Version classiqueVersion mobile

L’occhio sensibile

 | 
Silvio Alovisio

Introduzione

Texte intégral

Questo lavoro deve molto alla collaborazione e al sostegno di colleghi, amici e istituzioni che vorrei ringraziare, scusandomi in anticipo per le eventuali omissioni.

Ringrazio prima di tutto Francesco Casetti (Yale University), non solo per avermi offerto la possibilità di svolgere questa ricerca, ma anche per averne seguito e incoraggiato la pubblicazione. Un ringraziamento a Paolo Bertetto (Università degli Studi “La Sapienza”, Roma), Giulia Carluccio (Università di Torino), Leonardo Quaresima (Università di Udine), Monica Dall’Asta (Università di Bologna), Elena Mosconi (Università di Pavia), Massimo Locatelli (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano), Lorenzo Lorusso (Ospedale di Chiari, Brescia), Raffaele De Berti (Università Statale, Milano), per avermi offerto la possibilità di presentare e discutere i primi risultati di questa ricerca, in corso dal 2004, nei convegni, nei seminari di dottorato o nei volumi e dossier monografici di riviste da loro curati.

Un grazie particolare a Luca Mazzei (Università di Roma Tor Vergata), per la generosa condivisione di un lungo e appassionato percorso di ricerca su temi che entrambi amiamo.

Per l’attenta revisione del testo, prodiga di consigli e osservazioni, ringrazio, oltre a Luca, anche Simone Natale (Universität zu Köln) e, nuovamente, Massimo Locatelli.

Per il fondamentale e stimolante sostegno nella ricerca delle fonti, ringrazio gli amici (ed ex colleghi) della Bibliomediateca “Mario Gromo” del Museo Nazionale del Cinema di Torino; Giorgio Bertellini (University of Michigan); Antonio Costa (Università Ca’Foscari, Venezia); Luciano Curreri (Université de Liège); Marco Galloni (Università di Torino); Lucia Di Girolamo; Livio Lazzaro; Rocco Luigi Picci (Università di Torino); Chiara Simonigh (Università di Torino); Domenico Spinosa (Accademia di Belle Arti di Sassari); Elisa Cuter; Paola Rossi; Cristina Ferrus e Daniela Cabiati (Biblioteca del Dipartimento di Psicologia “Federico Kiesow”, Università di Torino); Carla Lingua (Biblioteca del Dipartimento di Scienze Pediatriche e dell’adolescenza, Università di Torino); il personale della Biblioteca della Fondazione “Luisa Guzzo”, della Biblioteca di Scienze dell’Educazione (Università di Torino), della Biblioteca Biomedica (Università di Firenze); Margherita Zito (Università di Torino).

Per la riproduzione della fotografia di copertina, proveniente dalla fototeca del Museo Nazionale del Cinema, ringrazio Alberto Barbera, Ugo Nespolo e Donata Pesenti Campagnoni. Per l’aiuto nella ricerca iconografica, un grazie a Roberta Basano, responsabile della Fototeca, e all’insostituibile Gianna Chiapello.

Un sentito ringraziamento a Guglielmo Mondio (Università di Messina), per avermi messo generosamente a disposizione notizie e documenti sulle attività scientifiche di suo nonno Guglielmo.

Un grazie, infine, ai miei genitori, Vittoria e Mario, per il sostegno costante di questi anni, e a Lara, per la pazienza, la vicinanza, e il prezioso confronto sui temi psicologici del volume.

Dedico questo volume a Piera Alovisio, l’amata “zia che canta”.

  • 1 Sante De Sanctis, Introduzione, in Cinematografo e organizzazione scientifica del lavoro, «Quaderni (...)

E s’intende pure come il cinema, riproducendo
all’infinito le realtà e riempiendone
milioni di cervelli, abbia potenza
non solo di commuovere i cuori,
ma di trasformare le menti.
Sante De Sanctis1

Storia del cinema e storia dei saperi

  • 2 Giuliana Bruno, Atlante delle emozioni. In viaggio tra arte, architettura e cinema, Bruno Mondadori (...)

1Tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento il cinema si impone come la più diffusa esperienza spettacolare e comunicativa di massa della società occidentale. Negli stessi anni la psicologia, la psichiatria e la neurologia stabilizzano le loro basi epistemologiche e istituzionali: questa convergenza di dinamiche innovative rende l’incontro tra il cinematografo e le scienze della mente pressoché inevitabile, influenzando sensibilmente le condizioni culturali di emersione e istituzionalizzazione del nuovo medium. Come ha osservato Giuliana Bruno, l’invenzione del cinema va infatti «di pari passo con la formazione di un vasto apparato epistemico, che include il sapere scientifico, pur non essendo esclusivamente concentrato sulla sperimentazione di congegni ottici»2.

2Non sorprende quindi come, contemporaneamente al graduale ma pervasivo diffondersi delle prime proiezioni pubbliche anche in Italia, il cinema diventi oggetto di una riflessione e di una sperimentazione poliformi ma non occasionali che mobilitano le diverse discipline scientifiche legate allo studio della psiche.

  • 3 Per un approfondimento dei processi di «istituzionalizzazione del cinema nel quadro sociale italian (...)

3Questo volume è animato dal desiderio di offrire un contributo alla conoscenza di come il cinema e l’esperienza filmica siano stati «pensati» dal sapere psicologico e neuropsichiatrico italiano nel corso di questo primo trentennio, cruciale non solo per l’affermazione e la legittimazione artistico-sociale del medium3 ma anche e soprattutto per la problematica costruzione del moderno soggetto novecentesco.

  • 4 La bibliografia sui rapporti tra modernità e cinema del primo Novecento è molto ampia. Tra gli stud (...)
  • 5 Per un bilancio e un rilancio del concetto teorico e storiografico di attrazione a vent’anni dalla (...)
  • 6 Cfr. Maria Tortajada, François Albera, L’Episteme 1900, in André Gaudreault, Catherine Russell, Pie (...)
  • 7 Dopo la fortuna teorica incontrata nei primi anni Settanta e il suo successivo declino, il concetto (...)
  • 8 Una critica costruttiva alla teorie ideologiche e metastoriche del posizionamento, interessata a un (...)

4Da alcuni anni la ricerca sul cinema del primo Novecento, sempre più sensibile all’esplorazione del nesso tra esperienza cinematografica e modernità4, sembra avere rigenerato la capacità innovativa e la vitalità istituzionale che la resero protagonista, tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, di una svolta epocale nella storia dei film studies. Tra le ragioni di questo risveglio della ricerca, capace di andare oltre la nota dialettica tra attrazione e narrazione – ormai stabilmente acquisita5 – e i pur eccellenti risultati degli studi sul pubblico e la ricezione, vi è anche la proposta di un approccio storiografico dichiaratamente epistemologico. Come hanno argomentato in più occasioni François Albera e Maria Tortajada6, tra i più convinti promotori di questa proposta, l’approccio epistemologico da un lato intende ripensare e ampliare il concetto di dispositivo7 (rimettendo definitivamente in discussione le teorie classiche, astoriche e monodimensionali, del «posizionamento»8), dall’altro lato punta a riconsiderare l’effettiva utilità di una storiografia del cinema finalmente post-teleologica ma ancora, per molti aspetti, esclusivista, genealogica e «monomediale».

  • 9 Mireille Berton, Mary Ann Doane, The Emergence of Cinematic Time: Modernity, Contigency, the Archiv (...)
  • 10 François Albera, First Discourses on Film and the Construction of a «Cinematic Episteme», cit.
  • 11 Maria Tortajada, Archéologie du cinéma: de l’histoire à l’épistémologie, cit., p. 20.

5La prospettiva epistemologica aspira infatti a liberarsi dal vincolo di una ricostruzione logico-temporale dei fatti (non necessariamente evoluzionistica), puntando invece a «faire éclater l’objet-cinéma», per decentrarlo e «le saisir dans sa dispersion temporelle, matérielle et discursive», in modo da comprendere «le rôle joué par le cinéma à l’intérieur des mutations épistémiques engendrées par la modernité»9. L’obiettivo di questo decentramento risiede nella definizione storiografica di un «Cinematic Episteme»10, da intendersi essenzialmente come «un schéma de relations signifiantes dans le contexte de l’époque et capable de modéliser une certaine approche du savoir et de l’expérience au-delà même des dispositifs de vision, mais précisément à partir d’eux»11.

6Il perimetro di questo schema epistemico comprende non solo il cinema che si è concretamente realizzato in determinati dispositivi e in una serie di produzioni testuali, ma anche le condizioni e le modalità che hanno reso possibile e immaginabile il cinema stesso e il suo spettatore, oggetti di un’utilizzazione culturale e istituzionale da parte di molteplici tipologie di discorso legate a differenti pratiche sociali.

  • 12 Cfr. Jonathan Crary, Techniques of the Observer: On Vision and Modernity in the Nineteenth Century,(...)
  • 13 Maria Tortajada, Archéologie du cinéma: de l’histoire à l’épistémologie, cit., p. 45.
  • 14 Richard Maltby, in una recente proposta di bilancio e di rinnovamento degli studi storiografici sul (...)
  • 15 Sul concetto di micro-teoria, di particolare utilità storiografica soprattutto per lo studio della (...)
  • 16 Per limitarci alle iniziative collettive, da segnalare, oltre alla collana editoriale che ospita il (...)
  • 17 Antonio Costa, Claudio Bisoni, Teorie del cinema ed estetica delle arti, in Paolo Bertetto (a cura (...)
  • 18 Ibidem.

7Numerosi lavori pubblicati negli ultimi quindici anni, firmati anche da ricercatori lontani dalla tradizione degli studi di storia del cinema12, hanno sottolineato come la comprensione di ciò che è stato il cinema nel primo Novecento passi anche e soprattutto attraverso lo studio delle «relations qui s’instaurent entre différents éléments du savoir»13, variamente legate alla possibile definizione del dispositivo cinematografico e delle sue funzioni in un contesto socioculturale ed epistemico più ampio e complesso14. Anche i primi discorsi micro-teorici15 sul nuovo medium, dunque, vanno collocati e interpretati all’interno di una multiforme relazione di saperi scientifici, politici, filosofici, religiosi, giuridici, economici, artistici e letterari. L’approccio che ha ispirato la realizzazione di questa ricerca vorrebbe porsi in sintonia con tali proposte metodologiche, ma si raccorda anche alle molteplici attività di ricerca e di valorizzazione del contributo italiano alla riflessione teorica internazionale sul cinema nel primo Novecento proposte in anni recenti16. Come osservano Antonio Costa e Claudio Bisoni, questa tendenza della ricerca, dopo aver messo «da parte una concezione della teoria orientata a valorizzare soprattutto gli aspetti di sistematicità e coerenza interna del pensiero»17 ha dimostrato «come il dato rilevante dei primi discorsi sul cinema non fosse tanto il loro status teorico più o meno compiuto, quanto il fatto che li si potesse considerare come insiemi di enunciati contenenti delle gettate teoriche in grado di anticipare, talvolta con intuito e precisione, riflessioni successive»18.

  • 19 Ivi, p. 255.
  • 20 Per una riflessione sulle recenti metamorfosi in senso transdisciplinare della storiografia interna (...)

8I primi risultati di tali ricerche, incoraggiati anche da un impulso, metodologicamente innovativo, alla ricognizione sistematica ed estesa delle fonti d’epoca, ridimensionano la supposta centralità, nell’«episteme cineteorico» delle origini, delle prime riflessioni estetiche sul cinema per cogliere invece l’importanza dei «fattori più legati all’impatto sociale, tecnologico ed esperienziale del medium»19: elementi, questi ultimi, che non solo propiziano chiaramente una circolazione del cinema nella rete più ampia dei saperi, ma predispongono le migliori condizioni per un incontro fecondo tra la storiografia del cinema e una storiografia della scienza in rapida e profonda trasformazione20.

La selezione delle fonti

  • 21 Sulle persistenti resistenze del positivismo nelle scienze psichiche italiane del primo Novecento, (...)

9L’iniziale progetto di ricerca prevedeva di selezionare, all’interno della poliforme riflessione teorica della scienza italiana sul cinema, solo gli interventi di area psicologica, come quelli di Roberto Ardigò, Pasquale Rossi, Mario Ponzo, Agostino Gemelli, Friedrich Kiesow, Cesare Musatti, Sante De Sanctis. Nello sviluppo del lavoro, tuttavia, è apparso evidente che tale criterio selettivo avrebbe non solo penalizzato la ricchezza quantitativa del dibattito ma anche semplificato la complessità qualitativa degli intrecci tra le diverse discipline, elemento fondamentale nella storia della scienza tra Otto e Novecento. La frequenza di tali intrecci, tangibili per esempio nell’uso di un lessico simile e nella scelta di temi spesso convergenti, è motivata in buona parte dalla matrice positivista che accomuna (sia pure in modo controverso) la maggioranza dei testi selezionati nell’antologia21. L’eredità, variamente critica, inquieta e problematica, del positivismo ottocentesco è infatti la vera e propria koiné culturale e ideologica che univa in un orizzonte epistemologico condiviso una comunità scientifica composta da studiosi di diversa formazione, legati ad ambiti della ricerca (la fisiologia, la giovane psicologia sperimentale, l’ancora più giovane antropologia criminale, la medicina legale, la neurologia, la psichiatria, la biologia ecc.) che da un lato puntavano, per vocazione e formazione, al dialogo tra i saperi, dall’altro erano impegnati in una dura battaglia, anche accademica, per la legittimazione o il rafforzamento della propria autonomia.

10Coloro che animarono questi intrecci disciplinari così ambivalenti furono spesso figure di studiosi che già nel loro concreto itinerario scientifico e accademico certificavano l’impossibilità di stabilire una rigida distinzione tra le diverse culture scientifiche. Gli esempi di questa flessibilità e porosità tra le diverse discipline negli itinerari professionali dell’epoca sarebbero innumerevoli. Solo per ricordarne alcuni, Giuseppe Sergi si muove tra fisiologia, psicologia e antropologia; un pedagogista autorevole come Francesco Saverio De Dominicis è molto sensibile allo studio delle componenti psicologiche dei ragazzi; Cesare Lombroso, di formazione psichiatrica, si orienta verso l’antropologia criminale ma collabora assiduamente con lo psichiatra Enrico Morselli e il fisiologo Angelo Mosso, colleghi dell’ateneo torinese; l’appena ricordato Mosso, a sua volta, incoraggia proprio a Torino un fecondo incontro tra fisiologia, neurologia e psicologia, chiamando a lavorare con sé Camillo Negro (che dal 1905 diverrà docente di neuropatologia), e Friedrich Kiesow, uno dei più fedeli allievi di Wilhelm Wundt (tra i fondatori della moderna psicologia sperimentale); lo psichiatra Sante De Sanctis lavora strenuamente per l’affermazione dell’autonomia della sperimentazione psicologica; le prime tre cattedre universitarie italiane di psicologia sono messe a bando nel 1905 per volontà dell’allora ministro dell’Istruzione Leonardo Bianchi che, com’è noto, era uno psichiatra; le prime sperimentazioni psicologiche su base scientifica si sviluppano negli istituti di antropologia (come quello creato a Roma da Giuseppe Sergi nel 1889, dove si forma Sante De Sanctis), nei laboratori di fisiologia (come quello di Angelo Mosso a Torino) e negli istituti psichiatrici (come il San Lazzaro di Reggio Emilia).

11L’evidenza storica di questo serrato confronto scientifico interdisciplinare, tale da rendere fuorvianti o riduttive le distinzioni troppo rigide dei profili formativi e dei contesti epistemologici, ha quindi modificato l’idea di partenza, portando a una scelta antologica più estensiva. La selezione si è così allargata ai contributi firmati non solo da psicologi ma anche da studiosi e ricercatori la cui produzione è riconducibile al più ampio orizzonte delle cosiddette scienze della mente: fisiologi (Carlo Foà), psicofisologi (Mariano Luigi Patrizi), oftalmologi (Arnaldo Angelucci), neuropatologi (Giuseppe D’Abundo, Liborio Lojacono) e psichiatri (Mario Umberto Masini, Giuseppe Vidoni, Guglielmo Mondio, Fabio Pennacchi).

12A fronte di questa opzione estensiva, i testi riproposti nella sezione antologica rappresentano tuttavia l’esito di una selezione, dettata non solo da ragioni di spazio ma anche da esigenze di coerenza teorica e metodologica. Tale scelta da un lato è inevitabilmente lacunosa poiché la ricerca sulle fonti d’epoca raramente si può considerare definitiva, dall’altro lato ha comportato l’esclusione, per ragioni diverse, di alcuni scritti.

  • 22 Cesare Musatti, Sulla «plasticità reale » stereocinetica e cinematografica, «Archivio Italiano di P (...)
  • 23 Cfr. Cesare Musatti, Scritti sul cinema, cit.
  • 24 Cfr. Osvaldo Polimanti, L’utilizzo della cinematografia nelle scienze, nella medicina e nell’insegn (...)

13Nell’antologia non sono stati inclusi, ad esempio, i primi due studi parzialmente dedicati al cinema da Cesare Musatti22, in quanto già ripubblicati in anni recenti nella preziosa antologia degli scritti musattiani sul cinema curata da Dario Romano con la fondamentale collaborazione di Chiara Simonigh23, così come non sono state riproposte le pagine sul cinema, da poco tradotte in italiano dal tedesco, del fisiologo Osvaldo Polimanti24.

  • 25 Da segnalare in particolare le ricerche sul cinema neuroscientifico condotte in Italia e nel contes (...)
  • 26 Sul cinema scientifico italiano finalizzato alla documentazione neuropatologica cfr. Virgilio Tosi, (...)

14Per ragioni di coerenza con il campo di ricerca (circoscritto a questioni teoriche e non esteso allo studio dei concreti usi applicativi del nuovo medium), si è scelto, inoltre, di non pubblicare gli interventi dell’epoca dedicati all’impiego del cinema per la documentazione clinica dei disturbi neuropsichiatrici: la ricerca sul cinema neurologico italiano del primo Novecento si è d’altronde notevolmente ampliata, in questi ultimi anni, grazie anche un’esemplare collaborazione tra neurologi25, storici del cinema e cineteche che ha portato al recupero e allo studio delle riprese realizzate da neurologi come Camillo Negro e Vincenzo Neri26.

  • 27 Si legga per esempio Adelchi Baratono, La maledizione del cinematografo, «Avanti!», XXVI, 55, 5-6 m (...)

15Dalla selezione sono stati infine esclusi gli scritti sul cinema pubblicati da studiosi legati inizialmente alla psicologia o alla psichiatria ma risalenti a un periodo della loro attività ormai decisamente lontano dagli iniziali interessi scientifici: è il caso, ad esempio, di Adelchi Baratono, filosofo con una solida formazione in psicologia sperimentale, e autore di interventi sul cinema di un certo interesse27 ma estranei a qualsiasi argomentazione di tipo scientifico.

  • 28 Il ricorrente argomento del “ritardo” epistemologico accumulato dalla nostra comunità psicoscientif (...)
  • 29 Ancora nel 1920, nella breve recensione di un testo di Toulouse e Raoul Mourgue dedicato al cinema, (...)
  • 30 In uno studio del 1914, ripetutamente ricordato nei testi psichiatrici italiani (lo citano, per lim (...)
  • 31 Henri Joly, Le bon cinématographe, in Marcel L’Herbier (a cura di), Intelligence du cinématographe,(...)
  • 32 Sul criminologo di formazione giuridica Albert Hellwig, e più in generale sul rapporto tra criminol (...)
  • 33 Nelle ultime pagine di The Photoplay, Münsterberg condivide alcune preoccupazioni tipiche della rif (...)

16Restano inoltre da analizzare, nella prospettiva di un’estensione e di un’ulteriore problematizzazione della ricerca, alcuni aspetti che intenzionalmente non rientrano nel perimetro di questo progetto: in particolare, la funzione del cinema nel nesso tra scienze psichiche e pedagogia (si pensi al rapporto tra il pedagogista Luigi Credaro e Sante De Sanctis); il ruolo della scuola psichiatrica di Reggio Emilia, e in particolare di Enrico Morselli (che si occupa a lungo di suggestione e ipnosi); le eventuali relazioni del nuovo medium con l’antropologia pragmatica, la criminologia e la sociologia, ma anche con le istituzioni politiche e religiose. Sarebbe utile, inoltre, raffrontare il pensiero scientifico italiano sul cinema con la coeva riflessione psicologica e psichiatrica internazionale legata al nuovo medium: la comparazione confermerebbe senz’altro un certo ritardo28 della comunità scientifica italiana rispetto a determinati sviluppi della riflessione internazionale (si pensi in particolare al contributo di Münsterberg), dall’altra parte ridimensionerebbe sicuramente il pregiudizio di questo stesso divario, dimostrando, per esempio, l’originalità e soprattutto la precocità, delle riflessioni psicologiche dello psicologo Mario Ponzo rispetto alle sperimentazioni condotte in Francia da Edouard Toulouse29, o la piena sintonia tra le osservazioni psicopatologiche degli psichiatri Mario Umberto Masini e Giuseppe Vidoni e le considerazioni sui pericoli della suggestione allucinatoria indotta dal cinema proposte, per restare in un ambito scientifico, dal belga Henri Hoven30, dal francese Henri Joly31, dal tedesco Albert Hellwig32, o dallo stesso Hugo Münsterberg33.

  • 34 In Italia, la divulgazione scientifica, dopo una fase molto dinamica risalente agli ultimi due dece (...)
  • 35 In verità, l’intervento di Ponzo del 1919 (Cinematografo e delinquenza minorile) fu poi ospitato, n (...)

17La costruzione di un percorso antologico di testi d’epoca sul rapporto tra cinema e psiche fonda infine la propria coerenza sull’adozione di criteri relativi non solo alla scelta degli ambiti disciplinari valutabili come pertinenti ma anche alla tipologia editoriale (e al conseguente livello di scientificità) delle fonti. Nella sezione antologica si è scelto di includere naturalmente solo contributi firmati da uomini di scienza, attivi all’interno di strutture universitarie o cliniche, ma la selezione tipologica delle fonti non si è limitata ai soli giornali accademici, perché sembrava interessante rendere conto della presenza della riflessione scientifica sul cinema anche fuori dagli ambiti settoriali e specialistici, per saggiarne la disseminazione in ambienti sociali e culturali più ampi, sensibili all’alta divulgazione. L’obiettivo di questa estensione del quadro delle fonti risiede nel verificare la volontà e la capacità – sempre più evidenti da metà Ottocento – della scienza di concorrere alla costruzione e alla diffusione della figura dello scien ziato come uno dei protagonisti della scena sociale34. Ecco allora, per esempio, la presenza degli interventi di Carlo Foà (pubblicato nel 1907 su «Il secolo XX»), di Mariano Luigi Patrizi (apparso nel 1914 sulla terza pagina della «Stampa» e poi, nel 1917, su «Il Giornale d’Italia») ma anche di quelli pubblicati da Mario Ponzo e Agostino Gemelli, rispettivamente nel 1919 e nel 1926, su «Vita e Pensiero», una rivista autorevole ma non riconducibile, nell’ampiezza dei suoi interessi culturali, al ristretto ambito dei periodici scientifici di settore35.

18Dal punto di vista della stampa scientifica, i contributi raccolti nella sezione antologica del volume sono tratti da periodici psicologici e neuropsichiatrici particolarmente rappresentativi del contesto epistemologico italiano.

  • 36 La pubblicazione fino al 1912 aveva un titolo più esteso, «Rivista di psicologia applicata alla ped (...)
  • 37 Dall’anno precedente, il 1913, la rivista di Ferrari era diventata d’altronde anche l’organo uffici (...)
  • 38 Cfr. Lettera di Mario Ponzo a Ferrari, 15 marzo 1921, Fondo Giulio Cesare Ferrari, Centro di ricerc (...)

19La «Rivista di Psicologia»36, fondata a Bologna nel 1905 da Giulio Cesare Ferrari, è il primo periodico scientifico nazionale dedicato per intero a questioni psicologiche. Dal 1912 diventa anche l’organo della Società italiana di psicologia. Mario Ponzo vi pubblica nel 1914 Il valore didattico del cinematografo: lo psicologo piemontese, pur collaborando con frequenza alla rivista diretta dall’amico Ferrari37, non mancherà per altro di esprimere confidenzialmente a quest’ultimo alcune osservazioni critiche per lo scarso livello scientifico di alcuni contributi.38

  • 39 Per una storia dettagliata della rivista cfr. Felice Perussia, Note sui periodici della ricerca sci (...)
  • 40 Cesare Musatti, Sulla «plasticità reale » stereocinetica e cinematografica, cit.

20L’«Archivio Italiano di Psicologia» è l’altra principale rivista psicologica del primo trentennio del Novecento: la testata è fondata a Torino nel 1919 da Friedrich Kiesow e Agostino Gemelli, ma dopo la rottura tra i due psicologi, di poco successiva all’uscita del primo numero, la direzione e l’amministrazione sono assunte dal solo Kiesow39. Da questa rivista, destinata soprattutto a rendere conto delle attività dell’Istituto di Psicologia dell’Università torinese, si riporta nella sezione antologica un contributo percettologico firmato nel 1928 dallo stesso Kiesow, dedicato all’impressione di lucido metallico prodotta dalle proiezioni cinematografiche. Due anni dopo, sulla stessa rivista, sarà invece pubblicato il già ricordato studio del giovane Cesare Musatti sulla plasticità stereocinetica e cinematografica, parzialmente concepibile come una replica indiretta alle riflessioni condotte dallo stesso Kiesow nel contributo appena citato40.

  • 41 Cfr. Giuseppina Salomone, Raffaele Arnone, Un crogiuolo di attività: ricerca scientifica ed assiste (...)

21Nell’ambito invece della ricerca e della clinica neuropsichiatrica, i contributi antologizzati sono tratti dall’autorevole «Rivista Italiana di Neuropatologia, Psichiatria ed Elettroterapia», fondata a Catania da Giuseppe D’Abundo nel 1907, dal torinese «Archivio di Antropologia Criminale, Psichiatria e Medicina Legale» (evoluzione dell’influente «Archivio di Psichiatria, Antropologia Criminale e Scienze Penali» fondato da Cesare Lombroso) e «Il Manicomio. Archivio di psichiatria e scienze affini», organo del Manicomio «Vittorio Emanuele II» di Nocera Inferiore, uno dei più importanti dell’Italia Meridionale41.

Il contesto scientifico

  • 42 Sigmund Freud, Per la storia del movimento psicoanalitico, in Id., Sulla storia della psicoanalisi,(...)

In Italia, dopo alcuni promettenti
inizi, venne a mancare un ulteriore
interessamento.
Sigmund Freud42

22Come ogni progetto di ricerca interessato a mettere in relazione due ambiti diversi e complessi come le scienze della mente e il cinema, anche questo lavoro può essere letto e criticato da due punti di vista: il primo legato agli studi sulla storia delle teorie cinematografiche, il secondo interno invece alla storiografia scientifica.

  • 43 La bibliografia sulla storia della psicologia è andata notevolmente arricchendosi negli ultimi tre (...)

23Da quest’ultimo punto di vista, l’auspicio è quello di offrire alla ricerca (molto ricca e vivace, in particolare nell’ambito della storia della psicologia43) un corpus di materiali meritevoli di attenzione, insieme ad alcune prime ipotesi interpretative, formulate tuttavia, è doveroso precisarlo, non da uno studioso di settore ma da uno storico del cinema.

24Il complesso delle fonti selezionate racconta da una prospettiva parziale e lacunosa, ma in fondo rappresentativa, la storia delle scienze delle mente nel nostro paese: si tratta di un racconto già in buona parte conosciuto, ma bisognoso forse di ulteriori precisazioni, conferme e integrazioni.

25Tra Ottocento e Novecento, le discipline che si occupano dello studio dei fenomeni psichici compongono un arcipelago in formazione che fatica a diventare un continente stabile. All’interno di questo paesaggio epistemico, i testi selezionati per l’antologia sono in prevalenza riconducibili a due ambiti scientifici: la psicologia e la neuropsichiatria.

  • 44 Per una sintesi delle differenti proposte di periodizzazione avanzate dalla storiografia psicologic (...)

26Gli storici di settore non offrono una narrazione concorde delle prime ricerche psicologiche in Italia44, ma condividono una schematizzazione generale tripartita che individua una prima fase (negli ultimi trent’anni dell’Ottocento) di graduale emersione della psicologia scientifica, un periodo aureo (corrispondente ai primi quindici anni del Novecento) di affermazione e sviluppo della psicologia come scienza autonoma, disancorata dalla filosofia, e infine, negli anni Venti e Trenta, una lunga fase di crisi e di arretramento.

27I contributi della sezione antologica rendono conto di questi tre periodi. La fase pionieristica è rappresentata dai testi di fine Ottocento del filosofo positivista Roberto Ardigò e di Pasquale Rossi, uno dei padri della psicologia collettiva italiana. I successivi contributi (quelli firmati da Mario Ponzo e da Mariano Luigi Patrizi), risalgono invece al periodo aureo, quando l’orizzonte epistemologico della disciplina in formazione si apre a opzioni diverse dal declinante positivismo evoluzionistico. In questa fase, l’influenza degli orientamenti stranieri (in particolare l’associazionismo di Wilhelm Wundt, il pragmatismo di William James e la fenomenologia di Franz von Brentano) è molto forte, il panorama è diversificato, ma non nascono vere e proprie scuole nazionali.

  • 45 Sull’ostilità crociana nei confronti della psicologia cfr. Luciano Mecacci, Psicologia e psicoanali (...)

28Il contributo scritto da Ponzo nel 1919 ma anche quelli di Gemelli, Kiesow, Musatti e De Sanctis documentano invece, come si vedrà meglio nei prossimi paragrafi, le contraddizioni, i ritardi e le problematiche del terzo periodo. La crisi del positivismo e le difficoltà del pragmatismo e della fenomenologia si intrecciano con l’affermarsi di correnti spiritualiste, neotomiste e neoidealiste, a creare un clima che, pur risollevando in parte le sorti della psicologia filosofica, determina crescenti difficoltà per la psicologia scientifica. Pesano in particolare, per la loro autorevole influenza, gli attacchi di Benedetto Croce contro la psicologia come pseudo-scienza priva di fondamenti teorici, incapace di produrre conoscenza e utile solo per classificare certi fenomeni45.

  • 46 Sulle iniziali difficoltà di diffusione della psicoanalisi freudiana in Italia cfr. Michel David, L (...)

29Nel corso degli anni Venti, non ci sono sviluppi epistemologici significativi, e questo significa, inevitabilmente, arretramento. La psicoanalisi stenta ad affermarsi (non solo per l’egemonia neo-idealista ma anche per l’ostilità della cultura cattolica e del fascismo46): l’interesse per le teorie freudiane, espresso nel decennio da psichiatri come Enrico Morselli (sia pure in termini molto critici e riduttivi) o da psicologi come Vittorio Benussi e, soprattutto, Edoardo Weiss e Marco Levi Bianchini, non sembra per altro lasciare tracce nella riflessione di quegli anni sul cinema. La ricerca nelle Università gradualmente si blocca, al punto che negli anni Trenta resteranno attive e stabili solo due cattedre universitarie di psicologia: quella di Agostino Gemelli alla Cattolica di Milano, e quella di Mario Ponzo alla Sapienza di Roma. La riforma Gentile, inoltre, toglie l’insegnamento della psicologia dai licei, introdotto dal 1889.

  • 47 Per una corretta e documentata sintesi delle principali linee di ricerca della psicologia applicata (...)
  • 48 Citato in Giovanni Pietro Lombardo, Andrea Pompilii, Valentina Mammarella, Psicologia applicata e d (...)

30A fronte di questi allarmanti segnali di regressione e ritardo, dalla seconda metà degli anni Venti si assiste a un deciso sviluppo della psicologia applicata47. Un forte impulso al potenziamento di queste ricerche, a detrimento di una riflessione puramente epistemologica, risale al 1926, con la fondazione dell’Ente Italiano per l’Organizzazione Scientifica del Lavoro e poi, ancora, all’anno successivo, quando a chiusura del III Congresso Internazionale di Organizzazione Scientifica del Lavoro svoltosi a Roma, Benito Mussolini si definisce «un pioniere [del] metodo del lavoro scientifico»48. Il cambio di indirizzo è definitivamente attestato dal VII Congresso Nazionale di Psicologia (a cui si aggiunge per la prima volta nel titolo anche la parola «psicotecnica»), organizzato a Torino nel 1929, nettamente orientato verso un’apertura della psicologia ai problemi economici, pedagogici e sociali del paese.

  • 49 Sulla storia dell’Istituto cfr. Christel Taillibert, L’Institut International du Cinématographe édu (...)

31La svolta applicativa si avverte, come si vedrà, anche nella riflessione psicologica sul cinema, promossa dalla fine degli anni Venti con particolare impegno dall’Istituto Internazionale per la Cinematografia Educativa49 e dal suo principale organo di stampa, la «Rivista Internazionale del Cinema Educatore», da cui sono tratti gli ultimi tre interventi della sezione antologica.

32La storia della psichiatria e della neurologia appare, nello stesso periodo, caratterizzata da un minore grado di eterogeneità e disomogeneità rispetto a quella della psicologia, ma in essa sono comunque ben presenti elementi di tensione e di arretratezza. Il quadro storico, in particolare, è condizionato da due fattori: la perdurante influenza del positivismo e il rapporto controverso e sofferto tra le due discipline mediche.

33La psichiatria esce dall’Ottocento con una tradizione accademica più solida rispetto alla neurologia, ancora non riconosciuta come materia di insegnamento, se non in rare eccezioni (Torino, Pavia e Milano), ma questa superiorità è solo apparente, considerando che i confini tra i due ambiti sono all’epoca tutt’altro che stabili e chiari e che la psichiatria italiana appare soverchiata, nei laboratori universitari, dalla neurologia, ed è sempre alla ricerca di un’identità clinica:

  • 50 Giorgio Zanchin, Giuseppina Salomone, Profilo storico della Società Italiana di Neurologia, in 100 (...)

[la psichiatria], rinchiusa nei manicomi, presenta l’impellente
problema di definire in senso operativo, dopo tanti studi di laboratorio, il problema nosografico ed è staccata completamente dalla vita scientifica delle cliniche universitarie, che sorgono indipendenti e, dedicandosi agli studi neuropatologici, allargano i loro orizzonti
50.

  • 51 Può essere utile precisare che l’aggettivo «organicista» è riferito nel presente volume all’ambito (...)

34La separazione delle cliniche dai manicomi di fatto aggrava ulteriormente la crisi degli studi psichiatrici. Lo sviluppo di una clinica universitaria autenticamente psichiatrica è infatti molto difficoltoso, perché la ricerca accademica è egemonizzata da un orientamento organicista51 e anatomo-patologico poco sensibile alla terapia e alla ria bilitazione.

35Il problema di un intreccio, secondo alcuni troppo serrato e squilibrato, tra psichiatria e neurologia, tra la cura del malato di mente e la ricerca sui disturbi del sistema nervoso, è motivo di animate discussioni durante i lavori del XII congresso della Società Italiana di Frenologia, svoltosi a Genova nel 1904. Il già ricordato Giuseppe D’Abundo (autore, come si vedrà, di uno dei più importanti contributi scientifici sul cinema scritti negli anni Dieci) propone che l’associazione cambi nome in Società Italiana di Frenologia e Neuropatologia, esplicitando una distinzione tra «alienisti» e neuropatologi che riconosca il vigoroso sviluppo della ricerca neurologica italiana degli ultimi anni, non supportato da una proporzionale visibilità istituzionale. Un eloquente segnale di mutamento nei rapporti di forza tra psichiatria e neuropatologia è dato dalla diffusione crescente, a partire dai primi anni del Novecento, delle cattedre di Clinica delle Malattie Nervose e Mentali: il titolo di questo insegnamento, che sancisce una forte egemonia della neurologia è poi definitivamente stabilizzato dal regime fascista nel 1938 e conservato, almeno formalmente, nell’ordinamento universitario italiano fino al 1976, quando le discipline saranno nuovamente separate in Clinica neurologica e Clinica psichiatrica.

36Nel 1907 viene fondata la Società Italiana di Neurologia, una scelta che rompe l’unità con gli psichiatri sancita dalla costituzione, nel 1873, della Società Freniatrica Italiana. Sarebbe riduttivo, tuttavia, interpretare questo evento come una scissione dei neuropatologi: basti sottolineare che il presidente e il vicepresidente della neonata società neurologica erano, rispettivamente, i già ricordati Leonardo Bianchi ed Enrico Morselli, considerati tra i principali esponenti della psichiatria italiana primo novecentesca.

37Lo sviluppo della neurologia blocca comunque l’orientamento della psichiatria italiana verso indirizzi non descrittivi ma dinamici. Anche i contributi psichiatrici sul cinema, firmati da Mario Umberto Masini e Giuseppe Vidoni (medici in servizio presso i due manicomi genovesi di Pavarano e Cogoleto, e collaboratori di Enrico Morselli all’Università di Genova), da Guglielmo Mondio (direttore del manicomio di Messina) e Fabio Pennacchi (giovane psichiatra in servizio al manicomio di Perugia), attestano, come si vedrà meglio più avanti, i ritardi di una psichiatria ancora ottocentesca di impianto medico, naturalistico e organicistico-frenologico, che associa la malattia mentale a lesioni di determinate zone del cervello: l’attenzione per i processi psicologici che possono determinare il disturbo mentale è molto debole, mentre prevale l’interesse per una coerente classificazione nosografica delle patologie psichiche sulla base di un’attenta mappatura sintomatologica.

Notes

1 Sante De Sanctis, Introduzione, in Cinematografo e organizzazione scientifica del lavoro, «Quaderni dell’Istituto Internazionale per la Cinematografia Educativa», 17, [1930] (ripubblicato nella sezione antologica di questo volume).

2 Giuliana Bruno, Atlante delle emozioni. In viaggio tra arte, architettura e cinema, Bruno Mondadori, Milano, 2006, p. 234.

3 Per un approfondimento dei processi di «istituzionalizzazione del cinema nel quadro sociale italiano fino agli anni Trenta cfr. Francesco Casetti, Elena Mosconi (a cura di) Spettatori italiani. Riti e ambienti del consumo cinematografico (1900-1950), Carocci, Roma, 2006; Maria Grazia Fanchi, Elena Mosconi (a cura di), Spettatori. Forme di consumo e pubblici del cinema in Italia, 1930-1960, Fondazione Scuola nazionale di cinema, Roma, 2002; Elena Mosconi, L’impressione del film. Contributi per una storia culturale del cinema italiano 1895-1945, Vita & Pensiero, Milano, 2006; Raffaele De Berti, Massimo Locatelli (a cura di), Figure della modernità nel cinema italiano (1910-1940), ETS, Pisa, 2008; Francesco Casetti, Il cinema italiano e la modernità, in Paolo Bertetto (a cura di), Storia del cinema. Uno sguardo d’insieme, Marsilio, Venezia, 2011, pp. 381-393; Raffaele De Berti, Il volo del cinema. Miti moderni nell’Italia fascista, Mimesis, Milano, 2012.

4 La bibliografia sui rapporti tra modernità e cinema del primo Novecento è molto ampia. Tra gli studi più rappresentativi cfr. Miriam Hansen, Babel and Babylon: Spectatorship in American Silent Film, Harvard University Press, Cambridge, 1991 (tr. it. Babele e Babilonia. Il cinema muto americano e il suo spettatore, Kaplan, Torino, 2006); Anne Friedberg, Window Shopping: Cinema and the Postmodern, University of California Press, Berkeley, 1993; Leo Charney, Vanessa Schwartz (a cura di), Cinema and the Invention of Modern Life, University of California Press, Berkeley, 1995; Lynne Kirby, Parallel Tracks: The Railroad and Silent Cinema, Duke University Press, Durham, 1997; Leo Charney, Empty Moments: Cinema, Modernity and Drift, Duke University Press, Durham, 1998; Lauren Rabinovitz, For the Love of Pleasure: Women, Movies and Culture in Turn-of-the-century Chicago, Rutgers University Press, New Brunswick, 1998; Ben Singer, Melodrama and Modernity: Early Sensational Cinema and Its Contexts, Columbia University Press, New York, 2001; Mary Ann Doane, The Emergence of Cinematic Time: Modernity, Contingency, the Archive, Harvard University Press, Cambridge, 2002; Francesco Casetti, L’occhio del Novecento. Cinema, esperienza, modernità, Bompiani, Milano, 2005; Tom Gunning, Modernity and Cinema: A Culture of Shocks and Flows, in Murray Pomerance (a cura di), Cinema and Modernity, Rutgers University Press, New Brunswick, 2006, pp. 297-315; Annemone Ligensa, Klaus Kreimeier (a cura di), Film 1900. Technology, Perception, Culture, John Libbey, Bloomington, 2009 (in particolare il contributo di Ben Singer, The Ambimodernity of Early Cinema: Problems and Paradoxes in Film-and-Modernity Discourses, pp. 37-51); Joe Kember, Marketing Modernity: Victorian Popular Shows and Early Cinema, Bristol Phoenix Press, Bristol, 2009; Daniel Biltereyst [et al.], Cinema Audiences and Modernity. European Perspectives on Film Cultures and Cinema-going, Routledge, London, 2011; Pasi Väliaho, Mapping the Moving Image: Gesture, Thought and Cinema Circa 1900, Amsterdam University Press, Amsterdam, 2010; Miriam B. Hansen, Cinema and Experience. Siegfried Kracauer, Walter Benjamin, and Theodor W. Adorno, University of California Press, Berkeley, 2012; Lauren Rabinovitz, Electric Dreamland. Amusement Parks, Movies and American Modernity, Columbia University, New York, 2012. Una severa e ormai celebre critica alle «modernity thesis» è in David Bordwell, On the History of Film Style, Harvard University Press, Cambridge, London, 1997, pp. 139-146.

5 Per un bilancio e un rilancio del concetto teorico e storiografico di attrazione a vent’anni dalla sua formulazione, si vedano l’ottima antologia curata da Strauven (Wanda Strauven (a cura di), The Cinema of Attractions Reloaded, Amsterdam University Press, Amsterdam, 2006) e Viva Paci, La machine à voir. À propos de cinéma, attraction, exhibition, Presses Universitaires du Septentrion, Villeneuve d’Ascq, 2012.

6 Cfr. Maria Tortajada, François Albera, L’Episteme 1900, in André Gaudreault, Catherine Russell, Pierre Véronneau (a cura di), Le cinématographe, nouvelle technologie du XX siècle, Payot, Lausanne, 2004, pp. 45-62; Maria Tortajada, Archéologie du cinéma: de l’histoire à l’épistémologie, «Cinémas», XIV, 2-3, printemps 2004, pp. 19-51. François Albera, Maria Tortajada (a cura di), Cinema Beyond Film: Media Epistemology in the Modern Era, Amsterdam University Press, Amsterdam, 2010; François Albera, First Discourses on Film and the Construction of a «Cinematic Episteme», in André Gaudreault, Nicolas Dulac, Santiago Hidalgo (a cura di), A Companion to Early Cinema, Wiley Blackwell, Oxford, 2012, pp. 121-140. Sull’approccio epistemologico si veda anche Thomas Elsaesser, Is Nothing New? Turn-of-the-Century Epistemes in Film History, in André Gaudreault, Nicolas Dulac, Santiago Hidalgo (a cura di), A Companion to Early Cinema, cit., pp. 587-609.

7 Dopo la fortuna teorica incontrata nei primi anni Settanta e il suo successivo declino, il concetto di dispositivo negli ultimi dieci anni è stato rimesso al centro della riflessione storiografica e teorica, a partire da un ritorno a Foucault e da una proposta di utilizzo del concetto anche nelle pratiche artistiche e letterarie. Cfr. Maria Tortajada, Modalités du rêve au cinéma. Dispositif cinématographique et image mentale, rapports et mutations, in Vincent Barras (a cura di), Visions du rêve, Georg, Genève, 2002, pp. 123-141; Mireille Berton, Le dispositif cinématographique comme modèle épistémologique dans la théorie psychanalytique, Mémoire de maîtrise, Université de Lausanne, 2002; Maria Tortajada, Machines cinématiques et dispositifs visuels. Cinéma et «pré-cinéma» à l’œuvre chez Alfred Jarry, «1895», 40, 2003, pp. 5-23; Maria Tortajada, Mélanie Nash, Jean-Pierre Sirois-Trahan (a cura di), Dispositif(s) du cinéma (des premiers temps), «Cinémas», XIV, 1, 2004; Maria Tortajada, François Albera (a cura di), Ciné-dispositifs. Spectacles, cinéma, télévision, littérature, L’Age d’Homme, Lausanne, 2011.

8 Una critica costruttiva alla teorie ideologiche e metastoriche del posizionamento, interessata a un ripensamento in chiave storica e storiografica del concetto di dispositivo è sviluppata da Tom Gunning in Fantasmagorie et fabrication de l’illusion: pour une culture optique du dispositif cinématographique, «Cinémas», XIV, 1, autunno 2003, pp. 67-89.

9 Mireille Berton, Mary Ann Doane, The Emergence of Cinematic Time: Modernity, Contigency, the Archive, «1895», 43, 2004, p. 112.

10 François Albera, First Discourses on Film and the Construction of a «Cinematic Episteme», cit.

11 Maria Tortajada, Archéologie du cinéma: de l’histoire à l’épistémologie, cit., p. 20.

12 Cfr. Jonathan Crary, Techniques of the Observer: On Vision and Modernity in the Nineteenth Century, MIT Press, Cambridge, 1990; Friedrich Kittler, Grammophon, Film, Typewriter, Brinkmann & Bose, Berlin, 1986 (trad. ingl.: Gramophone, Film, Typewriter, Stanford University Press, Stanford, 1999); Vanessa R. Schwartz, Spectacular Realities. Early Mass Culture in Fin-de-Siècle Paris, California University Press, Berkeley, 1999; Jonathan Crary, Suspensions of Perception: Attention, Spectacle and Modern Culture, MIT Press, Cambridge, 1999; Rae Beth Gordon, Why the French Love Jerry Lewis: From Cabaret to Early Cinema, Stanford University Press, Stanford, 2001; Barbara Maria Stafford, Frances Terpak (a cura di), Device of Wonders. From the World in a Box to Images on a Screen, J. P. Getty Trust Pub., Los Angeles, 2001; Alessandra Violi, Il teatro dei nervi, Bruno Mondadori, Milano, 2004; Mark S. Micale (a cura di), The Mind of Modernism. Medicine, Psychology, and the Cultural Arts in Europe and America, 1880-1940, Stanford University Press, Stanford, 2004; Giuliana Bruno, Atlante delle emozioni, cit.; Jonathan Auerbach, Body Shots. Early’s Cinema Incarnations, University of California Press, Berkeley, 2007; Jimena Canales, A Tenth of a Second. A History, University of Chicago Press, Chicago, 2009.

13 Maria Tortajada, Archéologie du cinéma: de l’histoire à l’épistémologie, cit., p. 45.

14 Richard Maltby, in una recente proposta di bilancio e di rinnovamento degli studi storiografici sul cinema, individua tra le tendenze più innovative degli ultimi anni proprio «an historical return to the prevailing concerns of some of the earliest studies of cinema as an object of sociological and psychological enquiry, rather than the object of aesthetic, critical and interpretive enquiry that has ensued from the construction of film studies as an academic discipline in the humanities. These earlier studies, from Hugo Münsterberg and Emilie Altenloh to the Payne Fund research, concerned themselves with what Frankfurt School theorist Leo Löwenthal called ‘the underlying social and psychological function’ of cinema as a component in the modern urban environment; their methods were those of the ‘human sciences’, and their objects of enquiry were people, rather than artefacts» (cfr. Richard Maltby, New Cinema Histories, in R. Maltby, Daniel Biltereyst, Philippe Meers [a cura di], Explorations in New Cinema History: Approaches and Case Studies, Blackwell, Oxford, 2011, p. 31).

15 Sul concetto di micro-teoria, di particolare utilità storiografica soprattutto per lo studio della riflessione sul cinema del primo Novecento, cfr. l’introduzione dei curatori all’importante dossier Microteorie. Cinema muto italiano pubblicato su «Bianco e Nero»: Leonardo Quaresima, Luca Mazzei, Voci minori?, «Bianco e Nero», LXVI, 550-551, ottobre 2004-aprile 2005, pp. 17-22. Parzialmente affiancabile al concetto di micro-teoria è la proposta, formulata da Casetti, di concepire i primi discorsi teorici sul cinema, occasionali e non paradigmatici, ma interessati a definire un’immagine pubblica del cinema, come delle ‘glosse’ o dei ‘resoconti’ (cfr. Francesco Casetti, La teoria del cinema nella storia del cinema italiano, in Un secolo di cinema italiano, Il Castoro, Milano, 2000; Francesco Casetti, Il cinema italiano e la modernità, cit., p. 382).

16 Per limitarci alle iniziative collettive, da segnalare, oltre alla collana editoriale che ospita il presente volume, almeno la sezione italiana del sito del Permanent Seminar on the History of Film Theories – http://www.museocinema.it/filmtheories/index.php – e il già ricordato numero monografico di «Bianco e Nero» sulle micro-teorie italiane). Sistematici e approfonditi riferimenti alla riflessione proto-teorica italiana, interpretata e valorizzata nel confronto con il contesto teorico internazionale, sono presenti in Francesco Casetti, L’occhio del Novecento, cit.

17 Antonio Costa, Claudio Bisoni, Teorie del cinema ed estetica delle arti, in Paolo Bertetto (a cura di), Storia del cinema italiano. Uno sguardo d’insieme, Marsilio, Venezia, 2011, pp. 254-255. Ibidem.

18 Ibidem.

19 Ivi, p. 255.

20 Per una riflessione sulle recenti metamorfosi in senso transdisciplinare della storiografia internazionale della scienza e sulle loro ricadute nel contesto italiano cfr. Francesco Cassata, Claudio Pogliano, Introduzione, in Storia d’Italia. Annali 26. Scienze e cultura dell’Italia unita, Einaudi, Torino, 2011, pp. XII-XXI.

21 Sulle persistenti resistenze del positivismo nelle scienze psichiche italiane del primo Novecento, e sulla sopravvalutazione storiografica della crisi del positivismo stesso cfr. Andrea Scartabellati, L’officina intellettuale. Aspetti della cultura psichiatrica italiana tra 1909 e 1929, in Id., Intellettuali nel conflitto. Alienisti e patologie attraverso la Grande Guerra (1909-1921), Edizioni Goliardiche, Bagnaria Arsa – Urbino, 2003, pp. 81-99.

22 Cesare Musatti, Sulla «plasticità reale » stereocinetica e cinematografica, «Archivio Italiano di Psicologia», 7, 1929, pp. 122-137, Cesare Musatti, Analisi di una situazione concreta di testimonianza immediata [1929], in Id., Elementi di psicologia della testimonianza, Cedam, Padova, 1931, pp. 107-131. Entrambi poi anche in Id., Scritti sul cinema, a cura di Dario Romano, Testo & Immagine, Torino, 2000.

23 Cfr. Cesare Musatti, Scritti sul cinema, cit.

24 Cfr. Osvaldo Polimanti, L’utilizzo della cinematografia nelle scienze, nella medicina e nell’insegnamento, Carocci, Roma, 2011.

25 Da segnalare in particolare le ricerche sul cinema neuroscientifico condotte in Italia e nel contesto internazionale dal neurologo Lorenzo Lorusso.

26 Sul cinema scientifico italiano finalizzato alla documentazione neuropatologica cfr. Virgilio Tosi, ll cinema prima del cinema, Il Castoro, Milano, 2007; Francesco Paolo de Ceglia, From the Laboratory to the Factory, by Way of the Countryside: Fifty Years of Italian Scientific Cinema (1908-1958), «Public Under-standing of Science», 29 luglio 2011, pp. 1-19 (http://pus.sagepub.com/content/early/2011/07/28/0963662511412142); sulla collezione Vincenzo Neri cfr. Simone Venturini, I film medici di Vincenzo Neri, in Le Giornate del Cinema Muto – Catalogo, XXIX edizione, 2-9 ottobre 2010, Pordenone, 2010, pp. 137-138; Federico Vanone, L’archivio fra estasi e catastrofe. La Recherche di Proust, l’economia delle sopravvivenze e il cinema medico-scientifico delle origini, Tesi di laurea magistrale in Discipline della Musica, dello Spettacolo e del Cinema, Università degli Studi di Udine, a.a. 2011-12, relatore dott. Simone Venturini; Lorenzo Lorusso, S. Venturini, Vincenzo Neri, Anatomy of a Finding, «Tijdschrift voor Mediageschiedenis (TMG) – Journal of Media History», in corso di stampa, 2013; Lorenzo Lorusso, S. Venturini, F. Vanone, L’archivio e le sue tracce. La collezione medica di Vincenzo Neri (1908-1956), «Immagine», 6, in corso di stampa. I filmati neuropatologici di Camillo Negro sono stati oggetto di una recente operazione di recupero e restauro da parte del Museo Nazionale del Cinema di Torino, documentata in Stella Dagna, Claudia Gianetto, Volti senza maschera. Una nuova edizione dei filmati neuropatologici di Camillo Negro, «Immagine», 6, in corso di stampa; sui rapporti di Camillo Negro con il cinema cfr. Adriano Chiò, Camillo Negro e La neuropatologia, «Immagine», 6, in corso di stampa; sull’edizione non restaurata di La neuropatologia cfr. Alberto Farassino, Il gabinetto del dottor Negro (analisi di un film psichiatrico del 1908), «Aut Aut», XXXIII, 197–198, 1983, pp. 151–170; Chiara Tartarini, Anatomie fantastiche. Cinema, arti visive e iconografia medica, Clueb, Bologna, 2010). Resta invece ancora da chiarire e documentare, con una ricerca organica e approfondita, l’importanza del cinema nelle attività didattiche e scientifiche del noto clinico sannita Gaetano Rummo, e del neurologo barlettano Giuseppe D’Abundo.

27 Si legga per esempio Adelchi Baratono, La maledizione del cinematografo, «Avanti!», XXVI, 55, 5-6 marzo 1922, p. 3.

28 Il ricorrente argomento del “ritardo” epistemologico accumulato dalla nostra comunità psicoscientifica rispetto agli sviluppi internazionali non va comunque inteso in termini troppo rigidi, contrapponendolo a un’euforica capacità di innovazione degli altri contesti nazionali di ricerca. Ancora nel 1931, Edouard Toulouse, (direttore del laboratorio di psicologia sperimentale all’École des Hautes Études, figura di primo piano della psicologia sperimentale e della psichiatria francese, nonché precoce sperimentatore di metodi scientifici di rilevamento delle reazioni psicofisiche degli spettatori cinematografici), si mostra cauto nei confronti delle teorie freudiane, considerandole come delle semplici ipotesi (cfr. Jean-Paul Moreli, Le Docteur Toulouse ou le Cinéma vu par un psycho-physiologiste (1912-1928), «1895», 60, 2010, p. 132).

29 Ancora nel 1920, nella breve recensione di un testo di Toulouse e Raoul Mourgue dedicato al cinema, Mario Ponzo – pur manifestando interesse nei confronti della tesi esposta su base sperimentale dai colleghi d’oltralpe (l’illusione spettatoriale di realtà nascerebbe da suggestioni di tipo motorio) – riafferma che le illusioni cinematografiche, per altro «da lui per primo descritte», nascerebbero soprattutto da processi associativi coinvolgenti «suoni, rumori, profumi reali che si svolgevano nell’ambiente» (Mario Ponzo, E. Toulouse, R. Morgue, Des réactions respiratoires au cours de projections cinématographique, «Archivio Italiano di Psicologia», II, 2, 1923, p. 208). Sull’importanza del cinema negli studi di Edouard Toulouse cfr. Jean-Paul Moreli, Le Docteur Toulouse ou le Cinéma vu par un psycho-physiologiste (1912-1928), cit., pp. 123-155.

30 In uno studio del 1914, ripetutamente ricordato nei testi psichiatrici italiani (lo citano, per limitarsi ai contributi presenti nell’antologia di questo volume, Masini e Vidoni, Mondio e Pennacchi), Henri Hoven (medico in servizio presso la celebre Colonie d’aliénés de Lierneux, nel Belgio vallone), riporta alcuni casi clinici di disturbi allucinatori e deliranti che trovano nel cinema la loro causa «accessoire» o «essentielle». (cfr. Henri Hoven, Influence du cinématographe sur l’étiologie des maladies mentales, «Bulletin de la Societé de Médicine Mentale de Belgique», 174, giugno 1914, pp. 201-208).

31 Henri Joly, Le bon cinématographe, in Marcel L’Herbier (a cura di), Intelligence du cinématographe, Editions Corréa, Paris, 1946, pp. 78-81.

32 Sul criminologo di formazione giuridica Albert Hellwig, e più in generale sul rapporto tra criminologia, psichiatria e cinema in Germania nel primo Novecento cfr. Andreas Killen, Psychiatry, Cinema, and Urban Youth in Early-Twentieth-Century Germany, «Harvard Review of Psychiatry», XIV, 1, 2006, pp. 38–43; Id., The Scene of the Crime. Psychiatric Discourses on the Film Audience in Early Twentieth Century Germany, in Annemone Ligensa, Klaus Kreimeier (a cura di), Film 1900. Technology, Perception, Culture, cit., pp. 99-112; Scott Curtis, The Taste of a Nation: Training the Senses and Sensibility of Cinema Audiences in Imperial Germany, «Film History», VI, 4, 1994, pp. 445-469; Id., Between Observation and Spectatorship: Medicine, Movies and Mass Culture in Imperial Germany, in Annemone Ligensa, Klaus Kreimeier (a cura di), Film 1900. Technology, Perception, Culture, cit., pp. 87-98.

33 Nelle ultime pagine di The Photoplay, Münsterberg condivide alcune preoccupazioni tipiche della riflessione sociale sul cinema del suo tempo: la possibilità di un contagio della suggestione cinematografica, il pericolo di allucinazioni sensoriali (particolarmente elevato negli spettatori nevrastenici), il rischio che certe immagini «morbose» possano attivare reazioni imitative ecc. Lo psicologo tedesco, confermando indirettamente quanto osservato cinque anni prima da Ponzo, individua inoltre nell’applauso del pubblico un sintomo evidente della seduzione cinematografica (cfr. Hugo Münsterberg, The Photoplay. A Psychological Study, D. Appleton & Co., New York-London, 1916 [tr. it. Film. Uno studio psicologico, a cura di Domenico Spinosa, Bulzoni, Roma, 2010, p. 167]).

34 In Italia, la divulgazione scientifica, dopo una fase molto dinamica risalente agli ultimi due decenni dell’Ottocento, conobbe poi maggiori difficoltà di affermazione e popolarizzazione rispetto ad altri contesti europei. Per un’eccellente ricostruzione storica della divulgazione scientifica di veda: Paola Govoni, Un pubblico per la scienza. La divulgazione scientifica nell’Italia in formazione, Carocci, Roma, 2002.

35 In verità, l’intervento di Ponzo del 1919 (Cinematografo e delinquenza minorile) fu poi ospitato, nello stesso anno, in una sede editoriale scientifica: uscì infatti su «L’infanzia anormale», un’importante rivista neuropsichiatrica e medico-pedagogica fondata nel 1907 da Sante De Sanctis.

36 La pubblicazione fino al 1912 aveva un titolo più esteso, «Rivista di psicologia applicata alla pedagogia e alla psicopatologia», a sottolineare programmaticamente la sua forte vocazione applicativa, aperta a confronti interdisciplinari con la sociologia, l’antropologia, la criminologia ecc. Riccardo Luccio, Psicologia e pragmatismo in Italia. La nascita della Rivista di psicologia, in Guido Cimino, Nino Dazzi (a cura di). Gli studi di psicologia in Italia: aspetti teorici, scientifici e ideologici, «Quaderni di storia e critica della scienza», Pisa, 1980, pp. 55-67.

37 Dall’anno precedente, il 1913, la rivista di Ferrari era diventata d’altronde anche l’organo ufficiale dell’Istituto di Psicologia di Torino.

38 Cfr. Lettera di Mario Ponzo a Ferrari, 15 marzo 1921, Fondo Giulio Cesare Ferrari, Centro di ricerca Aspi – Archivio storico della psicologia italiana, Università degli studi di Milano-Bicocca (consultabile on line sul sito http://www.archiviapsychologica.org).

39 Per una storia dettagliata della rivista cfr. Felice Perussia, Note sui periodici della ricerca scientifica in psicologia all’Università di Torino, su Federico Kiesow e sull’«Archivio italiano di psicologia», «Giornale di Psicologia», II, 3, 2008, pp. 277-291.

40 Cesare Musatti, Sulla «plasticità reale » stereocinetica e cinematografica, cit.

41 Cfr. Giuseppina Salomone, Raffaele Arnone, Un crogiuolo di attività: ricerca scientifica ed assistenza psichiatrica nel manicomio Vittorio Emanuele II di Nocera Inferiore, in Michela Sessa (a cura di), Il patrimonio del povero. Istituzioni sanitarie, caritative, assistenziali ed educative in Campania dal XIII al XX secolo, Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Napoli, 1997, pp. 103-110; Giuseppina Salomone, Il manicomio di Nocera Inferiore. Il «Vittorio Emanuele II» dal 1882 al 1924, Idelson Gnocchi, Napoli, 2004.

42 Sigmund Freud, Per la storia del movimento psicoanalitico, in Id., Sulla storia della psicoanalisi, Bollati Boringhieri, Torino, 2005, p. 31 (ed. or. 1914).

43 La bibliografia sulla storia della psicologia è andata notevolmente arricchendosi negli ultimi tre decenni. Si vedano in particolare: Sadi Marhaba, Lineamenti della psicologia italiana: 1870-1945, Giunti-Barbera, Firenze, 1981; Giuseppe Mucciarelli, La psicologia italiana. Fonti e documenti. I. Le origini. 1860-1918, Pitagora, Bologna, 1982; Guido Cimino, Nino Dazzi (a cura di), La psicologia in Italia: I protagonisti e i problemi scientifici, filosofici e istituzionali (1870-1945). Led, Milano, 1998; Dario Galati, Mario Francioni, Le origini della psicologia scientifica nell’Italia post-unitaria: 1870-1920, in Vittorio Ancarani (a cura di), La scienza accademica nell’Italia post-unitaria: discipline scientifiche e ricerca universitaria, Franco Angeli, Milano, 1989, pp. 191-216; Riccardo Luccio, Un secolo di psicologia sperimentale in Italia, in Eliot Hearst (a cura di), Cento anni di psicologia sperimentale, vol. III, Il Mulino, Bologna, 1990, pp. 301-329. Giovanni Pietro Lombardo, Renato Foschi, La psicologia italiana e il Novecento. Le prospettive emergenti nella prima metà del secolo, Franco Angeli, Milano, 1997; Luciano Mecacci, Psicologia e psicoanalisi nella cultura italiana del Novecento, Laterza, Roma-Bari, 1998; Giorgio Soro (a cura di), La psicologia in Italia: una storia in corso, Franco Angeli, Milano, 1999; Glauco Ceccarelli (a cura di), La psicologia italiana all’inizio del Novecento. Cento anni dal 1905, Franco Angeli, Milano, 2010; Nino Dazzi, Giovanni Pietro Lombardo (a cura di), Le origini della psicologia italiana. Scienza e psicologia sperimentale tra ’800 e ’900, Il Mulino, Bologna, 2011.
Sulla storia della psichiatria italiana si vedano invece Valeria Paola Babini [et al.],
Tra sapere e potere. La psichiatria italiana nella seconda metà dell’Ottocento, Il Mulino, Bologna, 1982; Stefano Poggi, Stefania Nicasi, La psicologia e il dibattito psichiatrico fra Otto e Novecento, in Paolo Rossi (a cura di), Storia della scienza moderna e contemporanea, vol. III, t. 1, Utet, Torino, 1988, pp. 127-171; Filippo Maria Ferro (a cura di), Passioni della mente e della storia. Protagonisti, teorie e vicende della psichiatria italiana tra Ottocento e Novecento, Vita e Pensiero, Milano, 1989; Patrizia Guarnieri, La storia della psichiatria. Un secolo di studi in Italia, L. S. Olschki, Firenze 1991; Valeria Paola Babini, La questione dei frenastenici. Alle origini della psicologia scientifica in Italia (1870-1910), Franco Angeli, Milano, 1996; Valeria Paola Babini, Liberi tutti. Manicomi e psichiatri in Italia: una storia del Novecento, il Mulino, Bologna, 2009. Un’ampia e puntuale ricognizione bibliografica degli studi dell’ultimo ventennio è in Matteo Fiorani, Bibliografia di storia della psichiatria italiana 1991-2010, Firenze University Press, Firenze, 2010 (questo eccellente repertorio bibliografico è consultabile anche on line: http://www.fupress.net/storiapsichiatria/).
Sulla storia italiana della neurologia cfr. invece
Per la storia della neurologia Italiana: atti del Simposio internazionale di storia della neurologia (Varenna, 30 agosto – 1 settembre 1961), Elli & Pagani, Milano, 1963; Giorgio Zanchin, Loris Premuda, Lo sviluppo storico della neurologia italiana: lo studio delle fonti, La Garangola, Padova, 1990; 100 anni della Società Italiana di Neurologia. Le origini e gli sviluppi, Sin, Roma, 2011.

44 Per una sintesi delle differenti proposte di periodizzazione avanzate dalla storiografia psicologica cfr. Guido Cimino, Origine e sviluppi della psicologia italiana, in Guido Cimino, Nino Dazzi (a cura di), La psicologia in Italia, vol. I, cit., Led, Milano, 1998, p. 16.

45 Sull’ostilità crociana nei confronti della psicologia cfr. Luciano Mecacci, Psicologia e psicoanalisi nella cultura italiana del Novecento, cit., pp. 3-13 e Patrizia Guarnieri, Senza cattedra. L’Istituto di Psicologia di Firenze tra idealismo e fascismo, Firenze University Press, Firenze, 2012.

46 Sulle iniziali difficoltà di diffusione della psicoanalisi freudiana in Italia cfr. Michel David, La psicoanalisi nella cultura italiana, Boringhieri, Torino, 1966; Aldo Carotenuto, Jung e la cultura italiana, Astrolabio, Roma, 1977; Luciano Mecacci, Psicologia e psicoanalisi nella cultura italiana del Novecento, cit.

47 Per una corretta e documentata sintesi delle principali linee di ricerca della psicologia applicata e del lavoro in Italia cfr. Giovanni Pietro Lombardo, Andrea Pompilii, Valentina Mammarella, Psicologia applicata e del lavoro in Italia, Milano, Angeli, 2002; Roberta Passione, Le origini della psicologia del lavoro in Italia. Nascita e declino di un’utopia liberale, Franco Angeli, Milano, 2012.

48 Citato in Giovanni Pietro Lombardo, Andrea Pompilii, Valentina Mammarella, Psicologia applicata e del lavoro in Italia, cit., p. 51.

49 Sulla storia dell’Istituto cfr. Christel Taillibert, L’Institut International du Cinématographe éducatif, L’Harmattan, Paris, 1999.

50 Giorgio Zanchin, Giuseppina Salomone, Profilo storico della Società Italiana di Neurologia, in 100 anni della Società Italiana di Neurologia. Le origini e gli sviluppi, cit., p. 30.

51 Può essere utile precisare che l’aggettivo «organicista» è riferito nel presente volume all’ambito specifico dell’«organicismo psichiatrico», materialistico ed evoluzionistico, di fine Ottocento. Sulla distinzione tra «organicismo» e «organicismo psichiatrico» cfr. Valeria Paola Babini, Organicismo e ideologie nella psichiatria italiana dell’Ottocento, in Filippo Maria Ferro (a cura di), Passioni della mente e della storia, cit., pp. 331-350.

© Edizioni Kaplan, 2013

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540

Acheter

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search