Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Quarantotti Gambini e il cinema

 | 
Luciano De Giusti

Documenti e testimonianze

Cinema e letteratura. Domande a Pier Antonio Quarantotti Gambini

Texte intégral

Due suoi romanzi sono diventati film, L’onda dell’incrociatore di Claude Autant-Lara e, di recente, La calda vita di Florestano Vancini. Quale le è piaciuto di più?

Preferisco di gran lunga (ed è superfluo che io lo dica) La calda vita di Vancini. Anzitutto perché è un film riuscito, che m’ha fatto provare delle autentiche emozioni. E poi perché in esso ritrovo l’aria mediterranea, i diversi personaggi e il particolare clima umano d’una vicenda che ho molto amata, mentre andavo immaginandola, e che continuo ad amare.

C’è un episodio nella Calda vita di Vancini in cui lei ha sentito che il cinema può avere la stessa forza di linguaggio della pagina scritta?

Il buon cinema ha una forza di linguaggio anche superiore a quella delle pagine d’un libro (una forza meno polivalente, in un certo senso, cioè più ristretta, e, proprio a causa di questa ristrettezza, più intensa). Il lettore d’un libro, accogliendo le indicazioni e le suggestioni offertegli dalla pagina, deve formarsi l’immagine da sé, nel proprio cervello, durante qualche attimo di raccoglimento (sicché l’immagine che ne risulta può variare notevolmente da individuo a individuo). Il cinema (che tende addirittura, quasi rovesciando la sua specialissima e congenita natura di spettacolo, a ingannare lo spettatore proponendosi a lui come una riproduzione fotografica della vita stessa) offre invece perentoriamente, e talvolta ossessivamente, delle immagini già del tutto formate, precise, che, attraverso la vista, e grazie anche alla suggestione della colonna sonora, colpiscono istantaneamente i centri emotivi: anche senza, o quasi senza, la mediazione filtrante e graduale – e quindi rallentante e critica – del cervello. (Si potrebbe persino azzardare che il cinema, al contrario della letteratura, tende ad annullare o per lo meno a diminuire la funzione del cervello a favore dell’emotività). Premesso questo, preciserò che La calda vita di Vancini è ricca – specie durante l’avventura sull’isola, che occupa i tre quarti del film – di momenti la cui resa artistica, delicata e penetrante, oltre che drammatica, è altrettanto efficace delle pagine da cui sono nati.

Quando, un regista può maggiormente avvicinarsi a uno scrittore?

Quando un’opera di un determinato autore riesce talmente congeniale a un regista da togliergli addirittura la sensazione, se non la coscienza, che sia stata immaginata e scritta da un altro anziché da lui stesso.

C’è chi afferma che da cattivi libri si fanno anche buoni film, mentre da un buon libro non può uscire che un film mediocre. È d’accordo? Non pensa a delle eccezioni?

Dovrei non pronunciarmi, perché non leggo i cattivi libri. Ma credo non sia affatto vero. La nascita d’un capolavoro cinematografico, o semplicemente d’un film veramente buono, è sempre rara; e per essa, come per ogni avvenimento eccezionale, non può esistere nessuna regola.

Il cinema si rivolge sempre più a opere letterarie. È segno di crisi del cinema o di maggior concentrazione e impegno?

È in crisi non propriamente il cinema bensì il concetto stesso che noi abbiamo, o avevamo, del mondo e di tutti i rapporti umani. Ed è naturale che, nell’acuirsi di tale crisi, il cinema si rivolga sempre più frequentemente a opere letterarie, in quanto esso non può non tendere a una costante acquisizione di quei modi di sentire e di agire che la letteratura (la quale funziona, di epoca in epoca, come lo strumento principe per lo scandaglio e per la registrazione dei rapporti umani, o meglio delle loro incessanti variazioni) approfondisce e semplifica.

E le sue preferenze al cinema, in rapporto con la letteratura?

In passato mi colpì Verso la vita, tratto dall’Albergo dei poveri di Maxim Gorki; film in cui ammirai per la prima volta Jouvet; nonché La voce nella tempesta (tratto, come tutti sanno, da un romanzo di Emily Brontë) in cui ammirai, ugualmente per la prima volta, Laurence Olivier; e infine anche un film tratto da un’opera di Dickens. Tra i film recenti tratti da libri ammiro soprattutto il russo e cecoviano La signora dal cagnolino, La viaccia di Bolognini, Cronaca familiare di Zurlini e Il Gattopardo di Visconti.

© Edizioni Kaplan, 2015

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540