Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

America oggi

Scritture indipendenti, neoautoriali, indie

Django Unchained: Tarantino come American director

Roy Menarini

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

È curioso che Quentin Tarantino, nel corso degli anni, sia stato studiato ad nauseam in tutti i suoi elementi, e quasi mai valutato come regista squisitamente americano. Sarà per l’esperanto internazionale della sua cinefilia e del postmoderno che ha incarnato, sarà per le citazioni dal cinema italiano e orientale, sarà per la scarsa adesione ai moduli della produzione hollywoodiana contemporanea (con cui ha ben poco a che spartire), di fatto Tarantino è sempre stato, per detrattori o sostenitori, il cineasta inclusivo per eccellenza. A poco è valso il rapporto con il noir e il gangster movie dei primi film – ovviamente Reservoir Dogs (Le iene, 1992) e Pulp Fiction (id., 1994) – perché poi è stato intorno al métissage delle forme visive e al brodo di influenze che la valutazione, saccheggio o omaggio che si voglia considerare, ha finito col ruotare.

L’ultimo film, Django Unchained (id., 2012), aiuta forse a ricollocarlo dove serve, nel novero dei grandi American director della storia...

Auteur

© Edizioni Kaplan, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540