Version classiqueVersion mobile

L’occhio sensibile

 | 
Silvio Alovisio

Antologia di testi d'epoca

Le malattie degli occhi prodotte dai cinematografi (1906)

Arnaldo Angelucci

Texte intégral

1L’invenzione del Cinematografo si deve all’applicazione di una legge ottica, conosciuta da lungo tempo, cioè a quella della persistenza delle immagini visive.

2Se noi osserviamo ad esempio una croce nera in campo bianco, e poi fissiamo lo sguardo altrove, ma sopra un fondo bianco o grigio, noi vediamo per alcun tempo la medesima croce, dapprima nera in campo chiaro, poi bianca in campo scuro.

3Per il fatto della persistenza delle imagini, noi roteando fortemente un carboncello acceso, invece di punti luminosi che si succedano, vediamo un cerchio di fuoco, e ciò perché non si è ancora estinta l’imagine di un punto luminoso che ha girato sopra un arco di cerchio e che, dopo un rapido giro, è venuto a toccare il punto di partenza.

4Nel Cinematografo ogni negativa è differente dall’altra e cisi presenta in tempi successivi; ma siccome nel nostro occhio persiste per un certo tempo la sensazione della negativa anteriore, così questa fa un tutto continuo con le negative che succedono gradatamente, quando sieno assai simili alle precedenti o rappresentino le diverse posizioni che prende un oggetto che si muove.

5È fuori di dubbio che le proiezioni cinematografiche stanchino la vista. In primo luogo per la rapidità del succedersi degli oggetti raffigurati. La prova è facile. Se noi guardiamo anche per poco tempo, lungo un percorso di ferrovia, il paesaggio che ci fugge davanti, specialmente quello prossimo, ci accorgiamo di una certa stanchezza di vista dopo più o meno tempo che abbiamo guardato.

6In rapporto al Cinematografo vi sono molti fattori che aggravano la stanchezza.

7Prima di tutto l’imagine cinematografica ci ferisce come un oggetto luminoso in campo scuro, in secondo luogo detta imagine non solo si alterna rapidamente dinanzi ai nostri occhi, fuggendoci talvolta avanti come paesaggio o come oggetti che passino velocissimamente, ma e paesaggio ed oggetti sono per soprammercato oscillanti; inoltre la luminosità delle figure è quanto mai variabile ed a scatti.

8Tutto ciò è aggravato dalla imperfezione di alcune proiezioni, di quelle ad esempio, che nel campo dell’imagine, sono intersecate da una grande quantità di linee o di spazii vuoti; proiezioni che a mio parere, non dovrebbero essere permesse.

9Difatti queste, anche se osservate da un occhio normale e per poco tempo, stancano la vista, come anche le imagini molto indecise o in cui la indecisione si alterni; e [la] ragione è inclusa nel meccanismo di produzione delle imagini cinematografiche, ciò sia perché l’anteriore differisce dalla susseguente per luminosità, disegni e chiarezza. Io non sono nemico dei cinematografi, soltanto vorrei che fossero meno oscillanti, così la luce che rischiara l’imagine come l’imagine medesima, che questa fosse nitida e non intramezzata da lacune.

10In quanto agli occhi di sofferenti di nevrastenia, di miopia, astigmatismo o di qualsiasi forma che renda più eccitabile la retina, l’osservazione cinematografica deve essere concessa semplicemente per una pura curiosità, una volta tanto e non per un diletto usuale, potendo aggravare i sintomi astenopeici (sofferenza di visione) e produrre delle complicazioni poco piacevoli.

11Un appunto da fare ai tenitori di cinematografi è il modo (poco consono all’ottica fisiologica) come essi abbuiano rapidamente la sala al momento dello spettacolo e lo cominciano talvolta subito e talvolta aspettando lungo tempo; e sopratutto perché appena finito, illuminano rapidamente ed intensamente la sala.

12Ognuno di noi conosce come passando da una luce intensa ad una luce debolissima, per qualche momento non vediamo gli oggetti che ci circondano, e che se passiamo da una luce debole o dall’oscurità ad una luce intensa noi restiamo abbagliati.

13Per cui nel principiare lo spettacolo bisognerebbe fare sì che l’imagine non fosse troppo debole di luce se c’è un intervallo scarso; nel terminare poi è un vero errore dare tutt’insieme una potente luce alla sala, questa invece dovrebbe essere illuminata gradatamente.

14In conclusione, tanto più che al cinematografo accorrono spesso ed in gran numero i bambini, sarebbe necessario che la luminosità e la presentazione delle imagini venissero regolate con i criteri su esposti, ricordando quanto i cultori dell’oculistica si sono adoperati per una giusta illuminazione degli ambienti scolastici, essendo molto nocevole per l’occhio dei ragazzi una luce troppo luminosa o scarsa od oscillante.

15«Malpighi. Gazzetta medica di Roma», Roma, 9, 1906, pp. 251-252.

© Edizioni Kaplan, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search