Version classiqueVersion mobile
OpenEdition Books

Sociologia del cinema fantastico

 | 
Alberto Trobia

7. Nella rete del Re. La network analysis per lo studio dei multiple-response items

Veronica Milia

Texte intégral

Premessa

1Ogni qual volta le informazioni rilevate tramite un questionario devono essere trattate per le successive elaborazioni ed analisi, devono cioè essere trasformate in dati, il ricercatore deve compiere alcune scelte. Tali scelte concernono essenzialmente la codifica (e talvolta la ricodifica) delle variabili e la loro organizzazione in matrici, condizione necessaria per le analisi statistiche più diffuse. Normalmente, queste operazioni non comportano problemi, laddove ci si occupa di domande a risposta singola, in cui chi risponde può scegliere una sola delle opzioni indicate. In fase di codifica, questo tipo di domanda si traduce in un’unica variabile, alla quale è assegnato un singolo valore per ogni singolo caso (individuo) esaminato. A volte, però, i questionari o le interviste strutturate contengono domande che consentono agli intervistati di fornire più risposte (risposte multiple), permettendogli così un’espressione più articolata relativa a opinioni, comportamenti, preferenze ecc., come nel caso dello strumento utilizzato per il Lord of the Rings Project descritto nel capitolo precedente. Questo tipo di domande, chiaramente, aiutano il ricercatore ad acquisire una maggiore conoscenza sull’oggetto d’indagine [Roccato, 2006, p. 105; Corbetta, 1999, p. 206], tuttavia – come vedremo -pongono dei problemi nell’analisi dei dati.

  • 1 Le relazioni cui alludo riguardano la condizione di compresenza e simultaneità di più modalità di r (...)

2L’aspetto sul quale intendo soffermarmi in questa sede è che il maggior apporto informativo delle risposte multiple deriva, non solo dal maggior numero di modalità di risposta rilevate per ogni intervistato, ma anche dalla loro relazione1. Ogni soggetto interrogato, infatti, trovandosi nella possibilità di poter selezionare e accostare a proprio piacere le modalità di risposta a disposizione, compie necessariamente una scelta d’insieme, dotata di una propria coerenza interna, anche se del tutto soggettiva. Ciò significa, in altri termini, che dal punto di vista dell’intervistato è l’insieme delle opzioni scelte a costituire la risposta data alla domanda, il cui significato è rintracciabile dalla lettura della combinazione proposta. Questo aspetto, che a mio parere è di grande rilevanza, è ampiamente trascurato nella pratica della survey, in cui, a partire dai processi di codifica, si “slegano” le combinazioni di risposta espresse dagli intervistati, trattando le modalità selezionate come elementi indipendenti. Slegare le modalità di risposta e poi analizzarle come elementi autonomi significa, però, perdere informazioni e significati importanti, derivanti dalla loro combinazione. A quali percorsi di trattamento e analisi dei dati, allora, è possibile fare ricorso nello studio dei multiple-response items, per riuscire a sfruttarne tutto ii potenziale informativo, cioè considerando sia l’apporto delle singole modalità di risposta scelte dagli intervistati, sia quello derivante dalla loro combinazione e relazione?

3In questo capitolo, cercherò di dare una risposta a questo interrogativo, proponendo una nuova via per l’organizzazione, il trattamento, e l’analisi dei multiple-response items, avvalendomi della network analysis [Scott, 1991, 2000; Wasserman e Faust, 1997; Piselli, 2001; Chiesi, 1999; Saivini, 2007]. Suggerisco, in sostanza, una nuova applicazione di questa tecnica, in un campo di ricerca certamente ad essa inusuale, ma potenzialmente proficuo, sfruttando una parte dei dati raccolti col questionario somministrato all’audience italiana del Ritorno del Re. Dopo una breve disamina delle tecniche di codifica abitualmente utilizzate nella survey per l’analisi dei multiple-response items, cercherò di mettere in luce i principali vantaggi dell’analisi di rete, illustrando le fasi preparatorie all’elaborazione dei dati, le tecniche di costruzione dei reticoli e alcune misure utili a studiare le combinazioni e le relazioni fra modalità di risposta, per concludere con un commento dei risultati ottenuti.

4È importante tuttavia precisare che tale proposta, la quale richiede ulteriori riflessioni e approfondimenti, non intende sostituirsi alle tecniche d’analisi tradizionali impiegate nella survey, mira bensì a integrale, al fine di migliorare e ampliare gli strumenti a disposizione della cassetta degli attrezzi di chi si dedica alla ricerca sociale.

7.1 La codifica delle risposte multiple: un problema irrisolto

  • 2 «La codifica è il processo di traduzione di risposte verbali in codici numerici» [Sarantakos, 2005, (...)

5Nell’ambito delle scienze sociali, sono principalmente due le tecniche impiegate per la codifica2 delle domande a risposta multipla [de Vaus, 2001; 2002]: il metodo della “dicotomizzazione multipla” e il metodo della “risposta multipla”.

  • 3 I valori riportati nelle Tabb. 1, 2 e 3 sono fittizi, ed hanno una funzione meramente esemplificati (...)

6Nel caso della dicotomizzazione multipla, ogni possibile risposta è codificata come una variabile autonoma, alla quale è assegnato un valore affermativo, se selezionata dall’intervistato, o un valore negativo, se non selezionata. Se, quindi, ad esempio, applichiamo questo sistema di codifica alla domanda: “Quale delle seguenti espressioni, secondo te, descrive meglio la storia del Ritorno del Re?”, a cui sono associate 12 diverse risposte, tra cui ogni intervistato può sceglierne fino a tre, otterremo 12 variabili, a cui sono assegnati come valori il numero totale degli intervistati che li hanno selezionati o non selezionati (cfr. la Tab. 13); in altre parole, il numero complessivo dei “sì” e dei “no” associati ad ogni possibile modalità di risposta. La somma e le percentuali ottenute per ogni “sì”, ovviamente, risulteranno superiori alla numerosità del campione (nel nostro caso, 400) e al 100%.

Tab. 1 – Metodo della dicotomizzazione multipla per domande a risposta multipla

Tab. 1 – Metodo della dicotomizzazione multipla per domande a risposta multipla

7Col metodo della risposta multipla il procedimento di codifica cambia sensibilmente. Innanzitutto, è necessario determinare il numero massimo di risposte da considerare per ogni intervistato, ed in base a questo creare un corrispondente numero di variabili. Rispetto alla nostra domanda, il numero da considerare è tre, pari al numero massimo di risposte consentite. Alle tre variabili, che etichettiamo come risposta 1, risposta 2, risposta 3, associamo 12 categorie, per rappresentare le 12 espressioni che descrivono la storia del Ritorno del Re. Si procede, infine, alla codifica delle risposte, che possiamo facilmente illustrare tramite lo schema riportato nella Tab. 2. Giovanni, ad esempio, indica due modalità: epica e fantasy. Le due risposte sono riportate nelle prime due variabili, mentre la terza variabile è codificata come n.r., per indicare la mancanza di una terza scelta. Antonio, invece, nomina solo la categoria: “viaggio spirituale”; mentre Teresa le espressioni: “avventura”, “storia di guerra” e “buoni contro cattivi”. Ripetendo questo procedimento per tutti gli intervistati, diventa possibile, attraverso una semplice elaborazione al computer, sintetizzare i dati raccolti in un’unica tabella (cfr. la Tab. 3), riportante le distribuzioni per tutte le categorie contemplate, secondo uno schema simile a quello usato col metodo della dicotomizzazione multipla.

Tab. 2- Esempio di codifica di risposte multiple per tre individui

Tab. 2- Esempio di codifica di risposte multiple per tre individui

Tab. 3-Metodo delle risposte multiple

Tab. 3-Metodo delle risposte multiple

8Entrambe le tecniche descritte consentono una traduzione e organizzazione delle informazioni raccolte, al fine di illustrarle in una tabella di distribuzione, in cui è possibile leggere più facilmente gli orientamenti espressi dagli intervistati. Un dato importante, però, è andato perso: non abbiamo più informazioni su come ogni soggetto ha selezionato e messo assieme le proprie categorie preferite. Osservando le Tabb. 1 e 3, infatti, possiamo sapere quante volte complessivamente ogni espressione o modalità di risposta è stata scelta dal pubblico intervistato, ma non possiamo sapere se e con quale altra modalità è stata associata. Ho già sottolineato, in premessa, come ciò possa essere importante, per interpretare in modo più ampio, preciso ed appropriato le risposte degli intervistati. Resta quindi un problema irrisolto, a cui raramente si è tentato di trovare una soluzione, eccetto che per alcune proposte sviluppate in ambiti di studio distanti dalle scienze sociali, come la biometrica, attraverso la costruzione di complessi coefficienti di associazione [cfr. Decady e Thomas, 2000; Agresti e Liu, 1999; Rao e Scott, 1981].

9La network analysis, applicata allo studio dei multiple-response items, a mio parere, consente di superare questo problema in modo più semplice e intuitivo, sin dalla prima fase di codifica delle risposte, mediante le “matrici di adiacenza” e i “sociogrammi” [Moreno, 1953].

10La matrice di adiacenza è normalmente utilizzata per la raccolta di dati relazionali, che riguardano legami fra persone o attori sociali [Scott, 1991, p. 72]. Nel nostro caso, invece, essa contiene relazioni di associazione tra modalità di risposta, e quindi insiemi di parole. Sia in riga, sia in colonna sono riportate le 12 modalità di risposta. In ogni casella è indicato il numero di volte in cui ogni espressione è stata combinata con un’altra nelle risposte date dall’audience, indicando una specifica relazione tra due categorie.

Tab. 4- La matrice dei dati relazionali

Tab. 4- La matrice dei dati relazionali

11Si noti la simmetria della matrice, derivante dal fatto che la natura delle relazioni prese in esame è necessariamente bidirezionale. Esistono, invece, delle relazioni, la cui natura necessita che si prendano in esame le direzioni dei legami, distinguendo tra il punto d’origine ed il punto d’arrivo degli stessi.

7.2 II sociogramma e le statistiche descrittive

12La rete, a questo punto, può essere riprodotta graficamente in un “sociogramma”, con l’ausilio di uno dei diversi software preposti a tal fine (Ucinet, Gradap, NetMiner ecc.). Essa è formata da nodi e relazioni. Nel nostro caso, i nodi rappresentano le 12 espressioni che l’audience ha usato per descrivere il film, mentre le relazioni indicano la presenza di associazioni fra tali espressioni (cfr. la Fig. 1). La maggiore rilevanza di un legame, rispetto ad un altro, è misurato attraverso il “peso” (weight) che quel legame ha nell’attività reticolare [Carrington, Scott e Wasserman, 2005].

Fig. 1 – La rete delle associazioni

Fig. 1 – La rete delle associazioni

13La disposizione dei nodi e dei legami nella rete mostra già, a prima vista, la maggiore rilevanza di alcune espressioni. I nodi che hanno un peso maggiore sono: “Epica” (525) e “Mito/Leggenda” (405). Seguono, poi, i termini “fantasy” (362) e “avventura” (335). Le espressioni di minor peso, in termini relazionali, sono tre: “catastrofico” (10), “film con effetti speciali” (30) e “game-world” (34). Le linee più spesse indicano i legami più forti.

14Nel complesso, la rete gode di una densità elevata, pari a 89,4% (cfr. la Tab. 5); ciò significa che gli spettatori del film hanno tendenzialmente scelto di rispondere utilizzando più di un’espressione, avvalendosi della possibilità di combinare fino a tre modalità di risposta. In termini strutturali, ciò si traduce in un sistema reticolare a maglia stretta, in cui sono coinvolti tutti i 12 nodi in modo pressoché stabile. L’assenza di nodi isolati o di pendant (nodi connessi con un solo legame alla rete) evidenzia che tutte le espressioni sono state utilizzate dagli spettatori in modo rilevante, sebbene esistano delle variazioni a seconda delle categorie considerate, che discuto di seguito.

Tab. 5- Statistiche descrittive della rete (output di NetMiner)

Tab. 5- Statistiche descrittive della rete (output di NetMiner)

15A partire da questi primi dati, è già possibile fare due considerazioni in merito al contenuto delle risposte. Innanzitutto, il pubblico, nel descrivere il film, ha combinato sistematicamente più categorie; in questo modo, è riuscito a comunicare con più precisione la propria idea personale sul film ed evocarne le atmosfere. A questo si aggiunge, in secondo luogo, che tali atmosfere sono per lo più associate ad un immaginario leggendario e fantastico, come emerge chiaramente dai legami della rete con un peso maggiore. Indago questo secondo aspetto, in modo più preciso, nel paragrafo che segue.

7.3 Centralità e gerarchie nella rete

16Per effettuare un esame più attento della rete, le vie da seguire sono diverse. Un primo passo può essere quello d’individuare i nodi più centrali, cioè, nel nostro caso, le espressioni che, nell’insieme delle risposte, rivestono una maggiore rilevanza. Tale condizione si evince da alcune caratteristiche dei nodi (le espressioni) quali: la numerosità dei loro legami (degree), la loro vicinanza e prossimità relazionale alle altre espressioni presenti nella rete (closeness), e la loro capacità di “mediare” le relazioni tra le altre categorie (betweeness) [Knoke e Kuklinski, 1982]. Misuriamo queste caratteristiche mediante il calcolo di tre diversi indici per ogni espressione. I valori sono riportati nella Tab. 6.

17Riguardo le misure di degree e closeness, possiamo notare che le posizioni delle 12 espressioni non sono tutte paritarie. Esiste chiaramente una maggiore rilevanza di alcune espressioni come “allegoria”, “epica”, “favola”, “buoni vs. cattivi” e “avventura”, segnalate dagli alti valori dei rispettivi indici (che in alcuni casi raggiungono il massimo possibile, pari a 1), rispetto ad altre espressioni come “catastrofico”, “storie dl guerra” e “film con effetti speciali”. Tale diversità, in un ottica reticolare, equivale a una situazione in cui a concetti centrali si oppongono concetti più periferici (cfr. la Fig. 2).

Tab. 6 – Quadro riassuntivo delle misure di centralità e di centralizzazione della rete

Tab. 6 – Quadro riassuntivo delle misure di centralità e di centralizzazione della rete

18Bisogna anche dire, tuttavia, che le differenze in valore assoluto sono comunque basse, e soprattutto, in una visione d’insieme, non esiste una gerarchizzazione di tipo piramidale. Ciò è confermato dai tre indici di centralizzazione riportati in Tab. 6, che sintetizzano in un’unica misura proprio il livello di gerarchizzazione dell’intera rete: i valori bassi di tali indici evidenziano una bassa differenziazione interna al reticolo. Inoltre, se si osservano i valori legati alla betweenness (capacità di un nodo di “stare in mezzo” ad altri nodi, ovvero di “mediare” le relazioni tra altre espressioni nella rete), le differenze tra le 12 espressioni quasi si annullano (indice di centralizzazione pari allo 0,01%).

  • 4 È importante distinguere il significato che qui attribuisco all’espressione “rete semantica”, rispe (...)

19È chiaro, a questo punto, che le espressioni indicate come centrali sono certamente le più frequenti e rilevanti nelle risposte del pubblico, ma non sono, in un’ottica gerarchica, sufficienti singolarmente a descrivere le relazioni semantiche attivate dal pubblico. Il fatto che alcune espressioni risultino più citate di altre, significa certamente che costituiscono dei concetti chiave, senza i quali sarebbe difficile interpretare il giudizio del pubblico; è anche vero, però, che, per dargli una giusta lettura, è indispensabile comprendere come il significato di queste espressioni si sviluppi in rapporto agli altri elementi “significativi” che vi gravitano intorno nella “rete semantica”4.

Fig. 2 – Centralità basata su degree e closeness

Fig. 2 – Centralità basata su degree e closeness

20Da un punto di vista concettuale, in altre parole, le risposte del pubblico non possono essere sintetizzate da un’unica espressione, se pur frequente e numerosa, bensì da una pluralità di parole e concetti, riletti nelle loro relazioni d’insieme. È necessario, dunque, indagare sul modo in cui i nodi si aggregano in microstrutture, per individuare la presenza di micro-aree semantiche, in cui parole ed espressioni si legano, creando mondi di significato evocativi di specifiche atmosfere e immaginari collettivi.

7.4 Nella rete del Re, tra eventi soprannaturali ed effetti speciali

21L’individuazione di possibili aree concettuali omogenee nella rete passa attraverso l’applicazione di tecniche d’analisi che, attraverso un processo di ripartizione del reticolo, consentono di constatare la presenza di substrutture, delle quali è interessante analizzare la composizione e le caratteristiche di coesione interna. Il criterio di ripartizione che ho applicato ai nostri dati è quello delle clique [Wasserman e Faust, 1997]. Si tratta di substrutture composte da nodi tra loro tutti in relazione diretta, in modo che non esiste alcun nodo interno alla rete che è in relazione con tutti i membri e non ne sia compreso [Chiesi, 1999, pp. 138-148]. I sottogruppi di parole, così individuati, comprendono solo espressioni che nel corpus delle risposte sono tutte messe in relazione tra loro dagli intervistati.

Tab. 7 – Composizione e coesione interna delle 5 clique emerse dall’analisi

Tab. 7 – Composizione e coesione interna delle 5 clique emerse dall’analisi

22Complessivamente, la rete contiene cinque clique (cfr. la Tab. 7). Sono tutte costituite da 9 espressioni, eccetto una che ne comprende 7. Si tratta di numeri elevati, tenuto conto che la rete comprende un totale di 12 elementi. Rispetto alla loro composizione, è interessante notare che i termini “allegoria”, “epica”, “favola”, “buoni contro cattivi” e “avventura” (indicati in neretto nella tabella) sono tutti copresenti nelle cinque clique, e che la clique i differisce dalla clique 2 solo per un componente. La stessa cosa accade tra le clique 4 e 5. Questa organizzazione interna può essere sintetizzata in tre distinte aree semantiche, accomunate da una medesima base concettuale, che si articola in tre caratterizzazioni diverse. È opportuno precisare che, avendo molti elementi in comune, è in un’ottica comparativa che emergono con più chiarezza le diversità delle tre aree semantiche che vengono descritte di seguito.

23Nelle prime due clique, che appartengono alla prima area semantica, le parole distintive sono “fantasy”, “mito/leggenda” e “viaggio spirituale”. Nelle clique 4 e 5, corrispondenti alla terza area semantica, i termini caratterizzanti sono “effetti speciali”, “viaggio spirituale”, e “mito/leggenda”. La maggiore diversità si riscontra nella seconda area (contenente la clique 3), rappresentata dai termini “fantasy” e “catastrofico”. Un secondo livello di differenziazione, che accomuna la prima e la seconda area semantica, riguarda i termini “game-world” e “storie di guerra”, che il pubblico utilizza sempre in alternativa; per cui, quando in una clique è inserito il termine “game-world”, non è mai presente l’espressione “storie di guerra” e viceversa.

24La prima area semantica, vista nel suo insieme, rimanda al tradizionale concetto di fantasy. Questa categoria si sovrappone a quella di “mito” e di “viaggio spirituale” che, rafforzandosi reciprocamente, convergono verso la dimensione fantastica (cfr. il cap. 3 di questo libro). È in questa rete concettuale che, a mio avviso, il pubblico si abbandona nelle descrizioni più idealizzate e creative, rompendo i vincoli con la realtà, slegandosi dalle convenzioni culturali, per calarsi in un mondo immaginario, in cui il soprannaturale convive con il familiare. Un mondo in cui tutto è possibile, un mondo fantastico in cui può prevalere la componente del “gioco” (game-world) o, in alternativa, la lotta tra parti in guerra (storie di guerra).

25La seconda area semantica sottolinea, invece, l’elemento catastrofico del film. Il pubblico mantiene una descrizione fantastica delle vicende narrate, colorandole però di nero. La lotta tra buoni e cattivi è qui riportata alle atmosfere epiche più cupe, in cui è l’elemento tragico, disastroso, quasi apocalittico ad essere evidenziato.

26La terza ed ultima area semantica è quella degli effetti speciali. Qui gioca un ruolo interessante il rapporto dello spettatore con la realtà che, contrariamente a quanto accade nella prima area semantica, non viene mai tralasciato. Il viaggio spirituale, contornato dalla leggenda, è comunque descritto distinguendo sempre ciò che è vero e reale, da ciò che è frutto di una creazione, esito di effetti speciali, in cui l’intervento del soprannaturale perde di rilevanza regista ha operato riguarda il personaggio di Arwen, a cui. È l’aspetto creativo e artificioso, che spettacolarizza la storia avventurosa, ad essere messo in risalto; sia nel caso in cui si connoti come storia di guerra, sia come game-world. II film è qui anche descritto come un’avvincente narrazione di storie epiche e leggendarie, quale allegoria di un viaggio spirituale di cui però è la rappresentazione scenica, attraverso grandiosi effetti speciali.

27L’analisi strutturale della rete, vista nel suo insieme, suggerisce una comune linea interpretativa del film da parte del pubblico. Quest’ultimo descrive il film mettendo in risalto il continuo confronto tra il bene e il male, in vicende avventurose narrate nell’ambito di atmosfere epiche e mitologiche, in cui i personaggi si confrontano con eventi straordinari, ma anche con i propri conflitti interiori e le proprie paure. Di queste vicende, parte del pubblico valorizza l’aspetto drammatico e catastrofico. Altri ne rimarcano l’aspetto spettacolare, ovvero la capacità rappresentativa di immagini e suoni realizzati nel film. Altri, infine, ne mettono in luce la componente fantastica e meravigliosa, in cui i confini tra reale e irreale, tra possibile e impossibile si confondono per abbandonarsi nell’esperienza di un mondo altro.

Fig. 3 – Gli insiemi lambda della “Rete del Re”

Fig. 3 – Gli insiemi lambda della “Rete del Re”

28Tali aspetti sono stati ulteriormente approfonditi attraverso l’analisi degli “insiemi lambda” [Borgatti, Everett e Shirey, 1990], i quali permettono di rintracciare, in termini comparativi, misurandone il grado d’importanza, quei legami che giocano un ruolo chiave, di tipo relazionale, nel legare assieme i nodi della rete e che, qualora assenti: produrrebbero delle sconnessioni in sottogruppi del sistema reticolare, creando blocchi (nel nostro caso, semantici) separati.

Tab. 8- Diagramma dei cluster

Tab. 8- Diagramma dei cluster

29La rappresentazione grafica degli insiemi lambda (si osservi il diametro dei nodi nella Fig. 3) e il diagramma dei cluster (cfr. la Tab. 8) mostrano che i legami più significativi sono quelli che legano le espressioni: “allegoria”, “epica”, “favola”, “fantasy”, e “mito/leggenda”. Si tratta di relazioni che connettono idee e significati vicini. Sul piano del contenuto, corrispondono ad un unico filone interpretativo del film, all’ossatura concettuale già vista nel caso delle clique, su cui poggiano le descrizioni personali e soggettive di un pubblico che pur differenziandosi in alcuni elementi mantiene una visione sostanzialmente unitaria della storia rappresentata.

30Se confrontiamo questo risultato con le riflessioni contenute nel cap. 3 di questo libro, in merito alle origini e alle componenti semantiche contenute nella nozione difantasy, notiamo subito una forte corrispondenza. Nel genere fantasy, in particolare dell’heroic fantasy, risiedono elementi e sedimentazioni che affondano le loro radici nel mito e nel racconto epico, all’interno di ambientazioni fiabesche, in un tempo e in un luogo indefiniti, in cui gli eroi affrontano prove durissime fino alla vittoria del bene sul male. Tutti questi elementi emergono nelle descrizioni del Ritorno del Re. L’analisi, infatti, dimostra che il pubblico interpreta il film in chiave allegorica, attraverso immagini che diventano espressioni di concetti più astratti, in modo più o meno diretto rimandanti alla fantasy.

7.5 La network analysis applicata allo studio dei multiple-response items: un bilancio metodologico

31Come è stato anticipato in premessa, l’analisi di cui abbiamo presentato i risultati perseguiva un obiettivo preciso: sperimentare l’applicazione delle tecniche di network analysis nello studio dei multiple-response items. La finalità principale era quella di confrontare e discutere, in un’ottica comparativa e integrativa, i vantaggi che la network analysis può apportare alla ricerca sociale, rispetto alle tecniche e alle procedure della survey tradizionale, in un campo di studio per essa certamente nuovo ed inesplorato, che ha come oggetto di riflessione le parole, i concetti e la semantica del linguaggio. Tale obiettivo è stato perseguito applicando diverse procedure di network analysis ad un insieme di espressioni rilevate attraverso un multiple-response item contenuto nel questionario somministrato all’audience italiana del Ritorno del Re.

32L’applicazione ha dimostrato che, già in fase di codifica e organizzazione dei dati, l’analisi di rete consente al ricercatore di registrare informazioni relazionali che con le tecniche tradizionali vengono abitualmente perdute. Per il ricercatore diventa così possibile mantenere il dato che lo informa, non solo su quali modalità di risposta sceglie l’intervistato, ma anche su come vengono combinate assieme. Quest’ultimo aspetto, abbiamo visto attraverso alcuni esempi, è generalmente trascurato nei sistemi di codifica tradizionali, che slegano le modalità di risposta per tradurle in variabili autonome.

33Questo primo vantaggio è chiaramente propedeutico all’analisi dei dati. Attraverso la lettura del peso, della densità, e della composizione interna della rete, abbiamo potuto anche graficamente osservare se e come i concetti analizzati erano stati legati insieme dal pubblico in un ottica d’insieme. I dati relazionali sono stati poi analizzati in modo più approfondito, mettendo a fuoco con lo studio della centralità le possibili gerarchie interne. I risultati hanno dimostrato che tra i 12 concetti messi in rete non esistono delle marcate differenze topologiche, tali da giustificare la creazione di una classifica di rilevanza. Certamente, esiste un gruppo di concetti più centrali di altri, perché sono i più scelti ed i più associati dal pubblico. La loro posizione nel reticolo, però, non li colloca al vertice di un organizzazione concettuale definita. Sarebbe più opportuno utilizzare l’immagine della nebulosa per rappresentare la distribuzione dei concetti analizzati, cioè di una distribuzione in cui è possibile rintracciare un gruppo di elementi più vicini tra loro, intorno ai quali gravitano elementi più distanti, ma comunque prossimi.

34Oltre alla diversa centralità dei concetti abbiamo esplorato anche la rilevanza delle diverse relazioni (insiemi lambda) nell’attività reticolare. Abbiamo rintracciato, così, le relazioni diadiche più significative e importanti per la connettività della rete e per l’instaurazione di legami tra i concetti e i significati che, nel loro stare insieme, danno forma a specifici immaginari ed interpretazioni del film. A livello semantico, lo studio delle clique ha consentito di rintracciare tre percorsi di lettura del film da parte del pubblico. Tutti risultano essere in qualche modo affini e coerenti rispetto ad alcuni concetti chiave: “allegoria”, “epica”, “favola”, “buoni contro cattivi”, “avventura”. A questi il pubblico ha poi associato altri concetti, dai quali emergono le tre diverse letture del film. Esse vedono alcuni valorizzare la componente fantasy della storia, altri la realizzazione cinematografica attraverso gli effetti speciali; altri, infine, la componente catastrofica e tragica.

35Dal punto di vista metodologico, la network analysis ha consentito di analizzare i concetti messi in relazione in modo certamente proficuo, giungendo a risultati più dettagliati e complessi di quelli solitamente derivanti dalla survey. Attraverso una tecnica, per tradizione ritenuta quantitativa, abbiamo conseguito dei risultati molto più vicini a quelli prodotti da tecniche di analisi testuale di carattere qualitativo. Abbiamo potuto osservare ed analizzare come parole, espressioni, concetti vengono associati, e come, nel loro combinarsi, assumano dei significati più articolati, ricchi di sfumature, dai quali prendono forma immagini, rappresentazioni e descrizioni. Abbiamo potuto ricostruire le aree semantiche attivate dal pubblico che, se pur unanime nel descrivere la sostanza del film, ha tracciato tre diversi percorsi di senso per connotarlo. Abbiamo potuto leggere i concetti analizzati rispetto al loro grado di rilevanza semantica, sia in termini posizionali (centralità), sia in termini relazionali (insiemi lambda) in un’ottica d’insieme, per poi individuare ciò che lega i concetti da ciò che li separa (clique).

36Bisogna a questo punto anche dire che l’uso della network analysis su questo tipo di item crea delle difficoltà, se abbiamo l’esigenza di collegare le risposte ai soggetti che le hanno formulate. Osservando la matrice di adiacenza, infatti, è facile notare come, una volta che abbiamo inserito le risposte nelle varie caselle, non sappiamo più a quale spettatore esse corrispondano. Tale informazione che col sistema delle matrici di adiacenza è persa può, a volte, essere di grande utilità per il ricercatore, in funzione dei suoi obiettivi conoscitivi. In realtà, il problema potrebbe essere agilmente risolto se i software per l’analisi di rete si dotassero di un sistema di registrazione anche di questi dati.

37Un altro problema di ordine pratico sorge quando intendiamo associare i multiple-response item alle altre variabili rilevate dal questionario. Il modo in cui vengono organizzate le risposte nella matrice, infatti, non è compatibile con altre tecniche d’analisi. Questo problema è superabile codificando le risposte anche con i sistemi tradizionali. Per il ricercatore, però, tale operazione può risultare piuttosto onerosa, se si considera l’eventualità in cui in un questionario i multiple-response item siano molti o l’analisi richieda particolari approfondimenti. In questi casi, una doppia organizzazione dei dati può diventare eccessivamente gravosa, sia in termini di tempo, sia in termini di costi.

38Alcuni dei problemi citati sono comunque risolvibili attraverso un disegno della ricerca che concili opportunamente risorse e obiettivi, tecniche d’analisi e finalità conoscitive o esplorative.

39Si può ipotizzare che successive applicazioni della network analysis allo studio delle multiple-response item mettano in luce numerosi altri problemi. Ciò che però va notato, in questa prima fase della sperimentazione, è che questa tecnica può ampliare notevolmente i confini ed i livelli d’approfondimento dell’analisi dei multiple-response item, valorizzandone tutto l’apporto informativo.

Notes

1 Le relazioni cui alludo riguardano la condizione di compresenza e simultaneità di più modalità di risposta da parte degli intervistati sottoposti a una data domanda.

2 «La codifica è il processo di traduzione di risposte verbali in codici numerici» [Sarantakos, 2005, p. 424].

3 I valori riportati nelle Tabb. 1, 2 e 3 sono fittizi, ed hanno una funzione meramente esemplificativa.

4 È importante distinguere il significato che qui attribuisco all’espressione “rete semantica”, rispetto ai significati che ad essa sono associati in altri ambiti disciplinari, come quello della psicolinguistica o dell’ingegneria. In questa sede, per rete semantica intendo un insieme di nodi e legami, che indicano rispettivamente concetti e relazioni di combinazione e simultaneità fra i concetti stessi. Si tratta, quindi, di relazioni che sono uguali rispetto al loro contenuto. Le discipline anzidette, invece, indicano con il termine rete semantica un grafo orientato (rete) formato da vertici (che rappresentano concetti) e archi (che rappre sentano relazioni logiche tra i concetti). Tali relazioni sono tra loro diverse. Alcune delle relazioni logiche più utilizzate sono la meronimia (A è parte di B, quindi B ha A come sua parte) o la holonimia (B è parte di A, quindi A ha B come sua parte). Tale concetto di rete semantica è applicato allo studio dei linguaggi naturali e delle relazioni logiche che organizzano l’attività del pensiero umano [Chomsky, 1957]; è inoltre applicato allo studio dei sistemi d’intelligenza artificiale che usano le reti per riprodurre un’attendibile deduzione logica automatizzata [Quillian, 1968; Markov, 1954].

Table des illustrations

Titre Tab. 1 – Metodo della dicotomizzazione multipla per domande a risposta multipla
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/568/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 48k
Titre Tab. 2- Esempio di codifica di risposte multiple per tre individui
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/568/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 20k
Titre Tab. 3-Metodo delle risposte multiple
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/568/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 48k
Titre Tab. 4- La matrice dei dati relazionali
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/568/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 76k
Titre Fig. 1 – La rete delle associazioni
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/568/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 52k
Titre Tab. 5- Statistiche descrittive della rete (output di NetMiner)
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/568/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 64k
Titre Tab. 6 – Quadro riassuntivo delle misure di centralità e di centralizzazione della rete
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/568/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 44k
Titre Fig. 2 – Centralità basata su degree e closeness
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/568/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 52k
Titre Tab. 7 – Composizione e coesione interna delle 5 clique emerse dall’analisi
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/568/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 44k
Titre Fig. 3 – Gli insiemi lambda della “Rete del Re”
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/568/img-10.jpg
Fichier image/jpeg, 60k
Titre Tab. 8- Diagramma dei cluster
URL http://books.openedition.org/edizionikaplan/docannexe/image/568/img-11.jpg
Fichier image/jpeg, 44k

© Edizioni Kaplan, 2008

Conditions d’utilisation : http://www.openedition.org/6540