Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

De l’ambassadeur

 | 
Stefano Andretta
, 
Stéphane Péquignot
, 
Jean-Claude Waquet

Juan Antonio De Vera Y Zúñiga (1583-1658). Modello di ambasciatori o specchio di trattatisti ?

María Victoria López-Cordón Cortezo

Texte intégral

Un personaggio, un’epoca e una generazione

  • 1 J. A. Vera y Zuñiga, Le parfait ambassadeur, Paris, A. de Sommaville, 1635.
  • 2 Lettera di Vera y Zúñiga al P. Pedro de Arteaga in Cartas de algunos padres de la Compañía de Jesú (...)

1Nel 1635 vedeva la luce a Parigi, nella stamperia di Anthoine de Sommaville, Le parfait ambassadeur composé en espagnol par Antonio de Vera et Çuñiga…., tradotto in francese dal signor Lancelot, opera che si diceva essere « très utile et necessaire aux … ministres d’Etat »1. In quegli stessi giorni, l’autore, il conte de la Roca, allora ambasciatore a Venezia, denunciava con forza i francesi che, « ha días que cultivaban aspirar o ascender a la Monarquía, haciendo amigos a cuantos les podían traer temporal útil y tomando en cualquier modo las gargantas por donde pasa el alimento al estómago de Europa »2.

  • 3 J. M. Jover Zamora, 1635. Historia de una polémica, semblanza de una generación, Madrid, 20032, p. (...)
  • 4 V. Ginarte González, El Conde de la Roca. 1583-1658. Un diplomático extremeño en Italia, Madrid, 1 (...)
  • 5 Tale questione viene menzionata già nella « Instrucción para la embajada saboyana », sarà poi ripe (...)

2Si riferiva alle vicende di Pinerolo, Philippsburg e della Valtellina e, dato che quella testimonianza proviene da una lettera del 30 giugno del 1635, faceva riferimento all’eco che aveva avuto il famoso Manifiesto o Declaración del Rey de Francia sobre el rompimiento de la guerra con el Rey de España en 6 de junio de 1635, apparso sul Mercurio di Francia3. Vera conosceva molto bene quello di cui stava parlando, poiché aveva dovuto intervenire nelle negoziazioni dei due trattati di Cherasco, nel corso delle quali egli si era opposto con fermezza alla consegna di Pinerolo ai francesi e aveva difeso con passione la propria precedenza rispetto all’ambasciatore francese presso il duca di Savoia4. Egli sapeva, inoltre, che la sua già difficile missione veneziana si stava complicando notevolmente poiché il nuovo fronte di guerra toccava ora la complessa rete delle linee di comunicazione e approvvigionamento, rendendo più difficile il raggiungimento del suo obbiettivo, ovvero la neutralità dalla Serenissima5.

  • 6 C. Fernández Daza, El primer conde de la Roca, Badajoz, 1995, p. 76-79.
  • 7 J. A. Vera y Zuñiga, El Enbaxador, Siviglia, Francisco de Lyra, 1620.
  • 8 Vi sono anche un’edizione del 1620 stampata a Madrid, documentata da Palau y Dulcet (Manual del li (...)
  • 9 Paris, 1642 ; Leida, Theodore Haak, 1709.
  • 10 J. A. Vera e Zuñiga, Il perfecto ambasciatore. Transportato dall’idioma spagnolo e francese nell’i (...)
  • 11 La lettera di Mazzarino del 28 de febbraio 1644, scritta in italiano, è stata pubblicata e tradott (...)
  • 12 A. de Wicquefort, Mémoires touchant les Ambassadeurs et les Ministres Publics, Colonia, 1676, lib. (...)
  • 13 G. Mattingly, La diplomacia del Renacimiento, Madrid, 1970 ; G.A. Davies, The influence of Justus (...)

3L’attività professionale del conte, sino ad allora – e così negli anni a venire – si era svolta sempre in Italia, se si esclude il fugace contatto avuto con la corte francese nel 16106. Successivamente, nelle sue missioni diplomatiche vi furono sempre confronti e scontri con i plenipotenziari francesi che, tuttavia, furono i maggiori diffusori della sua opera più conosciuta. Pubblicata a Siviglia nel 16207 e dedicata a Filippo III, de El Enbaxador si stamparono, in spagnolo, due nuove edizioni quasi consecutive ma non venne poi pubblicato se non in anni recenti8. Al contrario, né la rivalità, né la guerra, ostacolarono il successo della traduzione francese che venne ristampata nel 1642 ed ebbe una terza edizione nel 17099. Vi fu una edizione in lingua italiana, stampata a Venezia nel 1649, che adottò la versione e lo stesso titolo di quella in francese, e non di quello originale in spagnolo10. Comunque, la diffusione dell’opera e la fama dell’autore restarono assicurate, mentre il suo valore venne riconosciuto unanimemente tra i trattatisti diplomatici del XVII secolo. Una prova ne fu la considerazione con la quale il cardinale Mazzarino concesse a Vera, nel 1644, il passaporto per attraversare la Francia nel suo viaggio di ritorno a Madrid. Egli affermava che « la diversidad de servicios que servimos no debe impedirme que no estime el gran mérito de V.E. y que no busque apariencias ante V.E »11. Opere successive, come quelle di Wicquefort e Bynkershoek o Vattel, non mancarono di riferirsi a El Enbaxador, e anche C. Martens la include, in pieno Ottocento, nella sua bibliografia selettiva12. Tuttavia, il suo apporto, già molto sfumato, si venne perdendo sin quando gli studi di Mattingly, Davies e García Arías non lo ricollocarono nel suo contesto13.

  • 14 Su questo matrimonio e i suoi discendenti si veda C. Fernández Daza, El primer conde de la Roca… c (...)

4Paradossalmente, sino alla pubblicazione de El Enbaxador, non vi era stata alcuna relazione né tra Vera y Zúñiga e la diplomazia, e nemmeno con la riflessione intorno ai suoi attori. Originario di Mérida, come si è detto in precedenza, egli era il figlio maggiore di una famiglia della nuova nobiltà extremeña, nella quale le ombre del lignaggio paterno erano state ampliamente compensate dall’illustre parentado materno. Suo padre aveva coltivato tanto le armi come le lettere e terminò i suoi giorni come « regidor » della sua città natale. Poco prima, don Juan Antonio si era trasferito a Siviglia, non sappiamo se per studiare nell’Università o per intraprendere la carriera militare. Nel 1599, vi contrasse un primo matrimonio con Isabel de Mendoza, figlia di un ricco commerciante di origine « extremeña », arricchitosi con il commercio delle Indie e con i prestiti concessi ad alcuni nobili. Probabilmente si trattava di « conversos » protetti dai duchi di Medina Sidonia, dal momento che all’epoca era frequente che la fortuna economica favorisse l’acquisizione di titoli nobiliari, benché da alcuni dei suoi familiari l’unione venne considerata come un errore. Dalle nozze, che durarono poco dal momento che don Juan Antonio restò vedovo nel 1605, nacquero due figli che vennero forzati a vestire l’abito religioso14.

  • 15 Jerusalén Conquistada, Madrid, 1609, fol. 496. El Laurel de Apolo (1630), citazione dalla ed. di M (...)

5Al di là di questa avventura amorosa, gli anni sivigliani furono fondamentali per la formazione e per i contatti di Vera. Entrò a far parte dei circoli di coloro che in futuro si sarebbero rivelati essere i suoi maggiori protettori, i duchi di Medina Sidonia e Alcalá. Ebbe relazioni strette con il gruppo poetico sivigliano sia nella « Casa de Pilatos » sia nella celebre « Academia de Arguijo », sino a meritarsi l’elogio di Lope de Vega, che vi soggiornò nel 1603, nella Jerusalén conquistada e, successivamente, nel Laurel de Apolo. Conobbe, come si può vedere in epigrafe, anche Cervantes che lo ricordò nel suo Viaje al Parnaso, pubblicato nel 1614. Tra i suoi interlocutori vi furono importanti artisti come il pittore Francisco Pacheco, maestro di Velázquez, o lo scultore Juan Martínez Montañés15. In questi anni prese anche parte ad alcune campagne militari nel nord Africa, non gradì l’esperienza, e decise di abbandonare definitivamente le armi e di dedicarsi alla letteratura. Divenne così un bibliofilo, un lettore appassionato di autori classici e moderni, un ammiratore di Virgilio. Cicerone, Ovidio, Marziale, Tasso, Ariosto, Garcilaso, Ercilla, Aldana, si contesero le sue preferenze e formarono il suo gusto. Benché non conoscesse né il greco né il francese, sembrava cavarsela bene con il latino, forse grazie alla sua amicizia con il duca di Alcalá, don Fernando de Ribera, gran latinista e molto dotto.

  • 16 J. H. Elliott, Memoriales y cartas del Conde Duque, Madrid, I, 1978, p. XLVI-XLVII.
  • 17 J. A. Vera y Zuñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, p. 13.
  • 18 C. Fernández Daza, El primer conde de la Roca... cit. n. 6, p. 79, raccoglie la testimonianza trae (...)

6Due eventi marcarono in quel periodo, la sua vita. Il primo fu l’arrivo nella città andalusa, nel 1607, di Gaspar de Guzmán, futuro conte duca di Olivares, che vi soggiornò sino al 1615, periodo trascorso a risistemare il proprio patrimonio nell’attesa di tempi più favorevoli. Don Juan Antonio partecipò agli incontri letterari che si tennero nei giardini della casa di Guzmán guadagnandosi la sua protezione, come avvenne per il poeta Francisco de Rioja che ne diverrà il bibliotecario16. L’altro avvenimento fu il viaggio in Francia del 1610, nel quale Vera accompagnò Gómez Suárez de Figueroa, futuro duca di Feria, che era stato inviato da Filippo III affinché partecipasse alle esequie di Enrico IV e avviasse le negoziazioni delle auspicate « nozze spagnole ». Vera menzionò il proprio soggiorno parigino ne El Enbaxador dove diede ampio risalto alla sua breve esperienza presso la corte di Maria de Medici17. Una corte da lui ritenuta libertina e piena di intrighi, in un paese che gli apparve « muy poblado », ma privo di città della bellezza di Toledo, Granada e, ovviamente, Siviglia18.

  • 19 « Archivo Histórico Nacional » (AHN), Estado, leg.3455, « Instrucción para la embajada de Venecia  (...)

7Grazie all’intercessione del duca di Béjar, Vera ottenne, nel 1611, l’abito di Santiago, proprio mentre la protezione di Medina Sidonia, sposato con una figlia del duca di Lerma, lo introduceva nel circolo dei parenti e dei clienti del potente favorito. Egli ricevette diversi favori da parte loro e, in più di una circostanza, ottenne la loro intercessione, soprattutto quando la sua dissipata vita sivigliana gli aveva creato problemi, addirittura mettendolo in difficoltà con la giustizia. Alla morte del padre, avvenuta nel 1615, Vera ereditò una considerevole fortuna, ma prima di poterla godere dovette ricorrere in giudizio. Decise allora di trasferirsi a Madrid per cercare di fare fortuna a corte come letterato. Autore di poesie, di un Panegírico en honor de Felipe III e di alcune false genealogie, seppe trarre vantaggio dalla caduta del duca di Lerma ; così, soddisfatta la propria vanità con la concessione di un lontano marchesato in Italia, quello di Pedrosa, e coinvolto in una nuova avventura amorosa, si ritiró a scrivere El Enbaxador, in attesa di ricevere un posto nel Consejo de Ordenes. Poco dopo la pubblicazione dell’opera, nel marzo 1621, moriva Filippo III e, all’ombra del suo amico Olivares, egli si trasferì a Madrid, con il suo duplice bagaglio di libri e di buoni contatti. Nominato gentilhombre de boca, contrasse un nuovo matrimonio con sua cugina Doña María de Vera e, nel 1625, fu inviato in Savoia a compiere la summenzionata prima missione diplomatica. Nel 1628, al suo ritorno, a causa della guerra di Mantova, ricevette il titolo di conte de la Roca, e iniziò a scrivere la biografia del conte duca di Olivares, divenendone così uno dei pubblicisti ufficiali. Tra novembre 1630 e giugno 1632 compì una ambasciata straordinaria in Savoia e, da Milano, si trasferì direttamente a Venezia, come rappresentante di Filippo IV. Lì dovette usare tutta la propria abilità per tenere assieme la rappresentanza diplomatica con le sue attività come informatore e come pubblicista e mantenere, così come gli era stato ordinato, buone relazioni con il nunzio, nonostante la sua ostilità nei confronti di Urbano VIII19. Le satire e i « pamphlets » che vennero stampati clandestinamente presso l’ambasciata spagnola rischiarono diverse volte di compromettere la sua attività diplomatica. Al termine della sua missione, nel 1642, si trasferì a Milano, dove si trattenne per due anni, fino a quando, nel 1644 gli venne concessa la licenza di rientrare in Spagna. Nonostante il conte duca avesse preferito tenerlo all’estero per molto tempo, costringendolo ad un prolungato esilio, Vera mantenne la propria riconoscenza all’Olivares anche dopo che questi decadde, come prova il fatto che riprese la stesura della sua biografia. Egli seppe mantenere buone relazioni anche con il successore dell’Olivares, il conte de Haro, con il quale intrattenne una fitta corrispondenza. Ritiratosi in parte dalla vita pubblica, continuò la sua attività letteraria, senza che la sua condizione di membro del « Consejo de Hacienda y Guerra », e successivamente, di quello delle Indie, interferissero troppo con tale attività. Tutto ciò sino alla morte avvenuta a Madrid, il 20 ottobre 1658.

  • 20 B. Cinti, Letteratura e politica… cit. n. 10 ; C. Fernández-Daza, D. Juan Antonio Vera y Zuñiga, I (...)
  • 21 J. M. Jover Zamora, 1635. Historia de una polémica… cit. n. 3 ; Saavedra Fajardo, che menziona il (...)
  • 22 Tra di essi vi erano scrittori quali Quevedo e Tirso de Molina e diplomatici del calibro di Bedmar (...)

8La figura di Juan Antonio de Vera è stata trattata con attenzione in diversi studi relativamente recenti come quelli di Bruna Cinti, di Carmen Fernández-Daza o di Ventura Ginarte, che hanno approfondito la vita del personaggio, la sua traiettoria letteraria o le sue missioni diplomatiche, portando alla nostra conoscenza una buona parte dei documenti e degli scritti prodotti dallo stesso Vera20. José M. Jover ha segnalato la sua appartenenza alla « generazione del 1635 », il suo essere testimone diretto della difficile congiuntura della guerra con la Francia, e della polemica che questa suscitò. Come il suo amico Saavedra Fajardo, anche Vera prese parte a tale discussione, partecipandovi fuori della Spagna21. Appartenne ad una generazione che condivise letture, gusti, ideali e luoghi comuni, formata da uomini la cui vita si svolse tra gli anni Ottanta del XVII secolo sino alla metà del secolo successivo, uomini diversi per posizione sociale e per percorsi individuali ma affratellati dall’aver sperimentato la percezione della profonda trasformazione del mondo politico nel quale si trovavano ad agire. Tra di essi vi era lo stesso don Gaspar de Guzmán, il potente « valido », nato nel 1587 – quando suo padre era ambasciatore a Roma – buon conoscitore della lingua e della letteratura italiana ; si era formato all’Università di Salamanca, ed era un bibliofilo, oratore e animatore di dibattiti e capace di ricorrere a rimedi drastici per salvare le sorti della « Monarquía ». Fu una generazione che crebbe nel secolo della Pax Hispanica propiziata da Filippo III, e che dovette affrontare nella maturità la guerra e la crisi politica con Filippo IV e iniziò a scomparire negli anni a cavallo della firma della Pace di Westfalia22.

La passione per la scrittura

9Il precoce inserimento del conte de Roca nel gruppo poetico sivigliano e le sue frequentazioni di accademie e dibattiti letterari gli permisero di capire quali amicizie, vocazione letteraria e attività professionale fossero tra loro conciliabili ; così le sue opere più significative vennero scritte in risposta a opportunità contingenti, situazioni favorevoli, incarichi o tentativi di guadagnarsi benevolenza, notorietà e protezione. Questo fu il tono dei suoi scritti posteriori alla publicazione de El Enbaxador, tra i quali si inserirono molte altre opere più brevi, non firmate o scritte sotto pseudonimo, di carattere politico, delle quali la satira o anche la violenza dialettica ne sono la nota predominante. Vera y Zúñiga fu, come si è detto, un poeta mediocre di cui si conserva un’opera limitata, e un intelligente scrittore di lettere, che meriterebbero forse uno studio approfondito. Appare, invece, necessario occuparsi dei suoi scritti principali poiché, nonostante in nessuno di essi la letteratura torni ad influenzare la diplomazia, tuttavia rimasero legati alla sua attività di inviato spagnolo, o trattarono comunque tematiche ad essa correlate.

  • 23 J. A. Vera y Zuñiga, Epítome de la vida y hechos del invicto Emperador Carlos V, Madrid, 1622. Vi (...)
  • 24 Histoire de l’Empereur Charles Quint, traduit en françois par le sieur Du Perron Le Hayer, Parigi, (...)
  • 25 Fray Prudencio de Sandoval, Historia de la vida y hechos del Emperador Carlos V, Pamplona, Bartolo (...)
  • 26 C. Fernández–Daza, El primer Conde de la Roca… cit. n. 6, cita Bernardo Tasso, Giovio, Guicciardin (...)
  • 27 L’opera circolò manoscritta e non venne pubblicata sino alla fine del secolo successivo nel Semana (...)
  • 28 Fragmentos históricos de la vida de don Gaspar de Guzmán…, BNM, Mss 2081, p. 123.
  • 29 J. A. Vera y Zuñiga, El Fernando o Sevilla restaurada, Milano, Henrico Stefano, 1632.

10Pubblicata nel 1622, quando si trovava già a Madrid, la Epítome de la vida y hechos del emperador Carlos V, conobbe un grande successo, a giudicare dalle nove edizioni stampate sino al 165623. Venne anche tradotta in francese nel 1662 ; pubblicata tre volte a Bruxelles negli anni sessanta, vide altre tre edizioni legate alla causa per la successione spagnola alla fine del secolo24. Dedicata all’infante don Carlos, che in quel momento aveva quindici anni, scritta proprio nel momento della rottura della tregua dei Dodici Anni, l’opera è un’esaltazione della dinastia d’Asburgo, di cui incarna i valori tradizionali : la difesa della fede cattolica e della Chiesa, lo stretto vincolo tra il Monarca spagnolo e l’Imperatore, l’orgoglio dinastico. Si tratta di uno scritto breve, non erudito a causa del suo carattere didattico, ispirato alle opere di Frate Prudencio de Sandoval e di Mexia25, e che rivela tracce di alcuni autori italiani26. Oltre agli avvenimenti concreti, il testo include abbondanti citazioni di Tacito e alcuni riferimenti, tra l’ostile e l’ammirato, a Bodin. Che questa opera si inserisse favorevolmente anche nel disegno propagandistico del conte duca è provato dal fatto che, cinque anni dopo, Vera venne scelto dal « valido » per redigere i Fragmentos históricos de la vida de don Gaspar de Guzmán, conde de Olivares, tuttavia rimasti incompiuti nel 1628 a causa degli incarichi diplomatici affidati a Vera per le missioni a Torino e Venezia27. Egli segue l’itinerario del « valido » e affronta anche la questione dell’ostilità che Olivares provoca, giustificando il suo forte temperamento con il desiderio di ottenere « lo que mejor puede estar a la duración de esta Monarquía »28. Ben più ambiziosa fu, tuttavia, la stesura del poema epico El Fernando o Sevilla restaurada…, edito a Milano nel 163229, opera chiaramente agiografica che seguiva da vicino la Gerusalemme del Tasso, e che servì a Vera come lettera di presentazione per la sua ambasciata veneziana. In essa si coniugano tre elementi chiave : la sua ammirazione per l’autore della Liberata, il suo desiderio di mettere in luce le imprese del santo e vittorioso re Ferdinando III, e il suo omaggio a Siviglia, la città rinata, metafora, probabilmente, di altre più ampie restaurazioni.

  • 30 La victoria que tuvieron sobre Norlinga la Majestad de Fernando III rey de Hungría y el Serenísimo (...)
  • 31 Don Fernando d’Austria era nato nel 1609. Fu arcivescovo di Toledo dal 1619, coprì per breve tempo (...)
  • 32 Declaración de S.A. el señor Cardenal-infante acerca de la guerra contra la Corona de Francia, 4 f (...)

11Nella sua produzione di carattere pubblicistico sulla guerra ispano-francese del 1635, in edizione bilingue, castigliano e italiano, il conte de la Roca pubblicò La victoria que tuvieron sobre Norlinga la Majestad de Fernando III rey de Hungría y el Serenísimo infante de España D. Fernando, opera di carattere storico, tanto breve quanto rappresentativa dei luoghi comuni della propaganda spagnola30. La vicenda narrata si era svolta nell’agosto del 1634 e, in essa, l’« infante » fratello di Filippo IV31 era apparso come l’eroe trionfante che era riuscito a risollevare gli animi degli Spagnoli e degli Imperiali. La sua voce fu la più autorevole tra quante si levarono contro la dichiarazione di guerra della Francia, sia che fosse egli stesso l’autore dell’opuscolo che apparve con il suo nome, sia che avesse incaricato qualcuno di scriverlo per lui32. Tuttavia le aspettative nei suoi confronti, fondate anche sulle sue scelte politiche come governatore dei Paesi Bassi e sulle sue vittorie militari, vennero bruscamente deluse con la perdita di Breda, il 10 ottobre del 1637, per mano del principe d’Orange. La sconfitta offrì l’opportunità ai suoi detrattori alla corte spagnola di minarne la reputazione, seminando dubbi circa un suo presunto progetto di nozze con la figlia del duca di Orléans. Tale contesto immediato rende più interessante il testo di Vera che, d’altra parte, non era tra i nemici di don Ferdinando. Vera lo conosceva di persona ed erano uniti dalla comune amicizia con il III duca di Feria, Gómez Suárez de Figueroa, il giovane aristocratico assieme al quale si era recato a Parigi, morto a Monaco nel 1634. L’opera aveva un triplice obiettivo : ricordare una clamorosa vittoria in un momento in cui prevaleva il pessimismo ; riabilitare un personaggio ingiustamente attaccato e sostenere la necessità di un’alleanza tra Madrid e Vienna. Si trattava, inoltre, di uno scritto propagandistico diretto contro la Francia, anche se la battaglia a cui faceva riferimento era stata vinta contro la Svezia. Ne veniva pubblicamente denunciato e criticato il sostegno dato in segreto agli Svedesi che, con la sconfitta di quest’ultimi, si era rivelato vano. Dal momento che il testo veniva pubblicato a Milano, vi erano diversi riferimenti a « los valerosos españoles e italianos », che mostravano l’importanza di questa collaborazione per ottenere la vittoria, tranquillizzando allo stesso tempo i Veneziani circa le intenzioni del cardinal infante, D. Fernando de Austria, e delle sue truppe, che si trovavano in quel momento nell’Italia del Nord.

  • 33 Il miglior giglio di Francia (Luigi Re Santo) Lione, Heredi di Benoist, 1640. Traduzione castiglia (...)
  • 34 Ibid., f. 96.
  • 35 Le catholique d’Estat…, Paris, chez Joseph Bouillerot, 1625 ebbe una diffusione straordinaria, sia (...)
  • 36 Il miglior giglio di Francia... cit. n. 33, f. 17-19.

12Più interessante ci appare La mejor Lis de Francia, pubblicata nel 1640, in italiano sotto lo pseudonimo di Notoniano Vadin, tradotta in castigliano nel 165533. Dedicata al conde-duque de Olivares, l’opera raccoglie il fallimento dei negoziati di Colonia nel 1637 e la sua frustrazione come diplomatico per il mancato conseguimento di una pace che tutti agognavano. Riferendosi a quella occasione perduta, attraverso la rievocazione di Luigi IX, inserisce nel testo una riflessione sulla guerra, la distruzione morale e materiale che comporta e la necessità di porre fine alle ostilità tra la Francia e la Spagna, dal momento che il regno del monarca francese dimostrava i reciproci vantaggi dell’unione tra i due regni, rinsaldata dai vincoli di parentela e dalla celebre prudenza della Regina madre. Egli si serve della storia per riflettere sul presente, utilizzando i criteri del suo tempo per selezionare le tematiche che lo interessano. Per questo, non senza un certo paradosso, loda il santo re per aver limitato i privilegi del ceto ecclesiastico, plaude alla sua decisione nei confronti delle pretese del pontefice e sostiene la separazione tra governo temporale e spirituale, poiché « la regla que quita la dificultad es la que dio Christo ordenando se diese a Dios lo que es de Dios y al Cesar lo que del Cesar »34. Che Vera avesse in mente i suoi dissapori con il nunzio e con lo stesso Urbano VIII, appare evidente. Al momento della redazione dell’opera, la crisi interna della « Monarquía hispánica » e l’improbabile vittoria degli Asburgo lo obbligarono a cambiare i suoi progetti, portandolo a sostenere la pace e ad auspicare un ritorno all’utopica Universitas Christiana. Non è facile capire se venne spinto dal pessimismo oppure si tratta di una reazione di fronte all’evidenza del trionfo dei disegni di Jérémie Ferrier e di Richelieu35. In ogni caso Vera, attraverso le azioni di San Luigi, giustifica l’idea del ripiegamento per favorire la ricostruzione interna. Se il tema della guerra era scottante, non lo era di meno la questione del « valimiento », rispetto alla quale, torna a citare Tacito per sentenziare che « ningún príncipe puede estar sin el ». Di più, considera un’ipocrisia che, se risulta obbligatorio per il re « poner en manos de alguno aquellos despachos que no le es posible atender », sia considerando come perverso il « valido », solo perché è più vicino al sovrano36.

13La storia è ancora protagonista di un’opera più tardiva, El rey don Pedro defendido, scritta nel 1647, una biografia di un monarca castigliano denominato « el cruel » e che egli definisce « el necesitado », e che si muove all’interno dei postulati di una politica realista che deve molto a Machiavelli, e che utilizza per riabilitare la memoria dei vinti. Egli non nega le accuse rivolte al monarca, ma desidera cambiare il giudizio che il sovrano meritò per i suoi atti, poiché come scrittore sa bene che le reputazioni sono il frutto della penna degli storiografi, così come avevano dimostrato gli antichi :

  • 37 El rey D. Pedro defendido, Madrid, Francisco García, 1647, f. 4.

También digo que en todas las eras hicieron menos glorioso los príncipes sus acciones que sus escritores. Suetonio escribe que Cayo Secano nació para remedio del Imperio y Tácito que para su ruina. Sus acciones fueron unas, pero las plumas diferentes37.

14Pensava forse a Filippo IV, al « conde duque » e ai tanti altri personaggi controversi della sua generazione ?

  • 38 Scrisse anche una biografia del III duque de Alba (pubblicata a Milano nel 1643), in occasione del (...)
  • 39 Inoltre, fu autore del Centón epistolario, opera attribuita a Fernán Gómez e che figura stampata n (...)
  • 40 C. Fernández Daza, El primer Conde de la Roca… cit. n. 6, p. 206-211.

15Vera fu uno scrittore che amò il suo lavoro e non rifiutò mai gli incarichi offerti, sia che giungessero dalle istanze più alte che dai protettori meno in vista38. Non esitò a compiere falsificazioni39, né ad utilizzare pseudonimi, scrivendo nello stesso tempo dispacci ufficiali e satire che diffondeva clandestinamente dalla propria sede diplomatica o da una stamperia di Trieste40. La sua penna fu sempre al servizio del potere, ma il suo attaccamento alla storia lo rese sempre più cosciente della parzialità degli sguardi dipendenti dai diversi punti di vista adottati. Perciò, senza che diminuisse la sua fedeltà a Filippo IV o ai suoi « validos », il suo giudizio sulla condotta dei personaggi e degli avvenimenti che trattava venne sempre più relativizzandosi. Da diplomatico che aveva riflettuto sulla propria professione, sapeva bene come la verità e la sincerità fossero realtà effimere, non sempre anteponibili alla convenienza, né allo svolgimento di una missione. Altrettanto si poteva dire, secondo Vera, rispetto al racconto del passato.

El Enbaxador e le sue fonti

  • 41 Non solo negoziò il matrimonio del re, ma fu anche uno dei nobili spagnoli che lo accompagnarono p (...)
  • 42 Sul conte, morto anch’egli nel 1607, G. Marañón, El conde duque de Olivares, Madrid, 2006, p. 12-1 (...)

16Scritta nel 1618, l’opera che gli fece ottenere la fama più meritata, fu il frutto di un periodo di pace che stava allora concludendosi e il risultato di esperienze altrui, raccontate o lette, alcune volte reali, altre volte più letterarie. In essa raccoglieva la testimonianza di due grandi ambasciatori, genitori di suoi conoscenti, il duca di Feria e il conte di Olivares, ma è anche il frutto di una sua propria rielaborazione personale e della sua osservazione degli avvenimenti a lui contemporanei. I suoi due principali informatori furono uomini di Filippo II, che non seppero ben adattarsi al regno del suo successore. Il II duca di Feria, don Lorenzo Suárez de Figueroa, figlio a sua volta del diplomatico che aveva negoziato a Londra il matrimonio tra Filippo II e Maria Tudor e svolto la sua ambasceria presso la nuova regina Elisabetta I41, era un uomo di grande esperienza che era stato ambasciatore in Francia e a Roma, oltre che viceré di Napoli nel 1602, ed era morto nel 1607 lasciando il figlio instradato nella tradizione diplomatica familiare e nell’amore per la cultura. Il secondo, Enrique de Guzmán, conte di Olivares e padre del conte duca, aveva ricoperto per la « Monarquía » incarichi non meno prestigiosi, come quello di « tesorero mayor », di ambasciatore in Francia e, per quasi dieci anni, anche a Roma ; inoltre era stato viceré di Sicilia e di Napoli, da dove era rientrato in Spagna nel 1599 come membro del « Consejo de Estado »42.

  • 43 Per esempio, il suo viaggio a Madrid, a causa dei suoi problemi tributari come « recaudador de alc (...)
  • 44 Tanto i Discorsi sopra C. Tacito di Scipione Ammirato (1594), come Traiano Boccalini furono molto (...)

17Le sue riflessioni e gli episodi narrati costituiscono la parte moderna e dinamica dell’opera, alla quale aggiunge anche qualche frutto delle proprie esperienze.43 Al contempo, come nesso tra gli uni e gli altri, il discorso si fonda sulla lettura di autori antichi e moderni, intercalando le citazioni classiche di Omero, Orazio e Virgilio, con i rimandi, diretti o indiretti, a Lipsio, Bodin, a Machiavelli e Tasso. Se vi è, però, un riferimento prevalente, questo si trova sicuramente in Tacito che Vera ammira e difende, dal quale attinge l’idea di intendere il passato non solo come esperienza, ma anche come fonte di conoscenza44.

  • 45 A. Ramirez, Epistolario de Justus Lipsio y los españoles (1577-1606), Madrid, 1966 ; B. Rekers, Ar (...)
  • 46 G. A. Davies, The influence of Justus Lipsius… cit. n. 13, p. 160-173 e T. G. Corbett, The cult of (...)
  • 47 G. Marañon, El conde duque de Olivares… cit. n. 42, p. 160-161 e « apéndice » X, p. 426-430 ; G. A (...)

18Lo storico romano era conosciuto in Spagna soprattutto per l’edizione critica di Giusto Lipsio, pubblicata ad Anversa 1574, e grazie agli echi della attività di docenza che questi aveva svolto a Lovanio, nonché per la relazione di amicizia con alcuni membri dei circoli sivigliani oltre che con scrittori come Argensola o Quevedo45. Tuttavia, nel 1604, Bernardino de Mendoza aveva tradotto anche i Politicarum, e nel 1616 era stato pubblicato a Siviglia il Libro de la Constancia, tradotto in castigliano da Juan Baptista de Mesa46. Queste pubblicazioni ne facilitarono la diffusione e ne accrebbero l’influenza sulla generazione di Vera. Don Baltasar de Zúñiga, inviato di Felipe III a Bruxelles, lo frequentò personalmente e le sue opere figuravano nella biblioteca del conte duca47.

  • 48 Su queste edizioni e le traduzioni si veda il capitolo 2 di H. Puig Domènech, Maquiavelo en España (...)
  • 49 Ibid., cap. 3, p. 135-180.
  • 50 J. A. Fernández-Santamaría, Razón de estado y política en el pensamiento español del barroco (1595 (...)
  • 51 Los seis libros de la República de Juan Bodino. Traducidos de lengua francesa y enmendados católic (...)
  • 52 Era estimatore non solo delle opere poetiche del Tasso di cui conosceva Il messagiero, pubblicato (...)

19Degli altri autori moderni, Machiavelli, senza dubbio, è il riferimento costante. Il fatto che la censura dell’Indice Romano dei libri proibiti non ebbe in Spagna effetto sino all’Índice del cardinal Quiroga del 1583-84, permise la pubblicazione di alcune opere del fiorentino, quali l’Arte della Guerra, attraverso un Tratado de re militari del 1536, e i Discorsi, di cui abbiamo due edizioni del 1552 e del 1555. Inoltre, si conservano varie traduzioni manoscritte de Il príncipe, che circolò in questa veste48. Del resto, non pare che la censura impedisse che l’opera circolasse nella lingua originale, a giudicare della sua frequente presenza nelle biblioteche reali o di personaggi rilevanti della fine del XVI secolo e degli inizi del XVII secolo49. Tuttavia, il testo circolò ancor più liberamente attraverso i frequenti plagi e le imitazioni e anche grazie ai suoi detrattori per cui non è un fatto eccezionale che Vera ne conoscesse bene le idee50. Riguardo a Bodin, che giudicava « poco escrupuloso en juzgar las más veces por justas todas las cosas útiles », è probabile che lo conoscesse attraverso la versione di Gaspar de Añastro o grazie a testimonianze indirette51. Meno compromettenti erano invece i richiami al Tasso, quasi obbligatori per la sua generazione, del quale fu fedele ammiratore sin dagli anni sivigliani52.

  • 53 J. A. Vera y Zuñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, lib. 2, f. 124.
  • 54 Questa seconda edizione è intitolata De la charge et dignité de l’Ambassadeur. Su tali influenze c (...)
  • 55 G. Mattingly, La diplomacia… cit. n. 13, p. 337-40.

20Oltre i testi dell’italiano, non potevano mancare quelle opere che, negli anni immediatamente anteriori, avevano arricchito il genere della trattatistica diplomatica, come quella di Carlo Pasquale, Legatus, pubblicata nel 1598, la quale non solo viene citata ma anche dibattuta53 ; o quella di Etienne Dolet, Liber unus de Oficio Legati, del 1541 ; anche l'opera di Conrad Braun, De legationibus libri quinque… del 1548 ; di François La Mothe Le Vayer, Legatus seu de legatione legatorumque privilegiis officio ac munere libellus, del 1579 o di Alberico Gentili, De legato et absoluto Principe, del 1587. E la più recente di tutte, L’Ambassadeur di Hotman de Villiers, pubblicata a Londra nel 1603 e a Parigi l’anno successivo54. Non è facile distinguere il peso relativo degli uni e degli altri, giacché rispetto all’abbondanza di citazioni di autori classici, i riferimenti ad autori moderni sono sporadici. Ad ogni modo, le tipologie e i modelli della rappresentazione diplomatica costituivano già un patrimonio condiviso agli inizi del secolo XVII, pochi autori possono essere considerati del tutto scevri dall’essersi ispirati ad altri precedenti55.

  • 56 J. A. Vera y Zuñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, f. 3-4 e 10. Ad esempio, tra gli altri scritti, quel (...)

21Oltre alle testimonianze dirette e alle letture di riferimento, nell’opera di Vera si affaccia il contesto spagnolo dell’epoca : quello di una pace, con la Francia, con l’Inghilterra, con gli Olandesi, che ogni volta appare più fragile, e quello di una prosperità propiziata da alcune riforme e dal commercio con le Indie, che inizia a sfaldarsi e che ispira le sue lodi all’agricoltura, seguendo Lipsio e alcuni degli « arbitristas »56.

  • 57 Sul matrimonio ispano-inglese R. Rodríguez-Moñino, Razón de Estado y dogmatismo religioso en la Es (...)

22Risolto il tema dei matrimoni francesi del 1615, che avevano acceso tante speranze, all’orizzonte si profila un evento non meno importante, quello del matrimonio del principe di Galles con la Infanta Maria, che suscitò molte aspettative e non meno sospetti. I difficili negoziati vennero condotti a Londra da un ambasciatore esemplare Diego Sarmiento de Acuña, conte di Gondomar, ed è plausibile immaginare che la loro eco giungesse al ben informato circolo sivigliano di cui Vera era membro57.

23Vi erano diverse ragioni perché El Enbaxador avesse successo presso i suoi contemporanei e tra queste, non fu trascurabile la scelta di adottare il dialogo come forma letteraria e il castigliano come lingua. Così come Il Cortigiano è diviso in quattro libri, diversamente dal Discorso dell’arte del dialogo del Tasso. In tal modo si sottolineava l’importanza della forma come mezzo per coltivare lo spirito senza sforzo, tipico tratto delle abitudini aristocratiche del pubblico a cui era destinato, e si inseriva nella tradizione umanistica, ben diversa sia dal sermone che dal pensiero più razionalista. Si trattava di dare un senso didascalico e discorsivo alla conversazione lunga quattro giorni tra due amici, Ludovico e Giulio, nel gradevole quadro del giardino di una villa dove questi si era ritirato. Il primo, con il quale in una certa misura si identifica l’autore, è il maestro, mentre l’altro, anfitrione e discepolo, domanda e puntualizza, spostando la conversazione dalle lodi sulla vita di campagna e del suo contrasto con la faticosa vita di corte, ad una riflessione sugli « offici » di governo, tra i quali spicca per la sua speciale dignità, quello di ambasciatore.

  • 58 Ibid., lib. 3, fol 9.

24L’utilizzo delle lingue vernacolari non era stato sino ad allora estraneo alla trattatistica sui legati e, pochi anni prima, Hotman de Villiers aveva scritto in francese il suo L’Ambassadeur. Ciò contraddiceva l’idea generalmente condivisa che le opere riferite a questioni di stato dovessero essere composte in latino e la prassi, altrettanto affermata, che le pratiche diplomatiche e le redazioni dei trattati dovessero utilizzare il latino per accrescere la certezza dei termini. Contro queste convenzioni, Vera sostenne prepotentemente che le conversazioni importanti dovevano esser tenute nella propria lingua, « porque raras veces ninguno sabe tan bien otra como la materna y también porque es grandeza de un príncipe que su lengua corra en toda parte »58.

25Così come il dialogo gli permette di introdurre, senza forzare il testo né spezzare il discorso, citazioni, aneddoti e poesie, altrettanto l’uso del castigliano rende più fluida la conversazione e le consente una maggiore vivacità. Il risultato è un’opera dalla lettura più facile, meno densa ma non meno profonda, elementi questi che ne contraddistinguono l’identità.


  • 59 El Messaggiero. Dialogo del sig. … al sereniss. Sig. Vincenzo Gonzaga, principe di Mantova et di M (...)
  • 60 J. A. Vera y Zúñiga, El Enbaxador… citn. 7, lib. 1, f.14.
  • 61 S. de Covarrubias, Tesoro de la Lengua castellana o española, Madrid, Luís Sánchez, 1611, p. 518 e (...)
  • 62 C. de Benavente y Benavides, Advertencias a Príncipes y Embajadores, Madrid, Francisco Martínez, 1 (...)
  • 63 L. García Arias, Las embajadas…, cit. n. 13, p. 337.
  • 64 J. A. Vera y Zúñiga, El Enbaxador…, cit. n. 7, lib. 1, f. 49-54.

26Il titolo dell’opera si ricollega a quello del già menzionato lavoro di Hotman de Villiers, allorché, sino al secolo XVII, il nome abitualmente impiegato per designare gli inviati era quello di legatus, termine considerato più formale e rispondente alle diverse possibili tipologie. Tuttavia, senza dubbio, ambasciatore era il termine che si impiegava abitualmente nelle istruzioni e negli accordi e Tasso lo aveva impiegato nel testo de Il Messaggiero59. Il suo « tanto monta »60, risultò decisivo, tra le altre cose, perché lo fece con il sostegno dell’autorità di Covarrubias, nel cui Tesoro de la lengua castellana o española, apparso nel 1611, il lemma ambasciatore risulta sinonimo di legato e di nunzio61. Il termine finì per imporsi e, ventitré anni dopo, il secondo trattato su questa materia scritto in castigliano da don Cristóbal Benavente y Benavides, successore di Vera come ambasciatore a Venezia, lo adottò senza alcun dubbio62. È sorprendente che in nessuno dei due trattati compaiano citazioni di teologi o di giuristi, e neppure di Baltasar de Ayala che aveva dedicato un breve capitolo al diritto diplomatico e al suo contemporaneo Francisco Suárez, che aveva stabilito la dottrina in materia di immunità diplomatica63. Indubbiamente, Vera risolve questa questione d’accordo con la dottrina del patto reciproco tra l’ambasciatore e il principe, anche se prevede una sua rottura nel caso che i rappresentanti diplomatici non osservassero i termini del patto, cospirando o creando disordini presso la corte presso la quale erano distaccati64.

  • 65 Ibid., lib. 3, f. 12v.
  • 66 Ibid., f. 18v-19.
  • 67 Ibid., lib. 2, f. 53 y 54.

27Le questioni di carattere formale, come le procedure, la documentazione, le udienze o i diversi tipi di corrispondenza sono trattati con una certa attenzione nel secondo e terzo discorso. Vera concede molta importanza alle istruzioni e sostiene che debbano essere scritte, giacché se « no se pueden escribir, no se deben ejecutar »65 e non esita a raccomandare che « los avisos importantes se han de dar en cifra », che è uno degli aspetti più importanti in ogni ambasciata e « a veces es el todo de una gran acción »66. Presta altrettanta attenzione alla questione delle precedenze, che avevano creato non pochi incidenti tra Francia e Spagna. Egli riteneva scontato che il posto riservato all’ambasciatore dipendesse dalla considerazione riservata al suo re e che, in quel momento, la concorrenza tra gli uni e gli altri era aperta. Senza troppa convinzione, propone che la gerarchia venga stabilita tenendo conto di chi abbia « más ilustres principios, más continuadas hazañas, más firme religión, más latitud de imperios, mas valor de vasallos y mas abundancia de riqueza »67, senza peraltro indicare specificamente nessuno.

  • 68 Ibid., lib. 1, f. 25v-26v.
  • 69 Ibid., f. 121-122v.
  • 70 Ibid., f. 121-122 e 134-135.
  • 71 Ibid., f. 126v-127.

28Le conversazioni tra Ludovico e Giulio, interrotte alla fine di ciascuna giornata, permettono all’autore di adattare i quattro libri o discorsi, che compongono l’opera, all’obiettivo di illustrare i presupposti dell’« officio » dell’ambasciatore e le qualità necessarie a chi veniva nominato per svolgere tale incarico, reso complesso a causa della sua stretta relazione con la politica di stato e alle numerose difficoltà che il suo svolgimento poteva comportare. Tra i requisiti necessari per la nomina ad ambasciatore vi sono quelli legati alla sua qualità o condizione e quelli legati al carattere e alla preparazione. La condizione sociale dell’ambasciatore risulta molto importante. I chierici possono ricoprire tale incarico, ma gli esempi considerati si riferiscono sempre ad ambascerie straordinarie. Invece, Vera non considera appropriato che tale « officio » venga rivestito da mercanti, in quanto potrebbero approfittarsi del ruolo per curare i propri interessi68. Egli ritiene invece che gli ambasciatori debbano essere « ilustres por sangre, igual a la mejor del reino que lo envía y de ser de otra manera electo indigna justamente al príncipe que lo recibe »69. Ma la sola nobiltà non bastava e ad essa si dovevano aggiungere altre condizioni : dovevano essere maschi – naturali del paese che rappresentavano, senza difetti fisici poiché la « gentileza en el cuerpo » accresce l’autorità70 – e, inoltre, ricchi. Tale condizione risulta particolarmente interessante a causa dell’insistenza con cui vi ritorna, poiché, come egli spiega, « no siéndolo mal podrá adornar y vestir su oficio como es justo, ni tratarse con la esplendidez que es necesario, y también porque al que es pobre, en las ocasiones que sean menester intentarle con interés se acomete con más facilidad »71.


  • 72 Ibid., f.99.
  • 73 Ibid., f. 65-66.

29Tra le qualità morali ed intellettuali richieste figuravano la discrezione, la sobrietà, l’indole pacifica, e l’esser « experimentado en adversidades » ; è raccomandata l’eloquenza, la conoscenza della lingua della corte in cui risiede la cortesia e l’acume per « entender palabras y penetrar intenciones »72 e, sulla scia di Machiavelli e Tasso, possedere la capacità di simulazione e saper mantenere il segreto73.

  • 74 Ibid., f. 117.

30Vera sottolineava che, come nel monarca, di cui era il riflesso, anche nell’ambasciatore convivevano due persone : una privata e un’altra pubblica, entrambe giocavano un ruolo complementare. In funzione della prima, doveva essere « fácil y liberal en ceder », mentre per compiere bene la seconda era obbligato a tenere un comportamento « dificultoso y escaso ». Queste due componenti, secondo il testo, sono ugualmente importanti per lo svolgimento della missione diplomatica e, alla fine, anche se raccomanda di non mescolarle, la linea di separazione non sempre è di facile identificazione74.

  • 75 Ibid., lib. 2, f. 30.

31Forse per questo si richiede discrezione anche alla « famiglia » degli ambasciatori, anche se non si dilunga su questo aspetto, e dedica speciale attenzione alle persone che prestano servizio nella legazione, sconsigliando che siano del luogo in cui si disimpegna l’ambasciata, per scongiurare il rischio che siano spie75.

  • 76 Ibid., f. 99.
  • 77 Ibid., lib. 1, f. 14.
  • 78 Ibid., f. 11 v.
  • 79 Ibid., f. 87.
  • 80 Ibid., f. 98-118.

32Come altri trattatisti, Vera considerò la diplomazia come un’arte soggetta a regole e all’osservazione e, come tale, diretta a « penetrar intenciones », a « observar » o « a distinguir lo necesario de lo contingente »76 piuttosto che dedita a speculare su grandi principi. Da qui discende l’eloquente definizione dell’ambasciatore come : « hombre enviado de lejos a negocio público, por la elección particular, no con ardid de guerra, sino con elocuencia y fuerza de ingenio »77. Un uomo costretto a muoversi quasi sempre con un certo margine di incertezza, non solamente a causa dei « reinos extraños » presso i quali è destinato, ma per la complessità delle mosse di coloro con cui interagiva e per la impossibilità di avere previe direttive al momento di affrontare molte questioni78. In una Europa diversa in cui prevaleva l’opposizione degli interessi di stato, egli considera imprescindibile che un ambasciatore sia ben informato sulle caratteristiche, sulla composizione e il modo di governo del luogo in cui va a svolgere il proprio « officio ». Per contribuire a questo obiettivo, nel discorso quarto include una sommaria descrizione delle principali corti dell’epoca, dalla prospettiva di un suddito della monarchia spagnola. Le due più importanti e, allo stesso tempo, più complesse erano quella pontificia e quella imperiale, a causa del carattere elettivo con cui veniva loro conferita la « suprema dignidad » e la complessità di tale processo, portato a termine da elementi tra loro di diversa caratura, si ripercuoteva sul lavoro dei diplomatici che, da esso, « tienen harto que hacer, harto en que ganar y no menos en que perder »79. Tra le monarchie ereditarie, tralasciando la propria, che si ritiene scontato sia conosciuta dai lettori, Vera si concentra sulla Francia, « que aspira a la competencia con España » e sull’Inghilterra, « una de las de primera clase de Europa », molto bellicosa poiché i suoi confini non riescono più a contenerne le genti. Quasi fosse una premonizione, si trattiene a lungo su Venezia, di cui descrive il sistema di governo per chiudere con la descrizione del ducato di Savoia, che ha sempre beneficiato della propria neutralità tra Francia e Spagna80. Tralasciando la struttura letteraria, la novità dell’opera del conte de la Roca non è nei temi che affronta, ricorrenti nella letteratura diplomatica dei primi del XVII secolo, quanto nella sua volontà di radicarsi realisticamente nel contesto dell’epoca, evitando generalizzazioni legate ad esempi del passato e del presente.

  • 81 B. Cinti, Letteratura e politica... cit. n. 10, p. 133 ; C. Fernández-Daza, El primer conde de la (...)

33Perciò non è facile comprendere perché l’ambasciatore che descrive venga poi qualificato come « perfecto » a partire dalla versione francese del 1635. Il termine si impose, forse a causa della tradizione del modello ciceroniano, trasformando così un modello didattico in un paradigma, travalicando le intenzioni dell’autore. Non mancano a riguardo opinioni autorevoli, tra cui quella di Bruna Cinti, che sostengono che il nuovo titolo, da allora sempre adottato nelle successive edizioni, non solo aveva tradito il pensiero di Vera, ma lo aveva anche banalizzato81.

Un’opera dai tre volti : diplomazia, politica e storia

34Benché questo sia un paradosso importante dell’opera di Vera, tuttavia, non è l’unico. Non è meno paradossale che il successo letterario arridesse quasi immediatamente all’autore e che, tuttavia, egli non tornasse più su questo genere.

35Tantomeno che uno scrittore senza esperienza diplomatica diretta diventasse un esempio del negoziatore barocco. Egli riuscì a scrivere un’opera brillante e opportuna, la prima scritta da uno spagnolo che tratti in forma monografica tale materia, e si trasformò in riferimento obbligato per i diplomatici a venire. Ma anche perché in essa non tralasciò di trattare aspetti dottrinali controversi tali da inserirla non solo nella tradizionale trattatistica sui legati, ma anche nella letteratura politica. Il testo divenne non solo un esercizio di erudizione diretto a uno scopo specifico, ma il risultato di un contesto culturale tardo rinascimentale, più preoccupato a ricercare l’utilità dello Stato all’interno dei limiti della morale che a conformarsi a dottrine prestabilite. Da ciò scaturisce il difficile equilibrio di alcune sue tesi, che affermano dal punto di vista realistico che nessun uomo politico può essere del tutto buono, ma nel contempo si risolvono nell’improbabile presupposto che un principe cattolico, al meno coscientemente, non persegua mai fini immorali. Ciò spiega che Ludovico e Giulio discutano non solo sui limiti della immunità, ma anche

  • 82 J. A. Vera y Zúñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, lib. 1, fol.1v.

si el embajador, obrando conforme a reglas del Evangelio, puede con su afecto y diligencia servir a la manifiesta injusticia de su rey contra la justa pretensión del que asiste, y en las que fueran materias dudosas, cómo debe obedecer las órdenes de su rey82.

  • 83 B. Bourdin, La genèse théologico-politique de l’État moderne: la controverse de Jacques I d’Angle (...)
  • 84 J. A. Vera y Zúñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, lib. 2, f.103v.
  • 85 Sull’impiego di questo termine, utilizzato, tra gli altri, da Ribadeneira, si veda J.A. Fernández- (...)

36Quando Vera scrisse El Enbaxador, l’antimachiavellismo era un luogo comune, nonostante buona parte della sua dottrina fosse stata già assimilata, a volte direttamente altre con molte circonlocuzioni. Certamente, nel pensiero controriformato vi erano molti ostacoli che impedivano di sostenere l’autonomia della politica rispetto all’etica, ma non mancavano correnti che, con una buona dose di pragmatismo, evitavano affermazioni troppo nette. Non si trattava di contrapporre la buona o la cattiva ragion di stato come aveva fatto il padre Ribadeneira, e nemmeno di controbattere gli argomenti di un principe sovrano alla maniera del cardinal Bellarmino83, ma di separare gli ambiti e sfumare i termini, considerando come « prudencia civil » quegli atti del principe, o dei suoi ministri, che, senza incorrere in manifeste falsità o in inganni scandalosi, cercavano di « dar apariencia de verdad a cualquier discurso que finjan »84. Vale a dire, egli, come molti altri, era convinto che, senza disprezzare l’etica o incorrere negli errori dei seguaci del fiorentino, i cosiddetti « políticos »85, i comportamenti potevano e dovevano adeguarsi alle esigenze di una realtà politica la cui esistenza nessuno più negava, cercando di ottenere il maggior utile per la « República », senza oltrepassare i limiti del lecito. Non era necessario proclamarsi apertamente seguace di Machiavelli, bastava conoscerlo e lasciarsi guidare dalla sua capacità di osservazione ; certo che non si accettavano totalmente le sue conclusioni, non solamente per prudenza, ma anche perché, per molti versi, si mantenevano fedeli all’etica tradizionale, ma si sforzavano per aggiustarla alle sue premesse, aggiungendo al concetto di ragion di stato l’aggettivo « verdadera », e considerandola non come una teoria ma come una azione politica diretta a fortificare la monarchia, senza dubitare dei principi cristiani che la avevano sempre sostenuta. Per raffigurare questi sillogismi nulla di meglio della figura dell’ambasciatore che, come spiegava Vera, non doveva mentire, ma poteva non dire la verità, seguendo il ragionamento e la tipologia di menzogna e dissimulazione che aveva insegnato Giusto Lipsio, poiché

  • 86 J. A. Vera y Zúñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, lib. 2, f. 99v.

mal podrán tratar bien del gobierno los que no supieran disimular y fingir, partes referidas, ya por propio atributo de los reyes, e tal manera que hay quien piensa que no es bueno para reinar quien no sabe fingir, y los que tuvieren tanta parte de la República a su cuenta, como un embajador, dudo que la puedan dar buena haciendo de otra suerte, y esto no se que lo niegue o pueda negar alguno que sepa medianamente de la naturaleza de los negocios de estado y de gobernar86.

  • 87 Ibid., lib. 1, f. 74-75.
  • 88 Ibid., f. 82v.
  • 89 Ibid., f. 86-7.
  • 90 Ibid., lib. 1, fol. 74v.
  • 91 Ibid., f.100v.
  • 92 Ibid., f. 11v e 112.
  • 93 Ibid., f. 33.

37Radicato in un prudente relativismo, il conte de la Roca era ben consapevole delle limitazioni etiche che il servire un principe o una repubblica potevano comportare, dal momento che né l’uno né l’altra erano perfetti, né i loro fini del tutto giusti, ma ciò non era incompatibile con il fatto che il dovere di un ambasciatore fosse « tomar por objeto de su diligencia el servicio y útil de su dueño y señor » e non il restare avviluppato in questioni morali. Certamente, in questa come in qualsiasi altra condizione vi erano precisi limiti che costituivano « los fundamentos y reglas del Evangelio »87, ma nelle questioni dubbie, o in quelle che competevano unicamente al governante, prevaleva il dovere di rispettare gli ordini, poiché « es genero de poco respeto con los muy superiores, alcanzarles los lances, ya lo dijo Tácito, no ser lícito ni seguro escudriñar los secretos de los príncipes »88. Applicò lo stesso relativismo per giustificare l’uso dell’inganno nel compimento della propria missione, poiché solo a « los dioses que no tiene necesidad de nadie, no es lícito mentir ; pero a los reyes y ministros, que la tienen de muchos, se les debe permitir »89. Per questo nemmeno l’ambasciatore, nella sua dimensione di uomo pubblico, poteva essere totalmente buono, il che significava, per principio, rispettare le cose giuste ma « en la operación de ellas se acomodará a las ordenes del príncipe y leyes de la patria, interpretando uno y otro en el mejor sentido que pueda »90. Anche nei casi più gravi, nei quali non era lecito ingannare, l’ambasciatore poteva dissimulare e fingere per difendere gli affari di cui era incaricato91 ; egli poteva fingere di non comprendere, se era sotto pressione e agire « sin el riesgo que de la conciencia se teme », allorché comprendeva che si cercava di ingannarlo92. Come molti dei suoi contemporanei, tralasciando le questioni confessionali, egli partiva dall’assioma che la politica era un’arte finalizzata ad uno scopo molto concreto : l’ampliamento del potere del principe e dello Stato. Un principe che egli definisce non nei termini di grandezza o di estensione dei suoi territori, ma di potere « quién tiene el mando absoluto pendiente de su voluntad soberana »93, e uno stato che, quasi sempre chiama « República », personificato dal sovrano stesso, che non era solo corpo sociale ma anche governo. Dopotutto, tra la sua opera e la pubblicazione di Le catholique d’Estat di Ferrier trascorsero solo cinque anni e, benché Vera unisse la sua voce alle tante che reclamavano contro l’ardire di tale scritto, non era l’orizzonte mentale a separarli ma la rivalità politica.


  • 94 Ibid., f. 59-61.

38Affrontare il tema del principe obbligava, all’epoca in cui egli scrive, a trattare il tema correlato della tirannia, in un contesto nel quale si censurava il suo amato Tacito per aver legittimato tale questione e in cui era ancora aperta la discussione sul trattato di Mariana De Rege et Regis institutionis, opera messa pubblicamente al rogo in Francia e condannata in Inghilterra. Anche Bodin aveva affrontato il tema, così come lo segnala Vera, anche se interpretandone erroneamente il pensiero ritenendo che questi si opponesse in ogni circostanza a tale teoria94. Egli, da parte sua, non la approva né la condanna, non sappiamo se per cautela o perché realmente il dilemma che gli interessa risolvere è un altro : sapere se i suoi ambasciatori sono legittimi, ragionamento sul quale le argomentazioni di Ludovico interlocutore non lasciano alcuno spazio a dubbi, dal momento che

  • 95 Ibid., f. 37v.

los más de los imperios comenzaron de las sediciones y de singularizarse entre los desavenidos una familia o un hombre solo a quien asistieron naturaleza con valor y fortuna con felicidad, a estos los llamaron ladrones, luego tiranos y, últimamente príncipes 95.

  • 96 Ibid.
  • 97 Ibid., lib. 2, f. 116.

39Nel rendere la differenza tra principi legittimi e tiranni in una pura questione terminologica o di prospettiva temporale, e considerare che in origine il potere del principe era stato sempre tirannico, se ne attenuavano le differenze, si smontavano le argomentazioni divergenti e si finiva per sostenere, come Vera, che era comunque meglio che il vassallo non cercasse di farsi giustizia con le proprie mani. Inoltre, la realtà insegnava che gli stessi sovrani ricevevano gli ambasciatori senza porsi il problema della legittimità di chi li aveva inviati, come era dimostrato dal caso della dinastia Ottomana e « otros así ». Soffermandosi sulla questione, Vera osservava che, le occasioni in cui tale riconoscimento di legittimità venne rifiutato, come per Teodosio, non furono una conseguenza della tirannia del sovrano che inviava l’ambasciatore ma per mero interesse, giacché l’imperatore rivendicava diritti sullo stato che quel legato rappresentava96. Per uscire indenne da tanti dilemmi l’ambasciatore doveva solamente « ajustarse a lo particular »97, avvalendosi della sua esperienza al momento di prendere le decisioni. Qualora si fossero trovati privi di tale bagaglio personale, potevano sempre ricorrere alla storia. Così, nel testo, si sostengono e si completano il ricorso alla conoscenza frutto della propria esperienza individuale e il ricorso ai precedenti storici. Entrambi sono elementi indispensabili per raggiungere la virtù specifica che conviene ad un diplomatico, che non è una qualità morale, ma

  • 98 Ibid., I, f. 63.

una industria absoluta aprobada con experiencia y ciencia civil, noticia singular de las historias y natural elocuencia y conocimiento de aquellas cosas que se le pueden cometer y últimamente la prudencia, que de método para hacer o dejar de hacer lo que conviene al negocio, que siendo tal esta prudencia, en ella habrá las especies deliberativa, judicativa y preceptiva que se debe desear en el Embajador, por pertenecer a la primera el discurrir en proes y contras sobre la materia, y la segunda el sacar en limpio la resolución que se toma, y a la preceptiva, ponerla en execucion98.

  • 99 Ibid., II f. 91v e 92.

40Anche se quando scrisse El Enbaxador Vera non era ancora interessato a tematiche propriamente storiche, egli seppe esprimere, attraverso Tacito, l’importanza che la conoscenza del passato aveva per il politico. Anche se censurava quelli che, come Carlo Pasquale, consigliavano di agire secondo i suoi insegnamenti senza considerare che le trasformazioni avvenute non rendevano possibile equiparare le decisioni. Così si esprimeva Ludovico, per il quale gli esempi del passato, anche se utili, erano poco affidabili « por la ignorancia de sus circunstancias », mentre era prezioso considerare le osservazioni del Guicciardini, più attente al tempo presente. Opinione ratificata da Giulio, che includeva « las historias de Italia de estos tiempos », nelle quali, oltretutto, « más se hallan juzgados los lances del estado »99. Utilità, vicinanza temporale, singolarità e una speciale attenzione al fattore politico erano i requisiti che i libri di storia dovevano possedere per rendere più esperto un ambasciatore e completarne la formazione.

Notes

1 J. A. Vera y Zuñiga, Le parfait ambassadeur, Paris, A. de Sommaville, 1635.

2 Lettera di Vera y Zúñiga al P. Pedro de Arteaga in Cartas de algunos padres de la Compañía de Jesús sobre los sucesos de la Monarquía entre los años de 1634 y 1648, in Memorial histórico español: colección de documentos, opúsculos y antigüedades que publica la Real Academia de la Historia, Madrid, 1851, I, p. 196.

3 J. M. Jover Zamora, 1635. Historia de una polémica, semblanza de una generación, Madrid, 20032, p. 71-80.

4 V. Ginarte González, El Conde de la Roca. 1583-1658. Un diplomático extremeño en Italia, Madrid, 1990, p. 227-237.

5 Tale questione viene menzionata già nella « Instrucción para la embajada saboyana », sarà poi ripetuta due anni dopo nell’istruzione all’Ambasceria di Venezia (Archivo Histórico Nacional [AHN], Estado, leg. 3455). La preoccupazione crebbe con l’intensificarsi della pressione esercitata da Richelieu per spingere Venezia a rompere la propria neutralità (AHN, Estado, leg. 1923 y Archivo General de Simancas [AGS] Estado, leg. 3592).

6 C. Fernández Daza, El primer conde de la Roca, Badajoz, 1995, p. 76-79.

7 J. A. Vera y Zuñiga, El Enbaxador, Siviglia, Francisco de Lyra, 1620.

8 Vi sono anche un’edizione del 1620 stampata a Madrid, documentata da Palau y Dulcet (Manual del librero hispano-americano…, Barcelona, 1948-1977, XXVI) e, parrebbe, un’altra a Siviglia nel 1621, citata da J.G. Graesse (Trésor de livres rares et precieux ou nouveau dictionnaire bibliographique, Dresde, 1859-60, VIII, y Berlin, 19222, VIII). Nel 1947 venne pubblicata un’edizione facsimile (Madrid, Artes Gráficas, 1947) , mentre un’altra è stata appena edita (La Coruña, Órbigo, 2010).

9 Paris, 1642 ; Leida, Theodore Haak, 1709.

10 J. A. Vera e Zuñiga, Il perfecto ambasciatore. Transportato dall’idioma spagnolo e francese nell’italiano per M. Ziccata, Venezia, Wiffeldick, 1649. L’edizione del 1647, sembrerebbe essere andata perduta e nel 1674, secondo Bruna Cinti, ne venne stampata una falsificazione attribuita a Desiderio Castiglione (Letteratura e politica in Juan Antonio de Vera, ambasciatore spagnolo a Venezia (1632-1642), Venezia, 1966, p. 131-133).

11 La lettera di Mazzarino del 28 de febbraio 1644, scritta in italiano, è stata pubblicata e tradotta da V. Ginarte González, El Conde de la Roca… cit. n. 4, doc. n. 11, p. 285. Essa tuttavia non risultò necessaria, dal momento che Filippo IV negò a Vera l’autorizzazione a viaggiare via terra, attraversando la Francia, ordinandogli di imbarcarsi in una galera a Genova.

12 A. de Wicquefort, Mémoires touchant les Ambassadeurs et les Ministres Publics, Colonia, 1676, lib. I, sec. XXIX ; C. von Bynkershoek, De foro legatorum, Leida, 1721, cap. XVIII, XIX, XXI y XXIV ; E. de Vattel, Droit des Gens, Londres [Neuchâtel], 1758, lib.IV, cap. VII ; C. de Martens, Guide Diplomatique, Paris, 1837.

13 G. Mattingly, La diplomacia del Renacimiento, Madrid, 1970 ; G.A. Davies, The influence of Justus Lipsius on Juan de Vera y Figueroa's Embaxador (1620), dans Bulletin of Hispanic Studies, 42, 1965, p. 160-173 ; L. García Arias, Las embajadas de don Juan Antonio de Vera y Zuñiga en Italia(conferencia pronunciada por don Luís García Arias, catedrático de derecho internacional de la Universidad de Zaragoza, el día 24 de noviembre de 1949), Madrid, 1950.

14 Su questo matrimonio e i suoi discendenti si veda C. Fernández Daza, El primer conde de la Roca… cit. n. 6, p. 38-50 e p. 92-101.

15 Jerusalén Conquistada, Madrid, 1609, fol. 496. El Laurel de Apolo (1630), citazione dalla ed. di Madrid, 1856, p. 196. Riferimenti prodotti dallo studio di C. Fernández-Daza, El primer conde de la Roca… cit. n. 6, p. 67-73.

16 J. H. Elliott, Memoriales y cartas del Conde Duque, Madrid, I, 1978, p. XLVI-XLVII.

17 J. A. Vera y Zuñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, p. 13.

18 C. Fernández Daza, El primer conde de la Roca... cit. n. 6, p. 79, raccoglie la testimonianza traendola da una delle lettere di Vera.

19 « Archivo Histórico Nacional » (AHN), Estado, leg.3455, « Instrucción para la embajada de Venecia ».

20 B. Cinti, Letteratura e politica… cit. n. 10 ; C. Fernández-Daza, D. Juan Antonio Vera y Zuñiga, I Conde de la Roca (1583-1658), Badajoz, 1994 e Ead., El primer Conde de la Roca… cit. n. 6 ; V. Ginarte González, El Conde de la Roca… cit. n. 4.

21 J. M. Jover Zamora, 1635. Historia de una polémica… cit. n. 3 ; Saavedra Fajardo, che menziona il casato di Vera nell’Idea del Príncipe cristiano, Empresa 5ª.

22 Tra di essi vi erano scrittori quali Quevedo e Tirso de Molina e diplomatici del calibro di Bedmar (1572-1655), di Antonio de Zúñiga, marchese di Mirabel (1590-1650), o di Benavente y Benavides (1582-1649).

23 J. A. Vera y Zuñiga, Epítome de la vida y hechos del invicto Emperador Carlos V, Madrid, 1622. Vi sono edizioni in castigliano nel 1624, 1625, 1627, 1629, 1645, 1649, 1654 e nel 1656. A Madrid vennero stampate, oltre alla prima, anche quelle del 1624,1627, 1649 e del 1654 ; due edizioni furono stampate a Valencia nel 1625 e nel 1627 ; una a Milano nel 1645 e, infine, a Bruxelles nel 1656.

24 Histoire de l’Empereur Charles Quint, traduit en françois par le sieur Du Perron Le Hayer, Parigi, Muget, 1662 ; Histoire de l’Empereur Charles Quint… Bruxelles, Chez François Foppens, 1663, 1667 e 1668 ; Id., Bruxelles, J. de Grieck, 1699 e 1699-1700 ; Id., Amsterdam, S. Malerbe, 1704.

25 Fray Prudencio de Sandoval, Historia de la vida y hechos del Emperador Carlos V, Pamplona, Bartolomé Paris, 1614 (vi sono edizioni anche nel 1618 e nel 1634). A Madrid ne venne pubblicata un’altra nel 1675 da Joseph Fernández de Buendía, anche se la più diffusa fu l’edizione di Anversa, di Geronymo Verdussen, nel 1681. La Vida e historia del invictissimo Emperador D. Carlos Quinto…. di Pedro de Mexia, circolò in versione manoscritta. Nella « Biblioteca Nacional Madrid » (BNM) si trova una copia del 1597 e due del 1608.

26 C. Fernández–Daza, El primer Conde de la Roca… cit. n. 6, cita Bernardo Tasso, Giovio, Guicciardini, sue fonti principali riguardo ai fatti accaduti nella penisola riguardanti anche la Spagna ne El Enbaxador (p. 414-415).

27 L’opera circolò manoscritta e non venne pubblicata sino alla fine del secolo successivo nel Semanario Erudito di Valladares y Sotomayor, 2, p. 154-304. In francese venne pubblicata come Histoire du ministère du Comte-Duc… Colonia, Van Egmondt, 1673.

28 Fragmentos históricos de la vida de don Gaspar de Guzmán…, BNM, Mss 2081, p. 123.

29 J. A. Vera y Zuñiga, El Fernando o Sevilla restaurada, Milano, Henrico Stefano, 1632.

30 La victoria que tuvieron sobre Norlinga la Majestad de Fernando III rey de Hungría y el Serenísimo infante de España D. Fernando, Milano, Juan Baptista Malatesta, 1638.

31 Don Fernando d’Austria era nato nel 1609. Fu arcivescovo di Toledo dal 1619, coprì per breve tempo la carica di viceré di Catalogna e di governatore di Milano tra il 1632 e il 1633, e tra il 1634 e il 1641, data della sua morte, fu governatore generale dei Paesi Bassi. Fu anche comandante generale delle forze spagnole durante la Guerra dei Trent’Anni.

32 Declaración de S.A. el señor Cardenal-infante acerca de la guerra contra la Corona de Francia, 4 f. Sulla sua diffusione e contenuto, J.M. Jover Zamora, 1635. Historia de una polémica… cit. n. 3, p. 256-261.

33 Il miglior giglio di Francia (Luigi Re Santo) Lione, Heredi di Benoist, 1640. Traduzione castigliana con il nome dell’autore, che mantiene lo pseudonimo di Antonio Norde, stampata a Lione, Lorenzo Anisson, 1755.

34 Ibid., f. 96.

35 Le catholique d’Estat…, Paris, chez Joseph Bouillerot, 1625 ebbe una diffusione straordinaria, sia in Francia che all’estero, incluso in Spagna. Sui suoi effetti, J.M. Jover Zamora, 1635. Historia de una polémica, cit. n. 3, p. 38-42.

36 Il miglior giglio di Francia... cit. n. 33, f. 17-19.

37 El rey D. Pedro defendido, Madrid, Francisco García, 1647, f. 4.

38 Scrisse anche una biografia del III duque de Alba (pubblicata a Milano nel 1643), in occasione della morte del V duca d’Alba.

39 Inoltre, fu autore del Centón epistolario, opera attribuita a Fernán Gómez e che figura stampata nel 1499, ma che, probabilmente, fu stampata aVenezia tra il 1632 e il 1635.

40 C. Fernández Daza, El primer Conde de la Roca… cit. n. 6, p. 206-211.

41 Non solo negoziò il matrimonio del re, ma fu anche uno dei nobili spagnoli che lo accompagnarono presso quella corte, dove si sposò con la dama favorita di Maria Tudor, lady Jane Dormir. Su questo personaggio, M. Fernández Álvarez, Tres embajadores de Felipe II en Inglaterra, Madrid, 1951, p.22-25.

42 Sul conte, morto anch’egli nel 1607, G. Marañón, El conde duque de Olivares, Madrid, 2006, p. 12-15 e P.C. Allen, Felipe III y la Paz hispánica, 1598-1621, Madrid, 2000, p. 52-53, 153-154 e 173.

43 Per esempio, il suo viaggio a Madrid, a causa dei suoi problemi tributari come « recaudador de alcabalas » che lo portò ad esser sottoposto a giudizio del « Consejo de Ordenes » (C. Fernández Daza, El primer Conde de la Roca… cit. n. 6, p. 116).

44 Tanto i Discorsi sopra C. Tacito di Scipione Ammirato (1594), come Traiano Boccalini furono molto letti in Spagna, anche se la prima manifestazione del tacitismo politico si ebbe con la Doctrina político civil de Eugenio de Narbona, del 1604, ritirata dalla Inquisizione (J.Vilar, Intellectuels et Noblesse: le doctor Eugenio de Narbona, in Études Ibériques, III, Rennes, 1968, p. 16 e 55). Nel 1614 Baltasar Álamos de Barrientos pubblicò a Madrid, Tácito español ilustrado con aforismo. Sul tacitismo in Spagna tre opere classiche sono quelle di F. Sanmartí Boncompte, Tácito en España, Barcelona, 1951 ; J. A. Maravall, La corriente doctrinal del tacitismo político en España, in Estudios de historia del pensamiento español. Siglo XVII, Madrid, 1975 ; E. Tierno Galván, El tacitismo en las doctrinas políticas del Siglo de Oro Español, in Escritos (1950-1960), Madrid, Tecnos, 1977 ; oltre a B. Antón Martinez, El tacitismo en el siglo XVII en España. El proceso de « recepcio », Valladolid, 1992.

45 A. Ramirez, Epistolario de Justus Lipsio y los españoles (1577-1606), Madrid, 1966 ; B. Rekers, Arias Montano, Madrid, 1973.

46 G. A. Davies, The influence of Justus Lipsius… cit. n. 13, p. 160-173 e T. G. Corbett, The cult of Lipsius: A leading source of early Modern Spanish Statecraft, in Journal of the History of Ideas, 36, 1975, p. 139-152.

47 G. Marañon, El conde duque de Olivares… cit. n. 42, p. 160-161 e « apéndice » X, p. 426-430 ; G. Andrés, Historia de la biblioteca del Conde Duque y descripción de sus códices, in Cuadernos bibliográficos, 28, 1972, p. 131-142 ; J.H. Elliott, El conde-duque de Olivares, Barcellona, 1998, p. 46-48 y 61-65 ; e B. Antón Martínez, Tácito ¿inspirador de la carrera política del Conde Duque de Olivares?, in Minerva: Revista de filología clásica, 6, 1992, p. 285-312.

48 Su queste edizioni e le traduzioni si veda il capitolo 2 di H. Puig Domènech, Maquiavelo en España, Madrid, 1988, p. 81-130.

49 Ibid., cap. 3, p. 135-180.

50 J. A. Fernández-Santamaría, Razón de estado y política en el pensamiento español del barroco (1595-1640), Madrid, 1986, p. 9-43.

51 Los seis libros de la República de Juan Bodino. Traducidos de lengua francesa y enmendados católicamente por Gaspar de Añastro Irunza, Torino, er. Nicoló Bevilacqua, 1590.

52 Era estimatore non solo delle opere poetiche del Tasso di cui conosceva Il messagiero, pubblicato nel 1582. Vera iniziò anche la traduzione della Gerusalemme, poi trasformata in El Fernando, fatto per il quale venne considerato come uno degli emuli dell’italiano (J. Arce, Tasso y la poesía española, Barcelona, 1973, p. 47. e A. Farinelli, Tasso in Spagna, in Italia y Spagna, Torino, 1929).

53 J. A. Vera y Zuñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, lib. 2, f. 124.

54 Questa seconda edizione è intitolata De la charge et dignité de l’Ambassadeur. Su tali influenze cfr. G. Mattingly, La diplomacia… cit. n. 13, p. 336-52 ; L. García Arias, El perfecto Embajador, Madrid, 1948, p. 333-381 ; L. Bély, La polémique autour de L’Ambassadeur de Jean Hotman, in Cahiers d’Histoire, 46, 2001, p. 327-354.

55 G. Mattingly, La diplomacia… cit. n. 13, p. 337-40.

56 J. A. Vera y Zuñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, f. 3-4 e 10. Ad esempio, tra gli altri scritti, quello di Lope de Deza, Gobierno político de la agricultura, Madrid, v.da Alonso Marín de Balboa, 1618.

57 Sul matrimonio ispano-inglese R. Rodríguez-Moñino, Razón de Estado y dogmatismo religioso en la España del siglo XVII: las negociaciones hispano-inglesas de 1623, Barcellona, 1976 e G. Redworth, El Príncipe y la infanta, Madrid, 2004. Su Gondomar, C. Manso Porto, Don Diego Sarmiento de Acuña, conde de Gondomar (1567-1626). Erudito, mecenas y bibliófilo, Santiago de Compostela, 1996. Il conte è visto come un esempio in questioni di precedenza con la Francia avvenute nel 1617. J. A. Vera y Zúñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, lib. 2, f. 97.

58 Ibid., lib. 3, fol 9.

59 El Messaggiero. Dialogo del sig. … al sereniss. Sig. Vincenzo Gonzaga, principe di Mantova et di Monferrato, Venezia, B. Giunti e fratelli, 1582.

60 J. A. Vera y Zúñiga, El Enbaxador… citn. 7, lib. 1, f.14.

61 S. de Covarrubias, Tesoro de la Lengua castellana o española, Madrid, Luís Sánchez, 1611, p. 518 e 566.

62 C. de Benavente y Benavides, Advertencias a Príncipes y Embajadores, Madrid, Francisco Martínez, 1643.

63 L. García Arias, Las embajadas…, cit. n. 13, p. 337.

64 J. A. Vera y Zúñiga, El Enbaxador…, cit. n. 7, lib. 1, f. 49-54.

65 Ibid., lib. 3, f. 12v.

66 Ibid., f. 18v-19.

67 Ibid., lib. 2, f. 53 y 54.

68 Ibid., lib. 1, f. 25v-26v.

69 Ibid., f. 121-122v.

70 Ibid., f. 121-122 e 134-135.

71 Ibid., f. 126v-127.

72 Ibid., f.99.

73 Ibid., f. 65-66.

74 Ibid., f. 117.

75 Ibid., lib. 2, f. 30.

76 Ibid., f. 99.

77 Ibid., lib. 1, f. 14.

78 Ibid., f. 11 v.

79 Ibid., f. 87.

80 Ibid., f. 98-118.

81 B. Cinti, Letteratura e politica... cit. n. 10, p. 133 ; C. Fernández-Daza, El primer conde de la Roca... cit. n. 6, p. 357.

82 J. A. Vera y Zúñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, lib. 1, fol.1v.

83 B. Bourdin, La genèse théologico-politique de l’État moderne: la controverse de Jacques I d’Angleterre avec le cardinal Bellarmin, Parigi, 2004.

84 J. A. Vera y Zúñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, lib. 2, f.103v.

85 Sull’impiego di questo termine, utilizzato, tra gli altri, da Ribadeneira, si veda J.A. Fernández-Santamaria, Razón de Estado y política en el pensamiento español del barroco (1595-1640), Madrid, 1984, p.47-58.

86 J. A. Vera y Zúñiga, El Enbaxador… cit. n. 7, lib. 2, f. 99v.

87 Ibid., lib. 1, f. 74-75.

88 Ibid., f. 82v.

89 Ibid., f. 86-7.

90 Ibid., lib. 1, fol. 74v.

91 Ibid., f.100v.

92 Ibid., f. 11v e 112.

93 Ibid., f. 33.

94 Ibid., f. 59-61.

95 Ibid., f. 37v.

96 Ibid.

97 Ibid., lib. 2, f. 116.

98 Ibid., I, f. 63.

99 Ibid., II f. 91v e 92.

Auteur

Università Complutense di Madrid - mvlcordon@gmail.com

© Publications de l’École française de Rome, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Lire

Freemium

Offert par