Version classiqueVersion mobile

Le rappresentazioni planimetriche di Villa Adriana tra XVI e XVIII secolo

 | 
Giuseppina Enrica Cinque

Conclusione

Texte intégral

  • 1 Salza Prina Ricotti 1973, p. 1-47; si coglie l’occasione per ricordare con particolare affetto la S (...)

1La storia delle rappresentazioni planimetriche della Villa imperiale tiburtina di Adriano costituisce un tema per lo più trattato al fine di elencare la successione cronologica delle piante disegnate nel tempo. Sebbene anche di recente siano stati pubblicati lavori attinenti l’argomento, fatta esclusione per il saggio di Salza Prina Ricotti1, la materia non è mai stata affrontata in maniera esaustiva, differentemente dall’ampio uso che viene fatto degli elaborati planimetrici, origine di ampi dibattiti in merito alla qualità, quasi sempre espressa in termini di esattezza dei rilevamenti e delle restituzioni. A tal proposito lo studio ha preso le mosse dalla leggendaria «pianta» di Pirro Ligorio, ed è stato condotto analizzando nel dettaglio la questione della scomparsa e le ragioni per le quali, in età moderna, non è mai stata riconosciuta negli esemplari da essa copiati o derivati.

2A partire dalla tendenza comunemente adottata da chi studia la Villa imperiale tiburtina che, vertente a considerare la piena conformità tra le prime tre piante stampate, induce indifferentemente ad adottarne l’una o l’altra attribuendone sempre la paternità a Contini, lo studio è stato mirato verso il riscontro dell’effettiva attività svolta dall’architetto/ topografo Secentesco nella Villa, a partire dal suo primo approccio in sito, rivolto alla verifica della «pianta» ligoriana – tra il 1632 e il 1634 – per proseguire con il rilevamento ex novo, intrapreso e concluso tra il 1664 e il 1668.

3Il medesimo approccio ha avuto per oggetto la ricerca delle ragioni per cui Kircher, giunto a Roma sotto la protezione del cardinale Barberini, è costretto a far eseguire una copia della pianta stampata da Contini per poterla inserire nel suo Latium.

  • 2 Giova citare gli esempi più recenti, P.F. Caliari, Tractatus logico sintattico. La forma trasparent (...)
  • 3 Hidalgo 2006, p. 41-42.

4La verifica di quanto gli autori delle successive piante abbiano direttamente dedotto da quella continiana, ovvero di quanto sia stato riscontrato dai rilevatori successivi attraverso indagini in sito, ha costituito il successivo tema di analisi, volto alla ricerca delle indicazioni, in valenza diacronica, utili per la conoscenza dell’imponente sito archeologico. In effetti, quasi tutti coloro che si sono succeduti nella redazione di indagini planimetriche, o che hanno pubblicato piante della Villa, sono inconsapevolmente debitori di Contini e consapevolmente debitori di Piranesi e, per lo più, di Francesco; dalla pianta stampata nel 1781 in poi, infatti, quanti hanno pubblicato piante della Villa prima del 2006, ossia, e per citarne solo alcuni, Penna, Canina, Nibby, Tomassetti, Gusman, Winnefeld, Lanciani (cd «Pianta degli Ingegneri» 1906) e Salza Prina Ricotti, hanno riproposto alcune particolarità prevalentemente desunte dalla pianta del 1751 o da quella di Francesco Piranesi2 e pressoché nessuno ha fatto riferimento alla pianta della Certosa3, anonima, benché diffusamente attribuita a Giovanni Battista Piranesi.

  • 4 M. de Franceschini, http://www.villa-adriana.net, «Bibliografia critica – Testi antiquari».

5Come avvenuto per gli studi più recenti, compresi quelli in precedenza condotti da chi scrive, le due piante stampate dopo quella di Contini sono state sempre ritenute copie conformi della anteriore e, in particolare, sia la pianta di Kircher, sia quella del 1751 non sono mai state citate correttamente e sono sempre state pienamente attribuite a Contini, nonché conseguentemente adottate per illustrare quanto ritenuto pertinente lo stato dei resti della Villa nella seconda metà del Seicento, come affermato anche da De Franceschini4, «Contini F. Pianta della villa tiburtina di Adriano Cesare. Roma 1751 (Ristampa). È la pianta Contini del 1668, riedita nel 1751 perché ormai rarissima e molto richiesta. È però stampata su di un unico grande foglio, mentre la versione precedente era divisa in più fogli ed il dettaglio degli edifici era meglio leggibile».

6Se già un esame più approfondito indica il permanere di notevoli fraintendimenti in merito alle prime piante, l’analisi puntuale delle informazioni reperibili e, in particolare, della letteratura sviluppata in contemporaneo, o quanto meno in prossimità di ogni evento trattato, estesa anche alle situazioni al contorno, non solo ha permesso di accertare le ragioni all’origine delle vane ricerche della pianta ligoriana ma ha consentito di separare definitivamente tale elaborato da quello redatto da Contini, nella piena affermazione che quest’ultimo è realmente da considerare quale frutto del primo, accurato rilevamento della Villa, condotto secondo uno schema scientifico, di chiara impronta topografica, chiaro ed esaustivo.

7La medesima metodologia di indagine, applicata con riferimento alla pianta kircheriana, ha consentito di verificare quanto il gesuita abbia copiato dalla pianta di Contini e quanto, invero non molto, abbia aggiunto sulla base delle sue personali conoscenze del sito archeologico; la verifica in comparazione dei due elaborati offre uno dei risultati fattivamente utili per la determinazione della diretta dipendenza della pianta del 1751 dalle tavole, mal riunite, che compongono la pianta di Kircher. L’elaborato settecentesco deve essere oramai considerato, solo ed esclusivamente, quale copia, parzialmente rivista, della pianta kircheriana e non della continiana.

8Con specifico riferimento all’anonimato di tale pianta, inoltre, una serie di dati ha permesso di tracciare un quadro della personalità del delineatore e, su tale base, è stato possibile ipotizzare il riconoscimento di Giovanni Battista Piranesi, le cui attività di indagine nella Villa sono state analizzate nel dettaglio. L’indagine pertinente Piranesi a Villa Adriana ha costituito, senz’ombra di dubbio, un particolare onere in relazione all’immane produzione letteraria sviluppata nel tempo in merito a tale poliedrico e affascinante personaggio. Certo è che, come è stato possibile dimostrare, la letteratura prodotta con riferimento al suo impegno a Villa Adriana deriva da pochissimi studi di impronta archeologica, senz’altro assai accurati dal punto di vista di tale disciplina, meno specifici in relazione al contesto storico settecentesco. A tal proposito, le costanti verifiche con i documenti originali, o comunque con la letteratura prodotta in tempi assai prossimi agli avvenimenti analizzati, eseguite ponendo al vaglio ogni indicatore passibile di fornire informazioni, hanno permesso di rivedere l’effettivo impegno indagatorio di Piranesi a Villa Adriana, nonché di collocare con maggiore attenzione la sua produzione grafica entro archi temporali più definiti.

9All’interno di tale studio, inoltre, si delineano alcuni dei risultati ottenuti, a partire dal rilevatore della pianta della Certosa, oramai identificabile nell’architetto francese Jacques Gondoin, per finire con l’attribuzione, piena e definitiva, della pianta del 1781 al solo Francesco Piranesi che, peraltro, la disegna prevalentemente a partire dalla base di quanto presente nella pianta del 1751, ossia escludendo la maggior parte delle peculiarità che, presenti nel rilievo di Gondoin, in seguito vagliate e parzialmente modificate da Giovanni Battista, costituiscono le innovazioni contenute nella pianta della Certosa.

10La conoscenza dell’iter formativo di ciascuna pianta della Villa, di ogni autore, di ogni periodo di redazione e, in generale, dell’insieme delle informazioni al contorno pertinenti ogni elaborato, costituisce una solida base sulla quale sarà possibile intraprendere ulteriori studi in seno alla Villa per pervenire a una conoscenza più esaustiva dell’immane Tiburtinum Hadriani.

Notes

1 Salza Prina Ricotti 1973, p. 1-47; si coglie l’occasione per ricordare con particolare affetto la Studiosa, recentemente scomparsa.

2 Giova citare gli esempi più recenti, P.F. Caliari, Tractatus logico sintattico. La forma trasparente di Villa Adriana, Roma 2012, e S. Bertocci, S. Parrinello, Un’esperienza di collaborazione scientifica per la documentazione del sito archeologico di Villa Adriana, in Forma Urbis, VIII, 8, settembre 2013, p. 48-49, nei quali viene fatto uso di piante della Villa comprendenti quanto di più inesistente appaia nelle piante storiche.

3 Hidalgo 2006, p. 41-42.

4 M. de Franceschini, http://www.villa-adriana.net, «Bibliografia critica – Testi antiquari».

© Publications de l’École française de Rome, 2017

Licence OpenEdition Books

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search