Version classiqueVersion mobile

L’occhio sensibile

 | 
Silvio Alovisio

Antologia di testi d'epoca

Psicologia collettiva (1899)

Pasquale Rossi

Note de l’éditeur

Pasquale Rossi, Psicologia collettiva. Studi e ricerche, Tipo-lit. di R. Riccio, Cosenza, 1899, ristampa: L. Battistelli, Milano, 1900, pp. 22-26, 180-182.

Texte intégral

1[La] tendenza alla memoria emotiva, sorta per la ragione psicologica della associazione, per la quale ciò che un volta è comparso insieme nel campo della psiche, tende a ridestarvisi; questa tendenza è stata dall’uomo, nella lotta per l’esistenza, accresciuta e rafforzata. È certo che, solo potendo da’ segni esterni indovinare il moto interno dell’animo, si è potuto recare, a sé e ad altri, giovamento. La simpatia, che ha fondamento psico-fisiologico, è stata sviluppata nella lotta per la vita.

2Il lavorìo della civiltà è consistito nel perfezionare queste estrinsecazioni esteriori dell’emozione, onde destare lo stato interno sensazionale con il piacere od il dolore che lo accompagnavano in persone disperse nel tempo e nello spazio per mezzo della parola o dell’arte o della scrittura. Noi non avremmo mai provato il dolore di Niobe, se un poeta non l’avesse cantato e se la scrittura non ne avesse raccolto il canto, se la scultura non ce l’avesse modellato sul marmo o sul bronzo, se la pittura o la fotografia non l’avesse raccolto in milioni di esemplari e l’avesse diffuso. La scienza tenta, dunque, rendere permanenti queste esteriorizzazioni emozionali, di per sé evanescenti, e di renderle nella loro complessità. Da questo bisogno sono sorti i fonografied i cinematografi che tentano conservare i particolari evanescenti della figura e del suono. In una parola, le estrinsecazioni delle emozioni, che sono scariche simpatetiche per le quali noi viviamo del mondo affettivo altrui, tentano, mercé l’arte, di diventare permanenti, trasmissibili nella loro complessità, a gente lontana da noi nel tempo e nello spazio.

[…]

3Ma questo stato di riflessione a nulla sarebbe potuto approdare se, in fondo ad ogni animo, non fosse una costituzione similare, per la quale i fenomeni sorgono, si estrinsecano e si riflettono sempre ad un modo; sicché noi diciamo: l’animo della folla è reso possibile dalla similarità delle psichi che la compongono e che, la mercé delle scariche simpatetiche, riflettono gli eccitamenti esterni o in ristretto limite di tempo e di spazio od in una lunga distesa.

4Dei fattori modificano questa tendenza dell’animo collettivo e sono: maggiore o minor numero di psichi individuali che si assommano nell’animo collettivo; grado di sensibilità psichica; scelta ed uso dei mezzi di estrinsecazione dei moti interiori.

[…]

5L’ultimo fattore che, in questo momento, più ci interessa, verte sulla scelta e sull’uso delle scariche simpatetiche, il che ci porta a parlare del rapporto fra i sensi e la psiche collettiva. I quali, nel campo ristretto della psiche dell’individuo, non sono solo le porte d’entrata, gli apparati, raccoglitori e condensatori delle impressioni del mondo esterno; ma i mezzi d’estrinsecazione della nostra psiche. Dal senso primitivo ed indistinto del tatto sono derivati, per evoluzione biologica, gli altri più complessi dell’odorato, dell’udito, e della vista, che è quello che ha la maggior complessità e la più grande utilità funzionale. In seguito, per raccogliere e per trasmettere i moti dell’animo, l’uomo ha perfezionato, inconsapevolmente dapprima, consapevolmente di poi, il linguaggio, che è passato a traverso la mimica, l’interiezione, la lingua monosillabica e radicale, fino ai complessi idiomi moderni. In fine ha cercato con la scrittura, con l’arte, con la scienza di fissare gl’interni moti dell’animo e della natura esteriore, in modo da trasmettere non il ricordo scialbo, ma la realtà vivente.

6Possiamo dire che l’uomo, da prima in maniera incosciente, poi cosciente, ha sviluppato e perfezionato i mezzi di raccoglimento, di espressione e di conservazione dei moti interni dell’animo e della natura esteriore, assommando, nella lotta per l’esistenza, l’animo suo con quello degli altri in una psiche sola.

7E tali manifestazioni esteriori dei moti interni dell’animo non hanno la stessa importanza; vi è tra di esse una specie di gerarchia funzionale e rappresentativa: in fondo stanno i sensi, detti, d’atteggiamento (mimica, interiezione, linguaggio); più in su le arti plastiche, nelle quali l’effetto è meno intenso dello spettacolo colto o visto, ma si conserva di più e si espande più lungi traverso lo spazio. Così chi avesse assistito allo strazio di Niobe, lo avrebbe sentito di più che a vederlo effigiato sul marmo o sulla tela; ma questo strazio reale sarebbe stato evanescente, se non lo si fosse eternato nel canto del poeta e nella purezza fredda del marmo. In fine, sul vertice della piramide, sono le scariche simpatetiche che sono dei gesti, delle parole, degli atti una riproduzione eternata: tale la rappresentazione teatrale, nella quale le scariche emozionali sono simili alle naturali che favoleggiano e che possono essere riprodotte, quando che sia, o con l’opera degli artisti o con le macchine (cinematografi). Onde l’animo collettivo tanto più facilmente sorge nella folla ristretta o dispersa nel tempo e nello spazio, quanto più l’onda neuro-psichica individuale si comunica per vie complesse, naturali od artificiali.

8Immaginiamo di trovarci dinanzi a persona sofferente, la quale sia muta e che solo possa esprimere il suo dolore con le contratture del volto e con gli atteggiamenti passionati della persona. Il dolore, riflettendosi sugli astanti, immediatamente crea uno stato psichico-collettivo, giacché si è nel caso di una folla ristretta nel tempo e nello spazio.

9È certo, però, che se la persona sofferente potesse gridare, scaricando in maniera più potente e complessa il moto interno dell’animo, l’effetto sugli astanti ne sarebbe più vivo e si ripercuoterebbe fuori del luogo ove è il sofferente. Ora, immaginando che questa persona potesse gridare, e fra gli astanti vi fossero dei ciechi e dei sordi, questi coglierebbero meno il dolore, che se avessero organi più perfetti di recezione delle onde psichiche. E questa scena di dolore, se fosse effigiata sul marmo o sulla tela, impressionerebbe, meno che se veduta, ma più che se letta; e se, in fine, la si portasse sulla scena accompagnata dall’effetto della musica e col cinematografo, si avrebbe un effetto evocatale e vivo, quanto e forse più della scena realmente vissuta.

10Conchiudendo diciamo: nella folla ristretta nel tempo e nello spazio l’animo collettivo si forma sotto lo stimolo d’un eccitamento che invada contemporaneamente le psichi individuali e con molta forza da non rimanere impressione isolata; può quest’eccitamento, arrivato come onda nervosa nelle singole psichi, venir fuori in scariche simpatetiche (espressioni del volto, grida ecc.), le quali si assommano e accrescono in ciascuno, addizionandosi, il moto psichico interno, onde il fenomeno collettivo diviene più alto e intenso. È una condizione statica dell’animo collettivo, dovuta ad un’invasione rapida e simultanea d un eccitamento, per mezzo delle comuni porte d’entrata e di uscita dell’onde nervose nel cervello e le quali onde si assommano.

11Nella folla dispersa, l’eccitamento non è rapido e simultaneo, è successivo; e, perché gli animi non rimangano isolati, si proiettano fra di loro l’eccitamento esterno, mettendovi ciascuno del proprio, del personale. Le scariche simpatetiche dei sensi si prolungano e si eternano con l’arte, che tende a rappresentazioni complesse e possenti. Si è così dinanzi ad una forma dinamica della psiche collettiva. In ultimo, come vi è nelle folle una tendenza alla stabilità, a passare cioè dallo stato indifferenziato al differenziato ed a vivere per un tempo più o meno lungo: così i fenomeni statici e dinamici di psicologia si succedono, anzi ogni fenomeno statico tenta svolgersi nel tempo e diventare dinamico, onde le grandi commozioni non si perdono, ma rivivono come ricordo, e come rappresentazioni più o meno fedeli del vero, che commuovono, altre folle o la stessa a distanza di tempo, e creano nell’avvenire altri moti psico-collettivi identici. Così una grande esposizione artistica, in mille modi, rivive presso altri popoli ed altre genti, ne chiama altre, mette nell’animo di persone lontane una parte di quei sentimenti di quella folla dove avvenne e ne crea un riflesso psichico: non perde, in una parola, grazie agli artifici moderni di rappresentazione e trasmissione, la virtù di eccitamento capace di destare fatti psico-collettivi.

[…]

12Nelle folle inferiori, noi dicemmo nei primi capitoli di quest’opera, l’animo collettivo si forma mediante scariche simpatetiche semplici – quali voce, segni, mimica – non trasmettenti i moti interiori a grande distanza. Da ciò il bisogno di restringersi ed operare in una certa unità di tempo e di luogo; da ciò ancora quell’immagine e quel ravvicinamento così vero tra folla ristretta e massa cerebrale, tra scariche simpatetiche e neuroni.

13I quali, se come avviene nel sonno, si raccorciano, la unità del cervello si frammenta o si rompe; non diversamente se una forza perturbante isola gli individui d’una folla ristretta, le scariche simpatetiche a distanza non essendo più possibili, la psiche collettiva cessa, colpita nella sua base materiale e nei suoi organi di trasmissione.

14E le cause perturbanti possono essere così 1’azione incidente d’una folla su di un’altra, p. es. una colonna di soldati su di un corteo di scioperanti; come gli agenti atmosferici che rompan l’unità della folla, quale una pioggia che si rovescia; catinelle su di moeting all’aperto; come dei sentimenti che sorgano bruscamente ed abbiano un forte potere dispersivo, quale il timore d’un incendio sul pubblico d’un teatro.

15I quali moti incidenti, se troncano bruscamente la vita della folla ristretta, valgono poco sulla folla dispersa nel tempo e nello spazio, la quale, come ha un proprio modo di composizione nelle scariche simpatetiche a distanza onde ess’è una snodatura di folla, così ha un proprio modo di dissolvimento.

16Ciò che, in fatti, costituisce l’essenza d’una folla dispersa è la possibilità di rimandarsi i moti interni dell’animo traverso il tempo e lo spazio, mediante scariche simpatetiche capaci di lontane proiezioni. Nelle scariche simpatetiche – noi dicevamo – ci è una gerarchia, per la quale dalle forme mimiche ed interiettive, che proiettano i moti interiori a scarse distanze e durano un istante, si ascende alla parola, alle arti rappresentative e plastiche, a’ fonografi, ed a’ cinematografi, che non solo tramandano un sentimento traverso il tempo e lo spazio, ma tentano riprodurlo nella sua complessa interezza, e renderlo evocabile quando si voglia.

17La folla dispersa poggia, adunque, su queste possibilità di grandi proiezioni d’un moto interiore, comune a parecchie persone, e che forma il cemento dell’animo collettivo. E codesto cemento è materiale, ed ideale insieme, è, per esempio, un giornale e l’idea che esso diffonde: è una serie di libri, di opuscoli inspirati ad un pensiero, e il pensiero stesso che sostiene e propaga.

[…]

18Appare da ciò che il dissolversi d’una folla dispersa è legato a questo filo conduttore e coordinatore, ch’è materiale ed ideale, mezzo di diffusione ed onda nerveo-psichica, pensiero o sentimento, o l’una e l’altra assieme. Onde, per dissolvere una folla dispersa, mal giova minarne la coesione materiale, la quale essendo minima, è oltremodo resistente; ma bisogna operare sull’apparecchio di diffusione a distanza, ch’è il cemento dell’animo collettivo.

© Edizioni Kaplan, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search