Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Quarantotti Gambini e il cinema

 | 
Luciano De Giusti

Documenti e testimonianze

Due lettere di Florestano Vancini a Pier Antonio Quarantotti Gambini

Texte intégral

1Caro Quarantotti,

2la sua lettera mi ha fatto un grande piacere, perché in fondo il suo giudizio è quello che intimamente più conta per me. Gliene sono grato.
Mai, per i precedenti miei film, ho ricevuto tanti complimenti e felicitazioni dalle persone normali, le più semplici e le più diverse, ma in genere tutte al di fuori degli ambienti “intellettuali”. Ed è strano come esse pare abbiano colto del film proprio il senso più riposto, quello che era nel suo libro e che io ho cercato di rendere “visibile”. Cioè, al film, forse, bisogna accostarsi con semplicità e buonafede. È ciò che in definitiva fa il pubblico normale ed è perciò forse che il film sta facendo incassi notevoli, per gli stessi produttori superiori all’aspettativa.
«La calda vita» è un capitolo chiuso. Ma io, se non altro, sono felice che esso mi abbia dato la possibilità di conoscerLa e mi auguro, se pure lavoro e vita quotidiana ci tengono lontani, che la nostra amicizia resti e, chissà mai, di rifare un’altra esperienza con Lei.

La saluto cordialmente,

il suo
Florestano Vancini

Roma, 19.3.’64

 

3Caro Quarantotti,

4grazie del libro.
E grazie di quel “qualcosa” che è l’estenuante e sottile emozione che esso mi ha dato alla lettura.
Spero che lei stia bene e mi auguro di aver l’occasione di incontrarla presto.
«La calda vita» mi ha dato l’ultimo dispiacere. Era già stato deciso (stampata anche la copia con i sottotitoli spagnoli) che il film avrebbe partecipato al festival di S. Sebastian. All’ultima ora (letteralmente!) un intrallazzo del sottogoverno centro-sinistro lo ha eliminato per far posto al «Maestro di Vigevano».

Cordiali saluti,

Florestano Vancini

Roma, 3 giugno ’64

© Edizioni Kaplan, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540