Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Le Thermalisme en Toscane à la fin du Moyen Âge

 | 
Didier Boisseuil

Troisième partie. L'Âge d'or du thermalisme

Documents

Texte intégral

DOCUMENT 6
Nomination d’un vicaire à Bagno di Petriolo (1388)

1Le 28 décembre 1388. Pétition des habitants de Bagno di Petriolo et Bagno di Macereto, de ceux des communautés vivant autour des bains, adressée à la Seigneurie de Sienne. Déplorant l’absence de vicaire depuis près de vingt ans, ils demandent que soit nommé à Bagno di Petriolo, un notaire faisant office de vicaire. Flanqué de deux serviteurs et nommé pour six mois, ce vicaire doit recevoir cent livres payées par les communautés de Pari, Monteacuto, Montepes-cini, Iesa, Tocchi, Renna, Bagno di Petriolo, Serre di Petriolo, Tersinate et Ba-gnolo. La proposition est acceptée par le Conseil général par 198 voix favorables contre 42 opposées.

2A.S.S. Consiglio generale 196, f° 93v.

3Pro comunitatibus Petrioli et aliis quod habeant vicarium.

4Similique modo et forma proposuit cum fuerit dominis prioribus sup-plicatum in hac forma, videlicet : coram vobis magnificis et potentibus dominis dominis prioribus et gubernatoribus comunis et populi Civitatis Senarum exponitur paternitati vestre reverenter per multos vestros subditos cives Senenses vestri status zelatores quod balnea vestra Petriuoli et Macereti temporibus retroactis solita erant habere unum ex notariis maioris cerne civitatis Senarum in eorum vicarium cum condecenti salario; et qua salarium talibus officialibus et vicariis fuit elevatum, ibi non ivit iam sunt viginti anni et ultra aliquis notarius in officialem, ex qua de causa in illis partibus ius ali-cui non fuit nec est observatum; et comunia balneorum predictorum et co-munitates circumstantes ex hoc damnificantur, quare placeat dominationi vestre provideri facere per oportuna consilia Comunis Senarum quod ibi et apud balnea Petriuoli et Macereti et comunitates infrascriptas quibuslibet sex mensibus, quando vicarii in comitatu mittuntur per dominos priores qui tune temporis de mensibus iunii et decembris in officio residebunt, eligatur, vel de capsetta maioris cerne notariorum comitatus extrahatur unus notarius in vicarium dictorum locorum et infrascriptarum comunitatum, qui cum duobus famulis bene actis sit vicarius dictorum balneorum et infrascriptarum comunitatum, ad salarium pro persona vicarii pro quibuslibet sex mensibus centum librarum denariorum et ad rationem octo librarum pro quolibet famulo et quolibet mense dictorum sex mensium, solvendorum eidem vicario per comunitates infrascriptas secundum eorum taxationem, prout pro rata tetigerit; et quod dictus vicarius possit et sibi liceat vigore sui officii condemnare de malleficiis commissis in dictis et infrascriptis comunitatibus usque in vigintiquinque libras denariorum, que condemnationes sint et deveniant in Comuni Senarum, sed de dannis datis et verbis iniuriosis commissis et committendis in ipsis infrascriptis comunitatibus possit con-demnare secundum formam statutorum et ordinamentorum dictarum infra-scriptarum comunitatum; et condemnationes sint et deveniant in ipsis comunitatibus ubi talia committerentur, et in civilibus causis possit dictus vicarius ius reddere usque in quantitatem decern librarum pro qualibet querimonia et bancum sit vicarii, sed sibi de querimoniis solvatur secundum formam statutorum ipsarum comunitatum; et quod dictus talis vicarius cum dictis famulis de predicto salario nullam teneantur solvere cabellam Comuni Senarum; et salarium quod per Comune Senarum solvi consueverat talibus vicariis ipsum comune non teneatur solvere; et residentia dicti vicarii sit apud Balnea Petrioli. Nomina vero comunitatum que conferre debent salario dicti vicarii sunt hec : Pari, Mons Agutulus, Monte Piscini, Iesa, Tochi, Renna, Petriolum et Balneum et Serre, Tarsinata et Bagnolum. Si quidem dicto consilio et consiliariis dicti consilii videtur et placet providere, ordinare et reformare e quod provisum ordinatum et reformatum sit et esse intelli-gatur autem presentis consilii, prout et sicut in dicta proposita et petitione continetur, non obstantibus statutis, reformationibus, provisionibus et ordi-namentis Comunis Senarum in contrarium disponentibus, in Dei nomine consulatur.

DOCUMENT 7
Modalités de perception des gabelles à Bagno di Petriolo (1437)

5Le 29 septembre 1437. Afin que la gabelle sur les denrées alimentaires vendues à Bagno di Petriolo ne soit pas prélevée sur les passants empruntant le pont, mais payée par les propriétaires d’auberges de la station, le Conseil général nomme une commission chargée d’établir le montant des versements que chacun d’entre eux doit acquitter. Les licences octroyées doivent rapporter la somme de 1200 livres pour deux ans. Les six membres de cette commission ne doivent pas être parents des propriétaires. Ceux qui, parmi ces derniers, ne voudraient pas acheter de licence, doivent fermer leur établissement sous peine d’une amende de 100 florins. Les gabelles du site de Bagno delle Caldanelle sont affermées séparément. Tous ceux qui voudraient commercialiser des denrées, sans détenir d’auberge, peuvent le faire librement sans être taxés. Proposition acceptée par le Conseil général par 146 voix favorables et 7 opposées.

6A.S.S. Consiglio generale 219, f° 188v.

7[en marge] Gabella balnei ad Petriolum exigatur per hospitalarios ap-pretiata librarum 1200.

8In nomine domini Amen. Certi ciptadini eletti per li vostri Magnifici Signori e Gonfalonieri mahestri per autorità del consiglo del popolo ad fare provisioni sopra le gabelle del Bagno ad Petriuolo, acciôche Ί nostro comu-no abbi al suo debito et non sia colto al ponto et acciôche quello luogo sia bene fornito e bene in ponto per honore de nostro comuno et per comodita de chi capitasse ad quilli bagni, providero e ordinaro in questa forma cioè : vedute le vendite facte de le gabelle d’esso bagno da più tempo e maxima-mente da la pace in qua che troviamo e primi due anni essarsi venduto libre MCC et li secondi libre MC; et benché per la guerra et innançi la guerra più e più anni fussero vendute ad far meno, non di meno ci pare discreto che per due anni proximi ad venire esse gabelle del bagno solamente sieno tassate libre MCC cum le conditioni infrascritte et da destribuirse et pagarsi per lo modo infrascritto, non intendendosi per la gabella de docci et del sangue, la quale rimanga al comuno de Siena che per li nostri Magnifici Signori et Capitano de Popolo, Gonfalonieri magistri, camarlengo e exegutori di Gabella cioè quilli che se potranno avere, elegino sei ciptadini segreti cioè : due per monte tollendo de quilli che sieno atti et che se possino avere de presente, et non se sappi chi se sieno, si non per lo notaio de Concestoro, el qual notaio sotto pena de periuro et d’essare admonito in quella forma e sotto quella pe-na che se denno tenere segreti e sei che sindicano e signori cosi tenga segreti essi sei, e quali sei ciptadini cosii segreti eletti sotto la pena de fiorini cento da essarne scripti de facto debitori al liro dello Specchio per esso notaio, non possino per alcuno modo refiutare; et non possi essare dessi sei neuno che v’abbi abergo, né loro figluoli, fratelli carnali, zii et nepoti; et immediate per li executori et camarlengo se dia prescripto al notaio de concestoro tucti li abergi desso Bagno ad Petriolo col numero delle letta che costumano fare, el decto notaio li dia a detti sei, et poi che aranno acceptato et dato lo sarà la detta notola per lo notaio infra XX di prossimi, sieno tenuti et debbino avere tassate tucte l’uscia overo abergi desso bagno cum quella discrettione lo parrà, avuta consideratione a la capacita, a le letta, a’ perbi et ad l’altre cose che se debbono considerare in essa tassa, distribuendo infra tucti le dette lire MCC in due anni da pagarsi per ciasschuno che cosi sarà tassato al camarlengo di gabella, secondo il modo usato, et che gl’abergi et luogi cosi tassati i padroni d’essi sieno tenuti et obligati per la detta tassa a lloro facta ognuno per lo suo abergo, si gli abergatori non pagassero in tucto et in parte di quel-lo che restasse ad pagare; et niuno d’essi abergatori possi vendare vino ο fare macello, si non solamente in uno luogo et ad uno uscio et si in più luogi ven-desse pagi oltre la sua tassa per gl’altri luogi, da uno in fuore la debita gabella ad gl’altri abergi per lira e per soldo; item si alcuno de li abergatori o pa-troni d’essi abergi non volesse conferire ad tassa, che in quel caso per tucto el detto tempo di due anni sia tenuto serrare esso abergo, si che niuno exer-citio d’abergare o altro guadagno ve si possi fare come si non vi fusse, sotto la pena de fiorini cento per ciasschuno che contrafacesse et per ciasschuna volta da esserne scripto debitore allo specchio et pagarsi al monte, et questo solo s’intenda per quelli che publicamente sonno nominati albergi, et si altri che loro volessero allogare letta se debbi tassare colli exegutori e respondare al comuno de Siena solamente et non s’intenda nelle lire MCC; item che in questa tassa non s’intenda l’abergo et Bagno delle Caldanelle ma solo el Bagno de Petriolo; et che le Caldanelle se debbino vendare per li executori de Gabella a’ bandi com’è usança; et tucto quello si vendaranno esse gabelle de le Caldanelle sia del comuno di Siena oltre le lire 1200, et chi comprarrà le dette gabelle delle Caldanelle sia tenuto tenere l’abergo aperto et vivo per ogni tempo durante la detta compra sotto la pena de lire cinquanta de denari per ciasschuna volta da essarne acceso ad liro de lo Specchio; item che ol-tra e detti abergatori sia licito ad ogni persona potere vendere et mescere vino in grosso et ad minuto et altre cose da magnare come sarà de suo piacere et ad quelli preggi che lui vorrà non potendo essare stretto ad vendere ad altri preggi, si no come esso medesimo vorrà pagando la debita gabella secon-do l’usança, la qual gabella se debbi destribuire a’ detti abergi cosi tassati per lira e per soldi secondo la tassa che aranno et sia loro liberamente; item che per questo non s’intenda essare tolta la franchigia d’esso bagno sicondo l’usança ad alcuno ciptadino, contadino o forestiere, ma sia licito e possino portare per loro logro et uso e per donare tucto quello vorranno sença paga-re gabella alcuna, si che venga ad dire che si possa solamente coglare gabella di quelle cose che per statuto e per consuetudine è ordinato se pagi gabella et non dell’altre, né altramenti respondendo come è detto a’ detti abergatori; et simile le franche rimangino come è usato; item che per nisuno altro modo si possino vendere, né destribuire esse gabelle, né per li exegutori di gabella, né per li abergatori si no come di sopra è specificato et dichiarato. Et tucto questo si fa acciôche Ί Bagno sia meglo fornito et per più honore di comuno et di quello luogo, et che ciptadini et forestieri sieno meglo serviti et truovi-no abondantamente de le cose besognevoli e non sieno colti al ponto solo da uno uscio; item che tre misi inançi la fine de’ detti due anni, la presente provisione si debba legere in consiglo de Popolo et sopra esse gabelle far proposta come in esso consiglo se deliberarà se mandi ad executione et non ob-tenendosi alcuna cosa in altra forma che per gl’altri due anni si facci come per questi due primi; et cosi successivamente de due anni in due anni s’os-servi non diminuendo mai esse lire MCC, ma possino bene quilli sei ciptadini segreti crescerle discretamente secondo la qualita de tempo; et si per cagione di guerra non se potessero usare e detti bagni, per quello tempo solamente rimanga essa gabella al nostro comuno di Siena, et deliberandosi et faccendosi questo gittarà utile in honore al nostro comuno di Siena et per esso bagno et anco per gl’altri bagni. Anno domini MCCCCXXXVII°, indictione prima, die XXVIIII septembris, in consilio Populi et Popularium Magnifia Comunis Senarum, fuit victa et obtenta dicta provisio.

DOCUMENT 8
Taxation des auberges de Bagno di Petriolo (1437)

9Le 14 octobre 1437. Montant des taxations – fixé par une commission de six citoyens siennois élus secrètement – concernant les auberges de Bagno di Petriolo. La taxe est établie pour deux ans et les propriétaires des établissements doivent effectuer des versements tous les deux mois.

10A.S.S. Concistoro 430, f° 25v-26v.

11[en marge] Jacobi Salvi Vicii capitanei Castiglioncelli vacatio

12Die Lune XIIII ottobris [1437]

13Magnifici et potentes domini, Domini Priores et Capitaneus populi civi-tatis Senarum, convocati in eorum solito consistorio in numero sufficienti, servatis debitis solemnitatibus, visa vacatione data per dominos Regulatores Iacobo Salvi Vicii novo castellano Castiglioncelli, dictam significationem et vacationem receperunt et admiserunt sex cives segreti electi secrete per M. D. Priores et Capitaneum populi, Vexiliferos magistros, camerarium Cabelle et duos ex executoribus Cabelle ad tassandum hospitia Balneorum de Petriuolo secundum formam provisionis obtente in consilio generali, manu ser Bernabei de Tuderto notarii Reformationum dicti comunis, et de eorum electione constat manu Johannis Nicolai Ciechini notarii infrascripti, vigore dicte eorum commissionis, tassaverunt infrascripta hospitia pro duobus an-nis incipiendis die XV presentis mensis et quod debeat dicta tassatio notifi-cari per dominos executores cabelle prout infra continetur, que tassatio de-beat solvi per dominos dictorum hospitiorum de duobus mensibus in duos menses et quod prima paga differatur in ultimis duobus mensibus. Que hospitia et eorum tassatio hec et hec sunt, videlicet :

14L’abergo d’Antonio di Gabriello, el quale è presso a la porta che viene da Siena a mano sinistra, el quale tiene Cristofano di Giovanni sta a le Serre, tassato per due anni, da comminciare a di XV d’ottobre presente, come è detto di sopra, et da finire chome sequita, libre cinquanta soldi otto da paga-re chome è detto di sopra ... 1. 50, s. 8.

15L’abergo di Iacopo d’Ambruogio Spannocchia, el quale è longo a questo nominato di sopra, el quale tiene maestro Agustino di Niccolô d’Agustino, tassato per due anni da comminciare chome è detto e da finire chome segui-ta, libre cento ottantotto, soldi dieci, da pagare chome è detto di sopra ... 1. CLXXXVIII, s. dieci.

16L’abergo del conte Niccholô da Ylci in su la piaza, el quale tiene el Fra-chassa, tassato per due anni predetti da comminciare et da finire come è detto di sopra, libre centosettanta quattro, da pagare chome è detto ... 1. CLXXIIII.

17L’abergho di Cristofano di Nanni di Ghabriello, el quale è a lato al bagno delle donne, tiello el Soldano, tassato per li detti due anni, da comminciare come è detto, libre sessantanove, soldi sei, da pagare chome è detto ... 1. LXVIIII s. VI.

18L’abergo di Bastiano di Tinelloccio, el quale è fra Ί muro chastellano e l’abergo di Cristofano di Nanni, tiello maestro Agustino di Nicolô d’Agustino, tassato per li detti due anni da comminciare come è detto, libre vinti-quattro, da pagare chome è detto ... 1. XXIIII.

19L’abergho d’Agustino di Nicolô Borghesi, el quale è verso el bagno degli uomini, tiello lo Scharsella, tassato per li detti due anni, da comminciare come è detto, libre dugento vintiquatro, soldi quindici, da pagarsi chome è detto ... 1. CCXXIIII s. XV.

20L’abergho di Mariano di Pauolo di Minuccio Bargaglia, verso la porta della Farma a capo el bagno agli uomini, tiello el Cortona, tassato per li detti due anni, da comminciare come è detto, libre centosettanta quatro, da pagare come è detto ... 1. CLXXIIII s.

21L’abergho d’Andrea Rosso, a capo el bagno degli uomini, verso el ponte, tiello lui medesimo, tassato per li detti due anni, da comminciare chome è detto, libre centotrenta sette, soldi quindici, da pagarsi come è detto di sopra... 1. CXXXVII s. XV.

22L’abergho di Giovanni di misser Thomasso, verso la piaza, tiello el Bes-so, tassato per li detti due anni, da comminciare come è detto di sopra, libre centotredici, soldi quatro ... 1. CXIII s. IIII.

23L’abergho di Cristofano di Pietro di Bardo detto Toto ligrittiere, el quale è in su la piaza a lato al palazo, tiello Naldo di Naldo, tassato per li detti due anni, da comminciare come è detto di sopra, libre quarantaquatro, soldi II ... 1. XLIIII s. II.

DOCUMENT 9
Modalités de perception des gabelles à Bagno di Petriolo et Bagno delle Caldanelle (1452)

24Le 15 juin 1452. Le Conseil général décide de revoir le mode de perception de l’ensemble des gabelles à Bagno di Petriolo, Bagno delle Caldanelle et Serre di Petriolo. Il nomme une commission secrète pour fixer le montant des licences de chacune des auberges. Cette commission doit tenir compte de la capacité de couchage des établissements. La somme totale des licences concédées doit s’élever à 1800 livres, pour deux ans. Les propriétaires d’auberge qui refuseraient de payer cette taxation, seraient condamnés à 100 florins d’amendes. Les franchises octroyées à tous ceux qui viendraient vendre du vin ou des denrées dans les stations, en dehors des auberges, sont maintenues. Proposition acceptée par le Conseil général par 156 voix favorables contre 57 opposées.

25A.S.S. Consiglio generale 225, f° 317v.

26[en marge] Cabelle Petriuoli insimul et Caldanellarum et Serrarum pro duobus annis proximis futuris sint tazate librarum 1800 et abinde in anthea quid prosequatur.

27In nomine Domini amen. Certi savi cittadini electi e deputati per li no-stri Magnifici Signori e Spectabili Gonfalonieri, Vessiliferi Maestri, per auto-rità del Conseglio del Popolo a far provisioni sopra le cabelle del Bagnio a Petriuolo, ànno facto l’infrascripte provisioni :

  • 1 Il s’agit vraisemblablement d’un livre où sont inscrits tous les officiers siennois, condamnés par (...)

28In prima veduto quanto da un tempo in qua le cabelle del Bagnio a Petriuolo, de le Caldanelle, delle Serre a Petriuolo si sono mal recte et quanto danno n’abbi ricevuto la nostra comunità; et considerato che quando vi si des-se debito modo sarebbe assai buona intrata per lo nostro comuno, et volendo supra di ciô far qualche utile provisione, providero et ordinaro che le cabelle del Bagnio a Petriuolo, de le Caldanelle et delle Serre a Petriuolo et etiamdio quelle de.’ docci le quali s’aranno meglio vendare l’altre, sieno et essere s’inten-dino tassate al nostro comune per tempo di due anni libre Mille octocento di denari senesi, le quali si dieno pagare et distribuire ne’ modi, conditioni e cose infrascripte; et che per li nostri Magnifici Signori, Capitano di Popolo et Gonfalonieri Maestri e Exequtori di Cabella, fra XV di venta sarà la presente provisione, s’eleghino sei cittadini segreti, cioè due per monte di quelli si possono avere, et che non abino a fare in detti luoghi né loro padri, fratelli carnali, h-gliuoli, zii et nipoti; i quali sei non sappi se non il notaio di Concistoro e non li debbi per alcuno modo manifestare sotto pena d’essere admonito in perpetuo; i quali sei non possino rifiutare, ma debbino infra vinti di dal di della loro elec-tione avere tassate l’uscia, overo aberghi de’ detti tre luoghi con quella discre-tione lo parrà, avuta consideratione a la capacità, a le letta, a’ perbi, a li spacci et altre cose che si debbono considerare in essa tassa facendo, che fra tucti pa-ghino in due anni le dette lire mille octocento, unita la detta cabella de’ docci; et che ciascuno che sarà tassato per loro sia tenuto di pagare al camarlengo di Cabella nel modo et tempi si pagano l’altre cabelle la tassa sua, rimanendo sempre obrigati i padroni de’ luoghi per quelli che vendessero, o abergassero, o fussero tassati, quando non pagassero o s’asentassero, overo non fussero atti a pagare; et niuno d’essi abergatori possa abergare, o vendare vino, o far ma-cello se non solamento a uno luogho et a uno suo uscio; et se in più luoghi vendesse ο abergasse, paghi, oltre a la sua tassa per l’altri luoghi da uno in fuore, la debita cabella a l’altri aberghi et luoghi et persone tassate per lira e per soldo, et se alcuno delli abergatori, ο padroni d’essi aberghi, non volesse conferire a tassa, che in quel caso per tucto il detto tempo di due anni sia tenuto serrare esso abergo e luogho si che nissuno exercitio d’abergare ο altro guadagnio vi si possa fare, sotto pena di fiorini cento d’oro per qualunque contrafacesse e per ciascuna volta, et se alcuno volesse alogare letta in alcuno de’ detti luoghi, si debba tassare con li Executori di Cabella et rispondare al Comuno di Siena sicondo la detta tassa; non intendendo che questi venghino de le dette libre mille octocento, et che sia licito, fuore da detti abergatori, a ogni et ciascuna persona di potere vendare vino in grosso e a minuto in ciascuno de’ detti luoghi et altre cose da mangiare come sarà di suo piacere et a quelli pregii che lui vorrà, pagando la debita cabella sicondo l’usanza a li sopradetti abergatori, tassati per lira et per soldo. Et che per questo non s’intenda tolta essere o maculata per alcuno modo la franchigia d’esso bagnio che usitata fusse ad alcuno cittadino, contadino o forestiere, ma sia alora licito di potere portare et usare con le loro robbe, per loro uso et per donare e tucto quello vorranno, sanza pagare alcuna cabella; si che vengha a dire che ine solamente si possa cogliare cabella di quelle cose che per statuto et per consuetudine è ordinata, et pagasi e non d’al-tro a’ detti abergatori, et questo debbino fare i detti sei secreti, avuta informa-tione da loro medesimi de le conditioni, perbi et spacci, et aberghi predetti infra Ί detto tempo, sotto pena d’essere amuniti in due anni et condemnati in fiorini vi<n>ticinque per uno, ne quali il detto notaio di Concestoro sia tenuto di mandare a la Balzanella de’ scripti1 in capo de’ detti vinti di, se non li portaran-no in detta tassa sotto la medesima pena, se in ciô contrafacesse; dichiarando perô aciôche la cosa possi aver luogho, che le vendite fatte delle Caldanelle et delle Serre predette essendo vendute s’intenda essere anullate, et che chi la paghi per rata di tempo et che di poi rimanghino al nostro Comune in kalende gennaro proximo che verrà, nel qual tempo comincino le dette gabelle et la detta vendita, et che ciascuno anno di detti due anni nel mese d’aprile, di mag-gio e di settembre al detto Bagnio o a le Caldanelle ο per via di chi andasse con robba o tornasse da alcuno de’ detti luoghi, non possa essere sostenuto o are-stato, in avere ο in persona, per debito civile, da alcuno offitiale del Comune di Siena, pena a ciascuno che contrafacesse fiorini vi<n>ticinque et d’essere amunito per due anni, et che a la fine de’ detti due anni, tre mesi innanzi la presente provisione, si debbi fare leggiere in Conseglio di Popolo per li nostri Magnifici Signori et far sopra essa materia de le dette cabelle generale proposta et sicondo s’otterrà in esso, si debbi da poi seguire; et, non optenendosi in quello alcune cosa, che si faccia per l’altri due anni sequenti nel sopradetto modo e forma de le sopradette cabelle, et cosi si faccia da poi di due anni in due anni non diminuendosi le dette libre mille octocento, ma bene si possino cresciare per li detti sei quando vedessero fussero da cresciare, et se per cagione di guerra non si potessero usare le dette cabelle et aberghi, per quel tempo solamente rimanghin<o> le dette cabelle al comuno di Siena. Che l’Altissimo vi feliciti come desiderate.

29In fine dicte provisionis erant deliberationes infrascripte manus ser Ste-fani Antonii Stefani notarii Consistorii, videlicet :

30Anno MCCCCLII indictione XV die IIIIa mensis iunii. Lecte et approbate fuerunt suprascripte provisiones inter Magnificos Dominos, Capitaneum Populi et Vexiliferos Magistros et per eos deliberatum quod ponatur ad Consilium Populi prout stant.

31Anno et indictione predictis die vero V mensis iunii. Consilio Populi et Popularium Magnifice Civitate Senarum, in numero sufficienti convocato et congregato, in sala magnia palatii Magnificorum Dominorum et Capitanei Populi, servatis secundum formam statutorum senensium et in eo facta proposita super suprascripta provisione et datis consilii (sic) et misso, dato et facto partito ad lupinos albos et nigros fuit victum, optentum et deliberatum per CLVI consiliarios dicti Consilii dantes eorum lupinos albos del sic, LVII consiliariis dicti Consilii dantibus eorum lupinos nigros del non in contra-rium predictorum non obstantibus, quod fiat et exequatur prout et sicut in dictis provisionibus continetur, non obstante aliquo statuto aut Reformatio-ne in contrarium disponentibus.

32Stefanus Antonii Stefani notarius Consistori subscripsit.

DOCUMENT 10
Taxation des auberges de Bagno di Petriolo et Bagno delle Caldanelle (1452)

33Le 30 août 1452. Liste de tous les contribuables siennois possédant une auberge à Bagno di Petriolo, Bagno delle Caldanelle, Serre di Petriolo et montant de la licence – fixée par une commission siennoise composée de six citoyens élus secrètement – qu’ils doivent payer pour continuer à ouvrir leur établissement.

34A.S.S. Concistoro 515, f° 91v-92.

35[en marge] Sex civium secretorum declaratio pro cabellis balnei de Petriuolo

36Sex honorabiles cives secreti electi per Magnificos Dominos, Capitaneum Populi, Vexiliferos Magistros et Executores cabelle vigore remissionis in eis facte a Consiliis Populi et Generalis ad taxandum hospitia balneorum ad Petriuolum, Serrarum ad Petriuolum et Caldanellarum, secundum formam provisionis facte super dicta materia, taxaverunt ut infra, videlicet et hec omni modo etc. :

37Le Serre ad Petriuolo per due anni ... l. CXX

38Le Caldanelle per due anni ... l. LXX

39Quegli che ànno gli abberghi et prima :

40Misser Agustino Borghesi per due anni ... l. CCCLX

41Misser Mariano Barghaglia per due anni ... l. CCCLXX

42Misser Memmo et nipoti per due anni ... l. C

43Iacomo d’Ambruogio Spannochi per due anni ... l. CCCLXX

44Conte Niccholô da Ilci per due anni ... l. CCLXX

45Cristofano et Francisco di Nanni di Ghabrielli per 2 anni … l. LXXXX

46Bastiano di Tinelloccio per due anni ... l. L

47Somma

481. 1800

DOCUMENT 11
Pétition du médecin siennois Bartolo di Tura Bandini (1474)

  • 2 Cette lettre est à rapprocher de celle que ce même Bartolo di Tura avait adressée à la Seigneurie (...)

49Le 24 octobre 1474. Pétition adressée à la Seigneurie par le médecin siennois Bartolo di Tura2, approuvée par le Conseil Général le 11 novembre 1474, en dérogation aux normes statutaires. Agé et malade, désireux de trouver régulièrement quelques réconforts auprès des eaux thermales de Bagno di Petriolo, le praticien réputé demande aux autorités siennoises la possiblilité de faire construire, à ses frais, une pièce au-dessus du bain et des douches des femmes.

50A.S.S. Consiglio generale 236, f° 3r-4r.

51Exponsi per lo vostro minimo figliuolo et servidore maestro Barthalo di Thura dottore etcetera, che, come è noto a le Vostre Magnifiche Signore, per comandamento di quelle esso andô ad Piombino del mese di ferraio proximo passato per curare quello signore et li figliuoli allora amalati, dove, per lo gattivo aere et venti maligni, aquistô una male dispo<si>tione nela sua lingua, in modo che, come è noto a più vostri cittadini, con dificultà s’intende-va suo parlare; per la qual cosa et per recuperare la sanità andô a’ bagni di Petriuolo di maggio proximo passato, et per lo uso di quello bagno di Petriuolo recuperô la lingua et il parlare, et cosi ste’ per infino a mezzo agosto proximo passato, et da quel tempo in qua, qual si sia stata la cagione, li è ri-tornato esso mancamento, per la qual cosa è stato di proximo a’ detti bagni et molto è migliorato per uso di quello et spera in tutto essare liberato et sa-nificato; ma perché la età sua è senile et decrepita, et ogni dî cresce im peggio, giudica che ogni anno li sarà necessario l’usare detti bagni per obviare a maggior male, et pertanto desiderarebbe in esso luogo havere una stantia overo habitatione che fusse sua; et di proximo cercando qualche luogo per hedificarvi, quelli che vi sonno commodi sonno tutti presi et nissuna piazza vi si truova non sia occupata da altri dentro a le mura d’esso castello, salvo et excepto la stantia sopra e’ doccii et bagni delle donne, dove con licentia et gratia de la Vostra Magnifica Signoria desiderarebbe fare una stanza ad piano commoda a llui; la quale sarebbe longa braccia XXII sopra de’ doccii et bagni de le donne, et larga quanto è esso bagno de’ doccii et bagno de le donne, cioè larga braccia XIIII, che cosi è esso bagno, et alta da terra braccia VII, facendo uno muro dinanzi a corda col parapetto del ponte, non man-cando la larghezza d’esso ponte in alcuna parte, ma lassando il corritoio de’ merli aperto come l’altro di rincontra et similmente lassando la via aperta et commoda all’uscio dell’agio comune; et la porta de lo andare giù al bagno de le donne in esso muro, il quale perché sarebbe fondato nel terreno sodo sarebbe ad crescimento a detta stantia di braccia circa a tre et cosi facendo al-zarebbe il tecto che v’è al presente circa braccia quattro et mettarebbe esso tetto sopra a’ merli et provarebbe lo tecto ne la Farma, dov’è ora. La gron-daia d’esso tecto è sopra e’ corritoi d’esso muro et sta maie, né per questo ricevano li vicini circumstanti alcuno danno perché da terra alla grondaia del tecto sarebbero braccia VII et non più, et sarebbe molto sfogato detto bagno da l’aqua d’esso bagno alle volte che si farebbero sopra a essi bagni et doccii sarebbe d’altezza di più di braccia nove, et anco, rimarebbe lo scuperto sopra esso bagno de le donne braccia XVI et più, et perché la spesa sarà grande, perché intende far murare tutto in volte et fare more et archi dove biso-gna ad tutte sue spese, per non pegnare le mura circumstanti et ponare lo tecto cosi verso la Farma come di rincontra sopra al muro, alzando al pari de merlli di verso la Farma, si che in tutto sia dal piano dinanzi, si farà a la grondaia del tetto braccia sette come è detto. Intende, con buona licentia et gratia di Vostri Magnifici Signori potere usare et pigliare li doccii et lo le-gname che sonno in essi tecti che si guastaronno per mectarli in parte d’esso acconcime, certificando vostre Signorie che non intende, né vuole lassare al-cune finestre, overo apertura alcuna per la quale si possa vedere chi si bagna o doccia in esso bagno de le donne, ma li sia licito di fare due o tre finestre nel muro verso la Farma, per le quali non si puô vedere chi si bagna in esso bagno de le donne, ma desseno lume sopra alle volte solamente. Piaccia adunque a essa Vostra Magnifica Signoria fare solemnemente ordinare et deliberare per li vostri oportuni consegli che a esso vostro servidore sia con-cessa tale gratia et licentia di potere liberamente fare quanto di sopra è detto, et d’essa stanza farne et disponarne la sua volontà come di sua cosa propria, la qual cosa facendo sarà cosa honorevole et utile a essi bagni et a llui singulare piacere et contento, et sempre sarà obligato a la Vostra Magnifica Signoria a la quale humilmente si racomanda.

Notes

1 Il s’agit vraisemblablement d’un livre où sont inscrits tous les officiers siennois, condamnés par les différents conseils pour raisons politiques ou administratives, cf. G. Cecchini éd. (1952), p. 281.

2 Cette lettre est à rapprocher de celle que ce même Bartolo di Tura avait adressée à la Seigneurie le 23 septembre 1457. Il séjournait alors à Bagno di Petriolo et rapportait aux prieurs les conséquences d’une des crues de la Farma, cf. L. Zdekauer (1896), p. 254.

© Publications de l’École française de Rome, 2002

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540