Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Entrepôts et circuits de distribution en Méditerranée antique

 | 
Véronique Chankowski
, 
Xavier Lafon
, 
Catherine Virlouvet

Première partie – Entrepôts et circuits économiques

Horrea e trasporti annonari in Africa e a Roma fra Costantino e Genserico:
una complessa organizzazione integrata

Domenico Vera

Résumé

La fondazione di Costantinopoli e l’istituzione del siteresion rifornito dal grano dell’Egitto comportarono per Costantino la necessità di riorganizzare il sistema annonario di Roma ridisegnando la geografia della distribuzione statale. Il Maghreb che forniva a Roma le derrate fondamentali – grano e olio – fu l’area occidentale maggiormente interessata dagli interventi costantiniani.
L’analisi dei funzionamenti degli horrea annonari in Africa e a Roma fra il IV e il V secolo mostra che queste strutture fanno parte di un più ampio sistema integrato, composto di funzioni in sé diverse ma strettamente coordinate: la raccolta delle derrate fiscali nei territori civici, la consegna in centri di ammasso costieri, il trasporto a Portus e il successivo immagazzinamento a Roma del grano e dell’olio (quest’ultimo probabilmente negli horrea Galbiana). L’elemento fondamentale di questo complesso sistema è costituito dall’integrazione fra variabili indipendenti (i tempi dei raccolti agricoli e della navigazione mediterranea) e variabili dipendenti (le procedure tributarie e le modalità di movimentazione dei prodotti annonari). In funzione di collante fra i diversi fattori sta l’armonizzazione di tre cronologie differenti: il calendario agricolo, il calendario fiscale, il calendario logistico.

The foundation of Constantinople and setting up of the corn dole (siteresion) supplied by Egypt compelled Constantine to reorganize Rome’s food supply system by changing the geography of state distribution. The Maghreb area which supplied Rome with the basic produce of corn and olive oil was the western part of the Empire most directly subject to Constantine’s interventions. Analysis of the workings of the food warehouses (horrea) in Africa and Rome from the 4th to 5th centuries A.D. shows that they were part of a larger integrated system with different but closely linked functions: decentred collection of foodstuffs, delivery to centres on the African coast, transport to Portus by navicularii and subsequent storage in Rome of corn and oil (the latter probably in the horrea Galbiana). The fundamental feature of this complex system was the integration of independent variables (harvests and Mediterranean navigation times) and dependent variables (taxation procedures and mobilization of foodstuffs). The harmonization of three different time spans acts as a binding link between the various factors, i.e. the agricultural, fiscal and logistic calendars.

Texte intégral

  • 1 Vd. su questi temi E. Lo Cascio, « The Role of the State in the Roman Economy: Making Use of the Ne (...)

11. Inizio dai problemi di inquadramento e di cronologia. Il tema delimitato che intendo trattare da un punto di vista eminentemente tecnico – il funzionamento degli horrea annonari africani collegati con Roma fra iv e v secolo – è sovrastato da un problema storico assai dibattuto, che è quello e del peso relativo da attribuire all’azione dello stato e del mercato nel rifornimento alimentare di Roma imperiale1. Non mi addentrerò in questa discussione, che mi porterebbe fuori-tema rispetto al titolo della mia relazione, ma qualche precisazione di contorno è necessaria, dal momento che anche l’analisi degli aspetti meramente organizzativi degli horrea annonari non può prescindere dagli orientamenti generali e strutturali delle istituzioni annonarie che si ha tendenza a inserire in un continuum indifferenziato esteso da Augusto a Gregorio Magno, ma che nella tarda antichità, almeno a mio modo di vedere, assunse tratti distintivi.

  • 2 J. Beloch, Die Bevölkerung der griechisch-römischen Welt (1886), p. 411-412.
  • 3 Una rassegna in A. Tchernia, Les Romains et le commerce (2011), p. 247-262.
  • 4 D. Vera, « Fisco, annona e commercio nel Mediterraneo tardoantico: destini incrociati o vite parall (...)

2Ai fini della valutazione quantitativa della capacità degli horrea un elemento pregiudiziale è costituito dalla valutazione della consistenza globale dei canoni annonari che porta inevitabilmente in acque agitate. Ci troviamo di fronte a cifre divergenti derivanti da visioni opposte. Si spazia da tesi massimaliste risalenti all’idea di J. Beloch2, secondo cui i canoni, e in particolare il canone frumentario, erano sufficienti al fabbisogno fondamentale di Roma, fino a tesi iperminimaliste che intendono il canone come contribuzione esclusiva di una plebe annonaria estremamente ridotta: poche decine di migliaia di razioni3. Nel merito ho proposto per la fase tardoantica una ricostruzione definibile come un “minimalismo moderato”: nel senso che, a mio avviso, i canoni tardoantichi erano intesi a coprire essenzialmente i bisogni della plebe annonaria, stimabile nel iv secolo in circa 170.000 beneficiari, mentre non escluderei che quote minori, in particolare di grano e vino, fossero utilizzate per pagamenti pubblici, o riversate nella circolazione a prezzo libero, o utilizzate durante le emergenze del rifornimento alimentare. Ciò che mi sentirei di escludere più decisamente è l’esistenza di regolari circuiti di derrate vendute a prezzo politico coesistenti con le distribuzioni gratuite, che non risultano attestati né a Roma, né a Costantinopoli4. In ogni modo, pare indubbio che, in situazioni di normalità, i canoni calmieravano il mercato delle derrate fondamentali e costituivano un sostegno indispensabile per una parte notevole della popolazione romana. Per il grano in particolare, considerati i regimi alimentari e il fabbisogno calorico di un adulto, pare ragionevole raddoppiare il numero reale dei beneficiati.

  • 5 B.Vand. I 4,13; cfr. A. Merrills, R. Miles, The Vandals (2010), p. 147-148, con dubbi sull’accordo.
  • 6 Cfr. D. Vera, « Costantino e il ventre di Roma: a proposito della discussa prefettura d’Africa », i (...)

32. La periodizzazione che ho indicato, riferita a due grandi personalità – l’imperatore Costantino e il re vandalo Genserico – non è convenzionale. Per Genserico la spiegazione è facile. Nel 455, con l’uccisione dell’imperatore Valentiniano III e il successivo prolungato saccheggio di Roma, cessa definitivamente l’asse fiscale Africa-Roma e con esso le forniture di olio e grano probabilmente continuate anche nei primi decenni dell’occupazione vandala del Maghreb grazie a un accordo diplomatico fra Genserico e la corte di Ravenna5. Anche per Costantino, dietro il nome sta una data precisa: l’anno 324. Quando fu concepita e subito divulgata la decisione di fondare Costantinopoli, il proposito di assegnare alla città il canone frumentario dell’Egitto segnò un momento di svolta epocale anche per Roma e per il sistema distributivo del Mediterraneo centrale focalizzato sui consumi di Roma, che Costantino riformò a fondo e adattò alla nuova situazione con la sistematicità e la radicalità che sono distintivi della sua azione di governo6. Ragione per cui, non è improprio individuare in lui il fondatore dell’annona romana tardoantica e indicare nel 324 l’inizio di una fase nuova dell’istituzione.

  • 7 Cfr. A. Marcone, « Costantino e l’aristocrazia pagana di Roma », in G. Bonamente, Fr. Fusco (a cura (...)
  • 8 Cfr. Cr. Soraci, Sicilia frumentaria. Il grano siciliano e l’annona di Roma v a.C. - v d.C. (2011), (...)
  • 9 R. J. Rowlands, « Sardinia provincia frumentaria », in Le ravitaillement en blé de Rome et des cent (...)
  • 10 G. Volpe, Contadini, pastori e mercanti nell’Apulia tardoantica (1996), p. 257-270.
  • 11 Per la Lucania interna, cfr. H. Di Giuseppe, « Insediamenti rurali della Basilicata interna tra la (...)

4Per quanto attiene alle derrate di base confluite nel corso dell’impero nel paniere dei beneficiari dell’annona – pane, olio, carne di maiale e vino – Costantino dovette agire in diverse direzioni ma con in mente un piano organico. Innanzitutto, anche per considerazioni politiche miranti a favorire gli interessi fondiari e commerciali della grande aristocrazia senatoria7, le sue riforme determinarono una più netta distinzione fra canali di rifornimento pubblico di Roma e canali commerciali, concentrando l’azione dello stato sui primi e allargando notevolmente gli spazi di mercato dei secondi. Si spiega in questa prospettiva l'anomalia della Sicilia. L’isola – terzo bacino frumentario del Mediterraneo – non fu richiamata a dare grano all’annona; ma proprio fra Costantino e Genserico sperimentò una forte espansione degli insediamenti rurali fondata principalmente sull’esportazione di frumento verso Roma8. In Italia meridionale, regioni a forte produzione di grano non furono gravate da prelievi annonari su questo prodotto, evidentemente con lo scopo di rafforzare la circolazione libera e soddisfare le quote del consumo di Roma non più coperte dallo stato. Si spiegano le crescite frumentarie di alcune province suburbicarie: la Sardegna già sotto Costantino9, la Puglia10 e la Lucania11 a partire dalla seconda metà del iv secolo.

  • 12 C.Th. XIII 5,4 (324); XIII 5,8 (334).
  • 13 Il riutilizzo diffuso di questo contenitore nell’edilizia dei primi del iv secolo può averne notevo (...)
  • 14 Vd. V. Revilla Calvo, « Les amphores africaines du iie et iiie siècle du Monte Testaccio (Rome) », (...)

5In Occidente venne ridisegnata la geografia della distribuzione statale per semplificarne il funzionamento e migliorarne l’efficienza. Così, i prelievi annonari – definiti canones – e le relative strutture logistiche, fra cui gli horrea, furono concentrati in un’unica prefettura del pretorio – quella di Italia e Africa – e in sole due diocesi amministrativamente comprese in questa prefettura: l’Africa incaricata di contribuire grano e olio e l’Italia Suburbicaria che forniva il vino e la carne. Non solo. Anche all’interno delle diocesi intervennero modifiche. In Africa, come vedremo, le contribuzioni di olio, prima esatte anche nella Tripolitania, vennero concentrare nella Bizacena e nella Zeugitana. Rimane in dubbio la persistenza del tributo oleario della Spagna, adombrata da due costituzioni di Costantino, che però menzionano genericamente il trasporto a Roma di onus fiscale12, e possibilmente testimoniata a Roma da una cospicua presenza di anfore Dressel 23 (ca. 25 litri). Potrebbe trattarsi anche di libero commercio, ma il particolare che il reimpiego di questo contenitore appaia soprattutto in edifici pubblici, come il Circo di Massenzio e il Mausoleo di Elena, fa pensare piuttosto a olio annonario13. In ogni caso, rispetto al totale del canone tardoantico, la contribuzione olearia iberica doveva essere minoritaria, come mostrano anche le fasi ultime del Testaccio risalenti a Gallieno che appaiono dominate per l’85% da anfore africane con prevalenza di contenitori tripolitani14.

  • 15 J. Durliat, De la ville antique à la ville byzantine. Le problème des subsistances (1990), p. 43-45
  • 16 Chron. Pasc. 1,531 Dind.
  • 17 Sull’intrepretazione della cifra, cfr. C. Zuckerman, Du village à l’empire. Autour du registre fisc (...)
  • 18 Zos., 2,12; Aur. Vict., Caes. 40,17 e 28; Epit. Caes. 40,2; Pan. Lat. 12(9),4,4; Eus., V.C. 1,36.
  • 19 C.Th. XI 1,2 (319S); XI 19,1 (321); XIII 5,2-3 (314S); XIV 25,1 (318S); XV 3,1 (319) = C.I. XI 65,1 (...)
  • 20 C.Th. XI 30,4 e XIII 5,2-3 indirizzate a Amabilianus; cfr. PLRE I, Amabilianus, p. 49.

6Gli orientamenti della politica annonaria di Costantino in Occidente si comprendono meglio se si guarda verso Oriente. Nonostante il parere opposto di J. Durliat15, appare del tutto improbabile che il canone egiziano, già diventato irregolare durante la crisi della tetrarchia, raggiungesse ancora a Roma; e questo non solo nel corso dell’intero iv secolo ma anche prima del 332, quando a Costantinopoli venne inaugurato l’istituto del siteresion16. Neppure è da escludere che, fino a quando la popolazione dei beneficiati non raggiunse il tetto delle 80.000 razioni stabilito dal fondatore, la quota eccedente del canone servisse a finanziare la costruzione della nuova metropoli17. Certo è, comunque, che, mentre in Oriente enormi risorse pubbliche erano assorbite dalla costruzione della “Nuova Roma”, in Occidente, nel cosiddetto “triangolo mediterraneo” proiettato sui consumi di Roma, vale a dire l’Italia centro-meridionale, Maghreb e Sicilia, l’azione di Costantino si concentrò in modo particolare sull’Africa per garantire in una mutata condizione il buon funzionamento del rifornimento pubblico dell’antica capitale su due generi essenziali: il grano e l’olio. Il problema – non ultimo fra i fattori di debolezza del regime di Massenzio18 – aveva già richiamato la sua attenzione all’indomani della vittoria di Ponte Milvio, come prova il numero impressionante di costituzioni di contenuto fiscale e liturgico riguardanti l’Africa19. L’istituzione del praefectus annonae Africae, attestato per la prima volta nel 314/315, potrebbe appunto risalire a questi anni20.

  • 21 I testi fondamentali per queste due cifre sono Epit. Caes. 1,6 e Iust., Ed. XIII; cfr. G. Geraci, « (...)
  • 22 F. De Romanis, « In tempi di guerra e di peste. Horrea e mobilità del grano pubblico fra gli Antoni (...)

73. Diversi fattori convergenti indicano che le conseguenze occidentali della decisione orientale del 324 – occorre insistere sul valore periodizzante di questa data – segnarono l’inizio di un nuovo corso. Nello spazio di pochi anni sui contribuenti del Maghreb, che già sostenevano il peso maggiore del rifornimento annonario di Roma in termini di quantità contribuite di olio e grano e di servizi liturgici, fu addossato l’onere di versare il contributo frumentario in precedenza fornito dall’Egitto. È però inverosimile pensare al trasferimento repentino sulla fiscalità africana dell’intera embolé egiziana, che secondo una fonte attendibile ammontava sotto Augusto a 20 milioni di modii saliti a 36 milioni sotto Giustiniano21. Si dovrà invece pensare alla sola quota di grano egiziano destinata alle distribuzioni pubbliche di Roma, che probabilmente era andata diminuendo nel corso dell’età imperiale di pari passo con la crescita della produzione frumentaria dell’Africa22. Doveva comunque trattarsi di quantitativi ingenti e bisognava predisporre in tempi rapidi adeguati strumenti amministrativi, logistici e fiscali. Indico sinteticamente gli elementi fondamentali che indirizzano verso questa ricostruzione.

  • 23 Vd. n. 6.
  • 24 C.Th. I 5,5 (355); I 5,6 (357S); XI 16,8 (357) = C.I. X 48,8.
  • 25 C.Th. XIII 5,7 (334); XIII 5,14 (371); XIV 4,1 (334).

8In primo luogo, va considerata la presenza fra il 324 e il 337 di prefetti del pretorio con mandato sulla sola diocesi africana. Questa esperienza, inevitabilmente connessa alla questione controversa della creazione delle prefetture regionali, costituisce un unicum assoluto della storia amministrativa romana. Ma, che si tratti di prefetti già regionali o di prefetti ancora palatini distaccati in Africa, rimane il fatto, come ho cercato di mostrare23, che una spiegazione ragionevole di questa anomala presenza prefettizia rimanda alla necessità di potenziare e riorganizzare il sistema fiscale e annonario africano in vista degli oneri aggiuntivi determinati dalla fondazione di Costantinopoli. Operazione complessa, puntualmente testimoniata dalle costituzioni imperiali, che richiedeva la presenza di prefetti: gli unici funzionari che potevano imporre sovraccarichi fiscali – facoltà interdetta ai vicari e ai governatori24 – e predisporre regolamenti applicativi generali in materia di munera publica dei navicularii, che, emanati in origine per l’Africa, in seguito trovarono applicazioni anche in Italia e nella parte Orientale25.

  • 26 Vd. l’edizione commentata di Ch. Saumagne, « Un tarif fiscal au quatrième siècle de notre ère (d’ap (...)
  • 27 Ibid., p. 144-147.
  • 28 C.Th. XIII 5,6.

9Documenti rilevanti rientrano nel medesimo disegno. Un complesso di disposizioni sicuramente valide per la Proconsolare aumentò i prelievi di grano e le quote fiscali (centesimae) destinate a rimborsare i navicularii africani per il trasporto a Roma del canone frumentario, i cui costi erano verosimilmente lievitati in seguito al trasferimento sulla fiscalità africana del contingente frumentario egiziano in precedenza trasportato dai navicularii alessandrini. Si tratta della cosiddetta “Tariffa fiscale di Cartagine”, pervenuta in frammenti per via epigrafica. Il testo risale probabilmente al regno di Valentiniano I ma per esplicita attestazione riproduce un tariffario di augmenta tributari deliberati sotto Costantino fra il 325 e il 32726. In un luogo si cita esplicitamente una disposizione costantiniana (secundum sacram iussionem divae memoriae Constantini) e nel luogo successivo fa riferimento a una “antica (cioè costantiniana) regolamentazione” (vetus dispositio) sulla distribuzione dei viaggi e delle indennità fra i membri del corpus naviculario27 africano che ricompare nei medesimi termini (dispositio) in una costituzione del 334 tesa a reprimere abusi precisamente nella distribuzione dei viaggi e delle indennità28.

  • 29 C.Th. XII 5,3 (314S); XII 6,1 (326).
  • 30 C.Th. XIII 5,5 ripresa ad verbum da C.Th. XIII 5,17 del 386 e evocata in costituzioni del 334 (C.Th (...)

10Nel medesimo arco temporale, nell’anno 326 o, più probabilmente, nel 329, preceduta da provvedimenti parziali29, fu emanata una grande legge generale sui corpora dei navicularii al servizio dello stato che successivamente divenne il testo di riferimento su questa materia e la cui prima applicazione dovette riguardare specificamente i navicularii africani al servizio dell’annona30.

  • 31 Aur. Vict., Caes. 41,19-20; cfr. H.A. Sev. 18,3.
  • 32 D. J. Mattingly, « Olive Oil Production in Roman Tripolitania », in D. J. Buck, D. J. Mattingly (a (...)
  • 33 H. R. Hurst, Excavations at Carthage. The British Mission. II, The Circular Harbour, North Side. 1,(...)

11Non è infine trascurabile un luogo dei Caesares di Aurelio Vittore, un burocrate della prefettura del pretorio di origini africane bene informato su Costantino, il quale riporta che l’imperatore in una data successiva al 324, forse fra il 324 e il 326, ridisegnò anche i distretti oleari esentando dal tributo la Tripolitania31. Il che implica percezioni di olio concentrate in Bizacena e in Zeugitana. Dell’esenzione accordata alla Tripolitania abbiamo conferma, indirettamente, dalla distribuzione delle anfore tripolitane che a Roma nel iv secolo diventano rare32 e da un gruppo di 32 ostraka iscritti trovati nel 1911 a Cartagine: tutti – dato interessantissimo e fondamentale – riferiti all’anno 373. Questi ostraka contengono i calcoli giornalieri dei mensores addetti alla movimentazione di un grande horreum sito nell’area del porto circolare33 denominato conditorium Zeugitanum che gestiva il canone oleario per Roma fornito dalla Zeugitana e, in misura notevolmente minore, da distretti appartenenti alla Bizacena.

  • 34 J. Th. Peña, « The Mobilization of State Olive Oil in Roman Africa: the Evidence of Late 4th-c. Ost (...)
  • 35 J. Th. Peña, The Urban Economy during the Early Dominate. Potter Evidence from the Palatine Hill (1 (...)

124. La mia analisi dei funzionamenti degli horrea annonari si appoggerà su questa documentazione eccezionale, per la quale disponiamo dal 1998 dell’edizione curata da J. Th. Peña34. Si deve osservare preliminarmente che i volumi annui gestiti dal conditorium Zeugitanum risultano incompatibili con un canone destinato al consumo complessivo. Utilizzando infatti come unità di misura un’anfora di 100 libbre – praticamente l’africana Keay 25 – e supponendo con Peña erogazioni annue di olio annonario di 19-24 litri pro capite, equivalenti alle razioni militari applicate in Egitto nel vi secolo, risulta il fabbisogno di circa 45.000 persone. Sperimentalmente si può dimezzare l’erogazione a Roma, che forse era meno generosa, e ipotizzare un apporto oleario notevolmente superiore della Bizacena. Rimaniamo lontani dal consumo complessivo dell’Urbe ma entro il tetto augusteo dei 200.000 beneficiati35.

  • 36 J. Th. Peña (n. 34), p. 199; altre possibili letture sono oleum Romae canonicum, ovvero oleum Romae (...)
  • 37 C.Th. XIV 15,3: … frumenti vel olei urbicarii canonis.
  • 38 C.Th. XIV 24,1; cfr. Not. Urbis-Curiosum 106,9-10; per il valore di 20 folles, vd. A. H. M. Jones, (...)
  • 39 C.Th. XII 11,2.

13Nelle fonti non-legislative l’olio, indicato negli ostraka cartaginesi con la sigla oRc (possibilmente olei Romae canon)36 è in assoluto il genere annonario meno documentato. Anche la fonte fondamentale – e per diversi aspetti unica – sugli horrea annonari in Africa, a Portus e a Roma – vale a dire il Codice Teodosiano – presenta il medesimo squilibrio: nel senso che sui depositi del grano la codificazione è prodiga di informazioni distribuite in varie sezioni e contiene un apposito titolo 14,15 De canone frumentario urbis Romae. Invece, per l’olio l’informazione è praticamente nulla: una sola casuale menzione del canon urbicarius olei in una costituzione del 39737 e due riferimenti indiretti: nel 329 una disposizione di Costantino sulla proprietà delle 2300 mensae oleariae di Roma38 e nel 386 una disposizione sui crediti dell’arca olearia39.

  • 40 Per il vino, vd. C.Th. XI 2,3 (377); per il grano, vd. C.Th. XI 14,1-2 (364 e 396); XV 1,12 (364).
  • 41 J. Th. Peña (n. 34), p. 171-173.
  • 42 Per l’ipotesi della creazione sotto Aureliano del cosiddetto “piccolo Testaccio” a fianco del depos (...)
  • 43 J. Th. Peña (n. 34), p. 213; contra M. Bonifay, « La céramique africaine, un indice du développemen (...)
  • 44 A Costantinopoli esistevano appositi horrea olearia (Not. Const. 6,13).
  • 45 CIL VI 36954; cfr. B. Candida, « Ara di Aurelius Avianius Symmachus nel Museo Nazionale Romano », R (...)
  • 46 Symm., Rel. 35,2. Altre due crisi olearie sono attestate nel 396 (Symm., Ep. IV 18; IX 58) e nel 40 (...)

14L’olio, com’è noto, non presenta i gravi problemi di conservazione del grano e anche del vino, che infatti sono trattati dal legislatore40, e presenta anche minori problemi di pesatura e di custodia. Possiamo dedurlo dal fatto acclarato che l’olio annonario del conditorium Zeugitanum viaggiava verso Roma in contenitori standardizzati, con prevalenza dell’anfora più leggera di circa 100 libbre (abbreviata KN  T    )identificabile con la Keay 25, che presentava una capacità notevolmente uniforme41. Il che spiegherebbe bene la mancanza di tituli picti e anche l’assenza a Roma di grandi depositi tardoantichi di anfore spezzate sul modello del Testaccio42. Siccome non si può pensare a una selezione arbitraria dei compilatori del Codice, per spiegare la povertà normativa sull’olio si dovrà pensare a un fattore strutturale, cioè a un funzionamento in linea generale più efficiente di questa distribuzione, dovuto fra le altre cose a una catena meno complessa di passaggi negli horrea. Si possono pensare due transiti generali bene controllabili. Il primo transito dobbiamo situarlo in Africa e non è improbabile che fosse concentrato in due centri di raccolta e di spedizione: sicuramente il conditorium Zeugitanum a Cartagine e un altro in un centro portuale della Bizacena, che poteva essere la capitale provinciale di Hadrumetum, ovvero Sullectum o Leptiminus. Sotto i Vandali, in questi territori, quando cessarono le spedizioni del canone oleario e i connessi procedimenti di centralizzazione, le officine anforarie si ritirarono verso le proprietà produttrici dell’interno; ma è dubbio che questo movimento sia effettivamente legato alla fine del tributo e non allo spostamento locale dei centri agricoli e degli impianti di salagione che utilizzavano le anfore per la commercializzazione43. Il secondo transito avveniva in Italia. Per questa fase, le anfore depositate a Portus in appositi horrea44 erano successivamente imbarcate su battelli fluviali, come si vede nel rilievo della dedica a Avianius Symmachus45, e portate agli horrea Galbiana di Roma. È da notare che nel 384 il prefetto urbano Aurelio Simmaco, in una comunicazione indirizzata alla corte per segnalare le difficoltà annonarie del momento, parla per l’olio di Romana horrea e riferisce che il prefetto dell’annona conosceva esattamente la disponibilità dei condita46.

  • 47 NDOc. 4,15. Sugli Horrea Galbiana, vd. C. Virlouvet, Tessera frumentaria: les procédures de distrib (...)
  • 48 NDOc. 4,7; sul vino i testi fondamentali sono CIL VI 1785 = 31931; H.A. Aurel. 48,4; Symm., Rel. 14 (...)
  • 49 C.Th. XV 1,12 (364): Horrea fiscalia apud urbem Romam nec non etiam Portus in usus translata privat (...)
  • 50 C.Th. XIV 15,4 (398); XIV 4,9 (417).
  • 51 CIL XIV 20 = ILS 372; cfr. H. Pavis d’Escurac, La préfecture de l’annone. Service administratif imp (...)

15Questo complesso di magazzini era amministrato in età tarda da un apposito curator horreorum Galbianorum, dipendente dal prefetto urbano47. Sappiamo per certo che i vini fiscali venivano immagazzinati nei criptoportici del templum Solis in Campo marzio e con buona probabilità distribuiti in quella stessa sede sotto la supervisione di un altro funzionario, il rationalis vinorum48. Il grano, per la cui custodia cui vigeva il principio generale della separatezza fra horrea fiscalia e horrea privati49, era depositato principalmente negli horrea di Portus e successivamente veniva trasferito a Roma in horrea e depositi minori (cellae) sparsi per le regioni cittadine e gestiti dai conduttori dei grandi forni pubblici50. Sembra dunque ragionevole concludere che le strutture degli horrea Galbiana fossero adoperate per antica prassi dall’annona come deposito oleario. Tale uso del resto indicano sia la vicinanza del deposito del Testaccio e sia l’esistenza nel 175 di un procurator ad oleum in Galbae Ostiae portus utriusque51 che potrebbe essere stato il predecessore del curator tardoantico.

  • 52 Supra, p. 67.
  • 53 Symm., Rel. 14,3: iam caupones et obsequia pistoria, frugi et olei baiulos multosque id genus patri (...)
  • 54 Symm., Rel. 35,3: nam properato opus est, priusquam reliquum profliget diurna praebitio.
  • 55 H.A. Sev. 18,3 a proposito di Settimio Severo: Tripolim unde oriundus erat, contusis bellicosissimi (...)
  • 56 C.Th. XIV 17,3 (368); H.A. Aurel. 35,1; Aug., C. Adim. 24; cfr. XIV 26,2 (436) per Alessandria.
  • 57 P. Oxy. 1920 e 2046; cfr. P. Beatty Panop. 2,245-246: 1/11 di sextarius al giorno negli anni 298-30 (...)

16Nel iv secolo l’utilizzazione prevalente di anfore leggere e di capacità uniforme per il trasporto dal canon olei dall’Africa doveva avere semplificato, come si è già detto52, i sistemi redistributivi testimoniati dal Testaccio. Data l’esistenza a Roma di “trasportatori dell’olio” organizzati in corpus e “obbligati al servizio della città”53, è pensabile che dagli horrea Galbiana le anfore africane venissero portate direttamente alle mensae oleariae per le distribuzioni giornaliere. Ove la cadenza giornaliera di cui parlano fonti di iv secolo (diurna praebitio54, diurnum oleum55) è da intendersi nel senso che, diversamente dal pane pubblico ritirato ogni giorno nei gradus da ognuno degli incisi56, l’olio veniva distribuito tutti i giorni ma non a tutti i beneficiari. Altrimenti dovremmo immaginare l’erogazione di quantità minime, 1/10-1/8 di sextarius, come quelle testimoniate per le guarnigioni egiziane57, che avrebbero impegnato giornalmente decine di migliaia di persone. Il che pare quantomeno inverosimile e contrastante con il fatto che l’olio non presentava problemi di conservazione.

175. Lo studio degli ostraka cartaginesi presenta un altro vantaggio rilevante. Questo dossier mostra che nelle linee essenziali i grandi horrea oleari africani erano organizzati secondo i medesimi criteri dei ben più conosciuti horrea frumentari, e dunque le due documentazioni possono mutuamente integrarsi. Se ne esaminiamo i funzionamenti in termini di sistema, vediamo che l’elemento fondamentale risiede nell’integrazione fra variabili indipendenti, come i tempi naturali dei raccolti agricoli e della navigazione mediterranea, e variabili dipendenti di natura diciamo umana, come le procedure fiscali e le modalità annonarie. In funzione di collante fra i diversi elementi sta l’armonizzazione di tre cronologie differenti: il calendario agricolo, il calendario fiscale, il calendario logistico.

  • 58 Pall., r.r. 7,2; 8,1; 12,4.
  • 59 A. H. M. Jones, The Later Roman Empire (1964), p. 456; cfr. C.Th. XI 5,3 (436); Iust., Nov. 128,1 ( (...)
  • 60 C.Th. XI 19,3 (364); XI 1,16 (367); XI 7,19 (412); cfr. XI 1,15 (366); XI 7,11 (365); XI 1,16 (367) (...)

18Stando all’agronomo Palladio, nelle regioni africane il picco della stagione frumentaria iniziava a fine giugno e si concludeva in luglio, mentre il raccolto della produzione olearia era concentrato in novembre58. Il calendario tributario abbracciava due anni solari con inizio variabile fra le diverse aree dell’impero: il 1o luglio in Egitto, il 1o settembre in altre province59. In Africa l’anno fiscale andava da novembre a ottobre e, a partire dal 364-365, era suddiviso in quadrimestri: novembre-febbraio, marzo-giugno, luglio-ottobre. sicché, di norma, i contribuenti potevano consegnare le species annonariae agli horrea fiscali del loro distretto in un’unica soluzione o in tre soluzioni, con l’obbligo di versare almeno 1/3 del dovuto dopo le calende di marzo (evidentemente per incamerare l’olio nuovo) e il resto dopo le calende di luglio (evidentemente per incamerare il grano nuovo). per i fondi enfiteutici l’anno fiscale iniziava a gennaio e il primo versamento, dovuto anch’esso dopo le calende di marzo (e quindi importante per l’olio), era di 1/660.

  • 61 C.Th. XII 6,16 (375): Non autem oportet in horreis fiscalibus nisi fiscalia frumenta constitui.
  • 62 Vd. per l’Africa C.Th. VII 4,1 (325) al ppo. Felix.
  • 63 C.Th. VI 4,1 (325); XII 6,8 (365); Cfr. A. Giardina, Fr. Grelle, « La tavola di Trinitapoli: una nu (...)
  • 64 Ch. Saumagne (n. 26), p. 129-132.
  • 65 C.Th. XII 6,19 (383); XII 6,21 (386) = C.I. X 72,9; cfr. AE 1921,46 = IAlg. 2,3,8023 (mensa pondera (...)

19Queste scadenze sembrano riflettere un’organizzazione della percezione fiscale tendente a garantire un flusso continuo di derrate e a massimizzare la ricettività della rete degli horrea annonari distribuendo la consegna lungo l’anno e attuando una rapida movimentazione degli stocks in uscita dai depositi minori verso i depositi maggiori. Essendo fondamentale per questo aspetto il ruolo delle autorità locali, due precisazioni sono opportune. Le leggi incardinano la raccolta provinciale negli horrea fiscalia delle città, riservati all’uso esclusivo dello stato61, che centralizzavano la percezione. Di fatto, la prima fase della raccolta, eseguita da praepositi pagorum et horreorum nominati dalle curie62, avveniva anche, e forse in misura precipua, in depositi distribuiti nel territorio dai quali successivamente le derrate venivano trasferite nelle città. Questa modalità risulta palese nelle istruzioni della costituzione epigrafica di Trinitapoli di Valentiniano I, specificamente riferita all’Italia meridionale ma aderente a normative di portata generale63. E infatti anche nella “Tariffa fiscale di Cartagine”, riferita alla proconsolare e attribuibile allo stesso imperatore, i toponimi di 27 distretti fiscali portano tre denominazioni differenti: fundi, civitates, pars territorii (quest’ultimo termine da intendere forse come equivalente a pagus)64. Non è neppure escluso che, per ragioni di convenienza logistica, in alcune località la percezione avvenisse presso le stationes prossime alla costa e che quindi questi carichi non fossero inoltrati dal territorio alla città ma portati direttamente ai porti d’imbarco. Sostengono questa ricostruzione disposizioni generali sull’obbligo della presenza di misure-campione nelle stationes65.

  • 66 E. Tengström, Bread for the People (1974), p. 15-16.
  • 67 C.Th. XI 1,2 ad Aelianum proconsulem Africae, datata 313 da Seek e 8 novembre 314 da PLRE I, Aelian (...)
  • 68 C.Th. I 15,17 (401); cfr. C.Th. XI 7,8.

20Si è pensato66 che nel 364 l’istituzione dei quadrimestri tributari e dei versamenti trimestrali (tripartita inlatio) avesse abolito le precedenti scadenze mensili (per menses singulos) prescritte da una legge del 313 in cui si tratta di consegne fiscali e di ricevute di versamento che il contribuente doveva inoltrare ai tabularii municipali67. Ma in questo modo si attribuisce una inverosimile contraddizione al Codice Teodosiano che riporterebbe illogicamente procedure obsolete. La norma va invece interpretata in chiave di razionalizzazione delle procedure amministrative: nel senso che il contribuente nell’arco di un quadrimestre fiscale poteva effettuare un solo versamento in un mese qualsiasi, mentre gli addetti alla gestione degli horrea territoriali erano tenuti a trasmettere con scadenza mensile alle città le derrate fiscali accumulate e la relativa documentazione. Il medesimo andamento mensile dovevano seguire i governatori africani nell’invio al vicarius delle loro relazioni riassuntive sugli introiti tributari ricevuti e trasmessi68.

  • 69 J. Th. Peña (n. 34), p. 206-207.
  • 70 Ibid. n. 4 verso (p. 125): post cons(ulatus) / modesto et arinthei / III Nonas mar(tias) felix mens (...)

216. L’attività del conditorium Zeugitanum accuratamente ricostruita da Peña sulla base delle date scritte sugli ostraka69 consisteva nel ricevere l’olio in anfore o in grandi contenitori di cuoio (ascopa), misurarlo, travasarlo in contenitori di peso standard, spedirne subito la maggioranza a Portus e conservarne una parte minore in attesa di future spedizioni. Le operazioni svolte nel conditorium, che veniva rifornito sia per via di terra che per via di mare, coprono il periodo febbraio/marzo-ottobre e presentano due picchi: la raccolta a fine febbraio/inizio marzo, connessa con i versamenti dell’anno fiscale precedente, e spedizioni consistenti a fine maggio-inizio giugno, connesse con le consegne di olio alle calende di marzo. Seguiva un’attività minore nei mesi successivi, dovuta sia alla carenza di navi e di anfore e sia al fatto che i versamenti fiscali di olio effettuati fra metà di luglio e fine ottobre non davano un gettito consistente. È da notare che due gruppi di ostraka portano l’annotazione ad octobrem in connessione chiaramente con la chiusura della navigazione, mentre un ostrakon usa per il 5 marzo una data post-consolare70: segno che nessuna nave era ancora giunta a Cartagine da Roma.

  • 71 C.Th. XIII 9,3 (380) = C.I. XI 6,3, indirizzato ai navicularii Afri, che allude forse a un calendar (...)
  • 72 C.Th. XIII 8,1 (395) = C.I. XI 5,1; per il divieto di cabotaggio, vd. C.Th. XIII 5,5 (409) = C.I. X (...)
  • 73 Symm., Rel. 35,3.
  • 74 C.Th. XIII 5,27.

22Dunque, sia il calendario del deposito cartaginese e sia il calendario logistico dei navicularii africani erano governati dalla stagionalità della navigazione d’alto mare che ufficialmente era interrotta da novembre a marzo71. Per le navi annonarie – le quali sia detto en passant viaggiavano in convogli e non dovevano servire per altri scopi72 – la stagione dei trasporti era compresa fra il 1o aprile e il 31 ottobre, con la prima partenza fissata al 15 aprile e l’ultima al 15 ottobre di ogni anno. Si comprende allora la preoccupazione del prefetto urbano del 384, Aurelio Simmaco che, a estate oramai avanzata, scriveva allarmato agli imperatori: “la scarsità degli invii di olio fiscale crea difficoltà al vettovagliamento della plebe… inviate al più presto messaggi imperiali ai funzionari africani, affinché si affrettino a spedire ai magazzini romani la derrata in questione”73. E si comprende in questa prospettiva la norma istituita – o, forse meglio, richiamata – da una costituzione del 397: “ordiniamo ai navicularii di consegnare un terzo del canone urbano all’apertura della navigazione”: inter prima navigationis exordia74.

23Per quanto attiene alla cronologia dei principali horrea portuensi destinati a accogliere il canon frumentarius, essa era regolata dalla combinazione di tre calendari differenti: agricolo, tributario, marittimo. Se infatti sovrapponiamo i tempi del raccolto, giugno-luglio, allo scadenziario fiscale e al calendario delle spedizioni navali, metà aprile - metà ottobre, risulta evidente un dato: il grosso del canone frumentario imbarcato durante la buona stagione era costituito dal raccolto dell’anno precedente versato nel secondo e terzo quadrimestre fiscale, così come è evidente che sempre su questo raccolto si concentravano gli imbarchi fra metà aprile e metà giugno dell’anno successivo. Questa prima fase era cruciale, perché alla fine dell’inverno gli stocks dei granai romani dovevano essere al livello più basso.

  • 75 La casistica in H. P. Kohns, Versorgungskrisen und Hungerrevolten im spätantiken Rom (1961).
  • 76 C.Th. XIV 15,3 (397); XIV 15,6 (399).
  • 77 Amm. Marc., 28,1,17-18; cfr. D. Vera, « Una carità razionale: provvedimenti di carestia e finanza p (...)

24Certo, si può pensare che prudenzialmente fossero previste delle riserve, ma non dovevano essere rilevanti, visto che ogni ritardo estivo delle flotte africane allarmava la plebe e le autorità75. La preoccupazione per il rifornimento di Roma spiega bene la ripetizione frequente nella legislazione del divieto assoluto ai funzionari africani di toccare il grano depositato in Africa in vista della riapertura della navigazione76. E si comprende perché venne punito un generoso Proconsole che nella primavera avanzata del 368 aveva venduto grano del popolo romano ai cartaginesi affamati al prezzo dieci modii per un solido riacquistandolo sul mercato nella buona stagione successiva a trenta modii per solido77. Chiaramente, se il raccolto fosse stato cattivo, a Roma sarebbe scoppiata una crisi alimentare. Si comprendono infine, pensando al grano, sia la norma che imponeva ai contribuenti africani di effettuare in luglio almeno un terzo dei versamenti e sia la norma che imponeva di imbarcare agli inizi della riapertura della navigazione un terzo almeno dell’intero canone urbano. La simmetria che queste disposizioni indicano è ipotetica, ma non è azzardato pensare che, considerato x il quantitativo complessivo del canon frumentarius, due terzi di questa quantità fossero trasportati dalla flotta annonaria a Roma entro ottobre di ogni anno e che il restante terzo fosse trasportato con i primi convogli primaverili dell’anno seguente (tab. 1).

  • 78 Rusicade: CIL VIII 19852 = ILS 5910; cfr. la dedica al genius coloniae e all’annona sacrae urbis in (...)

25Apparentemente, può sembrare un limite il fatto che durante l’apertura della navigazione non fosse imbarcato l’intero canone oleario e frumentario e l’intero raccolto annuale di queste due derrate. In realtà, questo sistema presentava notevoli vantaggi Primo, si distribuivano i fattori di rischio: se un’annata era stata sfavorevole, si poteva sperare nella seconda e, se anche questa era stata sfavorevole, se ne poteva conoscere l’entità e si aveva il tempo di approntare i soccorsi, attingendo alle produzioni di province diverse dal Maghreb. In secondo luogo, non venivano sovraccaricate le capacità ricettive degli horrea romani e portuensi per i quali bastava provvedere alle riserve e al consumo di circa cinque mesi. Infine, si consentiva all’annona africana di approntare nei mesi di interdizione della navigazione le operazioni di raccolta e di trasporto verso i porti d’imbarco. Abbiamo attestati horrea frumentari destinati all’annona a Rusicade, Cartagine, Utica, forse a Ippona: tutte città marittime78.

  • 79 Vd. per es. C.Th. XI 1,13 (365); XIII 5,21 (392); XIV 15,2 (366).
  • 80 P. Horden, N. Purcell, The Corrupting Sea. A Study of Mediterranean History (2000); cfr. B. D. Shaw(...)
  • 81 P. Garnsey, Famine and Food Supply in the Graeco-Roman World (1988); D. Ch. Stathakopoulos, Famine (...)

26In linea teorica, dunque, il funzionamento degli horrea annonari sembra impostato su criteri di razionalità e di integrazione. In linea pratica, non mancavano le inefficienze. Dagli studi generali sull’andamento del rifornimento alimentare di Roma in età tardoantica, possiamo tentare di stabilire una gerarchia decrescente delle negatività. Al primo posto vanno posti i fattori politici che si esprimevano in genere nel blocco dei trasporti annonari, ma la loro azione era imprevedibile, sporadica e non introduceva nel sistema degli horrea modifiche permanenti. Più sfuggente, ma certo importante, appare il ruolo delle inefficienze strutturali, dovute principalmente a malfunzionamenti o alla corruzione delle categorie che ai diversi livelli gestivano i canoni. Dalla legislazione emerge una situazione certo preoccupante a cui si cercava di rimediare con un controllo assai stretto della movimentazione degli horrea impostato su misurazioni ripetute nei vari passaggi delle derrate e su controlli incrociati delle ricevute e dei registri redatti da uffici diversi79. Quanto questa azione di contrasto fosse efficace, è difficile dire; ma certo l’iterazione delle leggi non depone a favore della loro efficacia, fermo restando che la ripetizione della norma indica anche interessamento del legislatore e non solo carenze di applicazione. In fondo alla graduatoria delle negatività, per quel che si può capire, si situa il fattore che gli autori antichi maggiormente sottolineano: le avversità naturali, che siano i cattivi raccolti o le tempeste marittime. Studi generali sull’ambiente mediterraneo, nei quali ultimamente è stata sottolineata la facile “interconnectivity” fra le aree produttive80, indicano che, almeno per le città, e a maggior ragione per le capitali supportate dalle strutture imperiali, le avversità naturali potevano causare deficit alimentari passeggeri e stagionali ma raramente carestie devastanti81. In questo senso, gli horrea annonari tardoantichi si pongono indubbiamente al livello superiore fra le strategie di salvaguardia alimentare messe in atto dall’urbanesimo greco e romano.

Tab. I — Calendario fiscale in Africa, anno agricolo, calendario annonario.

Tab. I — Calendario fiscale in Africa, anno agricolo, calendario annonario.

Notes

1 Vd. su questi temi E. Lo Cascio, « The Role of the State in the Roman Economy: Making Use of the New Institutional Economy », in P. F. Bang, M. Ikeguchi, H. Ziche (a cura di), Ancient Economies Modern Methodologies. Archaeology, Comparative History, Models and Institutions (2006), p. 215-234; « Mercato libero e “commercio amministrato” », in id., Crescita e declino. Studi di storia dell’economia romana (2009), p. 287-296.

2 J. Beloch, Die Bevölkerung der griechisch-römischen Welt (1886), p. 411-412.

3 Una rassegna in A. Tchernia, Les Romains et le commerce (2011), p. 247-262.

4 D. Vera, « Fisco, annona e commercio nel Mediterraneo tardoantico: destini incrociati o vite parallele? », in S. Menchelli et al. (a cura di), LRCW 3. Late Roman Coarse Wares and Amphorae in the Mediterranean (2010), p. 4-8.

5 B.Vand. I 4,13; cfr. A. Merrills, R. Miles, The Vandals (2010), p. 147-148, con dubbi sull’accordo.

6 Cfr. D. Vera, « Costantino e il ventre di Roma: a proposito della discussa prefettura d’Africa », in G. Bonamente, N. Lenski, R. Lizzi Testa (a cura di), Costantino prima e dopo Costantino. Constantine before and after Constantine (2013), p. 333-345.

7 Cfr. A. Marcone, « Costantino e l’aristocrazia pagana di Roma », in G. Bonamente, Fr. Fusco (a cura di), Costantino il Grande. Dall’antichità all’umanesimo II (1992-1993), p. 645-658; R. Donciu, L’empereur Maxence (2012), p. 159-162, 174-177.

8 Cfr. Cr. Soraci, Sicilia frumentaria. Il grano siciliano e l’annona di Roma v a.C. - v d.C. (2011), p. 184-198.

9 R. J. Rowlands, « Sardinia provincia frumentaria », in Le ravitaillement en blé de Rome et des centres urbains des débuts de la République jusqu’au Haut-Empire (1994), p. 258-259.

10 G. Volpe, Contadini, pastori e mercanti nell’Apulia tardoantica (1996), p. 257-270.

11 Per la Lucania interna, cfr. H. Di Giuseppe, « Insediamenti rurali della Basilicata interna tra la romanizzazione e l’età tardoantica: materiali per una tipologia », in M. Pani (a cura di), Epigrafia e territorio IV (1996), p. 197-198; per le aree costiere, vd. L. Giardino, « Herakleia e la sua chora », in Da Leukania a Lucania. La Lucania centro orientale fra Pirro e i Giulio-Claudii (1992), p. 136-141 e ead., « Herakleia, necropoli meridionale », ibid., p. 151-185.

12 C.Th. XIII 5,4 (324); XIII 5,8 (334).

13 Il riutilizzo diffuso di questo contenitore nell’edilizia dei primi del iv secolo può averne notevolmente diminuito la presenza nelle stratigrafie, secondo J. Th. Peña, Roman Pottery in the Archaeological Record (2007), p. 174-178.

14 Vd. V. Revilla Calvo, « Les amphores africaines du iie et iiie siècle du Monte Testaccio (Rome) », in A. Mrabet, J. Remesal Rodríguez (a cura di), In Africa et in Hispania. Études sur l’huile africaine (2007), p. 269-297.

15 J. Durliat, De la ville antique à la ville byzantine. Le problème des subsistances (1990), p. 43-45.

16 Chron. Pasc. 1,531 Dind.

17 Sull’intrepretazione della cifra, cfr. C. Zuckerman, Du village à l’empire. Autour du registre fiscal d’Aphroditô (525/526) (2004), p. 194-198.

18 Zos., 2,12; Aur. Vict., Caes. 40,17 e 28; Epit. Caes. 40,2; Pan. Lat. 12(9),4,4; Eus., V.C. 1,36.

19 C.Th. XI 1,2 (319S); XI 19,1 (321); XIII 5,2-3 (314S); XIV 25,1 (318S); XV 3,1 (319) = C.I. XI 65,1; C.I. XI 63,1 (319).

20 C.Th. XI 30,4 e XIII 5,2-3 indirizzate a Amabilianus; cfr. PLRE I, Amabilianus, p. 49.

21 I testi fondamentali per queste due cifre sono Epit. Caes. 1,6 e Iust., Ed. XIII; cfr. G. Geraci, « Alessandria, l’Egitto e il rifornimento frumentario di Roma in età repubblicana e imperiale », in Br. Marin, C. Virlouvet (a cura di), Nourrir les cités de Méditerranée. Antiquité-Temps modernes (2003), p. 633-635; J.‑M. Carrié, « L’institution annonaire de la première à la deuxième Rome : continuité et innovation », ibid., p. 153-212; BSirks, « Some Observations on Edictum XIII,8; a Reaction to Jean-Michel Carrié », ibid., p. 213-214.

22 F. De Romanis, « In tempi di guerra e di peste. Horrea e mobilità del grano pubblico fra gli Antonini e i Severi », AntAfr 43 (2007), p. 187-230.

23 Vd. n. 6.

24 C.Th. I 5,5 (355); I 5,6 (357S); XI 16,8 (357) = C.I. X 48,8.

25 C.Th. XIII 5,7 (334); XIII 5,14 (371); XIV 4,1 (334).

26 Vd. l’edizione commentata di Ch. Saumagne, « Un tarif fiscal au quatrième siècle de notre ère (d’après des fragments épigraphiques découverts à Carthage) », Karthago 1 (1950), p. 105-206.

27 Ibid., p. 144-147.

28 C.Th. XIII 5,6.

29 C.Th. XII 5,3 (314S); XII 6,1 (326).

30 C.Th. XIII 5,5 ripresa ad verbum da C.Th. XIII 5,17 del 386 e evocata in costituzioni del 334 (C.Th. XIII 5,7) e del 371 (C.Th. XIII 5,14).

31 Aur. Vict., Caes. 41,19-20; cfr. H.A. Sev. 18,3.

32 D. J. Mattingly, « Olive Oil Production in Roman Tripolitania », in D. J. Buck, D. J. Mattingly (a cura di), Town and Country in Roman Tripolitania (1985), p. 27-46; id., « The Olive Boom. Oil Surpluses, Wealth and Power in Roman Tripolitania », LibStud 19 (1988), p. 21-41.

33 H. R. Hurst, Excavations at Carthage. The British Mission. II, The Circular Harbour, North Side. 1, The Site and Finds Other than Pottery (1994).

34 J. Th. Peña, « The Mobilization of State Olive Oil in Roman Africa: the Evidence of Late 4th-c. Ostraca from Carthage », in Carthage Papers, JRA Suppl. Ser. 28 (1988), p. 117-238. Sulla cultura scrittoria dei mensores cartaginesi, apparentemente di estrazione militare, vd. J. F. Godfrey, « Who Wrote the Ostraka from the Îlot de l’Amirauté? », in A. H. Merrills, Vandals, Romans and Berbers. New Perspectives on Late Antique North Africa (2004), p. 181-197 (ma gli ostraka si datano al 373, non al 372).

35 J. Th. Peña, The Urban Economy during the Early Dominate. Potter Evidence from the Palatine Hill (1999), p. 20-27. Per una comparazione con i consumi individuali di olio a Creta e in Marocco nel xix secolo, vd. D. J. Mattingly (n. 32), p. 33-34, 42.

36 J. Th. Peña (n. 34), p. 199; altre possibili letture sono oleum Romae canonicum, ovvero oleum Romae conditum.

37 C.Th. XIV 15,3: … frumenti vel olei urbicarii canonis.

38 C.Th. XIV 24,1; cfr. Not. Urbis-Curiosum 106,9-10; per il valore di 20 folles, vd. A. H. M. Jones, The Roman Economy (1974), p. 331-336.

39 C.Th. XII 11,2.

40 Per il vino, vd. C.Th. XI 2,3 (377); per il grano, vd. C.Th. XI 14,1-2 (364 e 396); XV 1,12 (364).

41 J. Th. Peña (n. 34), p. 171-173.

42 Per l’ipotesi della creazione sotto Aureliano del cosiddetto “piccolo Testaccio” a fianco del deposito maggiore, vd. C. Panella, « Rifornimenti urbani e cultura materiale tra Aureliano e Alarico », in W. V. Harris (a cura di), The Transformations of  Urbs Roma in Late Antiquity (1999), p. 197-198; una successiva ricerca sul sito ha rivelato trattarsi di un deposito di calcinacci: A. Aguilera Martín, El Monte Testaccio y la llanura subaventina. Topografía extra portam Trigeminam (2002), p. 215-218.

43 J. Th. Peña (n. 34), p. 213; contra M. Bonifay, « La céramique africaine, un indice du développement économique ? », AntTard 11 (2003), p. 125-126.

44 A Costantinopoli esistevano appositi horrea olearia (Not. Const. 6,13).

45 CIL VI 36954; cfr. B. Candida, « Ara di Aurelius Avianius Symmachus nel Museo Nazionale Romano », RAL 28 (1973), p. 113-122.

46 Symm., Rel. 35,2. Altre due crisi olearie sono attestate nel 396 (Symm., Ep. IV 18; IX 58) e nel 409 (Zos., VI 11; Oros., VII 42,12-13).

47 NDOc. 4,15. Sugli Horrea Galbiana, vd. C. Virlouvet, Tessera frumentaria: les procédures de distribution du blé public à Rome à la fin de la République et au début de l’Empire (1995), p. 100-108.

48 NDOc. 4,7; sul vino i testi fondamentali sono CIL VI 1785 = 31931; H.A. Aurel. 48,4; Symm., Rel. 14,3; cfr. D. Vera, « Un’iscrizione sulle distribuzioni pubbliche di vino a Roma (CIL VI 1785 = 31931) », in M. Silvestrini, T. Spagnuolo Vigorita, G. Volpe (a cura di), Studi in onore di Francesco Grelle (2006), p. 303-317.

49 C.Th. XV 1,12 (364): Horrea fiscalia apud urbem Romam nec non etiam Portus in usus translata privatos cognovimus.

50 C.Th. XIV 15,4 (398); XIV 4,9 (417).

51 CIL XIV 20 = ILS 372; cfr. H. Pavis d’Escurac, La préfecture de l’annone. Service administratif impérial d’Auguste à Constantin (1976), p. 191.

52 Supra, p. 67.

53 Symm., Rel. 14,3: iam caupones et obsequia pistoria, frugi et olei baiulos multosque id genus patriae servientes; cfr. Rel. 3,15 (ad mercedem vilium baiulorum).

54 Symm., Rel. 35,3: nam properato opus est, priusquam reliquum profliget diurna praebitio.

55 H.A. Sev. 18,3 a proposito di Settimio Severo: Tripolim unde oriundus erat, contusis bellicosissimis gentibus securissimam reddidit ac p. R. diurnum oleum gratuitum fecundissimum in aeternum donavit.

56 C.Th. XIV 17,3 (368); H.A. Aurel. 35,1; Aug., C. Adim. 24; cfr. XIV 26,2 (436) per Alessandria.

57 P. Oxy. 1920 e 2046; cfr. P. Beatty Panop. 2,245-246: 1/11 di sextarius al giorno negli anni 298-300 (R. Duncan-Jones, Structure and Scale in the Roman Economy [1990], p. 109-110).

58 Pall., r.r. 7,2; 8,1; 12,4.

59 A. H. M. Jones, The Later Roman Empire (1964), p. 456; cfr. C.Th. XI 5,3 (436); Iust., Nov. 128,1 (545).

60 C.Th. XI 19,3 (364); XI 1,16 (367); XI 7,19 (412); cfr. XI 1,15 (366); XI 7,11 (365); XI 1,16 (367); XII 6,27 (400).

61 C.Th. XII 6,16 (375): Non autem oportet in horreis fiscalibus nisi fiscalia frumenta constitui.

62 Vd. per l’Africa C.Th. VII 4,1 (325) al ppo. Felix.

63 C.Th. VI 4,1 (325); XII 6,8 (365); Cfr. A. Giardina, Fr. Grelle, « La tavola di Trinitapoli: una nuova costituzione di Valentiniano I », MEFRA 95 (1983), p. 262, 295-299.

64 Ch. Saumagne (n. 26), p. 129-132.

65 C.Th. XII 6,19 (383); XII 6,21 (386) = C.I. X 72,9; cfr. AE 1921,46 = IAlg. 2,3,8023 (mensa ponderaria collocata nella Basilica Iulia di Cuicul dal proconsole Herodes nel 395).

66 E. Tengström, Bread for the People (1974), p. 15-16.

67 C.Th. XI 1,2 ad Aelianum proconsulem Africae, datata 313 da Seek e 8 novembre 314 da PLRE I, Aelianus 2, p. 17: … conlatoribus, ipsas species quae debentur ex horreis suis ad civitates singulas per mensens singulos perlaturis.

68 C.Th. I 15,17 (401); cfr. C.Th. XI 7,8.

69 J. Th. Peña (n. 34), p. 206-207.

70 Ibid. n. 4 verso (p. 125): post cons(ulatus) / modesto et arinthei / III Nonas mar(tias) felix mensor olei fori / karthag(iniensis) s[u]s[ce]pim[us] p[e]r nav(i)c(u)la(m) …

71 C.Th. XIII 9,3 (380) = C.I. XI 6,3, indirizzato ai navicularii Afri, che allude forse a un calendario dei viaggi stabilito sotto Costantino (C.Th. XIII 5,6); E. de Saint-Denis, « Mare clausum », REL 25 (1947), p. 196-214; il calendario ufficiale del mare clausum riguardava solo i navicularii dell’annona e possibilmente solo quelli africani (J. Beresford, The Ancient Sailing Season [2013], p. 22-52).

72 C.Th. XIII 8,1 (395) = C.I. XI 5,1; per il divieto di cabotaggio, vd. C.Th. XIII 5,5 (409) = C.I. XI 2,5.

73 Symm., Rel. 35,3.

74 C.Th. XIII 5,27.

75 La casistica in H. P. Kohns, Versorgungskrisen und Hungerrevolten im spätantiken Rom (1961).

76 C.Th. XIV 15,3 (397); XIV 15,6 (399).

77 Amm. Marc., 28,1,17-18; cfr. D. Vera, « Una carità razionale: provvedimenti di carestia e finanza pubblica nel Tardo Impero », Koinonia 36 (2012), p. 176-178.

78 Rusicade: CIL VIII 19852 = ILS 5910; cfr. la dedica al genius coloniae e all’annona sacrae urbis in CIL VIII 7960 = IAlg. 2,5; Utica: CIL VIII 13190: Cartagine: Amm. Marc., 28,1,17; CIL VIII 24654. Per Hippo Regius, vd. H. Pavis d’Escurac (n. 51), p. 140.

79 Vd. per es. C.Th. XI 1,13 (365); XIII 5,21 (392); XIV 15,2 (366).

80 P. Horden, N. Purcell, The Corrupting Sea. A Study of Mediterranean History (2000); cfr. B. D. Shaw, « Challenging Braudel: a New Vision of the Mediterranean », JRA 14 (2001), p. 419-453.

81 P. Garnsey, Famine and Food Supply in the Graeco-Roman World (1988); D. Ch. Stathakopoulos, Famine and Pestilence in the Late Roman and Early Byzantine Empire. A Systematic Survey of Subsistence Crises and Epidemics (2004).

Table des illustrations

Titre Tab. I — Calendario fiscale in Africa, anno agricolo, calendario annonario.
URL http://books.openedition.org/efa/docannexe/image/3440/img-1.png
Fichier image/png, 38k

Auteur

Università di Parma, Dipartimento di Storia

© École française d’Athènes, 2018

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540