Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Sociologia del cinema fantastico

 | 
Alberto Trobia

Appendice 1. Lo spettatore cinematografico italiano: alcuni dati statistici

Serena Scianna et Alice Caminita

Note de l’auteur

Serena Scianna ha scritto il primo paragrafo, Alice Caminita il secondo.

Texte intégral

1. Lo spettatore cinematografico italiano: 1999-2002

1In occasione dell’indagine sugli aspetti della vita quotidiana degli italiani, svolta nel corso del 1999 [Istat, 2000], l’Istat ha analizzato, come di consueto, la partecipazione a varie manifestazioni di spettacolo, tra cui la frequentazione delle sale cinematografiche. Dall’indagine emerge come il consumo di cinema, in Italia, interessi trasversalmente quasi la metà della popolazione, secondo modalità differenti.

2Circa il 45% degli italiani è andato al cinema almeno una volta nel 1999, ma la frequentazione è fortemente diversificata a seconda delle regioni. La regione italiana con la più alta percentuale di partecipazione a spettacoli cinematografici è il Lazio, dove oltre la metà della popolazione regionale si reca al cinema almeno una volta all’anno; all’opposto, in Calabria, i due terzi della popolazione regionale non si recano mai al cinema. Dei quasi 25 milioni di italiani che vanno al cinema, circa il 52% vi si è recato da I a 3 volte nell’anno, il 25,3% da 4 a 6 volte ed il 13% da 7 a 12. Solo il 10% si reca al cinema più di una volta al mese.

3All’interno di questa prima stratificazione, le dinamiche di consumo sono alquanto diversificate a seconda delle zone, delle classi di età e delle categorie sociali e professionali. Il livello d’istruzione influenza maggiormente il consumo di cinema, più ancora che l’età. Maggiore, dunque, è il grado di istruzione, più si frequentano le sale cinematografiche. A parità di livello di scolarizzazione, i giovani sono più propensi degli adulti e degli anziani ad andare al cinema. Le dinamiche territoriali, invece, evidenziano come nell’Italia Centrale la propensione al consumo sia più elevata di 5 punti percentuali rispetto alla media nazionale, mentre il Nord-Ovest si colloca di poco al di sopra della media (un punto percentuale in più). Nelle aree metropolitane la frequentazione nelle sale è un’abitudine maggiormente consolidata, con consumi di molto superiori alla media nazionale; mentre nei piccoli comuni al di sotto dei 2.000 abitanti si hanno i consumi più bassi.

  • 1 Dati riportati nell’annuario statistico SIAE, intitolato Lo spettacolo in Italia.

4Ciò che emerge da questa indagine, ma anche da altri studi di settore [Istat, 1996, 1997, 2000; SIAE dal 1990 al 20001], è che il pubblico del cinema si è fatto via via più “elitario”. Nel 1999, più della metà degli italiani al di sopra dei sei anni non è andata nemmeno una volta al cinema nell’ultimo anno. Questo dato, con lievi differenze, riguarda anche la lettura di libri. Il più delle volte, chi risulta avere letto almeno un libro ha anche visto come minimo un film. Dunque, la spiegazione di questo dato non risiede nel fatto che il linguaggio cinematografico è diventato più complesso, è bensì avvenuto un mutamento profondo nel comportamento degli utenti: recarsi al cinema è diventato uno dei comportamenti propri di chi mostra profili di alto consumo culturale. I consumatori di cinema, così, appartengono all’insieme di coloro che trovano naturale anche leggere qualche libro, andare a teatro e visitare mostre o musei. Un insieme che non rappresenta la maggioranza della popolazione. Per tutti gli altri, il consumo di cinema può essere soddisfatto attraverso canali alternativi ed altrettanto efficaci: televisione, videocassette, DVD, TV satellitare ecc.

5Questo sembra essere uno dei motivi che determina una forte incidenza dei blockbuster sulla programmazione cinematografica: solo film di grandissimo richiamo, come – ad esempio – Il Signore degli Anelli, convincono infatti una parte di coloro che non vanno al cinema a compiere questo sforzo, in qualche modo ad aderire ad un rito che non fa più parte del loro quotidiano. Laddove, invece, il cinema è un’abitudine di consumo allargata e diffusa, la programmazione incide meno. Si è disponibili a fare scoperte o ad essere delusi senza problemi. Un’altra strategia è quella di dislocare le sale cinematografiche nei pressi di centri commerciali e attrazioni turistiche, esaltare la sensorialità dello spettatore con ampi schermi e suoni tridimensionali ecc. [Casetti e Fanchi (a cura di), 2006; Rigamonti, 20061.

6Vi sono comunque dei fattori che, più di altri, spingono al consumo di cinema nelle sale. Secondo un’analisi condotta nel 2000 sul pubblico italiano, gli elementi più influenti sulla scelta del film da vedere in sala sono il soggetto e il genere del film, seguiti a distanza dal nome degli attori e da quello del regista (cfr. la Tab. 1) [per ulteriori approfondimenti, cfr. Celata e Caruso, 20031.

Tab. 1 – Elementi de/film condizionanti la scelta d’acquisto dello spettatore italiano (dati percentuali)

Tab. 1 – Elementi de/film condizionanti la scelta d’acquisto dello spettatore italiano (dati percentuali)

Fonte: Repetto e Tagliabue, 2000

7Lo slittamento da un consumo di massa ad un consumo in qualche modo “elitario” non è un fenomeno recente, ed è leggibile nei dati storici. Per fare un esempio, nel 1951, in una città come Tonno, si sono venduti più di 23 milioni e mezzo di biglietti, contro i 3,2 milioni del 2000. Con l’avvento della televisione e di tutti i “surrogati” attuali per il consumo di film, non è il cinema in quanto espressione artistica ad essere messo in discussione, quanto piuttosto la frequenza nelle sale: recarsi al cinema per vedere un film, oggi, assume un significato diverso rispetto al passato, e fa riferimento a modelli culturali sempre meno di massa.

8Il consumo di film è sempre stato considerato un’attività sociale essenzialmente riservata ai giovani e caratterizzato da una frequenza decrescente con l’aumentare dell’età. È stato osservato che, per quanto riguarda la fruizione nelle sale, il consumo di film inizia intorno all’età di 12 anni, aumenta in modo sensibile fino ai 19, e si riduce fortemente intorno ai 35 anni. Negli ultimi anni, si è verificato un effetto di contenimento di questo processo: la disparità di consumo tra generazioni è oggi sempre meno pronunciata. Il consumo da parte dei giovani, infatti, sembra ridursi con la proliferazione di nuovi canali di distribuzione per i prodotti cinematografici, in primo luogo per effetto dell’home video. Il consumo di videocassette e DVD, tuttavia, non viene considerato tanto un sostituto del cinema in sala, quanto della televisione.

9Inoltre, quello che una volta era considerato un pubblico di massa è oggi un pubblico molto differenziato. Il cinema ha progressivamente specializzato la propria offerta per diversi segmenti di popolazione. Diventa, così, necessario individuare i vari profili di spettatore, le loro motivazioni nella scelta di un film, le preferenze per una sala cinematografica rispetto ad un’altra ecc. Da un’indagine recente [Russi (a cura di), 20041, emerge un identikit piuttosto dettagliato di spettatori e non spettatori di cinema, o meglio di spettatori reali e potenziali, distinti in base alla loro frequenza o meno delle sale nei tre mesi precedenti alla rilevazione.

10L’indagine ha preso in considerazione: i comportamenti relativi al consumo di cinema, gli stili di vita degli spettatori nel tempo libero, le motivazioni delle loro scelte e i loro desideri, facendo emergere attraverso lo strumento della cluster analysis, quattro tipi di spettatore reale e quattro di spettatore potenziale. Le variabili prese in considerazione per l’analisi riguardano un insieme variegato di attività del tempo libero: mediali e letture (tv, radio, cinema, libri), spettacoli dal vivo (teatro, musei, concerti, mostre), ricreative ed espressive (discoteche, pub, pizzerie, ristoranti, shopping), alle quali si sono aggiunte altre variabili relative alla fruizione di prodotti cinematografici per mezzo di altri media tradizionali e digitali: TV, videocassette, DVD, Sky TV. Nel caso degli spettatori reali, oltre alle variabili suddette, sono state esaminate altre variabili relative alla fruizione di cinema in sala, all’incidenza di vari fattori nella scelta di una sala in particolare, allo stile di fruizione (tipo di visione e giorni preferiti, fidelizzazione ecc.). Sono state, infine, utilizzate, per i due segmenti, anche variabili riguardanti le caratteristiche sociodemografiche ed economiche, il contesto familiare e geografico in cui i soggetti intervistati sono inseriti, nonché la loro passione per il cinema e le motivazioni che spingono a recarsi o a non recarsi nelle sale cinematografiche.

11La ricerca curata da Russi conferma il quadro cui accennavamo in precedenza. Il pubblico che frequenta le sale cinematografiche ha un titolo di studio medio-alto, un profilo socio-culturale elevato, è culturalmente e socialmente coinvolto, è soddisfatto di sé e delle proprie condizioni. Nel contempo, è cambiato il ruolo ed il “peso” dell’istituzione cinematografica all’interno dell’industria culturale e in rapporto ad altre forme di aggregazione sociale. Sono cambiate le modalità di fruizione, il gusto del pubblico, i film stessi, il loro linguaggio, la strutturazione dei racconti. Il consumo di cinema in sala è profondamente diverso da quello che ha accompagnato la nascita delle prime metropoli e i primi passi del nostro Paese verso la modernizzazione.

12Il primo gruppo di intervistati, definito degli “spettatori”, costituisce il 47,3% del campione, ed è composto da 1.820 soggetti dai 14 anni in su (853 donne e 967 uomini). Ii 50% possiede un diploma di scuola superiore, il 25% ha un titolo di studio universitario; solo 1’1,7% ha la licenza elementare o nessun titolo di studio. A parità di livello di scolarizzazione, sono i più giovani i frequentatori più assidui, ed è oltre i 44 anni che si situa il limite d’età degli “abbandoni” più frequenti. Il 30% degli spettatori ha, infatti, più di 45 anni, il rimanente 60% ha un’età compresa tra i 14 e i 44 anni.

13All’interno del segmento degli “spettatori”, sono stati individuati quattro tipi ideali (cluster) diversi, sulla base delle variabili prima citate. Li descriviamo di seguito.

 

14A) Gli ipospettatori isolati
Essi rappresentano il 33% del segmento degli “spettatori”. Di essi, il 72% è andato al cinema negli ultimi tre mesi. Tuttavia, più della metà non ha effettuato viaggi in Italia o all’estero, non ha visitato musei e mostre, non ha assistito a concerti, a dibattiti politici, a conferenze. Si tratta di individui il cui tempo libero risulta caratterizzato da una sostanziale inattività e passività, con particolare riguardo alle pratiche socializzanti e tipicamente espressive e ricreative.

 

15B) Gli spettatori iperattivi multimediali
Questo gruppo costituisce il 49% degli spettatori, e si caratterizza per l’apertura verso un’ampia gamma di attività diversificate, in particolare ludiche e altamente socializzanti, tipicamente giovanili. Circa il 31% dei soggetti appartenenti al cluster si è recato al cinema da 1 a 3 volte negli ultimi tre mesi, ed oltre il 35% da 4 a 6 volte. Dall’analisi, inoltre, emerge un’assidua frequentazione di luoghi come pub, pizzerie, discoteche, concerti.

 

16C) Gli spettatori cinefili
Il profilo di questi spettatori si caratterizza per un consumo di film molto intenso e frequente: sia in sala, sia a livello domestico. Si nota una percentuale molto elevata di soggetti che ha visto più di 12 film in TV, sia su reti nazionali e locali, sia su Sky TV. E anche per quanto riguarda i supporti più diffusi, si segnala un intenso consumo: 12 volte e più, nell’ultimo mese, di DVD e VHS. All’interno della categoria degli spettatori, risulta anche il gruppo in cui prevale di più la passione per il cinema.

 

17D) Gli spettatori raffinati
Rappresentano il 14% degli spettatori, e si caratterizzano per la centralità di consumi culturali impegnati e ricercati (musei, mostre, conferenze), che vengono effettuati almeno una volta al mese. Essi, inoltre, assistono a concerti e spettacoli teatrali, ed effettuano viaggi in Italia e/o all’estero. Questi spettatori non si recano in discoteca e non frequentano pub. Si tratta del gruppo in cui prevalgono di più i consumi di natura culturale, rispetto alle attività propriamente ludiche e ricreative.

 

18Passiamo, adesso, ai “non spettatori”; non prima, tuttavia, d’aver chiarito che la disaffezione del pubblico verso la sala cinematografica è indice di un radicale mutamento dei gusti e dell’atteggiamento del pubblico nei confronti delle modalità e finalità del consumo cinematografico, ma non significa di per sé un disamore verso il cinema. Anche in questo caso, sono stati individuati quattro cluster. Li descriviamo di seguito.

19E) I non spettatori televisivi
Rappresentano il 28,45% dei non spettatori e, come gli ipospettatori isolati, si caratterizzano per l’estensione da pratiche outdoor ad indoor. Negli ultimi tre mesi, la quasi totalità dei soggetti del gruppo non ha viaggiato, non ha svolto attività sportiva, non ha assistito a concerti. La stessa cosa accade per le altre attività-variabili prese in considerazione finora. L’unica attività outdoor praticata da questi soggetti risulta essere lo shopping, effettuato occasionalmente. Significativo è, inoltre, il dato relativo all’assenza di numerosi consumi mediali, cui fa eccezione l’ascolto televisivo: l’86,3% guarda quotidianamente la TV. Il 47% di questi soggetti dichiara di non amare la sala per diverse ragioni: la mancanza d’interesse, la preferenza per la visione domestica, problemi personali, il prezzo elevato.

 

20F) I non spettatori tradizionalisti
Questi intervistati costituiscono il 42,23% dei non spettatori, rappresentando il sottogruppo quantitativamente più consistente. Il profilo si caratterizza per l’assenza di attività outdoor impegnate e per pratiche tradizionali riguardanti il tempo libero. Quest’ultimo si svolge di frequente fuori dalle mura domestiche e si caratterizza come un tempo di consumi: fare shopping, andare in pizzeria e al ristorante ecc. Le attività indoor dei tradizionalisti sono molteplici e orientate alla gamma dei media tradizionali. Anche la visione indoor dei film utilizza media tradizionali (con frequenza moderata), mentre le tecnologie digitali (DVD, Sky, Internet) risultano estranee a quote consistenti di soggetti. La passione per il cinema è, in questo gruppo, particolarmente intensa: il 72% dichiara di amarlo, e tra i motivi della non fruizione la mancanza di tempo libero risulta essere quello maggiormente caratterizzante, seguito dalla pigrizia.

 

21G) I non spettatori iperattivi multimediali
Rappresentano il 20,72% dei non spettatori e si caratterizzano per l’ampia gamma di attività altamente diversificate ed eterogenee che essi svolgono nel tempo libero. Si dichiarano frequentatori assidui di pizzerie, pub, ristoranti, assistono anche a feste paesane, manifestazioni, conferenze, concerti, e viaggiano. Questa iperattività outdoor si integra con un’estrema varietà di opzioni di scelta riguardanti attività indoor: ascoltano musica e radio, leggono libri, quotidiani e periodici; fruiscono della TV tradizionale, utilizzano le tecnologie digitali, navigano in Internet. L’amore per il cinema risulta caratterizzare una quota rilevante di soggetti; tuttavia, è la mancanza di altro tempo libero il motivo che viene riferito per spiegare l’assenza dalle sale. Ciò vuol dire che, dovendo sfruttare il tempo libero a disposizione, il cinema non rappresenta, per questi soggetti, una prima scelta.

 

22H) I non spettatori raffinati
Costituiscono il 6,6% dei non spettatori e si caratterizzano per attività culturali di alto profilo, che vengono svolte almeno una volta al mese: musei, mostre, concerti, conferenze, viaggi frequenti in Italia e all’estero. Si tratta di soggetti che leggono libri e giornali; guardano la TV, ma ascoltano quotidianamente anche la radio. I soggetti appartenenti a questo gruppo, di cui il 36% dichiara di non amare il cinema, citano tra le motivazioni per l’assenza dalle sale la mancanza di tempo e d’interesse.

 

23I diversi cluster di spettatori individuati risultano essere eterogenei, non solo per l’interesse verso i prodotti cinematografici e verso il cinema, ma anche per le attività e gli stili di vita del tempo libero. I gruppi meno interessati, per motivi opposti, risultano essere quelli dei televisivi e dei raffinati. I primi mostrano un atteggiamento passivo, trascorrono il loro tempo libero in casa, davanti alla tv: sono coloro che più degli altri spettatori dichiarano di non amare il cinema e sembrano essere i meno interessati ai prodotti cinematografici e più impermeabili ad eventuali iniziative promozionali. I raffinati, invece, sono attivi e ricchi di stimoli, ma sono attratti da altre attività culturali più elitarie e poco interessati ai prodotti cinematografici, in casa e in sala. I tradizionalisti e gli iperattivi multimediali sembrano, invece, i segmenti di non spettatori più facilmente recuperabili alle platee cinematografiche, mediante strategie differenti. I primi sono più sensibili ai fattori economici, mentre i secondi, per i quali la risorsa tempo sembra essere quella più rilevante, sono più interessati ai fattori logistici. I tradizionalisti, pertanto, potrebbero essere recuperati con offerte promozionali o con iniziative che abbattano il prezzo del biglietto; gli altri migliorando i servizi di prenotazione, la possibilità di parcheggio, i servizi complementari [ibid.].

24Il cinema, fisiologicamente in crisi in Italia dagli anni Settanta, per molto tempo non è stato in grado di trovare una nuova collocazione all’interno del media mix dei consumatori. Se consideriamo, inoltre, la recente ed medita “disinfiammazione” del medium televisivo, si può ipotizzare l’avvio di un processo di trasformazione della gestione del tempo libero e dei luoghi della cultura e dello svago, che sembra muoversi nella direzione di una più marcata e radicale riappropriazione del territorio e degli spazi della vita quotidiana. I consumi culturali e mediali sono, per l’individuo contemporaneo, uno strumento di accesso ad un universo socialmente condiviso, che contribuisce ad alimentare e a definire identità culturali, modelli, chiavi interpretative e guide normative per la comprensione della realtà, diventando, all’interno delle società complesse, vettori di orientamento. Di fronte ai dati qui presi in considerazione, si può ipotizzare una rinnovata capacità o una maturata competenza degli individui nel costruire un “palinsesto” personale della propria vita. Il tempo libero viene letto sempre meno come semplice evasione e fuga dal lavoro, e sempre più come investimento di energie e risorse identitarie, nel tentativo di sopperire al declino del ruolo tradizionale svolto, in questa direzione, dall’occupazione [Lo Verde, 2005].

2. Lo spettatore cinematografico italiano. I dati Istat più recenti

  • 2 Il sistema integrato d’indagini sociali multiscopo, che copre i più importanti temi di rilevanza so (...)

25In questo paragrafo, vengono illustrate alcune statistiche più recenti tratte dall’indagine Aspetti della vita quotidiana dell’Istat. Si tratta di una delle indagini multiscopo, che l’Istituto Nazionale di Statistica effettua ogni anno in Italia, sin dal 1993, con lo scopo di rilevare le informazioni relative alle abitudini quotidiane delle famiglie italiane2.

26I dati presentati di seguito si riferiscono al volume: La vita quotidiana nel 2006, che contiene sia i risultati dell’indagine multiscopo annuale, sia quelli dell’approfondimento quinquennale: I cittadini e il tempo libero. La ricerca si basa su un campione probabilistico a due stadi, con stratificazione delle unità del primo stadio (i comuni), composto da circa 19.000 famiglie (in totale, circa 49.000 individui) distribuite in 849 comuni italiani (con differenti ampiezze demografiche). Il criterio di scelta delle famiglie si basa sull’estrazione casuale delle stesse dalle liste anagrafiche comunali, secondo una strategia di campionamento volta a costituire un campione statisticamente rappresentativo delle variabili oggetto d’indagine.

27Ho integrato, inoltre, i dati di questo volume, in primo luogo, con quelli appartenenti all’Annuario delle Statistiche culturali del 2005, disponibile sul sito dell’Istat. La particolarità ditale annuario è quella di riportare i risultati provenienti dall’indagine multiscopo Aspetti della vita quotidiana, organizzati però in maniera tale da aderire il più possibile alla definizione e alla organizzazione delle aree tematiche proposte in sede internazionale nell’ambito del progetto Leg-cultural statistics dell’Eurostat, onde consentire la comparabilità e l’armonizzazione delle statistiche culturali a livello europeo. In secondo luogo, i dati statistici relativi al settore cinematografico radiofonico e televisivo (riportati nel cap. 6 del volume Istat) sono stati integrati anche con altre fonti, tra le quali la Siae (Società Italiana degli Autori ed Editori), le principali emittenti televisive nazionali (Rai, Mediaset e La7) e il Ministero delle Comunicazioni. Dovremmo avere, così, un quadro più preciso e completo del fenomeno cinematografico in Italia e delle caratteristiche dello spettatore nel nostro Paese.

28Come si vede nella Tab. 2, tra i vari spettacoli e intrattenimenti disponibili fuori casa, il cinema è quello che è stato maggiormente preferito dalle famiglie italiane nel 2006, interessando il 48,9% delle persone di sei anni o più che hanno usufruito, nell’anno, dei van tipi di spettacolo e intrattenimenti. Si registra, però, una lieve diminuzione degli spettatori tra il 2005 e il 2006, pari all’ 1,8%.

Tab. 2 – Persone di 6 anni e più che hanno fruito, nell’anno, dei vari tipi di spettacoli e intrattenimenti (per 100 persone). Anni 2001-2006

Tab. 2 – Persone di 6 anni e più che hanno fruito, nell’anno, dei vari tipi di spettacoli e intrattenimenti (per 100 persone). Anni 2001-2006

(a) Concerti di musica jazz, leggera ecc.

Fonte: Istat, 2007b

Tab. 3 – Persone di 6 anni e più che dichiarano di aver visto almeno uno spettacolo cinematografico durante l’anno, per sesso e classe di età (per 100 persone dello stesso sesso e classe di età). Anno 2006

Tab. 3 – Persone di 6 anni e più che dichiarano di aver visto almeno uno spettacolo cinematografico durante l’anno, per sesso e classe di età (per 100 persone dello stesso sesso e classe di età). Anno 2006

Fonte: Istat, 2007b

29Riguardo alla composizione di questi spettatori, la Tab. 3 ci mostra che il 51,2% sono uomini e il 46,8% donne. Considerando, poi, l’età, possiamo vedere come i più giovani, nella fascia d’età tra i 15 e i 24 anni, risultano essere il gruppo di spettatori cinematografici più numeroso (oltre l’80%), mentre a partire dai 25 anni l’interesse inizia a decrescere in modo costante e, superati i 45, meno della metà della popolazione si dedica al cinema nel proprio tempo libero.

  • 3 Il Nord-Ovest è composto dalle seguenti regioni italiane: Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Ligur (...)

30A livello territoriale, se si considera la percentuale totale degli spettatori della penisola italiana, vediamo che la maggior parte di essi si colloca al Centro3 (21,9%,) e nel Nord-Ovest (20,7%). In coda alla graduatoria, troviamo le Isole (17,6%) (cfr. la Tab. 4).

Tab. 4 – Persone di 6 anni e più che hanno dichiarato di aver visto almeno uno spettacolo cinematografico durante l’anno per ripartizione geografica. Anno 2006

Tab. 4 – Persone di 6 anni e più che hanno dichiarato di aver visto almeno uno spettacolo cinematografico durante l’anno per ripartizione geografica. Anno 2006

Fonte: Istat, 2007b

  • 4 I comuni centro dell’area metropolitana sono: Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Ro (...)

31Si distingue, poi, la “Periferia dell’area metropolitana4 per essere la zona con la maggior parte di spettatori, considerando la ripartizione territoriale per tipi di comune (56,1 per cento persone della stessa zona, che equivale al 19,2% degli spettatori cinematografici italiani) (cfr. la Tab. 5).

Tab. 5 – Persone di 6 anni e più che hanno dichiarato di aver visto almeno uno spettacolo cinematografico durante l’anno per ripartizione geografica. Anno 2006

Tab. 5 – Persone di 6 anni e più che hanno dichiarato di aver visto almeno uno spettacolo cinematografico durante l’anno per ripartizione geografica. Anno 2006

Fonte: Istat, 2007b

Tab. 6- Persone di 15 anni e più che si sono recate al cinema nei 12 mesi precedenti l’intervista per posizione nella professione. Anno 2006

Tab. 6- Persone di 15 anni e più che si sono recate al cinema nei 12 mesi precedenti l’intervista per posizione nella professione. Anno 2006

Fonte: Istat, 2007b

32Riguardo alla professione svolta, dai dati emerge come gli studenti siano, come è stato detto più volte, i maggiori fruitori di spettacoli cinematografici. Di essi, infatti, l’89,1% ha affermato di aver visto almeno un film al cinema nell’ultimo anno (cfr. la Tab. 6). Gli studenti rappresentano, da soli, il 15,7% del pubblico italiano, seguiti dagli impiegati (12,3%) e da dirigenti, imprenditori e liberi professionisti (11,8%).

33Con riferimento, invece, al livello d’istruzione (cfr. la Tab. 7), vediamo che i laureati si confermano i maggiori fruitori di cinema, seguiti dai diplomati. In coda, si colloca stabilmente chi possiede la sola licenza elementare o nessun titolo di studio.

Tab. 7-Persone di 6 anni e più che si sono recate al cinema nei 12 mesi precedenti l’intervista per titolo di studio (per 100 persone con le stesse caratteristiche). Anni 2000-2005

Tab. 7-Persone di 6 anni e più che si sono recate al cinema nei 12 mesi precedenti l’intervista per titolo di studio (per 100 persone con le stesse caratteristiche). Anni 2000-2005

(a) La laurea comprende il diploma di laurea e il dottorato; il diploma superiore comprende la licenza media superiore e il diploma universitario o “laurea breve”; la licenza media comprende la licenza media inferiore e la qualifica professionale.
N.B. I dati relativi all’anno 2004 non sono disponibili, in quanto l’indagine non è stata effettuata.

Fonte: Istat, 2007a

34Passando all’Annuario delle Statistiche Culturali [Istat, 2007a], infine, abbiamo a disposizione dati relativi ai giorni di spettacolo cinematografico, ai biglietti venduti, alla spesa del pubblico, e al grado di frequentazione dei cinema da parte del pubblico. Si noti come, a questo punto, i dati non sono più di natura campionaria, bensì censuaria. Ciò vuoi dire che essi non sono soggetti ad errori, se non di natura materiale o di rilevazione.

35Nel 2005, come si vede dalla Tab. 8, si contano in totale 1.193.772 giorni di spettacolo cinematografico, il che implica un incremento del 4% rispetto al 2004. Complessivamente, sono stati venduti 104.684 milioni di biglietti, con un decremento degli spettatori al cinema del 7,5% rispetto all’anno precedente. Riguardo alla spesa complessiva sostenuta dal pubblico per assistere agli spettacoli cinematografici, infine, si calcolano 1,8 biglietti venduti per abitante, con una spesa media pro capite di oltre 10 euro.

Tab. 8 – Cinema: giorni di spettacolo nei locali aperti al pubblico, biglietti venduti e spesa del pubblico per tipo di comune – Anni 2000-2005 (biglietti venduti in migliaia; spesa del pubblico in euro)

Tab. 8 – Cinema: giorni di spettacolo nei locali aperti al pubblico, biglietti venduti e spesa del pubblico per tipo di comune – Anni 2000-2005 (biglietti venduti in migliaia; spesa del pubblico in euro)

(a) I dati sono ottenuti rapportando i valori correnti di ciascun anno ai rispettivi indici dei prezzi al consumo dell’intera collettività nazionale con base 1995 = 100.

Fonte: Istat, 2007a

Notes

1 Dati riportati nell’annuario statistico SIAE, intitolato Lo spettacolo in Italia.

2 Il sistema integrato d’indagini sociali multiscopo, che copre i più importanti temi di rilevanza sociale, è costituito da un’indagine annuale sugli Aspetti della vita quotidiana, una trimestrale sul turismo, e da cinque indagini tematiche che si occupano a rotazione di: Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari, I cittadini e il tempo libero, Sicurezza dei cittadini, Famiglie e soggetti sociali, Uso del tempo. A queste vanno aggiunte altre indagini di approfondimento, che non hanno una pianificazione programmata (cfr. il sito: http://www.istat.it, in particolare la pagina: http://www.istat.it/strumenti/rispondenti/indagini/famiglia_societa/vitaquotidiana/).

3 Il Nord-Ovest è composto dalle seguenti regioni italiane: Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Liguria; il Nord-Est è composto da: Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna; il Centro da: Toscana, Umbria, Marche, Lazio; il Sud da: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria; le Isole da: Sicilia e Sardegna.

4 I comuni centro dell’area metropolitana sono: Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Palermo, Catania e Cagliari; la periferia dell’area metropolitana è costituita, invece, dai comuni delle cinture urbane.

Table des illustrations

Titre Tab. 1 – Elementi de/film condizionanti la scelta d’acquisto dello spettatore italiano (dati percentuali)
Crédits Fonte: Repetto e Tagliabue, 2000
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/587/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 56k
Titre Tab. 2 – Persone di 6 anni e più che hanno fruito, nell’anno, dei vari tipi di spettacoli e intrattenimenti (per 100 persone). Anni 2001-2006
Légende (a) Concerti di musica jazz, leggera ecc.
Crédits Fonte: Istat, 2007b
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/587/img-2.png
Fichier image/png, 259k
Titre Tab. 3 – Persone di 6 anni e più che dichiarano di aver visto almeno uno spettacolo cinematografico durante l’anno, per sesso e classe di età (per 100 persone dello stesso sesso e classe di età). Anno 2006
Crédits Fonte: Istat, 2007b
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/587/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 48k
Titre Tab. 4 – Persone di 6 anni e più che hanno dichiarato di aver visto almeno uno spettacolo cinematografico durante l’anno per ripartizione geografica. Anno 2006
Crédits Fonte: Istat, 2007b
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/587/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 24k
Titre Tab. 5 – Persone di 6 anni e più che hanno dichiarato di aver visto almeno uno spettacolo cinematografico durante l’anno per ripartizione geografica. Anno 2006
Crédits Fonte: Istat, 2007b
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/587/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 32k
Titre Tab. 6- Persone di 15 anni e più che si sono recate al cinema nei 12 mesi precedenti l’intervista per posizione nella professione. Anno 2006
Crédits Fonte: Istat, 2007b
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/587/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 40k
Titre Tab. 7-Persone di 6 anni e più che si sono recate al cinema nei 12 mesi precedenti l’intervista per titolo di studio (per 100 persone con le stesse caratteristiche). Anni 2000-2005
Légende (a) La laurea comprende il diploma di laurea e il dottorato; il diploma superiore comprende la licenza media superiore e il diploma universitario o “laurea breve”; la licenza media comprende la licenza media inferiore e la qualifica professionale.N.B. I dati relativi all’anno 2004 non sono disponibili, in quanto l’indagine non è stata effettuata.
Crédits Fonte: Istat, 2007a
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/587/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 32k
Titre Tab. 8 – Cinema: giorni di spettacolo nei locali aperti al pubblico, biglietti venduti e spesa del pubblico per tipo di comune – Anni 2000-2005 (biglietti venduti in migliaia; spesa del pubblico in euro)
Légende (a) I dati sono ottenuti rapportando i valori correnti di ciascun anno ai rispettivi indici dei prezzi al consumo dell’intera collettività nazionale con base 1995 = 100.
Crédits Fonte: Istat, 2007a
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/587/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 39k

© Edizioni Kaplan, 2008

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540