Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Attraverso le Alpi e lungo il Po : importazione e distribuzione di sigillate galliche nella Cisalpina

 | 
Ada Gabucci

Ringraziamenti

Texte intégral

1
È molto difficile riunire in poche righe tutte le persone cui sono debitrice per avermi in qualche modo aiutato, consigliato e supportato in questa quasi eterna ricerca e il rischio di dimenticare qualcuno è molto alto. Come si vedrà, il risultato finale è frutto di studi diversi, di lavori apparentemente slegati e di indagini nate da spunti estremamente vari, che mi hanno portato a contatto con moltissimi colleghi e studiosi con i quali mi sono confrontata e ho discusso. Leggendo queste pagine molti riconosceranno spunti e argomenti e ritroveranno le tracce di un percorso comune. A tutti loro va la mia più sincera gratitudine.

2Devo però alcuni ringraziamenti particolari : a Luisella Pejrani Baricco senza la quale tutto il lavoro su Torino e Ivrea sarebbe stato impossibile ; a Brunella Bruno che mi ha aperto le porte dei cantieri veronesi e si è prestata sempre con entusiasmo a disquisizioni scientifiche ; a Simonetta Bonomi per aver « condiviso » le sigillate galliche di Concordia e Altino ; a Federico Barello che mi ha dato la possibilità di vedere i materiali inediti dei suoi cantieri in Val di Susa e ad Alessandro Quercia per il materiale di vecchi scavi e raccolte di superficie di Libarna e Tortona ; a Paola Ventura e Marta Novello per avermi consentito l’accesso ai magazzini aquileiesi.

3Sono molto grata a Philippe Pergola per aver accettato di imbarcarsi nell’avventura della mia tardiva tesi di dottorato e soprattutto a Carlo Pavolini che per anni ho tormentato con il mio lavoro, mano a mano che lievitava. E grazie di cuore anche a Jean-Paul Morel, Clementina Panella e Stefano Tortorella. Un ringraziamento particolare a Stéphane Bourdin e all’École française de Rome per aver accolto questo mio lavoro, a Cinzia Vismara che mi ha dedicato il tempo necessario per mettere definitivamente sulla rotta giusta il mio manoscritto e a Paola Bordigone che, in una telefonata di pochi minuti alla vigilia delle vacanze, ha capito quanto fosse essenziale per l’equilibrio generale del volume inserire un capitolo a sua firma su Mediolanum.

4E, per finire, tre persone speciali : Richard Delage che ha accettato di leggere il mio lavoro con l’occhio dell’esperto di sigillate galliche e soprattutto centrogalliche, proponendo aggiustamenti, correzioni e identificazioni a cui io non sempre ero arrivata. Eleni Schindler Kaudelka che ha seguito passo passo la mia ricerca, condividendola, spronandomi e aiutandomi con la sua grande esperienza e la sua estesa rete di conoscenze. E infine Stefania Ratto, con la quale da diversi lustri condivido lavori soprattutto torinesi e un essenziale scambio di vedute e informazioni, per aver accettato con entusiasmo di imbarcarsi (quasi nel vero senso della parola) alla ricerca di una rete distributiva cisalpina di prodotti diversi, impostando un bellissimo lavoro sulle ceramiche comuni usate come recipienti per contenere e trasportare quei prodotti invisibili che ritengo siano essenziali per la comprensione degli scambi commerciali.

© Publications de l’École française de Rome, 2017

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540