Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

America oggi

America. Cinema, storia, politica e società

Radiografia dell’11 settembre: La 25ª ora di Spike Lee

Andrea Chimento

Les formats HTML, PDF et ePub de cet ouvrage sont accessibles aux usagers des bibliothèques et institutions qui l'ont acquis dans le cadre de l'offre OpenEdition Freemium for Books. L'ouvrage pourra également être acheté sur les sites de nos libraires partenaires, aux formats PDF et ePub. Si l’édition papier est disponible, des liens vers les librairies sont également proposés sur cette page.

Extrait du texte

Blood moon risin’ in a sky of black dust
Tell me baby who do you trust?
The fuse is burning
Shut out the lights
The fuse is burning
Come on let me do you right
Bruce Springsteen, The Fuse

Nel dicembre del 2002, quando 25th Hour (La 25ª ora) di Spike Lee fece le sue prime apparizioni in un numero limitato di sale statunitensi, la maggior parte delle recensioni si concentrò su una breve sequenza.

I due migliori amici di Monty, il protagonista del film, che sta vivendo la sua ultima giornata di libertà prima di essere rinchiuso in prigione per spaccio di droga, stanno discutendo sul futuro del comune amico di fronte a una finestra che si affaccia sul gigantesco buco di Ground Zero. Uno dei due, Frank, è quasi di spalle, simbolo dell’atteggiamento di molti abitanti di New York, e non solo, che non vogliono vedere il segno tangibile della tragedia: parlano dell’aria inquinata della zona e dell’amico pronto a entrare in carcere, senza voler affrontare l’argomento a cui entrambi stanno pensando e ...

© Edizioni Kaplan, 2014

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540