Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

L’écriture et l’espace de la mort. Épigraphie et nécropoles à l'époque préromaine

 | 
Marie-Laurence Haack

Discussion - 13

Texte intégral

1G. Colonna : Anzi tutto voglio complimentarmi con De Angelis per questo grosso passo avanti che ha fatto compiere alla ricerca, nel confronto della tomba, o delle tombe degli Afuna e degli Arnthni. Perché non ha nominato il sarcofago scolpito degli Arnthi ? Di un Vel Arnthi ? Ecco un altro monumento che in questo discorso potrebbe avere un posto. Mi pare, se non ricordo male, adesso sono ricerche che io ho fatto un po’ di anni fa, ma che sia più antico del sarcofago degli Afunei. Questa è la pista di questo scritto, che era stato raccolto dal De Cari a Firenze, nel museo Mediceo. Pasquini scrive, ma non è lui che l’ha pubblicato nel giornale, a Firenze; tramite lui c’è stato un passaggio e Lei l’ha dato come un documento inedito. Questa relazione di Pasquini è pubblicata nell’antologia.

2F. De Angelis : Si nell’antologia. Io non l’ho data come inedita.

3G. Colonna : Non inedita, ma dico come direttamente pubblicata da Pasquini, ed invece pubblicata da Migliarini, mi pare.

4F. De Angelis : Era una lettera al direttore dell’antologia, pubblicata nell’antologia stessa. È firmata Pasquini.

5G. Colonna : F. De Angelis ha seguito questa traccia colla collezione Casucini, ed a questo proposito ha accennato alla questione Micali ed editori del Museo Chiusino. Ci riporta ad una piccola querelle che esisteva. Micali è stato in un certo senso bloccato, messo alla porta, però ha potuto ugualmente documentare una piccola parte. Di questo parla Bianchi Bandinelli, rievocando la questione che ha agitato quel momento vitalissimo dell’archeologia etrusca, che è stato il momento romantico degli anni venti; in questo caso gli anni trenta.

© Publications de l’École française de Rome, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540