Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

America oggi

Volti

Il talento e la vulnerabilità: Philip Seymour Hoffman

Mariapaola Pierini

Note de l’éditeur

Il 2 febbraio del 2014 Philip Seymour Hoffman se n’è andato. Le agenzie scrivono che è stato trovato con un ago nel braccio. La notizia si diffonde rapidamente in rete, e anche per coloro che lo avevano visto soltanto sullo schermo, il sentimento è quello della perdita di un amico. Hoffman, con la sua presenza lontana da ogni vezzo divistico, era un attore capace di creare personaggi che si nutrivano del suo limpido talento e al tempo stesso da questo talento sembravano fuggire. Le fragilità, gli impacci, le paure e le ambiguità dei suoi personaggi erano mostrate senza compiacimento, con una precisione tecnica che suscitava ammirazione e, insieme, colpiva visceralmente lo spettatore. Per questo, credo, molti hanno percepito la sua morte come un’autentica perdita.

Il saggio che segue è stato scritto qualche mese prima della scomparsa dell’attore, quando la carriera di Hoffman era un percorso in fieri. Il testo è rimasto invariato, anche se inevitabilmente non aggiornato. Non modificarlo mi è parso il modo più appropriato per rendergli omaggio.

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

In molte occasioni pubbliche Philip Seymour Hoffman si presenta con i capelli arruffati, gli abiti sdruciti, una qualche bevanda in mano, scarpe da ginnastica e cappello da baseball. Come se fosse uscito di corsa perché la sveglia non è suonata. Come se fosse lì di passaggio, e avesse soltanto voglia di tornarsene a casa. Distante da ogni tentazione glamour, Hoffman non cela il proprio corpo sovrappeso, anzi, ne pare quasi orgoglioso. A quel corpo è unita una voce grave e leggermente nasale, un volto infantile e lentigginoso, folte sopracciglia rossastre, labbra carnose. All’improvviso una tonante risata può irrompere tra il fluire delle sue parole.

Hoffman, nato nel 1967, a causa e in virtù di questo aspetto fisico marcatamente distante dai canoni dei divi palestrati, si è fatto strada sugli schermi nord-americani attraverso una lunga gavetta, iniziata negli anni Novanta. Destinato, secondo la logica inossidabile del typecasting, a ruoli di supporting actor nella prima parte della ...

© Edizioni Kaplan, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540