Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

La Réforme en France et en Italie

 | 
Philip Benedict
, 
Silvana Seidel Menchi
, 
Alain Tallon

Session VI. L’Organisation de la répression de l’hérésie et son efficacité

La repressione della Riforma in Italia durante il Cinquecento

Andrea Del Col

Texte intégral

1Quali furono l’organizzazione, gli obiettivi e l’efficacia dell’Inquisizione nella repressione della Riforma in Italia è un argomento pluriforme che va contestualizzato nel problema più generale del fallimento della Riforma nella nostra penisola. Il rinnovamento religioso di stampo protestante in Italia non fu semplicemente una moda elitaria e passeggera importata dal Nord Europa, ma un vasto movimento che rielaborò le nuove dottrine a livello teologico e pratico per rispondere alle aspettative ed esigenze dei va-ri strati sociali coinvolti. Lo sviluppo della «teologia del quotidiano» dal basso, cioè negli strati intermedi della società, negli anni ’40 del Cinquecento non precluse l’alta qualità dottrinale del fondamentalismo biblico e delle questioni teologiche più importanti, che continuarono ad esser proposte nella predicazione, nei libri e nelle discussioni in pubblico e in privato, anche se sono meno rappresentate nei verbali processuali. Il vario e complesso movimento riformatore ebbe scarsa volontà di realizzazione pubblica – su un piano propriamente politico – non tanto per la debolezza morale degli aderenti, per il loro «nicodemismo», quanto per lo spiritualismo esoterico valdesiano che informò il notevole gruppo di alti prelati «spirituali», i quali consideravano la religione un rapporto intimo e personale con Dio, implicando in tal modo la poca rilevanza dei dogmi, della vita liturgica e delle pratiche esterne.

  • 1 Queste questioni sono ampiamente trattate nelle relazioni di Susanna Peyronel Rambaldi, Federica Am (...)

2La base sociale del movimento riformatore in Italia si allargò notevolmente negli anni ’40, in seguito ad una volontà di diffusione della Riforma – su un piano culturale – che si può cogliere nella circolazione dei predicatori, nell’impegno di tradurre, scrivere e produrre libri evangelici, negli sforzi di collegare i gruppi e gli individui e in alcuni tentativi di creare le condizioni politiche e diplomatiche per l’affermazione pubblica delle nuove concezioni religiose in qualche Stato italiano. Questo avvenne in particolare a Mode-na, Lucca e Venezia, con l’adesione di parte del patriziato soprattutto a Lucca, ma i gruppi al potere non furono mai molto coinvolti e la leadership dello sfrangiato movimento riformatore restò nelle mani di intellettuali, di alti prelati e di professionisti, che pur raccolsero un notevole seguito tra gli artigiani e gli strati medio-bassi della società1.

3Il problema di fondo potrebbe allora essere posto in questi ter-mini: quali furono i fattori che rallentarono e fermarono l’espansione sociale della Riforma in Italia nei decisivi anni ’40-’50 e – questione cruciale – ne mantennero sostanzialmente lontani i patriziati e la nobiltà che detenevano il potere politico e sociale? Il dominio diretto della Spagna nell’Italia meridionale e insulare e nel Ducato di Milano, con la connessa egemonia sugli altri Stati italiani, fu certo importante, anche se nei Paesi Bassi il dominio spagnolo, l’utilizzazione di un forte esercito e una dura repressione religiosa e politica si mostrarono inefficaci contro l’ampio movimento sociale, religioso e politico che portò le sette province settentrionali all’indipendenza e al protestantesimo alla fine del Cinquecento. Ma forse più importante fu la presenza dello Stato pontificio al centro della penisola, la funzione di capo dottrinale e amministrativo del vescovo di Roma nella Chiesa cattolica e la sua conseguente supremazia o «protettorato» spirituale e culturale sull’Italia. Nella storia generale dell’Italia moderna il peso del papato è stato sempre considerato rilevante, più marginale invece il posto della prima e più importante delle Congregazioni, quella del Sant’Ufficio, un sistema centralizzato di controllo con a capo lo stesso pontefice e i cardinali da lui nominati.

4In questo insieme di fattori sociali, politici e politico-religiosi che può spiegare il fallimento della Riforma in Italia, il rilievo che ebbe l’Inquisizione, un organismo repressivo ecclesiastico appoggiato dagli Stati con una forte presa sulla società, va adeguatamente valutato sul piano delle strutture, dell’attività concreta e della sua efficacia a medio e lungo termine. Tra i fattori ecclesiastici e culturali d’altra parte è bene considerare quanto il cattolicesimo rinnovato abbia meglio risposto alle esigenze delle élites sociali e politiche italiane e degli strati sociali in ascesa. La vera riforma italiana è stata la Riforma cattolica? Il cattolicesimo tridentino corrispose meglio all’identità italiana?

  • 2 Mi rifaccio all’impostazione che fa del problema dell’identità francese cattolica A. Tallon, Consci (...)

5Questa formulazione della domanda implica che un’identità così complessa sia scontata, stabilita una volta per tutte, sempre uguale nel corso dei secoli. Le identità collettive vengono invece costruite, sono un prodotto storico, ed è quindi indispensabile capire in quali modi è stata via via costituita o sostenuta o aggiustata l’identità cattolica italiana nell’età moderna. La perdurante e vincente presenza del cattolicesimo nella storia italiana moderna è una constatazione a posteriori, non una valutazione a priori: dipese cioè anche dalle scelte operate nel Cinquecento dalle autorità ecclesiastiche e statali, dalle élites sociali e culturali, seguite dalle popolazioni più in generale2. Come si può immaginare, all’interno di queste compagini molto articolate non ci fu un atteggiamento compatto e univoco, come d’altra parte nell’alta gerarchia ecclesiastica, ma alla fine prevalse l’orientamento integralista.

  • 3 Cfr. S. Seidel Menchi, Italy, in B. Scribner, R. Porter and M. Teich (a cura di), The Reformation i (...)

6In questo contributo esamino dunque a grandi linee l’organizzazione, gli obiettivi e gli effetti del sistema Inquisizione sul dissenso di conio protestante nell’Italia del Cinquecento. A questo proposito adotto sostanzialmente lo schema cronologico proposto da Silvana Seidel Menchi per la storia della Riforma in Italia, dal momento che esso è basato principalmente su date della storia inquisitoriale: l’istituzione del Sant’Ufficio a Roma, l’inizio del pontificato di Paolo IV e la fine di quello di Pio V, l’ultima condanna a morte di un protestante a Venezia nel 1588. Sostituisco tuttavia quest’ultimo an-no con il 1585, inizio del pontificato di Sisto V, il papa che riorganizzò l’insieme delle Congregazioni, ponendo formalmente il Sant’Ufficio al loro vertice3.

La repressione della Riforma in Italia prima del 1542

7L’attività repressiva cominciò molto presto, alla fine degli anni ’20 e soprattutto negli anni ’30. I vari giudici di fede, sia vescovi che inquisitori, che celebravano saltuariamente processi per magia e stregoneria, cominciarono a perseguire gli aderenti alle nuove idee religiose secondo i modelli teologici e le procedure ereditate dal medioevo. I loro interventi furono sporadici e blandi: è impossibile ca-pire se questo dipendesse dalla scarsa consapevolezza teologica dei giudici, dalla mancata percezione del «pericolo» protestante, oppure dalla limitata diffusione delle concezioni della Riforma. La repressione non fu lasciata solo a slegate iniziative locali, ma venne in parte coordinata da una regia romana, perché parecchi di questi interventi furono promossi da decisioni pontificie: un cambiamento lento e notevole rispetto al medioevo.

  • 4 Cfr. B. Fontana, Documenti vaticani contro l’eresia luterana in Italia, in Archivio della società r (...)

8Un’idea rapsodica dei processi di fede precedenti all’istituzione della Congregazione del Sant’Ufficio si può infatti ricavare dalla se-rie dei brevi papali al riguardo: 47 decisioni di Clemente VII e Paolo III, circa la metà concernenti la Repubblica di Venezia, le altre soprattutto il Ducato di Savoia e poche città dell’Italia settentrionale. Nel 1532 venne nominato un inquisitore generale per tutta la penisola, fra Callisto Fornari, sul quale però non abbiamo ulteriori informazioni. Uffici inquisitoriali erano dislocati in una ventina di città, ma la loro attività è documentata soltanto dagli scarsi fascicoli reperibili per le vicarie di Modena e Reggio Emilia e per Venezia4.

Inquisizione romana e concilio di Trento: le scelte dei papi

9Tra il 1541 e il 1542, all’inizio del periodo di maggior espansione della Riforma, avvenne un salto di qualità nella repressione giudiziaria delle nuove dottrine non tanto per l’azione dei tribunali locali, quanto per le modificazioni strutturali del sistema repressivo decise a Roma. Dopo il fallimento degli ultimi colloqui religiosi con i protestanti a Ratisbona, volutamente provocato dall’ala intransigente del sacro collegio con la sconfessione del conciliante legato apostolico, il cardinale Gasparo Contarini, Paolo III concesse nel concistoro del 15 luglio 1541 a due di questi cardinali, Gian Pietro Carafa e Girolamo Aleandro, il potere di coordinare l’attività inquisitoriale in tutta la cristianità, in seguito alle proteste del governatore spagnolo di Milano per l’inerzia dei giudici di fede ordinari. Anche la giurisdizione degli inquisitori locali venne rafforzata con l’abrogazione, stabilita il 14 gennaio 1542, di tutti gli indulti, privilegi ed esenzioni concessi a laici ed ecclesiastici, eccettuati i vescovi, a Bologna, Milano, in tutta Italia e a Chio. Dopo la morte di Aleandro, il papa, il 4 luglio 1542, tornò ad affidare la direzione dell’attività repressiva a Carafa e inoltre a tre cardinali tradizionalisti (Pier Paolo Parisio, Bartolomeo Guidiccioni, Dionisio Laurerio) e due concilianti (Giovanni Morone e Tommaso Badia), probabilmente per bilanciare la forte posizione del cardinale napoletano.

  • 5 Cfr. A. Prosperi, Tribunali della coscienza. Inquisitori, confessori, missionari, Torino, 1996, p. (...)

10Qualche settimana dopo, per contrastare la preoccupante diffusione dell’eresia soprattutto a Modena, Lucca e Napoli, il papa con la bolla Licet ab initio del 21 luglio 1542 concesse alla commissione dei sei cardinali – resa più omogenea con l’estromissione di Morone, vescovo appunto di Modena, e l’inserimento di Juan Álvarez de Toledo – i più ampi poteri per organizzare centralmente a Roma la repressione giudiziaria della Riforma, sospendendo ogni privilegio ed esenzione5. La bolla non ha nessuna disposizione nuova, ma si limita a riprendere e razionalizzare quelle precedenti. La diversità principale rispetto alla nomina di un inquisitore per tutta l’Italia deliberata nel 1532 non sta tanto negli aspetti giuridici e organizzativi, quanto nella situazione pratica che portò alla sua effettiva realizzazione.

  • 6 Vedi le recenti sintesi di A. Tallon, Le concile de Trente, Paris, 2000; A. Prosperi, Il Concilio d (...)

11La scelta del papa di coordinare la repressione attraverso una commissione cardinalizia fu dunque l’esito di un processo almeno decennale, accelerato nell’ultimo anno dagli sviluppi della Riforma in alcune importanti città italiane. D’altra parte tale scelta aveva un carattere provvisorio, in attesa della riunione effettiva del concilio che avrebbe definito la dottrina e risolto il problema del rapporto con i protestanti. Dopo le fallite indizioni a Mantova e a Vicenza (1536, 1537), il concilio era stato convocato il 22 maggio 1542 a Trento, in un principato vescovile dipendente dall’impero; ma a causa della guerra scoppiata tra Francesco I e Carlo V l’assemblea si riunì soltanto il 13 dicembre 1545. La centralizzazione dell’Inquisizione avvenne prima dell’effettivo svolgimento del concilio di Trento, delle cui decisioni dottrinali l’Inquisizione non aveva dunque bisogno per funzionare6.

  • 7 Cfr. M. Firpo, Inquisizione romana e Controriforma. Studi sul cardinal G. Morone e il suo processo (...)

12Il profondo conflitto interno tra la linea integralista e quella conciliante dell’alta gerarchia riguardo all’atteggiamento verso i protestanti, ad alcune dottrine fondamentali e alla concezione della Chiesa condizionò pesantemente tutta la storia ecclesiastica. Con questo non si vuole sminuire il rilievo che ebbero le correnti della Riforma cattolica prima, durante e dopo il concilio di Trento. I padri conciliari definirono nel 1547 la dottrina della giustificazione, condannando le posizioni della Riforma, ma la fazione innovatrice era ancora abbastanza importante, dato che il cardinale Reginald Pole nel conclave del 1549 sfiorò l’elezione al soglio pontificio. In questo conclave Gian Pietro Carafa si servì delle accuse d’eresia per sventare tale possibilità. In modo analogo alla fine del pontificato di Giulio III, che aveva riconvocato il concilio a Trento e cercato di arginare il potere del Sant’Ufficio, venne bruciata la candidatura di Giovanni Morone nel conclave del 1555 da un altro cardinale rigorista, Rodolfo Pio da Carpi7.

  • 8 Cfr. brevemente E. Duffy, La grande storia dei papi. Santi, peccatori, vicari di Cristo, Milano, 20 (...)

13La linea drastica contro i protestanti sconfisse la linea del dialogo e trionfò ai vertici della Chiesa quando Carafa divenne papa Paolo IV: egli condusse in prima persona la lotta contro gli aderenti alla Riforma, limitò le libertà degli ebrei, intensificò la censura della stampa ed evitò di riaprire il concilio, interrotto nel 1552 e concluso solo da Pio IV agli inizi degli anni ’60. Nel secondo Cinquecento il ruolo eminente non fu giocato da papi umanisti, «politici» o mecenati, ma da papi «inquisitori»: il domenicano Michele Ghislieri (Pio V) e il francescano Felice Peretti (Sisto V) avevano costruito la loro carriera grazie alla lotta contro il dissenso, salendo dagli scalini più bassi dell’Inquisizione fino al cardinalato, nonostante le umili origini che li diversificavano da Carafa e dai pontefici precedenti8. Anche nella Chiesa cattolica, soprattutto in seguito alla realizzazione pratica delle scelte fatte dai padri conciliari a Trento, ci fu una ri-forma interna, un profondo rinnovamento religioso; ma la tutela dell’ortodossia fu sempre considerata l’obiettivo primario di papi e vescovi, clero e laici.

Le tre Italie inquisitoriali

  • 9 Cfr. A. Del Col, Le strutture territoriali e l’attività dell’Inquisizione romana, in A. Borromeo (a (...)

14L’Inquisizione funzionò in Italia in tre modi diversi. L’Inquisizione spagnola operò nelle due isole maggiori fin dagli ultimi anni del Quattrocento, ma non fu presente nel resto dei territori dominati dalla Spagna, cioè nel Ducato di Milano e nel Regno di Napoli. L’Inquisizione romana funzionò in tutta la penisola, ma non ebbe una forma univoca: si adattò alle due Italie ecclesiastiche che sono state individuate dagli storici, cioè le grandi diocesi negli Stati signorili e nelle Repubbliche del centro-nord, le molte piccole diocesi e il sistema presbiterale nella parte meridionale dello Stato pontificio e nel Regno di Napoli. Soltanto nell’Italia settentrionale e nel nord dello Stato pontificio infatti ci furono le sedi stabili del Sant’Ufficio con la compresenza di inquisitore e ordinario come giudici della fede, mentre nell’Italia meridionale la repressione dell’eresia venne attuata dai vescovi, con la presenza di un unico ministro del Sant’Ufficio a Napoli9.

15L’estensione territoriale dell’Inquisizione romana viene tradizionalmente limitata all’Italia; ma questo è un altro problema da riconsiderare, perché alcuni tribunali erano insediati in territori extraitaliani dipendenti da Stati italiani (Avignone, Capodistria e Zara) e in Stati non italiani (a Malta, nella Franca Contea, in Francia, in Germania). La loro attività resta sconosciuta perché mancano gli archivi; anche dove l’archivio è integro (a Malta), esso è stato poco studiato.

16Le strutture locali dell’Inquisizione romana furono diverse da quelle della Spagna, dove la volontà regia di uniformare religiosamente gli Stati appena unificati portò ad affidare l’attività giudiziaria unicamente agli inquisitori, organizzati territorialmente in grandi distretti sovradiocesani. La diversa origine e la differente gestione centrale dell’Inquisizione romana portarono invece a sfruttare le precedenti forme organizzative (azione dei nunzi, compresenza di vescovi e inquisitori), che probabilmente facilitarono l’accettazione del Sant’Ufficio da parte degli Stati settentrionali, perché i nunzi erano dei diplomatici abituati alle mediazioni e i vescovi appartenevano di solito alla nobiltà locale e non erano dei funzionari mandati e sorvegliati da Roma.

I primi passi dell’Inquisizione a Roma e nelle diocesi italiane (1542-1555)

17La lotta contro la Riforma venne condotta in Italia in modo graduale e vario con l’uso di tutta la gamma degli strumenti ereditati dal medioevo e la ricerca di vie nuove e di strumenti straordinari, coordinati in modo progressivo dal centro, per fronteggiare una situazione che appariva di grave emergenza ai cardinali inquisitori e ai papi, anche se alcuni di questi furono cauti nell’uso della repressione giudiziaria. L’attività svolta nel primo decennio dal nuovo organismo, sia al centro che in periferia, merita di essere esaminata con grande attenzione, perché fu determinante per la predisposizione e consolidamento degli orientamenti che avrebbero sconfitto definitivamente la Riforma.

  • 10 Cfr. A. J. Schutte, Pier Paolo Vergerio e la Riforma a Venezia, 1498-1549, Roma, 1988; U. Rozzo (a (...)

18Mentre negli studi precedenti si dava importanza, per motivi storiografici e archivistici, all’azione svolta dai tribunali periferici, ora si ritengono più rilevanti le decisioni prese a Roma. Queste seguirono due linee principali agli inizi degli anni ’40: contro i vescovi e gli alti prelati vicini alla Riforma e contro i predicatori che ne diffondevano le dottrine dai pulpiti. Il primo vescovo perseguito fu Pier Paolo Vergerio, ma la conduzione locale del processo convinse a riservare direttamente alla Congregazione del Sant’Ufficio gli interventi che seguirono contro Giacomo Nacchianti (Chioggia), Vittore Soranzo (Bergamo), Giovanni Morone (Modena), Giovanni Grimani (Aquileia), Pier Antonio Di Capua (Otranto), Thomas von Planta (vescovo eletto di Coira), Giovanni Francesco Verdura (Cheronissos nell’isola di Creta). Una prima idea della quantità dei predicatori sottoposti a processo si ha dall’analisi del primo anno documentato di attività della Congregazione, a partire dal 24 ottobre 1548: su 92 imputati, oltre un terzo furono ecclesiastici: 29 frati e 6 preti secolari10.

  • 11 Cfr. ivi, p. 473-474, 482-485.

19Subito dopo si aggiunse un altro campo di intervento: l’azione contro i libri eterodossi che circolavano nelle mani di molti. Non ci furono solo cataloghi locali, come quello veneziano del 1549, ma disposizioni della stessa Congregazione, la più importante delle quali fu la preparazione di un elenco di libri proibiti affidata al maestro del Sacro Palazzo e altri due domenicani. Queste scelte colpirono i principali mezzi di comunicazione delle nuove dottrine religiose, cominciando ad attenuarne la presa sulla società11.

  • 12 Cfr. B. Fontana, Documenti vaticani...cit. n. 4, p. 390-427; L. Felici, Fanini, Fanino, in DBI, 44, (...)

20L’azione antiereticale condotta nelle sedi periferiche venne svolta da una pluralità di giudici, fu condizionata ma non completamente subordinata alle scelte imposte da Roma. Le autorità statali, spesso attive per proprio conto, vennero indotte quasi sempre a collaborare con il sistema inquisitoriale. La documentazione non è molta: i brevi papali, 31, riguardarono soprattutto la Repubblica di Venezia, il Ducato estense e poche altre zone. L’Inquisizione processò una settantina di imputati a Modena e mise a morte Fanino Fanini, Domenico Cabianca e Giorgio Siculo, forzando la mano a Ercole II, che da parte sua cercò di arginare e nascondere l’adesione al calvinismo della duchessa Renata di Francia. Altri processi furono condotti a Torino, Genova, Siena, in modo più ampio a Bologna. Furono create una decina di nuove sedi inquisitoriali. Le autorità secolari furono spesso più zelanti di quelle ecclesiastiche nel perseguire gli eretici nel Ducato di Milano, anche se talvolta furono protagoniste di conflitti giurisdizionali per mantenere il controllo sui propri sudditi incriminati per eresia. Nella Repubblica di Lucca l’Inquisizione non fu introdotta: il Consiglio generale istituì il 12 maggio 1545 un proprio tribunale per i delitti contro la fede e riuscì in seguito a neutralizzare i tentativi papali di imporre il Sant’Ufficio. A Napoli il tribunale arcivescovile della fede celebrò pochissimi processi prima del 1566; una forte repressione venne invece effettuata a Capua nel 1552 dalle autorità diocesane con il pieno sostegno di quelle spagnole12.

  • 13 Cfr. E. Brambilla, Alle origini del Sant’Uffizio. Penitenza, confessione e giustizia spirituale dal (...)

21Contemporaneamente all’uso dei processi formali, i papi concessero ad alcuni vescovi speciali facoltà per assolvere giudizialmente gli eretici senza un vero e proprio processo, con una procedura che era in stretto rapporto con la confessione sacramentale e il sistema dei casi riservati. Gli editti di grazia emessi da Giulio III nel giubileo del 1550 generalizzarono l’utilizzazione di tale rinnovata prassi giudiziaria, che era più flessibile e favoriva il pentimento degli eretici. Il risultato più clamoroso di questa politica morbida fu la distruzione della rete degli anabattisti antitrinitari nella Repubblica di Venezia in seguito alla spontanea comparizione di Pietro Manelfi davanti all’inquisitore di Bologna il 17 ottobre 1551 e alle rivelazioni da lui successivamente fatte ai cardinali inquisitori. Informato da Roma, il Consiglio dei dieci ordinò la cattura dei capi del movimento nella notte tra il 18 e 19 dicembre, ma parecchi altri furono arrestati in seguito. Il movimento anabattista in Italia non si riprese più: chiaro esempio degli effetti irreversibili prodotti dall’Inquisizione13.

  • 14 Cfr. P. F. Grendler, L’Inquisizione romana e l’editoria a Venezia, 1540-1605, Roma, 1983, p. 107-13 (...)

22L’unica sede inquisitoriale di cui si può studiare bene l’operato in questo periodo è quella di Venezia, il cui tribunale svolse funzioni centrali per tutto il territorio della Repubblica per effetto delle norme sia ecclesiastiche che statali in essa vigenti. Il Sant’Ufficio veneziano era diretto dall’auditore del nunzio, con la collaborazione dell’inquisitore; solo dal 1558 il vicario patriarcale prima, e in seguito il patriarca stesso entrarono a fare parte del collegio giudicante. L’azione del tribunale fu discreta, appoggiata ma anche controllata dalle autorità statali sia centrali che locali. Interventi importanti, oltre a quello contro gli anabattisti, furono il processo al vescovo di Capodistria e la redazione del catalogo dei libri eretici del 1549. Le condanne a morte furono poche e le prime non furono eseguite, per scelta delle autorità statali. Ciò nonostante gli effetti furono notevoli: la diffusione della Riforma in uno degli Stati italiani che l’aveva accolta nel modo più favorevole si fermò14.

La fase più intensa della repressione (1555-1572)

23Nei primi due decenni del secondo Cinquecento la «guerra spirituale» contro la Riforma voluta da Gian Pietro Carafa raggiunse in Italia il suo obiettivo, debellando le nuove dottrine e scompaginando il movimento di riforma religiosa a tutti i livelli della società, soprattutto per mezzo dei processi inquisitoriali, non solo a Roma ma anche nei tribunali locali. Anche se il funzionamento del Sant’Ufficio è poco noto al centro e in periferia, in questo periodo le scelte di due papi «inquisitori», Paolo IV e Pio V, lo resero uno strumento sempre più sicuro e potente rispetto ai caratteri incerti del periodo precedente.

  • 15 Cfr. A. Aubert, Paolo IV, in Enciclopedia dei papi, Roma, 2000, III, p. 128-142; M. Firpo, Inquisiz (...)

24Paolo IV portò a compimento la lotta contro la Riforma che aveva intrapreso da cardinale, colpendo soprattutto gli alti prelati «spirituali» e varando una dura legislazione antiereticale. Le pesanti norme emanate nei primi anni del pontificato, la svolta del 1555 nell’atteggiamento verso gli ebrei, i processi contro i vescovi Andrea Centanni (Limassol a Cipro) e Vittore Soranzo (Bergamo), Giovanni Tommaso Sanfelice (Cava dei Tirreni), Egidio Foscarari (Modena), il cardinale Morone e altri chiusero definitivamente l’esitante stagione di dialogo con la Riforma. Il primo Indice, pubblicato nel 1559, ampio e rigoroso, la cui attuazione fu affidata ai soli inquisitori e non più ai vescovi, superò le residue resistenze di librai e autorità statali anche a Venezia e Firenze, ma non venne sistematicamente applicato dai tribunali locali, almeno a quanto risulta dai pochi archivi disponibili. Non venne rigorosamente applicata nemmeno la norma, emanata nel 1559, secondo cui i confessori non dovevano assolvere gli eretici – o i penitenti che avessero informazioni su eretici – se non dopo che si fossero presentati davanti ai giudici di fede. Le condanne capitali per eresia eseguite a Roma sotto Paolo IV furono poche, sei; altrettante furono quelle eseguite durante il pontificato successivo. La repressione della Riforma nella Repubblica di Venezia, condotta in varie sedi e studiata dettagliatamente dal 1557 al 1559, venne attuata principalmente dai vescovi, con l’ausilio degli inquisitori. Probabilmente lo stesso avvenne anche negli altri Stati del centro-nord, dove le strutture dell’Inquisizione si appoggiavano comunque alle curie diocesane15.

  • 16 Cfr. F. Rurale, Pio IV, in Enciclopedia dei papi... cit. n. 8, p. 142-160; A. Armand Hugon, Storia (...)

25Il successore di Carafa, Pio IV, riprese e concluse il concilio di Trento, epilogo di un fondamentale approfondimento teologico e inizio di una lunga stagione di rinnovamento disciplinare. Durante l’ultima fase del concilio ci fu un’attenuazione dell’azione inquisitoriale contro i vescovi con l’assoluzione di Morone, la fuga di alcuni vescovi imprigionati, e le problematiche cause contro Grimani e Nicola Francesco Missanelli (Policastro). Contemporaneamente l’unica Chiesa riformata presente in modo organizzato in Italia, anche se molto circoscritta – quella formata dalle comunità valdesi – fu aggredita militarmente in Piemonte dalle truppe inviate dal duca di Savoia, ma poi lasciata sopravvivere nelle sue valli; in Calabria invece le comunità valdesi vennero distrutte dalla dura guerra condotta dai soldati spagnoli e accompagnata da processi di fede istruiti all’inizio da giudici secolari ed ecclesiastici16.

  • 17 Cfr. S. Feci, Pio V, in Enciclopedia dei papi... cit. n. 8, p. 160-180; M. Firpo e D. Marcatto, Il (...)

26Gli effetti più notevoli della repressione furono raggiunti tuttavia durante il pontificato di Pio V, almeno a giudicare da un indicatore imperfetto come il numero delle sentenze capitali eseguite a Roma, che furono 33, con una media di 5 all’anno. Tra questi morti ci fu Pietro Carnesecchi, l’ultimo degli «spirituali» importanti perseguito a Roma, mentre Endimio Calandra, antico segretario del cardinale Ercole Gonzaga, fu processato a Mantova assieme ad altri eretici, segno tra l’altro che le sedi locali funzionavano ora in modo soddisfacente. Nella parte francese dello Stato pontifico, ad Avignone e nel Contado Venassino, l’azione inquisitoriale infatti produsse tra il 1566 e il 1574 un numero altissimo di condanne capitali di ugonotti, 818, di cui una parte imprecisata in contumacia, con sequestri di beni per parecchie decine di migliaia di scudi. L’attività repressiva in Italia fu notevole, ma più contenuta ed è stata studiata per Bologna, dove tra il 1566 e il 1569 furono processati una novantina di eretici, di cui una trentina abiurarono, 5 furono condannati alle galere e 20 a morte (11 dei quali in contumacia). A Venezia ci fu in questi anni la più forte azione contro i dissidenti abitanti in città e le condanne a morte furono 6, di cui una non eseguita per volontà del Consiglio dei dieci, dato che riguardava il figlio naturale di un canonico della potente famiglia Mocenigo. Un intervento incisivo si ebbe anche a Modena con una settantina di processi e un’unica sentenza capitale. Ma l’Inquisizione operò in parecchie altre città, dato che il numero delle sedi stabili salì a 34. Nel 1571 inoltre Pio V creò una nuova commissione cardinalizia per il controllo centralizzato della stampa, senza toglierne la competenza al Sant’Ufficio17.

La fase terminale della lotta alla Riforma in Italia (1572-1585)

27In questi anni la lotta alla Riforma si avviò all’esaurimento. Gli ultimi processi e le numerose condanne a morte riguardavano spesso ralapsi, cioè eretici sottoposti al secondo processo. Il Sant’Ufficio continuò a reprimere la lettura e la circolazione di libri proibiti, l’uso di cibi proibiti, le proposizioni ereticali, e cominciò ad orientare la sua attività verso il controllo delle pratiche magiche e la repressione della stregoneria, ma anche di reati minori.

  • 18 Cfr. A. Borromeo, Gregorio XIII, in Enciclopedia dei papi... cit. n. 8, p. 180-202; R. Bonetti, L’a (...)

28I tribunali locali cominciarono probabilmente a essere gestiti più spesso dagli inquisitori, che tendevano a imporsi ai vescovi se-condo le indicazioni della Congregazione del Sant’Ufficio. In questo periodo si sviluppò lo scambio di lettere tra centro e periferia e le strutture dell’Inquisizione si adeguarono alla maggiore centralizzazione nel governo pastorale della Chiesa, attuata in modo notevole da Gregorio XIII non solo per l’attività della Congregazione del Concilio, ma anche attraverso la creazione della Congregazione dei Vescovi (1573). Le condanne a morte eseguite a Roma per conto dell’Inquisizione furono probabilmente una settantina dal 1572 al 1609, ma non tutte furono per adesione alle idee della Riforma. A Venezia le sentenze capitali per eresia dal 1575 al 1588 furono 8, l’ultima fu emessa contro il libraio Pietro Longo. Come funzionasse una sede locale si può desumere dal caso del Friuli: dal gennaio 1580 al giugno 1584 ci furono qui, oltre a 55 denunce, 102 processi formali e informativi, di cui circa la metà associabili alla diffusione della Riforma, perché concernenti l’eresia formale, il consumo di cibi proibiti, la lettura di libri proibiti. Le condanne capitali furono tre, di cui una sola eseguita (per eresia), due emesse in contumacia (una per eresia, l’altra per stregoneria). L’inquisitore, spesso in contrasto con il vicario patriarcale, si rese autonomo da lui, ma alla fine fu all’improvviso sostituito dalla Congregazione18.

L’Inquisizione spagnola in Sicilia e Sardegna contro gli aderenti alla Riforma

29Nei territori italiani sottoposti all’Inquisizione spagnola la repressione della Riforma fu molto severa. In Sicilia infatti gli imputati di questo genere furono almeno 503, la maggior parte dei quali nel corso del Cinquecento (400), cui si possono aggiungere gli imputati di proposizioni eretiche (336), per un insieme di oltre 736 persone nel Cinquecento, con 76 sentenze capitali emesse, di cui 40 eseguite (rispettivamente 15% e 8% sui processi, una percentuale elevata). La persecuzione più forte avvenne nel ventennio 1560-1580 con 20 sentenze capitali eseguite, 17 in statua, 94 riconciliazioni e 43 sentenze minori. I siciliani allora condannati raggiungono la metà del totale, un quarto sono stranieri, soprattutto francesi, e l’altro quarto è costituito da persone provenienti dal continente. La repressione continuò anche nel ventennio seguente, a diversità di quello che avvenne in genere in Italia.

  • 19 Cfr. F. Renda, L’Inquisizione in Sicilia. I fatti. Le persone, Palermo, 1997, p. 309-340; R. Turtas (...)

30In Sardegna gli aderenti alla Riforma furono processati soprattutto nel ventennio tra il 1550 e il 1570. Furono sospettati dagli inquisitori anche alcuni vescovi. Il processo più noto della storia sarda fu quello contro Sigismondo Arquer, figlio di Giovanni Antonio, succeduto al padre nella carica di avvocato fiscale del regno. Sigismondo fu arrestato in Spagna nel 1563, venne sottoposto a un lungo e incerto processo. Il 22 dicembre 1570 fu bruciato sul rogo19.

Una stima degli aderenti alla Riforma processati e condannati a morte dall’Inquisizione romana

  • 20 Cfr. G. Audisio, L’Inquisition et le protestantisme en Europe méridionale aux xvie et xviie siècles(...)

31Quanti aderenti alla Riforma furono processati dall’Inquisizione romana in Italia e quanti furono messi a morte è un computo che non si potrà mai fare in modo preciso per l’inadeguatezza delle fonti. Due storici tuttavia hanno proposto recentemente delle cifre che considero poco adeguate; anch’io dunque avanzo una stima complessiva, ovviamente approssimativa, basata sui dati finora disponibili20. Il conteggio non considera solo processi formali conclusi con sentenza definitiva – secondo il criterio adottato negli studi sull’Inquisizione spagnola –, ma comprende anche semplici denunce, processi iniziati con informazioni, procedure sommarie. L’unico computo preciso riguarda la Venezia del quarantennio circa compreso tra il 1547 e il 1586. Furono imputati a vario titolo 676 evangelici e 37 anabattisti, per un totale di 713 inquisiti (più 17 accusati di idee millenaristiche); ma un calcolo basato sugli inventari degli imputati per eresia, proposizioni eretiche, libri proibiti e cibi proibiti per tutto il Cinquecento arriva alla cifra di 950 inquisiti, mentre nel tribunale di Aquileia e Concordia lo stesso tipo di imputati furono circa 381 (di cui 42 per idee della Riforma, 19 per luteranesimo, uno per anabattismo, 142 per proposizioni eretiche, 23 per libri proibiti, 155 per cibi proibiti, secondo una nuova inventariazione), a Napoli circa 620 (di cui 211 per Riforma generica e protestantesimo, 319 per proposizioni eretiche, 37 per libri proibiti, 53 per cibi proibiti), nella vicaria inquisitoriale di Modena circa 280, a Bologna almeno 150, forse 200 (documentazione incompleta). Escludendo i dati veneziani e napoletani per l’eccezionalità di queste due città e prendendo come base la cifra di Aquileia-Concordia, arrotondata verso l’alto (380-450), moltiplicandola per le 41 sedi principali esistenti alla fine del Cinquecento, il totale stimato degli imputati per adesione o simpatia verso la Riforma presso i tribunali dell’Inquisizione romana si aggirerebbe attorno a 15 000-18 000. Altrettanto incerto il numero delle relative sentenze capitali: a Venezia ne furono emesse 23, eseguite 20; ad Aquileia e Concordia 10, eseguite 5; a Bologna 24, eseguite 13 (documentazione incompleta); a Roma pare che i roghi fossero 99 nel Cinquecento, ma la documentazione è parziale e non specifica il tipo di reato; ad Avignone i roghi furono 10 nel 1545, ma tra il 1566 e il 1574 furono emanate 818 condanne a morte, anche se non si sa quante di esse fossero eseguite. Se si calcolano da 15 a 18 sentenze capitali per sede periferica, oltre a quelle di Roma, si arriva a un totale da 650 a 750 giustiziati, senza tener conto delle poche centinaia di sentenze capitali che potrebbero essere state eseguite ad Avignone. Se i processi veri e propri fossero metà della stima proposta (da 7 500 a 9 000), la percentuale delle condanne capitali eseguite per adesione alla Riforma varierebbe dal 7% al 10% dei casi.

32Da questi dati risulta che l’Inquisizione romana agì nella penisola italiana contro gli aderenti alla Riforma altrettanto duramente quanto l’Inquisizione spagnola in Sicilia. Si potrebbero inoltre istituire confronti con la repressione delle dottrine protestanti in altri Stati cattolici o del dissenso religioso in Stati protestanti, e anche tra la repressione degli ebrei e conversos e dei rinnegati e moriscos in Italia, ma lo spazio di questa relazione non lo permette. Cercherò invece di rispondere alla domanda iniziale, quale è stato cioè il peso dell’Inquisizione nel determinare il fallimento della Riforma in Italia.

L’Inquisizione e la mancata Riforma in Italia

33La situazione politica e religiosa della nostra penisola e delle isole maggiori era fortemente condizionata dalla presenza del papa nella sua duplice funzione di guida dottrinale e disciplinare di tutto il cattolicesimo e di capo dello Stato pontificio, e dalla dominazione spagnola su territori che complessivamente coprivano oltre la metà dell’Italia. La frammentazione politica dell’altra metà, con l’unica presenza ragguardevole della Repubblica di Venezia, facilitò l’egemonia spagnola e non offrì spazio ai cambiamenti dottrinali e disciplinari soprattutto per la mancanza d’interesse delle élites politiche per le novità religiose. La Riforma si diffuse in modo limitato in Italia e vi assunse dei tratti sommessi – il programma dottrinale del movimento fu orientato ad alimentare una rinnovata religiosità interiore piuttosto che a mettere in atto dimostrazioni pubbliche –, suscitando tuttavia nel partito integralista e maggioritario della gerarchia ecclesiastica un stato di allarme, perché le nuove dottrine avevano fatto presa su cardinali, vescovi, nobili, anche su alcuni patrizi, e nei ceti professionali e artigiani.

34La lotta antiprotestante divenne alla metà del Cinquecento la priorità assoluta della Chiesa cattolica e condizionò prima l’ascesa al soglio pontificio e il governo ecclesiastico centrale, soprattutto in Italia, poi anche la repressione del dissenso tra il clero e i fedeli nelle diocesi. Il rinnovamento avviato dal concilio di Trento venne realizzato dai vescovi tramite l’attività pastorale e tramite la riforma del clero secolare, ma anche l’attività inquisitoriale fu condotta in primo luogo dai vescovi e in qualche caso dai nunzi apostolici, entrambi coadiuvati dagli inquisitori stabili e da commissari speciali. Gli inquisitori, che erano probabilmente mobili sul territorio loro affidato, perché non si servivano di sostituti locali, cominciarono a diventare economicamente autonomi dai vescovi nell’ultimo quarto del Cinquecento, con le prime entrate fisse proprie dell’ufficio, quando i papi accentuarono la centralizzazione attraverso le Congregazioni e la gestione romana della Riforma cattolica. Gli inquisitori e i commissari vennero ora nominati tutti dalla Congregazione del Sant’Ufficio e, anche se ebbero una certa libertà di manovra, risposero sempre più ad essa dell’andamento processuale ordinario.

35Le sedi periferiche dell’Inquisizione funzionavano in modi parzialmente diversi nei vari Stati italiani. Le autorità spagnole collaborarono di buon grado con i giudici della fede a Milano e a Napoli, anzi in alcuni casi prevennero i loro interventi o furono più sollecite delle autorità ecclesiastiche, mentre alcuni principi vennero lentamente indotti a rispettare le disposizioni canoniche (i duchi di Firenze e di Ferrara, il marchese di Mantova), oppure adottarono soluzioni di parziale tolleranza, poco gradite alla gerarchia ecclesiastica (in Piemonte). Le Repubbliche di Venezia e di Genova introdussero e appoggiarono l’Inquisizione, ma la sottoposero o cercarono di sottoporla al controllo diretto da parte di magistrati statali. La piccola Repubblica di Lucca fu l’unico Stato italiano che non ammise l’Inquisizione, ma affidò la repressione del dissenso a magistrature sue proprie: lo fece non tanto per prevenire autorità ecclesiastiche poco solerti, quanto per gestire autonomamente e accortamente i processi contro i patrizi e i sudditi sospettati, secondo una tendenza diffusa nei comuni italiani nel medioevo.

36Un campo d’azione in cui le autorità secolari, dopo una iniziale opposizione limitata a Venezia, si adeguarono abbastanza docilmente alle direttive romane fu il controllo della stampa, il nuovo strumento di comunicazione culturale che si era largamente sviluppato nel primo Cinquecento. Questo controllo venne presto impostato in modo centralizzato dai papi attraverso gli indici dei libri proibiti. Gli indici vennero applicati agli imputati durante i processi, ai librai, editori e stampatori con richieste e visite nei loro locali, agli autori attraverso la censura preventiva e i permessi di stampa; il controllo funzionò anche attraverso l’autocensura che gli autori si imposero per prevenire condanne personali e distruzioni di libri.

37L’uniformità dottrinale cattolica realizzata in Italia con un processo pluridecennale nel secondo Cinquecento fu una scelta imposta dalle autorità ecclesiastiche, sostenute da quelle statali, per la salvaguardia del proprio potere e dell’ordine pubblico? Oppure gli italiani di questa età erano cattolici devoti, legati alle proprie tradizioni religiose, restii ad adottare le concezioni e le pratiche che rinnovarono il cristianesimo in alcuni Stati europei centro-settentrionali? Erano più interessati ai riti e alle forme cultuali tradizionali che ai dibattiti teologici? Erano insomma docili esecutori delle direttive che venivano dalle autorità ecclesiastiche e secolari, oppure soggetti aperti alla sperimentazione religiosa e a scelte di coscienza individuali? Formulato come alternativa, il problema è inadeguato e ideologizzato. In realtà ci furono nel Cinquecento italiani di entrambi i tipi, molto più numerosi quelli devoti e osservanti della tradizione, pochi quelli aperti alle nuove dottrine, presenti soprattutto negli strati intermedi e alti della società.

38Premesso che in Italia le esperienze religiose della Riforma rimasero minoritarie e frammentarie, e che l’organizzazione di comunità ecclesiali alternative restò circoscritta alle valli valdesi, dopo la violenta repressione in Calabria, ci si può chiedere se questi esiti siano stati inevitabili, e in che misura le scelte repressive del gruppo ecclesiastico più forte e deciso, dei papi e dei cardinali inquisitori, lentamente ma sostanzialmente accettate dalle autorità statali, siano state un fattore determinante nella eliminazione dell’opzione religiosa protestante. Gli anabattisti nella Repubblica di Venezia (e praticamente in Italia) vennero rapidamente sgominati nei primi anni ’50 dal papa e dall’Inquisizione, con l’appoggio pieno e diretto del Consiglio dei dieci; ma anche gli aderenti alla Riforma magisteriale furono messi in fuga o tacitati dal timore dell’arresto, sottoposti a processi, convinti a ritrattare e in alcuni casi condannati a morte. La macchina del Sant’Ufficio si costituì lentamente, mantenendo strutture medievali e adeguandosi alle diverse situazioni italiane. Le autorità statali appoggiarono alla fine l’operato dei tribunali inquisitoriali, ma non sempre con determinazione, anzi in diverse occasioni e per parecchi aspetti procedurali presero decisioni autonome, in particolare nella Repubblica di Venezia, ma probabilmente anche in altri Stati. All’inizio le denunce e le informazioni vennero fornite ai vescovi e agli inquisitori soprattutto da ecclesiastici, ma successivamente e in misura sempre maggiore anche da laici, che avevano interiorizzato le richieste delle autorità religiose. L’azione antiereticale ebbe un grosso impatto sociale soprattutto tra il 1555 e il 1572, non solo per i roghi, che non furono un numero elevato, ma per le sentenze e le abiure pubbliche, emesse talvolta collettivamente (durante gli autodafè a Roma), ma per lo più singolarmente (nel resto d’Italia). Fu inoltre notevole l’efficacia deterrente di tutta l’attività giudiziaria, comprese le semplici denunce e le informazioni che non giunsero a un processo vero e proprio, attività che fu formalmente segreta, ma spesso nota in modi obliqui e forse per questo più inquietante.

39L’efficacia dell’Inquisizione romana nell’eliminare la minoranza degli aderenti alla Riforma in Italia fu dunque fondamentale, ma non assolutamente determinante: infatti ottenne i suoi effetti in una quarantina d’anni, con un’organizzazione in crescita progressiva, avvalendosi localmente dell’attività dei vescovi (una presenza costante in tutta la storia dell’Italia peninsulare). I catari vennero liquidati dagli inquisitori in circa 80 o 100 anni, gli ebrei furono convertiti in Spagna in mezzo secolo. Confrontando la situazione italiana del Cinquecento con quella francese, ma anche con quanto successe nei Paesi Bassi e in Austria, si rileva che un singolo fattore – i tribunali di fede – non può essere avulso dal contesto specifico in cui operò e va valutato nel complesso dei fattori concomitanti. La mancata adesione alla Riforma da parte delle élites politiche italiane (adesione che avvenne invece in modi diversi nei tre paesi indicati) è uno degli elementi più rilevanti in gioco e andrebbe ulteriormente approfondito. La maggioranza degli italiani rimase alla fine cattolica, diventò un po’ più devota e osservante, e si adeguò al rinnovamento proposto da una minoranza di cattolici ferventi, soprattutto vescovi e membri di ordini religiosi vecchi e nuovi. La maggioranza non seguì forzatamente, ma si conformò internamente e sinceramente, e forse si sarebbe comunque conformata anche ad un diverso vincitore religioso ed ecclesiastico, sostenuto dalle élites politiche, come avvenne in genere nei paesi protestanti, con un processo lungo e talvolta incerto.

Notes

1 Queste questioni sono ampiamente trattate nelle relazioni di Susanna Peyronel Rambaldi, Federica Ambrosini, Silvana Seidel Menchi, Adriano Prosperi, Pierroberto Scaramella, alle quali rimando anche per la relativa bibliografia. La bibliografia che indico nel contributo è molto sommaria e assolutamente non completa. La relazione è un’anticipazione delle valutazioni e delle conclusioni della seconda parte del mio volume L’Inquisizione in Italia dal xii al xxi secolo, Milano, 2006.

2 Mi rifaccio all’impostazione che fa del problema dell’identità francese cattolica A. Tallon, Conscience nationale et sentiment religieux en France au xvie siècle. Essai sur la vision gallicane du monde, Paris, 2002, in particolare p. 1-24.

3 Cfr. S. Seidel Menchi, Italy, in B. Scribner, R. Porter and M. Teich (a cura di), The Reformation in national context, Cambridge, 1994, p. 181-201.

4 Cfr. B. Fontana, Documenti vaticani contro l’eresia luterana in Italia, in Archivio della società romana di storia patria, 15, 1892, p. 71-165, 365-389; A. Borromeo, Callisto Fornari (Callisto da Piacenza), in DBI, 49, Roma 1997, p. 73-74; ACDF, S.O., St. st., II 2-i (elenchi degli inquisitori per sede, 1707): c. 126-128, 144-146, 140-141, 171-173, 113bis-115, 86-87, 150-153, 106-107, 76-78, 124-125, 132-138, 20-22; G. Romeo, Ricerche su confessione dei peccati e Inquisizione nell’Italia del Cinquecento, Napoli, 1997, p. 33; A. Del Col, Organizzazione, composizione e giurisdizione dei tribunali dell’Inquisizione romana nella repubblica di Venezia (1500-1550), in Critica storica, 25, 1988, p. 259-264.

5 Cfr. A. Prosperi, Tribunali della coscienza. Inquisitori, confessori, missionari, Torino, 1996, p. 38-46. Il breve del 14 gennaio 1542 non è utilizzato da Prosperi e si trova in B. Fontana, Documenti vaticani...cit. n. 4, p. 383-384.

6 Vedi le recenti sintesi di A. Tallon, Le concile de Trente, Paris, 2000; A. Prosperi, Il Concilio di Trento: una introduzione storica, Torino, 2001, con bibliografia.

7 Cfr. M. Firpo, Inquisizione romana e Controriforma. Studi sul cardinal G. Morone e il suo processo d’eresia, Bologna, 1992, p. 196-198, 309-317.

8 Cfr. brevemente E. Duffy, La grande storia dei papi. Santi, peccatori, vicari di Cristo, Milano, 2000, p. 249-267; G. Brunelli, Giulio III, in Enciclopedia dei papi, III, Roma, 2000, p. 111-121; E. Bonora, La Controriforma, Roma-Bari, 2001, p. 3-9, 20-35.

9 Cfr. A. Del Col, Le strutture territoriali e l’attività dell’Inquisizione romana, in A. Borromeo (a cura di), L’Inquisizione. Atti del Simposio internazionale, Città del Vaticano, 29-31 ottobre 1998, Città del Vaticano, 2003 [ma 2004], p. 345-380; G. Greco, La Chiesa in Italia nell’età moderna, Roma-Bari, 1999, p. 39-42, 61-91.

10 Cfr. A. J. Schutte, Pier Paolo Vergerio e la Riforma a Venezia, 1498-1549, Roma, 1988; U. Rozzo (a cura di), Pier Paolo Vergerio il Giovane, un polemista attraverso l’Europa del Cinquecento. Convegno internazionale di studi, Cividale del Friuli, 15-16 ottobre 1998, Udine, 2000; S. Seidel Menchi, Erasmo in Italia, 1520-1580, Torino, 1987, p. 68-72; M. Firpo e S. Pagano, I processi inquisitoriali di Vit-tore Soranzo (1550-1558). Edizione critica, Città del Vaticano, 2004; A. Prosperi, Tribunali della coscienza... cit. n. 5, p. 129-132; A. Borromeo, Il dissenso religioso tra il clero italiano e la prima attività del Sant’Ufficio romano, in M. Sangalli (a cura di), Per il Cinquecento religioso italiano. Clero, cultura, società. Atti del Convegno internazionale di studi, Siena, 27-30 giugno 2001, introduzione di A. Prosperi, Roma, 2003, p. 470-473, 480-484.

11 Cfr. ivi, p. 473-474, 482-485.

12 Cfr. B. Fontana, Documenti vaticani...cit. n. 4, p. 390-427; L. Felici, Fanini, Fanino, in DBI, 44, Roma 1994, p. 589-592; A. Prosperi, L’eresia del Libro Grande. Storia di Giorgio Siculo e della sua setta, Milano, 2000, p. 206-207, 211-233; S. Caponetto, La Riforma protestante nell’Italia, Torino, 1992, p. 279-290; S. Adorni-Braccesi, «Una città infetta». La Repubblica di Lucca nella crisi religiosa del Cinquecento, Firenze, 1994, p. 319-337; R. Canosa, Storia dell’Inquisizione in Italia, dalla metà del Cinquecento alla fine del Settecento, III, Roma, 1988, p. 16-18, 133; I, p. 20-22; IV, p. 111-168; V. Marchetti, Gruppi ereticali senesi del Cinquecento, Firenze, 1975, p. 51-61, 90-97, 123-127; G. Dall’Olio, Eretici e inquisitori nella Bologna del Cinquecento, Bologna, 1999, p. 159-182; F. Chabod, Lo Stato e la vita religiosa a Milano nell’epoca di Carlo V, Torino, 1971, p. 278-279, 303-373; G. Romeo, Una città, due Inquisizioni: l’anomalia del Sant’Ufficio a Napoli nel tardo Cinquecento, in Rivista di storia e letteratura religiosa, 24, 1988, p. 42-67; P. Scaramella, «Con la croce al core». Inquisizione ed eresia in Terra di Lavoro (1551-1564), Napoli, 1995.

13 Cfr. E. Brambilla, Alle origini del Sant’Uffizio. Penitenza, confessione e giustizia spirituale dal Medioevo al xvi secolo, Bologna, 2000, p. 359-371; C. Ginzburg, I costituti di don Pietro Manelfi, Firenze-Chicago, 1970.

14 Cfr. P. F. Grendler, L’Inquisizione romana e l’editoria a Venezia, 1540-1605, Roma, 1983, p. 107-134; A. Del Col, Organizzazione, composizione e giurisdizione dei tribunali... cit. n. 4, in Critica storica, 25, 1988, p. 244-294; Id., L’Inquisizione romana e il potere politico nella repubblica di Venezia (1540-1560), in Critica storica, 28, 1991, p. 189-250; Id. e Marisa Milani, «Senza effusione di sangue e senza pericolo di morte». Intorno ad alcune condanne capitali delle Inquisizioni di Venezia e di Verona nel Settecento e a quelle veneziane del Cinquecento, in M. Rosa (a cura di), Eretici, esuli e indemoniati nell’età moderna, Firenze, 1998, p. 174-177.

15 Cfr. A. Aubert, Paolo IV, in Enciclopedia dei papi, Roma, 2000, III, p. 128-142; M. Firpo, Inquisizione romana e Controriforma... cit. n. 7, p. 261-319; S. Seidel Menchi, Origine e origini del Santo Uffizio dell’Inquisizione romana (1542-1559), in L’Inquisizione. Atti del Simposio internazionale... cit. n. 9, p. 314-321; M. Firpo e D. Marcatto, Il processo inquisitoriale del cardinal G. Morone. Edizione critica, voll. 6, Roma, 1981-1995; J. M. De Bujandan (a cura di), Index de Rome 1557, 1559, 1564, Sherbrooke-Genève, 1990; A. Prosperi, Tribunali della coscienza... cit. n. 5, p. 230-257; A. Del Col, L’Inquisizione nel patriarcato e diocesi di Aquileia, 1557-1559, prefazione di A. J. Schutte, Trieste-Montereale Valcellina, 1998.

16 Cfr. F. Rurale, Pio IV, in Enciclopedia dei papi... cit. n. 8, p. 142-160; A. Armand Hugon, Storia dei valdesi. II. Dall’adesione alla Riforma all’Emancipazione (1532-1848), Torino, 1984, p. 7-32; P. Scaramella, L’Inquisizione romana e i Valdesi di Calabria (1554-1703), Napoli, 1999, p. 1-103; A. Prosperi, Tribunali della coscienza... cit. n. 5, p. 129-132; G. Caravale, Il processo inquisitoriale del vescovo Nicola Francesco Missanelli e un «confessionario» censurato di Scipione Lentolo, in Scritti in ricordo di Armando Saitta, Milano, 2002, p. 72-101.

17 Cfr. S. Feci, Pio V, in Enciclopedia dei papi... cit. n. 8, p. 160-180; M. Firpo e D. Marcatto, Il processo inquisitoriale del cardinale G. Morone, VI, p. 13-51; M. Firpo e D. Marcatto (a cura di), I processi inquisitoriali di Pietro Carnesecchi (1557-1567). Edizione critica, I. I processi sotto Paolo IV e Pio V (1557-1561), II. Il processo sotto Pio V (1566-1567), Città del Vaticano, 1998-2000; S. Pagano, Il processo di Endimio Calandra e l’Inquisizione a Mantova nel 1567-1568, Città del Vaticano, 1991; M. Venard, Réforme protestante, Réforme catholique dans la province d’Avignon au xvie siècle, préface de A. Dupront, Paris, 1993, p. 531-544, 1999-2000; G. Dall’Olio, Eretici e inquisitori... cit. n. 12, p. 265, 307-332, 364-389; F. Ambrosini, Storie di patrizi e di eresia nella Venezia del ’500, Milano, 1999, p. 122-135, 146-149.

18 Cfr. A. Borromeo, Gregorio XIII, in Enciclopedia dei papi... cit. n. 8, p. 180-202; R. Bonetti, L’attività dell’inquisitore di Aquileia e Concordia fra Felice Passeri da Montefalco (1580-1584): ricognizione cronologica e analisi quantitativa, in Metodi e ricerche, n.s., 21, n. 2, 2002, p. 101-143.

19 Cfr. F. Renda, L’Inquisizione in Sicilia. I fatti. Le persone, Palermo, 1997, p. 309-340; R. Turtas, Storia della Chiesa in Sardegna dalle origini al Duemila, Roma, 1999, p. 362-367.

20 Cfr. G. Audisio, L’Inquisition et le protestantisme en Europe méridionale aux xvie et xviie siècles, in L’Inquisizione. Atti del Simposio... cit. n. 9, p. 549-566; W. Monter, The Roman Inquisition and Protestant Heresy Executions in 16th Century Europe, ivi, p. 539-548.

© Publications de l’École française de Rome, 2007

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540