Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Pratiques sociales et politiques judiciaires dans les villes de l’Occident à la fin du Moyen Âge

 | 
Jacques Chiffoleau
, 
Claude Gauvard
, 
Andrea Zorzi

IV. Politiques judiciaires et résolution des conflits

Giuristi, giudici e fuoriusciti nelle città italiane del Duecento

Note sul reato politico comunale1

Giuliano Milani

Texte intégral

  • 1 Dato l’intervallo trascorso tra il momento della scrittura e l’uscita di questo saggio è risultato (...)
  • 1 Il tema dell’esclusione politica in età comunale è stato trattato in alcune sintesi dall’impianto d (...)

1Solo nel corso del secolo xiii, nelle città comunali italiane, le azioni qualificate come attacchi nei confronti dell’autorità e dell’indirizzo politico da essa perseguito divennero reati particolarmente gravi, bisognosi di un trattamento preventivo e punitivo diverso da quello posto in essere per i crimini che oggi definiremmo comuni. Questo passaggio ebbe il suo punto culminante nell’avvento dei regimi che, a partire dagli anni Sessanta del Duecento, dichiarandoli nemici della parte vincitrice, esclusero migliaia di abitanti dalla città e dalla cittadinanza. Tale trasformazione non fu accolta pacificamente dalla società cittadina, che anzi, attraverso la partecipazione politica, contribuì ad attenuare gli aspetti più rigidi delle esclusioni. I sapientes, gli esperti di diritto che coadiuvavano e guidavano i go-verni, giocarono un ruolo importante nei sistemi politici che promossero e, allo stesso tempo, mitigarono le esclusioni tardoduecentesche. Per ragioni che si cercherà di chiarire, ma che, vale la pena di anticiparlo, non sono riconducibili né alla connivenza con i banditi né al rifiuto pregiudiziale di una pratica, l’esclusione, percepita come estranea al diritto romano, i giuristi contribuirono a far sì che nei comuni italiani della fine del xiii secolo fosse relativamente facile, per gli esclusi, rientrare in città, uscire dalla condizione di ban-dito politico, ottenere l’annullamento della pena1.

  • 2 Sul consilium è obbligatorio il richiamo a G. Rossi, Consilium sapientis iudiciale. Studi e ricerch (...)

2Lo testimoniano, da un lato, gli esiti dei processi tenuti presso i tribunali presieduti dai magistrati forestieri che amministravano la giustizia contro i nemici politici (podestà e capitani del popolo), e, dall’altro, le risposte alle quaestiones disputate dai professori negli Studia. Questa concordanza della dottrina e della pratica non può stupire. Licenziati (doctores) e professori (professores) di diritto provenienti da Bologna e dalle altre università potevano essere chiamati a fornire pareri (consilia) nei tribunali comunali e condizionare in questo modo il risultato di un processo. Viceversa, le quaestiones che i professori discutevano tra di loro, o con i loro allievi, si cominciarono a sviluppare, a partire dall’ultimo trentennio del Duecento, sempre più spesso sulla base di fatti concreti o di tematiche dibattute in quegli stessi tribunali, per finire, una volta risolte, nelle raccolte e nei trattati che sono, in parte, giunte sino a noi2. A questa generale circolazione di argomenti e interessi, che, per così dire, creava il diritto attraverso una sedimentazione quotidiana, occorrerà rivolgersi per cercare le tracce delle molte opportunità di discolparsi che ebbero gli uomini accusati di crimini politici nel xiii secolo.

  • 3 Senza alcuna pretesa di esaustività, visto anche lo stato di avanzamento dei lavori su questo tema, (...)
  • 4 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato dalla battaglia di Benevento alla pace del cardinal L (...)

3I documenti relativi alle esclusioni politiche ebbero scarsa possibilità di conservarsi. Proprio perché risultato di azioni spesso perce-pite come carenti sotto il profilo della legittimità e non solo perché legati a contingenze transitorie, tali documenti nascevano già destinati ad essere distrutti, per buona pace di tutti, una volta sanato il conflitto che li aveva prodotti. Tenendo conto di ciò, apparirà più significativo il corpus di sentenze, consilia e quaestiones che si analizzerà nelle prossime pagine: un corpus essenzialmente bolognese, composto, in primo luogo, dalle poco più di duecento sentenze del tribunale del capitano del popolo di Bologna conservate per il periodo 1277-1300 in merito a delitti legati all’appartenenza alla fazione lambertazza, la locale parte ghibellina, in secondo luogo, dai circa cinquanta consilia prodotti nella stessa sede e negli stessi anni, e, in-fine, da un gruppetto di quaestiones relative ai lambertazzi bolognesi confluite nelle principali raccolte edite oggi disponibili. Ben più desolato appare infatti il panorama della giustizia contro i nemici interni fuori da Bologna: a titolo di confronto in questa sede si è tenuto conto, oltre che delle quaestiones relative a banditi politici rinvenibili nelle principali edizioni a stampa3, dei processi pratesi degli anni 1267-1280, di cui dà notizia un vecchio studio di Renato Piattoli4.

4Attraverso l’analisi di questo gruppo di testi, si cercherà di chia-rire l’atteggiamento dei giuristi del xiii secolo nei confronti degli autori di reati politici. Innanzitutto si analizzeranno le caratteristiche del bando politico nel periodo che va dalle più antiche tracce della persecuzione comunale dei nemici interni (seconda metà del secolo xii) alla vigilia delle grandi esclusioni tardoduecentesche (anni Cinquanta del Duecento). Si osserverà quindi il periodo delle grandi esclusioni (dagli anni Sessanta del Duecento alla fine del secolo), prima, dal punto di vista della pratica giudiziaria, poi, da quello della giurisprudenza. Infine, per mostrare la stretta connessione tra pratiche e teorie, si darà conto di un processo politico tenutosi nel 1294 a Bologna dinnanzi ad Alberto Gandino, allora giudice presso la curia del capitano del popolo.

Il bando politico prima delle grandi esclusioni

  • 5 P. Costa, Civitas. Storia della cittadinanza in Europa. 1. Dalla civiltà comunale al Settecento, Ro (...)
  • 6 Nelle fonti statutarie della metà del xii secolo come il Breve dei consoli genovesi, la pena dell’e (...)

5La durata dell’esclusione fu un problema centrale per la prima giustizia comunale. Proprio sulla durata si fondava la differenza tra una giustizia, per così dire, normale, e una giustizia politica. Nelle più antiche fonti normative e giurisprudenziali di ambiente comunale giunte sino a noi, risalenti alla metà del secolo xii, è possibile distinguere due sfere: quella degli atti riparabili, regolati da sistemi di compensazione tendenti a ristabilire la pace violata; e quella degli atti irreparabili, identificati nelle azioni contro la pace e contro i sistemi per ristabilirla. L’esclusione dalla civitas – nel doppio significato di città e di diritto di cittadinanza5 – definita come bannum, bando, dalla fine del xii secolo6, comportante la perdita dei diritti di residenza e di protezione giuridica della persona e dei suoi beni, era presente nelle due sfere, ma con caratteristiche e funzioni differenti. Nella sfera del riparabile essa rimaneva provvisoria poiché serviva a costringere a restaurare la pace chi non intendeva farlo. Nella sfera dell’irreparabile l’esclusione era affermata come definitiva e assume-va il valore di una punizione.

  • 7 Codice Diplomatico della Repubblica di Genova dal DCCCCLVIII al MCLXIII, I, ed. C. Imperiale di San (...)
  • 8 Quintodecimo kalendas iunii, indictione xii [= 18 maggio 1149]. Nos, inquam Bononiensis populus, pr (...)
  • 9 G. Milani, Prime note su disciplina e pratica del bando a Bologna attorno alla metà del xiii secolo(...)

6Per questa ragione il riferimento alla perpetuità nelle più antiche condanne comunali che possediamo costituisce un indice sicuro della natura politica del delitto sanzionato. A Genova nel 1139 i con-soli stabilirono che i falsificatori della moneta sarebbero stati puniti con l’amputazione della mano, la confisca dei beni e l’esilio perpetuo7. Dieci anni più tardi a Bologna l’assemblea plenaria di tutti i cittadini decretò di punire con l’esclusione perpetua e la confisca dei beni Grassus de Randuino, autore di un omicidio occultus, cioè perpetrato al di fuori del sistema della faida, e, per questo, definito nei termini di uno scandalo (scelus)8. Falsificazione e omicidio occulto – ci si ritornerà – erano percepite come azioni politiche poiché minacciavano il monopolio della monetazione e della violenza che il comune cercava di rivendicare a sé. Non sorprende trovarli definiti quali delitti particolarmente gravi. Anche nel secolo successivo saranno esclusi dalle periodiche amnistie decretate dal comune9.

  • 10 Statuti pistoiesi del secolo xii, ed. N. Rauty, Pistoia, 1996, p . 163: Si cognovero aliquem civem (...)

7Nello stesso tempo il governo consolare rivendicava a sé il monopolio della giurisdizione. Anche chi metteva in dubbio il potere comunale di risolvere le dispute attraverso il processo, l’arbitrato, la mediazione, era escluso da quella protezione che il comune, attraverso quegli stessi strumenti, affermava di poter garantire. In questo senso anche chi si sottraeva alla giustizia non rispondendo alla citazione e non presentandosi in tribunale compiva un reato politico, che tuttavia, a differenza delle azioni appena osservate, poteva esse-re riparato attraverso l’accordo con la parte offesa, il pagamento dell’eventuale debito, la stipula della pace. L’esclusione sancita dal tribunale era a questo punto revocata. Lo testimonia il più antico statuto di Pistoia dove l’esclusione è prevista per gli omicidi, ma con un’importante specificazione: da essa sono esenti coloro che hanno fatto pace con la famiglia dell’offeso. Il console si impegna a esiliare dalla città e dai borghi chiunque uccida intenzionalmente un suo concittadino, «a meno che non abbia fatto pace con colui con il quale è in lite»10.

  • 11 Secondo un’altra rubrica dello stesso statuto pistoiese, chi avesse rotto un accordo di conciliazio (...)
  • 12 E. Cortese, Legisti, canonisti e feudisti: la formazione di un ceto medievale, in Università e soci (...)
  • 13 Questo elemento ha condizionato le ricerche sul bando, facendo attardare per molto tempo gli studio (...)

8L’esclusione costituiva dunque il principale meccanismo previsto dai legislatori comunali del xii secolo per mantenere, tra i cittadini in conflitto, un accordo garantito dal comune e dal suo tribunale11. Di fronte ad azioni che lo infrangevano definitivamente, essa agiva come una pena; di fronte ad atti che lo infrangevano provvisoriamente, costituiva una misura coercitiva. Non sorprende che i grandi giuristi vissuti in quest’epoca la vollero includere tra gli oggetti delle proprie riflessioni. Com’è noto essi produssero, in misura superiore rispetto ai propri predecessori, materiali destinati alla prassi forense12. Per questo, nonostante non fossero previste dal diritto romano13, gli esperti di diritto non nutrirono dubbi riguardo alla legittimità delle due forme dell’esclusione comunale, le giustificarono in vari modi, giungendo, verso il primo quarto del xiii, in concomitanza con una parallela evoluzione visibile negli statuti, a definirle in maniera coerente e destinata a durare.

  • 14 Pillio trattò il punto in una rubrica del suo Libellus de preparatoriis litium et earum preambulis: (...)

9Relativamente semplice appare la giustificazione della pratica di escludere chi non si presentava in giudizio. Pillio da Medicina, ponendosi, poco prima del 1170, il problema della sorte dei contumaci, invocò il ricorso all’esclusione provvisoria così come era stabilita dagli statuti e dalle consuetudini delle varie città14. Più complessa doveva risultare per i giuristi la legittimazione dell’esclusione perpetua in seguito all’accertamento di particolari delitti. Accettare questa pratica significava attribuire al comune la facoltà di punire mediante uno strumento che spettava, almeno in teoria, al solo imperatore. Ma anche su questo punto i giuristi non manifestarono un atteggiamento pregiudizialmente contrario all’esercizio della giurisdizione comunale, anzi.

  • 15 La quaestio, che la Belloni, Le questioni civilistiche del secolo xii... cit. n. 3, p . 90, definis (...)
  • 16 La tradizione è analizzata in D. Cavalca, Il bando nella dottrina e nella pratica..., p . 79 es.

10Verso la fine del secolo xii, in una quaestio si affrontò un caso destinato a divenire scolastico: un cittadino, per aver perpetrato un delitto – non, dunque, per non essersi presentato in tribunale – è escluso dalla sua città. I suoi crediti vengono sequestrati dal comune che li riscuote dai vari debitori. Ma il cittadino rientra, grazie agli uffici di un nuovo imperatore. Intendendo riacquisire i suoi crediti, ne chiede conto ai debitori che – sostiene – non sono stati liberati dal pagamento al comune15. Due appaiono i punti interessanti del discorso. In primo luogo, per definire quell’esclusione perpetua comminata per particolari delicta che il breve dei consoli genovesi chiamava exilium, si usarono due termini derivati dal diritto romano: deportatio e relegatio, dati, implicitamente, come interscambiabili perché congiunti dalla particella vel. Si trattava delle due pene di allontanamento menzionate nel Corpus iuris civilis, che, sulla scorta di una precedente tradizione16, consentirono di ridefinire in termini romanistici la pratica del bando comunale coeva. In secondo luogo, nella discussione, si affermò che il podestà, cioè il supremo giudice del comune, poteva emettere sentenze di deportatio, cioè di esclusione, in deroga al diritto comune, risolvendo in questo modo con il valore della consuetudine il potenziale problema dell’illegittimità della giustizia cittadina.

  • 17 Belloni, Le questioni civilistiche del secolo xii... cit. n.3, p . 92: Cum quidam a preside Prouinc (...)
  • 18 E. Cortese, Il diritto nella storia medievale... cit. n. 2, p . 177, n. 76. La costituzione, conser (...)

11La quaestio è conservata dalla raccolta di Azzone. Forse essa fu originariamente ideata dal suo maestro, Giovanni Bassiano. Un ramo della tradizione manoscritta ne offre una variante in cui, secondo alcuni interpreti, si ravviserebbe meglio la mano dell’allievo17. In questa diversa formulazione, per descrivere l’esclusione originata da un delitto, si utilizzò il solo termine deportatio, più pertinente, poiché designava la pena più grave, quella che comportava la definitiva perdita dei beni e dei diritti. Certamente Azzone, infine, a cui si deve la soluzione giunta fino a noi, sostenne che il diritto a emanare sentenze di deportatio derivava da un privilegio imperiale. Ennio Corte-se ha ipotizzato che con questo accenno il giurista abbia voluto riferirsi alla pace di Costanza con cui Federico I aveva concesso ai comuni le regalìe. L’ipotesi troverebbe una conferma nella legge Quae sint regalia promulgata a Roncaglia, nella quale, tra i vari diritti di spettanza imperiale, trova posto anche quello di sequestrare i beni dei proscripti, cioè, con ogni probabilità, proprio dei banditi18.

  • 19 Accursi Florentini glossa ad Institutiones Iustiniani imperatoris (Liber I), ed. P. Torelli, Bologn (...)
  • 20 In un intervento ancora inedito, tenuto nel giugno 1998 presso il Circolo Medievistico Romano, Sara (...)

12Solo con l’allievo di Azzone, Accursio, i due tipi di esclusione comunale trovarono finalmente definizioni coerenti e coordinate in un sistema elementare. In una glossa alle Institutiones, Accursio si pose il problema di quale istituto del diritto romano potesse essere utilizzato per disciplinare la condizione giuridica dei banditi e lo rinvenne nella deportatio, nel caso in cui la pena prevedesse il sequestro dei beni e la perdita della cittadinanza (misure intese evidentemente come definitive) e nella relegatio negli altri casi19. Nello stesso periodo in cui viveva Accursio anche negli statuti comunali l’antica distinzione tra un’esclusione perpetua, già definita exilium, e una provvisoria andava stabilizzandosi formalmente attraverso il doppio uso del termine bannum per designare, quando accompagnato dall’aggettivo perpetuale, la pena dell’esclusione comportante tra l’altro la perdita definitiva dei beni, quando privo dell’aggettivo, gli altri sistemi di pressione contro i contumaci, comportanti la perdita provvisoria di alcuni diritti. È probabile che Accursio abbia voluto sistemare la risalente tradizione di equiparazione degli istituti comunali alle misure romane per dar conto della coerenza raggiunta dai legislatori cittadini20.

13L’evoluzione dottrinale così delineabile costituisce un aspetto particolare di ciò che Ennio Cortese ha definito il generale «progetto di rinvenire in Giustiniano una sapientia autosufficente: una sapientia civilis particolarmente adatta al mondo italiano comunale». Tale progetto, osserva ancora Cortese, si accompagnò presto alla pretesa che la nuova filosofia civile «spiegasse l’intera trama dei rapporti umani e fosse quindi suo compito orientare almeno i diritti che si dimostravano più vitali nella prassi», in particolare, per quello che qui interessa, il diritto statutario. Si apriva in tal modo ai giuristi una nuova possibilità, quella di affrontare (ed eventualmente legittimare) non solo istituti come il bando dei contumaci e quello dei criminali, che costituivano consuetudini tradizionali e indiscusse delle città in cui vivevano, ma anche decreti di tipo nuovo, deliberati nei consigli comunali e solennizzati, come ius proprium, mediante il loro inserimento nei brevi e negli statuti. Tra questo genere di leggi comparvero presto i bandi politici.

14Mentre tre generazioni di giuristi inglobavano l’esclusione comunale nel diritto comune, infatti, l’esclusione cominciò a essere usata per scopi nuovi. Risalgono all’epoca dei conflitti tra i comuni e Federico Barbarossa le prime tracce di provvedimenti di esclusione emanati contro individui e gruppi che, pur non avendo compiuto i delitti passibili di exilium secondo la normativa consolare, si erano allontanati dalla città aderendo all’esercito imperiale. Attraverso il progressivo chiarimento delle capacità politiche dei comuni che operò la Lega lombarda, i comuni giunsero a immaginare un nuovo reato, la proditio e a punirlo con l’esclusione perpetua.

  • 21 Il giuramento è pubblicato in A. Solmi, Le leggi più antiche del comune di Piacenza, in Archivio st (...)
  • 22 Nel trattato del 24 ottobre del 1169 la Lega aveva compiuto un ulteriore passaggio dichiarando che (...)
  • 23 A. Solmi, Le leggi più antiche..., p . 67: Et omnes fructus redditusque possessionum illorum qui cu (...)

15Il breve di Piacenza testimonia come già nel 1167 i consoli cittadini si impegnarono a sequestrare a nome del comune tutti i redditi in natura e in denaro ricavabili dai possessi di «coloro che erano usciti da Piacenza e che appartenevano alla parte dell’imperatore», e a non riedificarne i beni danneggiati, fatto salvo – e si tratta di una specificazione interessante se si considera la coeva questione sollevata da Azzone – per ciò che riguardava gli eventuali diritti e crediti vantati nei confronti degli usciti21. L’impegno al sequestro fu rinnovato dai consoli del 1170 con alcuni piccoli aggiornamenti che risentivano dell’influenza di alcuni patti stretti dalla Lega: il sequestro dei beni fu esteso anche a coloro che avevano contatti con l’imperatore o i suoi legati, così come era stato stabilito dal patto del 24 ottobre 116922. Saltò invece l’impegno a mantenere le devastazioni, sostituito da un’allusione a eventuali frodi (forse nella distruzione, forse nell’assegnazione del materiale ricavato) che il console si impegnava a scongiurare23.

16La pratica testimoniata dal breve piacentino era politica in un senso nuovo. L’esclusione di chi non si presentava in tribunale e quella di chi compiva delitti contro la capacità dei consoli di fare giustizia e di battere moneta colpivano crimini contro la città. Erano volte cioè a proteggere la capacità comunale di svolgere alcune funzioni politiche. La ritorsione contro chi usciva dalla città e si schierava con l’imperatore colpiva un crimine contro il regime ed era volta a proteggere la scelta di una linea politica e di un circuito di alleanze compiuta dal governo. Si trattava di un fenomeno destinato a sopravvivere e ad ampliarsi ben oltre la stagione dei conflitti con il Barbarossa. Negli anni successivi alla morte di Enrico vi ripresero i conflitti interni ed esterni alle città. Nel corso di questi conflitti si moltiplicarono le occasioni di tradire il proprio comune schierandosi con gli avversari e, per questo, di subìre l’esclusione. Sulla base di questi scontri, nel primo Duecento si crearono i fronti destinati a tradursi, nell’epoca di Federico II, nella pars imperii e nella pars ecclesiae, che condussero, negli anni Trenta e Quaranta dello stesso secolo a una nuova, più consistente, ondata di esclusioni di parte.

17A differenza di quanto avevano fatto i loro predecessori e maestri con l’esclusione dei contumaci e dei criminali, i giuristi della metà del Duecento non sostennero con i loro argomenti le nuove esclusioni dei nemici. Lo mostra per esempio una quaestio conserva-ta nella raccolta di Alberto Gandino che, ai nostri fini, presenta il vantaggio di riportare – oltre all’opinione del più tardo Guido da Suzzara – il parere di Odofredo e di Alberto Papiense, maestri vissuti a ridosso dell’età di Federico II.

  • 24 Albertus de Gandino, Quaestiones statutorum... cit. n. 3, p . 166-167: Sed pone questionem de facto (...)

18Il casus della ventiquattresima delle Quaestiones statutorum è molto simile a quello che aveva proposto Azzone: alcuni cittadini sono stati esclusi e il podestà gli ha sequestrato i crediti. I debitori degli esclusi hanno saldato i loro conti con il comune, ma quando i banditi sono riammessi in città questi pretendono ugualmente il pagamento. È tuttavia il contesto giuridico-politico a essere cambiato: gli esclusi sono qui presentati come quidam de parte ecclesiae che exiverunt civitatem propter timorem imperatoris. Insieme al tipo di esclusione cambia anche il parere dei dottori. Nonostante – ci si ritornerà – fossero molti gli argomenti a favore della tesi secondo cui gli esclusi riammessi non potevano agire perché i debiti erano stati già pagati al comune, Odofredo e Alberto Papiense risolsero la questione in loro favore, invalidando il sequestro decretato dal podestà e con ciò, di fatto, delegittimando l’esclusione comunale della parte nemica24.

  • 25 Liber juris civilis Urbis Veronae, ed. B. Campagnola, Verona, 1728, p . 17.

19Sin dalla loro comparsa nell’età di Federico Barbarossa i bandi dei nemici fuoriusciti erano stati assimilati all’esclusione dei colpevoli di reati gravi, e, dunque, qualificati come perpetui. In realtà, come molte delle condanne giudiziarie all’esclusione perpetua, ebbero durata limitata. Questo elemento produsse importanti riflessi sulla conservazione della documentazione. Sappiamo qualcosa sul più lungo bando collettivo del principio del Duecento, l’esclusione dei Monticoli veronesi, che durò dal 1207 fino al 1213, perché negli statuti del 1228 sono conservate alcune deliberazioni in merito alla pace e ai problemi derivati dal rientro dei banditi25. Anche nella quaestio appena esaminata, che può essere datata ai decenni centrali del Duecento, il casus trae spunto da un rientro. Nell’ultimo quarto del secolo xiii, quando l’esclusione dei nemici si fece sistematica, l’effettiva provvisorietà dell’esclusione perpetua non venne meno, e anzi, ad essa, diedero un contributo importante, mantenendo un atteggiamento simile a quello che avevano avuto i loro maestri Odofredo e Alberto Papiense, gli stessi giuristi.

La giustizia dell’esclusione alla fine del Duecento

  • 26 A Verona, per esempio, nel 1239 furono banditi insieme ai conti di San Bonifacio più di novanta mas (...)

20Colpire a posteriori, senza alcuna forma di processo, i gruppi di persone che si erano allontanati dalla città nel corso di un conflitto civile per esprimere il loro rifiuto a farsi governare da avversari politici fu una pratica sempre più frequente nel corso del Duecento. Prima del xiii secolo i bandi collettivi dei fuoriusciti erano stati rarissimi e si erano limitati ai simpatizzanti di Federico I. A metà del Duecento costituivano già una realtà più abituale. Fu tuttavia solo con l’arrivo di Carlo I d’Angiò che assunsero larga diffusione e una forma precisa. Se verso il 1240 i bandi erano stati emanati in un numero limitato di città e riguardavano ancora gruppi di centinaia di persone, trent’anni dopo, la loro presenza si poteva constatare in un numero di comuni notevolmente maggiore, e in alcuni di questi concernevano migliaia di cittadini ai quali si aggiungevano altrettante condanne al confino di persone identificate come favoreggiatori26. Come si arrivò a questo nuovo assetto, e quali caratteristiche ebbe un esclusione così imponente? Osserviamo più da vicino i due casi più testimoniati: Bologna e Prato.

  • 27 Per una visione d’insieme di questa fase occorre fare ancora riferimento a E. Jordan, Les origines (...)
  • 28 Le lettere sono consultabili, per la Toscana, mediante il Codice diplomatico delle relazioni di Car (...)

21A partire della vittoria di Benevento del 1266 Carlo I cercò di mettere in atto nelle città dell’Italia centro-settentrionale un programma politico volto all’affermazione della propria egemonia e all’eliminazione degli avversari. A questo fine prese contatto con le strutture locali che prima della sua venuta avevano sostenuto una linea politica antiimperiale e filopontificia. In Toscana, favorì lo sviluppo delle parti guelfe che dal 1260 avevano subìto l’egemonia dei ghibellini, in Emilia, delle società che avevano sostenuto la crociata contro Ezzelino e Oberto Pallavicino. A Milano sostenne lo schieramento torriano contro quello visconteo, a Brescia giunse a inventa-re, pressoché dal nulla, una pars ecclesiae che lo sostenesse27. In molti luoghi riuscì a stabilire una vera e propria signoria attraverso trattati che gli concedevano il potere di nominare il podestà, in altri l’influenza fu più indiretta. Ovunque, però, si intensificò l’esclusione dei nemici. Le lettere della diplomazia angioina testimoniano una specifica attenzione del re di Sicilia che cercò di annullare la politica di pacificazione sostenuta dai pontefici negli anni immediatamente precedenti28 e che, attraverso una rete di funzionari di sua fiducia, prima francesi, poi italiani, cercò di impiantare un sistema dell’esclusione fondato sul bando, su varie categorie di confino, distinte in base alla distanza dei luoghi di soggiorno obbligato dalla città, e sostenuto dalla scrittura di elenchi di banditi e confinati.

  • 29 Cfr. anche v. Mazzoni, Note sulla confisca dei beni dei ghibellini a Firenze nel 1267 e sul ruolo d (...)
  • 30 G. Milani, Dalla ritorsione al controllo. Elaborazione e applicazione del programma antighibellino (...)
  • 31 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato... cit. n. 4, I, p . 202. Cfr. anche S. Raveggi, Prot (...)
  • 32 M. Campanelli, Quel che la filologia può dire alla storia. Vicende di manoscritti e testi antighibe (...)
  • 33 ASBo, Elenchi, vol.iv, c. 1.
  • 34 ASBo, Elenchi, vol.III, reg. 2, c. 59.
  • 35 G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 249-260.

22Il programma trovò risposte diverse nelle varie regioni e città. Laddove, come a Prato e nel resto della Toscana, i guelfi avevano subito un bando, l’esclusione dei ghibellini assunse la forma di una sorta di risarcimento economico (mediante la redistribuzione ai guelfi colpiti di una parte dei beni dei nuovi banditi) e politico (con la istituzionalizzazione delle magistrature della parte), e fu amministrata soprattutto dagli ex-fuoriusciti29. Laddove invece, come a Bologna, non vi erano state esclusioni precedenti, l’aspetto del risarcimento fu meno presente, si provvide a una distribuzione dei beni più allargata, e la gestione dell’esclusione fu affidata al «popolo», che negli anni precedenti aveva raggiunto una sostanziale egemonia sulle istituzioni del comune30. Ovunque si decise di istituire nuove commissioni speciali a cui fu dato il potere di censire i ghibellini e collocarli nelle varie condizioni penali del bando e del confino. A Prato furono creati gli otto capitani della guerra dotati di un arbitrio super guerram et offensione ac defensione31. Il fatto che, negli stessi anni, a Firenze una magistratura analoga, i dodici boni viri super bono statu et custodia civitatis et super violentis reprimendis deputati fosse incaricata, assieme a una balìa di due uomini per sestiere, di individuare i ghibellini e assegnare loro le condizioni penali, porta a credere che anche agli otto di Prato si conferì questo incarico32. Anche a Bologna se ne occuparono collegi straordinari: dapprima un comitato più largo, composto da cento sapientes33, poi un’istituzione di cui ci sfugge il profilo e l’estensione, ma in cui ebbe un ruolo note-vole il preconsole della società dei notai Rolandino Passageri34. Il lavoro così condotto portò, nel giro di qualche anno dai primi bandi, alla redazione di grandi elenchi. Non abbiamo dati numerici su Prato, ma a Bologna l’esclusione della pars ghibellina dei lambertazzi riguardò, come mostra il più antico libro di condanne conservato, quello scritto nel 1277, più di millecinquecento banditi e duemilacinquecento confinati35.

  • 36 Per un esempio, l’unica condanna riportata nel più antico registro giudiziario che contiene process (...)

23L’incarico di amministrare simili quantità di condannati non fu affidato a tribunali speciali, ma alle curie già presenti in città, presiedute da magistrati forestieri destinati a cambiare periodicamente. A Prato, almeno dal 1267, esercitò questo ufficio un giudice del podestà. A Bologna sin dal 1275, un giudice del capitano del popolo. Il tribunale, dunque, non fu utilizzato per mettere i nemici nelle condizioni penali di banditi e confinati – a questa operazione provvidero come si è visto le commissioni speciali che scrissero gli elenchi – ma per mantenerceli. I processi furono condotti per colpire quanti si erano allontanati dai luoghi di soggiorno obbligato o quanti, pur essendo stati banditi, erano stati visti in città, o ancora chi era stato accusato di essere un simpatizzante della parte esclusa eppure non era stato sottoposto ad alcuna restrizione. Ma anche in quest’ultimo caso, come mostrano i registri giudiziari bolognesi, il giudice forestiero che giudicava colpevoli gli accusati non si occupava di punirli con il bando o con il confino, lasciando questo lavoro alle commissioni speciali composte da cittadini bolognesi, ma solo di far loro pagare la multa prevista dagli statuti36. Nel contesto della repressione dei nemici politici la giustizia vera e propria ebbe dunque una funzione accessoria.

  • 37 Faccio uso in questa sede dei modelli desunti da M. Damaska, I volti della giustizia e del potere, (...)
  • 38 M. Vallerani, Il potere inquisitorio del podestà. Limiti e definizioni nella prassi bolognese di fi (...)
  • 39 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato... cit. n. 4, iv, p . 232-233.
  • 40 Ivi, p . 233-240.

24Tale funzione, inoltre, fu svolta da istituzioni non fatte per perseguire lo scopo politico di promuovere una ritorsione, ma pensate per mediare le controversie tra i cittadini37. È stato ribadito anche recentemente da Massimo Vallerani, a cui si deve questa nuova immagine della giustizia cittadina duecentesca, come «i governi comunali avevano conferito al sistema giudiziario una funzione eminentemente amministrativa, priva di quella specifica valenza ideologica richiesta dalla materia fidei dei processi ereticali, ma inutilizzabile nei conflitti interpersonali urbani»38. La giurisdizione sui nemici politici – con i limiti funzionali che gli erano stati attribuiti nel sistema dell’esclusione guelfo-angioino che emetteva condanne mediante strumenti extra-processuali – non snaturò questa caratteristica dei tribunali comunali, ma, semmai, ne fu essa stessa condizionata. A Prato sin dal 1270 si introdusse nel giuramento del podestà l’impegno a proclamare entro un mese dal suo insediamento il divieto di residenza, in città e nel contado, per i ghibellini banditi e per le loro famiglie, pena l’arresto perpetuo nelle carceri comunali. Ai cittadini fu vietato di ospitare ghibellini pena cinquanta lire e la distruzione della casa in cui il bandito fosse stato nascosto39. Ma nel 1271, quando Berardaccio di Rustichello accusò due cittadini di aver ospitato e nutrito Mazzeo di Castelnuovo, bandito ghibellino, gli accusati si presentarono, negarono l’accusa e il denunciatore fu costretto a pagare quanto era stato stabilito al momento della presentazione del libello40.

  • 41 ASBo, Giudici, reg. 3, c. 8: Item quod aliqua persona non teneat in eius domibus, curiis vel curtil (...)
  • 42 ASBo, Giudici, reg. 99, c. 22-24.
  • 43 M. Vallerani, I fatti nella logica del processo medievale. Note introduttive, in Quaderni storici, (...)

25A Bologna le accuse ai favoreggiatori dei lambertazzi furono sin dal 1275 incentivate attraverso l’estensione a tutti della possibilità di accusare e la promessa di premi pecuniari41. Ma tali incentivi si dovettero scontrare con le ampie possibilità offerte dal sistema agli accusati. Per citare un solo caso, esemplare nella sua tipicità, nel 1287, Francesco di Ventura accusò il suo collega Nicolò di Bertolino Toschi di essere un lambertazzo, il cui nome era scritto negli elenchi di confinati, e ne chiese pertanto la cancellazione dalla matricola della società dei sarti. Citato, Nicolò si presentò, negò l’accusa, pagò la cauzione prevista, contrappose la sua documentazione e i suoi testimoni a quella e a quelli del suo accusatore. Dopo una serie incrociata di obiezioni tra le parti il giudice sottopose il caso al parere di due sapientes che, sulla base degli atti, dichiararono l’accusa non sufficientemente provata. Il giudice ne prese atto e assolse l’accusato42. Lungi dall’apparire come trappole allestite dal potere per inchiodare gli accusati, i processi politici duecenteschi si rivelano, allo stesso modo di quelli che nella stessa epoca vengono condotti per reati comuni secondo il sistema accusatorio, come luoghi in cui «la verità del fatto non è una verità teorica assoluta, ma una verità pratica e relativa da ricercare attraverso procedimenti dialettici con un confronto ragionato di ipotesi discordanti»43.

26Nella persecuzione dei nemici si venne così a creare una tensione tra le esigenze del regime e caratteristiche strutturali del sistema giudiziario. Tale tensione era destinata a essere rivestita di significati politici dai gruppi che all’interno del comune andavano scontrandosi, portando avanti progetti alternativi. Perché se è vero che le grandi esclusioni avevano senz’altro ridotto la dialettica politica, esse non avevano lasciato una tabula rasa in cui i vincitori agivano indisturbati. Anche su questo le testimonianze bolognesi e pratesi sono concordi e lasciano scorgere almeno tre punti in cui la tensione politica sull’esclusione si venne a concentrare.

  • 44 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato... cit. n. 4, III, p . 231: Quod ipsi vel aliquis eor (...)
  • 45 ASBo, Giudici, reg.1, c.12: «Dominus Saxolinus (...) dicit quod tempore rumorum predictus Antonius (...)

27Il primo punto di tensione si scorge negli anni immediatamente successivi ai primi bandi e vede lo scontro tra il tentativo del regime di affermare la distinzione guelfi/ghibellini come unica ed esclusiva e le resistenze a questo tentativo. A Prato, come del resto a Firenze, il regime angioino promosse sin dal 1267 un censimento volto a distinguere, mediante grandi liste di nemici, il gruppo dei cives in due parti: i guelfi, dotati della pienezza dei diritti giudiziari e politici, e i ghibellini, destituibili dagli incarichi, maggiormente gravati in caso di condanna pecuniaria e soggetti a tassazioni speciali. Si trattava di una distinzione che estendeva il criterio dell’appartenenza alle fazioni dall’aristocrazia direttamente implicata negli scontri civili all’intera cittadinanza, cioè a quelle fasce di popolazione che non avevano partecipato alle lotte. Da questa porzione della società si manifestò un’opposizione al nuovo criterio di distinzione della cittadinanza, come mostra la difesa compiuta nel 1270 da un certo Rodolfo e dai suoi consorti contro l’accusa di ghibellinismo mossa da Ugolino Bisdomini. Gli accusati cercarono di provare mediante testimonianze «che essi non erano espressamente ghibellini e che non tenevano espressamente per alcuna parte»44. A Bologna, dove il censimento cominciò dal 1274, le testimonianze mostrano, negli accusati, una consapevolezza ancora maggiore di sottrarsi alla nuova logica esclusiva. Nel 1275, quando Guido di Iacopo di Fabbro presentò l’accusa di ghibellinismo contro Antonio Angelelli, volle sostenere che questi aveva partecipato agli scontri dell’anno precedente dalla parte dei lambertazzi. Un testimone della difesa, interrogato al proposito, affermò che Antonio e suo padre «erano uomini che non avevano alcuna intenzione di aiutare alcuna parte, se non quella di difendere il comune di Bologna»45. Alla semplice negazione dell’appartenenza faziosa, visibile a Prato, si aggiunge qui la rivendicazione di una fedeltà politica superiore, quella nei confronti del comune.

  • 46 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato... cit. n. 4, iv, p . 240.
  • 47 Ivi, p . 216.
  • 48 Sono dati rilevati in Campanelli, Quel che la filologia... cit. n. 32, p . 161-164, la cui ricostru (...)
  • 49 Ad esempio, nel quartiere bolognese di porta Procola, i lambertazzi censitinel 1277 furono 1044, qu (...)

28Il secondo punto di tensione si rinviene in merito al tipo di procedure richieste ai condannati che intendessero rientrare. Sin dall’inizio a Prato, Firenze e Bologna sono testimoniati rientri di banditi e confinati e, quindi, la necessità di aggiornare i libri di condannati esistenti. Sappiamo che a Prato uno statuto stabiliva l’obbligo per ogni podestà di produrre una lista di condannati aggiornata, e, anche se vi sono ragioni per credere che tale obbligo non fosse scrupolosamente rispettato, è certo che nel 1270 e nel 1280 furono effettivamente scritte nuove liste46. Il pratese Maccarone, confinato nel 1267, risulta libero da carichi penali nel 1270. Il dato lascia supporre, non tanto, come sembrò a Piattoli, che il confino fu sempre una pena transitoria, quanto che Maccarone, che era stato incluso nelle liste più antiche, oggi perdute, non lo fu più in quelle scritte nel 127047. Anche a Firenze si scrissero almeno due liste di confinati tra 1268 e 1269, come attestano con sicurezza gli elenchi copiati nel Libro del Chiodo. Da questi elenchi si ricava che, per esempio, nel sesto cittadino di Borgo, quattro cittadini che erano stati inclusi tra i confinati nel 1268 non lo furono nell’anno successivo (ma altri quattro si aggiunsero)48. Anche a Bologna, infine, i rientri sono testimoniati, per così dire, in negativo, dall’assenza, nelle liste successive, di alcuni nomi presenti nelle liste precedenti49.

  • 50 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato... cit. n. 4, II, p . 221-222; iv, p . 238-239.
  • 51 ASBo, Comune, governo, riformagioni e provvigioni. Riformagioni del consiglio del popolo, vol.I/1, (...)
  • 52 ASBo, Elenchi, vol.III, reg. 2, c. 77, contiene una correzione al Liber del 1277 relativa a un giur (...)
  • 53 Le liste dei giuramenti del 1280 sono conservate in ASBo, Elenchi, vol.4.
  • 54 Le norme relative ai rientri sono conservate in ASBo, Giudici, reg. 97.
  • 55 ASBo, Giudici, reg. 136, c. 101. Un cittadino accusato di essere lambertazzo si difese dimostrando (...)

29Vi erano però modi diversi di rientrare e su questi modi si sviluppò il dibattito. La strada principale era costituita dal giuramento della parte vincitrice: attraverso un atto formale il condannato poteva essere «approvato», cioè riconosciuto dalle massime gerarchie della pars al potere quale buon cittadino ubbidiente. A Prato questa pratica è testimoniata dal 1270 ma è certamente più risalente. Inoltre sappiamo che nello stesso anno il comune decretò che potessero essere considerati guelfi anche quanti avevano giurato la parte nel consiglio comunale e quanti avevano pagato le imposte dirette dal gennaio 126950. A Bologna, in virtù della maggiore documentazione, le tre pratiche che a Prato sono previste contemporaneamente appaiono scandite nel tempo. Il giuramento della parte è attestato dal marzo del 127751. Tra ottobre e dicembre 1279 inoltre i condannati lambertazzi che intendevano rientrare in possesso della pienezza dei loro diritti dovettero essere approvati dai loro vicini di parrocchia e, in seguito, prestare il giuramento di adesione alla parte geremea dinnanzi a Rolandino dei Passageri, capitano della parte geremea52. Nel corso del 1280 dopo che vi era stato un rientro e una nuova fuga di lambertazzi, i condannati iniziarono a giurare la parte non più presso le istituzioni della parte, ma nel consiglio del comune53. Nel 1287, quando una commissione formata da quaranta esperti emanò una serie di leggi volte a cancellare dagli elenchi quanti avevano giurato la parte, si provvide a specificare la situazione di chi aveva giurato nel consiglio e quella di chi lo aveva fatto fuori dal consiglio, stabilendo che questi ultimi avrebbero dovuto fornire prove sufficienti dell’avvenuto giuramento54. Ma già due anni dopo, come attestano i processi, era in vigore un nuovo criterio: alcuni lambertazzi accusati furono assolti dimostrando che avevano pagato le tasse e che erano stati iscritti all’estimo55. Nel corso dei primi quindici anni dell’esclusione il potere di revocare le condanne dei lambertazzi era dunque passato dai vertici della parte geremea ai «vicini», quindi ai cives che avevano accesso al consiglio del comune, per finire infine a quanti potessero dimostrare un principio generale: l’inserimento di fatto nella cittadinanza, attraverso l’iscrizione all’estimo. Dietro questa evoluzione non si cela tanto un processo naturale di decantazione della tensione politica, quanto la prevalenza di un gruppo, definibile come maggiormente filopopolare, che, all’interno del comune, combatteva per attenuare gli aspetti più duri dell’esclusione, per togliere potere alla parte geremea e per darlo alla cittadinanza meno coinvolta nella lotta di fazione.

  • 56 G. Milani, Dalla ritorsione al controllo... cit. n. 30, p . 49-53 e Idem, L’esclusione dal comune.. (...)
  • 57 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato... cit. n. 4, iv, p . 233-234.

30Un terzo punto di tensione riguardò infine la stessa amministrazione della giustizia contro i nemici politici. Scorrendo i processi bolognesi e le riformagioni che li regolavano emerge un contrasto tra un gruppo più radicale, intenzionato a stravolgere le normali regole del sistema giudiziario premiando gli accusatori e dando loro un credito privilegiato, e un gruppo più moderato, deciso a mantenere tali regole. Mi sono soffermato altrove sull’evoluzione delle norme sulle accuse ai lambertazzi, in questa sede sarà sufficiente ricordare come a Bologna le leggi più radicali siano giustificate invocando l’emergenza e il pericolo rappresentato dai lambertazzi, mentre quelle più moderate definiscano false le accuse che originano dalle leggi sull’emergenza e affermino la necessità di mantenere le garanzie ordinarie per gli accusati56. A Prato la stessa tensione sembra leggibile nello scontro tra chi intendeva assimilare i banditi politici a quelli per reati comuni e chi cercava di distinguerli57.

  • 58 Ivi, p . 234: «Sia per le precauzioni prese dai trasgressori dello statuto, sia per il desiderio de (...)
  • 59 G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 319.

31A Bologna come a Prato, ebbe dunque luogo un conflitto tra una corrente più radicale, rappresentata in primo luogo dalla pars vincitrice, e una più moderata. Tale conflitto riguardò, in un primo momento, la possibilità di affermare la distinzione guelfi e ghibellini come unica ed esclusiva, poi, le procedure di rientro, e, infine, le leggi sulle accuse ai nemici. Lo scontro condizionò gli esiti della nuova giustizia politica. Gli atti processuali pratesi meriterebbero una nuova analisi sistematica, ma per quanto se ne può dedurre da Piattoli, la maggior parte delle accuse ebbero un esito assolutorio58. A Bologna le cose sono più chiare. Nei registri giunti sino a noi è conserva-ta la traccia di 294 processi tenuti contro i lambertazzi tra 1277 e 1300. Ignoriamo il risultato di 91 di questi processi (circa il 30 % del totale) e abbiamo buone ragioni per credere che in molti di questi casi il procedimento fu interrotto senza alcun seguito cosa che certamente avvenne in altri 15 casi (poco più del 7 % dei processi di cui conosciamo l’esito). Quanto agli altri 188, 135 (più del 66 % dei processi la cui fine ci è nota) terminarono con l’assoluzione, 53 (il restante 26 %) in una condanna. La giustizia politica bolognese fu quindi caratterizzata da una netta tendenza all’assoluzione59. Se si considera poi che in molti casi, banditi e confinati accusati e assolti si servirono della propria assoluzione come di un precedente per uscire definitivamente dalla loro condizione, si comprende bene che questa giustizia, concepita per mantenere i condannati nella loro condizione ebbe il paradossale risultato di farceli uscire.

  • 60 Ivi, p . 305-306; 318-319.

32In 45 dei 203 processi di cui conosciamo l’esito, il giudice, su domanda della difesa, richiese il consilium di uno o più sapientes per formulare la sentenza. In questo modo molti illustri professori che insegnavano a Bologna alla fine del Duecento, appartenenti alla generazione di giuristi che le fonti definiscono doctores moderni, furono coinvolti nei procedimenti, in qualità di esperti capaci di orientarne il risultato. Quando questo ricorso al consilium ebbe luogo, la tendenza all’assoluzione – come si è visto, già forte – s’intensificò ulteriormente, raggiungendo in pratica la totalità dei casi60.

  • 61 S. Menzinger, Giuristi e politica... cit. n. 2, passim.
  • 62 G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 268-277.

33Si tratta di un dato significativo, che spinge a riconsiderare anche i tre punti di tensione precedentemente analizzati alla luce del ruolo che vi giocarono i sapientes iuris, che com’è noto, esprimevano il loro parere nei consigli ordinari e speciali oltre che nei tribunali61. Per fare un solo esempio, il principio secondo cui i lambertazzi potevano rientrare solo dimostrando di pagare le collette ed essere iscritti all’estimo si affermò proprio grazie all’intervento di alcuni sapientes62. Ora, se non può stupire il fatto che la giustizia politica comunale ebbe un carattere contingente, destinato ad attenuarsi progressivamente con l’appianarsi del conflitto che l’aveva generata, risulta più sorprendente che furono gli stessi giuristi a contribuire in modo determinante a questa attenuazione. Quali furono le loro ragioni?

Gli argomenti dei giuristi nel periodo delle grandi esclusioni

  • 63 Questa spiegazione ipotetica sfiora il problema della relazione tra bando politico e crimen lesae m (...)
  • 64 E. Cortese, Legisti, canonisti e feudisti... cit. n. 12, p . 248, n. 195, ha criticato la tesi seco (...)

34Non sembra, in primo luogo, soddisfacente l’idea secondo cui a spingere i giuristi duecenteschi verso un’attenuazione delle condanne dei nemici di «parte» fu la difficoltà di includere il bando politico nella cornice concettuale del diritto romano, la unica capace di conferire una legittimità formale sufficiente63. Ho già mostrato, servendomi delle considerazioni di Ennio Cortese, come sin dalla fine del xii secolo si fosse manifestata la volontà di ricondurre nel contesto della scienza romanistica istituti tipicamente comunali, assenti dal Corpus iuris civilis. Tanto più illegittimo suonerebbe accusare i giuristi di «limitazione culturale» quasi un secolo dopo, quando proprio dalla necessità di assimilare gli statuti alla consuetudine, prevista e riconosciuta dalle compilazioni giustinianee, si era diffusa la pratica delle quaestiones de facto su problemi statutari64. Tra questi problemi vi era il bando politico, e come problema, consapevolmente, fu affrontato. La già menzionata XXIV quaestio gandiniana relativa alla possibilità di rifarsi sui debitori per i banditi rientrati, che cita i pareri di Odofredo e Alberto Papiense, testimonia già l’esistenza di quaestiones classiche, condotte con allegationes tratte dal Corpus iuris civilis, che vertono proprio sui bandi della parte. Uno sguardo più ravvicinato a tali quaestiones mostra come, nel trattarle attorno agli anni Ottanta del Duecento, non si invochino più solo argomenti privatistici, ma quanto di più pubblico e politico era dato rinvenire nel Digesto.

  • 65 Albertus de Gandino, Quaestiones statutorum... cit. n.3, p . 167: Item isti qui aufugerunt delinque (...)
  • 66 D. 49.16.10: Qui excubias palatii deseruerit capite punitur.
  • 67 Come si ricava dal passo del Digesto appena citato, la pena prevista per la diserzione era quella c (...)

35Tra le ragioni che la quaestio XXIV elencava per sostenere che i fuoriusciti di parte della chiesa, una volta rientrati in città, non potevano agire contro i propri debitori che avevano pagato i loro debiti al comune, vi era il fatto che essi avevano compiuto una diserzione. Lasciando la propria patria, si spiegava, per il fatto stesso di averla abbandonata, essi hanno compiuto un delitto65. E per dimostrarlo si allegava un passo del Digesto in cui Paolo afferma che i soldati che abbandonano le stanze del palazzo vanno puniti con la pena capitale66. Non sappiamo con certezza quanto ci sia di originalmente gandiniano in questa quaestio. Il riferimento ai pareri di giuristi della generazione precedente lascerebbe però credere che si tratti di un caso tratto dall’esperienza della metà Duecento. L’accenno alla pars ecclesiae, il cui nome si diffonde attorno agli anni Quaranta per poi essere sostituito da declinazioni locali (prima fra tutte «parte guelfa», attorno agli anni Novanta), potrebbe confermarlo. Se una simile ipotesi fosse valida si spiegherebbe anche perché il centro dell’interesse sia sul ritorno dei banditi politici. Come accennato, i bandi dell’epoca delle guerre federiciane ebbero normalmente una durata piuttosto limitata e per questo fu particolarmente urgente trovare soluzioni al problema dei fuoriusciti rientrati. Tanto più significativo apparirebbe (sempre nel caso di una ripresa integrale da parte di Gandino di una questione emersa vent’anni prima della sua attività di giudice) il ricorso, in un periodo così risalente, a un argomento romanistico atto a difendere la facoltà del comune di comminare gravi pene ai rei di reati politici67.

  • 68 Albertus de Gandino, Quaestiones statutorum... cit. n. 3, p . 167-168: Sed pone questionem de facto (...)
  • 69 Ivi, p . 168: Solutio: dicit dominus Guido de Suzara quod si alie allegationes non ipsi iuvarent, p (...)

36La quaestio XXVI della stessa raccolta gandiniana propone un’altra situazione che complica leggermente il quadro: può un cittadino espulso per ragioni di parte, a cui sono stati sequestrati tutti i beni, essere citato nel tribunale di un’altra città da un suo creditore68? Un problema di questo genere si poteva verificare più facilmente in un’epoca più prossima a quella di Gandino, quando le esclusioni si prolungarono in durata e i fuoriusciti invece di compiere un rapido viaggio di ritorno, cominciarono a muoversi da un comune all’altro. Una prova più certa in tal senso è offerta dall’attribuzione della solutio a Guido da Suzzara (morto nel 1292 e operante nel trentennio precedente). Dopo aver esposto alcuni argomenti, contrari, secondo i quali il creditore non poteva citare il debitore bandito (chi è in fuga non ha domicilio; chi è in fuga non può stipulare contratti), e uno favorevole (chi non ha domicilio fisso può essere citato ovunque), tutti desunti dal Digesto, viene esposta la soluzione per la quale, sulla base del parere di Guido, si afferma che il creditore che intende riavere il suo denaro deve citare il comune che ha sequestrato i beni69. L’autorità invocata è quella della Lex iulia de vi publica che nel Digesto disciplina vari reati contro l’ordine pubblico (tra cui possesso illegittimo di armi, rapina, incendio, stupro, sequestro) punendoli con la deportatio, la pena romana che prevede l’esilio e il sequestro integrale dei beni, come si è visto, richiamata dai giuristi dei comuni per definire il bando sin dalla fine del xii secolo.

  • 70 U. Nicolini, Un consilium inedito di Guido da Suzzara e la lotta politica a Perugia al tempo di Cor (...)
  • 71 Ivi, p . 131-133.

37È interessante notare come lo stesso Guido, nel 1268, richiesto dal comune di Perugia di un consilium sulla pena da applicare contro alcuni perugini contumaci, accusati di aver fatto evadere sei cavalieri dell’esercito di Corradino di Svevia presi prigionieri, precisò che contro di loro non si poteva far ricorso ai testi giuridici proposti dal comune richiedente, e cioè alle leggi che disciplinavano negli statuti cittadini i crimini contra libertatem Ecclesiae, e la Lex iulia maiestatis, la legge imperiale che disciplinava i crimini contro il popolo romano e la sua sicurezza, ma a quella stessa Lex iulia de vi publica citata nella solutio appena descritta. Se si seguono le analisi compiute da Ugo Nicolini e più recentemente da Sara Menzinger70, Guido compì una precisa scelta interpretativa del crimine commesso dai perugini. Rifiutando le soluzioni che, come gli era stato riferito, erano state prospettate dal podestà del comune, Guido non qualificò la liberazione dei filoimperiali quale atto contrario alla parte della Chiesa (che in epoca di crociate antiimperiali definiva i nemici come attentatori alla propria libertas), e pertanto non giustificò il ricorso alle pene statutarie. E non volle nemmeno definirla come azione contro il governo, che avrebbe comportato una incerta equiparazione della maiestas del popolo romano a quella del comune di Perugia. Egli fornì un’interpretazione dell’atto quale generico crimine di violenza in quanto la liberazione dei prigionieri era avvenuta per vim armatam71. Definendo il bando dei quattro perugini come un bando pro maleficio, Guido lo liberò delle connotazioni politiche che il comune avrebbe voluto attribuirgli.

  • 72 La glossa è edita in P. Torelli, Sulle orme di Guido da Suzzara, in Scritti di storia del diritto i (...)
  • 73 v. S. Caprioli, La miscellanea romana dell’archivio di stato (Ms. 1004), in Studi sulle «quaestione (...)

38In questa scelta fu aiutato dall’ambiguità della situazione in merito alla quale era stato richiesto del parere. La liberazione dei filoimperiali, per quanto mossa da ragioni politiche, era pur sempre un crimine in sé, e come tale poteva essere trattata. Ma cosa pensava Guido da Suzzara dei banditi politici veri e propri? La soluzione alla XXIV delle Quaestiones statutorum gandiniane, analizzata poco sopra, fornisce un primo indizio del fatto che egli tendesse verso una lettura riduttiva del bando comminato ai nemici di parte, e che inquadrasse anche loro, come i quattro perugini, nel contesto della Lex iulia de vi publica, definendoli, di fatto, più perturbatori dell’ordine pubblico che ribelli veri e propri. Apparentemente in contrasto con questa interpretazione potrebbe apparire una glossa di Guido al Codice, in cui, commentando la Lex iulia maiestatis, affermava che il giudice che emette una sentenza per crimen maiestatis non ha bisogno di specificare che i beni del condannato debbano essere sequestrati poiché una tale sentenza implica che lo siano ipso iure e che, tra l’altro, il giudice potesse procedere senza che fosse stata mossa alcuna accusa72. Si potrebbe pensare che con questa specificazione egli intendesse costruire una tipologia di reato e di pena utile ai governi comunali che bandivano i nemici di parte. Ma una quaestio dello stesso Guido fuga ogni dubbio. Interrogandosi, stavolta a proposito della città di Pistoia, sul caso, già classico, in cui i fuoriusciti della parte esclusa, una volta rientrati, potessero convocare i debitori e riscuotere i loro crediti che questi avevano pagato al comune, egli tolse implicitamente ogni valore giuridico al sequestro messo in atto nel frattempo dal comune affermando che lo potevano fare, perché i debitori, pur avendo pagato i propri debiti al comune non erano stati affatto liberati73. In altre parole Guido da Suzzara sapeva benissimo che esisteva una categoria illustre di definizione della ribellione, il crimen maiestatis, ma non pensava che tale categoria fosse applicabile ai nemici fuoriusciti ed esclusi, a suo modo di vedere, vittime di un atto giuridicamente illegittimo.

  • 74 S. Menzinger di Preussenthal, La pena del bando..., p . 134.
  • 75 Iacobi de Arena, Tractatus de bannitis, in Praeclarissimum ac imprimis omnibus iurisperitis per nec (...)
  • 76 Iacobi de Arena, Tractatus de bannitis..., par. 1 e 2, citato in S. Menzinger di Preussenthal, La p (...)

39Va ricordato che, come ha messo in rilievo ancora una volta Sa-ra Menzinger, lo stesso Guido da Suzzara espresse una visione per alcuni versi riduttiva anche dei bandi non politici, quelli emessi dal comune contro i criminali comuni. In una glossa all’Authenticum sostenne che i beni dei banditi, anche per reati gravi, non dovevano considerarsi automaticamente sequestrati, e corresse in questo modo l’interpretazione che aveva dato Accursio con la sua equiparazione del bando alla deportazione, che in quanto tale, prevedeva il sequestro74. Dal trattato dei banditi di Iacopo dell’Arena, che visse qualche tempo dopo Guido ed ebbe con lui rapporti di discepolato, sappiamo che Guido si allineò all’opinione secondo cui il bandito poteva essere impunemente offeso75. Ma non sembra che egli avrebbe esteso questa opinione ai banditi politici per ragioni di parte. Nel consilium perugino nel quale aveva fatto ricorso alla Lex iulia de vi publica Guido non specificò affatto che i responsabili dell’evasione avrebbero potuti essere colpiti impunemente, e il suo inquadramento dei banditi politici nel contesto della stessa legge (che non prevedeva nulla al riguardo) lascia pensare che, secondo Guido, neanche per l’uccisione di questi ultimi si sarebbe potuta consentire l’impunità76.

  • 77 In altre parti, il trattato di Iacopo dell’Arena costituisce la prima grande revisione dell’equipar (...)
  • 78 Iacobi de Arena, Tractatus de bannitis..., par. 16.
  • 79 Albericus a Rosate, Commentarium de statutis ... cit. n. 3, f. 2v: An pars expulsa de civitate, sic (...)

40Del resto, la posizione di Guido da Suzzara nei confronti della possibilità di offendere i banditi criminali fu criticata da Iacopo dell’Arena. Nella parte del Tractatus de bannitis da lui scritto dedicata ai diritti del bandito egli fece leva sul fatto che tale posizione, largamente presente negli statuti e nelle sentenze comunali, non trovava alcun fondamento nella pena romana della deportatio, e affermò che si trattava di una interpretatio ambitiosa in quanto autorizzava a delinquere e privava gli uomini della vita77. Nello stesso senso giunse anche a prospettare la possibilità per il bandito criminale di difendersi in tribunale78. Non sappiamo con certezza se tale visione fosse, nell’opinione di Iacopo, automaticamente estendibile ai banditi politici, ma il carattere generale del Tractatus, che privilegia nettamente i diritti dei banditi rispetto alla possibilità del comune di colpirli, sembra far propendere per una risposta affermativa. Un’altra prova in tal senso è offerta da un passo del commento di Iacopo al Digesto, ripreso successivamente dal Commentarium de statutis di Alberico da Rosciate, in cui si affermava che le parti espulse dalla propria città avevano il diritto di compilare statuti e di eleggersi un podestà79. Interessante il fatto che questo diritto fosse suffragato da un’equiparazione delle partes addirittura alla plebe romana, che, compiendo la secessione dalla città e dal senato aveva promulgato i plebiscita. A rigore il dato non autorizza a concludere che, nella mente di Iacopo, i fuoriusciti non fossero perseguibili dalla città che li aveva banditi, ma è certo che siamo ben lontani da una concezione protesa a giustificare la loro repressione.

  • 80 M. Sbriccoli, «Vidi communiter observari». L’emersione d un ordine penale pubblico nelle città ital (...)
  • 81 Albertus de Gandino, Quaestiones statutorum... cit. n. 3, p . 167: Sed quid de questione que fuit P (...)
  • 82 Ivi, p . 167: Solutio: distingue, utrum per violentiam potestas extorserit redditus ab eis, aut iur (...)

41Non così Alberto Gandino. Se Iacopo dell’Arena, professore, for-se vittima egli stesso di un bando, aveva sciolto le ambiguità della definizione dei banditi (criminali e politici) data da Guido da Suzzara nella direzione di una tutela stretta dei loro diritti, Gandino, giudice forestiero presso i tribunali di governi che bandivano, procedette in senso contrario e privilegiò gli interessi del comune. Alla base di ciò vi era una concezione della «res publica civitatis in quanto soggetto portatore di interessi che possono essere penalmente lesi»80. Vale la pena, per il discorso che qui interessa, provare a valutare quale incidenza abbia avuto tale concezione sull’immagine dei reati politici. Rivelatrice è a questo proposito la XXV delle Quaestiones statutorum. La sostanza del caso è pressoché la stessa di tante altre questioni sin’ora passate in rassegna: alcuni milites di Parma, nel corso di una guerra con un’altra città, sono usciti e si sono schierati con l’esercito nemico. Il podestà ha riscosso le rendite dai loro fittavoli. Una volta fatta la pace hanno essi diritto di reclamare le rendite incassate dal comune81? Dopo essersi sbrigato rapidamente delle allegationes, per le quali rimandava alla già analizzata quaestio XXIV, risolta secondo il parere di Odofredo, Alberto Papiense e Guido da Suzzara in favore dei banditi rientrati, Alberto offrì una soluzione che presentava maggiore originalità, specificando che occorreva distinguere due possibilità. Il podestà poteva aver estorto gli affitti per violentiam, nel qual caso i fittavoli avevano tutto il diritto di non pagare due volte e anzi di intentare causa per iniuriam al podestà. Ma se il podestà lo aveva fatto iure magistratus, e cioè, specificava Alberto, con l’autorità di una norma statutaria che lo aveva investito del potere di sequestrare oppure perché i milites erano stati citati e non avevano risposto alla citazione, allora i fittavoli sarebbero stati liberati dal proprio debito e i milites rientrati non avrebbero potuto rivalersi su di loro82. In aperto contrasto con la soluzione presentata nella quaestio XXIV (che tuttavia a questo punto, con un rimando, Gandino affermava di poter risolvere anche in questo modo) si legittimò quindi il diritto del comune a sequestrare i beni dei banditi politici in virtù non solo della contumacia, che rimandava a una consuetudine antica e consolidata, ma anche di una deliberazione, purché dotata del valore di statuto. Si tratta, a quanto ne so, della prima aperta difesa degli interessi del comune contro i banditi politici.

  • 83 Ivi, p . 183: Sed numquid bampnum perpetuale possit dari alicui secundum consuetudinem Longobardoru (...)

42Il sequestro dei beni non fu l’unico argomento sul quale Gandino assunse questo atteggiamento. Nella quaestio LVIII affronta il problema della possibilità di infliggere le condanne al bando perpetuo secondo la consuetudine della Lombardia, cioè in assenza dell’accusato83. Tralasciando quasi la presentazione degli argomenti, si dichiarò subito favorevole allegando tre elementi di prova: un passo del Digesto che stabiliva, per il giudice, la possibilità di proteggere la propria iurisdictio anche mediante un giudizio penale; l’autorità di Accursio, che aveva affermato che la sentenza in assenza, senza litis contestatio, poteva essere emanata usque ad relegationem, e, in conclusione, l’equiparazione della contumacia con la ribellione, espressa dalla frase: Et hoc bampnum loco rebellionis succedit («e questo bando [il bando perpetuo] prende il posto di una ribellione»). Il passo non è chiaro, dal momento che si pongono sullo stesso piano, con uno scarto logico, la pena e il reato per la quale la pena viene inferta, ma appare evidente che Alberto colloca qui il bando perpetuo delle consuetudini statutarie in quell’area dalla quale Guido da Suzzara aveva inteso separarlo, quella della ribellione al potere. Potenzialmente, ogni comportamento che determina il bando perpetuo viene a configurarsi come atto di ribellione, dalla stessa contumacia degli accusati di gravi reati, alla fuga dei nemici sconfitti.

  • 84 Albertus de Gandino, Tractatus de maleficiis, in H. Kantorowicz, Albertus Gandinus und das Strafrec (...)
  • 85 Ivi, p . 129-130, Quid agendum sit reo absente et contumace: Sed hodie de consuetudine generali non (...)
  • 86 Albertus de Gandino, Quaestiones statutorum... cit. n. 3, p . 183: Sed pone quaestionem. Aliquis re (...)
  • 87 Per esempio ivi, p . 209, in una quaestio relativa a un omicidio.
  • 88 M. Vallerani, Il potere inquisitorio del podestà... cit. n. 38, p . 384. Idem, La giustizia pubblic (...)

43Alberto sapeva che il diritto romano poneva precisi limiti alla possibilità di punire – con tutte le conseguenze del caso: sequestro dei beni, possibilità di rivolgersi alla giustizia, di essere offeso e, in ultima analisi, ucciso – l’accusato assente84, ma sapeva anche che ta-li limiti non erano affatto previsti dagli statuti85. Rilevò la contraddizione tra i due ordinamenti86 ma, in molti luoghi relativi ai bandi criminali, fornì al comune appigli per procedere in questo modo. I passi che nella sua opera riguardano i bandi della parte si inquadrano quindi in un più generale atteggiamento di difesa del comune, l’atteggiamento già ricordato, che spiega, tra l’altro, la ripresa del passo del Digesto secondo cui «è interesse dello stato che i malefici non rimangano impuniti»87. Massimo Vallerani ha chiarito come in Alberto Gandino la valorizzazione della pena, desunta in grossa misura dalle idee di Dino del Mugello, sia fondata su un’inedita coincidenza tra gli interessi della res publica e quelli del giudice88. All’interno di questa visione, come si è visto, compaiono le prime argomentazioni a sostegno della capacità del comune di punire i nemici fuoriusciti. Ma – ed è questo il punto che rivela la quaestio LVIII sulla punibilità in assenza – Gandino non pensava che la rebellio da essi compiuta consistesse nell’appartenenza a una fazione ostile al governo, ma nel non essersi presentati in tribunale una volta citati. Egli elaborò insomma un’ideologia della punizione dei banditi politici, non perché politici, ma perché banditi.

44Come dovrebbe apparire chiaro a questo punto, lungo tutto il corso del Duecento il bando politico è largamente presente nella riflessione della scienza giuridica. Non mancano i riferimenti romanistici per risolvere i problemi legati all’emanazione di bandi nei confronti dei nemici di parte. Alla riflessione accursiana sull bando criminale, a sua volta debitrice delle precedenti speculazioni di Azzone e forse Bassiano, si vennero ad affiancare, attorno alla metà del secolo, quando il fuoriuscitismo si impose sulla scena politica dell’italia comunale, i ricorsi ancora occasionali di Odofredo e Alberto Papiense alla Lex iulia de vi publica. Nella generazione successiva tale ricorso divenne più sistematico in Guido da Suzzara che lo usò, come i predecessori, per attenuare alcuni aspetti del bando politico previsto dagli statuti, come il sequestro dei beni. Guido era d’altro canto convinto della possibilità di offendere impunemente il bandito e non elaborò ancora una visione rigidamente coerente. Egli tuttavia costituì il tramite per due visioni che coerenti lo erano. Dalla sua opera presero le mosse, da un lato, il professore Iacopo dell’Arena che giunse a elaborare un tractatus sui diritti processuali del bandito e una giustificazione gloriosa dei diritti delle parti escluse, e dall’altro il giudice Alberto Gandino, che si fece promotore della necessità di erogare pene da parte del comune e che tese a legittimare in questo quadro anche la persecuzione del reato politico. In nessuno dei due autori tuttavia si scorge una chiara distinzione tra diritti dei banditi politici e diritti dei banditi criminali. Il primo prese le difese degli uni come degli altri, il secondo li accusò entrambi. La medesima vischiosità tra giustizia penale e giustizia politica che si osserva negli atti processuali pratesi e bolognesi si rispecchia dunque nelle opere dei maestri presso cui si formavano i giudici e i sapientes che in quei tribunali si affrontavano.

Il giudice e i sapientes: Alberto Gandino a Bologna

45I diversi atteggiamenti verso il reato politico ricavabili dalle ope-re degli esperti di diritto ebbero conseguenze nella concreta amministrazione della giustizia contro i nemici interni? E come pesò sulla conduzione e sull’esito dei processi il denominatore comune a tali atteggiamenti, la difficoltà di distinguere il politico dal criminale? Per poter dare una risposta a queste domande si rivelano utili i registri superstiti che conservano gli atti condotti da Alberto Gandino in qualità di giudice vicario del capitano del popolo di Bologna dall’ottobre 1294 al marzo 1295. La possibilità di vedere l’autore delle Quaestiones statutorum e del Tractatus de maleficiis nell’atto di presiedere il tribunale che si occupava, tra l’altro, del controllo dei lambertazzi banditi e confinati, fornisce importanti indicazioni in due direzioni. In primo luogo mostra chiaramente che la concezione del reato e della pena elaborata da Alberto raccoglitore di quaestiones, che, come si è visto, comprendeva anche la fiducia nella possibilità di punire gli autori di reati politici, guidava anche le scelte di Alberto giudice itinerante. In secondo luogo, dal momento che i registri conservati ci mostrano Alberto Gandino impegnato in cause in cui si fa ricorso al consilium dei sapientes cittadini, essi testimoniano «dal vivo» la polarità tra l’atteggiamento tendenzialmente punitivo del giudice cremasco e quello degli altri giuristi che, come emerge dai dati elencati alla fine del secondo paragrafo, contribuirono notevolmente alle assoluzioni.

  • 89 E. Conte, Federico I Barbarossa e il diritto pubblico giustinianeo, in Federico I Barbarossa e l’It (...)
  • 90 Franceso d’Accursio risulta confinato fuori dal contado e dal distretto della città nel 1277, ma gi (...)
  • 91 Tommaso dei Maloxelli appare bandito nel 1277 (ASBo, Elenchi, vol.III, reg. 2, c. 64), ma fornisce (...)
  • 92 Martino Solimani non appare nel Liber del 1277 ma è nominato in una petizione degli studenti a cui (...)
  • 93 Alberto Sabbatini compare nella stessa petizione in cui appare Martino Solimani, ma anche in una ri (...)
  • 94 Federico dalle Scale risulta confinato in città nel 1277 (ASBo, Elenchi, vol.III, reg. 2, c 72v). I (...)
  • 95 Accarisio di Viviano Toschi risulta confinato in città nel 1277, ma giura prima del 1280 (ASBo, Ele (...)
  • 96 Tommaso di Piperata degli Storlitti risulta bandito nel 1277 (ASBo, Elenchi, vol.III, reg. 2, c. 49 (...)
  • 97 A titolo di esempio si veda il consilium di Federico dalle Scale edito in appendice a Gli Ordinamen (...)
  • 98 Tra loro Lambertino Ramponi, Brandelisio dei Gozzadini, Alberto di Odofredo, Rolandino Romanzi, Pac (...)

46Su questo punto vale la pena di fare qualche precisazione. I sapientes non contribuirono ad assoluzioni e rientri per contiguità politica o familiare con i cittadini colpiti. L’idea di un presunto «ghibellinismo» che avrebbe caratterizzato in maniera generalizzata i professori bolognesi è stata ormai ampiamente confutata in merito al secolo xii, in particolare alle relazioni dei quattro dottori con Federico I89. Rispolverarla per il secolo successivo in un clima completamente mutato risulterebbe ancora più azzardato. È vero che i giuristi del tardo Duecento non restarono affatto estranei ai conflitti che attraversavano la società in cui vivevano e che, per questa ragione, alcuni di loro vennero a militare nei movimenti che combattevano il progetto di un’egemonia angioina sull’intera Italia comunale. A Bologna, dove le fonti ci consentono di orientarci meglio, fu il caso, tra gli altri, di Francesco d’Accursio90, di Tommaso dei Maloxelli91, di Martino Solimani92, di Alberto dei Pizzigotti93, di Federico dalle Scale94, di Accarisio di Viviano Toschi95, di Tommaso da Piperata96. Tutti costoro furono colpiti in qualche forma dalla prima esclusione dei lambertazzi, anche se solo due di loro furono banditi. Con la sola eccezione di Tommaso da Piperata, tuttavia, riuscirono rapidamente a rientrare in possesso della pienezza dei propri diritti giurando la parte o essendo assolti in un periodo che va dal 1274 al 1283. In conseguenza di questo rapido reinserimento si trovarono presto coinvolti nell’attività consulente, non solo nel contesto di processi per reati comuni, ma addirittura di procedimenti relativi a lambertazzi97, ma – ed è questo il punto fondamentale – si comportarono esattamente come i consulenti di provatissima fede guelfa e geremea98.

  • 99 ASBo, Giudici, reg. 99, c. 87: Iohannes de Predamala notarius cappelle sancti Ysahia iurat denuntia (...)
  • 100 ASBo, Giudici, reg. 99, c. 87: Pregolarius nuncius comuni Bononie retulit mihi notario se preceptav (...)
  • 101 ASBo, Giudici, reg. 99, c. 87v: Suprascriptus Iohannes accusator dicit dictum Bonfantinum don deber (...)
  • 102 Ibidem: Conscilium mei Thomaxinui condam domini Guidoni Ubaldini legum doctoris super suprascriptis (...)
  • 103 G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 359-361.

47Quale che fosse la loro provenienza familiare o la loro scelta politica, in tutto il periodo dell’esclusione dei lambertazzi, i sapientes improntarono i loro pareri al principio secondo cui la normativa straordinaria emanata dal comune a partire dal 1274 non doveva in nessun modo sconvolgere i principi basilari del diritto che essi difendevano e rendevano vigente. In un processo del 1287 il notaio Giovanni da Predamala accusò due confinati di non aver abbandonato la città99. In seguito alle citazioni degli accusati si presentò in tribunale un loro difensore, Bonfantino Petrizoli, che chiese di esse-re ammesso alla loro difesa, dichiarandosi disposto a prestare l’idonea garanzia100. Ma l’accusatore obiettò che questo difensore non poteva essere ammesso, e che nel caso in cui lo fosse stato, avrebbe dovuto prestare una garanzia pari a quella dell’accusato101. Il giudice chiese quindi il parere di Tommaso di Guido Ubaldini, legum doctor, il quale, dando ragione agli accusati, sostenne, tra l’altro, che, secondo il diritto (ius), è possibile ammettere alla difesa degli assenti anche persone che normalmente non sarebbero idonee a tale compito, poiché una tale pratica è più giusta (iustius) di quanto non sarebbe esporre a una grave condanna chi è assente e indifeso102. Non sempre i sapientes invocarono principi di equità tanto generali, ma la loro azione fu volta in ogni caso a garantire il rispetto delle procedure ordinarie e la difesa dei diritti nei casi in cui quelle e questi venivano a scontrarsi con la legislazione speciale. Per questo, interpellati dal tribunale del capitano, furono intransigenti rispetto ai vizi di forma – che una procedura esplicitamente incentivata come quella contro i lambertazzi favoriva – e fecero interrompere numerosi processi. Per questo, chiamati dall’ufficio ai beni dei banditi, non ebbero il minimo dubbio nel concedere ai petitori i beni dei lambertazzi sequestrati dal comune sulla base dei diritti di proprietà invocati nelle petizioni103. Risulta quindi particolarmente interessante osservare come si comportò Alberto Gandino a contatto con questo ambiente.

  • 104 I registri che danno conto dell’attività di Alberto Gandino presso il tribunale del capitano del po (...)

48Un’analisi completa dei registri bolognesi che attestano la presenza di Gandino solleva problemi più ampi di quelli di cui si intende trattare in questa sede ed è opportuno che venga condotta altrove. Limitiamoci a prendere in esame, a titolo di esempio, un solo processo dibattuto da Alberto in tema di nemici di parte. Si tratta di un processo che Alberto ereditò, per così dire, dal capitano precedente, sotto il quale si era aperto nell’agosto 1294 e il cui esame si protrasse nell’arco di quasi tutto il semestre del suo mandato, dal-l’ottobre 1294 fino al febbraio 1295104.

  • 105 ASBo, Giudici, reg. 236, c. 22: Proponit coram vobis Galvano de Bonazuntis, honorabili capitaneo po (...)
  • 106 Si trattava di Alberto di Odofredo, Basacomare Basacomari, Gardino Gardini, Tommasino di Guido Ubal (...)
  • 107 Il giudice consulente era Giuliano di Cambio Graziadei.
  • 108 ASBo, Giudici, reg. 236, c. 23v.

49Nell’estate del 1294 Riccardino di Riccardino da Pontecchio e suo figlio Nicola avevano presentato una petizione al capitano del popolo in cui sostenevano di non essere tenuti al pagamento della securitas, la garanzia pecuniaria normalmente imposta ai confinati di parte lambertazza. Essi – spiegava il loro procuratore – avevano giurato la parte geremea già nel 1279, e dunque, secondo le norme contenute nello statuto del popolo, dovevano essere considerati cittadini a tutti gli effetti. Ciononostante – proseguiva la petizione – il capitano del popolo ancora precedente (in carica dall’ottobre 1293 al marzo 1294) aveva imposto loro il pagamento della securitas. Cosa occorreva fare105? Il capitano richiese il consilium di cinque sapienti: quattro dottori di legge106 e un giudice107. Costoro, sulla base della documentazione presentata dai petitori e della normativa del comune (statuti, riformagioni, ordinamenti), si pronunciarono in favore dell’accoglimento della petizione, dichiarando nulla la richiesta di garanzia pecuniaria avanzata dal comune e, con essa, la stessa condanna al confino. Come d’abitudine, il capitano provvide a trasformare il consilium in sentenza108.

  • 109 ASBo, Giudici, reg. 236, c. 29: Coram vobis domino Galvano de Bonaiuntas capitaneo populi Bononie d (...)
  • 110 ASBo, Giudici, reg. 236, c. 24; 29-31.

50Un mese dopo, alla fine del settembre 1294, Zanotto Artenisi, cittadino bolognese appartenente a una famiglia di cambiatori, per ragioni che ignoriamo, cercò di far annullare questa sentenza, affermando, in una sua petizione, che essa era stata emanata sulla base di allegazioni false109. Il giudice capitaneale lo convocò insieme al nuovo rappresentante legale dei da Pontecchio, il notaio Albertino Francoli. Quest’ultimo espose alcune obiezioni in merito alla proposta di Zanotto, in particolare sostenendo che era stata presentata in un giorno festivo e che per questo non poteva essere considerata valida. Zanotto a sua volta controbiettò. Due giorni dopo (25 settembre 1294), il giudice precettò le parti di portare tutti i propri argomenti e le rinviò di lì a tre giorni per avere risposta alle loro petizioni. Trascorsi i tre giorni il giudice chiese a due sapientes cittadini un secondo consilium in merito alla questione del giorno feriale. Ma questi si rifiutarono di darlo affermando che il periodo feriale era ancora in corso e che dunque la loro decisione non sarebbe stata valida110.

51Fu così che, giunto ottobre, in virtù della scadenza del mandato capitaneale e del subentro di un nuovo ufficiale forestiero, la causa – pendente – giunse nelle mani di Alberto Gandino.

  • 111 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 2r: Die iovis septimo mensis octubris. Dictus iudex statuit terminum Al (...)
  • 112 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 2v: Die sabati nono mensis octubris. Dicit Albertinus Francoli, procura (...)
  • 113 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 2v: Die lune.xi. octubris. Ad que [la richiesta di Albertino trascritta (...)
  • 114 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 2v.
  • 115 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 3.

52Esercitando la propria giurisdizione con caratteristico zelo, Alberto Gandino non si limitò, come facevano abitualmente i giudici forestieri, ad attendere che le parti impegnate nelle vecchie cause si ripresentassero in tribunale per riprendere la disputa, ma le mandò a chiamare. Egli, inoltre, non agì con l’equidistanza che aveva manifestato il suo predecessore. Questi aveva accolto con lo stesso atteggiamento le due petizioni contrastanti e aveva fatto citare le due parti insieme, dando a entrambe lo stesso termine. Alberto procedette diversamente. Il 7 ottobre precettò il solo Albertino Francoli, procuratore dei da Pontecchio, affinché venisse a prendere copia della petizione di Zanotto111. Quando questi, il nove ottobre, puntualmente si presentò, non solo gli richiese nuovamente gli strumenti di procura che lo istituivano rappresentante legale (e che Albertino Francoli aveva già presentato al giudice precedente), ma temporeggiò nel rispondere alla richiesta di un termine di dilazione di dieci giorni che questi richiedeva per poter rispondere convenientemente alla petizione di Zanotto112. In questo Alberto Gandino accolse l’obiezione della controparte. Zanotto obiettava che i passi statutari richiamati da Albertino Francoli non avevano luogo nel caso in oggetto. Egli sosteneva inoltre che doveva essere piuttosto preso in considerazione lo statuto che imponeva al nuovo capitano di sbarazzarsi delle cause già avviate entro venti giorni. Alberto Gandino, sulla base di questi argomenti, concesse solamente due giorni ad Albertino Francoli113. Quindi, continuando a incalzare la parte dei confinati, citò Nicola, il figlio minore di Riccardino da Pontecchio, mostrando così di non considerare ancora pacifico (nonostante anche questo risultasse chiaramente dagli atti del capitano precedente) che Albertino Francoli fosse il rappresentante legale, oltre che di Riccardino da Pontecchio, anche di suo figlio114. Albertino dovette ripresentarsi di lì a poco, l’11 ottobre, con lo strumento di curatela115.

  • 116 I tre sapientes furono Guglielmo Rombodevini, Lazzaro de Lazzari, entrambi dottori, e Francesco de (...)
  • 117 La sentenza del giudice al sindacato, emessa il 14 ottobre 1294 è edita in H. Kantorowicz, Albertus (...)

53Zanotto Artenisi trovò dunque nel nuovo giudice un ascoltatore ben disposto. Egli, peraltro, per consolidare la propria posizione aveva anche approfittato dell’istruzione del sindacato al capitano del popolo uscente. Com’è noto, alla fine del loro mandato, i magistrati forestieri e i funzionari della loro familia erano sottoposti a un processo nel corso del quale i cittadini potevano presentare circostanziate accuse sul loro operato. Gli ufficiali che fossero risultati colpevoli avrebbero dovuto pagare una multa, da scontare dal loro salario. Zanotto, che nel semestre precedente aveva sporto petizione per impugnare la sentenza contro i da Pontecchio affermando che in quella sentenza erano state presentate allegazioni false, presentò, in occasione del sindacato del capitano, un’accusa per falsificazione contro il notaio capitaneale Luca, che, a suo parere, aveva falsificato, appunto, le allegazioni relative alle petizione dei da Pontecchio. I tre sapientes116 che facevano parte della commissione al sindacato gli diedero ragione, e il notaio Luca fu multato per cinquanta lire117.

  • 118 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 3: Furono così posti agli atti una sentenza, evidentemente favorevole a (...)
  • 119 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 4.

54Di fronte a questo attacco condotto (e coronato da sucesso) su più fronti, il principale accusato, Riccardino da Pontecchio, decise di reagire tempestivamente. Nominò, in aggiunta al procuratore, un proprio difensore, Deomelde, che giunse in tribunale portando una nutrita serie di allegazioni che mostravano quanto fosse fondata la richiesta di cancellazione dalla condizione di confinato che la controparte riteneva illegittima118. Inoltre, attraverso il proprio procura-tore, Albertino Francoli, presentò la risposta alla petizione di Zanotto in cui elencava gli argomenti per cui non doveva essere accolta. Tra questi, il fatto che Zanotto aveva espresso la richiesta di cassazione della sentenza in forma condizionale, il fatto che non aveva alcun titolo per chiedere una tale cassazione in quanto non gli era lecito agire per difendere diritti del comune (quelli lesi dalla mancata prestazione della garanzia da parte dei due confinati). Pertanto, si concludeva, occorreva cassare dalla petizione di Zanotto alcune frasi cruciali (il riferimento all’annullamento della sentenza e quello alla falsità delle allegazioni presentate dalla controparte). Una simile eliminazione avrebbe reso la petizione inutilizzabile119.

  • 120 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 4.
  • 121 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 7. Il consilium fu dato da due giudici: Alberto Panzoni e Alberto de Ca (...)

55Tutto questo non sconcertò affatto Zanotto, che affermò di voler procedere con la propria petizione120. Venutasi a determinare una situazione di stallo, fu richiesto un nuovo consilium. In questo secondo consilium, due sapientes diedero pienamente ragione ai procuratori di Riccardino da Pontecchio e dichiararono illegittima la petizione di Zanotto121.

  • 122 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 5v: Die veneris die predicta. Protestationi facta per Terzolinum condam (...)
  • 123 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 5v.
  • 124 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 6r: Dicit Trizolus, et excipiendo proponit contra defensiones proposita (...)

56Fu a quel punto che il giudice Alberto Gandino fece qualcosa che costituisce un vero e proprio apax procedurale nel corpus processuale bolognese relativo ai lambertazzi: rivolgendosi a Terzolino Artenisi, procuratore di Zanotto, affermò di non essere affatto tenuto ad accogliere l’esito del consilium e che nel caso in cui lui e il suo cliente avessero dubitato di tale parere egli si dichiarava disposto a chiederne uno nuovo122. Per quanto ne sappia, si tratta dell’unico caso attestato in cui un magistrato capitaneale decide di non trascrivere il parere ricevuto, di non trasformarlo in sentenza. Egli diede dunque corso alla protesta, citò nuovamente il procuratore e il difensore dei da Pontecchio perché venissero a sentire le obiezioni sollevate dalla controparte in merito al consilium e a fornire nuove prove123. Il procuratore di Zanotto, così incoraggiato, presentò un elenco di eccezioni in cui sosteneva che, a differenza di quanto aveva sostenuto Riccardino, questi aveva soggiornato a Faenza insieme ai lambertazzi, nemici del comune di Bologna, e che anche dopo aver prestato il giuramento, nel dicembre 1279, aveva combattuto contro la parte geremea. Si dichiarava disposto a provare tutto ciò per mezzo di testimonianze e concludeva sostenendo che lo diceva con l’intenzione di difendere il diritto del comune e la giurisdizione e l’ufficio del giudice124.

  • 125 Tra gli argomenti delle parti si rileva la medesima distanza che appare tra i fatti che emergono ne (...)

57Non reputo affatto azzardato attribuire quest’ultima frase, per nulla tipica del formulario del tribunale del capitano del popolo, a un suggerimento dello stesso Alberto Gandino, teorico della sovrapposizione tra interessi della res publica e interessi dello iudex. Ma anche se le cose non stessero così, resterebbe comunque la distanza che con questa ennesima protestatio – in questo scontro che Gandino catalizzava invece di governare – venne a crearsi tra gli argomenti della difesa e quelli dell’accusa: i primi tutti interni a una logica procedurale che utilizzava strumentalmente norme, provvedimenti, principi di diritto senza mai chiamare in causa la sostanza del conflitto di parte, i secondi tendenti a scalzare questa logica mediante il riferimento al delitto compiuto, che con la sua oggettività si imponeva sopra e oltre ogni possibile obiezione125.

  • 126 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 6v.
  • 127 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 9: In Christi nomine et beate Marie virgini gloriose. Consilium domini (...)
  • 128 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 10v: In Christi nomine amen. Conscilium do-mini Franceschi de Gatto et (...)

58Come dimostra lo svolgimento successivo, fu la medesima distanza tra il linguaggio dell’accusa e quello della difesa a procrastinare i termini di una soluzione. Sulla base della protestatio appena menzionata, Zanotto chiese la revoca del precedente consilium, ma, ovviamente, a questa richiesta si oppose Deumelde, il difensore di Riccardino da Pontecchio126. Alberto non poté far altro che chiedere ad altri due sapientes un nuovo consilium (il terzo attestato nel procedimento) in merito alla richiesta di revoca avanzata da Zanotto. Come in precedenza, i sapientes si pronunciarono in favore della parte dei da Pontecchio, dichiarandosi contrari sia alla revoca del consilium precedente, sia all’accoglimento dei testimoni in merito alle affermazioni contenute nella protestatio127. Forte di questo nuovo successo Albertino Francoli tornò a chiedere l’annullamento della prima petizione avanzata da Zanotto, ma da Alberto Gandino non riuscì a ottenere altro che la richiesta di un quarto consilium, in merito alla questione originaria, quella dell’accoglimento della petizione di Zanotto in cui si chiedeva di cassare la prima sentenza favorevole ai da Pontecchio; e finalmente i nuovi sapientes dettero ragione a Zanotto, pur specificando che egli avrebbe dovuto provare perché la sentenza che intendeva impugnare era da considerarsi falsa e che egli, in ogni caso non aveva alcun titolo per ambire a una restitutio128. È interessante notare che per giustificare tale accoglimento essi chiamarono in causa l’interesse del comune, il quale, a loro giudizio, non era stato adeguatamente tutelato. Si trattava di un altro argomento che, se non era stato direttamente insufflato dallo stesso Gandino, dimostrava almeno una straordinaria consonanza tra giudice e accusa. Costoro, per vincere, non potevano usare che l’argomento sostanzialista secondo cui il comune era stato leso dal fatto che due persone dichiarate nemiche non avevano pagato una securitas e non avevano subìto una pena. Sul piano formale, tuttavia, una volta che fossero stati presi in considerazione i diritti dei da Pontecchio, erano destinati a perdere.

  • 129 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 13.
  • 130 Ibidem.
  • 131 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 14.
  • 132 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 16.
  • 133 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 18.

59È quanto emerge dagli atti successivi, che si svolsero dal novembre 1294 al marzo 1295: Zanotto chiese, sulla base del quarto consilium, che i da Pontecchio fossero ricondannati al confino129; Alberti-no Francoli rispose chiedendo la cassazione del quarto consilium, generando la richiesta, ad altri sapientes, di un quinto consilium, in merito appunto alla cassazione del quarto130. Mentre tale richiesta veniva presa in considerazione, giunse al tribunale da parte di una persona sino a quel momento non coinvolta nel processo una nuova accusa contro i da Pontecchio, forse istigata dallo stesso Zanotto, ma ad essa non si diede corso131. Il quinto consilium finalmente giunse e diede ragione ai da Pontecchio, cassando il precedente (che aveva di fatto costituito l’unica vittoria della parte avversa)132. Infine, per ragioni che ignoriamo, Alberto Gandino volle sentire il parere di un terzo sapiente che si aggiunse agli altri due già consultati nell’emanazione di un sesto consilium, identico al precedente, con la cui apertura dinnanzi alle parti le ragioni dei da Pontecchio trionfarono in maniera definitiva, riducendo al silenzio il loro pervicace persecutore133.

60Questi atti (che in ultima analisi non costituiscono altro che un reiterato procedimento di conferma di una sentenza favorevole a due lambertazzi rientrati) mostrano bene quali effetti potesse sortire una visione del reato come quella di Alberto Gandino una volta cala-ta nella concreta amministrazione della giustizia cittadina. Le intenzioni di Gandino appaiono indiscutibili: egli intende far pesare il fatto che coloro che hanno presentato una petizione per essere liberati dalla propria condizione penale hanno compiuto un atto grave nei confronti del comune, per il quale hanno meritato la punizione. Per questo egli attenua gli elementi amministrativi, che caratterizzano normalmente la conduzione dei processi nel tribunale che presiede, e forza le procedure verso modelli più serrati, accorciando i ter-mini alla difesa, offrendo continuamente all’accusa la possibilità di presentare nuove obiezioni e fronteggiare così una massa di consilia sfavorevoli (cinque contro uno), e infine suggerendo o esaltando, tra gli argomenti dell’accusa, quelli che cantano la gloria del comune, della sua giurisdizione e del giudice che la amministra.

61Ma da tutto ciò non ottiene granché. I procuratori e i difensori che agiscono nel suo tribunale non stanno al gioco e non entrano mai nel merito del crimine compiuto dai loro assistiti. Si limitano piuttosto a decostruire gli argomenti della controparte in maniera analitica, prendendoli uno per uno e opponendovi difese sostanziali (come l’assenza, nella petizione di Zanotto, di ragioni che provino la falsità degli argomenti) o formali (il riferimento alla presentazione della petizione in un giorno feriale), desunte dalla normativa cittadina (in merito, per esempio, alla lunghezza dei termini a difesa) o dalla sapienza giuridica (come nel caso della forma condizionale in cui è stata presentata la petizione di Zanotto). In modi diversi pervengono a innalzare una cortina di fumo dietro alla quale il delitto politico – che i nostri occhi, come quelli di Alberto Gandino si affannano a cercare – diventa pressoché invisibile. Gli sforzi compiuti dall’accusa e dal giudice per abbattere questa cortina si rivelano va-ni. Quando, a un certo punto del procedimento, l’accusa chiede di ascoltare testimoni che dimostrino come i due da Pontecchio hanno in realtà continuato ad agire da lambertazzi anche dopo il giuramento della parte geremea, è sufficiente un consilium contrario a impedirlo. Un consilium nel quale – si badi – il parere negativo è espresso senza alcuna giustificazione.

  • 134 F. Martino, «Quaestiones» civilistiche disputate a Bologna negli ultimi decenni del secolo xiii. St (...)
  • 135 Ivi, p . 235: Solutio: dicebat dominus Franc(ciscus): si tu queras an appellatione filii contneatur (...)

62La medesima tecnica per raggiungere l’assoluzione emerge dalle quaestiones che fanno direttamente riferimento all’esclusione dei lambertazzi, dibattute a Bologna nel corso dei decenni successivi al 1274 e conservate nelle raccolte trecentesche. Una di esse, attribuita a Lambertino Ramponi e discussa nel novembre 1277, prende le mosse dal fatto che gli statuti bolognesi stabiliscono che i beni dei lambertazzi che muoiono a Faenza lasciando i propri figli devono pervenire integralmente al comune134. Si pone il caso in cui un lambertazzo bandito muoia a Faenza istituendo i nipoti propri eredi. Il podestà, in quel momento assente dalla città, nomina un ambasciatore che vada a riscuotere questi beni. Gli anziani e il consiglio cittadino confermano questa nomina. Ci si domanda se la nomina abbia effettivamente valore e se il comune possa riscuotere i beni. La quaestio, che ricorda da vicino i casi discussi in tribunale, procede con la stessa tecnica utilizzata dai procuratori giudiziari, la suddivisione in sottoquestioni. Si discutono pertanto la validità della prima nomina da parte del podestà, quella della seconda nomina, da parte dei consigli, e il problema fondamentale, quello del diritto del comune a riscuotere i beni. Le allegazioni sono passate in rassegna separatamente per ognuna delle sottoquestioni, a cui vengono date anche separate soluzioni. Discussi i rispettivi argomenti, la prima e la seconda nomina sono giudicate accettabili nelle soluzioni. Ma passando al terzo e più importante dei problemi, Lambertino lo risolve, sulla base di un parere di Francesco d’Accursio, affermando che il comune non ha diritto a sequestrare perché lo statuto parla di figli, ma non di nipoti e perché dal punto di vista logico la menzione del figlio non comprende in sé quella del nipote135.

  • 136 A. Romano, Aspetti dell’insegnamento giuridico nelle università medievali... cit. n. 3, p . 116: It (...)
  • 137 Per alcuni esempi di processi per false alienazioni, v. ASBo, Giudici, reg. 5-6. Sul rientro dei la (...)

63Come nei tribunali, dunque, anche nelle scuole si procede mediante varie tecniche (suddivisione della quaestio, spostamento dal piano giuridico a quello logico) a trasformare il caso di partenza, legato all’attualità politica, originato e condizionato da un arbitrio del governo comunale, in un caso astratto, che può essere manipolato sino a farlo svaporare. Questo processo di astrazione rende le quaestiones relative ai lambertazzi utilizzabili anche in contesti differenti, lontani nello spazio e nel tempo, e ne spiega la sopravvivenza nelle raccolte della metà del Trecento. La quaestio appena ricordata, per esempio, poteva tornare utile in qualsiasi caso, anche di diritto privato, in cui occorresse distinguere i diritti di un figlio da quelli di un nipote. Così come non stupisce trovare il riferimento, apparente-mente incongruo, ad uno statuto che proibisce ai notai di confezionare strumenti relativi alle alienazioni compiute dai lambertazzi e che risale, con ogni probabilità, agli anni Ottanta del Duecento, in una quaestio confluita nel Commentarium de statutis di Alberico da Rosciate che tratta di falsificazione di documenti136. In seguito al primo rientro dei lambertazzi a Bologna, quello del 1279 di cui avevano beneficiato anche i da Pontecchio, molti ex banditi, temendo una nuova esclusione, avevano provveduto a stipulare con geremei di propria fiducia falsi contratti di vendita, così da mettere al sicuro i propri beni. L’ondata delle false alienazioni aveva generato una normativa tesa ad arginarla, e questa normativa, a sua volta, una se-rie di processi137, e dunque di allegazioni, in cui – per effetto di quel-l’astrazione a cui si è appena fatto riferimento – non ci si limitava a prendere in esame le nuove norme sulle alienazioni dei lambertazzi, ma si traeva spunto dall’intero diritto in tema di falsificazioni. Così il caso politico emergente era rimasto legato al più ampio contesto giuridico. Di questo legame si conservava traccia nella quaestio riportata da Alberico.

64Nella fase di passaggio in cui i governi comunali cominciano a legiferare contro i propri nemici politici interni, dunque, i giuristi si rivelano un ceto che, lungi dal porre la propria scienza al servizio del potere, costruisce e custodisce una scienza da cui trae potere. Questa scienza comprende la nozione di crimine politico. Per questo i giuristi non possono escluderla dal proprio orizzonte. Ma essi non possono accettarne una potenziale implicazione, la capacità di stravolgimento, in nome della difesa del potere, dell’assetto giuridico normale: l’idea, per esempio, che un bando perpetuo di fuoriusciti li privi effettivamente di qualsiasi capacità processuale, come si legge negli statuti. Accettare una simile idea metterebbe a repentaglio l’ordine su cui si fonda la scienza stessa da cui essi traggono alimento. Per questo i giuristi provvedono ad attenuarne la portata, rendendo ordinario e manipolabile ciò che è straordinario e intangibile. Non stupisce che per fronteggiare un simile atteggiamento e poter applicare le norme contro i banditi politici e i lambertazzi, il giudice Alberto Gandino ricorra, nelle quaestiones e nei processi, ad argomenti forti, fondati sulla necessità di difendere gli interessi della res publica. I processi bolognesi tuttavia mostrano che la posizione di Gandino è isolata, e che i giudici normalmente non si comportano come lui. Solo all’interno di un quadro ideologico come il suo, in cui l’intera amministrazione della giustizia penale è dotata del valore di compito superiore e solenne, il reato politico può essere giuridicamente giustificato.

Conclusioni

65Anche l’analisi del comportamento in tribunale degli esperti di diritto rivela dunque il dato già emerso, nei paragrafi precedenti, dallo studio della giustizia comunale e da quello della letteratura dottrinale: la difficoltà di distinzione nel trattamento di quelli che oggi definiamo reati politici e di quelli che oggi definiamo reati comuni. L’ambiente della città duecentesca, in cui si muovono accusatori e accusati, giudici e avvocati, legislatori e giuristi, vede la sovrapposizione tra queste due sfere. E dal nostro punto di vista di osservatori moderni, testimoni di una realtà successiva, derivata dalla rivoluzione penalistica cinquecentesca e dalla moltiplicazione delle fattispecie di crimen lesae maiestatis, la cultura duecentesca del reato politico acquisisce – come e più della cultura del reato tout court – i contorni di un sistema a maglie larghe, che fornisce a chi intende perseguitare i nemici poche risorse, riservandone molte a chi manifesta la volontà di difenderli. Il sistema giudiziario, il ricorso al diritto romano e le contingenze storiche compongono questa cultura, la cui evoluzione complessiva, tuttavia, non costituisce una semplice somma delle singole parti e merita pertanto alcuni brevi richiami conclusivi.

66Nel momento in cui i governanti comunali sentirono la necessità di escludere i propri oppositori ribelli, dovettero procedere con cautela, e ricorrere a giustificazioni accettabili che inquadrassero la nuova pratica in un quadro politico e giuridico noto e condiviso. Ciò era tanto più necessario dal momento che l’esclusione dei nemici costituiva un fenomeno sostanziale inedito rispetto ai comuni consolari della prima metà del xii secolo. Abbiamo mostrato in apertura come, prima dell’arrivo di Federico I, la pena dell’esclusione era riservata agli autori di crimini particolari (come la rottura della pace o la falsificazione della moneta) che minacciavano la giurisdizione comunale, cioè il monopolio che il comune intendeva affermare rispetto ad alcune funzioni, come il coniare moneta o il garantire un percorso per la soluzione dei conflitti. A questo punto è necessario aggiungere che, nello stesso periodo, le azioni che oggi definiremmo come crimini politici (ribellione, diserzione, giuramento di fedeltà a un potere concorrente a quello comunale o accordo con il nemico) non erano punite con la pena dell’esclusione, ma con la sospensione dai pubblici uffici. Lo mostrano con tutta evidenza i brevi consolari di Genova e alcuni sparsi documenti provenienti da altre città.

67Per questa ragione, quando (tra xii e xiii secolo) si diffuse l’uso di escludere i fuoriusciti li si volle chiamare «banditi»: la pratica consolidata dell’esclusione di chi minava la giurisdizione del comune servì per travestire e rendere legittima quella di chi, con la pro-pria secessione, aveva manifestato il rifiuto di condividere la linea politica del governo. Conseguenza di ciò fu che la nuova esclusione dei nemici assunse alcune delle caratteristiche che aveva conservato l’esclusione dei contumaci e di chi aveva minacciato la giurisdizione del comune. Così, per quanto dichiarato intangibile, anche il bando dei ghibellini continuò a essere, nella pratica, revocabile. Più in generale, non bastò una sentenza di bando politico per privare completamente un cittadino della propria rete di relazioni o per annullare il potere protettivo di tale rete. La novità del reato politico compiuto dai fuoriusciti e la necessità di inquadrarlo in categorie già note impedì insomma che fosse riconosciuto come qualcosa di di-verso e, eventualmente, di più grave. Di fronte ai fuoriusciti banditi, i giuristi si comportarono come di fronte agli accusati di reati comuni, senza considerare la politicità del loro comportamento un’aggravante pregiudiziale. Nonostante la sua più che secolare utilizzazione penale, intensificatasi con le grandi esclusioni tardoduecentesche, la nozione di bando conservava ancora un’idea di reversibilità. Se si considera che i giuristi erano profondamente convinti di ciò, si può comprendere meglio perché i consilia nei processi per reati «di parte» furono quasi sempre assolutori: l’atto stesso di presentarsi in tribunale, la volontà di difendersi alle condizioni stabilite dal sistema giudiziario, fu considerato come un segno sufficiente dell’obbedienza necessaria, e per molti versi lo era.

  • 138 Per tutti questi aspetti, si rimanda a G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 377-442

68Se si accetta una simile ricostruzione, quanto cominciò a realizzarsi nei primi decenni del Trecento viene a delinearsi come il segno di una cesura particolarmente netta e improvvisa. Solo a partire da questo momento la ribellione cominciò ad apparire in maniera esplicita e sistematica come giustificazione dei bandi, quando non addirittura come reato previsto dagli statuti. Solo allora si ebbe una vera normalizzazione della giustizia politica, non più, come in precedenza, nel senso di una sua assimilazione alla giustizia per reati comuni, ma in quello di stabilizzazione del carattere straordinario e di emergenza. Solo allora, in virtù di questa normalizzazione, la giurisdizione sui nemici politici fu affidata a magistrati (cittadini) specializzati e amministrata in tribunali speciali che rappresentavano in maniera evidente la raggiunta autonomia della repressione dei dissidenti; un’autonomia che, come si è visto, sarebbe risultato vano cercare nel Duecento138.

69La nettezza di questa cesura contribuisce, almeno in parte, a giustificare la scelta di non condurre in questa sede un’analisi dettagliata del passaggio dalla preistoria alla storia del reato politico, del mutamento che vide l’affermazione di un nuovo paradigma. Si spera che l’analisi di quello vecchio sia stata sufficientemente esaustiva da suggerire al lettore qualche indicazione, e che laddove si è voluto porre l’accento sulla persistenza non sia impossibile scorgere la cri-si. Il fatto che le esclusioni di fine Duecento furono attenuate dall’interpretazione «conservatrice» che ne diedero cives e sapientes non toglie nulla al dato che tali esclusioni ebbero luogo. Questa presenza fu di per sé gravida di conseguenze. Un cittadino nato nel 1260, a differenza di suo padre, le dava per scontate, considerandole un elemento imprescindibile del paesaggio politico in cui si muoveva. L’atteggiamento dei giuristi nati in un simile paesaggio non poteva esse-re lo stesso dei loro maestri che avevano visto le esclusioni divenire qualcosa di importante e pervasivo nel corso della loro vita. La perdita dello stupore rispetto a una pratica nuova, l’attenuarsi del bisogno di leggerla attraverso il filtro di istituti noti e consolidati contribuì a rendere più accettabile la forte intromissione della politica nel campo del diritto che nel Duecento, pur tentata, non aveva avuto successo. A questa evoluzione graduale va aggiunta poi la sensibile intensificazione delle guerre intercomunali e il connesso modificarsi dei rapporti di forza interni al comune. Questi elementi, che si rendono visibili tra 1290 e 1320, contribuirono in maniera determinante a rendere più frequente il ricorso a categorie quali l’interesse della res publica o la necessità di punire i ribelli, che aveva largamente utilizzato Alberto Gandino. Nei primi decenni del Trecento tuttavia, rispetto all’opera gandiniana, quest’uso appare più strumentale; più consapevole e studiata la confusione tra crimini contro la città e cri-mini contro il regime.

  • 139 Su Alberico da Rosciate v. almeno L. Prosdocimi, Alberico da Rosciate, in Dizionario biografico deg (...)
  • 140 Albericus a Rosate, Commentarium de statutis... cit. n. 3, f. 81v: In Italia sepe occurrit quaestio (...)
  • 141 Ivi, f. 81v: Solvendo distinguit aut pars expulsa fuit expulsa suo dolo vel culpa, aut dolo vel cul (...)

70Nella generazione successiva a quella di Alberto, Alberico da Rosciate inserì nel suo Commentarium de statutis una quaestio in cui si affrontava – per quanto ne sappia, per la prima volta – il problema centrale dell’esclusione politica139. Quando una parte usciva dalla città il podestà intrinseco aveva il diritto di bandirla in contumacia?140 Gli argomenti pro e contra erano passati in rassegna in modo tradizionale. La soluzione era pilatesca: nel caso in cui la parte era stata espulsa per propria colpa, il podestà aveva diritto a bandirla, se invece la colpa era stata del comune, il podestà non ne aveva diritto141. Attraverso la formale conservazione di un linguaggio giuridico si esprimeva così la rinuncia dei sapientes a intervenire nel merito dell’esclusione. Legittimare o meno un bando politico, stabilendo se la colpa era stata del comune o dei suoi nemici, non era operazione che si potesse compiere nelle capienti sale del palazzo che ospitavano i tribunali, ma in stanze diverse, meno accessibili e più piccole di quelle.

Notes

1 Il tema dell’esclusione politica in età comunale è stato trattato in alcune sintesi dall’impianto descrittivo: R. Starn, Contrary Commonwealth. The Theme of Exile in Medieval and Renaissance Italy, Berkeley, 1982; J. Heers, L’esilio, la vita politica e la società nel Medioevo, Napoli, 1997; cfr. anche C. Beck e J. Heers (a cura di), Exil et civilisation en Italie (xiie-xvie siècle), Nancy, 1990. Questi libri non contengono analisi sistematiche di fonti processuali e in generale si soffermano poco sulla dimensione giudiziaria, fondati come sono sulla cronachistica. Gli unici casi analizzati in maniera più ravvicinata (quello di Dante da St primo luogo) si riferiscono al principio del Trecento, un momento in cui, come si vedrà, si assiste a una serie importante di cambiamenti in tema di esclusione. Un tentativo di analizzare le esclusioni duecentesche attraverso le fonti giudiziarie, normative e pattizie è stato fatto in G. Milani, L’esclusione del comune. Conflitti e bandi politici a Bologna e in altre città italiane tra xii e xiv secolo, Roma, 2003. Nel corso di questa ricerca, a cui mi permetto di rinviare, è emerso il principale assunto che in questa sede intendo dimostrare: la relativa debolezza della giustizia di parte nel Duecento.

2 Sul consilium è obbligatorio il richiamo a G. Rossi, Consilium sapientis iudiciale. Studi e ricerche per la storia del processo romano canonico. I. (secoli XII-XIII), Milano, 1958. Sulla necessità di situare i consilia nel contesto della giustizia cittadina v. da ultimo I. Bauumgärtner (a cura di), Consilia im späten Mittelalter. Zum historischen Aussagewert einer Quellengattung, Sigmaringen, 1995, in particolare l’introduzione della curatrice. Sul ruolo dei consilia nei processi comunali v. M. Ascheri, «Consilium sapientis», perizia medica e «res iudicata»: diritto dei «dottori» e istituzioni comunali, in S. Kutner e K. Pennington (a cura di), Proceedings of the Fifth International Congress of Medieval Canon Law, Città del Vaticano, 1980, p . 555-564; A. Padoa Schioppa, La giustizia milanese nella prima età viscontea (1277-1300), in «Ius Mediolani». Studi di storia del diritto milanese offerti dagli allievi a Giulio Vismara, Milano, 1996, p . 1-46 e p . 19-25, e M. Vallerani, L’amministrazione della giustizia a Bologna in età podestarile, in Atti e memorie della Deputazione di storia patria per le province di Romagna, 43, 1992, p . 291-316. Sull’emergere delle quaestiones de facto e sulla nuova aderenza di questo genere di letteratura giuridica ai concreti problemi emersi nel corso dei dibattiti giudiziari v. M. Bellomo, Legere, repetere, disputare, in M. Bellomo, Medioevo edito e inedito. I. Scolae, Universitates, Studia, Roma, 2000, p . 53-97, alla p . 87; E. Corte-se, Il diritto nella storia medievale. II. Il basso medioevo, Roma 1998, p . 153-155. Sulla confluenza delle quaestiones nelle raccolte v. M. Bellomo, I fatti e il Diritto. Tra le certezze e i dubbi dei giuristi medievali (Secoli xiii-xiv), Roma, 2000. Sul ruolo dei giuristi nella politica comunale v. ora S. Menzinger, Giuristi e politica nei governi di popolo, Roma, 2006.

3 Senza alcuna pretesa di esaustività, visto anche lo stato di avanzamento dei lavori su questo tema, ho cercato quaestiones relative al reato politico in: A. Belloni, Le questioni civilistiche del secolo xii. Da Bulgaro a Pillio da Medicina e Azzone, Francoforte, 1986; Id., Studi sulle «Quaestiones» civilistiche disputate nelle università medievali, Catania, 1980; A. Romano, Aspetti dell’insegnamento giuridico nelle università medievali. iv. Le «quaestiones disputatae», Reggio Calabria, 1975; Albertus de Gandino, Quaestiones statutorum, ed. A. Solmi, Bologna, 1901 (Bibliotheca Juridica Medii Aevi, 3); Albericus a Rosate, Commentarium de statutis, in Tractatus Universi Juris, II, Venezia, 1584, f. 2-85.

4 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato dalla battaglia di Benevento alla pace del cardinal Latino, in Archivio storico italiano, ser. vii, 13, 1929, p . 195-240; 15, 1931, p . 3-58 e p . 229-272.

5 P. Costa, Civitas. Storia della cittadinanza in Europa. 1. Dalla civiltà comunale al Settecento, Roma-Bari, 1999.

6 Nelle fonti statutarie della metà del xii secolo come il Breve dei consoli genovesi, la pena dell’esclusione, forse per effetto dell’uso di un vocabolario classico, è più spesso definita exilium.

7 Codice Diplomatico della Repubblica di Genova dal DCCCCLVIII al MCLXIII, I, ed. C. Imperiale di Sant’Angelo, Roma, 1936, p . 115-116: Si ego invenero ullum hominem testibus qui sint recipendi ad tam magnum crimen vel sua confessione qui falset monetam ianuensem vel qui eam falsatam habeat, aut qui eam falsare faciat, vel qui eam falsari consentiat, vel cuius consilio falsetur, omnes res suas mobiles et immobiles comuni Ianue laudabo et res eius quas invenero, ita quod eas capere possim, capiam ad comune Ianue et amplius ei non reddam nec ulli alteri persone pro eo. Si enim personam eius habere potero manum eius obtruncare faciam atque in parlamento publice laudabo ut eius persona perpetim exilietur. (...).

8 Quintodecimo kalendas iunii, indictione xii [= 18 maggio 1149]. Nos, inquam Bononiensis populus, propter perpetratum foedus a Grasso de Randuino comissum, quod Ottolinum suum videlicet generum occulte nocte interfecit, iuramus predictum Grassum et qui cum eo conscii et participes fuerunt mortis prefati Octolini deinceps in perpetuum neque concives civitatis fore Bononie neque habitatores castri sive burgi sive ville vel cuiuslibet alterius loci territorii sive comitatus Bononiensis, eorumque bona in nullius bonis esse volumus set vacua semper atque deserta velut publicata et proscripta in commune totius populi Bononiensis civitatis permaneant (pubblicato in R. Ferrara, La scuola per la città: ideologie, modelli e prassi tra governo consolare e regime podestarile (Bologna secoli xii-xiii), in Cultura universitaria e pubblici poteri a Bologna dal xii al xv secolo. Atti del 2o Convegno. Bologna, 20-21 maggio 1998, a cura di O. Capitani, Bologna, 1990, p . 73-124, p . 87, n. 22.

9 G. Milani, Prime note su disciplina e pratica del bando a Bologna attorno alla metà del xiii secolo, in Mélanges de l’École française de Rome. Moyen Âge, 109, 1997, p . 501-523, p . 511.

10 Statuti pistoiesi del secolo xii, ed. N. Rauty, Pistoia, 1996, p . 163: Si cognovero aliquem civem alterum concivem studiose interfecisse, nisi pro se defendendo fecerit, si habuerit turrim vel partem turris meliorem casam ei faciam destrui et de civitate illum expellam et per quinquennium in civitate Pist(or)ia eum habitare non permittam nec in suis burgis nec infra tria miliaria prope civitatem, [me] sciente, nisi pacificatus fuerit cum eo cum quo litem habuerit.

11 Secondo un’altra rubrica dello stesso statuto pistoiese, chi avesse rotto un accordo di conciliazione o pace già stabilito davanti ai consoli, al podestà o ai rettori, ai vicini, o agli amici, o anche fatto semplicemente tra due persone, non avrebbe potuto abitare nella città, nei borghi e nel raggio di tre miglia. Statuti pistoiesi..., p . 141: Item si quis finem vel pacem ante consules vel potestatem aut rectores seu vicinos aut amicos, seu facta(m) inter se, studiose feriendo ruperit, non permittam illum habitare in civitate Pist(or)ia me sciente nec in suis burgis in meo dominio nec infra tria miliaria prope civitatem et puniam eum sicut infra de homicidio continetur, excepto quam de casa et turri.

12 E. Cortese, Legisti, canonisti e feudisti: la formazione di un ceto medievale, in Università e società nei secoli xii-xvi. Pistoia, 20-25 settembre 1979, Pistoia, 1982, p . 195-281, alle p . 212-214.

13 Questo elemento ha condizionato le ricerche sul bando, facendo attardare per molto tempo gli studiosi sul problema dell’origine romana o germanica di questo istituto. In particolare C. Ghisalberti, La condanna al bando nel diritto comune, in Archivio giuridico, 1960, p . 7-26, sostenne l’origine germanica, mentre D. Cavalca, Il bando nella prassi e nella dottrina giuridica medievale, Milano, 1978, p . 63-65, lo criticò, obiettando che esistevano pene romane molto vicine al ban-do.

14 Pillio trattò il punto in una rubrica del suo Libellus de preparatoriis litium et earum preambulis: Sed quid si ille contumax, etiam multa indicta, non veniat nec in ea prestanda pareat? Respondeo quod ponat eum in banno sue civitatis secundum loci consuetudine que pro lege habetur (citato in Ghisalberti, La condanna al bando..., p . 15).

15 La quaestio, che la Belloni, Le questioni civilistiche del secolo xii... cit. n. 3, p . 90, definisce «Azo A9» recita: Titius commisit delictum, propter quod deportatus est a potestate huius civitatis vel relegatus, qui multos habebat debitores. Debitores eius exacti sunt actione sue ciuitatis. Tandem Titius iste a nouo imperatore restitutus est. Interim uult conuenire debitores suos, licet iam exactos actione ciuitatis. Et intendit contra eos actionem, dicens eos non esse liberatos. Queritur an possit. È pubblicata integralmente, secondo la raccolta azzoniana che la contiene, in Die Quaestiones des Azo, ed. E. Landsberg, Friedburg, 1888, p . 65-69. Lo stesso Landsberg (p. 17) dimostra l’attribuzione a Bassiano che tuttavia la Belloni non riprende.

16 La tradizione è analizzata in D. Cavalca, Il bando nella dottrina e nella pratica..., p . 79 es.

17 Belloni, Le questioni civilistiche del secolo xii... cit. n.3, p . 92: Cum quidam a preside Prouinciarum uel potestate huius ciuitatis propter delictum suum deportatus esset, interim debitores ipsius a fisco exacti sunt. Ille postmodum a principe restitutus et ad debitores suos manus conuertens conuenire contendit. Queritur an possit. Die Quaestiones des Azo..., p . 65, riporta questo incipit come varian te. Sull’attribuzione di queste questioni, accenni in E. Cortese, Legisti, canonisti e feudisti... cit. n. 12, p . 214, n. 67 e p . 247, n. 191.

18 E. Cortese, Il diritto nella storia medievale... cit. n. 2, p . 177, n. 76. La costituzione, conservata nelle Consuetudines Feudorum, è riportata, tra l’altro in v. Colorni, Le tre leggi perdute di Roncaglia (1158) ritrovate in un manoscritto parigino (Bibl. Nat., Cod. Lat. 4677), in Scritti in memoria di Antonino Giuffré, I, Milano, 1967, p . 116, ma si può leggere anche in Friderici I Diplomata inde ab a. MCLVIII usque ad a. MCLXII., ed. H. Appelt, Hannover, 1979 (Monumenta Germaniae Historica, Diplomata Regum et imperatorum Germaniae, x, II), p . 29: Regalia sunt hec: (...) mulctarum penarumque compendia, bona vacantia, et que indignis legibus auferuntur, nisi que spetialiter quibusdam conceduntur, et bona contrahentium incestas nuptias et damnatorum et proscriptorum, secundum quod in novis costitutionibus cavetur, (...) et bona commitentium crimen maiestatis (...).

19 Accursi Florentini glossa ad Institutiones Iustiniani imperatoris (Liber I), ed. P. Torelli, Bologna, 1939, p . 11, glossa Retinent in Inst. 1.12, Quibus modis ius patriae potestatis solvitur: Nota differentiam inter huc relegatum et deportatum quo ad familiam, ut hic et supra proximo paragrapho (§ I). Item hic bona tenet, il non, ut ff. De interdictis et relegatis, l. I (D. 48.22.1). Item, hic civitatem retinet, ille non, De interdictis et relegatis, l. Relegatorum, § sive ad tempus (D. 48.22.7.3). Item quod hic ad tempus vel in perpetuum, ille autem tantuim in perpetuum deportatur, ut ff. De interdictis et relegatis, Relegati, et l. Relegatorum, § Hec differentia (D. 48.22.4). Sed in libertate non est differentia, nam uterque liber remanet, ut ff. De bonis dampnatorum, l. Sed si alia (D. 48.20.5, § 1). Sed bannitos nostri temporis quibus comparabimus? Respondeo si propter tantum maleficium est ut, etiam cum civitate, et bona sua publicentur, vel de iure, vel de consuetudine civitatum, tunc deportato comparabo, alias relegato, ut argumentum ff. De bonis dampnatorum, l. I (D. 48.20.1).

20 In un intervento ancora inedito, tenuto nel giugno 1998 presso il Circolo Medievistico Romano, Sara Menzinger affermava: «Benché in questo modo Accorso sottolinei il carattere penale del bando e non si esprima esplicitamente sulla condanna al bando come conseguenza per la mancata presentazione in giudizio del convenuto, tuttavia ne legittima indirettamente il ricorso tramite un’interessante operazione che mostra come l’accostamento del bando alla relegazione-deportazione divenga nella sua interpretazione funzionale, per diversi aspetti, alle esigenze dei tribunali comunali e non sia motivato semplicemente da una generica somiglianza dei provvedimenti in questione: sottolineando infatti un principio generale del diritto penale giustinianeo secondo il quale contro l’as-sente non è lecito irrogare una pena di grado superiore alla relegazione, Accorso da una parte autorizza la comminazione di una forma del bando anche in assenza del reo, ma contemporaneamente lascia aperta la possibilità dell’utilizzazione dello stesso principio per la condanna al bando per la sola contumacia. In altre parole configurandosi la relegazione come pena comminabile nel diritto romano anche in assenza, diveniva particolarmente adatta ad essere utilizzata allo stesso tempo come pena per l’assenza».

21 Il giuramento è pubblicato in A. Solmi, Le leggi più antiche del comune di Piacenza, in Archivio storico italiano, 72, 1916, p . 3-81, p . 63: Et omnes fructus redditusque possessionum illorum qui Placentiam exierunt et ex parte imperatoris sunt colligere faciam et in commune mittam, vel eas guastas manere faciam, salvo eo quod pro isto sacramento non cogas alicui domino vel creditori eorum contra rationem facere.

22 Nel trattato del 24 ottobre del 1169 la Lega aveva compiuto un ulteriore passaggio dichiarando che le persone che avessero aderito alla pars imperii sarebbero state cacciate dalle città e dai territori, mentre i loro beni sarebbero stati distrutti. Questa norma fu accompagnata da una serie di clausole preventive relative a questo punto, non solo ai proditores, ma ai loro favoreggiatori. Si dichiarò che non era consentito stringere accordi segreti con l’imperatore, essere spia vel guida ad dampnum nostre partis, inviare lettere e ambasciatori o ricevere doni da Federico. Gli atti del Comune di Milano fino al MCCXVI, ed. C. Manaresi, Milano, 1919, p . 99: Et si aliqua civitas vel ulla persona societatis adheserit parti imperatoris Frederici, ita quod sit contra hanc societatem nostram, ego bona fide operam dabo ad eum expellendum de suo habitaculo et res eius deguastandas nec ero ultra in consilio ut receptus sit a nobis, nisi comuni consilio omnium rectorum civitatum vel maioris partis; et si erit de mea civitate, bona fide operam dabo ut domus eius quam habuerit in civitate destruatur et de civitate expellatur.

23 A. Solmi, Le leggi più antiche..., p . 67: Et omnes fructus redditusque possessionum illorum qui cum imperatore ex Placentia exierunt et ex sua parte aut cum eo vel cum eius nunciis adhuc sunt colligere faciam et ad communem hutilitatem eos mittam, nec magne vel parve persone fraudem facere permittam, salvo iure et ratione alicui eorum domini vel creditori.

24 Albertus de Gandino, Quaestiones statutorum... cit. n. 3, p . 166-167: Sed pone questionem de facto. Quidam de parte ecclesie exiverunt civitatem propter timorem imperatoris; potestas illius civitatis compulit debitores illorum qui exiverunt solvere communi ex forma alicuius statuti. Facta pace, revertuntur dicti creditores et volunt convenire debitores suos, qui solverunt communi. Queritur quid iuris? (...) Solutio secundum Hodofredum et Albertum Papiensem et Guidonem de Suzara; scilicet quod reversi creditores poterunt convenire debitores (...).

25 Liber juris civilis Urbis Veronae, ed. B. Campagnola, Verona, 1728, p . 17.

26 A Verona, per esempio, nel 1239 furono banditi insieme ai conti di San Bonifacio più di novanta maschi adulti (G. B. Verci, Storia degli Eccelini, III, Bassano, 1779, p . 270-271). Il consiglio della parte della chiesa di Modena, bandita e rifugiata a Bologna, comprendeva, nel novembre del 1249, 74 individui (G. Tiraboschi, Memorie Storiche modenesi col Codice Diplomatico illustrato con note, v, Modena, 1795, p . 30). Per i dati nel periodo successivo all’arrivo di Carlo I d’Angiò si fa riferimento alle circa tremila menzioni presenti in M. A. Pincelli, Le liste di banditi e confinati da Firenze nel 1268-1269, in Bullettino dell’Istituto storico italiano per il Medioevo, 107, 2005, p . 283-482, e alle circa quattromila menzioni bolognesi ricavabili dal Liber del 1277 conservato in Archivio di stato di Bologna [d’ora in poi ASBo], Comune, Capitano del popolo, Ufficio del Giudice ai beni dei banditi e ribelli, Elenchi di banditi e confinati [d’ora in poi Elenchi], vol.3, reg. 2.

27 Per una visione d’insieme di questa fase occorre fare ancora riferimento a E. Jordan, Les origines de la domination angevine en Italie, Parigi, 1909. Per le vicende relative alle esclusioni v. G. Milani, L’esclusione dal comune cit. n. 1, p . 169-203.

28 Le lettere sono consultabili, per la Toscana, mediante il Codice diplomatico delle relazioni di Carlo I con la Toscana, ed. S. Terlizzi, Firenze, 1954, e, per uno sguardo alle altre regioni, attraverso i regesti di C. Minieri Riccio, Alcuni fatti riguardanti Carlo I d’Angiò dal 6 di agosto 1252 al 30 dicembre 1270 tratti dall’Archivio angioino di Napoli, Napoli, 1874.

29 Cfr. anche v. Mazzoni, Note sulla confisca dei beni dei ghibellini a Firenze nel 1267 e sul ruolo della parte guelfa, in Archivio storico italiano, 158, 2000, p . 3-28.

30 G. Milani, Dalla ritorsione al controllo. Elaborazione e applicazione del programma antighibellino a Bologna alla fine del Duecento, in Quaderni storici, 94, 1997, p . 43-74, p . 63-64.

31 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato... cit. n. 4, I, p . 202. Cfr. anche S. Raveggi, Protagonisti e antagonisti nel libero comune, in Prato. Storia di una città, sotto la direzione di F. Braudel, 1. Ascesa e declino del centro medievale (dal mille al 1494), a cura di G. Cherubini, Firenze, 1991, p . 613-736, p . 717.

32 M. Campanelli, Quel che la filologia può dire alla storia. Vicende di manoscritti e testi antighibellini nella Firenze del Trecento, in Bullettino dell’Istituto storico italiano per il medioevo, 105, 2003, p . 87-247, p . 128-131 e G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 173-178.

33 ASBo, Elenchi, vol.iv, c. 1.

34 ASBo, Elenchi, vol.III, reg. 2, c. 59.

35 G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 249-260.

36 Per un esempio, l’unica condanna riportata nel più antico registro giudiziario che contiene processi ai lambertazzi, conservata come nota marginale, re-cita: Condempnatus in.x. libris pro lambertacio (ASBo, Comune, Capitano del popolo, Esecutore e Conservatore di Giustizia, Giudici del capitano del popolo [d’ora in poi Giudici], reg. 1, c. 20. Cfr. G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 298, n. 18, p . 202.

37 Faccio uso in questa sede dei modelli desunti da M. Damaska, I volti della giustizia e del potere, Bologna, 1981.

38 M. Vallerani, Il potere inquisitorio del podestà. Limiti e definizioni nella prassi bolognese di fine Duecento, in G. Barone, L. Capo e S. Gasparri (cura di), Studi sul medioevo per Girolamo Arnaldi, Roma, 2001, p . 379-417, p . 384, ma v. ora idem, La giustizia pubblica medievale, Bologna, 2005.

39 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato... cit. n. 4, iv, p . 232-233.

40 Ivi, p . 233-240.

41 ASBo, Giudici, reg. 3, c. 8: Item quod aliqua persona non teneat in eius domibus, curiis vel curtilibus aliquem bannitum vel confinatum vel aliquem qui stetisset in civitate Faventiae..Vc. libras bononinorum cuilibet militi et.cc. libras bononinorum cuilibet pediti et plus et minus ad voluntate domini capitanei; et quilibet possit accusare contrafacientes, et medietas cuius banni sit comunis et alia medietas accusantis.

42 ASBo, Giudici, reg. 99, c. 22-24.

43 M. Vallerani, I fatti nella logica del processo medievale. Note introduttive, in Quaderni storici, 108, 2001, p . 665-693, p . 667. Cfr. supra n. 38.

44 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato... cit. n. 4, III, p . 231: Quod ipsi vel aliquis eorum non sunt expresse ghibellini nec expresse tenent aliquam partem.

45 ASBo, Giudici, reg.1, c.12: «Dominus Saxolinus (...) dicit quod tempore rumorum predictus Antonius veniebat cum ipso teste et filii [sic] suos ad plateam comunis ad defendum bonum statum comunis Bononie. Interrogatus si vidit eum trahere ad aliquam partem dixit quod ipse nec pater eius sunt homines qui habuerint intentionem suam ad dandum favorem alicui partium nisi ad defendendum comune Bononie».

46 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato... cit. n. 4, iv, p . 240.

47 Ivi, p . 216.

48 Sono dati rilevati in Campanelli, Quel che la filologia... cit. n. 32, p . 161-164, la cui ricostruzione è accolta in Pincelli, Le liste... cit. n. 26, p . 297-302. Questi studiosi non utilizzano, a titolo di confronto per la ricostruzione delle vicende fiorentine, i casi di Prato e di Bologna. Specialmente tra Firenze e Bologna sono numerosi i parallelismi ai più evidenti in entrambi i casi passarono più di due an-ni tra il momento della prima fuga di ghibellini e la compilazione di un registro di banditi e confinati che raccoglieva i nomi in modo chiaro e ordinato, frutto della sistemazione di liste precedenti. Nel corso di questi periodi, sia a Firenze (nel 1269), sia a Bologna (nel 1275) al vertice del comune si trovò il riminese Malatesta da Verucchio, fedele alleato di Carlo I d’Angiò, che da questo confronto sembra emergere come esperto nelle operazioni di schedatura e punizione dei nemici. In entrambi i casi si fregiò dell’appellativo di «vicario» che esprimeva il legame con il sovrano angioino.

49 Ad esempio, nel quartiere bolognese di porta Procola, i lambertazzi censitinel 1277 furono 1044, quelli censiti nel 1287, solo 806 (G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 278).

50 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato... cit. n. 4, II, p . 221-222; iv, p . 238-239.

51 ASBo, Comune, governo, riformagioni e provvigioni. Riformagioni del consiglio del popolo, vol.I/1, c. 37v, 51, 59.

52 ASBo, Elenchi, vol.III, reg. 2, c. 77, contiene una correzione al Liber del 1277 relativa a un giuramento del 1279. La pratica è confermata da ASBo, Giudici, reg. 86, c. 26. Cfr. G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 261.

53 Le liste dei giuramenti del 1280 sono conservate in ASBo, Elenchi, vol.4.

54 Le norme relative ai rientri sono conservate in ASBo, Giudici, reg. 97.

55 ASBo, Giudici, reg. 136, c. 101. Un cittadino accusato di essere lambertazzo si difese dimostrando con testimonianze quod illi quorum nomina que scripta sunt in libris bannitorum de parte lambertatiorum, comuni opinione hominum civitatis Bononie habentur pro bannitis de dicta parte, salvo quod non preiudicet illa scriptura alicui qui habet extimum et solvat collectas et est obediens comuni Bono-nie.

56 G. Milani, Dalla ritorsione al controllo... cit. n. 30, p . 49-53 e Idem, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 291-327. Per un confronto tra queste norme e quelle relative alle accuse per altri crimini, v. ora S. Menzinger, Giuristi e politica... cit. n. 2, p . 242-251.

57 R. Piattoli, I ghibellini del comune di Prato... cit. n. 4, iv, p . 233-234.

58 Ivi, p . 234: «Sia per le precauzioni prese dai trasgressori dello statuto, sia per il desiderio dei giudici di non infierire troppo, le più delle accuse di tal fatta si dimostrarono infondate».

59 G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 319.

60 Ivi, p . 305-306; 318-319.

61 S. Menzinger, Giuristi e politica... cit. n. 2, passim.

62 G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 268-277.

63 Questa spiegazione ipotetica sfiora il problema della relazione tra bando politico e crimen lesae maiestatis, e quindi della legittimazione del comune come autorità dotata di una maiestas passibile di lesione, che in questa sede non sarà affrontato. Per l’età medievale, si può ricorrere a C. Ghisalberti, Sulla teoria dei delitti di lesa maestà nel diritto comune, in Archivio giuridico, CXLIV, 1955, p . 100-179, e soprattutto a M. Sbriccoli, Crimen Lesae Maiestatis. Il problema del reato politico alle soglie della scienza penalistica moderna, Milano, 1974, in particolare alle p . 204-209.

64 E. Cortese, Legisti, canonisti e feudisti... cit. n. 12, p . 248, n. 195, ha criticato la tesi secondo cui l’assimilazione degli statuti alla consuetudine si sarebbe realizzata solo presso i commentatori trecenteschi sostenuta da Calasso.

65 Albertus de Gandino, Quaestiones statutorum... cit. n.3, p . 167: Item isti qui aufugerunt delinquerunt, et patriam suam relinquerunt ut ff. de re militari, l. qui excubias et l. desertorem (D. 49.16.10 e 3).

66 D. 49.16.10: Qui excubias palatii deseruerit capite punitur.

67 Come si ricava dal passo del Digesto appena citato, la pena prevista per la diserzione era quella capitale. L’uso di questo argomento, per quanto strumentale, stabiliva un’implicita equiparazione dell’esercito comunale a quello dell’impero romano e della capacità imperiale di punire i disertori a quella comunale di esercitare una ritorsione contro i fuoriusciti.

68 Albertus de Gandino, Quaestiones statutorum... cit. n. 3, p . 167-168: Sed pone questionem de facto. Quidam expulsus fuit de civitate sua, ut fit ratione partium que sunt in Lombardia; et ex forma statuti omnia bona sua sunt publicata. Quidem accidit quod quidam debitor meus fuit expulsus extra terram pro parte; invenio eum in alia civitate: volo ipsum convenire ad id debitum solvendum; numquid possim?

69 Ivi, p . 168: Solutio: dicit dominus Guido de Suzara quod si alie allegationes non ipsi iuvarent, prime non valerent; sed ita putat esse distinguendum: aut publicata sunt omnia sua bona, certe extinta est actio in solidum, ut ff. de capite diminutis, l. tutelas (D. 4.5.7); aut pro parte sunt bona publicata et tunc pro parte est extincta actio, ut C. de fideiussoribus l. I. (D. 8.41.1), sed fiscus tenetur respondere creditoribus in solidum si totum pervenit ad eum; sed si parva pervenit in parte tenetur ut C. ad legem Juliam de vi publica, l. tutoris (D. 9.12.2).

70 U. Nicolini, Un consilium inedito di Guido da Suzzara e la lotta politica a Perugia al tempo di Corradino, in Annali di storia del diritto. Rassegna internazionale, 8, 1964, p . 349-355; S. Menzinger di Preussenthal, La pena del bando tra la fine del secolo xii e l’inizio del xiv, Tesi di laurea, Università di Roma «La Sapienza», a. a. 1995-1996, Relatore prof. Girolamo Arnaldi, p . 115-137.

71 Ivi, p . 131-133.

72 La glossa è edita in P. Torelli, Sulle orme di Guido da Suzzara, in Scritti di storia del diritto italiano, p . 309, citato in S. Menzinger di Preussenthal, La pena del bando..., p . 136.

73 v. S. Caprioli, La miscellanea romana dell’archivio di stato (Ms. 1004), in Studi sulle «quaestiones» civilistiche... cit. n. 3, p . 139: Quaestio talis est. In civitate Pistorii sunt partes, secundum quod sunt quasi in omnibus civitatibus Tuscie. Contingit quod una pars aliam expulit de civitate et illi qui recesserunt de civitate multos habebant debitores qui in civitate remanserunt. Modo isti debitores per iussum magistratus soluerunt pecuniam quam tare tenebantur illis qui recesserunt. Processu temporis facta est pax; et sic reversi sunt in ciuit(atem) et restituti sunt ad iura sua. Modo ipsi uolunt conuenire illos suos debitores qui iussu magistratus soluerunt; ipsi autem debitores dicunt se liberatos esse. Queritur an possint. Solutio. Dico quod isti debitores non sunt liberati set bene possunt conveniri, non obstante illa solut(ione). Et hoc per l... et C. de solut(ionibus). L.inuito cum suis similibus. Guido de Suz(aria).

74 S. Menzinger di Preussenthal, La pena del bando..., p . 134.

75 Iacobi de Arena, Tractatus de bannitis, in Praeclarissimum ac imprimis omnibus iurisperitis per necessarium ac utilissimum omnium tractatum criminalium, Venezia, 1556, par. 17: Alii tamen dicunt (...) quod bannitos licet impune occidere (...) et ita consuluit Guido de Suza.

76 Iacobi de Arena, Tractatus de bannitis..., par. 1 e 2, citato in S. Menzinger di Preussenthal, La pena del bando... cit. n. 70, p . 152.

77 In altre parti, il trattato di Iacopo dell’Arena costituisce la prima grande revisione dell’equiparazione del bando con la deportatio iniziata già da Azzone (o da Giovanni Bassiano) e culminata in Accursio. Iacopo affermò che tale categoria non poteva essere applicata perché mentre al deportato era proibita la presenza in tutti i luoghi tranne che in quello della deportazione, con il bandito avveniva il contrario, poiché gli era consentito di soggiornare ovunque tranne che nella città e nel territorio dal quale era stato escluso.

78 Iacobi de Arena, Tractatus de bannitis..., par. 16.

79 Albericus a Rosate, Commentarium de statutis ... cit. n. 3, f. 2v: An pars expulsa de civitate, sicut saepe fit in Italia possit facere statuta et eligere sibi rectorem. Ia(copus) de Are(na) tenet quod sic. Nam plebs in civitate romana recessit a patribus et fecit plebiscita. Iust. De iure, nam § plebiscitum, et hoc tenet ipse Iac(opus) de orig. Iur. L. 2. § deinde cum esset in civitate (...). v. il notabile in D. 1.2.2.6, in Iacobus de Arena, Commentarii in universum ius civile, Bologna, 1971 (ed. anast. dell’ed. Lione, 1541), f. 63v, col B: Nota argumentum pro secedentibus pro parti-bus ut non perdant legitimam potestatem quam habebant ante quod secederent: et ideo sibi potestatem possunt eligere et statuta facere ut infra eo ‘hiisdem versi’(D. 1.2.2.20).

80 M. Sbriccoli, «Vidi communiter observari». L’emersione d un ordine penale pubblico nelle città italiane del secolo xiii, in Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno, 27, 1998, p . 231-268, alla p . 267.

81 Albertus de Gandino, Quaestiones statutorum... cit. n. 3, p . 167: Sed quid de questione que fuit Parme de facto? Quidam milites erant in civitate illa, qui habebant fictuales, qui tenebantur dare illis militibus certos redditus: postea civitas illa habuit guerram cum alia civitate; milites isti iverunt ad civitatem inimicorum et sic contra suam civitatem: isti fictuales solverunt potestati, iussu ipsius potestatis; et violenter, facta pace, reversi sunt et petunt fictum a dictis fictualibus preteritum, scilicet pro tempore quo fuerunt in guerram, non obstante quod potestas exegit ab eis. Modo queritur quid iuris?

82 Ivi, p . 167: Solutio: distingue, utrum per violentiam potestas extorserit redditus ab eis, aut iure magistratus. Si per violentiam extorsit, tunc dicitur facere iniuriam et non sunt liberati rustici: habebunt tamen actionem iniuriarum contra potestatem, argumento ff. de iniuriis, l. nec magistratibus (D. 47.10.32). Sin autem iure magistratus, puta quia tale statutum erat in civitate et tunc potuit iure extorquere ab eis ratione statuti, vel forte quia milites fuerunt vocati et noluerunt venire, et tunc sunt liberati. Bene dixi quod illud potuit facere ratione statuti, quia quelibet civitas potest ius statuere, ut ff. de iustitia et iure, l. omnes populi (D. 1.1.9); et ad idem facit ff. communi dividundo, l. si is cum quo (D. 10.3.20), et similiter possit solvere superiorem questionem.

83 Ivi, p . 183: Sed numquid bampnum perpetuale possit dari alicui secundum consuetudinem Longobardorum etiam lite non contestata, si accusatus fuerit aliquis de maleficio et ipse qui fuit accusatus non venit? Dic quod sic, quia iudex potest tueri iurisdictionem suam penali iuditio, ut ff. si quis iusdicenti non obtemperaverit, l. I. in principio (D. 2.3.1.) et maxime secundum Accursium, qui dixit quod usque ad relegationem potest ferri sententia in absentem, etiam lite non contestata, ut ff. de penis, l. Absentem § I. (D. 48.19.5); et hoc bampnum loco rebellionis succedit.

84 Albertus de Gandino, Tractatus de maleficiis, in H. Kantorowicz, Albertus Gandinus und das Strafrecht der Scholastik. II. Die Theorie, Berlino, 1926, p . 130-131: De bannitis. Qui Alberto citò il commento di Accursio alle Istituzioni che prevedeva la possibilità di punire in assenza solo i relegati, non i deportati. Più oltre (alla rubrica De citationibus) egli affermò che il bandito poteva essere citato in giudizio se la pena era la relegatio.

85 Ivi, p . 129-130, Quid agendum sit reo absente et contumace: Sed hodie de consuetudine generali non observatur contra contumaces, quod dicitur de annotatione bonorum et quod accusatus expectetur per annum, immo, cum fuerit citatus solemniter, ponitur in banno communis et potestatis et postea super illa accusa et banno condemnatur, et ita servatur in Lombardia, Marchia, Tuscia, et alibi per totam Italiam. A proposito di questo passaggio, S. Menzinger di Preussenthal, La pena del bando... cit. n. 70, p . 160, n. 206, ha opportunamente criticato l’interpretazione di D. Cavalca, Il bando nella prassi e nella dottrina... cit. n. 13, p . 165, che aveva interpretato la tensione individuata da Alberto con l’espressione sed hodie non come quella esistente tra il diritto romano e quello statutario, ma come quel-la tra una pratica più antica e una più moderna.

86 Albertus de Gandino, Quaestiones statutorum... cit. n. 3, p . 183: Sed pone quaestionem. Aliquis requisitus est pro maleficium quod dicebatur fecisse; aufugit; datum est ei bampnum et bona sunt publicata et condempnatus est capitaliter secundum statuta civitatis; post longum tempus venit et petit audiri super bampno capitis; numquid debeat audiri? Respondeo: de consuetudine non auditur, pe l. C. de assessoribus, l. consilia (Inst. 51.3) ibi «cum professo» et cet. Et ff. de sospectis tutoribus, l. impuberibus (D. 36.10.7). Sed dic de iure audiri, quia absens ultra penam relegationis condempnari non potest, ut ff. de penis, l. absentem (D. 48.17.4) in fine, C. de requirendis reis, l. II (C. 9.40.2); sed bona debent adnotari, ut ff. de requirendis reis, l. I. II. Et II. Et l. annus (D. 48.17.1-4) in fine.

87 Per esempio ivi, p . 209, in una quaestio relativa a un omicidio.

88 M. Vallerani, Il potere inquisitorio del podestà... cit. n. 38, p . 384. Idem, La giustizia pubblica... cit. n. 38, p . 39-53 e 95-100.

89 E. Conte, Federico I Barbarossa e il diritto pubblico giustinianeo, in Federico I Barbarossa e l’Italia nell’ottocentesimo anniversario della sua morte. Atti del convegno, Roma, 24-26 maggio 1990, in Bullettino dell’Istituto storico italiano per il Medio Evo, 96, 1990, p . 237-259, alle p . 250-257.

90 Franceso d’Accursio risulta confinato fuori dal contado e dal distretto della città nel 1277, ma già assolto nel 1280 (ASBo, Elenchi, vol.III, reg. 2, c. 53).

91 Tommaso dei Maloxelli appare bandito nel 1277 (ASBo, Elenchi, vol.III, reg. 2, c. 64), ma fornisce consilia a partire dagli anni Ottanta.

92 Martino Solimani non appare nel Liber del 1277 ma è nominato in una petizione degli studenti a cui il comune da corso l’8 giugno 1280, in cui si chiede che esso possa tornare a Bologna e non essere molestato (ASBo, Comune, Governo, Riformagioni e provvigioni, Riformagioni del consiglio del popolo, vol.I/1, c. 39).

93 Alberto Sabbatini compare nella stessa petizione in cui appare Martino Solimani, ma anche in una riformagione del dicembre 1274 in cui si stabilisce che venga rilasciato dai confini (ASBo, Comune, Governo, Riformagioni e provvigioni, Riformagioni del consiglio del popolo, vol.I/1, c. 37v).

94 Federico dalle Scale risulta confinato in città nel 1277 (ASBo, Elenchi, vol.III, reg. 2, c 72v). In una riformagione del 12 agosto 1283 viene decretato di parte geremea (ASBo, Comune, Governo, Riformagioni e provvigioni, Riformagioni del consiglio del popolo, vol.I/1, c. 39v).

95 Accarisio di Viviano Toschi risulta confinato in città nel 1277, ma giura prima del 1280 (ASBo, Elenchi, vol.III, reg. 2, c. 58, 77v).

96 Tommaso di Piperata degli Storlitti risulta bandito nel 1277 (ASBo, Elenchi, vol.III, reg. 2, c. 49v).

97 A titolo di esempio si veda il consilium di Federico dalle Scale edito in appendice a Gli Ordinamenti sacrati e sacratissimi colle riformagioni da loro occasionate e dipendenti (sec. xiii), ed. A. Gaudenzi, Bologna, 1888. L’attività consulente di Accarisio di Viviano Toschi è passata in rassegna in G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 359.

98 Tra loro Lambertino Ramponi, Brandelisio dei Gozzadini, Alberto di Odofredo, Rolandino Romanzi, Pace de Paci, Basacomare Basacomari, Giuliano di Cambio Graziadei.

99 ASBo, Giudici, reg. 99, c. 87: Iohannes de Predamala notarius cappelle sancti Ysahia iurat denuntiat et accusat Filipum et Iacobum fratres et fili quondam Amadoris de Ponticlo de cappella sancti Stephani qui olim consueverunt esse de cappella sancte Marie de Castrobrittonum, quos dicitur esse de caxale illorum de Ponticlo, quem caxale fuit nominatum inter caxalia confinatorum de lambertazzis quibus preceptum fuit ire ad confinia sub pena averis et persone et ipsos evitasse ire ad confinia secundum formam reformationum, ordinamentorum factorum super ipsis confinatis et caxalibus confinatorum mittendis ad confinia, stando in civitate Bononie publice in domo domini Rizardi de Beccadellis contra formam reformationis de hoc loquentis et bannorum impositorum per civitatem ex parte dominorum potestatis et capitanei, quare petit eius premium et condempnationem secundum formam dicte reformationis et dictorum bannorum.

100 ASBo, Giudici, reg. 99, c. 87: Pregolarius nuncius comuni Bononie retulit mihi notario se preceptavisse personaliter suprascripto Iohanni de Predamala quod incontinenti venire coram predictum dominum Robertum [il giudice] ad postulationem Bonfantinum Petrizoli cappelle sancti Blaxii qui offeret se ad defensionem suprascriptorum accusatorum et paratum satisdare secundum formam iuris. Dicit dictus Bonfantinus se debere admitti ad defendendum predictos, paratum eos defendere, et pro eis satisdare secundum quod de iure debet.

101 ASBo, Giudici, reg. 99, c. 87v: Suprascriptus Iohannes accusator dicit dictum Bonfantinum don debere admitti ad predictum et si admitti contingit dictum debere satisdare et principalem personam facere.

102 Ibidem: Conscilium mei Thomaxinui condam domini Guidoni Ubaldini legum doctoris super suprascriptis postis, Dei nomine invocato, est tale: quod, (...) amittitur a iure ad defentionem absentis etiam qui alias iuri comuni ydoneus non est ea ratione, quia iustius talem admittere defensorem quam absentem et indefensum gravi condempnatione afficere, predictis omnibus consideratis scilicet quod defensor (...) admittatur prestita ydonea satisdatione ab eo ad voluntatem iudicis.

103 G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 359-361.

104 I registri che danno conto dell’attività di Alberto Gandino presso il tribunale del capitano del popolo di Bologna nel semestre ottobre 1294-marzo 1295 sono: ASBo, Giudici, reg. 257, 259, 260, 261, 266, 268. Il processo di cui si tratta in questo paragrafo risulta spezzato tra numerosi registri: ASBo, Giudici, reg. 236, per la parte svoltasi nel semestre precedente all’entrata in carica di Alberto Gandino, e ASBo, Giudici, reg. 259, 266, per la parte condotta da Alberto. Un regesto dell’attività di Gandino a Bologna nello stesso semestre è in H. Kantorowicz, Albertus Gandinus und das strafrecht der Scholastik. I. Die Praxis, Berlin, 1907, p . 397-401. Considerazioni sull’attività di Gandino presso altri tribunali in M. Vallerani La giustizia pubblica medievale cit. n. 38, p . 51-52.

105 ASBo, Giudici, reg. 236, c. 22: Proponit coram vobis Galvano de Bonazuntis, honorabili capitaneo populi Bononie, Rolandinus Falconis, procurator Ricardini quondam domini Ricardini de Ponticlo de cappella sancte Marie de Castro Brittonum et curator Nicolai sui filii, quod ipsus Ricardinus et Nicolaus iuraverunt partem ecclesie et ieremensium civitatis Bononie tempore quo utraque pars erat in civitate Bononie, post reditum quem pars lambertaciorum fecit in civitatem Bono-nie et quod haberi debent pro ieremensibus secundum formam statuti populi positi in quarto libro statutorum populi, sub rubrica ‘de hiis qui iuraverunt partem ecclesie et ieremiensium civitatis Bononie’, quod in civitate stant, quod omnes et singuli, et quod predicta apparent publicis et manifestis instrumentis et sentencis super hiis factis et latis. Proponit etiam quod non requireretur ab eis per dominum Florinum de Ponte Carare, olim capitaneum populi Bononie quod securitatem prestarent tamquam confinati partis lambertaciorum.

106 Si trattava di Alberto di Odofredo, Basacomare Basacomari, Gardino Gardini, Tommasino di Guido Ubaldini.

107 Il giudice consulente era Giuliano di Cambio Graziadei.

108 ASBo, Giudici, reg. 236, c. 23v.

109 ASBo, Giudici, reg. 236, c. 29: Coram vobis domino Galvano de Bonaiuntas capitaneo populi Bononie dicit et proponit Zanochus quondam domini Iacobi de Artinisiis quod per vos dominum capitaneum pronuntiatum est de consilio sapientum (...) ipsam pronuntiationem et sententiam nullam esset et fuisset, si qua est vel fuit, dicit (...) eam revocandam et retractandam esse et annullandam ope restitutionis cum lata fuerunt per errorem et per falsas probationes et falsas allegationes et pro prevaricationem obmisis bonis probationibus et falsis et malitiosis productis, et per vos pronuntiari debet securitates ab eis datas vel eorum nomine valere et tenere, et ipsos debere stare ad confina ordinananda vel ordinata secundum for-mam statutorum ordinamentorum, reformationum comunis et populi Bononie.

110 ASBo, Giudici, reg. 236, c. 24; 29-31.

111 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 2r: Die iovis septimo mensis octubris. Dictus iudex statuit terminum Albertino Franchi procuratori Ricardini de Ponticlo de hic ad die sabati proximi ante tercias, ad accipiendum copiam et deliberandum et respondendum petitioni porecte per Zanotum de Artenisiis, alioquin dictus iudex procedat secundum iuris ordinem; que petitio est in actis Lucche olim notarii capitanei precedentis.

112 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 2v: Die sabati nono mensis octubris. Dicit Albertinus Francoli, procurator domini Ricardini de Ponticlo, procuratorio nomine pro eo, ei dilationem.x. dierum ad respondendum dicte petitioni ordinari debere, secundum formam statutorum communis Bononie que loquitur de vocatis in iure et venientibus. Et fuit ante tercias. Die lune.xi. octubris. Dictus Albertus produxit instrumentum procurationis dicti domini Ricardini scriptum manu Michaellis Guidonis de Fuschis notarii.

113 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 2v: Die lune.xi. octubris. Ad que [la richiesta di Albertino trascritta nella nota precedente] respondit dictus Zanotus de Artenesiis dilationem decem dierum non esse ordinanda secundum formam statutorum de quo facit mencionem pars adversa, sed secundum arbitrium iudicis, cum dicta causa debeat expediri infra .xx. dies utiles secundum formam statutorum nostrorum. Et statutum qui loquitur de dilatione danda decem dierum ad respondendim libello non habet locum in isto casu. Dictus iudex statuit terminum Albertino Franculli procuratori domini Ricardini predicti ad opponendum petitioni precedenti per Zanotum de Artenesiis, quandoquid vult inter hodie et cras, omnes exceptiones quas obponere vult in dicta petitionem.

114 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 2v.

115 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 3.

116 I tre sapientes furono Guglielmo Rombodevini, Lazzaro de Lazzari, entrambi dottori, e Francesco de Gatti, giurisperito.

117 La sentenza del giudice al sindacato, emessa il 14 ottobre 1294 è edita in H. Kantorowicz, Albertus Gandinus und das strafrecht der Scholastik, I. Die Praxis... cit. n. 103, p . 200-201: Super quintodecimo libello, dato d. Luche, olim notario dicti domini Ghalvani, per Zanochum olim domini Iacopini de Artinixiis, qui petiit ipsum condempnari, quia dolose et malitiose et fraudolenter et contra veritatem scribere debuit in actis suis quandam sententiam et pronuntiationem latam super quamdam petitionem datam per Rollandum Falchonem procuratorem Richardini de Ponteclo et curatorem Nicholay filii dicti Richardini, ut in dicto libello continetur, etcetera, consullunt quod per dictos sindicos dictus d. Lucha condempnetur in libris quinquaginta, quia plus scripsit quam debuerat in dicta sententia, et actis non apparead (sic) autoritate capitanei vel iudicis hoc fecisse.

118 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 3: Furono così posti agli atti una sentenza, evidentemente favorevole a Riccardino, emanata al termine di un processo che lo aveva coinvolto in precedenza, un elenco di quattro persone che avevano testimoniato nel corso di quel processo, uno strumento non meglio specificato, un altro dal quale si evinceva che Riccardo aveva addirittura svolto le funzioni di rappresentante legale di un altro cittadino, un’ulteriore sentenza e alcuni strumenti relativi a un’inquisizione condotta contro Riccardino.

119 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 4.

120 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 4.

121 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 7. Il consilium fu dato da due giudici: Alberto Panzoni e Alberto de Calzina.

122 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 5v: Die veneris die predicta. Protestationi facta per Terzolinum condam domini Mathioli de Artenisis respondit dictus dominus Albertus iudex se non teneri facere que petitiones nec probationes adiunte iuxta for-mam consilii sive sententie date per dominos Albertum de Panzonibus et Albertum de Calzina, et per eum iudicem pronunciare et ex rationibus contentis in dicti conscilio vel sententia, ut sibi videtur. Et si de dicta responsionem dubitant, paratus est eis facere consilium sapientium.

123 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 5v.

124 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 6r: Dicit Trizolus, et excipiendo proponit contra defensiones propositas per Dumelde Raymundini defensorem Ricardini de Ponticlo, Ricardinum de Ponticlo fuisse et stetisse in civitate Faventie cum inimicis et rebellibus comunis Bononie de parte lambertaciorum post secundam expulsionem partis lambertaciorum civitatis Bononie; et etiam, post iuramentum quod dicitur prestatus per ipsum Ricardinum, prelliasse una cum aliis hominibus de parte lambertaciorum civitatis Bononie contra homines partis Ecclesie et ieremensium civitatis Bononie, in platea et super plateam comunis Bononie, tempore dicte secunde expulsionis. Procuratus fidem facere de predictis dicens se debere admitti ad predicta probanda. Et predicta dicit volens defendere ius comunis et iurisditionem et officium iudicis (corsivo mio).

125 Tra gli argomenti delle parti si rileva la medesima distanza che appare tra i fatti che emergono nel processo accusatorio e quelle cercati nel modello inquisitorio così come è stata messa in rilievo in M. Vallerani, La giustizia pubblica medievale... cit., p . 75-101.

126 ASBo, Giudici, reg. 259, c. 6v.

127 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 9: In Christi nomine et beate Marie virgini gloriose. Consilium domini Guillelmi de Rombodevinis legum doctoris et Bonvilani de Thedrisis super postis factis inter Terzolinum de Artinixiis ex una parte et Demelde procuratorem Ricardini de Ponticlo ex alia super eo quod dicebatur se debere admitti ad probandum contra defensionem Ricardini predicti secundum quod in posta sua continetur est tale: videlicet quod dictus Terzolinus non admitatur ad probandum, super eo vero quod quis consilium domini Alberti de Panzonibus et Alberti de Calcina sit contrario imperio revocandum consulunt sapientes predicti quod non revocetur, salvo quod predicta non preiudicetur causam restitutionis inchoate.

128 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 10v: In Christi nomine amen. Conscilium do-mini Franceschi de Gatto et mei Pasipoveri domini Catelani Bayoli super postis exceptionibus seu replicationibus scriptis per dominum Zanochum condam domini Iacobini de Artenisiis, et Abertinum Francoli procuratorem domini Riccardini domini Riccardini de Ponticlo et Nicolay sui filii procuratorio nomine pro eo, et curatorio nomine dicti Nicolay ocasione petitionis porecte per dominum Zanochum coram domino Galvano de Bonazuntis capitaneo populi Bononie est tale: silicet quod in dicta petitione procedatur in ea parte petitionis in qua fit menzio de nullitate dicte sententie et pronunciationis ipsius sententie et ipsos teneri stare ad confinia ordinata per commune Bononie et persona ipsius Zanochi esse legiptima in predicta parte petitoris, salvo quod teneatur et debeat declarare in sua petitione in quo fuit lata per errorem et in quo per falsas alegationes et probationes et per prevaricationem (...). Et hoc maxime cum intersit rey publice pluries habere defensiones, et non appareat in aliqua parte actorum productorum comune Bononie super predictis fore legiptime defensum. Et quod non procedatur in ea parte petitionis in qua fit menzio quod petit restitutionem in terzum et in ea parte petitionis personam dicti Zanochi non esse legiptimam.

129 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 13.

130 Ibidem.

131 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 14.

132 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 16.

133 ASBo, Giudici, reg. 266, c. 18.

134 F. Martino, «Quaestiones» civilistiche disputate a Bologna negli ultimi decenni del secolo xiii. Studio sui manoscritti Leipzig, U.B., 992 e Paris, B.N., Lat. 4489, in Studi sulle «quaestiones» civilistiche... cit. n. 3, p . 233-234: Cauetur in statuto huius civitatis quod si aliquis de parte Lambertatiorum decedat relictis filiis, qui sint vel fuerint in civitate Fauentie, siue decedat intestatus sive testatus, etiam quocumque ciue cuiuscumque conditionis herede relicto, bona sua deueniant in communi Bononie. Accidit quod quidam de parte predicta decessit relictis nepotibus ex filio vel ex filia in civitate Fauentie, facto testatmento.Iste institutus te-net et possidet bona. Potestas Bononie existens extra territorium fecit sindicum ad agendum; postea constitutio illius sindici confirmata fuit a decurionibus uel conscilio Bononie; uel de conscilio, absente potestate, fecerunt sindicum et illa constitutio sindici confirmata fuit per potestatem; uel pone quod non fuit confirmata. Modo quero quis sindicatus ualeat et an omnes. Item an in principali questione commune Bononie debeat obtinere uel subcumbere.

135 Ivi, p . 235: Solutio: dicebat dominus Franc(ciscus): si tu queras an appellatione filii contneatur nepos ita dico: aut hoc nomen filii profertur ab homine aut a lege, si ab homine aut... aut... Si a lege aut... aut...si proferatur ab ascendenti... Si autem ab alio... Si autem proferatur a lege.. Si autem de odio... Si vultis tenere opinionem domine mei, potestis, sed si velitis possetis aliter dicere, quod crederem verius. Ita responde et dicas quod appellatione filii non continetur nepos...

136 A. Romano, Aspetti dell’insegnamento giuridico nelle università medievali... cit. n. 3, p . 116: Item quero tres questiones simul quia eiusdem sunt materie. Quidam notarius fecit falsum instrumentum sed in ipso instrumento omis(s)it locum apponere, vel diem, vel aliquod aliud, propter quod instrumentum non valet; vel ponamus statutum est Bononie quod nullus conficiat instrumenta super alienationibus que fierent per aliquem de parte Lambertatiorum. Aliquis super talibus rebus confecit instrumentum; tamen non fecit illud registrari ad cameram communis sicut ex forma alterius statuti requirebatur et sic non valebat. Vel pone quod aliquis scienter deposuit falsum testimonium in aliqua causa tamen non iuravit solemniter, vel deposuit falsum ultra capitula et sic in hoc dictum eius non valet (...).

137 Per alcuni esempi di processi per false alienazioni, v. ASBo, Giudici, reg. 5-6. Sul rientro dei lambertazzi del 1279, v. G. Fasoli, La pace del 1279 tra i partiti bolognesi, in Archivio storico italiano, 2, 1933, p . 49-75.

138 Per tutti questi aspetti, si rimanda a G. Milani, L’esclusione dal comune... cit. n. 1, p . 377-442.

139 Su Alberico da Rosciate v. almeno L. Prosdocimi, Alberico da Rosciate, in Dizionario biografico degli Italiani, I, Roma, 1960, p . 656.

140 Albericus a Rosate, Commentarium de statutis... cit. n. 3, f. 81v: In Italia sepe occurrit quaestio talis. Una pars expulit aliam de civitate, pars intrinseca eligit potestatem in civitate. Iste potestas vult procedere contra expulsos et ex contumacia bannire. Queritur an possit?

141 Ivi, f. 81v: Solvendo distinguit aut pars expulsa fuit expulsa suo dolo vel culpa, aut dolo vel culpa intrinsecorum. Primo casu, si civitati sint contumaces, potestas procedere possit contra eos secundum formam iuris vel statutorum et consuetudinum civitatis (...). Secundo casu, quando dolo vel culpa partis intrinsece sunt expulsi, tunc potestas non possit contra eos secundum formam statutorum procedere mulctando vel banniendo, vel alio modo. Imo si expulsi sederentur per intrinsecos praescriptione vel alio modo, restituentur, cum iusto metu absint, ut prolatum est supra.

Notes de fin

1 Dato l’intervallo trascorso tra il momento della scrittura e l’uscita di questo saggio è risultato impossibile aggiornare in maniera completa la bibliografia senza compromettere la struttura del lavoro. Si è cercato pertanto di limitare questi interventi allo stretto indispensabile.

© Publications de l’École française de Rome, 2007

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540