braccio Nord) della decorazione della volta.

305Tav. 9 – Ricostruzione virtuale dei resti di decorazioni pavimentali in opus sectile presenti a Roccabruna.

306Tav. 10 – Ricostruzione virtuale della pavimentazione della sala centrale di Roccabruna.

307Tav. 11 – Veduta parziale dei resti di pittura nella calotta absidale della sudatio delle Grandi Terme, foto RiVA 2004; (a lato) copia e verifica cromatica del disegno di Ghezzi conservato al British Museum.

Tabelle

308Tab. 1 – I maggiori avvenimenti citati, elencati in ordine cronologico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

309Tab. 2 – I maggiori avvenimenti citati, elencati in ordine cronologico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30

310Tab. 3 – I maggiori avvenimenti citati, elencati in ordine cronologico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38

311Tab. 4 – I maggiori avvenimenti citati, elencati in ordine cronologico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49

312Tab. 5 – I maggiori avvenimenti citati, elencati in ordine cronologico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58

313Tab. 6 – Comparazione tra le sequenze descrittive dei testi di Ligorio e la sequenza alfabetica apposta sul disegno di Stracha . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68

314Tab. 7 – Le trascrizioni di Sebastiani e di Lavagne poste in comparazione diretta. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69

315Tab. 8 – Elenco delle vedute piranesiane di Villa Adriana, riportato in ordine cronologico rispetto alla data di stampa. La numerazione delle tavole è riferita alle illustrazioni del catalogo di Hind . . . . 171

316Tab. 9 – Presenza di Piranesi a Villa Adriana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197

© Publications de l’École française de Rome, 2017

Licence OpenEdition Books

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search